manuale d`uso del software per il dispositivo digitale wizard

Transcript

manuale d`uso del software per il dispositivo digitale wizard
WIZARD
MANUALE D’USO DEL SOFTWARE PER IL
DISPOSITIVO DIGITALE WIZARD
RIVENDITORE
DA REVISIONE FIRMWARE 70 A SUCCESSIVE
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 1
DT-5011 -April
e 2006 -rev.01
Stampato in Ital
ia.-Tutti i diritti riservati.
WIZARD
1
2
3
4
5
6
7
8
9
Introduzione al manuale.......................................................................................................................................... 3
Installazione del software ....................................................................................................................................... 4
2.1
Requisiti tecnici minimi per la corretta installazione e uso del software .................................................. 4
2.2
Procedura di installazione del software ........................................................................................................ 5
2.3
Collegamento alla Wizard............................................................................................................................. 6
2.4
Procedura di registrazione del convertitore RS 232-485 ........................................................................... 8
2.5
Procedura di collegamento on line tra il pc e il dispositivo Wizard........................................................ 10
Descrizione del programma ................................................................................................................................. 12
3.1
Pannello di Controllo 1 .................................................................................................................................. 12
3.2
Pannello di Controllo 2 .................................................................................................................................. 13
3.3
Dati di Sistema ............................................................................................................................................... 14
3.4
Storia delle Avarie .......................................................................................................................................... 15
3.5
Menu:Configurazione ................................................................................................................................... 15
Modifica dei parametri ........................................................................................................................................... 16
4.1
Parametri Utente ............................................................................................................................................ 16
4.2
Manutenzione A ............................................................................................................................................. 21
4.3
Manutenzione B ............................................................................................................................................. 24
4.4
Fabbrica 1 A.................................................................................................................................................... 28
4.5
Pagina 0 (ZERO)del display........................................................................................................................ 34
4.5.1
Aree modificabili ..................................................................................................................................... 34
4.5.2
Aree non modificabili ............................................................................................................................. 34
4.6
Fabbrica 1 B.................................................................................................................................................... 35
4.7
Fabbrica 1C .................................................................................................................................................... 40
4.8
Fabbrica 2A..................................................................................................................................................... 42
4.9
Fabbrica 2 B.................................................................................................................................................... 46
Schede Manuale – Automatica ............................................................................................................................ 48
Messaggi di comunicazione su display.............................................................................................................. 54
6.1
Messaggi di attenzione ................................................................................................................................. 54
6.2
Messaggi di allarme....................................................................................................................................... 55
6.3
Messaggi di comunicazione ......................................................................................................................... 56
Gestione della memoria ........................................................................................................................................ 58
Gestione della blackbox....................................................................................................................................... 59
8.1
Statistiche eventi blackbox.......................................................................................................................... 60
Esempi di collegamento........................................................................................................................................ 61
9.1
Collegamento PC – Wizard via RS 485...................................................................................................... 61
9.2
Collegamento Wizard – scheda 20 allarmi via RS 485............................................................................ 62
9.3
Collegamento Wizard – scheda 20 allarmi – PC via RS 232 .................................................................. 64
9.4
Collegamento Wizard – scheda 20 allarmi – PC via RS 485-422 .......................................................... 65
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 2
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
1 Introduzione al manuale
Il Vostro gruppo elettrogeno,è equipaggiato con un avanzato dispositivo digitale di comando controllo e protezione
denominato Wizard.
L’
innovazione del dispositivo riguarda principalmente l’
integrazione delle protezioni motore ed alternatore in un unico
sistema,in grado di leggere e analizzare il valore delle varie misure e visualizzare ogni funzione con una chiara e
semplice modalità di comunicazione.
Sul display di grandi dimensioni vengono visualizzati i parametri elettrici,i parametri del motore,le istruzioni per l’
uso del
dispositivo le comunicazioni di allarme e warning. L’
uso del software permette di interagire con il gruppo elettrogeno
anche da distanze considerevoli,permettendo di gestire il sistema come se l’
operatore si trovasse di fronte al gruppo
elettrogeno,con l’
aggiunta di poter disporre di molte più informazioni di quante nel display si possono leggere.
PRUDENZA
Leggere attentamente il presente Tomo che è un allegato del manuale POW ERFULL,se permangono
dubbi,dopo la consultazione,del presente tomo,del manuale POW ERFULL e dei manuali del motore
dell'
alternatore,interpellate l’
ufficio tecnico BELTRAME.
ATTENZIONE: Le descrizioni ed i dati contenuti in questo manuale sono suscettibili in qualsiasi momento di modifiche e
non possono pertanto avere nessun valore contrattuale. Si ricorda altresìche il programma Wizard deve
essere utilizzato da personale qualificato e comunque nel rispetto delle vigenti normative impiantistiche e di installazione,
ciò allo scopo di evitare danni a persone e cose.
Questo manuale non può essere riprodotto anche solo parzialmente senza relativa autorizzazione da parte del
produttore.
Il produttore declina ogni responsabilità per danni a cose o persone causate da un errato uso del prodotto
Documento soggetto a modifiche senza preavviso.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 3
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
2 Installazione del software
2.1
Requisiti tecnici minimi per la corretta installazione e uso del software
ƒ
ƒ
ƒ
ƒ
Personal computer 100 Mhz o superiore
RAM 16 MB
4 MB di spazio libero sull'hard disk
Sistema operativo Windows ver. 95 - 98 and ME o superiore
Il pacchetto di gestione software comprende:
ƒ
il software Wizard fornito su CD
ƒ
Manuali d’uso del programma
ƒ
Licenza d'uso del software Wizard completo di condizioni di fornitura e garanzia
ƒ
Convertitore RS232 - RS485 (il software funziona solamente con il convertitore originale fornito di serie dalla
Beltrame) con cavi di collegamento per una distanza massima di 2 m.
Non sono forniti con il pacchetto software:
ƒ
Cavo di collegamento per connessione fra PC e dispositivo Wizard per distanze superiori a 2 m
(il cavo deve essere di categoria 5, dotato di schermatura, adatto quindi alla gestione comunicativa di tipo
telefonico e/o informatico)
ƒ
Postazione PC
ƒ
Alimentatore 12Vdc per convertitore RS232 - RS485
Nota: per una corretta trasmissione della qualità dei dati, il cavo di connessione tra il dispositivo
Wizard e il PC dovrà essere posizionato lontano da fonti che possono generare campi magnetici o
disturbi.
Nota: La lunghezza massima consentita del cavo di collegamento tra il dispositivo Wizard e il pc
non deve superare 1 km ed e' puramente indicativa e comunque subordinata alla completa assenza di
disturbi generici e fattori ambientali critici. Si ricorda inoltre che la distanza influisce sulla velocità di
comunicazione tra il dispositivo Wizard e il PC.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 4
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
2.2
Procedura di installazione del software
ƒ
ƒ
ƒ
ƒ
ƒ
Inserire il CD nel lettore
Avviare GESTIONE RISORSE o RISORSE DEL COMPUTER del vostro PC
Selezionare CD (E:)
Aprire la cartella PROGRAM e fare doppio clic nel file eseguibile setup.exe
Seguire le istruzioni del programma d’installazione.
Una volta installato correttamente il software e lanciato il programma si aprirà una la finestra principale come in figura 1.
FIGURA 1
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 5
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
2.3
Collegamento alla Wizard
Il collegamento avviene attraverso i morsetti denominati A e B, rispettivamente 1/M5 e 2/M5 della scheda
Wizard Manuale, FIGURA 1A
Prima di effettuare il collegamento con il PC, ci si deve assicurare che la scheda Wizard sia impostata per il
collegamento Evolution Bus. Per effettuare le impostazioni o verifiche procedere nel seguente modo.
FIGURA 1A
IMPOSTAZIONE
Attivare il dispositivo portando la chiave in ON/I, attendere che il dispositivo si posizioni in pagina 1, premere e
mantenere premuto contemporaneamente i tasti
e
(Mode e Scroll) fino alla comparsa sul display della pagina
dove impostare la password.
A questo punto il cursore si posizionerà sulla prima cifra a destra del valore della password da inserire come da FIGURA
2. La password utente da inserire è: 00000301
La modifica dei parametri deve essere eseguita solo da personale istruito, e con G.E. IN MODALITÀ
“BLOCCATO”
FIGURA 2
M O D I F I C A
I n s e r i r e
P e r
P A R A M E T R O / F U N Z I O N A M E N T O
n °
1
l a
p a s s w o r d
0 0 0 0 0 0 0 0
u s c i r e
p r e m e r e
E S C .
p e r
s a l v a r e
O K
Per inserire la password si devono utilizzare i tasti
(start) e
(stop). Il tasto Start serve a inserire e
incrementare i valori numerici o alfabetici della password, ad ogni pressione il valore incrementa in una scala numerica
da 0 a 9 e una alfabetica dalla A alla F. Con il tasto Stop invece ci si sposta con il cursore permettendo l’inserimento di
un nuovo valore.
Inserire la password procedendo nel seguente modo:
ƒ
Premere una volta Start, viene visualizzata la cifra 00000001
ƒ
Premere due volte Stop, il cursore si sposterà nella cifra 00000001
ƒ
Premere tre volte Start, viene visualizzata la cifra 00000301
Confermare la password premendo il tasto
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
(Scroll), verrà visualizzato il primo parametro del menù utente.
Pagina 6
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
Giuntia questo punto spostarsi tra i vari parametri premendo iltasto Startfino a raggiungere ilparametro 30.
Iparametri scorrono in senso crescente premendo Starte decrescente premendo Stop. Assicurarsi che l
a configurazione
sia impostata come Evol
ution Bus, al
trimenti premere il tasto Scrol
l
, nel displ
ay verrà visual
izzato il numero del
parametro su fondo negativo,come in FIGURA 3.
FIGURA 3
M O D
P r o
E
M
P e r
I
t
v
o
F
o
o
d
I
c
l
B
C
o
u
u
A
P A R A M E T R O / F U N Z I O N A M E N T O
l l o
d i c o m u n i c a z i o n e
t i o n
B u s
M o d b u s
9 6 0 0
s
1 9 2 0 0
u s c i r e
p r e m e r e
E S C .
p e r
n ° 3 0
s a l v a r e
O K
attraverso i tastiStarte Stop ci si sposta sui val
ori,scegl
iere Evol
ution Bus.
Perconfermare ilval
ore scel
to premere iltasto
(OK).
Giuntia questo punto ilval
ore delparametro 30 che prima era visual
izzato in negativo ritornerà alpositivo,premere
SCROLL perconfermare ed uscire.
Eseguita questa operazione,peraccertarsi di avere impostato in modo corretto l
a scheda EVOLUTION andare in pagina
0 (zero)con ilpul
sante OK,e verificare l
a correttezza del
l
’
impostazione nel
l
’
area deldispl
aydedicata al
l
a comunicazione,
come in FIGURA 5.
FIGURA 5
V
V
3
e
S
T
P
I
i
1
.
i
C
S
a
0
m
N
p
B
A
s . p
V a l l
4 3
F O
a i l
v
.
o
N °
.
o
N
i
a
n
T
s
.
t o ,
5 3
A N E L L E ,
I T A L I A
a @ v i s a . i t
P C :
P C :
1 - 5
1 - 5
Comunicazione impostata come Evolution Bus.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 7
DT-5011 -April
e 2006 -rev. 01
Stampato in Ital
ia. -Tutti i diritti riservati.
WIZARD
2.4
Procedura di registrazione del convertitore RS 232-485
Sulla barra di stato cliccare sul simbolo del Computer oppure selezionare la voce di menù:
ĺ Configurazione ĺ Imposta parametri di Configurazione
La pagina che si aprirà sarà la seguente, come da figura 2.
FIGURA 2
In questa finestra si devono configurare i vari parametri in modo da registrare la password del convertitore nel file del
programma.
Collegare il convertitore alla porta seriale del computer, assicurarsi che l’interruttore sia in posizione di ON e che il led sia
acceso, se non è dotato di batteria interna ricaricabile, collegare un alimentatore 12 Vdc nell’apposita spina. Il
convertitore è munito nel suo interno di una batteria ricaricabile al Ni-Cd da 8.4Vdc, che permette l’alimentazione del
convertitore anche in luoghi dove non c’è rete pubblica per almeno due ore.
Nell’immettere i dati seguire la numerazione indicata a fianco dei pulsanti.
ƒ
ƒ
ƒ
ƒ
ƒ
(1) Selezionare CONNESSIONE SERIALE.
(2) Selezionare la porta di comunicazione del computer che andrete ad usare. ATTENZIONE, la porta
selezionata non deve essere impegnata o condivisa con altri dispositivi.
(3) Selezionare il baud rate di comunicazione della porta. ATTENZIONE:maggiore è la distanza tra il computer
ed il gruppo elettrogeno, minore sarà la velocità di comunicazione da impostare.
(4) Settare il baud rate impostato.
(5) Leggere il numero di serie del convertitore. Una volta che il sistema ha letto il numero di serie, comparirà
una finestra dove vi sarà chiesto di inserire la password riportata nel documento PASSW ORD FORM allegato al
CD del programma, inserirla e confermare il dato.
Se una volta letto il numero di serie (Pulsante 4) non dovesse comparire la finestra d’inserzione password, allora
premere EXIT e cliccare sulla barra di stato il simbolo del logo Wizard. Uscirà una finestra come da figura 3, a questo
punto cliccare il pulsante con il simbolo della chiave e del cassetto aperto, inserire la password e confermare il dato.
A questo punto se tutte le operazioni sono state eseguite in modo corretto il programma è in grado di riconoscere il
convertitore ogni volta che verrà collegato al computer.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 8
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
FIGURA 3
N.B.: le operazioni sopradescritte vanno eseguite solo una volta, all’installazione del programma e alla registrazione del
convertitore, successivamente per il collegamento al gruppo elettrogeno è sufficiente eseguire le istruzioni sotto descritte.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 9
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
2.5
Procedura di collegamento on line tra il PC e il dispositivo Wizard
Ora dopo aver registrato il convertitore nel computer, ci si può collegare con uno o più gruppi elettrogeni sui quali è
montato il dispositivo Wizard. Per collegarsi procedere nel seguente modo:
Collegare il convertitore alla porta seriale del computer ed accertarsi che sia alimentato, collegare il connettore RS232 a
due poli nella presa M5 della scheda manuale Wizard (cod. SAP 117030006), infine alimentare attraverso l’interruttore
posto nel frontale del quadro del gruppo elettrogeno la scheda Wizard.
Avviare il programma nel computer fino alla comparsa della finestra come in figura 1.
Cliccare sulla barra di stato il pulsante con il simbolo del computer, sarà visualizzata una finestra come da figura 2.
Cliccare il pulsante (5) fino alla comparsa di uno o più numeri di matricola nella finestra sottostante.
Ora si seleziona il numero di serie della scheda installata nel gruppo elettrogeno, (il numero è indicato anche nella
PAGINA 0 (zero) riga 7 contraddistinto come PCB N°) con il quale ci si vuole collegare, a fianco del numero viene
raffigurato anche il simbolo del lucchetto chiuso, facendo un doppio clic sul numero stesso si aprirà una finestra dove si
andrà a digitare la password del gruppo elettrogeno, (necessaria per autorizzare il collegamento del gruppo, la si trova
indicata nel TEST REPORT allegata alla documentazione del gruppo) confermatala con il tasto invio, si vedrà il simbolo
del lucchetto che passa da chiuso ad aperto, a questo punto premere EXIT.
Per più gruppi elettrogeni collegati, l'
operazione di inserimento della password va ripetuta per ognuno di essi.
FIGURA 4
Dopo aver inserito la password del gruppo, ora si ha l’abilitazione a potersi collegare. A questo punto premere il pulsante
di verifica collegamento indicato nel punto 1 in figura 5, dopo pochi secondi nella finestra indicata nel punto 2 saranno
visualizzate le matricole dei gruppi in quel momento collegati, selezionarne una e premere il pulsante di collegamento del
generatore, punto 3.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 10
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
FIGURA 5
1
2
3
Oltre al collegamento ON LINE con la scheda EVOLUTION, è possibile usare il programma in OFF LINE ad esempio per
visualizzare un file in precedenza salvato, o generarne uno per poi essere caricato in un’altra scheda. Se usato in OFF
LINE e non si carica un file nell’archivio, i dati visualizzati sono quelli di default.
Prima di selezionare la funzione di avviamento o l’arresto da postazione remota assicurarsi che il G.E o
l’energia prodotta non possa causare avviamenti involontari o condizioni di pericolo, per cose o persone.
Effettuare tutti i controlli ed assicurarsi di aver rispettato tutte le indicazioni contenute nel capitolo
istruzioni per la messa in funzione come se fosse una macchina automatica.
SE VIENE INTERROTTO IL COLLEGAMENTO TRA PC E G.E., IL G.E. RIMANE NELLO STATO
SELEZIONATO AL MOMENTO DELL’INTERRUZIONE.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 11
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
3 Descrizione del programma
3.1
Pannello di Controllo 1
PANNELLO 1 è la pagina prima di lavoro, qui vengono visualizzate tutte le misure e le funzioni più importanti nel gruppo
elettrogeno.
1=
2=
3=
4=
5=
6=
7=
8=
9=
10 =
11 =
12 =
13 =
14 =
15 =
16 =
17 =
18 =
19 =
20 =
21 =
22 =
Nella finestra vengono rispettivamente indicati il valore massimo di tensione concatenata, il valore massimo di corrente di fase, ed
il valore della frequenza.
Nella finestra vengono indicati rispettivamente il valore di tensione batteria, il valore della temperatura del motore, e la pressione
dell’olio motore.
Nella finestra vengono visualizzati tutti i messaggi di stato, agli allarmi e i warning.
Il pulsante permette di selezionare la modalità di funzionamento.
Indica lo stato di comunicazione, tra gruppo elettrogeno e computer, se ON LINE oppure OFF LINE.
Indica in quale stato si trova il comando remoto 2, morsetto 10M2.
Indica in quale stato si trova il comando remoto 1, morsetto 7M2.
Indica qual é la modalità di funzionamento, e lo stato della pompa carburante.
Indica rispettivamente il numero di avviamenti o i tentati di avviamenti fino ad ora memorizzati, e la percentuale nel totale di quanti
di questi è andata a buon fine.
Indica il valore dell’ingresso libero del morsetto 1M2.
Indica il valore di temperatura dell’olio motore.
Indica la percentuale di carburante nel serbatoio.
Indica il valore di corrente di carica del carica batterie.
Indica il valore di tensione del segnale D+ dell’alternatore carica batteria.
Indica le ore e minuti di funzionamento fino ad ora totalizzate.
Indica il valore di giri del motore.
Pulsante di stop motore, è sempre attivo in qualsiasi modalità di funzionamento.
Pulsante di avviamento del motore, è attivo solo quando la modalità di funzionamento è MANUALE.
Pulsante di reset, permette di inizializzare attraverso un power on la scheda, ad esempio quando si è verificato un blocco che ha
fermato il gruppo, premendo RESET si cancella lo stato di blocco.
Pulsante che permette di comandare il contatto (9M6 12M6) del consenso di chiusura del contattore-commutatore motorizzato
della linea gruppo, il comando è attivo solo in modalità MANUALE e con gruppo in moto.
Finestra di visualizzazione di stato dei contatti di comando dei contattori-commutatore motorizzato rete o gruppo.
Pulsante che permette di comandare il contatto (6M6 10M6) del consenso di chiusura del contattore-commutatore motorizzato
della linea rete, il comando è attivo solo in modalità MANUALE.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 12
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
3.2
Pannello di Controllo 2
PANNELLO 2 è la seconda pagina di lavoro, qui vengono analizzate in dettaglio le misure elettriche del generatore e
della rete.
1=
2=
3=
4=
5=
6=
7=
8=
9=
10 =
11 =
12 =
13 =
Nella finestra vengono rispettivamente indicati il valori di tensione concatenata tra fase e neutro ed il valore medio, le correnti di
fase ed il valore medio, il fattore di potenza per fase e medio, la potenza apparente per fase e la somma, la potenza reattiva
apparente per fase e la somma, la potenza attiva per fase e la somma, l’energia prodotta per fase e la somma, la tensione
concatenata fase- fase e la frequenza.
Nella finestra vengono indicati i valori di tensione concatenati tra le fasi di rete, i valori sono presenti solo se è montata la scheda
automatica cod. SAP 117030007.
Indica il conto alla rovescia delle ore che mancano alla prossima manutenzione.
Indica la cadenza impostata delle ore di manutenzione del motore.
Pulsante che permette di impostare il valore in ore del conto alla rovescia per la manutenzione del motore, o di disabilitare il
valore impostato.
Indica lo stato in cui si trova la rete.
Finestra di lettura e impostazione dell’orologio-datario della scheda automatica cod. SAP 117030007.
Il pulsante permette di impostare la nuova data e ora nella scheda automatica cod. SAP 117030007, premendolo vengono caricati
i dati selezionati attraverso i punti 9 e 11.
Finestra di selezione del calendario.
Pulsante che permette di caricare la data e ora direttamente dal datario del computer che si sta usando nei punti 9 e 11.
Finestra di impostazione dell’ora, minuti e secondi.
Data e ora corrente in uso nella scheda automatica.
Indica lo stato in cui si trova il carico.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 13
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
3.3
Dati di Sistema
DATI DI SISTEMA è la terza pagina di lavoro, nella quale vengono visualizzati tutti i dati le caratteristiche del gruppo.
1=
2=
Nella finestra sono visualizzati tutti i dati salienti relativi alla scheda Wizard manuale, essi comprendono
rispettivamente:
- IL NUMERO DI SERIE, PCB identifica la matricola, la versione del programma e l’identificazione della versione hardware.
- VERSIONE DEL FIRMWARE, identifica quale versione di firmware e caricato nel microprocessore della scheda.
- INDIRIZZO, indica l’indirizzo del computer.
- BAUD RATE, indica la velocità impostata nella comunicazione dei dati.
- MATRICOLA SCHEDA AUTOMATICA, indica l’univoca matricola, la versione del programma e l’identificazione della versione
hardware della scheda automatica.
Nella finestra sono visualizzati tutti i dati salienti relativi al gruppo elettrogeno, essi comprendono rispettivamente:
- NUMERO DI SERIE, identifica l’univoca matricola del gruppo elettrogeno, impostabile nel menù FABBRICA 1A.
- TIPO DI GE, identifica il modello di gruppo elettrogeno, impostabile nel menù FABBRICA 1A.
- MODO DEL GE, identifica il modo di funzionamento del gruppo elettrogeno, impostato attraverso il parametro P106.
- TIPO DI CONNESSIONE, identifica il tipo di connessione elettrica dell’alternatore, fa capo al parametro P101.
- FREQUENZA NOMINALE, identifica il valore di frequenza del gruppo elettrogeno, impostato attraverso il parametro P061.
- TENSIONE NOMINALE BATTERIA, identifica il valore della tensione nominale batteria del gruppo elettrogeno, impostabile
attraverso il parametro P105.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 14
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
3.4
Storia delle Avarie
STORIA DELLE AVARIE è la quarta pagina di lavoro, nella quale vengono visulizzate tutte le 15 avarie memorizzate
nella scheda MANUALE, quando viene registrata una avaria oltre al tipo di avaria viene fatto un salvataggio dei dati
visualizzati in pagina 1 del display.
1=
2=
3=
4=
3.5
Indica il numero progressivo dell’allarme registrato.
Indica il tipo di allarme registrato.
Pulsante di aggiornamento dello storico allarmi memorizzati nella scheda manuale.
Rispettivamente i valori di tensione alternatore, corrente, frequenza, ore lavorate, tensione batteria, temperatura motore,
pressione dell’olio di lubrificazione e della tensione dell’alternatore carica batteria, valori salvati insieme all’evento di allarme.
Menu:Configurazione
MENU CONFIGURAZIONE è la quinta pagina di lavoro, nella quale attraverso i vari livelli di menù viene concesso di:
visulizzarne i parametri, modificarne il valore, salvare ed esportare tutti i parametri relativi alla configurazione degli
ingressi e delle uscite.
La modifica dei parametri deve avvenire sempre con motore fermo, il cambio dei parametri con motore
in moto può generare l’intervento di protezioni con conseguente arresto del motore, od errori nella
scrittura dei dati.
L’uso del programma deve essere utilizzato esclusivamente da personale istruito ed esperto consapevole
delle norme di sicurezza e dei rischi di un uso improprio
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 15
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
4 Modifica dei parametri
4.1
Parametri Utente
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 16
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
PARAMETRO
P 050
LINGUA IMPOSTATA
FUNZIONE
CAMPO DI SCELTA
Permette di impostare la lingua di comunicazione dei messaggi nel display
NOTE: inoltre negli ingressi configurabili, i testi caricati nel programma nel menù FABBRICA
1C.
Permette di regolare il valore di contrasto del display
NOTE: con l'aumentare della temperatura ambiente il display si scurisce, mentre
all'abbassarsi si schiarisce.
Nel caso in cui le scritte a video non fossero visibili ad esempio perché è stato sostituito il
display, e non si ha la possibilità di usare il computer, procedere come segue per aggiustare
il valore di contrasto;
Alimentare la scheda Evolution e premere il pulsante di emergenza, premere il pulsante di
OK (SCROLL) fino al tacitarsi della suoneria, a questo punto premere contemporaneamente
P 020
i tasti MODE e SCROLL per alcuni secondi fino allo spegnersi del led rosso di FAULT, se
CONTRASTO LCD
dopo 10 secondi non dovesse spegnersi ripetere l’intera operazione.
A questo punto con led di FAULT spento premere una volta il tasto + (START), due volte il
tasto – (STOP) e tre volte il tasto + (START), questa operazione equivale a immettere il
valore 301 che è la password cliente, infine premere due volte il tasto OK (SCROLL). Se
tutte le operazioni sono state eseguite nel modo corretto, premendo il tasto – (STOP) o il
tasto + (START) ci si sposta diminuendo o aumentando il valore, è consigliabile spostarsi
sempre in un senso, quando si cominciano a vedere i testi nel display allora usare l’altro
comando per aggiustare il valore di contrasto.
Permette di regolare dopo quanto tempo il gruppo elettrogeno inizia il ciclo di avviamento.
P 021
NOTE:l’avvio del tempo si ha per mancanza rete, o per chiusura del contatto remoto. La
funzione è abilitata in tutte le configurazioni del parametro P106, tranne quella del
RITARDO AVVIAMENT/O
MANUALE se non è abilitato il comando remoto.
Permette di regolare dopo quanto tempo il gruppo elettrogeno inserisce il carico
NOTE: in Automatico con parametro P106 configurato come AUTOMATICO, AUTOMATICO
CRS-CSC terminato il tempo viene chiuso il contatto tra i morsetti 9M6 e 12M6. Se P106
P 022
configurato come MANUALE e abilitato il comando remoto vengono alimentate le uscite
RITARDO INSERZIONE GRUPPO
4M1e 5M1, (in funzione della loro programmazione).
Perché il tempo possa aver inizio, terminato l’avviamento, i valori di tensione e frequenza
devono essere considerati corretti.
Permette di regolare il tempo di attesa prima di commutare il carico da gruppo in rete.
Note: in Automatico con parametro P106 configurato come AUTOMATICO, AUTOMATICO
CRS-CSC, il tempo ha inizio dopo che la rete è rientrata nei valori corretti, P044 Ritardo
P 023
rientro rete, terminato il tempo si ha l’apertura del contatto 9M6 e12M6, il trascorrere del
tempo P081 Ritardo contattori, e la chiusura del contatto 7M6 e 10M6. Se P106 configurato
RITARDO COMMUTAZIONE
come MANUALE e abilitato il comando remoto, è il tempo che trascorre dall’apertura del
contatto remoto alla disalimentazione delle uscite 4M1e 5M1,
(in funzione della loro programmazione).Ogni unità di tempo vale 10 secondi.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 17
VALORE TIPICO
MORSETTO
ITALIANO, INGLESE,
FRANCESE,
TEDESCO,
SPAGNOLO
10:250
45 Per non retro
illuminato
60 Per retro
illuminato
0:240 s
0s
0:240 s
20 s
0:240 s
6 (x10)
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
PARAMETRO
P 024
TEMPO DI RAFFREDDAMENTO
P 030
PROTOCOLLO DI
COMUNICAZIONE
P 031
INDIZZO SCHEDA IN MODBUS
P 025
GESTIONE
RETROILLUMUNAZIONE LCD
P 039
COMPENSAZIONE
SETTIMANALE OROLOGIO
P 40
SOGLIA MASSIMA TENSIONE
RETE
FUNZIONE
Permette di regolare il tempo di raffreddamento del motore.
Note: in Automatico con parametro P106 configurato come AUTOMATICO, AUTOMATICO
CRS-CSC, il ciclo ha inizio al termine del tempo P081 Ritardo contattori, fino allo stop
motore. Configurato come MANUALE e abilitato il comando remoto, è il tempo che trascorre
dalla disalimentazione delle uscite 4M1e 5M1, (in funzione della loro programmazione) allo
stop motore
Permette di stabilire qual è il sistema di comunicazione.
Note: ci sono a disposizione due possibili tipi di comunicazione via RS485.
EVOLUTION: il collegamento avviene attraverso il software proprietario GEVISA.
MODBUS: il collegamento avviene attraverso il protocollo ModBus.
ATTENZIONE: i parametri P030 e P031 sono presenti dalla versione firmware 74del
programma caricato nella scheda manuale.
Permette di stabilire qual è l’indirizzo di comunicazione.
Note: viene assegnato l’indirizzo di comunicazione della macchina nella comunicazione
ModBus.
Permette di regolare la retro illuminazione del Display (se installato).
Note:in ABILITATO con macchina in moto, dopo 4 minuti la retro illuminazione viene spenta,
premendo un qualsiasi tasto si riaccende e riparte il conteggio alla rovescia per lo
spegnimento,
se DISABILITATO, il display rimane sempre acceso con macchina in moto, altrimenti con
gruppo elettrogeno fermo si spegne dopo 4 minuti.
La gestione della retro illuminazione è possibile averla solo nella versione Automatico
emergenza rete con scheda cod. SAP 117030007.
Permette di regolare la compensazione settimanale dell’orologio.
Note:con questo parametro si interviene nella correzione degli errori nel conteggio del tempo
dati dal quarzo interno alla scheda, la compensazione dell’errore è in secondi, ed è riferita
nell’arco della settimana.
Permette di regolare la soglia massima ammessa del valore di tensione di rete.
Note: una volta uscita dal valore massimo, perché possa essere considerata rientrata nei
limiti, la tensione dovrà avere un valore di isteresi inferiore del 4% sul valore impostato.
Il controllo è eseguito in tutte le possibili configurazioni date dal parametro P101 Tipo di
alternatore.
Il controllo è attivo solo con parametro P106 non configurato come MANUALE e
MANUALE+EXP.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 18
CAMPO DI SCELTA
VALORE TIPICO
MORSETTO
0:240 S (10xs)
10
EVOLUTION
MODBUS 9600
MODBUS 19200
EVOLUTION
1M5
2M5
1-247
1
1M5
2M5
ABILITATO
DISABILITATO
DISABILITATO
-59+59 s
0
90:600V
Da: 208 a 240 = 270V
Da: 380 a 415 = 440V
Per: 440 = 480V
Per: 480 = 510V
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
PARAMETRO
P 41
SOGLIA MINIMA TENSIONE
RETE
P 042
MASSIMA ASSIMETRIA
TENSIONE RETE
P 043
RITARDO FUORI SOGLIA
TENSIONE RETE
P 044
RITARDO RIENTRO RETE
P 045
ABILITA CARICO IN TEST
P 046
ABILITA TEST AUTOMATICO
FUNZIONE
Permette di regolare la soglia minima ammessa del valore di tensione di rete.
Note: una volta uscita dal valore minimo, perché possa essere considerata rientrata nei
limiti, la tensione dovrà avere un valore di isteresi superiore del 4% sul valore impostato.
Il controllo è eseguito in tutte le possibili configurazioni date dal parametro P101 Tipo di
alternatore.
Il controllo non è attivo con parametro P106 configurato come MANUALE e MANUALE+EXP
Permette di regolare il valore di tensione massima sul controlla dell’asimmetria tra le tensioni
concatenate.
Nota: una volta uscita dal valore impostato per essere considerata rientrata nei limiti, la
tensione dovrà avere un valore di isteresi inferiore del 4% sul valore impostato, i tempi di
uscita e di rientro del valore vengono associati ai parametri P043 e P044. Il controllo è
eseguito in tutte le possibili configurazioni date dal parametro P101 tranne la configurazione
MONOFASE.
Il controllo non è attivo con parametro P106 configurato come MANUALE e
MANUALE+EXP.
Permette di regolare il tempo dopo il quale i valori di tensione di rete, per massimo-minimo o
assimetria sono da considerarsi fuori dal limite impostato.
Il controllo non è attivo con parametro P106 configurato come MANUALE e
MANUALE+EXP.
Permette di regolare dopo quanto tempo i valori di tensione per massimo-minimo o
assimetria sono da considerarsi fuori da limite impostato.
Il controllo non è attivo con parametro P106 configurato come MANUALE e
MANUALE+EXP.
Permette di abilitare il carico nella funzione Test.
Nota: se DISABILITATO non attivo, se ABILITATO, al premere del tasto Test si ha
l’immediato avviamento del motore, e dopo il tempo del parametro P022 Ritardo inserzione
gruppo, l’apertura del contatto 7M6 10M6 e la chiusura del contatto 9M6 12M6.
Il controllo non è attivo con parametro P106 configurato come MANUALE e
MANUALE+EXP.
Permette di abilitare il test dell’avviamento automatico del motore.
Nota:se DISABILITATO non attivo, se ABILITATO in giornaliero permette l’avviamento e lo
stop una volta al giorno, se settimanale una volta nell’arco della settimana, se mensile una
volta nell’arco del mese.
Il controllo non è attivo con parametro P106 configurato come MANUALE e
MANUALE+EXP.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 19
CAMPO DI SCELTA
VALORE TIPICO
90:600 V
Da: 208-240= 180V
Da: 380- 415= 350V
Per: 440=480V
Per: 480= 440V
0:120 V
40 V
0:240 s
10 s
0:240 s
10 s
ABILITATO
DISABILITATO
DISABILITATO
DISABILITATO
GIORNALIERO
SETTIMANALE
MENSILE
DISABILITATO
MORSETTO
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
PARAMETRO
FUNZIONE
CAMPO DI SCELTA
P 047
INIZIO
Permette di stabilire la data o l’ora di inizio il test dell’avviamento automatico del motore.
Nota: se il parametro P046 è configurato come GIORNALIERO si stabilisce quale è l’ora, i
minuti ed i secondi dell’avviamento, se configurato come SETTIMANALE, si stabilisce il
giorno, l’ora, i minuti ed i secondi del giorno dell’avviamento, se invece è configurato come
MENSILE, si stabilisce la data del giorno del mese, l’ora, i minuti ed i secondi.
Il controllo è attivo solo se il parametro P106 non configurato come MANUALE e
MANUALE+EXP.
P 048
FINE
Permette di stabilire la data o l’ora di fine il test dell’avviamento automatico del motore.
Nota: se il parametro P046 è configurato come GIORNALIERO si stabilisce l’ora, i minuti ed
i secondi del fermo del motore, se configurato come SETTIMANALE, si stabilisce il giorno,
l’ora, i minuti ed i secondi del fermo del motore, se invece è configurato come MENSILE, si
stabilisce la data del giorno del mese, l’ora, i minuti ed i secondi.
Il controllo è attivo solo se il parametro P106 non è configurato come MANUALE e
MANUALE+EXP.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 20
VALORE TIPICO
MORSETTO
LUNEDÌ
MARTEDÌ
MERCOLEDÌ
GIOVEDÌ
VENERDÌ
SABATO
DOMENICA
1 – 31(giorni)
ORA – MINUTI –
SECONDI
LUNEDÌ
MARTEDÌ
MERCOLEDÌ
GIOVEDÌ
VENERDÌ
SABATO
DOMENICA
1 – 31(giorni)
ORA – MINUTI –
SECONDI
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
4.2
Manutenzione A
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 21
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
PARAMETRO
FUNZIONE
Permette di impostare il numero di tentativi di avviamento.
Nota: i tentativi multipli d’avviamento vengono iniziati ogni qualvolta che l’operatore preme e
P 051
rilascia il pulsante di avviamento, o da un comando remoto o per cicli legati ad esempio al
NUMERO CICLI DI AVVIAMENTO
controllo della rete. Se invece di rilasciare il pulsante lo si mantiene premuto, i cicli vengono
eliminati e l’uscita 9M1 rimane attiva fino al rilascio del pulsante.
Permette di regolare la soglia oltre la quale si considera in moto il motore.
Note: la soglia di motore in moto è letta attraverso il segnale in tensione D+ dell’alternatore
carica batteria del motore. Il segnale con motore fermo e al valore di negativo, durante
l’avviamento cambia stato passando al positivo che si posiziona al valore di tensione di
P 052
carica della batteria quando il motore ha raggiunto i giri nominali, durante questa fase dal
SOGLIA IN MOTO DA
morsetto 6M1 della scheda esce una corrente limitata da una resistenza, che ha la funzione
D+ IN % SULLA NOMINALE
di aiutare l’innesco dell’eccitazione dell’alternatore stesso. Lo sgancio del motorino se il
segnale del D+ dovesse ritardare o essere assente, è comunque garantito da quello della
frequenza che è impostato al valore fisso di 20Hz. Il valore impostato è espresso in
percentuale sulla tensione nominale di batteria.
P 053
Permette di regolare il tempo dopo il quale il valore di tensione di gruppo, e da considerarsi
per eccesso non corretto.
RITARDO SOVRA TENSIONE
Note:
GRUPPO
P 054
Permette di regolare il tempo dopo il quale il valore di tensione di gruppo, e da considerarsi
per difetto non corretto.
RITARDO SOTTO TENSIONE
Note:
GRUPPO
Permette di regolare la soglia massima ammessa del valore di tensione del gruppo.
P 055
Note: una volta uscita dal valore massimo, perché possa essere considerata rientrata nei
limiti, la tensione dovrà avere un valore di isteresi inferiore del 4% sul valore impostato.
SOGLIA MASSIMA TENSIONE
Il controllo viene eseguito in tutte le possibili configurazioni date dal parametro P101 Tipo di
GRUPPO
alternatore.
Permette di regolare la soglia minima ammessa del valore di tensione di gruppo.
P 056
Note: una volta uscita dal valore minimo, perché possa essere considerata rientrata nei
limiti, la tensione dovrà avere un valore d’isteresi superiore del 4% sul valore impostato.
SOGLIA MINIMA
Il controllo è eseguito in tutte le possibili configurazioni date dal parametro P101 Tipo di
TENSIONE GRUPPO
alternatore.
Permette di regolare il valore di tensione massima sul controllo dell’asimmetria tra le tensioni
concatenate.
P 057
Nota: una volta uscita dal valore impostato, perché possa essere considerata rientrata nei
limiti, la tensione dovrà avere un valore di isteresi inferiore del 4% sul valore impostato, i
MASSIMA ASIMMETRIA
tempi di uscita e di rientro del valore, vengono associati ai parametri P053 e P054. Il
TENSIONE GRUPPO
controllo viene eseguito in tutte le possibili configurazioni date dal parametro P101 tranne la
configurazione Monofase.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
CAMPO DI SCELTA
VALORE TIPICO
MORSETTO
1:10
5
9M1
10:100%
90
6M1
0:120 s
15 s
0:120 s
30 s
90:600 V
da 208 a 240= 270V
da 380 a 415= 440V
per 440=480V
per 480=510V
90:600 V
da 208 a 240= 270V
da 380 a 415= 440V
per 440=480V
per 480=510V
0:120 V
30 V
Pagina 22
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
PARAMETRO
P 058
PROTEZIONE SOTTO GIRI
P 059
TEMPO CANDELETTE
P060
FUNZIONE RISERVA
CARBURANTE
P061
FREQUENZA NOMINALE
GENERATORE
P062
RITARDO ECCITAZIONE
ELETTROVALVOLA GAS
P063
SISTEMA DIMISURA
FUNZIONE
Permette di abilitare-disabilitare il controllo del sotto giri.
Nota: l’intervento del sottogiri è fissato come valore fisso a 40Hz per macchine a 50 Hz, e
50Hz per macchine a 60Hz parametro P061, il tempo di intervento e fisso a 30S, con isteresi
sul rientro di 5 Hz.
Permette di regolare il tempo di inserzione delle candelette o termoavviatore.
Note:le uscite 4M1e 5M1 se programmate, sono attive insieme al comando di avviamento
9M1, comunque non oltre 3S da comando avviamento inserito. Se la temperatura rilevata
nel motore dall’ingresso analogico 5M2 è superiore a 40°C o 104°F il tempo viene saltato
passando direttamente all’inserzione del motorino di avviamento.
Permette di stabilire quale funzione far fare all’ingresso riserva carburante.
Note: se configurato come AVVISO SEMPRE si ha la visualizzazione del messaggio
dedicato sempre presente (se altri presenti si alternano a video ogni tre secondi), se
configurato come AVVISO E ALLARME si ha l’immediato blocco della macchina.
Permette di impostare il valore di riferimento della frequenza nominale del gruppo
elettrogeno.
Note:
Permette di regolare il tempo di ritardo elettrovalvola gas prima dell’
avviamento.
Note:il tempo parte insieme al comando di avviamento e stop motore 9M1 e 8M1,terminato
il quale si abilita le uscite 4M1 e 5M1 se programmate.Quando si spegne motore si toglie
immediatamente tensione alle uscite 4M1 e 5M1 e trascorso il tempo anche all’
uscita dello
stop motore 8M1.
Tale funzione ha lo scopo di mantenere i cilindri sempre vuoti dai gas incombusti a motore
fermo,a sua volta di prevenire scoppi intempestivi.Ilciclo prevede di scaricare il gas dai
cilindri del motore in fase di avviamento per poi aprirlo successivamente.Durante la fase di
arresto invece,prima viene tolto il gas,uscita 4M1 e 5M1 ma mantenuta l’
alimentazione del
sistema di accensione delle candele,e 8M1,e successivamente la chiusa del gas.
Permette di visualizzare il sistema di misura della temperatura della pressione dell’
olio del
motore e della temperatura dell’
olio del motore visualizzata nel display.
Note:Se impostata come MKS la visualizzazione è visualizzata in °C e BAR,mentre se
impostato come IMPERIAL si ha °F e PSI
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 23
CAMPO DI SCELTA
VALORE TIPICO
MORSETTO
ABILITATO
DISABILITATO
ABILITATO
3:60 s
3s
4M1
5M1
AVVISO SEMPRE
AVVISO ALLARME
AVVISO SEMPRE
9M2
3s
4M1
5M1
50 Hz/60 Hz
0:10 s
MKS-IMPERIAL
2M2
4M2
5M2
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
4.3
Manutenzione B
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 24
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
PARAMETRO
FUNZIONE
P 064
FUNZIONE ALLARME
CORRENTE
Permette di stabilire quale funzione far fare al controllo allarme corrente.
Note: se configurato come AVVISO IN MOTO si ha la visualizzazione del messaggio
dedicato solo dopo il ritardo lettura sonde (18 secondi fissi, se altri presenti si alternano a
video ogni tre secondi), il messaggio rimane a video anche dopo il rientro in soglia del valore
di corrente, per cancellare premere SCROL. Se configurato come ALLARME IN MOTO si ha
il fermo dopo ritardo lettura sonde.
Esso può essere associato alle uscite programmabili 4/M1 e 5/M1.
P 065
RITARDO ALLARME
CORRENTE
Permette di impostare il tempo di ritardo di allarme corrente.
Note:
P 066
SOGLIA ALLARME CORRENTE
P 068
SOGLIA W ARNING
TEMPERATURA
P 069
SOGLIA W ARNING
LIVELLO CARBURANTE
Permette di impostare il valore massimo di corrente del generatore.
Note: per disabilitare la funzione portare il valore al massimo, il valore di isteresi e fisso al
10% al rientro.
Permette di impostare il valore di warning sull’ingresso analogico temperatura motore.
Note: per disabilitare la funzione portare il valore al massimo, il valore di isteresi e fisso
a7°C/13°F.
Permette di impostare il valore di warning sul livello carburante.
Nota: si può inserire un valore compreso da 1 al 100% , per disabilitare la funzione mettere il
valore a 0 (zero), un valore superiore a 100 da origine a malfunzionamenti. Il valore inserito
viene accettato solo se il parametro P126 viene configurato come INGRESSO
ANALOGICO. Testo del messaggio modificabile, il valore di isteresi e fisso al 10% al rientro.
P 070
SOGLIA W ARNING
TEMPERATURA OLIO
Permette di impostare il valore di warning sull’ingresso analogico.
Nota: il valore inserito viene accettato solo se il parametro P127 viene configurato come
INGRESSO ANALOGICO. Testo del messaggio modificabile, il valore di isteresi e fisso
a7°C/13°F.
P 071
SOGLIA W ARNING
ANALOGICO 3
Permette di impostare il valore di warning sull’ingresso analogico.
Nota: il valore inserito viene accettato solo se il parametro P128 viene configurato come
INGRESSO ANALOGICO. Attualmente nessuna curva caricata. Testo del messaggio
modificabile.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
CAMPO DI SCELTA
VALORE TIPICO
AVVISO IN MOTO
ALLARME IN MOTO
AVVISO IN MOTO
0-3600 S
300
0:9999
9999
0:1023°C
255
5M2
0:255
255
6M2
0:1023°C
255
4M2
0:255
255
1M2
Pagina 25
MORSETTO
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
PARAMETRO
FUNZIONE
Permette di abilitare o disabilitare il controllo sul segnale D+.
Nota: prima del comando di avviamento, se il parametro è configurato come ABILITATO si
ha un controllo dello stato di continuità del filo che collega la scheda con l’alternatore carica
batteria, se il segnale è a potenziale negativo (-Vdc) allora si procederà all’avviamento,
altrimenti se isolato si ha il fermo del ciclo con la visualizzazione del testo;Allarme: Filo D+
isolato. Se durante il funzionamento il valore del segnale da positivo dovesse portarsi al
negativo (guasto dell’alternatore carica batteria) si ha un tempo di attesa di 10 secondi,
terminato il quale si ha il fermo della macchina con la visualizzazione del testo;Allarme:
Alternatore non eccitato. Se invece è configurato come DISABILITATO, tutti i controlli
P 072
riguardanti il segnale vengono inibiti. Questa funzione è particolarmente utile quando non si
vuole fermare il funzionamento del gruppo per il solo guasto dell’alternatore carica batteria,
FUNZIONE ALLARME D+
oppure si è alla presenza di un alternatore senza segnale D+/I o di un motore senza
alternatore carica batteria. Va ricordato che se il parametro è configurato come
DISABILITATO comunque il sistema legge il segnale proveniente dall’alternatore carica
batteria e lo usa per sganciare il motorino di avviamento, e che in presenza di un guasto
all’alternatore il sistema bloccherebbe la macchina. Per ovviare all’allarme di blocco, si deve
collegare l’ingresso 6/M1 al negativo batteria in questo modo la gestione dell’ingresso viene
del tutto inibita. Inoltre nelle versioni firmware antecedenti alla 64, comunque anche con
parametro in DISABILITATO si aveva la visualizzazione nella riga di comunicazione lo stato
di allarme dell’alternatore, dalla versione 70 e successive questo è stato tolto.
Permette di abitare o disabilitare il controllo dei valori di rete quando il sistema è in Bloccato.
P 080
Nota: se DISABILITATO non attivo, in ABILITATO con P106 configurato come
CONTROLLO E SGANCIO RETE AUTOMATICO, AUTOMATICO CRS-CSC permette di controllare i valori di rete anche
quando il sistema è in Bloccato, se non sono corretti provvede ad aprire il contatto 7M6 IN BLOCCATO
10M6.
Permette di regolare il tempo di pausa tra l’apertura del contatto di comando carico in
gruppo e la chiusura del contatto comando carico in rete.
Note: il parametro serve per attribuire un tempo minimo di pausa tra l’apertura del contatto
P 081
9M6-12M6, e la chiusura del contatto 7M6 - 10M6 o viceversa, il parametro è
particolarmente utile per assicurare la completa apertura della parte mobile dei contatti di
RITARDO CONTATTORI
potenza del contattore di gruppo che bloccano il movimento di quello di rete, prima di
confermare la chiusura di quelli di rete.
Ogni unità di tempo vale 0.1secondo.
Permette di abilitare o disabilitare il ritardo nello sgancio del contattore di rete.
Note: : se DISABILITATO non attivo, in ABILITATO con P106 configurato come
P 082
AUTOMATICO, AUTOMATICO CRS-CSC permette di ritardare l’apertura del contatto 7M6 SGANCIO CONTATTORE RETE
10M6 fino alla chiusura del contatto 9M6 -12M6, o viceversa. Questo naturalmente nel caso
RITARDATO
in cui la rete non sia totalmente assente, ma sia fuori dai valori minimi o massimi concessi di
limitare al minimo l’assenza di energia nell’impianto.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
CAMPO DI SCELTA
VALORE TIPICO
ABILITATO
DISABILITATO
ABILITATO
ABILITATO
DISABILITATO
DISABILITATO
0:240(x0.1S)
10
ABILITATO
DISABILITATO
DISABILITATO
Pagina 26
MORSETTO
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
PARAMETRO
P 083
SALVA STATO PROSSIMO
POWER ON
P 084
ABILITA WARNING STATO
AUTOMATICO
FUNZIONE
Permette di abilitare o disabilitare il salvataggio dello stato alla successiva riaccensione della
scheda.
Note: se DISABILITATO non attivo, in ABILITATO, alla riaccensione della scheda si
conserva lo stato (Bloccato, Manuale, Automatico, Test) in cui ci si trovava al momento di
spegnimento.
Permette di abilitare o disabilitare il warning se il dispositivo non è in Automatico.
Note: se DISABILITATO non attivo, in ABILITATO con P106 configurato come
AUTOMATICO, AUTOMATICO CRS-CSC o MANUALE con comando remoto abilitato,
permettete di accendere il led di warning, di abilitare le uscite 4M1e 5M1 se programmate e
di commutare il contatto 1M9 – 2M9 – 3M9, tutte le volte in cui lo stato di Automatico non è
selezionato.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 27
CAMPO DI SCELTA
VALORE TIPICO
ABILITATO
DISABILITATO
DISABILITATO
ABILITATO
DISABILITATO
DISABILITATO
MORSETTO
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
4.4
Fabbrica 1 A
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 28
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
PARAMETRO
P 100
PROTEZIONE FUORI GIRI
FUNZIONE
CAMPO DI SCELTA
VALORE TIPICO
Permette di abilitare o disabilitare il controllo del fuori giri.
Note: se DISABILITATO non attivo, , in ABILITATO controlla in funzione della tabella.
ABILITA DISABILITA
ABILITATA
50 Hz
Hz
50,6 - 50,9
51,0 – 51,3
51,4 – 51,7
51,8 – 52,1
52,2 – 52,5
52,6 – 52,9
53,0 – 53,3
53,4 – 53,7
53,8 – 54,1
54,2 – 54,5
54,6 – 54,9
55,0 – 55,3
55,4 – 55,7
55,8 – 56,1
56,2 – 56,5
56,6 – 56,9
57,0 – 57,3
57,4 – 57,7
57,8 – 58,1
58,2 – 58,5
58,6 – 58,9
59,0 – 59,3
59,4 - 59,7
59,8 – 60,1
60,2 – 60,5
60,6 – 60,9
61,0 – 61,3
61,4 – 61,7
61,8 – 62,1
62,2 – 62,5
62,6 – 62,9
63,0 – 63,0
60 Hz
Sec.
-1
-1
-1
-1
-1
-1
-1
-1
-1
-1
-1
-1
-1
6
5,6
5,2
4,8
4,4
4
3,6
3,2
2,8
2,4
2
1,6
1,2
0,8
0,4
0
0
0
0
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Hz
60,6 – 60,9
61,0 – 61,3
61,4 – 61,7
61,8 – 62,1
62,2 – 62,5
62,6 – 62,9
63,0 – 63,3
63,4 – 63,7
63,8 – 64,1
64,2 – 64,5
64,6 – 64,9
65,0 – 65,3
65,4 – 65,7
65,8 – 66,1
66,2 – 66,5
66,6 – 66,9
67,0 – 67,3
67,4 – 67,7
67,8 – 68,1
68,2 – 68,5
68,6 – 68,9
69,0 – 69,3
Sec.
-1
-1
-1
-1
-1
-1
-1
-1
-1
-1
-1
-1
-1
6
5,3
4,6
3,9
3,2
2,5
1,8
1,1
0,4
MORSETTO
Tabella fuori giri
Il valore di lettura per la protezione sul fuori giri viene eseguito sulla frequenza del alternatore, il
controllo diventa attivo non appena la scheda rileva motore in moto. Per evitare la segnalazione
di falsi allarmi durante l'
avviamento di motori con regolatore di giri elettronico, tale protezione è
ritardata in funzione della frequenza rilevata, secondo la tabella a fianco come si vede il valore di
frequenza è inversamente proporzionale al tempo di intervento. I tempi di intervento sono diversi
e indipendenti per le due versioni, 50 Hz o 60 Hz. Le celle in grigio sono fisse e non si possono
modificare. Con -1 si indicano i valori di frequenza ammessi che non generano avaria.
Mentre le soglie di frequenza sono fisse, i tempi di ritardo indicati in giallo possono essere variati
a piacimento purché i valori siano ordinati in senso decrescente.
La risoluzione è in decimi di secondo.
Pagina 29
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
PARAMETRO
P 101
TIPO DI ALTERNATORE
FUNZIONE
CAMPO DI SCELTA
Permette di selezionare il tipo di collegamento adottato negli avvolgimenti dello statore
dell’alternatore relativo alla lettura della volumetrica. Note: se è configurato come 3F+N la
lettura è riferita da un alternatore con statore collegato a stella, (serie o parallelo) con una
tensione massima tra fase e neutro di 300V, se configurato 3 FASE, la lettura è riferita a un
collegamento a triangolo (serie o parallelo) con una tensione massima di 300V tra fase e
fase, se configurato come MONO FASE la lettura è tra due fili, sia che il collegamento dello
statore sia a doppio triangolo o parallelo zig zag con una tensione massima di 300V. Se il
parametro P106 è configurato come AUTOMATICO o AUTOMATICO CRS-CSC,
modificando il P101 si va automaticamente ad aggiornare la lettura sugli ingressi rete,
morsetti 1M6, 2M6 3M6. La tensione minima rilevabile ai capi dei trasformatori per convalida
frequenza è di 20V.
TRIFASE + NEUTRO
TRIFASE
MONOFASE
VALORE TIPICO
MORSETTO
ABILITATA
1M3
2M3
3M3
4M3
5M3
Ingresso delcontrollo volm etrico dell’avvolgim ento statorico dell’alternatore
TRIFASE+NEUTRO = STELLA (serie o parallelo)
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
TRIFASE = TRIANGOLO (serie o parallelo)
MONOFASE= DOPPIO TRIANGOLO - PARALLELO ZIG ZAG
Pagina 30
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
Ingresso del controllo volmetrico di rete
Monofase
MAX 500 V
PARAMETRO
P 102
FUNZIONE MINIMO LIVELLO
OLIO
P 103
FUNZIONE MINIMO LIVELLO
ACQUA
P 104
FUNZIONE BLOCCO
ELETTROVENTILATORE
Trifase
MAX 500 V
FUNZIONE
Permette di selezionare quale funzione far fare all’ingresso minimo livello olio.
Note: se configurato come AVVISO SEMPRE si ha la visualizzazione del messaggio
dedicato sempre presente (se altri presenti si alternano a video ogni tre secondi), se
configurato come AVVISO E ALLARME si ha l’immediato blocco della macchina.
Permette di selezionare quale funzione far fare all’ingresso minimo livello acqua.
Note: se configurato come AVVISO IN MOTO si ha la visualizzazione del messaggio
dedicato solo dopo il ritardo lettura sonde (18 secondi fissi, se altri presenti si alternano a
video ogni tre secondi), se configurato come ALLARME IN MOTO si ha il fermo dopo ritardo
lettura sonde.
Note:
Permette di selezionare quale funzione far fare all’ingresso blocco elettroventilatore.
Note: funzione COMANDO non ancora assegnata, se configurato come AVVISO IN MOTO
si ha la visualizzazione del messaggio dedicato solo dopo il ritardo lettura sonde (18 secondi
fissi, se altri presenti si alternano a video ogni tre secondi), se configurato come ALLARME
IN MOTO si ha il fermo dopo ritardo lettura sonde, se configurato come AVVISO SEMPRE si
ha la visualizzazione del messaggio dedicato sempre presente anche a motore fermo (se
altri presenti si alternano a video ogni tre secondi), se configurato come AVVISO E
ALLARME si ha la visualizzazione del messaggio a motore fermo e a motore in moto dopo il
ritardo lettura sonde il fermo, se configurato come ALLARME SEMPRE si ha l’immediato
blocco delle funzioni al termine del power on.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 31
CAMPO DI SCELTA
VALORE TIPICO
MORSETTO
AVVISO SEMPRE
AVVISO E ALLARME
AVVISO ALLARME
14M2
AVVISO IN MOTO
ALLARME IN MOTO
ALLARME IN MOTO
12M2
COMANDO
AVVISO IN MOTO
ALLARME IN MOTO
AVVISO SEMPRE
AVVISO E ALLARME
ALLARME SEMPRE
COMANDO
13M2
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
PARAMETRO
P 109
FUNZIONE COMANDO
DISABILITA ALLARMI
P 105
TENSIONE NOMINALE
BATTERIA
P 106
MODO DI FUNZIONAMENTO
DEL GRUPPO
FUNZIONE
Permette di selezionare quale funzione far fare all’ingresso disabilita allarmi.
Note: se configurato come COMANDO, l’ingresso collegato al negativo assume la funzione
di disabilitare il fermo del motore alla presenza di uno o più allarmi, e quindi permette di
poter continuare l’uso del gruppo elettrogeno anche in presenza di allarmi che ne avrebbero
decretato il fermo. L’uso è comunque legato anche all’abilitazione del parametro P111. Se
non è usato come COMANDO ma configurato come AVVISO IN MOTO, si ha la
visualizzazione del messaggio dedicato solo dopo il ritardo lettura sonde (18 secondi fissi,
se altri presenti si alternano a video ogni tre secondi), se configurato come ALLARME IN
MOTO si ha il fermo dopo il ritardo lettura sonde, se configurato come AVVISO SEMPRE si
ha la visualizzazione del messaggio dedicato sempre presente anche a motore fermo (se
altri presenti si alternano a video ogni tre secondi), se configurato come AVVISO E
ALLARME si ha la visualizzazione del messaggio a motore fermo, a motore in moto dopo
ritardo lettura sonde il fermo, se configurato come ALLARME SEMPRE si ha l’immediato
blocco delle funzioni al termine del power on.
Permette di selezionare la tensione di alimentazione della scheda.
Note: è la tensione in uso nel gruppo elettrogeno, la non corretta assegnazione del valore di
tensione causa warning di sovra o sotto tensione, inoltre lo sgancio del motorino
d’avviamento potrebbe avvenire con ritardo o in anticipo rispetto alla velocità raggiunta dal
motore.
Permette di selezionare il modo di gruppo e quindi l’uso della macchina.
Note:
MANUALE, funzionamento a solo uso manuale dell’avviamento e dello stop da parte
dell’operatore, con possibilità (optional) di comando d’avviamento a distanza chiudendo a
massa l’ingresso 7M2.
AUTOMATICO, si ha il classico funzionamento in emergenza rete.
AUTOMATICO CRS, chiudendo a massa gli ingressi 7M2 e 10M2 si ha la possibilità in
remoto di forzare l’avviamento o il blocco.
AUTOMATICO CSC, usando gli ingressi 7M2 e 10M2 si ha la possibilità in remoto oltre di
gestire la forzatura dell’avviamento anche quella del carico su gruppo.
AUTOMATICO CCS, usando gli ingressi 7M2 e 10M2 si ha la possibilità da remoto di
bloccare o di avviare il gruppo con forzatura della commutazione.
MANUALE+ESP, in questo caso si hanno le funzioni standard della macchina manuale con
la possibilità installando la scheda automatica cod. SAP 11703007 di aggiungere la gestione
della pompa carburante, della retroilluminazione del display e della blackbox. Si ricorda di
selezionare il parametro P132 come POMPA CARBURANTE se si vuole usare la funzione.
Tutte le funzioni tranne la MANUALE richiede l’installazione della scheda automatica cod.
SAP 11703007.
Per le logiche di funzionamento vedere la tabella sotto riportata.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 32
CAMPO DI SCELTA
VALORE TIPICO
MORSETTO
COMANDO
AVVISO IN MOTO
ALLARME IN MOTO
AVVISO SEMPRE
AVVISO E ALLARME
ALLARME SEMPRE
COMANDO
8M2
12:24 V
MANUALE
AUTOMATICO
AUTOMATICO CRS
AUTOMATICO CSC
AUTOMATICO CCS
MANUALE + ESP.
7M2
10M2
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
La logica di funzionamento indicata in tabella, è riferita nella sola funzione AUTOMATICO
7M2
10M2
AUTOMATICO CRS
7M2
10M2
AUTOMATICO CSC
OFF
OFF
Automatico standard
OFF
OFF
Automatico standard
ON
OFF
Motore sempre in moto
ON
OFF
Motore sempre in moto
OFF
ON
Motore sempre bloccato
OFF
ON
Automatico standard
ON
ON
Motore sempre bloccato
ON
ON
Motore sempre in moto e carico su gruppo
PARAMETRO
P 107
FONDO SCALA TA
P 108
USCITA PROGRAMMABILE 1
P 110
ABILITA TEST INGRESSO
PRESSIONE OLIO
7M2
OFF
ON
OFF
ON
10M2
OFF
OFF
ON
ON
AUTOMATICO CCS
Automatico standard
Motore sempre in moto e carico su gruppo
Motore sempre bloccato
Motore sempre bloccato
FUNZIONE
CAMPO DI SCELTA
Permette di selezionare il valore del fondo scala dei trasformatori amperometrici.
Note:
al fine di evitare visualizzazioni di correnti non corrette con valori al primario molto bassi, si
esclude la lettura ad un valore inferiore allo 0.5% sul fondo cala del TA
Permette di selezionare quale comando far eseguire all’uscita programmabile 1, 12/24VDC
max 0.3 Ampere
Note: se configurato come ALLARME, l’uscita è attiva quando si verifica un warning o un
allarme. COMANDO CARICO, con configurazione del parametro P106 in MANUALE e
abilitato il comando remoto, l’uscita è attiva dopo il tempo P022 Ritardo inserzione gruppo,
alla disabilitazione del comando remoto viene disattivata al termine del parametro P023,
Ritardo commutazione. COMANDO GAS, l’uscita è attiva in funzione del tempo P062,
Ritardo eccitazione elettrovalvola gas. CANDELETTE, l’uscita è attiva in funzione del tempo
P059, Tempo candelette.
MASSIMA CORRENTE, l’uscita è attiva in funzione dei parametri P64 P65 P66, se il
parametro P064 è configurato come Avviso: in moto, allora l’uscita sarà attiva ogni volta che
c’è un superamento del valore in corrente e del tempo di ritardo, rispettivamente dopo i
parametri P65 e P66 e rimarrà attiva insieme al messaggio a video anche dopo il rientro nei
valori. Per disabilitare l’uscita bisogna premere il pulsante SCROLL fronte scheda. Se il
parametro P064 è configurato come Allarme: in moto, allora l’uscita sarà attiva con il fermo
della macchina ogni volta che ci sarà lo sconfinamento dei parametri sopra citati.
Permette di ABILITARE o DISABILITARE il test sull’ingresso dell’olio al power on.
Note: se ABILITATO, al termine del power on viene eseguito un test sull’ingresso 11M2, se
non si riscontra continuità elettrica verso il negativo, si ha l’immediato blocco delle funzioni
con la visualizzazione dell’allarme ed il messaggio, “Bassa pressione olio isolato”. In
configurazione come DISABILITO, non attivo.
40/5 - 60/5 - 100/5 200/5 - 400/5 - 600/5
1000/5 - 1500/5 2000/5 - 2500/5
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
ALLARME
COMANDO CARICO
COMANDO GAS
CANDELETTE
MASSIMA
CORRENTE
VALORE TIPICO
MORSETTO
ALLARME
5M1
ABILITO
DISABILITO
Pagina 33
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
4.5
Pagina 0 (ZERO) del display
12
P C B
N ° 4
V I S A
s p a
V i a
V a l l o n t o ,
5 3
1
3 1 0 4 3
F O N T A N E L L E
I T A L I A
@
e - m a i l
v i s a
v i s a . i t
@
S . N . :
2
T i p o :
3
- 5
- 6
7
8
9
1 0
P C
11
4.5.1 Aree modificabili
(1)
(2)
(3)
Testo Pagina 0 del Display: permette di modificare o inserire un nuovo testo nelle quattro righe in pagina zero del display della scheda EVOLUTION. Nelle quattro righe disponibili si
hanno a disposizione 26 caratteri per riga.
Numero di Serie: permette di modificare o inserire un nuovo testo nella riga in pagina zero del display, relativo al numero di serie del gruppo elettrogeno.
Tipo di GE: permette di modificare o inserire un nuovo il testo nella riga in pagina zero del display, relativo al tipo di gruppo elettrogeno.
4.5.2 Aree non modificabili
(4)
(5)
(6)
(7)
(8)
(9)
(10)
(11)
Numero di matricola della scheda manuale: univoco per ogni scheda.
Versione del programma: identifica la versione firmware del programma caricato nella scheda manuale.
Versione hardware : identifica la versione costruttiva della scheda manuale .
Numero di matricola della scheda automatica: univoco per ogni scheda.
Versione del programma: identifica la versione firmware del programma caricato nella scheda automatica.
Versione hardware : identifica la versione costruttiva della scheda automatica.
Riga di comunicazione: visualizza i vari messaggi di stato del sistema.
Riga di indirizzo e comunicazione Baud Rate
P C :
a - b
(a)
Indica l’indirizzo
(b)
Indica il baud rate
b=0
1200
b=1
2400
b=2
4800
b=3
9600
b=5
19200
(12) Area per immagine bmp 48x72 riservata alla visualizzazione del logo.
La pagina 0 (zero) viene visualizzata nel display solo a il motore fermo.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 34
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
4.6
Fabbrica 1 B
BELTRAME C.S.E.
ViaSan Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 35
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
PARAMETRO
P 111
PASSA ALLARMI IN WARNING
P 112
USCITA PROGRAMMABILE 2
P 118
ROLLING DELLA BLACK BOX
FUNZIONE
Permette di ABILITARE o DISABILITARE il passaggio di tutti gli allarmi in warning.
Note: se configurato come ABILITATO e il parametro P109 configurato in COMANDO,
abilita l’uso dell’ingresso 8M2 alla disattivazione di tutti gli allarmi presenti. Quando
l’ingresso 8M2 è collegato a massa, tutti gli allarmi sono inibiti tranne il fuori giri ed il
pulsante di emergenza, se durante il funzionamento dovesse verificarsi uno o più allarmi si
ha comunque la memorizzazione e la visualizzazione dell’evento attraverso il display.
L’allarme/i o i warning vengono mantenuti a video anche se non più attivi, in modo di avere
uno storico, se ci sono più messaggi presenti, questi si alternano a video ogni tre secondi.
La cancellazione degli eventi avviene al primo stop motore.
Permette di selezionare quale comando far eseguire all’uscita programmabile 1, 12/24VDC
max 0.3 Ampere
Note: se configurato come ALLARME, l’uscita è attiva quando si verifica un warning o un
allarme. COMANDO CARICO, con configurazione del parametro P106 in MANUALE e
abilitato il comando remoto, l’uscita è attiva dopo il tempo P022 Ritardo inserzione gruppo,
alla disabilitazione del comando remoto viene disattivata al termine del parametro P023,
Ritardo commutazione. COMANDO GAS, l’uscita è attiva in funzione del tempo P062,
Ritardo eccitazione elettrovalvola gas. CANDELETTE,
L’uscita è attiva in funzione del tempo P059, Tempo candelette.
MASSIMA CORRENTE, l’uscita è attiva in funzione dei parametri P64 P65 P66, se il
parametro P064 è configurato come Avviso: in moto, allora l’uscita sarà attiva ogni volta che
c’è un superamento del valore in corrente e del tempo di ritardo, rispettivamente dopo i
parametri P65 e P66 e rimarrà attiva insieme al messaggio a video anche dopo il rientro nei
valori. Per disabilitare l’uscita bisogna premere il pulsante SCROLL fronte scheda. Se il
parametro P064 è configurato come Allarme: in moto, allora l’uscita sarà attiva con il fermo
della macchina ogni volta che ci sarà lo sconfinamento dei parametri sopra citati
Permette di ABILITARE o DISABILITARE il ROLLING della BLACK BOX.
Note: se configurato come ABILITATO, permette al termine della scrittura dei 4000 eventi
registrati di ricominciare la riscrittura cominciando dall’evento più vecchio. Se configurato
come DISABILITO, la scrittura si ferma al termine dei 4000 eventi. La memorizzazione degli
eventi è possibile solo con il montaggio della seconda scheda automatica cod. SAP
117030007.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 36
CAMPO DI SCELTA
VALORE TIPICO
ABILITATO
DISABILITATO
ABILITATO
ALLARME
COMANDO CARICO
COMANDO GAS
CANDELETTE
MASSIMA
CORRENTE
CANDELETTE
ABILITATO
DISABILITATO
DISABILITATO
MORSETTO
4M1
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
PARAMETRO
P 126
FUNZIONE LIVELLO
CARBURANTE
P 127
FUNZIONE TEMPERATURA
OLIO
P 128
FUNZIONE INGRESSO 1M2
FUNZIONE
Permette di selezionare quale comando far eseguire all’ingresso LIVELLO CARBURANTE.
Note: se configurato come INGRESSO ANALOGICO, l’ingresso assume la funzione di livello
carburante, esso è legato ai parametri P069 P166 P167, se configurato come AVVISO IN
MOTO si ha la visualizzazione del messaggio dedicato solo dopo il ritardo lettura sonde (18
secondi fissi, se altri presenti si alternano a video ogni tre secondi), se configurato
ALLARME IN MOTO si ha il fermo dopo ritardo lettura sonde,
se configurato come AVVISO SEMPRE si ha la visualizzazione del messaggio dedicato
sempre presente anche a motore fermo (se altri presenti si alternano a video ogni tre
secondi), se configurato come AVVISO E ALLARME si ha la visualizzazione del messaggio
a motore fermo, e a motore in moto dopo ritardo lettura sonde il fermo, se configurato come
ALLARME SEMPRE si ha l’immediato blocco delle funzioni al termine del power on.
Permette di selezionare quale comando far eseguire all’ingresso TEMPERATURA OLIO.
Note: se configurato come INGRESSO ANALOGICO, l’ingresso assume la funzione di
temperatura olio, esso è legato ai parametri P070, P168 e P169, se configurato come
AVVISO IN MOTO si ha la visualizzazione del messaggio dedicato solo dopo il ritardo
lettura sonde (18 secondi fissi, se altri presenti si alternano a video ogni tre secondi), se
configurato ALLARME IN MOTO si ha il fermo dopo ritardo lettura sonde,
se configurato come AVVISO SEMPRE si ha la visualizzazione del messaggio dedicato
sempre presente anche a motore fermo (se altri presenti si alternano a video ogni tre
secondi), se configurato come AVVISO E ALLARME si ha la visualizzazione del messaggio
a motore fermo, e a motore in moto dopo ritardo lettura sonde il fermo, se configurato come
ALLARME SEMPRE si ha l’immediato blocco delle funzioni al termine del power on.
Permette di selezionare quale comando far eseguire all’ingresso 1M2 .
Note: se configurato come INGRESSO ANALOGICO, la curva non è ancora caricata, esso è
legato ai parametri P071, P170 e P171, se configurato come AVVISO IN MOTO si ha la
visualizzazione del messaggio dedicato solo dopo il ritardo lettura sonde (18 secondi fissi,
se altri presenti si alternano a video ogni tre secondi), se configurato ALLARME IN MOTO si
ha il fermo dopo ritardo lettura sonde,
se configurato come AVVISO SEMPRE si ha la visualizzazione del messaggio dedicato
sempre presente anche a motore fermo (se altri presenti si alternano a video ogni tre
secondi), se configurato come AVVISO E ALLARME si ha la visualizzazione del messaggio
a motore fermo e a motore in moto dopo ritardo lettura sonde il fermo, se configurato come
ALLARME SEMPRE si ha l’immediato blocco delle funzioni al termine del power on.
CAMPO DI SCELTA
VALORE TIPICO
MORSETTO
INGRESSO
ANALOGICO
AVVISO IN MOTO
ALLARME IN MOTO
AVVISO SEMPRE
AVVISO E ALLARME
ALLARME SEMPRE
AVVISO IN MOTO
6M2
INGRESSO
ANALOGICO
AVVISO IN MOTO
ALLARME IN MOTO
AVVISO SEMPRE
AVVISO E ALLARME
ALLARME SEMPRE
AVVISO IN MOTO
4M2
INGRESSO
ANALOGICO
AVVISO IN MOTO
ALLARME IN MOTO
AVVISO SEMPRE
AVVISO E ALLARME
ALLARME SEMPRE
AVVISO IN MOTO
1M2
P 120
LIVELLO ATTIVO INGRESSO
7M7
Permette di selezionare come lo stato del contatto è da considerarsi attivo.
Note: se ATTIVO CHIUSO, la funzione è attiva quando l’ingresso è collegato al negativo, se
ATTIVO APERTO, la funzione è attiva quando l’ingresso è isolato dal negativo.
ATTIVO APERTO
ATTIVO CHIUSO
ATTIVO CHIUSO
7M7
P 129
FUNZIONE INGRESSO 7M7
Permette di selezionare quale funzione far fare all’ingresso 7MT scheda automatica.
Note: se configurato come COMANDO la funzione non è ancora assegnata, se configurato
come AVVISO IN MOTO si ha la visualizzazione del messaggio dedicato solo dopo il ritardo
lettura sonde (18 secondi fissi, se altri presenti si alternano a video ogni tre secondi), se
COMANDO
AVVISO IN MOTO
ALLARME IN MOTO
AVVISO SEMPRE
COMANDO
7M7
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 37
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
PARAMETRO
P 132
FUNZIONE INGRESSI
AUTOMATICA
FUNZIONE
CAMPO DI SCELTA
configurato ALLARME IN MOTO si ha il fermo dopo ritardo lettura sonde, se configurato
come AVVISO SEMPRE si ha la visualizzazione del messaggio dedicato sempre presente
anche a motore fermo (se altri presenti si alternano a video ogni tre secondi), se configurato
come AVVISO E ALLARME si ha la visualizzazione del messaggio a motore fermo e a
motore in moto dopo ritardo lettura sonde il fermo, se configurato come ALLARME SEMPRE
si ha l’immediato blocco delle funzioni al termine del power on.
Permette di selezionare quale comando far eseguire agli ingressi liberi della scheda
automatica.
Note: se configurato come POMPA CARBURANTE, gli ingressi 11M7 e 12M7 vengono
vincolati ad un funzionamento fisso, dedicato all’uso dei galleggianti quattro livelli del
caricamento carburante.
Se configurato come INGRESSI LIBERI, i due ingressi si svincolano tra loro e possono
assumere la funzione gestita nei parametri P121, P130, P122 e P131.
AVVISO E ALLARME
ALLARME SEMPRE
VALORE TIPICO
POMPA
CARBURANTE
INGRESSI LIBERI
INGRESSI LIBERI
MORSETTO
P 121
LIVELLO ATTIVO MINIMO
LIVELLO CARBURANTE
Permette di selezionare come lo stato del contatto è da considerarsi attivo.
Note: se ATTIVO CHIUSO, la funzione è attiva quando l’ingresso è collegato al negativo, se
ATTIVO APERTO, la funzione è attiva quando l’ingresso è isolato dal negativo
ATTIVO APERTO
ATTIVO CHIUSO
ATTIVO CHIUSO
12M7
P 130
FUNZIONE MINIMO LIVELLO
CARBURANTE
Permette di selezionare quale funzione far fare all’ingresso minimo livello carburante della
scheda automatica.
Note: se configurato come COMANDO la funzione non è ancora assegnata, se configurato
come AVVISO IN MOTO si ha la visualizzazione del messaggio dedicato solo dopo il ritardo
lettura sonde (18 secondi fissi, se altri presenti si alternano a video ogni tre secondi), se
configurato ALLARME IN MOTO si ha il fermo dopo ritardo lettura sonde, se configurato
come AVVISO SEMPRE si ha la visualizzazione del messaggio dedicato sempre presente
anche a motore fermo (se altri presenti si alternano a video ogni tre secondi), se configurato
come AVVISO E ALLARME si ha la visualizzazione del messaggio a motore fermo e a
motore in moto dopo ritardo lettura sonde il fermo, se configurato come ALLARME SEMPRE
si ha l’immediato blocco delle funzioni al termine del power on.
COMANDO
AVVISO IN MOTO
ALLARME IN MOTO
AVVISO SEMPRE
AVVISO E ALLARME
ALLARME SEMPRE
COMANDO
12M7
P 122
LIVELLO ATTIVO MASSIMO
LIVELLO CARBURANTE
Permette di selezionare come lo stato del contatto è da considerarsi attivo.
Note: se ATTIVO CHIUSO, la funzione è attiva quando l’ingresso è collegato al negativo, se
ATTIVO APERTO, la funzione è attiva quando l’ingresso è isolato dal negativo
ATTIVO APERTO
ATTIVO CHIUSO
ATTIVO CHIUSO
11M7
P 131
FUNZIONE MASSIMO LIVELLO
CARBURANTE
Permette di selezionare quale funzione far fare all’ingresso massimo livello carburante alla
scheda automatica.
Note: se configurato come COMANDO la funzione non è ancora assegnata, se configurato
come AVVISO IN MOTO si ha la visualizzazione del messaggio dedicato solo dopo il ritardo
lettura sonde (18 secondi fissi, se altri presenti si alternano a video ogni tre secondi), se
configurato ALLARME IN MOTO si ha il fermo dopo ritardo lettura sonde, se configurato
come AVVISO SEMPRE si ha la visualizzazione del messaggio dedicato sempre presente
anche a motore fermo (se altri presenti si alternano a video ogni tre secondi), se configurato
come AVVISO E ALLARME si ha la visualizzazione del messaggio a motore fermo e a
COMANDO
AVVISO IN MOTO
ALLARME IN MOTO
AVVISO SEMPRE
AVVISO E ALLARME
ALLARME SEMPRE
COMANDO
11M7
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 38
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
PARAMETRO
FUNZIONE
CAMPO DI SCELTA
VALORE TIPICO
MORSETTO
motore in moto dopo ritardo lettura sonde il fermo, se configurato come ALLARME SEMPRE
si ha l’immediato blocco delle funzioni al termine del power on.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 39
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
4.7
Fabbrica 1C
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 40
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
La finestra di lavoro di FABBRICA 1C permette in ON LINE con la scheda Evolution, di visualizzare e modificare tutti i testi visualizzati nella finestra stessa. Va ricordato che c’è la possibilità
per alcuni ingressi, digitali/analogici di modificare il testo che compare nel display di comunicazione della scheda Evolution, all’inizio dei testi è indicato a quale morsetto di ingresso della
scheda Evolution fanno capo i testi sottostanti. Per modificare un testo procedere nel seguente modo: fare doppio click sulla riga di testo interessata indicata nel punto 15 fino alla comparsa
dello stesso nella finestra indicata nel punto 7, ora è possibile scriverne uno di nuovo, dopo averlo scritto premere il pulsante di salvataggio indicato nel punto 8. Si raccomanda quando si
esegue una modifica nella riga di testo di farlo sempre anche sulle rimanenti.
1=
2=
3=
4=
5=
6=
7=
8=
9=
10 =
11 =
12 =
13 =
14 =
15 =
Indica la lingua in uso nella scheda Evolution.
Serve leggere tutti i parametri e i dati caricati nella scheda Evolution.
Serve a visualizzare i parametri e i dati precedentemente salvati su una cartella o su disco.
Serve per scrivere i parametri e i dati eventualmente modificati nella scheda Evolution. Questa operazione deve essere sempre eseguita se si vuole salvare nella scheda Evolution il
parametro/i modificato.
serve a salvare i parametri e i dati in files su cartella o disco.
Serve ad indicare a quale codice è legato il testo selezionato.
Serve a visualizzare il testo eventualmente da modificare.
Salva il testo modificato nella scheda Evolution.
Abbandona il testo in modifica senza salvarlo nella scheda Evolution.
Serve a ricaricare tutti i dati della scheda Evolution, equivale a chiedere e quindi riaprire il collegamento con il gruppo.
Indica lo stato di comunicazione tra la scheda Evolution ed il pc.
Indica se la comunicazione è attiva (ON LINE) o interrotta (OFF LINE).
Permette di accedere alle informazioni in linea.
Consente di chiudere la finestra di comunicazione.
Tutti i testi visualizzati in FABBRICA 1 C e nei parametri legati alla configurazione degli ingressi, sono direttamente caricati dalla scheda EVOLUTION nella lingua in uso nella stessa,
quindi se la lingua del programma e diversa da quella della scheda si avranno le due lingue visualizzate.
Testi modificabili associati agli ingressi.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 41
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
4.8
Fabbrica 2A
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 42
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
PARAMETRO
P 150
TENSIONE BATTERIA:
GUADAGNO
FUNZIONE
Permette di aggiustare il guadagno della misura della tensione batteria.
Note: fattore di scala.
La misura è moltiplicata per tale valore, se è pari a 128 equivale a moltiplicare la misura per
1.
P 151
Permette di aggiustare l’offset della misura della tensione batteria.
TENSIONE BATTERIA:OFFSET Note: alla misura moltiplicata per il fattore di scala viene sommato questo valore.
P 152
TENSIONE ALTERNATORE:
GUADAGNO
CAMPO DI SCELTA
VALORE TIPICO
MORSETTO
0:255
-100+100
Permette di aggiustare il guadagno della misura della tensione dell’alternatore carica
batteria..
Note: fattore di scala.
La misura è moltiplicata per tale valore, se è pari a 128 equivale a moltiplicare la misura per
1.
0
0:255
6M1
P 153
ALTERNATORE:OFFSET
Permette di aggiustare l’offset della misura della tensione dell’alternatore carica batteria.
Note: alla misura moltiplicata per il fattore di scala viene sommato questo valore.
-100+100
0
6M1
P154
SONDA DI PRESSIONE OLIO:
MODELLO
Permette di configurare il modello della sonda di lettura pressione olio.
Note: la scelta può essere fatta sulla sonda della marca VDO con fondo scala di lettura 5
o10 Bar/Psi, le curve di comparazione ȍ/Bar sono fisse.
VDO 10 BAR
VDO 5 BAR
0-650-65535
2M2
P155
SONDA DI PRESSIONE OLIO:
GUADAGNO
Permette di aggiustare il guadagno della sonda di pressione olio.
Note: fattore di scala.
La misura è moltiplicata per tale valore, se è pari a 64 equivale a moltiplicare la misura per
1.
0:255
64
2M2
P156
SONDA DI TEMPERATURA
ACQUA MODELLO:MODELLO
Permette di configurare il modello della sonda di lettura temperatura acqua.
Note: la scelta può essere fatta sulla sonda della marca VDO con fondo scala di lettura 120
o 150°C/°F, oppure della JOHN DEERE le curve di comparazione ȍ/°C sono fisse.
VDO 120
VDO 150
J. DEERE
P157
SONDA DI TEMPERATURA
ACQUA:GUADAGNO
Permette di aggiustare il guadagno della sonda di temperatura acqua.
Note: fattore di scala.
La misura è moltiplicata per tale valore, se è pari a 64 equivale a moltiplicare la misura per
1.
0:255
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 43
5M2
64
5M2
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
PARAMETRO
FUNZIONE
Permette di tarare il valore della tensione in lettura del generatore.
Note: il metodo per aggiustare il valore è esplicato attraverso una formula,
CAMPO DI SCELTA
VALORE TIPICO
MORSETTO
5950
1M3
2M3
3M3
4M3
5M3
4096
1M4
2M4
3M4
4M4
Valore del parametro x Valore di uno strumento campione
Valore visualizzato nel display
P158-160
TARATURA TENSIONI GE
La misura della tensione viene eseguita attraverso un circuito di tre trasformatori, ai capi dei
quali possono essere alimentati con una tensione massima di 300V. Nella configurazione
TRIFASE + NEUTRO del parametro P101, la tensione concatenata fase-fase visualizzata
nel display e frutto del valore letto dal trasformatore tra la fase ed il centro stella, moltiplicato
¥3. Per configurazioni TRIFASE e MONOFASE invece il valore visualizzato e quello letto dal
trasformatore. Se la configurazione è MONOFASE anche se la lettura avviene sui tre
trasformatori, solo il primo, (Fase 1) viene visualizzato. Con valore del parametro a zero la
visualizzazione della tensione nel display è sempre a zero, se il valore di tensione
visualizzato nel display fosse molto fuori rispetto al valore reale si consiglia di impostare
come valore di default 8192, e da li ripartire con la taratura.
Permette di tarare il valore della corrente in lettura del generatore.
Note: il metodo per aggiustare il valore è esplicato attraverso una formula,
0:65535
Valore del parametro x Valore di uno strumento campione
Valore visualizzato nel display
P161-163
TARATURA CORRENTI GE
Per configurazioni TRIFASE e MONOFASE il valore visualizzato e quello letto dal
trasformatore amperometrico. Se la configurazione è MONOFASE solo il primo, (Fase 1)
viene visualizzato. Con valore del parametro a zero la visualizzazione della corrente nel
display è sempre a zero, se il valore di corrente visualizzato nel display fosse molto fuori
rispetto al valore reale si consiglia di impostare come valore di default 4096, e da li ripartire
con la taratura.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
0:65535
Pagina 44
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
Ingresso del controllo amperometrico dell’alternatore
LETTURA AMPEROMETRICA TRIFASE
PARAMETRO
LETTURA AMPEROMETRICA MONOFASE
FUNZIONE
CAMPO DI SCELTA
VALORE TIPICO
MORSETTO
Permette di tarare il valore della tensione in lettura del rete.
Note: il metodo per aggiustare il valore è esplicato attraverso una formula,
P180-182
TARATURA TENSIONI RETE
Valore del parametro x Valore di uno strumento campione
Valore visualizzato nel display
0:65535
5950
1M6
2M6
3M6
Con valore del parametro a zero la visualizzazione della tensione nel display è sempre a
zero, se il valore di tensione visualizzato nel display fosse molto fuori rispetto al valore reale,
impostare come valore di default 8192, e da li ripartire con la taratura.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 45
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
4.9
Fabbrica 2 B
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 46
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
PARAMETRO
FUNZIONE
CAMPO
DI SCELTA
VALORE TIPICO
MORSETTO
P 166
LIVELLO CARBURANTE:
MODELLO
Permette di configurare il modello della sonda di lettura livello carburante.
Note: la scelta può essere fatta sulla sonda della marca VDO, le curve di comparazione ȍ / %
sono fisse.
VDO675
VDO675
6M2
P167
LIVELLO CARBURANTE:
GUADAGNO
Permette di aggiustare il guadagno della misura del livello carburante.
Note: fattore di scala.
La misura è moltiplicata per tale valore, se è pari a 64 equivale a moltiplicare la misura per 1.
0:255
64
6M2
VDO150°C
VDO150°C
4M2
0:255
64
4M2
P168
TEMPERATURA OLIO:
MODELLO
Permette di configurare il modello della sonda di lettura temperatura olio.
Note: la scelta può essere fatta sulla sonda della marca VDO, le curve di comparazione
ȍ/°C:°F sono fisse.
P169
TEMPERATURA OLIO:
GUADAGNO
Permette di aggiustare il guadagno della misura della temperatura olio.
Note: fattore di scala.
La misura è moltiplicata per tale valore, se è pari a 64 equivale a moltiplicare la misura per 1.
P170
INGRESSO 1M2:
MODELLO
Permette di configurare il modello della sonda dell’ingresso 1M2.
Note: attualmente nessuno caricato.
P171
INGRESSO 1M2:
GUADAGNO
Permette di aggiustare il guadagno dell’ingresso 1M2.
Note: fattore di scala.
La misura è moltiplicata per tale valore, se è pari a 64 equivale a moltiplicare la misura per 1.
P176
SOGLIA INTERVENTO PTC
ALTERNATORE
P177
TERMOCOPPIA: GUADAGNO
P178
TERMOCOPPIA: OFFSET
Permette di impostare il valore di intervento della sonda PTC posta a protezione
dell’avvolgimento statorico.
Note: per un collegamento da 1 a 3 PTC il valore di taratura del parametro e di 150,
corrispondente a un valore di circa 3000 ȍ della sonda PTC, inserendo un valore uguale
inferiore a 64 si garantisce l’inibizione dell’allarme.
Permette di aggiustare il guadagno della misura della termocoppia (PTC) .
Note: fattore di scala.
La misura è moltiplicata per tale valore, se è pari a 64 equivale a moltiplicare la misura per 1.
1M2
0:255
64
1M2
0:255
64
3M2
0:255
64
3M2
-100:100
0
3M2
Permette di aggiustare l’offset della misura della termocoppia (PTC).
Note: alla misura moltiplicata per il fattore di scala viene sommato questo valore.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 47
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
5 Schede Manuale – Automatica
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 48
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
Descrizione componenti
1=
2=
3=
4=
5=
6=
7=
8=
9=
10 =
11 =
12 =
13 =
14 =
15 =
Viti di fissaggio.
Distanziali di fissaggio.
LCD a range esteso -20 + 70°C 240X64 8 righe 40 colonne 320 caratteri, per retro
illuminato cod. SAP 215010004, per il normale, cod. SAP 215010002.
Scheda manuale cod. SAP 117030006 (atta al controllo della tensione e corrente del
generatore, e del controllo e protezioni del diesel). Dimensioni, larghezza mm 181,
altezza mm 130, profondità mm 38. Consumi a riposo 70 mmA, in funzione Max 2 A,
tensione di alimentazione 12-24Vdc, temperatura di funzionamento -20+70°C, umidità
90%.
Scheda automatica cod. SAP 117030007 (atta al controllo della tensione della rete, al
controllo e gestione della pompa di caricamento carburante, gestione retro
illuminazione display e all’archiviazione degli eventi registrati nella black box).
Pettine per il collegamento elettrico tra le due schede. Dimensioni larghezza mm154,
altezza mm130, profondità mm 26, temperatura di funzionamento -20+70°C, umidità
90%.
Batteria di alimentazione scheda automatica (atta all’alimentazione dell’orologio
interno, al datario degli eventi della black box e al test giornaliero/settimanale/mensile
del gruppo).
Fusibile pompa caricamento carburante (T6.3A).
Relè comando pompa carburante.
Relè comando allarme cumulativo (il relè è attivo ogni volta che si verifica un fermo
gruppo per un allarme o per un qualsiasi warning.
Relè comando contattore/commutatore generatore (K.GE).
Relè comando contattore/commutatore rete (K.RE).
Connettore alimentazione retro illuminazione LCD.
Fusibile scheda manuale (F2A).
Connettore RS485 M5(atto alla comunicazione tra il gruppo elettrogeno e un pc per
una distanza massima 1Km, al collegamento deve essere interposto un convertitore
cod. SAP 117030005, col quale ci si può collegare fino a 32 gruppi elettrogeni, il
programma comunque permette l’apertura contemporanea di non più di quattro
collegamenti insieme).
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
16 =
17 =
18 =
19 =
20 =
21 =
22 =
23 =
24 =
25 =
Connettore ingresso amperometrica M4 (atto alla lettura dei valori di corrente generata
dall’alternatore, rapporto di trasformazione /5).
Connettore volumetrica M3 (atto alla lettura dei valori di tensione generata
dall’alternatore, tensione massima di ingresso 300V).
Connettore ingresso alimentazione e uscite di comando M1.
Connettore ingressi analogici/digitali M2.
Connettore comando pompa carburante M8.
Connettore contatto allarme cumulativo M9.
Connettore ingresso rete e comando contattori/commutatore rete/gruppo M6.
Connettore ingressi analogici/digitali M7.
Etichetta di identificazione (serial number S.N; è composto da 6 caratteri ed è il
numero di matricola della scheda, identifica in modo univoco ogni singola scheda
prodotta, versione V.; i primi due numeri identificano il programma caricato nel
microprocessore, firmware, i secondi due numeri invece identificano la versione
hardware della scheda, ed infine viene indicata la data di fabbricazione).
Etichetta di identificazione (serial number S.N; è composto da 6 caratteri ed è il
numero di matricola della scheda, identifica in modo univoco ogni singola scheda
prodotta e da origine alla password che permette ilcollegamento tra la scheda ed il pc,
i primi due numeri identificano il programma caricato nel microprocessore, firmware, i
secondi due numeri invece identificano la versione hardware della scheda, ed infine
viene indicata la data di fabbricazione).
I connettori 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, e 23 sono del tipo Mate-N lock.
Pagina 49
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
SCHEMA SCHEDA MANUALE
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 50
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
MORSETTIERE SCHEDA MANUALE
1/M1 =
2/M1 =
3/M1 =
4/M1 =
5/M1 =
6/M1 =
7/M1 =
8/M1 =
9/M1 =
1/M2 =
2/M2 =
3/M2 =
4/M2 =
5/M2 =
6/M2 =
7/M2 =
8/M2 =
9/M2 =
10/M2 =
11/M2 =
12/M2 =
13/M2 =
14/M2 =
15/M2 =
Ingresso alimentazione negativo batteria (12-24VDC).
Ingresso alimentazione positivo batteria (12-24VDC).
Uscita positivo ausiliari protetto da fusibile interno 12-24VDC massimo 1 Ampere.
Uscita comando configurabile massimo 0.5 Ampere.
Uscita comando configurabile massimo 0.5 Ampere.
Il morsetto assume la doppia funzione, è un’uscita che in fase di avviamento fornisce
una tensione di innesco al regolatore elettronico dell’alternatore carica batteria, è un
ingresso in grado di leggere il valore di tensione generato dall’uscita D+
dell’alternatore carica batteria.
Ingresso pulsante di emergenza.
Comando di uscita stop motore massimo 0.5 Ampere.
Comando di uscita avviamento massimo 0.5 Ampere.
1/M3 =
2/M3 =
3/M3 =
4/M3 =
5/M3 =
Ingresso L1 volumetrica linea gruppo.
Ingresso L2 volumetrica linea gruppo.
Ingresso N volumetrica linea gruppo.
Ingresso L3 volumetrica linea gruppo.
Ingresso N volumetrica linea gruppo.
1/M4 =
2/M4 =
3/M4 =
4/M4 =
Ingresso L1 trasformatore amperometrico gruppo.
Ingresso L2 trasformatore amperometrico gruppo.
Ingresso L3 trasformatore amperometrico gruppo.
Ingresso comune trasformatori amperometrici gruppo.
1/M5 =
2/M5 =
Linea A+ RS 485.
Linea B - RS 485.
Ingresso configurabile digitale – analogico.
Ingresso analogico lettura pressione olio motore.
Ingresso analogico PTC statore alternatore.
Ingresso configurabile digitale – analogico, in analogico configurato come temperatura
olio motore.
Ingresso analogico lettura temperatura motore.
Ingresso configurabile digitale – analogico, in analogico configurato come livello
carburante.
Ingresso contatto remoto, si lega ai cicli di funzionamento.
Ingresso che può essere configurato come comando, disabilita gli allarmi, oppure
come digitale.
Ingresso digitale riserva carburante.
Ingresso contatto remoto, si lega ai cicli di funzionamento.
Ingresso digitale minima pressione olio motore.
Ingresso digitale minimo livello liquido refrigerante motore.
Ingresso digitale libero.
Ingresso digitale minimo livello olio motore.
Ingresso digitale massima temperatura motore.
BELTRAME C.S.E.
ViaSan Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 51
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
SCHEMA SCHEDA AUTOMATICA
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 52
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
MORSETTIERE SCHEDA AUTOMATICA
1/M6 =
2/M6 =
3/M6 =
4/M6 =
5/M6 =
6/M6 =
7/M6 =
8/M6 =
9/M6 =
10/M6 =
11/M6 =
12/M6 =
Ingresso L1 volumetrica linea rete, massimo 500V.
Ingresso L2 volumetrica linea rete, massimo 500V.
Ingresso L3 volumetrica linea rete, massimo 500V.
Ingresso non usato.
Ingresso non usato.
Ingresso non usato.
Uscita contatto comando contattore-commutatore rete, max 8A Ith 250V.
Ingresso non usato.
Uscita contatto comando contattore-commutatore gruppo, max 8A Ith 250V.
Uscita contatto comando contattore-commutatore rete, max 8A Ith 250V.
Ingresso non usato.
Uscita contatto comando contattore-commutatore gruppo, max 8A Ith 250V.
1/M8 =
2/M8 =
3/M8 =
4/M8 =
5/M8 =
6/M8 =
1/M9 =
2/M9 =
3/M9 =
Uscita negativo carica batteria (12-24VDC).
Ingresso non usato.
Ingresso digitale comando MANUALE da selettore comando pompa carburante.
Ingresso analogico controllo corrente di carica batteria.
Ingresso digitale comando AUTOMATICO da selettore comando pompa carburante.
Ingresso digitale galleggiante comando MARCIA pompa carburante.
Ingresso digitale che può essere configurato come COMANDO, o ingresso libero.
Uscita negativo batteria (12-24VDC) al selettore comando pompa carburante.
Ingresso digitale galleggiante comando ARRESTO pompa carburante.
Uscita negativo batteria (12-24VDC).
Ingresso digitale che può essere configurato come: COMANDO, galleggiante MASSIMO
LIVELLO CARBURANTE comando pompa carburante, oppure come digitale libero.
12/M7 = Ingresso digitale che può essere configurato come: COMANDO, MINIMO LIVELLO
CARBURANTE comando pompa, oppure come digitale libero.
1/M7 =
2/M7 =
3/M7 =
4/M7 =
5/M7 =
6/M7 =
7/M7 =
8/M7 =
9/M7 =
10/M7 =
11/M7 =
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 53
Ingresso neutro linea alimentazione pompa carburante, da linea carico o gruppo
max 5A Ith 250V
Uscita neutro linea alimentazione pompa carburante max 5AIth 250V.
Uscita fase linea alimentazione pompa carburante max 5A Ith 250V.
Ingresso non usato.
Ingresso non usato.
Ingresso fase linea alimentazione pompa carburante, da linea carico o gruppo
max 6.3A Ith 250V.
Uscita contatto normalmente aperto, allarme/warning cumulativo max 8A Ith
250V.
Uscita contatto normalmente chiuso, allarme/warning cumulativo max 8A Ith
250V.
Uscita contatto comune, allarme/warning cumulativo max 8A Ith 250V.
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
6 Messaggi di comunicazione su display
6.1
Messaggi di attenzione
I testi riguardanti i messaggi di ATTENZIONE indicano un evento che è in atto ma che non genera il fermo del gruppo,
questi vengono visualizzati nella riga di comunicazione di pagina 0 (zero).
W 001 = ATTENZIONE: Livello Olio Insufficiente = Si ha il messaggio quando l’ingresso 14M2 è al negativo batteria ed il
parametro P102 è configurato come AVVISO SEMPRE.
ATTENZIONE: Livello Acqua Insufficiente W 003 = Si ha il messaggio quando l’ingresso 12M2 è al negativo
batteria ed il parametro P103 è configurato come AVVISO SEMPRE.
W 004 = ATTENZIONE: Carburante In Riserva = Si ha il messaggio quando l’ingresso 9M2 è al negativo batteria ed il
parametro P060 è configurato come AVVISO SEMPRE.
W 009 = ATTENZIONE: Minimo Livello Carburante = Si ha il messaggio quando l’ingresso 12M7 è attivo ed il parametro
P130 è configurato come AVVISO IN MOTO.
W 010 = ATTENZIONE: Massimo Livello Carburante = Si ha il messaggio quando l’ingresso 11M7 è attivo ed il
parametro P131 è configurato come AVVISO IN MOTO.
W 011 = ATTENZIONE: Livello Carburante = Si ha il messaggio quando l’ingresso 6M2 in funzione del valore nel
parametro P069 è al negativo batteria ed il parametro P126 è configurato come AVVISO IN MOTO, oppure con
P126 configurato come INGRESSO ANALOGICO e P069 impostato con un valore in percentuale compreso da
1 a 100.
W 012 = ATTENZIONE: Temperature Olio Alta = Si ha il messaggio quando l’ingresso 4M2 in funzione del valore nel
parametro P070 è al negativo batteria ed il parametro P127 è configurato come AVVISO IN MOTO, oppure con
P127 configurato come INGRESSO ANALOGICO e P070 impostato con un valore in °C/F compreso da 1 a
250.
Sistema Bloccato Stop Motore Attivo M15 = Perché ci possa essere il messaggio, a scheda spenta preme il
pulsante di STOP motore e mantenerlo premuto, poi alimentare la scheda e rilasciare il pulsante solo dopo il
power on, si avrà l’attivazione dell’uscita 8M1 stop motore. Questa funzione garantisce l’alimentazione
dell’elettrovalvola del carburante in modo da eseguire una corretta disaerazione del circuito di alimentazione
carburante, o per garantire l’alimentazione del regolatore ed il collegamento tra computer e regolatore
elettronico giri, anche a motore fermo per un tempo massimo di 52 minuti.
W 016 = ATTENZIONE: Alternatore Non Eccitato = Si ha il messaggio quando l’ingresso 6M1 collegato al morsetto D+/I
dell’alternatore carica batteria con motore in moto non cambia stato, da negativo a motore fermo a positivo a
motore in moto.
W 017 = ATTENZIONE: Filo D+ Isolato = Si ha il messaggio quando l’ingresso 6M1 collegato al morsetto D+/I
dell’alternatore carica batteria, da inizio al ciclo di avviamento e la scheda Evolution rileva la mancanza del
riferimento al negativo batteria.
W 018 = ATTENZIONE: Motore In FUORI Giri = Si ha il messaggio quando, il parametro P100 è configurato in
ABILITATO e la frequenza sconfina oltre i limiti consentiti. Il controllo è attivo da quando la scheda Evolution
sente il motore in moto.
W 019 = ATTENZIONE: Motore In BASSI Giri 9 = Si ha il messaggio quando, in funzione del parametro P058, la
frequenza è sotto i limiti consentiti. Il controllo è attivo dopo il ritardo lettura sonde (18 secondi).
W 020 = ATTENZIONE: Anomalia Carica Batterie = Si ha il messaggio quando all’ingresso 1M7 e 4M7 sono collegati i
segnali analogici che arrivano dal carica batterie, per avere in dettaglio il tipo di problema verificare gli ulteriori
messaggi visualizzati in pagina 3 del display.
W 021 = ATTENZIONE: Tensione Batteria Alta = Si ha il messaggio quando il valore della tensione di batteria sale oltre i
15V per configurazione 12V isteresi 0.5V, e di 30V per configurazione di 24V isteresi 1V. Il controllo è attivo
ogni volta che il motore è fermo, oppure da in moto dopo il ritardo lettura sonde (18 secondi).
W 022 = ATTENZIONE: Fare Manutenzione Al Motore = Si ha il messaggio quando è scaduto il conto alla rovescia nella
manutenzione del motore, se programmato.
W 023 = ATTENZIONE: Tensione Batteria Bassa = Si ha il messaggio quando il valore della tensione di batteria scende
sotto i 12V per la nominale di 12V isteresI 0.5V, e di 24 per la nominale di 24V. isteresi 1V, il controllo è attivo
ogni volta che il motore è fermo , oppure da in moto dopo il ritardo lettura sonde (18 secondi).
W 025 = ATTENZIONE: Tensione Gruppo troppo Alta = Si ha il messaggio quando la tensione del generatore sale oltre
il valore impostato nel parametro P055 per un tempo superiore a quello impostato nel parametro P053. Il
controllo è attivo da quando la scheda Evolution sente il motore in moto.
W 026 = ATTENZIONE: Tensione Gruppo troppo Bassa = Si ha il messaggio quando della tensione del generatore
scende sotto il valore impostato nel parametro P056 per un tempo superiore a quello impostato nel parametro
P054. Il controllo è attivo dopo il ritardo lettura sonde (18 secondi).
W 027 = ATTENZIONE: Assimetria Tensione Gruppo = Si ha il messaggio quando il valore dell’asimmetria del
generatore sale oltre il valore impostato nel parametro P057 per un tempo superiore a quello impostato nel
parametro P054. Il controllo è attivo dopo il ritardo lettura sonde (18 secondi).
W 028 = ATTENZIONE: Corrente Gruppo Troppo Alta = Si ha il messaggio quando il valore della corrente è superiore al
valore impostato al parametro P066 e parametro P064 configurato come AVVISO IN MOTO.
W 030 = ATTENZIONE: Scheda Automatica In Avaria = Si ha il messaggio quando manca la comunicazione tra la
scheda manuale e quella automatica, perché l’automatica è guasto oppure il pettine di collegamento è assente
o non ha una buona conduzione elettrica, il controllo è sempre attivo.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 54
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
W031 = ATTENZIONE: Gruppo NON in Automatico = Si ha il messaggio ogni volta che la scheda Evolution non si trova
nella funzione AUTOMATICO e parametro P084 configurato come ABILITATO.
6.2
Messaggi di allarme
I testi riguardanti i messaggi di ALLARME indicano un evento che si è verificato e ha generato il fermo del gruppo e
vengono visualizzati nella riga di comunicazione di pagina 0 (zero).
A032 = ALLARME : Bassa Pressione Olio = Si ha il messaggio quando all’ingresso 11M2 è al negativo batteria.
A033 = ALLARME : Livello Olio Insufficente = Si ha il messaggio quando l’ingresso 14M2 è al negativo batteria, ed il
parametro P102 è configurato come AVVISO E ALLARME.
A034 = ALLARME Temperatura Motore Alta = Si ha il messaggio quando l’ingresso 15M2 è al negativo batteria.
A035 = ALLARME: Livello Acqua Insufficiente = Si ha il messaggio quando l’ingresso 12M2 è al negativo batteria ed il
parametro P103 è configurato come ALLARME IN MOTO.
A036 = ALLARME: Carburante In Riserva = Si ha il messaggio quando l’ingresso 9M2 è al negativo batteria ed il
parametro P060 è configurato come AVVISO E ALLARME.
A039 = ALLARME: Blocco Elettroventilatore = Si ha il messaggio quando l’ingresso 13M2 è al negativo batteria ed il
parametro P104 è configurato come ALLARME SEMPRE o in MOTO
A041 = ALLARME: Minimo Livello Carburante = Si ha il messaggio quando l’ingresso 12M7 è al negativo batteria ed il
parametro P130 è configurato come ALLARME IN MOTO oppure ALLARME SEMPRE e parametro P132
configurato come INGRESSI LIBERI.
A042 = ATTENZIONE: Massimo Livello Carburante = Si ha il messaggio quando l’ingresso 11M7 è attivo ed il
parametro P131 è configurato come ALLERME IN MOTO oppure ALLARME SEMPRE e parametro P132
configurato come INGRESSI LIBERI.
A043 = ALLARME : Livello Carburante = Si ha il messaggio quando l’ingresso 6M2 in funzione del valore nel parametro
P069 è al negativo batteria ed il parametro P126 è configurato come ALLARME IN MOTO, ALLARME
SEMPRE.
A047 = ALLARME: Pulsante Emergenza Premuto = Si ha il messaggio quando all’ingresso 7M1 manca la tensione del
positivo batteria.
A048 = ALLARME: Alternatore Non Eccitato =Si ha il messaggio quando l’ingresso 6M1 collegato al morsetto D+/I
dell’alternatore carica batteria, con parametro P072 ABILITATO e motore in moto l’ingresso non cambia stato,
da negativo a motore fermo a positivo a motore in moto. Il controllo è attivo da quando la scheda Evolution
sente il motore in moto, e perché possa essere memorizzato deve mantenersi al negativo per un tempo di
almeno 10 secondi.
A049 = ALLARME: Filo D+ Isolato = Si ha il messaggio quando l’ingresso 6M1 collegato al morsetto D+/I
dell’alternatore carica batteria, con parametro P072 ABILITATO da inizio ciclo di avviamento e la scheda
Evolution rileva la mancanza del riferimento al negativo batteria.
A050 = ALARME: Motore In FUORI Giri = Si ha il messaggio quando, con parametro P100 ABILITATO e la frequenza
non rientra nei limiti. Il controllo è attivo da quando la scheda Evolution sente il motore in moto.
A051 = ALLARME: Motore In BASSI Giri = Si ha il messaggio quando, con parametro P058 ABILITATO e la frequenza
non rientra nei limiti. Il controllo è attivo da quando la scheda Evolution sente il motore in moto.
A053 = ALLARME: Mancato Stop Motore = Si ha il messaggio quando, dopo aver disalimentato l’uscita 8M1 il motore
non si ferma, il controllo del fermo avvenuto viene eseguito attraverso tre controlli, che sono; la tensione del
generatore che deve avere un valore inferiore di 20V, che l’ingresso di minima pressione olio motore11M2 sia
al negativo ed il parametro P110 ABILITATO e che il valore in tensione del D+/I sia con valore inferiore 1.6V.
A054 = ALLARME : Arresto Meccanico = Si ha il messaggio quando il motore si è fermato per cause proprie che non
sono imputabili al controllo alla scheda Evolution.
A055 = ALLARME : Mancato Avviamento = Si ha il messaggio quando al termine del singolo e dei tentativi multipli di
avviamento il motore non si avviato.
A056 = ALLARME : Bassa Pressione Olio Isolato = Si ha il messaggio quando con parametro P110 abilitato, al termine
del power on all’ingresso 11M2 non è presente il negativo batteria.
A057 = ALLARME : Tensione Gruppo Troppo ALTA = Si ha il messaggio quando al termine del tempo del parametro
P053 la tensione non è rientrata nei limiti. Il controllo è attivo da quando la scheda Evolution sente il motore in
moto.
A058 = ALLARME : Tensione Gruppo Tropo BASSA = Si ha il messaggio quando al termine del tempo del parametro
P054 la tensione non è rientrata nei limiti. Il controllo è attivo dopo il ritardo lettura sonde (18 secondi).
A059 = ALLARME : Asssimetria Tensione Gruppo = Si ha il messaggio quando al termine del tempo del parametro
P053 l’assimertia non è rientrata nei limiti. Il controllo è attivo dopo il ritardo lettura sonde (18 secondi).
A060 = ALLARME : Corrente Gruppo Toppo Alta = Si ha il messaggio quando il valore della corrente è superiore al
valore impostato al parametro P066 per il tempo di P065 e configurato come ALLARME IN MOTO il parametro
P064.
A061 = ALLARME : Memoria Corrotta = Si ha il messaggio quando i dati all’interno della memoria sono corrotti. In
questo caso si deve provvedere alla sostituzione della scheda.
A062 = ALLARME : Temperatura Alta Alternatore = Si ha il messaggio quando all’ingresso 3M2 è presente un valore di
resistenza tale da superare il valore impostato nel parametro P176.
A063 = ALLARME : Errore Generale Di Sistema = Guasto di entità tale che richiede la sostituzione della scheda.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 55
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
6.3
Messaggi di comunicazione
Messaggi di comunicazione,indicano uno stato o una funzione in cui si trova ilsistema in quelmomento.
MESSAGGI VISUALIZZATI IN PAGINA 0 ( ZERO ) DEL DISPLAY
M064 = Peri dettagl
i premere iltasto:ok = Si ha ilmessaggio a macchina ferma,o avviata con protezioni attive,come
spostarsi nel
l
a varie pagine deldispl
ay.
M065 = AVVIO:In Pausa => Tutto a riposo = Si ha ilmessaggio quando ci si trova nel
l
a fase di pausa tra l
a fine di un
avviamento e l
’
inizio del
l
’
al
tro.Iltempo di pausa e fisso a 3secondi.
M066 = AVVIO:In Attesa => D+ e Candel
ette = ON = Si ha ilmessaggio quando l
’
uscita 6M1 e 8M1 è attiva ,circa 2
secondi prima di abil
itare l
’
avviamento.
M065 = AVVIO:Motorino inserito = Si ha ilmessaggio quando ilmotorino di avviamento sta girando percercare di
avviare ilmotore e l
’
uscita 9M1 è attiva.
M068 = Motore in Moto:Protezioni Escl
use = Si ha ilmessaggio quando ilmotore è avviato ma l
e protezioni non sono
ancora attive,l
e protezioni sono attive dopo 18 secondi dal
l
’
avvenuto avviamento.
M069 = Arresto delmotore attendere prego… = Si ha ilmessaggio quando si è nel
l
a fase di spegnimento delmotore,in
cui è stata disattivata l
’
uscita 8M1 e si è in attesa che i val
ori di Hz, D+, e pressione del
l
’
ol
io siano
rispettivamente:< 20 Hz perl
a frequenza,< 1.6Vdc perilD+ e che l
a pressione del
l
’
ol
io attraverso l
’
ingresso
11M2 del
l
a sonda sia a massa (-Vdcbatteria).
MESSAGGI VISUALIZZATI IN PAGINA 3 (TRE) DEL DISPLAY
Questimessaggi sono presentisol
o se instal
l
ata l
a scheda AUTOMATICA (cod.SAP 117030007)
Messaggi rel
ativi al
l
o stato e funzionamento del
l
a commutazione..
M070 = Ritardo Commutazione = Si ha ilmessaggio con ilrel
ativo val
ore in secondi delconto al
l
a rovescia deltempo di
ritardo commutazione tra generatore e rete,rel
ativo alparametro P023
M071 = Ritardo contattori = Si ha ilmessaggio con ilrel
ativo val
ore in secondi delconto al
l
a rovescia deltempo l
egato
alparametro P081
M072 = Esecuzione testin corso = Si ha ilmessaggio quando è in corso iltestperiodico programmato rel
ativo ai
parametri P046,abil
itato da tastiera o da pc.
M073 = Commutazione contattori in corso = Si ha ilmessaggio quando è in corso iltempo rel
ativo al
l
’
apertura del
contatto di rete 7M6-10M6,e l
a chiusura delcontatto di gruppo 9M6-12M6,oppure viceversa.
M188 = Rete a carico = Si ha ilmessaggio quando ilcontatto rete 7M6-10M6 è chiuso.
M188a = Carico isol
ato = Si ha ilmessaggio quando entrambi i contatti7M6-10M6 e 9M6-12M6 sono entrambi aperti.
M189 = !!!ERRORE !!!= Si ha ilmessaggio quando si è in una condizione di avaria delmicroprocessore che control
l
a
l
al
ogica dei processi dei rel
è facenticapo ai contattiRETE 7M6-10M6,e GRUPPO 9M6-12M6.
M189a = Gruppo a carico = Si ha ilmessaggio quando ilcontatto gruppo 9M6-12M6 è chiuso
MESSAGGI RELATIVI ALLA POMPA CARICAMENTO CARBURANTE.
M190 = Pompa:AUT ON = Si ha ilmessaggio quando è abil
itato ilparametro P132 in Pompa carburante.Ilmessaggio
e presente quando ilsel
ettore scel
ta funzionamento delsistema di caricamento delcarburante è in Automatico
(AUT),con ingresso 5M7 attivo e ilcontatto 1M8 e 2M8 che comanda l
a pompa di riempimento carburante è
chiuso,perché attivi gl
i ingressi 6M7 e 9M7.
M190a = Pompa:AUT OFF = Si ha ilmessaggio quando è abil
itato ilparametro P132 in Pompa carburante.Ilmessaggio
e presente quando ilsel
ettore scel
ta funzionamento delsistema di caricamento delcarburante è in Automatico
(AUT),con ingresso 5M7 attivo e ilcontatto 1M8 e 2M8 che comanda l
a pompa di riempimento carburante è
aperto,perché non attivi i gl
i ingressi 6M7 e 9M7.
M191 = Pompa:MAN ON = Si ha ilmessaggio quando è abil
itato ilparametro P132 in Pompa carburante.Ilmessaggio
e presente quando ilsel
ettore scel
ta funzionamento delsistema di caricamento delcarburante viene tenuto
manual
mente forzato in Manual
e (MAN),con ingresso 3M7 attivo e ilcontatto 1M8 e 2M8 che comanda l
a
pompa di riempimento carburante è chiuso,.-perché non è attivo l
’
ingresso 11M7.
M191a = Pompa: MAN OFF = Si ha il messaggio quando è abil
itato il parametro P132 in Pompa carburante. Il
messaggio e presente quando ilsel
ettore scel
ta funzionamento delsistema di caricamento delcarburante
viene tenuto in posizione di Manual
e (MAN),e ilcontatto 1M8 e 2M8 che comanda l
a pompa di riempimento
carburante è aperto,perché attivo l
’
ingresso 11M7.
M192 = Pompa:Bl
occata = Si ha ilmessaggio quando è abil
itato ilparametro P132 in Pompa carburante.Ilmessaggio
e presente quando ilsel
ettore scel
ta funzionamento delsistema di caricamento delcarburante viene tenuto in
posizione di 0 (zero)ingressi 3M7 e 5M7 non attivi.
MESSAGGI RELATIVI ALLA RETE.
M193 = Rete presente = Si ha ilmessaggio quando i val
ori e i tempi a fronte dei parametri P040-041-042-043-044 sono
in sogl
ia.
M193a = Mancanza fase/i = Si ha ilmessaggio quando i val
ori e i tempi a fronte dei parametri P040-041-042-043-044
non sono in sogl
ia.
M194 = Massima tensione = Si ha ilmessaggio quando l
a tensione è ol
tre i val
ori impostatinei parametri P040 e P043.
M194a = Sotto tensione = Si ha ilmessaggio quando l
a tensione è sotto i val
ori impostatinei parametri P041 e delP043.
M195 = Asimmetria = Si ha ilmessaggio quando l
a tensione è sotto i val
ori impostatinei parametri P042 e delP043.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 56
DT-5011 -April
e 2006 -rev.01
Stampato in Ital
ia.-Tutti i diritti riservati.
WIZARD
MESSAGGI RELATIVI AL CARICA BATTERIE
M196a = Carica lenta = Si ha il messaggio quando sono collegati gli ingressi 1M7 e 4M7 al carica batterie. Il messaggio
indica che il carica batteria sta effettuando una carica con valore di corrente ridotta.
M197 = Carica veloce = Si ha il messaggio quando sono collegato gli ingressi 1M7 e 4M7 al carica batterie. Il
messaggio indica che il carica batteria sta effettuando una carica al massimo valore di corrente .
M197a = In pausa = Si ha il messaggio quando sono collegati l’ingressi 1M7 e 4M7 al carica batterie. Il messaggio indica
che il carica batteria non sta caricando, ed è in attesa che il valore di tensione della batteria scenda sotto il
valore impostato per poter iniziare la ricarica
M198 = V ingresso bassa = Si ha il messaggio quando sono collegati gli ingressi 1M7 e 4M7 al carica batterie. Il
messaggio indica che non è presente ai morsetti dell’alimentazione una tensione sufficientemente per poter
alimentare il carica batterie.
M198 = Batteria non connessa = Si ha il messaggio quando sono collegati ingressi 1M7 e 4M7 al carica batterie. Il
messaggio indica che non ce collegamento fisico tra il carica batterie e le batterie, o il valore di tensione
generato è talmente basso che viene interpretato come assente dal carica batterie.
M199 = Volt batteria bassa = Si ha il messaggio quando sono collegati gli ingresso 1M7 e 4M7 al carica batterie. Il
messaggio indica che il valore di tensione generato della batteria è troppo basso e non viene consentita la
ricarica.
M199a = Carica fallita = Si ha il messaggio quando sono collegati gli ingressi 1M7 e 4M7 al carica batterie. Il messaggio
indica che in un tempo determinato la batteria non ha raggiunto un valore di tensione prestabilito, per cui la
carica è stata sospesa. Per poter resettare e ripartire con la carica,bisogna scollegare i connettori dei cavi
collegati al carica batterie.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 57
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
7 Gestione della memoria
GESTIONE MEMORIA è la sesta pagina di lavoro, nella quale si può gestire il salvataggio o la visualizzazione dei dati
salvati. Essa è divisa in due parti, quella superiore relativa alla visione di un file esterno o alla scrittura di uno esterno
nella scheda, e quella inferiore riservata al salvataggio dei dati della scheda.
1=
2=
3=
4=
5=
6=
7=
8=
9=
10 =
11 =
12 =
13 =
14 =
15 =
16 =
Pulsante relativo alla finestra di ricerca e selezione di un file in precedenza salvato.
Finestra di visualizzazione del nome e della collocazione del file selezionato.
Finestra di descrizione dei dati del file caricato, sulla quale viene visualizzato il tipo di file, la data di creazione, il numero di serie
della scheda manuale cod. SAP 117030006 dalla quale è stato scaricato, e gli eventuali commenti indicati nel punto 7.
Finestra di visualizzazione dei processi di scrittura durante le fasi di carico.
Pulsante relativo all’avvio del processo di carico del file selezionato, esso è attivo solo se si sta lavorando in ON-LINE con la
scheda del gruppo elettrogeno. Particolare attenzione deve essere posto l’avvio di questo comando, in quanto va a caricare e
sovrascrivere i valori dei parametri di un file esterno nella scheda stessa cancellandone i valori originali. Prima di fare questa
operazione è sempre consigliabile salvare una copia originale del file della scheda.
Finestra di visualizzazione del nome e della collocazione del file che ci si approccia a salvare.
Finestra che serve ad inserire se si vuole, un testo di commento al file che si stà salvando.
Serve a ricaricare tutti i dati della scheda Evolution, equivale a chiedere e quindi riaprire il collegamento con il gruppo.
Indica lo stato di comunicazione tra la scheda Evolution ed il pc.
Indicatore dello stato di comunicazione tra computer e scheda.
Pulsante di apertura della finestra relativa al salvataggi del file in uso.
Finestra di visualizzazione dei processi di scrittura durante le fasi di salvataggio.
Pulsante relativo all’avvio del processo di salvataggio del file.
Abilitazione allo scarico parziale dei dati della scheda, questa funzione è utile quando non si vogliono avere dei file che accupino
tanta moria nel computer. Lo scarico parziale comunque non compromette la sucessiva consultazione e l’uso del file, in quanto le
uniche cose che non vengono salvate sono le cinque lingue in uso nella scheda, le quali non potranno più essere consultate in
FABBRICA 1C.
Pulsante è attivo solo in OFF LINE, è serve al salvataggio di un file in precedenza caricato. Questa funzione permette ad esempio
con un file di lavoro creare un file in ufficio, per poi in un secondo tempo trasferirlo sulla macchina,
Pulsante relativo all’avvio del processo di carico del file selezionato, esso è attivo solo se si sta lavorando in OFF-LINE.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 58
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
8 Gestione della black box
GESTIONE BLACK BOX è la settima pagina di lavoro, nella quale si ha la possibilità di visionare lo storico salvato nella
memoria interna della scheda automatica cod. SAP 117030007, esso e consultabile fino a un valore massimo di
quattromila eventi.
1=
2=
3=
4=
5=
6=
7=
8=
9=
10 =
11 =
12 =
13 =
14 =
Pulsante relativo al comando di aggiornamento dei dati. Premendo il pulante si aggiornano gli eventi del punto 2 e 3.
Finestra di indicazione degli eventi archiviati nella memoria della scheda ma non ancora scaricati.
Finestra di indicazione degli eventi totali fino ad ora archiviati nella memoria della scheda.
Abilitazione alla ricerca del solo inizio degli eventi, solo per eventi che hanno una fine ed un inizio.
Numero di eventi scaricati dalla scheda e resi consultabili.
Codice degli eventi espressi rispettivamente in;giorno, mese, anno, ora, minuti e secondi di ogni singolo evento.
Pulsante relativo al salvataggio per l’esportazione del file in visione, l’esportazione permete la consultazione e l’analisi dei dati
anche in un secondo tempo, o la trasmissione dei dati per posta elettronica per una analesi più approfondita da parte del centro
assistenza o del costruttore
Pulsante relativo all’apertura di una finestra denominata STATISTICHE EVENTI BLACK BOX, essa permette di avviare delle
statistiche con i dati fino a ora salvati nella memoria della scheda.
Finestra di visualizzazione del nome e della collocazione del file selezionato.
Pulsante relativo allo scarico completo di tutti gli eventi registrati, se premuto consente lo scarico di tutti gli eventi fino ad ora
registrati.
Pulsante relativo alla crazione del file di consultazione degli eventi registrati, una volta premuto si aprirà una finestra dove verra
chiesto di creare un file, in modo tale da creare un luogo di archivio dei dati registrati nella memoria della scheda, questo archivio
può essere sempre aggiornato attraverso i pulsanti nei punti 10 e 12.
Pulsante relativo allo scarico parziale degli eventi registrati, se premuto da inizio allo scarico dei soli eventi indicati nel punto 2,
cioè di quegli eventi registrati nella memoria della scheda ma non ancora caricati nel file generato nel punto 11.
Storico degli eventi archiviato per righe, ogni riga oltre ai dati espressi nel punto 6 associa all’evento registrato un testo di
descrizione, e per alcuni controlli i valori delle misure legate al controllo. Ogni volta che vengono salvati i cambi di stato si esegue
un salvataggio di alcuni parametri di configurazione, questi vengono espressi con tre stringhe da otto numeri in codice binario
insieme al testo. Per facilitare l’individuazione degli eventi sono stati asssociati dei colori;rosso per quegli stati che determinano il
fermo del gruppo, giallo per quegli stati i cui valori non sono all’interno della finestra prestabilita ma non determinano il fermo del
gruppo, grigio per i cambi di stato.
Se fosse necessario ricercare un particolare evento, il sistema attraverso un doppio clic sulla riga di testo con il tasto destro, o
inserendo il codice dell’evento nel punto 14, si ha la possibilità con i tasti F11 e F12 di andare scorrere tutte le volte in cui si è
verificato l’evento.
Finestra di inserimento codice per ricerca
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 59
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
8.1
1=
2=
3=
4=
5=
6=
7=
8=
9=
10 =
Statistiche eventi black box
Pulsante relativo al comando di avvio del calcolo delle statistiche.
Selezione gli eventi raggruppati per categoria.
Selezione gli eventi ordinati per codice evento.
Codice della categoria.
Codice dell’evento.
Descrizione della categoria in cui si trova il cursore nella finestra 10.
Pulsante di uscita dalla finestra.
Durata complessiva dell’evento, vale per gli eventi che hanno un codice di inizio ed uno di fine.
Numero totale di eventi con lo stesso codice.
Testo di descrizione legato all’evento.
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 60
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
9 Esempi di collegamento
9.1
Collegamento PC – Wizard via RS 485
Attraverso il convertitore seriale RS 485/232 (cod. SAP 117030005) è possibile collegare alla scheda Wizard altri gruppi, ed effettuare il monitoraggio attraverso un PC
con il programma GEVISA, il collegamento può essere effettuato fino ad un massimo di 32 gruppi con l’apertura contemporanea di massimo quattro finestre.
Le uscite RS485 dei connettori M5 delle schede Wizard manuale dovranno essere collegate in parallelo sul BUS 485, costituito da un cavo schermato per trasmissione dati in classe 5 di
buona qualità. Al fine di evitare disturbi nella qualità del segnale, si dovrà garantire nella posa del cavo una distanza di sicurezza da cavi di potenza generatrici di campi magnetici.
L’alimentazione del convertitore deve avvenire attraverso un alimentatore a 12 Vdc (non fornito), inoltre all’interno è posta una batteria ricaricabile che rende possibile il collegamento anche
con rete assente, con una autonomia è di circa 2 ore. La procedura del collegamento, dell’abilitazione, e dell’uso del software è descritta in “PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DEL
SOFTW ARE”.
Attenzione: la distanza massima tra i due dispositivi più lontani su bus RS485 non deve superare i 1000 m.
CONVERTER
c
od.117030005
MAX32GENSETL
INK
I
COM
9PIN
RS458MAX1Km
RS232MAX6mt
PINt
oPIN
9PIN
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 61
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
9.2
Collegamento Wizard – scheda 20 allarmi via RS 485
Attraverso la comunicazione seriale RS 485 è possibile collegare una scheda per remotare delle segnalazioni di allarme, di warning, o di stato del gruppo elettrogeno.
Queste segnalazioni sono accessibili attraverso dei contatti in scambio liberi da tensione. La scheda 20 ALLARMI permette di usufruire di 20 contatti assegnati alle funzioni più importanti, e
possono essere usati per segnalazioni su sinottici o con PLC, per la gestione e supervisione dell’impianto. Il collegamento RS485 permette di posizionare la scheda direttamente vicino al
sistema interfaccia, rendendo più razionale la gestione nella stesura della quantità dei cavi nell’impianto.
RS 485 MAX 1 Km
BELTRAME C.S.E.
ViaSan Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 62
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
SCHEDA 20 ALLARMI
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 63
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
9.3
Collegamento Wizard – scheda 20 allarmi – PC via RS 232
RS 485 MAX 1 Km
Attraverso la comunicazione RS 232 è possibile collegare un PC alla scheda 20 ALLARMI. Questo collegamento permette di usufruire oltre che dei contatti liberi da tensione, anche il
collegamento di un pc via porta seriale RS232.
COM 9 PIN
I
COM
9 PIN
RS 232 MAX 6 mt
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 64
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.
WIZARD
9.4
Collegamento Wizard – scheda 20 allarmi – PC via RS 485-422
I
RS 232 MAX 3 mt
COM 25 PIN
COM
921 PIN
RS 422 MAX 1 Km
RS 485 MAX 1 Km
Questo collegamento rispetto al precedente, permette attraverso il collegamento RS485 di portare il PC al una distanza superiore rispetto ad un collegamento RS232.
21 PIN
DTE
DTE
DTE
RS232 to RS485/
422
RS232 to RS485/
422
BELTRAME C.S.E.
Via San Pio X, 104 – 35015 Galliera Veneta (PD)
Pagina 65
DT-5011 - Aprile 2006 - rev. 01
Stampato in Italia. - Tutti i diritti riservati.

Documenti analoghi