TOI (Transfer Of Innovation)

Commenti

Transcript

TOI (Transfer Of Innovation)
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
LIFELONG LEARNING PROGRAMME
Leonardo da Vinci
Application form 2008
TRANSFER OF INNOVATION
PLEASE NOTE THAT THE TABLES REFERRED TO IN CERTAIN FIELDS OF THIS
FORM CAN BE FOUND IN THE ANNEX.
1. SUBMISSION DATA
LLP Sub Programme
Leonardo da Vinci
Action Type
Transfer of
Innovation
Call 2008
Submitted to
Date of completion
Acronym
Agenzia Nazionale LLP Italia Programma Settoriale Leonardo da Vinci
Language used in the
14 marzo 2008
Italian
submitted application
Expero2EU
Title
Project Duration
ExPerO in European Union: focus on mechatronics
24 Months
Summary Limit 30 lines, should be provided in EN, FR or DE
The post secondary not tertiary education focused on vocational programmes (HTE - Higher Technical Education) is an education field
very heterogeneous in Europe, composed by several kinds of institution and different training aims. In the HTE European system, at the
moment, few quality standards exist. In this context, ExPerO (LdV 2005-2007), was created to develop a theoretical model and a set of
survey tools aimed to assess the quality of the learning outcome of the HTE courses, based on stakeholders expectations and
perceptions. The present project, named Expero2EU, aims to transfer the ExPerO model (as innovative content) in the specific field of
mechatronics and to make ExPerO an European model to certify the HTE learning outcome. The project involves an operative- and a
theoretical side. The operative side aims to involve new HTE institutes and political institutions. The schools will adopt the ExPerO
model and the mechatronics sections will be involved in an international critical circle of assessment. Every school will disseminate the
results in the local area; the political institutions will be involved to disseminate ExPerO in the institutional areas. On the theoretical side,
Expero2EU aims to present ExPerO model as supranational standard for certification of HTE courses, following the “think globally but
act locally” principle. In this sense, we will integrate the instruments produced in VQTS (LdV Pilot project) to measure the credits and the
competencies. Expero2EU will provide a system able to evaluate the Quality (through the ExPerO model), the Competencies (following
the EQF meta-framework) and the Credits (thanks to the VQTS tools) of the learning outcome (CCQ Expero standard). Finally, the
mechatronics network will act for a reciprocal recognition of competencies and credits.
The partnership permits the optimal development of the operative and theoretical side. The network is composed by: five HTE schools
(4o/5o level of EQF in Denmark, Belgium, Italy, Spain and Turkey) providing a similar vocational programme (mechatronics); two
consultancy firms in school quality (from Spanish and from Demark); the coordinator of VQTS project (Austria); two Universities (Italy
and Finland); a Switzerland Educational Centre as critical friend and quality manager; two Italian schools for local area dissemination.
The Expero2EU main tangible outcomes will be: the results of the ExPerO application on new HTE partners institutes; Expero model
and tools will be translated in three more languages (DK, BE, TK); communicative and training website, partners social network,
Troubleshooting Knowledgebase, accreditation of ExPerO as European standard in the assessment of the learning outcome quality;
certifications provided by the ExPerO standard to the HTE partners and a report about the integration of the VQTS tools in the ExPerO
model; a critical circle of assessment composed by five European mechatronichs HTE; a reciprocal recognition of the credits and
competences amongst the critical circle partners. As main intangible outcomes, Expero2EU will develop consciousness about the
assessment of the learning outcome in the school personnel involved; dissemination of ExPerO model in a specific sector ad
mechatronic is towards a fruitful interconnection between Italian and European Institutes. Expero2EU will impact on the European
vocational training system, accrediting a standard (ExPerO) able to assess and compare the Quality of the learning outcome of the
European HTE institutes, towards a mutual recognition of Competencies and Credits and promoting the transparency and the mobility in
14/03/2008 01:21:00 PM
1
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
the HTE education field.
Total numbers of partners including
applicant:
15
Total number of countries involved:
8
Total grant requested:
Euro 300.000,00
Total funding:
Euro 459.780,00
2. GENERAL INFORMATION
Before completing this form, please read the relevant sections in the Lifelong Learning Programme
Guide for Applicants and the 2008 Call for Proposals published by the European Commission and
by your National Agency, which contain additional information on closing dates, National Agency
addresses to which the application must be sent, and specific priorities for that year. Links to
these documents and further information such as Frequently Asked Questions can be found on the
Lifelong Learning Programme website:
http://ec.europa.eu/education/programmes/llp/index_en.html
This application form should be completed by the applicant of the proposed Transfer of Innovation
project, in cooperation with the planned partners. The application must be submitted to the
National Agency of the country of the applicant by 14 March 2008. Please check on the website
of the responsible National Agency in which form and to which address the application must be
submitted. Use the Check-list below before sending your application.
3. CHECK-LIST
Check-list
Before sending in your application form to the National Agency, the following points should be
addressed in order to ensure eligibility.
□
Make sure that, in addition to the compulsory signed paper version of your application, you have also
submitted an electronic version on floppy or CD-Rom.
□
Make sure that you have used the official Application Form for the activity planned in the project
□
Make sure that all relevant fields in the application form have been completed, especially the financial
section.
□
The form is not handwritten (except for the Declaration)
□
Make sure that you comply with the deadline published in the call.
□
Be sure to comply with the minimum size of the partnership, i.e. partners from at least 3 countries
(including the country of the applicant), including at least one from the European Union.
□
The proposal has to be written in one of the EU official languages. It can also be written in one of the
languages of the EFTA/EEA and candidate countries but must then include a summary in English, Dutch or
German.
□
Do not forget to sign the application form: The application form must bear the original signature of a
person authorised by the applicant organisation in section 7 of the application form. The signature also
confirms that your organisation is not in a situation of the exclusion criteria and that you have the
necessary capacity to successfully implement your project.
□
□
□
The application must include letters of intent from the obligatory minimum number of partners.
The application must include the excel spreadsheet with the detailed budget of the project.
If you are not a public body1 and your grant request exceeds EUR 25.000, please add a copy of the
official2 accounts for the most recent financial year for which the accounts have been closed.
1
Public body: For the purpose of this call, all schools and higher education institutions specified by the participating
countries and all institutions or organisations providing learning opportunities which have received over 50% of their annual
revenues from public sources over the last two years or which are controlled by public bodies or their representatives, are
considered as public bodies. (point 5.2. of the GENERAL CALL FOR PROPOSALS 2008–2010 - Part II: Administrative and
financial provisions)
14/03/2008 01:21:00 PM
2
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
□
If you are not a public body and your grant request exceeds EUR 500.000, please add an external audit
report approved by an approved auditor. This report shall certify the accounts for the last year available
2
"official" means accounts certified by an appropriate external body, and/or published, and/or approved by the organisations
general meeting
14/03/2008 01:21:00 PM
3
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
4. RELEVANCE TOWARDS
THE
OBJECTIVES
OF
THE
PROGRAMME
AND
THE
PRIORITIES OF THE CALL FOR PROPOSALS
Please select from the following, the strategic issues that your proposal addresses within the
Programme. Select only those that are relevant to your planned activities and, for each one
selected, provide a concise explanation of the way(s) in which the issue is addressed in your
plans. Please note that only the relevant Leonardo da Vinci priorities are listed below.
4.1 PROGRAMME
GENERAL OBJECTIVES
Which objective(s) of the Programme does your proposal address?
(Please refer to the Call for Proposals 2008 and the Guide for Applicants)
To support participants in training and further training activities in the acquisition and the use of
knowledge, skills and qualifications to facilitate personal development
X
To support improvements in quality and innovation in vocational education and training systems,
institutions and practices
To enhance the attractiveness of vocational education and training and mobility for employers and
individuals and to facilitate the mobility of working trainees
4.2 PROGRAMME
OPERATIONAL OBJECTIVES
If your proposal targets directly one or more of the following operational objectives, please tick the
relevant box(es) (Please refer to the Call for Proposals 2008 and the Guide for Applicants for further clarification)
To improve the quality and to increase the volume of mobility throughout Europe of people involved in
initial vocational education and training and in continuing training, so as to increase placements in
enterprises to at least 80.000 per year by the end of the LLP
X
To improve the quality and to increase the volume of co-operation between institutions or organisations
providing learning opportunities, enterprises, social partners and other relevant bodies throughout
Europe.
To facilitate the development of innovative practices in the field of vocational education and training
other than at tertiary level, and their transfer, including from one participating country to others
X
To improve the transparency and recognition of qualifications and competences, including those acquired
through non-formal and informal learning
To encourage the learning of modern foreign languages
To support the development of innovative ICT-based content, services, pedagogies and practice for
lifelong learning.
4.3 CONTRIBUTION
TO
EUROPEAN
PRIORITIES
LDV
Which priority in the Call for Proposals 2008 does your proposal address?
(Please indicate only one priority)
Priority 1: Developing the skills and competences of VET teachers, trainers and tutors
X
Priority 2: Developing the quality and attractiveness of VET systems and practices
Priority 3: Transparency and recognition of competences and qualifications
Priority 4: Skills development of adults in the labour market
Priority 5: Raising competence levels of groups at risk
Priority 6: Developing the learning environment
14/03/2008 01:21:00 PM
4
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Please explain how you address the selected general objective(s) (4.1.), the operational
objective(s) (4.2) and the call priorities (4.3.)
4.1 To support improvements in quality and innovation in vocational education and
training systems, institutions and practices.
Il tema della formazione professionale, in ingresso e continua, negli ultimi anni ha suscitato un
grande interesse da parte di diversi interlocutori della scena politica, economica e produttiva. La
richiesta e l’incremento degli standard della formazione professionale di base (secondaria), post
secondaria non universitaria, accademica, degli adulti (educazione permanente) e di soggetti
deboli o svantaggiati sono considerati obiettivi strategici per l’incremento della produttività e del
fervore economico dei sistemi nazionali ed europei, in un’ottica di generale miglioramento della
qualità della vita e del lavoro di cittadini europei.
In questi ultimi anni l’Unione Europea si è impegnata concretamente nel promuovere un quadro
di trasparenza e mobilità nell’ambito delle VET (si veda: “Towards a European qualifications
framework for lifelong learning”, Commission of the European Communities, 08 luglio 2005,
Bruxelles); ciò attraverso lo studio e l’applicazione di meta-framework e standard comuni in
materia di qualificazione, crediti e qualità del learning outcome (si veda: “Raccomandazione del
Parlamento Europeo e del Consiglio sulla costituzione del Quadro europeo delle qualifiche per
l’apprendimento permanente”, 29-01-2008, Bruxelles e “Study on the feasibility of an ECVET
system for apprentices” carried out by ANFA and MENESR, Final Report to the European
Commission, 02-02-2007).
In questo contesto, il progetto ExPerO (Progetto Pilota finanziato dell’agenzia Leonardo da Vinci
tra ottobre 2004- ottobre 2007) è riuscito nell’intento di creare un modello innovativo capace di
valutare la qualità del risultato d’apprendimento (learning outcome). Il contesto in cui si
muovevano gli obiettivi di questo progetto è più precisamente il livello di formazione che nei
riferimenti documentali prodotti dall’UE si colloca tra il 3° e 4° per i criteri ISCED, 4°e 5° per i
criteri EQF. In seno al progetto ExPerO la denominazione utilizzata è stata High Techinical
Education (HTE), etichettatura di respiro europeo corrispondente all’italiana IFTS.
Il progetto Expero2EU nasce con il preciso intento di trasferire e di mettere a regime questo
modello innovativo (ExPerO) nell’ambito dell’istruzione e formazione professionale italiana. In
sostanza, il modello ExPerO di valutazione della qualità del risultato d’apprendimento dei corsi
HTE e la diagnosi (metodologia e strumenti) ad esso correlata vengono sperimentati su scala
nazionale, precisandone una particolare categoria applicativa (IFTS per meccatronici), al fine di
diffonderne i contenuti e l’applicazione. Crediamo che uno studio di trasferibilità non possa però
prescindere dal prevedere un accreditamento del modello su scala sovranazionale e un
conseguente raffronto con altri istituti HTE europei. L’accreditamento trans-nazionale permetterà
all’isituto italiano che eroga corsi IFTS di ottenere una certificazione di valenza europea sulla
qualità del proprio learning outcome. Il confronto con altri istituti europei similari permetterà lo
sviluppo di feedback correttivi a livello di metodologia e di prassi didattiche, nonché un muto
riconoscimento di comptenze e crediti.
Il fatto di includere nel partenariato di Expero2EU quattro tipologie di enti, ovvero partner di
ricerca – RP - (P1-P2-P3-P6), partner di disseminazione – DP - (P4-P5-P7-P8), istituti scolastici
aventi lo scopo di diffusione e di valorizzazione del modello – SPD - (P9-P10-P11) e istituti
scolastici di sperimentazione – SPN - (P0-P12-P13-P14-P15), risiede proprio nell’importanza che
attribuiamo alla diffusione e alla sperimentazione operativa del modello ExPerO.
Inoltre, ritenendo che i prodotti del progetto ExPerO e quelli del progetto VQTS (Progetto pilota
Leonardo Da Vinci – Community Vocational Training Action Programme 2003- 2006) presentino
molti punti di convergenza, si ritiene utile approfondire una possibile integrazione tra i due, in
particolare implementando il sistema di valutazione delle competenze proposto da VQTS nel
livello HTE, considerato in Expero2EU. Entrambi i progetti, anche se con focus diversi,
considerano centrale il bisogno di adottare sistemi di valutazione del risultato d’apprendimento in
termini di competenze acquisite e crediti assegnati, in modo da uniformare i criteri di
riconoscimento delle stesse tra istituti scolastici e formativi e rispetto al mondo del lavoro, a
livello nazionale ed europeo (si veda, ad esempio, l’ Europass). Inoltre, attraverso una specifica
attività informativa prevista nel workplan di Expero2EU (dissemination activities in WP 6), si mira
a coinvolgere le autorità politico-istituzionali che afferiscono al settore dell’istruzione superiore
nella conoscenza del modello ExPerO.
Si intende sottoporre il modello accreditato ai referenti degli enti ipolitico istitutizionali di
14/03/2008 01:21:00 PM
5
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
competenza al fine di considerarlo utile come strumenti di valutazione dei corsi IFTS, anche in
previsione del loro futuro sviluppo come istituti tecnici superiori (ITS).
4.2.1 To improve the quality and to increase the volume of co-operation between
institutions or organisations providing learning opportunities, enterprises, social
partners and other relevant bodies throughout Europe.
Tra i principali obiettivi di questo progetto c’è l’intento di creare una rete di cooperazione
sinergica tra soggetti operanti in diversi paesi europei e trasversalmente ai settori dell’istruzione,
della formazione superiore, della ricerca e del mondo del lavoro. Il numero di partner, per altro
piuttosto elevato (15 enti), prevede la rappresentanza di 8 tra Paesi Membri e Paesi entranti
nell’UE. Si ritiene che queste siano necessarie affinché l’accreditamento del modello ExPerO
assuma una valenza maggiormente significativa per le scuole italiane. Non avrebbe, infatti, senso
accreditare un modello, se questo non venisse riconosciuto a livello europeo.
La presenza di partner diversi dagli istiuti scolastici trova giustificazione nelle specifiche
competenze degli stessi e perché il loro inserimento consente di allargare la diffusione del
modello certificato sul territorio europeo e tra un numero maggiore di stakeholders degli istituti
HTE (per esempio il CECE (P4) è un ente preposto al coordinamento di una rete di scuole
spagnole che applicano già il modello EFQM).
Nell’arco di due anni di progettazione, sono previsti 4 meeting di progetto (international
meetings) e un meeting di lavoro specifico tra gli RP (work meeting) che si sono occupati di
studiare determinati aspetti concettuali, al fine di rafforzare la cooperazione transnazionale per il
raggiungimento degli obiettivi finali. Le scuole partner (SPN, ovvero School Partner del Network),
già a partire da ottobre del 2008 avranno modo di conoscersi ed entrare in contatto diretto tra
loro. Inoltre, a maggio del 2009 costitutiranno una rete di istituti finalizzata a collaborare in modo
sinergico alla realizzazione della diagnosi della qualità del risultato d’apprendimento. Seguendo la
metodologia di cooperazione denominata Critical Friendship ed utilizzando una piattaforma web
formativa- comunicativa creata ad hoc, i Gruppi Qualità di ogni SPN si terranno in contatto tra
loro, scambiandosi consigli e buone prassi rispetto all’organizzazione e alla valutazione delle
qualità dei corsi HTE erogati. In tal senso, sono previste più occasioni di incontro tra i referenti
degli SPN, come nel caso di eventi di formazione e dello School Meeting (Maggio 2009) che
prevede una parte specificatamente dedicata alla definizione del network di criticalfriend.
Questo primo circolo di valutazione critica tra gli SPN partner verrà inaugurato al fine di
permettere una mutua valutazione di Qualità, Crediti e Comptenze corrispondenti al risultato
d’apprendimento. Ogni scuola coinvolta giudicherà la qualità non solo del proprio learning
outcome, ma anche di quella relativa alle altre scuole coinvolte, nell’ambito di un circolo virtuoso
di valutazione nazionale e internazionale. Il giudizio sulla qualità del learning outcome di ogni
istituto HTE sarà quindi risultante da un connubio tra azioni autovalutative e eterovalutative. In
Expero2EU abbiamo progettato l’attuazione di un primo circolo critico di valutazione su scala
europea in ambito meccatronico. Infatti, la condivisione della medesima area formativa e
professionale è essenziale affinché ogni scuola possa valutare in modo consapevole la qualità del
risultato d'apprendimento degli altri istituti appartenenti allo stesso circolo. Nel modello ExPerO la
qualità del risultato d’apprendimento è basata essenzialmente sulle aspettative e sulle percezioni
degli stakeholders; ciò significa che ogni istituto incluso in un circolo di qualità basato sul modello
ExPerO non solo sarà chiamato a condividere un modo comune di intendere la qualità del
learning outcome dei corsi HTE per meccatronici, ma anche ad adottare un sistema comune di
riconoscimento dei crediti e delle comptenze in uscita con altri istituti europei che erogano corsi
HTE. La finalità ultima del progetto è, quindi, la realizzazione dell’impatto sul sistema, in modo
tale da rendere l’innovazione prodotta nel modello ExPerO operativa e applicabile nel quotidiano.
Inoltre, ogni SPN sarà incentivato a promuovere l’interrelazione tra i propri stakeholder e quelli di
altre scuole, dando così vita ad un social network nazionale ed europeo sul tema, di dimensioni
allargate (principio del social network).
Oltre a ciò, si punta a promuovere diversi eventi formativi rivolti prevalentemente ai referenti di
SP, al fine di migliorare le competenze del personale scolastico, in particolare dei membri del
Gruppo Qualità, a concetti quali qualità, competenze, crediti, trasparenza e mobilità. In sintesi,
l’importanza attribuita dal progetto Expero2EU alla creazione di processi di cooperazione tra
ricercatori, esperti della formazione superiore e rappresentanti delle parti sociali, legati al mondo
del lavoro si può evincere dalla cura dedicata alla composizione del partenariato e dal fatto che
nel workplan (sezione 9.1) sono precisamente strutturate numerose situazioni di lavoro di gruppo
e di cooperazione.
14/03/2008 01:21:00 PM
6
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
4.2.2 To improve the transparency and recognition of qualifications and competences,
including those acquired through non-formal and informal learning.
La presenza nel partenariato di P6, che ha progettato e coordinato il progetto pilota VQTS, ha
come obiettivo quello di promuovere la trasparenza ed il riconoscimento delle competenze in
ambito meccatronico. Quest’ultimo modello, proponendo l’utilizzo di una “Matrice delle
Competenze” e la definizione di un “Profilo di Competenze” in ambito meccatronico, consente di
prevedere contestualmente il riconoscimento dei crediti e competenze tra gli SPN partner in
Expero2EU. In linea con quanto definito dall’EQF e seguendo i criteri propri di ECVet, il sistema
VQTS trova molti punti di contatto anche con i presupposti concettuali del modello ExPerO.
Nel progetto Expero2EU, P6 ha il compito, assieme a RM, di aiutare gli SPN a riconoscersi nella
matrice delle competenze meccatroniche. In questo modo, la matrice delle competenze VQTS
potrà essere inserita nell’indicatore di ExPerO denominato Quality of Competences (QC). Si
rammenta inoltre che questo step risulta essere particolarmente funzionale al perfezionamento
del modelo ExPerO, in quanto per tale indicatore non erano state fornite precise modalità di
misurazione.
In Expero2EU, si perverrà - tramite l’accreditamento del modello ExPerO - a certificare la Qualità
del learning outcome e - tramite degli strumenti prodotti in VQTS – ad avere un mutuo
riconoscimento delle Competenze e dei Crediti tra gli SPN appartenenti al circolo di valutazione
critico. In questo modo, quindi, si andrà a promuovere in maniera diretta ed operativa la
trasparenza e il riconoscimento delle competenze e delle qualifiche prodotte dagli enti IFTS
italiani.
Uno dei fini costituenti di Expero2EU è proprio quello di contribuire alla trasparenza nell’attività
ordinaria del sistema IFTS. Come indicato nel “Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 25
gennaio 2008”, in Italia si sta cercando di riorganizzare il sistema IFTS essenzialmente attraverso
la costituzione degli Istituti Tecnici Superiori (ITS), andando incontro alle tendenze della
formazione professionale Europea. Secondo tale decreto, spetterà alle regioni la capacità di
attivare o meno tali ITS. Ecco dunque che Expero2EU ha come intento quello di mettere a
sistema il modello ExPerO in modo da poter fornire alle regioni e ai decisori uno strumento
adeguato alla valutazione della qualità del risultato d’apprendimento, capace di valorizzare gli
istituti IFTS e i futuri ITS meritevoli.
Priority 4.3.2 - Developing the quality and attractiveness of VET systems and practices.
Il progetto Expero2EU vede come obiettivo principale lo sviluppo dei sistemi di qualità nel sistema
di formazione professionale e quindi nel fatto di diffondere e sperimentare nel quotidiano buone
prassi di miglioramento continuo dei processi scolastici e dei risultati prodotti (risultato
d’apprendimento).
Una delle principali problematiche nell’ambito formativo preso in esame (evidenziata anche
nell’intervento “ECVET and the links to other European lifelong learning Initiatives”, di Jens
Bjornavold, Cedefop, Salonicco, 12 febbraio 2007) consta nell’eccessiva eterogeneità dei corsi.
Per contrastare questo fenomeno, in Expero2EU, è stato progettata una fase finalizzata
all’accreditamento del modello su scala europea. In questo modo, difatti, il modello ExPerO potrà
assurgere a standard ufficiale, attraverso cui le scuole si potranno certificare. La certificazione di
ExPerO coniugata all’inaugurazione del primo circolo critico di valutazione, permetterà un
riconoscimento in termini di Qualità, Crediti e Competenze in ambito dei corsi HTE del settore
meccatronico. Difatti, ogni istituto che eroga corsi HTE - grazie alla possibilità di essere inserito in
un circolo europeo di auto-etero valutazione – uscirà dall’autoreferenzialità valutativa per testare
un sistema di valutazione di qualità del risultato d’apprendimento europeo.
Far riferimento ad un modello comune, che consente la certificazione dell’istituto basandosi
sull’opinione degli stakeholeder (ispirandosi alle raccomandazioni del “The Helsinki Communiqué
on Enhanced European Cooperation in Vocational Education and Training”, Communiqué of the
European Ministers of Vocational Education and Training, the European Social partners and the
European Commission, convened in Helsinki on 5 December 2006 to review the priorities and
strategies of the Copenhagen Process), porterà ad un mutuo riconoscimento del learning
outcome tra gli istituti interessati e questo porterà con sé maggiore chiarezza e univocità nel
modo di riconoscere crediti e competenze. Un sistema certificato e certificabile, trasparente e
mobile, faciliterà mobilità di conoscenze e persone, incrementando con ogni probabilità
14/03/2008 01:21:00 PM
7
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
l’attrattività dell’intero settore VET.
Il progetto Expero2EU, essendo strutturato per sperimentare il modello ExPerO nella realtà
nazionale italiana, vede nell’accreditamento del modello su scala sovranazionale una mossa
strategica per indurre un fattore di attrazione e di desiderabilità del modello stesso. In altre
parole, per voler dare maggiore uniformità a livello di valutazione del learning outcome su scala
nazionale, riteniamo necessaria l’introduzione di un modello di riferimento comune. Per favorire
l’uso diffuso del modello da parte delle scuole IFTS, è necessaria una certificazione derivata da un
ente competente. Tale certificazione sarà per le scuole tanto più appetibile e ambita quanto più si
dimostri valida ed riconosciuta anche su scala europea.
4.4 CONTRIBUTION
TO NATIONAL PRIORITIES
Non applicabile
Please explain how you address the specific priority selected above
4.5 HORIZONTAL
ISSUES
If your proposal targets directly one or more of the following issues, please tick the relevant box(es):
promoting awareness of the importance of cultural and linguistic diversity and
multiculturalism within Europe, as well as of the need of combat racism, prejudice and
xenophobia
making provision for learners with special needs, and in particular by helping to promote
their integration into mainstream education and training
promoting equality between men and women and contributing to combating all forms of
discrimination based on sex, racial or ethnic origin, religion or belief, disability, age or sexual
orientation
4.6 LISBON
KEY COMPETENCES
If your proposal targets directly one or more of the Lisbon key competences, please tick the relevant
box(es):
Communication in the mother tongue
Communication in the foreign languages
Mathematical competence and basic competences in science and technology
Digital competence
Learning to learn
Interpersonal, intercultural and social competences and civic competence
Entrepreneurship
Cultural expression
14/03/2008 01:21:00 PM
8
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
4. APPLICANT DATA
5.1 REGISTERED ADDRESS
AND
TYPE
OF
ORGANIZATION
Whenever a field in the application form refers to a table (for example table A –
Partner Role), the options available for filling the field can be found in the tables
in Section Reference Tables.
Please type in both, the code and the description, in order to avoid later
misunderstanding.
Registered address and type of organisation
Role
Applicant – coordinator (CO-APP)
Full legal name
Istituto Tecnico Industriale “Arturo Malignani”
Technical High School “Arturo Malignani”
Type of organisation
Legal Status
Profit / Non profit
Registered Address
Postcode
Country
5.2 CONTACT
Title
Family name
Department
Position
Working
address
Postcode
Country
Telephone 1
Mobile
email
P 85.32
Economic Sector
PRIVATE
PUBLIC ✘
Scope Regional
S6
Non profit
Size
Viale LeonardoDa Vinci, 10
33100
City
UDINE
EDU-SCHVoc
Italy
PERSON
Arch. Prof. First name
Arturo
Campanella
Istituto Tecnico Industriale “Arturo Malignani
School Headmaster
Viale Leonardo da Vinci,10
33100
City
Udine
Italy
+39043246380
+393346242562
[email protected]
Region
Telephone 2
Fax
Website
Friuli Venezia Giulia
+39043246361
+390432545420
www.malignani.ud.it
5.3 CONTACT 2
Title
Family name
Department
Position
Address
(Street,
number)
Postcode
Country
Telephone 1
Mobile
Email
Eng.prof First name
Rodolfo
Malacrea
Istituto Tecnico Industriale “Arturo Malignani
Teacher
Viale Leonardo da Vinci,10
33100
City
Udine
Italy
+39043246361
+393474322255
[email protected]
14/03/2008 01:21:00 PM
Region
Telephone 2
Fax
Website
Friuli Venezia Giulia
+390432545420
www.malignani.ud.it
9
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
5.4 DESCRIPTION
OF THE ORGANISAITON
General description of the organisation:
ITI A. Malignani represents one of the biggest Italian technical high schools as regard the number of students. There are about 2,000 students
divided into six specialisations Electrotechnics, Electronics, Aeronautics, Mechanics and Building. They are engaged at school for 36 hours per
week, half of them concern general culture and the other half technical subjects. The school has had and still has an important role in the
development of industrialisation in Friuli, which is a north eastern region of Italy near the Austrian and Slovenian borders. Since the 1930's this
school has qualified more than 25,000 students and a relevant number of them has given a big contribution to the transformation of Friuli from a
mainly agricultural region to an industrialised one. The school has always had good relationships to the industries of "Provincia di Udine and
Pordenone" and a lot of the local industry managers have been trained in our school. Our school is constantly in contact with Associazione
industriali della Provincia di Udine. The biggest firms in the area are Zanussi, Danieli, Pittini but the increasing industrialisation in the area is by far
due to a great number of little and medium size industries which are all involved in the improvement of Quality in Automation. Zanussi provided us
information about Quality and with Danieli we have a strong relation for initial training after the diploma
Role of the participant organisation in the proposed project Limit 10 lines
P0 è Coordinator
In quanto tale dovrà:
1. Coordinare le fasi di legate al progetto.
2. Far rispettare tempistiche e modus operandi del project management.
3. Controllare la correttezza degli aspetti economici.
4. Controllare la correttezza degli aspetti contrattualistici.
P0 è SP-N - SP-Network
In quanto tale dovrà:
1. applicare il modello Expero
2. Partecipare al circolo critico di valutazione
3. Riconoscere mutui crediti e qualifiche
4. Partecipare alle attività di comunicazione e di valorizzazione del progetto soprattutto a
livello politico-istituzionale
Rete di contatti:
contatti con altre scuole regionali e nazionali, contatti con enti politico-istituzionali
Skills and expertise of key staff involved in the project
Prof Arch. Arturo Campanella – Preside, coordinatore di precedenti Progetti LdV
Prof Ing. Rodolfo Malacrea Vice preside – esperto in progettazione didattica
Prof.ssa Marina Adriano Docente di Matematica ed Informatica esperta in produzione materiali
didattici ipertestuali
5.5
.
PREVIOUS
PROJECTS
If you have already obtained financial support for a project related to this proposal within the
Leonardo da Vinci Programme or under other Community programmes/ initiatives in the last five
years, please fill in the table below:
Previous Projects
Start
Programme
Year
or Initiative
2005
Leonardo
da Vinci
Type
of
Action
Progetto
Pilota
Identification
number
I/05/B/F/PP–
154171
Contracting
organisation
Istituto Tecnico
Industriale
“A.
MALIGNANI”
di
Udine (Italy)
2003
2.1
112395-CP-12003-ITComenius-C21
Dipartimento di
Scienze Politiche
dell’Università
degli
studi
di
Trieste.
Comenius
14/03/2008 01:21:00 PM
Title
Website
Ex.Per.OExpectations
and
Perceptions of
Quality in VET
QiS-Quality in
School
www.expero
.eu
http://qis.ai
xmrs.iufm.fr
10
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
5. PARTNER ORGANISATIONS
Please duplicate/copy Part 6 (points 6.1. to 6.4.) for additional partners
Use consecutive numbering for the partners
6.1 REGISTERED
Role
ADDRESS AND TYPE OF ORGANISATION
Partner
Nr
Co-Man
Full legal name
1
Dipartimento di Scienze Politiche - Università degli Studi di Trieste
Political Sciences Department - University of Trieste
Type of organisation
Legal Status
Commercial
orientation
Registered Address
Postcode
Country
6.2 CONTACT
Title
Family name
Department
Position
Working
address
Postcode
Country
Telephone 1
Mobile
email
RES-PUB
PRIVATE
[Non profit]
P85-42
Economic Sector
✘
PUBLIC
Scope National
S7
Size
Piazzale Europa, 1
34127
City
Trieste
Italy
PERSON
Dr.
First name
Sara
Cervai
Scienze Politiche
Researcher in Work Organizational Psychlology
Piazzale Europa, 1
34127
City
Italy
00390405582583
00393282694811
[email protected]
6.3 DESCRIPTION
Trieste
Region
Telephone 2
Fax
Website
Friuli Venezia Giulia
00390405587829
http://psiqu.units.it
OF THE ORGANISAITON
General description of the organisation:
Università di Trieste- il Dipartimento di Scienze Politiche (DSP) è caratterizzato da una marcata
multidisciplinarietà che comporta una grande latitudine di interessi coltivata nel contesto di una
buona interazione scientifica e pratica tra le diverse aree disciplinari. L’area psicologica
(psicologia sociale e psicologia del lavoro) ha come referente la dott.ssa Sara Cervai e il gruppo
di ricerca che lei stessa coordina (gruppo PsiQu- Psicologia e Qualità). La dott.ssa Sara Cervai
ha già coordinato un progetto Comenius 2.1 (QiS- Qualità in School) ed è stata Research
Manager nel Progetto Pilota Leonardo da Vinci ExPerO. Per le competenze suddette, il DSP si
propone come partner nel coordinamento di tutte le attività previste e nel sovrintendere
l’operato dei partner, al fine di garantire il conseguimento dei risultati di fase di cui ognuno è
responsabile. Per quanto concerne la disseminazione, il DSP, nonché dell’Ateneo triestino nel
suo complesso, si propone di collaborare attivamente nell’organizzazione delle attività di
divulgazione del progetto, in particolare per l’attività convegnistica e di pubblicazione.
Role of the participant organisation in the proposed project Limit 10 lines
P1 è RM – Reasearch Manager.
In quanto tale dovrà:
14/03/2008 01:21:00 PM
11
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
1. Coordinare le fasi di ricerca legate al progetto.
2. Elaborare gli strumenti teorici (studio di fattibilità legato al bilancio sociale, analisi della
cultura organizzativa)
3. Essere il punto di riferimento formativo sul modello ExPerO
4. Svolgere interventi di comunicazione e valorizzazione del progetto a livello accademico
Skills and expertise of key staff involved in the project Limit 5 lines per person
Gruppo Psiqu, autore del modello Expero, composto da:
Massimo Borelli – Massimo Borelli docente di statistica sociale, statistica medica e
bioinformatica. Esperto di didattica mediante l'uso delle tecnologie.
Sara Cervai ricercatrice in Psicologia del lavoro.
Luca Cian docente a contratto in Psicologia Sociale. Si è addentrato con particolare interesse
nel territorio scientifico legato alla concettualizzazione e alla misurazione dell’immagine.
Barbara Anna Fabbro docente a contratto in Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni.
6.4 PREVIOUS PROJECTS
If you have already obtained financial support for a project related to this proposal within the Leonardo da
Vinci Programme or under other Community programmes/ initiatives in the last five years, please fill in the
table below.
Previous Projects
Start
Programme
Year
or Initiative
2003
Comenius
2005
Leonardo
Vinci
da
6.5 REGISTERED
Role
Type of
Action
2.1
Identification
number
112395-CP-12003-ITComenius-C21
Progetto
Pilota
I/05/B/F/PP154171
Title
Website
QiS-Quality
School
in
Ex.Per.OExpectations
and
Perceptions of
Quality in VET
http://qis.aixmrs.iufm.fr
www.expero.org
ADDRESS AND TYPE OF ORGANISATION
PA- Partner
Full legal name
Contracting
organisation
Dipartimento
di
Scienze
Politiche
dell’Università degli
studi di Trieste.
Istituto
Tecnico
Industriale
“A.
MALIGNANI”
di
Udine (Italy)
Partner
Nr
2
Vaasan yliopisto
University of Vaasa
Type of organisation RES-HE HE ResearchEconomic Sector
centres
P 85.42 Tertiary education
Legal Status
PRIVATE
PUBLIC ✘
Scope National
Non
profit
S4
251 to 500
Commercial
Size
orientation
Registered Address Wolffintie 36 (mail address P.O.Box 700)
Postcode
6510 City
Vaasa
1
Finland
Country
CONTACT
6.6
PERSON
14/03/2008 01:21:00 PM
12
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Title
Family name
Department
Position
Working
address
Postcode
Country
Telephone 1
Mobile
email
prof.
First name
Tauno
Kekale
Department of production
Professor, head of department
University of Vaasa, Dept. of Production, P.O.Box 700
65101
City
Finland
+358 6 3248 446
+358 400 761619
[email protected]
6.7 DESCRIPTION
Vaasa
Region
Telephone 2
Fax
website
Western Finland
OF THE ORGANISAITON
General description of the organisation: [Limit: 10 lines] size, scope of work, areas of
specific expertise and competence in relation to the project
proposed. Department of
production has 7 full-time and about 15 project-funded staff who specialize in industrial
management topics such as product development and quality, logistics and production
management, and technology management.
Role of the participant organisation in the proposed project Limit 10 lines
P2 is a RP – Research Partner
Having this role, it has to:
1. help RM in the elaboration of theoretical tasks (the feasibility study about the
possibility to use the ExPero model as instrument of the Social Balance Sheet)
2. be a theoretical supervisor (To be the supervisor of the micro indicator “meeting to
future needs” and of the indicator “satisfaction of results”. To present at the final
meeting a report about the results obtained by the school partners about this micro
indicator)
3. actively participate at academic dissemination
To contact an institutional/ political body, to describe the project aims
Skills and expertise of key staff involved in the project Limit 5 lines per person
Head of dept. Prof. Kekale has a long experience in quality management in both industrial and
public organizations, among other issues 8 years of experience as auditor for Finnish Higher
Education Evaluation Council. He has authored or co-authored over 30 journal publications and
is a frequently invited speaker and lecturer in the topics of quality management and product
development internationally.
6.8 PREVIOUS PROJECTS
If you have already obtained financial support for a project related to this proposal within the Leonardo da
Vinci Programme or under other Community programmes/ initiatives in the last five years, please fill in the
table below.
Previous Projects
Start
Year
2003
Programme
or Initiative
Comenius
6.9 REGISTERED
Type of
Action
2.1
Identification
number
112395-CP-1-2003-ITComenius-C21
Contracting
organisation
Dipartimento
di
Scienze
Politiche
dell’Università
degli
studi di Trieste.
Title
QiS-Quality
School
Website
in
http://qis.aixmrs.iufm.fr
ADDRESS AND TYPE OF ORGANISATION
14/03/2008 01:21:00 PM
13
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Role
Partner
Nr
PA- Partner
Full legal name
3
ARE Alto rendimiento Empresarial
High Business Performance
Type of organisation
Legal Status
Commercial
orientation
Registered Address
Postcode
Country
6.10 CONTACT
Title
Family name
Department
Position
Working
address
Postcode
Country
Telephone 1
Mobile
email
ENT-SME
PRIVATE
Profit
✘
P 85.5
Economic Sector
PUBLIC
Scope National
S1
Size
C/ Cors Catalanes 5-7
08173
City
Sant Cugat del Valles (Barcelona)
Spain
PERSON
Mr
Davide
First name
Menini
CEO
C/ Cors Catalanes 5-7
08173
City
Sant Cugat del valles
Spain
Region
+34935530864
Telephone 2
+34605881858
Fax
[email protected] website
mpresarial.com
6.11 DESCRIPTION
+34935041051
www.altorendimientoemp
resarial.com
OF THE ORGANISATION
14/03/2008 01:21:00 PM
14
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
General description of the organisation: [Limit: 10 lines] size, scope of work, areas of
specific expertise and competence in relation to the project proposed.
ARE is a consultancy company whose mission is to contribute to the global business
development fostering our clients quality, innovation, vision and social responsibility throughout
training actions and consultancy activities in order to facilitate the business network to be more
competitive and have organisations in the path to excellence.
ARE is specialised in quality management systems consultancy and training with a wide range of
clients related to the educational sector. Quality models and standards such as ISO 9001 or
EFQM have been implemented and audited by ARE within the vet sector.
Considering our expertise, ARE can provide the specific guidelines and tools for the accreditation
of EXPERO as a quality model to be certificable and according to the accreditation standards.
Role of the participant organisation in the proposed project Limit 10 lines
P3 is a RP – Research Partner
Having this role, it has to:
1. help RM in the elaboration of theoretical tasks (the feasibility study about the
possibility to use the ExPero model as instrument of the Social Balance Sheet)
2. be the accreditation responsible (To search accreditation models referring the
3.
4.
evaluation of Quality in the Education field. To realize a compendium of the
accreditation models referring the evaluation of Quality in the Education field. To
accredit the ExPerO model at supranational level.
To create and define the
evaluation criteria to certificate the HTE courses through ExPerO. To help the school
partners to be certificated by the Expero certification)
actively participate at academic dissemination
contact an institutional/ political body, to describe the project aims
Skills and expertise of key staff involved in the project Limit 5 lines per person
Davide Menini has a wide expertise in the consultancy and training field. He has a Master
programme on Training Trainers and has been involved as an individual expert in several
European programmes such as Leonardo da Vinci, Socrates, Framework Programmes and Meda
programmes (in Egypt and Syria).
Alicia Berlanga is a quality auditor (Accredited by Bureau Veritas for ISO 9001 and accredited by
Club Gestión Calidad for EFQM model) and has a wide range of expertise on quality
management systems in both Tertiary and Vet systems as a consultant and as auditor. She has
developed the publication “Implementation of Quality Management Systems in Vet in Catalonia”.
6.13 REGISTERED
ADDRESS AND TYPE OF ORGANISATION
14/03/2008 01:21:00 PM
15
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Role
Full legal name
Partner
P4
Nr
Confederación Española de Centros de Enseñanza
PA- Partner
Spanish Confederation of Education and Training Centres
Type
organisation
Legal Status
Commercial
orientation
Registered
Address
Postcode
Country
6.14 CONTACT
Title
Family name
Department
Position
Working
address
Postcode
Country
Telephone 1
Mobile
email
of ENT-PROFS
Professional
Associations
ENT-UNION
partners
Private
Non profit
Economic Sector
P (EDUCATION)
Social
Scope National
Size
S2 (21 to 50)
Marqués de Mondéjar 29-31
28028
Spain
City
Madrid
PERSON
Ms
First name
Marian
de Villanueva
European Department
Coordinator
Marqués de Mondéjar 29-31
28028
City
Madrid
Spain
++34/ 91 725 79 09
[email protected]
6.15 DESCRIPTION
Region
Telephone 2
Fax
website
Comunidad de Madrid
++34/ 91 726 11 17
www.cece.es
OF THE ORGANISAITON
14/03/2008 01:21:00 PM
16
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
General description of the organisation: [Limit: 10 lines] size, scope of work, areas of
specific expertise and competence in relation to the project proposed
The Spanish Confederation of Education and Training Centres (CECE) is a non-profit employers´
and professional organization founded in 1977. It represents a wide educational sector in Spain
from nursery school to university level. It has more than 400 initial and continuing vocational
education and training institutions among its members.
The Institute of Education Technology (ITE) of CECE realizes its activities in four areas: (1)
assistance in the implementation of the EFQM Excellence Model in its member institutions; (2)
organization of continuing training courses for teachers; (3) implementation of technological
innovation in its members; (4) internationalization of the members.
Role of the participant organisation in the proposed project Limit 10 lines
P4 is a DP – Dissemination Partner
Having this role, it has to:
1. Update the Expero materials in national language
2. Disseminate through networks of contacts (to disseminate the ExPerO model in schools
network through events, meetings and disseminative materials)
3. To contact an institutional/ political body, to describe the project aims
4. To participate to meetings
Its dissemination network: more than 400 initial and continuing vocational education
and training institutions
Skills and expertise of key staff involved in the project Limit 5 lines per person
Mr Mariano del Castillo
Head of the Institute of Educational Technology (ITE) of CECE, former teacher and school
headmaster. Vice-president of the General Council of Vocational Education and Training,
Member of the European Forum for Qualifications, vice-president of the Executive Board of the
Quality Club in Spain, General Secretary for Spain of EFVET, Spanish National representative of
ESHA.
Ms Marian de Villanueva
Member of the European Department of ITE, former teacher, currently project coordinator.
6.17 REGISTERED
Role
Full legal name
ADDRESS AND TYPE OF ORGANISATION
Partner
Nr
PA- Partner
P5
Lene Vestervang Olsen
Vestervang Consulting
Type
organisation
of PUB-COMP
Legal Status
Commercial
orientation
Registered
Address
Postcode
Country
Private
profit
6.14 CONTACT
Economic Sector
M70
Activities
of
head
offices;
management
consultancy activities
Scope National
Size
S1
Stavrebyvej 2
4874
City
Gedser
Denmark
PERSON
14/03/2008 01:21:00 PM
17
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Title
Director
First name
Lene Vestervang
Family name
Olsen
Department
Vestervang Consulting
Position
Director
Working
address
Postcode
Stavrebyvej 2
Country
Denmark
Region
Telephone 1
7585 3594
Telephone 2
Mobile
2968 2494
Fax
Email
[email protected]
website
4874
6.15 DESCRIPTION
City
Gedser
Sjælland
www.vestervang-cons.dk
OF THE ORGANISAITON
General description of the organisation: [Limit: 10 lines] size, scope of work, areas of
specific expertise and competence in relation to the project proposed
Size of the organisation: 2 employees, Scope of work: Development of organisations, business,
Human Resource and quality in Schools. Working with Pervasive Learning in private and public
companies. Working with teachers-management relations.
Role of the participant organisation in the proposed project Limit 10 lines
P5 is a DP – Dissemination Partner
Having this role, it has to:
1.
Translate the Expero materials in national language
(to disseminate the ExPerO model in
schools network through events, meetings and disseminative materials)
3. To write disseminative newsletters
4. Be a theoretical supervisor (of the indicator “Organizational Processes OP. To
present at the final meeting a report about the results obtained by the school
partners about this indicator)
5. To contact an institutional/ political body, to describe the project aims
2. Disseminate through networks of contacts
6. To participate to meetings
Its dissemination network: contacts with political and institutional bodyes
Skills and expertise of key staff involved in the project Limit 5 lines per person
Lene Vestervang Olsen:
Teacher for 6 years, manager in all levels in different VI in Denmark for 25 years.
Education: Teacher and MBA (education).
REGISTERED
6.17
ADDRESS AND TYPE OF ORGANISATION
14/03/2008 01:21:00 PM
18
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Role
Full legal name
Partner
Nr
PA- Partner
P6
3s research laboratory
3s research laboratory
Type of organisation RES-PRV
PrivateEconomic Sector
Research Centres
Legal Status
PRIVATE X
PUBLIC
Non profit
Commercial
orientation
Registered Address Wiedner Hauptstraße 18
Postcode
1040
City
Vienna
Austria
Country
6.18 CONTACT
Title
Family name
Department
Position
Working
address
Postcode
Country
Telephone 1
Mobile
email
P.85 Education
Scope Europe
S1
Size
PERSON
Mag.
First name
Luomi-Messerer
Karin
Wiedner Hauptstraße 18
1040
City
Vienna
Austria
+43-1-5850915-41
+43-676-5563422
[email protected]
6.19 DESCRIPTION
Region
Telephone 2
Fax
website
www.3s.co.at
OF THE ORGANISAITON
14/03/2008 01:21:00 PM
19
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
General description of the organisation: [Limit: 10 lines] size, scope of work, areas of
specific expertise and competence in relation to the project proposed
3s research laboratory is one of the leading VET-research organisations in Austria. We are
experienced in the design of projects in the fields of knowledge, learning and work, and in the
development of methods, tools and instruments for anticipating and assessing qualifications and
competences. The activities of 3s research laboratory focus on the interface between education
and the labour market. We are an experienced co-ordinator and partner in several European
projects (Leonardo da Vinci, Socrates, EC). 3s is member of the Austrian Reference Network
from CEDEFOP and is providing expertise to Austrian Ministries (e.g. regarding EQF/NQF and
related topics like the implementation of ECVET in Austria, the certification of continuing
vocational training in companies, quality assurance etc.). Presently, 3s is providing expertise to
the European Commission for the further development and implementation of the EQF and is
involved in several European projects related to EQF/NQF/sectoral QF.
Role of the participant organisation in the proposed project Limit 10 lines
P6 is a RP – Research Partner
Having this role, it has to:
1. be the VQTS – Expero2EU integration responsible, together with RM (To Help RM in
including in the “Competence Matrix” and the “Competence profiles” in the ExPerO
model indicator named QC. To elaborate a guideline through which every HTE course
partner could measure its QC indicator through the “Competence Matrix” and the
“Competence profiles”
2. be a theoretical supervisor (of the indicator “Quality of Competencies” QC. To present at
the final meeting a report about the results obtained by the school partners about this
micro indicator)
3. actively participate at academic dissemination
4. To contact an institutional/ political body, to describe the project aims
5. To participate to meetings
Skills and expertise of key staff involved in the project Limit 5 lines per person
Karin Luomi-Messerer holds a master degree in Educational Science, is conducting research
activities in the field of education since 1994 and has joined 3s in 2001. She has been involved
in research and consulting projects on national level (with public or private recipients) and on
European level (Leonardo da Vinci or Socrates programme, EC). Her current research fields are
lifelong learning, internationalisation in education and practice-oriented education in higher
education, EU education policy (EQF, ECVET).
Sonja Lengauer holds a master degree in Educational Science. She is involved in research
projects in the field of education since 2004 focussing on quality improvement and assurance,
gender mainstreaming, social work, vocational integration of handicapped people. She has
joined 3s in 2007 and is engaged in research and consulting projects on the interface of
education and work. For example, she is involved in projects on the further development of the
EQF, on the Austrian NQF, on sectoral approaches to qualification frameworks, and on quality
assurance.
6.20 PREVIOUS PROJECTS
If you have already obtained financial support for a project related to this proposal within the Leonardo da
Vinci Programme or under other Community programmes/ initiatives in the last five years, please fill in the
table below.
Previous Projects
14/03/2008 01:21:00 PM
20
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Start
Year
2003
Programme
or Initiative
LdV
Type of
Action
Pilot Project
Identification
number
A/03/B/F/PP-158.034
Contracting
organisation
3s research laboratory
Title
Website
VQTS
2008
LLL
Transfer of
Innovation
LLP-LdV-TOI-2007AT-0017
3s Unternehmensberatung
VQTS
II
www.vocationalqualificatio
n.net
Not yet available
6.21 REGISTERED
Role
Full legal name
ADDRESS AND TYPE OF ORGANISATION
PA- Partner
Partner
Nr
(not necessary)
Alta Scuola Pedagogica di Locarno (ASP)
University of Teacher Education in Locarno
P85.42
Type of organisation RES-PUB
Economic Sector
Legal Status
PRIVATE
PUBLIC ✘
Scope National
Non profit
S3
Commercial
Size
orientation
Registered Address Piazza San Francesco 19
Postcode
6600 City
Locarno
Switzerland
Country
6.22 CONTACT
Title
Family name
Department
Position
Working
address
Postcode
Country
Telephone 1
Mobile
email
PERSON
Prof.
First name
Alberto Massimo
Crescentini
Scienze dell’Educazione
Professor in Research Methodology
Piazza San Francesco 19
6600
City
Locarno
Switzerland
091 816.02.35
00393358747610
[email protected]
6.23 DESCRIPTION
Region
Telephone 2
Fax
website
www.aspti.ch
OF THE ORGANISAITON
14/03/2008 01:21:00 PM
21
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
General description of the organisation: [Limit: 10 lines] size, scope of work, areas of
specific expertise and competence in relation to the project proposed
L’alta scuola pedagogica di Locarno (ASP) si occupa della formazione degli insegnanti del
Cantone Ticino delle scuole primarie e secondarie. I docenti di ruolo sono 70 e gli studenti
impegnati nei differenti percorsi di studio sono attualmente 303. L’ASP ha sviluppato una
competenza specifica nella formazione dei formatori anche in relazione al mandato relativo
all’aggiornamento e alla formazione continua dei docenti delle scuole di tutti gli ordini.
L’ASP possiede al suo interno un Laboratorio di ricerca che presiede al compito di supervisionare
la ricerca che viene svolta da i docenti sul territorio e dagli studenti. Questo laboratorio ha
sviluppato competenze specifiche relative alla conduzione di rilevazioni con tecniche qualiquantitative nei contesti educativi con adulti, adolescenti e bambini e alla analisi delle
informazioni prodotte.
Role of the participant organisation in the proposed project Limit 10 lines
P7 is a RP – Research Partner
Having this role, it has to:
1.
help RM in the elaboration of the feasibility study about the possibility to use the Expero
Model as instrument of the social balance sheet
2. help RM to manage the critical circle of evaluation
3.
4.
be the supervisor of the macro indicator of competencies
be the critical friend of the project
Skills and expertise of key staff involved in the project Limit 5 lines per person
Alberto Crescentini ha sviluppato competenze relative alla gestione e supervisione di progetti di
ricerca sia per l’attività svolta presso le Università italiane sia per il ruolo di coordinatore delle
attività di ricerca svolte presso l’Alta Scuola Pedagogica. Ha sviluppato una esperienza
significativa nell’ambito della progettazione, conduzione e affiancamento nell’ambito delle
ricerche qualitative.
6.25 REGISTERED
Role
ADDRESS AND TYPE OF ORGANISATION
Partner
Nr
PA- Partner
Full legal name
P8
Cisl Unione Sindacale Territoriale della Provincia di Vicenza
CISL
Type
organisation
Legal Status
Commercial
orientation
Registered
Address
Postcode
Country
of Ent-Union
PRIVATE X
PUBLIC
non profit
N78
Scope Local - Regional
S3
Size
Stradella Piancoli 5
36100
City
Vicenza
Italy
6.26 CONTACT
Title
Family name
Department
Position
Working
address
Postcode
Country
Telephone 1
Economic Sector
PERSON
First name
Luigi
Copiello
Segretario Generale
Stradella Piancoli 5
36100
City
Italy
+39 0444 228711
14/03/2008 01:21:00 PM
Vicenza
Region
Telephone 2
Veneto
+390444 228768
22
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Mobile
Email
+39 335 261184
[email protected];
[email protected]
6.27 DESCRIPTION
Fax
website
+39 0444 547361
www.cislvicenza.it
OF THE ORGANISAITON
General description of the organisation: [Limit: 10 lines] size, scope of work, areas of
specific expertise and competence in relation to the project proposed
CISL, the second largest (4.287.551 members in 2005) Confederation of Trade Unions in
Italy (19 major National branch (sector) Federations: e.g. metalworkers, chemical, … ). In
Vicenza CISL has 66000 members and is the first largest Confederation of Trade Unions.
The general task CISL sets for itself is that of defending both employed and unemployed
workers' interests, in the conviction society's interests themselves are, thereby, better
promoted. Several fundamental, shared values support such an approach: democracy,
solidarity, pluralism and trade union independence from any economic power, employer,
Government or political party.
The specific expertise and competence in relation to the project proposed is a deep
knowledge of the real demands of the territory and especially of workers and companies
concerning education and vocational training systems and in specific VET school and their
adequateness.
Role of the participant organisation in the proposed project Limit 10 lines
P8 is a DP – Dissemination Partner
Having this role, it has to:
1. Disseminate through networks of contacts
(to disseminate the ExPerO model in
networks through events, meetings and disseminative materials)
2. Be a theoretical supervisor (of the indicator “drop-out” and “employability”. To present
at the final meeting a report about the results obtained by the school partners about
these two micro-indicators.
3. To contact an institutional/ political body, to describe the project aims
4. To participate to meetings
Its dissemination network: it is the second largest Confederation of Trade Unions
in Italy
Skills and expertise of key staff involved in the project Limit 5 lines per person
Margherita Brondino, expert in: systems planning and management for ongoing training and
learning in organizations and for education and vocational trainings; and in analysis of the
features of the organizational context and to the understanding of the conditions determining
motivation, engagement and efficacy of training.
6.29 REGISTERED
Role
Full legal name
ADDRESS AND TYPE OF ORGANISATION
Partner
Nr
PA- Partner
P9
ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “TULLIO BUZZI”
STATE TECHNICAL INDUSTRIAL INSTITUTE “TULLIO BUZZI”
Type of organisation EDU-SCHVoc
Vocational
school
-Economic Sector
secondary
Legal Status
PRIVATE
PUBLIC X
Non profit
Commercial
orientation
Registered Address Viale della Repubblica n. 9
14/03/2008 01:21:00 PM
P.85.32 – Technical and
vocational
secondary
education
Scope National
S5 - 501-2000
Size
23
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Postcode
Country
59100
6.30 CONTACT
Title
Family name
Department
Position
Working
address
Postcode
Country
Telephone 1
Mobile
email
City
Prato
Italy
PERSON
First name
FRANCESCO
ROSSI
DIRIGENTE SCOLASTICO
VIALE DELLA REPUBBLICA N. 9
59100
City
ITALY
0574 589832
PRATO
[email protected]
6.31 DESCRIPTION
Region
Telephone 2
Fax
website
TOSCANA
339 7661541
0574 589830
www.itistulliobuzzi.it
OF THE ORGANISAITON
General description of the organisation: [Limit: 10 lines] size, scope of work, areas of
specific expertise and competence in relation to the project proposed
L’Istituto Buzzi è dotato di strutture moderne, di un cospicuo patrimonio di attrezzature tecnicoscientifiche ed è ubicato in una sede dignitosa; in essa si svolge una proficua attività formativa,
in linea con le odierne esigenze della società e nel solco di una tradizione di serietà ed efficienza.
Il corso di studi, di durata quinquennale, è suddiviso in un biennio propedeutico ed in un triennio
di specializzazione. Gli indirizzi funzionanti nel triennio sono sei: Industria tessile, Industria
tintoria, Meccanica, Chimica, Elettronica e Telecomunicazioni, Informatica. Al termine del corso
diu studi si consegue il diploma di Perito Industriale che è titolo valido sia per l’inserimento nel
mondo del lavoro, sia per l’accesso all’esame di abilitazione all’esercizio della libera professione,
sia per l’iscrizione a tutti i corsi di laurea universitari.
Role of the participant organisation in the proposed project Limit 10 lines
P9 è un SP-Dissemination
In quanto tale dovrà:
1. Organizzare una rete di istituti IFTS settoriale (IFTS italiani incentrati sulla moda e sulla
produzione tessile) e regionale (IFTS toscani). Comunicare e valorizzare il modello
attraverso questa rete. Nell’ultimo meeting di progetto presentare alla suddetta rete
l’esperienza di Expero
2. applicare il modello ExPerO e richiedere la certificazione
3. Implementare il Troubleshooting Knowledgebase
4. Partecipare ad alcuni meeting
5. Diffondere le newletter del progetto in ambient politico-istituzionali
Network di diffusione: contatti con altri dirigenti scolastici di istituti IFTS settoriale
(IFTS italiani incentrati sulla moda e sulla produzione tessile) e regionale (IFTS
toscani)
Skills and expertise of key staff involved in the project Limit 5 lines per person
Dirigente Scolastico - è responsabile della gestione delle risorse finanziarie e strumentali,
risponde dei risultati del servizio, esercita autonomi poteri di direzione, di coordinamento e di
valorizzazione delle risorse umane, organizza l’attività scolastica secondo criteri di efficienza e di
efficacia formative, promuove gli interventi per assicurare la qualità dei processi formativi e la
collaborazione delle risorse culturali, professionali, sociali ed economiche del territorio.
Responsabile SGQ - Collabora con la direzione nella gestione della qualità, coordina il gruppo
14/03/2008 01:21:00 PM
24
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
di lavoro per la gestione della qualità, favorisce attraverso l’informazione la diffusione della
qualità nei processi
Responsabile del progetto - organizza il progetto nella fase iniziale, fornisce gli strumenti
necessari alla realizzazione del progetto, coordina l’attività didattica relativa al progetto, elabora
gli strumenti di verifica del progetto e ne riassume i risultati, elabora proposte da sottoporre
all’attenzione degli organi competenti.
Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi - sovrintende, con autonomia operativa, ai
servizi generali amministrativo-contabili e ne cura l'organizzazione svolgendo funzioni di
coordinamento, promozione delle attività e verifica dei risultati conseguiti, rispetto agli obiettivi
assegnati ed agli indirizzi impartiti, dal personale ATA, posto alle sue dirette dipendenze.
6.33 REGISTERED
Role
Partner
Nr
PA- Partner
Full legal name
P10
Istituto Tecnico Industriale G. Marconi di Padova
Type of organisation
Legal Status
Commercial
orientation
Registered
Address
Postcode
Country
6.34 CONTACT
Title
Family name
Department
Position
Working
address
Postcode
Country
Telephone 1
Mobile
email
ADDRESS AND TYPE OF ORGANISATION
EDU-SCHVoc
PRIVATE
NON PROFIT
P85.32
Economic Sector
PUBLIC ✘
Scope LOCAL - REGIONAL
S5
Size
VIA MANZONI, 80
35126
City
PADOVA
ITALY
PERSON
Dr. Prof. First name
MADDALENA
CARRARO
ITIS “G. Marconi” -MPI
DIRIGENTE SCOLASTICO
VIA MANZONI 80
35126
City
PADOVA
ITALY
049/8040211
3356788781
[email protected]
6.35 DESCRIPTION
Region
Telephone 2
Fax
website
Veneto
049/8040277
OF THE ORGANISAITON
General description of the organisation: [Limit: 10 lines] size, scope of work, areas of
specific expertise and competence in relation to the project proposed
The school is a technical school of about 1100 students.
It employs 137 teachers and 53 non-teaching staff.
It also affers adult evenig classes
It has 3 specializzations: mechanis, electrotechnic technology, thermotechnics.
The school has been certified:
ISO; UNI EN ISO 14001 –UNI EN ISO 9001:200
14/03/2008 01:21:00 PM
25
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Role of the participant organisation in the proposed project Limit 10 lines
P10 è un SPR- SP-Dissemination
In quanto tale dovrà:
1. Organizzare una rete di istituti IFTS regionali (IFTS veneti). Comunicare e valorizzare il
modello attraverso questa rete.
Partecipare ai meeting
3. Diffondere le newletter del progetto in ambient politico-istituzionali
4.
- Network di diffusione: contatti con altri dirigenti scolastici di istituti IFTS regionali
(IFTS veneti). Rete Qualità Veneto
Skills and expertise of key staff involved in the project Limit 5 lines per person
Ms Maddalena Carraro
Mr. Ferdinando Rossi teacher of mechanis technology
Mr. Mauro Nonato teacher of electrotechnic
2.
6.37 REGISTERED
Role
ADDRESS AND TYPE OF ORGANISATION
Partner
Nr
PA- Partner
P11
Full legal name
GÜZELBAHÇE İMKB ANADOLU TEKNİK LİSESİ, TEKNİK LİSE, DENİZCİLİK
MESLEK LİSESİ VE ENDÜSTRİ MESLEK LİSESİ
GUZELBAHCE İMKB ANATOLIAN TECHNICAL, TECHNICAL VOCATIONAL,
NAVAL VOCATIONAL AND INDUSTRIAL VOCATIONAL HIGH SCHOOL
P 85.32
Type of organisation EDU-SCHVoc
Economic Sector
Legal Status
PRIVATE
PUBLIC X
Scope Local
Non profit
S4
Commercial
Size
orientation
Registered Address Kahramandere mah. 786. sok no :2 Güzelbahçe
Postcode
35230
City
İzmir
Turkey
Country
6.38 CONTACT
Title
Family name
Department
Position
Working
address
Postcode
Country
Telephone 1
Mobile
email
PERSON
Mr
OZTURK
First name
Nurullah
President
2. Balıkçı barınağı Güzelbahçe
35311
City
İzmir
Turkey
+902327662893
+905352153130
[email protected]
[email protected]
6.39 DESCRIPTION
Region
Telephone 2
Fax
website
Ege
+902322343983
www.guzelbahceimkbeml.k12.tr
OF THE ORGANISAITON
General description of the organisation: [Limit: 10 lines] size, scope of work, areas of
specific expertise and competence in relation to the project proposed
14/03/2008 01:21:00 PM
26
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Our school has 6 management staff, 28 Teachers and 454 Students. It is vocational high school
with the Departments Computer Technology, Electric – Electronic Technology, Naval Department
and Wooden Boat Construction. Has own boat and give public courses. The school has ongoing
development activities and projects already still continuing in national educational system
organisation. The projects and activities specialise on the titles such as; “strategical planning on
education.”, “school development management”, and “Total quality management”. Within the
organisation 4 teams formed from staff and they work on titles above. Our staff has taken
courses, educations, seminars and conferences related with these titles.
Role of the participant organisation in the proposed project Limit 10 lines
P11 is a SP-Dissemination
Having this role, it has to:
1.
2.
3.
organize a School meeting to expose Expero model to other Turkish schools.
apply the ExPerO model and to request the ExPerO certification
implement with best practices the Troubleshooting Knowledgebase.
4. participate at some meetings
5. translate the disseminative newsletters, disseminating them in the Institute
regional\ national education
6. contact an institutional/ political body, to describe the project aims
and to
Its dissemination network: 454 Students, contacts with Turkish schools and national
project
Skills and expertise of key staff involved in the project
Mr Emin COSKUN: Headmaster of school. Gazi University Technical Educational Faculty
Mechanic Teacher department graduated. Approximately 19 years management staff in different
schools. Planned school development project 2 years Turkey – France Partnership. Computer
support in Education 2 years Turkey – Portugal Partnership. Certificates on the titles “Quality in
education”, “School management”.
Mr Ismail BOZDAG:
Headmaster’s Chief assistant of School. Gazi University Technical
Educational Faculty Electricity Teacher department graduated. Inspection department 1 year in
education ministry. Education Attaché in Germany 3 years. “strategical planning on education”
certificate.
Mr Erdogan SAHİN: Headmaster Assistant of School. Gazi University Technical Educational
Faculty Electronic Teacher department graduated. Electronic Microcontrollers certificate.
Webmaster and different computer programs certificate. 9 years experience career. Different
certificates on title “Quality in Education”.
Mrs Billur AKYOL:
English Teacher of School. Selcuk University literature of English
graduated. 10 years career.
Mr Nurullah OZTURK: Aegean university Fishery college graduated. Master degree on Fishery
management and marine biology. Junior researcher on TUBITAK projects in 1998. SS Siteler
mahallesi fishery cooperative president. Contact person on the project.
6.41 REGISTERED
Role
Full legal name
ADDRESS AND TYPE OF ORGANISATION
PA- Partner
Partner
Nr
P12
Syntra West
Syntra West
Type of organisation EDU-VET (VocationalEconomic Sector
training centre)
Legal Status
PRIVATE ✘
PUBLIC
Scope
Commercial Non profit
Size
14/03/2008 01:21:00 PM
P 85.41 (Post-secondary
non-tertiary education)
Regional
S3 (51 to 250)
27
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
orientation
Registered Address Spoorwegstraat 14
Postcode
8200
City
Brugge
Country
Belgium
6.42 CONTACT
Title
Family name
Department
Position
Working
address
Postcode
Country
Telephone 1
Mobile
email
PERSON
Mr
First name
Vanbiervliet
Project Office
Project Manager
Spoorwegstraat 14
8200
City
Belgium
0032 50 40 30 84
Joeri
Brugge
[email protected]
6.43 DESCRIPTION
Region
Telephone 2
Fax
website
West-Flanders
0032 50 40 30 80
0032 50 70 28 01
www.syntrawest.be
OF THE ORGANISAITON
General description of the organisation: [Limit: 10 lines] size, scope of work, areas of
specific expertise and competence in relation to the project proposed
Syntra West is a not for profit organisation set up in 1960 which is providing 3,5 million training
hours every year for about 50,000 trainees. We are working with 2,000 part-time trainers and a
staff of 200 persons. The mission of Syntra West is: to improve entrepreneurship in Small and
Medium-sized Enterprises.
Our target groups are company managers, senior staff and employees of SMEs. Besides, we are
making our know-how and structure available towards non-profit organisations and public
enterprises. The offer is made up of short term and long term training sessions, initiation, rush
courses, broken down into 4 groups: Technical training sessions in 200 professions,
Management trainings, IT trainings and Specific language courses. We have three levels of
training: Apprenticeship, Business trainings and Extra trainings and upgrading courses.
Syntra West is acknowledged for receiving training cheques and received recently the ISO
9001-certification for the whole organisation. The departments Management and Informatics
are also Q*For-certified. We recently received the title ‘ESF Ambassador 2005’, for our tool
to detect the competences of SME-workers.
Role of the participant organisation in the proposed project Limit 10 lines
P12 is a SP-Network
Having this role, it has to:
1. translate and apply the Expero Model
2. collect data for the organizational culture analysis
3. participate at the Critical Circle of evaluation:
a. circular assesment
b. participate at the Circular credit and qualification recognition
4. To implement with best practices the Troubleshooting Knowledgebase
5. Disseminate the project:
a. To translate the newsletters and disseminate them
b. To contact an institutional/ political body, to describe the project aims
c. To disseminate the Expero model in schools network
14/03/2008 01:21:00 PM
28
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
d. To organize a School meeting to expose Expero model to other HTE
6. Participate to some meetings
Its dissemination network: 50,000 trainees, 2,000 part-time trainers and a staff of
200 persons. Conctats with other big schools and national project
Skills and expertise of key staff involved in the project Limit 5 lines per person
Joeri Vanbiervliet: Project Manager
Patrick Huyghe: Director Production and Projects + Quality Manager
6.45 REGISTERED
Role
ADDRESS AND TYPE OF ORGANISATION
Partner
Nr
PA- Partner
P13
Selandia – Center for Erhvervsrettet Uddannelse
Full legal name
Selandia College
Type of organisation
Economic Sector
P 85 Education
Legal Status
PRIVATE
PUBLIC ✘
Scope Regional
Commercial
Size
Non profit
S4
orientation
Registered Address Bredahlsgade 1
Postcode
4200 City
Slagelse
Country
Denmark
6.46 CONTACT
Title
Family name
Department
Position
Working
address
Postcode
Country
Telephone 1
Mobile
email
PERSON
First name
Michael
Kaas-Andersen
management
Vice-director
Bredahlsgade 1
City
4200
Slagelse
Denmark
+45 58567000
+45 28442003
[email protected]
6.47 DESCRIPTION
Region
Telephone 2
Fax
website
+45 58567003
+ 45 58567399
www.selandiaceu.dk
OF THE ORGANISAITON
General description of the organisation:
Selandia is a technical, business and management college formed by the erstwhile Technical College
Slagelse and Slagelse Business College, merging in the year 2000. In 2003, Selandia has merged with the
Slagelse Centre of Adult Vocational Training Courses for skilled and unskilled people.
Selandia is now one of the largest colleges in Denmark. Selandia is a private foundation approved by the
Danish Ministry of Education.
For students resident in Denmark, Selandia offers four levels of education: Vocational Education, The
Vocational Upper Secondary Education (mercantile/technical), The Advanced Technical /Commercial
(Diploma) Education, In-Service Training of Professionals or Technicians.
14/03/2008 01:21:00 PM
29
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Role of the participant organisation in the proposed project Limit 10 lines
P13 is a SP-Network
Having
1.
2.
3.
this role, it has to:
apply the Expero Model
collect data for the organizational culture analysis
participate at the Critical Circle of evaluation:
a. circular assesment
b. participate at the Circular credit and qualification recognition
4. To implement with best practices the Troubleshooting Knowledgebase
5. Disseminate the project:
a. To disseminate the newsletters
b. To contact an institutional/ political body, to describe the project aims
c. To disseminate the Expero model in schools network
d. To organize a School meeting to expose Expero model to other HTE
6. Participate to some meetings
Its dissemination network: more than 400 highly qualified lecturers and 4,500
students. Selandia links to and collaborates with several educational institutions
throughout the European Union (EU).
Skills and expertise of key staff involved in the project
Vice-principal, Michael Kaas-Andersen, manager of the technical and vocational education, the quality
department, and a member of the direction. Manager of employee, student and company satisfaction
surveys.
Eva Lie Petersen, head of quality department.
6.49 REGISTERED
Role
ADDRESS AND TYPE OF ORGANISATION
Partner
Nr
PA- Partner
Full legal name
P14
I.P.S.I.A.
Vocational Institute for Industry Technicians
Type of organisation EDU-SCHVoc VocationalEconomic Sector
secondary school
Legal Status
PRIVATE
PUBLIC ✘
[Profit
/
Non
profit]
Commercial
orientation
Registered Address Via Montegrappa, 1
Postcode
20052
City
Monza
Italy
Country
6.50 CONTACT
Title
Family name
Department
Position
Working
address
P 85. 32
Scope National
S5
Size
PERSON
Mr
First name
D’Alfonso
Education
Director
Via Montegrappa, 1
14/03/2008 01:21:00 PM
Fernando
30
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Postcode
Country
Telephone 1
Mobile
email
20052
City
Monza
Italy
0039 39 2003476
338 5045652
[email protected]
6.51 DESCRIPTION
Region
Telephone 2
Fax
website
Lombardy
0039 39 2000548
0039 39 2003475
www.ipsiamonza.it
OF THE ORGANISAITON
General description of the organisation:
IPSIA - Monza has been among the first institutes to join "Progetto 92" (a project of supported
experimentation operating since 1988). The project, conceived by the General Board of
Vocational Education, had its roots in the early ‘70ies report written by the Belgian Henry Janne
on behalf of the EEC Commission of Education. It pointed out the necessity of very close links
between general education and vet education if economic and cultural provincialisms were
expected to be overcome. The updating of the curricula, fixed for over twenty years, is a result
of “Progetto 92”. The law on compulsory school and on the shifting between school and job
presupposes a closer communication between education and enterprises. In 1995 IPSIA Monza
(first school in Italy) began an effective cooperation with TOYOTA and integrated T-TEP courses
(Toyota Technical Education) with the regular curricula of the thermic operator profile. Now TTEP project is operating in more than 300 Vet Institutes in 45 countries of the world. Other
important companies are enrolled in the IPSIA curriculum and they all cooperate with our
Institute: S.G.S. Thomson. Siemens, Alcatel, Standox.
Role of the participant organisation in the proposed project Limit 10 lines
P14 is a SP-Network
Having this role, it has to:
1.
2.
3.
apply the Expero Model
collect data for the organizational culture analysis
participate at the Critical Circle of evaluation:
a. circular assesment
b. participate at the Circular credit and qualification recognition
4. To implement with best practices the Troubleshooting Knowledgebase
5. Disseminate the project:
a. To disseminate the newsletters
b. To contact an institutional/ political body, to describe the project aims
c. To organize a School meeting to expose Expero model to other HTE
6. Participate to some meetings
Its dissemination network: contacts with other IFTS schools and political bodyes
Skills and expertise of key staff involved in the project Limit 5 lines per person
Mauro Cereda: deputy headmaster, he has participated to the LdV project “Peer Review in
initial Vet” about promotion of continuing quality improvement. He is now joining the LdV
project “Peer Review Impact”. He has got long experience in the school management and in the
quality assurance processes. Fluent English; excellent multimedia skill.
Daniela Dodaro: coordinating teacher for the assessment area, she has participated to the
LdV project “Peer Review in initial Vet” and is now joining the LdV “Peer Review Impact”. She is
taking part to the Research/action promoted by Regione Lombardia about the learning and
teaching relation assessment. Proficiency English; good multimedia skill.
6.52 PREVIOUS PROJECTS
If you have already obtained financial support for a project related to this proposal within the
Leonardo da Vinci Programme or under other Community programmes/ initiatives in the last five
years, please fill in the table below.
Previous Projects
Start
Programme
Year
or Initiative
Type
Action
14/03/2008 01:21:00 PM
of
Identification
number
Contracting
organisation
Title
Website
31
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
2004
Leonardo
Vinci
da
2003
Leonardo da
Vinci
Pilot
project
AT/04/C/F/TH
ID.: 82000
Pilot
project
BAT:
I/03/B/F/PPID.: 154058
6.53 REGISTERED
Oesterreiches
Institut
fur
Berufsbildungs
forschung - At
SV&CO
–
Sviluppo
e
Competenze ROMA
Peer
Review in
Initial Vet
Stop
Restart
www.peerrevieweducation.
net/
&
ADDRESS AND TYPE OF ORGANISATION
Role
PA - Partner
Partner
Nr
Full legal name
FLORIDA CENTRE DE FORMACIÓ, C.V.
Florida Education Centre
Type of organisation EDU-VET;
EDU-Economic Sector
P15
P 85 Education
SCHVoc
Legal Status
Commercial
orientation
Registered Address
Postcode
Country
6.54 CONTACT
Title
Family name
Department
Position
Working
address
Postcode
Country
Telephone 1
Mobile
email
PRIVATE
✘
public 
Scope
Size
Profit
Regional
S3
C/. Rei En Jaume I, 2
46470
City
Catarroja
SPAIN
PERSON
Mr
First name
Kearney
ICT/Learning
Coordinator
C/. Rei En Jaume I, 2
46470
City
SPAIN
+34961220384
6.55 DESCRIPTION
Nick
Catarroja
Region
Telephone 2
Fax
website
ES 52
+34961269933
www.florida-uni.es
OF THE ORGANISAITON
Florida Centre de Formació is a worker cooperative founded in 1977. It is an education
centre that offers postgraduate programmes, university studies, vocational training,
secondary education, and continuous, occupational and language training. There are
currently 3,000 students and 200 professionals. Florida has a high profile among
educational institutions in the Valencian Community as a dynamic and innovative
institution that is aware of the needs of businesses and society.
FLORIDA International Relations service coordinates our participation in European and
international programmes. Since 1995 we have been involved in a wide range of EC
funded projects (mobility and pilot projects dealing with innovation and ICT) mainly
LdV and Socrates programme.
14/03/2008 01:21:00 PM
32
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Role of the participant organisation in the proposed project Limit 10 lines
P15 is a SP-Network
Having this role, it has to:
1. apply the Expero Model
2. collect data for the organizational culture analysis
3. participate at the Critical Circle of evaluation:
a. circular assesment
b. participate at the Circular credit and qualification recognition
4. To implement with best practices the Troubleshooting Knowledgebase
5. Disseminate the project:
a. To disseminate the newsletters
b. To contact an institutional/ political body, to describe the project aims
c. To organize a School meeting to expose Expero model to other HTE
6. Participate to some meetings
7.
Its dissemination network: 3,000 students and 200 professionals, contacts with others
schools and national project
Skills and expertise of key staff involved in the project Limit 5 lines per person
Nicholas Kearney. He has been working in teacher training and educational
management for over 15 years. This works in the development of new learning
approaches based on the use of ICT in a wide range of educational and training
contexts, including secondary and university education, and vocational and continuous
training. This has included a large number of EU and nationally financed projects in
which he has worked severally as coordinator, consultant, reviewer and evaluator.
Working as ICT/Learning Coordinator involves a substantial amount of teacher training
in the use of ICT in a wide range of educational contexts, both in Florida and beyond.
His particular interests in the field currently include collaborative learning, informal
learning, lifelong learning, etc.
6.56 PREVIOUS PROJECTS
If you have already obtained financial support for a project related to this proposal within the
Leonardo da Vinci Programme or under other Community programmes/ initiatives in the last five
years, please fill in the table below.
Previous Projects
Start
Programme
Year
or Initiative
Type of
Action
14/03/2008 01:21:00 PM
Identification
number
Contracting
organisation
Title
Website
33
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Details of projects / networks in which your organisation / department has participated with the financial support of any Community
programmes/ initiatives in the last five years
Starting Programme
Identification
Contracting
Title of the project / network
Website
Year
or Initiative
number
organisation
2003
Socrates –
03-ESP01Falkirk College of
PEPAE – Personal Projects in Adult
Grundtvig 2
S2G01-00069-1 further & higher
Education
education
2003
LdV - Mobility E/03/A/F/EXFlorida Education
TOUREMPRENDE - Exchange of
150125
Centre
pedagogical methodologies focused
on promoting the entrepreneur spirit
and self-employment in Tourism
studies
2003
LdV - Mobility E/03/A/F/PLFlorida Education
PREPYME – European placements
150228
Centre
in SMEs
2004
Socrates 116696-CP-1Florida Education
ICT-SUSTOUR – Sustainable
http://www.ictsustour.com/
Minerva
2004-1-ESCentre
Development in Tourism through
MINERVA-M
ICT in Education
2004
LdV - Pilot
ISL/04B/F/1640
Reykjavik
PPS – Personal Profile and Support http://www.p-p-s.org/
04
University
2005
LdV – Mobility ES/05/A/F/PLFlorida Education
PROMOVE – Promotion of students
150076
Centre
mobility
2005
LdV –
2005-1966/001- Florida Education
"The promotion of entrepreneur
http://valorisation.floridaValorisation
001
Centre
skills and business creation to
uni.es/
stimulate local development"
2005
LdV – Pilot
NL/05/B/F/PP157518
IVLOS, University
of Utrecht
WLT – Work and Learn Together
2005
EQUAL
AD-130
Adaptabilidad con enfoque de
género en el metal, AG-METAL
2005
EQUAL
AD-126
FEMEVAL
(Entrepreneurial
Federation of the
metal sector from
Valencia)
Mancomunidad de
l’Horta Sud
2005
e-Learning
2005-3872/001001
Fe-ConE:Framework for e-Learning
Contents Evaluation
2006
LdV – Pilot
2006
LdV – Pilot
ES/06/B/F/PP149544
FI/06/B/F/PP160719
2006
LdV –
Language
Competences
Socrates –
Grundtvig 1.1
FORTH Foundation for
Research and
Technology
Florida Education
Centre
Tampere
Vocational Adult
Education Centre
Vilnius Business
College
IFS - Institute for
Future Studies
ICT4T - ICT Training for trainers Meeting Senior Learner Needs
Universita degli
study di Macerata
MUVE-nation: Motivating pupils,
linking teachers through active
learning with Multi-Users Virtual
Environments
LLL3D – Scenario Development for
Lifelong Learning in 3D multi-user
environments
2006
2007
2007
LT/06/B/F/LA171001
230295 -CP -12006-1-AT GRUNDTVIG G11
LLP 134221-LLP-1Comenius2007-1-ITMultilateral
COMENIUSproject
CMP
LLP- KA3
135450-LLP-1Multilateral
2007-1-DE-KA3project
KA3MP PM
14/03/2008 01:21:00
FIM –
New Learning
DIME (Desarrollo Integral de la
Mujer Emprendedora).
FORESTUR – Tailored Training for
professionals in the rural sector
Tools for Teachers, Trainers and
Workplace Instructors in the field of
Diversity of People
EIT – e-Learning Module – English
Language for IT Specialists
http://www.worklearntoget
her.org/en/index.htm
http://www.dimeequal.com/index.php
http://www.forestur.net
http://www.tak.fi/en/tford/
http://muvenation.org/
34
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Add rows as necessary
Details of other LLP applications in this selection in which you and / or your organisation / department is involved (projects / networks /
accompanying measures)
LLP Sub-Programme
Acronym
Applicant Organisation
ERASMUS Multilateral
BINNOC
Florida Centre de Formació, C.V.
Project
GRUNDTVIG Multilateral
TC*Teacher
Kauno technologijos universitetas
project
ERASMUS Multilateral
ILIS
TUAS – Turku University of Applied Sciences
project
Add rows as necessary
14/03/2008 01:21:00 PM
35
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
6. DECLARATION
Title
Family name
Organisation
Department
Position
Work address
Postcode
Country
Telephone
E-mail address
BY LEGAL REPRESENTATIVE OF APPLICANT ORGANIZATION
Arch. Prof.
First name
Arturo
Campanella
Istituto Tecnico Industriale “Arturo Malignani
Headquarters
School Headmaster
Viale Leonardo da Vinci,10
33100
City
UDINE
ITALY
+39043246380
Fax
[email protected]
+390432545420
I, THE UNDERSIGNED,
Request from my National Agency a grant for my organisation as set out in section 6 of this application form.
Declare that:
•
•
All information contained in this application, is correct to the best of my knowledge.
The organisation I represent has the adequate legal capacity to participate in the call for proposals.
EITHER
The organisation I represent has financial and operational capacity to complete the proposed action or work
programme
OR
The organisation I represent is considered to be a "public body" in the terms defined within the Call and can
provide proof, if requested of this status, namely: It provides learning opportunities and
•
Either (a) at least 50% of its annual revenues over the last two years have been received from public
sources;
•
Or (b) it is controlled by public bodies or their representatives
I am authorised by my organisation to sign Community grant agreements on its behalf.
Certify that:
The organisation I represent:
•
is not bankrupt, being wound up, or having its affairs administered by the courts, has not entered into
an arrangement with creditors, has not suspended business activities, is not the subject of
proceedings concerning those matters, nor is it in any analogous situation arising from a similar
procedure provided for in national legislation or regulations;
•
has not been convicted of an offence concerning its professional conduct by a judgment which has the
force of ‘res judicata’;
•
has not been guilty of grave professional misconduct proven by any means which the Agency can
justify ;
•
has fulfilled its obligations relating to the payment of social security contributions or the payment of
taxes in accordance with the legal provisions of the country in which it is established or with those of
Belgium or those of the country where the grant agreement is to be performed;
•
has not been the subject of a judgment which has the force of ‘res judicata’ for fraud, corruption,
involvement in a criminal organisation or any other illegal activity detrimental to the Communities'
financial interests;
•
following another procurement procedure or grant award procedure financed by the Community
budget, has not been declared to be in serious breach of contract for failure to comply with its
contractual obligations.
Acknowledge that:
The organisation I represent will not be awarded a grant if it finds itself, at the time of the grant award
procedure, in contradiction with any of the statements certified above, or in the following situations:
•
subject to a conflict of interest (for family, personal or political reason or through national, economic
or any other interest shared with an organisation or an individual directly or indirectly involved in the
grant award procedure);
•
guilty of misrepresentation in supplying the information required by the National Agency as a
condition of participation in the grant award procedure or has failed to supply this information.
In the event of this application being approved, the Agency has the right to publish the name and address of
this organisation, the subject of the grant and the amount awarded and the rate of funding.
14/03/2008 01:21:00 PM
36
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
I acknowledge that administrative and financial penalties may be imposed on the organisation I
represent if it is guilty of misrepresentation or is found to have seriously failed to meet its
contractual obligations under a previous contract or grant award procedure.
PROTECTION OF PERSONAL DATA
The grant application will be processed by computer. All personal data (such as names, addresses,
CVs, etc.) will be processed in accordance with Regulation (EC) No 45/2001 of the European
Parliament and of the Council of 18 December 2000 on the protection of individuals with regard to
the processing of personal data by the Community institutions and bodies and on the free
movement of such data. Information provided by the applicants necessary in order to assess their
grant application will be processed solely for that purpose by the department responsible for the
programme concerned. On the applicant's request, personal data may be sent to the applicant to
be corrected or completed. Any question relating to these data, should be addressed to the
appropriate Agency to which the form must be returned. Beneficiaries may lodge a complaint
against the processing of their personal data with the European Data Protection Supervisor at
any time. (http://www.edps.europa.eu/00_home.htm).
Name
Prof Arch Arturo Campanella
Position
within
the organisation
SCHOOLHEADMASTER
Date
Signature and
14/03/2008 01:21:00 PM
Stamp
37
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
7. PROJECT DESCRIPTION
8.1 DESCRIPTION
Contesto
L’educazione professionale post-secondaria non universitaria (HTE - Higher Technical Education)
costituisce un nuovo canale formativo europeo che integra le risorse di scuola, formazione
professionale, università e mondo del lavoro. La strutturazione dei corsi HTE ha permesso la
creazione di profili estremamente diversificati tra loro, confrontando i diversi enti erogatori, le
diverse realtà nazionali, le aree formative (agricola, industriale, servizi) e il livello di durata
temporale (dai 6 mesi ai 2 anni). Questo contesto, sia all’interno dei paesi che su ase europea si
caratterizza per estrema eterogeneità: anzitutto si riscontra frammentazione e l’esistenza di
barriere nazionali, regionali, istituzionali e settoriali che frenano il trasferimento e l’arricchimento
del sapere su scala europea. In secondo luogo, si sta affermando la tendenza a valutare il contesto
d’apprendimento piuttosto che il risultato dell’apprendimento, ovvero, in altre parole, il “dove” e il
“come” contano di più del “cosa” (si veda: “ECVET and the links to other European lifelong learning
Initiatives”, di Jens Bjornavold, Cedefop, Salonicco, 12 febbraio 2007).
In questo contesto, nel 2005, nacque il progetto pilota Leonardo da Vinci denominato ExPerO
(conclusosi nell’ottobre 2007), il quale ha avuto come obiettivo quello di creare un modello teorico
e degli strumenti operativi capaci di valutare la qualità dei risultati dell’apprendimento (learning
outcome) dei corsi HTE (http://www.expero.eu). Come indicato dai valutatori nazionali e
internazionali interpellati (documentazione reperibile sul sito http://www.expero.eu/hypertext), il
modello ExPerO risulta innovativo per le seguenti motivazioni: l’uso di approcci teorici
multidisciplinari provenienti dalla letteratura scientifica internazionale; la sua facile applicabilità
operativa; la considerazione dell’opinione dei diversi stakeholder (ritenuta prioritaria nel “The
Helsinki Communiqué on Enhanced European Cooperation in Vocational Education and Training”,
Communiqué of the European Ministers of Vocational Education and Training, the European Social
partners and the European Commission, convened in Helsinki on 5 December 2006 to review the
priorities and strategies of the Copenhagen Process); la valutazione incentrata sul risultato
dell’apprendimento e non sul processo d’apprendimento o sulla qualità del servizio, come fatto dai
più famosi e diffusi modelli di valutazione di qualità (EFQM, ISO, ServQual). Focalizzarsi sul
learning outcome è una scelta allineata agli ultimi standard europei in fatto di qualifiche e crediti
EQF ed ECVet (“European LLL policies ECVET state of play and the role of Cedefop”, di Loukas
Zahilas, Cedefop, 11 ottobre 2007, Stoccolma e “Learning in a New Era. ECVET and EQF, new
variables for the work of VET teachers and trainers?”, di Isabelle Le Mouillour, Leonardo Da Vinci
Contact Seminar, 26-28 ottobre 2006, Islanda).
A conferma del valore innovativo apportato da ExPerO, le risposte di tutti i valutatori esterni al
progetto risultano positive; ad esempio: “Il modello può costituire un significativo punto di
riferimento a livello europeo” (Arnaldo Ferrari, valutatore esterno italiano) e ancora “I would
support the implementation of the Product”. Concerting my work position in the System of
education, I would present it and bring the attention of directors of institutions on it” (Emil
Dimitrov, valutatore esterno bulgaro).
Contenuti
Visti i bisogni di ricerca, le richieste della Comunità Europea e il lavoro già svolto, il progetto
Expero2EU si pone come obiettivo quello di trasferire il modello ExPerO come contenuto innovativo
in uno specifico settore, quello meccatronica, e in un particolare contesto locale, quello italiano,
mettendolo a regime nell’attività ordinaria degli istituti IFTS. Al contempo, si vuole agire in modo
da far divenire ExPerO uno standard accreditato a livello europeo. Per fare ciò, il progetto prevede
sia una parte a carattere applicativo, che una parte a carattere teorico. A livello operativo si
coinvolgeranno istituti HTE ed enti politico-istituzionali di diversi Paesi (Italia, Belgio, Danimarca,
Spagna e Turchia). Le scuole partner (SP) si differenziano tra SPD (disseminazione) e SPN
(network). Gli SPD (la scuola turca e due istituti scolastici italiani) si dedicheranno alla diffusione e
alla valorizzazione del progetto nelle rispettive aree di appartenenza (locali o settoriali). Gli SPN
(istituti HTE con corsi in meccatronica) utilizzeranno il modello ExPerO, valuteranno i propri risultati
d’apprendimento all’interno di un circolo critico europeo (network) che permetterà loro di
inaugurare un mutuo riconoscimento di qualifiche e crediti, arrivando infine a diffondere
l’esperienza di ExPerO anche ad altre scuole. Parallelamente, gli enti politico-istituzionali verranno
14/03/2008 01:21:00 PM
38
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
interpellati per veicolare il modello anche negli ambienti istituzionali locali. I Partner di Ricerca (RP)
svolgono funzioni diverse: di coordinamento (RM-P1), di controllo dei processi (QM-P7), di sviluppo
di specifiche fasi (P2, P6). I Patner di Disseminazione (DP) svolgono attivita specifica di diffusione e
valorizzazione di ExPerO in altre reti di scuole ed enti di formazione (P4, P5, P8), oltre a supportare
le scuole nazionali coinvolte.
Il progetto, quindi, è strutturato al fine di trasferire il modello ExPerO nello specifico della realtà
italiana dell’IFTS, prevedendone un impatto diretto sull’attività ordinaria dei destinatari. Per
realizzare questo obiettivo, è previsto un piano teorico ed uno applicativo, qui di seguito illustrati.
Il piano teorico prevede:
- l’accreditamento del modello ExPerO a livello internazionale, come standard di certificazione della
qualità del learning outcome degli Istituti HTE. Ogni istituto HTE potrà così ottenere una
certificazione ExPerO attraverso la richiesta di un audit agli enti di accreditamento, dimostrando di
applicare il modello e i suoi strumenti come prassi di analisi e valutazione della qualità dell’esito
formativo. Gli istituti HTE partecipanti in Expero2EU richiederanno l’audit di certificazione all’interno
del progetto e, possibilmente nelle tempistiche progettuali, riceveranno la conseguente
certificazione.
L’accreditamento a livello europeo si rivela necessario per poter fornire ai corsi IFTS una
certificazione d’ampio respiro. In altre parole, la possibilità di avere corsi IFTS certificati sulla
qualità del loro learning outcome, utilizzando un modello riconosciuto come innovativo (ExPerO), è
oggigiorno ancora più urgente in vista della prossima attivazione degli ITS (Decreto del Presidente
del Consiglio dei Ministri 25 gennaio 2008). Le Regioni, rivestendo un ruolo strategico nella
decisione di quali ITS attivare e delle risorse ad essi allocabili, ritroverebbero in ExPerO un modello
e un metodo a supporto di tale funzione. La certificazione attraverso il modello ExPerO potrebbe
allora essere un forte punto di vantaggio per gli istituti che decidessero di applicarla. Proprio al fine
di rendere la Certificazione quanto più ampia, generale e attraente, l’accreditamento di tipo
sopranazionale appare come la scelta più efficace.
- L’incorporazione del VQTS come strumtno di riconoscimento di competenze e crediti. Tale
processo si renderà possibile grazie all’esperienza derivata da un altro Progetto Pilota Leonardo da
Vinci (VQTS), i cui promotori sono partner in Expero2EU. Far confluire nel modello ExPerO gli
standard europei già esistenti in materia di qualificazione e crediti (VQTS) permetterà
un’applicazione della standardizzazione del learning outcome, in termini di Qualità, Crediti e
Competenze (QCC Expero Standard).
- Uno studio di fattibilità sul possibile utilizzo del modello ExPerO come strumento utile al bilancio
sociale, esigenza sempre più diffusa anche nel mondo della scuola. Nel bilancio sociale, uno degli
obiettivi è la dimostrazione di quanto gli stakeholder influenzino le politiche decisionali
dell’organizzazione e, in tal senso, ci appare sensato prevedere che, attraverso l’applicazione di
ExPerO, una scuola ben integri la soddisfazione dei bisogni dei propri stakeholder nei processi
organizzativi (si veda, ad esempio, l’introduzione Ministro della Pubblica Istruzione Giuseppe Fioroni
sul Bilancio Sociale 2007-2008 del I.S.I.S.S Maironi da Ponte).
Sul piano operativo/applicativo
La creazione di un primo network di istituti HTE eroganti corsi per meccatronico. Tali scuole
applicheranno il modello ExPerO e la matrice di competenze meccatronica già sviluppata dal
progetto VQTS e, proprio in base a questo ponte unico di certificazione edificato sul learning
outcome, potranno agire per un mutuo riconoscimento di crediti e qualifiche.
La qualità del risultato d’apprendimento certificata dal modello ExPerO si basa essenzialmente sulle
aspettative e sulle percezioni degli stakeholder. L’esplosione della singolarità autoreferenziale di un
istituto HTE in una costellazione di network valutativi europei genererà, di conseguenza, una
condivisione tra le reti degli stakeholder, dando vita a comunicazioni sempre più fitte, non solo tra
la scuola e i suoi stakeholder, ma anche tra la scuola e altre scuole e tra gli stakeholder e altri
stakeholder similari (secondo le dinamiche tipiche di un social network).
Progettando una valutazione circolare si permette anche ad ogni scuola coinvolta di rivestire al
contempo il ruolo di valutato e di valutatore, aumentando, così, la consapevolezza relativa al
concetto di qualità, trasparenza e mobilità.
Il secondo punto di forza riguarda la sperimentazione del modello anche in altre scuole (SPD) al di
fuori del circuito meccatronico, ma sempre nel contesto italiano. Tale applicazione e la successiva
disseminazione del modello in conferenze settoriali (Rete Qualità delle Scuole Veneto, e nel circuito
toscano dei corsi IFTS nel settore settore della moda) è stata progettata al fine di consentire una
crescente conoscenza ed applicazione dello stesso e passare con maggior vigore dalla fase teorica
14/03/2008 01:21:00 PM
39
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
(progetto pilota) alla fase di applicazione sul territorio (trasferimento).
Un obiettivo ulteriore di Expero2EU è plasmato sulla “Recommendation 2001/166/EC of the
European Parliament and of the Council of 12 February 2001 on European cooperation with regard
to the qualitative assessment of school education, Official Journal L 60, 01.03.2001”. Questa
raccomandazione invita alla creazione di un database Internet finalizzato alla diffusione di “best
practices” relative alla valutazione della qualità del sistema scolastico europeo. Nel progetto
ExPerO era stato elaborato un “database per la gestione delle divergenze” quale contenitore statico
delle “best practices” utilizzate dalle scuole partner per risolvere eventuali gap tra aspettative e
percezioni rilevate attraverso l’applicazione del modello. In Expero2EU è stato progettato di
riprendere il “database per la gestione delle divergenze” e di rinominarlo “Troubleshooting
Knowledgebase” (TKB). Tale cambiamento è previsto al fine di evidenziare una ristrutturazione
concettuale dello strumento; il TKB avrà difatti una base dinamica, capace di accogliere le “best
practices” derivanti dai nuovi partner, in modo continuativo ed arricchente. Esso diventerà il portale
attraverso cui accedere ad un sapere condiviso, derivato dalle esperienze dei dirigenti scolastici
delle scuole europee; un sapere, questo, che non resterà più segregato nella singolarità della
scuola, ma che potrà essere condiviso ed amplificato, arricchendo la capacità di problem-solving
degli istituti HTE europei.
Relativamente agli impatti fino ad ora esplicitati, il target group primario consiste, a breve termine
(primi due anni) nel consorzio di scuole HTE del partenariato di Expero2EU, e, a lungo termine in
tutti gli istituti IFTS Italiani ed europei.
Passando ad una descrizione più dettagliata dei target, si prevede che gli istituti IFTS italiani
possano beneficiare della certificazione al modello ExPerO ed essere inseriti nel primo circolo di
valutazione critica. Il mutuo risconoscimento di crediti e competenze da parte di diversi istituti
europei accresce l’attrattività del sistema formativo stesso. Grazie al TKB (Troubleshooting
Knowledgebase) le scuole potranno, poi, avere un database europeo da cui attingere suggerimenti
per la soluzione di gap problematici. Gli stakeholder degli SP saranno target di Expero2EU in quanto
– attraverso il modello ExPerO – vedranno riconosciuta la loro importanza e il loro ruolo nel
giudicare la qualità del risultato d’apprendimento e, grazie allo strumento del Social Network online, potranno mettersi in contatto per motivi professionali o formativi con qualunque altro partner
diretto o indiretto del progetto.
Beneficiario sarà anche il sistema scolastico professionale italiano. La sperimentazione
nell’applicazione del modello ExPerO in tre scuole italiane, certificate a livello europeo, inserite a
breve (network meccatronica) o a lungo termine (altri network che potrebbero nascere grazie alla
disseminazione) in una rete di istituti professionali, produce un notevole sviluppo del sistema
stesso. Diversamente da una certificazione di processo (Vision) già esistente in diverse realtà
scolastiche nazionali, ExPerO consente una certificazione della qualità del learning outcome,
aprendo quindi la strada verso un mutuo riconoscimento delle competenze e delle qualifiche.
Beneficiario sarà infine la stessa Unione Europea. Come esplicitato all’inizio di questa sezione, il
progetto Expero2EU è stato concepito al fine di rispondere in maniera concreta alle domande di
trasparenza, mobilità e standardizzazione sollevate dall’attuale situazione del settore HTE europeo.
Per ciò che concerne la misurazione dei progressi e la realizzazione dei risultati previsti, abbiamo
inserito nel progetto la figura del “Quality Manager” (P7), atta proprio a fornire una consulenza sui
processi finalizzati al raggiungimento degli obiettivi progettuali; questa figura, neutrale (non
finanziata dal progetto) e competente (ricercatore ASP), sarà garanzia di un progressivo controllo
della qualità dei risultati.
Fin dalla sua progettazione sono state indicate le fasi principali, la pianificazione, l'esecuzione e il
monitoraggio del progresso delle attività di progetto.
Il project management si basa su un corpo multidisciplinare di conoscenze, tecniche e pratiche che
opportunamente integrate consentiranno una gestione efficace del progetto, nel rispetto dei tempi,
dei costi e della qualità, ponendo attenzione all'impiego delle risorse umane, al controllo dei rischi e
alla cura delle comunicazioni interne ed esterne.
Al fine di verificare l’impatto dell’applicazione di ExPerO sull’organizzazione scolastica, è stata
pianificata un’analisi della cultura organizzativa delle scuole partner prima e dopo l’applicazione del
modello ExPerO. In questo modo sarà possibile verificare – misurandolo - l’impatto di innovazione
apportato dal modello. L’accreditamento su scala europea, i report sugli approfondimenti teorici e
applicativi, l’integrazione degli standard quali gli ECVet e EQF e la creazione di un circolo di qualità
14/03/2008 01:21:00 PM
40
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
sovranazionale, saranno poi segni tangibili dell’avanzamento del progetto. I partner di ricerca,
contattati appositamente per il valore intellettivo ed esperienziale, forniscono, infine, il sigillo
dell’elevato tenore di obiettivi teorici che il modello si propone di affrontare.
Infine, per quanto riguarda gli aspetti linguistici, il progetto Expero2EU si propone di utilizzare
l’inglese come lingua veicolare nelle comunicazioni tra i partner. Progettando, però, la traduzione
degli strumenti d’indagine in Dutch, danese, turco e il loro aggiornamento in italiano e in spagnolo
(in quanto sono già presenti le traduzioni in queste due lingue derivanti dal progetto ExPerO), si è
voluto dare risalto alle singole lingue nazionali, volendo così permettere al modello Expero di essere
esportabile in più Paesi europei, nel rispetto della loro lingua.
Infine, per chiarezza espositiva, si riporta qui di seguito la lista dei partner con indicato il loro
acronimo:
P0
P1
P2
P3
P5
P6
P7
P8
P9
P10
P12
P14
P15
Coordinator and SPN (Istituto Malignani, Udine, Italy)
Research Manager (Università degli Studi di Trieste, Italy)
Research Partner (University of Vaasa, Finland)
Research Partner (ARE Alto rendimiento Empresarial, Barcelona, Spain)
Dissemination Partner (CECE, Confederación Española de Centros de Enseñanza, Madrid,
Spain)
Dissemination Partner (Vestervang Consulting, Gedser, Denmark)
Research Partner (S3 laboratory, Vienna, Austria)
Quality Manager (ASP, Alta Scuola Pedagogica, Locarno, Switzerland)
Dissemination Partner (CISL, Vicenza, Italy)
SP-Dissemination (HTE I.T.I.S. Tullio Buzzi, Prato, Italy)
SP-Dissemination (I.T.I.S G. MARCONI, Padova, Italy)
SP-Dissemination (Guzelbahce İmkb Anatolian Technical, Technical Vocational, Naval
Vocational And Industrial Vocational High School, Izmir, Turkey)
SP-Network (HTE Syntra West Brugge, Belgium)
SP-Network (HTE Selandia - Center for Erhvervsrettet Slagelse Denmark)
SP-Network (HTE IPSIA MONZA, Monza, Italy)
SP-Network (HTE Florida Centro De Formación Universitaria Y Secundaria, Catarroja,
Valencia).
8.2 TYPE
OF TRANSFER
Il progetto Expero2EU è stato concepito per diffondere il modello ExPerO (l’oggetto su cui è stato
comprovato il valore innovativo) su molteplici dimensioni.
1) Seguendo il principio del think globally but act locally, l’intento progettuale è quello di
mettere a regime ExPerO, quale prodotto innovativo, nel sistema formativo professionale
italiano. Si mira dunque a creare un potenziamento del sistema valutativo degli IFTS,
ponendoli in comparazione su scala europea. In questo senso si spiega la forte presenza
delle scuole italiane. Tra queste, due avranno intenti legate alla comunicazione e alla
valorizzazione del progetto su scala nazionale, due sperimenteranno direttamente il
modello e, insieme all’istituto Malignani, promotore di ExPerO che proseguirà l’applicazione
del modello, parteciperanno al network meccatronico nel processo di reciproca valutazione
e riconoscimento di crediti e competenze.
2) A livello settoriale, Expero2EU trasferisce il modello innovativo (ExPerO) dall’ambito
generico in cui è stato concepito (istruzione e formazione post secondario, non
universitaria) al settore specifico della formazione del profilo meccatronico. Il modello
ExPerO, nel progetto omonimo, era stato concepito in modo tale da poter essere applicato
in tutti gli istituti eroganti corsi HTE. Nel progetto Expero2EU – al fine di inaugurare il
circolo critico di valutazione di Qualità, Crediti e Qualifiche (CQQ) – si deve invece verificare
la condizione per cui le scuole partner abbiano aree formative tra di loro similari, in modo
tale da avere le competenze e le motivazioni sufficienti per effettuare la valutazione CQQ in
altre scuole del circolo. In questo senso, allora, il progetto Expero2EU include nel
14/03/2008 01:21:00 PM
41
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
partenariato istituti che erogano corsi HTE legati al settore della meccatronica. Questo
primo circolo è inteso in senso pionieristico, sarà in grado, in caso di buon esito del
progetto, di sussistere autonomamente allargandosi anche a nuovi istituti IFTS dello stesso
ambito didattico.
3) Il progetto Expero2EU trasferisce il modello ExPerO anche in un’ulteriore prospettiva, quella
concettuale. Pur non intaccando il prodotto innovativo (il modello ExPerO), si prevede un
suo aggiornamento su duplice piano: coniugazione con il modello VQTS ed eventuale
miglioramento e adattamento rispetto alla più recente documentazione europea. A livello
globale, il modello ExPerO verrà integrato con gli strumenti forniti dal progetto pilota VQTS
al fine di renderlo capace di valutare, oltre che la Qualità, anche i Crediti e le Qualifiche del
learning outcome di stampo meccatronico. In una prospettiva di sviluppo, si aggiunge
anche uno studio di fattibilità nell’utilizzo di ExPerO come strumento di bilancio sociale. In
questo senso si mira a identificare quali indicatori quantitativi potrebbero integrarsi nel
modello ExPerO per misurare la qualità delle performance prodotte in termini finanziari e di
impatto sul territorio.
8.3 EXPLOITATION
OF PREVIOUS RESULTS
Is the project based on similar or related projects funded by the LLP programme and/or its
predecessors and/or other similar programmes or initiatives in the last five years?
Yes
✘
No
If yes please provide further information in the table below:
Start
Year
2005
2003
Programme
or
Initiative
Leonardo da
Vinci
Type of
Action
Identification
number
Contracting
organisation
Title
Website
Progetto
Pilota
I/05/B/F/PP154171
Ex.Per.OExpectations
and
Perceptions
of Quality in
VET
www.expero.org
Leonardo da
Vinci
Progetto
Pilota
A/03/B/F/PP158034
Istituto
Tecnico
Industriale
“A.
MALIGNANI”
di Udine
(Italy)
3S research
laboratory
Karin LuomiMesserer
Wiedner
Hauptstraße
18
1040 Wien,
Austria
www.3s.co.at
VQTSVocational
Qualification
Transfer
System.
www.vocationalqualification.net
Does this proposal seek to exploit other existing materials?
Yes
✘
No
If Yes, please complete the following table
Title of the materials
ExPerO - Hypertext
VQTS model - A proposal for
a structured description of
work - related competences
and their acquisition.
14/03/2008 01:21:00 PM
Publisher / copy-right or
ownership
All rights reserved
© ITI Malignani, Udine,
December 2007
All rights reserved
© 3s research laboratory,
Vienna, September 2006
Permission has been granted to
use the materials
Yes
Yes
42
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
8.4 INNOVATIVE
RESULTS OR CONTENT THE PROJECT IS BASED UPON
Il progetto Expero2EU si propone di mettere in opera i risultati del progettp pilota ExPerO nello
specifico settore meccatronico in Italia in particolare, ma anche, per le ragioni sopra esposte,
coinvolgendo altri stati europei. Dal punto di vista dei contenuti, si mira ad integrare il modello
VQTS al modello ExPerO. Più precisamente, dal momento che il modello VQTS propone una
metodologia atta a definire le comptenze di meccatronico, si ritiene adeguato produrre un
implementazione dell’indicatore denominato QC (Quality of Competencies) del modello ExPerO in
questa direzione. Questo indicatore è stato l’unico a non essere misurato nella diagnosi
sperimentale condotta durante il progetto ExPerO a causa della sua eterogeneità.
Oltre a queste operazioni di aggiornamento e innovazione di aspetti concettuali e metodologici dei
prodotti di ExPerO e VQTS, il progetto Expero2EU prevede anche di ottenere l’accreditamento del
modello ExPerO, affinché esso possa certificare la qualità dell’esito formativo dei corsi HTE a
livallo trans-nazionale. Infine, un altro aspetto innovativo del progetto Expero2EU consta nella
creazione di una rete di scuole/istituti (SPN: P0, P12, P13, P14, P15) che erogano corsi HTE
meccatronici, basata sulla logica di un mutuo riconoscimento delle competenze e dei crediti e sulla
reciproca valutazione del learning outcome. Utilizzando la metodologia del Critical Friend, le scuole
si supporteranno a vicenda nella valutazione dei dati emersi dalla diagnosi effettuata tramite il
modello ExPerO, confrontando i criteri di attribuzione dei punteggi di qualità ad ogni indicatore
(circolo critico di valutazione). In questo modo, gli IFTS italiani saranno immersi in un confronto
costruttivo in merito a tematiche quali “competenze”, “crediti”, “qualifica”, “qualità” e “mobilità”. La
rete verrà supportata anche attraverso un sistema di network sociale virtuale (simile al più noto
LinkedIn) in cui il collegamento tra scuole si estenderà ai reciproci stakeholder, creando così, una
rete di reti.
Innovativa risulta ancora la trasformazione del Database delle Divergenze (ExPerO) in
Knowledgebase, ovvero in un database dinamico in cui ogni scuola, anche oltre la conclusione del
progetto, potrà utilizzare e implementare il contenuto. Il Troubleshooting Knowledgebase
(TKB) conterrà le best practices utilizzate dalle scuole per migliorare la qualità del proprio learning
outcome in un’ottica di sempre maggiore corrispondenza alle aspettative degli stakeholder.
In previsione di un futuro sviluppo del prodotto si è inteso inserire nel progetto anche uno studio di
fattibilità per verificare quanto ExPerO si adatti alle esigenze del bilancio sociale. Questo potrebbe
costituire una futura adattabilità di ExPerO anche in tale strumento, sempre più richiesto anche nel
settore educativo.
Da ultimo, consideriamo innovativa anche la proposta di utilizzare uno strumento di diagnosi della
cultura organizzativa come indicatore dell’impatto di ExPerO all’interno di ogni singolo istituto
partecipante. La comparazione dei dati ottenuti nelle due rilevazioni (prima e dopo l’applicazione
del modello) consentirà di evidenziare quanto i valori condivisi nell’organizzazione possano essere
stimolati verso la qualità e l’innovazione attraverso l’utilizzo di prassi valutative e di reciproco
confronto con i propri stakeholder e con altri istituti.
8.5 EUROPEAN
ADDED VALUE
Describe the benefits anticipated from the implementation of the proposal at an
European level rather than at national or regional one.
Il progetto Expero2EU si propone di migliorare (attraverso attività di innovazione di alcuni aspetti e
l’accreditamento del modello ExPerO a sistema europeo di certificazione della qualità dei corsi HTE
per meccatronici) e diffondere un sistema standardizzato per riconoscere e certificare la qualità del
risultato d’apprendimento relativo alla qualifica professionale di meccatronico. Il punto di forza di
tale operazione si ritrova nel fatto che, attualmente, le modalità di conferimento di tali qualifiche e
di riconoscimento delle stesse tra diversi istituti del medesimo Paese e tra diversi Paesi dell’UE, è
caratterizzato da estrema eterogeneità. Questo fatto rappresenta un forte limite per
l’implementazione delle linee di sviluppo del sistema di istruzione e formazione europea indicate
nell’EQF, nel ECVet e ribadite in trattati comunitari come il processo di Bruges - Copenhagen. Oltre
a realizzare e diffondere nel territorio europeo un sistema accreditato per la certificazione della
14/03/2008 01:21:00 PM
43
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
qualità del risultato d’apprendimento relativo alla qualifica HTE di meccatronico, il progetto si
propone di lavorare anche sul fronte culturale, coinvolgendo progressivamente il personale delle
scuole partner (SP) in percorsi formativi incentrati su temi quali la qualità del risultato, le
competenze, i crediti e le qualifiche in una prospettiva europea, stimolando insegnanti, tutor e
dirigenti scolastici ad uscire da una visione auto-referenziale della valutazione e del riconoscimento
delle qualifiche. In tale direzione si proietta anche la creazione di una rete di scuole che erogano
corsi HTE in ambito meccatronico, dislocati in diversi Paesi dell’Unione Europea, partner nel
progetto. A partire da maggio 2009, i 5 istituiti meccatronici partner (SPN) in Expero2EU,
utilizzando i sistemi di comunicazione multimediale attivati nel progetto (WP 1.4 e 4.3),
instaureranno contatti frequenti (secondo lo schema di criticalfriendship) e condivideranno con tutti
i partner i risultati raggiunti (Schoolmeeting di Madrid), al fine di supportarsi a vicenda nella fase
finale della diagnosi del risultato d’apprendimento. In particolare, il Gruppo Qualità di una scuola
valuterà i risultati della diagnosi di un’altra e riceverà lo stesso supporto per i dati emersi dalla
propria diagnosi da un altro istituto. In questo modo, si mira anzitutto a strutturare un’esperienza
pratica e formativa che induca i responsabili della valutazione (qui denominati Gruppo Qualità) ad
adottare criteri di attribuzione dei punteggi non tanto per riconoscere al proprio corso una
valutazione positiva, ma per cogliere e far proprio uno spirito valutativo oggettivamente
costruttivo. Inoltre, il sistema di Critical Friend applicato ad una rete di scuole porta ad un mutuo
riconoscimento finale delle competenze professionali e dei crediti riconosciuti da tutti gli istituti
facenti parte del circolo di valutazione critica (facendo riferimento al meta framework EQF).
Inoltre, sia a livello europeo che su base nazionale, le molte iniziative di diffusione dei prodotti e
delle esperienze realizzate in seno al progetto Expero2EU sono specificatamente finalizzate a
supportare i processi di trasferibilità che rappresentano lo scopo primo del progetto stesso
(newsletters, contatti con i responsabili ministeriali, piattaforma web formativa - comunicativa,
conferenze nazionali). A questo proposito, è bene ribadire come i Dissemination Partner e gli SP
facciano attivamente parte di network di scuole molto ampli che lavorano sul tema della Qualità
(come evidenziato nella descrizione dei partner).
Infine, anche sul piano della ricerca, questo progetto prevede precise attività che conducono alla
realizzazione di studi e approfondimenti sul tema della formazione e del lavoro che produrranno
pubblicazioni scientifiche a più mani, frutto della cooperazione transnazionale tra i partner di
progetto. Anche in questo modo è possibile aumentare le conoscenze sui rapporti che intercorrono
tra mondo della scuola e mondo del lavoro, producendo interessanti stimoli metodologici e operativi
atti ad avvicinare le due dimensioni e produrre sviluppo culturale ed economico per l’Unione
Europea.
Per quanto le responsabilità di coordinamento siano centrate su due principali partner (P0 e P1), i
processi vengono supervisionati dal Quality Manager (Svizzera), l’accreditamento del modello viene
sviluppato dal partner spagnolo (P3), l’integrazione con il VQTS da partner austriaco (P5) e nei
processi di valutazione del network meccatronico, la valutazione di QR viene supervisionata da RP
provenienti da Finlandia, Austria, Spagna e Danimarca. In tal senso la partnership assume un ruolo
attivo all’interno del progetto.
Sul piano nazionale appare emergente il contributo di tale progetto all’adozione di un modello che
enfatizzi la valutazione della qualità del learning outcome, la collaborazione con gli stakeholder,
l’adozione di buone prassi nel campo formativo in un’ottica di miglioramento continuo.
L’inserimento di istituti italiani in un network europeo in cui vi sia un mutuo riconoscimento di
competenze e crediti pone le basi per una crescente mobilità, anche dei formandi che
potenzialmente potrebbero svolgere periodi di tirocinio in istituti appartenenti al network e veder
riconosciute le competenze e i crediti acquisiti nel proprio Paese.
A livello nazionale, ExPerO costituisce un potenziale strumento di analisi della qualità del learning
outcome, funzionale ai decisori politico-istituzionali per una gestione delle risorse trasparente e
premiante. Alternativamente o congiuntamente ad una certificazione dei processi, la certificazione
del learning outcome permette di individuare le modalità attraverso cui la scuola si pone in ascolto
dei propri stakeholder e i risultati ottenuti. L’utilizzo del modello ExPerO come strumento di
valutazione da parte dei decisori politico-istituzionali non può costituire obiettivo del presente
progetto, per quanto vi sia l’ambizione a raggiungere tale traguardo, nonostante si possa asserire
che l’applicazione del modello ExPerO conduca le scuole in un progressivo processo di
miglioramento continuo.Il beneficio che tutto il sistema educativo professionale nazionale potrebbe
trarre dall’adozione diffusa di ExPerO consta principalmente in un cambiamento della cultura
scolastica che si dimostrerebbe sempre più aperta verso il dialogo con gli interlocutori esterni, in
una funzione di reciproca conoscenza e di innalzamento dei livelli di qualità.
Per quanto l’accreditamento del modello costiuisca un punto di forza nello stimolare un istituto che
eroga corsi IFTS a richiedere la certificazione, siamo consapevoli che ciò non sia sufficiente se
questa scelta non è accompagnata da un più ampio coinvolgimento a livello europeo. La
14/03/2008 01:21:00 PM
44
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
certificazione infatti assume significato e attrattività quando è riconosciuta anche dall’esterno e, di
conseguenza, si crea un circolo virtuoso in cui scuole e istituti professionali non certificati
percepiscono il bisogno di adottare il modello ExPero e richiedere la certificazione.
Infine, è utile rimarcare come l’implemetazione del modello Expero nelle scuole partner italiane
abbiano modo di sperimentare un sistema di qualità certificante che potrebbe favorire il possibile
processo di riconoscimento da parte della regione come Istituto Tecnico Superiore. Come difatti
indicato dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 25 gennaio 2008, spetterà alle regioni
l’attivazione di tali ITS, sulla base del merito riconosciuto. In tal senso Expero2EU vuole radicare
nella realtà scolastico-professionale italiana un metodo comune di valutazione e certificazione della
qualità dei corsi IFTS.
8.6 QUALITY
OF THE
CONSORTIUM
La prima caratteristica del partenariato di Expero2EU è che esso si compone sia da enti di ricerca
(Research Partner - RP), che da partner di diffusione e valorizzazione (dissemination partner DP), ma, in particolare, da istituti scolastici che erogano corsi HTE (School - Partner SP, sia di
diffusione e valorizzazione SP-D, sia di Network SP-N). Il connubio tra scuole e enti di ricerca si è
rilevato efficace anche in precedenti progetti nell’unire le competenze in materia di ricerca e
l’esperienza in ambito scolastico, al fine di produrre risultati utili al miglioramento dei processi
educativi e formativi. Le scuole Partner (P0, P9, P11, P12, P13, P14, P15), attraverso il proprio
gruppo qualità (GQ) hanno il compito di realizzare la diagnosi scolastica con gli strumenti di
ExPerO. Tra questi, gli SP-N (P12, P13, P14, P15, P0) daranno vita ad un circolo di valutazione
critica su base europea. Gli SP-D (P9, P10, P11) avranno invece il compito di disseminare il
modello in network locali o settoriali. P9 e P10 sono istituti professionali che non sono parte del
circolo di valutazione critica ma nel progetto hanno il compito di creare degli eventi di diffusione
dei risultati di Expero2EU tra network di istituti che erogano corsi IFTS: P10 ad un network qualità
di scuole in Veneto; P9 in Toscana per il settore IFTS della manifattura tessile e della moda; P11,
istituto professionale turco, oltre ad applicare il modello ExPerO ha un’importanza strategica nel
far conoscere i risultati di tali progetti anche nei Paesi entranti; P4, gestendo un sistema di scuole
professionali spagnole, si attiverà attraverso meeting e incontri per diffondere e comunicare nella
propria rete il modello ExPerO.
Un altro aspetto caratterizzante il partenariato è l’inclusione di enti dislocati in Paesi del nord, del
centro e del sud Europa; Paesi membri e un Paese entrante (Turchia); Paesi in cui il modello è
stato già testato (Spagna e Italia) e Paesi in cui questo verrà implementato per la prima volta
(Danimarca, Belgio e Turchia).
Per ciò che concerne l’expertise dei referenti di Expero2EU attivi negli enti di ricerca, si
sottolineano i seguenti aspetti specifici:
- l’Istituto Coordinatore, P0, ha già rivestito, con ottimi risultati, tale ruolo nel progetto ExPerO;
- la gestione delle attività di progetto è assegnata al Gruppo PsiQu (P1) che ha realizzato il
modello ExPerO nel progetto omonimo.
- Il ruolo assegnato all’ente di consulenza per la qualità dell’apprendimento di Barcellona (P3)
coincide con la mission dell’ente stesso, responsabile di WP3 curerà tutte le procedure per
l’accreditamento del modello ExPerO.
- L’università di Vaasa (P2) vanta la partecipazione a numerosi progetti europei sul tema della
formazione professionale in collaborazione con aziende.
- i Dissemination Partner e gli SP fanno parte di network di contatti (tra scuole e\o politico
istituzionali) molto ampli (come evidenziato nella descrizione dei partner)
Specify how effective cooperation and communication will be ensured between the partner
institutions, and the specific arrangements envisaged for resolving any conflicts which may arise
between the partners, Identify where relevant, the allocation of tasks to third parties (external
to the consortium itself) and explain why these tasks cannot be undertaken within the
consortium. (limit 30 lines):
L’efficacia della comunicazione e della cooperazione è stata pianificata con particolare
attenzione, visto che risulta uno dei nodi essenziali per la buona riuscita dei circoli critici di
valutazione. É stata pianificata anzitutto la creazione di un portale web atto a supportare la
formazione e la comunicazione tra i partner e, in particolare, tra i gruppi qualità (GQ). Tale
piattaforma prevede, a questo scopo: forum che verranno utilizzati prevalentemente alla fine di
14/03/2008 01:21:00 PM
45
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
ogni meeting per discutere sui temi che si sono dimostrati particolarmente rilevanti; ipertesto
di ExPerO e materiale formativo per approfondire la conoscenza del modello e degli strumenti;
rubrica con i nominativi Skype (o di altri software gratuiti VoIP, come, ad esempio, Ineen) di
tutti i partner, attraverso cui tutti i gruppi qualità (e i partner in generale) si possono tenere in
contatto tramite chiamate vocali, chat e videoconferenze; un database contenente tutti i
documenti realizzati utili al partenariato, come, ad esempio, gli approfondimenti teorici; tre
newsletter e una mailing list di tutti i partner. Inserendo ogni istituto HTE partner in una
costellazione di contatti circolari, il progetto Expero2EU, genererà comunicazioni sempre più fitte
non solo tra la scuola e i suoi stakeholder, ma anche tra la scuola e altre scuole e tra gli
stakeholder e altri stakeholder similari, secondo dinamiche tipiche del social network. Per
favorire questo passaggio, P1 realizzerà un social network on-line in cui tutte le scuole
saranno tenute ad iscriversi e ad inserire, previo accordo, i riferimenti dei loro principali
stakeholder. A questo punto, ogni membro del network avrà la possibilità di mettersi in contatto
con altri iscritti; per esemplificare, un’azienda stakeholder di un istituto potrà mettersi in
contatto – per fini professionali che possono anche esulare dal progetto in sé – con le aziende
stakeholder di altre scuole partner. Tra quanti decideranno di entrare in questo social network,
P1 svolgerà il ruolo di supervisore nell’intento di fornire utili chiarimenti sul modello teorico e
sugli strumenti di ExPerO.
Oltre alla comunicazione a distanza, verranno organizzati quattro meeting internazionali di
progetto ed uno di lavoro, che faciliteranno relazioni comunicative più dirette e partecipate. In
tali occasioni ogni partner avrà la possibilità di esporre agli altri partner i risultati e le difficoltà
emersi dalla diagnosi.
Queste soluzioni ideate al fine di rendere la comunicazione più fluida e continua possibile
aiuteranno a diminuire i misunderstanding e le incomprensioni tra i partner. In caso di
conflittualità o di approcci non conformi tra partner, abbiamo inserito nel progetto la figura del
Quality Manager. P7 ha il compito di fornire consulenza sui processi lavorativi finalizzati al
raggiungimento degli obiettivi progettuali di Expero2EU. Questa figura, intesa nel ruolo di critical
friend interno al partenariato, assieme al coordinatore P0 e al supervisore della ricerca P1,
regolerà i rapporti critici tra i partner, evidenziando eventuali problematiche e proponendo delle
soluzioni. In tale direzione P0 strutturerà il più chiaramente e precisamente possibile gli accordi
contrattuali tra partner, in modo da prevenire l’insorgere di criticità. A suggello finale, verrà
elaborato sia un project management sia un piano di controllo finanziario, secondo il quale
ogni partner consentirà al Coordinatore (P0) di controllare la pertinenza delle spese effettuate, in
modo da evitare spese o movimenti non eligibili.
8. METHODOLOGY
AND
WORKPLAN
Please give an overall description of the methodology and work plan in the project.
I lavori di Expero2EU si articolano in 6 fasi (WP), declinate a loro volta in diverse sotto-fasi che si
svolgono anche in maniera sincronica (ovvero seguono un criterio logico e non un criterio diacronico
di consequenzialità temporale). Ogni sotto-fase è assegnata ad uno o più partner che collaborano
congiuntamente al raggiungimento dei risultati. La prima, che si articola per tutta la durata del
progetto, include l’applicazione dei piani di coordinamento delle attività, delle spese e della qualità
dei processi rispettivamente sotto la responsabilità di P1, P0 e P7. Nella seconda fase sono racchiuse
le principali attività di aggiornamento e sviluppo, atte ad applicare il modello VQTS nell’indicatore
Quality Competencies, ad estendere le possibilità di applicazione del modello a nuovi Paesi
(traduzione del materiale in belga, danese e turco) e studiare la fattibilità di utilizzo di Expero nel
bilancio sociale.
La terza fase (WP3) è interamente dedicata alle attività di accreditamento del modello ExPerO,
finalizzate a farlo riconoscere come modello europeo di certificazione della qualità dell’esito formativo
dei corsi HTE. La quarta fase (training) include tutte le iniziative formative rivolte al partenariato,
sia nelle modalità face to face che in e-learning e la creazione dei Gruppi Qualità (GQ) in ogni SP
(eccetto per P10, avente esclusivamente scopi di diffusione e valorizzazione). Un corso di formazione
verrà svolto ai referenti scolastici all’interno del primo meeting; un corso verrà svolto in ogni scuola,
ad ogni GQ da parte del referente scolastico. La quinta fase è dedicata alla sperimentazione del
modello ExPerO, comprende la ponderazione e scelta degli stakeholders, la realizzazione della
diagnosi per valutare la qualità del learning outcome da parte degli SP. Si forma e si rende operativo
14/03/2008 01:21:00 PM
46
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
il circolo critico di valutazione; i membri del GQ sono i principali protagonisti delle attività in essa
incluse: realizzare la diagnosi, valutare i punteggi emersi dalla diagnosi realizzata nella propria scuola
e in quella del SP assegnato come criticalfriend, mantenere contatti con le altre scuole del network e
seguire l’evoluzione del progetto attraverso forum e sito web. Infine, si misura l’impatto del progetto
nell’assetto culturale delle organizzazioni scolastiche campione, attraverso una specifica rilevazione
empirica. Nell’ultima fase (WP6- Dissemination) sono inclusi i quattro meeting di progetto, un
meeting di lavoro (WP 6.5) e i meeting nazionali (WP 6.7) che ogni SP è tenuto ad organizzare per
diffondere il modello ExPerO. Infine, tra le attività di valorizzazione dei prodotti e di diffusione delle
attività si prevede anche: la creazione di contatti (finalizzato alla possibile adozione del modello
Expero) con referenti del Ministero dell’Istruzione o con enti politico - istituzionali di rilevanza da
parte degli SP; l’implementazione della piattaforma web formativa -informativa e del social network
on line; la redazione di 3 newsletter di progetto (WP 6.7, 6.8, 6.9). Un’iniziativa molto importante
risiede nel mutuo riconoscimento delle qualifiche (risultato d’apprendimento e crediti) tra gli SP-N
inclusi nel partenariato, che trova supporto nell’attività di valutazione critica dei punteggi emersi dalla
diagnosi della qualità del risultato d’apprendimento, che i gruppi qualità realizzano sui propri dati e su
quelli dell’istituto di cui ognuno è Critical Friend (WP 6.12).
14/03/2008 01:21:00 PM
47
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
main referentother partner involved
WP1 P0
1.01 P0 all
1.02 P1 all
1.03 P0 all
1.04 P1 all
1.05 P7 all
WP2 P1 (RM)
2.01 P6
2.02 P1
2.03 P1
2.04 P1
ott-08 nov-08
dic-08 gen-09 feb-09 mar-09 apr-09 mag-09 giu-09 lug-09 ago-09 set-09
ott-09 nov-09
dic-09 gen-10 feb-10 mar-10 apr-10 mag-10 giu-10 lug-10 ago-10 set-10
Management of consortium
agreement
report (interim e cahier de board)
financial check
coordination of activities
quality process monitoring
Updating of the products
SP
integration VQTS in Expero-QC
P2, P3
Expero towards social balance
each SP/NR
material translation
all
model updating
3,4 P3 (QM)
Accreditation
desk research on quality models
survey to Accreditation bodies
criteria for Expero2EU accreditation
test the Accreditation process
WP4 P1
Training
WP3 P3 (QM)
3,1 P3 (QM)
3,2 P3 (QM) each NR
3,3 P3 (QM)
4.01 P1 e P0 all
4.02 P1 each NR/SP
Training to partner e SPr
training to GQ
4.03 P1
learning platform
WP5 P1
Model application
Organizational culture survey
Expectation & Image
Criticalfriendship network
Perception
tailoring competence matrix
Troubleshooting Knowledge base
Evaluation
5.01 P1 each SP
5.02 P1 each SP
5.03 P1 each SP
5.04 P1 each SP
5.05 P6 each SP
2.06 P0 P1
5.06 P1 each SP
Dissemination and exploitation
P0 all
kick off meeting - Udine
P6 P0,P1,P2, P3, P7 first work meeting - Vienna
P4 SPs (GQ)
school meeting - Madrid
P10 all
interim report - meeting
P8 all
final meeting Prato
P0 dialslsemination meetings (one in each school area)
P14 P14, P0 dissemination to Veneto quality network
P1 all
first newslet er
P1 all
second newslet er
P1 all
third newslet er
P1 all
website
P0 SPs mutual recognizing of credits/competencies
P1 all scientific publication/poster/conference
P1 all
social network
WP6 P0
6.01
6.02
6.03
6.04
6.05
6.06
6.07
6.08
6.09
6.10
6,12
6,13
6,14
6,15
14/03/2008 01:21:00 PM
48
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
9.1 WORK PACKAGES
AND
TASKS
Provide one sheet per work package (use the table below) and if needed add sub-tasks under each
work package. Please add as many work packages as you require, including one for the
management of the consortium.
Please provide a dissemination and exploitation plan as a separate work-package using the table
below:
•
The timetable
• All activities planned during and after the end of the project in order to make results
properly disseminated and exploited, including activities involving target groups,
stakeholders, potential users, social partners etc.
• The human and financial resources assigned to valorisation activities
Work package no:
1
Work package title:
Coordinamento e gestione dei processi
Start Month:
Ottobre 2008
Costs:
Euro 122.186,00
Package leader:
P0
End Month:
Ottobre 2010
Work package aims:
1.1. Agreement (P0 e tutti i partner)
Stilare e formalizzare i contatti con ogni singolo partner e avviare ufficialmente i lavori.
1.2. Compilazione dei report (P0, P1 e tutti i partner)
Come richiesto dall’agenzia ISFOL, si provvede alla stesura dei diversi report (ad interim e i
cahier de bord) di progetto al fine di rendicontare in itinere rispetto alle attività svolte, ai
risultati conseguiti, alla pertinenza delle spese effettuate e all’andamento generale dei
processi lavorativi.
1.3. Gestione degli aspetti finanziari (P0 e tutti i partner)
Definire un piano di verifica e controllo delle spese effettuate da ogni partner da parte del
coordinatore. Il piano di controllo, definito da P0 e condiviso con tutti i partner, prevede che
ogni partner consenta al Coordinatore (P0) di controllare la pertinenza delle spese effettuate
con i fondi erogati per il progetto Expero2EU. In questo modo si punta ad evitare spese o
movimenti non eligibili che, se non venissero rilevati in tempo, potrebbero dar luogo a sprechi
e a giudizi di non conformità finale da parte dell’agenzia nazionale. Il coordinatore richiederà
quindi ai partner una rendicontazione finanziaria semestrale con trasferimento delle quote
progressive di finanziamento solo a verifica della conformità delle spese.
1.4. Coordinamento delle attività (P0, P1 e tutti i partner)
Definire da subito un modus operandi condiviso tra i partner, a partire dalla creazione di una
piattaforma multimediale informativo- formativa su internet per la comunicazione interna e la
condivisione dei documenti. Coinvolgere ogni referente di fase in una prassi lavorativa
incentrata sulla definizione dei micro-obiettivi di fase e delle singole attività previste. Il
responsabile delle attività (P1) mira in tal senso a sensibilizzare fin dall’inizio il partenariato a
tenere fitti contatti e a restituire indicazioni e risultati entro i tempi richiesti e secondo le
modalità stabilite e condivise da tutto il gruppo. È stabilito da progetto anche un meeting di
lavoro specificatamente dedicato alla realizzazione di step di ricerca (vedi WP6) dedicato solo
ai partner specificatamente coinvolti nel lavoro.
1.5. Gestione della qualità dei processi (P7 e tutti i partner)
14/03/2008 01:21:00 PM
49
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Definire un piano di verifica e gestione della qualità dei processi interni, al fine di supportare
la realizzazione delle attività e il conseguente raggiungimento degli obiettivi, per tutta la
durata del progetto. Implementare un piano di verifica della qualità delle attività svolte in
Expero2EU è un processo necessario a risolvere eventuali problemi incontrati dai singoli
partner, mentre lavorano al conseguimento degli obiettivi specifici che, di fase in fase, sono
chiamati ad espletare. Il partner responsabile di questo processo svolgerà quindi la funzione
di “amico critico” (critical friend) interno al partenariato, analizzando la qualità del lavoro
svolto e rimettendo, talvolta ai singoli e talvolta a tutto il gruppo, riscontri valutativi e
suggerimenti per migliorare eventuali inadempienze o risolvere ostacoli di diversa natura.
Tale ruolo è stato attribuito all’ASPI di Locarno che, in quanto ente esterno al parternariato
europeo, può vigilare sull’operato dei partner e sui risultati in modo critico e costruttivo,
senza peraltro pesare sul bilancio del progetto.
Description of activities:
1.1 (ottobre 2008) P0 redige i contratti con ogni partner di Expero2EU. Dopo che tutti i
responsabili degli enti facenti parte del partenariato hanno sottoscritto i contratti, P0 ne inoltra
copia all’ISFOL.
1.2 (ottobre 2008-settembre 2010) P0 e P1 redigono tutti i report intermedi di progetto,
come il report ad interim, i cahiers de bord e il report finale, raccogliendo per tempo dati e
informazioni da singoli partner. Dopo aver compilato gli appositi format e raccolto e catalogato
tutti i documenti e i materiali prodotti, P0 li spedisce all’agenzia nazionale, entro le scadenze
previste.
1.3 (ottobre 2008-settembre 2010) P0, entro i primi mesi dall’inizio delle attività redige un
piano di verifica e controllo del piano finanziario da condividere con tutti i partner. Tale piano
prevede una prassi di controllo delle spese effettuate da ogni ente partner a cadenza semestrale.
Ogni partner si impegna a rendere visibile al coordinatore il piano delle spese effettuate in itinere
e porre eventuali rimedi, nel caso venissero segnalate delle difformità.
1.4 (ottobre 2008-settembre 2010) P0 e P1 creano uno spazio multimediale su internet per la
comunicazione e la condivisione dei documenti. In particolare si tratta di utilizzare il sito di
ExPerO come piattaforma base che raccolga in sé: forum, ipertesto, materiale per il corso di
formazione all’uso del pacchetto ExPerO, database per la raccolta dei documenti, forum,
Troubleshooting Knowledgebase, rubrica identificativi Skype di tutti i partner, materiale
informativo e documenti di interesse prodotti in itinere.
P0 e P1 si occupano di caricare nel database i documenti realizzati utili al partenariato, al fine di
renderli disponibili entro i tempi prestabiliti. P1 stimola i partner a tenersi in contatto frequente
utilizzando il software gratuito denominato Skype, attraverso videoconferenze e sessioni di lavoro
virtuali. P1 coordina i lavori, ponendosi come punto di riferimento per i partner in merito alle
attività che di fase in fase andranno portate a termine. In tal senso, è responsabilità di P1
conservare tracce delle comunicazioni tra i partner e sollecitare tutti al rispetto degli impegni di
lavoro sottoscritti entro le tempistiche condivise nel workplan presentato e approvato.
P0, insieme ai responsabili di fase e ai partner che ospiteranno i meeting di progetto, si impegna
a stilare i programmi degli eventi e ad organizzare il primo Kick off Meeting (Udine). P1 si
impegna a stilare i verbali di ogni meeting e a renderli disponibili sul sito.
1.5 (ottobre 2008-settembre 2010) P7 (RP Svizzero) definisce un piano di controllo della
qualità dei processi lavorativi interni al progetto finalizzato a supportare in itinere la buona
riuscita dell’attività. Il lavoro di P7 nell’ambito di questo step consiste nel verificare che le attività
di ogni partner siano in linea con quanto scritto e approvato nel presente contratto e nei partner
agreement, tenersi in costante contatto con tutti i partner al fine di supportarli in eventuali
difficoltà incontrate nello svolgimento delle attività e definire check list ad hoc che serviranno per
tenere sotto controllo le attività svolte, le tempistiche impiegate e gli step o risultati che in itinere
devono essere ancora portati a termine. Il modo in cui P7 si rivolgerà ai partner nel realizzare il
controllo della qualità dei processi lavorativi si adatta sul modello del critical friend, ovvero fornirà
loro ascolto e supporto, ma anche controllo e valutazione dell’operato.
Description of methodological / pedagogical framework (where relevant)
Alcune precisazioni di carattere metodologico relative ad alcune fasi:
1.3 Il piano di verifica della conformità nella gestione dei fondi da parte dei partner prevede che
essi si impegnino formalmente (sottoscrivendolo nel partner agreement) a spedire ogni sei mesi a
P0 i resoconti finanziari richiesti e a rientrare nei parametri corretti indicati da P0 entro le
scadenze e secondo le modalità indicate da quest’ultimo.
1.4 I contatti tra i partner e la collaborazione a distanza saranno supportati dall’uso di strumenti
14/03/2008 01:21:00 PM
50
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
di comunicazione multimediale di uso gratuito, come Skype, o di altri open source, come
OpenWengo o Ineen; questi risultano particolarmente utili per telefonare, chattare e realizzare
video conferenze.
1.5 Si intende adottare un processo di controllo di qualità dei processi, basato sulla metodologia
denominato Critical Friendship. in tal senso, il controllo delle attività di progetto (ad esclusione
della parte finanziaria) viene monitorato in itinere in modo informale, ma continuo e concreto. In
particolare, si è preferito sostituire formulari di gradimento o check list con un contatto continuo
tra un referente scientificamente preparato e disponibile (ASPI) e i diversi partner, atto anche a
rilevare criticità, possibili incomprensioni e stimolare quella spinta motivazionale che talvolta si
perde nel lavorare a distanza o con scadenze di lungo periodo.
Description of outputs:
-
Contratti firmati tra ogni partner e il coordinatore (English)
Report ad interim, i cahier de bord e il report finale con i relativi allegati (Italian).
Compendio di mail e contatti Skype. Mailing list e rubrica di tutti gli user Skype del
partenariato, calendario dei forum (English).
Calendario dei meetings
Programma e verbale di ogni meeting (English)
Database per la raccolta dei documenti (English).
4 report del critical friend (P7) in cui si sintetizza la qualità dei processi lavorativi e dei
risultati prodotti da ogni referente per ogni fase del progetto (English).
Work package no:
2
Work package title:
Sviluppo dei prodotti
Start Month:
Ottobre 2008
Costs:
Euro 18.400,00
Package leader:
P1
End Month:
Settembre 2010
Work package aims:
2.1
Integrazione del sistema VQTS in ExPerO (P6, tutti gli RP e SP)
Implementare il sistema della valutazione di crediti e competenze individuato nel Progetto Pilota
VQTS (Competence Matrix and Competence Profiles) nel modello teorico di ExPerO; in particolare,
si procede con l’implementazione di tale modello al fine di misurare l’indicatore denominato
Quality of Competences (QC). Tale sotto fase si pone l’obiettivo di completare il modello ExPerO
che nella sua forma attuale non prevede precise modalità di valutazione dell’indicatore QC ovvero
delle Qualifiche in termini di Crediti e Competenze acquisite. In quest’ottica si colloca anche
l’analisi del miglioramento di due micro-indicatori denominati “Sistema di crediti” e
“Competenze”. Si vuole ottenere, quindi, il potenziamento degli aspetti del modello ExPerO legati
alla qualità delle competenze e al sistema di riconoscimento di crediti dei corsi HTE, con
particolare riferimento alla qualifica di meccatronico. In sintesi, si mira a definire il profilo
professionale europeo dell’esperto in meccatronica industriale (disciplina che nasce
dall’integrazione tra ingegneria meccanica ed elettronica al fine di sviluppare progettare e
sovrintendere sistemi e processi ad elevato grado di automazione ed integrazione
elettromeccanica), sia da un punto di vista delle competenze possedute in uscita, che dal monte
crediti ed alla qualifica ad esso riconosciuto.
2.2
Expero2EU verso il bilancio sociale (P1, P2 e P3)
P1 insieme a P2 e P3 e P7 conducono uno studio di fattibilità per definire come e quanto il
modello ExPerO possa essere utilizzato per stilare il bilancio sociale da parte di un ente che eroga
corsi HTE. In particolare, lo studio mira a comprendere di quali indicatori quantitativi e relativi
all’innovazione potrebbe dotarsi il modello ExPerO per misurare la qualità delle performance
prodotte in termini finanziari e di impatto sul territorio.
14/03/2008 01:21:00 PM
51
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
2.3
Traduzione del materiale ExPerO (P12, P13, P11 per la traduzione; P1 e P4 per gli
aggiornamenti)
Rendere disponibili gli strumenti di ExPerO tra i partner di Expero2EU, al fine di consentire la
diagnosi della qualità del learning outcome dei corsi HTE. Disponendo di materiale informativo
nella propria lingua nazionale, i partner avranno modo di comprendere meglio le caratteristiche di
ExPerO e rimettere interessanti osservazioni e gli spunti di miglioramento a P1, al fine di
apportare eventuali modifiche (adattamenti e integrazioni) a tali prodotti. Inoltre, al fine di
agevolare l’elaborazione dei dati che emergeranno dalla diagnosi della qualità del risultato
d’apprendimento realizzata in ogni scuola, i GQ incaricati di realizzare le diagnosi dovranno
tradurre i dati in inglese prima di caricarli sul sito. Inoltre, a fine progetto verrà richiesta ai
partner di aggiornare nella propria lingua i prodotti finali di Expero2EU.
2.4
Model updating (P1 e tutto il partenariato)
Lo scopo di questo step, che copre l’intera durata di WP2, risiede nell’aggiornamento del modello
ExPerO con le linee guida europee in materia di VET più recentemente pubblicate). Si ottiene così
una versione aggiornata del Modello teorico, del glossario e degli strumenti di diagnosi (indicatori
da indagare, traccia delle interviste) ExPerO.
Description of activities:
2.1
(Novembre 2008- aprile 2009)P6 studia come integrare i prodotti elaborati nel
progetto VQTS ad ExPerO. In particolare questi conducono uno studio di adattabilità di
VQTS al modello ExPerO, finalizzato a redigere le modalità di valutazione dell’indicatore
QC (Quality of Competencies) e definire la qualifica professionale in termini di
competenze del profilo professionale europeo del meccatronico. In gennaio 2009 si tiene
un meeting di lavoro (work meeting) tra P2, P3, P6 e P1 al fine di condividere i risultati
dello studio di fattibilità realizzati da P6, sui micro-indicatori (credit system e
competences) e all’indicatore QC (v. WP6).
2.2
(Novembre 2008- aprile 2009)P1 insieme a P2, P3 conduce uno studio di fattibilità
atto a definire quanto ExPerO possa essere utile per supportare la rendicontazione di un
bilancio sociale da parte di un ente che eroga corsi HTE. In particolare, lo studio mira a
comprendere di quali indicatori quantitativi e legati all’innovazione potrebbe dotarsi il
modello ExPerO per misurare la qualità di performance in termini finanziari e di impatto
sul territorio. In gennaio 2009 all’interno del meeting di lavoro in Austria (work
meeting) tra P0, P1, P2, P3 e P6, atto a definire alcuni indicatori di qualità tipici del
bilancio sociale al fine di verificare la loro compatibilità ed eventuale integrazione con il
modello ExPerO. Tale studio dovrà spiegare come Expero2EU prevede il superamento di
un’impostazione tipicamente qualitativa propria del modello ExPerO (ovvero come si
possano interconnettere indicatori qualitativi (aspettative e percezioni) con il sistema
quantitativo (performance finanziare e d’impatto) caratteristico di ogni bilancio sociale.
(Novembre 2008- aprile 2009)nella prima parte di questa fase, P12, P13, P11
traducono il materiale di ExPerO (strumenti di diagnosi e il materiale a supporto del corso
di formazione) alla realizzazione della diagnosi della qualità del risultato d’apprendimento
ExPerO, in lingua nazionale. Inoltre, ogni SPN traduce in lingua nazionale lo strumento di
diagnosi della cultura organizzativa e le linee guida per realizzare la rilevazione,
individuati da P1 a ottobre 2008 (WP 5.1). Infine, dopo aver raccolto i dati delle interviste
sia per quanto riguarda la diagnosi delle aspettative che quella delle percezioni, i GQ di
ogni SP traducono le informazioni dalla propria lingua nazionale in inglese, per poi
caricarle in quest’ultima lingua sul sito.
(Novembre 2008- aprile 2009) P1 è responsabile dell’adattamento del modello
ExPerO. Ciò avviene attraverso attività di sintesi e di rielaborazione concettuale degli
indicatori di qualità del risultato d’apprendimento e attraverso lo studio dei framework
europei sulle qualifiche professionali HTE. Si opera un adeguamento lessicale e di
contenuto del modello teorico ExPerO e degli strumenti di diagnosi, fino ad un
aggiornamento del modello teorico ExPerO e di una nuova release degli strumenti, dove
necessario. Il modello ExPerO viene inoltre adeguato alle caratteristiche dei sistemi HTE
dei Paesi membri in Expero2EU.
2.3
2.4
14/03/2008 01:21:00 PM
52
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Description of methodological / pedagogical framework (where relevant)
In Expero2EU sono stati scelti i partner di ricerca in base alla loro competenza scientifica
relativamente ad aree di ricerca e competenze necessarie allo sviluppo del progetto. In questo
senso, allora, a ognuno di questi è stato assegnato l’indicatore o il micro-indicatore del modello
ExPerO di sua competenza. In Expero2EU ogni partner di ricerca assume la “paternità” di un
indicatore o di un micro-indicatore, diventandone il supervisore nella fase in cui le scuole
verranno chiamate a valutarsi.
Description of outputs:
- studio di fattibilità dell’utilizzo di Expero oer il bilancio sociale degli istituti eroganti corsi di
formazione professionale post secondaria-non universitaria.
Work package no:
3
Work package title:
Certificazione di qualità del modello ExPerO
Start Month:
Ottobre 2008
Costs:
Euro 46.400,00
Package leader
P3
End Month:
Luglio 2010
Work package aims:
3.1 Ricerca di modelli di valutazione della qualità (P3)
L’obiettivo di questa sotto-fase risiede nell’effettuare una ricerca di modelli di accreditamento
degli enti di educazione e formazione attualmente esistenti in Europa. Si mira a cercare e
analizzare in modo approfondito i modelli esistenti, per evincere quali sono le caratteristiche
comuni in termini di best practices. In un secondo momento, tali caratteristiche potrebbero
essere implementate anche nel modello ExPerO affinché venga approvato come sistema
accreditato in grado di certificare il livello di qualità del learning outcome degli HTE.
3.2 Raccolta di informazioni sugli enti di accreditamento (P3)
Raccogliere informazioni sugli enti di accreditamento esistenti in Europa che potrebbero essere
contattati al fine di accreditare il modello ExPerO .
3.3 Criteri di accreditamento e implementazione di Expero2EU (P3
Definire i criteri attraverso cui ExPerO può essere accreditato come modello di certificazione della
qualità del learning outcome dei corsi HTE. Inoltre, un altro obiettivo consta nel circoscrivere le
lineeguida o i criteri attraverso cui gli enti HTE che ne faranno richiesta possono certificarsi
attraverso il modello ExPerO.
3.4 Testing di accreditamento: audit e lineeguida (P3)
Sottoporre il modello ExPerO ad un ente di certificazione Europeo al fine di renderlo un modello
accreditato per la certificazione degli enti che erogano corsi HTE.
Description of activities:
3.1 (Ottobre- novembre 2008) P3 realizza un compendio di best practices dei modelli di
accreditamento relativi alla valutazione della qualità nel settore educativo. Nello specifico, si mira
ad analizzare i riferimenti normativi, gli strumenti e le metodologie di valutazione che tali modelli
annoverano. Si ritiene importante conoscere i modelli di valutazione della qualità accreditati a
14/03/2008 01:21:00 PM
53
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
livello europeo e l’impatto che hanno avuto per definire, in un secondo momento, le modalità
migliori per accreditare il modello ExPerO.
3.2 (Gennaio-Febbraio 2009) P3 realizza una rilevazione di informazioni in merito agli enti di
accreditamento Europei, atta a rilevare la loro esperienza, l’ambito tematico da loro ricoperto, le
procedure da loro messe in atto , i loro tempi di accreditamento e relativi costi. Dalla succitata
rilevazione P3 selezionerà l’ente di accreditamento maggiormente rispondente alle richieste di
Espero2EU. In questo senso, è fondamentale che si vada a rintracciare un ente di
accreditamento che abbia già una esperienza nel settore educativo, al fine di assicurare un
modello di valutazione della qualità affidabile. Altro fattore indispensabile risiede
nell’internazionalizzazione dell’ente di accreditamento; ci sono enti di accreditamento difatti che
hanno agreement con diversi Paesi europei ed alcuni anche a livello internazionale.
3.3 (Aprile- Settembre 2009) Al fine di completare la fase di accreditamento del modello
ExPerO, P3 prepara e definisce le procedure attraverso cui gli enti di formazione dei corsi HTE
possono certificarsi tramite ExPerO.
P3, insieme a P1 e agli altri partner di ricerca, definisce i criteri di valutazione su cui ci si basa
per certificare gli enti di formazione HTE in base al modello ExPerO. Si mira, in questo modo, a
definire quali siano i criteri base della certificazione. Le procedure di “certificazione ExPerO”
saranno testate nelle scuole partner del progetto Expero2EU (SP). Una volta definito il modello
“certificabile”, si chiederà a un ente selezionato di accreditamento di fare le verifiche di
conformità necessarie.
3.4 (Dicembre 2009- marzo 2010; maggio -luglio 2010) P3 sottopone il modello ExPerO ad
un ente di accreditamento per essere accreditato come modello di certificazione dei corsi HTE a
livello Europeo. In tal senso le scuole potranno richiedere una certificazione ExPerO.
Description of methodological / pedagogical framework (where relevant)
La metodologia applicata durante tutto il processo di valutazione e di accreditamento del modello
ExPerO sarà quella che gli enti di accreditamento e i sistemi di certificazione richiedono come
necessaria. Oltre a ciò, si procederà con la ricerca di altre metodologie adottate ed esportate
come buone prassi in altri sistemi di certificazione. Inoltre, si utilizzeranno questionari ed
interviste per raccogliere informazioni da parte di operatori di enti di accreditamento e
certificazione, al fine di comprendere in modo approfondito quali sono i requisiti richiesti per
l’accreditamento del modello ExPerO.
Description of outputs:
-
-
Un compendio di best practices riferite ai modelli di certificazione di qualità del settore
scolastico, educativo europeo (English).
Le procedure atte ad accreditare il modello ExPerO (English).
Le procedure per il conseguimento della certificazione ExPerO da parte degli enti/istituti che
erogano corsi HTE in Europa (English).
Report sui dati raccolti attraverso interviste\ questionari somministrati ai responsabili dei
diversi enti di accreditamento contattati.
Il modello ExPerO accreditato (English).
14/03/2008 01:21:00 PM
54
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Work package
no:
Work package
title:
Start Month:
4
Costs:
Euro 36.991,00
Formazione
Ottobre 2008
End Month:
Luglio 2010
Package
P1
leader:
Work package aims:
4.1 Corso di formazione a tutti i referenti dei partner Expero2EU (P1, P0, P6, come
formatori e P9, P10, P11, P12, P13 P14, P15 come formandi)
In generale, l’obiettivo principale di questa fase è formare i partner e quanti operano negli SP
(Vocational Institutes con corsi HTE), sia come dirigenti (DS) che come gruppo qualità (GQ), ai
valori, concetti e metodologie di valutazione della qualità, applicati al learning outcome dei corsi
HTE. In particolare, si mira a costruire un pacchetto formativo rivolto inizialmente a tutti i partner
di progetto (sia partner di ricerca che membri dei SP) al fine di far loro conoscere in profondità il
modello teorico e gli strumenti di diagnosi elaborati in seno al progetto ExPerO. Progettare e
realizzare un corso di formazione sul materiale oggetto di innovazione e di diffusione in questo
progetto non rappresenta soltanto un modo per coinvolgere direttamente tutti gli addetti ai lavori
nei contenuti, ma rappresenta anche un mezzo per raccogliere riscontri e suggerimenti di
miglioramento che da essi possono emergere. A partire da queste preziose informazioni di ritorno
sarà possibile orientare i lavori per le ricerche e gli studi atti a sviluppare diversi aspetti, sia
concettuali che metodologici dei prodotti ExPerO (WP2). In tal occasione, sarà precisa cura dei
formatori (P0, P1, P6) guidare i partner nell’acquisizione degli orientamenti e dei modelli relativi
alla qualità del learning outcome, delle qualifiche e dei crediti.
4.2 Creazione e formazione dei Gruppi Qualità in ogni SP (P0, P1 e tutti SP)
Dar vita ad un gruppo di lavoro, denominato Gruppo Qualità (GQ), in ogni SP, che verrà formato
sui valori e sugli strumenti finalizzati al monitoraggio della qualità relativi al modello ExPerO. La
formazione al GQ è vista come un obiettivo molto importante al fine di migliorare le competenze
del gruppo GQ in materia di valutazione della qualità, con un focus sulle pratiche che essi
dovranno adottare per realizzare la diagnosi della qualità del risultato d’apprendimento dei corsi
HTE, prevista in WP5. Nel contempo, si mira a diffondere la cultura della qualità nell’istituto, con
un’attenzione dedicata ai corsi HTE e alla dimensione europea di questo livello di formazione. Al
fine di realizzare le diagnosi, i responsabili del gruppo qualità potranno tenersi in contatto con P1
per risolvere dubbi e perplessità, consolidando in questo modo la collaborazione tra partner in
seno al progetto e cogliendo preziosi consigli per realizzare al meglio tale attività.
4.3 Piattaforma di apprendimento on-line (P0-P1)
Il principale scopo sotteso al progetto Expero2EU, ripreso anche in questa fase risiede nel
miglioramento e nella diffusione sul territorio europeo dei prodotti ExPerO. In tal senso, al fine di
supportare la diffusione del modello di valutazione di qualità del risultato d’apprendimento e delle
prassi diagnostiche ad esso correlate, verrà creata una piattaforma web contenente il materiale
formativo di ExPerO e tutti gli strumenti necessari per tenere i contatti tra tutti i GQ.
Description of activities:
4.1 (Ottobre 2008) P1, P0, P2, P6, progettano un intervento formativo incentrato sul materiale
prodotto in ExPerO, rivolto a tutti i partner e in modo particolare ai Dirigenti scolastici e/o ai
soggetti delegati che negli istituti scolastici partner hanno l’incarico di referenti di Expero2EU e
coordinatori del GQ. P1 prepara appositi moduli atti a rilevare le opinioni, i consigli e i
suggerimenti dei formandi su diversi aspetti del corso e sui prodotti oggetto dello stesso. Durante
la seconda parte del primo meeting di progetto (1st international meeting), in ottobre 2008 (v. WP
6.1), si tiene il corso di formazione in cui P1 e P3 formano sulla parte concettuale e motivazionale,
P0 presenta l’utilizzo dell’ipertesto, P6 presenta il VQTS.
Al termine del corso e del meeting, P1, utilizzando dei moduli creati ad hoc, raccoglie feedback e
riscontri da parte di tutti i presenti sulla qualità dell’evento e su alcuni aspetti tecnici del materiale
14/03/2008 01:21:00 PM
55
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
ExPerO.
4.2 (Novembre- Dicembre 2008) I dirigenti scolastici, o loro delegati, i P9, P11, P12, P13 P14,
P15 costituiscono un gruppo qualità (GQ) in ogni istituto e organizzano un corso di formazione
indirizzato ai suoi membri, sui contenuti del modello ExPerO. Si propongono come formatori coloro
che hanno partecipato come formandi al corso di formazione descritto in WP 4.1. Per preparasi
adeguatamente, essi studiano il materiale informativo a disposizione (slides e ipertesto di ExPerO)
e si rivolgono a P1 per qualsiasi dubbio o difficoltà rispetto ai contenuti del corso stesso. Il
pacchetto formativo è di 4/6 ore e i formatori potranno utilizzare le slides del corso create da P1 a
cui loro stessi hanno partecipato nell’ambito del primo meeting di progetto (1st international
meeting).
4.3 (Ottobre 2008- luglio 2010) P1 con il supporto di P0, attraverso il sito web e l’uso di VoIp,
crea una piattaforma di apprendimento atta a supportare i partner, in particolare gli SP, nella
comprensione dei contenuti e delle modalità attraverso cui si realizza la valutazione della qualità
del risultato d’apprendimento dei corsi HTE erogati.
L’obiettivo risiede quindi in una maggiore e diffusione del materiale informativo ed esplicativo
prodotto in ExPerO, distribuito in dvd contenti l’ipertesto. In particolare, P0 distribuisce i DVD e i
libri di ExPerO a tutti i partner in occasione del primo meeting di progetto. In un lavoro congiunto
che si protrae per quasi tutta la durata del progetto, P0 e P1 si impegnano a creare ed aggiornare
continuamente il sito web e la cosìddetta piattaforma informativo- formativa con quanto verrà
prodotto dai partner per tutta la durata del progetto e trasversalmente a tutte le fasi di lavoro.
Description of methodological / pedagogical framework (where relevant)
I corsi di formazione sono progettati e realizzati seguendo il metodo psicosociale, ovvero sia
includendo diversi momenti di partecipazione attiva dei formandi, sia offrendo preziosi riscontri sui
contenuti esposti e sia, infine, nel valutare l’efficacia degli eventi formativi nel complesso. Il
coinvolgimento dei formandi in discussioni di gruppo o esercitazioni (simulazioni di realizzazione
della diagnosi con gli strumenti ExPerO) sono considerati passaggi necessari affinché i soggetti
accolgano come utili gli stimoli proposti ed apprendano come utilizzarli.
Description of outputs:
-1 intervento formativo incentrato sul materiale prodotto in ExPerO, rivolto a tutti i partner e in
particolare Dirigenti scolastici e/o ai referenti di Expero2EU e coordinatori del GQ in ogni SP
(slides, programma del corso, lista dei partecipanti, moduli compilati di valutazione della qualità
del corso) (English).
- Moduli per raccogliere i feedback da parte dei partecipanti (English) e loro valutazione
- Intervento formativo sulle modalità di realizzazione della diagnosi di qualità del risultato
d’apprendimento di ExPerO, tenuto dai DS rivolto ai membri di ogni GQ (slides, programma del
corso, lista dei partecipanti, moduli compilati di valutazione della qualità del corso) (Spanish,
Turkish, Italian, Danish, Dutch).
- lista dei partecipanti e schede di feedback sul corso
- Piattaforma web formativa- comunicativa atta a supportare la formazione dei gruppi qualità nella
realizzazione della diagnosi e nell’implementazione di valori e delle prassi legate alla autovalutazione della qualità del risultato d’apprendimento dei corsi HTE nella scuola (English).
14/03/2008 01:21:00 PM
56
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Work package
no:
Work package
title:
Start Month:
5
Costs:
Euro 83.210,00
Package leader:
P1
Sperimentazione del modello
Ottobre 2008
End Month:
Settembre 2010
Work package aims:
5.3
Diagnosi della cultura organizzativa (P0, P1, P2, P9, P11, P12, P13 P14, P15)
L’obiettivo è quello di misurare la cultura organizzativa degli istituti erogatori di corsi HTE
(SP-N + P9), prima e dopo l’implementazione del progetto ExPerO; in particolare prima e
dopo la realizzazione della diagnosi. Lo scopo di questa sotto fase è misurare le
caratteristiche culturali delle organizzazioni scolastiche partner nel progetto. Conoscere
l’impianto di riferimento di valori e comportamenti organizzativi prima di rilevare la qualità del
risultato d’apprendimento consente di fare un’istantanea sul modo di pensare e fare “scuola”
più diffuso tra il personale scolastico di ogni SP. L’elaborazione integrata dei dati raccolti nelle
due fasi di somministrazione del questionario sulla cultura organizzativa consente di rilevare
eventuali cambiamenti riconducibili all’implementazione di valori e comportamenti legati alla
qualità e al coinvolgimento attivo dei principali stakeholder nei processi di miglioramento
continuo del servizio formativo erogato. Se tale riscontro fosse positivo, andrebbe a
sottolineare ulteriormente il valore d’innovatività e di impatto culturale del modello ExPerO.
5.4
Diagnosi delle aspettative sulla qualità del risultato d’apprendimento e sulla
qualità dell’immagine dell’istituto (P0, P9, P11, P12, P13, P14, P15)
In questa sottofase si realizza la prima parte della diagnosi della qualità del risultato
d’apprendimento in ogni SP, limitatamente alle aspettative che gli stakeholder hanno verso
questo e al modo in cui essi valutano la qualità della loro immagine. In questo modo i GQ
sperimentano l’applicazione degli strumenti su cui sono stati formati nelle fasi 4.1 e 4.2.
5.5
Circolo critico di valutazione tra SP-meccatronico ( P0, P12, P13, P14, P15)
Il partenariato Expero2EU annovera, al suo interno, 5 istituti (SP) che erogano corsi HTE
nell’area produttivo- industriale. In tal senso è possibile che, operando nell’ambito
dell’istruzione superiore di profili professionali analoghi, il personale di questi istituti abbia
maggiore interesse e competenze nel creare una rete di collaborazione sul tema della qualità
del risultato d’apprendimento. Il fine è quello di stimolare i contatti, gli scambi di informazioni
e di buone prassi sul tema della gestione e della qualità delle competenze in uscita dei
formandi tra SP attraverso la creazione di una rete in cui il GQ di un istituto è Critical Friend
di un altro. In sintesi, si mira a creare un network europeo di istituti scolastici che erogano
corsi di formazione HTE per meccatronica, al fine anche di un mutuo riconoscimento delle
competenze (v. WP6).
5.6
Diagnosi delle percezioni delle qualità del risultato d’apprendimento (P0, P9, P11,
P12, P13 P14, P15)
In questa fase si completa la diagnosi della qualità del risultato d’apprendimento e si
raccolgono le percezioni degli stakeholder in merito alle percezioni sul risultato
d’apprendimento dei corsi. Tale diagnosi potrà avere luogo soltanto al termine dei corsi stessi
e quindi il periodo in cui viene inquadrato questo step potrebbe subire anticipazioni o
slittamenti itinere. Dopo aver raccolto i dati, i GQ di ogni SP inseriscono i dati in inglese nel
sito.
5.7
Troubleshooting Knowledgebase (TKB) (P0 e P1)
Il database delle divergenze prodotto in seno al progetto ExPerO contiene un numero
definito di suggerimenti e strategie manageriali atte a sanare i gap emersi tra le
aspettative e le percezioni degli stakeholders su diversi aspetti del risultato
d’apprendimento dei corsi HTE. L’obiettivo di questo step risiede nel rendere tale database
espandibile, ovvero utilizzare un dispositivo informatico che consenta ai partner di
aggiornare continuamente il numero e la qualità delle strategie gestionali in esso
contenute. Modificando la natura del software che supporta l’attuale database, si ritiene
14/03/2008 01:21:00 PM
57
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
più adeguato denominarlo Knowledgebase, utilizzando un termine proprio dell’attuale
linguaggio informatico che indica “un contenitore on-line di informazioni e conoscenze”,
utili a rispondere ad una casistica di problematiche. In questo caso specifico, utilizzare tale
termine appare come una scelta particolarmente adeguata e innovativa. Infatti, il risultato
che si intende produrre è uno strumento informatico atto a contenere in maniera condivisa
e continuativa un numero aggiornabile di strategie risolutive elaborate dai Dirigenti
Scolastici degli istituti HTE europei in ambito meccatronico.
5.8
Adattamento tra la matrice per le competenze del meccatronico e le competenze
delle scuole del network Expero2EU (P0, P12, P13 P14, P15, P2, P6)
Per il mutuo riconoscimento delle competenze si farà affidamento alla Competence Matrix
relativa al settore meccatronico elaborata dal progetto pilota VQTS. È da considerare, però,
che nel progetto Expero2EU le scuole HTE partner, provenendo da Pesi differenti dell’Unione
Europea, possano non essere perfettamente aderenti a tale matrice di competenze. In questa
fase, allora, ogni scuola HTE partner, studiando la Competence Matrix, dichiarerà - supportata
da P1 e P6 - il livello di aderenza e riconoscimento con essa. Nell’eventualità che non ci possa
essere una perfetta sovrapposizione, l’SP, P1 e P6 studieranno gli adattamenti del caso.
5.9
Valutazione tra SP (tutti i partner)
All’interno del circolo critico di valutazione ogni SP ha il compito di supportare a distanza un
altro SP nell’elaborazione dei risultati finali. Tale processo può aiutare il personale scolastico
incaricato a completare la diagnosi della qualità del risultato d’apprendimento, valutando i
dati emersi. I valutatori scolastici devono adoperarsi per uscire da una prospettiva autovalutativa di matrice auto-referenziale che potrebbe condurre all’attribuzione di giudizi finali
positivi, che esulano dalla natura dei dati rilevati. Ogni GQ sarà chiamato a valutare i risultati
della diagnosi delle aspettative e delle percezioni di un’altra scuola e questo meccanismo
verrà impostato a circolo. Si precisa che lo scopo principale sotteso a questa sotto-fase è
aiutare il personale scolastico impegnato nelle funzioni di auto-valutazione della qualità ad
acquisire di oggettività nel dare un giudizio ai risultati prodotti dalla scuola. Si tratta di un
espediente formativo ed esperienziale atto a supportare l’assunzione di prospettive e criteri
autovalutativi di natura etero-referenziale nel modo di pensare e fare qualità.
Le 5 scuole e in particolare i GQ impegnati nella realizzazione delle diagnosi potranno così
confrontare i loro criteri di valutazione dei dati emersi con quelli adattati da altri colleghi
europei in riferimento agli stessi dati. Oltre a questo processo, anche gli RP sono impegnati
nella supervisione dei criteri attraverso cui i valutatori e gli amici critici compiono
l’elaborazione dei dati e attribuiscono un giudizio agli stessi. In particolare, ogni RP, che è già
responsabile del miglioramento di un singolo indicatore o aspetto del modello ExPerO,
controlla le prassi autovalutative e valutative adottate dei GQ.
Alla fine del circolo critico di valutazione, ogni scuola riconoscerà Qualità e Competenze
relative al learning outcome prodotto dagli altri istituti HTE. Il riconoscimento delle
Competenze viene effettuato tramite gli strumenti introdotti dal progetto VQTS, in particolare
con il “Competence Profile” rapportato alla Competence Matrix relativa agli istituti
meccatronici già elaborata nell’ambito del progetto VQTS. Il riconoscimento delle competenze
porterà ad un riconoscimento di qualifiche, utilizzando come ponte di comunicazione il meta –
framework EQF (seguendo le indicazioni del “Towards a European qualifications framework for
lifelong learning”, Commission of the European Communities, 08 luglio 2005, Bruxelles). In
altre parole, le scuole compareranno le competenze riconosciute (nel circolo critico) agli 8
livelli dell’EQF, riconoscendosi a vicenda il livello di EQF corrispondente. Dal riconoscimento
delle competenze poi, discenderà il riconoscimento dei crediti. In questo modo, focalizzandosi
sul learning outcome, ogni scuola riconoscerà e sarà riconosciuta, in maniera circolare e
condivisa, in termini di Qualifica, Crediti e Qualità (CQQ Vet Standard). Questo mutuo
riconoscimento di Qualifica, Crediti e Qualità sarà relativo al circolo critico degli HTE in ambito
Meccatronico (che viene inaugurato nel progetto Esxpero2EU). In Expero2EU si vuole avviare,
in maniera pionieristica e sperimentale, il primo circolo critico di HTE incentrati su materie
meccatroniche; il CQQ standard che ne uscirà, dunque, sarà relativo al profilo meccatronico.
Description of activities:
14/03/2008 01:21:00 PM
58
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
5.1
(Ottobre – dicembre 2008; giugno- luglio 2010) Nella prima parte P1 e P2 compiono
uno studio metodologico al fine di individuare uno strumento di diagnosi della cultura
organizzativa di tutti gli SP (P0, P9, P11, P12, P13 P14, P15), per verificare l’eventuale
impatto del progetto nel sistema di valori e comportamenti organizzativi di ogni istituto. I
responsabili di questo step inviano indicazioni tecniche a tutti i GQ per spiegare come si
utilizza lo strumento (linee guida per raccogliere i dati sulla cultura organizzativa). I
responsabili di progetto in ogni SP traducono lo strumento in lingua nazionale. Nella
seconda parte di questa fase si realizzano due rilevazioni: una prima di cominciare la
diagnosi delle aspettative e una dopo aver concluso la diagnosi delle percezioni della
qualità del risultato d’apprendimento dei corsi HTE. P1 consegna ad ogni SP le lineeguida
per la realizzazione della diagnosi della cultura organizzativa ed il questionario da
somministrare al personale scolastico; ogni GQ raccoglie i dati e li trasmette a P1. Infine,
P1 e P2 elaborano i dati per ogni scuola e in modo trasversale e li presentano in forma
sintetica durante il meeting finale. Le informazioni raccolte durante questa rilevazione
saranno oggetto di una pubblicazione scientifica da parte di P1 e P2.
5.2
(Gennaio- febbraio 2009) Il GQ di ogni SP (P0, P9, P11, P12, P13 P14, P15) dopo aver
tradotto (WP2) in lingua nazionale gli strumenti ExPerO finalizzati alla rilevazione delle
aspettative e dell’immagine, progetta e realizza la diagnosi delle aspettative sulla qualità
del risultato d’apprendimento del corso HTE erogato e della qualità dell’immagine della
scuola percepita dagli stakeholders . Dopo aver ultimato la raccolta dei dati, traduce il
materiale in inglese e lo inserisce nel sito.
5.3
(Aprile 2009- Maggio 2010) Durante il meeting di progetto (school international
meeting, Madrid) (maggio 2009, v. WP 6.2), P1 (responsabile di WP 1.5) espliita gli
obiettivi e il funzionamento del circolo critico di valutazione tra SP-N. Le scuole sono
invitate a tenersi in contatto, scambiandosi informazioni, a supportarsi nel miglioramento
della qualità del servizio e a suggerirsi buone prassi per la gestione di problematiche o
obiettivi di miglioramento della qualità del servizio formativo erogato nei corsi di HTE. In
particolare i GQ dovranno interagire al fine di confrontarsi rispetto alle modalità di
realizzazione della diagnosi, sia per la parte delle aspettative che per quella delle
percezioni.
5.4
(Gennaio - febbraio 2010) I GQ di ogni SP (P0, P9, P11, P12, P13 P14, P15) progettano e
realizzano la diagnosi delle percezioni degli stakeholders sulla qualità del risultato
d’apprendimento del corso HTE analizzato. Dopo aver ultimato la raccolta dei dati,
traducono il materiale in inglese e lo inseriscono nel sito.
5.5
(Maggio- settembre 2010) Questa fase è strettamente legata alla struttura del circolo
critico di valutazione in cui sono definiti i ruoli reciproci delle scuole partner e alle fasi WP
5.2 e 5.3 in cui sono stati raccolti i dati relativi alle aspettative e alle percezioni in ogni SP.
Ogni scuola (P0, P9, P11, P12, P13 P14, P15) deve inviare i dati emersi dalle interviste e dai
questionari, deve analizzare i dati seguendo le prassi definite nelle lineeguida di ExPerO.
Dopo aver analizzato i dati della scuola, il GQ redige un report dove riporta la valutazione di
ogni indicatore. In questo modo ogni GQ valuta sia i dati delle diagnosi della scuola di cui è
referente sia quelli emersi dall’autodiagnosi svolta sul corso erogato nella propria scuola.
La valutazione della Qualità del learning outcome sarà quindi derivata da una commistione
di auto e etero valutazione, supervisionata dal rispettivo referente (RP) di ogni indicatore.
Successivamente alla valutazione della qualità, si procederà alla valutazione condivisa di
Competenze (e quindi Qualifiche EQF) e Crediti (CQQ VET standard)
Questa fase prevede anche il coinvolgimento diretto degli RP che sovraintendono
l’adeguatezza delle prassi valutative adottate da ogni GQ per valutare i propri dati e quelli
delle scuole associate, secondo questo schema:
P5 sovraintende l’indicatore Organizational Processes (OP).
P1 sovraintende l’indicatore Quality Image (QI).
P3 sovraintende l’indicatore Satisfaction of Results (SR)
P6 sovraintende l’indicatore Quality of Competencies (QC).
Per sovraintende l’indicatore Quality of Resoluts (QR) :
o P2 sovraintende il micro-indicatore denominato meeting to future needs.
o P7 sovraintende il micro-indicatore denominato Competencies.
o P6 sovraintende il micro-indicatore denominati Credit system, alla luce della
o
o
o
o
o
14/03/2008 01:21:00 PM
59
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
o
matrice VQTS.
P8 sovraintende i micro-indicatori denominati Emploiability e Dropout.
Description of methodological / pedagogical framework (where relevant)
La diagnosi della cultura organizzativa delle scuole che sono partner nel progetto è stata inserita
proprio perché si ritiene importante valutare l’impatto che la creazione di un gruppo di lavoro e la
partecipazione ad un progetto europeo provoca nel sistema di valori e nei comportamenti
organizzativi dei membri dell’organizzazione scolastica. Da un punto di vista della psicologia del
lavoro, ma anche della ricaduta a lungo termine della partecipazione ad iniziative progettuali
europee, è importante misurare eventuali effetti prodotti da un punto di vista organizzativo.
Description of outputs:
- Troubleshooting Knowledgebase di Expero2EU (English).
- Questionario e lineeguida per la realizzazione della diagnosi della cultura
organizzativa (English, Spanish, Turkish, Italian, Danish, Dutch).
Esposizione dei risultati delle diagnosi della cultura organizzativa elaborati in modo
traversale (English)
- report di valutazione della qualità del risultato d’apprendimento da parte di ogni
GQ
- Report di valutazione della qualità del risultato d’apprendimento da parte di ogni
CF
- Aggiornamento del sito con i dati rilevati dalle diagnosi di ogni SP (English)
Work package
no:
Work package
title:
Start Month:
6
Costs:
Euro 152.593,00
Diffusione e valorizzazione dei prodotti
Ottobre 2008
Month:
Ottobre 2010
Package
P1
leader:
Work package aims:
6.1 I meeting di progetto a Udine in Italia (P0, P1, tutti gli RP e i dirigenti scolastici degli SP).
Meeting di presentazione e di organizzazione generale. Vengono presentati gli obiettivi del
progetto e condivisi i contenuti in ogni fase del progetto. Si mira al coinvolgimento di tutti i
partner nei contenuti e nelle attività di Expero2EU, a partire dall’approfondimento del modello
ExPerO. Si mettono le basi per instaurare una mutua e fitta collaborazione tra i partner, verso
il raggiungimento degli obiettivi a breve e a lungo termine. Durante la seconda parte del
meeting di progetto viene realizzato un corso di formazione rivolto agli RP e finalizzato a
spiegare il modello ExPerO. P1 e P6 confrontano il modello ExPerO e VQTS e discutono delle
modalità di integrazione della Competence Matrix in QC.
6.2 Lo school meeting organizzato a Madrid in maggio 2009 da P4. Durante questo meeting di
progetto i GQ degli SP espongono i risultati parziali dell’elaborazione dei dati sulle aspettative.
In quest’occasione il personale scolastico avrà modo di chiarire dubbi e incertezze sulle
modalità di realizzazione della diagnosi e di condividere con gli altri eventuali difficoltà
incontrate nella realizzazione della rilevazione delle aspettative, ma soprattutto il meeting
servirà a dar modo al personale scolastico dei GQ di conoscersi onde avviare una fruttifera
collaborazione del network.
6.3 Meeting di progetto (interim) a ottobre 2009 a Izmir, in Turchia (P11): meeting di metà
progetto, necessario a verificare i risultati e il buon andamento di tutti i processi inseriti nel
progetto. Il meeting sarà occasione di confronto e di raccolta della documentazione finanziaria.
Durante il meeting verranno esposti i risultati della fase WP2, in particolare dell’integrazione
dei due progetti (VQTS e ExPerO) e dell’analisi di fattibilità per il bilancio sociale, verranno
14/03/2008 01:21:00 PM
60
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
discusse le modalità di valutazione del circolo critico di scuole.
6.4 meeting finale di progetto. Meeting finale a Prato (Italia) a settembre 2010. Si propone
come evento conclusivo del progetto Expero2EU. Qui, P1 e P9 esporranno il modello ExPerO
anche alla rete di scuole HTE che P9 ha rintracciato in questi due anni di lavoro. Il meeting
sarà occasione per sancire il mutuo riconoscimento di crediti e qualifiche tra le scuole. Gli RP
relazioneranno sulla supervisione svolta nei rispettivi indicatori della diagnosi.
6.5 Meeting di lavoro organizzato da P6 a Vienna a gennaio 2009 (P0, P1, P2, P3). Meeting tra i
partner di ricerca finalizzato a sviluppare un modo di integrare VQTS in QC e per organizzare
l’analisi di fattibilità sul bilancio sociale, oltre che valutare assieme a P3 le modalità di
accreditamento.
6.6 Presentazione del modello ExPerO a referenti istituzionali.
Ogni RP e/o SP ricerca un contatto con un referente del ministero dell’istruzione o altro ente
istituzionale al fine di presentare il modello ExPerO e le sue funzionalità.
6.7 Meeting nazionali di diffusione dei risultati di Expero2EU
Ogni SP organizza a livello locale un meeting di presentazione ad altre scuole e enti di formazione
per disseminare il modello ExPerO e le sue potenzialità.
6.8
3 newsletter (P2), verranno pubblicate periodicamente sul sito ed inviate in formato
cartaceo agli stakeholder non raggiungibili attraverso la rete. In particolare, la prima sarà
rivolta ad esporre gli obiettivi del progetto e presentare il partnerariato; la seconda ad esporre
i risultati intermedi del progetto, in particolare l’integrazione con il VQTS; la terza orientata ad
esporre gli avanzamenti nel processo di valutazione da parte del network meccatronica e
l’ultima rivolta a riassumere i principali risultati del progetto. In tutte le newsletter verrà
dedicato spazio alle attività di divulgazione.
6.9 Website (P0 e P1) lo scopo consiste nella creazione di una piattaforma web atta a tenere in
contatto tutti i partner, capace di creare dei social network, all’interno della quale raccogliere
tutti i documenti formativi e informativi. Inoltre, al fine di ottimizzare il coinvolgimento di tutto
il personale scolastico e dei suoi stakeholdersd, ogni SP dovrà riportare il link al sito del
progetto Expero2EU nella homepage del proprio sito d’istituto. In questo modo verrà
amplificata la visibilità delle attività e dei risutlati conseguiti in progress.
6.10
Mutuo riconoscimento dei crediti (P1) Sistema di mutuo riconoscimento tra SP della
valutazione di qualità del risultato d’apprendimento di ogni istituto, nell’ambito della rete
europea di Critical Friend. Si tratta in sostanza di un sistema di riconoscimento circolare e
reciproco dei crediti e della competenze di meccatronico. Gli accordi per l’accettazione dei
crediti tra le scuole partner avverranno attraverso accordi bilaterali tra le stesse.
6.11
Pubblicazioni scientifiche e conferenze (tutti i partner) Conferenze e pubblicazioni
scientifiche verranno curate principalmente da P1, ma anche dagli altri partner di ricerca. Esse
consentono una maggior conoscenza del modello a livello internazionale e costituisce anche
una base di confronto e di valutazione (peer review) da parte della comunità scientifica.
6.12
Social network Expero2EU P1 realizzerà un social network on-line in cui tutte le scuole
saranno tenute a iscrivere loro ed i loro stakeholder. Tale social network - finalizzato alla
comunicazione globale consentirà un allargamento della partnership di progetto e una maggior
diffusione del modello e delle sue potenzialità
Description of activities:
6.1 I meeting di progetto a Udine in Italia (P0, P1, tutti gli RP e i dirigenti scolastici degli
SP) ottobre 2008. Meeting di presentazione e di organizzazione generale. Vengono presentati
gli obiettivi del progetto e condivisi i contenuti in ogni fase del progetto. Si mira al
coinvolgimento di tutti i partner nei contenuti e nelle attività di Expero2EU, a partire
dall’approfondimento del modello ExPerO. Si mettono le basi per instaurare una mutua e fitta
collaborazione tra i partner, verso il raggiungimento degli obiettivi a breve e a lungo termine.
14/03/2008 01:21:00 PM
61
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Durante la seconda parte del meeting di progetto viene realizzato un corso di formazione
rivolto agli RP e finalizzato a spiegare il modello ExPerO. P1 e P6 confrontano il modello
ExPerO e VQTS e discutono delle modalità di integrazione della Competence Matrix in QC.
6.2II meeting di progetto organizzato a Madrid da P4 a maggio 2009, durante questo
meeting di progetto i GQ degli SP espongono i risultati parziali dell’elaborazione dei dati
sulle aspettative e si espongono le modalità di funzionamento del social network.
6.3III meeting di progetto (ad interim) a Izmir, in Turchia (P11) ottobre 2009. analisi
dello stato di avanzamento di tutte le sottofasi ed esposizione dei risultati di progetto
realizzate (bilancio sociale e integrazione con VQTS)
6.4IV meeting di progetto organizzato da P17 a Prato, in Italia (tutti i partner) settembre
2010 . Meeting finale
6.5Meeting di lavoro organizzato da P6 a Vienna gennaio 2009
6.6Presentazione del modello ExPerO a referenti istituzionali. Ogni RP cerca un
contatto con un referente del ministero dell’istruzione o altro organo istituzionale al fine di
presentare il modello ExPerO e le sue potenzialità
6.7Meeting nazionali di diffusione dei risultati di Expero2EU uno da parte di ogni SP
(giugno - luglio 2010) e RP
6.8I newsletter (P2) novembre 2008, II newsletter (P2) giugno 2009, III
newsletter (P2)novembre 2008. P2 curerà i contenuti delle newsletter e il loro invio.
6.9Website (P0 e P1) La piattaforma comunicativa-formativa prevede: forum che verranno
attivati prevalentemente alla fine di ogni meeting per discutere sui temi che si sono
dimostrati particolarmente rilevanti; ipertesto di ExPerO e materiale formativo per
approfondire la conoscenza del modello e degli strumenti; rubrica con i nominativi Skype
(o di altri software gratuiti VoIP, come, ad esempio, Ineen); un database contenente tutti
i documenti realizzati utili al partenariato (tra cui anche le newsletter e gli articoli teorici);
una mailing list di tutti i partner); database per contenere i dati sulle aspettative e sulle
percezioni raccolti dai partner; sezione con le news del progetto; il Troubleshooting
Knowledgebase, database multimediale che raccoglie informazioni e strategie efficaci a
risolvere una determinata casistica di problemi legati alla qualità dell’esito formativo; link
di connessione con il social network virtuale in cui tutte le scuole saranno tenute ad
iscriversi e ad inserire, previo accordo, i riferimenti dei loro principali stakeholder. Infine,
ogni SP dovrà inserire il link del sito di Expero2EU nel proprio sito d’Istituto.
6.10 Mutuo riconoscimento dei crediti (P0, P12, P13 P14, P15) Gli SPN valuteranno
attraverso l’applicazione di VQTS e ExPerO la tipologia di competenze e i crediti che possono
venir riconosciuti da un istituto all’altro. Gli accordi bilaterali, siglati attraverso il network,
verranno presentati nella conferenza finale.
6.11 Pubblicazioni scientifiche e conferenze (tutti i partner) Ogni partenr è invitato a
stilare articoli, poster, documentazione di matrice sia scientifica che divulgativa sui contenuti e
sull’esperienza vissuta all’interno del progetto Expero2EU. In particolare gli enti di ricerca
coinvolti saranno chiamati a produrre degli scritti di natura più specificatamente scientifica in
merito a particolari aspetti metodologici, pedagoci e formativi e a presentarli a convegni.
6.12 Social network Expero2EU – P1 crea un apposito spazio nel web site di Expero2EU in
cui ogni soggetto interessato al tema della valutazione di qualità e della certificazione dei corsi
HTE per meccatronico, può mettersi in contatto con altri interlocutori interessati
(stakeholders). Tale strumento multimediale di informazione e comunicazione resterà aperto
anche oltre la fine del progetto, dando la possibilità di creare un grande social network
europeo rivolto esclusivamente alle scuole HTE meccatroniche certificate. Tale strumento
permetterà una condivisione esponenziale tra le reti degli stakeholder, dando vita, così, a
comunicazioni sempre più fitte non solo tra ogni scuola e i suoi stakeholder, ma anche tra
scuole, tra queste e i propri stakeholder, tra una scuola e gli stakeholder di altre scuole, tra
14/03/2008 01:21:00 PM
62
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
stakeholder di diverse scuole su scala locale, nazionale ed europea.
Description of methodological / pedagogical framework (where relevant)
Description of outputs:
4 Meeting internazionali
Meeting locali (Friuli, Veneto, Lombardia, Toscana, Danimarca, Belgio, Turchia,
Spagna)
agenda e report di ogni meeting
- 3 newsletter
mailing list di disseminazione delle newsletter
lista di partecipanti e documentazione attestante i meeting locali
website
accordi di mutuo riconoscimento di crediti e competenze
socialnetwork
report di presentazione alle istituzioni
pubblicazioni scientifiche
100 Cd-rom dell’ipertesto contenente (English, Spanish, Turkish, Italian, Danish, Dutch):
Modello teorico ExPerO, aggiornato alla luce di studi, riscontri e approfondimenti
compiuti durante tutto il progetto.
- Strumenti per la diagnosi della qualità del risultato d’apprendimento di ExPerO,
aggiornati nelle nuove lingue dei Paesi partecipanti.
-
-
9.2 EXPECTED
1.
RESULTS
What specific results are expected in the course of the project and on its completion? Please
provide a detailed description of the expected results completing the table below
• type of result (e.g. handbook, curriculum, recognition procedure, new teaching/training
method, etc.)
• target group(s) concerned (final users of the results)
• languages in which they will be available
• medium that will be used (e.g. CD-Rom, Internet, etc.),
• when they will be available,
• number of copies foreseen (if applicable)
• didactic methodology (if applicable)
• Others
R1
Type of results
Studio di fattibilità del modello Expero per il bilancio sociale
Target group(s)/
Gli istituti europei che erogano corsi HTE e i responsabili di
HTE a livello regionali,ministeriale ed europeo, ricercatori in
ambito educativo, le aziende ed associazioni di industriali,
camere di commercio, ecc.
potential beneficiaries
Language of the product
English
Medium that will be used
Carta stampata e file
Availability
Maggio 2009
(when?)
Number
of
applicable
copies
foreseen
if
Didactical methodology (if applicable)
14/03/2008 01:21:00 PM
1
Analisi documentale
63
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Others
R2
Ipertesto di Expero2EU contenente:
Type of results
- Modello teorico ExPerO, aggiornato
diagnosi della qualità del risultato
ExPerO, aggiornati alla luce di
approfondimenti compiuti durante tutto
Target group(s)/
- Strumenti per la
d’apprendimento di
studi, riscontri e
il progetto.
potential beneficiaries
Istituti ed enti erogatori di corsi HTE, aziende, enti regionali,
ministeriali ed europei che si occupano di formazione
superiore, università.
Language of the product
English, Spanish, Turkish, Italian, Danish, Dutch
Medium that will be used
DVD
Availability
Settembre 2010
(when?)
Number
of
applicable
copies
foreseen
if
100
Didactical methodology (if applicable)
Others
R3
Type of results
Troubleshooting Knowledgebase- ovvero un database
multimediale che raccoglie informazioni e strategie efficaci a
risolvere una determinata casistica di problemi legati alla
qualità dell’esito formative dei corsi HTE. Un compendio di
best practices riferite ai modelli di certificazione di qualità
del settore scolastico, educativo e formativo.
Target group(s)/
potential beneficiaries
Il personale scolastico degli istituti europei che erogano corsi
HTE, con particolare riferimento ai Gruppi Qualità e ai
Dirigenti.
Language of the product
English
Medium that will be used
In web, dal sito di Expero2EU.
Availability
Settembre 2010
(when?)
Number
of
applicable
copies
foreseen
if
Didactical methodology (if applicable)
1
Il software con cui viene realizzato consente un
aggiornamento continuo del archivio multimediale, da parte
di ogni partner direttamente dal sito web.
Others
R4
Type of results
Il modello ExPerO accreditato.
Target group(s)/
potential beneficiaries
Gli istituti europei che erogano corsi HTE e i responsabili di
HTE a livello regionali,ministeriale ed europeo, ricercatori in
ambito educativo,
Language of the product
English
Medium that will be used
File e su carta
14/03/2008 01:21:00 PM
64
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Availability
Luglio 2010
(when?)
Number
of
applicable
copies
foreseen
if
1
Didactical methodology (if applicable)
Others
R5
Type of results
Intervento formativo incentrato sui prodotti di ExPerO,
(slides, programma del corso, lista dei partecipanti, moduli
compilati di valutazione della qualità del corso).
Target group(s)/
potential beneficiaries
Tutti i partner e in particolare Dirigenti scolastici e/o ai
referenti di Expero2EU e coordinatori del GQ in ogni SP.
Language of the product
English
Medium that will be used
File e su carta
Availability
Ottobre 2008
(when?)
Number
of
applicable
copies
foreseen
if
Didactical methodology (if applicable)
1
Formazione psico-sociale
Others
R6
Type of results
Intervento formativo sulle modalità di realizzazione della
diagnosi ExPerO per valutare la qualità del risultato
d’apprendimento (slides, programma del corso, lista dei
partecipanti, moduli compilati di valutazione della qualità del
corso, moduli per raccogliere riscontri da parte dei
formandi).
Target group(s)/
potential beneficiaries
Membri dei GQ e quanti operano in istituti europei che
erogano corsi HTE.
Language of the product
Spanish, Turkish, Italian, Danish, Dutch.
Medium that will be used
File e su carta
Availability
Novembre- dicembre 2008
(when?)
Number
of
applicable
copies
foreseen
if
Didactical methodology (if applicable)
7 corsi di formazione (uno in ogni scuola)
Spiegazioni frontali
Others
R7
Type of results
Questionario e lineeguida per la realizzazione della diagnosi
della cultura organizzativa.
Target group(s)/
potential beneficiaries
Scuole e istituti scolastici europei in genere, ricercatori e
studiosi di psicologia del lavoro e delle organizzazioni.
Language of the product
English, Spanish, Turkish, Italian, Danish, Dutch
Medium that will be used
File e carta stampata
14/03/2008 01:21:00 PM
65
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Availability
Ottobre – dicembre 2008; giugno- luglio 2010
(when?)
Number
of
applicable
copies
foreseen
if
Didactical methodology (if applicable)
X
Questionario
Others
R8
Type of results
Report sui risultati della diagnosi della cultura organizzativa.
Target group(s)/
Gli SP del progetto, l’AN, scientific community
potential beneficiaries
Language of the product
English
Medium that will be used
File e carta stampata
Availability
Ottobre 2010
(when?)
Number
of
applicable
copies
foreseen
if
Didactical methodology (if applicable)
Analisi quantitativa
Others
R9
Type of results
Report di autovalutazione della qualità del learning outcome
del corso HTE per meccatronici erogato da ogni SP, condotta
dal GQ, ponderato dalla valutazione del criticalfriend.
Target group(s)/
Il dirigente e il personale scolastico di ogni SP e gli altri GQ.
potential beneficiaries
Language of the product
English
Medium that will be used
In web
Availability
Luglio 2010
(when?)
Number
of
applicable
copies
foreseen
if
Didactical methodology (if applicable)
7, uno per ogni scuola
Valutazione condotta secondo le indicazioni fornite nel
modello ExPerO.
Others
R10
Type of results
Sistema di mutuo riconoscimento tra SP, della valutazione di
qualità del risultato d’apprendimento di ogni istituto,
nell’ambito della circolo critico europeo
(riconoscimento
circolare e reciproco dei crediti e della competenze di
meccatronico in linea con l’EQF).
Target group(s)/
potential beneficiaries
Gli SP della rete in Expero2EU e il sistema scolastico
Europeo.
Language of the product
English
Medium that will be used
Availability
(when?)
14/03/2008 01:21:00 PM
Ottobre 2010
66
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Number
of
applicable
copies
foreseen
if
Didactical methodology (if applicable)
Critical Friendship
Others
R11
Type of results
Piattaforma web formativa- comunicativa
Target group(s)/
Gli SP della rete in Expero2EU
potential beneficiaries
English
Language of the product
Medium that will be used
Availability
Gennaio 2009
(when?)
Number
of
applicable
copies
foreseen
if
Didactical methodology (if applicable)
Critical Friendship
Others
9.3 DISSEMINATION
AND
EXPLOITATION
PLAN
Please describe how your dissemination and exploitation strategy ensures that the project results
will be used as regards the target group(s), target sector(s) and potential users outlined in the
work-package on dissemination and exploitation above (section 9.1)?
Please demonstrate that the partnership has the capacity and necessary experience to carry out
the valorisation activities.
Description
Riteniamo che il fatto stesso di trasferire i prodotti finali di ExPerO, scopo primo di questo
progetto, implichi in sé diverse attività assimilabili alla diffusione e alla promozione degli
stessi. Per questo motivo la progettazione delle attività denominate dissemination ha
richiesto particolare cura. In generale, durante questi due anni di lavoro, le modalità di
realizzazione della diagnosi saranno una principale fonte di disseminazione del progetto. .
Gli Istituti scolastici, attraverso la raccolta dei dati (interviste e questionari) ad aziende,
associazioni di categoria, studenti ed altri stakeholder, saranno i principali promotori della
conoscenza del modello stesso. L’inserimento degli stakeholder nel network sociale
virtuale, produrrà ancora un allargamento della rete ExPero2EU.
Oltre a questa, le modalità attraverso cui si prevede di diffondere e promuovere in modo
più struttrale le attività e i risultati di Expero2EU sono molteplici: meeting (di diverso
tipo), mezzi di comunicazione multimediale, promozione presso referenti istituzionali,
conferenze nazionali, newsletters, pubblicazioni scientifiche e presentazioni a convegni sul
tema dell’istruzione e della formazione, nonché di natura scientifica. In primo luogo, sono
previsti tre meeting di progetto durante i quali i partner avranno modo di conoscersi,
presentare i risultati dei loro lavori di ricerca e delle diagnosi e collaborare face to face al
conseguimento degli obiettivi di fase. In particolare, il I meeting di progetto si terrà nel
mese di ottobre 2008 a Udine, in Italia e sarà organizzato da P0. La scelta di cominciare
con un incontro organizzato da P0 risiede nel fatto, che questo istituto è stato il
coordinatore e co-progettista insieme a P1 di ExPerO e anche di Expero2EU. Crediamo
infatti che il Dirigente Scolastico e gli insegnati che hanno lavorato in prima linea nel
progetto pilota di cui si vogliono trasferire i risultati, possano, meglio di chiunque altro,
inaugurare l’inizio dei lavori e coinvolgere gli altri infondendo entusiasmo. P1, in qualità di
responsabile del coordinamento delle attività di ricerca, si rende disponibile per chiarire i
dubbi dei partner su contenuti e metodologie di ExPerO. In questa circostanza i partner
14/03/2008 01:21:00 PM
67
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
hanno modo di conoscersi e P1 presenterà gli obiettivi del progetto, soffermandosi su ogni
fase. Si ritiene fondamentale curare bene le informazioni sui contenuti e sulle attività di
progetto al fine di coinvolgere fin dal primo momento tutti partner di Expero2EU. Si
mettono le basi per instaurare una mutua e fitta collaborazione tra i partner, verso il
raggiungimento degli obiettivi a breve e a lungo termine. Durante la seconda parte del
meeting di progetto viene realizzato un corso di formazione rivolto ai partner e finalizzato
a spiegare in modo dettagliato il modello ExPerO e gli strumenti ad esso correlati. A
Questo meeting sono invitati i referenti di ogni ente partner. Durante lo school-meeting,
che verrà organizzato da P4 nel mese di maggio 2009 a Madrid, in Spagna, tutti i GQ degli
SP espongono i risultati parziali dell’elaborazione dei dati sulle aspettative. In
quest’occasione il personale scolastico avrà modo di chiarire dubbi e incertezze sulle
modalità di realizzazione della diagnosi e di condividere con gli altri eventuali difficoltà
incontrate nella realizzazione della rilevazione delle aspettative. L’interim-meeting di
progetto, a Izmir (Turchia) nell’ottobre 2009, prevede una parte sostanziale di lavoro da
parte dei GQ che iniziano qui ad instaurare il circolo critico di valutazione. Verrà inoltre
fatta la consegna dei materiali da parte dei partner necessaria per l’interim report. Il
meeting finale di progetto, a Prato (Italia) a settembre 2010 si propone come evento
conclusivo del progetto Expero2EU. Qui, P1 e P9 esporranno il modello ExPerO accreditato
anche alla rete di scuole HTE che P9 ha rintracciato nei due anni di lavoro.
Oltre ai meeting di progetto (international meetings) è previsto anche un Meeting di
lavoro (work meeting) organizzato da P6 a Vienna a gennaio 2009 (P0, P1, P2, P6). Esso
rappresenta un meeting tra i partner di ricerca per organizzare tre sottofasi operative
(bilancio sociale, accreditamento e integrazione con VQTS).
Infine, ogni partner, al termine del progetto, organizza una conferenza a livello locale
invitando quanti sono più direttamente interessati.
Presentazione del modello ExPerO a referenti politico -istituzionali.
Riteniamo sia indispensabile far conoscere il modello soprattutto a livello nazionale, al fine
di promuoverne un’eventuale adozione presso i referenti politico-istituzionali italiani. In
ogni caso è opportuno che almeno un referente del Ministero dell’Istruzione e
dell’Educazione, così come un referente regionale siano informati dell’esistenza e delle
caratteristiche del modello ExPerO attraverso un contatto creato ad hoc.
Tra i dispositivi di diffusione dei contenuti del progetto si prevede che vengano realizzate 3
newsletters in lingua inglese, traducendole nelle lingue nazionali. Le newsletter
conterranno informazioni sullo svolgimento delle attività, sugli eventi che si articoleranno
per tutta la durata del progetto.
9.4 EXPECTED IMPACT
General impact on end users and target groups
This section should provide details relating to the impact that your consortium would hope to have
beyond the end of the funding period. This should take into account any “cascade effect”
anticipated as a result of, for example, the training of trainers and educators, conferences and
seminars, policy papers and studies, the development of new curricula and methodologies.
Please explain the basis on which you have calculated the expected impact, making reference,
where relevant, to statistics, published studies, website statistics etc.
La previsione dell’impatto dopo il progetto si può prevedere come una serie di reazioni a catena
innescate durante la realizzazione dello stesso. Per poter descrivere gli effetti ex post, è
necessario, quindi, introdurre prima le cause.
Il modello ExPerO è stato ideato al fine di misurare la qualità del risultato d’apprendimento
(learning outcome) degli istituti HTE europei. In Expero2EU c’è la precisa volontà di orientare
ExPerO verso gli standard europei già esistenti in materia di qualificazione e credito (Ecvet ed
EQF), utilizzando i risultati derivati dal progetto VQTS. I due progetti pilota Leonardo da Vinci,
ExPerO e VQTS, sembrano difatti potersi integrare con estremo profitto. Il progetto VQTS
fornisce degli strumenti (Competence matrix e Competence profiles) atti a valutare le
competenze e i crediti su scala sovranazionale. In questo senso appare possibile la
14/03/2008 01:21:00 PM
68
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
compenetrazione di questi strumenti nell’indicatore del modello ExPerO denominato QC (Qualità
of Competencies). In questo modo si vuole armonizzare il modello agli standard suggeriti nei
documenti ufficiali relativi al EQF (“Towards a European qualifications framework for lifelong
learning”, Commission of the European Communities, 08 luglio 2005, Bruxelles e Bruxelles e
“Raccomandazione Del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla costituzione del Quadro europeo
delle qualifiche”, 29-01-2008, Bruxelles). Infine, sia il VQTS sia ExPerO sono centrati sul
learning outcome, seguendo le più recenti indicazioni europee (si veda: “Raccomandazione del
Parlamento Europeo e del Consiglio sulla costituzione del Quadro europeo delle qualifiche per
l’apprendimento permanente”, 29-01-2008, Bruxelles e “Study on the feasibility of an ECVET
system for apprentices” carried out by ANFA and MENESR, Final Report to the European
Commission, 02-02-2007). Tutte queste condizioni portano alla possibilità - progettata in
Expero2EU - di integrare gli strumenti elaborati dal VQTS per misurare le competenze e i crediti
all’interno dell’indicatore QC di ExPerO. Ciò permetterà di avere un’analisi accurata sul learning
outcome, definendolo così in termini di Competenze, Crediti e Qualità (CCQ).
Per permettere la valutazione di Qualità, Crediti e Competenze del risultato d’apprendimento,
Expero2EU ha previsto la creazione di un primo circolo critico di valutazione europeo di istituti
HTE relativi al settore meccatronico (ciò in quanto il progetto VQTS ha elaborato una matrice
delle competenze relativa elusivamente all’area meccatronica). Tali scuole, simili per
competenze, applicheranno il modello ExPerO per valutare – in maniera circolare e riconosciuta la propria qualità del risultato dei processi di insegnamento/ apprendimento e, proprio in base a
questo ponte sul learning outcome, potranno riconoscersi mutuamente anche crediti e
competenze. Dal momento che la “qualifica” è il riconoscimento ufficiale dato da un ente di
formazione del bagaglio di competenze acquisite in seguito alla frequenza di un percorso
formativo (“Towards a European qualifications framework for lifelong learning”, Commission of
the European Communities, 08 luglio 2005, Bruxelles), allora – essendo gli HTE del circolo critico
di valutazione degli enti competenti in materia – vi potrà essere anche un reciproco
riconoscimento di competenze, identificate attraverso il meta-framework EQF. A questo punto,
quindi, il progetto Expero2EU sarà in grado di fornire una valutazione su Crediti, Competenze e
Qualità (CCQ).
Secondo la progettualità proposta, inoltre, ExPerO sarà accreditato come standard a livello
europeo; ciò darà modo di poter fornire delle certificazioni ufficiali agli istituti HTE (CQQ ExPerO
certification). Ogni istituto HTE potrà, così, attraverso Expero2EU, testare la qualità del suo
learning outcome e stabilire crediti e competenze interscambiabili a livello europeo.
Grazie alla fase di diffusione e valorizzazione prevista e a causa della contemporanea mancanza
a livello europeo di questa certificazione, si può prevedere che ExPerO CQQ avrà un forte
impatto che perdurerà e si amplificherà dopo la chiusura del progetto. ExPerO CQQ, difatti, come
standard accreditato, potrà essere applicato per certificare gli istituti HTE meccatronica e non.
Questo accreditamento, come è stato già detto, avverrà tramite una commistione di auto ed
etero valutazione che prenderà luogo nel circolo critico di valutazione.
Il primo circolo critico di valutazione incentrato sugli HTE meccatronici si svilupperà durante
Expero2EU e, vista la sua componente sperimentale, sarà supervisionato dai partner di ricerca,
che diventeranno i referenti di ogni indicatore del modello ExPerO (P1 Quality Image (QI), P2
l’indicatore Satisfaction of Results (SR), P6 Quality of Competencies (QC); in QR: P2 meeting to
future needs, P6 Credit system e Competences, alla luce della matrice VQTS, P13 Emploiability e
Drop-out). Anche dopo la chiusura del progetto, però, il circolo critico di valutazione potrà
perdurare e allargarsi a nuovi istituti che erogano corsi HTE per meccatronico. Le scuole partner
di Expero2EU, forti della loro esperienza, saranno motivate a continuare la valutazione per un
continuo processo di miglioramento e coinvolgimento degli stakeholder. I nuovi istituti HTE
meccatronici che desidereranno essere accreditati entreranno nel circolo e apprenderanno le
modalità di realizzazione della diagnosi ExPerO a partire dai dispositivi formativo-informativi
disponibili nel portale web, per alcuni anni dopo la fine del progetto. Inoltre, quanti si dimostrino
interessati ad implementare il modello potranno mettersi in contatto coni membri dei GQ delle
scuole che l’hanno già sperimentato e che perdurano nel circolo critico di valutazione.
Se da un lato, gli istituti che erogano corsi per meccatoronici potranno inserirsi nel circolo di
valutazione, dall’altro è anche prevedibile il costituirsi di nuovi circoli critici specializzati in altre
qualifiche (settore moda, elettronico, etc.). Inoltre, qualsiasi Istituto erogante corsi IFTS, anche
al di fuori del circolo cirtico, potrà richiedere la certificazione della propria scuola, dimostrando le
modalità di applicazione del modello ExPerO e richiedendo un audits. L’attratività di tale
certificazione da parte di nuove scuole dipende dal livello di diffusione di ExPerO in Europa, oltre
che in Italia. L’inserimento nel partnerariato di reti scuole europee facilita la sua diffusione in
Europa, mentre la presentazione del progetto ad enti politici ed istituzionali italiani e la
14/03/2008 01:21:00 PM
69
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
considerevole rappresentanza di scuole italiane nel partnerariato, sono le basi per assicurare una
più ampia diffusione nazionale.
Un ulteriore obiettivo di Expero2EU è plasmato sulla “Recommendation 2001/166/EC of the
European Parliament and of the Council of 12 February 2001 on European cooperation with
regard to the qualitative assessment of school education [Official Journal L 60 of 01.03.2001]”.
Questa raccomandazione invita alla creazione di un database Internet finalizzato alla diffusione
di “best practices” relative alla valutazione della qualità del sistema scolastico europeo. In
Expero2EU abbiamo quindi previsto di riprendere il “database per la gestione delle divergenze”
del modello ExPerO e di rinominarlo “Troubleshooting Knowledgebase” (TKB). Tale strumento,
essendo dinamico, resterà a disposizione anche dopo la fine del progetto Expero2EU. Sarà infatti
possibile inserirvi le “best practices” derivanti dai nuovi istituti HTE certificati attraverso il CQQ
ExPerO Certification, in modo continuativo ed arricchente. Gli istituti HTE meccatronici avranno
quindi la possibilità di avere un database europeo aggiornato e aggiornabile in termini di “best
practices”. Infine, ricordiamo che P1 realizzerà un social network on-line in cui tutte le scuole
saranno tenute ad iscrivere loro ed i loro stakeholder. Tale social network - finalizzato alla
comunicazione globale - prevede la possibilità per ogni soggetto di mettersi in contatto con
qualunque altro membro. Ciò perdurerà anche oltre la fine del progetto, dando la possibilità di
creare un grande social network europeo rivolto esclusivamente alle scuole HTE meccatroniche
certificate.
Tale strumento permetterà una condivisione esponenziale tra le reti degli
stakeholder, dando vita, così, a comunicazioni sempre più fitte non solo tra ogni scuola e i suoi
stakeholder, ma anche tra ogni scuola e le altre scuole e tra ogni stakeholder e gli altri
stakeholder su scala europea.
14/03/2008 01:21:00 PM
70
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Targets:
Vocational Field
Level
Economic sector
Expected number of people addressed
521-522-523-214
ISCED 3-4VOC
C28- -C33- P85.41
16 partner:
8 partner di ricerca, 3 SP-D e 5 SP-N.
Ogni SP-D + P4 esporranno il progetto ad un
network di altre scuole.
Ogni Sp-N coinvolgerà come stakeholder:
Insegnati, amministrativi, tutor:10 -12
Studenti: 10
Studenti diversamente abili: 10 (se presenti)
Studenti potenziali: 10
Genitori o associazioni degli studenti
diversamente abili: 3
Aziende : 3
Associazioni industriali: 2
Università:1
Ogni
Sp
contatta
un
ente
politico
istituzionale.
Contatti piattaforma web e newsletter
14/03/2008 01:21:00 PM
71
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
9. BUDGET
Please complete the excel spreadsheet with the detailed Financial Table (available on your National Agency web-site) and attach it to the application.
Then fill in the below tables which will be based upon the calculation in the budget excel sheet. Under section 10.2 please add new rows according to the
number of partners. Section 10.3 is the sum of section 10.1 and 10.2.
10.1 Budget (Applicant)
Estimated costs
Funding
Applicant3
Total
Staff
Travel and
subsistence
Subcontracting
Other4
Total
Direct
Costs
Subtotal:
Indirect
costs
Malignani
38.120
10.319
5.700
4.300
58439
4.400
Total
costs:
Community
Grant
requested
%
Other
funding
Total Funding
62.839
45.000
71.61%
17.839
62.839
3
The applicant csponds to "Partner 0" in the excel tables.
4
"Other costs" are the0 sum of the costs for "equipment" and "other costs". This will be automatically calculated in the summary sheet of the excel table.
26/01/2009 23:29:12
72
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
10.2 Budget (Partners)
Estimated costs
Partner
number
Total
Staff
Travel and
subsistence
11701
Subcontracting
Other4
Total
Direct
Costs
4600
68671
4600
Total
costs:
Community
Grant requested
73271
50000
Other
funding
%
68.24
23271
Total Funding
1- Units
50670
2 –Uwasa
9240
5188
0
1160
15588
1100
16688
11000
65.92
5688
16688
3 –ARE
26010
5223
4000
1460
36693
2200
38893
26500
68.14
12393
38893
4 – CECE
9830
4340
1000
1410
16580
1500
18080
11000
60.84
7080
18080
5 – VES
7335
2070
2500
1160
13065
1000
14065
9000
63.99
5065
14065
6 – 3S
13845
5654
0
1360
20859
1700
22559
17000
75.36
5559
22559
7 –ASP
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
8 – CISL
2150
1790
0
0
3940
250
4190
2500
59.67
1690
4190
9 – BUZZI
14820
4494
3500
1660
24474
1300
25774
15500
60.14
10274
25774
26/01/2009 23:29:12
1700
Funding
Subtotal:
Indirect
costs
73271
73
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
10 –
MARCONI
4110
1790
0
300
6200
400
6600
4000
60.61
2600
6600
11 – IMBK
4295
9555
4300
1360
19510
1500
21010
15500
73.77
5510
21010
12 – Syntra
30560
10035
6000
1560
48155
2500
50655
30000
59.22
20655
50655
13 – SEAL
23876
9735
3700
1360
38671
2200
40871
22000
53.83
18871
40871
14 –
MONZA
16210
8885
3700
1360
30155
1700
31855
20000
62.78
11855
31855
15 FLORIDA
19000
6170
3700
1360
30230
2200
32430
21000
64.75
11430
32430
10.3 Budget (Total)
Estimated costs
Funding
Total
Staff
Travel and
subsistence
Subcontracting
Other4
Total
Direct
Costs
459780
270071
96949
39800
24410
431230
26/01/2009 23:29:12
Sub-total:
Indirect
costs
28550
Total
costs:
Community
Grant
requested
%
Other
funding
Total
Funding
459780
300000
65.25
159780
459780
74
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
10.4
DETAILS
OF BUDGET CALCULATION
.
Limit 30 lines
Tutti i costi sono stati attribuiti alle varie fasi di progetto in funzione della durata e
delle attività previste in ciascuna di queste.
Sono stati imputati i costi relativi alle varie figure:Staff, Travel e subcontracting sulla
base di calcoli derivanti dal analisi specifiche di costo fornite da ciascun partner per
quanto riguarda le spese di personale; in base a ricerche specifiche per i viaggi mentre
per quanto concerne i subsistence costs sono stati applicati i massimali consentiti
come da istruzioni amministrativo contabili. Infine per quanto riguarda i subcontratti
sono stati verificati i costi relativi consultando i singoli partner.
L’importo totale di progetto è il risultato di una puntuale analisi dei costi in termini di
risorse umane e materiali di tutte le attività previste e dei prodotti finali. Non potendo
superare il tetto massimo di contribuzione di Euro 300.000,00 ogni partner si è fatto
carico della copertura con fondi propri della parte restante. Si specifica infine che il
contributo comunitario richiesto è pari al 65.25% del totale.
26/01/2009 23:29:12
75
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
10. ANNEXES
11.1 DETAILED FINANCIAL
TABLE
The detailed excel budget with the Financial Table should be filled in and attached the
application. The excel table will be available from the website of the National Agencies.
11.2 INSTRUCTION FINANCIAL TABLE
Please read carefully the section in the Guide for Applicants 2008 with particular
reference to the Administrative and Financial rules available from the website of the
National Agencies.
A user-guide for how to fill in the Financial Tables will also be available from the
National Agencies.
Table 1: Maximum eligible daily rates for Staff costs
Country
Belgique/Belgie – BE
Balgarija- BG
Ceska Republika – CZ
Danmark – DK
Deutschland – DE
Eesti – EE
Ellas – EL
Espana –ES
France – FR
Eire/Ireland – IE
Italia – IT
Kypros – CY
Latvija – LV
Lietuva – LT
Luxembourg – LU
Magyarorszag – HU
Malta – MT
Nederland – NL
Oesterreich – AT
Polska – PL
Portugal – PT
Romania- RO
Slovenija –SI
Slovensko –SK
Suomi – FI
Sverige – SE
United Kingdom – UK
Island – IS
Liechtenstein – LI
Norge – NO
Türkiye – TR
26/01/2009 23:29:12
Manager
376
79
144
489
363
117
267
295
424
479
568
304
131
103
493
141
129
381
419
161
183
155
252
133
361
505
469
435
395
553
193
Researcher
Teacher
Trainer
321
71
144
419
315
107
228
265
359
417
332
267
107
88
423
123
117
333
323
133
161
119
227
119
259
432
443
396
324
480
123
Technical
260
55
104
341
253
75
187
204
235
348
225
165
85
67
343
93
91
264
240
103
119
93
183
95
213
355
311
341
251
392
81
Administrative
203
37
75
267
195
53
145
143
179
255
187
113
57
47
267
53
65
207
199
75
79
59
115
77
179
273
224
219
199
296
52
76
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
Table 2: Maximum eligible daily rates for Subsistence costs
Country
Belgique/Belgie - BE
Balgarija- BG
Ceska Republika - CZ
Danmark - DK
Deutschland - DE
Eesti - EE
Ellas - EL
Espana -ES
France - FR
Eire/Ireland - IE
Italia - IT
Kypros - CY
Latvija - LV
Lietuva - LT
Luxembourg - LU
Magyarorszag - HU
Malta - MT
Nederland - NL
Oesterreich - AT
Polska - PL
Portugal - PT
Romania- RO
Slovenija -SI
Slovensko -SK
Suomi - FI
Sverige - SE
United Kingdom - UK
Island - IS
Liechtenstein - LI
Norge - NO
Türkiye - TR
26/01/2009 23:29:12
Daily rate
279
179
238
385
279
222
260
285
330
340
314
255
214
211
279
213
253
307
297
214
256
181
242
246
325
321
389
320
336
388
208
77
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
11.3 LETTER
OF
INTENT
Partner organisations must provide letters of intent on their own official paper.
The letter must not be hand-written and it must indicate:

the title of the proposal

reference to project objective

a brief description of the partner's role

the partner’s financial undertaking.
It must bear:

the date

the original signature of an authorised person and her/his position within the
organisation
For eligibility purposes, proposals must include letters of intent from the obligatory
minimum number of Reference Tables
The tables below should be used when filling in the 2008 application form.
Whenever a field in the application form refers to a table, the options available
for filling the field can be found in the tables below.
Please type in both, the code and the description, in order to avoid later
misunderstanding.
A – Partner Role
Code
Role in the project
Description
CO-APP
Applicant co-ordinator
CO-MAN
Management co-ordinator
Organisation that submits and is legally responsible for the
proposal. Becomes "Beneficiary" in the event of a
successful application
If coordinator is different from the Applicant institution
PA
Partner
Any participant in a multi-partner LLP action
B – Educational Level
Description
ISCED 2PV
Lower secondary or second stage of basic education - level 2 - pre-vocational programmes
ISCED 2VOC
Lower secondary or second stage of basic education - level 2 - vocational programmes
ISCED 2GPV
ISCED 2VPV
Lower secondary or second stage of basic education - level 2 - general and pre-vocational
programmes
Lower secondary or second stage of basic education - level 2 - pre-vocational and vocational
programmes
ISCED 2A
Lower secondary programmes designed for direct access to level 3, in a sequence which
would ultimately lead to tertiary education (i.e. entrance to ISCED 3A or 3B)
ISCED 2B
Lower secondary programmes designed for direct access to level 3C
ISCED 2C
Lower secondary programmes designed for direct access to the labour market
ISCED 3-4
Upper secondary and post-secondary non-tertiary education - levels 3-4
ISCED 3-4VOC
Upper secondary and post-secondary non-tertiary education - levels 3-4 - vocational
programmes
ISCED 3PV
Upper secondary education - level 3 - pre-vocational programmes
ISCED 3VOC
Upper secondary education - level 3 - vocational programmes
ISCED 3GPV
Upper secondary education - level 3 - general and pre-vocational programmes
26/01/2009 23:29:13
78
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
ISCED 3VPV
Upper secondary education - level 3 - pre-vocational and vocational programmes
ISCED 3VPVSCH
ISCED 3VPVWRK
ISCED 4PV
Upper secondary education - level 3 - pre-vocational and vocational programmes - school
based
Upper secondary education - level 3 - pre-vocational and vocational programmes - work
based
Post-secondary non-tertiary education - level 4 - pre-vocational programmes
ISCED 4VOC
Post-secondary non-tertiary education - level 4 - vocational programmes
ISCED 4GPV
Post-secondary non-tertiary education - level 4 - general and pre-vocational programmes
ISCED 4VPV
Post-secondary non-tertiary education - level 4 - pre-vocational and vocational programmes
ISCED
SCH
ISCED
WRK
Post-secondary non-tertiary education - level 4 - pre-vocational and vocational programmes
- school based
Post-secondary non-tertiary education - level 4 - pre-vocational and vocational programmes
- work based
4VPV4VPV-
ISCED 4A-B
Post-secondary non-tertiary designed to provide direct access to level 5
C – Educational Fields
Isced
Description
0
General Programmes
1010
Basic programmes
08
Literacy and numeracy
1
Education
141
Teaching and training
142
Education science
2
Humanities and Arts
211
Fine arts
212
Music and performing arts
213
Audio-visual techniques and media production
214
Design (Graphic Design, Industrial Design, Fashion, Textile) ERA-03.5
215
Craft skills
221
Religion
222
Languages and Philological Sciences ERA-09.0
223
Mother tongue
224
History, philosophy and related subjects
227
Theology ERA-08.2
3
Social sciences, Business and Law
31
Social and behavioural science
321
Journalism and reporting
322
Library, information, archive
341
Wholesale and retail sales
342
Marketing and Sales Management ERA-04.7
343
Finance, banking, insurance
344
Accounting and taxation
345
Management and administration
3452
Tourism, Catering, Hotel Management ERA-04.4
346
Secretarial and office work
347
Working life
38
Law
4
Science, Mathematics and Computing
42
Life science
421
Biology and biochemistry
440
Physical science (broad programmes)
26/01/2009 23:29:13
ERA-05.0
ERA-05.1
ERA-03.1
ERA-03.4
ERA-08.3
ERA-15.1
ERA-15.4
ERA-04.3
ERA-04.6
ERA-13.0
ERA-13.1
79
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
46
Mathematics and statistics
481
Computer science
ERA-11.0
482
Computer use
5
Engineering, Manufacturing and Construction
521
Mechanics and metal work
522
Electricity and energy
523
Electronics and automation
524
Chemical and process
525
Motor vehicles, ships and aircraft
541
Food processing
542
Textiles, clothes, footwear, leather
543
Materials (wood, paper, plastic, glass)
544
Mining and extraction
581
Architecture and town planning
582
Building and civil engineering
6
Agriculture and Veterinary
621
Crop and livestock production
622
Horticulture
623
Forestry
ERA-01.6
624
Fisheries
ERA-01.5
64
Veterinary
7
Health and Welfare
721
Medicine ERA-12.1
7213
Medical Technology ERA-12.8
722
Medical services
723
Nursing, Midwifery, Physiotherapy ERA-12.6
724
Dental studies
726
Therapy and rehabilitation
761
Child care and youth services
762
Social work and counselling
8
Services
811
Hotel, restaurant and catering
812
Travel, tourism and leisure
813
Sports
814
Domestic services
815
Hair and beauty services
84
Transport services
850
Environmental protection (broad programmes)
861
Protection of persons and property
862
Occupational health and safety
863
Military and defence
ERA-06.1
ERA-06.2
Era-06.5
ERA-06.3
ERA-02.0
ERA-06.4
ERA-01.4
ERA-12.3
D – Type of Organisation
Code
Description
ASC-PAR
Parents' Association
ASC-TCH
Teachers' Association
ASC-TRNee
Trainees' Association
ASC-VET
VET providers Assocaitions
CONS-GUID
Centre for vocational guidance and counselling
CONS-INF
Body providing guidance and information on Lifelong Learning
26/01/2009 23:29:13
80
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
EDU-COMP
Company training department
EDU-SCHNur
Pre-primary school
EDU-SCHVoc
Vocational secondary school
EDU-SpNeed
Establishment for learners/pupils with special needs
EDU-VET
Vocational training centre or organisation
ENT-BC
Broadcasting company
ENT-CHCom
Chamber of Commerce
ENT-CHCrft
Chamber of crafts
ENT-CHInd
Chambers of Industry
ENT-COMPSer
Company (services)
ENT-FIN
Financing bodies
ENT-LARGE
Enterprise large (> 500 employees)
ENT-PBL
Publisher
ENT-PROFS
Professional Associations
ENT-SME
SME
ENT-TRD
Trade organisations
ENT-UNION
Social partners (trade unions, etc)
ENT-LARGE
Large enterprise
NFP-ASC
Non-profit Association
NFP-CULT
Cultural organisation (e.g. museum, art gallery)
NFP-FND
Foundation
NFP-NGO
Non-governmental organisation ("NGO")
NFP-VOL
Voluntary body
OTH
Other
PUB-COMP
Private company
PUB-HSP
Hospital
PUB-LOC
Public authority (local)
PUB-NAT
Public authority (national)
PUB-PRSN
Prison
PUB-REG
Public authority (regional)
RES-HE
HE Research centres
RES-PRV
Private Research Centres
RES-PUB
Public Research Centres (not HE)
E – Economic Sector (NACE)
Description
AGRICULTURE, FORESTRY AND FISHING
A1
Crop and animal production, hunting and related service activities
A2
Forestry and logging
A3
Fishing and aquaculture
B
MINING AND QUARRYING
B5
Mining of coal and lignite
B6
Extraction of crude petroleum and natural gas
B7
Mining of metal ores
B8
Other mining and quarrying
B9
Mining support service activities
C
MANUFACTURING
C 10
Manufacture of food products
C 11
Manufacture of beverages
26/01/2009 23:29:13
81
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
C 12
Manufacture of tobacco products
C 13
Manufacture of textiles
C 14
Manufacture of wearing apparel
C 15
Manufacture of leather and related products
C 16
C 17
Manufacture of wood and of products of wood and cork, except furniture; manufacture of articles
of straw and plaiting materials
Manufacture of paper and paper products
C 18
Printing and reproduction of recorded media
C 19
Manufacture of coke and refined petroleum products
C 20
Manufacture of chemicals and chemical products
C 21
Manufacture of basic pharmaceutical products and pharmaceutical preparations
C 22
Manufacture of rubber and plastic products
C 23
Manufacture of other non-metallic mineral products
C 24
Manufacture of basic metals
C 25
Manufacture of fabricated metal products, except machinery and equipment
C 26
Manufacture of computer, electronic and optical products
C 27
Manufacture of electrical equipment
C 28
Manufacture of machinery and equipment n.e.c.
C 29
Manufacture of motor vehicles, trailers and semi-trailers
C 30
Manufacture of other transport equipment
C 31
Manufacture of furniture
C 32
Other manufacturing
C 33
Repair and installation of machinery and equipment
D
D 35
ELECTRICITY, GAS, STEAM AND AIR CONDITIONING SUPPLY
Electricity, gas, steam and air conditioning supply
E
E 36
WATER SUPPLY; SEWERAGE, WASTE MANAGEMENT AND REMEDIATION ACTIVITIES
Water collection, treatment and supply
E 37
Sewerage
E 38
Waste collection, treatment and disposal activities; materials recovery
E 39
Remediation activities and other waste management services
F
CONSTRUCTION
F 41
Construction of buildings
F 42
Civil engineering
F 43
Specialized construction activities
G
G 45
G 46
WHOLESALE AND RETAIL TRADE; REPAIR OF MOTOR VEHICLES AND MOTORCYCLES
Wholesale and retail trade and repair of motor vehicles and motorcycles
Wholesale trade, except of motor vehicles and motorcycles
G 47
Retail trade, except of motor vehicles and motorcycles
H
TRANSPORTATION AND STORAGE
H 49
Land transport and transport via pipelines
H 50
Water transport
H 51
Air transport
H 52
Warehousing and support activities for transportation
H 53
Postal and courier activities
I
ACCOMMODATION AND FOOD SERVICE ACTIVITIES
I 55
Accommodation
I 56
Food and beverage service activities
J
INFORMATION AND COMMUNICATION
J 58
Publishing activities
J 59
J 60
Motion picture, video and television programme production, sound recording and music
publishing activities
Programming and broadcasting activities
J 61
Telecommunications
26/01/2009 23:29:13
82
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
J 62
Information technology service activities
J 63
Information service activities
K
FINANCIAL AND INSURANCE ACTIVITIES
K 64
Financial intermediation, except insurance and pension funding
K 65
Insurance, reinsurance and pension funding, except compulsory social security
K 66
Other financial activities
L
REAL ESTATE ACTIVITIES
L 68
Real estate activities
M
PROFESSIONAL, SCIENTIFIC AND TECHNICAL ACTIVITIES
M 69
Legal and accounting activities
M 70
Activities of head offices; management consultancy activities
M 71
M 72
Architectural and engineering activities; technical testing and analysis
Scientific research and development
M 73
Advertising and market research
M 74
Other professional, scientific and technical activities
M 75
Veterinary activities
N
ADMINISTRATIVE AND SUPPORT SERVICE ACTIVITIES
N 77
Rental and leasing activities
N 78
Employment activities
N 79
Travel agency, tour operator and other reservation service and related activities
N 80
Security and investigation activities
N 81
Services to buildings and landscape activities
N 82
O
O 84
Office administrative, office support and other business support activities
PUBLIC ADMINISTRATION AND DEFENCE; COMPULSORY SOCIAL SECURITY
Public administration and defence; compulsory social security
P
EDUCATION
P 85
Education
P 85.1
Pre-primary education
P 85.10
Pre-primary education
P 85.2
Primary education
P 85.20
Primary education
P 85.3
Secondary education
P 85.31
General secondary education
P 85.32
Technical and vocational secondary education
P 85.4
Higher education
P 85.41
Post-secondary non-tertiary education
P 85.42
Tertiary education
P 85.5
Other education
P 85.51
Sports and recreation education
P 85.52
Cultural education
P 85.53
Driving school activities
P 85.59
Other education n.e.c.
P 85.6
Educational support activities
P 85.60
Q
Educational support activities
HUMAN HEALTH AND SOCIAL WORK ACTIVITIES
Q 86
Human health activities
Q 87
Residential care activities
Q 88
Social work activities without accommodation
R
ARTS, ENTERTAINMENT AND RECREATION
R 90
Creative, arts and entertainment activities
R 91
Libraries, archives, museums and other cultural activities
R 92
Gambling and betting activities
26/01/2009 23:29:13
83
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
R 93
Sports activities and amusement and recreation activities
S
OTHER SERVICE ACTIVITIES
S 94
Activities of membership organizations
S 95
Repair of computers and personal and household goods
S 96
Other personal service activities
T
T 97
ACTIVITIES OF HOUSEHOLDS AS EMPLOYERS; UNDIFFERENTIATED GOODS- AND
SERVICES-PRODUCING ACTIVITIES OF HOUSEHOLDS FOR OWN USE
Activities of households as employers of domestic personnel
T 98
Undifferentiated goods- and services-producing activities of private households for own use
U
ACTIVITIES OF EXTRATERRITORIAL ORGANIZATIONS AND BODIES
U 99
Activities of extraterritorial organizations and bodies
F – Geographical Scope
Local
Regional
National
European
International
G – Organisational Size
S1
1 to 20
S2
21 to 50
S3
51 to 250
S4
251 to 500
S5
501 to 2.000
S6
2.001 to 5.000
S7
more than 5.000
H – Country
Austria
Lithuania
Belgium
Luxembourg
Bulgaria
Latvia
Cyprus
Malta
Czech Republic
Netherlands
Germany
Poland
Denmark
Portugal
Estonia
Romania
Spain
Sweden
Finland
Slovenia
France
Slovakia
United Kingdom
Turkey
Greece
Iceland
Hungary
Liechtenstein
Ireland
Norway
Italy
26/01/2009 23:29:13
84
LEONARDO DA VINCI
Transfer of Innovation
I – Language
Bulgarian
Czech
Danish
German
English
Estonian
Finnish
Dutch
Irish
Icelandic
Greek
Hungarian
Italian
Latvian
Lithuanian
Maltese
Norwegian
Dutch; Flemish
Polish
Portuguese
Romanian
Slovak
Slovenian
Spanish; Castilian
Swedish
Turkish
Other
26/01/2009 23:29:13
85

Documenti analoghi