"Resto a casa", progetto di assistenza domiciliare per malati di

Commenti

Transcript

"Resto a casa", progetto di assistenza domiciliare per malati di
"Resto a casa", progetto di assistenza domiciliare per malati di Alzheimer
19/04/16 12:53
"Resto a casa", progetto di assistenza
domiciliare per malati di Alzheimer
Obiettivo migliorare le condizioni di vita dell'ammalato e della persona che lo assiste, abbattendo l'isolamento che affligge
le famiglie
Redazione
16 marzo 2016 12:13
Le immagini del corso
Prosegue il progetto “Resto a casa”, rivolto alle famiglie di malati di Alzheimer. Obiettivo migliorare le condizioni di vita dell’ammalato e della persona che lo assiste,
abbattendo l’isolamento che affligge le famiglie che vivono la dolorosa esperienza di questa patologia. “Resto a casa” è proposto dalla Cooperativa GEA di Macerata, che da
tempo si occupa di questo complesso ambito, con il fondamentale contributo della Fondazione Cariverona. Patrocinato dalla Regione Marche e dal Comune di Ancona in
collaborazione con il Distretto Sanitario di Ancona – ASUR Area Vasta n. 2, l’Associazione Alzheimer Italia Marche Onlus, lo sponsor Bookerang ed il CED Servizi.
Il numero di contatti da parte delle famiglie sinora è attorno ai 250. Di questi la gran parte è risultata essere non idonea a causa della diagnosi non relativa a demenza di
Alzheimer bensì ad altre forme di deterioramento cognitivo o patologie. Quindi le domande effettivamente raccolte sono state 61 e da queste è stata poi effettuata una
selezione che ha individuato le 20 famiglie che usufruiranno dell’assistenza. Contemporaneamente sono stati divulgati l’inizio e le modalità di partecipazione al corso di
formazione per i professionisti che andranno a costituire l’équipe multidisciplinare.
Il corso ECM (38 crediti) gratuito “La persona con demenza al centro della cura – Focus Alzheimer” approfondisce l’approccio bio-psico-sociale; in particolare, mira sia alla
comprensione delle basi neuropsicologiche della malattia ed alle cause ambientali e cognitive dei disturbi comportamentali del paziente che alla necessità del sostegno alla
famiglia. Il gruppo di lavoro si compone di diverse professionalità tra cui: OSS, infermieri, logopedisti, fisioterapisti, assistenti sociali, educatori, psicologi, farmacista. Il
corso ha avuto inizio il 7 marzo 2016 e terminerà il 4 aprile 2016, prevede incontri pomeridiani con cadenza bisettimanale e si tiene presso la sede della Federfarma di
Ancona. Ad aprile, parallelamente con l’avvio dell’assistenza, partirà un corso di 18 ore rivolto ai carevigers (familiare di riferimento) dei pazienti volto a dare strumenti
conoscitivi e strategie di gestione della persona con Alzheimer. «E’ una delle forme di supporto alla domiciliarità rivolte in particolare a persone con Alzheimer e soprattutto
ai familiari che hanno questo difficile lavoro di cura quotidiano. E’ un importante azione di sostegno» ha affermato l’assessore ai Servizi Sociali, Emma Capogrossi
Potrebbe interessarti
5 ragioni per creare un
progetto di solidarietà
sponsorizzato da "ifellCUD"
10 viaggi in treno più spettacolari al
mondo
Skyscanner
Sharapova e il caso doping - Anche
Porsche sospende la
sponsorizzazione
Quattroruote
Valeria Golino e Riccardo Scamarcio:
fine di un amore
Sky Cinema
Alcuni contenuti sponsorizzati da
Le immagini del corso
http://www.anconatoday.it/cronaca/ancona-progetto-resto-a-casa-alzheimer.html
Pagina 1 di 1

Documenti analoghi