Calasetta. Recuperato un delfino morto in spiaggia

Commenti

Transcript

Calasetta. Recuperato un delfino morto in spiaggia
20
PROVINCIA CARBONIA-IGLESIAS
www.unionesarda.it - lunedì 13 febbraio 2012
AGENDA
FARMACIE DI TURNO
CARBONIA Soru, v. Lubiana 125,
0781/64259;IGLESIAS Sollai,v.Azuni 37,
0781/24214; CARLOFORTE Loddo, v.
Garibaldi 83, 0781/854006;
MATZACCARA Garau, v. Sardegna 1,
0781/696005; S. A. ARRESI Asproni, v.
Italia 152/a, 0781/966049;
SANT’ANTIOCO Basciu, p.zza Italia 16,
0781/83003.
NUMERI UTILI
C.C.CARBONIA .................0781/62211
P.D.S.CARBONIA................0781/66931
VVF CARBONIA ......(115) 0781/63999
GDF CARBONIA..............0781/660251
C.C.IGLESIAS ....................0781/42501
P.D.S. IGLESIAS..................0781/27501
CRI CARBONIA.....(118) 0781/664022
OSP. SIRAI ..........................0781/6681
OSP. S. BARBARA ................0781/3921
OSP. CTO ............................0781/3921
OSP. CROBU........................0781/3921
G. MED. CARLOFORTE .....0781/855666
APPUNTAMENTI
ASSEMBLEA CIVICA - Il Consiglio comunale
di Carbonia torna a riunirsi oggi, alle
18.30,per discutere ed eventualmente
approvare alcune proposte della
Giunta: la vendita di un edificio a
Serbariu, il regolamento sulla tutela
degli animali, il Consiglio di
amministrazione della Pro loco. (a. s.)
SCUOLE CHIUSE - Due giorni di vacanza
per riparare l’impianto di riscaldamento.
Le scuole medie dell’istituto
comprensivo “Guglielmo Marconi” di
San Giovanni Suergiu resteranno chiuse
oggi e domani per consentire a
un’impresa specializzata di Iglesias di
eliminare i problemi che, nei giorni
scorsi, hanno lasciato più volte gli
studenti al gelo nelle aule del complesso
di via Ennio Porrino.A deciderlo lo stop
di due giorni alle lezioni è un’ordinanza
del sindaco che, come recita il
provvedimento, ha preso atto dei
«frequenti malfunzionamenti
dell’impianto di riscaldamento».(m.lo.)
Le segnalazioni per questa rubrica
si accettano esclusivamente
via mail entro le ore 22, su l’email
[email protected]
L’UNIONE SARDA
Portoscuso. Avrebbe agito in complicità con l’ex sindaco Adriano Puddu Gonnesa. Rinaldo Deidda
È scomparso
da tre giorni,
Selena Galizia è accusata di concussione sessuale ricerche in corso
L’assessore va in Procura
L’assessore comunale ai
Servizi sociali Selena Galizia è stata convocata in
Procura per mercoledì alle 10: ieri mattina la Forestale le ha notificato l’invito a comparire.
È l’ora di Selena Galizia. Ieri mattina le è stato notificato un avviso
a comparire: mercoledì alle 10
l’assessore ai Servizi sociali di
Portoscuso dovrà presentarsi in
Procura a Cagliari per difendersi
dall’accusa di concussione sessuale che il pm Daniele Caria le
contesta in concorso con l’ex sindaco Adriano Puddu.
In sostanza, «abusando delle
sue qualità» il primo cittadino
avrebbe indotto due ragazze a far
sesso con lui, in cambio avrebbe
«esercitato la sua influenza presso la Galizia e i pubblici funzionari dell’ufficio amministrativo comunale competente per i servizi
sociali al fine di far ottenere alla
ragazza benefici economici dai
quali era stata esclusa». Il sindaco avrebbe indotto una terza ragazza a prostituirsi con un professionista e due imprenditori,
sempre con la complicità della
Galizia che si sarebbe attivata per
farle ottenere i sussidi di povertà.
In attesa di conoscere la data in
cui il Tribunale del riesame discuterà l’istanza di scarcerazione
presentata da Puddu, l’inchiesta
si concentra sulla Galizia. Al centro della storia che coinvolge l’assessore c’è il racconto di una ragazza di Portoscuso che, dopo
aver trovato un lavoro a Cagliari,
si era vista negare i sussidi. Si era
quindi rivolta al sindaco (e le te-
CALASETTA
Recuperato
un delfino morto
in spiaggia
In alto, l’assessore ai Servizi
sociali Selena Galizia; a
destra, il municipio di
Portoscuso
lefonate sono state intercettate).
Ragazza: ho sentito Selena e dice che mi hanno tolto l’assistenza.
Puddu: e non lo so, e perché?
Ragazza: perché dice che sto lavorando.
Puddu: e dove stai lavorando,
scusa?
Ragazza: ho trovato un lavoretto in un bar.
Puddu: e quanto prendi?
Ragazza: e vabbé, Adri, io qui,
a Cagliari, sto pagando 450 euro
di affitto.
Puddu: purtroppo ci sono norme precise.
Ragazza: altre volte, quando hai
voluto, mi hai aiutato.
Puddu: eia, ho dovuto vedere,
devono controllare, se non ti danno mensile vuol dire che ti danno
un contributo per necessità, capito?
Ragazza: ho la luce da pagarmi,
capito?
Puddu: fammi vedere, ti richia-
mo io vediamo come fare, dai, in
un modo o nell’altro.
Dopo diverse telefonate a vuoto la ragazza riesce a contattare
di nuovo il sindaco.
Ragazza: che cosa avevi fatto?
Puddu: ci sentiamo lunedì.
Ragazza: ma, eh, non è che sono soltanto io che sto lavorando e
infatti ho detto, Adri, sta aiutando
solo quelle che si sta portando a
letto, no?
Puddu: e chi, boh.
Ragazza: mi hai tolto dalla lista.
Puddu: macchè, scema sei, ma
quando mai.
Ragazza: prima mi aiutavi sempre, quando ci stavamo frequentando.
Puddu: no, no, io ho continuato
ad aiutarti.
Ragazza: ho detto, adesso mi
ha tolto dalla lista.
Puddu: non è così, no, no.
Ragazza: voglio vedere.
Puddu: vai tranquilla.
Maria Francesca Chiappe
Un delfino, dal peso di
trenta chili e lungo un
metro e mezzo, ieri pomeriggio è stato rinvenuto
spiaggiato nella spiaggia
di “Sotto torre” a Calasetta. La segnalazione è arrivata attorno alle 14 presso l’Ufficio circondariale
marittimo di Sant’Antioco
e l’intervento è stato immediato: in spiaggia sono
arrivati gli uomini della
Guardia costiera, i forestali e alcuni amministratori cittadini che, nella serata, hanno contattato
una ditta specializzata
per il recupero e la custodia temporanea del delfino. Sul posto è intervenuto anche il veterinario
della Asl di Carbonia il
quale, dopo le prime verifiche ha accertato che il
delfino deceduto apparteneva alla specie denominata “Stenella”. Questa
mattina il cetaceo sarà visionato da esperti del centro cetacei dovranno verificare le cause della morte. È stata riscontrata una
ferita ma in questi giorni
è stato segnalato un virus
che starebbe provocando
una moria di delfini: alcuni casi sarebbero stati segnalati segnalati nella zona di Porto Torres. (t. s.)
Rinaldo Deidda, l’uomo scomparso da venerdì
È uscito venerdì sera per una passeggiata
con il suo cane, da allora non ha più fatto
rientro a casa: Rinaldo Deidda, 52 anni, disoccupato di Gonnesa, è ufficialmente
scomparso. Lo aspettano i familiari, lo cercano i carabinieri. L’uomo soffre di disturbi cardiaci ed è diabetico, da tre giorni nessuno ha sue notizie.
Venerdì sera Rinaldo Deidda ha deciso di
uscire con il suo cane: si è allontanato dalla sua casa di via Costituzione, indossava
un maglione a chiazze gialle, verdi e rosse,
un paio di jeans, ai piedi scarponi pesanti.
Non è insolito che uscisse, spesso lo si vedeva in giro per il paese. Ma venerdì è andata diversamente: Rinaldo Deidda non è
rientrato, a differenza del suo amico a quattro zampe che, dopo qualche ora, ha fatto
ritorno a casa. A dare l’allarme sono stati i
familiari di Deidda, preoccupati dall’assenza prolungata del loro caro, davvero insolita per un tipo così abitudinario e tranquillo. Per la famiglia (a Gonnesa abita un fratello dello scomparso) da venerdì è iniziata un’attesa angosciante, resa ancora più
drammatica dai problemi di salute dell’uomo. In paese tutti lo conoscono, se fosse rimasto a Gonnesa di sicuro sarebbe stato
notato, ma chi lo conosce tende ad escludere che possa essersi allontanato. Un rompicapo a cui cercano di dare risposta i carabinieri, ogni segnalazione al 112 o alla famiglia può essere utile.
Antonella Pani
Carbonia. L’assemblea civica ha approvato la mozione del consigliere Udc Stivaletta Iglesias. Il raduno oggi alle 19: dal piazzale del Cuore Immacolato fino a piazza Sella
Spazio ai giovani laureati
Una fiaccolata contro la crisi
Verrà affidata la progettazione di lavori da eseguire in città
La Diocesi sarà accanto ai disoccupati: «Tutti uniti per il Sulcis»
Largo ai giovani: il Comune di
Carbonia scommette sulla linea
verde. La progettazione di alcuni
interventi minori nel campo dell’urbanistica verranno affidati ai
laureandi e ai neolaureati in ingegneria a architettura. Da un lato
sarà possibile abbattere i costi degli studi, dall’altro si consentirebbe ai protagonisti dell’iniziativa
di arricchire il proprio curriculum
e di inserirsi più facilmente nel
modo del lavoro grazie all’esperienza maturata.
L’idea, approvata venerdì scorso dal Consiglio comunale, è contenuta in una mozione presentata dal gruppo consiliare di opposizione dell’Udc. Dinanzi alla proposta, gli steccati della politica sono caduti e il sì è arrivato unani-
memente. La mozione (primo firmatario Michele Stivaletta), impegna l’esecutivo a promuovere
concorsi di idee, bandi e workshop aperti ai laureandi o ai
neolaureati (laurea conseguita
negli ultimi tre anni) per valorizzare, riqualificare, ammodernare
aree ed edifici dismessi o sottoutilizzati. Siccome lavorare per la
gloria non piace a nessuno, in caso di attuazione dei progetti a costo praticamente zero, gli autori
beneficerebbero di un minimo di
gratificazione economica ricevendo magari la direzione lavori.
L’iniziativa, che diversi mesi fa
è decollata anche a Cagliari, è stata suggerita da diversi fattori. «In
questo momento - spiega Michele Stivaletta - l’amministrazione
non dispone di fondi e neppure
di un organico numericamente
adeguato per far lavorare i propri
uffici su progetti di sviluppo cittadino e di norma per qualsiasi programma le spese di progettazione
dei professionisti comportano un
peso economico rilevante». A ciò
si aggiunga il fatto che esistono
aree o edifici che necessitano di
interventi di ammodernamento
dai costi neppure tanto alti: «Si
permetterebbe loro - annota il
consigliere Udc - di partecipare
attivamente a progettare una città in cui si ritroveranno a vivere,
arginerebbe il fenomeno dell’emigrazione, consentirebbe ai neo
architetti ed ingegneri di potenziare i propri curricula».
Andrea Scano
Una fiaccolata che dalla chiesa di
Cuore immacolato si muova per
Iglesias, porti per le strade i problemi che stanno dilaniando il
territorio e inizi a combattere la
crisi tutti insieme.
Questo l’evento organizzato
dalla Diocesi insieme al Movimento disoccupati, quello degli
“Artigiani e commercianti liberi”
e degli studenti, i gruppi che dallo scorso 31 gennaio sono raccolti in presidio permanente nella
sala riunioni del Centro direzionale di Iglesias: l’idea è essere
“Tutti uniti per il Sulcis”.
Il raduno sarà stasera, dalle 19,
nel piazzale di Cuore immacolato
dove si partirà con l’ascoltare una
riflessione iniziale. Poi si formerà
il corteo che camminerà verso
piazza Sella. Le preghiere si uniranno ai dati: durante le tappe intermedie verrà fornito un quadro
generale sul problema occupazionale e sulla povertà.
La fiaccolata rientra nelle iniziative di mobilitazione che domani porteranno alla prima riunione territoriale di coordinamento dei disoccupati: sarà alle
10 nell’aula consiliare di Carbonia. L’assemblea dovrebbe concludersi con un documento che
codificherà le richieste di chi sta
lottando per il diritto al lavoro.
Fra queste una revisione nelle
procedure di selezione dei cantieri per gli enti pubblici (si vorrebbero dei meccanismi che tengano
realmente conto della graduatori
dei Csl) e anche delle modalità de-
DALL’ 11 FEBBRAIO IN EDICOLA CON L’UNIONE
il nono volume della collana
gli appalti dei lavori pubblici
(snellimento burocratico e affidamento alle ditte del territorio).
Le istituzioni da parte loro non
sembrano insensibili alle emergenze che hanno portato i gruppi
a occupare le sale comunali.
Lo scorso mercoledì il blitz del
Movimento disoccupati Iglesias al
Csl è stato raggiunto anche da
Emanuele Madeddu, capogruppo
del Pd in Consiglio provinciale,
che ha spiegato ai manifestanti le
iniziative che la Provincia ha in
corso per le politiche del lavoro,
mentre, stamattina nel presidio al
Centro direzionale di Iglesias è
stato fissato un incontro con l’assessore provinciale al Lavoro
Aberto Pili.
Miriam Cappa
SARDA
LA FLORA DELLA SARDEGNA
*
80
,
7
I€
L
zzle
O
u
S
P
a
A
sser
a Te ,80*
l
n
co
€5
CORBEZZOLO - ERICA - CICLAMINO - P RIMULA - OLIVASTRO
GENZIANA - OLEANDRO - ROBBIA
9° VOLUME
L’introduzione a questo volume tratta gli ambienti e i paesaggi vegetali che si possono trovare in Sardegna.
Le schede iniziano con la famiglia Ericaceae, che comprende il conosciutissimo Corbezzolo, e le Eriche. Fra le Primulaceae
troviamo Primule e Anagallidi, dai fiori piccoli e colorati, e i Ciclamini; inoltre la Genziana, ora rarissima, a causa dell’eccessiva
raccolta per utilizzarne le radici. Si chiude con piante molto note come Oleandro, Robbia, Falso cotone e i vari tipi di Caglio.
Inoltre nelle schede sono contenute curiosità e notizie su utilizzi, leggende e particolarità collegate ad alberi, arbusti ed erbe.
L’ ENCICLOPEDIA IN 16 VOLUMI SULLA FLORA
DELLA NOSTRA ISOLA. LA PIÙ COMPLETA E MAI PUBBLICATA
la biblioteca
dell’identità
*Più il prezzo del giornale. Ogni settimana trovi la Tessera-Puzzle su L’UNIONE SARDA. Completa dei 7 bollini vale 2 euro da scontare sull’acquisto. Per informazioni: tel. 800.869091 (feriali 9.00-12.00) - www.unionesarda.it