CAI MOSSO

Commenti

Transcript

CAI MOSSO
CAI MOSSO
Alpinismo Giovanile - Scuole
Sette anni in Tibet
Il progetto Sette anni in Tibet nasce nel 2002, da un rapporto di collaborazione
tra la scuola secondaria di primo grado “A. Garbaccio” di Mosso, le scuole primarie di Mosso
e Veglio e la commissione di alpinismo giovanile del CAI di Mosso, con il patrocino di enti
e istituzioni locali e del Cai sede Centrale.
Il progetto prende concretamente il via con l’anno scolastico 2003/2004. L’obiettivo è
ambizioso e innovativo nei tempi, nei contenuti e nelle metodologie previste. Il titolo del
famoso libro e film “Sette anni in Tibet” diviene il punto di riferimento ideale per questo
progetto di educazione alla montagna rivolto a bambini e ragazzi
da 9 a 14 anni e che dovrà durare ben 7 anni!
Il programma si sviluppa a ritmi serrati con l'esplorazione di tutte le vallate alpine biellesi,
dalla Valsessera alla Valle Elvo, dal Monte Barone al…Mombarone. Oltre alle uscite e alle
attività svolte in orario scolastico è prevista una corposa parte in tempi extrascolastici, alla
domenica o nel periodo estivo, coinvolgendo anche i genitori e il CAI Mosso.
Siamo giunti quasi a metà del percorso e il cammino fatto ha visto le seguenti tappe:
- 12 escursioni in orario scolastico nel territorio della valle Strona di Mosso
- 12 escursioni in orario scolastico nel territorio dell’Alta Valle Sessera;
- Serata di presentazione del progetto con proiezione sul Tibet da parte del CAI Mosso;
- Realizzazione di una presentazione di Power Point del progetto;
- Concorso per la scelta del logo del progetto e realizzazione di magliette con il logo;
- Svolgimento di due corsi di Alpinismo Giovanile con il CAI Mosso con la partecipazione
di 20-25 alunni;
- Acquisto di materiali (racchette da neve, corda, pale, tende, fornelli, ecc);
- Allestimento della biblioteca della montagna attraverso l’acquisto di libri su tema;
- Organizzazione di due soggiorni alla baita CAI dell’alpe Artignaga tra fine Giugno e inizio
Luglio 2004 e 2005 per un gruppo sperimentale di 12 alunni di scuola media;
- Rappresentazione teatrale in piemontese sull’Om Sarvej a Capomosso;
- Organizzazione di un soggiorno in tenda legato al lavoro dell’uomo in montagna all’alpe
Maccagno con sperimentazione attività pastorale (mungitura, produzione formaggio, ricotta, burro)
- Organizzazione del trekking letterario di tre giorni “Sulle orme di Leone Boccalatte” da
Niel al Rifugio Rivetti, ai Piani di Loo e Gressoney nell’Agosto 2005;
- Realizzazione di tre film sulla montagna e la Resistenza: “La battaglia di Noveis”, “Il Monte
Argimonia è sceso a Mosso”, “La battaglia di Rassa”con partecipazioni a rassegne cinematografiche;
- Visita al Museo Nazionale della Montagna”;
- Organizzazione con il CAI di Mosso di una rassegna su “Montagna e solidarietà” nel 2005;
- Gemellaggio con il villaggio tibetano di Puga e stipula collaborazione con Ass. Italia-Tibet;
- Partecipazione al concorso nazionale “Centomontagne” della Fondazione per la scuola San
Paolo di Torino nel 2005 (P. S.:è stato vinto dalla scuola di Mosso a pari merito con
altre 3 scuole: Pieve Santo Stefano (Fi), Pieve di Teco (Im) e Villar Perosa (To)).
CAI MOSSO
Alpinismo Giovanile - Scuole
Le tappe previste nell’anno scolastico 2005/2006 sono:
1 - Svolgimento di 12 escursioni in orario scolastico in Valle Cervo;
2 - Realizzazione di un film sulle principali imprese alpinistiche e sulle principali montagne
del Mondo;
3 - Realizzazione del IV film sul rapporto tra Resistenza e Montagna;
4 - Organizzazione di incontri con scuole di altre Regioni d’Italia nell’ambito del progetto
concorso “Centomontagne”;
5 - Organizzazione di una iniziativa sullo sviluppo socio-economico delle montagne biellesi;
6 - Organizzazione corso di alpinismo giovanile con il CAI di Mosso;
7 - Organizzazione di un soggiorno in tenda e rifugio alle Selle di Rosazza;
8 - Organizzazione di trekking estivi (Capanna Margherita, Breithorn, GR 20 Corsica);
9 - Iniziative nell’ambito del gemellaggio con il villaggio tibetano di Puga in Ladak;
10- Videoconferenza sul Ladak - esperienze di un viaggio di Maurizio Pichetto
Obiettivo finale
Degna conclusione di un progetto in cui andare in
montagna non significa solo “Camminare in salita”, ma compiere
anche un percorso interiore alla ricerca dell’armonia con se
stessi, con la natura, con il prossimo, sarà nel 2010
una vera spedizione tra le alte vette
Himalayane, “là dove dimorano gli Dei”.