Scenari Energetici al 2040 Sintesi

Commenti

Transcript

Scenari Energetici al 2040 Sintesi
Scenari Energetici al 2040
Sintesi
2016
1
I paesi in via di sviluppo
registreranno la maggiore
crescita del PIL e degli
standard di vita
L’energia da qui al 2040:
Sette cose da sapere
A livello mondiale, le economie dei paesi sviluppati
continueranno a mantenere i più alti standard di vita
tuttavia si prevede che – da qui al 2040 – Cina, India
e molti altri paesi vedranno una forte crescita del PIL
e dei propri standard di vita. Non è un caso quindi
che, a livello globale, le previsioni indichino i paesi in
via di sviluppo al primo posto anche per la crescita
della domanda di energia.
Al giorno d’oggi quello dell'energia è uno dei settori più complessi ed
è influenzato da innumerevoli fattori. In questo contesto si possono
individuare sette temi principali che avranno un ruolo fondamentale
nella definizione del panorama energetico mondiale da qui al 2040.
Si prevede che tra
il 2014 e il 2040 il reddito
pro capite aumenterà di
quasi il 60% nei paesi OCSE;
nei paesi non-OCSE
la crescita sarà di
circa il
L’energia è
fondamentale
per gli standard
di vita
Con l’aumento dei redditi, nei paesi
in via di sviluppo miliardi di persone
accederanno al ceto medio e molte
di loro potranno permettersi beni già
di uso comune in altre aree
geografiche: ad esempio automobili,
abitazioni con sistemi di regolazione
della temperatura, computer o
elettrodomestici come frigoriferi e
lavatrici.
135%.
In Cina, nel 2014, c'erano
circa 10 automobili ogni
100 abitanti. Si stima che
entro il 2040 questa cifra
dovrebbe quasi triplicare.
Il mix energetico sarà
determinato anche da
fattori economici e da
scelte politiche
Il mix di fonti di energia utilizzato dai consumatori
per soddisfare il proprio fabbisogno energetico sarà
sempre più determinato anche da fattori economici
e dalle scelte politiche dei governi, soprattutto
relative alla riduzione delle emissioni di CO2
associate all’utilizzo di energia. In linea di massima,
la domanda tenderà a spostarsi sempre più verso
combustibili a ridotto impatto ambientale come il
gas naturale, le fonti rinnovabili e il nucleare.
Si prevede che,
a livello mondiale,
nel 2040 la quota
di energia elettrica
prodotta dal carbone
scenderà a circa
il 30%, rispetto
al 40% del 2014.
2
Il gas naturale
crescerà più di
qualsiasi altra
fonte energetica
La domanda di gas naturale
aumenterà velocemente anche
perché, tra quelle principali,
è la fonte di energia a minore
impatto ambientale. Il gas è
anche abbondante e versatile;
è molto utilizzato nel settore
della produzione di energia
elettrica, in quello industriale e,
recentemente, è sempre più
impiegato anche come
carburante in alcuni tipi
di trasporto.
Il petrolio rimarrà
la principale fonte
di energia a livello
mondiale
Si prevede che il petrolio continuerà
ad essere la principale fonte di
energia a livello mondiale. La sua
domanda sarà alimentata dai
carburanti per il trasporto e dal
settore della chimica in cui il petrolio
costituisce la materia prima per la
produzione della plastica e di altri
materiali avanzati.
1/3
la quota del fabbisogno
mondiale di energia che si
prevede verrà soddisfatta
dal petrolio
nel 2040.
La tecnologia ha
in sé un altissimo
potenziale, ma
rappresenta
anche una grande
incertezza
40%
la percentuale della
crescita del fabbisogno
mondiale di energia tra
il 2014 e il 2040 che si
stima verrà soddisfatta
dal gas naturale.
L’intensità di CO2
dell’economia globale
si ridurrà del 50%
Si prevede che, pur in presenza di una crescita
economica a livello globale, i miglioramenti
dell’efficienza energetica e il passaggio a
combustibili a più basso contenuto di carbonio
porteranno, entro il 2040, alla riduzione del 50%
della quantità di emissioni di CO2 correlate
all’energia prodotte, a livello mondiale,
per unità di PIL.
Il progresso tecnologico ha un ruolo
importantissimo nel contribuire a
soddisfare gli obiettivi energetici e
ambientali, ma è difficile prevedere
la velocità con cui si produrranno i
cambiamenti. Le recenti
innovazioni nella produzione di
petrolio e gas non convenzionali
stanno già modificando il
panorama dell’offerta mondiale di
energia. Grande enfasi è data allo
sviluppo tecnologico anche per
migliorare l’efficienza energetica e
le prospettive future nel settore
delle batterie, delle fonti rinnovabili
e del nucleare.
Si prevede
che la “fuel economy”
dei veicoli leggeri
aumenterà
dell’
80%
a livello
globale.
Si stima che le emissioni
globali di CO2 legate
all’energia raggiungeranno
il loro picco intorno al 2030,
per poi iniziare a ridursi.
3
Fondamentali
a livello globale
Fondamentali a livello globale – proiezioni
Dati demografici
Miliardi di persone
4
Età 65+
3
Quale sarà il fabbisogno energetico mondiale nel 2040 e oltre?
Per rispondere a questa domanda occorre individuare i fattori principali
che concorrono a delineare i trend energetici di lungo periodo nei diversi
paesi del mondo. Essi includono l’aumento della popolazione,
i cambiamenti demografici e la crescita economica.
Da qui al 2040 si prevede che in Cina, India e altri paesi non-OCSE – in
cui vivono i 7/8 della popolazione mondiale – il fabbisogno di energia
crescerà per far fronte allo sviluppo economico e all’aumento degli
standard di vita. Al contrario, negli Stati Uniti, in Europa e in altri paesi
OCSE si registrerà una riduzione complessiva della domanda di energia
e delle emissioni, pur in presenza di una crescita della produzione
economica.
Si prevede, inoltre, che l’efficienza energetica continuerà a migliorare in
tutto il mondo e che aumenterà la percentuale del fabbisogno di energia
che verrà soddisfatto da combustibili a ridotto impatto ambientale.
Questi miglioramenti saranno anche il risultato di scelte, da parte dei
governi e dei consumatori, per soddisfare il fabbisogno energetico
facendo allo stesso tempo fronte ai rischi dei cambiamenti climatici.
2
Età 15-64
1
Età 0-14
0
‘10 ‘25 ‘40
‘10 ‘25 ‘40
‘10 ‘25 ‘40
‘10 ‘25 ‘40
‘10 ‘25 ‘40
Paesi
OCSE32
Cina
India
Paesi a
forte crescita
Resto del
mondo
Fonte:Fonte:
BancaBanca
Mondiale,
stimestime
ExxonMobil
Mondiale,
ExxonMobil
• La popolazione mondiale crescerà del 25%, passando da 7,2 a 9 miliardi
di persone tra il 2014 e il 2040
• Entro il 2040 l’India supererà la Cina come paese più popolato,
con 1,6 miliardi di persone
• Da qui al 2040 nei paesi OCSE32 e in Cina si registrerà una contrazione
della popolazione in età attiva (15-64 anni) mentre si assisterà a un
incremento considerevole negli altri paesi
• Nella maggior parte delle aree geografiche si verificherà una contrazione
o un rallentamento della crescita della popolazione sotto i 14 anni a causa
4000
4000 dei tassi 4000
4000
4000
della diminuzione
di natalità
• In tutte le aree geografiche aumenterà la popolazione “over 65”
a seguito dell’innalzamento dell’aspettativa di vita
3000
3000
3000
3000
3000
4
PIL
2040 PIL pro capite
Domanda di energia
Migliaia di miliardi USD 2010
Migliaia USD PPA*
Milioni di miliardi di BTU*
160
1200
75
140
Resto del mondo
120
Paesi a forte crescita
1000
India
Risparmio
energetico
800
50
100
Resto del
mondo
Cina
80
600
Paesi a forte
crescita
60
400
25
40
India
Cina
Paesi OCSE32
200
20
Paesi
OCSE32
2014
0
0
0
2000
2020
2040
Paesi
OCSE32
Cina
India
Paesi
a forte
crescita
2000
Resto
del
mondo
* Parità di Potere d’Acquisto
2020
* British Thermal Unit
2040
1200
ROW
Key Growth
1000
• La crescita economica determinerà un aumento del
fabbisogno energetico
• Il reddito nei paesi OCSE32 sarà il più alto di tutte le aree
geografiche, con un incremento del 60% tra il 2014 e il 2040
• La domanda mondiale di energia aumenterà
India del
25% tra il 2014 e il 2040
China
• Il PIL mondiale aumenterà di oltre il 100% tra il 2014 e il
2040, con i paesi in via di sviluppo al primo posto per tasso di
crescita
• Il PIL pro capite della Cina crescerà di oltre 3 volte entro il
2040, andando a raggiungere gli attuali
livelli OCSE
• Il fabbisogno energetico sarebbe oltre OECD32
il doppio
in assenza dei previsti miglioramenti nel campo
600
dell’efficienza energetica
ROWin termini di
• I paesi OCSE32 cresceranno di circa il 65%, ma
percentuale del PIL mondiale registreranno una contrazione
Key Growth
di quasi il 15% entro il 2040
• Anche il PIL pro capite dell’India registrerà un aumento del
75 quello dei paesi cosiddetti “a forte crescita” 75
300%, mentre
quasi raddoppierà
• La crescita della domanda
400si registrerà interamente
nei paesi in via di sviluppo, ma in Cina si stabilizzerà
intorno al 2030
• La Cina crescerà e arriverà a rappresentare circa il 20% del
India
PIL mondiale, avvicinandosi agli Stati Uniti, mentre l’India
supererà il 5%
• L’espansione del ceto medio, che interesserà miliardi di
persone, determinerà un incremento della domanda di
energia 50
• La domanda di energia nei paesi OCSE32 diminuirà
del 5% tra il 2014 e il 2040 0
160000
120000
80000
China
50
800
200
00
OECD32
40000
Visitate exxonmobil.com
1000
Consultate exxonmobilperspectives.com
25
25
10
20
30
35
40
1200
Seguite @exxonmobil
Constant Intensity Line
5
800
Domanda – proiezioni
Soddisfare
la domanda
in crescita
Settore dei trasporti – domanda mondiale
per tipologia di carburante
MBDOE*
75
Altro
Gas naturale
Carburante aviazione
Olio combustibile
50
Gasolio
25
Ogni giorno le persone utilizzano l’energia in molti modi. Il fabbisogno
energetico aumenterà nei prossimi decenni al passo con la crescita
demografica e il miglioramento degli standard di vita.
Nei paesi in via di sviluppo si prevede che la crescita dei redditi e
dell’urbanizzazione alimenteranno la domanda di energia per utilizzo
domestico, così come quella di fonti per la produzione e il trasporto di
prodotti finiti. Il numero di automobili sulle strade aumenterà dell’80% a
livello mondiale.
La crescita più consistente della domanda proverrà però dal settore della
produzione di elettricità, quell’energia invisibile che nel mondo moderno
porta luce, riscaldamento e corrente elettrica nelle nostre case,
negli edifici e nelle industrie, 24 ore al giorno per 7 giorni alla settimana.
Entro il 2040 l’energia impiegata per la produzione elettrica
rappresenterà il 40% di tutta l’energia utilizzata nel mondo.
Benzina
0
2000
2010
2020
2030
2040
* Milioni di barili di petrolio equivalente al giorno
• La domanda mondiale di energia per il settore dei trasporti
aumenterà di circa il 30% tra il 2014 e il 2040
• La domanda di benzina si stabilizzerà al passo con i rapidi
miglioramenti nell’efficienza energetica delle auto
• La domanda di gasolio crescerà del 45% tra il 2014 e il 2040 a causa
dell’espansione del trasporto pesante su gomma e del trasporto
marittimo
• La domanda di carburante aviazione salirà del 55% con il perdurare
della crescita del trasporto aereo in tutto il mondo
• Aumenterà l’impiego del gas naturale come carburante
per il trasporto, soprattutto per le75000
flotte commerciali
Other
Gas
6
Settori residenziale e commerciale –
domanda per fonte
Industria – domanda mondiale per settore
Energia elettrica – produzione per area geografica
Milioni di miliardi di BTU*
Milioni di miliardi di BTU*
Migliaia di TWh
150
12
300
Altro
125
10
250
Industria
chimica
Elettricità
100
200
75
150
8
6
Biomassa
50
4
100
Carbone
Gas
Gas
25
Industria
energetica
50
Petrolio
0
Altro
0
2000
2020
2040
1980
* British Thermal Unit
1990
2000
2010
2020
2030
2040
* British Thermal Unit
• A livello mondiale, si stima un incremento della domanda energetica
pari al 25% tra il 2014 e il 2040
• L’attività industriale si espanderà per sostenere la
crescita dei paesi non-OCSE
• L’utilizzo
150dell’elettricità crescerà del 70%, raggiungendo il 40% della
Other (Renew. + Mkt Heat)
domanda
• La crescita rallenterà dopo il 2025 a causa di
Chem
cambiamenti nell’economia cinese
125 l’utilizzo dei combustibili da biomasse che, entro il 2040,
• Diminuirà
Elec
rappresenteranno circa il 20% della domanda
• A livello mondiale, l’utilizzo di energia nel settore
Other Industry
300
industriale aumenterà di circa il 30% tra il 2014 e il 2040
100 e il 2040 aumenterà l’impiegoBiomass/Other
• Tra il 2014
del gas naturale, che salirà
del 20%, mentre si registrerà un calo del carbone e della quota del
Coal
petrolio75nel mix energetico
TOTEIUSE ecc.) registrerà un
• L’industria pesante (acciaio, cemento,
incremento del 25% e quella chimica del 50%
• Le variazioni nel mix energetico rifletteranno il miglioramento degli
Gas
50di vita e la spinta all’urbanizzazione
standard
nei paesi non-OCSE
Other
• La crescente prosperità
economica alimenterà la
200
domanda di materie plastiche e di altri prodotti chimici
2
Carbone
0
Petrolio
‘10 ‘25 ‘40
‘10 ‘25 ‘40
‘10 ‘25 ‘40
‘10 ‘25 ‘40
‘10 ‘25 ‘40
Paesi OCSE32
Cina
India
Paesi a forte
crescita
Resto
del mondo
• Si stima che il fabbisogno mondiale di energia elettrica aumenterà
del 65% nel periodo tra il 2014 e il 2040: due volte e mezzo in più
rispetto alla domanda totale di energia
• I paesi OCSE32 saranno in prima fila nel passare dall’utilizzo del
carbone al gas, all’energia eolica e solare
• La Cina guarderà al nucleare, alle rinnovabili e al gas per rispondere
alla crescita della domanda interna di elettricità
• In India, tra il 2014 e il 2040, l’utilizzo di energia elettrica prodotta
dal carbone aumenterà più del doppio
• I paesi cosiddetti “a forte crescita” e “resto del mondo” attingeranno
alle riserve di gas ove disponibili a livello nazionale
Oil
25
100
Visitate exxonmobil.com
0
00
Altre rinnovabili
Eolica e solare
Nucleare
Industria
pesante
10
20
30
35
40
Consultate exxonmobilperspectives.com
Seguite @exxonmobil
7
Emissioni – proiezioni
Ridurre le
emissioni
Emissioni di CO₂ correlate all’energia –
per area geografica
Miliardi di tonnellate
40
Resto del mondo
30
Paesi a forte crescita
Energia e progresso umano sono fortemente legati. Nel corso degli
ultimi due secoli, l’aumento della disponibilità di fonti di energia
affidabili, a ridotto impatto ambientale e a costi sostenibili ha, infatti,
contribuito a migliorare significativamente gli standard di vita.
Oggi, come in passato, un elemento fondamentale per favorire il
continuo progresso sociale è gestire il suo impatto ambientale.
Nei prossimi decenni, pur in presenza di un significativo incremento
demografico e innalzamento degli standard di vita, i costanti
miglioramenti dell’efficienza energetica – e il crescente impegno
all’utilizzo di fonti a più bassa intensità di carbonio ovunque
praticabile – determineranno un rallentamento della crescita delle
emissioni di CO2 correlate all’energia. Si stima che le emissioni globali
di CO2 raggiungeranno il picco nel 2030, per poi iniziare a scendere.
India
20
Cina
10
Paesi OCSE32
0
1990
2015
2040
• A livello mondiale, le emissioni di CO2 raggiungeranno il picco
nel 2030, per poi cominciare a ridursi
• Le emissioni, già in calo nei paesi OCSE32, diminuiranno del
20% tra il 2014 e il 2040
• La crescita delle emissioni in Cina è in fase di rallentamento e si
prevede che raggiungerà il picco nel 2030
• Da qui al 2040 le emissioni continueranno a crescere in India,
nei paesi cosiddetti “a forte crescita” e “resto del mondo”
• Efficienza e fonti a più bassa intensità di carbonio saranno
fattori fondamentali per limitare le emissioni
40000
ROW
Key Growth
30000
8
India
Emissioni di CO₂ correlate all’energia – pro capite
Intensità di CO₂ correlata all’energia
Tonnellate pro capite
Tonnellate per migliaia di dollari di PIL (USD 2010)
12
1,2
10
1,0
8
0,8
6
0,6
4
0,4
2
0,2
0
‘14 ‘40
‘14 ‘40
‘14 ‘40
Paesi
OCSE32
Cina
India
‘14 ‘40
0
‘14 ‘40
Resto
Paesi
a forte del mondo
crescita
‘14 ‘40
‘14 ‘40
‘14 ‘40
‘14 ‘40
‘14 ‘40
Paesi
OCSE32
Cina
India
Paesi
a forte
crescita
Resto
del
mondo
• I paesi OCSE32 sono quelli a più alto livello di emissioni
pro capite che, però, diminuirà del 30% tra il 2014 e il 2040
• Da qui al 2040 si assisterà a una riduzione dell’intensità di CO2
nelle economie di tutte le aree geografiche
• Nel 2040 i livelli delle emissioni pro capite della Cina
e dei paesi OCSE32 non saranno molto distanti
• I paesi OCSE32 hanno i valori di emissioni più bassi in rapporto
alla dimensione della propria economia
• Nello stesso periodo, si registrerà un aumento delle emissioni
pro capite di India e dei paesi cosiddetti “a forte crescita”
• L’intensità delle emissioni di CO2 dei paesi OCSE32 è oggi di
circa il 75% inferiore a quella della Cina
• Tra il 2014 e il 2040 le emissioni globali pro capite
diminuiranno del 10% grazie all’efficienza energetica e
12
all’utilizzo di fonti a ridotto
impatto ambientale
• In Cina l’intensità delle emissioni migliorerà grazie alla
riduzione dell’utilizzo del carbone e alla minore dipendenza
dell’economia dal settore industriale
1.2
• In India l’intensità delle emissioni migliorerà del 50% pur in
presenza di un maggiore utilizzo del carbone
1.0
10
2040
2014
2040
2014
8
Visitate exxonmobil.com
6
Consultate exxonmobilperspectives.com
0.8
Seguite @exxonmobil
9
Assicurare
l’offerta di energia
per il futuro
La scelta tra possibili fonti di energia non è mai stata così varia
e diversificata.
Grazie ai progressi tecnologici nel settore energetico, abbiamo
accesso a risorse quali lo shale gas e il tight oil dal Nord
America, il gas naturale liquefatto (GNL) dal Medio Oriente,
il petrolio da acque profonde dal largo delle coste africane
e disponiamo di innumerevoli impianti di energia eolica e
solare. La crescente capacità di trasportare energia da un
paese all’altro, anche tra quelli che si trovano agli antipodi,
contribuirà ad ampliare le possibilità di approvvigionamento e
ad aumentare la sicurezza energetica.
Per soddisfare la futura domanda di energia saranno necessarie
tutte le fonti disponibili a livello mondiale, con un marcato
spostamento verso risorse a ridotto impatto ambientale,
soprattutto verso il gas naturale. Il petrolio rimarrà comunque
la principale fonte di energia al mondo, essenziale per i
trasporti e per la produzione nel settore chimico.
Domanda globale nel 2040 – proiezioni per fonte
Milioni di miliardi di BTU*
250
0,7%
200
Crescita media annua 2014–2040
Media di tutte le fonti energetiche: 0,9%
1,6%
–0,2%
150
100
0,3%
2,9%
50
4,8%
1,3%
2040
2014
0
Petrolio
Gas
Carbone
Biomasse
Nucleare
Solare/
Idroelettrico/
eolico/
geotermia
biocarburanti
* British Thermal Unit
• Il petrolio rimarrà la principale fonte di energia a livello mondiale, ma il gas sarà
quella in maggiore crescita
• Il petrolio continuerà ad essere essenziale nel settore dei trasporti e nella chimica
• L’impiego del gas supererà quello del carbone, alimentato dall’esigenza di
combustibili affidabili e a ridotto impatto ambientale
• Il nucleare e le rinnovabili registreranno una forte crescita; al 2040
rappresenteranno più del 20% dell’offerta di energia
250
• Tutte le fonti energetiche saranno necessarie per soddisfare il crescente fabbisogno
fino al 2040 e oltre
2014
200
250
2040
150
200
100
10
Fonti liquide – per tipologia
Risorse di greggio
e condensati
Offerta di gas – per fonte
Risorse di gas naturale
MBDOE*
Migliaia di miliardi di barili
BCFD*
Migliaia di TCF*
120
6
600
5
500
4
400
35
Biocarburanti
Altro
100
Liquidi da gas naturale
Tight oil
80
Sabbie bituminose
Risorse
restanti
Petrolio da acque profonde
60
40
20
Attuali sfruttamenti
di greggio convenzionale
e condensati
0
2000
2020
25
Risorse
restanti
300
15
Produzione
locale
200
2
Produzione
cumulativa
al 2040
1
100
2040
Produzione
cumulativa
al 2040
0
2010
Source:
IEA AIE – Agenzia Internazionale per l’Energia
Fonte:
10
5
0
0
2040
* Milioni di barili di petrolio equivalente al giorno
Via gasdotto
20
3
Nuovi sfruttamenti
di greggio convenzionale
e condensati
30
GNL
2020
2030
2040
2040
Fonte:
AIE –AIE
Agenzia
Internazionale
per per
l’Energia
Fonte:
– Agenzia
Internazionale
l’Energia
* Miliardi di piedi cubi al giorno
• La produzione di liquidi aumenterà del 20% tra il 2014
e il 2040
• Le risorse mondiali di petrolio sono
abbondanti
• La domanda mondiale di gas naturale aumenterà
del 50% tra il 2014 e il 2040
• Le risorse mondiali di gas naturale
sono abbondanti
Bio
• La crescita sarà determinata principalmente da fonti
non convenzionali
100000
• Si stima che le risorse continueranno
ad aumentare al passo con lo sviluppo
tecnologico
• Il GNL crescerà di quasi tre volte, principalmente
per rispondere all’aumento del fabbisogno in
Asia
• Solo un quarto delle risorse globali di
gas saranno prodotte entro il 2040
• Grazie alla tecnologia si sono aggiunti
all’offerta di energia anche il tight
oil, il petrolio da acque profonde e le
sabbie bituminose
• La percentuale di GNL rispetto alla domanda LNG
globale di gas raddoppierà e, nel 2040,
500
Inter-reg
raggiungerà quasi il 20%
120000
• Il tight oil arriverà a coprire il 10% dell’offerta
mondiale di liquidi80000
nel 2040
Other
NGLs
• Seppure in calo, il petrolio convenzionale rimarrà la
60000
principale fonte con
una percentuale del 55% Tight
Sand
40000
Deepw
20000
0
00
10
25 40
20 35
30
• Ai livelli attuali di domanda, il
mondo ha risorse per 150 anni di
approvvigionamento
600
6
5
Undev
4
C+C
3
Visitate exxonmobil.com
• Le esportazioni
di gas naturale, via gasdotto,
400
Local
attraverso diverse aree
geografiche
Resource
registreranno un incremento del 70%
300
• Entro il 2040 il gas non convenzionale coprirà
circa un terzo200
della produzione mondiale
Seguite @exxonmobil
0
• La stima delle risorse continuerà ad
aumentare al passo con il progresso
tecnologico
• Nell’ultimo decennio la tecnologia ha
reso disponibile l’accesso allo shale gas
35
30
25
20
100
Consultate exxonmobilperspectives.com
2
Cum Prod
• Ai livelli attuali di domanda, le risorse
di gas rappresentano più di 200 anni di
approvvigionamento
11
15
Energia
oggi e domani
Con il crescere del numero di persone che utilizzeranno energia
per migliorare la propria vita, si stima che nel 2040 il fabbisogno
energetico mondiale sarà del 25% superiore rispetto a quello del
2014.
Per soddisfare tale domanda in modo sicuro, affidabile e a costi
accessibili – mitigando allo stesso tempo anche i possibili rischi e
l’impatto ambientale – saranno necessarie tecnologie avanzate,
l’ampliamento degli scambi commerciali e investimenti. Occorrerà
innovazione. E serviranno anche scelte intelligenti e concrete da
parte dei governi, dei singoli individui e delle imprese.
L’intento del Rapporto sugli Scenari Energetici è quello di
comprendere i fattori che determinano i fabbisogni energetici
mondiali e le possibili opzioni per soddisfarli. Con la pubblicazione di
questo Rapporto la ExxonMobil si augura di contribuire a diffondere
la conoscenza di queste tematiche tra l’opinione pubblica, le imprese
e le istituzioni. L’energia è importante per tutti e ognuno ha un ruolo
da svolgere nel delineare il futuro panorama energetico.
12
Il Rapporto sugli Scenari Energetici illustra la visione di lungo periodo della
ExxonMobil in merito alla domanda e all’offerta di energia. Rappresenta una guida
nella definizione delle strategie di investimento del Gruppo e viene condiviso per
promuovere una migliore conoscenza dei fattori che determineranno il futuro
panorama energetico mondiale.
Per approfondimenti, visitate exxonmobil.com/energyoutlook
o scaricate la ExxonMobil app.
13
Dati
Domanda di energia (milioni di miliardi di British Thermal Units, salvo diversa indicazione)
Variazione media annua
2025
2040
0,6%
-0,2%
1,0%
2,2%
0,8%
0,2%
2,0%
-0,4%
-0,5%
1,4%
1,1%
-0,2%
-0,3%
-0,2%
2014
2040
0,9%
-0,1%
1,5%
2,3%
1,3%
1,1%
2,4%
-0,3%
-0,4%
1,6%
1,5%
0,0%
-0,1%
0,0%
2014
2025
15%
1%
25%
31%
25%
27%
39%
-2%
-3%
23%
25%
4%
2%
4%
Variazione %
2025
2040
9%
-3%
16%
39%
12%
3%
34%
-6%
-8%
23%
18%
-2%
-5%
-3%
2014
2040
26%
-2%
46%
83%
40%
32%
86%
-7%
-11%
51%
47%
1%
-3%
1%
Quota % sul totale
2014
100%
40%
60%
6%
41%
21%
6%
14%
12%
5%
6%
21%
17%
8%
2025
100%
35%
65%
7%
44%
23%
7%
12%
10%
6%
7%
18%
15%
7%
2040
100%
31%
69%
9%
45%
22%
9%
10%
9%
6%
7%
16%
13%
6%
Aree geografiche
Mondo
Paesi OCSE
Paesi non-OCSE
Africa
Asia Pacifico
Cina
India
Europa
Unione Europea
America Latina
Medio Oriente
America del Nord
Stati Uniti
Russia/ Caspio
2000
418
225
192
22
128
47
19
78
72
20
18
114
96
38
2010
525
230
295
30
202
97
29
81
73
27
30
113
94
43
2014
557
225
332
33
227
116
34
75
67
29
34
114
95
44
2025
643
227
416
43
284
147
47
74
65
36
42
118
96
45
2040
703
220
483
60
319
153
63
70
60
45
50
116
92
44
2014
2025
1,3%
0,1%
2,1%
2,5%
2,0%
2,2%
3,0%
-0,1%
-0,3%
1,9%
2,0%
0,3%
0,1%
0,3%
Energia per tipologia – Mondo
Primaria
Petrolio
Gas
Carbone
Nucleare
Biomasse/rifiuti
Idroelettrica
Altre rinnovabili
418
157
89
93
27
40
9
3
525
179
116
135
29
49
12
7
557
187
120
148
26
53
13
10
643
208
152
155
37
57
16
18
703
223
181
142
54
57
18
28
1,3%
1,0%
2,2%
0,4%
3,2%
0,6%
1,8%
5,5%
0,6%
0,5%
1,1%
-0,6%
2,6%
0,0%
0,8%
3,1%
0,9%
0,7%
1,6%
-0,2%
2,9%
0,3%
1,2%
4,1%
15%
11%
27%
5%
42%
7%
21%
81%
9%
7%
18%
-8%
47%
0%
12%
59%
26%
19%
50%
-4%
109%
7%
36%
187%
100%
34%
22%
26%
5%
10%
2%
2%
100%
32%
24%
24%
6%
9%
3%
3%
100%
32%
26%
20%
8%
8%
3%
4%
Settori di utilizzo finale – Mondo
Residenziale e commerciale
Totale
Petrolio
Gas
Biomasse/rifiuti
Elettricità
Altro
98
15
21
29
23
10
114
14
24
33
32
11
118
14
24
34
34
11
134
15
27
35
45
12
146
14
30
32
59
11
1,2%
0,5%
1,1%
0,2%
2,5%
0,4%
0,6%
-0,2%
0,5%
-0,6%
1,8%
-0,6%
0,8%
0,1%
0,8%
-0,2%
2,1%
-0,2%
14%
6%
13%
3%
31%
5%
9%
-2%
8%
-8%
31%
-9%
24%
3%
22%
-6%
72%
-5%
100%
12%
21%
29%
29%
10%
100%
11%
20%
26%
34%
9%
100%
10%
20%
22%
41%
7%
Trasporti
Totale
Petrolio
Biocarburanti
Gas
Altro
81
80
0
0
1
101
97
3
1
1
108
102
3
2
1
123
113
4
4
1
138
122
6
7
2
1,2%
0,9%
2,9%
7,2%
2,5%
0,8%
0,5%
2,6%
4,5%
2,6%
0,9%
0,7%
2,8%
5,7%
2,6%
13%
11%
38%
116%
31%
12%
8%
48%
94%
48%
28%
20%
104%
319%
94%
100%
94%
3%
2%
1%
100%
92%
4%
3%
1%
100%
89%
5%
5%
2%
Industria
Totale
Petrolio
Gas
Carbone
Elettricità
Altro
150
50
37
27
22
14
193
57
45
43
31
17
207
60
48
46
35
19
246
70
59
51
45
20
265
78
68
44
54
21
1,6%
1,5%
2,0%
0,9%
2,4%
0,4%
0,5%
0,7%
0,9%
-1,0%
1,3%
0,1%
0,9%
1,0%
1,4%
-0,2%
1,7%
0,2%
18%
18%
24%
11%
29%
5%
8%
11%
14%
-14%
21%
2%
28%
31%
42%
-5%
56%
7%
100%
29%
23%
22%
17%
9%
100%
29%
24%
21%
18%
8%
100%
30%
26%
16%
20%
8%
144
12
31
62
27
9
0
4
193
10
46
88
29
12
1
8
207
11
47
97
26
13
2
11
245
10
62
100
37
16
6
14
281
8
76
95
54
18
11
19
1,5%
-0,9%
2,6%
0,2%
3,2%
1,8%
9,4%
2,7%
0,9%
-1,3%
1,4%
-0,3%
2,6%
0,8%
4,0%
2,0%
1,2%
-1,1%
1,9%
-0,1%
2,9%
1,2%
6,2%
2,3%
18%
-9%
33%
2%
42%
21%
168%
35%
15%
-17%
23%
-5%
47%
12%
79%
35%
36%
-25%
63%
-2%
109%
36%
381%
82%
100%
5%
23%
47%
13%
6%
1%
5%
100%
4%
25%
41%
15%
7%
2%
6%
100%
3%
27%
34%
19%
6%
4%
7%
13.216
8.601
4.615
18.604
9.706
8.897
20.548
9.526
11.021
26.771
10.610
16.161
33.855
11.582
22.273
2,4%
1,0%
3,5%
1,6%
0,6%
2,2%
1,9%
0,8%
2,7%
30%
11%
47%
26%
9%
38%
65%
22%
102%
100%
46%
54%
100%
40%
60%
100%
34%
66%
Produzione di energia elettrica – Mondo
Primaria
Petrolio
Gas
Carbone
Nucleare
Idroelettrica
Eolica
Altre rinnovabili
Domanda di elettricità (terawattora)
Mondo
Paesi OCSE
Paesi non-OCSE
14
Glossario
BCFD (billion cubic feet per day, ovvero miliardi di piedi cubi al giorno) Unità di misura di volume che viene
Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) Organizzazione internazionale di cui
utilizzata per il gas naturale. Un miliardo di piedi cubi al giorno di gas naturale è sufficiente per coprire circa il 2%
fanno parte 34 paesi che promuovono politiche tese a migliorare il benessere economico e sociale dei popoli in
del fabbisogno di gas naturale utilizzato per usi domestici nel mondo. Sei miliardi di piedi cubi al giorno di gas
tutto il mondo.
naturale equivalgono a circa un milione di barili di petrolio equivalente al giorno.
Paesi “a forte crescita” Gruppo di 10 paesi che secondo le stime andranno a rappresentare una quota sempre
British Thermal Unit (BTU) Unità di energia standard che può essere utilizzata per misurare qualsiasi fonte di
più significativa del mercato energetico mondiale a causa della crescita demografica e dell’innalzamento degli
energia. Il contenuto energetico di un gallone (circa 3,79 litri) di benzina è pari a circa 125.000 BTU. Quando ci si
standard di vita. I paesi sono Brasile, Egitto, Indonesia, Iran, Messico, Nigeria, Arabia Saudita, Sud Africa, Thailandia
riferisce a un milione di miliardi di BTU si usa spesso il termine “Quad” (abbreviazione di “Quadrillion”).
e Turchia.
Energia primaria Comprende petrolio, gas naturale, carbone, energia nucleare, idroelettrica, geotermica, eolica,
Paesi OCSE32 Sebbene il Messico e la Turchia siano paesi membri dell’OCSE, la loro significativa crescita sotto
solare e fonti di energia bio (come biocarburanti, rifiuti solidi urbani e biomassa tradizionale). Non include invece
il profilo demografico, economico e del fabbisogno energetico è molto simile a quella di altri paesi del gruppo
l’elettricità, che è una tipologia di energia secondaria, poiché è prodotta tramite la conversione di energia da fonti
cosiddetto “a forte crescita” e per questo motivo vi sono stati inclusi. Con l’espressione “OCSE32” ci si riferisce
primarie.
pertanto ai restanti paesi dell’OCSE quando si intende fare un raffronto con i paesi a forte crescita.
Energia secondaria Tipologia di energia prodotta tramite la conversione da fonti primarie; ne è un esempio
Veicoli commerciali leggeri (LDV- Light-duty vehicle) Classificazione di veicoli stradali che comprende auto,
l’elettricità prodotta utilizzando il gas naturale.
furgoni e SUV.
Gas naturale liquefatto (GNL) Gas naturale (principalmente metano) sottoposto a un processo di
Veicolo a cella a combustibile a idrogeno Tipologia di veicolo commerciale leggero alimentato a idrogeno
raffreddamento che lo trasforma in liquido, consentendone un trasporto più agevole.
contenuto in un serbatoio a circa 680 atmosfere (10.000 psi, ovvero “pound per square inch”). L’idrogeno passa
attraverso una cella a combustibile che fornisce l’elettricità per l’alimentazione del veicolo.
Gas di petrolio liquefatto (GPL) Classificazione di combustibile composto da idrocarburi a basso peso molecolare
tra cui propano e butano.
Watt Unità di misura della potenza elettrica, equivalente a 1 joule al secondo. Una centrale elettrica
da 1 Gigawatt può soddisfare la domanda di elettricità di più di 500.000 utenze residenziali negli Stati Uniti
Liquidi da gas naturale (NGL- Natural Gas Liquids) Combustibile liquido prodotto in associazione con il gas
(Kilowatt (kW) = 1.000 watt; Gigawatt (GW) = 1.000.000.000 watt; Terawatt (TW) = 1012 watt).
naturale. I liquidi da gas naturale sono componenti del gas naturale che durante la lavorazione sono separati dallo
300 terawattore sono pari a circa 1 milione di miliardi (Quad) di BTU (British Thermal Unit).
stato gassoso.
MBDOE (million oil-equivalent barrels per day, ovvero milioni di barili di petrolio equivalente al giorno) Unità
di misura standard per diverse tipologie di fonti energetiche (petrolio, gas, carbone, ecc.) che si basa sul contenuto
di energia in rapporto al tipico barile di petrolio. Un milione di barili di petrolio equivalente al giorno è la quantità
di energia sufficiente per alimentare circa il 5% dei veicoli commerciali leggeri che circolano oggi sulle strade a
livello mondiale.
15
Exxon Mobil Corporation
Corporate Headquarters
5959 Las Colinas Blvd.
Irving, Texas 75039-2298
United States of America
exxonmobil.com
Il Rapporto sugli Scenari Energetici (The Outlook for Energy) contiene stime e previsioni interne della Exxon Mobil Corporation sulla domanda, sull’offerta di energia e sui relativi andamenti da qui al 2040. Esse si basano su dati e analisi interni nonché su informazioni rese pubbliche da
fonti esterne, tra le quali l’Agenzia Internazionale per l’Energia. Il Rapporto è stato elaborato nel corso del 2015 e contiene informazioni che hanno carattere di previsione. Le condizioni e i risultati futuri effettivi (tra cui la domanda e l’offerta di energia, il mix energetico con riferimento
alle diverse fonti, ai settori economici e alle aree geografiche, le importazioni e le esportazioni di energia) potrebbero differire in maniera sostanziale a causa di fattori quali variazioni delle condizioni economiche, lo sviluppo tecnologico e di nuove fonti di approvvigionamento, eventi
politici, cambiamenti demografici e a causa di altri fattori trattati sia nel presente Rapporto sia nell’area “Factors Affecting Future Results” della sezione “Investors” nel sito www.exxonmobil.com. Il materiale contenuto in questa pubblicazione non può essere utilizzato o riprodotto
senza il consenso della Exxon Mobil Corporation. Tutti i diritti riservati.
SP-142-H • IT

Documenti analoghi