EMC ProSphere Guida all`implementazione

Commenti

Transcript

EMC ProSphere Guida all`implementazione
EMC® ProSphere™
Versione 2.0
Guida all'implementazione
P/N 300-015-288
REV. 02
EMC Computer Systems Italia S.p.A.
Direzione e Filiale di Milano
Via Giovanni Spadolini, 5 - Edificio A
20141 Milano
tel. +39 02 409081
fax +39 02 48204686
http://italy.emc.com
Copyright © 2011-13 EMC Corporation. Tutti i diritti riservati.
Pubblicato nel mese di aprile 2013
Le informazioni contenute nel presente documento sono esatte alla data di pubblicazione. Le informazioni sono soggette
a modifiche senza preavviso.
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA PRESENTE PUBBLICAZIONE VENGONO FORNITE "COME SONO". 
EMC CORPORATION NON FORNISCE ALCUNA DICHIARAZIONE O GARANZIA IN RELAZIONE ALLE INFORMAZIONI
CONTENUTE NELLA PRESENTE PUBBLICAZIONE, IN MODO PARTICOLARE PER QUANTO ATTIENE ALLE
GARANZIE DI COMMERCIABILITÀ O IDONEITÀ PER UNO SCOPO SPECIFICO.
L'utilizzo, la copia e la distribuzione dei prodotti software di EMC descritti in questo documento richiedono una licenza d'uso
valida per ciascun software.
Per la versione più aggiornata del documento sulla conformità normativa per la propria linea di prodotti, visitare la sezione
Documentazione tecnica e avvertenze sul sito web del Supporto Online EMC.
Per un elenco aggiornato dei nomi dei prodotti EMC, vedere i marchi di EMC Corporation sul sito web di EMC.
Tutti gli altri marchi citati nel presente documento appartengono ai rispettivi proprietari.
2
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Sommario
Capitolo 1
Mappa della documentazione
Capitolo 2
Checklist per l'implementazione
Considerazioni su VMware....................................................................................
Considerazioni sulla rete ........................................................................................
Considerazioni sullo storage..................................................................................
Considerazioni sugli host .......................................................................................
Considerazioni sugli switch ...................................................................................
Capitolo 3
10
10
10
11
11
Panoramica
Terminologia di ProSphere..................................................................................... 14
Tabella di riferimento delle attività di implementazione................................... 16
Capitolo 4
Preparazione di VMware Infrastructure
Checklist dei requisiti di base di VMware Infrastructure..................................
Credenziali utente VMware ...................................................................................
Requisiti dell'hardware virtuale ............................................................................
Provisioning dischi Thick e Thin ...........................................................................
Strumenti di VMware nella vApp di ProSphere .................................................
Requisiti del browser...............................................................................................
Ottenimento dei requisiti di VMware Infrastructure (client vSphere) ............
Ottenimento dei requisiti di VMware Infrastructure (vCloud Director).........
Capitolo 5
20
21
21
22
22
22
23
25
Configurazione degli host
Evitare i trattini bassi nei nomi degli host............................................................
Caratteri non consentiti per i nomi degli host..............................................
Registrazione in DNS ..............................................................................................
Convalida delle HBA ..............................................................................................
Configurazione Utility Host EMC ProSphere/SCA...........................................
Configurazione di host Windows e WS-MAN ....................................................
Configurazione di host Windows e WMI.............................................................
Prerequisiti per Windows Server 2003 o 2008 e Windows 2012................
Disabilitare il Controllo Account Utente (UAC) in Windows 2008 SP2...
Disabilitare il Controllo Account Utente (UAC) in Windows 2008 R2.....
Aggiunta di un utente con le necessarie autorizzazioni DCOM remote ....
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
28
28
28
29
30
30
32
33
34
35
35
1
Configurazione di host UNIX e Linux .................................................................. 41
Requisiti per la discovery ................................................................................ 41
Raccolta dei dati sulle prestazioni .................................................................. 45
Preparazione per la discovery di guest VMware ................................................ 46
Preparazione per la discovery di VMware Infrastructure ................................. 46
Requisiti per la discovery ................................................................................ 46
Capitolo 6
Configurazione dei sistemi di storage
Configurazione dell'EMC SMI-S Provider ........................................................... 48
Requisiti per la data collection per la discovery........................................... 48
Requisiti per la raccolta dei dati sulle prestazioni ....................................... 49
Configurazione del provider........................................................................... 49
Sostituire l'host di EMC SMI-S Provider ....................................................... 50
Configurazione della Control Station EMC per NAS ......................................... 51
Verificare le licenze NAS utilizzando la Control Station ............................ 51
Capitolo 7
Configurazione di switch e fabric
Configurazione degli switch Cisco........................................................................ 56
Attività di preconfigurazione.......................................................................... 56
Configurazione degli switch per SNMPv1/2 ............................................... 59
Configurazione degli switch per SNMPv3.................................................... 59
Capitolo 8
Implementazione dei ProSphere
Implementazione di ProSphere con vSphere Client ........................................... 62
Durata implementazione ................................................................................. 62
Implementazione dei ProSphere..................................................................... 62
Implementazione di ProSphere con vCloud Director......................................... 67
Durata implementazione ................................................................................. 67
Procedure di implementazione....................................................................... 67
Modificare le impostazioni relative ad azioni e ritardo .............................. 69
Passaggi successivi................................................................................................... 69
Capitolo 9
Aggiunta di schede NIC per reti isolate
Panoramica................................................................................................................ 72
Configurazioni di schede NIC multiple supportate ........................................... 72
Configurazione 1: schede NIC su un Discovery Engine (DE) .................... 72
Configurazione 2: schede NIC in un'applicazione ProSphere (PA) .......... 73
Configurazione 3: schede NIC in un'applicazione ProSphere (PA) 
e in un'applicazione ProSphere secondaria................................................... 74
Configurazione 4: schede NIC su un Discovery Engine (DE) 
e un Collector..................................................................................................... 76
Configurazione 5: schede NIC in un'applicazione ProSphere (PA) 
e un Discovery Engine (DE) ............................................................................ 77
Configurazione 6: schede NIC in un'applicazione ProSphere (PA),
un'applicazione ProSphere secondaria e un Discovery Engine (DE)........ 78
Configurazione di una scheda NIC aggiuntiva su una macchina virtuale
di ProSphere.............................................................................................................. 79
Modifica del file /etc/hosts.................................................................................... 80
2
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Capitolo 10
Implementazione dei Collector
Collector ....................................................................................................................
Ottenere i file di implementazione ................................................................
Determinare il numero di Collector richiesto per il data center................
Raccogliere le informazioni.............................................................................
Implementazione dei collector con i client vSphere ...........................................
Implementazione dei Collector con vCloud Director ........................................
Caricare il nuovo file di implementazione nel catalogo .............................
Implementare la vApp di Collector dal template della vApp ...................
Modificare le impostazioni relative ad azioni e ritardo..............................
Registrazione di un Collector nell'applicazione ProSphere ..............................
Collector e bilanciamento del carico ..............................................................
Capitolo 11
Implementazione di un'applicazione ProSphere secondaria
Applicazione ProSphere secondaria .....................................................................
Limiti ..................................................................................................................
Ottenere i file di implementazione ................................................................
Raccogliere le informazioni.............................................................................
Implementazione di un'Applicazione ProSphere secondaria con il client 
vSphere......................................................................................................................
Implementazione di un'Applicazione ProSphere secondaria con 
vCloud Director .......................................................................................................
Caricare il nuovo file di implementazione nel catalogo .............................
Implementare l'Applicazione ProSphere secondaria dal template 
della vApp .........................................................................................................
Modificare le impostazioni relative ad azioni e ritardo..............................
Registrazione di un'Applicazione ProSphere secondaria ..................................
Capitolo 12
83
83
83
83
85
87
87
87
88
88
88
90
90
90
91
92
94
94
95
96
96
Attività successive all'implementazione
Sincronizzazione di fusi orari e ore dei sistemi................................................... 98
Accesso a ProSphere................................................................................................ 98
Personalizzazione del messaggio di conformità alla sicurezza ...................... 100
Generare o modificare il messaggio............................................................. 101
Integrazione di ProSphere con SMAS e Unisphere for VMAX....................... 101
Integrare ProSphere con SMAS .................................................................... 102
Integrare ProSphere con Unisphere for VMAX ......................................... 106
Configurazione di CMCNE.................................................................................. 112
CMCNE............................................................................................................ 112
Posizione dell'utility keytool sugli host CMCNE o BNA ......................... 113
Attività di preconfigurazione ....................................................................... 115
Sincronizzazione delle implementazioni di ProSphere.................................... 118
Integrazione di ProSphere con Watch4net ......................................................... 118
Implementazione di certificati attendibili .......................................................... 119
Informazioni aggiuntive ....................................................................................... 119
Appendice A Aggiornamenti e backup
Panoramica ............................................................................................................
Metodi di aggiornamento di ProSphere ............................................................
Per eseguire il download di un file ISO su CD-ROM virtuale.................
Installazione degli aggiornamenti in ProSphere ..............................................
Generare snapshot prima dell'aggiornamento del software....................
Selezionare EMC Update Repository come origine per gli 
aggiornamenti .................................................................................................
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
122
123
124
124
125
125
3
Selezionare un CD-ROM virtuale o un web server per gli 
aggiornamenti.................................................................................................. 126
Ricevere promemoria sugli aggiornamenti al login e installare gli
aggiornamenti.................................................................................................. 126
Verificare manualmente la disponibilità degli aggiornamenti 
e installarli........................................................................................................ 128
Impatto degli upgrade.................................................................................... 129
Generazione e restore di snapshot o backup..................................................... 129
Arrestare o avviare ProSphere o le macchine virtuali ............................... 130
Generare snapshot di ProSphere in vSphere Client................................... 130
Eseguire il rollback a una snapshot nel client vSphere ............................. 131
Generare snapshot di ProSphere in vCloud Director................................ 132
Eseguire il rollback a una snapshot in vCloud Director ........................... 132
Backup e restore di ProSphere con VMware Data Recovery .......................... 132
4
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Prefazione
Allo scopo di migliorare costantemente le prestazioni e le funzionalità delle proprie linee di
prodotti, EMC rilascia periodicamente revisioni dei componenti software e hardware. Per tale
motivo, alcune funzioni descritte nel presente documento potrebbero non essere supportate da
tutte le versioni del software o dell'hardware attualmente in uso. Per le informazioni più
aggiornate sulle funzionalità dei prodotti fare riferimento alle note di rilascio del proprio prodotto.
Se un prodotto non funziona correttamente o non funziona come descritto nel presente
documento, consultare il proprio responsabile EMC.
Cronologia delle
revisioni
Audience
La seguente tabella riporta la cronologia delle revisioni effettuate per questo
documento:
Revisione
Data
Descrizione
01
Aprile 2013
Versione iniziale per la release 2.0.
02
Aprile 2013
Correzioni alle informazioni su vCloud.
Il presente documento fa parte del kit di documentazione di EMC ProSphere ed 
è destinato agli amministratori di sistema e al responsabile degli integratori per
l'implementazione di ProSphere.
Convenzioni utilizzate in questo documento
EMC utilizza le seguenti convenzioni per indicazioni particolari.
Nota: una nota presenta informazioni importanti ma non associate a un pericolo.
Convenzioni tipografiche
In questo documento EMC utilizza le seguenti convenzioni per gli stili tipografici:
Normale
Utilizzato nel testo normale (non procedurale) per:
• Nomi di elementi di interfaccia (ad esempio nomi di finestre, pulsanti, 
campi e menu)
• Nomi di risorse, attributi, pool, espressioni booleane, pulsanti, affermazioni
DQL, parole chiave, clausole, variabili ambientali, funzioni, utility
• URL, nomi di percorsi, nomi di file, nomi di directory, nomi di computer, 
nomi di file, collegamenti, gruppi, codici di assistenza, file system, notifiche
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
5
Prefazione
Grassetto
Utilizzato nel testo normale (non procedurale) per:
• Nomi di comandi, daemon, opzioni, programmi, processi, servizi,
applicazioni, utility, kernel, notifiche, chiamate di sistema, pagine di manuale
Utilizzato nelle procedure per:
• Nomi di elementi di interfaccia (ad esempio nomi di finestre, pulsanti, 
campi e menu)
• Tutto quanto espressamente selezionato, premuto o digitato dall'utente
Corsivo
Utilizzato in tutto il testo (incluse le procedure) per:
• Titoli completi di documenti citati nel testo
• Evidenziazione (ad esempio, di un nuovo termine)
• Variabili.
Courier
Utilizzo per:
• Output di sistema, come un messaggio di errore o uno script
• URL, percorsi completi, nomi di file, prompt e sintassi se mostrati al di fuori
del testo semplice.
Courier grassetto
Utilizzo per:
• Input specifico da parte dell'utente (ad esempio, comandi)
Courier corsivo
Utilizzato nelle procedure per:
• Variabili sulla riga di comando
• Variabili con immissione da parte dell'utente.
Indicazioni per contattare l'Assistenza Clienti EMC.
Supporto e richiesta di informazioni
Per richiedere assistenza o per avere ulteriori informazioni sui prodotti e sulle licenze
EMC, contattare EMC con le modalità descritte qui di seguito.
Informazioni sui prodotti
Per documentazione, note di rilascio, aggiornamenti software o per informazioni su
prodotti, licenze e assistenza EMC, visitare il sito web del Supporto Online EMC,
previa registrazione, all'indirizzo:
http://support.emc.com
Supporto tecnico
Per il supporto tecnico, visitare il sito del Supporto Online EMC e scegliere Supporto
per prodotto. Inserire ProSphere. Nella pagina Supporto sono disponibili diverse
opzioni, compresa quella per la richiesta di assistenza. Nota: per aprire una richiesta
di assistenza, occorre disporre di un contratto di supporto valido. Rivolgersi al
rappresentante delle vendite EMC locale per informazioni dettagliate su come
ottenere un accordo di assistenza valido o per domande sul proprio account.
Commenti
I suggerimenti degli utenti consentono di migliorare in modo costante l'accuratezza,
l'organizzazione e la qualità generale della documentazione utente. È possibile
inviare opinioni generali sulla documentazione EMC al seguente indirizzo:
[email protected]
Per comunicare la propria opinione sulla documentazione di EMC ProSphere scrivere a:
[email protected]
6
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Mappa della documentazione
7
8
Linee guida sulle prestazioni e sulla scalabilità di EMC ProSphere versione 1.7
1




Checklist per
l'implementazione
Questa checklist riassume i requisiti necessari per l'implementazione di ProSphere™,
la cui sussistenza deve essere verificata prima di procedere con l'implementazione
stessa. Si consiglia di tenere a portata di mano il presente capitolo e i documenti di
seguito indicati, per utilizzare le procedure dettagliate che contengono come guida
all'implementazione di ProSphere e alla configurazione dell'ambiente di rete per
ProSphere.
u
u
Support matrix di EMC ProSphere
EMC ProSphere Security Configuration Guide
Nota: per le aziende statunitensi che richiedono ulteriore rafforzamento della sicurezza di
ProSphere, a scopo di conformità con le normative previste dal Dipartimento della Difesa 
o da altri Dipartimenti Federali degli Stati Uniti, è disponibile la ProSphere Federal Security
Hardening Guide. Contattare il rappresentante EMC® di riferimento per ottenere una copia.
Le procedure indicate devono essere eseguite immediatamente dopo l'implementazione di
ProSphere.
Questo capitolo comprende le seguenti sezioni:
u
u
u
u
u
Considerazioni su VMware ......................................................................................... 10
Considerazioni sulla rete.............................................................................................. 10
Considerazioni sullo storage ....................................................................................... 10
Considerazioni sugli host.............................................................................................. 11
Considerazioni sugli switch ......................................................................................... 11
Nota: ProSphere 2.0 viene eseguito su SLES 11 SP2 (a 64 bit), che viene installato durante il
processo di implementazione del template OVF ed è incluso con il software ProSphere 2.0.
Checklist per l'implementazione
9
Checklist per l'implementazione
Considerazioni su VMware
q Assicurarsi di disporre di almeno un VMware ESX o ESXi Server gestito da un
server vCenter.
q Identificare un VMware ESXi Server, un server vCenter o un server vCloud
Director per l'installazione di vApp. Consultare il proprio VMware Administrator
per assicurarsi che la VMware Infrastructure richiesta sia presente.
q Allocare la RAM richiesta per Discovery Engine, applicazione ProSphere
e Database cronologico.
Considerazioni sulla rete
q Raccogliere i seguenti dati di rete per ognuna delle tre macchine virtuali e per
ogni Collector:
q Un indirizzo IP statico valido per la macchina virtuale.
q Un nome di dominio completo per la macchina virtuale.
q Una network mask per l'indirizzo IP.
q Un gateway di rete per l'indirizzo IP.
q Indirizzi IP dei server DNS principale e secondario.
q Registrare tutti gli indirizzi IP usati da ProSphere in DNS e assicurarsi che la
ricerca inversa attraverso archivi PTR sia supportata.
q Controllare che non esistano restrizioni del firewall che possano interferire con 
il normale funzionamento di ProSphere nell'ambiente VMware, con la rete più
ampia e con la discovery delle risorse di storage.
q Verificare di disporre della licenza per l'implementazione della vApp di ProSphere
in un cluster DRS. Ciò richiede almeno una licenza enterprise per ESX.
q I cluster in cui ProSphere verrà implementato devono disporre di almeno due
host e trovarsi in modalità DRS.
Considerazioni sullo storage
q Scaricare e installare EMC SMI-S Provider, usato per effettuare la discovery degli
array EMC.
q Verificare che il bundle Symmetrix Management Solution (SMAS) sia installato su
host collegati alla SAN (Storage Area Network) che dispongono di gatekeeper
dedicati per gli array Symmetrix. SMAS contiene Symmetrix Performance
Analyser (SPA) e Symmetrix Management Console (SMC). La discovery di array
VNX/Clariion avviene su TCP/IP.
q Fare riferimento alle note di rilascio di SMC/SPA o di Unisphere for VMAX per
stabilire quale prodotto utilizzare per la configurazione del sito da monitorare
con ProSphere.
q Verificare che le licenze siano state abilitate su NAS (Network Attached Storage).
10
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Checklist per l'implementazione
Considerazioni sugli host
q WMI: necessario per effettuare la discovery di host Windows fisici e raccogliere
informazioni sui dati sulle prestazioni usando credenziali di accesso WMI.
q WS-MAN: necessario per effettuare la discovery di host Windows usando
credenziali di accesso WS-MAN.
q SSH: root e sudo, richiesto per effettuare la discovery di host UNIX fisici. Per
utenti non root, installare sudo sull'host e configurare il file sudoer.
q VMware Infrastructure: necessaria per effettuare la discovery di ambienti VMware.
Sono richieste le credenziali ESX Server o vCenter con autorizzazioni di ricerca
nel datastore.
q Servizio WinRM: richiesto per effettuare la discovery di host Windows utilizzando
opzionalmente credenziali di accesso WS-MAN.
q EMC: driver e firmware HBA supportati e librerie SNIA HBA specifiche del vendor
(necessari per tutti i sistemi operativi).
q iostat: richiesto per l'operazione di data collection sulle prestazioni su host Linux
(RedHat e SuSE) e Solaris.
q sar: richiesto per l'operazione di data collection sulle prestazioni su host AIX 
e HP-UX.
Considerazioni sugli switch
q Credenziali di accesso HTTP o HTTPS per SMI-S Provider per effettuare la
discovery degli switch Brocade.
q Installare CMCNE (Connectrix Manager Converged Network Edition) su un host
separato ed effettuare la discovery di fabric da gestire in SMI-S Provider prima
della discovery da parte di ProSphere.
q Credenziali di accesso SNMP v1, v2, e v3 per effettuare la discovery degli 
switch Cisco.
q Convenzioni e requisiti di zoning per discovery passiva di host.
Considerazioni sugli host
11
Checklist per l'implementazione
12
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
2




Panoramica
Il capitolo fornisce una panoramica dell'implementazione e della configurazione
dell'ambiente.
Questo capitolo comprende le seguenti sezioni:
u
u
Terminologia di ProSphere .......................................................................................... 14
Tabella di riferimento delle attività di implementazione ........................................ 16
Nota: per l'applicazione degli aggiornamenti di ProSphere, quali l'installazione di ProSphere
2.0, consultare direttamente l'Appendice A, “Aggiornamenti e backup”.
Panoramica
13
Panoramica
Terminologia di ProSphere
Nel presente documento vengono utilizzati i seguenti termini relativi a ProSphere:
14
u
Una "macchina virtuale" è un software computer che esegue un sistema operativo
e determinate applicazioni. Macchine virtuali multiple possono essere eseguite
simultaneamente sullo stesso host. Le tre macchine virtuali che costituiscono il
core di ProSphere sono: l'applicazione ProSphere, il Discovery Engine e il
Database cronologico. Alcune implementazioni includono una o più istanze di
una macchina virtuale aggiuntiva: il Discovery Engine (Collector). Nella 
Figura 1 a pagina 15 vengono illustrate le macchine virtuali sopra indicate.
u
Una "vApp", illustrata nella Figura 1 a pagina 15, è una soluzione software
ottimizzata per il cloud, composta da più macchine virtuali integrate e gestite
come un'unica entità in formato OVF. ProSphere è implementato come VMware
vApp, configurato come raccolta di macchine virtuali interdipendenti.
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Panoramica
Figura 1
Architettura di ProSphere
u
Un "appliance virtuale" è una soluzione software composta da una o più
soluzioni virtuali. Un virtual appliance è integrato come unità da un vendor di
applicazioni ed è implementato, gestito e mantenuto come un'unità. ProSphere 
è anche un virtual appliance.
u
Un "applicazione ProSphere" gestisce i componenti di ProSphere, controllando le
attività con il Database cronologico, i Discovery Engine e le console dell'utente.
Terminologia di ProSphere
15
Panoramica
u
Un "Database cronologico" esegue lo storage di attributi e di dati sulle prestazioni
per tutti gli oggetti sottoposti a discovery. Riceve i dati dai Discovery Engine e viene
gestito dall'applicazione ProSphere.
u
Un "Discovery Engine" esegue la discovery delle risorse logiche e fisiche nella rete
e fornisce attributi e dati sulle prestazioni al Database cronologico. Controlla
eventuali Collector opzionali dei Discovery Engine ed è gestito dall'applicazione
ProSphere.
u
Un "Discovery Engine (Collector)" esegue la discovery delle risorse logiche e fisiche
nella rete e fornisce attributi e dati sulle prestazioni al Discovery Engine. I Collector
sono presenti nelle implementazioni scale-out. Il Discovery Engine è unico, mentre
possono essere presenti più Collector.
Tabella di riferimento delle attività di implementazione
La Tabella 1 a pagina 16 fornisce una guida alla documentazione sulle attività
correlate all'implementazione.
Tabella 1
Riferimenti nella documentazione
Per...
Vedere...
Guida introduttiva
Conoscere l'architettura di ProSphere
Capitolo sull'architettura nella Guida per l'amministratore
di EMC ProSphere
Decidere se e come passare a un'implementazione
scale-out di ProSphere
Linee guida sulle prestazioni e sulla scalabilità di EMC
ProSphere
Preparare la rete e i relativi componenti 
(host, array e switch)
• Vedere “Checklist per l'implementazione” a pagina 9
per un elenco dei requisiti che devono sussistere prima
dell'implementazione
• I capitoli sulla configurazione nel presente manuale per
le procedure di configurazione del software
• Support matrix di EMC ProSphere per le versioni
supportate di hardware e software
• Note di rilascio su EMC ProSphere per ulteriori
informazioni su una release specifica
Modifica delle password di sistema
EMC ProSphere Security Configuration Guide
Ampia panoramica di configurazione,
implementazione e utilizzo del prodotto
Guida per l'utente di EMC ProSphere
Nota: i riferimenti successivi rimandano ai capitoli del
presente manuale.
Verificare che VMware Infrastructure soddisfi i requisiti di base dell'infrastruttura
Verificare che VMware Infrastructure in uso soddisfi 
i requisiti di base dell'infrastruttura
Verificare di disporre delle credenziali VMware
richieste per l'implementazione
Verificare che vengano soddisfatti i requisiti per
l'hardware virtuale
16
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Capitolo 3, “Preparazione di VMware Infrastructure”
Panoramica
Tabella 1
Riferimenti nella documentazione
Per...
Vedere...
Ottenere le informazioni su VMware necessarie
durante il processo di implementazione
Configurare l'ambiente ProSphere per consentire discovery corrette
Configurare il software di terze parti utilizzato per la
discovery degli host e dei dati sulle prestazioni
correlati
Capitolo 4, “Configurazione degli host”
Configurare i provider dei dati sugli array (software
che espone le informazioni sulla gestione degli array)
Capitolo 5, “Configurazione dei sistemi di storage”,
Capitolo 6, “Configurazione di switch e fabric”
Configurare switch e fabric Cisco e Brocade
Capitolo 6, “Configurazione di switch e fabric”
Implementare ProSphere dal client vSphere
Eseguire il download dei file di implementazione 
(file .ovf e file .vmdk) in un sito accessibile al client
vSphere.
Capitolo 7, “Implementazione dei ProSphere”
Aprire il client vSphere e stabilire la connessione con
il server vCenter che gestisce l'ambiente VMware.
Immettere le informazioni nella finestra di dialogo
Deploy OVF Template. Sono incluse le informazioni
sui pool delle risorse per la vApp di ProSphere, il
datastore e le macchine virtuali di ProSphere.
Utilizzare un client vSphere per eseguire il download
dei file e trasmetterli a ESX Server o a ESXi Server.
Oppure
Implementare ProSphere da vCloud Director
Capitolo 7, “Implementazione dei ProSphere”
Creare un catalogo vCloud.
Fare l'upload dei file di implementazione in un
template della vApp nel catalogo.
Implementare ProSphere dal template della vApp.
Aggiunta di schede NIC per reti isolate
Capitolo 8, “Aggiunta di schede NIC per reti isolate”
Implementare Collector se è necessario lo
scale-out dell'implementazione.
Capitolo 9, “Implementazione dei Collector”
Implementare un'applicazione ProSphere
secondaria se è necessario potenziare le
prestazioni
Capitolo 10, “Implementazione di un'applicazione
ProSphere secondaria”
Tabella di riferimento delle attività di implementazione
17
Panoramica
Tabella 1
Riferimenti nella documentazione
Per...
Vedere...
Eseguire le attività di post-implementazione
Sincronizzare le implementazioni di ProSphere in
caso di più di un'implementazione in uso
Capitolo 11, “Attività successive all'implementazione”
Implementare i certificati attendibili specifici
dell'azienda mediante ProSphere Console.
18
Installare gli aggiornamenti
Appendice A, “Aggiornamenti e backup”
Eseguire il backup di ProSphere
Appendice A, “Aggiornamenti e backup”
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
3




Preparazione di
VMware Infrastructure
In questo capitolo sono contenute informazioni sui requisiti dell'infrastruttura 
e sulla preparazione dell'ambiente VMware per l'implementazione di ProSphere.
Nelle sezioni seguenti sono riportati i dettagli relativi ai requisiti dell'infrastruttura:
u
u
u
u
u
u
u
u
Checklist dei requisiti di base di VMware Infrastructure .......................................
Credenziali utente VMware.........................................................................................
Requisiti dell'hardware virtuale..................................................................................
Provisioning dischi Thick e Thin ................................................................................
Strumenti di VMware nella vApp di ProSphere ......................................................
Requisiti del browser ....................................................................................................
Ottenimento dei requisiti di VMware Infrastructure (client vSphere) ..................
Ottenimento dei requisiti di VMware Infrastructure (vCloud Director) ..............
Preparazione di VMware Infrastructure
20
21
21
22
22
22
23
25
19
Preparazione di VMware Infrastructure
Checklist dei requisiti di base di VMware Infrastructure
!
IMPORTANTE
Contattare l'amministratore di VMware per accertarsi che l'intera VMware
Infrastructure richiesta sia disponibile prima dell'implementazione di ProSphere.
I requisiti di base di VMware Infrastructure includono:
q Virtualized computing environment VMware vSphere.
!
IMPORTANTE
ProSphere non convalida nomi host. Devono essere registrati indipendentemente
con DNS (1) i nomi degli host che vengono specificati per le macchine virtuali
(2) i nomi degli host per gli host che ProSphere sottoporrà a discovery 
(3) i nomi degli host per gli host sui quali verranno raccolte informazioni nei
report. La mancata registrazione dei nomi degli host con il DNS corrispondente
potrebbe impedire il normale funzionamento di ProSphere.
q Un server vCenter installato.
q Un VMware ESX Server installato o ESXi Server che si eseguono in un ambiente
vSphere.
q Un datastore dotato di almeno 600 GB di spazio libero per gli appliance non
compressi e per i file immagine degli appliance compressi scaricati. In questo
datastore saranno archiviate le immagini degli appliance necessari per eseguire
ProSphere.
q Se si installa ProSphere in una configurazione cluster VMware, gli ESX Server 
o gli ESXi Server devono essere temporalmente sincronizzati con un server NTP
(Network Time Protocol) esterno. Il prodotto può essere tuttavia installato su un
singolo ESX Server se il server soddisfa i requisiti hardware citati in “Requisiti
dell'hardware virtuale” a pagina 21. Se si implementa un singolo ESX Server,
impostare nella sezione del data center di vCenter l'ambiente per un singolo ESX
Server e non un cluster.
q Le impostazioni del clock di tutti gli ESX Server o ESXi Server presenti all'interno
del cluster sono sincronizzate. ESX Server o ESXi Server non sincronizzati
potrebbero causare problemi di discovery con ProSphere.
Nota: per sfruttare pienamente le funzionalità di vSphere che migliorano l'availability e la
flessibilità di un'infrastruttura virtuale, EMC raccomanda di implementare ProSphere su un
cluster di ESX Server o ESXi Server.
Nota: se si utilizza vCloud per l'implementazione di ProSphere, l'amministratore di vCloud
deve garantire che il data center virtuale creato abbia sufficienti risorse hardware come
indicato nelle specifiche delle Linee guida sulle prestazioni e sulla scalabilità di EMC ProSphere.
20
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Preparazione di VMware Infrastructure
Credenziali utente VMware
L'implementazione di ProSphere viene eseguita da un utente che ha effettuato
l'accesso alla VMware Infrastructure. La Tabella 2 a pagina 21 specifica le credenziali
utente richieste da VMware per un programma di installazione.
Tabella 2
Credenziali VMware richieste per l'implementazione di ProSphere
Risorsa di VMware Infrastructure
Credenziali utente necessarie
Storage dei dati
• Allocazione spazio
• Ricerca datastore
• Operazioni di basso livello su file
Operatori locali host
• Creazione di Virtual Appliance
• Eliminazione di Virtual Appliance
• Riconfigurazione di Virtual Appliance
Profilo host
Visualizzazione
Rete
Assegnazione della rete
Risorsa
• Assegnazione della vApp al pool di risorse
• Assegnazione della macchina virtuale al pool
di risorse
• Migrazione
• Query VMotion
vApp
Autorizzazioni complete
Macchina virtuale
Autorizzazioni complete
Requisiti dell'hardware virtuale
I ProSphere Administrator possono usare queste informazioni per prendere le loro
decisioni di implementazione in base all'utilizzo delle risorse hardware previsto 
o attuale.
Tabella 3
Requisiti dell'hardware virtuale
VM
Processore virtuale
Memoria/RAM
Storage
Requisiti per un'implementazione non scalabile
Applicazione ProSphere
Quattro CPU a 64 bit
8 GB
230 GB
Discovery Engine
Quattro CPU a 64 bit
8 GB
40 GB
Database cronologico
Quattro CPU a 64 bit
6 GB
230 GB
Requisiti per un'implementazione scalabile con un Collector del Discovery Engine (Collector) aggiuntivo
Collector aggiuntivo
Due CPU a 64 bit
6 GB
30 GB (Per disco Thick)
2,2 GB (per disco Thin)
Credenziali utente VMware
21
Preparazione di VMware Infrastructure
Tabella 3
Requisiti dell'hardware virtuale
VM
Processore virtuale
Memoria/RAM
Storage
Requisiti per un'implementazione con un'applicazione ProSphere (secondaria) aggiuntiva
Applicazione ProSphere
secondaria
Due CPU a 64 bit
4 GB
230 GB
Nota: non è richiesta alcuna speciale procedura di configurazione di VMware prima di
implementare ProSphere.
Provisioning dischi Thick e Thin
Per decidere se utilizzare thin provisioning o thick provisioning, considerare i requisiti
futuri di capacità di storage di tutte le macchine virtuali sullo stesso datastore e l'uso
dello spazio su disco dell'applicazione ProSphere e del Database cronologico. Le Linee
guida sulle prestazioni e sulla scalabilità di EMC ProSphere descrivono in dettaglio le
considerazioni relative allo storage necessarie per le implementazioni di ProSphere.
Strumenti di VMware nella vApp di ProSphere
!
IMPORTANTE
Non installare strumenti VMware aggiuntivi su vApp ProSphere. Gli strumenti
VMware sono già installati sulle macchine virtuali di ProSphere. Aggiornamenti
aggiuntivi degli strumenti VMware saranno forniti con gli aggiornamenti di vApp
ProSphere.
Poiché l'installazione di ProSphere esegue gli aggiornamenti agli strumenti VMware
sulle macchine virtuali di ProSphere, gli strumenti VMware vengono elencati come
"non gestiti" quando sono visualizzati nel software del client vSphere. Ciò significa
che non sono gestiti dal server vCenter.
Requisiti del browser
ProSphere richiede Adobe Flash Player versione 10.2.153.1 o successiva, applicazione
disponibile per la maggior parte dei browser più diffusi, ad esempio Microsoft
Internet Explorer, Mozilla Firefox e Google Chrome. Se la versione di Flash Player 
è antecedente a quella indicata, aggiornarla all'ultima versione di Flash Player
disponibile.
ProSphere è visualizzabile in modo migliore su un monitor con risoluzione di
1024x768 o maggiore.
Transport Layer Security (TLS) 1.0 è richiesto nelle impostazioni di sicurezza del
browser web.
22
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Preparazione di VMware Infrastructure
Assicurarsi che il browser accetti i cookie e che i blocchi pop-up siano disabilitati. 
Per i browser in cui la finestra di avvio non si chiude automaticamente (ad esempio,
Microsoft Internet Explorer), è necessario usare una nuova istanza di browser ad ogni
login di ProSphere . Il browser conserva i cookie e viene ridiretto alla precedente
applicazione ProSphere, anche dopo l'inserimento dell'URL di un nuovo sito web
ProSphere.
Nota: un'istanza di browser può essere rifiutata se i cookie per l'appropriato sito web
ProSphere sono stati cancellati.
Ottenimento dei requisiti di VMware Infrastructure (client vSphere)
La presente sezione riguarda gli utenti che implementano ProSphere da un client
vSphere.
Ottenere le seguenti informazioni da specificare durante l'implementazione. In basso 
è disponibile spazio per prendere nota di tali valori.
!
IMPORTANTE
Utilizzare solo un vCenter per connettere vSphere Client ad un ESX Server. Il
tentativo di implementazione diretto ad un ESX Server non andrà a buon fine.
u
L'indirizzo IP o il nome host del server vCenter che gestisce l'ambiente VMware.
È inoltre necessario disporre di un nome utente e di una password per collegare il
client vSphere al server.
Indirizzo IP o nome host del server VMware: _____________________________
Nome utente: _______________________________________________________
Password: _______________________________________________________
u
Verificare di disporre dei privilegi necessari per l'implementazione di una vApp.
u
Il nome dell'implementazione di ProSphere (ad esempio, Local ProSphere
deployment).
Nome della vApp ProSphere: __________________________________________
u
Posizione dell'infrastruttura della vApp ProSphere:
Posizione dell'inventario: _______________________________________________
Host/Cluster: ____________________________________________________
Formato disco (Thick/Thin):__________________________________________
Pool di risorse: ____________________________________________________
u
Il nome di un datastore nell'ambiente vSphere locale in cui archiviare le immagini
delle macchine virtuali di ProSphere.
Datastore _______________________________________________________
u
I nomi della rete o delle reti vSphere in cui implementare ognuna delle tre
macchine virtuali della vApp ProSphere. È possibile che le macchine virtuali
vengano implementate in subnet separate.
Rete ProSphere: _________________________________________________
Rete Discovery Engine: __________________________________________
Rete Database cronologico: _______________________________________
Ottenimento dei requisiti di VMware Infrastructure (client vSphere)
23
Preparazione di VMware Infrastructure
Rete Collector: _______________________________________
Rete Collector: _______________________________________
Rete Collector: _______________________________________
Rete Collector: _______________________________________
u
Le proprietà di accesso protetto e di rete della macchina virtuale Database
cronologico includono:
Server DNS (separati da virgole):
_________________________________________________________________
Stringhe dei domini di ricerca (separati da spazi):
_________________________________________________________________
Hostname: _______________________________________________________
Indirizzo IP: ______________________________________________________
Netmask: _______________________________________________________
Subnet Gateway: _________________________________________________
u
Le proprietà di accesso protetto e di rete della macchina virtuale Discovery
Engine includono:
Server DNS (separati da virgole):
_________________________________________________________________
Stringhe dei domini di ricerca (separati da spazi):
_________________________________________________________________
Hostname: _______________________________________________________
Indirizzo IP: _______________________________________________________
Netmask: ________________________________________________________
Subnet Gateway: __________________________________________________
u
Le proprietà di accesso protetto e di rete della macchina virtuale applicazione
ProSphere includono:
Server DNS (separati da virgole):
_________________________________________________________________
Stringhe dei domini di ricerca (separati da spazi):
_________________________________________________________________
Hostname: _______________________________________________________
Indirizzo IP: _______________________________________________________
Netmask: ________________________________________________________
Subnet Gateway: __________________________________________________
24
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Preparazione di VMware Infrastructure
Ottenimento dei requisiti di VMware Infrastructure (vCloud Director)
La presente sezione riguarda gli utenti che implementano ProSphere da vCloud Director.
Ottenere le seguenti informazioni da specificare durante l'implementazione. In basso
è disponibile spazio per prendere nota di tali valori.
u
L'indirizzo IP o il nome dell'host per il server vCloud Director.
u
Il nome utente e la password per eseguire il login nel server vCloud Director.
L'indirizzo IP o il nome dell'host del server VMware Director:
_________________________________________________________________
Nome utente: _______________________________________________________
Password: _______________________________________________________
u
Verificare di disporre dei privilegi in vCloud Director che consentono di creare un
catalogo, di caricare un template della vApp nel catalogo e di implementare un
template della vApp. Per informazioni sui ruoli predefiniti e sui relativi diritti,
visitare il sito http://pubs.vmware.com
u
Il nome dell'implementazione di ProSphere (ad esempio, Local ProSphere
deployment).
Nome della vApp ProSphere: __________________________________________
u
I seguenti dettagli per l'implementazione della vApp di ProSphere:
Nome del data center virtuale____________________________________________
Allocazione IP (deve essere Static-Manual):______________________________
Profilo di storage:____________________________________________________
Informazioni sul leasing:_________________________________________________
u
I nomi di tutte le reti nell'inventario data center virtuale in cui si desidera
implementare le macchine virtuali per la vApp di ProSphere. È possibile che le
macchine virtuali vengano implementate in subnet separate.
Rete ProSphere: ________________________________
Rete Discovery Engine: _____________________________________
Rete Database cronologico: _______________________________________
Rete Collector: _______________________________________
Rete Collector: _______________________________________
Rete Collector: _______________________________________
Rete Collector: _______________________________________
Rete ProSphere secondaria:_____________________________
Ottenimento dei requisiti di VMware Infrastructure (vCloud Director)
25
Preparazione di VMware Infrastructure
u
Le proprietà di accesso protetto e di rete della macchina virtuale Database
cronologico includono:
Server DNS (separati da virgole):
_________________________________________________________________
Stringhe dei domini di ricerca (separati da spazi):
_________________________________________________________________
Hostname: _______________________________________________________
Indirizzo IP: _______________________________________________________
Netmask: _______________________________________________________
Subnet Gateway: _________________________________________________
u
Le proprietà di accesso protetto e di rete della macchina virtuale Discovery
Engine includono:
Server DNS (separati da virgole):
_________________________________________________________________
Stringhe dei domini di ricerca (separati da spazi):
_________________________________________________________________
Hostname: _______________________________________________________
Indirizzo IP: _______________________________________________________
Netmask: ________________________________________________________
Subnet Gateway: __________________________________________________
u
Le proprietà di accesso protetto e di rete della macchina virtuale applicazione
ProSphere includono:
Server DNS (separati da virgole):
_________________________________________________________________
Stringhe dei domini di ricerca (separati da spazi):
_________________________________________________________________
Hostname: _______________________________________________________
Indirizzo IP: _______________________________________________________
Netmask: ________________________________________________________
Subnet Gateway: __________________________________________________
26
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
4




Configurazione
degli host
In questo capitolo viene spiegato come installare e configurare il software di terze
parti utilizzato per la discovery degli host e dei relativi dati sulle prestazioni.
Questo capitolo comprende le seguenti sezioni:
u
u
u
u
u
u
u
u
u
Evitare i trattini bassi nei nomi degli host .................................................................
Registrazione in DNS....................................................................................................
Convalida delle HBA....................................................................................................
Configurazione Utility Host EMC ProSphere/SCA ................................................
Configurazione di host Windows e WS-MAN .........................................................
Configurazione di host Windows e WMI ..................................................................
Configurazione di host UNIX e Linux .......................................................................
Preparazione per la discovery di guest VMware .....................................................
Preparazione per la discovery di VMware Infrastructure ......................................
Configurazione degli host
28
28
29
30
30
32
41
46
46
27
Configurazione degli host
Evitare i trattini bassi nei nomi degli host
Gli standard Internet per i protocolli stabiliscono che le etichette dei nomi degli host
possono contenere solo lettere ASCII dalla "a" alla "z" (senza distinzione maiuscole/
minuscole), i numeri da "0" a "9" e il trattino ("-"). Non è permesso nessun altro
simbolo, carattere di punteggiatura o spazio bianco.
Se ProSphere trova un nome host con un trattino basso, è possibile che gli utenti non
possano effettuare l'accesso.
È possibile confermare la situazione cercando la seguente stringa nei file di registro:
IllegalArgumentException: Host cannot be null
Caratteri non consentiti per i nomi degli host
Non utilizzare i caratteri seguenti nel nome degli host:
u
virgola (,)
u
tilde (~)
u
due punti (:)
u
punto esclamativo (!)
u
chiocciola (@)
u
cancelletto (#)
u
simbolo del dollaro ($)
u
percentuale (%)
u
accento circonflesso (^)
u
e commerciale (&)
u
apostrofo (')
u
punto (.)
u
parentesi tonde (())
u
parentesi graffe ({})
u
carattere di sottolineatura (_)
u
spazio vuoto (vuoto)
Registrazione in DNS
I nomi degli host devono essere in formato DNS con FQDN, mentre gli indirizzi IP
devono essere registrati con i DNS appropriati ed essere risolti per una ricerca DNS
inversa. Non includere nei nomi degli host caratteri di sottolineatura o i caratteri
elencati in “Caratteri non consentiti per i nomi degli host” a pagina 28.
28
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Configurazione degli host
Convalida delle HBA
Tutte le piattaforme host richiedono quanto segue per effettuare la discovery di
informazioni relative ad HBA qualificati SNIA:
u
Driver e firmware dell'HBA (Host Bus Adapter) supportati da EMC. Il driver
HBA installato deve essere un HBA SNIA conforme a API 2.0. La Support matrix di
EMC ProSphere fornisce dettagli specifici.
u
Le librerie SNIA specifiche del vendor devono essere installate sull'host di
destinazione.
Nota: 
Si consiglia di verificare il numero di serie e il Part Number dell'HBA prima di aggiornare
gli host con librerie SNIA per l'HBA.

È possibile installare la libreria SNIA in uno dei seguenti modi:
- Come parte del pacchetto di installazione del driver HBA.
- Installando l'ultima versione di HBAnywhere (per installazioni Emulex) o SAN Surfer
(per installazioni Qlogic).

Per scoprire un host HP-UX con una scheda multi-port Fibre Channel, il pacchetto
CommonIO bundle 0812(Dic 2008) o successivo deve essere presente sull'host per ottenere
il file set FC-SNIA aggiornato.
Per verificare che siano state installate le librerie SNIA appropriate, effettuare il
download ed eseguire l'applicazione inq dal sito del Supporto Online EMC,
attendendosi alla procedura che segue:
1. Dal sito del Supporto Online EMC, fare clic su Search.
2. Nel campo Search, digitare inq utility.
3. Selezionare l'ultima versione di inq.
4. Selezionare il sistema operativo in esecuzione sull'host.
5. Eseguire il download di inq e seguire le istruzioni di installazione fornite.
6. Eseguire il seguente comando sull'host dopo l'installazione:

Inq -hba
Se il comando elenca gli HBA, le librerie SNIA sono correttamente installate 
e significa che ProSphere può effettuare la discovery degli HBA.
Convalida delle HBA
29
Configurazione degli host
Configurazione Utility Host EMC ProSphere/SCA
Configurazione Utility Host EMC aiuta i clienti a verificare le impostazioni discusse
in questo capitolo che abilitano l'host Windows per effettuare correttamente la
discovery in ProSphere o SCA. L'utility offre un'opzione di configurazione automatica
delle impostazioni. L'utility è disponibile sul sito del Supporto Online EMC
(support.emc.com).
Configurazione di host Windows e WS-MAN
WS-MAN è il meccanismo di discovery preferito per Windows 2008 e versioni
successive.
Nota: prima di eseguire la procedura indicata in questa sezione, modificare in Windows 2012 la
connettività di rete da pubblica a privata. Aprire il Pannello di controllo. Selezionare Rete e
Internet. In Centro connessioni di rete e condivisione, fare clic su Connetti alla rete. Nella
parte destra della schermata, fare clic con il tasto destro del mouse su Rete -> Attiva o disattiva
condivisione. Fare clic su Sì, attiva condivisione e connetti a dispositivi. Una volta terminata
la procedura indicata in questa sezione, impostare la connettività di rete in base alle preferenze.
Nota: ProSphere non copierà il file eseguibile binario INQ sugli host Windows se la discovery
viene pianificata utilizzando il profilo di accesso WS-MAN.
Questa sezione descrive come configurare WS-MAN per l'utilizzo con ProSphere.
Windows Remote Management (WinRM) è l'implementazione Microsoft del
protocollo WS-MAN. Eseguire manualmente i seguenti passaggi per preparare la
discovery di strumenti di configurazione (CIs) con WinRM. Tutti i comandi seguenti
devono essere eseguiti da un prompt Powershell di Windows.
Per configurare WinRM per l'uso con ProSphere, seguire i seguenti passaggi sull'host
su cui desiderate effettuare la discovery.
1. Su Windows Server 2008, eseguire winrm quickconfig, per abilitare l'eccezione
firewall per WS-MAN. Inserire y quando richiesto.
In caso di errore del comando, accertarsi che il servizio Windows Remote
Management sia in esecuzione e che il Tipo di avvio sia impostato su Automatico.
Eseguire quindi singolarmente i comandi di seguito indicati da un prompt
Powershell di Windows:
a. Get-WmiObject -computer $server Win32_Service -Filter
"Name='WinRM'" | Start-Service

In questo comando, $server si riferisce al nome dell'host Windows di
destinazione.
b. winrm create winrm/config/listener?Address=*+Transport=HTTP
c. netsh advfirewall firewall add rule name=“Windows Remote
Management(Http-In)” dir=in action=allow program="System"
protocol=TCP localport="5985" profile="Domain,Public,Private"
enable=yes
Nota: se si desidera configurare WinRM affinché usi HTTPS, fare riferimento 
a http://support.microsoft.com.
30
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Configurazione degli host
Per gli host Windows Server 2003 R2 WinRM non è installato per impostazione
predefinita, ma è disponibile come funzionalità Gestione Hardware con
funzionalità Aggiungi/Rimuovi componenti di sistema nel Pannello di controllo
in Strumenti di gestione e controllo. Per l'installazione completa e per
informazioni sulla configurazione di WinRM utilizzando lo strumento della riga
di comando Winrm sono disponibili online le pagine introduttive sulla gestione
dell'hardware "Hardware Management Introduction" (in lingua inglese) nel sito
http://technet.microsoft.com, dove vengono descritti WinRM e le funzionalità
IPMI di Windows Server 2003 R2. Se si utilizza Windows 2003 ed è necessario
installare WinRM su un notevole numero di server, chiedere assistenza
all'amministratore Windows e segnalare allo stesso le pagine "Hardware
Management Introduction" sopra indicate.
2. Abilitare l'autenticazione sul servizio WinRM. Lo schema di autenticazione può
essere di base o Kerberos.
a. Controllare le impostazioni di autenticazione correnti con il comando:

winrm get winrm/config/service/auth
b. Abilitare lo schema di autenticazione sul servizio WinRM con il comando:

winrm set winrm/config/service/auth @{<authentication
scheme>="true"}
Ad esempio:
Per abilitare lo schema di autenticazione di base, eseguire il comando:
winrm set winrm/config/service/auth ‘@{Basic="true"}’
Per abilitare lo schema di autenticazione Kerberos, eseguire il comando:
winrm set winrm/config/service/auth ‘@{Kerberos="true"}’
Nota: il servizio WinRM supporta l'autenticazione di base solo per gli account locali 
e l'autenticazione Kerberos per utenti di dominio in aggiunta a quelli appartenenti ai gruppi
amministratori.
3. Per permettere il trasferimento di dati non criptati sul servizio WinRM, eseguire 
i seguenti comandi:

winrm set winrm/config/service ‘@{AllowUnencrypted="true"}’
4. Per impostare MaxEnvelopeSizekb, in modo che i componenti server e client di
WinRM interagiscano con il protocollo WS-Management, eseguire il seguente
comando:

winrm set winrm/config ‘@{MaxEnvelopeSizekb="1039440"}’
5. Per Windows 2003, per raccogliere dettagli sulla configurazione HBA, installare il
file fcinfo, che può essere scaricato dal sito web di Microsoft:

http://www.microsoft.com
Nota: è anche possibile configurare automaticamente e da remoto il servizio WinRM richiesto
per la data collection WS-MAN usando le group policy.
Per dettagli completi sulla configurazione di WinRM, fare riferimento a "Installazione 
e configurazione per gestione remota Windows" su http://msdn.microsoft.com.
Configurazione di host Windows e WS-MAN
31
Configurazione degli host
Per la discovery WSMAN con Kerberos, il nome KDC (Key Distributrion Center) 
per il dominio utente deve essere configurato per la discovery degli host tramite
autenticazione Kerberos. È possibile procedere alla configurazione nei seguenti modi:
Durante l'implementazione di ProSphere:
Aggiungere il valore DNS (Domain Name Server) per KDC al campo DNS Server e 
il nome di dominio di KDC al campo di ricerca del dominio nel passaggio di
configurazione della vApp per applicazione ProSphere, Discovery Engine, 
Database cronologico e tutti i Collector durante l'implementazione di ProSphere.
Dopo l'implementazione di ProSphere:
Nota: in vCenter, se l'opzione Edit Settings viene utilizzata per inserire più di due indirizzi IP
nel campo DNS o se durante l'implementazione dell'appliance ProSphere vengono forniti più
di due indirizzi IP, al riavvio dell'appliance vCenter non aggiorna le impostazioni DNS
sull'appliance.
Se il valore DNS per KDC non viene configurato durante l'implementazione ProSphere,
attenersi alla procedura seguente:
1. Spegnere la vApp.
2. Fare clic con il tasto destro del mouse sulle singole macchine virtuali e selezionare
Edit Settings.
3. In Options > Properties, aggiungere DNS for KDC al campo DNS Server e il
nome dominio di KDC al campo di ricerca del dominio per l'autenticazione
Kerberos.
4. Accendere la vApp.
Le modifiche possono essere apportate su tutte le macchine virtuali e i Collector
di ProSphere.
Nota: accertarsi della corretta risoluzione del nome dell'host associato all'indirizzo IP da
ProSphere.
Configurazione di host Windows e WMI
ProSphere supporta la discovery di host Windows per mezzo di Windows
Management Instrumentation (WMI).
Nota: WS-MAN è il meccanismo di discovery preferito per Windows 2008 e versioni successive. 

ProSphere copierà il file eseguibile binario INQ sugli host Windows se la discovery viene
pianificata utilizzando il profilo di accesso WMI.
Le sezioni che seguono illustrano la configurazione di WMI in modo che operi con
ProSphere.
32
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Configurazione degli host
Prerequisiti per Windows Server 2003 o 2008 e Windows 2012
Nota: prima di eseguire la procedura indicata in questa sezione, modificare in Windows 2012 
la connettività di rete da pubblica a privata. Aprire il Pannello di controllo. Selezionare 
Rete e Internet. In Centro connessioni di rete e condivisione, fare clic su Connetti alla rete.
Nella parte destra della schermata, fare clic con il tasto destro del mouse su Rete -> Attiva 
o disattiva condivisione. Fare clic su Sì, attiva condivisione e connetti a dispositivi. Una volta
terminata la procedura indicata in questa sezione, impostare la connettività di rete in base alle
preferenze.
Di seguito sono riportati i prerequisiti per la discovery dell'host Windows da parte di
ProSphere:
u
La discovery deve essere eseguita con il profilo di accesso di utente con il ruolo
Amministratore o di membro del gruppo Amministratori. Inserire le credenziali
come credenziali WMI in ProSphere. Nella Guida per l'amministratore di EMC
ProSphere è spiegato come generare le credenziali di accesso.
u
L'account utente usato per la discovery deve poter accedere all'host da sottoporre
a discovery.
u
L'utente dispone di privilegi WMI.
u
L'utente dispone di privilegi di scrittura nella directory Temp predefinita.
In Windows 2003, il percorso della directory Temp predefinita è il seguente:
C:/Document and Settings/<user name>/local settings/Temp
ProSphere cerca di scrivere i dati nella directory Temp predefinita.
Se questa directory non ha privilegi di scrittura, ProSphere tenta di scrivere i dati
in C:\Windows\Temp.
Se la directory C:\Windows\Temp non ha privilegi di scrittura, ProSphere cerca
di scrivere i dati nella directory %Temp% configurata per l'utente.
Se la directory configurata per l'utente %Temp% non ha privilegi di scrittura,
l'operazione non riesce.
In Windows 2008, il percorso della directory Temp predefinita è il seguente:
C:\Users\<user name>\AppData\Local\Temp
ProSphere cerca di scrivere i dati nella directory Temp predefinita.
Se questa directory non ha privilegi di scrittura, ProSphere tenta di scrivere i dati
in C:\Windows\Temp.
Se la directory C:\Windows\Temp non ha privilegi di scrittura, ProSphere cerca
di scrivere i dati nella directory %Temp% configurata per l'utente.
Se la directory configurata per l'utente %Temp% non ha privilegi di scrittura,
l'operazione non riesce.
Nota: per trovare la posizione esatta nella directory %Temp%: 
Selezionare Start->Esegui
Digitare %Temp%
Questo apre la directory.
Configurazione di host Windows e WMI
33
Configurazione degli host
u
Visual C ++ 2005 SP1 Redistributable Package deve essere installato sull'host.
Nota: nel caso in cui l'opzione di aggiornamento Windows è abilitata e non è possibile
trovare questo pacchetto nel proprio sistema, è possibile scaricarlo da
http://www.microsoft.com/
u
I servizi WMI e Remote Registry sono in esecuzione.
Nota: per assicurarsi che i servizi siano avviati:
Selezionare Start->Esegui
Digitare services.msc..
Verificare che i servizi Windows Management Instrumentation e Remote Registry siano
avviati. Se non lo sono, fare clic con il tasto destro del mouse sui servizi e selezionare Start.
u
u
Apportare modifiche del registro su un host Windows Server 2008 R2 La sezione
“Apportare modifiche del registro su un host Windows Server 2008 R2” a pagina 40
fornisce informazioni sui cambiamenti di registro richiesti.
Con WMI, per consentire l'accesso al namespace Root/CIMV2 e a tutti 
i subnamespace, impostare le seguenti autorizzazioni:
• Metodi di esecuzione
• Scrittura completa
• Scrittura parziale
• Account di abilitazione
• Abilitazione remota
• Protezione da lettura
La sezione “Aggiunta di un utente con le necessarie autorizzazioni WMI remote”
a pagina 36 fornisce informazioni su come impostare i permessi necessari.
u
La comunicazione Distributed Object Component Model (DCOM) di Microsoft 
è abilitata sul server da sottoporre a discovery.
La sezione “Abilitazione di DCOM” a pagina 35 fornisce informazioni su come
configurare DCOM sulla porta 135.
u
Il firewall dell'host è correttamente configurato per permettere DCOM sulla 
porta 135.
La sezione “Aggiunta di un'eccezione del firewall per aprire le porte RPC
dinamiche” a pagina 37 fornisce informazioni su come configurare DCOM sulla
porta 135.
u
ProSphere deve utilizzare le credenziali Windows con autorizzazioni DCOM
remote e autorizzazioni WMI.
Disabilitare il Controllo Account Utente (UAC) in Windows 2008 SP2
1. Aprire il prompt dei comandi e digitare msconfig.
2. Selezionare la scheda Strumenti, scorrere verso il basso, selezionare Disattiva UAC,
quindi selezionare Avvia.
3. Apportare le modifiche desiderate nella finestra di dialogo per disabilitare il
Controllo Account Utente (UAC).
4. Verificare che venga visualizzato il messaggio di conferma.
5. Riavviare l'host.
34
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Configurazione degli host
Disabilitare il Controllo Account Utente (UAC) in Windows 2008 R2
1. Aprire il prompt dei comandi e digitare msconfig.
2. Selezionare la scheda Strumenti, quindi scegliere Modifica impostazioni UAC.
3. Selezionare Avvia.
4. Apportare le modifiche desiderate nella finestra di dialogo per disabilitare il
Controllo Account Utente (UAC).
5. Riavviare l'host.
Aggiunta di un utente con le necessarie autorizzazioni DCOM remote
Per configurare un account utente abilitato a DCOM su un host server Windows:
1. Accedere al server come utente locale o utente di dominio con accesso completo
in lettura/scrittura alla directory %Temp%.
2. Fare clic sul pulsante Start di Windows e selezionare Esegui.
3. Digitare dcomcnfg.
4. Nella vista della struttura ad albero Servizi componenti della finestra di dialogo
Directory principale console, espandere Computer.
5. Nella visualizzazione ad albero espansa Computer, fare clic con il tasto destro del
mouse su Risorse del computer e selezionare Proprietà - Risorse del computer.
6. Fare clic su Proprietà predefinite.
7. Selezionare Abilita DCOM in questo computer.
8. Fare clic su Protezione COM.
9. Fare clic su Modifica limiti... nell'area di Autorizzazioni di esecuzione e attivazione.
10. Assicurarsi che il gruppo Administrators o il nome utente necessari sia nell'elenco
di Utenti e gruppi.
Nel caso in cui il gruppo Administrators o il nome utente non sia presente
nell'elenco:
a. Fare clic su Aggiungi.
b. Digitare il nome utente o gruppo Administrator in Immettere i nomi degli
oggetti da selezionare. L'account da aggiungere deve disporre di autorizzazioni
complete per la directory %Temp%.
c. Fare clic su OK.
11. Nella finestra di dialogo Autorizzazione di accesso, selezionare le caselle Avvio
remoto e Attivazione remota per fornire all'utente le relative autorizzazioni,
quindi fare clic su OK.
12. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Proprietà - Risorse del
computer e Servizi componenti.
Abilitazione di DCOM
Sull'host da sottoporre a discovery, verificare che il valore della seguente chiave di
registro sia impostato su Y:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Ole ->EnableDCOM
Configurazione di host Windows e WMI
35
Configurazione degli host
Aggiunta di un utente con le necessarie autorizzazioni WMI remote
Per impostare privilegi WMI per un account utente Windows:
1. Accedere al server come utente locale o utente di dominio.
2. Fare clic sul pulsante Start di Windows e selezionare Esegui.
3. Digitare WMIMGMT.MSC.
4. Fare clic con il tasto destro su Controllo WMI (Locale) e quindi selezionare
Proprietà.
5. Fare clic sulla scheda Protezione.
6. Selezionare il namespace Root>CIMV2 e quindi fare clic su Protezione.
7. Selezionare lo stesso account utente con le impostazioni di autorizzazione DCOM
necessarie per la discovery, come selezionato in “Aggiunta di un utente con le
necessarie autorizzazioni DCOM remote” a pagina 35.
Nel caso in cui il nome utente o gruppo non sia elencato, passaggio 10 a pagina 35
fornisce le istruzioni per aggiungere il gruppo o account utente richiesto.
8. Assicurarsi che tutti i permessi siano abilitati nell'area Autorizzazioni per
Administrator.
9. Fare clic su Applica e quindi su OK.
10. Fare clic su OK.
11. Chiudere la finestra di dialogo Windows Management Infrastructure (WMI).
Configurare porte RPC dinamiche
Nota: questa procedura è applicabile sia su Windows Server 2003 che Windows Server 2008 ed
è richiesta esclusivamente quando il firewall è abilitato e tutto il traffico dinamico delle porte
RPC è bloccato nell'ambiente del cliente.
Configurare porte RPC dinamiche:
1. Accedere al server come utente locale o utente di dominio.
2. Fare clic sul pulsante Start di Windows e selezionare Esegui.
3. Digitare regedt32.exe.
4. Espandere il seguente percorso della chiave del registro di sistema:

HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Rpc
5. Generare subkey sotto Rpc facendo clic con il tasto destro del mouse su Rpc,
quindi selezionando Nuovo>Chiave.
6. Impostare il nuovo nome della chiave di registro su Internet.
7. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Internet e selezionare Nuovo >
Valore multistringa. Impostare il valore su Porte.
8. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla chiave Porte e scegliere Modifica.
9. Digitare per le porte RPC dinamiche 5000-5100.
10. Fare clic con il tasto destro del mouse su Internet, selezionare Nuovo > Valore
stringa e assegnare il nome PortsInternetAvailable.
11. Fare clic con il pulsante destro del mouse su PortsInternetAvailable e scegliere
Modifica.
36
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Configurazione degli host
12. Digitare la lettera Y nel campo Dati valore.
13. Fare clic con il tasto destro del mouse su Internet, selezionare Nuovo > Valore
stringa e assegnare il nome UseInternetPorts.
14. Fare clic con il pulsante destro del mouse su UseInternetPorts e scegliere
Modifica.
15. Digitare la lettera Y nel campo Dati valore.
16. Uscire dall'Editor del Registro di sistema.
17. Riavviare l'host per attivare i cambiamenti della porta dinamica.
Nota: in ProSphere, se configurate una singola porta (per esempio: porta 135) e cercate di
effettuare la discovery di host, thread multipli dalla topologia e la raccolta dati sulle prestazioni
collidono su quell'host e mostrano errori di discovery. Quindi, si richiede una gamma di porte
affinché la discovery sia corretta. Si consiglia di avere 100 porte aperte per sostenere le metriche
richieste in Linee guida sulle prestazioni e sulla scalabilità di EMC ProSphere. Se avete un numero
maggiore di applicazioni sull'host rispetto a quello tipico, potrebbe essere necessario di aprire
altre porte.
Aggiunta di un'eccezione del firewall per aprire le porte RPC dinamiche
Se è abilitato un firewall, bisognerà aggiungere delle eccezioni ai firewall che aprano
la porta 135 e le porte dinamiche RPC.
Nella EMC ProSphere Security Configuration Guide sono elencate le porte che devono
essere aperte e in ascolto per ProSphere, nonché l'assegnazione delle porte.
Su Windows Server 2008, se si dispone del software firewall predefinito di 
Windows 2008, aggiungere le seguenti eccezioni per permettere il traffico WMI.
Aggiunta di un'eccezione del firewall per aprire le porte RPC dinamiche
Per creare un'eccezione firewall inbound sulle porte ProSphere-Dynamic-RPC:
1. Fare clic su Start > Strumenti di amministrazione > Windows Firewall con
protezione avanzata.
2. Selezionare Regole in entrata nella struttura ad albero di navigazione a sinistra.
3. Fare clic su Regole in entrata e fare clic su Nuova regola.
4. Selezionare Tipo di regola come Personalizzata e fare clic su Avanti.
5. Selezionare Questo percorso programma nella sezione Programma e digitare
%SystemRoot%\System32\dllhost.exe come percorso per dllhost.exe
6. Assicurarsi che Servizi sia per impostazione predefinita (Solo tutti i programmi
e i servizi) nella sezione Programma e quindi fare clic su Avanti.
7. Selezionare TCP per Tipo di protocollo, RPC dinamico per Porta locale, Tutte le
porte per Porta remota nella sezione Protocollo e porte e fare clic su Avanti.
8. Assicurarsi che la sezione delle proprietà Ambito e Azione sia impostata come
predefinita e quindi fare clic su Avanti.
9. Abilitare Dominio, Privato e Pubblico nella sezione Profilo, quindi fare clic su
Avanti.
10. Impostare Nome come ProSphere-Dynamic-RPC-ports e fare clic su Fine.
Configurazione di host Windows e WMI
37
Configurazione degli host
Nota: è anche possibile digitare il seguente comando su un prompt di comando per creare la
regola di cui sopra:
netsh advfirewall firewall add rule name="ProSphere-Dynamic-RPC-ports"
dir=in action=allow program="%SystemRoot%\System32\dllhost.exe"
protocol=TCP localport=RPC profile=public,private,domain
SP A | B porta di gestione numero di porta
Per creare una regola di eccezione inbound per la porta 135 ProSphere-WMI-DCOM-in:
1. Fare clic su Start > Strumenti di amministrazione (Pannello di controllo)>
Windows Firewall con protezione avanzata.
2. Selezionare Regole in entrata nella struttura ad albero di navigazione a sinistra.
3. Fare clic su Regole in entrata e fare clic su Nuova regola.
4. Selezionare Tipo di regola come Personalizzata e fare clic su Avanti.
5. Selezionare Questo percorso programma nella sezione Programma e digitare
%SystemRoot%\System32\svchost.exe come percorso per svchost.exe
6. Selezionare Servizi facendo clic su Personalizza nella sezione Programma.
7. Evidenziare Applica al servizio, selezionare Remote Procedure Call (RPC) come
servizio, fare clic su OK e quindi su Avanti.
8. Selezionare TCP per Tipo di protocollo, RPC EndPoint Mapper per Porta locale,
Tutte le porte per Porta remota nella sezione Protocollo e porte e fare clic su Avanti.
9. Assicurarsi che la sezione delle proprietà Ambito e Azione sia impostata come
predefinita e quindi fare clic su Avanti.
10. Abilitare Dominio, Privato e Pubblico nella sezione Profilo, quindi fare clic su
Avanti.
11. Impostare Nome come ProSphere-WMI-DCOM-in, quindi scegliere Fine.
Nota: è anche possibile digitare il seguente comando su un prompt di comando per creare la
regola di cui sopra:
netsh advfirewall firewall add rule name="ProSphere-WMI-DCOM-in"
dir=in action=allow program="%SystemRoot%\System32\svchost.exe"
service=RpcSs protocol=TCP localport=RPC-EPMap
profile=public,private,domain
La regola di eccezione firewall inboud permette il traffico VMI asincrono
Per creare una regola di eccezione firewall inbound ProSphere-WMI-Async-in:
1. Fare clic su Start > Strumenti di amministrazione > Windows Firewall con
protezione avanzata.
2. Selezionare Regole in entrata nella struttura ad albero di navigazione a sinistra.
3. Fare clic su Regole in entrata e fare clic su Nuova regola.
4. Selezionare Tipo di regola come Personalizzata e fare clic su Avanti.
5. Selezionare Questo percorso programma nella sezione Programma e digitare
%SystemRoot%\System32\wbem\unsecapp.exe come percorso per unsecapp.exe
6. Assicurarsi che Servizi sia impostato come predefinito (solo tutti i programmi 
e servizi) nella sezione Programma e quindi fare clic su Avanti.
38
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Configurazione degli host
7. Selezionare TCP per Tipo di protocollo, RPC dinamico per Porta locale, Tutte le
porte per Porta remota nella sezione Protocollo e porte e fare clic su Avanti.
8. Assicurarsi che la sezione delle proprietà Ambito e Azione sia impostata come
predefinita, quindi fare clic su Avanti.
9. Selezionare il Profilo appropriato per la rete, nella sezione Profilo, quindi fare clic
su Avanti.
10. Impostare Nome come ProSphere-WMI-Async-in e fare clic su Fine.
Nota: è anche possibile digitare il seguente comando su un prompt di comando per creare la
regola di cui sopra: 
netsh advfirewall firewall add rule name="Prosphere-WMI-Async-in" dir=in action=allow
program="%SystemRoot%\System32\wbem\unsecapp.exe" protocol=TCP localport=RPC
profile=public,private,domain
Regola di eccezione firewall inbound chiamata Prosphere-WMI-in
Per creare una regola di eccezione firewall inbound ProSphere-WMI-in:
1. Fare clic su Start > Strumenti di amministrazione > Windows Firewall con
protezione avanzata.
2. Selezionare Regole in entrata nella struttura ad albero di navigazione a sinistra.
3. Fare clic su Regole in entrata e fare clic su Nuova regola.
4. Selezionare Tipo di regola come Personalizzata e fare clic su Avanti.
5. Selezionare Questo percorso programma nella sezione Programma e digitare
%SystemRoot%\System32\svchost.exe come percorso per svchost.exe
6. Selezionare Servizi facendo clic su Personalizza nella sezione Programma.
7. Evidenziare Applica al servizio, selezionare Windows Management
Instrumentation come servizio, fare clic su OK e quindi su Avanti.
8. Selezionare TCP per Tipo di protocollo, RPC dinamico per Porta locale e Tutte le
porte per Porta remota nella sezione Protocollo e porte, quindi fare clic su Avanti.
9. Assicurarsi che la sezione delle proprietà Ambito e Azione sia impostata come
predefinita, quindi fare clic su Avanti.
10. Selezionare il Profilo appropriato per la rete, nella sezione Profilo, quindi fare clic
su Avanti.
11. Impostare Nome come ProSphere-WMI-in e fare clic su Fine.
Nota: è anche possibile digitare il seguente comando su un prompt di comando per creare la
regola di cui sopra:
netsh advfirewall firewall add rule name=" Prosphere-WMI-in" dir=in action=allow
program="%SystemRoot%\System32\svchost.exe" service=Winmgmt protocol=TCP
localport=RPC profile=public,private,domain
Per Windows 2003, se state usando un software di firewall di terze parti o un software
firewall Windows, dovrete configurare le eccezioni firewall per permettere il traffico
per la porta 135 e le porte dinamiche RPC.
La porta 135 deve essere aperta per accettare connessioni remote in entrata sul Service
Control Manager (SCM), che fornisce servizi basati su RPC per DCOM. La porta
permette al client di localizzare il servizio DCOM.
Configurazione di host Windows e WMI
39
Configurazione degli host
Nota: questa procedura è richiesta solo se la porta 135 è bloccata nell'ambiente del cliente.
Per aprire le porte DCOM:
1. Fare clic su Start, quindi su Pannello di controllo.
2. Fare doppio clic su Windows Firewall, quindi sulla scheda Eccezioni.
3. Fare clic su Aggiungi porta.
4. Digitare DCOM_TCP135 nel campo Nome e 135 nel campo numero di porta.
5. Fare clic su TCP, quindi fare clic su OK.
6. Fare clic su OK e chiudere la finestra Pannello di controllo.
Nota: è anche possibile digitare il seguente comando in un prompt di comando per aprire la porta: 
netsh firewall add portopening protocol=tcp port=135 name=DCOM_TCP135
mode=ENABLE
Regola di eccezione firewall per dllhost.exe
Per creare una regola di eccezione firewall per dllhost.exe:
1. Fare clic su Start > Pannello di controllo > Windows Firewall.
2. Selezionare la scheda Eccezioni e fare clic su Aggiungi programma.
3. Fare clic su Sfoglia e selezionare dllhost.exe dal percorso
%SystemRoot%\System32\dllhost.exe.
Nota: è anche possibile digitare il seguente comando su un prompt di comando per creare la
regola di cui sopra:
netsh firewall add allowedprogram program="%systemRoot%\system32\dllhost.exe"
name="dllhost.exe" mode=ENABLE
Apportare modifiche del registro su un host Windows Server 2008 R2
Le seguenti modifiche del registro host relative a DCOM sono necessarie per eseguire
la discovery di un host Windows Server 2008 R2.
1. Eseguire il comando regedit per aprire l'Editor del Registro di sistema 
e passare alla chiave
HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID\76a64158-cb41-11d1-8b02-00600806d9b6, 
che si riferisce a WBEM Scripting Locator.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Autorizzazioni.
3. Scegliere il gruppo Administrators e assegnare Controllo completo.
4. Fare clic su Avanzate.
5. Fare clic su Proprietario e cambiare il proprietario indicando il gruppo
Administrators.
6. Fare clic su Applica e quindi su OK.
7. Fare clic su OK e uscire dall'Editor del Registro di sistema.
40
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Configurazione degli host
Configurazione di host UNIX e Linux
Le sezioni seguenti descrivono come configurare gli host Linux e UNIX per la
discovery e la raccolta dei dati sulle prestazioni di ProSphere.
Nota: ProSphere copierà il file eseguibile binario INQ sugli host Unix e Linux se la discovery
viene pianificata utilizzando il profilo di accesso SSH.
Requisiti per la discovery
Per la discovery, ProSphere richiede le credenziali dell'utente per l'accesso Secure
Shell (SSH) a host UNIX e Linux. L'account utente usato per la discovery deve poter
accedere all'host da sottoporre a discovery. Tali credenziali vanno immesse come
credenziali SSH in ProSphere. Nella Guida per l'amministratore di EMC ProSphere 
è spiegato come generare le credenziali di accesso.
Esecuzione con privilegi root
Un importante requisito per la discovery di host Linux/UNIX è la possibilità per
alcuni comandi di discovery di essere eseguiti come utente root. A tal fine sono
disponibili strumenti o comandi quali sudo.
Utilizzo di sudo per la discovery di host
La discovery di host Linux e UNIX richiede l'utilizzo del comando sudo per portare il
meccanismo di discovery al privilegio root per la selezione dei comandi. Il comando
sudo permette di:
u
Portare temporaneamente le credenziali utente a root per comandi specifici
configurati nel file sudoers.
u
Accedere ad una macchina Linux/UNIX come utente non root.
u
Eseguire comandi SCSI per effettuare la discovery delle informazioni relative allo
storage per l'host.
Deve essere impostata la seguente configurazione sull'host quando si usa il server
sudo per la discovery dell'host.
u
Il percorso del comando sudo deve essere incluso nella variabile ambiente $PATH
per l'utente sudo. La variabile $PATH può essere impostata su /etc/environment 
o /etc/default/login o qualsiasi altro file specifico dell'OS.
u
I percorsi dei comandi OS devono essere inclusi nella variabile ambiente $PATH
per utenti sudo. Questi percorsi sono diversi per i diversi sistemi operativi.
Di solito, la maggior parte dei file di comando si trovano nelle seguenti posizioni
per impostazione predefinita:
/usr/local/sbin:/usr/local/bin:/sbin:/bin:/usr/sbin:/usr/bin
Questi percorsi devono essere inclusi nella variabile $PATH .
u
u
Per provare se il percorso è corretto, effettuare l'accesso come utente sudo ed
eseguire which sudo o sudo.
I file sudoers devono essere disponibili. Per impostazione predefinita, 
è disponibile in /etc o /opt/sfw/etc/ o /usr/local/etc/sudoers.
Configurazione di host UNIX e Linux
41
Configurazione degli host
u
L'utente sudo deve avere privilegi root per eseguire i seguenti comandi su un
dato host per la discovery delle risorse:
• /tmp/nl_dwd/inq
• <percorso del comando fcinfo>/fcinfo
• <percorso del comando powermt>/powermt
• <percorso del comando dmidecode>/dmidecode
• <path of sar command>/sar (per la raccolta dei dati sulle prestazioni dei
percorsi su host AIX e HP-UX)
Nota: per consentire a un utente ProSphere senza privilegi di utilizzare l'utility sar come utente
root, includere nel file sudoers la riga seguente: 
srm ALL=(ALL) nopasswd: <path of sar command>/sar
Ad esempio: 
srm ALL=(ALL) nopasswd: /usr/local/sbin/sar
Nota: la Figura 2 a pagina 43 fornisce un esempio di contenuto file sudo richiesto aggiuntivo.
Si consiglia di non modificare i file sudoers con alcun editor che non sia visudo. Le autorizzazioni
per un file sudoer valido devono essere impostate su 440.
42
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Configurazione degli host
login as: cmguser
Password:*****
#sudo
usage: sudo -h | -K | -k | -L | -V
...
#which sudo
/usr/local/bin/sudo
#ls -l /etc/sudoers
-r--r----- 1 root
root
923 Dec 13 05:36 /etc/sudoers
login as: root
Password:*****
#visudo sudoers
#
#
#
#
#
#
#
#
file sudoers.
Questo file DEVE essere modificato con il comando 'visudo' come root.
Vedere la man page sudoers per dettagli su come scrivere un file sudoers.
Specifica alias host
Specifica alias utente
User_Alias CMGU=cmguser
# Specifica alias Cmnd
Cmnd_Alias CMGEMC=/tmp/nl_dwd/inq,<path of powermt command>/powermt,<path
of dmidecode command>/dmidecode,<path of fcinfo command>/fcinfo, <path of
sar command>/sar
# Specifica dei valori predefiniti
# Specifica del privilegio utente
root ALL=(ALL) ALL
CMGU ALL=NOPASSWD:CMGEMC
# Eliminare i commenti per permettere alle persone della group wheel di
eseguire tutti i comandi
# %wheel ALL=(ALL) ALL
# Stessa cosa senza password
# %wheel ALL=(ALL) NOPASSWD: ALL
# Esempi
# %users ALL=/sbin/mount /cdrom,/sbin/umount /cdrom
# %users localhost=/sbin/shutdown -h now
#cmguser ALL=(ALL) NOPASSWD: ALL
login as: cmguser
Password:*****
#sudo fcinfo hba-port
WWN della porta HBA: 10000000c9702593
…
#ls /tmp/nl_dwd/inq
/tmp/nl_dwd/inq
#sudo /tmp/nl_dwd/inq -mapinfo
Figura 2
Esempio di contenuto di file sudoers per la discovery di host Linux/UNIX
Configurazione di host UNIX e Linux
43
Configurazione degli host
Autenticazione basata su chiave SSH
ProSphere utilizza l'autenticazione basata su chiave SSH pubblica/privata che
consente di eseguire la discovery degli host UNIX con una chiave privata. Una chiave
pubblica deve essere presente su tutti gli host UNIX da sottoporre a discovery
utilizzando la chiave privata.
Per generare una coppia di chiavi pubblica/privata valida è possibile scegliere
qualsiasi strumento di generazione chiavi.
La procedura riportata di seguito descrive i passaggi per generare una coppia di
chiavi pubblica e privata per gli host UNIX, utilizzando lo strumento ssh-keygen.
1. Per host UNIX all'interno di ProSphere, generare una coppia di chiavi pubblica 
e privata utilizzando il comando:
ssh-keygen -t rsa -f <location_of_the_private_key/name_of_
private_key_file> -N "passphrase"
Nota: lasciare uno spazio vuoto al posto di "passphrase" se si sceglie di non crittografare.

Ad esempio: ssh-keygen -t rsa -f /root/.ssh/id_rsa -N””
2. Verificare che la coppia di chiavi pubblica e privata generata disponga delle
seguenti autorizzazioni:
chmod 600 /root/.ssh/id_rsa
chmod 644 /root/.ssh/id_rsa.pub
Nota: il file della chiave privata è id_rsa, il file della chiave pubblica è id_rsa.pub.
3. Per rendere funzionante la coppia di chiavi, allegare la chiave pubblica 
a /root/.ssh/authorized_keys nell'host UNIX di destinazione, utilizzando
il comando seguente:
cat <location_of_the_private_key/name_of_private_key_file> >>
/root/.ssh/authorized_keys
Ad esempio: 
cat /root/.ssh/id_rsa.pub >> /root/.ssh/authorized_keys
4. Copiare la chiave privata (vale a dire /root/.ssh/id_rsa) nel Discovery
Engine di ProSphere:
a. Copiare la chiave privata in qualsiasi posizione della macchina da cui si
accede a ProSphere.
44
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Configurazione degli host
b. Utilizzare il pulsante Import Private key nella finestra di dialogo Create Access
Credentials per ottenere la chiave dalla macchina da cui si accede a ProSphere 
e copiare la chiave nell'applicazione ProSphere. Nella figura riportata di seguito
viene illustrato il pulsante Import Private key.
Raccolta dei dati sulle prestazioni
Per la raccolta dei dati sulle prestazioni del percorso, è necessario che sull'host sia in
esecuzione software specifico (che varia a seconda del sistema operativo dell'host).
u
u
Solaris — iostat
Linux (RedHat e SuSE) — Affinché i dati sulle prestazioni del percorso 
vengano raccolti correttamente è necessario che sia installato il pacchetto 
iostat versione 5.0.5. Se tale pacchetto non è installato, la raccolta di dati sulle
prestazioni del percorso termina con l'errore "Failed to discover performance
metrics" (impossibile eseguire la discovery di metriche sulle prestazioni).
u
AIX — sar
u
HP-UX — sar
u
Windows 2000 e successivi - Il servizio Strumentazione gestione Windows (WMI)
servizio deve essere attivato e in esecuzione.
Configurazione di host UNIX e Linux
45
Configurazione degli host
Consultare le man page e la documentazione utente per l'installazione e le istruzioni
di configurazione per tali strumenti.
Contattare il vendor UNIX per informazioni su come eseguire il download e
installare il pacchetto iostat (o sar).
Preparazione per la discovery di guest VMware
Un sistema guest VMware è il sistema operativo installato su una macchina virtuale.
Affinché ProSphere esegua la discovery di un host in cui risiede un sistema guest
VMware (vale a dire la discovery di una macchina virtuale invece che di un host
fisico), sono richiesti strumenti VMware. Verificare con l'amministratore di VMware
che gli strumenti VMware siano installati sui guest VMware.
Se gli strumenti VMware non sono installati su un sistema guest VMware, ProSphere
non sarà in grado di eseguire la discovery della macchina virtuale in cui il guest
VMware risiede.
Preparazione per la discovery di VMware Infrastructure
La discovery dell'infrastruttura virtuale degli ambienti VMware viene effettuata da
ProSphere da vSphere vCenter utilizzando l'API Virtual Infrastructure (VI). La Web
Services API è ospitata su ESX Server e VirtualCenter e ad essa ProSphere può
accedere per la discovery delle risorse. Per ulteriori informazioni su questa interfaccia
di servizio, consultare la documentazione di VMware vSphere Web Services
all'indirizzo:
http://www.vmware.com
Requisiti per la discovery
Per la discovery delle infrastrutture virtuali, ProSphere richiede:
46
u
Assegnazione di credenziali individuali ESX o assegnazione di credenziali
VirtualCenter. In entrambi i casi, le autorizzazioni Read-only devono essere
incluse, con l'aggiunta delle autorizzazioni Browse Datastore. Tali credenziali
vanno immesse come credenziali di VMware Infrastructure in ProSphere. Nella
Guida per l'amministratore di EMC ProSphere è spiegato come generare le credenziali
per l'accesso alla discovery.
u
Accesso sbloccato all'indirizzo IP dell'interfaccia Web Services su tutti i server
VMware ESX e VirtualCenter da sottoporre a discovery.
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
5




Configurazione dei
sistemi di storage
In questo capitolo viene spiegato come configurare i provider di dati di array usati da
EMC ProSphere, quali SMI-S Provider, per supportare la discovery delle risorse e la
raccolta dei dati.
Il capitolo include le sezioni:
u
u
Configurazione dell'EMC SMI-S Provider ................................................................ 48
Configurazione della Control Station EMC per NAS .............................................. 51
Configurazione dei sistemi di storage
47
Configurazione dei sistemi di storage
Configurazione dell'EMC SMI-S Provider
EMC SMI-S Provider fornisce partner e altri gruppi di prodotti con un'interfaccia
basata sugli standard di settore per gli array EMC, che produce uno sviluppo della
soluzione più veloce. Infine, assicura l'interoperabilità e la gestione semplificata degli
ambienti di rete delle aziende clienti. EMC SMI-S Provider supporta SNIA Storage
Management Initiative (SMI), una gestione di storage standard ANSI.
SMI assicura dati consistenti fornendo un'interfaccia unificata ai molti storage object
che devono essere gestiti in un ambiente di storage. Questo permette agli sviluppatori
delle applicazioni di concentrarsi su una sola interfaccia standard per lo sviluppo di
strumenti di gestione.
EMC SMI-S Provider è stato affiancato da EMC Common Object Manager (ECOM)
per fornire un'interfaccia conforme a SMI per EMC Symmetrix® e array
VNX™/CLARiiON®. ProSphere può raccogliere dati su risorse e sulle prestazioni
dagli storage array EMC Symmetrix, VNX e CLARiiON.
Requisiti per la data collection per la discovery
Per eseguire la discovery di storage device Symmetrix, CLARiiON e VNX supportati
e raccogliere da essi dati sulle risorse in ProSphere, è necessario che i seguenti requisiti
siano soddisfatti:
u
Un host che gestisce e monitora l'array Symmetrix ha bisogno di sei gatekeeper
per ogni array Symmetrix.
u
Una versione supportata di EMC SMI-S Provider per l'array deve essere installata
su un host con connettività Fibre Channel per gli array Symmetrix e connettività
IP per gli array CLARiiON/VNX.
Nota: per essere sottoposto a discovery, un array Symmetrix deve supportare la connettività
all'host su cui SMI-S Provider è installato. Solo gli array connessi mediante Fibre Channel in
una configurazione di replica remota vengono sottoposti a discovery in ProSphere, di
conseguenza, per la discovery di tutti gli array sono necessari più SMI-S Provider. Fare
riferimento alle note di rilascio di SMI-S per informazioni sui limiti di scalabilità. Per i motivi
sopra indicati, è necessario installare SMI-S Provider sugli host in modo che ogni array sia
dotato di connettività da almeno un host di SMI-S Provider.
EMC SMI-S Provider è disponibile per il download dal sito del Supporto Online 
EMC (support.emc.com) e può essere opzionalmente fornito da EMC su CD-ROM. 
È possibile eseguire il download delle istruzioni di installazione, insieme al software,
come indicato nelle note di rilascio dell'EMC SMI-S Provider.
Nota: quando si installa EMC SMI-S Provider, si installa anche EMC Solutions Enabler.
Qualsiasi versione precedente di EMC Solutions Enabler verrà disinstallata e installata una
nuova versione di EMC Solutions Enabler. Può essere necessario installare daemon EMC
Solutions Enabler aggiuntivi che non sono inclusi nell'installazione di base di SMI-S Provider
/EMC Solutions Enabler.
Nota: solo una versione di EMC SMI-S Provider ed EMC Solutions Enabler può essere
installata sullo stesso host.
48
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Configurazione dei sistemi di storage
u
L'host dell'EMC SMI-S Provider deve essere accessibile da ProSphere nella rete
TCP/IP. Indirizzo IP, porta di accesso, nome utente, password e namespace
dell'host per il provider devono essere noti in quanto vanno specificati come
credenziali di accesso in ProSphere. Tali credenziali vanno immesse come
credenziali SMI-S . Nella Guida per l'amministratore di EMC ProSphere è spiegato
come generare le credenziali per l'accesso alla discovery.
u
L'indirizzo IP o il nome di dominio completo di VNX/CLARiiON SPA, l'indirizzo
IP o il nome di dominio completo di VNX/CLARiiON SPB e il nome utente 
e password di VNX/CLARiiON devono essere noti.
Requisiti per la raccolta dei dati sulle prestazioni
EMC Symmetrix Performance Analyzer (SPA) deve essere installato per visualizzare 
i dati sulle prestazioni della metrica "Array FE Directors - % busy" oltre a gestire gli
alerts di Symmetrix Performance Analyzer in ProSphere.
La “Integrazione di ProSphere con SMAS e Unisphere for VMAX” a pagina 101
fornisce dettagli sulla configurazione.
Configurazione del provider
EMC SMI Provider deve essere configurato per accedere agli array prima che
ProSphere possa eseguire la discovery degli array. Le note di rilascio di EMC SMI-S
Provider contengono istruzioni per la configurazione del prodotto.
Verificare la configurazione di EMC SMI-S Provider
u
Per verificare che EMC SMI-S Provider sia configurato correttamente, utilizzare lo
strumento TestSmiProvider installato con SMI-S Provider nell'host del provider.
u
La discovery degli array ProSphere richiede l'indirizzo IP dell'host di EMC SMI
Provider, le credenziali di accesso SMI che includono nome utente e password di
EMC SMI Provider (le credenziali predefinite sono nome utente = "admin",
password = "#1Password"), il numero di porta di SMI Provider e l'impostazione
SSL abilitata.
Nota: il nome utente e la password di EMC SMI Provider non sono gli stessi delle credenziali
dell'array precedentemente menzionate per VNX/CLARiiON.
La connessione a EMC SMI-S Provider può essere convalidata utilizzando le
informazioni sullo stato del job di discovery. Fondamentalmente, se gli array
vengono rilevati, le credenziali di accesso di SMI sono corrette. Se gli array non
vengono rilevati, controllare la presenza di eventuali errori nelle informazioni
relative allo stato del job di discovery. In genere si verificano le seguenti
condizioni: il provider è inattivo, il nome utente e/o la password del provider
sono errati, è stata specificata una porta non corretta o sono sbagliate le
impostazioni di abilitazione di SSL. Per eseguire un controllo di integrità delle
impostazioni, dall'host di EMC SMI Provider verificare che il provider sia in
esecuzione e utilizzare l'applicazione TestSmiProvider per stabilire una
connessione a SMI Provider, utilizzando le stesse informazioni fornite con le
credenziali di accesso.
Configurazione dell'EMC SMI-S Provider
49
Configurazione dei sistemi di storage
u
Per gli array VMAX/Symmetrix è importante ricordare che ProSphere supporta
solo array VMAX/Symmetrix fibre-attached all'host di EMC SMI-S Provider,
ovvero con una connessione al provider nota come "locale". Gli array
VMAX/Symmetrix con connessione "remota" a EMC SMI-S Provider mediante
altri array intermedi che utilizzano connessioni RDF sono esclusi dalla discovery
da parte di ProSphere. Il comando TestSmiProvider Display Version ("dv")
mostrerà quali array Symmetrix e Clariion sono connessi al provider e se si tratta
di connessioni locali o remote.

Per VNX/CLARiiON questo significa che devono essere specificati gli indirizzi IP
per il Service Processor A e il Service Processor B, oltre a "nome utente e password
dell'array CLARiiON o VNX con privilegi di livello amministratore validi in
ambito globale", come indicato nelle Note di rilascio di EMC SMI-S Provider.
• Per VNX/CLARiiON con connessione "fibre-connected" all'host di EMC
SMI-S Provider ("locale" al provider): l'azienda cliente deve configurare il
provider per la discovery in-band di VNX/CLARiiON, come illustrato in
dettaglio nelle Note di rilascio di EMC SMI-S Provider.
• Per VNX/CLARiiON con connessione TCP/IP all'host di EMC SMI-S Provider
("remota" al provider): l'azienda cliente deve configurare il provider per la
discovery out-of-band di VNX/CLARiiON come illustrato in dettaglio nelle
Note di rilascio di EMC SMI-S Provider.
Sostituire l'host di EMC SMI-S Provider
In questa sezione viene spiegato come disattivare l'host di EMC SMI-S Provider e come
aggiungere un nuovo host.
I motivi più comuni per la sostituzione di un host di EMC SMI-S Provider sono:
u
Si sta disattivando l'host corrente.
u
L'host corrente non dispone di CPU o memoria sufficiente per la gestione degli
storage array.
Utilizzare la seguente procedura:
1. Disattivare l'host di SMI-S Provider corrente.
2. Se si intende continuare a utilizzare l'host per scopi diversi, disinstallare EMC
SMI-S Provider dall'host.
3. Installare EMC SMI-S Provider sul nuovo host e aggiungere gli array.
4. Eseguire nuovamente il job di discovery di avvio utilizzando l'IP del provider del
nuovo host. ProSphere comincerà a utilizzare il nuovo provider sul nuovo host.
L'operazione di data collection sulle prestazioni per gli array avviene anch'essa
tramite il nuovo provider.
50
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Configurazione dei sistemi di storage
Configurazione della Control Station EMC per NAS
La discovery di NAS ProSphere richiede l'accesso alla Control Station con la licenza
NAS abilitata per CIFS, NFS o entrambi. Opzionalmente è possibile abilitare la
licenza "snapsure". L'utente può verificare e abilitare la licenza richiesta mediante la
CLI NAS o l'interfaccia utente di Unisphere per la Control Station. Per i dettagli più
aggiornati, fare riferimento alla documentazione della Control Station NAS.
Verificare le licenze NAS utilizzando la Control Station
Nella sezione seguente viene spiegato come verificare le licenze NAS tramite Control
Station per diversi modelli NAS.
Verificare le licenze NAS per tutti i modelli NAS
Per tutti i modelli NAS è possibile verificare la licenza NAS utilizzando la CLI della
Control Station.
1. Effettuare il login alla CLI NAS utilizzando il nome utente e la password
dell'amministratore NAS.
2. Digitare il comando nas_license –list per visualizzare le licenze esistenti:
Abilitare una licenza NAS
Per abilitare la licenza, utilizzare il seguente comando:
nas_license
-create
nfs (o cifs o snapsure)
Verificare le licenze per modelli NAS più datati
Per verificare le licenze di modelli NAS più datati, come Celerra Integrated:
1. Aprire un browser (https://<control-station-ip> ) per la Control 
Station NAS.
Configurazione della Control Station EMC per NAS
51
Configurazione dei sistemi di storage
2. Fare clic sulla scheda Licenses.
3. Visualizzare o modificare le impostazioni.
Verificare le licenze per i modelli NAS più recenti
Per verificare le licenze di modelli NAS più recenti, come VNX Unified:
1. Aprire un browser (https://<control-station-ip>) per la Control Station
NAS, in modo da visualizzare e modificare le impostazioni.
2. Selezionare Settings.
3. Selezionare More Settings.
52
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Configurazione dei sistemi di storage
4. Selezionare Manage Licenses for file.
5. Visualizzare o modificare le impostazioni.
Configurazione della Control Station EMC per NAS
53
Configurazione dei sistemi di storage
54
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
6




Configurazione di
switch e fabric
Questo capitolo fornisce le istruzioni di configurazione per gli switch e le fabric Cisco
e Brocade per supportare la discovery di risorse e la data collection in EMC ProSphere.
Questo capitolo comprende le seguenti sezioni:
u
Configurazione degli switch Cisco............................................................................. 56
Configurazione di switch e fabric
55
Configurazione di switch e fabric
Configurazione degli switch Cisco
Questa sezione riguarda le fabric omogenee che contengono uno o più switch Cisco.
ProSphere supporta due modalità di comunicazione SNMP per gli switch Cisco:
ovvero la modalità meno protetta SNMPv1/v2 e la modalità più protetta SNMPv3.
Attività di preconfigurazione
Prima di effettuare la discovery di uno switch Cisco o di una fabric Cisco omogenea
in ProSphere:
1. Verificare che tutti gli elementi hardware (compreso il modello di switch) e software
siano indicati fra quelli supportati nella Support matrix di EMC ProSphere.
2. Verificare la connettività TCP/IP per gli switch da sottoporre a discovery. Provare
inviando un comando ping a questi switch.
Determinare se le trap SNMP siano abilitate. Accedere allo switch ed eseguire il
comando show snmp trap, come nel seguente esempio: 
SWDevCisco8-9216i# show snmp trap
Enabled
Trap type
56
entità
: entity_mib_change
Sì
entità
: entity_module_status_change
Sì
entità
: entity_power_status_change
Sì
entità
: entity_module_inserted
Sì
entità
: entity_module_removed
Sì
entità
: entity_unrecognised_module
Sì
entità
: entity_fan_status_change
Sì
entità
: entity_power_out_change
Sì
link
: linkDown
Sì
link
: linkUp
Sì
link
: extended-linkDown
Sì
link
: extended-linkUp
Sì
link
: cieLinkDown
Sì
link
: cieLinkUp
Sì
link
: connUnitPortStatusChange
Sì
link
: fcTrunkIfUpNotify
Sì
link
: fcTrunkIfDownNotify
Sì
link
: delayed-link-state-change
Sì
link
: fcot-inserted
Sì
link
: fcot-removed
Sì
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Configurazione di switch e fabric
call home
: event-notify
No
call home
: smtp-send-fail
No
cfs
: state-change-notif
No
cfs
: merge-failure
No
fcdomain
: dmNewPrincipalSwitchNotify
No
fcdomain
: dmDomainIdNotAssignedNotify
No
fcdomain
: dmFabricChangeNotify
No
rf
: redundancy_framework
Sì
aaa
: server-state-change
No
license
: notify-license-expiry
Sì
license
: notify-no-license-for-feature
Sì
license
: notify-licensefile-missing
Sì
license
: notify-license-expiry-warning
Sì
scsi
: scsi-disc-complete
No
fcns
: reject-reg-req
No
fcns
: local-entry-change
No
fcns
: db-full
No
fcns
: remote-entry-change
No
rscn
: rscnElsRejectReqNotify
No
rscn
: rscnIlsRejectReqNotify
No
rscn
: rscnElsRxRejectReqNotify
No
rscn
: rscnIlsRxRejectReqNotify
No
fcs
: request-reject
No
fcs
: discovery-complete
No
fctrace
: route
No
zona
: request-reject1
No
zona
: merge-success
No
zona
: merge-failure
No
zona
: default-zone-behavior-change
No
zona
: unsupp-mem
No
vni
: virtual-interface-created
No
vni
: virtual-interface-removed
No
VSAN
: vsanStatusChange
No
VSAN
: vsanPortMembershipChange
No
fspf
: fspfNbrStateChangeNotify
No
Configurazione degli switch Cisco
57
Configurazione di switch e fabric
aggiornamento
: UpgradeOpNotifyOnCompletion
Sì
aggiornamento
: UpgradeJobStatusNotify
Sì
feature-control
: FeatureOpStatusChange
No
vrrp
: cVrrpNotificationNewMaster
No
fdmi
: cfdmiRejectRegNotify
No
snmp
: authentication
No
In questo esempio, molte delle trap non sono abilitate. EMC consiglia di attivare
tutte le trap, a meno che non vi sia una valida ragione per non farlo.
3. Abilitare le trap SNMP. Eseguire il comando snmp-server enable traps, come nel
seguente esempio:

SWDevCisco8-9216i#config terminal
Inserire comandi configurazione, uno per riga End with
CNTL/Z.
SWDevCisco8-9216i (config)# snmp-server enable traps
4. Visualizzare le trap abilitate. Eseguire il comando show snmp trap. I valori nella
colonna Enabled dovrebbero essere Yes.
EMC consiglia che tutti gli switch nella fabric Cisco dispongano delle stesse credenziali
SNMP per l'uso con ProSphere. Ad esempio, se viene utilizzata l'impostazione
privata di community di SNMPv1/v2, tutti gli switch Cisco nella fabric devono 
avere il nome privato della community SNMPv1/v2 impostato con un ruolo di
network-admin. Per un utente SNMPv3, le stesse credenziali SNMPv3 con il ruolo 
di network-admin devono essere impostate su ogni switch nella fabric.
Nota: ProSphere visualizza la fabric Cisco VSAN come parzialmente sottoposta a discovery se
non è stata fornita alcuna stringa community durante la configurazione.
La discovery degli switch Cisco viene avviata indirizzando la finestra di dialogo della
discovery di ProSphere verso uno switch seed. ProSphere effettua la discovery di tutti
gli switch della fabric ottenendo i membri della fabric dallo switch seed. Pertanto, in
tutti gli switch Cisco deve essere impostata la configurazione SNMPv1/2 o SNMPv3.
ProSphere effettua la discovery di tutti gli switch collegati in una fabric fisica.
ProSphere non supporta la discovery di switch Cisco su connessioni FCIP. Per eseguire
la discovery di una fabric Cisco che contiene connessioni FCIP, eseguire la discovery
di uno switch Cisco su entrambi i lati della connessione FCIP.
ProSphere non supporta gli alias dispositivo Cisco o gli alias di dispositivo Cisco
avanzati.
58
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Configurazione di switch e fabric
Configurazione degli switch per SNMPv1/2
Le informazioni SNMPv1/2 immesse quando si esegue la discovery sono necessarie
affinché ProSphere possa contattare lo switch per ottenere informazioni. ProSphere
raccoglie i dati dallo switch utilizzando lo stesso nome della community SNMP.
Utilizza la porta SNMP per la comunicazione, normalmente impostata su 161.
1. Fare riferimento alla documentazione Cisco per informazioni dettagliate su come
configurare gli switch Cisco per la gestione SNMPv1/v2.
2. Gli switch Cisco devono avere un nome della community SNMPv1 con privilegi
di sola lettura impostati su ogni switch nella fabric. La community SNMP
selezionata deve avere un ruolo network-operator.
3. Accedere allo switch come amministratore.
4. Utilizzare il comando snmp-server community per configurare i privilegi di
lettura e scrittura come indicato nel seguente esempio:

Cisco8-9216i# 
config terminal
Inserire comandi configurazione, uno per riga. End with
CNTL/Z.

Cisco8-9216i(config)# snmp-server community eccuser ro
5. Per determinare se un utente di community SNMPv1 esiste, accedere allo switch
ed eseguire il comando come indicato nel seguente esempio:
Cisco8-9216i# show snmp community
Community
Group/Access
eccuser
operatore di rete
6. Impostare il ProSphere di Discovery Engine come destinazione trap SNMPv1/2.
Configurazione degli switch per SNMPv3
Questa sezione contiene le linee guida per la creazione di utenti SNMPv3 per la
discovery e la gestione degli switch Cisco in ProSphere.
Le informazioni SNMPv3 immesse quando si esegue la discovery sono necessarie
affinché ProSphere possa contattare lo switch per ottenere informazioni. ProSphere
raccoglie i dati dallo switch utilizzando le credenziali protette di SNMPv3. ProSphere
supporta SNMPv3 soltanto con autenticazione SHA e privacy AES128. Utilizza la
porta SNMP per la comunicazione, normalmente impostata su 161.
Nota: ProSphere supporta SNMPv3 con tutte le combinazioni Auth (MD5, SHA) e Priv 
(AES, DES, NONE).

EMC consiglia di creare gli stessi utenti SNMPv3 con la stessa autenticazione e password di
privacy su tutti gli switch fisici nella fabric.

La documentazione Cisco fornisce informazioni sulla creazione di utenti SNMPv3 su switch
Cisco MDS.
Configurazione degli switch Cisco
59
Configurazione di switch e fabric
Ad esempio, per creare un utente SNMPv3 chiamato ECCuser con ruolo di operatore
di rete, autorizzazione SHA, e autenticazione AES128, fare quanto segue:
1. Eseguire il comando snmp-sever user come nel seguente esempio:

Cisco8-9216i# 
config terminal
Inserire comandi configurazione, uno per riga. End with CNTL/Z.

Cisco8-9216i (config)#snmp-server user ECCuser network-operator
auth sha <SHA-password> priv aes-128 <AES-password>
2. Confermare la creazione del nuovo utente eseguendo il comand show snmp user
come mostrato nel seguente esempio:
SWDevCisco8-9216i# show snmp user
SNMP USERS
User
Auth
Priv(enforce)
Gruppi
admin
md5
no
network-admin
ECCuser
sha
aes-128(no)
operatore di rete
NOTIFICATION TARGET USERS (configured for sending V3 Inform)
User
Auth
Priv
SWDevCisco8-9216i#
3. Impostare il ProSphere di Discovery Engine come destinazione trap SNMPv3.
60
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
7




Implementazione dei
ProSphere
In questo capitolo vengono indicate le istruzioni a cui attenersi per implementare
EMC ProSphere. Nelle seguenti sezioni sono contenute le procedure dettagliate per
l'implementazione di ProSphere.
u
u
u
Implementazione di ProSphere con vSphere Client ................................................ 62
Implementazione di ProSphere con vCloud Director.............................................. 67
Passaggi successivi........................................................................................................ 69
Per l'implementazione di ProSphere è possibile utilizzare vSphere Client o vCloud
Director.
Implementazione dei ProSphere
61
Implementazione dei ProSphere
Implementazione di ProSphere con vSphere Client
I file di implementazione di ProSphere includono un file .ovf (di piccole dimensioni)
con i file .vmdk situati nella stessa posizione (di grandi dimensioni). Scaricare i file
dal sito del Supporto Online EMC (support.emc.com) o da un altro sito specificato da
EMC. Posizionare questi file in una cartella in un file share locale o posizione URL
accessibile al client vSphere. Il client vSphere scarica questi file e li trasmette a ESX
Server o a ESXi Server.
Nota: durante l'implementazione viene visualizzato un errore di checksum, anche se manca un
solo file. I nomi completi e aggiornati dei file .ovf e .vmdk con i numeri di build sono reperibili
nelle Note di rilascio di EMC ProSphere.
Durata implementazione
Il tempo di implementazione totale può essere influenzato da:
u
Posizione del client vSphere nella rete
u
Velocità di trasferimento dei file
u
Prestazioni della rete nell'ambiente
Per velocizzare i tempi, quindi, EMC consiglia di implementare ProSphere e il
Collector all'interno della LAN condivisa con l'ambiente VMware. Un client 
vSphere che si esegue su un laptop con una VPN (Virtual Private Network) con 
poca larghezza di banda, può avere bisogno di diverse ore per l'implementazione.
Tuttavia, se il client vSphere viene eseguito nella stessa rete LAN (Local Area
Network) veloce come i server VMware, l'implementazione potrebbe richiedere
soltanto pochi minuti.
Implementazione dei ProSphere
Nota: ripetere questa procedura per ogni istanza ProSphere che si desidera implementare.
1. Aprire il client vSphere e stabilire la connessione con il server vCenter che
gestisce l'ambiente VMware.
2. Selezionare File > Deploy OVF Template, come mostrato in figura.
Nota: è disponibile una guida online per ogni passaggio della finestra di dialogo di Deploy
OVF Template nel client vSphere. Questa guida non è specifica per ProSphere. Se non si è certi
di qualcuno di questi passaggi, rivolgersi al VMware Administrator. Ad esempio, potreste non
essere sicuri della posizione dell'inventario da selezionare e così via.
62
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Implementazione dei ProSphere
3. Nel passaggio Source, ricercare un percorso file o digitare un URL per il file .ovf.
Fare clic su Next.
4. Nel passaggio OVF Template Details, rivedere i dettagli del file .ovf caricato.
Fare clic su Next.
5. Nel passaggio End User License Agreement, controllare il contratto di licenza del
prodotto, fare clic su Accept e quindi su Next per continuare.
6. Nel passaggio Name and Location, digitare un solo nome in Name (ad esempio,
ImplementazioneProSphere locale) e specificare la posizione in Name and
Location nell'ambiente VMware per la vApp di ProSphere e le sue macchine
virtuali. Fare clic su Next.
7. Nel passaggio Host/Cluster, selezionare il cluster o l'host (o entrambi) su cui la
vApp di ProSphere verrà eseguita. Fare clic su Next.
8. Nel passaggio Resource Pool, selezionare un pool di risorse (associate con il
cluster o host selezionato in precedenza) in cui sarà eseguita la vApp ProSphere.
Questo passaggio sarà necessario solo se è stato definito in precedenza un pool di
risorse. Fare clic su Next.
9. Nel passaggio datastore, selezionare un datastore in cui archiviare le immagini
della macchina virtuale per ProSphere. Se viene selezionato il formato di disco
Thick, il datastore deve disporre di un minimo di 600 GB di spazio disponibile.
Fare clic su Next.
10. Nel passaggio Disk Format, per alcuni datastore verrà richiesto di selezionare il
metodo di provisioning dello spazio di archiviazione per la macchina virtuale.
Ecco alcuni esempi
di utilizzo:
Thin Provisioned Format (espansione dello spazio di storage disponibile per la
macchina virtuale on-demand) per sistemi di file datastore.
Thick Provisioned Format (lo spazio della macchina virtuale è allocato 
e riservato come blocco).
Fare clic su Next.
Implementazione di ProSphere con vSphere Client
63
Implementazione dei ProSphere
11. Nel passaggio Network Mapping, selezionare una rete di destinazione per ognuna
delle macchine virtuali in ProSphere.
Se più macchine virtuali sono mappate alla stessa rete di destinazione, è possibile
che nel client vSphere venga visualizzata l'avvertenza "Multiple source networks
are mapped to the host network". Ignorare questo messaggio.
Nota: nell'ambiente VMware, a ciascuna rete di destinazione selezionata deve essere
associato un IP pool IP.
Fare clic su Next.
12. Nel passaggio Properties, specificare i campi di configurazione obbligatori. Nella
finestra di dialogo viene riportata la descrizione di una proprietà in rosso se il
valore necessario manca o non è valido. Le proprietà da impostare sono indicate
di seguito.
Nota: assicurarsi di specificare solo il DNS e i domini di ricerca rilevanti.
Impostazione di ProSphere
Timezone setting
Fuso orario del server da impostare sulle macchine
virtuali Linux implementate come parte integrante di
ProSphere.
Impostazioni dell'applicazione ProSphere
applicazione ProSphere Hostname
Nome host (FQDN) da assegnare alla macchina
virtuale di applicazione ProSphere (ad esempio,
ProSphere.abc.mycompany.com)
applicazione ProSphere IP Address
Indirizzo IP da assegnare alla macchina virtuale di
applicazione ProSphere. Questo indirizzo IP deve
essere registrato con i DNS appropriati ed essere
risolto per una ricerca DNS inversa.
applicazione ProSphere Gateway
Subnet gateway per gli host nella rete.
applicazione ProSphere DNS Servers
Elenco separato da virgole di DNS disponibili nella
rete selezionata per l'applicazione ProSphere e il
KDC (Key Distributrion Center).
Non inserire più di due indirizzi IP. In vCenter, se
l'opzione Edit Settings viene utilizzata per inserire 
più di due indirizzi IP nel campo DNS o se durante
l'implementazione dell'appliance ProSphere vengono
forniti più di due indirizzi IP, al riavvio dell'appliance
vCenter non aggiorna le impostazioni DNS
sull'appliance.
64
applicazione ProSphere Netmask
Netmask applicata agli indirizzi IP nella rete.
applicazione ProSphere Search Domain(s).
Elenco separato da spazi di domini utilizzati nella rete
selezionata e nel nome dominio per KDC.
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Implementazione dei ProSphere
Impostazioni del Discovery Engine
Discovery Engine Hostname
Nome host da assegnare al Discovery Engine 
(ad esempio, ProSphere-discovery050).
IP Address
Indirizzo IP da assegnare al Discovery Engine se si
utilizzano schemi di indirizzi IP fissi. Questo indirizzo
IP deve essere registrato con i DNS appropriati ed
essere risolto per una ricerca DNS inversa.
Discovery Engine Netmask
Netmask applicata agli indirizzi IP nella rete.
Discovery Engine Gateway
Subnet gateway per gli host nella rete.
Discovery Engine DNS Servers
Elenco separato da virgole di DNS disponibili nella
rete selezionata e di DNS per KDC.
Non inserire più di due indirizzi IP.
Discovery Engine Search Domain(s)
Elenco separato da spazi di domini utilizzati nella rete
selezionata e nel nome dominio per KDC.
Impostazioni dell'Database cronologico
Database cronologico Hostname
Nome di rete desiderato per l'host virtuale in cui verrà
implementato il database.
Database cronologico IP Address
Indirizzo IP da utilizzare per accedere all'host virtuale
del database se si utilizza uno schema di indirizzi IP
fissi. Questo indirizzo IP deve essere registrato con 
i DNS appropriati ed essere risolto per una ricerca
DNS inversa.
Database cronologico Netmask
Netmask applicata agli indirizzi IP nella rete.
Database cronologico Gateway
Subnet gateway per gli host nella rete.
Database cronologico DNS Servers
Elenco separato da virgole di DNS disponibili nella
rete selezionata e di DNS per KDC.
Non inserire più di due indirizzi IP.
Database cronologico Search Domain(s)
Elenco separato da spazi di domini utilizzati nella rete
selezionata e nel nome dominio per KDC.
Fare clic su Next.
13. Nel passaggio Ready to Complete, controllare l'elenco di proprietà specificate per
l'implementazione di ProSphere. Se è necessario modificare un valore, fare clic su
Back per tornare ai passaggi precedenti e modificare i passaggi precedenti. Fare
clic su Finish per avviare l'implementazione. Nel client vSphere viene visualizzata
una barra di stato, che mostra l'avanzamento dell'implementazione.
Attendere di visualizzare la finestra di dialogo Deployment Completed
Successfully.
14. Fare clic su Close per chiudere la finestra di dialogo.
Implementazione di ProSphere con vSphere Client
65
Implementazione dei ProSphere
15. Nel client vSphere passare alla visualizzazione Hosts & Clusters.
a. Espandere la struttura ad albero nel pannello a sinistra di questa
visualizzazione.
b. Localizzare il cluster e l'host selezionati per ProSphere durante
l'implementazione. Visualizzerete tre nuove macchine virtuali:
– Database cronologico
– Discovery Engine
– applicazione ProSphere sotto il nome della vApp (ad esempio, 
Local ProSphere deployment).
16. Avviare ProSphere manualmente dopo l'implementazione. Per avviare ProSphere
nel client vSphere:
a. Fare clic con il tasto destro sul nome della vApp assegnato durante
l'implementazione (ad esempio, Local ProSphere deployment).
b. Selezionare Power On, come mostrato in figura. Il client vSphere visualizzerà
lo stato di accensione sulla barra Recent Tasks in fondo al client.
Attendere che tutte le macchine virtuali vengano avviate e che lo Status
dell'attività Start vApp per il nome della vApp (ad esempio, Local ProSphere
deployment), nella vista Recent Tasks, sia indicato come Completed prima di
procedere.
Nota: al primo avvio del database appliance, la creazione delle tabelle necessarie e degli altri
processi di inizializzazione potrebbe richiedere tempo.
A questo punto è possibile iniziare ad usare ProSphere tramite la console basata su
web relativa.
Nota: se è necessario rimuovere la vApp di ProSphere e le relative macchine virtuali
dall'ambiente VMware, attenersi alle procedure adottate dalla propria organizzazione.
66
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Implementazione dei ProSphere
Implementazione di ProSphere con vCloud Director
I file di implementazione di ProSphere includono un file .ovf (di piccole dimensioni),
con i relativi file .vmdk (di grandi dimensioni) situati nella stessa posizione. Scaricare
i file dal sito del Supporto Online EMC (support.emc.com) o da un altro sito specificato
da EMC. Collocare i file all'interno di un'unica cartella, in una file share locale o in un
sito web (con relativo URL) accessibile a vCloud Director.
Nota: un errore di checksum viene visualizzato durante l'implementazione anche se manca un
solo file. I nomi completi e aggiornati dei file .ovf e .vmdk con i numeri di build sono reperibili
nelle Note di rilascio di EMC ProSphere.
Nota: ProSphere supporta solo vCloud Director versione 5.1 o successive.
Durata implementazione
Il tempo di implementazione totale può essere influenzato da :
u
Latenza tra il server vCloud Director e il sito in cui si trova la share nella rete
u
Velocità di trasferimento dei file
u
Prestazioni della rete nell'ambiente
Per velocizzare i tempi, EMC consiglia quindi di implementare ProSphere ed eventuali
Collector o Applicazione ProSphere secondaria dall'interno di una LAN condivisa
dall'ambiente VMware. Se la connessione a vCloud Director viene effettuata in una
sessione di browser da laptop, tramite VPN a ridotta larghezza di banda, l'upload del
template della vApp potrebbe richiedere diverse ore. Una sessione del server vCloud
Director avviata da un browser in esecuzione nella stessa LAN ad alta velocità in cui si
trova vCloud Director può invece impiegare solo pochi minuti per fare l'upload.
Procedure di implementazione
L'implementazione di ProSphere utilizzando vCloud Director include le seguenti
procedure:
u
“Creare un catalogo vCloud” a pagina 67
u
“Caricare i file di implementazione nel catalogo” a pagina 68
u
“Implementare la vApp di ProSphere dal template della vApp” a pagina 68
Creare un catalogo vCloud
1. Selezionare la scheda Catalogs.
2. Fare clic sul pulsante con il segno più (+)
3. Digitare un nome per il catalogo.
4. Se si desidera condividere il catalogo con altri utenti all'interno
dell'organizzazione, fare clic su Next. In caso contrario, fare clic su Finish.
Implementazione di ProSphere con vCloud Director
67
Implementazione dei ProSphere
Caricare i file di implementazione nel catalogo
1. Nella scheda Catalogs, selezionare il catalogo creato in precedenza.
2. Selezionare la scheda Media.
3. Fare clic sull'icona a forma di ruota per visualizzare un menu di opzioni da cui
selezionare Upload. Verrà visualizzata la finestra di dialogo Upload Media.
4. Fare clic su Browse e selezionare il file .ovf di ProSphere. Dopo avere eseguito
l'upload, i file verranno archiviati come template della vApp
5. Inserire un nome per il template della vApp nel campo Name.
6. Inserire una descrizione per il template della vApp (come ProSphere vApp).
7. Fare clic su Upload. L'avanzamento dell'operazione di upload verrà visualizzato
in un'apposita schermata.
Nota: la schermata con l'avanzamento dell'operazione non verrà visualizzata se nel web
browser è abilitato il blocco delle finestre pop-up.
8. Una volta completata l'operazione di caricamento, fare clic su Clear.
Implementare la vApp di ProSphere dal template della vApp
1. Fare clic sulla scheda My Cloud.
2. Fare clic con il tasto sinistro del mouse sul pulsante con il segno più (+) per
visualizzare la finestra di dialogo Add vApp from Catalog.
3. Selezionare il template e fare clic su Next.
4. Leggere e accettare il contratto EULA, quindi fare clic su Next.
5. Digitare un nome per la vApp.
6. Digitare una descrizione per la vApp, quindi fare clic su Next.
7. Selezionare il data center virtuale dall'elenco a discesa
8. Selezionare Static-Manual come assegnazione IP e fare clic su Next.
9. Immettere i parametri di rete per ciascuna macchina virtuale. Nell'elenco che
segue sono indicati dati esemplificativi:
a. IP Range: xx.xxx.xx. 01-03
b. Hostname Range: xxxxx01-03
c. Netmask: xxx.xxx.xxx.0
d. Gateway: xx.xxx.xx.x
e. DNS: xx.xxx.xx.xx, yy.yyy.yy.yy
Nota: non immettere più di due indirizzi IP nel campo DNS.
f. DNS Search Path domain: com test.test;.com test.corp.com,test.com
10. Immettere le seguenti informazioni per ciascuna macchina virtuale visualizzata:
a. Indirizzo IP dell'applicazione ProSphere
b. Dominio di ricerca dell'applicazione ProSphere
c. Nome host dell'applicazione ProSphere
d. Server DNS dell'applicazione ProSphere
68
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Implementazione dei ProSphere
Nota: non immettere più di due indirizzi IP per i server DNS.
e. Gateway dell'applicazione ProSphere
f. Netmask dell'applicazione ProSphere
11. Selezionare un fuso orario. Fare clic su Next.
Verrà visualizzata la finestra di dialogo Ready to Complete. Assicurarsi che le
informazioni siano corrette.
12. Fare clic su Finish. La vApp viene elencata nella finestra My Cloud.
13. Una volta completata correttamente l'implementazione:
a. Nella finestra My Cloud, selezionare la vApp.
b. Fare clic su Start.
14. Se è necessario modificare le impostazioni predefinite di leasing di sette giorni,
attenersi alla seguente procedura:
a. Fare clic con il tasto destro del mouse sulla vApp e scegliere Properties >
General > Lease.
b. Selezionare le impostazioni di leasing consigliate dall'amministratore vCloud.
c. Seguire le istruzioni della procedura guidata, quindi fare clic su Finish.
Modificare le impostazioni relative ad azioni e ritardo
1. Nella finestra My Cloud, fare clic sulla scheda vApp, fare clic con il tasto destro
del mouse sulla vApp di ProSphere e selezionare Properties.
2. Fare clic sulla scheda Starting and Stopping VMs.
3. Modificare il valore Boot Delay (seconds) impostandolo a 120.
4. Modificare il valore Stop Delay (seconds) impostandolo a 600.
5. Modificare il valore Stop Action impostandolo su Shutdown.
Passaggi successivi
Congratulazioni. La vApp ProSphere è stata implementata. È ora possibile procedere
con i passaggi successivi:
1. “Implementazione dei Collector” a pagina 83.
2. “Implementazione di un'applicazione ProSphere secondaria” a pagina 89
3. “Sincronizzazione di fusi orari e ore dei sistemi” a pagina 98 per verificare il
corretto funzionamento dell'implementazione.
4. “Accesso a ProSphere” a pagina 98.
5. “Personalizzazione del messaggio di conformità alla sicurezza” a pagina 100.
Passaggi successivi
69
Implementazione dei ProSphere
70
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
8




Aggiunta di schede
NIC per reti isolate
Il capitolo spiega come aggiungere gli adattatori Ethernet (schede NIC) alle macchine
virtuali di ProSphere per facilitare il funzionamento con le reti isolate:
u
u
u
u
Panoramica.....................................................................................................................
Configurazioni di schede NIC multiple supportate ................................................
Configurazione di una scheda NIC aggiuntiva su una macchina virtuale
di ProSphere ..................................................................................................................
Modifica del file /etc/hosts.........................................................................................
72
72
79
80
Nota: le schede NIC possono essere aggiunte solo dopo il completamento corretto
dell'implementazione. I parametri di rete per le nuove schede NIC aggiunte possono essere
configurati quando la macchina virtuale è attiva e in esecuzione.
Sul sito del Supporto Online EMC è disponibile il white paper "ProSphere Multi-NIC
Support", che fornisce ulteriori dettagli sull'installazione delle schede NIC per le reti
isolate.
Aggiunta di schede NIC per reti isolate
71
Aggiunta di schede NIC per reti isolate
Panoramica
Negli ambienti di data center in tempo reale, gli oggetti sono generalmente distribuiti
su diverse reti. In base alle impostazioni di sicurezza e dei firewall, l'accesso a reti
isolate, prive di routing o protette è in genere sottoposto a restrizioni. Dal punto di
vista dell'amministratore, è difficile monitorare gli oggetti nelle reti isolate. Possono
essere implementate e configurate più istanze di ProSphere, ma questo richiede
risorse aggiuntive. Analisi e generazione di report diventano attività noiose, perché 
è necessario consolidare i dati da diverse origini in un database centralizzato, spesso
ottenendo dati in tempo reale non coerenti. Correggere questo tipo di problemi è poco
pratico e richiede molto tempo.
ProSphere risponde alla sfida consentendo all'utente di aggiungere e configurare
adattatori NIC aggiuntivi. Si tratta di adattatori che consentono a ProSphere di
connettersi facilmente a reti isolate, rendendo possibile la discovery e il monitoraggio
degli oggetti
Configurazioni di schede NIC multiple supportate
Nelle sezioni seguenti sono elencate le diverse configurazioni di schede NIC multiple
supportate da ProSphere.
Le configurazioni da 1 a 3 vengono utilizzate nelle implementazioni standard. Le
configurazioni da 4 a 6 vengono utilizzate nelle implementazioni di tipo scale-out.
Configurazione 1: schede NIC su un Discovery Engine (DE)
L'obiettivo della configurazione, come indicato in “Schede NIC su un Discovery
Engine” a pagina 73, è il monitoraggio degli elementi di configurazione (CI) connessi
alla LAN di un data center e degli oggetti di configurazione connessi a una LAN
isolata in un'implementazione standard.
La LAN del data center gestisce il traffico tipico delle comunicazioni di ProSphere, 
ad esempio:
u
Connessioni a Web Console
u
Comunicazioni tra applicazione ProSphere, Discovery Engine e Database
cronologico
u
Comunicazioni con gli oggetti di configurazione locali
La rete isolata non è raggiungibile dalla rete ProSphere. Tale rete può essere connessa
a più reti dell'azienda, che sono protette o isolate dalla LAN del data center.
72
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Aggiunta di schede NIC per reti isolate
Un esempio di utilizzo di questa configurazione è costituito dall'ambiente di un
service provider in cui le aziende clienti gestiscono oggetti di configurazione multipli
di client o delle aziende. Le reti client o delle aziende non sono sottoposte a routing
nella rete aziendale del cliente.
Figura 3
Schede NIC su un Discovery Engine
Configurazione 2: schede NIC in un'applicazione ProSphere (PA)
L'obiettivo della configurazione, come indicato in “Schede NIC su un applicazione
ProSphere” a pagina 74, è di federare un'istanza di ProSphere connessa alla LAN di
un data center con un'altra istanza implementata in una LAN isolata.
La LAN del data center gestisce il traffico tipico delle comunicazioni di ProSphere, 
ad esempio:
u
Connessioni a Web Console
u
Comunicazioni tra applicazione ProSphere, Discovery Engine e Database
cronologico
u
Comunicazioni con gli oggetti di configurazione locali
Configurazioni di schede NIC multiple supportate
73
Aggiunta di schede NIC per reti isolate
La rete isolata viene associata all'altra implementazione di ProSphere, 
che è raggiungibile solo tramite la rete isolata.
Figura 4
Schede NIC su un applicazione ProSphere
Configurazione 3: schede NIC in un'applicazione ProSphere (PA) e in un'applicazione
ProSphere secondaria
Nella configurazione mostrata in “Schede NIC in un'applicazione ProSphere e in
un'Applicazione ProSphere secondaria” a pagina 75, un'Applicazione ProSphere
secondaria è configurata e connessa alla LAN di un data center. L'obiettivo è federare
un'istanza di ProSphere con un'altra istanza implementata in una LAN isolata.
La LAN del data center gestisce il traffico tipico delle comunicazioni di ProSphere, 
ad esempio:
74
u
Connessioni a Web Console
u
Comunicazioni tra applicazione ProSphere, Discovery Engine e Database
cronologico
u
Comunicazioni con gli oggetti di configurazione locali
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Aggiunta di schede NIC per reti isolate
Esiste più di un'implementazione di ProSphere. Le implementazioni sono
sincronizzate e l'implementazione associata alla LAN del data center è dotata di
Master Capacity Application.
La rete isolata viene associata all'altra implementazione di ProSphere, 
che è raggiungibile solo tramite la rete isolata.
Un utente dell'applicazione ProSphere non master può richiedere i dati sulle
prestazioni per i CI locali sottoposti a discovery dalla Master Capacity Application. 
In questa configurazione, un'applicazione ProSphere secondaria con una seconda
scheda NIC è presente sul sito della Master Capacity Application. La seconda scheda
NIC fornisce l'accesso ai dati sulle prestazioni dei CI.
Figura 5
Schede NIC in un'applicazione ProSphere e in un'Applicazione ProSphere secondaria
Configurazioni di schede NIC multiple supportate
75
Aggiunta di schede NIC per reti isolate
Configurazione 4: schede NIC su un Discovery Engine (DE) e un Collector
L'obiettivo della configurazione, come indicato in “Schede NIC su un Discovery
Engine e un Collector” a pagina 76, è il monitoraggio degli elementi di configurazione
(CI) connessi alla LAN di un data center e degli oggetti di configurazione connessi 
a una LAN isolata o priva di routing.
La LAN del data center gestisce il traffico tipico delle comunicazioni di ProSphere, 
ad esempio:
u
Connessioni a Web Console
u
Comunicazioni tra applicazione ProSphere, Discovery Engine, Database
cronologico e Collector
u
Comunicazioni con gli oggetti di configurazione locali
La scheda NIC aggiuntiva facilita le comunicazioni con gli oggetti di configurazione
della rete isolata, che sarebbero altrimenti inaccessibili mediante la LAN del data center.
La rete isolata può essere connessa a più reti dell'azienda, che sono protette o isolate
dalla LAN del data center.
Figura 6
76
Schede NIC su un Discovery Engine e un Collector
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Aggiunta di schede NIC per reti isolate
Configurazione 5: schede NIC in un'applicazione ProSphere (PA) e un Discovery Engine (DE)
L'obiettivo della configurazione, come indicato in “Schede NIC in un'applicazione
ProSphere e un Discovery Engine” a pagina 77, è il monitoraggio degli elementi di
configurazione (CI) connessi al data center in uso e degli oggetti di configurazione
connessi a una LAN isolata. La LAN isolata può essere dotata di un Collector
implementato per fornire un proxy consolidato per il traffico di ProSphere.
La LAN del data center gestisce il traffico tipico delle comunicazioni di ProSphere, 
ad esempio:
u
Connessioni a Web Console
u
Comunicazioni tra applicazione ProSphere, Discovery Engine, Database
cronologico e Collector
u
Comunicazioni con gli oggetti di configurazione locali
La scheda NIC aggiuntiva sul Discovery Engine facilita le comunicazioni con gli
oggetti di configurazione della rete isolata, che sarebbero altrimenti inaccessibili
mediante la LAN del data center. La rete isolata può essere connessa a più reti
dell'azienda, che sono protette o isolate dalla LAN del data center. La seconda scheda
NIC nell'applicazione ProSphere garantisce l'accesso al Collector della rete isolata,
per la registrazione con il Discovery Engine tramite l'interfaccia di registrazione
fornita da applicazione ProSphere.
Figura 7
Schede NIC in un'applicazione ProSphere e un Discovery Engine
Configurazioni di schede NIC multiple supportate
77
Aggiunta di schede NIC per reti isolate
Configurazione 6: schede NIC in un'applicazione ProSphere (PA), un'applicazione ProSphere
secondaria e un Discovery Engine (DE)
L'obiettivo della configurazione, come indicato in “Schede NIC in applicazione
ProSphere e Discovery Engine” a pagina 79, è il monitoraggio degli elementi di
configurazione (CI) su vasta scala connessi alla LAN di un data center e degli oggetti
di configurazione connessi a una rete isolata. Nelle reti isolate delle aziende può
anche essere installato un Collector che fornisce un proxy consolidato per il traffico di
ProSphere. Può inoltre essere configurata una scheda NIC aggiuntiva su un'applicazione
ProSphere secondaria, allo scopo di raccogliere i dati sulle prestazioni forniti dal
Collector della rete isolata per i CI raggiungibili solo tramite reti isolate.
La LAN del data center gestisce il traffico tipico delle comunicazioni di ProSphere, 
ad esempio:
u
Connessioni a Web Console
u
Comunicazioni tra applicazione ProSphere, Discovery Engine, Database
cronologico e Collector
u
Comunicazioni con gli oggetti di configurazione locali
La rete isolata comunica con i CI su una rete che non è raggiungibile dalla LAN del
data center. La rete isolata può essere connessa a più reti dell'azienda, che sono
protette o isolate dalla LAN del data center. La seconda scheda NIC nell'applicazione
ProSphere garantisce l'accesso a un Collector per la registrazione con il Discovery
Engine tramite l'interfaccia di registrazione fornita dall'applicazione ProSphere. 
La seconda scheda NIC nell'applicazione ProSphere secondaria, consente a un
Collector di eseguire il push dei dati sulle prestazioni all'applicazione ProSphere
secondaria.
78
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Aggiunta di schede NIC per reti isolate
Figura 8
Schede NIC in applicazione ProSphere e Discovery Engine
Configurazione di una scheda NIC aggiuntiva su una macchina virtuale
di ProSphere
La procedura riportata di seguito consente di aggiungere una scheda NIC a un
sistema in esecuzione per l'utilizzo da parte di applicazione ProSphere, Discovery
Engine, Collector o applicazione ProSphere secondaria:
1. Aggiungere una nuova scheda NIC alla macchina virtuale da vSphere Console.
2. Selezionare Edit Settings sulla macchina virtuale.
3. Fare clic su Add.
4. Selezionare Ethernet Adapter, quindi fare clic su Next.
5. Selezionare il tipo di adattatore VMXNET3 dall'elenco a discesa, scegliere l'etichetta
per la connessione di rete che connette la nuova scheda NIC alla LAN isolata,
quindi fare clic su Next.
Configurazione di una scheda NIC aggiuntiva su una macchina virtuale di ProSphere
79
Aggiunta di schede NIC per reti isolate
6. Verificare le opzioni selezionate, quindi fare clic su Finish.
La procedura riportata di seguito consente di configurare l'indirizzo IP e i dettagli
Netmask per la nuova scheda NIC aggiunta:
1. Effettuare il login alla macchina virtuale tramite SSH o la console vSphere.
2. Assegnare l'indirizzo IP e gli altri parametri di rete a ETH1 (la scheda NIC
associata con la rete isolata) utilizzando lo script seguente:

/opt/vmware/share/vami/vami_set_network vami_set_network
<interface> (STATICV4) <ipv4_addr> <netmask> <gatewayv4>

Esempio: 

/opt/vmware/share/vami/vami_set_network eth1 STATICV4
172.16.60.239 255.255.0.0 1.31.148.1
Nota: l'indirizzo <gatewayv4> deve essere l'indirizzo del gateway predefinito (quello inserito
durante l'implementazione di ProSphere).
3. Eseguire il comando ifconfig per verificare la correttezza di tutti i dati inseriti.
Modifica del file /etc/hosts
Una volta assegnato l'indirizzo IP a ETH1, accertarsi che la macchina virtuale di
ProSphere sia in grado di comunicare e risolvere i nomi degli host degli oggetti CI
dalla LAN isolata o i nomi degli host di un'altra macchina virtuale di ProSphere
connessa a una LAN isolata, in caso sia necessario sincronizzare le implementazioni.
Se i nomi degli host non sono inclusi nel server DNS locale, sarà necessario inserire 
i nomi degli host nel file /etc/hosts nella macchina virtuale di ProSphere
appropriata. Le specifiche voci che devono esser aggiunte dipendono dal tipo di
configurazione a schede NIC multiple che si è deciso di adottare.
Oltre ad aggiungere manualmente i nomi degli host nel file /etc/hosts, l'utente
deve aggiungere le voci nello script di avvio successivo sulla stessa macchina virtuale.
L'operazione è richiesta perché il file /etc/hosts viene sovrascritto a ogni riavvio
dallo script di riavvio successivo, con valori predefiniti che vengono estratti dal file
ovfEnv.xml. Per tale motivo, qualsiasi modifica manuale apportata al file /etc/hosts
deve essere esplicitamente specificata nello script di avvio successivo.
Ad esempio, se l'utente intende aggiungere al file /etc/hosts la riga:
172.16.60.239
ijk.lmn.com ijk
lo script di riavvio seguente /opt/vmware/etc/isv/ deve essere modificato 
come segue:
echo "127.0.0.1 localhost.localdom localhost" > /etc/hosts
echo "$HOSTADDR $FQDNADDR $SHORTHNAME" >> /etc/hosts
echo "172.16.60.239 ijk.lmn.com ijk" >> /etc/hosts
Se si utilizza la configurazione 1 o 4, modificare il file /etc/hosts sul Discovery
Engine nel seguente modo: per consentire la risoluzione degli host, inserire le voci
relative al nome host degli oggetti CI appartenenti alla rete isolata che l'utente
desidera sottoporre a discovery.
80
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Aggiunta di schede NIC per reti isolate
Se si utilizza la configurazione 2 o 3, modificare il file /etc/hosts nelle applicazione
ProSphere master e non master come segue:
u
Nell'applicazione ProSphere master, inserire il nome host dell'applicazione
ProSphere non master.
u
Nell'applicazione ProSphere non master, inserire il nome host dell'applicazione
ProSphere master.
Nella Tabella 4 a pagina 81 viene fornito un esempio.
Tabella 4
Esempio: modifica del file /etc/hosts per la configurazione 2 o 3
Macchina virtuale
FQDN
LAN del data center
Rete isolata
Voce nel file /etc/hosts
Daemon
abc1.xyz.com
1.31.91.62
172.16.60.239
172.16.60.251 ijk.lmn.com ijk
Non master
ijk.lmn.com
1.31.91.61
172.16.60.251
172.16.60.239 abc1.xyz.com abc1
Se si utilizza la configurazione 5 o 6, modificare il file /etc/hosts sul Discovery
Engine nel seguente modo: per consentire la risoluzione degli host, inserire le voci
relative al nome host degli oggetti CI appartenenti alla rete isolata che l'utente
desidera sottoporre a discovery.
Inoltre, in fase di registrazione del Collector che si trova nella rete isolata con il
Discovery Engine, l'utente deve associare le voci del file /etc/hosts
dell'applicazione ProSphere, del Discovery Engine e del Collector (sulla rete isolata) 
a una configurazione simile a quella mostrata nella Tabella 5 a pagina 81:
Tabella 5
Macchina virtuale
Esempio: modifica del file /etc/hosts per la configurazione 5 o 6
FQDN
LAN del data center
Rete isolata
Voce nel file /etc/hosts
Applicazione ProSphere abc1.xyz.com
1.31.91.62
172.16.60.239
172.16.60.240 qrs.tuv.com qrs
Discovery Engine
abc2.xyz.com
1.31.91.61
172.16.60.238
172.16.60.240 qrs.tuv.com qrs
Collector su rete isolata
qrs.tuv.com
-
172.16.60.240
172.16.60.239 abc1.xyz.com abc1
172.16.60.238 abc2.xyz.com abc2
Modifica del file /etc/hosts
81
Aggiunta di schede NIC per reti isolate
82
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
9




Implementazione dei
Collector
In questo capitolo sono riportate le istruzioni per l'implementazione del Collector del
Discovery Engine (Collector) di ProSphere che consente di scalare la discovery delle
risorse per fare fronte alle esigenze dei data center di grandi dimensioni.I Collector
sono macchine virtuali VMware che è necessario implementare dopo l'implementazione
iniziale di ProSphere poiché coordinano le attività con un Discovery Engine esistente.
Ulteriori dettagli sono disponibili nelle sezioni seguenti:
u
u
u
u
Collector..........................................................................................................................
Implementazione dei collector con i client vSphere.................................................
Implementazione dei Collector con vCloud Director..............................................
Registrazione di un Collector nell'applicazione ProSphere....................................
83
85
87
88
Collector
Il Collector consente di scalare la discovery delle risorse e la data collection di
ProSphere in base alle dimensioni dell'ambiente IT dell'azienda. Consultare le 
Linee guida sulle prestazioni e sulla scalabilità di EMC ProSphere per determinare il
numero di Collector da implementare.
Ottenere i file di implementazione
Accertarsi di aver scaricato i file del Collector dal sito del Supporto Online EMC 
o da un altro sito specificato da EMC, tra quelli indicati nella Tabella 6 a pagina 84.
Collocare tali file in una posizione accessibile al client vSphere, ad esempio una file
share locale o un sito web.
Determinare il numero di Collector richiesto per il data center
Determinare il numero di macchine virtuali del Collector necessarie per scalare
ProSphere in base alle dimensioni del data center dell'azienda.
Raccogliere le informazioni
Prima di procedere con l'implementazione del Collector, contattare il VMware
Administrator per reperire le informazioni necessarie per l'implementazione, 
come indicato nella Tabella 6 a pagina 84.
Implementazione dei Collector
83
Implementazione dei Collector
Tabella 6
Documenti di presentazione dell'implementazione
Tipo
Specifiche
Indirizzo IP o nome host del server vCenter o
vCloud che gestisce l'ambiente VMware.
Indirizzo IP o nome host del server vCenter
o vCloud
Nome utente e password per connettere il
client vSphere al server vCenter o per eseguire
il login a vCloud
Username
Password
In caso di utilizzo di vCloud, l'utente deve
disporre delle autorizzazioni richieste per
vCloud
Autorizzazioni richieste per la creazione di
un catalogo, per fare l'upload del template
della vApp e per implementare una vApp
Nome per la specifica implementazione del
Nome del Collector
Collector (ad esempio, "ProSphere Collector 1")
Posizione dell'infrastruttura di applicazione
ProSphere, Può includere una combinazione di
posizione dell'inventario, host, cluster e pool di
risorse
Posizione dell'inventario
Host/Cluster
Formato disco (Thick/Thin)
Pool di risorse
84
Nome di un datastore nell'ambiente vSphere in
cui sono collocate le immagini del Collector.
Storage dei dati
Nomi delle reti vSphere per implementare il
Collector.
Rete Collector
Posizione dei file di implementazione scaricati
Posizione del file OVF
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Implementazione dei Collector
Implementazione dei collector con i client vSphere
Nota: ripetere la procedura seguente per ciascun Collector che si desidera implementare:
1. Aprire il client vSphere e stabilire la connessione con il server vCenter che
gestisce l'ambiente VMware.
2. Selezionare File > Deploy OVF Template.
Nota: è disponibile una guida online per ogni passaggio della finestra di dialogo di Deploy
OVF Template nel client vSphere. Questa guida non è specifica per ProSphere. Se non si è certi
di qualcuno di questi passaggi, rivolgersi al VMware Administrator. Ad esempio, potreste non
essere sicuri della posizione dell'inventario da selezionare e così via.
3. Nel passaggio Source, ricercare un percorso file o digitare un URL per il file .ovf.
Fare clic su Next.
4. Nel passaggio OVF Template Details, rivedere i dettagli del file .ovf caricato.
Fare clic su Next.
5. Nel passaggio End User License Agreement controllare il contratto di licenza del
prodotto, fare clic su Accept e quindi su Next.
6. Nel passaggio Name and Location, digitare un nome Name (ad esempio,
ProSphere Collector 1) e specificare una Inventory Location nell'ambiente
VMware per Collector. Fare clic su Next.
7. Nel passaggio Host/Cluster, selezionare il cluster o l'host (o entrambi) su cui la
vApp di ProSphere verrà eseguita. Fare clic su Next.
8. Nel passaggio Resource Pool, selezionare un pool di risorse (associate con il
cluster o l'host selezionato in precedenza) in cui verrà eseguito il Collector.
Questo passaggio sarà necessario solo se è stato definito in precedenza un pool di
risorse. Se in Inventory Location e Host/Cluster si selezionano gli stessi elementi
scelti per la vApp di ProSphere, si dovrà selezionare la vApp in Resource Pool
per il Collector. Il Collector può essere gestito come parte della più ampia vApp
di ProSphere. Fare clic su Next.
9. Nel passaggio Datastore selezionare un datastore per archiviare l'immagine della
macchina virtuale per Collector. Il datastore deve avere un minimo di 30 GB di
spazio disponibile per un formato di disco Thick e 2,2 GB per un formato di disco
Thin. Fare clic su Next.
10. Nel passaggio Disk Format, per alcuni datastore verrà richiesto di selezionare il
metodo di provisioning dello spazio di archiviazione per la macchina virtuale.
Ecco alcuni esempi
di utilizzo:
u
Thin Provisioned Format (espansione on-demand di spazio di storage
disponibile per la macchina virtuale ) per i file system di datastore più recenti
u
Thick Provisioned Format (storage della macchina virtuale allocato e riservato
come blocco)
Fare clic su Next.
11. Nel passaggio Network Mapping, selezionare una rete di destinazione per
Collector. Fare clic su Next.
Nota: nell'ambiente VMware, a ciascuna rete di destinazione selezionata deve essere
associato un pool IP.
Implementazione dei collector con i client vSphere
85
Implementazione dei Collector
12. Nel passaggio Properties, specificare i campi di configurazione obbligatori. 
Nella finestra di dialogo viene riportata la descrizione di una proprietà in rosso 
se il valore necessario manca o non è valido.
Nota: assicurarsi di specificare solo il DNS e i domini di ricerca rilevanti.
Le proprietà da impostare sono le seguenti:
Gruppo di
proprietà
Informazioni su
Collector
Uncategorized
Obiettivo
Proprietà
Descrizione
Configurare la vApp
Collector Appliance
Hostname
Nome host da assegnare al Collector, 
ad esempio ProSphere Collector 1
Collector Appliance
IP Address
Indirizzo IP da assegnare al Collector se si
utilizzano schemi di indirizzi IP fissi
Collector Appliance
Gateway
Subnet gateway per gli host nella rete.
Collector Appliance
Netmask
Netmask applicata agli indirizzi IP nella rete.
Collector Appliance
DNS Server(s)
Elenco separato da virgole di DNS
disponibili nella rete selezionata per
l'applicazione ProSphere e i DNS per KDC.
Collector Search
Domain(s)
Elenco separato da virgole di domini
utilizzati nella rete selezionata e nel nome
dominio per KDC.
Timezone setting
Fuso orario del server da impostare sulle
macchine virtuali implementate come
parte integrante di ProSphere
Configurare il
Collector
Fare clic su Next.
13. Nel passaggio Ready to Complete, rivedere l'elenco di proprietà specificate per
l'implementazione. Se è necessario modificare un valore, fare clic su Back per
tornare ai passaggi precedenti e modificare un valore in elenco. Fare clic su Finish
per avviare l'implementazione. Nel client vSphere viene visualizzata una barra di
stato, che mostra l'avanzamento dell'implementazione.
Attendere di visualizzare la finestra di dialogo Deployment Completed
Successfully.
14. Fare clic su Closeper chiudere la finestra di dialogo.
15. Nel client vSphere passare alla visualizzazione Hosts & Clusters.
a. Espandere la struttura ad albero nel pannello a sinistra di questa
visualizzazione.
b. Localizzare il cluster e l'host selezionati per Collector durante
l'implementazione.
86
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Implementazione dei Collector
Implementazione dei Collector con vCloud Director
Questa sezione include le seguenti procedure:
u
“Caricare il nuovo file di implementazione nel catalogo” a pagina 87
u
“Implementare la vApp di Collector dal template della vApp” a pagina 87
u
“Modificare le impostazioni relative ad azioni e ritardo” a pagina 88
Caricare il nuovo file di implementazione nel catalogo
1. Nella scheda Catalogs, selezionare il catalogo creato in precedenza.
2. Selezionare la scheda Media.
3. Fare clic sull'icona a forma di ruota per visualizzare un menu di opzioni da cui
selezionare Upload. Verrà visualizzata la finestra di dialogo Upload Media.
4. Fare clic su Browse e selezionare il file .ovf. Dopo avere eseguito l'upload, 
il file verrà archiviato con gli altri file nel template della vApp.
5. Inserire un nome per il template della vApp nel campo Name.
6. Inserire una descrizione per il template della vApp (come Collector vApp).
7. Fare clic su Upload. L'avanzamento dell'operazione di upload verrà visualizzato
in un'apposita schermata.
8. Una volta completata l'operazione di caricamento, fare clic su Clear.
Implementare la vApp di Collector dal template della vApp
1. Fare clic sulla scheda My Cloud.
2. Fare clic con il tasto sinistro del mouse sul pulsante con il segno più (+) per
visualizzare la finestra di dialogo Add vApp from Catalog.
3. Selezionare il template e fare clic su Next.
4. Leggere e accettare il contratto EULA, quindi fare clic su Next.
5. Digitare un nome per la vApp.
6. Digitare una descrizione per la vApp, quindi fare clic su Next.
7. Selezionare il data center virtuale dall'elenco a discesa
8. Selezionare un profilo di storage dall'elenco a discesa e fare clic su Next.
9. Selezionare Static-Manual come allocazione IP e fare clic su Next.
10. Immettere l'indirizzo IP e inserire i parametri di rete per ciascun Collector.
Nell'elenco che segue sono indicati dati esemplificativi:
a. IP Range: xx.xxx.xx. 01-03
b. Hostname Range: xxxxx01-03
c. Netmask: xxx.xxx.xxx.0
d. Gateway: xx.xxx.xx.x
e. DNS: xx.xxx.xx.xx, yy.yyy.yy.yy
Nota: non immettere più di due indirizzi IP nel campo DNS.
f. DNS Search Path domain: com test.test;.com test.corp.com,test.com
Implementazione dei Collector con vCloud Director
87
Implementazione dei Collector
11. Selezionare un fuso orario. Fare clic su Next. Verrà visualizzata la finestra di
dialogo Ready to Complete.
12. Assicurarsi che le informazioni siano corrette.
13. Fare clic su Finish. La vApp viene elencata nella finestra My Cloud.
14. Una volta terminata correttamente l'implementazione, nella finestra My Cloud
selezionare la vApp per il Collector e scegliere Start.
15. Se è necessario modificare le impostazioni predefinite di leasing di sette giorni,
attenersi alla seguente procedura:
a. Fare clic con il tasto destro del mouse sulla vApp e scegliere Properties >
General > Lease.
b. Selezionare le impostazioni di leasing consigliate dall'amministratore vCloud.
c. Seguire le istruzioni della procedura guidata, quindi fare clic su Finish.
Modificare le impostazioni relative ad azioni e ritardo
1. Nella finestra My Cloud, fare clic sulla scheda vApp, quindi fare clic con il tasto
destro del mouse su Collector e selezionare Properties.
2. Fare clic sulla scheda Starting and Stopping VMs.
3. Modificare il valore Boot Delay (seconds) impostandolo a 120.
4. Modificare il valore Stop Delay (seconds) impostandolo a 600.
5. Modificare il valore Stop Action impostandolo su Shutdown.
Registrazione di un Collector nell'applicazione ProSphere
È possibile implementare ulteriori Collector, come richiesto. Dopo aver implementato
un Collector, registrarlo con l'applicazione ProSphere che lo gestisce.
Per registrare un Collector con l'applicazione ProSphere:
1. Digitare l'URL del Collector https://<collector_name>/appliance_registration.html
nella finestra del web browser.
2. Digitare il nome host dell'applicazione ProSphere.
3. Digitare le credenziali del Security Administrator.
4. Fare clic su Submit.
Se la registrazione del Collector con l'applicazione ProSphere avviene
correttamente, verrà visualizzata una finestra di dialogo di conferma.
Nota: “Implementazione dei collector con i client vSphere” a pagina 85 fornisce informazioni
sull'implementazione di Collector aggiuntivi.
Collector e bilanciamento del carico
Il Discovery Engine principale bilancia automaticamente il carico delle richieste di
discovery su tutti i Collector disponibili. Non è necessario specificare quale Collector
utilizzare per ciascun job di discovery.
88
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
10




Implementazione di
un'applicazione
ProSphere secondaria
In questo capitolo vengono indicate le istruzioni a cui attenersi per implementare
un'Applicazione ProSphere secondaria. In rari casi ProSphere raccoglie una
quantità molto rilevante di dati sulle prestazioni, con impatto negativo sulle
prestazioni complessive di ProSphere. Per risolvere il problema, è possibile
aggiungere un'Applicazione ProSphere secondaria in qualsiasi momento dopo
l'implementazione di ProSphere.
Nota: le Linee guida sulle prestazioni e sulla scalabilità di EMC ProSphere forniscono
informazioni su quando utilizzare un'Applicazione ProSphere secondaria.
Ulteriori dettagli sono disponibili nelle sezioni seguenti:
u
u
u
u
Applicazione ProSphere secondaria............................................................................ 90
Implementazione di un'Applicazione ProSphere secondaria con il client vSphere.... 92
Implementazione di un'Applicazione ProSphere secondaria con vCloud Director ... 94
Registrazione di un'Applicazione ProSphere secondaria ........................................ 96
Implementazione di un'applicazione ProSphere secondaria
89
Implementazione di un'applicazione ProSphere secondaria
Applicazione ProSphere secondaria
Un'Applicazione ProSphere secondaria riceve una share di dati indirizzata
all'applicazione ProSphere. In questo modo, l'availability della CPU viene
incrementata e migliorano le prestazioni di ProSphere.
Nota: un'Applicazione ProSphere secondaria non è dotata di interfaccia utente per il
funzionamento.
Limiti
Durante l'implementazione di un'Applicazione ProSphere secondaria, quando
l'operazione di data collection sulle prestazioni viene spostata dall'applicazione
ProSphere all'Applicazione ProSphere secondaria, è probabile che venga perso un
data point per ogni metrica calcolata utilizzando un contatore o un'analisi delta.
Questo riguarda la maggior parte delle metriche.
Il motivo per cui ciò avviene è che per le metriche gestite con contatore/analisi delta,
il calcolo non può essere effettuato se non si dispone di due data point di cui è stata
eseguita la raccolta. I file di dati JSON/XML intermedi raccolti nell'applicazione
ProSphere non vengono migrati nell'Applicazione ProSphere secondaria, di conseguenza
l'Applicazione ProSphere secondaria non dispone di dati presenti localmente in
precedenza per il calcolo. L'Applicazione ProSphere secondaria non è stata progettata
per produrre un data point per l'intervallo direttamente dopo la migrazione. Tale
omissione è osservabile nel file di registro pdc-server. Le operazioni successive di
data collection, calcolo e visualizzazione dovrebbero risultare normali, perché
eseguite dopo un secondo intervallo e la raccolta di un altro set di metriche per il
calcolo a fronte del set precedente.
Il comportamento osservato (data point perso) non riguarda solitamente metriche
relative alla percentuale di CPU impiegata (CPU %Busy) degli host Unix, che
vengono fornite direttamente, senza i calcoli effettuati con contatore/analisi delta.
Per queste metriche non vengono utilizzati dati precedenti per il calcolo e il data
point successivo dovrebbe apparire come pianificato.
Ottenere i file di implementazione
Accertarsi di aver scaricato i file per l'Applicazione ProSphere secondaria dal sito del
Supporto Online EMC o da un altro sito specificato da EMC, tra quelli indicati nella
Tabella 7 a pagina 91. Collocare tali file in una posizione accessibile al client vSphere,
ad esempio una file share locale o un sito web.
90
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Implementazione di un'applicazione ProSphere secondaria
Raccogliere le informazioni
Prima di procedere con l'implementazione dell'Applicazione ProSphere secondaria,
contattare l'amministratore VMware per reperire le informazioni necessarie per
l'implementazione, come indicato nella Tabella 7 a pagina 91.
Tabella 7
Documenti di presentazione dell'implementazione
Tipo
Specifiche
Indirizzo IP o nome host del server vCenter 
o vCloud che gestisce l'ambiente VMware.
Indirizzo IP o nome host del server vCenter
o vCloud
Nome utente e password per connettere il
client vSphere al server vCenter o per eseguire
il login a vCloud
Username
Password
In caso di utilizzo di vCloud, l'utente deve
disporre delle autorizzazioni richieste per
vCloud
Autorizzazioni richieste per la creazione di
un catalogo, per fare l'upload del template
della vApp e per implementare una vApp
Nome per la specifica implementazione
dell'applicazione ProSphere (ad esempio,
"applicazione ProSphere 2")
Nome del applicazione ProSphere
Posizione dell'infrastruttura di applicazione
ProSphere, Può includere una combinazione di
posizione dell'inventario, host, cluster e pool di
risorse
Posizione dell'inventario
Host/Cluster
Formato disco (Thick/Thin)
Pool di risorse
Nome di un datastore nell'ambiente 
vSphere in cui sono collocate le immagini
dell'Applicazione ProSphere secondaria.
Storage dei dati
Nomi delle reti vSphere per implementare
l'Applicazione ProSphere secondaria.
Rete Applicazione ProSphere secondaria
Le proprietà di accesso sicuro e di rete
desiderate della macchina virtuale di
Applicazione ProSphere secondaria
Server DNS (separati da virgole)
Stringhe dei domini di ricerca 
(separati da spazi)
Hostname
Indirizzo IP
Applicazione ProSphere secondaria
91
Implementazione di un'applicazione ProSphere secondaria
Tabella 7
Documenti di presentazione dell'implementazione
Tipo
Specifiche
Netmask
Subnet gateway
Posizione dei file di implementazione scaricati
Posizione del file OVF
Implementazione di un'Applicazione ProSphere secondaria con il
client vSphere
1. Aprire il client vSphere e stabilire la connessione con il server vCenter che
gestisce l'ambiente VMware.
2. Selezionare File > Deploy OVF Template.
Nota: è disponibile una guida online per ogni passaggio della finestra di dialogo di Deploy
OVF Template nel client vSphere. Questa guida non è specifica per ProSphere. Se non si è certi
di qualcuno di questi passaggi, rivolgersi al VMware Administrator. Ad esempio, potreste non
essere sicuri della posizione dell'inventario da selezionare e così via.
3. Nel passaggio Source, ricercare un percorso file o digitare un URL per il file .ovf.
Fare clic su Next.
4. Nel passaggio OVF Template Details, rivedere i dettagli del file .ovf caricato.
Fare clic su Next.
5. Nel passaggio End User License Agreement controllare il contratto di licenza del
prodotto, fare clic su Accept e quindi su Next.
6. Nel passaggio Name and Location, digitare un nome univoco in Name (ad esempio,
applicazione ProSphere 1) e specificare una posizione in Inventory Location
nell'ambiente VMware per l'Applicazione ProSphere secondaria. Fare clic su Next.
7. Nel passaggio Host/Cluster, selezionare il cluster o l'host (o entrambi) su cui la
vApp di ProSphere verrà eseguita. Fare clic su Next.
8. Nel passaggio Resource Pool, selezionare un pool di risorse (associate con il
cluster o l'host selezionato in precedenza) in cui verrà eseguita l'applicazione
ProSphere secondaria. Questo passaggio sarà necessario solo se è stato definito in
precedenza un pool di risorse. Fare clic su Next.
Nota: l'applicazione ProSphere secondaria viene implementata all'esterno della vApp di
ProSphere (non nella stessa vApp dell'applicazione ProSphere). Non è possibile gestire
l'applicazione ProSphere secondaria come parte integrante della vApp di ProSphere.
9. Nel passaggio Datastore selezionare un datastore per archiviare l'immagine della
macchina virtuale per Applicazione ProSphere secondaria. Il datastore deve avere
almeno 230 GB di spazio disponibile. Fare clic su Next.
10. Nel passaggio Disk Format, per alcuni datastore verrà richiesto di selezionare il
metodo di provisioning dello spazio di archiviazione per la macchina virtuale.
92
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Implementazione di un'applicazione ProSphere secondaria
Ecco alcuni esempi
di utilizzo:
u
Thin Provisioned Format (espansione on-demand di spazio di storage disponibile
per la macchina virtuale) per i file system di datastore più recenti
u
Thick Provisioned Format (storage della macchina virtuale allocato e riservato
come blocco)
Fare clic su Next.
11. Nel passaggio Network Mapping, selezionare una rete di destinazione per
Applicazione ProSphere secondaria. Fare clic su Next.
Nota: nell'ambiente VMware, a ciascuna rete di destinazione selezionata deve essere
associato un pool IP.
12. Nel passaggio Properties, specificare i campi di configurazione obbligatori. 
Nella finestra di dialogo viene riportata la descrizione di una proprietà in rosso 
se il valore necessario manca o non è valido.
Nota: assicurarsi di specificare solo il DNS e i domini di ricerca rilevanti.
Le proprietà da impostare sono le seguenti:
Gruppo di
proprietà
Informazioni su
Applicazione
ProSphere
secondaria
Uncategorized
Obiettivo
Proprietà
Descrizione
Configurare la
vApp
Applicazione
ProSphere
secondaria
Hostname
Nome host da assegnare all'Applicazione
ProSphere secondaria (ad esempio,
applicazione ProSphere 1)
Applicazione
ProSphere
secondaria IP
Address
Indirizzo IP da assegnare al Applicazione
ProSphere secondaria se si utilizzano
schemi di indirizzi IP fissi
Applicazione
ProSphere
secondaria Gateway
Subnet gateway per gli host nella rete.
Applicazione
ProSphere
secondaria Netmask
Netmask applicata agli indirizzi IP nella rete.
Applicazione
ProSphere
secondaria DNS
Server(s)
Elenco separato da virgole di DNS
disponibili nella rete selezionata per
l'Applicazione ProSphere secondaria 
e i DNS per KDC.
Applicazione
ProSphere
secondaria Search
Domain(s)
Elenco separato da virgole di domini
utilizzati nella rete selezionata e nel nome
dominio per KDC.
Timezone setting
Fuso orario del server da impostare sulle
macchine virtuali implementate come parte
integrante di ProSphere
Configurare il
Applicazione
ProSphere
secondaria
Fare clic su Next.
Implementazione di un'Applicazione ProSphere secondaria con il client vSphere
93
Implementazione di un'applicazione ProSphere secondaria
13. Nel passaggio Ready to Complete, rivedere l'elenco di proprietà specificate per
l'implementazione. Se è necessario modificare un valore, fare clic su Back per
tornare ai passaggi precedenti e modificare un valore in elenco. Fare clic su Finish
per avviare l'implementazione. Nel client vSphere viene visualizzata una barra di
stato, che mostra l'avanzamento dell'implementazione.
Attendere di visualizzare la finestra di dialogo Deployment Completed
Successfully.
14. Fare clic su Closeper chiudere la finestra di dialogo.
15. Nel client vSphere passare alla visualizzazione Hosts & Clusters.
a. Espandere la struttura ad albero nel pannello a sinistra di questa
visualizzazione.
b. Individuare la posizione del cluster e dell'host selezionati per l'Applicazione
ProSphere secondaria durante l'implementazione.
Implementazione di un'Applicazione ProSphere secondaria con
vCloud Director
Questa sezione include le seguenti procedure:
u
u
u
"Caricare il nuovo file di implementazione nel catalogo" a pagina 94
"Implementare l'Applicazione ProSphere secondaria dal template della vApp" a
pagina 95
"Modificare le impostazioni relative ad azioni e ritardo" a pagina 96
Caricare il nuovo file di implementazione nel catalogo
1. Nella scheda Catalogs, selezionare il catalogo creato in precedenza.
2. Selezionare la scheda Media.
3. Fare clic sull'icona a forma di ruota per visualizzare un menu di opzioni da cui
selezionare Upload. Verrà visualizzata la finestra di dialogo Upload Media.
4. Fare clic su Browse e selezionare il file .ovf. Dopo avere eseguito l'upload, i file
verranno archiviati come template della vApp.
5. Inserire un nome per il template della vApp nel campo Name.
6. Inserire una descrizione per il template della vApp di Applicazione ProSphere
secondaria (come ProSphere vApp).
7. Fare clic su Upload. L'avanzamento dell'operazione di upload verrà visualizzato
in un'apposita schermata.
8. Una volta completata l'operazione di caricamento, fare clic su Clear.
Nota: se nell'area My Cloud della schermata vApps tutte le tre macchine virtuali sono elencate
nel template della vApp con stato Powered Off, l'upload dei file OVF e VMDK è avvenuto
correttamente.
94
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Implementazione di un'applicazione ProSphere secondaria
Implementare l'Applicazione ProSphere secondaria dal template della vApp
1. Fare clic sulla scheda My Cloud.
2. Fare clic con il tasto sinistro del mouse sul pulsante con il segno più (+) per
visualizzare la finestra di dialogo Add vApp from Catalog.
3. Selezionare il template e fare clic su Next.
4. Leggere e accettare il contratto EULA, quindi fare clic su Next.
5. Digitare un nome per la vApp.
6. Digitare una descrizione per la vApp, quindi fare clic su Next.
7. Selezionare il data center virtuale dall'elenco a discesa.
8. Selezionare un profilo di storage dall'elenco a discesa e fare clic su Next.
9. Selezionare Static-Manual come allocazione IP e fare clic su Next.
10. Immettere l'indirizzo IP e inserire i parametri di rete per l'Applicazione ProSphere
secondaria. Nell'elenco che segue sono indicati dati esemplificativi:
a. IP Range: xx.xxx.xx. 01-03
b. Hostname Range: xxxxx01-03
c. Netmask: xxx.xxx.xxx.0
d. Gateway: xx.xxx.xx.x
e. DNS: xx.xxx.xx.xx, yy.yyy.yy.yy
Nota: non immettere più di due indirizzi IP nel campo DNS.
f. DNS Search Path domain: com test.test;.com test.corp.com,test.com
11. Selezionare un fuso orario. Fare clic su Next. Verrà visualizzata la finestra di
dialogo Ready to Complete.
12. Assicurarsi che le informazioni siano corrette.
13. Fare clic su Finish. La vApp viene elencata nella finestra My Cloud.
14. Una volta terminata correttamente l'implementazione, nella finestra My Cloud
selezionare la vApp per il Applicazione ProSphere secondaria e scegliere Start.
15. Se è necessario modificare le impostazioni predefinite di leasing di sette giorni,
attenersi alla seguente procedura:
a. Fare clic con il tasto destro del mouse sulla vApp e scegliere Properties >
General > Lease.
b. Selezionare le impostazioni di leasing consigliate dall'amministratore vCloud.
c. Seguire le istruzioni della procedura guidata, quindi fare clic su Finish.
Implementazione di un'Applicazione ProSphere secondaria con vCloud Director
95
Implementazione di un'applicazione ProSphere secondaria
Modificare le impostazioni relative ad azioni e ritardo
1. Nella finestra My Cloud, fare clic sulla scheda vApp, fare clic con il tasto destro
del mouse sull'Applicazione ProSphere secondaria e selezionare Properties.
2. Fare clic sulla scheda Starting and Stopping VMs.
3. Modificare il valore Boot Delay (seconds) impostandolo a 120.
4. Modificare il valore Stop Delay (seconds) impostandolo a 600.
5. Modificare il valore Stop Action impostandolo su Shutdown.
Registrazione di un'Applicazione ProSphere secondaria
Dopo aver implementato un'Applicazione ProSphere secondaria, registrarla con
l'applicazione ProSphere che la gestisce.
Per registrare un'Applicazione ProSphere secondaria:
1. Digitare l'URL dell'Applicazione ProSphere secondaria
https://<secondary_prosphere_application_name>/appliance_registration.html
nella finestra del web browser.
2. Digitare il nome host dell'applicazione ProSphere che lo gestisce.
3. Digitare le credenziali del Security Administrator.
4. Fare clic su Submit.
Se la registrazione dell'Applicazione ProSphere secondaria con l'applicazione
ProSphere avviene correttamente, verrà visualizzata una finestra di dialogo di
conferma.
96
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
11




Attività successive
all'implementazione
In questo capitolo vengono indicate le istruzioni a cui attenersi dopo aver terminato
l'implementazione di ProSphere. Nelle seguenti sezioni sono contenute le procedure
dettagliate da seguire successivamente all'implementazione di ProSphere.
u
u
u
u
u
u
u
u
u
Sincronizzazione di fusi orari e ore dei sistemi ........................................................ 98
Accesso a ProSphere ..................................................................................................... 98
Personalizzazione del messaggio di conformità alla sicurezza............................ 100
Integrazione di ProSphere con SMAS e Unisphere for VMAX ............................ 101
Configurazione di CMCNE ........................................................................................ 112
Sincronizzazione delle implementazioni di ProSphere .......................................... 118
Integrazione di ProSphere con Watch4net................................................................ 118
Implementazione di certificati attendibili ................................................................ 119
Informazioni aggiuntive.............................................................................................. 119
Attività successive all'implementazione
97
Attività successive all'implementazione
Sincronizzazione di fusi orari e ore dei sistemi
Dopo avere implementato ProSphere, in modo che consolidamento di alert e data
collection sulle prestazioni dei percorsi di SPA e Brocade avvenga nel modo previsto,
assicurarsi che:
u
Fuso orario e ore dei sistemi di ProSphere e dell'host che esegue BNA o CMCNE
siano sincronizzati
u
Le ore dei sistemi di ProSphere e degli host che eseguono SPA siano sincronizzate
Accesso a ProSphere
1. Aprire un browser web e ricercare l'applicazione ProSphere immettendo
l'indirizzo URL (mediante l'indirizzo IP o il nome host) della macchina virtuale in
cui è stata implementata l'applicazione applicazione ProSphere.
Nota: assicurarsi di abilitare Transport Layer Security (TLS) 1.0 nelle impostazioni di
sicurezza del browser web.
2. Accettare qualsiasi finestra di dialogo relativa alla protezione che può essere
visualizzata nel browser e che vi richiede di accettare il certificato EMC (o permettere
un'eccezione alla protezione per ProSphere) e continuare.
Nota: la procedura di accettazione del certificato varia in base al browser in uso e alle
diverse versioni dello stesso browser. Per evitare la visualizzazione della finestra di
dialogo al login, importare il certificato dall'host stabilito.
3. Digitare il nome utente e la password predefiniti per ProSphere nella schermata
di login (in figura):
appadmin nel campo Username
Changeme1! nel campo Password
Nota: il nome utente appadmin e la password Changeme1! sono predefiniti e hanno
assegnati i ruoli di Security Administrator, System Administrator e User. Effettuato il
primo accesso, si consiglia di modificare immediatamente la password di questo account.
98
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Attività successive all'implementazione
4. Fare clic su Login. ProSphere Console viene caricata e visualizzata nel browser,
come mostrato nella figura.
Accesso a ProSphere
99
Attività successive all'implementazione
Nota: prima che le credenziali siano accettate e prima che ProSphere Console sia visibile, verrà
effettuato un rapido health check e l'utente sarà avvisato sui problemi che possono interferire
con le normali operazioni. Questo include, ma non solo, problemi che riguardano l'incapacità
dell'applicazione ProSphere di individuare un Discovery Engine nella rete.
Personalizzazione del messaggio di conformità alla sicurezza
Gli amministratori della sicurezza possono specificare i requisiti di conformità alla
sicurezza in un messaggio di cui gli utenti devono confermare la ricezione prima
dell'accesso a ProSphere.
Se il messaggio viene aggiunto, sarà visualizzato per gli utenti nel banner di login.
100
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Attività successive all'implementazione
Generare o modificare il messaggio
Nota: verificare che il messaggio sia chiaro per gli utenti e che i claim relativi alla sicurezza
siano corretti.
1. Fare clic su Admin in ProSphere Console.
2. Fare clic sulla scheda Users and Security.
3. Fare clic su Customize Login Banner. Verrà visualizzata la finestra di dialogo
Customize Login Banner.
4. Digitare il messaggio.

OPPURE

Modificare il messaggio esistente.
5. Fare clic su Save.
Integrazione di ProSphere con SMAS e Unisphere for VMAX
Nota: nella Support matrix di EMC ProSphere vengono indicati i requisiti di versione minimi per
Symmetrix Performance Analyzer (SPA) e Symmetrix Management Console (SMC), Per i requisiti
di installazione di SMAS, fare riferimento alla documentazione di SMAS.
Nota: Unisphere for VMAX è un nuovo element manager per gli array VMAX. È possibile
continuare a utilizzare Symmetrix Management Solution (SMAS) per la gestione di molti array
Symmetrix. Per informazioni specifiche sull'utilizzo e sul supporto delle configurazioni, fare
riferimento alle note di rilascio di SMC, SPA e Unisphere for VMAX.
Di seguito sono riportati i prerequisiti per una corretta integrazione launch-in-context
di SMAS-ProSphere.
u
È preferibile che una sola istanza di SMAS gestisca ciascun array Symmetrix.
Se invece più istanze SMAS gestiscono un array Symmetrix, tutte le istanze SPA
devono soddisfare il requisito minimo della versione, che deve essere identica per
ciascuna istanza.
u
È necessario disporre di versioni esistenti e supportate di SMC e SPA nel data center
su un host al quale sia possibile accedere tramite HTTP(S) da parte delle macchine
virtuali ProSphere. Assicurarsi che nessun firewall blocchi la loro comunicazione
diretta. La EMC Symmetrix Management Console and EMC Symmetrix Performance
Analyzer Installation Guide contiene le istruzioni per l'installazione. L'installazione
di SPA è indipendente dall'installazione di ProSphere.
Nota: SMC può trovarsi su un host neutro o sul service processor. SPA è installato solo su un
host neutro. SMC e SPA non sono installati su macchine virtuali ProSphere.
u
SMC e SPA possono risiedere sullo stesso host. In questo caso, SMC e SPA
richiedono complessivamente 8 GB di RAM. Prevedere ulteriore memoria per gli
EMC SMI-S Provider installati sull'host.
u
L'installazione di SPA deve già essere configurata per gestire le risorse Symmetrix
nel data center. La EMC Symmetrix Management Console and EMC Symmetrix
Performance Analyzer Installation Guide contiene le istruzioni per la configurazione.
Integrazione di ProSphere con SMAS e Unisphere for VMAX
101
Attività successive all'implementazione
Integrare ProSphere con SMAS
Per configurare SMC e SPA, attenersi alla procedura riportata di seguito:
1. Effettuare il login a SMC con un account amministratore.
2. Su ciascun array gestito da SMC, creare un account denominato prosphere,
richiesto per le operazioni di data collection sulle prestazioni e di raccolta degli
alert.
a. Avviare SMC e navigare a Tasks > Manage Roles.
b. Fare clic su Add e creare un nuovo utente denominato prosphere per ciascun
array Symmetrix applicabile. Assegnare il tipo di utente in User e il ruolo in
Monitor. Nella finestra di dialogo Manage Roles viene visualizzato il nome
dell'account prosphere per ciascun array.
3. In SMC, autorizzare ogni utente ProSphere che avvierà SMC/SPA e assegnare il
ruolo Admin o Monitor (che prevede meno autorizzazioni) su ciascun array in
cui l'utente avvierà SMC/SPA. In questo modo viene autorizzato l'utente all'avvio
di SMC sull'array specificato.

Il nome utente assegnato in SMC deve corrispondere al nome utente di cui
l'utente dispone in ProSphere.

Ad esempio, se John Doe diventa un utente autorizzato di ProSphere per l'avvio
di SMC da ProSphere, in SMC si dovrà assegnare il ruolo Admin all'utente nella
finestra di dialogo Add Role su ogni array da cui John Doe avvierà SMC.
102
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Attività successive all'implementazione

Qualsiasi account utente creato in ProSphere e utilizzato per l'avvio contestuale di
SMC deve esistere anche in SMC.
Nota: l'account appadmin è presente per impostazione predefinita in ProSphere. Si può creare
un account utente appadmin in SMC al fine di utilizzare l'account appadmin di ProSphere per
l'avvio contestuale di SMC daProSphere. Per quanto riguarda la password per l'account
appadmin, fare riferimento alla EMC ProSphere Security Configuration Guide.
4. Per raccogliere dati Array FE Directors - % Busy per un array Symmetrix,
selezionare le raccolte Base e Diagnostic per l'array nella finestra di dialogo
Administration -> Data Collection Registration di SPA.
Integrazione di ProSphere con SMAS e Unisphere for VMAX
103
Attività successive all'implementazione
5. Inoltre, per la tabella con le metriche Array FE Directors - % Busy, selezionare
FE Director" -> "% Busy nella finestra di dialogo Administration - Metric
Management. Questa metrica è abilitata per impostazione predefinita come
parte dell'installazione SPA.
6. Generare una credenziale di accesso con il tipo SMC-SPA in ProSphere con
Discovery > Access Credentials > Create Access Credential.
Nota: è ammessa l'esistenza di una sola credenziale di accesso con il tipo SMC-SPA in
un'implementazione singola di ProSphere. Se l'installazione di SMC/SPA avviene su più di un
array in un'implementazione, utilizzare la stessa credenziale di accesso SMC-SPA (con lo stesso
ID client) per tutte le istanze di SMC/SPA nell'implementazione. In caso di più implementazioni,
assegnare un ID client univoco alla credenziale di accesso SMC-SPA in ciascuna implementazione.
104
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Attività successive all'implementazione
Nota: una volta generata una credenziale di accesso SMC - SPA i un'implementazione
ProSphere, l'opzione per la generazione di un'altra credenziale non sarà più disponibile
nell'elenco a discesa della finestra di dialogo Create Access Credentials di tale implementazione.
7. In ciascuna implementazione, registrare un client di avvio in tutte le istanze SMC
dell'implementazione.
a. Visualizzare la vista Tasks in SMC.
b. In Administration, scegliere Manage Launch Clients > Link and Launch.
c. Nella finestra Manage Launch Clients - Client Registration fare clic su Add.
d. Nella finestra Manage Launch Clients - Add Client, specificare SRM come
tipo di client, specificare un ID client e una password, confermare la password
e selezionare Save.

Tutte le informazioni nella credenziale di accesso SMC-SPA generata in
ProSphere (nome utente e password) devono corrispondere alle informazioni
relative al client immesse in SMC.
e. Riavviare SMAS.
Nota: ogni volta che si aggiunge un client in SMC, è necessario riavviare SMAS. In caso
contrario, l'autenticazione avrà esito negativo.
Integrazione di ProSphere con SMAS e Unisphere for VMAX
105
Attività successive all'implementazione
8. Dalla vista Discovery di ProSphere, eseguire nuovamente i job di discovery
grazie ai quali sono stati rilevati gli array Symmetrix. In questo modo verranno
convalidate le credenziali di accesso SMC-SPA per tutti gli URL SMC/SPA
sottoposti a discovery per gli array.

Entrambe le finestre con i messaggi di log Performance Data Collection e Alerts
Collection Status visualizzano i messaggi di errore del caso.
Nota: quando si eseguono nuovamente i job di discovery, non modificare alcuna informazione,
inclusa la credenziale di accesso. Il job di discovery utilizza la credenziale di accesso SMC-SPA
disponibile nel sistema per la rilevazione delle prestazioni.
Integrare ProSphere con Unisphere for VMAX
Per configurare Unisphere for VMAX, attenersi alla procedura riportata di seguito:
1. Effettuare il login a Unisphere for VMAX utilizzando un account amministratore.
2. Su ciascun array gestito da Unisphere for VMAX creare un account denominato
prosphere, richiesto per le operazioni di data collection sulle prestazioni e di
raccolta degli alert.
a. Passare ad Administration.
b. Selezionare Users and Roles.
c. Fare clic su Create.
d. Creare un nuovo utente denominato prosphere per ciascun array Symmetrix
applicabile. Assegnare il tipo di utente in User e il ruolo in Monitor.
Nell'esempio che segue viene mostrato l'input dell'utente nella prima
schermata di autorizzazione:
106
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Attività successive all'implementazione

Nell'esempio che segue viene mostrato l'input dell'utente nella seconda
schermata di autorizzazione:
e. Fare clic su Next. Una volte riviste le modifiche, fare clic su Finish.
Integrazione di ProSphere con SMAS e Unisphere for VMAX
107
Attività successive all'implementazione
3. In Unisphere for VMAX, autorizzare ogni utente ProSphere che avvierà SMC/SPA
e assegnare il ruolo Admin o Monitor (che richiede meno autorizzazioni) su
ciascun array in cui l'utente avvierà SMC/SPA. In questo modo viene autorizzato
l'utente all'avvio di SMC sull'array specificato. Ad esempio, se John Doe diventa
un utente autorizzato di ProSphere per l'avvio di SMC da ProSphere, in Unisphere
for VMAX si dovrà assegnare il ruolo Admin all'utente nella finestra di dialogo
Create User & Roles su ogni array da cui John Doe avvierà SMC.
Qualsiasi account utente che verrà creato in ProSphere e utilizzato per l'avvio
contestuale di SMC in deve esistere anche in SMC.
108
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Attività successive all'implementazione
Nota: l'account appadmin è presente per impostazione predefinita in ProSphere. Si può creare
un account utente appadmin in Unisphere for VMAX al fine di utilizzare l'account appadmin
di ProSphere per l'avvio contestuale di SMC da ProSphere.
4. Per raccogliere dati relativi a Array FE Directors - % Busy per un array Symmetrix,
è necessario registrarlo per i dati sulle prestazioni, sempre che Unisphere for
VMAX sia stato installato con l'opzione Performance Analytics. Per eseguire
l'operazione, scegliere Performance > Settings.
5. Passare a System Registrations.
6. Selezionare uno o più array Symmetrix e fare clic su Register. Selezionare la
raccolta Diagnostic. Nella schermata System Registrations verrà visualizzato
l'array con la casella di controllo Diagnostic selezionata mediante un segno di
spunta verde.
Integrazione di ProSphere con SMAS e Unisphere for VMAX
109
Attività successive all'implementazione
7. Inoltre, nella tabella con le metriche Array FE Directors - % Busy è necessario
assicurarsi che la metrica FE Director - % Busy sia abilitata (dovrebbe esserlo
per impostazione predefinita). Per verificare, scegliere Performance > Settings >
Metrics. Fare clic sul pulsante del filtro e selezionare FE Director.
8. Generare una credenziale di accesso con il tipo SMC-SPA in ProSphere con
Discovery > Access Credentials > Create Access Credential.
Nota: è ammessa l'esistenza di una sola credenziale di accesso con il tipo SMC-SPA in
un'implementazione singola di ProSphere. Se Unisphere for VMAX è installato su più di un
array all'interno di un'implementazione, utilizzare la stessa credenziale di accesso SMC-SPA
(con lo stesso ID client) per tutte le istanze di Unisphere for VMAX nell'implementazione.
In caso di più implementazioni di ProSphere, assegnare un ID client univoco alla credenziale
di accesso SMC-SPA in ciascuna implementazione.
110
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Attività successive all'implementazione
Nota: una volta generata una credenziale di accesso SMC-SPA in un'implementazione
ProSphere, l'opzione per la generazione di un'altra credenziale non sarà più disponibile
nell'elenco a discesa della finestra di dialogo Create Access Credentials di tale
implementazione.
9. Registrare un client di avvio in tutte le istanze di Unisphere for VMAX
nell'implementazione.
a. Scegliere Administration > Link and Launch.
b. Fare clic su Create.
Integrazione di ProSphere con SMAS e Unisphere for VMAX
111
Attività successive all'implementazione
c. Immettere l'ID client alfanumerico e una password. Tutte le informazioni nella
credenziale di accesso SMC-SPA generata in ProSphere (nome utente e password)
devono corrispondere alle informazioni relative al client immesse in
Unisphere for VMAX.
d. Riavviare Unisphere for VMAX.
Nota: ogni volta che si aggiunge un client in Unisphere for VMAX, sarà necessario riavviarlo.
In caso contrario, l'autenticazione avrà esito negativo.
10. Dalla vista Discovery di ProSphere, eseguire nuovamente i job di discovery
grazie ai quali sono stati rilevati gli array Symmetrix. In questo modo verranno
convalidate le credenziali di accesso SMC-SPA per tutti gli URL SMC/SPA
sottoposti a discovery per gli array. Entrambe le finestre con i messaggi di log
Performance Data Collection e Alerts Collection Status visualizzano i messaggi
di errore del caso.
Nota: quando si eseguono nuovamente i job di discovery, non è necessario modificare alcuna
informazione, inclusa la credenziale di accesso. Il job di discovery utilizza la credenziale di
accesso SMC-SPA disponibile nel sistema per la rilevazione delle prestazioni.
Configurazione di CMCNE
Questa sezione riguarda le fabric omogenee e miste che contengono uno o più
Brocade FC gestiti da Connectrix Manager Converged Network Edition (CMCNE).
CMCNE
CMCNE è una soluzione di gestione di rete per dati, archiviazione, distribuzione
delle applicazioni, reti wireless e converged. Fornisce un'interfaccia singola per SAN
Fibre Channel Brocade, reti IP, reti wireless e reti Multiprotocol Label Switching
(MPLS), garantendo visibilità end-to-end su diversi tipi di rete in maniera trasparente
e attraverso un'esperienza utente unificata.
Nota: CMCNE consente la discovery e la generazione di report sugli switch Brocade EOS.
112
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Attività successive all'implementazione
Per integrare le funzioni di ProSphere con i prodotti Brocade, è necessario disporre di
versioni con licenza di uno dei seguenti modelli: (1) BNA (2) CMCNE (Professional
Plus o Enterprise Edition). Le versioni di valutazione di BNA o CMCNE (Professional
Plus o Enterprise Edition) possono essere utilizzate solo per 75 giorni. Le note di
rilascio di BNA e le note di rilascio di CMCNE forniscono informazioni dettagliate
sulle licenze dei prodotti.
Si può installare CMCNE con SMI Agent integrato (SAN con SMI Agent) o con il solo
SMI Agent (installazione headless).
La Tabella 8 a pagina 113 elenca le funzionalità di ProSphere supportate dalle diverse
versioni di CMCNE o BNA.
Tabella 8
Funzionalità di ProSphere supportate da CMCNE/BNA
Tipo di licenza
CMCNE/BNA
Discovery delle
topologie
Data collection
sulle
prestazioni
Raccolta 
degli alert
Launch-in-context
Installazione headless
(SMI Agent only)
Sì
Sì
Sì
No
Licenza di valutazione
valida
Sì
Sì
Sì
Sì
Licenza completa
Sì
Sì
Sì
Sì
Posizione dell'utility keytool sugli host CMCNE o BNA
Il file keytoolutil.bat non è presente sugli host CMCNE o BNA. Il file si chiama
in realtà keytool.exe e si trova per impostazione predefinita sugli host CMCNE,
al seguente percorso:
<drive>:\Program Files\CMDCE 11.2.1\jre\bin
Sugli host BNA il file si trova nella seguente posizione:
<drive>:\Program Files (x86)\Network Advisor 11.2.0\jre\bin
Quando si esegue il file keytool.exe. utilizzare la password amministratore
predefinita per BNA o CMCNE, a seconda dei casi. Nell'esempio riportato di seguito
viene mostrato come eseguire il file keytool.exe su BNA:
D:\Program Files (x86)\Network Advisor 11.2.0\jre\bin>keytool
-importcert -v -file d:\serverCertificate.crt -alias prosphere
Enter keystore password: <default admin password>
Re-enter new password:<default admin password>
Owner: CN=aownlmsspro01.ecc.mssmgt.com
Issuer: CN=aownlmsspro01.ecc.mssmgt.com
Serial number: afddf19db0f238bb
Valid from: Thu Jun 21 13:35:51 CEST 2012 until: Tue Jun 20
13:35:51 CEST 2017
Certificate fingerprints:
MD5: 28:EB:09:3E:DE:2C:E7:68:A4:0B:F3:56:78:80:DB:33
SHA1:
Configurazione di CMCNE
113
Attività successive all'implementazione
F1:57:FF:71:77:F3:16:72:97:BA:B0:A4:DF:FD:D5:17:3B:A3:10:8A
Signature algorithm name: SHA1withRSA
Version: 3
Estensioni:
#1: ObjectId: 2.5.29.14 Criticality=false
SubjectKeyIdentifier [
KeyIdentifier [
0000: 98 79 6C 28 4B 2E 64 11
C3 A5 30 CA 91 6F 4E FB
.yl(K.d...0..oN.
0010: 85 EF 02 89
]
]
....
#2: ObjectId: 2.5.29.19 Criticality=false
BasicConstraints:[
CA:true
PathLen:2147483647
]
#3: ObjectId: 2.5.29.35 Criticality=false
AuthorityKeyIdentifier [
KeyIdentifier [
0000: 98 79 6C 28 4B 2E 64 11
C3 A5 30 CA 91 6F 4E FB
.yl(K.d...0..oN.
0010: 85 EF 02 89
]
[CN=aownlmsspro01.ecc.mssmgt.com]
SerialNumber: [
afddf19d b0f238bb]
]
Trust this certificate? [no]: yes
Certificate was added to keystore
[Storing C:\Users\nl06328\.keystore]
114
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
....
Attività successive all'implementazione
Attività di preconfigurazione
Eseguire i seguenti passaggi prima di cercare di avviare Launch In-Context da
ProSphere a Brocade:
1. Importare Certificato ProSphere Server.
Scaricare il certificato ProSphere Server (certificato apache) dal collegamento
Export Certificate di ProSpherenell'area Admin sulla Console ProSphere 
e importarlo nel server CMCNE. Usare il file keytoolutil.bat ubicato in
<CMCNE_HOME>/bin per importare il certificato. Nella Sezione "Posizione
dell'utility keytool sugli host CMCNE o BNA" a pagina 113 viene spiegata la
procedura per accedere all'utility keytool sugli host CMCNE o BNA.

Il nome alias usato può essere l'hostname del server.
keytoolutil.bat import path-to-server.cert-file <alias-name>
Riavviare il servizio CMCNE dopo aver importato il certificato del server.
Nota: la EMC ProSphere Security Configuration Guide fornisce una procedura dettagliata per
importare il certificato ProSphere Server.
2. Creare un utente CMCNE il cui nome corrisponda alle credenziali utente
ProSphere.
Dall'interfaccia utente di gestione utente CMCNE, creare un utente locale il cui
nome corrisponda all'id utente ProSphere (ad esempio, appadmin).
3. Aggiungere qualsiasi fabric da sottoporre a discovery in ProSphere ad un'Area di
Responsabilità in CMCNE e assegnarle all'account utente che userete per avviare
CMCNE, come mostrato nella schermata successiva.
Configurazione di CMCNE
115
Attività successive all'implementazione
Nota: se collegherete e avvierete CMCNE da una fabric sottoposta a discovery, assegnare
l'account utente alla seguente Responsabilità: All Fabrics. Se non desiderate assegnare permessi
che autorizzino l'avvio dell'account da qualsiasi fabric sottoposta a discovery, creare un'Area
di Responsabilità che è un sottoinsieme delle fabric sottoposte a discovery e assegnarla
all'account utente.
4. ProSphere sarà in grado di eseguire una ricerca DNS dell'host CMCNE per
determinare il nome di dominio completo dell'host CMCNE. Se esistono firewall
tra l'host ProSphere e CMCNE, il firewall deve essere configurato in modo che la
ricerca DNS funzioni correttamente.
5. Il nome computer dell'host Windows in cui CMCNE è eseguito deve essere
impostato sull'FQDN dell'host. Ad esempio, se il nome di dominio completo è
cmcne-host.lss.emc.com e il Nome Computer è cmcne-host, Launch In-Context
non funzionerà. Il Nome Computer deve essere impostato su
cmcne-host.lss.emc.com.
Nota: EMC ProSphere Support Matrix elenca la versione CMCNE supportata da ProSphere.
116
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Attività successive all'implementazione
Autorizzare gli utenti ProSphere con lo strumento di configurazione SMIA
Nota: se CMCNE e un altro Cimom SMI sono installati sullo stesso host ed entrambi utilizzano
le porte predefinite 5988 e 5989, si verificherà una situazione di contesa delle porte.
Da un host CMCNE Brocade, effettuare le seguenti operazioni:
1. Start > All Programs > CMCNE > Server Management Console.
2. Se non è stato eseguito il login come amministratore, fare clic con il tasto destro
del mouse su Server Management Console e selezionare Run as administrator.
3. Nella CMCNE Server Console, fare clic sulla scheda Services.
4. Fare clic su Restart. Verrà visualizzato il messaggio "Stopping Services will cause
CMCNE Clients …. ".
5. Fare clic su Yes.
6. Quando il riavvio è stato completato e nella colonna Status viene visualizzato
Started, fare clic su Configure SMI Agent.
7. Nella finestra SMIA Configuration Tool Log in, inserire ID utente e password.
• Nome utente predefinito: Administrator
• Password predefinita: password
8. Fare clic su Login.
9. Nello strumento di configurazione SMIA, nella scheda Home, fare clic
sull'opzione Users.
10. Nella finestra Users, all'interno della scheda Users, fare clic su Add.
11. Nella finestra Add User eseguire i seguenti passaggi per ciascun utente di ProSphere:
a. Inserire il nome utente di ProSphere.
b. Inserire la password di ProSphere.
c. Spostare tutte le fabric da Available Roles / AOR a Selected Roles /AOR.
d. Spostare SAN System Administrator da Available Roles / AOR a Selected
Roles /AOR.
e. Una volta eseguiti tutti gli spostamenti, fare clic su OK.
12. Nella finestra Users, all'interno della scheda Users, dovrebbero essere visibili gli
utenti di ProSphere nell'elenco che compare sotto Users.
Nota: ProSphere dovrebbe essere in grado di eseguire una ricerca DNS dell'host CMCNE.
Verificare che tutte le porte siano aperte tra ProSphere e il server CMCNE se sono presenti
firewall tra le applicazioni. Tenere presente che anche i firewall software basati su host possono
bloccare le comunicazioni e che devono quindi essere configurati.
Aggiornare le licenze
Per aggiornare le licenze, eseguire sull'host Brocade CMCNE la procedura indicata
di seguito:
1. Avviare CMCNE selezionando Start > All Programs > CMCNE > CMCNE
o facendo doppio clic sull'icona CMCNE che si trova sul desktop, quindi eseguire
il login.
2. Dalla finestra principale View All selezionare Help > License.
3. Nella finestra License, immettere il codice di licenza o eseguire la ricerca per
individuare la posizione del file con il codice di licenza, quindi fare clic su OK.
Configurazione di CMCNE
117
Attività successive all'implementazione
Sincronizzazione delle implementazioni di ProSphere
La procedura per le implementazioni multiple di ProSphere o Collector è la stessa
utilizzata per l'implementazione singola. Tuttavia, assicurarsi di creare delle credenziali
per un Administrator comune per tutte le implementazioni e usare solo queste
credenziali per accedere a ProSphere quando si intende sincronizzare implementazioni
multiple di ProSphere .
La EMC ProSphere Administrator Guide e la guida online contengono informazioni
sulla sincronizzazione di applicazione ProSphere multiple. Scegliere Home >
Administering ProSphere > System > Synchronize ProSphere Applications >
Synchronize Multiple ProSphere Applications dialog.
Integrazione di ProSphere con Watch4net
È possibile integrare ProSphere con Watch4net e abilitare la generazione di report in
Watch4net relativamente alle prestazioni di ProSphere.
L'integrazione di SRM Suite può essere disabilitata quando necessario, ad esempio se
l'istanza di Watch4net sta diventando inattiva.
Ogni qualvolta si modifichi l'indirizzo IP o la porta di Watch4net, sarà necessario
modificare le impostazioni di integrazione di SRM Suite.
In una configurazione di ProSphere federata, integrare la suite SRM in
corrispondenza di ciascuna istanza di ProSphere.
1. Fare clic su Admin in ProSphere Console.
2. Fare clic su Configure SRM Suite Integration sulla scheda System. Verrà
visualizzata la finestra di dialogo Configure SRM Suite Integration.
3. Selezionare Enable integration.
a. Digitare l'indirizzo IP o il FQDN dell'host nel campo Host. Il campo supporta
un massimo di 63 caratteri alfanumerici, inclusi i caratteri di sottolineatura 
( _ ), i punti ( . ), i trattini ( - ) e le barre ( / ).
b. Digitare il numero della porta nel campo Port. Il campo supporta un massimo
di 5 cifre, comprese tra 1 e 65535.
c. Mantenere il valore predefinito nel campo Group.
4. Fare clic su OK.
Nota: per disabilitare l'integrazione, selezionare Disable integration nella finestra di dialogo
Configure SRM Suite Integration.
118
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Attività successive all'implementazione
Implementazione di certificati attendibili
Implementare i certificati attendibili specifici dell'azienda mediante la ProSphere
Console. ProSphere viene implementata con certificati non firmati. ProSphere
supporta esclusivamente certificati X.509. Per aumentare la protezione, EMC
consiglia di ottenere e implementare certificati firmati specifici per l'azienda.
È possibile eseguire l'implementazione dei certificati nella ProSphere Console. 
Guida in linea di EMC ProSphere contiene più informazioni sull'importazione
e l'esportazione di certificati. Scegliere Home > Administering ProSphere > Users
and Security > Import and Export Certificates.
Informazioni aggiuntive
La libreria della documentazione di Library documentazione EMC ProSphere,
accessibile da ProSphere Console, fornisce ulteriori informazioni e assistenza.
Per visualizzare la libreria, fare clic con il tasto destro del mouse sul pulsante
Help (?), quindi selezionare Search All Documentation.
Figura 9
Visualizzazione della libreria della documentazione di EMC ProSphere
Implementazione di certificati attendibili
119
Attività successive all'implementazione
120
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
A




Aggiornamenti e backup
Gli aggiornamenti di EMC ProSphere vengono effettuati separatamente per ogni
macchina virtuale da un web browser.
Questo capitolo spiega come implementare gli aggiornamenti di ProSphere e include
le sezioni seguenti:
u
u
u
u
u
Panoramica...................................................................................................................
Metodi di aggiornamento di ProSphere ..................................................................
Installazione degli aggiornamenti in ProSphere ....................................................
Generazione e restore di snapshot o backup...........................................................
Backup e restore di ProSphere con VMware Data Recovery ................................
Aggiornamenti e backup
122
123
124
129
132
121
Aggiornamenti e backup
Panoramica
EMC può fornire periodicamente aggiornamenti di ProSphere. Gli aggiornamenti
possono contenere correzioni, miglioramenti e aggiunte alla documentazione e alle
funzionalità di ProSphere. Non tutti gli aggiornamenti riguardano necessariamente
ogni macchina virtuale di ProSphere. Consultare la documentazione sugli aggiornamenti
per i dettagli e le istruzioni specifiche.
!
IMPORTANTE
Prima di effettuare un aggiornamento, è necessario eseguire una snapshot o il
backup di tutte le macchine virtuali di ProSphere.
!
IMPORTANTE
Se in un sito sono state implementate due o più istanze di ProSphere e una o più di
esse sono reciprocamente federate, si dovranno eseguire tutti gli aggiornamenti di
ProSphere in parallelo. Una volta terminato l'aggiornamento, tutte le istanze
devono essere riavviate contemporaneamente. La funzionalità relativa ai gruppi
federati supporta la visualizzazione di gruppi dai siti federati solo quando i siti
master e non master eseguono la stessa versione di ProSphere.
!
IMPORTANTE
Se dopo l'upgrade da ProSphere 1.7 viene visualizzata ancora l'interfaccia utente
della versione 1.7 di ProSphere, cancellare la cache del browser e avviare una
nuova sessione del browser.
122
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Aggiornamenti e backup
Metodi di aggiornamento di ProSphere
Le macchine virtuali in ProSphere includono:
u
Applicazione ProSphere
u
Discovery Engine ed eventuali Collector
u
Database cronologico
La Tabella 9 a pagina 123 illustra in dettaglio le modalità di esecuzione degli
aggiornamenti sulle macchine virtuali di ProSphere.
Tabella 9
Dettagli sull'aggiornamento
Origine
Estensione
Azione
Metodologia
EMC Update
Repository
ND
“Selezionare un CD-ROM virtuale o un web
server per gli aggiornamenti” a pagina 126
spiega la procedura di configurazione
dell'interfaccia di aggiornamento di ProSphere,
che consente di utilizzare uno degli URL di EMC
Update Repository per ottenere gli
aggiornamenti via web. Per ogni macchina
virtuale di ProSphere viene fornito un diverso
URL di aggiornamento. Installare gli
aggiornamenti.
Repository specificato
Web server installato
dall'azienda cliente
zip
Creare un web server per gli aggiornamenti
e configurare un sito in cui il web server può
accedere ai file zip. Accedere al sito del
Supporto Online EMC tramite l'URL fornito
da EMC. Eseguire il download e decomprimere
i file nel sito configurato. “Selezionare un
CD-ROM virtuale o un web server per gli
aggiornamenti” a pagina 126 spiega la
procedura di configurazione dell'interfaccia di
aggiornamento di ProSphere, che consente di
utilizzare l'URL del web server per ottenere gli
aggiornamenti. Installare gli aggiornamenti.
Repository specificato
Per ogni macchina virtuale di ProSphere viene
fornito un diverso file zip.
Ciascun file zip contiene due cartelle, Manifest 
e Packages. La cartella Manifest contiene file di
metadati xml, mentre la cartella Package
contiene i pacchetti rpm che devono essere
aggiornati.
CD-ROM
iso
Accedere al sito del Supporto Online EMC
tramite URL. Eseguire il download di un file ISO
su un CD-ROM virtuale, come spiegato in “Per
eseguire il download di un file ISO su CD-ROM
virtuale” a pagina 124.
Aggiornamenti da
CD-ROM virtuale
“Selezionare un CD-ROM virtuale o un web
server per gli aggiornamenti” a pagina 126
spiega la procedura di configurazione
dell'interfaccia di aggiornamento di ProSphere
per ottenere gli aggiornamenti da un CD-ROM
virtuale. Installare gli aggiornamenti.
Metodi di aggiornamento di ProSphere
123
Aggiornamenti e backup
Per eseguire il download di un file ISO su CD-ROM virtuale
1. In vSphere, visualizzare il client vSphere.
2. Selezionare ognuna delle tre macchine virtuali di ProSphere e connettere il file
ISO alla macchina virtuale tramite l'opzione Connect to ISO image on local disk,
come illustrato nella figura seguente. Le tre macchine virtuali sono:
• DiscoveryAppliance
• HistoricalDatabase
• StorageResourceManager.
Una volta collegato il file ISO, l'identificazione degli aggiornamenti potrebbe
richiedere alcuni minuti, a meno che venga forzato il controllo degli aggiornamenti.
Installazione degli aggiornamenti in ProSphere
Nelle sezioni seguenti viene spiegato come eseguire l'aggiornamento di ProSphere.
Nota: una volta installati gli aggiornamenti, alcune funzionalità di ProSphere potrebbero non
funzionare correttamente fino alla rediscovery degli array.
124
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Aggiornamenti e backup
Generare snapshot prima dell'aggiornamento del software
Prima di installare un aggiornamento, è necessario generare una snapshot o un
backup di ciascuna macchina virtuale di ProSphere. “Generazione e restore di
snapshot o backup” a pagina 129 fornisce ulteriori informazioni sulla generazione
di backup e di snapshot delle macchine virtuali per ProSphere.
Una volta installati gli aggiornamenti su una macchina virtuale di ProSphere,
arrestare e riavviare la vApp. Seguire le istruzioni in “Arrestare o avviare ProSphere o
le macchine virtuali” a pagina 130.
Nota: ProSphere non consente di creare punti di rollback o punti di backup prima
dell'installazione degli aggiornamenti.
Consultare la documentazione di VMware per informazioni sulla generazione di
backup e snapshot più approfondite rispetto a quelle riportate nella presente guida.
VMware rende disponibile la documentazione anche sul sito
http://www.vmware.com.
Selezionare EMC Update Repository come origine per gli aggiornamenti
In questa sezione viene spiegata la procedura di configurazione dell'origine per gli
aggiornamenti manuali sul web come EMC Update Repository.
Dopo avere eseguito il login a ProSphere, eseguire le seguenti operazioni:
1. Fare clic su Admin in ProSphere Console.
2. Fare clic sulla scheda System.
3. Fare clic su Manage Application Software.
4. Selezionare un componente del sistema.
5. Fare clic su Specify Repository per aprire la finestra di dialogo Specify Repository.
6. Selezionare Use EMC repository.
7. Digitare l'URL dalla Tabella 10 a pagina 125.
8. Inserire il nome utente e la password.
Nota: per accedere a EMC Update Repository sono richiesti un nome utente e una password
validi per il Supporto Online EMC.
Tabella 10
URL di aggiornamento per le macchine virtuali di ProSphere
Macchina virtuale
URL di aggiornamento
Applicazione ProSphere
https://vupdate.emc.com/StorageResourceManager
Discovery Engine
https://vupdate.emc.com/DiscoveryAppliance
Database cronologico
https://vupdate.emc.com/HistoricalDatabase
Collector
https://vupdate.emc.com/CollectorAppliance
Installazione degli aggiornamenti in ProSphere
125
Aggiornamenti e backup
Selezionare un CD-ROM virtuale o un web server per gli aggiornamenti
In questa sezione viene spiegata la procedura di configurazione dell'origine per gli
aggiornamenti, come uno dei seguenti valori:
u
Use CD-ROM updates (per installare gli aggiornamenti da un file iso)
u
Use specified repository (se si utilizza un file zip)
Dopo avere eseguito il login a ProSphere, eseguire le seguenti operazioni:
1. Fare clic su Admin in ProSphere Console.
2. Fare clic sulla scheda System.
3. Fare clic su Manage Application Software.
4. Selezionare un componente del sistema.
5. Fare clic su Specify Repository per aprire la finestra di dialogo Specify Repository.
a. Se si seleziona Use CDROM updates, verrà eseguito il download del file ISO
su un CD-ROM virtuale, come spiegato nella Tabella 9 a pagina 123.
b. Se si seleziona Use specified repository, digitare l'URL del web server
installato dall'azienda e nel quale la macchina virtuale eseguirà la ricerca degli
aggiornamenti. Se l'URL richiede l'autenticazione, fornire nome utente 
e password validi.
Ricevere promemoria sugli aggiornamenti al login e installare gli aggiornamenti
Il sistema verifica periodicamente la disponibilità di aggiornamenti.
Se gli aggiornamenti sono disponibili quando si esegue il login a ProSphere,
la finestra di dialogo Software Updates Available viene visualizzata come
promemoria.
126
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Aggiornamenti e backup
La Tabella 11 a pagina 127 descrive i pulsanti disponibili nella finestra di dialogo.
Tabella 11
Finestra di dialogo Software Updates Available: pulsanti
Pulsante
Descrizione
Update Software
Consente di visualizzare la finestra di dialogo Update Software.
Per installare gli aggiornamenti, selezionare la casella di controllo
accanto a ciascun aggiornamento da applicare, quindi fare clic su
Install Updates.
Una volta installati gli aggiornamenti, se è stato implementato il
Discovery Engine Collector, fare clic sul pulsante Help per la procedura
obbligatoria. In alternativa, spegnere e riavviare la vApp di ProSphere
nel client vSphere. Seguire le istruzioni in “Generazione e restore di
snapshot o backup” a pagina 129.
Nota: gli aggiornamenti a ProSphere sono disponibili solo all'interno di
una nuova sessione del browser. Per tale motivo, dopo l'installazione
degli aggiornamenti, viene visualizzato un messaggio che richiede di
chiudere e riaprire il browser.
Durante il riavvio viene eseguita la migrazione del journal, che impiega
da pochi minuti a un'ora, in base alla quantità di dati coinvolti.
Periodicamente, è possibile eseguire il login a ProSphere Console per
verificare l'avanzamento. Se non viene visualizzato alcun messaggio,
l'operazione di migrazione del journal è stata eseguita correttamente.
Se viene visualizzato un messaggio di errore, contattare il Customer
Support.
Prima del completamento della migrazione del journal, viene
visualizzato un messaggio analogo al seguente:
Migration of data for <...> is still in
progress. We suggest logging out and
returning once migration is complete. If
you continue, some functionality may not be
available.
Remind Me Later
Consente di posticipare il promemoria.
No Reminder
Impedisce la visualizzazione del promemoria.
Help
Consente di visualizzare la Guida online.
I promemoria degli aggiornamenti possono essere disabilitati attenendosi alla
procedura seguente:
1. Fare clic su Admin in ProSphere Console.
2. Fare clic sulla scheda System.
3. Fare clic su Manage Application Software.
4. Nella finestra di dialogo Manage Application Software, fare clic su
Updates Reminder.
5. Selezionare Only show updates in Manage Application Software dialogs.
Nota: l'opzione disabilita la verifica automatica degli aggiornamenti disponibili quando si
effettua il login.
6. Fare clic su OK o su Close per chiudere la finestra di dialogo senza apportare
modifiche.
Installazione degli aggiornamenti in ProSphere
127
Aggiornamenti e backup
Verificare manualmente la disponibilità degli aggiornamenti e installarli
Per verificare manualmente la presenza di aggiornamenti:
1. Fare clic su Admin in ProSphere Console.
2. Fare clic sulla scheda System.
3. Fare clic su Manage Application Software.
Se sono disponibili aggiornamenti, nell'area Health Details della finestra di dialogo
Manage Application Software verrà visualizzato un messaggio che conferma la
disponibilità. Se la verifica della disponibilità di aggiornamenti ha esito negativo,
verranno mostrati i dettagli relativi all'operazione non riuscita.
“Finestra di dialogo Manage Application Software: pulsanti” a pagina 128 illustra 
i pulsanti disponibili nella finestra di dialogo Manage Application Software.
Tabella 12
Finestra di dialogo Manage Application Software: pulsanti
Pulsante
Descrizione
Update Software
Consente di visualizzare la finestra di dialogo Update Software.
Per essere certi che vengano elencati gli aggiornamenti disponibili più
recenti, fare clic su Check for New Updates.
Per installare gli aggiornamenti, selezionare la casella di controllo
accanto a ciascun aggiornamento da applicare, quindi fare clic su Install
Updates.
Una volta installati gli aggiornamenti, se è stato implementato il
Discovery Engine Collector, fare clic sul pulsante Help per la procedura
obbligatoria. In alternativa, spegnere e riavviare la vApp di ProSphere nel
client vSphere. Seguire le istruzioni in “Generazione e restore di
snapshot o backup” a pagina 129.
Nota: gli aggiornamenti a ProSphere sono disponibili solo all'interno di
una nuova sessione del browser. Per tale motivo, dopo l'installazione
degli aggiornamenti, viene visualizzato un messaggio che richiede di
chiudere e riaprire il browser.
Durante il riavvio viene eseguita la migrazione del journal, che impiega
da pochi minuti a un'ora, in base alla quantità di dati coinvolti.
Periodicamente, è possibile eseguire il login a ProSphere Console per
verificare l'avanzamento. Se non viene visualizzato alcun messaggio,
l'operazione di migrazione del journal è stata eseguita correttamente. Se
viene visualizzato un messaggio di errore, contattare il Customer
Support.
Prima del completamento della migrazione del journal, viene visualizzato
un messaggio analogo al seguente:
Migration of data for <...> is still in
progress. We suggest logging out and
returning once migration is complete. If you
continue, some functionality may not be
available.
128
Specify Repository
Consente di selezionare un'origine per gli aggiornamenti. “Selezionare
EMC Update Repository come origine per gli aggiornamenti” a
pagina 125 contiene una descrizione del pulsante.
Update Reminder
“Ricevere promemoria sugli aggiornamenti al login e installare gli
aggiornamenti” a pagina 126 contiene una descrizione del pulsante.
Close
Consente di chiudere la finestra di dialogo Manage Application
Software senza installare gli aggiornamenti.
Help
Consente di visualizzare la Guida online.
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Aggiornamenti e backup
Impatto degli upgrade
Gli upgrade hanno impatto sui job di raccolta degli alert e di data collection sulle
prestazioni in esecuzione e ne impediscono il corretto completamento.
Per evitare errori di discovery, generare una credenziale d'accesso SMC-SPA in
ProSphere per rappresentare le istanze SMC/SPA nella rete. Una credenziale di
accesso SMC-SPA consente a ProSphere di essere rappresentato come client di avvio
in SMC. Il client di avvio deve essere registrato in tutte le istanze SMC/SPA.
L'aggiornamento di ProSphere dalla versione 1.5 alla versione 1.6 o successive può
produrre i risultati seguenti:
u
Mancata riuscita dell'operazione di data collection sulle prestazioni
u
Mancata riuscita del job di raccolta degli alert
u
Dissociazione dei job di discovery configurati con le credenziali predefinite.
Se il rilevamento dell'array non avviene, lo stato dell'array viene visualizzato sul link
Performance Detection Failures in Discovery Job Execution Results.
I motivi degli errori possono essere i seguenti:
u
Non è stata creata una credenziale di accesso di SMC-SPA.
u
Gli attributi della credenziale di accesso di SMC-SPA non collimano con le
informazioni nel client di avvio corrispondente in un'istanza SMC/SPA.
Seguire le procedure in “Integrazione di ProSphere con SMAS e Unisphere for
VMAX” a pagina 101.
Generazione e restore di snapshot o backup
Le snapshot o i backup delle macchine virtuali di ProSphere garantiscono la
possibilità di ripristinare lo stato operativo completo di ProSphere precedente
all'aggiornamento, in caso di mancata riuscita di quest'ultimo.
Anziché impiegare le snapshot, il data center potrebbe utilizzare VMware Data
Recovery come soluzione di backup dell'ambiente virtuale. “Backup e restore di
ProSphere con VMware Data Recovery” a pagina 132 spiega la procedura di
generazione dei backup con VMware Data Recovery.
!
IMPORTANTE
Se è stata sincronizzata più di un'implementazione, si consiglia di pianificare i backup
dei siti sincronizzati, in modo che vengano avviati simultaneamente. In questo modo
vengono ridotti al minimo gli errori derivanti da siti non sincronizzati.
Nota: nell'ambiente VMware in uso potrebbero essere state abilitate policy sulla generazione di
snapshot e backup. Consultare l'amministratore VMware prima di generare snapshot o backup
delle macchine virtuali di ProSphere. Le procedure presentate nella presente documentazione
costituiscono solo un esempio.
Generazione e restore di snapshot o backup
129
Aggiornamenti e backup
Arrestare o avviare ProSphere o le macchine virtuali
!
IMPORTANTE
Una macchina virtuale o una vApp di ProSphere che viene arrestata in modo non
corretto, può provocare la perdita dei dati di configurazione di rete e l'isolamento
della macchina virtuale di ProSphere dalla rete dopo l'accensione. Si tratta di un
problema noto di VMware.
La Tabella 13 a pagina 130 spiega come eseguire le operazioni di arresto e avvio con le
opzioni disponibili facendo clic sul tasto destro del mouse da vSphere Console.
Tabella 13
Procedure di arresto e di avvio da vSphere Console
Elemento
Per l'arresto, utilizzare...
Per l'avvio, utilizzare...
Macchina virtuale di ProSphere
ShutDown Guest
Power On
vApp di ProSphere
Power Off
Power On
La Tabella 13 a pagina 130 spiega come eseguire le operazioni di arresto e avvio con le
opzioni disponibili facendo clic sul tasto destro del mouse da vSphere Console.
Selezionare una macchina virtuale o una vApp, quindi utilizzare il comando
specificato.
Tabella 14
!
Procedure di arresto e di avvio da vCloud Console
Elemento
Per l'arresto, utilizzare...
Per l'avvio, utilizzare...
Macchina virtuale di ProSphere
Stop
Stop
vApp di ProSphere
Start
Start
IMPORTANTE
Non eseguire il riavvio dalla riga di comando, né utilizzare Restart Guest dagli
strumenti VMware. Questo potrebbe rendere l'appliance inutilizzabile e generare
un file ovfEnv.xml vuoto che danneggia il file /etc/hosts con occorrenze errate.
!
IMPORTANTE
Se un Collector viene spento direttamente, senza avere prima arrestato il sistema,
ProSphere Console potrebbe bloccarsi. La procedura consigliata prevede l'utilizzo
del comando Shutdown Guest in vCenter prima dello spegnimento.
Generare snapshot di ProSphere in vSphere Client
Per generare una snapshot di ogni macchina virtuale di ProSphere nel client VMware
vSphere:
1. Aprire il client vSphere e stabilire la connessione con il server vCenter che
gestisce l'ambiente VMware nel quale ProSphere è in esecuzione.
2. Passare alla vApp di ProSphere. È possibile trovare la vApp inserendo un nome
nel campo di ricerca Search Inventory. È inoltre possibile passare alla vApp in
Inventory Panel.
130
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Aggiornamenti e backup
Nota: in un'implementazione scale-out, sono presenti macchine virtuali aggiuntive di tipo
Collector, come descritto nel capitolo sull'architettura della Guida per l'amministratore di EMC
ProSphere. Arrestare i Collector, quindi arrestare la vApp. Arrestare i Collector facendo clic su
ciascuno di essi con il tasto destro del mouse in vSphere Console, quindi selezionando
Shutdown Guest.
3. Arrestare la vApp facendo clic con il tasto destro del mouse, quindi selezionando
Power Off.
!
IMPORTANTE
Non devono essere eseguite snapshot se ProSphere è in esecuzione.
4. Fare clic con il tasto destro del mouse sulla prima macchina virtuale, quindi
selezionare Snapshot > Take snapshot.
5. Nella finestra di dialogo Take Virtual Machine Snapshot, immettere un nome
in Name e una descrizione in Description per la snapshot.
6. Fare clic su OK per generare la snapshot. Lo stato di generazione della snapshot
viene visualizzato nella barra di stato Recent Tasks.
7. Ripetere i passaggi da 4 a 6 per ogni macchina virtuale nella vApp di ProSphere.
8. Quando per ogni snapshot viene visualizzato lo stato Completed, procedere con
l'accensione della vApp di ProSphere. Fare clic con il tasto destro del mouse sulla
vApp di ProSphere e selezionare Power On.
9. Riavviare eventuali Collector. Riavviare ciascun Collector facendo clic con il tasto
destro del mouse su vSphere Console e selezionando Power On.
Eseguire il rollback a una snapshot nel client vSphere
Per eseguire il rollback a una snapshot di una macchina virtuale di ProSphere nel
client VMware vSphere:
1. Aprire il client vSphere e stabilire la connessione con il server vCenter che
gestisce l'ambiente VMware nel quale ProSphere è in esecuzione.
2. Passare alla vApp di ProSphere e selezionare una delle macchine virtuali. 
È possibile trovare la vApp inserendo un nome nel campo di ricerca Search
Inventory. È inoltre possibile passare alla vApp in Inventory Panel.
3. Fare clic con il tasto destro del mouse sulla macchina virtuale e selezionare
Snapshot, Snapshot Manager.
4. Nella finestra di dialogo Snapshot Manager, selezionare il nome della snapshot
di cui eseguire il rollback, quindi fare clic su Go to.
5. Fare clic su Yes nella finestra di dialogo Confirm per procedere con il rollback.
Nota: in caso di rollback a una macchina virtuale di ProSphere dovuto a un aggiornamento non
riuscito, EMC consiglia di eseguire il rollback di ogni macchina virtuale di ProSphere a una
snapshot corrispondente.
Nota: se sono sincronizzate più istanze di ProSphere e per una di queste viene eseguito il
rollback a una snapshot, i tentativi di accedere ai dettagli di oggetti sottoposti a discovery
dopo il rollback restituiranno errore. Nel capitolo sulla sincronizzazione della Guida per
l'amministratore di EMC ProSphere viene discusso l'argomento in dettaglio.
Generazione e restore di snapshot o backup
131
Aggiornamenti e backup
Generare snapshot di ProSphere in vCloud Director
Per eseguire una snapshot della vApp di ProSphere, attenersi alla procedura seguente.
1. In caso di collector o di Applicazione ProSphere secondaria configurati
nell'ambiente, spegnerli prima dell'accensione della vApp.
2. Spegnere la vApp di ProSphere.
3. Fare clic sulla scheda My Cloud e scegliere la vApp di ProSphere della quale
eseguire la snapshot.
4. Fare clic con il tasto destro del mouse sulla vApp e selezionare Create Snapshot.
5. In caso di Collector o di Applicazione ProSphere secondaria implementati,
ripetere il passaggio 4.
Nota: vCloud Director supporta attualmente una sola snapshot. Se si esegue un'altra snapshot,
la precedente verrà sovrascritta.
Eseguire il rollback a una snapshot in vCloud Director
1. Fare clic sulla scheda My Cloud e selezionare la vApp di ProSphere della quale
eseguire il rollback.
2. Fare clic con il tasto destro del mouse sulla vApp e selezionare Revert to snapshot.
3. In caso di Collector o di Applicazione ProSphere secondaria implementati,
ripetere il passaggio 2.
Backup e restore di ProSphere con VMware Data Recovery
Nella VMware Data Recovery Administration Guide viene spiegato come eseguire il
backup e il restore delle macchine virtuali.
Se per i backup viene utilizzato VMware Data Recovery, a ogni macchina virtuale
deve essere assegnato un nome che consenta di distinguerla da tutte le altre macchine
virtuali in ogni implementazione eseguita dall'azienda cliente in vCenter.
In un'implementazione scale-out, sono presenti macchine virtuali aggiuntive di tipo
Collector, come descritto nel capitolo sull'architettura della Guida per l'amministratore
di EMC ProSphere. Pianificare job di backup separati per la vApp e per il Collector.
Eseguire la pianificazione dei backup in modo che vengano effettuati nello stesso
momento. Quando si esegue il restore delle macchine virtuali dai backup, disabilitare
l'accensione automatica del Collector, in modo che possa essere acceso manualmente
dopo l'accensione e il restore del Discovery Engine.
In caso di backup con VDR, spostare i Collector all'interno del contenitore della vApp
nel Group1, insieme alle altre macchine di ProSphere. Quando si esegue l'operazione,
tenere presente che l'impostazione predefinita dell'opzione Shutdown Operation 
è Power Off. Questo valore impedisce un arresto corretto di Collector.
Attenersi alla procedura indicata di seguito per arrestare in modo corretto Collector:
1. Selezionare Edit Settings.
2. Selezionare la scheda Start Order.
3. In Shutdown Action, impostare Operation su Guest Shutdown.
132
Guida all’implementazione di EMC ProSphere
Aggiornamenti e backup
4. Impostare Shutdown sequence proceeds when su 600.
5. Fare clic su OK.
Backup e restore di ProSphere con VMware Data Recovery
133
Aggiornamenti e backup
134
Guida all’implementazione di EMC ProSphere

Documenti analoghi