Circolare Regionale Strutture Veterinarie

Commenti

Transcript

Circolare Regionale Strutture Veterinarie
.
.
w
REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA
Assessorato dell'Igiene Sanità
e del! 'Assistenza Sociale
iProt.:N.
l\2 8'( O
cJQ.sposta
d"e[
/8
caofiari,
a[fooOO :N.
Jf.ffeoati :N.
')"0
L~
3 O NOV 1004
l
Oggetto: Attuazione dell' Accordo tra il Ministero della Salute e le Regioni per la definizione dei requisiti
strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi richiesti per l'erogazione delle prestazioni veterinarie da parte
di strutture pubbliche e private. Determinazione N. 2;45/8 del 29 novem~re 2004.
Ai Direttori Generali delle Aziende
USL della Sardegna
.
Ai Dirigenti dei Servizi Veterinari
Delle Aziende USL
Della Sardegna
I
Ai Sindaci dei Comuni della Regione
Sardegna
Ai Presidenti degli Ordini
Dei Medici Veterinari
All'Università degli Studi di Sassari
Facoltà di Medicina Veterinaria
LORO SEDI
Ai sensi dell'art.3, primo comma, dell'Accordo tra Ministero della Salute, Regioni e Province Autonome
di Trento e di Bolzano, la Regione Sardegna da attuazione alle disposizioni sancite dall'Accordo stesso.
I requisiti minimi individuati con la Determinazione in oggetto, ai sensi del comma 2 del citato art. 3
trovano immediata applicazione nel caso di realizzazione di nuove strutture veterinarie e di ampliamento o
trasformazione di strutture già esistenti.
Per ampliamento si intende un aumento della superficie di almeno il 10% della struttura esistente; per
trasformazione si intende la modifica della tipologia della struttura già autorizzata con o senza lavori sugli
edifici o parti di essi.
In fase di prima attuazione, i Servizi Veterinari dovranno sottoporre a verifica le strutture veterinarie
pubbliche e private già autorizzate e in esercizio entro il biennio decorrente dalla data del presente
provvedimento.
-..-~-----.
~
~
~gione flutono11Ul de{fa Sardegna...
Ove venissero riscontrate carenze strutturali, tecnologiche ovvero organizzative, le stesse dovranno
essere sanate entro il tennine di mesi sei dalle prescrizioni degli stessi Servizi Veterinari o entro un termine
comunque congruo assegnato.
Tuttavia, i Servizi Veterinari competenti, ove risultassero gravemente disattese o violate nonne generali
di sanità veterinaria, hanno facoltà di fissare tempi anche sensibilmente più ristretti entro i quali l'avente
causa deve procedere a sanare i vizi strutturaIi, tecnologici ovvero organizzativi riscontrati .
Gli stessi Servizi, nelle fattispecie sopra descritte, avranno anche la facoltà di declassare le strutture
veterinarie quando le stesse non fossero in possesso dei requisiti minimi previsti per la tipologia a suo tempo
autorizzata.
CLASSIFICAZIONE
DELLE STRUTTURE
Le strutture veterinarie, ai sensi dell'art.l dell'Accordo, sono classificate come segue:
a)
b)
c)
d)
e)
Studio Veterinario esercitato in forma singola o associata;
Ambulatorio Veterinario esercitato in forma singola o associata;
Clinica Veterinaria- Casa di Cura Veterinaria' ,
Ospedale Veterinario;
Laboratorio veterinario di analisi.
Le strutture di cui ai punti a-b-c-d-e , comunque assoggettate al rispetto delle nonne generali e speciali in
materia di igiene nonché alle norme sul benessere animale con riguardo alle esigenze delle specie trattate,
sono così individuate:
a) Per Studio Veterinario si intende la struttura ove il medico veterinario, generico o specialista, esplica
la sua attività professionale in forma privata e personale. Qualora due o più medici veterinari,
generici o specialisti, esplicano la loro attività professionale in fonna privata ed indipendente, pur
condividendo ambienti comuni, lo Studio Veterinario assume la denominazione di Studio
Veterinario Associato. Nel caso di accesso degli animali, tali strutture sono sottoposte ad
autorizzazione sanitaria.
b) Per Ambulatorio Veterinario si intende la struttura avente individualità ed organizzazione propria ed
autonoma in cui vengono fornite prestazioni professionali, con l'accesso di animali, da uno o più
Medici Veterinari, generici o specialisti, senza ricovero di animali oltre a quello giornaliero. Qualora
nell' ambulatorio operino più di un Medico Veterinario, occorrerà nominare un Direttore Sanitario
Medico Veterinario.
c) Per Clinica Veterinaria- Casa di Cura Veterinaria si intende la struttura veterinaria avente
individualità ed organizzazione proprie ed autonome i~ cui vengono fornite prestazioni professionali
da più Medici Veterinari generici o specialisti e nella quale è prevista la degenza di animali oltre a
quella giornaliera. La Clinica Veterinaria-Casa di Cura Veterinaria individua un Direttore Sanitario
Medico Veterinario. La Clinica Veterinaria-Casa di Cura Veterinaria deve poter fornire
un'assistenza medico-chirurgica di base elo di tipo specialistico.
-
~
~
~gione }lutonoma de{fa Sardegna..
d) Per Ospedale Veterinario si intende la struttura veterinaria avente individualità ed organizzazione
proprie e autonome in cui vengono fornite prestazioni professionali da più Medici Veterinari generici
o specialisti e nella quale è prevista la degenza di animali oltre a quella giornaliera, il servizio di
pronto soccorso sull'arco delle 24 ore con presenza continuativa di almeno un Medico Veterinario, i
servizi di diagnostica di laboratorio. L'Ospedale Veterinario prevede la figura del Direttore Sanitario
Medico Veterinario.
e) Per Laboratorio Veterinario di Analisi si intende una struttura veterinaria dove si possono eseguire,
per conto di terzi e con richiesta veterinaria, indagini diagnostiche strumentali di carattere fisico,
chimico, immunologico, virologico, microbiologico, citologico ed istologico su liquidi elo materiali
biologici animali con rilascio di relativi referti. Nel Laboratorio di Analisi non è consentito alcun
tipo di attività clinica o chirurgica su animali.
Ai sensi dell' Art. 2 dell'Accordo, tutte le strutture veterinarie di cui ai punti a-b-c-d-e, fatta eccezione per
lo Studio Veterinario se non vi è accesso di animali, sono sottoposte ad autorizzazione sanitaria.
A tale riguardo, deve affermarsi che la materia veterinaria, in considerazione delle peculiarità sue
proprie, continua ad essere regolata nella Regione Sardegna dalle Leggi in vigore ed in particolare, per
quanto attiene alle autorizzazioni sanitarie, dalla L.R 8.7.1985, n.15.
Pertanto, in forza della citata L.R. 15/85, permane in capo al Sindaco, quale Autorità Sanitaria
Locale, previo parere del Servizio Veterinario competente per territorio, il rilascio delle autorizzazioni
all' apertura di Ambulatori o di altre strutture veterinarie.
Resta comunque inteso che il rilascio delle autorizzazioni presuppone oltre alla verifica dei Servizi
Veterinari sulla sussistenza dei requisiti minimi in possesso delle strutture veterinarie, anche il rispetto di
tutte le altre normative di carattere generale che riguardano anche altre professioni, come .l'igiene e la
salubrità degli ambienti, la ventilazione, l'illuminazione, la gestione dei rifiuti, la sicurezza del lavoro, la
radioprotezione, le norme impiantistiche, le barriere architettoniche e la pubblicità sanitaria.
Ai sensi del comma 3 dell' art. l dell' Accordo, le condizioni previste sopra possono non essere richieste
nelle campagne programmate e stabilite dalla Regione, con particolare riferimento all' applicaz:one della
Legge 281/91, fermo restando il pieno rispetto delle norme igienico-sanitarie e del benessere animale.
I Servizi Veterinari, con periodicità almeno quinquennale, verificheranno la permanenza dei requisiti
minimi, informando l'Assessorato dell'Igiene e Sanità, Servizio della Prevenzione, dell'attività svolta,
inserendo i dati nella Relazione Annuale.
-- ---=------.
~
~
~gione )Iutonoma de{[a Sardegng-
Nella eventualità che gli stessi Servizi debbano assumere gravi provvedimenti, quali sospensione o
revoca di attività, questo Assessorato dovrà essere informato contestualmente al provvedimento assunto.
Tutto ciò premesso, col presente provvedimento si intendono adottati i requisiti, strutturali,tecnologici ed
organizzativi minimi rich~~sti per l' erogazione delle prestazioni veterinarie da parte di strutture pubbliche e
private, di cui all'Allegato I dell'Accordo tra il Ministero della Salute, le Regioni e le Province Autonome di
Trento e Bolzano .
Il Direttore del Servizio
Della Prevenzione
Dott~~~pus
sm.8.6
11tV1.
fa.8.6 ~
---