pagina dedicata

Transcript

pagina dedicata
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 1 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
TITOLO: Procedure di riconoscimento, ai sensi del regolamento CE n. 853/04, degli
stabilimenti che trattano alimenti di origine animale
Sommario
1. scopo ............................................................................................................................................. 5
2. campo di applicazione e destinatari .............................................................................................. 5
3. riferimenti legislativi .................................................................................................................... 7
4. termini e definizioni ...................................................................................................................... 8
5. modalità operative : riconoscimenti di stabilimenti di nuova apertura......................................... 8
6. modalità operative: voltura/subentro del riconoscimento di uno stabilimento già riconosciuto .. 9
7. modalità operative: estensione del riconoscimento per modifiche strutturali e/o impiantistiche
e/o di lavorazione che comportano sostituzioni o aggiunte alla tipologia di categoria e/o di attività
produttiva ........................................................................................................................................... 10
8. modalità operative : sospensione temporanea o cessazione definitiva dell'attività .................... 11
9. modalità operative: variazioni strutturali e/o impiantistiche e/o di lavorazione, che non
comportano sostituzioni o aggiunte alla tipologia di categoria e/o di attività produttiva .................. 11
10.
modalità operativa: variazioni del legale rappresentante, o della ragione sociale o
denominazione dell’impresa, o della sede legale ............................................................................... 12
11.
modalità operativa: sospensione/revoca del riconoscimento comunitario su disposizione
dell’autorità competente ..................................................................................................................... 12
12.
Sanzioni................................................................................................................................... 13
13.
Allegati .................................................................................................................................... 14
MOD. A/1 Istanza riconoscimento .............................................................................................. 15
MOD. A/2 Istanza voltura / subentro ............................................................................................ 17
MOD. A/3 Istanza estensione riconoscimento .............................................................................. 19
MOD. A/4 Comunicazione sospensione/cessazione..................................................................... 21
MOD. A/5 Comunicazione variazioni strutturali .......................................................................... 22
MOD. A/6 variazione legale rappresentante / ragione sociale/ denominazione /sede legale ....... 24
MOD. A/7 Scheda tecnica stabilimento ........................................................................................ 25
MOD. A/8 Autocertificazione....................................................................................................... 29
MOD. B/1 Nulla-osta riconoscimento condizionato..................................................................... 30
MOD. B/2 Nulla-osta riconoscimento definitivo .......................................................................... 31
MOD. B/3 Nulla-osta voltura/estensione ...................................................................................... 32
MOD. B/4 Comunicazione sospensione/ cessazione .................................................................... 33
MOD. B/5 Comunicazione variazioni strutturali .......................................................................... 34
MOD. B/6 Comunicazione variazioni regione sociale / denominazione/ sede legale .................. 35
MOD. B/7 Verbale di ispezione stabilimento CE ......................................................................... 36
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 2 di 38
Redazione, Convalida ed Approvazione
Redatta
Dott. Giuseppe Lo Presti
Convalidato da RQ
Dott.ssa Maria Anna Barraco
Approvata dal Responsabile del Servizio di
Igiene Alimenti di Origine Animale
Dott. Giuseppe Lo Presti
Adottata dal Direttore DP
Dott. Salvatore Cuffaro
Lista di Revisione
Rev.01 del 18/06/2013
Redatta dal Dirigente Veterinario
SIAOA
Redatta dal Dirigente Veterinario
SIAOA
Approvato dal Direttore SIAOA
Convalidato
dal
Responsabile
Qualità
Approvato dal Direttore DPV
Descrizione modifica : recepimento
procedura
DASOE
e
nuova
modulistica
Dr. De Marco Angelo
Dr. Gerardi Ignazio
Dr. Filocco Andrea
Dr. Sala Bartolo
Dott. Cuffaro Salvatore
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
N.
Copia
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 3 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
Modalità
(Nella
distribuzione informatica è
obbligo del destinatario
inviare, per e-mail, al
Responsabile SIAOA la
comunicazione
di
“Conferma lettura”)
Destinatario
2.
Direttore
Dipartimento
Prevenzione Veterinaria
Responsabile Qualità
3.
Direttore Servizio Igiene AOA
Dott. Filocco Andrea
4.
Direttore SIAPZ
Dr. Izzo Antonio
Cartacea █
Informatica █
Cartacea █
Informatica █
Cartacea █
Informatica █
Informatica █
5.
Direttore del Servizio Igiene
PCPLC;
Coordinatore dei Servizi Veterinari
Distretto di Sciacca
Coordinatore dei Servizi Veterinari
Distretto di Ribera
Coordinatore dei Servizi Veterinari
Distretto di Bivona
Coordinatore dei Servizi Veterinari
Distretto di Casteltermini
Coordinatore dei Servizi Veterinari
Distretto di Agrigento
Coordinatore dei Servizi Veterinari
Distretto di Canicattì
Coordinatore dei Servizi Veterinari
Distretto di Licata
Responsabile U.F. SIAOA
Distretto di Sciacca
Responsabile U.F. SIAOA
Distretto di Ribera
Responsabile U.F. SIAOA
Distretto di Bivona
Responsabile U.F. SIAOA
Distretto di Casteltermini
Dirigente Veterinario
Dirigente Veterinario
Dirigente Veterinario
Dirigente Veterinario
Dirigente Veterinario
Dirigente Veterinario
Dirigente Veterinario
Dott. Alfano Lorenzo
Informatica █
1.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.
17.
18.
19.
20.
21.
22.
23.
di Dott. Salvatore Cuffaro
Dott. Sala Bartolo
Dott.ssa
Natalia
Cinzia Informatica █
Sciortino
Dott. Calogero Geraci
Informatica █
Dott. Salvatore Ciccarello
Informatica █
Dott. Carmelo Panepinto
Informatica █
Dott. Vincenzo Cappello
Informatica █
Dott. Salvatore Pacinella
Informatica █
Dott. Giuseppe Licata
Informatica █
Dott. Ignazio Gerardi
Informatica █
Dott. Gioacchino D’Azzo
Informatica █
Dott. Ignazio Spoto
Informatica █
Dott. Roberto Cigno
Informatica █
Dr. Bono Michele
Dr. Schittone Vincenzo
Dr. Piscopo Alfonso
Dr. Carbone Giuseppe
Dr. Sciara Filippo
Dr. Rotolo Alfonso
Dr. De Marco Angelo
Informatica █
Informatica █
Informatica █
Informatica █
Informatica █
Informatica █
Informatica █
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
24.
25.
26.
27.
28.
29.
30.
31.
32.
Tecnico
Vigilanza
Tecnico
Vigilanza
Tecnico
Vigilanza
Tecnico
Vigilanza
Tecnico
Vigilanza
Tecnico
Vigilanza
Tecnico
Vigilanza
Tecnico
Vigilanza
Tecnico
Vigilanza
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 4 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
Prevenzione
U.O. Dr. Butticè Angelo
Informatica █
Prevenzione
U.O. Dr. Cuttaia Gerardo
Informatica █
Prevenzione
U.O. Dr. Gallè Calogero
Informatica █
Prevenzione
U.O. Dr. Ruggeri Salvatore
Informatica █
Prevenzione
U.O. Dr. Zappulla Angelo
Informatica █
Prevenzione
U.O. Dr. Avanzato Mario
Informatica █
Prevenzione
U.O. Dr. Gramaglia Gerlando
Informatica █
Prevenzione
U.O. Dr. Russo Sebastiano
Informatica █
Prevenzione
U.O. Dr. Scichilone Salvatore
Informatica █
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 5 di 38
1.
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
SCOPO
Scopo della presente procedura è:
adeguare le attuali modalità applicate con la procedura già esistente del 18/11/2009 per il
riconoscimento, ai sensi del Reg. CE 853/2004, degli stabilimenti che trattano alimenti di origine
animale, stabilendo criteri istruttori semplificati e uniformi in modo da garantire una armonica e
univoca gestione nel territorio di questa ASP delle istanze di riconoscimento delle imprese
alimentari. La presente procedura sarà applicata fino all’emanazione di nuove e specifiche direttive
nazionali o comunitarie.
2.
CAMPO DI APPLICAZIONE E DESTINATARI
2.1. Campo di applicazione
La normativa vigente su tutto il territorio comunitario sull'igiene e la sicurezza dei prodotti
alimentari prevede l’obbligo in capo agli operatori del settore alimentare (OSA) di garantire che
nelle imprese da essi controllate gli alimenti soddisfino le disposizioni della legislazione alimentare
inerenti le loro attività in tutte le fasi della produzione, trasformazione e distribuzione, e l’obbligo di
verificare che tali disposizioni siano attuate(Reg. CE 178/2004, art. 17,18).
L'esecuzione dei controlli ufficiali, ai sensi del Reg. 882/04, lascia impregiudicata la responsabilità
legale, in via principale, degli OSA come previsto dal Reg. n. 178/02 e la responsabilità civile o
penale risultante dalla violazione dei loro obblighi. Le AC, per quanto di loro competenza,
controllano e garantiscono attraverso il controllo ufficiale il rispetto di questa responsabilità
utilizzando le tecniche di controllo più idonee.
Il Reg. 853/04 prevede che le imprese alimentari immettano sul mercato prodotti di origine animale
fabbricati nella Comunità solo se preparati e manipolati esclusivamente in stabilimenti riconosciuti
ai sensi dello stesso regolamento. L’attività degli stabilimenti che trattano prodotti di origine
animale è pertanto subordinata al possesso del Decreto di riconoscimento rilasciato ai sensi del Reg.
n. 853/04.
Pertanto, le presenti procedure si applicano alle unità produttive operanti nel territorio di questa
ASP soggette a riconoscimento ai sensi del Reg. n. 853/04, fermo restando quanto già previsto
dalla normativa alimentare comunitaria e nazionale, con particolare riferimento ai regolamenti CE
178/2002, 852/2004, 853/2004, 854/2004 e 882/2004 e dagli accordi tra stato, regioni e province
autonome relativi alle linee guida applicative dei regolamenti 852/2004 e 853/2004.
Al fine di garantire un’ armonica e univoca gestione delle istruttorie relative al riconoscimento degli
stabilimenti che trattano prodotti di origine animale, di seguito vengono specificate le procedure
finalizzate a:
1. riconoscimento di stabilimenti di nuova attivazione;
2. voltura/subentro del riconoscimento di uno stabilimento;
3. estensione del riconoscimento per modifiche strutturali e/o impiantistiche e/o di lavorazione che
comportano sostituzioni o aggiunte alla tipologia di categoria e/o di attività produttiva;
4. sospensione temporanea o cessazione definitiva dell'attività;
5. variazioni strutturali e/o impiantistiche e/o di lavorazione che non comportano sostituzioni o
aggiunte alla tipologia di categoria e/o di attività produttiva;
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 6 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
6. variazioni del legale rappresentante, della ragione sociale o denominazione, o della sede legale
dell’impresa.
Le istanze di riconoscimento, quelle di voltura e quelle di estensione dello stesso, devono essere
presentate dai responsabili delle imprese alimentari in tre copie, di cui una in bollo, e indirizzate
all'Assessorato Regionale della Salute per il tramite del Servizio Igiene degli Alimenti di Origine
Animale (S.I.A.O.A.) della A.S.P. di Agrigento, utilizzando la modulistica allegata.
Per le procedure di cui ai precedenti punti 4, 5 e 6, le comunicazioni devono essere presentate dai
responsabili delle imprese alimentari in quattro copie, in carta semplice, e indirizzate
all'Assessorato Regionale della Salute per il tramite del S.I.A.O.A. dell'A.S.P. di Agrigento, sempre
secondo la modulistica allegata.
Le istanze possono essere inviata per posta, a mezzo di raccomandata con ricevuta di ritorno,
oppure consegnata “brevi manu” al SIAOA della ASP di Agrigento Viale della Vittoria n. 321: nel
primo caso farà fede la data di ricezione della pratica da parte dell’ASP, nel secondo caso la data
di assunzione al protocollo della struttura accettante.
Tutti i documenti allegati devono essere in originale o in copia conforme. Le dichiarazioni
sostitutive di certificazioni devono essere sottoscritte secondo le modalità previste dalle norme
vigenti in materia e accompagnate da fotocopia di documento di identità del dichiarante.
Con l’entrata in vigore del D.lgs. 159/2011, inerente la documentazione antimafia, le A.S.P.
dovranno acquisire d’ufficio, tramite la Prefettura della stessa provincia, la comunicazioni antimafia
relativa ai soggetti di cui all'art. 85 dello stesso decreto. Non è più possibile equiparare il certificato
della C.C.I.A.A. munito della “dicitura antimafia” alla comunicazione antimafia.
Per una agevole archiviazione di tutte le istanze, la documentazione compresa di allegati con
planimetria / relazione tecnica e Piano di autocontrollo, deve essere prodotta su supporto
informatico (CD) od invita via email all’indirizzo: [email protected]
Le attività svolte nello stabilimento devono essere indicate attraverso la compilazione della scheda
di rilevazione tipologia di attività e prodotti (Mod. A7).
Sono soggette a Riconoscimento Comunitario con le modalità della presente procedura le attività
riportate nella lista non esaustiva degli stabilimenti soggetti a riconoscimento di cui all’Allegato 2
delle linee guida del Regolamento Comunitario n. 853/04 “Accordo tra il Ministero della Salute, le
Regioni e Province autonome del 9 febbraio 2006, relativo a “Linee Guida applicative del
Regolamento n. 853/04, attualmente ricomprese nel Mod. A 7 (scheda tecnica stabilimento).
Sono escluse dal campo di applicazione della presente procedura, essendo soggette all’obbligo
della Registrazione DIA con le modalità previste dalla apposita procedura, le attività sotto
elencate:
• La produzione primaria, comprese le attività di trasporto, di magazzinaggio e di
manipolazione, intese come operazioni associate ai prodotti primari, sul luogo di
produzione, a condizione che questi non subiscano alterazioni sostanziali della loro natura
originaria.(per l’esatta definizione di “fornitura diretta”, “commercio al dettaglio”, “piccolo
quantitativo”, “livello locale”, si rimanda alle Linee Guida ed alla Procedura PRO SIA 1
DIA.
• La fornitura diretta di piccoli quantitativi di prodotti primari dal produttore al consumatore
finale o a dettaglianti locali che riforniscono direttamente il consumatore finale;
• La vendita al dettaglio o ambulante;
• Le attività di produzione e trasformazione la cui prevalenza, in termine di volumi, sia
destinata alla vendita al dettaglio.
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 7 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
La presente procedura non si applica, altresì, al riconoscimento dei seguenti stabilimenti:
• stabilimenti per la produzione di prodotti a base di latte con attrezzature storiche in deroga
• navi frigorifero
• navi officina
2.2 Destinatari
La presente procedura è destinata:
• ai dirigenti veterinari dell’ASP addetti ai procedimenti di registrazione delle attività di
produzione di alimenti ai sensi del Regolamento CE n. 853/04;
• al personale amministrativo di supporto degli uffici distrettuali dei Servizi Veterinari;
• agli OSA che intendono iniziare o che operano nel territorio di competenza di quest’ ASP.
Questa procedura sarà comunicata ai Comuni ed all’Assessorato Regionale alla Sanità Dipartimento per le Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico (Servizio IV).
La presente procedura, con la modulistica allegata, sarà disponibile presso il sito dell’ASP di AG,
(www.aspag.it) oltreché presso gli uffici distrettuali dei Servizi Veterinari.
3.
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
RIFERIMENTI LEGISLATIVI
Regolamento CE n. 178/2002
Regolamento CE n. 852/2004
Regolamento CE n. 853/2004
Regolamento CE n. 854/2004
Regolamento CE n. 882/2004
Documento DG SANCO 2179/2005 Revision 5 “Technical specifications in relation to the
master list and the lists of approved food establishments”, che definisce le categorie e le
attività produttive al fine di classificarle per il riconoscimento ai sensi Reg. CE 853/2004.
Regolamento CE n. 2073/2005
Decreto legislativo n. 193 del 6 novembre 2007
Decreto legislativo n.159 del 6 settembre 2011 relativo a “Codice delle leggi antimafia e
delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione
antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136”
Linee guida applicative del Regolamento 852/2004/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio del 29 aprile 2004 sull'igiene dei prodotti alimentari
Linee guida applicative del Regolamento n. 853/2004/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio sull'igiene dei prodotti di origine animale
Linee guida sui criteri per la predisposizione dei piani di autocontrollo per l'identificazione e
la gestione dei pericoli negli stabilimenti che trattano alimenti di origine animale di cui al
regolamento CE 853/04
Linee guida per il funzionamento e il miglioramento dell'attività di controllo ufficiale da
parte del Ministero della Salute, delle regioni e province autonome e delle AASSLL in
materia di sicurezza degli alimenti e sanità pubblica veterinaria
D.D.G. N° 657/13 “Procedure di riconoscimento, ai sensi del regolamento CE n. 853/04,
degli stabilimenti che trattano alimenti di origine animale” del 08/04/2013.
Decreto lgs n°190 del 05 Aprile 2006.
Decreto lgs n°193 del 06 Novembre 2007.
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 8 di 38
4.
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
TERMINI E DEFINIZIONI
Produzione primaria : “tutte le fasi della produzione, dell’allevamento o della coltivazione dei
prodotti primari, compresi il raccolto, la mungitura e la produzione zootecnica precedente la
macellazione e comprese la caccia, la pesca e la raccolta di prodotti selvatici”
Prodotto primario: “i prodotti della produzione primaria compresi i prodotti della terra,
dell’allevamento, della caccia e della pesca
Alimenti: (o prodotto alimentare o derrata alimentare) qualsiasi sostanza o prodotto trasformato,
parzialmente trasformato o non trasformato destinato ad essere ingerito da esseri umani
Prodotti di origine animale: alimenti di origine animale compresi il miele ed il sangue, molluschi
bivalvi vivi, echinodermi vivi, tunicati vivi e gasteropodi marini vivi destinati al consumo umano
Prodotti non trasformati: prodotti alimentari che non sono stati sottoposti a trattamento, compresi i
prodotti che sono stati separati, sezionati, divisi, affettati, disossati, tritati, scuoiati, frantumati,
tagliati, puliti, rifilati, decorticati, macinati, refrigerati, congelati, surgelati o scongelati
Prodotti trasformati: prodotti alimentari ottenuti dalla trasformazione (cioè sottoposti a un
trattamento) di prodotti non trasformati. Tali prodotti possono contenere ingredienti (compresi gli
additivi, i coloranti e altre sostanze quali frutta, spezie, erbe) necessari alla loro lavorazione
Prodotti composti: Prodotti alimentari contenenti prodotti di origine vegetale e prodotti trasformati
di origine animale.
Trattamento: qualsiasi azione che provoca una modificazione sostanziale del prodotto iniziale,
comprendente il trattamento termico, affumicatura, salagione, stagionatura, essiccazione,
marinatura, estrazione, estrusione o una combinazione di questi procedimenti
SIAOA: Servizio di Igiene degli Alimenti di Origine Animale;
DPV: Dipartimento di Prevenzione Veterinario;
ASP: Azienda Sanitaria Provinciale;
OSA: Operatore del Settore Alimentare;
L.R. : Legale Rappresentante
DASOE: Direzione Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico, ufficio regionale preposto al
rilascio dell’Approval Number condizionato o definitivo ed alle annotazioni nel sistema SINTESI
nazionale e comunitario.
Per ulteriori definizione non riportare nel suddetto paragrafo, fare riferimento ai Reg. Ce 178/2002,
Reg. Ce 852/2004 e Reg. Ce 853/2004.
5.
MODALITÀ OPERATIVE : RICONOSCIMENTI DI STABILIMENTI DI NUOVA APERTURA
Un nuovo stabilimento può avviare l'attività solamente a seguito di un provvedimento di
riconoscimento condizionato che verrà trasformato in definitivo dopo un ulteriore sopralluogo con
esito favorevole effettuato dall'A.S.P.
La richiesta di riconoscimento deve essere avanzata dal responsabile dell'impresa alimentare tramite
istanza in triplice copia di cui una in bollo, come da modello allegato (Mod. A1) , corredata della
documentazione tecnica e amministrativa elencata nello stesso modello, in originale o in copia
conforme ed integrata da Piano di Autocontrollo aziendale sull'analisi dei rischi condotta secondo i
principi dell'HACCP, piano che dovrà risultare adeguato alla natura e alle dimensioni dello
stabilimento (quest’ultimo deve essere consegnato su supporto informatico).
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 9 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
Per una agevole archiviazione di tutte le istanze, la documentazione compresa di allegati con
planimetria / relazione tecnica ed il Piano di Autocontrollo, deve essere prodotta su supporto
informatico (CD) od invita via email all’indirizzo [email protected]
A seguito della presentazione dell'istanza di riconoscimento il Servizio I.A.O.A.:
a) verifica la correttezza formale dell'istanza e la completezza della documentazione allegata,
avviando le procedure di verifica, secondo le modalità previste dalla legge, dei requisiti
autodichiarati;
b) effettua il sopralluogo ispettivo presso lo stabilimento utilizzando idonea check-list (MOD. A9),
previo pagamento delle somme previste dal tariffario aziendale con integrazione eventuale
trasferta.
Solo in caso di esito favorevole del sopralluogo, supportato da relativo verbale del dirigente
veterinario che attesti che lo stabilimento possiede i requisiti igienico-sanitari e strutturali previsti
dalla legislazione vigente, il Direttore del Servizio IAOA trasmette all'Assessorato Regionale della
Salute la seguente documentazione:
- nulla osta al riconoscimento condizionato (Mod. B1);
- istanza in bollo dell'impresa alimentare, con n. 4 copie della planimetria dell'impianto e n. 1 copia
di: relazione tecnico-descrittiva, (MOD. A7), Attestazione in originale di avvenuto pagamento
della tassa di concessione regionale il cui importo è fissato in Euro 600/00 da versare sul c/c
n°177709000 intestato “cassa provinciale della regionale siciliana, gestione Banco di Sicilia;” nella
causale dovranno essere indicati gli estremi della ditta interessata specificando la richiesta di nuovo
riconoscimento ai sensi del Reg. 853/04, marca da bollo del valore corrente.
Lo stabilimento, dopo la notifica del Riconoscimento comunitario può iniziare l’attività.
Entro tre mesi dal rilascio del riconoscimento condizionato, il Servizio I.A.O.A. effettua un
ulteriore sopralluogo ispettivo presso lo stabilimento in attività, verificando la corretta
implementazione del piano di autocontrollo predisposto dall'OSA.
Qualora lo stabilimento disponga di laboratorio annesso ai fini dell’autocontrollo alimentare, poiché
il riconoscimento definitivo comprende anche l'attività del laboratorio, il verbale di sopralluogo del
Servizio I.A.O.A. presso lo stabilimento dovrà attestare anche l'utilizzo delle buone pratiche di
laboratorio. Nel caso in cui gli eventuali interventi correttivi e i relativi tempi di adeguamento
prescritti della A.S.P. rendano necessaria la proroga del riconoscimento condizionato, la cui durata
non può tuttavia superare in totale i sei mesi, il Direttore SIAOA dovrà dare contestuale
comunicazione alla Regione.
Successivamente all'esito favorevole del sopralluogo presso lo stabilimento, effettuato entro i
termini di scadenza del riconoscimento condizionato, il Direttore del Servizio I.A.O.A. trasmette
all'Assessorato Regionale della Salute il nulla osta al rilascio del riconoscimento definitivo come da
modello allegato (Mod. B2).
Ricevuto il Decreto di riconoscimento trasmesso dal DASOE, si provvederà a contattare il L.R.
della ditta per la notifica dello stesso, mediante consegna a brevi manu o AR con RR.
6.
MODALITÀ OPERATIVE: VOLTURA/SUBENTRO DEL RICONOSCIMENTO DI UNO
STABILIMENTO GIÀ RICONOSCIUTO
Nel caso in cui subentri una nuova impresa alimentare nella gestione di uno stabilimento, il nuovo
titolare o rappresentante legale dovrà avanzare istanza di voltura dell'atto di riconoscimento, in
triplice copia di cui una in bollo, come da modello allegato (Mod. A2), corredata dalla
documentazione tecnica e amministrativa elencata nello stesso modello, in originale o in copia
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 10 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
conforme ed integrata da Piano di Autocontrollo aziendale sull'analisi dei rischi condotta secondo i
principi dell'HACCP, piano che dovrà risultare adeguato alla natura e alle dimensioni dello
stabilimento (quest’ultimo deve essere consegnato su supporto informatico).
Per una agevole archiviazione di tutte le istanze, la documentazione compresa di allegati ed il Piano
di Autocontrollo, deve essere prodotta su supporto informatico (CD) od invita via email
all’indirizzo [email protected]
A seguito della presentazione dell'istanza di voltura il Servizio I.A.O.A.:
a) verifica la correttezza formale dell'istanza e la completezza della documentazione allegata,
avviando le procedure di verifica, secondo le modalità previste dalla legge, dei requisiti auto
dichiarati;
b) se lo ritiene necessario effettua una visita in loco;
c) trasmette all'Assessorato Regionale della Salute la seguente documentazione:
- nulla-osta alla voltura (Mod. B3);
- istanza in bollo dell'impresa alimentare, con MOD.A7, Attestazione in originale di avvenuto
pagamento della tassa di concessione regionale il cui importo è fissato in Euro 600/00 da versare sul
c/c n°177709000 intestato “cassa provinciale della regionale siciliana, gestione Banco di Sicilia;”
nella causale dovranno essere indicati gli estremi della ditta interessata specificando la richiesta di
nuovo riconoscimento ai sensi del Reg. 853/04, marca da bollo del valore corrente.
L’impresa subentrante può continuare l’attività lavorativa e commerciale dello stabilimento fin
dalla data di presentazione dell’istanza.
Ricevuto il Decreto di voltura/subentro trasmesso dal DASOE, si provvederà a contattare il L.R.
della ditta per la notifica dello stesso, mediante consegna a brevi manu o AR con RR.
7.
MODALITÀ OPERATIVE: ESTENSIONE DEL RICONOSCIMENTO PER MODIFICHE
STRUTTURALI E/O IMPIANTISTICHE E/O DI LAVORAZIONE CHE COMPORTANO
SOSTITUZIONI O AGGIUNTE ALLA TIPOLOGIA DI CATEGORIA E/O DI ATTIVITÀ
PRODUTTIVA
Qualora in uno stabilimento, a seguito di modifiche strutturali e/o impiantistiche e/o di lavorazione,
vengano sostituite o aggiunte tipologie di categoria e/o di attività produttive, il titolare dell'impresa
alimentare deve richiedere l'aggiornamento del riconoscimento tramite istanza, in triplice copia di
cui una in bollo, come da modello allegato (Mod. A3), corredata dalla documentazione tecnica e
amministrativa elencata nello stesso modello, in originale o in copia conforme ed integrata da Piano
di Autocontrollo aziendale sull'analisi dei rischi condotta secondo i principi dell'HACCP, piano che
dovrà risultare adeguato alla natura e alle dimensioni dello stabilimento (quest’ultimo deve essere
consegnato su supporto informatico).
A seguito della presentazione dell'istanza di estensione del decreto di riconoscimento, il S.I.A.O.A.:
a) Verifica la completezza e la correttezza della documentazione allegata all’istanza, avviando le
procedure di verifica, secondo le modalità previste dalla legge, dei requisiti auto dichiarati;
b) effettua il sopralluogo ispettivo presso lo stabilimento utilizzando idonea check-list (MOD.A9),
previo pagamento delle somme previste dal tariffario aziendale con integrazione eventuale
trasferta, verificando la corretta implementazione del nuovo piano di autocontrollo adeguato alle
modifiche apportate al ciclo produttivo.
Solo in caso di esito favorevole del sopralluogo, supportato da relativo verbale del dirigente
veterinario che attesti che lo stabilimento mantiene i requisiti igienico-sanitari e strutturali previsti
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 11 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
dalla legislazione alimentare vigente e attua procedure di autocontrollo basate sul sistema HACCP,
il Direttore del Servizio trasmette all'Assessorato Regionale della Salute la seguente
documentazione:
- il nulla-osta alla estensione del riconoscimento (Mod. B3);
- l'istanza in bollo dell'impresa alimentare, con n. 4 copie della planimetria dell'impianto e n. 1
copia di: relazione tecnico-descrittiva, MOD. A7, Attestazione in originale di avvenuto pagamento
della tassa di concessione regionale il cui importo è fissato in Euro 600/00 da versare sul c/c
n°177709000 intestato “cassa provinciale della regionale siciliana, gestione Banco di Sicilia;” nella
causale dovranno essere indicati gli estremi della ditta interessata specificando la richiesta di nuovo
riconoscimento ai sensi del Reg. 853/04, marca da bollo del valore corrente.
Ricevuto il Decreto di modifiche strutturali e/o impiantistiche e/o di lavorazione, sostituzione o
aggiunta tipologie di categoria e/o di attività produttive, trasmesso dal DASOE, si provvederà a
contattare il L.R. della ditta per la notifica dello stesso, mediante consegna a brevi manu o AR con
RR.
N.B. Lo stabilimento solo dopo il sopralluogo favorevole da parte del SIAOA può iniziare l’attività
lavorativa con le modifiche realizzate.
8.
MODALITÀ OPERATIVE : SOSPENSIONE TEMPORANEA O CESSAZIONE DEFINITIVA
DELL'ATTIVITÀ
La sospensione temporanea o la cessazione definitiva dell'attività di uno stabilimento deve essere
comunicata, come da modello allegato (Mod. A4), da parte dell'impresa alimentare al Responsabile
U.F. SIAOA del Distretto di appartenenza, allegando, nel caso di cessazione il decreto di
riconoscimento comunitario e copia di un documento di riconoscimento del L.R.
Il Direttore del S.I.A.O.A., riscontrando la comunicazione della ditta, invia la documentazione
prevista nell’allegato Mod. B4, al D.A.S.O.E. dell'Assessorato Regionale della Salute.
Ricevuto il Decreto di sospensione temporanea o di cessazione definitiva dell'attività, trasmesso dal
DASOE, si provvederà a contattare il L.R. della ditta per la notifica dello stesso, mediante consegna
a brevi manu o AR con RR.
9.
MODALITÀ OPERATIVE: VARIAZIONI STRUTTURALI E/O IMPIANTISTICHE E/O DI
LAVORAZIONE, CHE NON COMPORTANO SOSTITUZIONI O AGGIUNTE ALLA
TIPOLOGIA DI CATEGORIA E/O DI ATTIVITÀ PRODUTTIVA
Nel caso in cui nello stabilimento vengano effettuati interventi di modifica strutturale e/o
impiantistica e/o di lavorazione senza che tuttavia vengano sostituite o aggiunte tipologie di
categoria e/o di attività produttive, il titolare dell'impresa alimentare deve comunicare le variazioni
apportate utilizzando il modello allegato (Mod. A5), in triplice copia in carta semplice, trasmettendo
la documentazione tecnica e amministrativa elencata nello stesso modello, in originale o in copia
conforme . ed integrata da Piano di Autocontrollo aziendale sull'analisi dei rischi condotta secondo i
principi dell'HACCP, piano che dovrà risultare adeguato alla natura e alle dimensioni dello
stabilimento (quest’ultimo deve essere consegnato su supporto informatico).
A seguito della comunicazione dell'impresa, il S.I.A.O.A:
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 12 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
a) verifica la completezza e la correttezza della documentazione allegata alla comunicazione,
avviando le procedure di verifica, secondo le modalità previste dalla legge, dei requisiti auto
dichiarati;
b) effettua il sopralluogo ispettivo presso lo stabilimento utilizzando idonea check-list, (MOD.A9)
previo pagamento delle somme previste dal tariffario aziendale con integrazione eventuale
trasferta, verificando la corretta implementazione del nuovo piano di autocontrollo adeguato alle
modifiche apportate al ciclo produttivo.
Solo in caso di esito favorevole del sopralluogo, supportato da relativo verbale del dirigente
veterinario che attesti che lo stabilimento mantiene i requisiti igienico-sanitari e strutturali previsti
dalla legislazione alimentare vigente e attua procedure di autocontrollo basate sul sistema HACCP,
il Direttore del S.I.A.O.A. trasmette al DASOE dell'Assessorato Regionale della Salute la seguente
documentazione:
- comunicazione di variazione strutturale (Mod. B5);
- l'istanza in originale dell'impresa alimentare(Mod.A6) con n. 4 copie della planimetria
dell'impianto e n. 1 copia di: relazione tecnico-descrittiva e MOD. A7.
Ricevuto il provvedimento di presa d'atto delle variazioni strutturali sopravvenute, con l'allegata
planimetria aggiornata dell'impianto debitamente vidimata trasmesso dal DASOE, si provvederà a
contattare il L.R. della ditta per la notifica dello stesso, mediante consegna a brevi manu o AR con
RR.
N.B. Lo stabilimento solo dopo il sopralluogo favorevole da parte del SIAOA può iniziare l’attività
lavorativa con le modifiche realizzate.
10.
MODALITÀ OPERATIVA: VARIAZIONI DEL LEGALE RAPPRESENTANTE, O DELLA
RAGIONE SOCIALE O DENOMINAZIONE DELL’IMPRESA, O DELLA SEDE LEGALE
In caso di variazioni del legale rappresentante, o della ragione sociale o denominazione dell’impresa
alimentare, o in caso di cambio della sede legale, l'impresa è tenuta a darne comunicazione al
Responsabile UF SIAOA del Distretto di appartenenza come da modello allegato (Mod. A6).
Il Direttore del S.I.A.O.A., dopo avere effettuato le verifiche del caso, inoltra la pertinente
documentazione, come da allegato Mod. B6, al DASOE dell'Assessorato Regionale della Salute.
Ricevuto il provvedimento di presa d’atto della variazione del legale rappresentante, o della ragione
sociale o denominazione dell’impresa alimentare, o di cambio della sede legale trasmesso dal
DASOE, si provvederà a contattare il L.R. della ditta per la notifica dello stesso, mediante consegna
a brevi manu o AR con RR.
11.
MODALITÀ OPERATIVA: SOSPENSIONE/REVOCA DEL RICONOSCIMENTO
COMUNITARIO SU DISPOSIZIONE DELL’AUTORITÀ COMPETENTE
Qualora a seguito di apposito atto ispettivo (controllo, ispezione, audit o controlli supplementari),
vengano riscontrate carenze igienico strutturali o sanitarie dell’impianto o gravi carenze gestionali,
che possono costituire rischio per la produzione salubre degli alimenti, l’Autorità Competente
procederà all’immediata sospensione dell’attività produttiva presso lo stabilimento ai sensi dall’art.
31 punto 2 lett. e ed ai sensi dell’art. 54 comma 2 lett. e/f del Reg.CE 882/2004 e per quanto
disposto dall’Art. 8 del D. L.vo n°507 del 30/12/1999.
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 13 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
Il Direttore del S.I.A.O.A., invia gli atti relativi alla sospensione d’Ufficio al D.A.S.O.E.
dell'Assessorato Regionale della Salute.
Qualora l’Autorità Competente individui gravi mancanze o debba sospendere ripetutamente
l’attività dello stabilimento e l’operatore non sia in grado di fornire garanzie adeguate per la
produzione futura, avvierà le misure previste dall’ art.31 punto 2 lett.e del Reg.to 882/04 per la
revoca di Ufficio del riconoscimento e la cancellazione dello stabilimento dagli elenchi comunitari.
Ricevuto il Decreto di sospensione temporanea o di cessazione definitiva dell'attività, trasmesso dal
DASOE, si provvederà a contattare il L.R. della ditta per la notifica dello stesso, mediante consegna
a brevi manu o AR con RR.
N.B. In caso di sospensione temporanea dell’attività disposta d’Ufficio, l’OSA potrà riattivare la
produzione presso lo stabilimento solo a seguito di richiesta di nuovo sopralluogo con attestazione
dell’avvenuta rimozione delle non conformità rilevate e previo pagamento delle somme dovute
previste dal tariffario aziendale e da quanto previsto dal D.Lvo 194/2008.
Il Direttore del SIAOA, verifica l’avvenuta rimozione delle non conformità con apposito
sopralluogo e trasmetterà al DASOE la nuova richiesta di revoca della sospensione del
Riconoscimento comunitario.
Ricevuto il Decreto di riattivazione del Riconoscimento comunitario, trasmesso dal DASOE, si
provvederà a contattare il L.R. della ditta per la notifica dello stesso, mediante consegna a brevi
manu o AR con RR.
12.
SANZIONI
Per quanto concerne l'applicazione di sanzioni, salvo quelle di valenza penale per le quali si
rimanda alle rispettive norme, si fa riferimento a :
1. Decreto lgs n°190 del 05 Aprile 2006, pubblicato su GURI n°118 del 23 Maggio 2006 per le
violazioni del Reg. CE n°178/02 in tema di sicurezza alimentare e di tracciabilità dei
prodotti;
2. Decreto lgs n°193 del 06 Novembre 2007 , pubblicato su GURI n° 261 del 9 Novembre
2007 per le violazioni dei Reg. CE in tema di controlli in materia di sicurezza alimentare in
attuazione della Dir.2004/41/CE.
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 14 di 38
13.
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
ALLEGATI
1) MOD.A/1 istanza di riconoscimento stabilimento di nuova attivazione
2) MOD.A/2 voltura/subentro del riconoscimento di uno stabilimento già riconosciuto
3) MOD.A/3 estensione del riconoscimento per modifiche strutturali e/o impiantistiche
e/o di lavorazione che comportano sostituzioni o aggiunte alla tipologia di categoria
e/o di attività produttiva
4) MOD.A/4 comunicazione sospensione temporanea o cessazione definitiva
dell'attività
5) MOD.A/5 comunicazione di variazioni strutturali e/o impiantistiche e/o di
lavorazione, che non comportano sostituzioni o aggiunte alla tipologia di categoria
e/o di attività produttiva
6) MOD.A/6 comunicazione variazioni del legale rappresentante, o della ragione
sociale o denominazione dell’impresa, o della sede legale
7) MOD.A/7 scheda tecnica dello stabilimento
8) MOD.A/8 Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà
9) MOD. B/1 Nulla-osta riconoscimento condizionato
10) MOD. B/2 Nulla-osta riconoscimento definitivo
11) MOD. B/3 Nulla-osta voltura/estensione
12) MOD. B/4 Comunicazione sospensione/cessazione
13) MOD. B/5 Comunicazione variazioni strutturali
14) MOD. B/6 Comunicazione variazioni ragione sociale/denominazione/sede legale
15) MOB. B/7 Verbale di ispezione
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 15 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
MOD. A/1 Istanza riconoscimento
Marca da
bollo di valore
corrente
Alla Regione Siciliana, Assessorato della Salute
Servizio 4 – Sicurezza Alimentare
per il tramite della
Azienda Sanitaria Provinciale di __________________
Servizio I.A.O.A. - Igiene Alimenti Origine Animale
Oggetto: Istanza di riconoscimento, ai sensi del Reg. CE 853/2004, di stabilimento di
nuova attivazione.
Il sottoscritto:
Cognome ........................................................ Nome .........................................
Luogo di nascita ..............................................
Data di nascita …..........................
Cittadinanza ...................................................
Sesso (M / F) ...............................
C. F. ….............................................................
Residente a:
Comune …........................................... Prov ….... Stato ….................................
Via/Piazza …......................................... N° ....... CAP …...................................
Tel. …............................... Fax …......................
Nella qualità di
Email ...................................
titolare della ditta/impresa individuale:
Legale rappresentante della Società/Ditta/Ente:
Ragione sociale: ….......................................................................
….....................
Con sede nel Comune di: …........................................................... Prov ................
Via/Piazza …................................................................. N° .........
CAP .................
Tel. ….................................................................. Fax …............... ….....................
Partita I.V.A. …............................................................................. ….....................
Email pec ................................................................................... …....................
N. iscriz. registro imprese …......................................... C.C.I.A.A. di .......................
CHIEDE
il riconoscimento, ai sensi del Regolamento CE 853/2004 e successive modifiche e
integrazioni, per lo stabilimento sito nel Comune di:
…......................................................................................... Prov …...........….......
Via/Piazza/C.da ....................................................... N° ........ CAP .......................
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 16 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
destinato allo svolgimento delle attività riportate nella scheda di rilevazione tipologia di
attività e prodotti (MOD. A7).
A tal fine allega:
a) Scheda di rilevazione tipologia di attività e prodotti (MOD. A7);
b) Planimetria in n. 5 copie dell'impianto in scala 1:100 dalla quale risulti evidente la
disposizione dei locali, degli impianti, delle attrezzature, dei servizi igienici, rete idrica
e scarichi, e lo sviluppo delle linee di produzione, datata e firmata da tecnico abilitato
e dal titolare/legale rappresentante della ditta;
c) Relazione tecnico-descrittiva in n. 5 copie dei locali degli impianti, delle
attrezzature
e
del
ciclo
di
lavorazione,
con
indicazioni
in
merito
all'approvvigionamento idrico, allo scarico dei liquami, allo smaltimento dei rifiuti e
alle emissioni in atmosfera, datata e firmata dal tecnico abilitato e dal titolare/legale
rappresentante della ditta;
d) Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà di cui al MOD. A8;
e) Certificato di agibilità della struttura;
f) Giudizio di idoneità dell'acqua destinata al consumo umano rilasciato della ASP;
g) Autorizzazione allo scarico delle acque reflue;
h) Autodichiarazione comunicazione antimafia ai sensi del D.lgs 159/2011 secondo il
modello scaricabile dal sito www.prefettura.it;
i) Ricevuta del versamento dell'importo relativo al riconoscimento dello stabilimento;
l) Marca da bollo del valore corrente.
DICHIARA
che lo stabilimento dispone di laboratorio annesso ai fini dell’autocontrollo alimentare
di effettuare le analisi per l’autocontrollo alimentare presso laboratorio esterno accreditato
e iscritto in elenco regionale.
di essere informato, ai sensi e per gli effetti di cui all art. 13 del D.lgs. 196/2003, che i dati
personali raccolti saranno trattati, anche con strumenti informatici, esclusivamente nell'ambito
del procedimento per il quale viene presentata la presente domanda.
Data ….....................
Firma …...............................
n.b. produrre la documentazione in tre copie di cui una in bollo
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 17 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
MOD. A/2 Istanza voltura / subentro
Marca da
bollo di valore
corrente
Regione Siciliana, Assessorato della Salute
Servizio 4 – Sicurezza Alimentare
per il tramite della
Azienda Sanitaria Provinciale di __________________
Servizio I.A.O.A. - Igiene Alimenti Origine Animale
Oggetto: Istanza di voltura/subentro del riconoscimento di stabilimento alimentare.
Il sottoscritto:
Cognome ........................................................ Nome .........................................
Luogo di nascita ..............................................
Data di nascita …..........................
Cittadinanza ...................................................
Sesso (M / F) ...............................
C. F. ….............................................................
Residente a:
Comune ….............................................. Prov ….... Stato …...................................
Via/Piazza …............................................ N° ........ CAP ….....................................
Tel. ….................................. Fax …........................ Email .....................................
Nella qualità di
titolare della ditta/impresa individuale:
Legale rappresentante della Società/Ditta/Ente:
Ragione sociale: ….......................................................................
….....................
Con sede nel Comune di: …........................................................... Prov ................
Via/Piazza …................................................................. N° .........
CAP .................
Tel. ….................................................................. Fax …............... ….....................
Partita I.V.A. …............................................................................. ….....................
Email pec ................................................................................... …....................
N. iscriz. registro imprese …......................................... C.C.I.A.A. di .......................
CHIEDE
per lo stabilimento sito nel Comune di:
…......................................................................................... Prov …...........….......
Via/Piazza/C.da ....................................................... N° ........ CAP .......................
riconosciuto con approval number ..…................ per lo svolgimento delle attività
riportate nella scheda di rilevazione tipologia di attività e prodotti (MOD. A7), la voltura
dell'atto di riconoscimento …........... N° …....................... del …..................................
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
da
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 18 di 38
(vecchia denominazione)
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
…...........….....................................................................
…………………………………………………………………………………………………….
a
(nuova denominazione)
......................................................................................
A tal fine allega:
a) Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà (MOD. A8);
b) Atto notarile o altra documentazione comprovante il passaggio o cessione o
disponibilità dell'unità produttiva oggetto del riconoscimento;
c) Autorizzazione allo scarico volturata o istanza presentata;
d) Autodichiarazione comunicazione antimafia ai sensi del D.lgs 159/2011 secondo il
modello scaricabile dal sito www.prefettura.it;
e) Ricevuta del versamento dell'importo relativo alla voltura del riconoscimento;
f) Marca da bollo del valore corrente.
Data ….....................
Firma ….…...............................
DICHIARA
di non avere apportato modifiche strutturali e/o impiantistiche e/o di lavorazione presso lo
stabilimento oggetto di subentro;
di essere informato, ai sensi e per gli effetti di cui all art. 13 del D.lgs. 196/2003, che i dati
personali raccolti saranno trattati, anche con strumenti informatici, esclusivamente nell'ambito
del procedimento per il quale viene presentata la presente domanda.
Data ….....................
Firma …...............................
n.b. produrre la documentazione in tre copie di cui una in bollo
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 19 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
MOD. A/3 Istanza estensione riconoscimento
Marca da
bollo di valore
corrente
Regione Siciliana, Assessorato della Salute
Servizio 4 – Sicurezza Alimentare
per il tramite della
Azienda Sanitaria Provinciale di __________________
Servizio I.A.O.A. - Igiene Alimenti Origine Animale
Oggetto: Istanza di estensione del riconoscimento per variazioni strutturali e/o
impiantistiche e/o di lavorazione che comportano sostituzioni o aggiunte alla tipologia di
categoria e/o di attività produttiva già riconosciuta.
Il sottoscritto:
Cognome ........................................................ Nome .........................................
Luogo di nascita ..............................................
Data di nascita …..........................
Cittadinanza ...................................................
Sesso (M / F) ...............................
C. F. ….............................................................
Residente a:
Comune ….............................................. Prov ….... Stato …...................................
Via/Piazza …............................................ N° ........ CAP ….....................................
Tel. ….................................. Fax …........................ Email .....................................
Nella qualità di
titolare della ditta/impresa individuale:
Legale rappresentante della Società/Ditta/Ente:
Ragione sociale: ….......................................................................
….....................
Con sede nel Comune di: …........................................................... Prov ................
Via/Piazza …................................................................. N° .........
CAP .................
Tel. ….................................................................. Fax …............... ….....................
Partita I.V.A. …............................................................................. ….....................
Email pec ................................................................................... …....................
N. iscriz. registro imprese …......................................... C.C.I.A.A. di .......................
CHIEDE
per lo stabilimento sito nel Comune di:
…......................................................................................... Prov …...........….......
Via/Piazza/C.da ....................................................... N° ........ CAP .......................
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 20 di 38
riconosciuto con con approval number ….......................... ,
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
l'estensione
dell'atto
di
riconoscimento …........................ N°................del ….............. per lo svolgimento delle
attività riportate nella scheda di rilevazione tipologia di attività e prodotti (MOD. A7).
A tal fine allega:
a) Scheda di rilevazione tipologia di attività e prodotti (MOD. A7)
b) Planimetria in n. 4 copie dell'impianto in scala 1:100 dalla quale risulti evidente la
disposizione dei locali, degli impianti, delle attrezzature, dei servizi igienici, rete idrica
e scarichi, e lo sviluppo delle linee di produzione, datata e firmata dal titolare/legale
rappresentante della ditta;
c) Relazione tecnico-descrittiva in n. 4 copie degli impianti e del ciclo di lavorazione,
con indicazioni in merito all'approvvigionamento idrico, allo scarico dei liquami, allo
smaltimento dei rifiuti e alle emissioni in atmosfera, datata e firmata dal
titolare/legale rappresentante della ditta;
d) Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà (MOD. A8) relativa ai requisiti tecnici
dello stabilimento (solo in caso di variazioni rispetto alla dichiarazione relativa al
riconoscimento in atto);
e) Certificato di agilità (in caso di ampliamento della superficie);
f) Ricevuta del versamento dell'importo relativo all'estensione del riconoscimento
dello stabilimento;
g) Marca da bollo del valore corrente.
Data ….....................
Firma ….…...............................
DICHIARA
di essere informato, ai sensi e per gli effetti di cui all art. 13 del D.lgs. 196/2003, che i dati
personali raccolti saranno trattati, anche con strumenti informatici, esclusivamente nell'ambito
del procedimento per il quale viene presentata la presente domanda.
Data ….....................
Firma …...............................
n.b. produrre la documentazione in tre copie di cui una in bollo
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 21 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
MOD. A/4 Comunicazione sospensione/cessazione
Regione Siciliana, Assessorato della Salute
Servizio 4 – Sicurezza Alimentare
Azienda Sanitaria Provinciale di __________________
per il tramite della
Servizio I.A.O.A. - Igiene Alimenti Origine Animale
Oggetto: Comunicazione di sospensione temporanea o cessazione definitiva dell'attività.
Il sottoscritto:
Cognome ........................................................ Nome .........................................
Luogo di nascita ..............................................
Nella qualità di
Data di nascita …..........................
titolare della ditta/impresa individuale:
Legale rappresentante della Società/Ditta/Ente:
Ragione sociale: ….......................................................................
….....................
Con sede nel Comune di: …........................................................... Prov ................
Via/Piazza …................................................................. N° .........
CAP .................
Tel. ….................................................................. Fax …............... ….....................
Partita I.V.A. …............................................................................. ….....................
Email pec ................................................................................... …....................
responsabile dello stabilimento sito nel Comune di:
…......................................................................................... Prov …...........….......
Via/Piazza/C.da ....................................................... N° ........ CAP .......................
riconosciuto con approval number ….…........................ .
COMUNICA
di avere sospeso a far data dal …................. l’attività relativa alle seguenti
produzioni:
1) …...................................................................
2) …...................................................................
3) …...................................................................
Lo stesso si impegna a comunicare tempestivamente la ripresa dell’attività.
di avere cessato definitivamente l'attività relativa alle seguenti produzioni:
1) …...................................................................
2) …...................................................................
3) …...................................................................
di aver cessato definitivamente tutte le linee di produzione e pertanto richiede la
revoca del provvedimento di riconoscimento …........ N° …........... del …..........................
Data ….....................
Firma …...............................
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 22 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
MOD. A/5 Comunicazione variazioni strutturali
Regione Siciliana, Assessorato della Salute
Servizio 4 – Sicurezza Alimentare
per il tramite della
Azienda Sanitaria Provinciale di __________________
Servizio I.A.O.A. - Igiene Alimenti Origine Animale
Oggetto: Comunicazione di variazioni strutturali e/o impiantistiche e/o di lavorazione che
non comportano sostituzioni o aggiunte alla tipologia di categoria e/o di attività
produttiva già riconosciuta.
Il sottoscritto:
Cognome ........................................................ Nome .........................................
Luogo di nascita ..............................................
Nella qualità di
Data di nascita …..........................
titolare della ditta/impresa individuale:
Legale rappresentante della Società/Ditta/Ente:
Ragione sociale: ….......................................................................
….....................
Con sede nel Comune di: …........................................................... Prov ................
Via/Piazza …................................................................. N° .........
CAP .................
Tel. ….................................................................. Fax …............... ….....................
Partita I.V.A. …............................................................................. ….....................
Email pec ................................................................................... …....................
N. iscriz. registro imprese …......................................... C.C.I.A.A. di .......................
responsabile dello stabilimento sito nel Comune di:
…......................................................................................... Prov …...........….......
Via/Piazza/C.da ....................................................... N° ........ CAP .......................
riconosciuto con approval number ….….............. per lo svolgimento delle attività
riportate nella scheda di rilevazione tipologia di attività e prodotti (MOD. A7).
COMUNICA
che allo stabilimento sono state apportate variazioni strutturali e/o impiantistiche e/o di
lavorazione che non comportano sostituzioni o aggiunte alla tipologia di categoria e/o
di attività produttiva rispetto a quelle previste dal decreto di riconoscimento.
A tal fine allega:
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 23 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
a) Scheda aggiornata di rilevazione tipologia di attività e prodotti (MOD. A7);
b) Planimetria in 4 copie dell'impianto in scala 1:100 dalla quale risulti evidente la
disposizione dei locali, degli impianti, delle attrezzature, dei servizi igienici, rete idrica
e scarichi, e lo sviluppo delle linee di produzione, datata e firmata da tecnico abilitato
e dal titolare/legale rappresentante della ditta;
c) Relazione tecnico-descrittiva in 4 copie degli impianti e del ciclo di lavorazione, con
indicazioni in merito all' approvvigionamento idrico, allo scarico dei liquami, allo
smaltimento dei rifiuti e alle emissioni in atmosfera, datata e firmata da tecnico
abilitato e dal titolare/legale rappresentante della ditta;
d) Certificato di agilità (in caso di ampliamento della superficie).
Data ….....................
Firma ….…...............................
DICHIARA
di essere informato, ai sensi e per gli effetti di cui all art. 13 del D.lgs. 196/2003, che i dati
personali raccolti saranno trattati, anche con strumenti informatici, esclusivamente nell'ambito
del procedimento per il quale viene presentata la presente domanda.
Data ….....................
Firma …...............................
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 24 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
MOD. A/6 variazione legale rappresentante / ragione sociale/ denominazione /sede legale
Regione Siciliana, Assessorato della Salute
Servizio 4 – Sicurezza Alimentare
per il tramite della
Azienda Sanitaria Provinciale di __________________
Servizio I.A.O.A. - Igiene Alimenti Origine Animale
Oggetto: Comunicazione di variazione di legale rappresentante / ragione sociale o
denominazione / di cambio della sede legale dell’impresa alimentare.
Il sottoscritto:
Cognome ........................................................ Nome .........................................
Luogo di nascita ..............................................
Data di nascita …..........................
COMUNICA
di essere il nuovo rappresentante legale dell'impresa alimentare:
a seguente variazione di ragione sociale / denominazione / sede legale dell'impresa
alimentare, di cui è titolate o legale rappresentante:
Ragione sociale: ….......................................................................
….....................
Con sede nel Comune di: …........................................................... Prov ................
Via/Piazza …................................................................. N° .........
CAP .................
Tel. ….................................................................. Fax …............... ….....................
Email pec ................................................................................... …....................
responsabile dello stabilimento sito nel Comune di:
….........................................................................................
Prov ….........
Via/Piazza/C.da ....................................................... N° ........
CAP ............
già riconosciuto ai sensi del Reg. CE 853/2004 con approval number ...….................,
DICHIARA
di avere comunicato la variazione alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e
Agricoltura di: …....................................... senza alcuna variazione di n. di partita
I.V.A.
di essere informato, ai sensi e per gli effetti di cui all art. 13 del D.lgs. 196/2003, che i dati
personali raccolti saranno trattati, anche con strumenti informatici, esclusivamente
nell'ambito del procedimento per il quale viene presentata la presente domanda.
Allega:
•
fotocopia di un documento di identità
•
Autodichiarazione comunicazione antimafia ai sensi del D.lgs 159/2011 secondo il
modello scaricabile dal sito www.prefettura.it
Data ….....................
Firma …...............................
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 25 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE SICILIANA
Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento
Sede legale : Viale della Vittoria n.321 92100 Agrigento
Partita IVA – Codice Fiscale : 02570930848
Dipartimento di Prevenzione Veterinario
Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale
MOD. A/7 Scheda tecnica stabilimento
Reg. CE 853/2004
SCHEDA DI RILEVAZIONE TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ E PRODOTTI
(come da documento SANCO 2179/2005 Revision 5)
Impresa alimentare ...............................................
Stabilimento sito nel comune di ...................................... Prov …...........…..
Via/Piazza/C.da ............................................... N° ........ CAP ....................
istanza/comunicazione di:
Riconoscimento stabilimento di nuova attivazione
Voltura o subentro del riconoscimento in stabilimento già riconosciuto
Estensione del riconoscimento per modifiche strutturali e/o impiantistiche e/o di
lavorazione che comportano sostituzioni o aggiunte alla tipologia di categoria e/o di
attività produttiva
Variazioni strutturali e/o impiantistiche e/o di lavorazione, che non comportano
sostituzioni o aggiunte alla tipologia di categoria e/o di attività produttiva
SEZ
CATEGORIA
ATTIVITA’ – CODICE Sanco
0
SEZ
CATEGORIA
REMARKS
Sanco
Deposito frigorifero autonomo – CS
Prodotti esposti
Prodotti imball./confez.
Per scambio paesi UE
Per importazione paesi extra UE
autonomo
Attività generali Impianto
riconfezionamento – RW
SPECIE
Carni di ungulati domestici
Carni di pollame e di
lagomorfi
Carni di selvaggina allevata
Carni di selvaggina cacciata
Carni macinate, preparazioni
di carni e carni separate
meccanicamente
prodotti a base di carne
Prodotti della pesca
Latte e prodotti a base di latte
Uova e ovoprodotti
Cosce di rana e lumache
Grassi fusi - ciccioli
di
Mercato all’ingrosso - WM
ATTIVITA’ – CODICE Sanco
PRODOTTI
SPECIE
REMARKS
Sanco
PRODOTTI
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
I
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 26 di 38
Macello - SH
Laboratorio di sezionamento - CP P
Carni di ungulati
domestici
B
C
O
P
S
B/C/ O/S
A
Carni di pollame
Macello – SH
e di lagomorfi
(pollame, piccola
L
II selvaggina
allevata da penna,
conigli
e
lepri
allevate)
Carni
IV selvaggina
cacciata
di
Carni di ungulati domestici
Polli
Galline
Faraone
Tacchini
Anatidi
Selvaggina da penna allevata
Lagomorfi (conigli e lepri)
fG
Grande
selvaggina
allevata
Cinghiali
Ruminanti
Altra grande selvaggina
allevata
R
ratiti
Carni di selvaggina allevata
Laboratorio di sezionamento - CP
Laboratorio di sezionamento - CP
Centro di lavorazione selvaggina GHE
B/O/C
altre
B
O/C
P
S
wU
wU
wG
Grande
selvaggina
cacciata
Cinghiali
Ruminanti
Altra
grande
selvaggina
cacciata
wL
wA
wA
Piccola
selvaggina
Lagomorfi
Anatidi
Uccelli selvatici
Prodotti a base
Impianto di lavorazione – PP
di carne
Carni di bovino
Carni di ovino
Carni di caprino
Carni di suino
Carni di equino
Carni di pollame Carni di
lagomorfi
Stabilimento per carni macinate
Carni macinate,
MM
preparazioni di
Stabilimento per preparazioni di Tutte le
V carni e carni
specie
carni – MP
separate
Stabilimento per carni separate
meccanicamente
meccanicamente – MSM
VI
Laboratorio di sezionamento - CP
Carni
di Macello - SH
selvaggina
III allevata
(solo
grande
selvaggina e ratiti)
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
cacciata
Preparazioni di carni
Carne macinata
Carni
separate
meccanicamente
(esclusi
i
ruminanti)
pap
mp
Estratti e farine di carne
insaccati freschi
insaccati stagionati
insaccati cotti
carni salate stagionate
carni salate cotte
conserve di carne
prodotti di gastronomia
paste alimentari
prodotti di sangue
e
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
VII
SEZ
CATEGORIA
ATTIVITA’ – CODICE Sanco
della Prodotti
pesca
IX
Latte e prodotti
a base di latte
SPECIE
REMARKS
Nave officina- FV
Nave deposito frigorifero- ZV
Impianti prodotti della pesca
freschi - FFPP
Loc. macellazione acquacoltura
Loc. cernita e sezionamento
Impianto di trasformazione – PP
Mercato ittico – WM
Impianto collettivo aste – AH
Impianto prodotti pesca separati
meccanicamente
Centro
di
raccolta
Stabilimento di trasformazione
Centro di standardizzazione
Stab. Trattamento termico
Stabilimento trasformazione
Stab. stagionatura
CC –PP Prodotti della pesca freschi
Prodotti
della
pesca
trasformati
Carni di pesce separate
meccanicamente
Stomaci, vesciche
Stabilimento di trasformazione - PP
XIV Gelatine
Stabilimento di trasformazione - PP
XV Collagene
Stabilimento di trasformazione - PP
Uova in guscio
Uova liquide
Prodotti d’uovo
Cosce rane
Lumache
fl sn
animali Centro
di
raccolta
CC B/O/C
P
mp
Stabilimento di trasformazione - PP altro
XIII e intestini trattati
Latte
vaccino
Latte
bufalino
Latte ovicaprino
Latte altre specie
Burro
Formaggi
>
60
gg.
Formaggi
<
60
gg.
Altri prodotti a base di latte
colostro
B
B
OC
altre
B
B/O/C
B/O/C
B/O/C
B/O/C
Centro di imballaggio – EPC
Stabilimento
produzione
uova
Uova
e
liquide – LEP
X
ovoprodotti
Stabilimento di trasformazione –
PP
Stabilimento di trasformazione –
Cosce di rana e
PP
XI
lumache
Stabilimento di macellazione
Grassi
fusi
PRODOTTI
Sanco
XII
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
Molluschi bivalvi Centro di depurazione – PC
vivi
Centro di spedizione – DC
VIII
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 27 di 38
Grassi fusi
Ciccioli
st
LEGENDA
Riferimento normativo
Reg.
documento Sanco/2179/2005 Revision 5
CE
Sigle riferite alle specie B= bovino; O= ovino; C= caprino; P= suino; S= solipedi
853/2004
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 28 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
A = pollame compresa la piccola selvaggina da penna allevata
L = lagomorfi (conigli e lepri)
fG= mammiferi domestici allevati diversi dagli ungulati domestici – Grande selvaggina allevata
R=ratitI
wU=ungulati selvatici
wG= mammiferi selvatici diversi dagli ungulati selvatici e dai lagomorfi selvatici
Sigle riferite ai remarks wL= lagomorfi selvaticI
wA= uccelli selvatici
mp= prodotti a base di carne
pap= estratti e farine di carne
st= stomaci trattati, vesciche e intestini
fl= cosce di rana
sn= lumache
Data .............................. FIRMA ...........................................................................
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 29 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
MOD. A/8 Autocertificazione
DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL'ATTO DI NOTORIETÀ
(art. 47 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445)
Il sottoscritto:
Cognome ........................................................ Nome .........................................
Luogo di nascita ..............................................
Data di nascita …..........................
C. F. ….............................................................
Residente a:
Comune …........................................... Prov ….... Stato ….................................
Via/Piazza …......................................... N° ....... CAP …...................................
Nella qualità di:
Titolare della omonima ditta/impresa individuale.
Legale rappresentante della Società/Ditta/Ente:
Ragione sociale ….................................................. …............................................
Partita I.V.A. …...................................................... C. F. …....................................
consapevole delle sanzioni penali nel caso di dichiarazioni non veritiere, di formazione o
uso di atti falsi, richiamate dall'art. 76 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445;
DICHIARA
che la ditta è iscritta alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura della
prov. di: …........................................... al n° ….............................. dal …........................;
che per lo stabilimento della stessa ditta sito nel Comune di: …...…......................................
Via/Piazza/C.da ..................................................................... N° ........ CAP ...............
dispone
di
certificato
di
agibilità
rilasciato
dal
Comune
di
…............................................. prot. n. …....................... del …................. (solo in
assenza di certificato allegato);
ha presentato istanza di certificato di agibilità prot. n. …..................... del ….................
e non ha ricevuto comunicazioni interruttive entro i termini previsti dalla legge;
dispone di autorizzazione allo scarico delle acque reflue prot. n. …........... del
…................:(solo in assenza di certificato allegato);
ha presentato SCIA per scarico delle acque reflue assimilate alle acque reflue domestiche
al Comune di …............. prot. n. ….......... del …...........;
dispone di autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi del D.lgs. 152/2006 e s.m.i.
rilasciata da …........................................., con prot. N°................ del ….........................;
non dà luogo ad emissioni significative in atmosfera
di essere informato, ai sensi e per gli effetti di cui all art. 13 del D.lgs. 196/2003, che i dati
personali raccolti saranno trattati, anche con strumenti informatici, esclusivamente nell'ambito del
procedimento per il quale viene presentata la presente domanda.
Data ….....................
Firma …...............................
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 30 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE SICILIANA
Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento
Sede legale : Viale della Vittoria n.321 92100 Agrigento
Partita IVA – Codice Fiscale : 02570930848
Dipartimento di Prevenzione Veterinario
Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale
MOD. B/1 Nulla-osta riconoscimento condizionato
Allega: fotocopia di un documento d’identità del dichiarante in corso di validità
Prot. n. ____________________
Regione Siciliana, Assessorato della Salute
Servizio 4 – Sicurezza Alimentare
OGGETTO: Riconoscimento condizionato stabilimento della ditta …................................
Il dirigente del Servizio
VISTA l'istanza presentata dalla impresa alimentare …............................................
prot. n. …...............................
del …..........................
riconoscimento, ai sensi del Reg. CE 853/2004,
per
il
dello stabilimento sito nel
Comune di ………………………………………………………………………Prov ……………………
Via/Piazza/C.da ........................................ N° ........
CAP .......................
VISTA la completezza e la correttezza della documentazione allegata all'istanza;
AVVIATE le procedure di verifica dei requisiti autodichiarati secondo le modalità previste
dalla legge;
VISTI in particolare gli elaborati grafici e la relazione tecnico-descrittiva;
VISTO il verbale di sopralluogo effettuato in data ….......…..... dal dirigente veterinario
Dr./Dr.ssa …................................................................................ che attesta
che lo stabilimento possiede i requisiti igienico-sanitari e strutturali previsti dalla
legislazione alimentare vigente;
esprime NULLA OSTA
all’emissione del decreto di riconoscimento condizionato, ai sensi del Reg. CE 853/2004,
dello stabilimento di cui sopra per le attività specificate nella scheda di rilevazione (MOD.
A7), fatte salve eventuali autodichiarazioni false o mendaci.
Allega:
•
•
•
•
•
•
istanza in bollo dell'impresa;
N° 4 planimetrie dell'impianto;
N° 1 copie della relazione tecnico-descrittiva;
Scheda di rilevazione tipologia di attività e prodotti (Mod. A7);
ricevuta del versamento dell'importo relativo al riconoscimento;
marca da bollo del valore corrente.
Il Dirigente del Servizio
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 31 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
MOD. B/2 Nulla-osta riconoscimento definitivo
SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE SICILIANA
Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento
Sede legale : Viale della Vittoria n.321 92100 Agrigento
Partita IVA – Codice Fiscale : 02570930848
Dipartimento di Prevenzione Veterinario
Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale
Prot. n.
Regione Siciliana, Assessorato della Salute
Servizio 4 – Sicurezza Alimentare
OGGETTO: Riconoscimento definitivo per stabilimento della ditta …................................
Il dirigente del Servizio
VISTO il Decreto n. …....... del …..…... emesso da …..................................................
con il quale lo stabilimento sito nel Comune di: …..............................................
Via/Piazza/C.da ................................................................. N° ........ CAP ........
è stato riconosciuto in via condizionata, ai sensi del Reg. (CE) n. 853/2004, per le
attività specificate nella scheda di rilevazione MOD. A7, con attribuzione di
approval number …...............................;
VISTO il verbale di sopralluogo effettuato in data …............... dal dirigente veterinario
Dr./Dr.ssa …............................................................................... che attesta
che lo stabilimento mantiene i requisiti igienico-sanitari e strutturali previsti dalla
legislazione alimentare vigente e attua procedure di autocontrollo basate sul
sistema HACCP.
esprime NULLA OSTA
all'emissione del decreto di riconoscimento definitivo, ai sensi del Reg. CE 853/2004, dello
stabilimento di cui sopra per le attività specificate nel relativo decreto di riconoscimento
condizionato.
Il Dirigente del Servizio
_____________________________
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 32 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE SICILIANA
Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento
Sede legale : Viale della Vittoria n.321 92100 Agrigento
Partita IVA – Codice Fiscale : 02570930848
Dipartimento di Prevenzione Veterinario
Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale
MOD. B/3 Nulla-osta voltura/estensione
Regione Siciliana, Assessorato della Salute
Servizio 4 – Sicurezza Alimentare
OGGETTO: Voltura/estensione del riconoscimento di stabilimento già riconosciuto.
Il dirigente del Servizio
VISTO il Decreto n. …....... del …..…... emesso da ….................................................. con il quale lo
stabilimento sito nel Comune di: …..............................................
Via/Piazza/C.da ................................................................. N° ........
CAP ........
è stato riconosciuto ai sensi del Reg. (CE) n. 853/2004 per le attività specificate nella scheda di
rilevazione, con attribuzione di approval number …....................;
VISTA l'stanza presentata dall’impresa alimentare................................................. prot. n. …........ del
….................. finalizzata a:
(contrassegnare la casella interessata)
voltura/subentro del riconoscimento;
Estensione del riconoscimento per variazioni strutturali e/o impiantistiche e/o di
lavorazione che comportano sostituzioni o aggiunte alla tipologia di categoria e/o di attività
produttiva già riconosciuta;
VISTA la completezza e la correttezza della documentazione allegata all'istanza;
AVVIATE le procedure di verifica dei requisiti autodichiarati secondo le modalità previste dalla legge;
VISTO il verbale di sopralluogo effettuato in data …............... dal dirigente veterinario Dr./Dr.ssa
…...............................................................................
che
attesta
che
lo
stabilimento
mantiene i requisiti igienico-sanitari e strutturali previsti dalla normativa alimentare vigente e
attua procedure di autocontrollo basate sul sistema HACCP.
esprime NULLA OSTA
alla emissione del decreto relativo all'istanza dell'impresa alimentare.
Allega:
• istanza in bollo dell'impresa;
• Scheda di rilevazione tipologia di attività e prodotti (Mod. A7);
• N. 4 planimetrie e n. 1 relazione tecnico-descrittiva (solo in caso di estensione);
• ricevuta del versamento dell'importo relativo al riconoscimento;
• marca da bollo del valore corrente.
Il Dirigente del Servizio
_____________________
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 33 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE SICILIANA
Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento
Sede legale : Viale della Vittoria n.321 92100 Agrigento
Partita IVA – Codice Fiscale : 02570930848
Dipartimento di Prevenzione Veterinario
Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale
MOD. B/4 Comunicazione sospensione/ cessazione
Prot. n. _________________
Regione Siciliana, Assessorato della Salute
Servizio 4 – Sicurezza Alimentare
OGGETTO: Comunicazione di sospensione temporanea / cessazione definitiva di attività.
Relativamente allo stabilimento sito nel Comune di:
…......................................................................................... Prov …...........….......
Via/Piazza/C.da ....................................................... N° ........ CAP .......................
riconosciuto con approval number ...…......................, gestito dalla impresa alimentare
…................................................................................................................................
con sede nel Comune di: ….............................................................
Prov …............
Via/Piazza …...................................................................... N° ....... CAP ...............
SI COMUNICA
che a far data dal …............................ lo stabilimento:
Ha sospeso l’attività relativa alle seguenti produzioni:
1) …...................................................................
2) …...................................................................
3) …...................................................................
ha cessato definitivamente l'attività relativa alle seguenti produzioni:
1) …...................................................................
2) …...................................................................
3) …...................................................................
ha cessato definitivamente tutte le linee di produzione e pertanto richiede la revoca
del provvedimento di riconoscimento ….......... N° …............ del ….................................
Documenti allegati:
• comunicazione in originale dell'impresa alimentare.
Il Dirigente del Servizio
________________________
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 34 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE SICILIANA
Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento
Sede legale : Viale della Vittoria n.321 92100 Agrigento
Partita IVA – Codice Fiscale : 02570930848
Dipartimento di Prevenzione Veterinario
Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale
MOD. B/5 Comunicazione variazioni strutturali
Prot. n. ____________________
Regione Siciliana, Assessorato della Salute
Servizio 4 – Sicurezza Alimentare
OGGETTO: Comunicazione variazione strutturali.
A
seguito
di
comunicazione
di
variazione
strutturale
dell'impresa
alimentare
….......................................................................................... con sede nel comune di
…......................................................................................... Prov …...........…...........
Via/Piazza/C.da ....................................................... N° ........ CAP ...........................
relativamente allo stabilimento sito nel Comune di: ….................................... Prov …....
Via/Piazza/C.da ................................................................... N°........... CAP .........
riconosciuto con approval number ….….........................., e come da verbale di
sopralluogo effettuato in data …............................ dal dirigente veterinario Dr./Dr.ssa
…............................................................................... che attesta che lo stabilimento
mantiene i requisiti igienico-sanitari e strutturali previsti dalla normativa alimentare
vigente e attua procedure di autontrollo basate sul sistema HACCP
SI COMUNICA
che lo stabilimento di cui sopra è stato soggetto a variazioni strutturali e/o impiantistiche
e/o di lavorazione, che non comportano sostituzioni o aggiunte alla tipologia di
categoria e/o di attività produttiva già riconosciuta
Il Dirigente del Servizio
_______________________
Documenti allegati:
•
•
•
comunicazione in originale dell'impresa alimentare con relativi allegati;
N° 4 copie della planimetria;
N° 1 copia relazione tecnico-descrittiva.
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 35 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE SICILIANA
Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento
Sede legale : Viale della Vittoria n.321 92100 Agrigento
Partita IVA – Codice Fiscale : 02570930848
Dipartimento di Prevenzione Veterinario
Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale
MOD. B/6 Comunicazione variazioni regione sociale / denominazione/ sede legale
Prot. n. _____________________
Regione Siciliana, Assessorato della Salute
Servizio 4 – Sicurezza Alimentare
OGGETTO: Comunicazione
dell’impresa.
variazione
ragione
sociale/denominazione/sede legale
Relativamente allo stabilimento sito nel Comune di: ….................................... Prov …....
Via/Piazza/C.da ................................................................. N°............. CAP ..............
riconosciuto con approval number ...….............................,
SI TRASMETTE
ai fini della presa d'atto, la comunicazione (in Mod. A6) in oggetto relativa all’impresa
…...................................................................... responsabile dello stabilimento.
Il Dirigente del Servizio
______________________
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 36 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE SICILIANA
Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento
Sede legale : Viale della Vittoria n.321 92100 Agrigento
Partita IVA – Codice Fiscale : 02570930848
Dipartimento di Prevenzione Veterinario
Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale
MOD. B/7 Verbale di ispezione stabilimento CE
CHECK LIST PER RICONOSCIMENTO :
( ) STABILIMENTI DI NUOVA APERTURA
( ) ESTENSIONE DI RICONOSCIMENTO CON MODIFICHE STRUTTURALI
( ) VARIAZIONI STRUTTURALI OD IMPIANTISTICHE
Prot.__________________del________
L’anno duemila_______ il giorno _____________ del mese di _______________________
i
sottoscritti ______________________________________________________________________
Uff. di Polizia Giudiziaria si sono recati presso i locali siti nel Comune di
_________________________________ Via __________________________ n° _____ della Ditta
____________________________________ con Sede Legale in _____________________
Via_________________________n.___di
cui
è
Rappresentante
Legale
il
Signor.
____________________ nato a ____________________ il ____________ e residente
in________________________________ Via_____________________________n.___, ove data
conoscenza della qualità e del motivo della visita:__________________________________, in
presenza del Sig. ___________________________________ hanno proceduto all’ispezione
sanitaria del medesimo stabilimento e del personale che vi si trovava in servizio ed è stato rilevato
quanto segue :
Riconoscimento CE / Registrazione_____________ rilasciato il_________dal _________________
Tipologia di produzione / attività _____________________________________________________
________________________________________________________________________________
Autorizzazione
allo
scarico
rilasciata
il
_________________
dal_____________________________
Approvvigionamento idrico _________________________________________________________
Scarti di lavorazione ______________________________________________________________
LOCALE DI LAVORAZIONE
SI
NO
NON CONFORMITA'/ VARIE
Pareti lisce, chiare, lavabili e disinfettabili
Pavimenti impermeabili, lavabili e disinfettabili
Porte lavabili e disinfettabili
Soffitti e soppalchi conformi
Lavabo
con
comando
non
azionabile
manualmente
Cappa o estrattori di vapore se si utilizza un
fornello a gas
Tavolo di lavorazione in materiale idoneo
Attrezzatura facile da pulire e disinfettare
Armadio per il deposito ingredienti
Locale o armadio per il deposito materiali
pulizia
Dispositivo anti-insetti alle aperture
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 37 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
Sufficiente stato igienico del locale
DA COMPILARE PER LE INDUSTRIE ITTICHE
Vasca di salamoia
Deposito sale
LOCALE DEPOSITO presente o assente
Pareti e pavimenti facili da pulire
Superfici di appoggio lavabili e disinfettabili
Sufficienti condizioni igieniche
SI
NO
NON CONFORMITA'/ VARIE
CELLE FRIGORIFERE
SI
In condizioni igieniche soddisfacenti
Presenza di termometro/termografo
Temperatura di conservazione idonea
Scaffalatura idonea (lavabile e disinfettabile) e
pulita
NO
NON CONFORMITA'/ VARIE
IGIENE DEL PERSONALE
SI
Abbigliamento idoneo e in buono stato di pulizia
NO
NON CONFORMITA'/ VARIE
SPOGLIATOIO e SERVIZI IGIENICI
SI
Presenza di un locale specifico
Armadietti sufficienti per il personale
Sufficiente stato igienico del locale
Servizio igienico separato con antibagno dal
locale di lavorazione
Presenza di lavabo con acqua calda e fredda a
comando non azionabile manualmente
Erogatore di detergente e asciugamani a perdere
Sufficiente stato igienico del locale
NO
NON CONFORMITA’/ VARIE
TRACCIABILITA’
Registro Carico
Registro Scarico
Scheda fornitori
Scheda clienti
SI
NO
NON CONFORMITA'/ VARIE
PIANO DI HACCP
SI
E’ individuato ogni tipo di pericolo che deve
essere prevenuto, eliminato o ridotto a un livello
accettabile;
Sono individuati i punti critici in corrispondenza
dei quali è indispensabile un controllo;
Sono definiti i limiti critici oltre i quali è
necessario un intervento;
NO
NON CONFORMITA'/ VARIE
DIPARTIMENTO
DI
PREVENZIONE
VETERINARIO
A.S.P. AGRIGENTO
Procedura della Qualità
Servizio Igiene Alimenti Origine Animale
Modalità procedurali per il Riconoscimento Comunitario
degli Stabilimenti ai sensi dell’art. 4 Reg. Com.n°853/04
Pagina 38 di 38
PRO SIAOA 01
Data di emissione: 18-112009
Revisione : 01 del
18/06/2013
Sono definite e applicate le procedure di
sorveglianza dei punti critici;
Sono attuate le azioni correttive allorquando
dalla sorveglianza risulta che un punto critico
non è controllato;
Sono introdotte le procedure per verificare
l'efficacia delle misure adottate;
Sono presenti i documenti e le registrazioni per
dimostrare l'effettiva applicazione di tali misure
e a facilitare i controlli ufficiali delle autorità
competenti.
Planimetria dell’impianto con indicazione delle
aree, degli impianti, delle attrezzature e dei
punti esca
PLANIMETRIA REGOLARMENTE VIDIMATA
SI
NO
PLANIMETRIA CORRISPONDENTE AI LOCALI E ALLE ATTREZZATURE
SI
NO
PRELIEVO CAMPIONI:
SI
NO
QUALI:_________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________
PRESCRIZIONI SI NO:
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
PROVVEDIMENTI:
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
GIUDIZIO COMPLESSIVO:
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
IL TITOLARE
______________________
I VERBALIZZANTI
___________________________
___________________________
____________________________

Documenti analoghi