084 - Abu Dhabi 2010 (original)

Commenti

Transcript

084 - Abu Dhabi 2010 (original)
Gran Premio di Abu Dhabi 2010
Ordine d’arrivo, risultati Qualifiche e GpV, sintesi degli eventi della gara. Classifiche Piloti,
Costruttori e Vincitori GP. Dichiarazioni ufficiali
dei piloti e del team McLaren dopo la gara.
C’è un detto che suona, fuori vernacolo, “furbi come merli da
siepe” (alludendo al fatto che le siepi sono basse e quindi alla
portata di cani e gatti), vale a dire sciocchi, poco avveduti...
Il team di Woking ha chiuso la stagione con entrambi i piloti a
podio, a sorreggere il nuovo Campione del Mondo Vettel. Secondo Hamilton e terzo Button, autore di una bella gara...
In McLaren si guarda già al 2011, per Jenson la priorità sarà
quella di sfruttare la pausa invernale per migliorare le sue prestazioni in qualifica, suo tallone di Achille nella stagione 2010.
Martin Whitmarsh suggerisce alcune modifiche da apportare al
tracciato di Abu Dhabi per favorire i sorpassi e lo spettacolo.
Nubi si addensano sul futuro del Gran Premio d’Australia a Melbourne ~ Ecclestone si è detto entusiasta del GP di Abu Dhabi.
Gran Premio di Abu Dhabi 2010
Risultati di Prove Libere, Qualifiche, Gara e
motivo dei ritiri. Tutti i Dati e Tempi, di tutti i
piloti, in un’esauriente scheda con tutti i risultati del week-end di Abu Dhabi.
Ultima settimana della stagione 2010 dedicata ai test collettivi
della F1. Sul circuito Yas Marina di Abu Dhabi quattro giornate di
test dedicate ai giovani piloti e ai nuovi pneumatici Pirelli.
Tutte le Statistiche della stagione 2010. Stagione terminata,
diamo uno sguardo ai numeri statistici del GP d’Italia ed.2010.
Pirelli conclude i test con gli pneumatici da pioggia ~ Todt afferma che è necessario intervenire per favorire i sorpassi ~ Lewis
si congratula con Sebastian ~ Austin rimborsa la Formula Uno.
©&® Questo è un prodotto gratuito, creato per i fan e senza alcuno scopo di
lucro. Marchi, loghi, link e immagini appartengono ai loro rispettivi proprietari.
In caso di violazione dei diritti di un copyright per immagini, link, loghi, nomi o
altro, per informazioni, reclami e segnalazioni: [email protected]
Cover n84 - foto © Keith Collantine
Il week-end di Yas Marina
PROVE LIBERE E QUALIFICHE
Nelle prove libere di venerdì, bagnate
nella prima sessione, Hamilton segna
un secondo e un primo tempo, mentre
Button un terzo ed un ottavo; nelle
libere di sabato, Hamilton è terzo ed il
compagno è quinto. Nelle qualifiche,
Hamilton passa le due eliminatorie con
un quarto ed un quinto tempo, Button
con un sesto ed un secondo tempo,
nella lotta per la Pole Position, Hamilton si qualifica secondo ed il compagno quarto.
GARA
Al via Hamilton conserva la seconda
posizione, Button passa Alonso e si
pone alle spalle del compagno; entra
in pista la Safety Car, che congela la
corsa per cinque giri. Al ventitreesimo
giro Hamilton effettua il pit stop ed
esce quinto ma, dopo due giri, sorpassa Kobayashi. Button, risalito fino alla
testa della corsa, effettua il pit stop al
trentanovesimo giro e ritorna in gara
quarto, dietro al compagno. A dieci giri
dalla fine della gara, Kubica ritorna ai
box ed i due della McLaren salgono sui
due gradini più bassi del podio.
© Keith Collantine
GP Abu Dhabi 2010 - Meteo: Cielo sereno - Temp.: pista: 29° - ambiente: 29°
Circuito di Yas Marina: Lunghezza tracciato: 5,554km - Giri tot. 55 - Durata tot. 1h39’36.837
GRAN PREMIO
1 Sebastian Vettel
1h39’36”837
2 Lewis Hamilton
+ 10”162
3 Jenson Button
+ 11”047
4 Nico Rosberg
+ 30”747
5 Robert Kubica
+ 39”026
6 Vitaly Petrov
+ 43”520
7 Fernando Alonso
+ 43”797
8 Mark Webber
+ 44,243
9 Jaime Alguersuari
+ 50,201
10 Felipe Massa
+ 50,860
QUALIFICHE
1 Sebastian Vettel
1’39”394
2 Lewis Hamilton
+ 0”031
3 Fernando Alonso
+ 0”398
4 Jenson Button
+ 0”429
5 Mark Webber
+ 0”531
6 Felipe Massa
+ 0”808
7 Rubens Barrichello
+ 0”809
8 M. Schumacher
+ 1”122
9 Nico Rosberg
+ 1”195
10 Vitaly Petrov
+ 1”507
GIRO PIU’ VELOCE
1 Lewis Hamilton
1’41”274
2 Jenson Button
1’41”636
3 Nico Rosberg
1’41”711
4 Sebastian Vettel
1’41”739
5 Robert Kubica
1’41”753
1° giro - Al via scatta bene Vettel che esce dalla prima curva al
comando. Button brucia Alonso
in partenza e conquista la terza
posizione. Brutto incidente tra
Schumacher e Liuzzi. Safety
Car in pista.
5° giro - La pista è stata ripulita
ma resta ancora molto filler
proprio in traiettoria. La Safety
Car rientrerà in questo giro.
7° giro - Vettel ha 1,2" su Hamilton, 3,2" su Button e 4,2" su
Alonso, seguito da molto vicino
dalla RedBull di Webber.
9° giro - Vettel cerca di allungare su Vettel, ora a 2" su Hamilton, 5" su Button , 6" su Alonso
e 7" su Webber, protagonista di
una toccata sulle barriere in
uscita da una curva. Per ora
sembra non accusare nessun
problema.
11° giro - Alonso ha 2" su Webber, a sua volta incalzato da
Massa. Hamilton nel frattempo
si è avvicinato a Vettel, ora è a
1,3" dal tedesco.
12° giro - Pit stop un po’ anticipato per Webber, che dopo la
toccata contro le barriere, forse
ha iniziato ad accusare qualche
problema alla posteriore destra.
Rientra in pista in 16°.
15° giro - Vettel ha 1,4" di vantaggio su Hamilton, in Ferrari
fanno gara su Webber e richiamano Alonso per il cambio
gomme. Lo spagnolo rientra in
pista davanti all’australiano.
18° giro - Situazione dopo quasi venti giri di gara: in testa Vettel, seguito a breve distanza da
Hamilton, terzo Button. Alonso
e Webber sono scivolati in 11a
e 12a posizione e a complicare
il tutto si trovano dietro a Rosberg, Hulkenberg e Petrov,
che sono in lotta fra di loro.
22° giro - Alonso bloccato da
Petrov con Webber in scia, per
il ferrarista la situazione si complica, la Renault è molto competitiva e il circuito non favorisce i
sorpassi.
23° giro - Pit stop per Hamilton,
in pista Alonso azzarda un attacco su Petrov, quasi si toccano, ma va lungo e si riaccoda.
24° giro - Il leader Vettel rientra
ai box, cambio gomme e rientro
in pista davanti a Kobayashi,
Kubica e Hamilton.
27° giro - Giro record di Button,
Hamilton passa Kobayashi.
29° giro - Vettel riduce il distacco da Button a 14,7", Hamilton
sempre molto aggressivo tenta
l’attacco a Kubica.
35° giro - Alonso perde più di 1"
al giro sul leader Vettel, al mo-
mento è dietro a Petrov e non
riesce a passarlo.
40° giro - Button rientra ai box,
riparte in quarta posizione. Vettel sempre al comando.
43° giro - Alonso ora è a ben
35" da Vettel e continua a perdere, anche nei confronti di
Kubica.
46° giro - Pit stop per Kubica,
che lascia strada a Hamilton e
rientra in pista davanti a Petrov
e Alonso.
48° giro - A 8 giri dal termine
l’attuale classifica vede Vettel
con 4 punti di margine sul ferrarista Alonso.
51° giro - Situazione a 4 giri
dalla bandiera a scacchi: in
testa Vettel seguito da Hamilton
e Button, poi Rosberg, Kubica,
Petrov, Alonso e Webber.
53° giro - A 2 giri dal termine
Vettel vede avvicinarsi il Titolo
di Campione del Mondo.
53° giro - Cede l’alettone posteriore della Lotus di Trulli in pieno rettilineo, ma Jarno riesce a
controllare la vettura e parcheggia a bordo pista.
55° giro - Gara finita, vince
Vettel e diventa il Campione del
Mondo più giovane della
Formula Uno.
UNA STAGIONE
MOLTO ECCITANTE
NEL 2011 SAREMO
PIU’ COMPETITIVI
PILOTI
“Questo è stato un
anno davvero molto
eccitante per il Campionato di Formula 1.
Come ha detto giustamente Sebastian in
conferenza stampa,
tutti i piloti che hanno
guidato per un top
team hanno attraversato momenti di entusiasmo alternati ad
altri episodi che li hanno visti protagonisti di
risultati negativi per la
propria corsa al Titolo.
Lo stesso Sebastian
ha dovuto fare i conti
con questo genere di
problemi, ma alla fine
ha vinto. È un pilota di
grande talento e senza dubbio si merita
questo successo. Salire sul podio con Lewis
e Sebastian è stato
molto bello oggi, una
sorta di passaggio di
consegne. Per noi
oggi era importante
fare una buona prestazione così da poterci assicurare il secondo posto nella
Classifica Costruttori
davanti alla Ferrari,
obbiettivo che ci eravamo prefissati e che
grazie allo sforzo di
tutto il team siamo
riusciti a raggiungere.
Vorrei ringraziare tutta
la struttura McLaren
per il grande supporto
dimostrato in questo
mio primo anno con
loro, alla fine penso di
poter affermare che
insieme a Lewis abbiamo disputato una
stagione comunque
positiva. Ora abbiamo
tutto il tempo per lavorare insieme alla prossima stagione e sono
sicuro che ci presenteremo in pista ancora
più forti, la McLaren
ha sempre molta fame
di vittorie.”
“Posso considerarmi
soddisfatto della gara
odierna. Abbiamo portato a termine la stagione con un buon
risultato ed entrambe
le vetture sul podio,
inoltre abbiamo ulteriormente consolidato
la seconda posizione
nel Campionato Costruttori. Nel corso
delle prime fasi di gara
sono riuscito a tenere
il passo di Sebastian,
purtroppo però, dopo il
cambio gomme sono
rimasto bloccato dietro
alla Renault di Kubica,
era molto veloce, ha
guidato bene senza
mai fare errori e in
questa circostanza era
troppo veloce per azzardare un sorpasso.
Purtroppo in questo
frangente ho perso
molto tempo e contemporaneamente anche il
contatto con Seba-
stian, questo ha fatto
si che una volta rientrato ai box Kubica non
ho comunque mai avuto la possibilità di raggiungerlo, ma penso
che il bello delle corse
sia anche questo. In
questo momento posso dire che sono molto
orgoglioso di tutti i
ragazzi della squadra,
hanno spinto sempre
tantissimo per tutta la
durata di questa combattutissima stagione,
senza mai perdersi
d’animo, nemmeno nei
momenti più difficili.
Ora lavoreremo insieme per sviluppare la
vettura del prossimo
anno, con la speranza
di poter contare su una
monoposto più competitiva, una macchina in
grado di poter battagliare ai massimi livelli
fin dalla prima gara
della stagione 2011.”
1 - Sebastian Vettel
256
2 - Fernando Alonso
252
3 - Mark Webber
242
4 - Lewis Hamilton
240
5 - Jenson Button
214
6 - Felipe Massa
144
7 - Nico Rosberg
142
8 - Robert Kubica
136
9 - Michael Schumacher
72
10 - Rubens Barrichello
47
11 - Adrian Sutil
47
12 - Kamui Kobayashi
32
13 - Vitaly Petrov
27
14 - Nico Hulkenberg
22
15 - Vitantonio Liuzzi
21
16 - Sebastian Buemi
8
17 - Pedro de la Rosa
6
18 - Nick Heidfeld
6
19 - Jaime Alguersuari
5
COSTRUTTORI
GRAZIE A TUTTI GLI UOMINI DEL TEAM McLAREN
“In questo ultimo Gran Premio sia Lewis che
Jenson hanno guidato in maniera brillante, avere entrambe le vetture sul podio dell’ultima gara
dell’anno è stato sicuramente molto gratificante
per tutto il team McLaren. Ormai da tempo eravamo più che consapevoli che per Lewis, nonostante le residue possibilità dettate più dalla
matematica che dalla realtà dei fatti, sarebbe
stato molto difficile se non quasi impossibile
conquistare il suo secondo Titolo, come del
resto eravamo consapevoli del fatto che superare la RedBull di Sebastian non sarebbe stato
affatto facile, ancor meno cercare di conquistare il gradino più alto del podio. La squadra ha
lavorato bene, chiamando Lewis ai box e tenendo invece in pista Jenson. Pensavamo così di
avere qualche passibilità di avvicinarci a Sebastian grazie proprio a questa strategia. Purtroppo non ha pagato, ma tutto considerato abbiamo deciso di agire in questa maniera tenendo
conto che era per noi una manovra quasi priva
di rischi. Riguardo alla gara odierna posso dirmi
molto soddisfatto per il risultato raggiunto, oggi
abbiamo conquistato 33 punti, in definitiva più di
qualunque altro team presente in pista, ma
quello che più ci premeva era il fatto di riuscire
a consolidare la seconda posizione nella Classifica Costruttori e rimanere così davanti alla Ferrari. Da sempre consideriamo il team Ferrari
come il nostro rivale storico, quindi siamo estremamente soddisfatti di averli battuti anche
quest’anno. Siamo però altrettanto sicuri che
l’anno prossimo ci attende una nuova e speriamo emozionante battaglia. Vorrei ringraziare
sentitamente tutti gli uomini e le donne che lavorano per il nostro team, persone che si sacrificano all’inverosimile per il bene della McLaren,
tutti noi siamo orgogliosi di ognuno di loro. Infine mi congratulo con il neo Campione del mondo Sebastian Vettel, nelle ultime gare ha fatto
veramente un buon lavoro e credo che questo
Titolo sia indubbiamente meritato. Congratulazioni a lui e alla sua squadra. Ma la McLaren
non si ferma, siamo già concentrati sullo sviluppo della vettura con cui affronteremo il Campionato 2011, grazie ai nostri uomini e ai nostri
fantastici piloti, cercheremo di fare sempre il
massimo per poterci presentare sulla griglia di
partenza del prossimo Gran Premio del
Bahrain ancora più forti e motivati.”
1 - RedBull Renault
498
2 - McLaren Mercedes
454
3 - Scuderia Ferrari
396
4 - Mercedes GP
214
5 - Renault
163
6 - Williams Cosworth
69
7 - Force India Mercedes
68
8 - BMW Sauber Ferrari
44
9 - Toro Rosso Ferrari
13
VITTORIE GP
Sebastian Vettel
5
Fernando Alonso
5
Mark Webber
4
Lewis Hamilton
3
Jenson Button
2
© Getty Images
Safety Car in pista subito dopo la
partenza. Evento che il muretto
Ferrari non ha valutato nella giusta maniera, ritrovandosi più tardi con Alonso bloccato nel traffico senza possibilità di passare.
© Sutton Images
Ferrari non si è curata nemmeno
della McLaren che, praticamente
indisturbata, con Hamilton e Button ha portato a termine il Gran
Premio con un solido risultato.
© Sutton Images
La Ferrari ha giocato troppo in
difesa, concentrata solo su Webber, mentre Vettel, in testa al
gruppo, s’involava verso il Titolo.
C’è un detto, comune a molti dialetti italiani, che suona,
fuori vernacolo, “ furbi come merli da siepe” ( alludendo al fatto che le siepi sono basse e quindi alla portata di
cani e gatti ), vale a dire sciocchi, poco avveduti.
A Maranello oggi , senza voler infierire, pare possa adattarsi questo
esempio di scarsa capacità nel cogliere, specie nei momenti topici,
quegli elementi essenziali della
gara che possono risultare determinanti, specie in un circuito i cui
sorpassi sono quasi impossibili,
come quello conclusivo del Campionato Mondiale di F.1 edizione
2010. Troppe le mancanze evidenziate nel muretto Ferrari; vediamo
di riassumere le più palesi.
Primo errore: non tener conto
dell’ingresso della safety car per
valutare chi e per cosa ha cambiato
pneumatici in quel frangente.
Secondo errore: lasciare che le
McLaren stessero entrambe davanti pur con un passo sicuramente
inferiore al potenziale Ferrari.
Terzo errore: fare esclusivamente
la corsa su Webber, quasi Vettel
fosse un qualsiasi Carneade alla
guida di un carro attrezzi.
© Getty Images
In definitiva la RedBull è stata la
vettura più veloce, Vettel è stato
a sua volta il più veloce del team:
alla fine Sebastian è il nuovo
Campione del Mondo Piloti 2010.
Quarto errore: interpretare come
fosse una mossa tattica quella di
Webber al pit stop per cambio
gomme, mentre tale sosta era do-
vuta al danno subito
dall’Australiano causa un suo leggero tocco all’uscita di una curva.
Quinto errore: non tener conto del
traffico accumulatosi, tanto che
Webber non ha mai impensierito
Alonso senza contare che, anche
se lo Spagnolo fosse riuscito a superare il tappo di Petrov, non sarebbe cambiato nulla nella classifica mondiale.
Vale quindi il seguente ragionamento: la vettura più competitiva
nel 2010 è stata la Red Bull; il pilota più veloce di tale Team è Vettel; ergo Vettel è il nuovo Campione del Mondo Piloti.
Mi pare ci sia poco da recriminare
da parte del Team Ferrari, anche
tenendo conto che, nel Costruttori,
Maranello si è lasciata ampliamente superare pure da McLaren che
oggi, ma anche in altre occasioni,
ha dimostrato di avere forse buoni
piloti, ma un mezzo non particolarmente competitivo.
Ci sentiremo nel Forum invernale: a tutto voi un abbraccio amichevole.
© Keith Collantine
Il team di Woking ha chiuso la stagione
con entrambi i piloti a podio, a sorreggere il nuovo campione del mondo Sebastian Vettel. Secondo Hamilton e terzo
Button, autore di una bella partenza, dove ha “fregato” Alonso per il terzo posto.
O
ttimo anche il suo
lungo stint con le
morbide, dove è riuscito
a stare in pista molto
più tempo rispetto ad
altri. Con una strategia
simile Alonso oggi sarebbe campione del
mondo. E’ incredibile
come la squadra inglese
sia riuscita a ribaltare in
una settimana la prova
non del tutto convincente di Interlagos. La
McLaren deve proprio
ripartire da Abu Dhabi
per cominciare al meglio la prossima stagione, che si presenta ancora più agguerrita, perché
c’è da aspettarsi un salto
di qualità della Mercedes e anche la Renault
potrebbe diventare più
pericolosa. Proprio i due
piloti della scuderia
francese sono stati gli
arbitri di questo mondiale, infatti Kubica ha
tenuto dietro Hamilton
che ha perso tempo e
non è più riuscito a raggiungere Vettel, ormai
involato verso il suo
sogno iridato, mentre
Petrov ha tenuto dietro
Alonso, che ha perso la
grande occasione di vincere il terzo titolo al primo anno sulla Rossa. E’
stata scellerata la strategia della Ferrari di far
fermare in anticipo lo
spagnolo, seguendo
Webber, mentre è scappato Vettel. La Rossa è
caduta nella trappola
tesa dalla Red Bull che
ha usato Webber come
cavia. Facendo un breve
bilancio della stagione
della scuderia di Woking si può dire che, pur
non avendo una macchina superiore agli altri, è
stata la squadra che meglio di tutti ha fatto gioco di squadra e ha sbagliato poco riguardo alle
strategie, soprattutto nel
fare il cambio gomme al
momento giusto. Questo
per esempio ha permesso a Button di recuperare molte posizioni rispetto a qualche problema avuto in qualifica,
come in Brasile, dove
l’ex campione del mondo 2009 è partito undicesimo ed è arrivato
quinto. Ora è calato il
sipario su questo splendido mondiale, ma le
squadre sono già al lavoro, vincitori e vinti,
per partire con il piede
giusto il prossimo anno,
che si preannuncia già
elettrizzante fin da ora.
© Getty Images
© DR/Nextgen-Auto.com
I
l Campione del Mondo
2009 Jenson Button, dice
che il suo obiettivo principale
per l'inverno sarà quello di
assicurarsi una maggiore competitività nel 2011, soprattutto
per quanto riguarda le qualifiche del sabato, momento cruciale per assicurarsi una buona
posizione di partenza per il
Gran Premio.
Dopo aver interrotto una serie
di qualifiche deludenti, ad Abu
Dhabi Jenson ha chiuso la sua
prima stagione in McLaren
con un quarto posto sulla griglia di partenza e un terzo posto in gara. Grazie anche alla
seconda posizione conquistata
da Lewis, il team McLaren è
riuscito a consolidare la seconda posizione nel Campionato
Costruttori. Dopo l'ultima gara
della stagione 2010 Jenson ha
dichiarato: "Era il nostro principale obbiettivo e l'abbiamo
raggiunto, salire sul podio
nell'ultima gara è stata una
bella e positiva sensazione. Ho
avuto qualche difficoltà durante le qualifiche del sabato, ma
le mie prestazioni in gara sono
state molto buone, quindi posso considerarmi soddisfatto.
Ora devo lavorare per trovare
lo stesso feeling anche durante
le qualifiche, e proprio su questo aspetto ci concentreremo
durante l'inverno. Di sicuro
però credo che concludere con
due vetture sul podio nell'ultima gara dell'anno sia molto
positivo e tirando le somme di
questa combattutissima stagione sono decisamente felice del
mio primo anno in McLaren”.
La gara di Abu Dhabi è stata
anche l'ultima che ha visto il
numero 1 sulla macchina di
Jenson, il quale ha dichiarato
che il neo Campione del Mondo Sebastian Vettel è senza
dubbio un degno successore,
che ha combattuto e alla fine
ha meritatamente conquistato
il Titolo: "Sebastian è stato
autore di grandi gare quest'anno. Come lui stesso ha detto,
tutti noi abbiamo avuto alti e
bassi durante tutta la stagione,
ma negli ultimi appuntamenti
Sebastian ha fatto veramente
un gran lavoro, per questo non
ho dubbi sul fatto che meriti il
Titolo di Campione del Mondo
2010."
Parlando con i giornalisti Jenson ha rivelato che Vettel gli
ha chiesto un consiglio su come gestire l'esperienza dopo la
vittoria del Titolo: "Sebastian
mi ha chiesto come dovrebbe
comportarsi dopo la vittoria
del Titolo, gli ho semplicemente risposto di non preoccuparsi e di non pensare ad ogni
minimo dettaglio. Deve mettersi a disposizione dei media,
rilasciare interviste a raffica ed
essere pronto a spostarsi per
ritirare premi e onorificenze,
poi, passato il clamore iniziale,
tornare dalle persone a lui care
e godersi in toto questa vittoria. Gli ho detto che quando si
sveglierà la mattina e qualcuno
gli dirà: 'Ehi Campione del
Mondo, come ti senti?', beh
allora in quel momento inizierà davvero a capire quello che
ha conquistato, per un pilota di
Formula 1 è il massimo."
© Keith Collantine
Il boss della McLaren Martin Whitmarsh ha esortato gli organizzatori del Gran Premio di Abu Dhabi ad apportare alcune modifiche al tracciato di Yas Marina, questo a seguito delle scarse
possibilità di sorpasso offerte dall'attuale layout del circuito.
T
ale circuito infatti è stato presumibilmente concepito per rendere le gare
più eccitanti, ma, nonostante alcune parti
che permettono di effettuare delle lunghe
frenate e quindi agevolare i tentativi di sorpasso, come si è visto nell'ultimo Gran Premio della stagione, alcuni illustri piloti,
come Alonso e Hamilton hanno avuto molte difficoltà nei confronti dei piloti che li
precedevano, senza mai avere l'opportunità
di tentare un sorpasso.
Whitmarsh ritiene che se anche l'impianto
di Abu Dhabi sia tra i migliori al mondo, la
pista avrebbe bisogno di qualche modifica.
In un'intervista rilasciata ad Autosport ha
detto: "Questo circuito e tutto l'impianto
che fa da cornice è davvero bello e molto
futuristico ma, come abbiamo visto in GP2
e soprattutto in F1, qui è quasi impossibile
sorpassare. Personalmente mi piacerebbe
vedere qualche modifica, perché è un peccato non poter offrire uno spettacolo ancora
più eccitante in un circuito bello come questo. Ad esempio, alla fine del rettilineo ci
vorrebbe qualche modifica che possa agevolare i tentativi di sorpasso e non una chicane che non da alcuna possibilità di passare. Certo quando abbiamo visto per la prima
volta il progetto, eravamo convinti che il
disegno del tracciato andasse a creare un
circuito nel quale fosse possibile superare,
anzi, in realtà il progetto iniziale non aveva
esattamente l'aspetto attuale. Qui ad Abu
Dhabi c'è un grande impegno per far diventare questo impianto un punto di riferimento per il mondo del motorsport, per questo
credo che nei prossimi progetti che verranno messi in cantiere si debba dare la priorità
a questo aspetto".
Alle parole di Whitmarsh fa eco il giovane
pilota russo della Renault, Vitaly Petrov,
autore domenica non solo di una buona
gara, ma anche colui che verrà ricordato da
molti come il pilota che non ha offerto alcuna chance ad Alonso di poterlo superare.
Intervistato sull'argomento Vitaly ha detto:
"E' vero,qui il sorpasso non è possibile. La
Ferrari era dietro e Fernando non ha mai
avuto una concreta possibilità di passarmi.
Sinceramente, ora che il tracciato è stato
costruito, non so come e dove si possa intervenire per ovviare a questo problema.
Per agevolare i sorpassi penso che il circuito dovrebbe avere curve con un angolo di
percorrenza più veloce, da percorrere in
terza o quarta marcia. Se ad esempio alla
curva 7 si potesse avere un tornante con un
angolo pari a quello della curva 1 sono certo che sarebbe molto meglio".
Il Direttore dell'impianto di Abu Dhabi,
Richard Cregan, ha favorevolmente raccolto le osservazioni degli addetti ai lavori
affermando che l'impianto è sempre alla
ricerca di soluzioni che possano aumentare
l'interesse e lo spettacolo offerto in pista:
"Quest'anno abbiamo apportato alcune modifiche all'uscita della curva 8 e sempre in
quella zona sono state riconfigurate le barriere di protezione che ora offrono maggiore sicurezza. Siamo sempre alla ricerca di
diversi elementi che possono essere migliorati, di conseguenza c'impegneremo ad ascoltare i suggerimenti dei piloti e degli
addetti ai lavori con l'obbiettivo
di migliorare ancora di più il nostro circuito."
© Keith Collantine
I
Nubi preoccupanti sul prossimo GP d'Australia a Melbourne
in programma il 27 marzo 2011. Nella terra dei canguri è infatti in corso una disputa tra gli organizzatori dell'evento e il
CAMS, l'organizzazione governativa che gestisce gli eventi
di motorsport del paese. Gli organizzatori hanno dichiarato
che il CAMS ha rifiutato di diminuire le tasse per dare un
aiuto significativo all'organizzazione dell'evento.
L
a controversia rischia così
di degenerare, tanto che la
CAMS ha minacciato di proporre alla FIA di non gareggiare
a Melbourne nel 2011, questo
nel caso non venga raggiunto
un accordo al termine di questa
settimana.
Ron Walker, capo degli organizzatori del GP ha detto ad
Autosport: "È semplice, la
CAMS ci minaccia, fa pressione sulla FIA per fare in modo
che l'accordo venga raggiunto
entro la data da loro fissata del
19 novembre. Se questo non
accadrà, chiederanno alla FIA
di cancellare la gara dal calendario. Quello che stiamo dicendo è che anche il CAMS è tenuto a rispettare tutti gli altri fornitori di servizi coinvolti
nell'organizzazione dell'evento.
La costituzione stessa del
CAMS prevede infatti che il
suo ruolo sia semplicemente
quello di rappresentare un fornitore di servizi nel quadro di
una procedura di organizzazione di un evento sportivo e questo, come per gli altri fornitori,
ha un suo prezzo.
Abbiamo chiesto loro di ridurre
l'ammontare delle tasse almeno
fino a 750.000 dollari, ma hanno detto di no. Anche se abbiamo 1500 volontari, non siamo
un'organizzazione in grado di
offrire servizi gratuiti. Credo
che questo modo di agire sia
molto lesivo nei confronti non
solo nostri, ma di tutto lo sport
motoristico del nostro paese.
A rimarcare la gravità della
situazione, Walker è frettolosamente volato ad Abu Dhabi per
aggiornare Bernie Ecclestone e
i suoi soci in merito alla controversia. Tuttavia, ha dichiarato
ad Autosport che non era eccessivamente preoccupato per le
sorti della gara: "Sono però
fiducioso che tutto verrà risolto
e che i nostri prossimi incontri
con Ecclestone e Todt potranno
facilitare la soluzione del problema. Walker ha infatti dichiarato che Bernie ha un accordo
con il governo di Victoria e che
quindi non permetterebbe al
CAMS di incidere così tanto sul
destino del GP d'Australia. Il
termine della controversia resta
comunque fissato per venerdì,
quando al World Motor Sport
Council potrebbe essere chiesto
di togliere Melbourne
dal calendario 2011.
l Patron della Formula 1,
Bernie Ecclestone, si è
detto assolutamente disponibile a mantenere il Gran Premio di Abu Dhabi come un
appuntamento fisso nel calendario della massima Formula, affermando inoltre che
gli standard del faraonico
impianto sarebbero da prendere come esempio nella
progettazione dei futuri impianti dedicati al motorsport:
"Se tutti i circuiti fossero
come questo di Abu Dhabi,
beh... sarei un uomo sempre
e molto felice". Così ha esordito Ecclestone nell'intervista
rilasciata al britannico Gulf
News. Il Gran Premio di Abu
Dhabi è entrato nel calendario FIA lo scorso anno, il
tracciato di Yas Marina si
snoda attraverso il porto
dell'isola turistica ed è attraversata da un incredibile hotel a cinque stelle lusso. Ecclestone ha aggiunto: "Dopo
la gara di esordio dello scorso anno, questo impianto si è
confermato come uno dei
progetti più futuristici degli
ultimi anni. Come nel 2009
anche in questa occasione ho
ricevuto molti complimenti,
non solo dagli addetti ai lavori, ma anche da parte di
persone provenienti da ogni
parte del mondo; tutti hanno
sottolineato lo stupore nel
vedere con i propri occhi
questa struttura e naturalmente tutti hanno insistito
nell'affermare che in questo
luogo il Gran Premio di Formula 1 sarebbe il benvenuto
ogni anno. Che dire, questa è
una delle mie più grandi soddisfazioni."
Ad Ecclestone è stato fatto
notare che tutto questo entusiasmo potrebbe anche essere
collegato al pagamento annuale di ben 40 milioni di dollari, che gli organizzatori dovranno versare per ogni anno
in cui verrà ospitata la Formula 1. Bernie ha però risposto: "So bene che molti mi
considerano una persona
molto rigida, intransigente e
a volte indifferente, molti
altri mi accusano invece di
pensare solo al denaro e non
al bene di questo sport. Io
invece penso che i miei modi
di agire, trattando sempre
questioni che mettono sul
tavolo molti quattrini, ma
questo è il mio mondo, semplicemente sfrutto la mia
attitudine per le imprese e
per lo sport. Credo che invece di criticarmi alcune persone dovrebbero essere grate
per aver preso determinate
decisioni, certo non sempre
popolari, ma anche grazie a
questo nel corso degli anni
sono riuscito a dare un profilo internazionale alla Formula 1. Certo, è inutile negare
che anch'io ho beneficiato
personalmente del buon esito
di questi contratti, ma allo
stesso modo anche i team
hanno avuto la possibilità di
mostrare i loro marchi in un
mercato decisamente interessante. Il mio obbiettivo è
quello di portare sempre delle novità, questo per assicurarci che la Formula 1 possa
sopravvivere a tutti i livelli e
possa continuare ad essere
considerato come lo sport
che offre il migliore spettacolo possibile". Bernie ha infine voluto ricordare anche un
altro circuito del Medio Oriente, quello del Bahrain,
affermando di ritenere il circuito di Sakhir come uno dei
suoi preferiti: "Di questi due
impianti non posso fare altro
che elogiare gli organizzatori. Hanno sempre agito in
maniera assolutamente brillante, offrendo un'accoglienza unica nel suo genere, con
loro ho sempre ottenuto tutto
quello che ho chiesto, senza
una sola parola di dissenso.
Certo sono consapevole che
il tenore di vita in Medio
Oriente favorisce lo sviluppo
di realtà come Yas Marina e
Sakhir, ma è sempre piacevole incontrare e discutere con
gli organizzatori dell'evento
in maniera sempre
pacata e costruttiva".
F
1
P
PILOTA
TEAM
TIME
P
PILOTA
TEAM
TIME
P
PILOTA
TEAM
TIME
1
S. Vettel
RedBull Renault
1’42’’760
1
L. Hamilton
McLaren Mercedes
1’40’’888
1
S. Vettel
RedBull Renault
1’40’’696
2
L. Hamilton
McLaren Mercedes
+ 0,609
2
S. Vettel
RedBull Renault
+ 0,257
2
M. Webber
RedBull Renault
+ 0,133
3
J. Button
McLaren Mercedes
+ 1,025
3
F. Alonso
Scuderia Ferrari
+ 0,426
3
L. Hamilton
McLaren Mercedes
+ 0,584
4
M. Webber
RedBull Renault
+ 1,080
4
M. Webber
RedBull Renault
+ 0,427
4
F. Alonso
Scuderia Ferrari
+ 0,794
5
R. Kubica
Renault
+ 1,320
5
R. Kubica
Renault
+ 0,688
5
J. Button
McLaren Mercedes
+ 0,882
6
F. Alonso
Scuderia Ferrari
+ 1,361
6
F. Massa
Scuderia Ferrari
+ 0,695
6
V. Petrov
Renault
+ 0,993
Renault
+ 1,208
7
M. Schumacher
Mercedes GP
+ 0,994
7
M. Schumacher
Mercedes GP
+ 1,439
7
V. Petrov
8
K. Kobayashi
Sauber Ferrari
+ 1,844
8
J. Button
McLaren Mercedes
+ 1,244
8
N. Rosberg
Mercedes GP
+ 1,033
9
N. Rosberg
Mercedes GP
+ 1,958
9
V. Liuzzi
Force India Mercedes
+ 1,315
9
R. Kubica
Renault
+ 1,181
10
N. Heidfeld
Sauber Ferrari
+ 1,977
10
N. Rosberg
Mercedes GP
+ 1,334
10
N. Heidfeld
Sauber Ferrari
+ 1,197
11
F. Massa
Scuderia Ferrari
+ 2,400
11
M. Schumacher
Mercedes GP
+ 1,358
11
N. Hulkenberg
Williams Cosworth
+ 1,238
12
V. Petrov
Renault
+ 2,685
12
N. Hulkenberg
Williams Cosworth
+ 1,561
12
F. Massa
Scuderia Ferrari
+ 1,282
13
R. Barrichello
Williams Cosworth
+ 2,714
13
A. Sutil
Force India Mercedes
+ 1,647
13
R. Barrichello
Williams Cosworth
+ 1,620
14
A. Sutil
Force India Mercedes
+ 2,792
14
K. Kobayashi
Sauber Ferrari
+ 1,880
14
K. Kobayashi
Sauber Ferrari
+ 1,870
15
V. Liuzzi
Force India Mercedes
+ 2,825
15
R. Barrichello
Williams Cosworth
+ 2,026
15
A. Sutil
Force India Mercedes
+ 1,891
16
J. Alguersuari
Toro Rosso Ferrari
+ 3,243
16
N. Heidfeld
Sauber Ferrari
+ 2,062
16
V. Liuzzi
Force India Mercedes
+ 2,162
17
N. Hulkenberg
Williams Cosworth
+ 3,884
17
J. Alguersuari
Toro Rosso Ferrari
+ 2,240
17
J. Alguersuari
Toro Rosso Ferrari
+ 2,297
18
S. Buemi
Toro Rosso Ferrari
+ 4,345
18
S. Buemi
Toro Rosso Ferrari
+ 2,696
18
S. Buemi
Toro Rosso Ferrari
+ 2,648
H. Kovalainen
Lotus Cosworth
+ 4,292
19
H. Kovalainen
Lotus Cosworth
+ 4,180
J. Trulli
Lotus Cosworth
+ 4,352
T. Glock
Virgin Cosworth
+ 4,354
+ 4,794
19
T. Glock
Virgin Cosworth
+ 5,690
19
20
J. Trulli
Lotus Cosworth
+ 5,712
20
T. Glock
Virgin Cosworth
+ 4,371
20
21
L. Di Grassi
Virgin Cosworth
+ 6,615
21
J. Trulli
Lotus Cosworth
+ 4,724
21
22
B. Senna
Hispania Cosworth
+ 6,830
22
L. Di Grassi
Virgin Cosworth
+ 5,165
22
B. Senna
Hispania Cosworth
23
C. Klien
Hispania Cosworth
+ 7,514
23
C. Klien
Hispania Cosworth
+ 6,322
23
L. Di Grassi
Virgin Cosworth
+ 4,933
24
F. Fauzy
Lotus Cosworth
+ 8,945
24
B. Senna
Hispania Cosworth
+ 6,455
24
C. Klien
Hispania Cosworth
+ 5,768
Meteo
Cielo sereno
Meteo
Cielo poco nuvoloso
Meteo
Cielo sereno o poco nuvoloso
Temp.
in pista: 42°, ambiente: 29°
Temp.
in pista: 38°, ambiente: 28°
Temp.
in pista: 41°, ambiente: 30°
P
PILOTA
TEAM
TIME
P
1
S. Vettel
RedBull Renault
1’39’’394
1
2
L. Hamilton
McLaren Mercedes
+ 0,031
2
PILOTA
TIME
S. Vettel
RedBull Renault
1h39’36’’8
Lap 1 - M. Schumacher (Mercedes GP) - Incidente
L. Hamilton
McLaren Mercedes
+ 10,162
Lap 43 - T. Glock (Virgin Cosworth) - Motore
Lap 51 - J. Trulli (Lotus Cosworth) - Ala posteriore
3
F. Alonso
Scuderia Ferrari
+ 0,398
3
J. Button
McLaren Mercedes
+ 11,047
4
J. Button
McLaren Mercedes
+ 0,429
4
N. Rosberg
Mercedes GP
+ 30,747
5
M. Webber
RedBull Renault
+ 0,531
5
R. Kubica
Renault
+ 39,026
6
F. Massa
Scuderia Ferrari
+ 0,808
6
V. Petrov
Renault
+ 43,520
7
R. Barrichello
Williams Cosworth
+ 0,809
7
F. Alonso
Scuderia Ferrari
+ 43,797
M. Webber
RedBull Renault
+ 44,243
J. Alguersuari
Toro Rosso Ferrari
+ 50,201
+ 50,860
8
M. Schumacher
Mercedes GP
+ 1,122
8
9
N. Rosberg
Mercedes GP
+ 1,195
9
Lap 1 - V. Liuzzi (Force India Mercedes) - Incidente
TEAM
10
V. Petrov
Renault
+ 1,507
10
F. Massa
Scuderia Ferrari
11
R. Kubica
Renault
1’40’’780
11
N. Heidfeld
Sauber Ferrari
+ 51,551
12
K. Kobayashi
Sauber Ferrari
+ 0,003
12
R. Barrichello
Williams Cosworth
+ 57,606
13
A. Sutil
Foce India Mercedes
+ 0,134
13
A. Sutil
Force India Mercedes
+ 58,325
14
N. Heidfeld
Sauber Ferrari
+ 0,333
14
K. Kobayashi
Sauber Ferrari
+ 59,558
15
N. Hulkenberg
Williams Cosworth
+ 0,638
15
S. Buemi
Toro Rosso Ferrari
+1’03,178
16
V. Liuzzi
Force India Mercedes
+ 0,862
16
N. Hulkenberg
Williams Cosworth
+1’04,763
17
J. Alguersuari
Toro Rosso Ferrari
+ 0,958
17
H. Kovalainen
Lotus Cosworth
+ 1giro
18
S. Buemi
Toro Rosso Ferrari
1’41’’824
18
L. Di Grassi
Virgin Cosworth
+ 2 giri
19
J. Trulli
Lotus Cosworth
+ 1,692
19
B. Senna
Hispania Cosworth
+ 2 giri
20
H. Kovalainen
Lotus Cosworth
+ 1,888
20
C. Klien
Hispania Cosworth
+ 2 giri
21
T. Glock
Virgin Cosworth
+ 2,271
21
J. Trulli
Lotus Cosworth
rit. lap 51
22
L. Di Grassi
Virgin Cosworth
+ 2,686
22
T. Glock
Virgin Cosworth
rit. lap 43
23
B. Senna
Hispania Cosworth
+ 3,261
23
M. Schumacher
Mercedes GP
rit. lap 1
24
C. Klien
Hispania Cosworth
+ 3,742
24
V. Liuzzi
Force India Mercedes
rit. lap 1
Meteo
Cielo sereno
Meteo
Cielo sereno
Temp.
in pista: 29°, ambiente: 27°
Temp.
in pista: 29°, ambiente: 28°
I Tuoi articoli sulla McLaren o la F1 nel MAG di TuttoMcLaren? [email protected]
2
0
1
0
G
A
R
A
1
9
A
B
U
D
H
A
B
I
1
2
1
3
1
4
N
O
V
E
M
B
R
E
P
PILOTA
1
2
LAP
© photo4/f1grandprix.it
TEAM
TIME
D. Ricciardo
RedBull Renault
1’39,616
70
O. Turvey
McLaren Mercedes
+ 1,109
73
3
F. da Costa
Force India Mercedes
+ 1,765
77
3
S. Bird
Mercedes GP
+ 1,118
82
4
E. Gutierrez
Sauber Ferrari
+ 1,816
65
4
G. Paffett
McLaren Mercedes
+ 1,658
84
5
D. Stoneman
Williams Cosworth
+ 1,906
62
5
J. Bianchi
Scuderia Ferrari
+ 1,814
93
6
M. Aleshin
Renault
+ 2,457
58
6
S. Perez
Sauber Ferrari
+ 2,440
90
7
J.E. Vergne
Toro Rosso Ferrari
+ 2,873
83
7
P. di Resta
Force India Mercedes
+ 2,799
27
8
P. di Resta
Force India Mercedes
+ 3,120
28
8
P. Maldonado
Williams Cosworth
+ 2,842
61
9
S. Bird
Mercedes GP
+ 3,369
66
9
J. E. Vergne
Toro Rosso Ferrari
+ 2,872
60
10
J. D’Ambrosio
Virgin Cosworth
+ 3,902
34
10
Y. Buurman
Force India Mercedes
+ 3,076
67
11
P. Maldonado
Hispania Cosworth
+ 4,134
108
11
D. Valsecchi
Hispania Cosworth
+ 4,900
30
12
J. Bianchi
Scuderia Ferrari
+ 4,278
59
12
L. Razia
Virgin Cosworth
+ 5,423
70
13
R. Gonzalez
Lotus Cosworth
+ 5,308
83
13
J. Kral
Hispania Cosworth
+ 6,041
61
14
R. Haryanto
Virgin Cosworth
+ 9,823
21
14
R. Gonzalez
Lotus Cosworth
+ 6,210
40
V. Arabadzhiev
Lotus Cosworth
+ 7,621
49
P
PILOTA
TEAM
TIME
LAP
1
D. Ricciardo
RedBull Renault
1’38,102
77
2
J. D’Ambrosio
Renault
+ 0,700
82
© photo4/f1grandprix.it
© photo4/f1grandprix.it
Tot. giri McLaren
73 (km 405)
15
Best Lap Turvey
1’40’’725 (2° miglior crono)
Tot. giri McLaren
84 (km 466) - Tot. Test km 871
Best Lap Paffett
1’39’’760 (4° miglior crono)
© photo4/f1grandprix.it
GIORNO 1: Il programma Giovani Piloti apre l’ultima
settimana di test collettivi della Formula Uno 2010
F
O
R
M
U
L
A
1
T
E
S
T
A
B
U
D
H
A
B
I
GIORNO 2: Il collaudatore della McLaren torna in pista
con la MP4-25 per le ultime tre giornate dei test 2010.
Oliver Turvey è sceso in pista oggi ad Abu Dhabi in occasione della giornata di test dedicata ai giovani piloti.
Oliver ha fatto registrare il secondo miglior tempo di
giornata, alle spalle della RedBull di Ricciardo. Il secondo di ritardo rispetto alla RedBull è probabilmente frutto di programmi di lavoro diversi. Nella giornata di domani, Turvey passerà il volante al collaudatore McLaren
Gary Paffett, che darà il via alla prima delle ultime tre
giornate di test della stagione 2010.
Gary prende il testimone da Oliver Turvey ed inizia la
prima delle tre sessioni previste da questa ultima settimana di test collettivi della Formula Uno per il 2010.
Paffett ha portato a termine il programma previsto dal
team, compiendo 84 giri del circuito di Yas Marina, il
migliore in 1’39’’760, quarto miglior tempo di giornata.
Domani squadra e collaudatore impiegati per la prima
uscita in pista con le nuove coperture italiane Pirelli.
1
6
1
7
1
9
© photo4/f1grandprix.it
P
PILOTA
TEAM
TIME
LAP
94
1
F. Alonso
Scuderia Ferrari
1’40,529
105
77
2
M. Schumacher
Mercedes GP
+ 0,156
74
S. Vettel
RedBull Renault
+ 0,296
66
P
PILOTA
TEAM
TIME
LAP
1
F. Massa
Scuderia Ferrari
1’40,170
2
S. Vettel
RedBull Renault
+ 0,330
3
G. Paffett
McLaren Mercedes
+ 0,704
94
3
4
K. Kobayashi
Sauber Ferrari
+ 0,780
83
4
R. Barrichello
Williams Cosworth
+ 0,765
100
5
R. Kubica
Renault
+ 1,085
91
McLaren Mercedes
+ 1,093
46
5
R. Kubica
Renault
+ 0,862
39
6
R. Barrichello
Williams Cosworth
+ 1,255
92
6
G. Paffett
7
P. di Resta
Force India Mercedes
+ 1,445
20
7
O. Turvey
McLaren Mercedes
+ 1,211
30
8
N. Rosberg
Mercedes GP
+ 1,608
81
8
P. di Resta
Force India Mercedes
+ 1,340
35
9
J. Alguersuari
Toro Rosso Ferrari
+ 1,849
71
9
K. Kobayashi
Sauber Ferrari
+ 1,581
43
10
S. Buemi
Toro Rosso Ferrari
+ 1,616
98
11
V. Liuzzi
Force India Mercedes
+ 1,887
47
© photo4/f1grandprix.it
10
A. Sutil
Force India Mercedes
+ 2,689
20
11
T. Glock
Virgin Cosworth
+ 3,954
78
12
H. Kovalainen
Lotus Cosworth
+ 4,516
88
12
S. Perez
Sauber Ferrari
+ 2,248
45
13
P. Maldonado
Hispania Cosworth
+ 5,558
83
13
J. Trulli
Lotus Cosworth
+ 3,992
83
14
P. Maldonado
Hispania Cosworth
+ 4,239
65
15
T. Glock
Virgin Cosworth
+ 4,254
82
© photo4/f1grandprix.it
Tot. giri McLaren 94 (Km 522) - Tot. Test km 1393
Best Lap Paffett 1’40’’874 (3° miglior crono)
GIORNO 3: Prima uscita delle vetture di F1 con le nuove
coperture italiane Pirelli. Gary Paffett al lavoro.
Gary prende posto a bordo della McLaren MP4-25 per il
primo giorno di test dedicati alle nuove coperture Pirelli. Gary ha raccolto un buon numero di dati utili alla
squadra per studiare il comportamento della vettura
con i nuovi pneumatici italiani. Il collaudatore della
McLaren si è detto soddisfatto del comportamento delle
gomme, affermando che non sono troppo diverse rispetto alle Bridgestone usate utilizzate fino ad ora. Ben 94 i
giri portati a termine da Paffett, il migliore in 1’40’’874,
terzo miglior crono della sessione odierna.
© photo4/f1grandprix.it
Tot. giri McLaren
76 (km 422) - Tot. Test km 1815
Best Lap Paffett
1’41’’622 (6° miglior crono)
Best Lap Turvey
1’41’’740 (7° miglior crono)
GIORNO 4: Gary Paffett e Oliver Turvey in pista ad Abu
Dhabi per l’ultima giornata dei test di Formula 1 2010.
In questa sessione conclusiva dei test collettivi ad Abu
Dhabi, Oliver e Gary si sono alternati al volante della
MP4-25 portando a termine un totale di 76 giri. Oliver
ha così potuto testare per la prima volta gli pneumatici
della Pirelli, mentre nel pomeriggio Gary ha portato a
termine i programmi settimanali previsti dalla squadra.
Le nuove monoposto di Formula Uno del 2011 scenderanno in pista per la prima volta nella sessione prevista
dall’1 al 3 febbraio 2011 al Ricardo Tormo di Valencia.
I Tuoi articoli sulla McLaren o la F1 nel MAG di TuttoMcLaren? [email protected]
2
0
N
O
V
E
M
B
R
E
2
0
1
0
GP ITALIA - circuito di Monza - 12 Settembre 2010
Si corre sul circuito di Monza per
la 60a volta iridata (su 61 GP d'Italia).
L'ultima Pole della squadra Ferrari al GP d'Italia e sul circuito di Monza risaliva al 2004,
grazie a Rubens Barrichello.
Michael Schumacher e Timo Glock si qualificano al 12° e 24° posto in prova per la prima volta in carriera. Il 13° posto in prova di
Kamui Kobayashi è il 47° per il motore Ferrari, sorpasso sul motore BRM, 3° assoluto.
Il 19° posto in prova di Vitantonio Liuzzi è il
10° per il motore Mercedes. Jarno Trulli disputa il suo 231° GP, sorpasso su Giancarlo
Fisichella, 5° assoluto e 2° italiano per GP disputati, record assoluto per GP disputati senza
fare hat trick.
Sul circuito di Monza e nel GP d'Italia vincono la squadra Ferrari per la 18a volta e il motore Ferrari per la 19a volta. Per entrambi è il nuovo record assoluto di vittorie sullo stesso
circuito e nello stesso GP e inoltre per entrambi nuovo record assoluto di vittorie nel GP di
casa. La squadra Ferrari ottiene Pole e giro veloce in gara, grazie a Fernando Alonso, per
la 110a volta.
Il 3° posto in gara di Felipe Massa è il 200° per la squadra Ferrari. Il 6° posto in gara di
Mark Webber è il 70° per il motore Renault. Il 10° posto in gara di Barrichello è il suo
20° in carriera e inoltre è il 269° piazzamento in gara fuori dai primi sei, sorpasso sulla squadra Ferrari, 4a assoluta. Il 12° posto in gara di Liuzzi è il 12° per il motore Mercedes, sorpasso sul motore BMW, 1° tedesco. Il 13° posto in gara di Vitaly Petrov è il 10° per la
squadra Renault, sorpasso sulle squadre Honda e Ligier, 1° francese. Glock e Heikki Kovalainen si classificano al 17° e 18° posto in gara per la prima volta in carriera. Il 18° posto
in gara di Kovalainen è il 15° per il Cosworth, sorpasso sul Ford, record assoluto.
© Getty Images
P
PILOTA
TEAM
TIME
P
PILOTA
TEAM
TIME
1
F. Alonso
Ferrari
1h16’24
1
F. Alonso
Ferrari
1’21’’962
2
J. Button
McLaren
+ 2,938
2
J. Button
McLaren
+ 0,122
3
F. Massa
Ferrari
+ 4,223
3
F. Massa
Ferrari
+ 0,331
4
S. Vettel
RedBull
+ 28,193
4
M. Webber
RedBull
+ 0,471
L. Hamilton
McLaren
+ 0,661
S. Vettel
RedBull
+ 0,713
5
N. Rosberg
Mercedes GP
+ 29,942
5
6
M. Webber
RedBull
+ 31,276
6
N. Rosberg
Mercedes GP
+ 1,065
N. Hulkenberg
Williams
+ 1,075
7
N. Hulkenberg
Williams
+ 32,812
7
8
R. Kubica
Renault
+ 34,028
8
9
M. Schumacher
Mercedes GP
+ 44,948
9
R. Kubica
Renault
+ 1,077
10
R. Barrichello
Williams
+1’04,21
10
R. Barrichello
Williams
+ 1,366
© www.WRI2.net
© www.fotof1.it
PIRELLI HA CONCLUSO I TEST
La Pirelli ha completato due giorni di test al
Paul Ricard, nel sud della Francia, sul bagnato. Alla guida c'era Pedro de la Rosa. Il pilota
spagnolo ha lavorato con coperture da pioggia,
portando a termine oltre 800 km al volante
della Toyota TF109 del 2009. Il tracciato è
stato bagnato artificialmente grazie all’impiego
di un avanzato sistema di irrigazione. I pneumatici sono stati testati a Valencia all'inizio del
mese scorso e la Pirelli ha riferito che grazie al
fitto calendario di prove, molti progressi sono
stati realizzati e di questo ne ha beneficiato
soprattutto la progettazione degli pneumatici
da pioggia. I test su asfalto bagnato sono dunque terminati e il gommista italiano ha fatto
sapere che i prossimi test in queste condizioni
verranno effettuati il prossimo anno. Il Direttore
della Pirelli Motorsport Paul Hembery ha detto:
"Siamo molto soddisfatti dell'esito di questa
sessione di test sul bagnato. Gli impianti al
Paul Ricard ci hanno permesso di svolgere
tutto il programma che abbiamo preparato e
questo ci ha permesso di massimizzare i nostri
sforzi". La Pirelli si sposta ora ad Abu Dhabi,
dove i team di F1 potranno provare per la prima volta le nuove coperture in una sessione di
due giorni in programma il 19 e 20 novembre.
Pirelli porterà due tipi di gomme slick ad Abu
Dhabi: il pneumatico medio come prime e quello morbido come option. Ognuna delle 12 vetture presenti avrà otto treni di gomme a disposizione nel corso delle due giornate, questo
significa che verranno testate circa 500 coperture. Hembery ha concluso: "Dopo aver testato in Europa, Abu Dhabi sarà il primo indicatore che ci dirà dove siamo al momento. Abbiamo sempre lavorato con pochi elementi riguardo alle monoposto di quest’anno, ma crediamo
di avere una solida base su cui iniziare a lavorare in maniera attiva con tutte le squadre. Non
dimentichiamo che questo progetto è partito
solo tre mesi fa e solo ora inizieremo la parte
più impegnativa del nostro programma che ha
come obbiettivo quello di fornire un
prodotto di qualità a tutti i team
© Getty Images
LEWIS: BUONE BASI PER IL 2011
TODT: FAVORIRE I SORPASSI
L’ultima gara ad Abu Dhabi non ha regalato
molte fasi emozionanti e le critiche piovono un
po’ da tutte le parti. Il primo è stato il team
Principal della McLaren, Martin Whitmarsh,
che ha suggerito agli organizzatori alcune
modifiche al tracciato proprio per favorire i
sorpassi, in questi giorni sulla questione si è
espresso anche il Presidente della FIA Jean
Todt, che nel corso di un’intervista ha affermato la necessità di favorire i sorpassi: “Abbiamo
bisogno di circuiti che possano invitare i piloti
a compiere sorpassi. Ad Abu Dhabi questo
non è stato possibile, per questo, d’ora in poi,
prima di omologare un circuito, valuteremo il
suo potenziale di spettacolo, oltre agli alti livelli
di sicurezza che qualunque circuito dovrebbe
sempre garantire”. La Federazione si dichiara
disponibile a prendere provvedimenti immediati per risolvere la questione, per questo creerà
una tabella di competitività dei circuiti e cercherà di intervenire già a partire dal 2011. Il 23
novembre la Commissione si riunirà per parlare anche di questo aspetto. A titolo di esempio
Todt ha spiegato: “Prendete Hamilton ad Abu
Dhabi, aveva gomme fresche, avrebbe potuto
girare due secondi più veloce di Kubica, ma
non è riuscito a passarlo. Indubbiamente
bisogna fare qualcosa per
favorire lo spettacolo in pista”.
Con il GP di Abu
Dhabi si è conclusa la stagione
2010 di Formula 1
e il MAG di Tutto
McLaren torna
all’uscita mensile.
Il prossimo numero (n.85) sarà disponibile per il
download al termine della seconda settimana di
dicembre.
Un sentito ringraziamento a tutti i
collaboratori e ai
lettori del MAG.
© Unknown
Lewis Hamilton si è congratulato con Sebastian Vettel e la RedBull per la conquista dei
due Titoli Mondiali, contemporaneamente si è
detto però convinto che la McLaren sarà più
forte nel 2011. Nel congratularsi con Sebastian ha detto: “Non è stata la stagione più
spettacolare per noi, ma grandi congratulazioni alla RedBull e a Seb. Ha fatto un lavoro
fantastico in questa stagione”. Ad Abu Dhabi
la McLaren è stata decisamente competitiva,
portando Lewis e Jenson entrambi sul podio in
seconda e terza posizione. Hamilton ha aggiunto: “Per noi è stato un grande risultato di
fine stagione. Quest’anno io e Jenson abbiamo spinto a fondo. L’anno prossimo andrà
meglio”. Hamilton ha lottato per la vittoria della
gara con Vettel nel primo stint ma ha perso
terreno quando è rientrato in pista alle spalle
di Robert Kubica: “Sono sicuro che il team ha
fatto tutto pensando di prendere le giuste decisioni. Dovevamo provare a superare Seb, ma
sfortunatamente ci siamo trovati dietro una
Renault” ha detto Hamilton.
© www.crash.net
AUSTIN RIMBORSA LA F1
Il Consiglio della città americana di Austin ha
accettato di rimborsare i proprietari del nuovo
circuito che ospiterà nel 2012 il Gran Premio di
F1 che di fatto riporta il Circus negli Stati Uniti.
Il rimborso riguarda l'installazione della rete
fognaria e l'ampliamento di quella attuale.
L'operazione avrà un costo di 13,5 milioni di
dollari, ed interesserà tutte le zone abitate
ubicate nelle vicinanze del nuovo autodromo.
La testata The Austin Statesman racconta che
l'impianto, finanziato dal Tavo Hellmund's Full
Throttle Productions, coprirà una superficie di
circa 900 acri (pari a 3,6 km quadrati) di terreno vicino alla cittadina di Elroy, nel sud-est del
paese di Travis, e spiega che la Formula 1 ha
siglato un accordo decennale per correre ogni
anno sul nuovo tracciato di Austin a partire dal
2012. La città rimborserà quindi i promotori del
circuito per le installazioni e i lavori non solo
alla rete fognaria, ma anche all'ampliamento
delle linee elettriche e telefoniche, così come il
futuro insediamento di abitazioni che porteranno nuovi residenti, e quindi una maggiore
entrata di tasse. Nel frattempo sono state
anche smorzate alcune voci che recentemente
davano i lavori del circuito in ritardo
sulla tabella di marcia.