2013 note situazione patrimoniale

Transcript

2013 note situazione patrimoniale
C) NOTE ALLE PRINCIPALI
PATRIMONIALE E FINANZIARIA
VOCI
DI
BILANCIO:
SITUAZIONE
C 1) ATTIVO
5. DISPONIBILITÀ LIQUIDE E MEZZI EQUIVALENTI
Le disponibilità liquide ammontano a Euro 125.344 mila contro Euro 85.209 mila del 31
dicembre 2012 e sono così composte:
(in migliaia di Euro)
Investimenti in liquidità
Assegni
Denaro e valori in cassa
TOTALE
31.12.2013
123.747
1.539
58
31.12.2012
84.627
521
61
125.344
85.209
Gli “Investimenti in liquidità” sono remunerati a tasso variabile.
Per maggiori dettagli si rimanda all’Analisi della Posizione Finanziaria Netta alla nota
22 e al Rendiconto Finanziario consolidato incluso nei prospetti contabili.
Al 31 dicembre 2013 il Gruppo ha linee di credito non utilizzate per Euro 285.574 mila
in relazione alle quali tutte le condizioni sono rispettate e pertanto disponibili per
l’utilizzo a semplice richiesta.
Si precisa che la voce include Euro 3.276 mila detenuti dalle controllate argentine;
l’utilizzo di tale importo è temporaneamente soggetto ad alcuni vincoli autorizzativi ai
pagamenti (inclusi i pagamenti dei dividendi) verso l’estero imposti dal governo
argentino. Si rileva inoltre che il Peso argentino si è significativamente svalutato
successivamente alla data di chiusura dell’esercizio. Il valore delle disponibilità liquide
delle controllate argentine con il cambio al 25 febbraio 2014 è pari a Euro 2.725 mila.
6. ALTRE ATTIVITA’ FINANZIARIE
Le “Altre attività finanziarie” sono analizzabili come segue:
(in migliaia di Euro)
Titoli disponibili per la negoziazione
Investimenti posseduti sino a scadenza
Crediti finanziari per derivati
TOTALE
31.12.2013
14
7.462
32
31.12.2012
15
8.199
15
7.508
8.229
I “Titoli disponibili per la negoziazione” sono valutati al fair value rilevato da fonti
ufficiali al momento di redazione del bilancio e rappresentano titoli di pronto
smobilizzo utilizzati dalle società per l’ottimizzazione della gestione della liquidità.
Gli “Investimenti posseduti sino a scadenza” sono valutati al costo ammortizzato e
includono obbligazioni di primario istituto bancario spagnolo.
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
73
I “Crediti finanziari per derivati” ammontano a Euro 32 mila e si riferiscono al fair
value dei contratti a termine in valuta. Per maggiori dettagli si rimanda all’analisi degli
strumenti finanziari contenuta nella nota 39.
7. RIMANENZE
La composizione delle giacenze nette di magazzino è la seguente:
(in migliaia di Euro)
Materie prime, sussidiarie e di
consumo
Prodotti in corso di
lavorazione e semilavorati
Lavori in corso su ordinazioni
ed acconti
Prodotti finiti e merci
TOTALE
Lordo
31.12.2013
Svalut.
Lordo
31.12.2012
Svalut.
Netto
Netto
54.396
4.030
50.366
53.879
4.274
49.605
12.789
339
12.450
12.515
379
12.136
31.134
56.223
113
6.933
31.021
49.290
41.224
53.173
57
7.497
41.167
45.676
154.542
11.415
143.127
160.791
12.207
148.584
Il valore lordo delle rimanenze evidenzia un decremento di Euro 6.249 mila
riconducibile principalmente all’effetto negativo dei cambi.
La diminuzione della voce “Lavori in corso su ordinazioni e acconti” è relativa ai
tooling venduti nell’esercizio ai clienti principalmente nella business unit Sistemi
Motore.
Le rettifiche di valore per svalutazione sono costituite da accantonamenti
prevalentemente realizzati a fronte di giacenze di materie prime non più utilizzabili per
la produzione corrente e di prodotti finiti, merci e materie sussidiarie obsoleti o a lenta
rotazione. L’incremento del fondo si collega per Euro 841 mila ad ulteriori
accantonamenti (contabilizzati nel Conto Economico nella voce “Costi variabili del
venduto”) in parte compensati dalla rottamazione di prodotti giacenti effettuata
nell’esercizio per Euro 1.400 mila e da un effetto cambi negativo per Euro 233 mila.
Le rimanenze risultano gravate per Euro 92 mila da vincoli di ipoteca o da privilegi
verso istituti finanziatori a garanzia di finanziamenti ottenuti dalla controllata Allevard
IAI Suspensions Private Ltd..
8. CREDITI COMMERCIALI E ALTRI CREDITI
I crediti dell'attivo circolante sono analizzabili come segue:
74
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
(in migliaia di Euro)
Verso clienti
Meno: fondo svalutazione
Verso clienti netti
Verso controllante
Per imposte
Verso altri
Altre attività
TOTALE
31.12.2013
140.572
4.703
135.869
9.968
20.504
7.827
3.692
31.12.2012
156.245
5.263
150.982
4.179
21.815
9.109
3.559
177.860
189.644
I crediti “Verso clienti netti” sono infruttiferi e hanno una scadenza media di 35 giorni,
rispetto a 42 giorni registrata alla fine dell’esercizio precedente.
Si precisa che al 31 dicembre 2013 il Gruppo ha ceduto, tramite operazioni di factoring,
crediti commerciali per un ammontare di Euro 79.541 mila (Euro 65.114 mila al 31
dicembre 2012), di cui Euro 46.026 mila non notificati per i quali il Gruppo continua a
gestire il servizio di incasso. I rischi ed i benefici correlati ai crediti sono stati trasferiti
al cessionario; si è pertanto proceduto ad eliminare i crediti dall’attivo della Situazione
Patrimoniale e Finanziaria in corrispondenza del corrispettivo ricevuto dalle società di
factoring.
Se si escludono le operazioni di factoring (Euro 79.541 mila al 31 dicembre 2013 e
Euro 65.114 mila al 31 dicembre 2012) e l’effetto negativo dei tassi di cambio (Euro
8.100 mila), i crediti commerciali netti registrano un incremento di Euro 7.414 mila
derivante principalmente dall’incremento dell’attività del Gruppo nell’ultimo trimestre
dell’esercizio rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente.
Nel corso dell’esercizio sono state contabilizzate nel “Fondo svalutazione crediti”
ulteriori svalutazioni per Euro 491 mila, contro utilizzi complessivi del fondo pari a
Euro 900 mila (per maggiori approfondimenti si rimanda alla nota 39). Le svalutazioni,
al netto dei mancati utilizzi, sono state rilevate nella voce del Conto Economico “Costi
variabili del venduto – Variabili commerciali e di distribuzione”.
I crediti “Verso controllante” in essere al 31 dicembre 2013 rappresentano i crediti verso
la Capogruppo CIR S.p.A. derivanti dall’adesione al consolidato fiscale delle società
italiane del Gruppo. La voce include Euro 5.571 mila sorti nell’esercizio 2013 e
contabilizzati nelle imposte correnti.
Per le condizioni e i termini generali relativi ai crediti verso CIR S.p.A. si rimanda al
capitolo F.
I crediti “Per imposte” al 31 dicembre 2013 comprendono gli importi vantati dalle
società del Gruppo verso l’Erario dei vari paesi. Il decremento della voce deriva
principalmente da minori crediti IVA. La voce non comprende le imposte differite che
vengono distintamente trattate.
La voce crediti “Verso altri” è così suddivisa:
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
75
(in migliaia di Euro)
Verso enti previdenziali e assistenziali
Verso dipendenti
Anticipi a fornitori
Verso altri
31.12.2013
195
252
1.984
5.396
31.12.2012
468
293
1.289
7.059
7.827
9.109
TOTALE
Il decremento della voce “Verso altri” si riferisce principalmente all’incasso da parte
della controllata Sogefi Filtration do Brasil Ltda della quota residua del corrispettivo per
la cessione di un immobile avvenuta nel precedente esercizio. La voce include anche
rimborsi assicurativi.
La voce “Altre attività” include principalmente ratei e risconti attivi su premi
assicurativi, canoni di locazione, imposte indirette relative ai fabbricati e su costi
sostenuti per le attività commerciali.
9. IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI
Il valore netto delle immobilizzazioni materiali al 31 dicembre 2013 ammonta a Euro
236.415 mila contro Euro 252.345 mila alla fine dell’esercizio precedente ed è così
suddiviso:
(in migliaia di Euro)
2013
Terreni
Immobili
impianti e
macchinari e
attrezzat.
indus. e
comm.
Altri beni
Immobilizzazioni in
corso e
acconti
TOTALE
Saldo all'1 gennaio
Acquisizioni del periodo
Disinvestimenti del periodo
Differenze cambio di
conversione del periodo
Ammortamenti del periodo
Perdite/recuperi di valore del
periodo
Riclassifica attività possedute
per la vendita
Altri movimenti
15.711
48
(115)
198.230
17.377
(1.611)
5.443
1.162
17
32.961
17.443
(162)
252.345
36.030
(1.871)
(200)
-
(9.191)
(34.506)
(564)
(1.633)
(1.261)
-
(11.216)
(36.139)
-
(2.181)
(39)
-
(2.220)
15.444
15.444
331
-
Valore netto
Di cui Leasing valore netto
15.444
331
571
4.957
25.282
68
20.325
41
4.957
27
(18.887)
30.094
30.788
694
30.094
-
(514)
Saldo al 31 dicembre
Costo storico
Di cui Leasing valore lordo
Fondo ammortamento
Di cui Leasing fondo ammort.
17.802
185.920
771.336
11.375
585.416
4.363
185.920
7.012
76
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
236.415
842.850
11.774
606.435
4.404
236.415
7.370
(in migliaia di Euro)
2012
Terreni
Immobili
impianti e
macchinari e
attrezzat.
indus. e
comm.
Altri beni
Immobilizzazioni in
corso e
acconti
TOTALE
Saldo all'1 gennaio
Acquisizioni del periodo
Disinvestimenti del periodo
Differenze cambio di
conversione del periodo
Ammortamenti del periodo
Perdite/recuperi di valore del
periodo
Riclassifica attività possedute
per la vendita
Altri movimenti
15.774
74
(1.187)
215.183
17.810
(2.047)
4.845
1.647
(7)
24.880
25.706
(30)
260.682
45.237
(3.271)
(118)
-
(4.271)
(38.072)
(259)
(1.746)
(853)
-
(5.501)
(39.818)
-
(4.521)
(313)
-
(4.834)
1.168
15.711
15.711
1.276
5.443
29.685
15
24.242
15
5.443
-
(16.742)
32.961
33.655
694
32.961
-
744
(894)
Saldo al 31 dicembre
Costo storico
744
13.404
198.230
808.981
8.496
610.751
3.668
198.230
4.828
Di cui Leasing valore lordo
Fondo ammortamento
Di cui Leasing fondo ammort.
Valore netto
Di cui Leasing valore netto
331
15.711
331
252.345
888.032
8.842
635.687
3.683
252.345
5.159
Gli investimenti dell'esercizio ammontano a Euro 36.030 mila rispetto a Euro 45.237
mila dell’esercizio precedente.
I progetti più significativi interessano le categorie “Immobilizzazioni in corso e acconti”
e “Immobili, impianti e macchinari e attrezzature industriali e commerciali”.
Nella categoria “Immobilizzazioni in corso e acconti” gli investimenti principali hanno
riguardato in particolare le controllate Sogefi (Suzhou) Auto Parts Co., Ltd per
l’ampliamento della capacità produttiva, LPDN GmbH e Allevard Rejna
Autosuspensions S.A. per il miglioramento dei processi ed infine le controllate
brasiliane, principalmente per il miglioramento dei processi e l’incremento della
capacità produttiva.
Tra i progetti più rilevanti nella categoria “Immobili, impianti e macchinari e
attrezzature industriali e commerciali” si segnalano gli investimenti nelle controllate
Sogefi (Suzhou) Auto Parts Co., Ltd per i due nuovi stabilimenti cinesi per componenti
per sospensioni e sistemi motore, Sogefi Engine Systems Mexico S. de R.L. de C.V. per
l’ampliamento della capacità produttiva, LPDN GmbH per il miglioramento dei processi
e il mantenimento degli impianti; Systèmes Moteurs S.A.S. per lo sviluppo di nuovi
prodotti, miglioramenti nei processi produttivi e manutenzione e rinnovamento degli
impianti.
I “Disinvestimenti del periodo”, che ammontano complessivamente a Euro 1.871 mila,
si riferiscono quasi esclusivamente alla vendita di un fabbricato industriale della
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
77
controllata Sogefi Rejna S.p.A. (in Melfi); tale vendita ha generato una plusvalenza di
Euro 462 mila contabilizzata nella voce “ Minusvalenze (plusvalenze) da dismissione”.
Gli “Ammortamenti del periodo” sono contabilizzati nell’apposita voce del Conto
Economico.
La linea “Perdite/recuperi di valore del periodo” ammonta complessivamente a Euro
2.220 mila e si riferisce per Euro 1.360 mila alla svalutazione di impianti e macchinari
non più utilizzati della controllata Shanghai Sogefi Auto Parts Co., Ltd, per Euro 1.033
mila alla svalutazione di immobili inattivi delle controllate inglesi e, per la parte
restante, a minori perdite e recuperi di valore.
Le perdite di valore, al netto dei recuperi, sono state iscritte tra gli “Altri costi (ricavi)
non operativi”.
La linea “Altri movimenti” si riferisce al completamento dei progetti “in itinere” alla
fine dello scorso esercizio e alla conseguente riclassificazione nelle voci di pertinenza.
Il saldo al 31 dicembre 2013 della voce “Immobilizzazioni in corso e acconti” include
Euro 116 mila di acconti per investimenti.
I principali cespiti inattivi, per un valore totale netto di Euro 8.460 mila, inclusi nella
voce “Immobilizzazioni materiali” sono relativi ad un complesso immobiliare della
Capogruppo Sogefi S.p.A. (in Mantova ed in San Felice del Benaco) e al sito di
Llantrisant della controllata Sogefi Filtration Ltd per il quale si è registrata la
svalutazione sopra riportata. Il valore contabile di tali cespiti sarà recuperato attraverso
una vendita invece che tramite l’utilizzo continuo. Non essendoci un’aspettativa di
vendita entro un anno, tali beni non rientrano nell’ambito di applicazione dell’IFRS 5 e
continuano ad essere regolarmente ammortizzati.
Nel corso dell’esercizio 2013 non sono stati capitalizzati oneri finanziari nella voce
“Immobilizzazioni materiali”.
Garanzie
Le immobilizzazioni materiali risultano gravate al 31 dicembre 2013 da vincoli di
ipoteca o da privilegi verso istituti finanziatori a garanzia di finanziamenti ottenuti per
Euro 9.463 mila, rispetto a Euro 13.046 mila al 31 dicembre 2012. Le garanzie in essere
al 31 dicembre 2013 si riferiscono alle controllate Sogefi Engine Systems Canada Corp.,
Systèmes Moteurs S.A.S., Allevard IAI Suspensions Private Ltd., United Springs B.V.
and Sogefi M.N.R. Filtration India Private Ltd..
Impegni di acquisto
Al 31 dicembre 2013 risultano impegni vincolanti per acquisti di immobilizzazioni
materiali per Euro 1.907 mila (Euro 480 mila al 31 dicembre 2012) riferiti alle
controllate Allevard Rejna Autosuspensions S.A. e United Springs S.A.S.. Tali impegni
saranno regolati entro 12 mesi.
78
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
Leasing
Il valore di carico delle immobilizzazioni detenute in leasing finanziario al 31 dicembre
2013 ammonta a Euro 11.774 mila e il relativo fondo ammortamento a Euro 4.404 mila.
L’incremento, rispetto al 31 dicembre 2012, del valore lordo delle immobilizzazioni
detenute in leasing finanziario è pari a Euro 2.932 mila ed è relativo alla controllata
Allevard Sogefi U.S.A. Inc..
Gli aspetti finanziari e la suddivisione temporale dei canoni in essere sono descritti in
nota 16.
10. IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI
Il saldo netto di tale voce è pari al 31 dicembre 2013 a Euro 262.725 mila rispetto a
Euro 239.577 mila alla fine dell’esercizio precedente ed è così composto:
2013
(in migliaia di Euro)
Saldo all'1 gennaio
Acquisizioni del periodo
Disinvestimenti del periodo
Differenze cambio di
conversione del periodo
Ammortamenti del periodo
Perdite di valore del periodo
Altri movimenti
Saldo al 31 dicembre
Costo storico
Fondo ammortamento
Valore netto
Costi di
sviluppo
Diritti di
brevetto
industriale,
concess.,
licenze e
marchi
Altre,
Immobilizzazioni
in corso e
acconti
Relazione
Clienti
Denominazione
Systemes
Moteurs
Goodwill
TOTALE
60.896
27.830
(8)
4.967
14.104
(6)
21.441
5.913
-
17.813
-
7.821
-
126.639
-
239.577
47.847
(14)
(2.344)
(17.079)
(753)
2.257
(21)
(1.983)
11.003
(422)
(706)
(66)
(13.146)
(990)
-
(435)
-
-
70.799
152.258
81.459
28.064
48.533
20.469
13.014
17.657
4.643
16.823
19.215
2.392
7.386
8.437
1.051
126.639
149.537
22.898
70.799
28.064
13.014
16.823
7.386
126.639
(2.787)
(21.193)
(819)
114
262.725
395.637
132.912
262.725
Costi di
sviluppo
Diritti di
brevetto
industriale,
concess.,
licenze e
marchi
Altre,
Immobilizzazioni
in corso e
acconti
Relazione
Clienti
Denominazione
Systemes
Moteurs
Goodwill
TOTALE
2012
(in migliaia di Euro)
Saldo all'1 gennaio
Acquisizioni del periodo
Disinvestimenti del periodo
Differenze cambio di
conversione del periodo
Ammortamenti del periodo
Perdite di valore del periodo
Altri movimenti
47.598
26.170
(89)
7.455
236
-
11.495
12.747
(58)
18.803
-
8.256
-
126.639
-
220.246
39.153
(147)
(871)
(13.913)
(16)
2.017
1
(2.735)
10
(205)
(509)
(2.029)
(990)
-
(435)
-
-
(1.075)
(18.582)
(16)
(2)
Saldo al 31 dicembre
Costo storico
Fondo ammortamento
60.896
130.229
69.333
4.967
24.072
19.105
21.441
26.136
4.695
17.813
19.215
1.402
7.821
8.437
616
126.639
149.537
22.898
239.577
357.626
118.049
60.896
4.967
21.441
17.813
7.821
126.639
239.577
Valore netto
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
79
Gli investimenti dell’esercizio ammontano a Euro 47.847 mila.
Gli incrementi della voce “Costi di sviluppo” pari a Euro 27.830 mila si riferiscono alla
capitalizzazione di costi sostenuti dalle società del Gruppo per lo sviluppo di nuovi
prodotti in collaborazione con le principali case automobilistiche. Gli investimenti più
rilevanti si riferiscono alle controllate Systèmes Moteurs S.A.S., Filtrauto S.A., Sogefi
Engine Systems Canada Corp., Sogefi Filtration do Brasil Ltda e Allevard Sogefi U.S.A.
Inc..
Gli incrementi nella voce “Diritti di brevetto industriale, concessioni, licenze e marchi”
pari ad Euro 14.104 mila si riferiscono quasi esclusivamente ai costi per lo sviluppo e
implementazione del nuovo sistema informativo integrato all’interno del Gruppo Sogefi.
Si prevede che tale sistema informativo integrato verrà ammortizzato su base decennale
a partire dalla data di implementazione in ogni singola controllata.
Gli incrementi nella voce “Altre, Immobilizzazioni in corso e acconti” pari a Euro 5.913
mila si riferiscono principalmente ai numerosi investimenti per lo sviluppo di nuovi
prodotti non ancora entrati in produzione. Di essi, i più consistenti sono stati i costi di
sviluppo registrati nelle controllate Allevard Rejna Autosuspensions S.A., Sogefi Rejna
S.p.A. e Sogefi Filtration d.o.o..
La voce non include anticipi erogati a fornitori per l’acquisto di immobilizzazioni.
La voce “Costi di sviluppo” include in prevalenza costi generati internamente, mentre i
“Diritti di brevetto industriale, concessioni, licenze e marchi” accolgono fattori
prevalentemente acquisiti esternamente.
La voce “Altre, Immobilizzazioni in corso e acconti” include costi generati internamente
per Euro 9.614 mila circa.
La linea “ Perdite di valore del periodo” fa riferimento per Euro 717 mila a svalutazioni
di costi di sviluppo capitalizzati nei precedenti esercizi dalla controllata Sogefi Engine
Systems Shanghai Co., Ltd attualmente in stato di liquidazione.
Non esistono immobilizzazioni immateriali a vita utile indefinita ad eccezione del
goodwill.
Goodwill e impairment test
Dall’1 gennaio 2004 il goodwill non è più ammortizzato, ma viene sottoposto
annualmente alla verifica di riduzione di valore (impairment test).
La società ha identificato cinque Unità Generatrici di Cassa (C.G.U.):
o
o
o
o
o
80
sistemi motore - filtrazione fluida (in precedenza definita “filtri”)
sistemi motore - filtrazione aria e raffreddamento (Gruppo “Systemes Moteurs”)
sospensioni auto
sospensioni veicoli industriali
molle di precisione
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
Le C.G.U. in cui è possibile identificare i goodwill derivanti da acquisizioni esterne
sono al momento tre: sistemi motore - filtrazione fluida, sistemi motore - filtrazione aria
e raffreddamento e sospensioni auto.
Il goodwill specifico della “C.G.U. Sistemi Motore – filtrazione fluida” è pari a
Euro 77.030 mila, il goodwill della “C.G.U. Sistemi Motore – filtrazione aria e
raffreddamento” è pari a Euro 32.560 mila, e il goodwill di pertinenza della “C.G.U.
Sospensioni Auto” è pari a Euro 17.049 mila.
E’ stata effettuata una verifica su eventuali riduzioni di valore del goodwill, seguendo la
procedura richiesta dallo IAS 36 confrontando il valore contabile delle singole C.G.U.
con il valore in uso dato dal valore attuale dei flussi finanziari futuri stimati che si
suppone deriveranno dall’uso continuativo dell’attività oggetto di impairment test.
Si è utilizzata la metodologia dei flussi di cassa operativi attualizzati (Discounted Cash
Flow Unlevered) basata sulle proiezioni elaborate nei budget/piani pluriennali relativi al
periodo 2014-2017 (rettificato al fine di escludere i benefici stimati rivenienti da
progetti futuri e da future riorganizzazioni), approvati dalla direzione aziendale ed in
linea con le previsioni sull’andamento del settore dell’automotive (così come stimate
dalle più importanti fonti del settore).
Il tasso di attualizzazione utilizzato, basato sul costo medio ponderato del capitale, è
pari all’8,6%. Il tasso di attualizzazione è il medesimo per tutte e tre le C.G.U. Si stima
infatti che il rischio sia il medesimo sulla base del fatto che le tre C.G.U. operano nello
stesso settore e con la stessa tipologia di clienti.
Infine il valore terminale è stato calcolato con la formula della “rendita perpetua”,
ipotizzando un tasso di crescita del 2% e considerando un flusso di cassa operativo
basato sull’ultimo anno del piano pluriennale (2017), rettificato al fine di proiettare “in
perpetuo” una situazione stabile, utilizzando in particolare le seguenti ipotesi principali:
- bilanciamento tra investimenti ed ammortamenti (nella logica di considerare un
livello di investimenti necessario per il “mantenimento” del business);
- variazione di capitale circolante pari a zero.
Il costo medio del capitale è la risultante della media ponderata del costo del debito
(elaborato considerando i tassi di riferimento più uno “spread”) e del costo del capitale
proprio, costruito sulla base dei parametri relativi ad un gruppo di aziende operanti nel
settore della componentistica auto europea giudicate “peers” di Sogefi da parte dei
principali analisti finanziari che seguono tale comparto. I valori utilizzati nel calcolo del
costo medio del capitale (estrapolati dalle principali fonti finanziarie) sono i seguenti:
- struttura finanziaria di settore: 27,3%
- beta levered di settore: 1,07
- tasso risk free: 4,47% (media annuale dei titoli risk free a 10 anni dei principali paesi
in cui opera il Gruppo ponderata in base al fatturato)
- premio per il rischio: 5,5%
- spread sul costo del debito: 3,8% (stimato sulla base del budget 2014)
Sono state poi effettuate delle analisi di sensitività su due delle variabili di cui sopra, in
particolare si è ipotizzato l’azzeramento del tasso di crescita nel valore terminale o un
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
81
incremento di due punti percentuali nel calcolo del costo medio del capitale. In nessuno
degli scenari ipotizzati è emersa la necessità di una svalutazione.
In tema di analisi di sensitività si precisa che:
- l’impairment test raggiunge un livello di break even con i seguenti tassi di
attualizzazione (mantenendo inalterato il tasso di crescita del valore terminale al 2% e
tutte le altre assunzioni del piano): 18,39% per la C.G.U. sistemi motore - filtrazione
fluida, 23,03% per la C.G.U. sistemi motore - filtrazione aria e raffreddamento e
10,36% per la C.G.U. sospensioni auto;
- l’impairment test raggiunge un livello di break even con una riduzione significativa
dell’Ebit nel periodo esplicito di piano e nel valore terminale: -20% nella C.G.U.
sospensioni auto e oltre il -60% nella C.G.U. sistemi motore - filtrazione fluida e nella
C.G.U. sistemi motore - filtrazione aria e raffreddamento.
La verifica effettuata del valore attuale dei flussi di cassa attesi evidenzia un valore
d’uso delle C.G.U. superiore al valore contabile delle stesse; pertanto non è stata
apportata alcuna svalutazione.
11. PARTECIPAZIONI IN SOCIETÀ A CONTROLLO CONGIUNTO
Al 31 dicembre 2013 la partecipazione nella società a controllo congiunto Mark IV
Assets (Shanghai) Auto Parts Co. Ltd è stata totalmente svalutata in quanto si prevede di
liquidare la società e di non recuperare il valore netto contabile. La relativa svalutazione,
pari a Euro 289 mila, è stata contabilizzata nelle voce “Oneri (proventi) da
partecipazioni”. Si evidenzia che nel corso dell’esercizio la controllata ha rimborsato
una quota del capitale pari a Euro 6 mila.
12. ALTRE ATTIVITA’ FINANZIARIE DISPONIBILI PER LA VENDITA
Ammontano al 31 dicembre 2013 a Euro 439 mila rispetto a Euro 489 mila al 31
dicembre 2012 e sono così dettagliate:
(in migliaia di Euro)
Partecipazioni in altre imprese
Altri titoli
TOTALE
31.12.2013
439
-
31.12.2012
489
-
439
489
Il saldo della linea “Partecipazioni in altre imprese” si riferisce essenzialmente alla
società AFICO FILTERS S.A.E. partecipata al 22,62%. La partecipazione non è stata
classificata come collegata per assenza di rappresentanza da parte del Gruppo negli
organi direttivi della società (e pertanto per mancanza di influenza notevole sulla
società).
La riduzione della voce si riferisce alla società Sogefi Allevard Srl, liquidata nel corso
dell’esercizio 2013.
13. CREDITI FINANZIARI E ALTRI CREDITI NON CORRENTI
Il dettaglio della voce “Altri crediti” è il seguente:
82
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
(in migliaia di Euro)
Imposta sostitutiva
Surplus fondi pensione
Altri crediti
TOTALE
31.12.2013
2.876
28.706
31.12.2012
576
2.631
26.950
31.582
30.157
Il “Surplus fondi pensione” riguarda la controllata Sogefi Filtration Ltd, avendo la
società il diritto al rimborso dell’eventuale surplus al termine del piano, così come
descritto nella nota 19 a cui si rinvia.
La voce “Altri crediti” include un indemnification asset pari a Euro 23.368 mila verso il
venditore delle azioni di Systèmes Moteurs S.A.S. (iscritto in sede di PPA del Gruppo
Systemes Moteurs) per il recupero di costi rivenienti da contestazioni relative alla
qualità dei prodotti, sulla base delle garanzie rilasciate dallo stesso venditore (dopo
eventuali anche parziali rimborsi assicurativi ed indennizzi ricevuti da fornitori). Sogefi
S.p.A. ha aperto una procedura di arbitrato internazionale verso il venditore delle azioni
di Systèmes Moteurs S.A.S, così come previsto dal contratto di acquisizione, per il
recupero del credito.
La voce “Altri crediti” include, inoltre, crediti tributari, compresi i crediti fiscali su
acquisti di cespiti effettuati dalle controllate brasiliane, crediti fiscali per l’attività di
ricerca e sviluppo delle controllate francesi, crediti IVA della controllata Sogefi
(Suzhou) Auto Parts Co., Ltd e depositi cauzionali infruttiferi versati per gli immobili in
locazione. Tali crediti verranno incassati nei prossimi anni.
14. IMPOSTE ANTICIPATE
La voce ammonta al 31 dicembre 2013 a Euro 59.620 mila rispetto a Euro 60.178 mila
al 31 dicembre 2012.
L’importo è relativo ai benefici attesi su differenze temporanee deducibili, tenendo
conto della probabilità del loro realizzo. Si rinvia alla nota 20 per ulteriori
approfondimenti sul tema.
15. ATTIVITA’ NON CORRENTI POSSEDUTE PER LA VENDITA
Al 31 dicembre 2013 le attività non correnti possedute per la vendita sono pari a zero.
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
83
C 2) PASSIVO
16. DEBITI VERSO BANCHE E ALTRI FINANZIAMENTI
Sono così composti:
Parte corrente
(in migliaia di Euro)
Debiti correnti verso banche
Quota corrente di finanziamenti a medio lungo termine
Di cui leasing
TOTALE DEBITI FINANZIARI A BREVE TERMINE
Altre passività finanziarie a breve termine per derivati
TOTALE DEBITI FINANZIARI E DERIVATI A BREVE
TERMINE
31.12.2013
6.885
76.750
1.118
31.12.2012
8.377
89.596
814
83.635
93
97.973
1.011
83.728
98.984
31.12.2013
213.675
118.664
6.607
31.12.2012
267.773
8.821
4.880
332.339
276.594
21.378
13.708
353.717
290.302
Parte non corrente
(in migliaia di Euro)
Finanziamenti a medio lungo termine
Altri finanziamenti a medio lungo termine
Di cui leasing
TOTALE DEBITI FINANZIARI A MEDIO LUNGO
TERMINE
Altre passività finanziarie a medio lungo termine per
derivati
TOTALE DEBITI FINANZIARI E DERIVATI A MEDIO
LUNGO TERMINE
Debiti correnti verso banche
Per maggiori dettagli si rimanda all’Analisi della Posizione Finanziaria Netta alla nota
22 e al Rendiconto Finanziario consolidato incluso nei prospetti contabili.
Quota corrente e non corrente di finanziamenti a medio lungo termine
Il dettaglio al 31 dicembre 2013 è il seguente (in migliaia di Euro):
84
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
Società
Banca/Istituito credito
Data stipula Data Scadenza
Sogefi S.p.A.
Giu -2006
Mar - 2014
100.000
Dic - 2010
Apr - 2016
20.000
Dic - 2010
Apr - 2016
20.000
Sogefi S.p.A.
Unicredit S.p.A.
European Investment
Bank - tr. A
Banca Europea degli
Investimenti tr. B
Banca Monte dei Paschi
di Siena S.p.A.
Mar - 2011
Mar - 2017
25.000
Sogefi S.p.A.
Intesa San Paolo S.p.A.
Apr - 2011
Dic - 2016
60.000
Sogefi S.p.A.
Set - 2017
25.000
Sogefi S.p.A.
Banca Carige Italia S.p.A. Lug - 2011
Ge Capital Interbanca
S.p.A.
Ott - 2011
Giu - 2017
10.000
Sogefi S.p.A.
Prestito Sindacato
Dic - 2012
Dic - 2017
200.000
Sogefi S.p.A.
Allevard Rejna
Autosuspensions
S.A.
Systèmes Moteurs
Sas
Sogefi Filtration
S.A.
Banco do Brasil S.A.
Dic - 2012
Apr - 2017
15.000
CIC Bank
Mag - 2013
Mag - 2014
4.000
CIC Bank
Mag - 2013
Mag - 2014
3.500
Banco de Sabadell
Mag - 2011
Mag - 2016
7.000
Euribor trim. + 150
bps variabile
Euribor ann. + 150
bps variabile
Euribor trim. + 225
bps variabile
Unicredit S.p.A.
Mag - 2013
Mag - 2014
5.400
ING Bank
Mar - 2013
Mar - 2015
Ge Capital
Nov - 2012
Ge Capital
Banco Itau BBA
Sogefi S.p.A.
Sogefi S.p.A.
Shanghai Sogefi
Auto Parts Co., Ltd
Sogefi (Shouzu)
Auto Parts Co., Ltd
(*)
Sogefi Engine
Systems Canada
Corp.
Sogefi Engine
Systems Canada
Corp.
Sogefi Filtration do
Brasil Ltda
Altri finanziamenti
Ammontare
originario
prestito
Tasso applicato Quota corrente Quota non
Saldo Garanzia
(in migliaia di corrente (in complessivo
reali
Euro) migliaia di (in migliaia di
Euro)
Euro)
Euribor trim. + 110
bps variabile
Euribor trim. + 316
bps variable
Euribor trim. + 187
bps variabile
Euribor trim. + 225
bps variabile
Euribor trim. + 260
bps variabile
Euribor trim. + 225
bps variabile
Euribor trim. + 230
bps variabile
Euribor trim. + 475
bps variabile
Euribor trim. + 315
bps variabile
5.550
-
5.550
N/A
5.000
7.444
12.444
N/A
5.000
7.443
12.443
N/A
6.250
13.905
20.155
N/A
8.000
15.603
23.603
N/A
4.855
14.126
18.981
N/A
2.000
4.956
6.956
N/A
-
116.235
116.235
N/A
3.750
11.157
14.907
N/A
4.000
-
4.000
N/A
3.500
-
3.500
N/A
1.400
2.100
3.500
N/A
7,28% fisso
5.096
-
5.096
N/A
3.972
9,84% fisso - 12,30%
fisso
-
3.972
3.972
N/A
Nov - 2017
2.897
B/A 3m+ 4,65%
variabile
600
1.963
2.563
SI
Nov - 2012
Nov - 2017
2.897
6,16% fisso
597
1.969
2.566
SI
Feb - 2013
Mar - 2016
6.376
5,5% fisso
21.152
6.377
6.425
6.377
27.577
N/A
N/A
76.750
213.675
290.425
TOTALE
(*) L'ammontare è originato da diversi finanziamenti stipulati da marzo a settembre 2013, il cui tasso è compreso nel range indicato (tasso min. 9,84%- tasso max. 12,30%)
La linea “Altri finanziamenti” include altri finanziamenti minori, comprese le quote dei
leasing finanziari ai sensi dello IAS 17.
Altre passività finanziarie a breve termine per derivati
La voce include la quota a breve del fair value dei contratti di copertura del rischio tasso
di interesse e dei contratti di copertura del rischio di cambio.
Si rimanda al capitolo E per ulteriori approfondimenti sul tema.
Altri finanziamenti a medio lungo termine
Il dettaglio al 31 dicembre 2013 è il seguente (in migliaia di Euro):
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
85
Società
Banca/Istituito credito
Sogefi S.p.A.
Prestito obbligazionario
Sogefi S.p.A.
Prestito obbligazionario
Altri finanziamenti
Data stipula
Mag - 2013
Mag - 2013
Data
Scadenza
Mag - 2023
Mag - 2020
Ammontare
originario
USD 115.000
Euro 25.000
Tasso applicato
Cedola fissa 600 bps
Cedola fissa 505 bps
TOTALE
Saldo
complessivo
al 31
dicembre
2013
82.908
24.926
10.830
118.664
Garanzia
reali
N/A
N/A
N/A
La linea “Altri finanziamenti” include altri finanziamenti minori, comprese le quote dei
leasing finanziari ai sensi dello IAS 17.
Come indicato nella tabella sopra riportata nel corso del mese di maggio 2013 la
controllante Sogefi S.p.A. ha concluso due operazioni di U.S. private placement
obbligazionari.
In data 3 maggio 2013 è stata stipulata un’operazione di U.S. private placement
obbligazionario sottoscritta da primari investitori istituzionali statunitensi per un
ammontare complessivo di Usd 115 milioni e della durata di 10 anni, in ammortamento
a partire dal quarto anno. La cedola fissa su questa emissione è pari a 600 basis points.
In data 22 maggio 2013 è stata stipulata una seconda operazione di U.S. private
placement obbligazionario sottoscritta da un primario investitore istituzionale per un
ammontare di Euro 25 milioni rimborsabile in un’unica soluzione nel maggio 2020. La
cedola fissa su questa emissione è pari a 505 basis points.
In data 6 maggio 2013 la controllante Sogefi S.p.A. ha rimborsato anticipatamente per
complessivi Euro 15.000 mila due finanziamenti sottocritti con Banca Sella S.p.A.
(Euro 10.000 mila erogati a luglio 2012 e scadenti a gennaio 2014 ed Euro 5.000 mila
erogati a febbraio 2013 e scadenti a luglio 2014).
In data 20 maggio 2013 la controllante Sogefi S.p.A. ha rimborsato, come previsto
contrattualmente, la quota revolving del finanziamento Intesa Sanpaolo S.p.A. di Euro
30 milioni, erogata a dicembre 2012. L’ammontare rimane a disposizione della
controllante Sogefi S.p.A. per un eventuale tiraggio fino alla scadenza del finanziamento
prevista per Dicembre 2016.
Si precisa inoltre che, contrattualmente, gli spread legati ai finanziamenti della
controllante Sogefi S.p.A. sono rivisti semestralmente sulla base della verifica del ratio
PFN consolidata / EBITDA consolidato normalizzato. Per un’analisi dei covenant
relativi alle posizioni debitorie esistenti alla fine del periodo si rimanda alla successiva
nota “Analisi della posizione finanziaria netta”.
Altre passività finanziarie a medio lungo termine per derivati
La voce include la quota a medio lungo termine del fair value dei contratti di copertura
del rischio tasso di interesse e del rischio di cambio.
Si rimanda al capitolo E per ulteriori approfondimenti sul tema.
86
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
Leasing finanziari
Il Gruppo ha leasing finanziari e contratti di noleggio e affitto per immobilizzazioni,
impianti e macchinari che per loro tipologia arrivano a coprire la pressoché totalità della
vita utile del bene. Tali contratti di leasing, noleggio e affitto, in accordo con quanto
previsto dallo IAS 17, sono contabilizzati come se si riferissero a cespiti di proprietà
della società, con evidenza in bilancio di tutte le loro componenti, valore storico di
acquisto, ammortamento, componente finanziaria per interessi e debito residuo.
I pagamenti futuri derivanti da tali contratti possono essere così riassunti:
(in migliaia di Euro)
Entro un anno
Oltre un anno, ma entro 5 anni
Oltre 5 anni
Canoni
1.731
4.776
3.545
Quota capitale
1.118
3.533
3.074
Totale canoni da leasing
Interessi
TOTALE VALORE ATTUALE CANONI DA
LEASING
10.052
(2.327)
7.725
-
7.725
7.725
I contratti inclusi in tale voce si riferiscono alle seguenti controllate:
- Sogefi Filtration Ltd ha in essere un contratto di affitto a lungo termine per il sito
produttivo di Tredegar. La scadenza del contratto è stabilita in settembre 2022,
l’ammontare originario di tale contratto era di Euro 3.179 mila, la quota capitale residua
ammonta a Euro 2.382 mila e il tasso annuo applicato dal locatore è pari all’11,59%.
A fronte di tale contratto il Gruppo ha fornito garanzie fidejussorie.
Tale contratto di locazione è stato assoggettato al trattamento contabile previsto dallo
IAS 17 per i leasing finanziari dal momento che il valore attuale dei canoni
corrispondeva approssimativamente al fair value del bene al momento della stipula del
contratto.
- Allevard Rejna Autosuspensions S.A. ha in essere un contratto di leasing per il sito
produttivo di Lieusaint. La scadenza del contratto è stabilita nell’ottobre 2014,
l’ammontare originario di tale contratto era di Euro 2.108 mila, la quota capitale residua
ammonta a Euro 344 mila e il tasso annuo applicato dal locatore è pari all’Euribor
trimestrale più uno spread di 60 basis points. A fronte di tale contratto il Gruppo non ha
fornito garanzie fideiussorie.
Non esistono restrizioni di alcun tipo collegate a tale leasing. Alla scadenza dei contratti
esiste un’opzione di acquisto dei beni per Euro 1. Ritenendo ragionevole l’esercizio
dell’opzione, considerato il limitato valore di riscatto dei beni, tale contratto è stato
contabilzzato alla stregua di leasing finanziari, così come previsto dallo IAS 17.
- Allevard Sogefi USA Inc. ha stipulato i seguenti contratti di leasing per il sito
produttivo di Prichard relativi a:
a) impianti, macchinari e migliorie sul fabbricato per un ammontare originario di Euro
1.160 mila. La scadenza del contratto è stabilita nel maggio 2019, la quota capitale
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
87
residua ammonta a Euro 684 mila e il tasso annuo applicato dal locatore è pari al 3,92%.
A fronte di tale contratto il Gruppo ha fornito garanzie fidejussorie;
b) impianti, macchinari e migliorie sul fabbricato per un ammontare originario di Euro
2.175 mila. La scadenza del contratto è stabilita nel luglio 2019, la quota capitale
residua ammonta a Euro 1.328 mila e il tasso annuo applicato dal locatore è pari al 3%.
A fronte di tale contratto il Gruppo ha fornito garanzie fidejussorie.
c) impianti, macchinari e migliorie sul fabbricato per un ammontare originario di Euro
3.151 mila. La scadenza del contratto è stabilita nel giugno 2023, la quota capitale
residua ammonta a Euro 2.988 mila e il tasso annuo applicato dal locatore è pari al
3,24%. A fronte di tale contratto il Gruppo ha fornito garanzie fidejussorie.
Non esistono restrizioni di alcun tipo collegate a tali leasing. Alla scadenza dei contratti
la proprietà dei beni viene trasferita al locatario senza il pagamento di alcun prezzo di
acquisto. Tali contratti sono stati pertanto contabilizzati alla stregua di leasing
finanziari, così come previsto dallo IAS 17.
17. DEBITI COMMERCIALI E ALTRI DEBITI CORRENTI
Gli importi riportati in bilancio sono suddivisi nelle seguenti categorie:
(in migliaia di Euro)
Debiti commerciali e altri debiti
Debiti per imposte sul reddito
TOTALE
31.12.2013
285.410
4.557
31.12.2012
282.050
12.203
289.967
294.253
Il dettaglio dei debiti commerciali e altri debiti è il seguente:
(in migliaia di Euro)
31.12.2013
31.12.2012
Verso fornitori
Verso controllante
Tributari per imposte indirette e altre
Verso istituti di previdenza e sicurezza
Verso il personale dipendente
Altri debiti
223.573
130
8.442
21.671
27.572
4.022
212.891
597
10.846
20.710
30.024
6.982
TOTALE
285.410
282.050
I debiti “Verso fornitori” non sono soggetti ad interessi e sono mediamente regolati a 73
giorni, in linea con l’esercizio 2012.
Non vi sono concentrazioni di debiti significativi verso uno o pochi fornitori.
I debiti “Verso fornitori” mostrano un incremento per Euro 10.682 mila (incremento
pari a Euro 18.077 mila a parità di cambio) riconducibile principalmente all’incremento
dell’attività nell’ultima parte dell’esercizio 2013 rispetto all’analogo periodo del
precedente esercizio.
La voce “Verso controllante” si riferisce al compenso riconosciuto a fronte della
cessione di eccedenze fiscali da parte di società partecipanti al consolidato del Gruppo
CIR. Per maggiori dettagli si rimanda alla nota 40.
88
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
La diminuzione dei debiti “Tributari per imposte indirette e altre” si riferisce ai debiti
per I.V.A. ed ad altri debiti tributari principalmente nelle controllate francesi.
I debiti “Verso il personale dipendente” risentono di minori accantonamenti per ferie e
bonus da liquidare.
La riduzione della linea “Altri debiti” deriva principalmente da una diversa
classificazione di alcuni importi tra la voce in oggetto e i crediti verso clienti.
La riduzione dei “Debiti per imposte sul reddito” si riferisce in gran parte alle
controllate Sogefi Engine Systems Canada Corp. e LPDN GmbH che avevano
beneficiato nel precedente esercizio di un minore pagamento di acconti di imposte
dell’anno.
18. ALTRE PASSIVITA’ CORRENTI
La voce “Altre passività correnti” include le poste rettificative di costi e ricavi
dell’esercizio al fine di garantirne il principio di competenza (ratei e risconti passivi) e
gli acconti ricevuti dai clienti per forniture ancora non effettuate.
19. FONDI A LUNGO TERMINE E ALTRI DEBITI
La voce è così dettagliata:
(in migliaia di Euro)
Fondi pensione
Fondo trattamento di fine rapporto
Fondo ristrutturazioni
Fondo per contenziosi fiscali
Fondo per phantom stock option
Fondo garanzia prodotti e altri rischi
Indennità suppletiva clientela
Cause legali
31.12.2013
31.321
7.685
16.870
878
1.299
22.538
96
985
31.12.2012
36.213
7.867
7.720
546
30
27.329
90
881
81.672
80.676
TOTALE
Viene di seguito fornito un dettaglio delle principali voci.
Fondi pensione
L’ammontare pari a Euro 31.321 mila rappresenta quanto accantonato alla fine
dell’esercizio dalle varie società estere del Gruppo a fronte delle passività dei diversi
fondi pensione. Si precisa che al 31 dicembre 2013 il fondo pensione della controllata
Sogefi Filtration Ltd presenta un surplus pari a Euro 2.876 mila che è stato iscritto nella
linea “Altri crediti”, così come esposto alla nota 13. L’ammontare netto delle passività
dei diversi fondi pensione al 31 dicembre 2013 è pertanto pari a Euro 28.445 mila, come
evidenziato nella seguente tabella:
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
89
(in migliaia di Euro)
Saldo iniziale
Costo dei benefici a conto economico
Importi riconosciuti negli "Altri utili (perdite)
complessivi"
Contributi pagati
Differenze cambio
TOTALE
di cui iscritto nel Passivo
di cui iscritto nell'Attivo
31.12.2013
33.582
640
31.12.2012
30.088
4.214
(2.756)
(2.898)
(123)
28.445
31.321
(2.876)
2.000
(2.873)
153
33.582
36.213
(2.631)
La tabella seguente illustra l’ammontare complessivo delle obbligazioni derivanti dai
“Fondi pensione” e il valore attuale delle attività al servizio dei piani per l’esercizio
2013 e per i due precedenti.
(in migliaia di Euro)
Valore attuale delle obbligazioni dei fondi
Fair value attività dei piani
Deficit
Passività registrata nei "Fondi a lungo termine"
Surplus registrato negli "Altri crediti"
31.12.2013
31.12.2012
31.12.2011
186.866
158.421
28.445
31.321
(2.876)
189.037
155.455
33.582
36.213
(2.631)
179.577
149.489
30.088
30.088
-
Di seguito si riporta la movimentazione del “Valore attuale delle obbligazioni dei fondi”
avvenuta nell’esercizio 2013:
(in migliaia di Euro)
Valore attuale delle obbligazioni all'inizio del
periodo
Costo corrente del servizio
Oneri finanziari
Rideterminazione (utili)/ perdite:
- (Utili)/ perdite attuariali derivanti da cambiamenti
di assunzioni demografiche
- (Utili)/ perdite attuariali derivanti da cambiamenti
di assunzioni finanziarie
- (Utili)/ perdite attuariali derivanti dall'esperienza
- (Utili) Perdite attuariali relativi agli "Altri benefici
a lungo termine"
Costo passato del servizio
Contributi versati dai partecipanti al piano
Estinzioni/Riduzioni
Differenze cambio
Benefici liquidati
Valore attuale delle obbligazioni al termine del
periodo
31.12.2013
31.12.2012
189.037
1.918
7.698
179.577
2.084
8.754
(2.921)
140
6.261
(2.563)
8.042
(4.147)
56
(824)
253
(2.054)
(3.306)
(6.689)
492
(2.644)
3.561
(6.822)
186.866
189.037
Gli “(Utili)/perdite attuariali derivanti da cambiamenti di assunzioni finanziarie”
derivano principalmente dalla crescita del tasso di incremento salariale e di inflazione
nei fondi pensione inglesi.
90
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
Gli “(Utili)/perdite attuariali derivanti dall’esperienza” riflettono la differenza tra le
precedenti ipotesi attuariali e quanto si è effettivamente verificato (ad esempio in
termini di turnover dei dipendenti, incremento salariale o tasso di inflazione).
Con riferimento ai valori delle società con valute funzionali diverse dall’Euro si precisa
che le voci di Conto Economico sono state convertite al cambio medio del periodo; il
valore attuale delle obbligazioni all’inizio e alla fine del periodo è stato convertito al
rispettivo cambio puntuale alla data.
La movimentazione del fair value delle attività a servizio dei piani è evidenziata nella
tabella seguente:
(in migliaia di Euro)
Fair value delle attività all'inizio del periodo
Proventi finanziari
Rideterminazione (utili)/ perdite:
- Rendimento delle attività a servizio del piano
Costi non di gestione delle attività a servizio del
piano
Contributi versati dalla società
Contributi versati dai partecipanti al piano
Estinzioni/Riduzioni
Differenze cambio
Benefici liquidati
Fair value delle attività alla fine del periodo
31.12.2013
155.455
6.634
31.12.2012
149.489
7.296
3.533
2.027
(480)
1.363
253
(3.181)
(5.156)
158.421
(154)
1.728
492
(3.162)
3.411
(5.672)
155.455
Con riferimento ai valori delle società con valute funzionali diverse dall’Euro si precisa
che le voci di Conto Economico sono state convertite al cambio medio del periodo
mentre il fair value delle attività all’inizio e alla fine del periodo è stato convertito al
rispettivo cambio puntuale alla data.
Di seguito si riporta il dettaglio degli ammontari riconosciuti negli altri “Utili (perdite)
complessive”:
(in migliaia di Euro)
Rendimento effettivo delle attività al servizio del
piano (esclusi gli importi compresi negli interessi
netti sulla passività (attività) netta)
(Utili)/ perdite attuariali derivanti da cambiamenti di
assunzioni demografiche
(Utili)/ perdite attuariali derivanti da cambiamenti di
assunzioni finanziarie
(Utili)/ perdite attuariali derivanti dall'esperienza
Valore della passività ( attività ) netta da rilevare
negli "Altri utili (perdite) complessivi"
31.12.2013
31.12.2012
(3.533)
(2.027)
(2.921)
140
6.261
(2.563)
8.042
(4.155)
(2.756)
2.000
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
91
Gli ammontari rilevati nel Conto Economico possono essere così riassunti:
(in migliaia di Euro)
Costo corrente del servizio
Oneri finanziari netti
Costo passato del servizio
(Utili) Perdite attuariali rilevati nell'anno relativi agli
"Altri benefici a lungo termine"
Costi non di gestione delle attività a servizio del
piano
Estinzioni/Riduzioni
TOTALE
31.12.2013
1.918
1.064
(824)
31.12.2012
2.084
1.458
-
56
-
480
(2.054)
640
154
518
4.214
La voce “Costo passato del servizio” si riferisce alla controllata Allevard Springs Ltd a
seguito di una modifica del piano.
La voce “Estinzioni/Riduzioni” include Euro 1.967 mila relativi alla controllata
Filtrauto S.A. per il processo di riorganizzazione in corso.
La voce “Costo corrente del servizio”, al netto di Euro 87 mila della voce
Estinzioni/Riduzioni”, e la voce “Costi non di gestione delle attività a servizio del
piano” sono incluse nelle linee del “Costo del lavoro” delle varie voci del Conto
Economico.
La voce “Costo passato del servizio” è inclusa nella linea “Altri costi (ricavi) non
operativi” Conto Economico.
La linea “Oneri finanziari netti” è inclusa nella voce “Oneri (proventi) finanziari netti”.
Gli “(Utili) Perdite attuariali rilevati nell’anno” sono inclusi nella voce “Altri costi
(ricavi) non operativi”
La voce “Estinzioni/Riduzioni” è inclusa nella linea “Costi di ristrutturazione” per Euro
1.967 mila e nella voce “Costo del lavoro” per Euro 87 mila.
I piani a benefici definiti espongono il Gruppo ai seguenti rischi attuariali:
-
-
-
92
Rischio di investimento (applicabile solo alle controllate inglesi in cui sono presenti
attività al servizio del piano): il valore attuale dell’obbligazione per benefici definiti
è calcolato utilizzando un tasso di sconto determinato con riferimento ai rendimenti
dei corporate bonds dell’area Euro con rating AA; se il rendimento delle attività
poste al servizio del piano è inferiore a questo tasso si avrà un deficit del piano. Per
tale ragione e tenuto conto della natura a lungo termine della passività del piano, i
fondi delle società inglesi hanno differenziato il proprio portafoglio includendo
investimenti immobiliari, strumenti di debito e strumenti di capitale.
Rischio di interesse: un decremento nel tasso di sconto determinerà un incremento
della passività del piano; in presenza di attività al servizio del piano, tale
incremento verrà però parzialmente annullato da un incremento del rendimento
degli investimenti del piano.
Rischio di longevità: il valore dell’obbligazione per benefici definiti è calcolato
tenendo conto della migliore stima possibile del tasso di mortalità dei partecipanti
al piano; un incremento dell’aspettativa di vita determina un incremento
dell’obbligazione.
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
-
Rischio di inflazione/incremento salariale: il valore del piano per benefici definiti
con riferimento ai dipendenti in servizio è calcolato tenendo conto degli incrementi
salariali futuri e del tasso di inflazione: un incremento di queste due determinanti
genera un incremento dell’obbligazione.
Di seguito viene riportata la composizione dei “Fondi pensione” in funzione delle aree
geografiche d’appartenenza delle società controllate interessate:
31.12.2012
(in migliaia di Euro)
Valore attuale delle obbligazioni dei fondi
Fair value attività dei fondi
Deficit
Gran
Bretagna
158.852
155.408
3.444
(in migliaia di Euro)
Valore attuale delle obbligazioni dei fondi
Fair value attività dei fondi
Deficit
Francia
26.625
26.625
Altri
3.560
47
3.513
TOTALE
189.037
155.455
33.582
31.12.2013
Gran
Bretagna
158.622
158.365
257
Francia
24.814
24.814
Altri
3.430
56
3.374
TOTALE
186.866
158.421
28.445
La riduzione del Deficit in Gran Bretagna è dovuto alle contribuzioni ordinarie
effettuate nell’esercizio, superiori al relativo costo corrente del servizio, e alle
dinamiche del calcolo attuariale.
La riduzione del Deficit in Francia è dovuto principalmente agli effetti del piano di
ristrutturazione in corso che comporterà una riduzione del numero degli aventi diritto.
Si precisa che le valutazioni attuariali dei “Fondi pensione” vengono effettuate con
l’ausilio di società esterne specializzate nel settore.
Vengono di seguito riassunti i trattamenti previdenziali esistenti nelle aree geografiche
di maggior impatto del Gruppo: Gran Bretagna e Francia.
Gran Bretagna
In Gran Bretagna i piani previdenziali hanno prevalentemente natura privatistica e sono
stipulati con società di gestione e amministrati indipendentemente dalla società.
Vengono classificati come piani a prestazioni definita, soggetti a valutazione attuariale e
contabilizzati secondo quanto previsto e consentito dallo IAS 19.
In merito alla governance del piano, gli amministratori, costituiti da rappresentanti dei
dipendenti, degli ex dipendenti e del datore di lavoro, per legge devono agire
nell’interesse del fondo e di tutti i principali stakeholders e sono responsabili delle
politiche di investimento con riferimento alle attività del piano.
Per quanto riguarda la natura dei benefici ai dipendenti, questi hanno diritto di ricevere,
successivamente alla cessazione del rapporto di lavoro, un importo annuo calcolato
moltiplicando una quota del salario percepito all’età di pensionamento per ogni anno di
servizio prestato fino all’età di pensionamento.
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
93
Le principali ipotesi utilizzate per la stima attuariale di tali “Fondi pensione” sono state
le seguenti:
Tasso di attualizzazione %
Rendimento atteso degli strumenti di debito %
Rendimento atteso degli strumenti di capitale %
Rendimento atteso della cassa %
Tasso di incremento salariale atteso %
Tasso annuo di inflazione %
Età di pensionamento
31.12.2013
4,6
4,5-5,0
7,0
2,0
3,5-3,95
3,5
65
31.12.2012
4,5
5,0
7,0
2,0
2,8-3,8
2,8
65
L’aumento del “Tasso di attualizzazione” rispetto all’anno precedente riflette il trend in
crescita dei rendimenti dei corporate bonds UK con rating AA (durata 13 anni)
registrato nel 2013.
Di seguito si riporta la movimentazione del valore attuale dell’obbligazione per i fondi
inglesi, intercorsa nel corso degli esercizi 2012 e 2013:
(in migliaia di Euro)
Valore attuale delle obbligazioni all'inizio del
periodo
Costo corrente del servizio
Oneri finanziari
Rideterminazione (utili)/ perdite:
- (Utili)/ perdite attuariali derivanti da cambiamenti
di assunzioni demografiche
- (Utili)/ perdite attuariali derivanti da cambiamenti
di assunzioni finanziarie
- (Utili)/ perdite attuariali derivanti dall'esperienza
Costo passato del servizio
Contributi versati dai partecipanti al piano
Estinzioni/Riduzioni
Differenze cambio
Benefici liquidati
Valore attuale delle obbligazioni al termine del
periodo
94
31.12.2013
31.12.2012
158.852
283
6.730
152.169
810
7.436
(2.813)
-
5.786
(1.195)
(824)
253
(3.297)
(5.153)
3.344
(3.918)
492
518
3.561
(5.560)
158.622
158.852
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
La movimentazione del fair value delle attività a servizio dei piani inglesi è evidenziata
nella tabella seguente:
(in migliaia di Euro)
Fair value delle attività all'inizio del periodo
Proventi finanziari
Rideterminazione (utili)/ perdite:
- Rendimento delle attività a servizio del piano
Costi non di gestione delle attività a servizio del
piano
Contributi versati dalla società
Contributi versati dai partecipanti al piano
Estinzioni/Riduzioni
Differenze cambio
Benefici liquidati
Fair value delle attività alla fine del periodo
31.12.2013
155.408
6.630
31.12.2012
146.304
7.155
3.533
2.030
(480)
1.341
253
(3.167)
(5.153)
158.365
(154)
1.733
492
3.408
(5.560)
155.408
Si riporta di seguito l’allocazione del fair value della attività al servizio del piano sulla
base della tipologia di strumento finanziario:
Strumenti di debito
Strumenti di capitale
Investimenti immobiliari
Cassa
Derivati
Altre attività
TOTALE
31.12.2013
27,1%
47,8%
2,0%
15,0%
6,3%
1,8%
100,0%
31.12.2012
29,0%
40,7%
2,2%
14,4%
11,7%
2,0%
100,0%
Il fair value di tali strumenti finanziari è stato determinato sulla base delle quotazioni
reperibili in mercati attivi.
L’asset allocation al termine dell’esercizio 2013 mostra un aumento del peso degli
strumenti di capitale rispetto a quelli di debito. Tale incremento non rappresenta un
cambiamento nella strategia di investimento ma riflette la gestione dinamica del fondo
che richiede di adeguare l’allocazione delle attività in base alle condizioni economiche
presenti e alle aspettative future.
Gli strumenti di debito sono costituti in prevalenza da titoli corporate stranieri. Gli
strumenti di capitale sono costituiti in prevalenza da titoli stranieri (minima è la quota
dei titoli dei paesi emergenti).
Il Trustee Boards rivede periodicamente le strategie di investimento del piano
differenziando in base ai rischi e alla redditività delle attività. Tali strategie tengono in
considerazione la natura e durata della passività, le esigenze di finanziamento del fondo
e la capacità del datore di lavoro di rispettare gli impegni del fondo. Il fondo della
controllata Sogefi Filtration Ltd utilizza strumenti finanziari derivati per coprire il
rischio di variazione della passività collegato ai tassi di interesse e di inflazione.
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
95
Di seguito vengono riportati i rendimenti effettivi delle attività a servizio del piano:
Rendimento effettivo degli strumenti di debito %
Rendimentoeffettivo degli strumenti di capitale %
Rendimento effettivo della cassa %
Rendimento effettivo delle altre attività a servizio del
piano %
31.12.2013
-4,0 / 0
+17,0 / +18,0
0 / +0,5
31.12.2012
+3
+14
-
+6,0 / +12,0
+7
Il rendimento medio complessivo delle attività a servizio dei piani per l’esercizio 2013 è
stato pari al 6,4% nella controllata Sogefi Filtration Ltd (totale attività al 31 dicembre
2013 pari a Euro 145.525 mila) e al 12,3% nella controllata Allevard Springs Ltd (totale
attività al 31 dicembre 2013 pari a Euro 12.840 mila).
In merito all’effetto del piano a benefici definiti delle società inglesi sui flussi finanziari
futuri del Gruppo, i contributi ai piani previsti per il prossimo esercizio sono pari ad
Euro 1.354 mila.
La durata media dell’obbligazione al 31 dicembre 2013 è pari a circa 19 anni.
Come richiesto dallo IAS 19 revised è stata effettuata una sensitivity analysis al fine di
individuare come cambia il valore attuale dell’obbligazione al modificarsi delle ipotesi
attuariali ritenute più significative, tenute costanti le altre assunzioni attuariali.
Tenuto conto del peculiare funzionamento dei fondi inglesi, le assunzioni attuariali
ritenute significative sono:
- Tasso di attualizzazione
- Tasso di incremento salariale
- Aspettativa di vita
Di seguito si riepiloga la variazione del valore attuale dell’obbligazione al variare delle
suddette ipotesi attuariali:
(in migliaia di Euro)
Tasso di attualizzazione
Tasso di incremento salariale
(in migliaia di Euro)
Apettativa di vita
31.12.2013
+1%
(24.908)
119
-1%
29.597
(116)
31.12.2013
+ 1 anno
- 1 anno
3.513
(3.434)
Francia
In Francia le pensioni sono fondate su piani statali e la responsabilità della società è
limitata al pagamento dei contributi stabiliti per legge.
In aggiunta a tale assistenza garantita dallo Stato i dipendenti che vanno in pensione
hanno diritto ad ammontari aggiuntivi definiti dal contratto collettivo e determinati sulla
base dell’anzianità di servizio e del livello salariale, da corrispondere solo se il
dipendente raggiunge l’età pensionabile in azienda. Tali ammontari non vengono
96
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
riconosciuti se il dipendente lascia la società prima del raggiungimento dell’età
pensionabile.
I benefici aggiuntivi vengono riconosciuti come passività per l’azienda e, in accordo con
lo IAS 19, vengono considerati come piani a prestazione definita e sono soggetti a
valutazione attuariale.
In aggiunta all’indennità di pensionamento, viene riconosciuto, in base ad un accordo
collettivo, un “Jubilee benefit” (calcolato con modalità differenti in ognuna delle
controllate francesi) in occasione del raggiungimento dei 20, 30, 35 e 40 anni di lavoro
prestati in azienda. Il “Jubilee benefit” è considerato in accordo con lo IAS 19 nella
categoria residuale degli “Altri benefici a lungo termine” ed è soggetto a valutazione
attuariale; gli utili (perdite) attuariali devono essere riconosciute nel Conto Economico
dell’esercizio. Tale premio maturato in occasione degli anniversari di permanenza in
azienda non viene riconosciuto se il dipendente lascia la società prima del
raggiungimento delle soglie sopra indicate.
Le principali ipotesi utilizzate per la stima attuariale di tali “Fondi pensione” sono state
le seguenti:
Tasso di attualizzazione %
Tasso di incremento salariale atteso %
Tasso annuo di inflazione %
Età di pensionamento
31.12.2013
3,0-3,2
2,0-2,5
2,0
60-67
31.12.2012
3,0-3,3
2,0-2,5
2,0
60-65
Il “Tasso di attualizzazione” è calcolato sulla base dei rendimenti dei corporate bonds
dell’area Euro con rating AA (durata 10-13 anni).
La movimentazione del “Valore attuale delle obbligazioni dei fondi” è la seguente:
(in migliaia di Euro)
Valore attuale delle obbligazioni all'inizio del
periodo
Costo corrente del servizio
Oneri finanziari
Rideterminazione (utili)/ perdite:
- (Utili)/ perdite attuariali derivanti da cambiamenti
di assunzioni demografiche
- (Utili)/ perdite attuariali derivanti da cambiamenti
di assunzioni finanziarie
- (Utili)/ perdite attuariali derivanti dall'esperienza
Estinzioni/Riduzioni
Benefici liquidati
Valore attuale delle obbligazioni al termine del
periodo
31.12.2013
31.12.2012
26.625
1.576
849
21.052
1.236
1.026
(16)
149
553
(1.449)
(2.054)
(1.270)
4.289
(246)
(881)
24.814
26.625
L’analisi di sensitività con riferimento ai fondi francesi è stata effettuata facendo variare
le seguenti ipotesi attuariali:
- Tasso di attualizzazione
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
97
-
Tasso di incremento salariale
Di seguito si riepiloga la variazione del valore attuale dell’obbligazione al variare delle
suddette ipotesi attuariali:
(in migliaia di Euro)
Tasso di attualizzazione
Tasso di incremento salariale
31.12.2013
+1%
(2.812)
3.890
-1%
2.935
(3.381)
Fondo trattamento di fine rapporto
Tale aspetto riguarda esclusivamente le società italiane del Gruppo, dove le pensioni
sono rappresentate da piani statali e la responsabilità della società è limitata al regolare
pagamento dei contributi sociali mensili.
Secondo quanto previsto dalla normativa nazionale, in aggiunta alla previdenza pubblica
ogni dipendente ha diritto all’indennità di fine rapporto (TFR) che matura in funzione
del servizio prestato ed è erogata nel momento in cui il dipendente lascia la società.
Il trattamento dovuto alla cessazione del rapporto di lavoro è calcolato in base alla sua
durata e alla retribuzione imponibile di ciascun dipendente.
La passività viene accantonata in un apposito fondo e, per gli ammontari accantonati
negli anni precedenti, è soggetta a rivalutazione annuale in ragione dell’indice ufficiale
del costo della vita e degli interessi di legge, non è associata ad alcuna condizione o
periodo di maturazione, né ad alcun obbligo di provvista finanziaria; non esistono
pertanto, attività al servizio del fondo.
Il TFR è considerato come fondo a prestazione definita pertanto soggetto a valutazione
attuariale per la parte relativa ai futuri benefici previsti e relativi a prestazioni già
corrisposte (che rappresenta la parte soggetta a rivalutazione annuale).
Si ricorda che, a seguito delle modifiche apportate al “Fondo trattamento di fine
rapporto” dalla Legge 27 dicembre 2006, n. 296 e successivi Decreti e Regolamenti
emanati nei primi mesi del 2007, per le aziende con almeno 50 dipendenti (Sogefi Rejna
S.p.A.), le quote maturate a partire dall’1 gennaio 2007 sono destinate, su opzione dei
dipendenti, o al Fondo di Tesoreria presso l’INPS o alle forme di previdenza
complementare, assumendo la natura di “piani a contributi definiti”. Tali quote non
sono, pertanto, soggette a valutazione attuariale e non vengono più accantonate al
“Fondo trattamento di fine rapporto”. Il “Fondo trattamento di fine rapporto” maturato
al 31 dicembre 2006 rimane un “piano a benefici definiti” con la conseguente necessità
di effettuare conteggi attuariali, che però non terranno più conto della componente
relativa agli incrementi salariali futuri.
Per le società con meno di 50 dipendenti (Capogruppo Sogefi S.p.A.), ai sensi dello IAS
19 il fondo è contabilizzato interamente come “Piano a prestazioni definite” quindi
soggetto a valutazione con tecnica attuariale.
Le ipotesi considerate in sede di valutazione attuariale del “Fondo trattamento di fine
rapporto (TFR)” sono state:
- Ipotesi macroeconomiche:
98
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
1. tasso di attualizzazione (indice IBoxx Eurozone Corporate AA): 2,5% (2,05% al 31
dicembre 2012)
2. tasso annuo di inflazione: 2% (2% al 31 dicembre 2012)
3. tasso annuo incremento TFR: 3% (3% al 31 dicembre 2012)
- Ipotesi demografiche:
1. tasso di dimissioni volontarie: 3% - 10% dell’organico (stesse ipotesi al 31 dicembre
2012);
2. età di pensionamento: si è supposto il raggiungimento del primo dei requisiti validi
per l’assicurazione generale obbligatoria (stesse ipotesi al 31 dicembre 2012);
3. probabilità di morte: sono state utilizzate le tavole di mortalità RG48 prodotte dalla
Ragioneria Generale dello Stato (stesse ipotesi al 31 dicembre 2012);
4. per le probabilità di anticipazione si è supposto un valore anno per anno pari al 2% 3% (stesse ipotesi al 31 dicembre 2012);
5. per le probabilità di inabilità sono state utilizzate le tavole INPS differenziate in
funzione dell’età e del sesso (stesse ipotesi al 31 dicembre 2012).
Nel corso del periodo in esame il fondo ha subito le seguenti variazioni:
(in migliaia di Euro)
Saldo iniziale
Accantonamenti del periodo
Importi riconosciuti negli "Altri utili
(perdite) complessivi"
Contributi pagati
31.12.2013
7.867
260
31.12.2012
6.491
348
(209)
(233)
1.370
(342)
7.685
7.867
TOTALE
Gli ammontari rilevati nel Conto Economico possono essere così riassunti:
(in migliaia di Euro)
Costo corrente del servizio
Oneri finanziari
2013
100
160
260
TOTALE
2012
80
268
348
La durata media dell’obbligazione al 31 dicembre 2013 è pari a circa 9 anni.
Di seguito si riporta l’analisi di sensitività per il fondo trattamento di fine rapporto. La
seguente tabella riporta la variazione del fondo al variare delle seguenti ipotesi
attuariali:
- Tasso di sconto
- Crescita salariale
(in migliaia di Euro)
31.12.2013
+0,5%
Tasso di attualizzazione
Tasso di incremento salariale
-0,5%
(262)
8
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
278
(8)
99
Fondo ristrutturazioni
Rappresenta gli importi accantonati per operazioni di ristrutturazione annunciate e
comunicate alle controparti interessate così come richiesto dai principi contabili.
Nel corso del periodo in esame il fondo ha subito le seguenti variazioni:
(in migliaia di Euro)
Saldo iniziale
Accantonamenti del periodo
Utilizzi
Mancati utilizzi del periodo
Altri movimenti
Differenze cambio
TOTALE
31.12.2013
7.720
15.750
(6.046)
(303)
(251)
31.12.2012
2.484
7.103
(1.666)
(158)
(20)
(23)
16.870
7.720
Gli “Accantonamenti del periodo” si riferiscono quasi esclusivamente alla controllata
Filtrauto S.A. (il Gruppo ha avviato la negoziazione per la chiusura dello stabilimento di
Saint Père e per trasferire la produzione dello stabilimento di Argentan a Vire) .
Gli “Utilizzi” sono stati registrati a riduzione dei fondi precedentemente accantonati
prevalentemente nella business unit Sistemi Motore per la chiusura dello stabilimento di
Llantrisant.
I “Mancati utilizzi del periodo” si riferiscono a fondi accantonati in esercizi precedenti
risultati poi in eccesso rispetto a quanto effettivamente erogato.
La movimentazione degli “Accantonamenti del periodo” al netto dei “Mancati utilizzi
del periodo”, pari a Euro 15.447 mila, è registrata a Conto Economico nella linea “Costi
di ristrutturazione”.
Fondo per contenziosi fiscali
La voce si riferisce a contenziosi fiscali in corso di definizione con le amministrazioni
tributarie locali europee, per i quali si è proceduto ad effettuare accantonamenti ritenuti
appropriati ancorché non sia certo l’esito finale.
Nel corso del periodo in esame il fondo ha subito le seguenti variazioni:
(in migliaia di Euro)
Saldo iniziale
Accantonamenti del periodo
Utilizzi
TOTALE
31.12.2013
546
378
(46)
31.12.2012
80
500
(34)
878
546
Fondo per phantom stock option
La voce ammonta a Euro 1.299 mila (Euro 30 mila al 31 dicembre 2012) e si riferisce
all’accantonamento del fair value relativo ai piani di incentivazione che prevedono una
regolazione in contanti, definiti phantom stock option, destinati al Consigliere che
100
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
ricopriva la carica di Amministratore Delegato della Capogruppo alla data di emissione
dei relativi piani.
L'incremento del fondo è correlato all'aumento del fair value delle phantom stock option
rispetto all'esercizio precedente dovuto principalmente all'apprezzamento nell'esercizio
2013 del valore di borsa dell'azione Sogefi. Nel Conto Economico l’aumento del fondo
è stato incluso nella voce “Emolumenti agli organi sociali”.
Per maggiori dettagli sui piani di phantom stock option si rimanda alla nota 29.
Fondo garanzia prodotti e altri rischi
Nel corso del periodo in esame il fondo ha subito le seguenti variazioni:
(in migliaia di Euro)
Saldo iniziale
Accantonamenti del periodo
Utilizzi
Mancati utilizzi del periodo
Altri movimenti
Differenze cambio
TOTALE
31.12.2013
27.329
1.085
(5.386)
(432)
(58)
22.538
31.12.2012
33.974
581
(3.653)
(1.770)
(1.790)
(13)
27.329
La voce include prevalentemente le passività legate a rischi di garanzia prodotti del
Gruppo Systemes Moteurs e le altre passività iscritte durante il processo di PPA relativo
all’acquisizione del Gruppo stesso. Si sono avviate negoziazioni con le controparti
interessate per raggiungere degli accordi transattivi.
I “Mancati utilizzi del periodo” si riferiscono principalmente a fondi accantonati in
esercizi precedenti rivelatisi in eccesso rispetto alla valutazione aggiornata del rischio o
a quanto effettivamente erogato.
Indennità suppletiva clientela e Cause legali
Nel corso del periodo in esame i fondi hanno subito le seguenti variazioni:
(in migliaia di Euro)
Saldo iniziale
Accantonamenti del periodo
Utilizzi
Mancati utilizzi del periodo
Differenze cambio
TOTALE
31.12.2012
Indennità
suppletiva
clientela
86
4
90
Cause
legali
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
887
235
(132)
(93)
(16)
881
101
(in migliaia di Euro)
Saldo iniziale
Accantonamenti del periodo
Utilizzi
Mancati utilizzi del periodo
Differenze cambio
TOTALE
31.12.2013
Indennità
suppletiva
clientela
90
6
96
Cause
legali
881
405
(228)
(38)
(35)
985
Gli importi in bilancio rappresentano la miglior stima possibile delle passività alla data di
chiusura dell’esercizio. La voce “Cause legali” include contenziosi con dipendenti e
terze parti.
Altri debiti
La voce “Altri debiti” ammonta a Euro 257 mila (Euro 179 mila al 31 dicembre 2012).
20. IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE
Alla luce delle disposizioni dettate dai principi contabili internazionali in tema di
informativa di bilancio vengono di seguito esposti i dettagli delle imposte anticipate e
differite.
102
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
(in migliaia di Euro)
Imposte anticipate:
Svalutazioni crediti
Ammortamenti/svalutazioni
immobilizzazioni
Svalutazioni magazzino
Fondi ristrutturazione
Altri fondi rischi e oneri - Altri
debiti
Fair value derivati
Altri
Imposte anticipate attinenti a
perdite fiscali dell'esercizio
Imposte anticipate attinenti a
perdite fiscali di esercizi
precedenti
TOTALE
Imposte differite:
Ammortamenti
anticipati/eccedenti
Differenze nei criteri di
valutazione del magazzino
Capitalizzazioni costi R&D
Altri
TOTALE
Imposte anticipate (differite)
nette
31.12.2013
31.12.2012
Effetto fiscale
Effetto fiscale
Ammontare
Ammontare
delle differenze
delle differenze
temporanee
temporanee
3.258
937
3.081
882
29.798
4.928
8.822
9.163
1.602
2.990
24.018
5.318
778
7.358
1.732
214
50.978
16.508
15.324
16.984
4.541
5.316
60.081
14.242
13.419
19.638
3.919
4.899
-
-
7.517
2.588
56.861
186.477
18.087
59.620
58.174
186.628
18.948
60.178
75.416
22.040
85.091
25.379
775
42.300
6.493
124.984
213
14.384
1.678
38.315
758
39.450
8.233
133.532
211
13.424
2.280
41.294
21.305
18.884
Differenze temporanee escluse dalla determinazione delle imposte anticipate (differite):
Perdite fiscali riportabili a
65.423
21.025
62.715
20.354
nuovo
L’effetto fiscale è stato calcolato sulla base delle aliquote applicabili nei singoli paesi
che risultano in linea con l’esercizio precedente ad eccezione dell’aliquota in Gran
Bretagna (20% al 31 dicembre 2013 rispetto a 23% nell’esercizio precedente).
La variazione nella linea “Imposte anticipate (differite) nette” rispetto al 31 dicembre
2012 è pari a Euro 2.421 mila e differisce per Euro 433 mila da quanto registrato nel
Conto Economico alla voce “Imposte sul reddito – Imposte differite (anticipate)” (Euro
2.854 mila) per:
- movimenti di poste patrimoniali che non hanno avuto effetti economici e pertanto il
relativo effetto fiscale negativo pari a Euro 550 mila è stato contabilizzato negli Altri
utili (perdite) complessivi (effetto positivo relativo al fair value dei derivati designati in
cash flow hedge per Euro 620 mila; effetto negativo relativo agli utili/perdite attuariali
derivanti dall’applicazione dello IAS 19 revised per Euro 1.170 mila);
- riclassifiche o differenze cambio per Euro 117 mila.
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
103
L’incremento della voce “Fondi di ristrutturazione” si riferisce essenzialmente al
processo di ristrutturazione della controllata Filtrauto S.A..
La riduzione dell’effetto fiscale nella voce “Altri fondi rischi e oneri - Altri debiti”
deriva principalmente dalla riduzione delle passività legate ai fondi pensione e delle
passività legate ai fondi rischi di garanzia prodotti rivenienti dall’acquisto del Gruppo
Systemes Moteurs a seguito del pagamento parziale della relativa passività.
La voce “Altri” delle imposte differite attive comprende poste di varia natura tra le
quali, a titolo esemplificativo, costi con deducibilità fiscale differita (ad esempio bonus
riconosciuti ai dipendenti, imposte indirette la cui deducibilità è collegata all’effettivo
pagamento, costi per servizi intercompany nelle controllate argentine la cui deducibilità
è collegata all’effettivo pagamento) o contro la doppia imposizione internazionale da
utilizzare in esercizi futuri in riduzione dei debiti fiscali da pagare nella controllata
spagnola Sogefi Filtration S.A..
Le “Imposte anticipate attinenti a perdite fiscali di esercizi precedenti” fanno riferimento
alle controllate Allevard Sogefi U.S.A. Inc. (Euro 6.802 mila; Euro 7.109 mila al 31
dicembre 2012), Allevard Rejna Autosupensions S.A. (Euro 4.760 mila; Euro 5.084
mila al 31 dicembre 2012), Sogefi Filtration Ltd (Euro 2.933 mila; Euro 3.416 mila al
31 dicembre 2012), Sogefi Filtration S.A. (Euro 1.972 mila; Euro 2.308 mila al 31
dicembre 2012), United Springs S.A.S. (Euro 921 mila; Euro 1.031 mila al 31 dicembre
2012) e Systèmes Moteurs S.A.S. (Euro 699 mila; Euro 2.588 mila al 31 dicembre
2012). L’iscrizione di tali imposte è avvenuta in quanto si ritiene probabile che sia
disponibile un reddito imponibile futuro a fronte del quale le perdite fiscali possano
essere utilizzate. Tale probabilità si evince dal fatto che le perdite si sono generate per
circostanze non ordinarie, quali ristrutturazioni passate o in atto, che è improbabile che
si ripetano. Inoltre si segnala che le perdite della controllata inglese sono illimitatamente
riportabili nel tempo e quelle della controllata spagnola possono essere utilizzate entro il
2028. Le perdite della controllata francese sono illimitatamente riportabili nel tempo
ma, sulla base di una nuova legge emanata nel 2012, l’importo utilizzabile ogni anno è
limitato, allungando in tale modo il periodo di recupero.
Si precisa che le imposte anticipate relative alla “Svalutazione crediti” e alla
“Svalutazione magazzino” includono importi che si riverseranno prevalentemente nei
dodici mesi successivi alla chiusura dell’esercizio.
In relazione agli ammontari inclusi nella voce “Differenze temporanee escluse dalla
determinazione delle imposte anticipate (differite)”, va osservato che non sono state
iscritte imposte anticipate in quanto non sussistevano a fine esercizio condizioni che
potessero confortare sulla probabilità della loro recuperabilità. Le “Perdite fiscali
riportabili a nuovo” si riferiscono principalmente alle controllate Allevard Sogefi U.S.A.
Inc. (quota delle perdite non iscritta tra le imposte anticipate in quanto non recuperabile
nel periodo esplicito del piano pluriennale della società), Allevard Rejna
Autosupensions S.A. (quota delle perdite non iscritta tra le imposte anticipate in quanto
non recuperabile nel periodo esplicito del piano pluriennale della società), S. ARA
Composite S.A.S. e alle controllate cinesi e inglesi della business unit Sistemi Motore.
104
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
L’incremento della voce “Perdite fiscali riportabili a nuovo” è dovuto principalmente
alle perdite di alcune società operanti nella business unit Sospensioni e alle perdite della
controllata Sogefi (Suzhou) Auto Parts Co., Ltd. Non sono state iscritte imposte
anticipate su tali perdite in quanto i flussi del periodo esplicito del piano pluriennale
della società consentono il recupero solo delle imposte anticipate già iscritte nei
precedenti esercizi.
21. CAPITALE SOCIALE E RISERVE
Capitale sociale
Il capitale sociale della Capogruppo Sogefi S.p.A. è interamente versato e ammonta al
31 dicembre 2013 a Euro 60.924 mila (60.712 mila al 31 dicembre 2012), diviso in n.
117.162.292 azioni ordinarie da nominali Euro 0,52 cadauna.
Nell’esercizio 2013 il capitale sociale è aumentato da Euro 60.712 mila (suddiviso in n.
116.753.392 azioni ordinarie da nominali Euro 0,52 ciascuna) a Euro 60.924 mila
(suddiviso in n. 117.162.292 azioni). Tutte le azioni ordinarie sono interamente versate.
Non esistono azioni gravate da diritti, privilegi e vincoli nella distribuzione di dividendi.
Si segnala che al Consiglio di Amministrazione sono state conferite deleghe per un
periodo di cinque anni dalla data di iscrizione al Registro Imprese della delibera
assembleare del 23 aprile 2009 per aumentare in una o più volte il capitale sociale fino
ad un massimo di Euro 250 milioni (valore nominale) e di ulteriori massimi Euro 5,2
milioni (valore nominale) a favore di Amministratori e dipendenti della Società e di sue
controllate.
Alla data del 31 dicembre 2013, la Società ha in portafoglio n. 3.763.409 azioni proprie
pari al 3,21% del capitale.
Viene di seguito esposta la movimentazione delle azioni in circolazione:
(Azioni in circolazione)
Numero azioni di inizio periodo
Numero azioni emesse per sottoscrizione di stock options
Numero azioni ordinarie al 31 dicembre
Numero azioni emesse a seguito della sottoscrizione di stock
options contabilizzate alla voce "Altre riserve" al 31 dicembre
2013
Azioni proprie
Numero azioni in circolazione al 31 dicembre
2013
116.753.392
408.900
117.162.292
2012
116.662.992
90.400
116.753.392
60.000
(3.763.409)
113.458.883
(3.981.095)
112.772.297
Di seguito si riporta l’evoluzione del patrimonio netto di Gruppo:
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
105
-
-
-
-
-
-
Altre variazioni
Fair value attività finanziarie disponibili per la
vendita
Fair value strumenti di copertura dei flussi di
cassa: quota rilevata a patrimonio netto
Fair value strumenti di copertura dei flussi di
cassa: quota rilevata a conto economico
-
Risultato del periodo
-
-
-
Altre variazioni
Fair value strumenti di copertura dei flussi di
cassa: quota rilevata a patrimonio netto
Fair value strumenti di copertura dei flussi di
cassa: quota rilevata a conto economico
-
Risultato del periodo
60.924
-
Saldi al 31 dicembre 2013
-
-
Differenze cambio da conversione
11.720
-
-
-
-
Utili (perdite) attuariali
Imposte su voci imputate ad Altri utili (perdite)
complessivi
-
-
495
-
Costo figurativo piani basati su azioni
-
429
-
212
-
10.796
Destinazione utile 2012:
Riserva legale
Dividendi
Riporto utili
Aumenti di capitale a pagamento
60.712
-
Saldi al 31 dicembre 2012
-
-
Differenze cambio da conversione
-
-
-
Utili (perdite) attuariali
Imposte su voci imputate ad Altri utili (perdite)
complessivi
-
-
-
(1.396)
-
-
-
47
12.145
8.592
-
-
-
-
-
-
(495)
-
-
-
9.087
-
-
-
-
-
-
-
-
-
1.396
-
-
7.691
Riserva da
Riserva per
sovrapprezzo azioni proprie
azioni in portafoglio
Acquisti netti azioni proprie
Costo figurativo piani basati su azioni
Destinazione utile 2011:
Riserva legale
Dividendi
Riporto utili
47
60.665
Saldi al 31 dicembre 2011
Aumenti di capitale a pagamento
Capitale
sociale
(in migliaia di Euro)
(8.592)
-
-
-
-
-
-
495
-
-
-
(9.087)
-
-
-
-
-
-
-
-
-
(1.396)
-
-
(7.691)
Azioni
proprie in
portafoglio
(27.660)
-
(20.737)
-
-
-
-
-
-
-
-
(6.923)
-
(10.644)
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
3.721
Riserva di
conversione
12.320
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
12.320
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
12.320
Riserva
legale
(16.788)
-
-
-
-
3.493
(5.753)
-
-
-
-
(14.528)
-
-
-
-
2.121
(7.491)
-
-
-
-
-
-
(9.158)
Riserva
cash flow
hedge
4.603
-
-
-
-
-
-
(511)
1.562
-
-
3.552
-
-
-
-
-
-
-
-
1.233
-
-
-
2.319
Riserva piani
di
incentivazione basati su
azioni
(15.255)
-
-
-
2.965
-
-
-
-
-
-
(18.220)
-
-
-
(3.370)
-
-
-
-
-
-
-
-
(14.850)
Riserva
utili/perdite
attuariali
8.002
-
-
(550)
-
-
-
-
-
-
-
8.552
-
-
2.811
-
-
-
-
-
-
-
-
-
5.741
Imposte su voci
imputate ad
Altri utili
(perdite)
complessivi
3.237
-
-
-
-
-
-
-
-
-
126
3.111
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
3.111
Altre riserve
106.260
-
-
-
-
-
-
(121)
-
(14.667)
28.246
-
92.802
-
-
-
-
-
-
-
(63)
-
(14.716)
24.046
-
83.535
Utili a
nuovo
-
21.124
21.124
-
-
-
-
-
-
-
(28.246)
-
28.246
28.246
-
-
-
-
-
-
-
-
(24.046)
-
24.046
Utile del
periodo
-
168.487
21.124
(20.737)
(550)
2.965
3.493
(5.753)
(137)
1.562
(14.667)
-
767
180.420
28.246
(10.644)
2.811
(3.370)
2.121
(7.491)
-
(63)
1.233
(1.396)
(14.716)
-
94
183.595
Totale
Riserva da sovrapprezzo azioni
Ammonta a Euro 11.720 mila rispetto a Euro 10.796 mila dell’esercizio precedente.
L’incremento per Euro 429 mila è derivato dalla sottoscrizione di azioni previste
nell’ambito dei piani di stock option.
La Capogruppo Sogefi S.p.A. nel corso dell’esercizio 2013 ha ripristinato per Euro 495
mila la riserva da sovraprezzo azioni in seguito all’assegnazione, a titolo gratuito, di n.
217.686 azioni proprie a beneficiari del piano di Stock Grant 2011.
Azioni proprie in portafoglio
La voce “Azioni proprie in portafoglio” corrisponde al costo di acquisto delle azioni
proprie in portafoglio. I movimenti dell’anno ammontano a Euro 495 mila e si
riferiscono all’assegnazione a titolo gratuito di n. 217.686 azioni proprie come riportato
nel commento alla “Riserva piani di incentivazione basati su azioni”.
Riserva di conversione
Tale riserva è utilizzata per registrare le differenze cambio derivanti dalla traduzione dei
bilanci delle controllate estere.
I movimenti del periodo evidenziano un decremento di Euro 20.737 mila riconducibile
principalmente al deprezzamento del Real brasiliano, del Dollaro canadese e del Peso
argentino nei confronti dell’Euro.
Riserva utili/perdite attuariali
La riserva accoglie l’effetto netto sugli altri utili (perdite) attuariali al 1° gennaio 2012
derivante dall’applicazione dell’emendamento al principio IAS19 “Benefici ai
dipendenti”. Sono inoltre inclusi nella voce gli utili e le perdite attuariali maturati
successivamente al 1° gennaio 2012 e riconosciuti negli Altri utili (perdite) complessivi.
Riserva cash flow hedge
La riserva si movimenta con la contabilizzazione dei flussi finanziari derivanti da
strumenti che, ai fini dello IAS 39, vengono destinati come “strumenti a copertura dei
flussi finanziari”. I movimenti del periodo rilevano un decremento netto per Euro 2.260
mila.
Riserva piani di incentivazione basati su azioni
La riserva si riferisce al valore del costo figurativo dei piani basati su azioni assegnate
ad amministratori e dipendenti, deliberati successivamente alla data del 7 novembre
2002, ivi inclusa la quota relativa al piano di stock grant deliberato nell’anno 2013.
Nel 2013, a seguito dell’esercizio di diritti derivanti dal Piano di Stock Grant 2011 e
conseguente assegnazione, a titolo gratuito, ai beneficiari di n. 217.686 azioni proprie a
titolo gratuito, l’importo di Euro 511 mila, corrispondente al fair value alla data di
assegnazione dei diritti (Units), è riclassificato dalla “Riserva piani di incentivazione
basati su azioni” alla “Riserva da sovraprezzo azioni” (per Euro 495 mila) e alla
“Riserva utili a nuovo” (per Euro 16 mila).
Utili a nuovo
Ammontano a Euro 106.260 mila e includono gli importi per utili non distribuiti.
La riduzione per Euro 121 mila si riferisce principalmente alla variazione della
percentuale di possesso della controllata Allevard IAI Suspensions Private Ltd.
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
107
Imposte su voci imputate ad Altri utili (perdite) complessivi
Di seguito si riporta l’ammontare delle imposte sul reddito relativo a ciascuna voce
degli Altri utili (perdite) complessivi:
(in migliaia di Euro)
Valore
lordo
2013
Imposte
Valore
Netto
Valore
lordo
620
(1.170)
(1.640)
1.795
(5.370)
(3.370)
- Utili (perdite) iscritti a riserva
cash flow hedge
- Utili (perdite) attuariali
- Utili (perdite) iscritti a riserva
di conversione
(21.319)
-
(21.319)
- Totale Altri utili (perdite) complessivi
(20.614)
(550)
(21.164)
(2.260)
2.965
2012
Imposte
Valore
Netto
1.476
1.335
(3.894)
(2.035)
(10.849)
-
(10.849)
(19.589)
2.811
(16.778)
Capitale e riserve di terzi
Il saldo ammonta a Euro 20.426 mila e si riferisce alla quota di patrimonio netto di
competenza degli Azionisti Terzi.
La voce è così composta: Euro 2.820 mila relativi alla controllata Shanghai Allevard
Springs Co., Ltd; Euro 13.814 mila relativi alla controllata Iberica de Suspensiones S.L.;
Euro 482 mila relativi alla controllata S.ARA Composite S.A.S.; Euro 356 mila relativi
alla controllata Allevard IAI Suspensions Private Ltd; Euro 2.889 mila relativi alla
controllata Sogefi M.N.R. Filtration India Private Ltd; Euro 65 mila relativi alla
controllata Sogefi Rejna S.p.A..
22. ANALISI DELLA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA
La seguente tabella riporta il dettaglio della posizione finanziaria netta così come
richiesto dalla Consob con comunicazione n. DEM/6064293 del 28 luglio 2006 e la
riconciliazione con la posizione finanziaria netta risultante dalla tabella riportata nella
Relazione sulla gestione:
108
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
(in migliaia di Euro)
A. Cassa
B. Altre disponibilità liquide (Investimenti posseduti sino a scadenza)
C. Titoli tenuti per la negoziazione
D. Liquidità (A) + (B) + (C)
E. Crediti finanziari correnti
F. Debiti bancari correnti
G. Parte corrente dell'indebitamento non corrente
H. Altri debiti finanziari correnti
I . Indebitamento finanziario corrente (F) + (G) + (H)
J. Indebitamento finanziario corrente netto (I) - (E) - (D)
K. Debiti bancari non correnti
L. Obbligazioni emesse
M. Altri debiti non correnti
N. Indebitamento finanziario non corrente (K) + (L) + (M)
O. Indebitamento finanziario netto (J) + (N)
Crediti finanziari non correnti
Indebitamento finanziario netto inclusi i crediti finanziari non
correnti (come da "Posizione finanziaria netta" risultante nella
tabella riportata nella Relazione sulla gestione)
31.12.2013
125.344
7.462
14
132.820
32
6.885
76.750
93
83.728
(49.124)
213.675
107.834
32.208
353.717
304.593
-
31.12.2012
85.209
8.199
15
93.423
15
8.377
89.596
1.011
98.984
5.546
267.773
22.529
290.302
295.848
-
304.593
295.848
Di seguito si riporta una descrizione dei covenant relativi alle posizioni debitorie
esistenti alla fine dell’esercizio (si rimanda alla nota n. 16 per maggiori dettagli sui
finanziamenti):
- prestito di Euro 100.000 mila Unicredit S.p.A.: rapporto tra la posizione finanziaria
netta consolidata e l’EBITDA consolidato normalizzato minore di 4;
- prestito di Euro 40.000 mila Banca Europea degli Investimenti (BEI): rapporto tra la
posizione finanziaria netta consolidata e l’EBITDA consolidato normalizzato minore o
uguale a 3,5; rapporto tra EBITDA consolidato normalizzato e oneri finanziari netti
consolidati non inferiore a 4;
- prestito di Euro 60.000 mila Intesa Sanpaolo S.p.A.: rapporto tra la posizione
finanziaria netta consolidata e l’EBITDA consolidato normalizzato minore o uguale a
3,5;
- prestito di Euro 25.000 mila Banca Carige Italia S.p.A.: rapporto tra la posizione
finanziaria netta consolidata e l’EBITDA consolidato normalizzato minore o uguale a
3,5; rapporto tra EBITDA consolidato normalizzato e oneri finanziari netti consolidati
non inferiore a 4;
- prestito di Euro 10.000 mila GE Capital Interbanca S.p.A.: rapporto tra la posizione
finanziaria netta consolidata e l’EBITDA consolidato normalizzato minore o uguale a
3,5; rapporto tra EBITDA consolidato normalizzato e oneri finanziari netti consolidati
non inferiore a 4;
- prestito di Euro 25.000 mila Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A.: rapporto tra la
posizione finanziaria netta consolidata e l’EBITDA consolidato normalizzato minore o
uguale a 3,5; rapporto tra EBITDA consolidato normalizzato e oneri finanziari netti
consolidati non inferiore a 4;
- prestito sindacato 2012 di Euro 200.000 mila: rapporto tra la posizione finanziaria
netta consolidata e l’EBITDA consolidato normalizzato minore o uguale a 3,5; rapporto
tra EBITDA consolidato normalizzato e oneri finanziari netti consolidati non inferiore a
4;
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative
109
- prestito di Euro 15.000 mila Banco do Brasil S.A.: rapporto tra la posizione finanziaria
netta consolidata e l’EBITDA consolidato normalizzato minore o uguale a 3,5; rapporto
tra EBITDA consolidato normalizzato e oneri finanziari netti consolidati non inferiore a
4;
- prestito obbligazionario di USD 115.000 mila: rapporto tra la posizione finanziaria
netta consolidata e l’EBITDA consolidato normalizzato minore o uguale a 3,5; rapporto
tra EBITDA consolidato normalizzato e oneri finanziari netti consolidati non inferiore a
4;
- prestito obbligazionario di Euro 25.000 mila: rapporto tra la posizione finanziaria netta
consolidata e l’EBITDA consolidato normalizzato minore o uguale a 3,5; rapporto tra
EBITDA consolidato normalizzato e oneri finanziari netti consolidati non inferiore a 4.
Al 31 dicembre 2013 tali covenant risultano rispettati.
110
Sogefi | Bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 – Note esplicative e integrative

Documenti analoghi

2014 situazione patrimoniale finanziaria consolidata

2014 situazione patrimoniale finanziaria consolidata recuperato attraverso una vendita invece che tramite l’utilizzo continuo. Non essendoci un’aspettativa di vendita entro un anno, tali beni non rientrano nell’ambito di applicazione dell’IFRS 5 e co...

Dettagli