Guida all`impiego - Schneider Electric

Commenti

Transcript

Guida all`impiego - Schneider Electric
Sommario
Guida all’impiego
b
b
b
b
b
b
b
b
b
b
b
b
b
b
b
b
b
b
b
b
b
b
Ausiliari per interruttori automatici e differenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 354
Telecomando Tm per interruttori C60 e C120 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 359
Ausiliari di riarmo ATm per telecomadi Tm . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 362
Interuttori protezione motori P25M . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 368
Relè di controllo RC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 369
Teleruttori TL, ausiliari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 372
Contattori CT, ausiliari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 378
Temporizzatori luce-scale MIN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 382
Interruttori orari con disco programmazione IH . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 384
Interruttori orari programmabili IHP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 387
Interruttore orario multifunzione ITM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 391
Interruttori crepuscolari IC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 396
Interruttore orario astronomico IC Astro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 398
Termostati programmabili THP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 399
Relè temporizzatori RT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 401
Attuatore telefonico TRC3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 404
Contattori economizzatori CDS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 405
Interruttori non automatici I. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 408
Interrutori non automatici a sgancio libero I-NA . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 409
Amperometri, Voltimetri, Trasformatori di corrente . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 410
Contatori d’energia ME . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 411
Interruttori C60PV-DC, C60NA-DC, SW60DC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pagina 413
353
Sommario_cap_12.indd 353
25/06/10 12:12
Guida all'impiego
Ausiliari elettrici OF, SD, MX+OF
per interruttori automatici,
differenziali e telecomandati
Esempio di installazione
Protezione dell’impianto elettrico di una stazione
sciistica dotata di dispositivo per l’arresto
di emergenza.
Principio di funzionamento
L’interruttore automatico C60 assicura la protezione
contro le sovracorrenti, i sovraccarichi
ed i cortocircuiti.
La protezione contro le correnti di dispersione,
causate da guasti d’isolamento tra i conduttori
attivi e le masse o la terra, è effettuata dal blocco
differenziale Vigi C60.
Il pulsante d’emergenza S1, equipaggiato con un
contatto NA, comanda la bobina d’apertura MX+OF:
una pressione sul pulsante S1 provoca lo sgancio
e l’apertura a distanza dell’interruttore differenziale
C60+Vigi; il riarmo si effettua direttamente sulla leva di
comando del C60.
La bobina d’apertura MX+OF è corredata
di un contatto in scambio che realizza la segnalazione
a distanza delle posizioni di “aperto” o “chiuso”
dell’interruttore C60+Vigi:
■ la spia verde H1 segnala la posizione di “chiuso”;
■ la spia rossa H2 segnala la posizione di “aperto”.
FF
-O
O
FF
-O
O
FF
-O
O
FF
-O
O
FF
-O
O
FF
-O
O
L’interruttore C60+Vigi è completato dai contatti
ausiliari di segnalazione a distanza OF
e di segnalazione di intervento su guasto SD:
■ il contatto SD, con indicatore meccanico rosso
sul fronte, segnala a distanza, attraverso
la spia gialla H3, la posizione di “sganciato” del
C60+Vigi;
■ il contatto OF segnala a distanza (ad es.
ad un PLC) le posizioni di “aperto” o “chiuso”
dell’interruttore C60+Vigi.
Prodotti utilizzati
Descrizione
Codice
Q.tà
C60N 2P
C60N 4P
Vigi C60 4P
OF
SD
MX+OF
V spia verde
V spia rossa
V spia gialla
1
1
1
1
1
1
1
1
1
26924
26927
26946
18321
18320
18324
Pagina
catalogo
15
15
105
31
31
31
221
221
221
L3
12
2
4
7
3
5
1
- MX+OF
- OF
14
- Q1
L2
N
L1
1
3
Circuito elettrico
C1
C2
12
- Q2
91
92
94
14
11
U
- SD
- S1
8
6
4
2
X1
X1
-H1
-H2
X2
-H3
X2
PLC
X2
X1
- F1
354
PAG354_363.indd 354
24/06/10 17:35
Guida all'impiego
Ausiliari elettrici MN, OF.S
per interruttori automatici,
differenziali e telecomandati
Esempio di installazione
Arresto di emergenza di un impianto elettrico.
Principio di funzionamento
L’interruttore differenziale ID seziona un circuito
sia manualmente, sia automaticamente in caso
si verifichino correnti di dispersione tra un conduttore
attivo e le masse o la terra.
Il pulsante per l’arresto d’emergenza S1, corredato
di contatto NC, aziona la bobina d’apertura di minima
tensione MN:
■ una pressione su S1 provoca l’apertura a distanza
dell’ID;
■ il riarmo si effettua direttamente sulla leva
di comando dell’ID.
Il contatto ausiliario OF.S, necessario per realizzare
l’associazione di altri ausiliari elettrici sul lato dell’ID,
è costituito da un contatto in scambio che segnala a
distanza la posizione di “aperto” o di “chiuso” dell’ID:
■ la spia di segnalazione verde H1 segnala
la posizione di “chiuso”;
■ la spia di segnalazione rossa H2 segnala
la posizione di “aperto”.
C40
O-
Nota
Lo sganciatore MN è accettato dalla norma CEI
64-8 come dispositivo per l’arresto d’emergenza a
sicurezza positiva.
Informazioni complementari
Un’interruzione della tensione di alimentazione
provoca lo sgancio dell’ID. Per evitare sganci
intempestivi dovuti a microinterruzioni o ad
abbassamenti temporanei del valore di tensione,
una bobina di apertura ritardata MNs realizza una
temporizzazione di 0.5 secondi allo sgancio dell’ID.
Prodotti utilizzati
Descrizione
Codice
Q.tà
C40N
ID 2P
OF.S
MN
V spia rossa
V spia verde
1
1
1
1
1
1
26923
26960
18320
18321
Pagina
catalogo
11
72
95
96
221
221
14
D1
2
N
- OFS
1
L
1
- MN
- Q1
N
N
N
Circuito elettrico
- Q2
2
N
11
D2
12
U
X1
X1
- S1
X2
X2
-H2
-H1
355
PAG354_363.indd 355
24/06/10 17:35
Ausiliari elettrici MX+OF
per interruttori automatici,
differenziali e telecomandati
Esempio di installazione
Comando per l’arresto d’emergenza di un impianto
di lavaggio automatico.
L
N
N
N
1
C40N
Q1
Principio di funzionamento
L’interruttore automatico C60 assicura la protezione
dell’impianto contro le sovracorrenti, i sovraccarichi
ed i cortocircuiti.
Il pulsante d’emergenza S1, corredato di contatto NA,
comanda la bobina d’apertura MX+OF:
■ una pressione sul pulsante S1 provoca lo sgancio
e l’apertura a distanza dell’interruttore C60;
■ il riarmo si effettua azionando direttamente la leva
di comando dell’interruttore C60.
96069.SA
Guida all'impiego
1
MX+OF
C60N
Q2
C16
multi 9
C60H
multi 9
MX OF
230V~
C25
400V❁
10000
110.130V
220.415V❁
26946
1 3
15kA IEC 947.2
24852
2
O - OF F
0 - OFF
4
O - OF F
C40N
N
2
Una spia di segnalazione H1, posta in parallelo
al pulsante S1, segnala la presenza di tensione
sul circuito di emergenza garantendo così la sicurezza
dell’impianto:
■ a spia accesa il circuito di emergenza è in grado
di far sganciare l’interruttore;
■ a luce spenta (mancanza di tensione) il pulsante
di emergenza non riesce a sganciare l’interruttore
che deve quindi essere aperto manualmente.
N
C1 C2
2
S1
H1
250V~
Note
Questo circuito è ammesso dalla norma CEI 64-8
come arresto d’emergenza a sicurezza positiva.
V
X2
X1
X1
Prodotti utilizzati
Descrizione
Codice
Q.tà
C60N 2P
MX+OF
C40N
spia V rossa
1
1
1
1
26946
18320
Pagina
catalogo
15
32
11
221
X3
X4
X2
O
STO
RT
029
1286
L
N
Circuito elettrico
U
X1
4
2
- Q2
C1
C2
12
14
2
- Q1
N
3
1
1
N
- MX+OF
- H1
X2
- S1
356
PAG354_363.indd 356
28/06/10 14:19
Guida all'impiego
Ausiliari elettrici MNx
per interruttori automatici,
differenziali e telecomandati
Esempio di installazione
Arresto di emergenza a sicurezza positiva
(con pulsante NC) insensibile alle interruzioni
dell’alimentazione.
Principio di funzionamento
Lo sganciatore d’emergenza MNx alimentato alla
tensione di rete di 230 V è associato ad un interruttore
automatico.
Il pulsante d’emergenza S1, con contatto in apertura,
interrompe il circuito tra i morsetti E1 ed E2 dello
sganciatore d’emergenza MNx provocando l’apertura
dell’interruttore automatico e l’immediato arresto delle
macchine.
Informazioni complementari
Lo sganciatore d’emergenza MNx fa sganciare
l’interruttore solo in caso di azione sul pulsante
d’emergenza o di interruzione del circuito di sicurezza;
in caso di interruzione dell’alimentazione, l’interruttore
rimane “armato”.
Prodotti utilizzati
Descrizione
Codice
Q.tà
C120N 2P
MNx
1
1
26969
Pagina
catalogo
27
32
Circuito elettrico
357
PAG354_363.indd 357
24/06/10 17:36
Guida all'impiego
Ausiliari elettrici MSU
per interruttori automatici,
differenziali e telecomandati
Esempio di installazione
Interruzione automatica dell’alimentazione di un
circuito elettrico in caso di innalzamento di tensione.
Principio di funzionamento
Lo sganciatore di massima tensione MSU, associato
all’interruttore, controlla la tensione tra i conduttori di
fase ed il neutro.
In caso si verifichi una sovratensione di durata
superiore a qualche secondo, l’ausiliario MSU
fa sganciare l’interruttore al quale è associato
interrompendo così l’alimentazione del circuito.
Prodotti utilizzati
Descrizione
Codice
Q.tà
C120N 4P
MSU
1
3
26979
3
Pagina
catalogo
27
32
Circuito elettrico
358
PAG354_363.indd 358
24/06/10 17:36
Guida all'impiego
Telecomando Tm
per interruttori automatici C60
e C120
Esempio di installazione
Comando di arresto d’emergenza di un impianto
protetto da un interruttore automatico con comando
a distanza.
Principio di funzionamento
■ Un interruttore orario a programmazione intuitiva
IHP 1C comanda in modo automatico un insieme
Tm+C60+Vigi C60 telecomandato a distanza e
permette, in base agli orari reimpostati dall’utilizzatore,
l’alimentazione di un impianto di lavaggio automatico.
O - OFF
O - OFF
l’insieme interruttore telecomandato Tm+C60+Vigi
C60 è corredato di sganciatore di minima tensione
MN; lo sganciatore di emergenza MN comandato
dal pulsante di arresto d’emergenza S1 posto vicino
all’impianto di autolavaggio provoca lo sgancio e
l’apertura dell’insieme Tm+C60+Vigi C60 in caso
di pericolo.
■
Prodotti utilizzati
Descrizione
Codice
C60N 2P
C60N 4P
Tm 3-4P
Vigi C60 4P
IHP 1c
MN
Q.tà
1
1
18311
1
1
CTT15720 1
26960
1
Vigi
Pagina
catalogo
15
15
35
105
170
32
a
O - OFF
O - OFF
O - OFF
O - OFF
ON
STOP
1286 RT
78
L2
L3
L
4
N
1
3
2
L1
Circuito elettrico
- IHP
4
- Q1
1
3
5
7
2
4
6
8
- Tm
- Q2
A2
U
D2
- MN
A1
D1
6
2
N
- S1
- F1
359
PAG354_363.indd 359
24/06/10 17:36
Guida all'impiego
Telecomando Tm
per interruttori automatici C60
e C120
Esempio di installazione
Impedire il riarmo a distanza di un interruttore
automatico telecomandato attraverso un sistema
di gestione tecnica centralizzata (GTC).
Principio di funzionamento
Il sistema di gestione tecnica centralizzata GTC
comanda, con ordine mantenuto, l’interruttore
telecomandato Tm+C60.
Il contatto ausiliario OF invia al sistema GTC
informazioni sullo stato di funzionamento (aperto
o chiuso) dell’insieme Tm+C60.
In caso di apertura su guasto dell’interruttore
telecomandato, l’ausiliario SD si apre, sezionando
la linea di alimentazione del modulo telecomando Tm
ed impedendone la richiusura a distanza.
La richiusura, che deve essere effettuata
da personale qualificato dopo la soppressione
del guasto, si effettua localmente azionando
manualmente l’ausiliario SD o leva di comando
del C60.
O - OFF
O - OFF
Informazioni complementari
Regolare la GTC conformemente ai tempi di risposta
del Tm+C60:
■ tempo di chiusura Tm+C60: 2 secondi;
■ tempo d’apertura Tm+C60: 0.5 secondi.
O - OFF
O - OFF
O - OFF
O - OFF
Per maggiore sicurezza si consiglia di installare
l’interruttore telecomandato Tm+C60 in una cassetta
dotata di chiusura a chiave.
Prodotti utilizzati
Descrizione
Codice
Q.tà
C60N 2P
C60N 4P
Tm 3-4 P
SD
OF
1
1
1
1
1
18311
26927
26924
Pagina
catalogo
15
15
35
31
31
Circuito di comando
Circuito di potenza
360
PAG354_363.indd 360
24/06/10 17:36
Guida all'impiego
Esempio di installazione
Comando a distanza, attraverso un interruttore
telecomandato, di un’area di servizio autostradale.
Principio di funzionamento
L’interruttore crepuscolare IC2000, corredato
di fotocellula, comanda il funzionamento
dell’illuminazione esterna attraverso un interruttore
telecomandato Tm+C60.
In caso di apertura su guasto elettrico
(es. fulmini, sovratensioni di manovra, ecc.)
del Tm+C60, una pressione di almeno 2 secondi
sul pulsante S1 assicura la richiusura a distanza
dell’interruttore telecomandato.
La manutenzione dell’impianto si può effettuare
con la massima sicurezza:
■ spostando verso l’alto il cursore blu posto sul fronte
del Tm (posizione di deconnessione), si rendono
inattivi tutti gli ordini provenienti dall’interruttore
crepuscolare IC2000 o dal pulsante S1;
O - OFF
O - OFF
Vigi
IC2000 L
3
5
deconnessione
a
connesso
A1
O - OFF
deconnesso
O - OFF
O - OFF
O - OFF
multi 9
Tm
C60 1-2 P
A1
auto
SD
230V ~
OF
auto
A2
18310
auto
N
auto
4
6
A2
■ le operazioni di manutenzione si possono effettuare
in completa sicurezza estraendo il dispositivo
di blocco di colore nero (impedisce le manovre locali
sulla leva di comando); per ulteriore sicurezza
è possibile bloccare il dispositivo di blocco in
posizione “estratta” utilizzando un lucchetto Ø 8 mm
o un filo piombabile.
blocco con lucchetto
Automate
A1
multi 9
Tm
C60 1-2 P
A1
auto
SD
230V ~
OF
auto
A2
18310
A2
A1
multi 9
Tm
C60 1-2 P
A1
auto
SD
Circuito di comando
230V ~
OF
auto
A2
18310
Circuito di potenza
A2
- Q1
3
1
+
- ICWs
11
9
-
12
L3
7
8
L1
6
L2
3
5
4
1
N
- S1
2
1
1
18311
1
1
CCT15368 1
Pagina
catalogo
15
15
35
105
186
A1
C60N 2P
C60N 4P
Tm 3-4 P
Vigi C60 4P
IC2000
+ fotocellula
Q.tà
4
2
Prodotti utilizzati
Descrizione
Codice
10
A2
- Q2
A2
- Tm
- Q1
1
- F1
2
361
PAG354_363.indd 361
24/06/10 17:36
Ausiliario ATm
per telecomandi Tm
Esempio di installazione
Riarmo automatico in caso di intervento su guasto
dell’interruttore telecomandato magnetotermico
differenziale C60/C120 + Tm + Vigi.
L
Principio di funzionamento
In caso di apertura su guasto dell’insieme
interruttore+blocco Vigi+telecomando, il contatto
di segnalazione guasto SD avvisa l’ausiliario ATm
dell’avvenuto intervento; quest’ultimo, nel rispetto
delle temporizzazioni impostate, effettua la richiusura
automatica:
■ se si tratta di guasto temporaneo l’insieme rimane
chiuso;
■ se si tratta di guasto permanente, l’interruttore
riapre immediatamente, l’ausiliario ATm si mette
in posizione di blocco impedendo qualunque altro
tentativo di richiusura e segnalando a distanza,
attraverso un contatto dedicato, che l’interruttore è
aperto a causa di un guasto permanente.
Le seguenti regolazioni sono disponibili sul fronte
dell’ATm (protette da uno sportellino trasparente e
piombabile):
■ selettore del numero di richiusure autorizzate (0, 1,
2, 5 o 10), d’arresto e di reset dell’ausiliario (off/reset);
■ potenziometro (T2) di regolazione del tempo
massimo entro cui l’ausiliario può effettuare
le richiusure impostate (12÷120 minuti);
■ potenziometro (T1) di regolazione
della temporizzazione tra l’apertura e la successiva
richiusura (30÷300 secondi);
■ LED di segnalazione (giallo) dello stato
dell’ausiliario:
■ spento: dispositivo non alimentato o commutatore
su posizione off/reset,
■ pulsante: funzionamento normale,
■ lampeggiante: ciclo di richiusura in corso,
■ fisso: dispositivo in blocco.
96207SA
Guida all'impiego
N
1
3
C60N
Q1
multi 9
C60N
C25
400Va
6000
1 3
10kA IEC 947.2
24204
2 4
O - OFF
2
O - OFF
4
ATm
A1 Y2 Y1
2
1
0
Q.tà
C60N 2P
Vigi C60 2P
Tm 1-2P
ATm
SD
2
1
1
1
1
18310
18316
26927
Pagina
catalogo
15
105
35
39
31
Tm
1
A1
5
3
10
SD
off/
reset
9
multi
ATm
Tm
400Va
6000
auto
MN
230V ~
reset
26927
T2
auto
OF
A2
N/1 3
23694
18311
O - OFF
T02
T
1 3
N/2
10kA IEC 947.2
SD
120
min
I N 0,030A a
C25
C60 3-4 P
A1
MX
12
min
multi 9
vigi C60
multi 9
C60N
multi 9
84
48
C60N + VigiC60
Q2
F1
A1
26509
2 4
4
test
O - OFF
210
120
30s
300s
T1
18316
A2
28 18 A2
18
A2
92
91 A2
2
110
4
110
5123 CE 66
124
Informazioni complementari
L’impiego di un contatto SD è obbligatorio.
Il comando manuale effettuato sulla leva del
telecomando Tm è prioritario sull’ausiliario ATm.
Prodotti utilizzati
Descrizione
Codice
SD
A1 Y1
Circuito elettrico
362
PAG354_363.indd 362
24/06/10 17:36
Guida all'impiego
Esempio di installazione
Riarmo automatico in caso di intervento su guasto
dell’interruttore telecomandato magnetotermicodifferenziale C60/C120 + Tm + Vigi in un impianto
posto sotto sorveglianza.
O -
Principio di funzionamento
In caso di apertura su guasto dell’insieme
interruttore+blocco Vigi+telecomando, il contatto
di segnalazione guasto SD avvisa l’ausiliario ATm
dell’avvenuto intervento; quest’ultimo, nel rispetto
delle temporizzazioni impostate, effettua la richiusura
automatica:
■ se si tratta di guasto temporaneo l’insieme rimane
chiuso;
■ se si tratta di guasto permanente, l’interruttore
riapre immediatamente, l’ausiliario ATm si mette
in posizione di blocco impedendo qualunque altro
tentativo di richiusura e segnalando a distanza,
attraverso un contatto dedicato, che l’interruttore è
aperto a causa di un guasto permanente.
Le seguenti regolazioni sono disponibili sul fronte
dell’ATm (protette da uno sportellino trasparente e
piombabile):
■ selettore del numero di richiusure autorizzate (0, 1,
2, 5 o 10), d’arresto e di reset dell’ausiliario (off/reset);
■ potenziometro (T2) di regolazione del tempo
massimo entro cui l’ausiliario può effettuare
le richiusure impostate (12÷120 minuti);
■ potenziometro (T1) di regolazione della
temporizzazione tra l’apertura e la successiva
richiusura (30÷300 secondi);
■ LED di segnalazione (giallo) dello stato
dell’ausiliario:
■ spento: dispositivo non alimentato o commutatore
su posizione off/reset,
■ pulsante: funzionamento normale,
■ lampeggiante: ciclo di richiusura in corso,
■ fisso: dispositivo in blocco.
■ Un limitatore di sovratensione realizza la protezione
dell’installazione contro le sovratensioni di origine
atmosferica; un interruttore di sezionamento deve
essere collegato immediatamente a monte del
limitatore per assicurarne la sconnessione in caso
di fine vita. Il potere di interruzione dell’interruttore
deve essere identico alla corrente di cortocircuito (Icc)
presunta dell’installazione.
■ Un commutatore a chiave (S1) può essere utilizzato
per escludere a distanza l’ausiliario ATm.
■ La spia di segnalazione V segnala a distanza
la posizione di escluso dell’ATm.
■ Il contatore di impulsi CI conta il numero di “aperture
su guasto” realizzate dall’interruttore differenziale
telecomandato.
■ Il morsetto 28 dell’ausiliario ATm consente
di riportare a distanza, verso la centrale di controllo
ad es., l’informazione che il telecomando Tm
è in posizione di blocco.
Informazioni complementari
L’impiego di un contatto SD è obbligatorio. Il comando
manuale effettuato sulla leva del telecomando Tm è
prioritario sull’ausiliario ATm.
OF
O - OF
C60N
Q3
250V~
O -
OF
O -
OF
O -
OF
O -
OF
V
X2
X1
X3
X4
PRD
Interfaccia
telefonico
Posto di controllo centrale
Circuito elettrico
Prodotti utilizzati
Descrizione
Codice
C60N 2P
Vigi C60 2P
Tm 1-2P
ATm
SD
CI
spia V rossa
limitatore
PRD 1P+N
commutatore
2P a chiave
18310
18316
26927
15443
18320
Q.tà
3
1
1
1
1
1
1
1
Pagina
catalogo
15
105
35
39
31
240
221
120
1
363
PAG354_363.indd 363
24/06/10 17:36
Guida all'impiego
Ausiliario ATm3
per telecomandi Tm
Esempio di installazione
Come realizzare la richiusura automatica in caso
di apertura su guasto temporaneo di più interruttori
telecomandati per l’alimentazione di un ripetitore GSM.
Circuito elettrico
Principio di funzionamento
■ L’ausiliario di riarmo per telecomandi ATm3 realizza
la richiusura automatica in caso di apertura su guasto
del dispositivo di protezione.
■ Funziona in caso di guasto elettrico (contatto di
segnalazione guasto SD).
■ L’ausiliario è equipaggiato di:
■ un display LCD
■ ingressi contatto di segnalazione guasto SD
■ ingressi blocco Vigirex (RH99) di segnalazione
guasto (opzionale)
■ tasti di navigazione: + - ESC OK
■ tasti funzione specifici: ON/OFF
per:
- attivazione e inibizione ATm3
- diagnosi stato: misura e tipo di guasto
- accesso al contatore di guasti e ai menu
di configurazione, temporizzazione e inizializzazione.
■ Un selettore S1 può essere utilizzato per inibizione
a distanza dell’ATm3.
■ La spia di segnalazione H è utilizzata per segnalare
a distanza lo stato di blocco del telecomando Tm al
centro operativo.
■ Un selettore S2 permette un tentativo di richiusura
singola a distanza.
Informazioni complementari
■ Il contatto di segnalazione guasto SD è obbligatorio.
■ Il comando manuale del telecomando Tm forza
l'ATm3.
■ Utilizzare la stessa alimentazione (L/N) per tutti gli
ingressi (I) e l'ATm3.
■ In opzione: memoria EEPROM (cod. 18314) per
salvare la configurazione e copiarla su un altro ATm3.
Prodotti utilizzati
Descrizione
C60N 2P
Vigi C60 2P
Tm 1-2P
ATm3
contatto ausiliario SD
spia di segnalazione
rossa V
selettore 1P
Codice
18310
18306
26927
18320
Q.tà Pagina
catalogo
6
15
2
105
2
35
1
39
2
31
221
1
2
364
PAG364_377.indd 364
28/06/10 14:46
Guida all'impiego
ATm3
365
PAG364_377.indd 365
24/06/10 17:56
Guida all'impiego
Ausiliario ATm3
per telecomandi Tm
Esempio di installazione
Come realizzare la richiusura automatica in caso
di apertura su guasto temporaneo dell'interruttore
telecomandato per l'alimentazione di un ripetitore GSM.
Circuito elettrico
Principio di funzionamento
■ L'ausiliario di riarmo per telecomandi ATm3 realizza
la richiusura automatica in caso di apertura su guasto
del dispositivo di protezione.
■ Funziona in caso di guasto elettrico (contatto di
segnalazione guasto SD).
■ L'ausiliario è equipaggiato di:
■ un display LCD
■ ingressi contatto di segnalazione guasto SD
■ ingressi blocco Vigirex (RH99) di segnalazione
guasto (opzionale)
■ tasti di navigazione: + - ESC OK
■ tasti funzione specifici: ON/OFF
per:
- attivazione e inibizione ATm3
- diagnosi stato: misura e tipo di guasto
- accesso al contatore di guasti e ai menu di
configurazione temporizzazione e inizializzazione.
■ Un selettore S1 può essere utilizzato per inibizione
a distanza dell'ATm3.
■ La spia di segnalazione H è utilizzata per segnalare
a distanza lo stato di blocco del telecomando Tm al
centro operativo.
■ Un selettore S2 permette un tentativo di richiusura
singola a distanza.
Informazioni complementari
■ Il contatto di segnalazione guasto SD è obbligatorio.
■ Il comando manuale del telecomando MT forza
l'ATm3.
■ Utilizzare la stessa alimentazione (L/N) per tutti gli
ingressi (I), l'ATm3 e lo sganciatore MX.
■ In opzione: memoria EEPROM (cod. 18314) per
salvare la configurazione e copiarla su un altro ATm3.
Prodotti utilizzati
Descrizione
C60N 2P
Compact NSX
telecomando MT
ATm3
contatto ausiliario SD
per Compact
sganciatore MX
per Compact
Toroide TA30
spia di segnalazione
rossa
Vigirex RH99M
selettore 1P
Codice
18306
Q.tà Pagina
catalogo
4
15
1
1
1
39
1
50437
18320
56193
1
1
1
1
2
221
366
PAG364_377.indd 366
24/06/10 17:56
Guida all'impiego
ATm3
367
PAG364_377.indd 367
24/06/10 17:56
Guida all'impiego
Interruttori protezione
motori P25M
Esempio di installazione
Comando e protezione di un motore.
Principio di funzionamento
Schema di automantenimento con 2 pulsanti (O),
(I) ed un contattore CT corredato di contatti ausiliari
ACTo+f.
Si ha l’arresto del motore in caso di:
■ apertura dell’interruttore di protezione P25M;
■ mancanza della tensione sul circuito di comando;
■ azione sul pulsante di apertura (O).
Prodotti utilizzati
Descrizione
C60N 2P 0.5 A
P25M
O+F per P25M
CT 3P
ACTo+f
Pulsante verde 1 NA
Pulsante rosso 1 NC
Codice
24068
21117
15914
O - OFF
O - OFF
Q.tà Pagina
catalogo
1
15
1
131
1
133
1
161
1
163
1
1
O - OFF
Circuito di comando
Circuito di potenza
368
PAG364_377.indd 368
24/06/10 17:56
Guida all'impiego
Relè di controllo RCI
L3
96037.SA
Esempio di installazione
Controllo di un impianto di produzione.
L2
L1
Principio di funzionamento
Il motore, in funzionamento continuo, è protetto da un
interruttore automatico telecomandato Tm+C60.
Il relé di controllo d’intensità di corrente RCI
associato ad un trasformatore di corrente TA controlla
l’assorbimento totale dell’installazione.
In caso di sovrassorbimento, il relè RCI interrompe
l’alimentazione al modulo di telecomando Tm:
■ l’interruttore C60 associato si apre.
N
1
3
C120N
multi 9
NC100H
C100A
1 3
415Va
10kA IEC 947.2
2 4
27265
O - OFF
O - OFF
2
4
P1/K
L’associazione dell’ausiliario di temporizzazione
ATEt all’insieme Tm+C60 ritarda, al ritorno
dell’assorbimento normale, la chiusura dell’interruttore
telecomandato (per un periodo regolabile da 1
secondo a 10 ore) e la conseguente rimessa in
funzione del motore.
TA
S2/l
Ith
60
Fs IN
ʺ5
E
0,72
50-6 /3kV
0H
z
Kn 99 2 4
= 1017
0/5A
CI
0,5
VA 1
1 3
3
1650
P2/L
S1/k
1
Informazioni complementari
L’ausiliario di comando ATEt realizza, secondo il
differente tipo di cablaggio, una temporizzazione:
■ tipo A: ritardo alla chiusura;
■ tipo B: chiusura per un tempo determinato;
■ tipo C: ritardo all’apertura;
■ tipo H: funzionamento temporizzato.
5 7 RCI
3
ATEt
A1
Tm
1
3
C60N
Q2
5
A1
4
multi 9
1
multi 9
ACTt
multi 9
C60N
multi 9
Tm
C25
C60 3-4 P
A1
400Va
6000
auto
t (s)
SD
230V ~
auto
off
A2
24604
18311
100
1
seuil (%)
threshold
2 4 6
O - OFF
1-10s
25
on
1-10h
6-60s
1 3 5
10kA IEC 947.2
OF
6-60mm
1-10mm
>
Ir
<
memo
R
7
8
9
10
3
2
RCI
230V
50-60Hz
a
5 6
4
5
6
3
2
1
35
O - OFF
O - OFF
7
8
9
10
15
45
50
5
hyst. (%)
15917
21181
A2
2
4
8
A2
2
4
6
Le clip gialle dell’ausiliario ATEt assicurano
il collegamento elettrico e meccanico con l’insieme
Tm+C60.
0 - OFF
Q.tà
C60N 3P
Tm 3-4P
ATEt
RCI
TA x/5
C120N 2P
1
1
1
1
1
1
18311
15419
21181
Pagina
catalogo
15
35
153
138
242
27
0 - OFF
0 - OFF
0 - OFF
0 - OFF
0 - OFF
0 - OFF
0
295
Prodotti utilizzati
Descrizione
Codice
0 - OFF
Circuito di comando
Circuito di potenza
TA
ATEt
369
PAG364_377.indd 369
24/06/10 17:56
Guida all'impiego
Relè di controllo
RCU
L3
96079SA
Esempio di installazione
Controllo della tensione di rete con segnalazione
del superamento di una soglia critica.
L2
L1
N
Prodotti utilizzati
Descrizione
Codice
3
1
3
5
7
C60N
Q2
multi 9
C60N
multi 9
C60N
C40
C25
400Va
6000
1 3
400Va
6000
2 4
24232
O - OFF
2
1 3 5 7
10kA IEC 947.2
10kA IEC 947.2
24204
O - OFF
O - OFF
4
2
1 3
O - OFF
4
O - OFF
6
O - OFF
8
5 7
RCU
Q.tà Pagina
catalogo
1
15
1
15
1
138
221
1
1
224
2 4 6 8
4
multi 9
a
1
7
8
9
10
SO
250V~
t (s)
>
Ur
<
100
1
seuil (%)
threshold
memo
25
on
R
5 6
3
2
RCU
230V
50-60Hz
H
35
15
off
45
50
5
hyst. (%)
21182
V
X2
X1
X3
2
4 6
X1
X4
X2
323
C60N 2P
C60N 4P
RCU
21182
spia di segnalazione
rossa V
18320
segnalatore acustico SO 15320
1
C60N
Q1
18320
Principio di funzionamento
■ Il relè di controllo tensione RCU controlla il valore di
tensione dell'impianto di alimentazione della stazione
di lavoro.
■ In presenza di variazioni di tensione (rete
instabile) o in caso di superamento della soglia di
tensione preimpostata sul relè RCU stesso, la spia
H si accende e un segnalatore acustico avvisa
dell'anomalia.
Nel caso in cui sia stata scelta l'opzione di
memorizzazione del guasto da parte del relè RCU, la
spia resta accesa e il segnalatore acustico continua a
suonare fino all'intervento manuale di reset da parte
dell'operatore.
Circuito elettrico
SO
370
PAG364_377.indd 370
24/06/10 17:56
Guida all'impiego
Relè di controllo
RCP
Esempio di installazione
Protezione di un motore contro gli effetti dovuti ad
una sequenza non corretta delle fasi o ad un tasso di
squilibrio inaccettabile tra le tre fasi.
Principio di funzionamento
■ Con il selettore S1 posizionato nel laboratorio di
produzione si comanda il contattore CT.
■ Il relè di controllo fasi RCP controlla la presenza
di fase, l'ordine di successione delle fasi e l'eventuale
squilibrio delle tre fasi dell'impianto di alimentazione
della linea di lavorazione bottiglie.
In caso di anomalia il relè RCP interrompe
l'alimentazione al contattore CT bloccando
il funzionamento della linea.
Prodotti utilizzati
Descrizione
C60N 4P
RCP
CT 3P
Selettore 1P
Codice
21180
O - OFF
O - OFF
O - OFF
O - OFF
Q.tà Pagina
catalogo
1
15
1
138
1
161
1
a
Circuito elettrico
371
PAG364_377.indd 371
24/06/10 17:56
Guida all'impiego
Teleruttori TL
Esempio di installazione
Accensione e spegnimento di un sistema di
illuminazione da diversi punti di comando.
Principio di funzionamento
■ Il teleruttore TL può essere utilizzato per il comando
di circuiti di potenza fino a 32 A.
■ Comandato attraverso uno o più pulsanti S1, S2 e
S3 il teleruttore TL di base può essere trasformato in
dispositivo di controllo multipolare con l'aggiunta di
estensioni ETL .
■ Agendo sul selettore blu posto sul fronte del TL e
dell'ETL si disattiva il meccanismo elettrico.
■ Il teleruttore TL può essere comandato
manualmente con la leva grigia posta sul fronte
dell'apparecchio, che comanda anche le estensioni.
O - OFF
O - OFF
O - OFF
O - OFF
Informazioni complementari
■ In caso di guasto elettrico sul circuito di comando
l'illuminazione può sempre essere comandata
manualmente con la leva grigia.
■ Le clip gialle dell'ETL assicurano il collegamento
elettrico e meccanico al TL.
Prodotti utilizzati
Descrizione
Codice
C60N 2P
TL 1P
ETL 1P
15515
15505
Q.tà Pagina
catalogo
2
15
1
151
1
151
Circuito di comando
Circuito di potenza
372
PAG364_377.indd 372
24/06/10 17:56
Teleruttori TL,
ausiliari ATLz
Esempio di installazione
Come utilizzare i pulsanti luminosi senza avere
problemi di funzionamento.
L
Principio di funzionamento
■ Il teleruttore TL controllato da due pulsanti luminosi
comanda l'illuminazione di un parcheggio sotterraneo.
■ L'ausiliario ATLz, alimentato attraverso le clip
gialle, assicura il funzionamento senza problemi del
teleruttore fino a 3 mA di corrente consumati dai
pulsanti luminosi.
96019.SA
Guida all'impiego
N
1
3
C60N
Q1
multi 9
C60N
C63
400Va
6000
1 3
10kA IEC 947.2
24208
2 4
O - OFF
Informazioni complemetari
■ L'utilizzo degli ausiliari ATLz è da prevedere
quando la corrente assorbita dai pulsanti luminosi
è un multiplo di 3 mA (corrente che mantiene sotto
tensione le bobine). Es. per 7 mA utilizzare 2 ATLz.
2
O - OFF
4
S2
Prodotti utilizzati
Descrizione
Codice
C60N 2P
TL 2P
ATLz
15520
15413
Q.tà Pagina
catalogo
1
15
1
150
1
153
1 3
S1
A1
TL1
ATLz1
1
3
A1
multi 9
TL
multi 9
ATLz
16A 250Va
A1
1 3
230/240Va
110V
230/240V
A2
2 4
15520
18413
2
2
A2
4
4 A2
sortie
38
059
1378 RF
Circuito di comando
Circuito di potenza
373
PAG364_377.indd 373
24/06/10 17:56
Guida all'impiego
Teleruttori TL, TLc
ausiliari ATLc+s,
ATLc+c
Esempio di installazione
Realizzazione di un comando centralizzato multilivello
in un immobile adibito ad uso uffici.
Circuito di comando
Principio di funzionamento
Un immobile (nell’esempio a 3 piani), beneficia di 3
diversi tipi di comando d’illuminazione:
■ comando locale attraverso i teleruttori TL ed i
pulsanti locali S5, S6, S7, S8;
■ comando generale di accensione/spegnimento delle
luci per piano attraverso i pulsanti S3, S4, S9, S10 e
gli ausiliari dei teleruttori ATLc+s; delle spie associate
al contatto di segnalazione dell’ausiliario stesso
realizzano un riporto a distanza dello stato di acceso/
spento delle singole luci dei diversi piani;
■ comando di accensione/spegnimento delle luci di
tutto l’immobile centralizzato all’ingresso dell’edificio
attraverso i pulsanti S1, S2 e gli ausiliari dei teleruttori
ATLc+c.
Informazioni complementari
In un’installazione trifase, i comandi di accensione/
spegnimento generali e centralizzati devono essere
collegati alla stessa fase di alimentazione.
Le clip gialle dell’ausiliario ATLc+s assicurano il
collegamento elettrico e meccanico ai TL.
Prodotti utilizzati
Descrizione
TL 1P 16 A
c.do 230 V
ATLc+s
ATLc+c
spie V rosse
spie V verdi
Codice
15510
Q.tà Pagina
catalogo
4
150
15409
15410
18320
18321
4
2
4
4
153
155
221
221
Circuito di potenza
374
PAG364_377.indd 374
24/06/10 17:56
Guida all'impiego
375
PAG364_377.indd 375
24/06/10 17:56
Guida all'impiego
Teleruttori TL,
ausiliari ATLc+s
Esempio di installazione
Controllo dell'illuminazione di un immobile adibito
ad uso uffici con comando locale tramite pulsanti e
con comando centralizzato tramite interruttore orario
programmabile
Principio di funzionamento
Lo schema proposto consente il comando
dell'illuminazione di un edificio:
b con comando locale attraverso i pulsanti e le
funzioni teleruttore TL:
v cursore blu del comando a distanza in posizione
OFF sul teleruttore TL
v comando manuale locale con leva di comando
teleruttore TL
b con comando centralizzato trasmesso da un
interruttore orario programmabile IHP a 2 canali
all'ausiliario del teleruttore ATLc+s:
Le funzioni dell'interruttore orario programmabile IHP
consentono:
v la programmazione oraria
v la marcia/arresto forzati
b il coperchio di protezione dell'interruttore IHP
deve essere sigillato per evitare comandi forzati del
teleruttore TL.
Prodotti utilizzati
Descrizione
C60N 2P
TL
ATLc+s
IHP+2c
O - OFF
O - OFF
O - OFF
O - OFF
Codice
Q.tà Pagina
catalogo
2
15
15510
2
150
15409
2
153
CCT15723 1
172
Circuito di comando
Circuito di potenza
376
PAG364_377.indd 376
24/06/10 17:56
Teleruttori TL, TLc
ausiliari ATEt
Esempio di installazione
Comando automatico per lo spegnimento
temporizzato di un circuito luce-scale.
L
96016.SA
Guida all'impiego
N
Principio di funzionamento
Il teleruttore TL comandato da un pulsante S1
gestisce l’accensione e lo spegnimento del circuito di
illuminazione.
L’ausiliario di temporizzazione ATEt, alimentato
attraverso le clip gialle, limita la durata
di funzionamento del circuito di illuminazione:
■ realizza il ritorno automatico nella posizione
di riposo del teleruttore TL al termine
della temporizzazione impostata (regolabile
da 1 secondo a 10 ore).
1
3
C60N
Q1
multi 9
C60N
C63
400Va
6000
1 3
10kA IEC 947.2
24208
2 4
O - OFF
O - OFF
2 4
L’azione sul pulsante S1 è prioritaria rispetto al
comando temporizzato dell’ATEt:
■ un nuovo impulso causa l’apertura del teleruttore TL
ed interrompe il ciclo di temporizzazione.
Prodotti utilizzati
Descrizione
C60N 2P
TL 2P 16 A
c.do 230 V
ATEt
S1
11
1
3
ATEt+TL1
Codice
15520
A1
Q.tà Pagina
catalogo
1
15
1
150
1
multi 9
TL
multi 9
ATLt
16A 250Va
1-10mm
A1
6-60mm
1-10h
6-60s
1-10s
1
153
1 3
230/240Va
110V
A2
2 4
15520
4
5 6
3
2
15419
3
A1
1
7
8
9
10
15411
2
2 4
A2
4
A2
091
14
Circuito di comando
Circuito di potenza
ATEt
377
PAG364_377.indd 377
24/06/10 17:57
Guida all'impiego
Contattori CT, ausiliari ACTo+f
Esempio di installazione
Segnalazione a distanza dell’illuminazione
di un locale.
Principio di funzionamento
Il comando del contattore CT si effettua localmente
con l’interruttore S1.
Due lampade di segnalazione H1 e H2, installate in
un quadro di controllo, indicano, attraverso gli ausiliari
ACTo+f del contattore e OF dell’interruttore, la
posizione di aperto o chiuso del contattore CT.
O - OFF
Prodotti utilizzati
Descrizione
26924
15914
18321
18320
O - OFF
O - OFF
O - OFF
O - OFF
Q.tà Pagina
catalogo
1
15
1
15
1
31
1
161
1
163
1
221
1
221
296
C60N 2P
C60N 4P
OF per C60
CT 4P
ACTo+f
spia V verde
spia V rossa
Codice
O - OFF
Circuito di comando
Circuito di potenza
378
PAG378_399.indd 378
24/06/10 18:00
Guida all'impiego
Contattori CT, ausiliario
di comando ACTc
Esempio di installazione
Comando di un impianto di produzione acqua calda
per il locale docce di una palestra.
Principio di funzionamento
L’associazione di un interruttore orario programmabile
IHP e di un contattore CT equipaggiato con
l’ausiliario di comando ACTc realizza il comando degli
scaldabagno con diversi tipi di funzionamento:
■ normale: l’interruttore orario programmabile IHP
comanda il riscaldamento dell’acqua ad orari costanti;
■ marcia forzata: è possibile, agendo sul pulsante
di comando S1, provvedere al riscaldamento
dell’acqua anche in orari diversi da quelli stabiliti;
■ ritorno al funzionamento normale: l’ultimo ordine
ricevuto è prioritario, pertanto il funzionamento
normale riprenderà alla successiva commutazione
dell’IHP.
O - OFF
L’ausiliario di segnalazione ACTo+f del contattore,
associato ad una lampada di segnalazione H1, riporta
a distanza la segnalazione dello stato di aperto
o chiuso del contattore.
Informazioni complementari
L’utilizzo di un contattore CT a comando manuale
consente di realizzare la funzione “marcia forzata”
agendo direttamente sul contattore stesso.
Prodotti utilizzati
Descrizione
Codice
C60N 2P
CT 2P
c.do manuale
ACTc
ACTo+f
IHP 24h + 7gg 1C
spia V rossa
Q.tà Pagina
catalogo
1
15
1
162
18308
15914
CTT15720
18320
1
1
1
1
009
164
163
172
221
Circuito di comando
Circuito di potenza
379
PAG378_399.indd 379
24/06/10 18:00
Contattori CT, ausiliari
di comando ATEt
Esempio di installazione
Comando del sistema di aspirazione di un locale
anche dopo l’orario di chiusura.
L
Principio di funzionamento
L’ausiliario ATEt viene accoppiato sul lato sinistro del
contattore CT e cablato secondo lo schema tipo C.
Il ciclo operativo inizia con la chiusura del circuito
di comando del contattore e si conclude al termine
della temporizzazione impostata (regolabile da 1
secondo a 10 ore) che inizia con la messa fuori
tensione dell’ausiliario ATEt.
C60N
Q1
Le clip gialle dell’ATEt ne assicurano il collegamento
elettrico e meccanico al contattore CT.
N
3
1
3
1
C60N
Q2
multi 9
C60N
multi 9
C60N
C25
C40
400Va
6000
1 3
400Va
6000
2 4
24206
10kA IEC 947.2
24204
O - OFF
2
4
2
4
1
3
A1
A1
multi 9
ACTt
I
S1
P
1-10h
auto
1-10s
5
6
7
8
9
10
0
1 3
A1
Ie 40A
230/240Va
250Va
A2
2 4
15917
15390
A2
Q.tà Pagina
catalogo
2
15
1
162
1
multi 9
CT
6-60mm
1-10mm
6-60s
Y1
15419
CT
KM1
3
1
2
B1
4
B2 A2 2 4
164
263
C60N 2P
CT 2P
c.do manuale
ATEt
O - OFF
ATEt
3
2
1
Codice
2 4
O - OFF
4
Prodotti utilizzati
Descrizione
1 3
10kA IEC 947.2
O - OFF
95155
Informazioni complementari
L’ATEt realizza, in base al collegamento effettuato,
una temporizzazione:
■ tipo A: ritardo alla chiusura;
■ tipo B: chiusura per un tempo determinato;
■ tipo C: apertura ritardata;
■ tipo H: chiusura temporizzata.
96014.SA
Guida all'impiego
Circuito di comando
Circuito di potenza
380
PAG378_399.indd 380
24/06/10 18:00
Esempio di installazione
Comando della pompa di ricircolo acqua
di una piscina.
L
Principio di funzionamento
L’ausiliario di comando ATEt, accoppiato sul lato
sinistro del contattore CT e cablato secondo
lo schema tipo A, permette l’alimentazione del
contattore al termine di un tempo preimpostato
(regolabile da 1 secondo a 10 ore).
C60N
Q1
96013.SA
Guida all'impiego
N
1
3
1
3
C120N
Q2
multi 9
C60N
multi 9
NC100H
C25
400Va
6000
1 3
C100A
2 4
27265
O - OFF
1 3
415Va
10kA IEC 947.2
10kA IEC 947.2
24204
2 4
O - OFF
O - OFF
O - OFF
Informazioni complementari
L’ATEt realizza, in base al collegamento effettuato una
temporizzazione:
■ tipo A: ritardo alla chiusura;
■ tipo B: chiusura per un tempo determinato;
■ tipo C: ritardo all’apertura;
■ tipo H: funzionamento temporizzato.
2
4
2
4
S1
MERLIN GERIN
A1
3
1
Le clip gialle dell’ATEt ne assicurano il collegamento
elettrico e meccanico al contattore CT.
3
1
15419
multi 9
ACTt
Q.tà Pagina
catalogo
1
15
1
27
1
161
1
164
multi 9
CT
6-60mm
1-10mm
1-10h
6-60s
1-10s
4
5
6
3
2
1
7
8
9
10
Ie 100A
250Va
15917
15900
A2
4
2
B2
A2
2
4
267
C60N 2P
C120N 3P
CT 3P
ATEt
Codice
95155
A1
Prodotti utilizzati
Descrizione
CT
KM1
ATEt
Circuito di comando
Circuito di potenza
ATEt
381
PAG378_399.indd 381
24/06/10 18:00
Temporizzatore luce-scale MIN
Preavviso di spegnimento PRE
Esempio di installazione
Comando automatico di spegnimento di un circuito
luce-scale.
L
N
Principio di funzionamento
L’interruttore magnetotermico differenziale C40 Vigi
assicura la protezione magnetotermica e differenziale
del circuito d’illuminazione (di tipo incandescente o
alogena a 230V) delle scale di un palazzo.
In seguito ad un azione sul pulsante S1,
il temporizzatore luce-scale MIN accende
l’illuminazione temporizzandone il funzionamento per
una durata regolabile da 1 a 7 minuti.
Una nuova pressione sul pulsante S1 rilancia il ciclo
di temporizzazione.
Il preavviso di spegnimento PRE, utilizzato in
abbinamento al temporizzatore MIN, avverte
del prossimo spegnimento dell’illuminazione
riducendo del 50% l’intensità luminosa per una durata
regolabile da 20 a 60 secondi.
Codice
C40a Vigi
MIN
PRE
15363
15376
N
1
MIN
C40a Vigi
Q1
P
P
3
N
4
PRE
N
multi 9
MIN
min
multi 9
PRE
min
1,5
sec
220Va
16A
50
60
30
20
40
15363
15376
N
2
NL
4 3
3 L
S1
Q.tà Pagina
catalogo
1
90
1
178
1
178
223
Prodotti utilizzati
Descrizione
96059.SA
Guida all'impiego
Circuito elettrico
382
PAG378_399.indd 382
24/06/10 18:00
Guida all'impiego
Temporizzatore luce-scale MINp
con preavviso di spegnimento
integrato
Esempio di installazione
Comando automatico di spegnimento di un circuito
luce-scale.
L
N
1
Prodotti utilizzati
Descrizione
C60N 2P
MINp
3
C60N
Q1
Principio di funzionamento
Il temporizzatore luce-scale con preavviso di
spegnimento incorporato assicura la temporizzazione
dell’illuminazione delle scale di un edificio.
Il preavviso integrato permette di evitare l’improvviso
spegnimento dell’illuminazione (l'illuminazione
lampeggia per 30 secondi o 40 secondi prima dello
scadere della temporizzazione).
Una nuova pressione sui pulsanti di comando rilancia
il ciclo di temporizzazione.
multi 9
C60N
C25
400V❁
6000
1 3
10kA IEC 947.2
24204
2 4
O-
O-
2
4
Codice
Q.tà Pagina
catalogo
1
15
CCT15233 1
178
S1
S2
S3
MINp
4
N
P
3
N
L
1
3
2
4
Circuito elettrico
- Q1
- S1
- S2
- S3
- M
t
383
PAG378_399.indd 383
24/06/10 18:00
Guida all'impiego
Interruttori orari
con disco programmatore IH
Esempio di installazione
Irrigazione automatica del giardino.
Principio di funzionamento
c L’interruttore orario IH con disco programmatore
è adatto al controllo automatico dell’irrigazione dei
giardini secondo fasce orarie preregolate (ad es. dalle
10 pm a mezzanotte e dalle 6 am alle 7 am);
c Permette inoltre la commutazione forzata del
contatto di uscita: il funzionamento normale verrà
ripristinato alla commutazione successiva.
c Il contattore CT viene utilizzato per tensioni
superiori a:
c 10 A – 250 V AC cos ϕ = 1 (resistivo),
c 2 A – 250 V AC (induttivo).
Prodotti utilizzati
Descrizione
Codice
C60N 2P
CT 2P
IH
15365
O - OFF
O - OFF
O - OFF
O - OFF
Q.tà Pagina
catalogo
2
15
1
161
1
170
Circuito di comando
Circuito di potenza
384
PAG378_399.indd 384
24/06/10 18:00

Documenti analoghi

Protezione differenziale - ELESUD

Protezione differenziale - ELESUD v 230 V CA, -15…+10 % b Frequenza nominale: 50 Hz. b Corrente nominale (In) a 40 ˚C: 25 e 40 A. b Secondo norma CEI EN 61008: v potere di chiusura e di interruzione: - differenziale nominale (IΔm):...

Dettagli