Intossicazione da glicole etilenico

Transcript

Intossicazione da glicole etilenico
Intossicazione da glicole etilenico
A. Lepore1, L. Pennisi1
1
Centro Antiveleni Puglia, Azienda Ospedaliero- Universitaria OO.RR. Foggia
Il glicole etilenico è un tossico costantemente monitorato per la sua alta tossicità, per i danni che ne possono conseguire,
per la potenziale letalità, per il numero di miscele chimiche che lo contengono e che annualmente sono immesse sul
mercato.
La maggior parte delle intossicazione da glicole etilenico è dovuta ad ingestione accidentale di liquido antigelo. Modalità
che ha causato l'intossicazione acuta di un paziente di 38 anni che è stata gestita dal Centro Antiveleni di Foggia, il quale
ha assunto circa 200cc di una soluzione contenente glicole etilenico all'80%, manifestando sintomi quali nausea, vomito e
senso di stordimento.
Oltre agli esami ematochimici e strumentali, un passaggio fondamentale è stato quello di stimare il grado di intossicazione
mediante la valutazione del gap osmolare prima e successivamente del gap anionico.
Considerando la gravità dell'intossicazione e il pericolo al quale è stato esposto il paziente, si è proceduto a trattamento
antidotico con fomepizolo e nello stesso tempo venivano monitori tutti i parametri di funzionalità renale. La tempestività
nella valutazione del grado di intossicazione, del trattamento antidotico e del monitoraggio continuo del paziente, hanno
permesso di poter avere una remissione totale in quinta giornata.
L'intossicazione orale acuta si manifesta con effetti simili a quelli dell'etanolo, il paziente può presentare un gap osmolare
aumentato ma non presenza di acidosi nella prima ora. Si associano sintomi di tipo gastroenterico e ipoglicemia.
Successivamente ed entro le 12 ore dall'ingestione, si manifestano segni e sintomi dovuti al processo di metabolizzazione..
Altre indagini richieste da un Centro Antiveleni sono: la valutazione dei lattati, assetto epato-renale ed etanolemia, esame
delle urine con ricerca di presenza di eventuali cristalli, valutazione dei livelli di beta-idrossibutirrato per fare diagnosi
differenziale tra l'intossicazione da glicole etilenico e la chetoacidosi alcolica.
Il trattamento antidotico prevede la somministrazione di fomepizolo o etanolo la cui funzione è quella di saturare l'azione
dell'alcol deidrogenasi.Dal momento che il volume di distribuzione ha valori inferiori a 1L/Kg e il legame alle proteine
plasmatiche è quasi del tutto assente è possibile effettuare l'emodialisi.
Il glicole etilenico è un alcol bivalente a basso peso molecolare, appartenente ai dioli.
E' possibile trovarlo anche nei materiali per la sintesi di poliestere, diossani PET, ma anche come scambiatore di calore,
solvente liquido, liquido per i freni, umidificante del tabacco, nelle lacche, colle o nei nuovi prodotti per la crioterapia e la
termoterapia (cold/hot-pack).
Dopo ingestione, viene metabolizzato dall'alcol-deidrogenasi a glicolaldeide che, a sua volta viene metabolizzata a acido
glicolico, ac. glicossilico e ac. ossalico, che insieme all'acido lattico sono i responsabili dell'acidosi metabolica e del danno
d'organo che ne consegue, dovuto alla precipitazione dei cristalli insolubili di ossalato insieme al calcio (calcio-ossalato).
Il glicole etilenico ha un volume di distribuzione che va da 0.6-0.8L/Kg, non si lega alle proteine plasmatiche e la sua
emivita è di 2-5 ore ed arriva fino a 17 ore dopo trattamento antidotico con etanolo o fomepizolo.
La dose letale per l'uomo di glicole etilenico al 95% ( solitamente contenuto nei prodotti per antigelo) è di 1- 1,5ml/Kg.
Il dosaggio del glicole etilenico (livelli serici 50mg/dL), è l'indagine laboratoristica che può essere effettuata per
confermare la venuta intossicazione.
E' indispensabile in caso di intossicazione da glicole etilenico continuare il trattamento con etanolo o fomepizolo fino ad
una netta riduzione con ritorno ai valori di range del gap anionico, osmolare e dello stesso glicole sierico.
Powered by TCPDF (www.tcpdf.org)

Documenti analoghi