è previsto per ogni figlio nato o adottato tra il 1° gennaio - CISS-AC

Transcript

è previsto per ogni figlio nato o adottato tra il 1° gennaio - CISS-AC
ASSEGNO NATALITA’ (BONUS BEBE’): è previsto per ogni figlio nato o adottato tra il 1°
gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017. L’importo annuo è pari a 960 euro, da corrispondere
mensilmente (80 euro), a condizione che il nucleo familiare sia in una situazione economica
corrispondente ad un valore dell’ISEE non superiore ai 25.000 euro annui. Se l’ISEE non supera i
7.000 euro annui l’importo è raddoppiato (160 euro al mese). La domanda può essere compilata
online sul sito dell’INPS, oppure rivolgendosi al CAF e deve essere presentata entro 3 mesi dalla
nascita. (necessario ISEE nuovo).
ASSEGNO MATERNITA’: la domanda deve essere presentata al Comune di residenza entro 6
mesi dalla nascita del bambino o dall'effettivo ingresso del minore in famiglia nel caso di adozione
o affidamento (l'assegno di maternità può essere erogato alle madri extracomunitarie che, entro 6
mesi dalla nascita del bambino, presentano tutta la documentazione richiesta, compreso il
permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo). La madre non deve percepire alcuna
indennità previdenziale. Per quanto concerne l’assegno mensile di maternità spettante per cinque
mensilità per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento avvenuti dal 1°
gennaio 2015 al 31 dicembre 2015, l’importo è di 338,89 euro nella misura intera (1.694,45 euro
totali). Il valore dell’ISEE non deve essere superiore ai 16.954,95 euro.
N.B. bonus bebè e assegno di maternità uno non esclude l’altro.
ASSEGNO TERZO FIGLIO: la fruizione di tale beneficio, può essere richiesto ogni anno. La
domanda va presentata presso il Comune di residenza entro il mese di gennaio dell’anno
successivo a quello per il quale viene richiesto l’assegno, quindi entro il 31 gennaio 2016 per la
domanda assegno terzo figlio INPS 2015, e per la domanda assegno terzo figlio INPS 2016 va
presentata entro il 31 gennaio 2017. Per avere diritto all’assegno per il nucleo familiare è
necessario che il nucleo sia composto da almeno un genitore con 3 o più figli, tutti di età inferiore
agli anni 18. L’assegno per il nucleo familiare per l’anno 2015 è pari ad euro 1836,90 totali, erogati
in 13 mensilità dall’importo di euro 141,30 ciascuna. Per fruire dell’assegno terzo figlio 2016
l’importo dell’ISEE non può superare i 25.000 euro all’anno.
BONUS LUCE E GAS: hanno diritto a usufruire dell’agevolazione quei clienti domestici che
utilizzano gas naturale con un contratto di fornitura diretto o con un impianto condominiale se il
loro indicatore ISEE non è superiore a 7.500 euro. Nel caso di famiglie numerose (con più di 3 figli
a carico), l’ISEE non deve invece superare i 20.000 euro. Le domande devono essere presentate al
comune o presso gli uffici CAF convenzionati con il Comune.
1
BONUS ACQUA: Le famiglie con parametro ISEE minore o uguale a 12.000 euro, possono
beneficiare di un bonus sulla bolletta dell'acqua. La richiesta per poter fruire dell’agevolazione nel
2015 va presentata entro il 31 dicembre 2015 ed ha validità di 1 anno. Se l’agevolazione sarà
confermata anche per il 2016 per il prossimo anno la scadenza della presentazione domanda è
fissata al 31 dicembre 2016. COME RICHIEDERE L’AGEVOLAZIONE: la richiesta può essere
presentata con una delle seguenti modalità:
A) dall’utente, sia intestatario di singola utenza sia facente parte di utenza condominiale;
B) da soggetti pubblici.
I moduli di richiesta sono disponibili presso gli uffici aperti al pubblico di SMAT S.p.A. e sul sito
Internet www.smatorino.it . La richiesta va presentata in forma cartacea a SMAT S.p.A. per posta,
fax (fax n° 011.4365575), per consegna diretta ovvero all’indirizzo e-mail [email protected]
CONTRIBUTO AFFITTO REGIONALE: Le domande devono essere presentate presso il
comune solamente quando vi è il bando. Beneficiari: Cittadini residenti in Piemonte, titolari di un
contratto di locazione regolarmente registrato per un immobile ad uso abitativo. Per i cittadini di
Stati non appartenenti all’Unione Europea è, inoltre, richiesta la residenza in Piemonte da almeno
5 anni o in Italia da almeno 10 anni. Requisiti di accesso: ISEE in corso di validità non superiore a €
6.241,67 e incidenza del canone dovuto e corrisposto sull’ISEE superiore al 50%. Ammontare dei
contributi: Il contributo teorico è costituito dalla somma occorrente per abbattere il rapporto
canone/ISEE al 50% e non può, in ogni caso, essere superiore a 3.000 €.
In relazione all’ISEE dei richiedenti, il contributo teorico è riconosciuto nelle seguenti misure: 100%
per ISEE fino a € 4.000,00, 75% per ISEE tra € 4.000,01 e € 5.000,00, 50% per ISEE tra € 5.000,01 e €
6.241,67.
CONTRIBUTO MATERIALE SCOLASTICO: Le domande devono essere presentate on line
sul sito della Regione solamente quando vi è il bando. Usufruisce del 100% dell’importo standard
(diversificato per ordine e grado di scuola) chi è nella fascia ISEE fino a 5mila euro (compresi), del
90% chi è nella fascia ISEE tra 5000 e 7.000 euro, dell’80% chi appartiene alla fascia ISEE da 7.000 a
9.000 e dell’importo minimo del 70% chi fa parte della fascia ISEE da 9.000 a 15.000 euro.
PENSIONE SOCIALE (ASSEGNO SOCIALE ): Per ottenere l’assegno è necessario avere i
seguenti requisiti: 65 anni e 7 mesi di età, ai cittadini italiani sono stati equiparati i cittadini
comunitari e quelli extra-comunitari in possesso della carta di soggiorno solo se residenti in Italia.
Questi soggetti devono però dimostrare di avere soggiornato legalmente in Italia ed in via
continuativa da almeno 10 anni. Per avere diritto all'assegno, il cui valore nel 2016 è pari a 448
euro al mese per 13 mensilità, è necessario altresì essere in condizione di bisogno economico,
cioè avere redditi personali o coniugali inferiore ad una determinata soglia rilevata ogni anno
dall'Inps. Per il 2016 i limiti di reddito personali previsionali sono pari ad € 5.824,91 annui mentre
quelli coniugali sono pari a 11.649,82 euro annui. E’ concesso con carattere di provvisorietà e la
verifica del possesso dei requisiti reddituali e di effettiva residenza viene fatta annualmente.
2
INTEGRAZIONI SOCIALI PENSIONI MINIME: se l’importo della pensione è inferiore al
minimo INPS si può ottenere l’integrazione, che spetta secondo precisi requisiti di reddito
personale, di reddito coniugale (del titolare dell’assegno più quello del coniuge) in caso di soggetti
coniugati. L’importo della pensione minima INPS per il 2016 è di 501,89 euro.
ASSEGNO DI INABILITA’ (ASSEGNO ORDINARIO DI INVALIDITÀ): Per ottenere l’assegno è
richiesta la riduzione della capacità lavorativa a meno di un terzo a causa di infermità o difetto
fisico o mentale, e almeno cinque anni di contribuzione e assicurazione, di cui tre anni di
contribuzione e assicurazione nel quinquennio precedente la data di presentazione della
domanda. Hanno diritto all'assegno di invalidità i lavoratori: dipendenti, autonomi. Non è
richiesta la cessazione dell’attività lavorativa. L’assegno è concesso anche ai soggetti disoccupati
che NON usufruiscono dell’indennità di disoccupazione, in quest’ultimo caso il soggetto è libero
di scegliere il trattamento più conveniente.
3

Documenti analoghi