Istituzioni di prestigio per studenti d`eccellenza

Transcript

Istituzioni di prestigio per studenti d`eccellenza
6 Xxxxxxxxxxxx
Eventi
Lunedì 26 maggio 2014
■■ UNIVERSITà STATALE DI MILANO / Le attività del Dipartimento di Scienze della Terra (Dst)
Imparare a gestire le risorse del Pianeta
Sistema fisico terrestre: ricerca e formazione triennale, magistrale e dottorati
I
l Dipartimento di Scienze
della Terra (Dst) “Ardito
Desio” dell’Università degli
Studi di Milano è una delle
sole nove strutture italiane
rimaste interamente dedicate
alla ricerca e alla formazione
universitaria e superiore sulla
Geologia, dopo la riorganizzazione delle università.
Primeggia per il proprio parco di attrezzature analitiche
necessarie alla conduzione di
ricerche a livello internazionale e alimenta un’impostazione pluridisciplinare flessibile e intrecciata, cresciuta in
progressione dal 1931, dopo
che il geologo professor Desio
destinò, per primo nel Paese,
la conoscenza del funzionamento della Terra alle scelte
economiche, industriali ed
energetiche.
Circa 50 docenti-ricercatori
impartiscono insegnamenti
nei corsi di laurea triennali
e magistrali in Scienze della
Terra e collaborano con altre
strutture ai corsi in Scienze
Naturali, e Scienze e Tecnologie di Studio e Conservazione
dei Beni Culturali e Supporti
dell’Informazione.
Nel corso degli studi gli allievi
familiarizzano con il metodo
Esempio di
stratificazione
in Val Roia
d’indagine scientifica, apprendendo l’uso di strumenti
di indagine geologica ed il valore delle analisi di laboratorio per conoscere e gestire il
territorio.
Al termine del precorso formativo i laureati saranno capaci di gestire correttamente
le risorse del pianeta con lo
sguardo al futuro, ma anche
leggere e preservare il passa-
to registrato nelle rocce, dalle
più antiche fino alle più recenti, arrivando a supportare
le ricerche archeologiche, la
preservazione dei beni culturali e comprendere la complessa interazione tra componente geologica e biosfera.
I laureati del Dipartimento
di Scienze della Terra applicheranno le loro competenze
in campi tra i più vari: inte-
razione dei meccanismi fisici,
chimici e biologici sull’evoluzione ambientale (aria, acqua, roccia, suolo, organismi
viventi); analisi e mitigazione
dei rischi naturali (sismico,
idrogeologico, aree costiere);
prevenzione (e interventi di
recupero) di rischi legati alla
diffusione degli effetti inquinanti nelle falde acquifere,
ricostruzione geologica tridimensionale del territorio
(anche nel tempo) al fine di
valutare e gestire consapevolmente le risorse naturali,
sviluppo di modelli fisici di
simulazione numerica di processi a diversa scala (dall’intero pianeta a situazioni specifiche) al fine di comprendere
processi naturali del passato
per prevederne l’evoluzione
futura, prospezione per idrocarburi e materie prime di base, impiego di geo-materiali
caratterizzati tramite raffinate
tecniche analitiche.
Nella formazione sono di
estrema importanza le attività pratiche, per apprendere
le modalità di indagini esplorative geologiche e geofisiche
sul campo, le metodologie
analitiche di laboratorio e di
cantiere, anche tramite tiro-
cini formativi svolti esternamente.
L’ampiezza del campo di applicazione delle competenze
geologiche apre al laureato
numerose strade professionali. Il geologo, previo superamento dell’Esame di Stato,
può accedere all’Ordine dei
Geologi e svolgere la propria
libera professione o inserirsi
in studi professionali; potrà
mettere le proprie competenze a disposizione di aziende,
enti di ricerca scientifica e
di applicazione tecnologica,
compagnie di prospezione,
contribuendo a individuare e
gestire risorse naturali.
Questa possibilità è promossa al Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università
di Milano da una serie di
Indagine
geologica
in Zambia
■■ COLLEGI DI MERITO / Riconosciuti come “Enti di alta qualificazione culturale”, integrano la formazione dell’ateneo pavese
Istituzioni di prestigio per studenti d’eccellenza
Sono quattro: due storici, Borromeo e Ghislieri, due femminili più recenti, il S.Caterina da Siena e il Collegio Nuovo
P
avia è una città-campus.
Non solo è nota per l’antica e prestigiosa università che
richiama i migliori studenti
dall’Italia e dal mondo, ma
per una rete di collegi universitari e di strutture per lo
studio e lo sport unica in Italia, che caratterizzano la vita
anche della città. Quattro di
queste strutture sono davvero
speciali. Si tratta dei Collegi
di merito: istituzioni antiche,
che vantano oltre quattro secoli di storia, e più recenti,
dotate di strutture e servizi
all’avanguardia, che integrano la formazione dell’ateneo,
contraddistinta anche da sette
corsi di laurea in lingua inglese, e propongono uno stile di
vita in linea coi modelli dei
college inglesi e americani.
Ai due storici, Borromeo e
Ghislieri, si sono affiancati in
tempi più recenti i femminili
Santa Caterina da Siena e il
Collegio Nuovo, tutti riconosciuti dal ministero dell’Istruzione, dell’Università e della
Ricerca quali “Enti di alta
qualificazione culturale” e
“Centri di eccellenza per il diritto allo studio”. Ai Collegi si
aggiunge l’Istituto universitario di studi superiori Iuss, che
Dal basso, il Collegio Nuovo, nato nel 1978 per volere
dell’imprenditrice Sandra Bruni Mattei, e il Collegio Ghislieri,
fondato nel 1567 da papa Pio V Ghislieri
offre percorsi formativi pre e
post-laurea e promuove la ricerca d’eccellenza.
I Collegi e lo Iuss favoriscono la formazione di giovani
motivati, capaci, intenzionati a laurearsi in tempi rapidi
per inserirsi con successo nel
mondo accademico e del lavoro. L’80% trova lavoro entro
sei mesi dalla laurea, senza
dimenticare che molti proseguono ancora la loro formazione accademica scegliendo
studi superiori.
In dettaglio, il Collegio Bor-
romeo, fondato nel 1561 da
S. Carlo Borromeo, ospita nel
palazzo storico e nella recente
sezione femminile circa 150
studenti e 20 laureati impegnati in attività di perfezionamento.
Per quanto riguarda il Collegio Ghislieri, è stato fondato
nel 1567 da papa Pio V Ghislieri e ha come alto patrono il
Presidente della Repubblica.
La sezione maschile e quella
femminile ospitano un totale
di 200 studenti e laureati.
Il Collegio Santa Caterina da
Siena, fondato nel 1973 per
volere di papa Paolo VI, si
trova a pochi passi dall’Università, nel centro storico di
Pavia. Ospita 75 alunne italiane e straniere e 3 perfezionande post lauream.
Fondato dall’imprenditrice
Sandra Bruni Mattei, il Collegio Nuovo investe dal 1978
sul “fattore D”, offrendo alle
proprie alunne un’intensa
attività formativa globale e
occasioni di studio presso
partner in tutto il mondo,
come il Barnard College/
Columbia University di New
York o la Ochanomizu University di Tokio. Ospita 115
alunne italiane e straniere e
50 neolaureate/i.
Ai migliori studenti che si
trovano in condizioni economiche svantaggiate sono riservati posti gratuiti,
mentre a tutti, grazie al sostegno dei Collegi stessi e
del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della
Ricerca, nonché a convenzioni con altri Enti come Inps ex gestioni Inpdap/Enam
e Ipost, sono garantiti posti
economicamente agevolati
che prevedono contributi
comunque inferiori (anche
relazioni internazionali professionali che i docenti hanno in corso con compagnie
petrolifere, estrattive, enti di
ricerca e industrie di diverso
tipo.
La possibilità di crescita
post-laurea è inoltre garantita, per i meritevoli, dai
corsi di dottorato di ricerca
nazionali. La qualità della
preparazione dei laureati del
Dipartimento è documentata
dall’elevato numero di neolaureati che ottengono borse
di dottorato in paesi esteri:
oltre ad una buona preparazione universitaria però,
opportunità internazionali
sono sicuramente favorite da
attitudini personali, apertura a contatti e indispensabili
competenze linguistiche.
dell’80%) ai costi di mantenimento.
Nei Collegi si organizzano
corsi integrativi e interdisciplinari nonché incontri
con personalità di spicco del
mondo professionale e culturale, anche internazionale.
E poi ancora, tornei sportivi
e feste, in una comunità ricca di stimoli e di progetti, in
cui studiare significa crescere
e confrontarsi con gli altri. Il
sistema dei Collegi di merito
pavese offre una ricca attività
culturale e formativa in un
clima di collaborazione e partecipazione.
Non mancano inoltre opportunità per entrare in contatto
con aziende e centri di ricerca
internazionali o di trascorrere
un periodo all’estero, sia prima sia dopo la laurea, grazie
alla promozione di scambi
con istituzioni universitarie
in Europa (dalle antiche Università di Mainz e Heidelberg
fino ai College di “Oxbridge”)
e in tutto il mondo (dagli Stati
Uniti agli Emirati Arabi sino
all’Australia e all’Estremo
Oriente).
Non a caso dai Collegi di Pavia sono uscite e continuano
a uscire persone che nei rispettivi ambiti professionali
danno lustro al nostro Paese.
Per poter accedere al bando
2014-15, che prevede circa
100 posti disponibili, bisogna visitare il sito internet:
www.collegidimeritoapavia.it
Dal basso, il Collegio Santa Caterina da Siena, fondato nel
1973 da papa Paolo VI. Sopra, il Collegio Borromeo, risalente
al 1561, creato da S. Carlo Borromeo

Documenti analoghi