calibro 35 “said”

Transcript

calibro 35 “said”
 CALIBRO 35 “SAID” C O L O N N A S O N O R A O R I G I N A L E Digital in uscita il 19 aprile 2013 per Roadhouse e DGP Entertainment Vinile in uscita il 20 aprile, in occasione del Record Store Day 2013, a cura di Tannen Records con distribuzione Audioglobe Sono tornati i Calibro 35. La banda a mano armata composta da Massimo Martellotta, Luca Cavina, Enrico Gabrielli, Fabio Rondanini e Tommaso Colliva si è nascosta per tre giorni negli storici studi romani del Forum Music Village -­‐ fondati da Morricone, Bacalov, Piero Piccioni e Armando Trovajoli -­‐ questa volta per vestire di suoni SAID dei Drop Brothers, un pulp di produzione italo-­‐spagnola tutto mafia e violenza. I Calibro hanno registrato in diretta la colonna sonora di SAID mentre la pellicola scorreva sullo schermo, esattamente come facevano le orchestre per il cinema italiano anni ’60 e ’70. Nasce così questo nuovo album di Calibro, prodotto da Marco Patrignani e Carlo Pontesilli, che verrà pubblicato dalla collaborazione delle etichette Roadhouse e DGP Entertainment, in digitale il 19 aprile e in vinile il 20 aprile in occasione del Record Store Day 2013. L’operazione è completata dalla possibilità di vedere il film in streaming su YT a partire dal 19 aprile. Ritroviamo quindi i nostri impegnati con una sfida in perfetta linea evolutiva con la loro carriera, un passaggio forse obbligato per chi dalle colonne sonore ha attinto tale esplicita fonte di ispirazione, in una dimensione dove il fondante lavoro di composizione di Martellotta e l’improvvisazione collettiva si completano, dato che la band ha suonato tutto il disco dal vivo in studio guardando le immagini del lungometraggio stesso. E ancora una volta Calibro gioca a mischiare i generi mantenendo un’innata coerenza stilistica, supportata da una confidenza tecnica ormai riconosciuta a livello internazionale. Il funk dei Calibro passa dalla densità di “Notte di violenza” alla rarefazione orchestrale di “Tensione”, creando dinoccolati ritratti in musica come in “Tema del Rosso”, modellando atmosfere surf in “Prologo”, sexy-­‐avvolgenti in “Erotismo”, giocando a remixare con fare hip-­‐hop “Sbirri”, sottolineando grandi tramonti col sole che arde la terra in “Città al plasma”. Miles Davis diceva che le ritmiche funk seguono i passi di un pugile sul ring e che il funk e il pugilato sono roba da negri e così i pugni in faccia di “Rissa” portano dritti al knock-­‐out, “Said” ha l'andamento sfacciato e sicuro del protagonista del film, il nero Kassim aka Said, braccio destro di un boss della mafia italiana, il “Tema di Blue” ha la sensualità e la dolcezza di una ragazza bellissima, dal corpo perfetto e gli occhi grandi pieni d'amore, che fa la puttana in strada. Come un abito cucito dal sarto di fiducia, il commento musicale dei Calibro 35 veste i protagonisti, accompagnandoli nei loro grandi contrasti, e come carta da parati scelta dal miglior interior design riempie i luoghi della sua presenza. “Said” è sinestesia pura, crea gli spazi, li dipinge, li arreda, da forma ai night-­‐club fumosi di un non-­‐luogo che potrebbe essere tanto un casinò americano, quanto una bettola per giocatori d'azzardo in Italia, ma partorisce anche i personaggi, gli dona un volto e una storia personale, come in quel “Don Vito”, ritratto in canzone napoletana dei Calibro 35 interpretata da Francesco Forni. “Said” prende gli stilemi della musica per film (e non solo) e li distende, li mescola, li contrae, decide di che colore è l'auto di un ubriacone irlandese, l'interno di una limousine, che odore c'è nella cava dove disfarsi di un cadavere o in una stanza d'albergo piena di sangue. La stessa celesta usata da Morricone ci sorprende in “Risoluzione” e sui titoli di coda il beat italiano degli anni '60 incontra la mala, con l'ospite Manuel Agnelli alla voce in “Ragazzo di strada”, lettura in chiave Calibro del classico de I Corvi. Da parte sua SAID il film vivrà online e gratuitamente su YT: un prodotto in pellicola super 35mm, sviluppo e stampa in Technicolor, un vero film di 90 minuti, una celebrazione contemporanea e di alto livello dei B-­‐movie degli anni ’60 e ’70 -­‐ e delle loro grandi colonne sonore -­‐ riscoperti dal grande pubblico in questi ultimi anni grazie agli omaggi resi su scala globale da Quentin Tarantino. Da venerdì 19 aprile il film sarà in streaming gratuito su YT e la colonna sonora sarà in vendita negli e-­‐store, mentre il vinile sarà nei negozi dal giorno dopo. La versione in vinile è curata da Tannen Records con distribuzione nazionale di Audioglobe. Ufficio stampa: Rossana Savino [email protected] Press page: www.pitbellula.com/artist/calibro-­‐35 CALIBRO 35 -­‐ SAID Colonna sonora originale TRACKLIST DIGITAL TRACKLIST VINILE 01. Said Titoli SIDE A 02. Ragazzo Di Strada (Feat. Manuel Agnelli) 01. Said Titoli 03. Tema Di Blue 02. Ragazzo Di Strada (Feat. Manuel Agnelli) 04. Notte Di Violenza 03. Tema Di Blue 05. Tensione 04. Notte Di Violenza 06. Locale 05. Tensione 07. Don Vito (Feat. Francesco Forni) 06. Locale 08. Prologo 09. Erotismo SIDE B 10. Tema Del Rosso 01. Don Vito (Feat. Francesco Forni) 11. Finale Said 02. Prologo 12. Sbirri! (Remix) 03. Erotismo 13. Risoluzione 04. Tema Del Rosso 14. Sangue Dal Sol Levante 05. Finale Said 15. Sbirri! 06. Sbirri! (Remix) 16. Rissa 07. Risoluzione 17. Città Al Plasma Calibro 35 Massimo Martellotta -­‐ chitarre Enrico Gabrielli -­‐ pianoforte e tastiere Luca Cavina -­‐ chitarra basso Fabio Rondanini -­‐ batteria e percussioni Tommaso Colliva -­‐ suoni e ricerche musicali Ospiti Manuel Agnelli -­‐ voce in “Ragazzo di Strada” Francesco Forni -­‐ voce in “Don Vito” dj Aladyn -­‐ scratches in “Sbirri! (Remix)” Rodrigo D’Erasmo -­‐ violino in “Tensione” Marco Olivi -­‐ beat in “Sbirri! (Remix)” Luciano Macchia -­‐ trombone Raffaele Kohler -­‐ tromba Domenico Mamone -­‐ sax baritono Edizioni Musicali: RoadHouse/DGP Entertainment Brani di: Massimo Martellotta eccetto: “Locale” (Martellotta, Gabrielli, Cavina, Rondanini) “Sbirri! (Remix)” (Martellotta, Gabrielli, Cavina, Rondanini, Colliva ) “Tensione” (Martellotta, Gabrielli, Cavina, Rondanini, Colliva, D’Erasmo) “Erotismo” (Martellotta, Colliva ) “Finale” (Martellotta, Gabrielli ) “Ragazzo di Strada” (testo: Nisa, musica: Mantz, Tucker) “Don Vito” (testo: Francesco Forni, musica: Massimo Martellotta) Ufficio stampa: Rossana Savino [email protected] Press page: www.pitbellula.com/artist/calibro-­‐35 Prodotto da Tommaso Colliva e Calibro 35 Registrato e mixato da Tommaso Colliva presso gli studi Forum Music Village di Roma Assistenti di studio: Gabriele Conti e Davide Palmiotto Masterizzato da Giovanni Versari presso Nautilus Mastering, Milano Una produzione di Marco Patrignani e Carlo Pontesilli per Road House e DGP Entertainment A&R per Tannen Records: Riccardo Orlandi Progetto grafico: Andrea Scarfone DROP BROTHERS I DROP BROTHERS nascono dalla follia creativa di quattro ex-­‐-­‐studenti di cinematografia, che hanno unito le loro potenzialità e le loro professionalità nella creazione di cortometraggi, spot e video. Joseph Lefevre (35 anni, regista) e Leonardo Fiore (36, montatore), si dedicano alla creazione delle sceneggiature; Francisco Gaete (42) e Luca Silvagni (34) sono gli esperti di fotografia. I DROP BROTHERS coniugano tecnica e ricerca di sperimentazione sia per quanto riguarda gli aspetti di regia, che quelli di ripresa e di montaggio. Ciò che qualifica un prodotto DROP BROTHERS è un’estrema cura nel dettaglio, ragione per la quale la squadra si è allargata coinvolgendo nel gruppo professionisti di ogni settore (stylist, effetti speciali, grafici 3d, produttori musicali). Le caratteristiche distintive sono: la scelta del “non-­‐-­‐luogo” come contesto narrativo e la scelta di usare la lingua inglese per la recitazione, il che consente alle opere di avere una maggiore possibilità di apprezzamento anche in contesti internazionali. Attualmente i DROP BROTHERS sono impegnati nella preparazione del secondo lungometraggio dal titolo “Bull Doque”. www.calibro35.net/said Ufficio stampa: Rossana Savino [email protected] Press page: www.pitbellula.com/artist/calibro-­‐35 

Documenti analoghi