bollettino settimana 20 – 27 Dic.

Commenti

Transcript

bollettino settimana 20 – 27 Dic.
NEL MIO PRESEPE
Nel mio presepe, quest'anno, Signore,
non ho messo soltanto delle belle statuine.
Ho messo i volti e le sofferenze
di coloro che attendono la salvezza
di una vita diversa, normale, almeno migliore.
Mi aiutano a vederli, sul serio, e a pregare per loro.
Ho messo i bimbi indifesi, smarriti o schiavizzati.
Ma ho messo pure quelli viziati che si illuderanno a lungo
di essere il centro del mondo, e per loro sarà duro scoprire la realtà.
Ho messo gli anziani soli e affaticati,
inutili o di peso a una società che parametra tutto
sull’efficienza e dimentica la riconoscenza.
Ma ho messo pure i loro figli,
orfani del loro affetto e della loro esperienza.
Ho messo i giovani senza lavoro e prospettive,
ma ho messo pure gli adulti che accumulano ricchezze e oggetti
inutili o insensati, senza accorgersi che non li possiederanno in eterno.
Ho messo gli ammalati e i morenti, i poveri e i rifugiati,
ma ho messo pure coloro che abusano della propria salute
o rifiutano gli indigenti perché “sporcano” la facciata delle loro città.
Ho messo le vittime della guerra e del terrorismo,
coloro che non hanno cibo o medicinali a sufficienza,
ma ho messo pure quelli che irridono la grazia ricevuta
fomentando conflitti o sprecando i beni a propria disposizione.
Ho messo anche me, questa volta al fondo,
perché probabilmente non vedo le travi nei miei occhi,
e ho l’ardire di pregarti per la mia conversione.
Porta a tutti la tua salvezza, Signore.
E potessi essere io ad alleviare qualche fatica umana,
ti prego, usami pure, Signore.
Sarà il mio “buon compleanno”, Gesù.
PARROCCHIA S. MARIA DELLA
CONSOLAZIONE SALERNO
BENEDIZIONE BAMBINELLI IL 20
E FAMIGLIE IL 27
AUGURI DA ISAYA E D. MARCO
DAGLI ANIMATORI E OPERATORI TUTTI
4ª settimana Tempo di
Avvento e di Natale
20-26 dicembre 2015
Gesù, regalo del suo compleanno
«Questo è un regalo per te da parte del papa, il giorno del suo
compleanno». Cosa avranno pensato i 300 clochard, ricevendo un
sacco a pelo con cappuccio e stemma papale la sera del 17 dicembre
2014? Da quando in qua è il festeggiato a fare regali?
Il pulmino targato Città del Vaticano ha girato in lungo e in largo, tra le
18 e le 23, le stazioni romane e i luoghi frequentati dai senzatetto. Li è
andati a cercare, non soltanto per portare una buona parola, ma per
essere risposta concreta ai loro bisogni.
Ogni anno siamo invitati alla festa di Gesù. Ed è Lui il regalo: il
Salvatore che «scioglie i legami dei nostri peccati e asciuga per
sempre le lacrime delle nostre madri». Colui che, come ricorda Isaia, è
«principe della pace», la shalom che è riconciliazione, benessere,
completezza; colui è «consigliere mirabile», indica le strade
ragionevoli perché ciascuno costruisca la vita buona, per sé e per gli
altri; colui che svela il volto di un «Dio potente», vincitore su ogni
male, e amorevole «Padre per sempre».
Gesù è venuto incontro agli uomini, nella storia, e nessuno potrà
mai contraddirlo. Ha fatto grandi cose che lo hanno fatto ricordare
come pietra miliare dell’umanità. Ma per noi credenti Gesù è vivo, e
continua a venire in mezzo a noi, a bussare alle nostre vite, a
interpellare le nostre coscienze, a rafforzare con la sua Grazia la nostra
fragilità.
Così come è giusto ricordare, anche a Natale, che Gesù
verrà, definitivamente, alla fine dei tempi. Ci consegnerà «cieli nuovi
e terre nuove» e una pienezza irraggiungibile in questo mondo. La
vita è, in fondo, l’attesa operosa di qualcosa di più bello e più
grande di ciò che possiamo immaginare.
CALENDARIO LITURGICO SETTIMANALE
4ª settimana del Tempo di Avvento e della Liturgia delle Ore • Tempo di Natale, Liturgia delle Ore propria
4ª di AVVENTO
Mic 5,1-4a; Sal 79 (80); Eb 10,5-10; Lc 1,39-45
A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me?
R Signore, fa’ splendere il tuo volto e noi saremo salvi.
S. Pietro Canisio (mf)
Ct 2,8-14 opp. Sof 3,14-17; Sal 32 (33); Lc 1,39-45
A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me?
R Esultate, o giusti, nel Signore; cantate a lui un canto nuovo.
1 Sam 1,24-28; C 1 Sam 2,1.4-8; Lc 1,46-55
Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente.
R Il mio cuore esulta nel Signore, mio Salvatore.
S. Giovanni da Kety (mf)
Ml 3,1-4.23-24; Sal 24 (25); Lc 1,57-66
Nascita di Giovanni Battista.
R Leviamo il capo: è vicina la nostra salvezza.
2 Sam 7,1-5.8b-12.14a.16; Sal 88 (89); Lc 1,67-79
R Canterò per sempre l’amore del Signore.
Vigilia: Is 62,1-5; Sal 88 (89); At 13,16-17.22-25; Mt 1,1-25.
R Canterò per sempre l’amore del Signore.
NATALE DEL SIGNORE (s)
NIs 9,1-6; Sal 95 (96); Tt 2,11-14; Lc 2,1-14R Oggi è nato per noi
il Salvatore.A Is 62,11-12; Sal 96 (97); Tt 3,4-7; Lc 2,15-20 R
Oggi la luce risplende su di noi.G • Is 52,7-10; Sal 97 (98); Eb
1,1-6; Gv 1,1-18 R Tutta la terra ha veduto la salvezza del nostro
Dio.
S. Stefano (f)
At 6,8-10.12; 7,54-60; Sal 30 (31); Mt 10,17-22
Non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro.
R Alle tue mani, Signore, affido il mio spirito.
Domenica fra l’ottava del Natale
SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE
1 Sam 1,20-22.24-28; Sal 83 (84); 1 Gv 3,1-2.21-24; Lc 2,41-52
Gesù è ritrovato dai genitori nel tempio in mezzo ai maestri.
R Beato chi abita nella tua casa, Signore.
20
DOMENICA
LO 4ª set
21
LUNEDÌ
LO 4ª set
SS. MESSE
ORE 9.00 D. ISAYA ……..
ORE 10.30 PRO POPULO
ORE 12.00 CONCETTA E MARIO DA DE ROSA
ORE 18.00 D. ISAYA - CARMINE MIMMO ELENA E MARIAROSA DA
BUONPRISCO
S. MESSE
ORE 9.00 RAFFAELE E RITA DA PICILLI
ORE 18.00 CEL. ISAYA ANTONIETTA DA CACCAVO
22
SS. MESSE
ORE 9.00 D. ISAYA LINA DA TERNULLO
ORE 18.00 GIOVANNI VINCENZO E MARIA STELLA DA ROBERTO
23
S. MESSE
ORE 9.00 MARIA E GIUSEPPE DA DI CARLO
ORE 18.00 ANTONIO DA DE LUCA 1. ANN
24
S. MESSE
ORE 9.00 VITTORIO E LEOPOLDO DA CASINI
ORE 24.00 MESSA DELLA NOTTE PRO POPULO
25
SS. MESSE
ORE10.30 ………………………………………………………………………………
ORE 12.00 ROSANNA E DAVIDE DA MEMOLI
ORE 18.00……………………………………………………………………………………
MARTEDÌ
LO 4ª set
MERCOLEDÌ
LO 4ª set
GIOVEDÌ
LO 4ª set
VENERDÌ
LO Prop
26
SS. MESSE
ORE 11.00 BATTESIMO DI ANDREA MARIA
ORE 18.00 ONOFRIO DA CITRO CEL ISAYA
27
SS. MESSEORE 9.00 CARLO E TINA DA TALARICO
ORE 10.30 GIUSEPPE ROSA E NINO DA SPIEZIA - SORTEGGIO BENEDIZIONE DELLE FAMIGLIE
ORE 12.00 BATTESIMO DI SARA
ORE 18.00 NICOLA DA SORGENTE
SABATO
LO Prop
DOMENICA
LO Prop
SAC MARCO RUSSO
IV domenica di avvento
Domenica di Maria donna della sollecitudine.
Donna del si, obbediente a Dio e al suo progetto.
Madre e donna del cammino di fede e di servizio.
Madre dell'incontro.
In Lei il tempo dell'attesa si compie, il tempo della speranza è realizzato.
Tu sei la benedetta, la beata, la Madre del Signore, tu sei colei che ha creduto.
Sperimentiamo in questi giorni la presenza premurosa di Maria, è lei che si muove per venirci incontro, bussando alle porte del
cuore di ciascuno, alle porte delle nostre case, così come bussò alla dimora di Zaccaria: attese la risposta e una volta entrata fece
sussultare con il saluto.
Ricordiamo il saluto di Maria nella nostra richiesta di perdono, nelle nostre implorazioni.
Sperimentiamo la sua presenza. Catena dolce che ci riannoda a Dio.
Nella casa di Zaccaria divenne un’esultanza, che possa in ogni casa il saluto di Maria far sussultare il cuore di ognuno.
Viviamo nell'attesa del Signore, preghiamo affinché si realizzi il suo Avvento tutti i giorni dell'anno.
Impariamo a pensare che Lui bussa alla nostre porte con le mani del povero, dell’ammalato, del carcerato, del rifugiato, del
bambino vittima di abusi, della donna fatta oggetto di violenza.
Le mani degli ultimi, che saranno i primi.
Mettiamo il Vangelo al centro della nostra casa.
Sforziamoci di vivere in modo trasparente.
Affidiamo a Maria le incertezze del domani.
E non dimentichiamoci che Gesù non si dimenticherà mai di noi…

Documenti analoghi