Assemblea dei delegati della Federazione Italiana Mah

Commenti

Transcript

Assemblea dei delegati della Federazione Italiana Mah
Assemblea dei delegati della Federazione Italiana Mah‐Jong 12 marzo 2016 L'anno 2016, il giorno 12 del mese di marzo, alle ore 10,30 presso il circolo ARCI Le Caserme Rosse in Via di Corticella n. 147 a Bologna (BO) si è tenuta l'Assemblea Nazionale dei Delegati della Federazione Italiana Mah‐Jong in seduta ordinaria per deliberare sul seguente Ordine del giorno 1. Nomina del Presidente di Assemblea; 2. Relazione sulle attività svolte dal Consiglio Federale nel biennio 2014/2016; 3. Presentazione candidature per la carica di Presidente Federale e per il Consiglio Federale; 4. Elezione del Presidente Federale e del Consiglio Federale; 5. Elezione del Collegio dei Revisori dei Conti; 6. Elezione del Collegio dei Probiviri; 7. Varie ed eventuali. All'assemblea sono presenti i seguenti membri del Consiglio Federale in scadenza: Alberto Rosi (M.I.F.A. San Gimignano), Marco Milandri (M.C.R. Martorano), Marco Montebelli (M.C.R. Martorano), Stefano Rijoff (AIMJ Milano). Sono altresì presenti i delegati dei seguenti club aderenti alla Federazione:  M.C.R. Martorano: Marco Voltolini;  Drago Rosso Milano: Francesco Facchino, Oscar Palmisano. In merito al primo punto posto all'ordine del giorno, per unanime designazione dei presenti, viene nominato Presidente dell'Assemblea Marco Milandri il quale chiama a fungere da segretario Alberto Rosi, il quale accetta. Il Presidente, verificato che l'Assemblea è stata convocata secondo le modalità previste dallo statuto, dichiara aperta l'Assemblea Nazionale dei Delegati della FIMJ in seduta ordinaria, alla presenza di n. 7 delegati. In merito al secondo punto posto all'ordine del giorno prende la parola il Presidente Federale uscente Marco Montebelli il quale dà lettura della relazione redatta dal Consiglio Federale uscente in merito alle attività svolte dallo stesso nel biennio 2014/2016: " Nel biennio appena concluso, in cui è stato in carica l’attuale Consiglio, l’attenzione è stata dedicata principalmente ad incrementare la diffusione del gioco. Per questo, accanto alla partecipazione alle principali manifestazioni di giochi a livello nazionale (Modena e Carrara), da giugno 2015 si è data continuità ad incontri a cadenza quasi mensile destinati all’insegnamento del gioco per i neofiti ed all’approfondimento per chi desidera migliorare. Nella stessa ottica, è stata modificata la formula per 1 Via Crociarone n. 12, Fraz. Pisignano, Cervia (RA) – Cod. Fisc. 92027530390
l’assegnazione del titolo di campione italiano MCR, attribuendo una maggiore importanza ai tornei classificati MERS1, nei quali si è registrato un significativo aumento di giocatori italiani. I tornei italiani si sono mostrati sempre più graditi anche ai giocatori stranieri, al punto che, nel 2015, è stata l’Italia ad ospitare il torneo (l’OIC di Milano) con il numero più alto di partecipanti di tutta Europa e nei tre tornei MERS è stata superata la soglia delle cento presenze “estere” complessive. Purtroppo, si è invece andato sempre più riducendo il numero di partecipanti alle (poche) gare disputate con il Metodo Italiano, né è servito il tentativo di introdurre una competizione combinata tra i due metodi di gioco, abbandonata per mancanza di iscritti dopo la prima edizione del 2014. Sul versante istituzionale, è stato modificato lo Statuto, tentando di colmare alcune lacune che ne ostacolavano l’interpretazione e l’applicazione, e si è valutata l’opportunità di aderire ad altre federazioni di giochi nella prospettiva di entrare, in qualche modo, sotto “l’ala protettrice” del CONI. Quest’ultima ipotesi andrà sicuramente approfondita nei prossimi anni. Infine, la FIMJ ha aderito alla MIL (Mahjong International League) come membro fondatore ed è rappresentata nel consiglio direttivo dell’organizzazione. Questa nuova lega si propone di far accettare il mahjong tra i “mind sports” (come, ad esempio, bridge e scacchi), minimizzando l’incidenza della fortuna con la disputa delle partite secondo un format, definito “duplicate”, in cui quattro tavoli giocano la stessa partita ed ogni giocatore viene comparato a quelli che giocano con le stesse tessere agli altri tavoli. Colgo qui l’occasione per ringraziare gli amici del Consiglio che, secondo le proprie possibilità, hanno fornito in questo periodo la loro disponibilità a supportare le iniziative della Federazione, e tutti coloro che, con suggerimenti e critiche, hanno contribuito a mantenere vivo l’interesse per questo affascinante gioco." Al termine dell'intervento si apre il dibattito tra i presenti, al termine del quale l'assemblea, ad unanimità e con voto palese delibera di approvare la relazione del Presidente Federale uscente Marco Montebelli. In merito al terzo e quarto punto posti all'ordine del giorno prende la parola il Presidente Milandri il quale chiede ai presenti se vi siano dei candidati alla carica di Presidente Federale. Prende la parola Marco Montebelli il quale avanza la sua candidatura a Presidente Federale e rende noto ai presenti i candidati alla carica di consigliere federale nei nomi di Alberto Rosi, Marco Bazzocchi, Marco Milandri, Rosita Bonaldo, Stefano Rijoff e Stefano Scaramuzza. Montebelli prosegue chiedendo ai presenti cosa prevede lo statuto in merito al numero dei membri del Consiglio Federale. Prende la parola il segretario Rosi il quale informa che lo statuto prevede un numero minimo di 5 membri per il consiglio federale e che tale numero può essere variato solo da parte dell' Assemblea Nazionale dei Delegati. Si apre la discussione al termine della quale l'assemblea, ad unanimità e con voto palese delibera di eleggere quale Presidente Federale della FIMJ il socio Marco Montebelli e di eleggere quali membri del Consiglio Federale della FIMJ i soci Alberto Rosi, Marco Bazzocchi, Marco Milandri, Rosita Bonaldo, Stefano Rijoff e Stefano Scaramuzza. 2 Via Crociarone n. 12, Fraz. Pisignano, Cervia (RA) – Cod. Fisc. 92027530390
In merito al quinto punto posto all'ordine del giorno, prende la parola il Presidente Milandri il quale rende noto ai presenti che risulta necessario procedere all'elezione del Collegio dei Revisori dei Conti composto da tre membri. Si apre la discussione al termine della quale l'assemblea, ad unanimità e con voto palese delibera di eleggere quali membri del Collegio dei Revisori i soci Francesco Martini, Marco Voltolini ed Oscar Palmisano. In merito al sesto punto posto all'ordine del giorno, prende la parola il Presidente Milandri il quale rende noto ai presenti che risulta necessario procedere all'elezione del Collegio dei Probiviri. Si apre la discussione al termine della quale l'assemblea, ad unanimità e con voto palese delibera di eleggere quali membri del Collegio dei Probiviri i soci Francesco Facchino, Marco Foschi e Pierluigi Fontanesi. In merito al settimo punto posto all'ordine del giorno prende la parola Francesco Facchino il quale esterna ai presenti la propria amarezza per l'eseguo numero di partecipanti al XXX Campionato Italiano che si svolgerà al termine della riunione. Facchino prosegue chiedendo come mai il Consiglio Federale non ha effettuato la consultazione online, avanzata come proposta nell'Assemblea Nazionale dei Delegati del 7 novembre 2016, in merito al nuovo metodo di assegnazione del titolo di Campione Italiano MCR varato dal Consiglio Federale a partire dall'anno 2015. Prende la parola Marco Montebelli il quale rende noto ai presenti che tale consultazione non è stata fatta in quanto il consiglio non l'ha ritenuta necessaria vista la presentazione nel mese di gennaio 2016 della petizione firmata da 38 soci della FIMJ nella quale veniva chiesto di ritornare al vecchio metodo di assegnazione del titolo di Campione Italiano MCR con gara secca. Prende la parola Facchino il quale avanza una ulteriore proposta, ovvero quella di effettuare il Campionato Italiano MCR non come gara aperta anche agli stranieri ma con giocatori solo italiani, dando anche la possibilità al vincitore di poter organizzare il campionato dell'anno successivo nel proprio club di appartenenza. Riprende la parola Montebelli chiarendo che il motivo principale di tale nuova formula era quello di cercare di aumentare il numero di partecipanti italiani ai tre tornei MERS organizzati in Italia, soprattutto per il torneo che ogni anno si tiene a Gemona e che nelle ultime edizioni ha sempre visto un esiguo numero di giocatori italiani, a volte inferiore alla metà degli iscritti. Montebelli prosegue rendendo noto che tale obbiettivo è stato raggiunto già a partire dal primo anno di utilizzazione del nuovo metodo e che quindi il Consiglio Federale ha ritenuto di poter continuare con tale nuovo metodo di attribuzione del titolo. Montebelli chiude il proprio intervento avanzando una proposta alternativa, ovvero attribuendo il titolo di Campione Italiano MCR al miglior giocatore di due gare obbligatorie, alternando Milano e San Gimignano e lasciando fissa la gara di Gemona. Prende la parola Rijoff il quale evidenzia come il torneo di Gemona sia una location scomoda per molti e che forse sarebbe meglio spostarlo a Mestre, essendo questa più facilmente raggiungibile. Prende la parola Milandri il quale si dichiara concorde con la nuova proposta avanzata da Montebelli 3 Via Crociarone n. 12, Fraz. Pisignano, Cervia (RA) – Cod. Fisc. 92027530390
però facendo ruotare i due tornei obbligatori tra tutte e tre le sedi, ovvero effettuando il primo anno le due gare obbligatorie a Gemona e Milano, il secondo anno a Gemona e San Gimignano ed il terno anno a Milano e San Gimignano, valutando a quel punto quanti partecipanti ci saranno il terzo anno a Gemona. Prende la parola Rijoff il quale fa presente che i 38 giocatori che hanno firmato la petizione ricordata da Montebelli sono un alto numero di soci che non hanno gradito la nuova formula e che il Consiglio Federale non può non tenerne conto. Rijoff prosegue affermando che quanto proposto nella precedente assemblea in merito alla consultazione online o all'ascolto di tutti i club affiliati alla FIMJ non è stata fatta e che tali opzioni non possono essere sostituite dalla petizione in quanto questa è stata raccolta spontaneamente. Rijoff conclude il proprio intervento soffermandosi sulla crisi che sta attraversando il metodo italiano e che la FIMJ deve cercare di creare delle occasioni per poterlo risollevare, come ha provato a fare in passato con l'organizzazione della combinata MCR‐ITA. Essendo finiti i punti all'ordine del giorno e nessun altro prendendo la parola, alle ore 11,50 il Presidente Milandri dichiara terminata l'Assemblea Nazionale dei Delegati della FIMJ in seduta ordinaria. Il Segretario Il Presidente Alberto Rosi Marco Milandri 4 Via Crociarone n. 12, Fraz. Pisignano, Cervia (RA) – Cod. Fisc. 92027530390