Ciclismo Giugno 2012 - Blog di marcosironi

Commenti

Transcript

Ciclismo Giugno 2012 - Blog di marcosironi
T~r.riica
l]nlffil ~
[
ill ! t! ufH:l:}j
Le nostre
prove
Strada
Boanlman Team carbon
Dedacclalstrada Super scuro
Plnarello Dogma2
Mtb
Cannondale Scalpel 29
Glant Xtc composne 29
City
Frisbee Dolomnes
Granfondo
..... CoiiiMI8ta:
la dassfflca si Infiamma
l nostri fonnat
Gl dei ~Valec9'3 mUI ~dei
ilalìlnl Maratlon; "'
~~Gf:;:me
Giordlnl; Ra ..... Gf Re • •
lòd-&l Manl1hln; Gl dei'Aitialiaiç
La leggendar1a QWiy GiU
ED I
RIALE
Di Musi • • Volllnl
Morlitolo e Stelvio
hanno offerto il
memente tecn ico
m~liere del G.ire,
grazie o Thon10s
DeGendt.
Hesjedal, chi sarà costui?
elLa storia {QUaSIl centenaria del Giro un catudese non a\W<~ mli vinto. D:.l 17
anni non sucredeva che sul podio non d bse un solo itllìano. Ed t'r;JI dal1984
che Uli$ukato fin* non \'eniva nOOimoall'ultirN tappa. Non so quantoap
passioni stabilire,. questo Gin> sia stato btllo o brutto. Semplkemen1o, ha
dominato rattesa di qualcosa che non si è vertr.c:ato. cioè b boltla&)ia \W~~
1.ra 1costddei.U "btg" sulle Alpi. e ha vinto un ~signor nessuno· che hol quasl 32 annL
Che~ andato forte e merita rispetto, per carità: non si~ risparmlltO, ha avuto acumt tat
tko e forza di wlontà Non ha vinto una tappa (se si esdude La cronometro a squadre~ non ha
eccitlto gli animi e non 5aj)piilnl0 se abbandonerà il quasi anoninl<ltodlt: rh;! dbtintodil quan·
do ha mollato le •ruote grasse· (nel2003 argento ai Mondiali Cross country di ~).
Ryder llesjed;ll sl è reso conto di aver vinto la Corsa rosa 2012 praticamente In piazza della
Repubblica a 5 chilometri dal traguardo finale di Milano. Lunga can1crn.la sua. romlncL.lta nella
mountainbike oon buoni successi mondiali in g)oventù. Nel 2004 è passato J>f'Oressionlst.:l su
strn~.la coo la Us Postal servke di Lance Armstrong (ma ha incrociato pooo lo~-mtunltense), nell.1
stag;one seguente ha partocipato per la prima wlt:l al Giro d'Italia (quello vinto da Paob53Yol·
dclli).l1tlraodosi. Prima vittoria da professionista. In casa. nel Campionato c:.n.ldcse a cronometro. nel2007, oon la maglia Hcalth nct.
Passdtoalla S!ipstream nel2008, rannosucc:essNo ha vinto la tappa oon arrivo in salita sull'Alto
de VM~quedella Vuetta a EspailoL Nel2010. sempn: Ira le fila delb Gannin.hrrivdtoS«''ffdo
aUi\mstcl Gold r:ace vint:1. da Phihppe Gilbert (precedendo Enrk'o G3sparotto) e 1\.1 chJuso sesto
al Tour de J-)';lnce vinto da Andy Sdùedc dopo la squalifica dì Alberto Conbdor. Anche In quel
Tour. Hesjrdal ho! premduto )oaquin Rodriguez. oon tui ha duellato quest'anno al G1ro.
11 canadese ha ronquistato la maglia rosa allen'lline dttla tappa dì Rota dì Cambio (Aq). grane
ai risultati a cronometro suoi e della squadra. perdendob tre gkM'nl dopo sul u-..guanJo dì Assisi
(Pg). a fJYon! proprio dì Rodriguez. L'ha riconquistata neUa tappa di Cervlnl3 (Ao). m;1 il giorno
dopo ha dovuto cederla ancora a "Punto" Rodrfcuezsul ~di Pb.n dei Rt'Sineli (Le). Ut
rimonCI del&aaonomt'tro individuale di Milano era l<qotmcnteattesa. nooosQnte m~
abbia l'atto rutto iJ possibile. Alla fine è secondo per soli 16 S«<ndi
La viU.oria al Giro 2012 è frutto del bwro serio e "dedicato" dlllesfedal e det f.oluo
che per &a prima wfb ha~ roccasione di esserecapttanodelll SUl squidi'J tuttJ
str'IOI«il. Che M\a aiutato per quanto ha potutQ.In particOOre mn Olrts ~
Tutto ha girato per il \o'ef'SO giusto e il canadese è riusdto sempre a rontrolbre l sucM
cont~ti.a Cortina. Pampeago esulloStdrio. Proprio MortJrolo e SteMo hanno offerto il
momento tecnico m~ del Giro.gr.ule a Thomas De Gendt I..a YacansoleiJ ho! preparnto b
fuga dd vtnticinqucnne belga sfruttando rappogg~o sapiente di Mattco Carrara quando b sda
contaVa DeGcodt. pure libero da impegni di dasslfla e non controllato, ha r.11"wesentato la
vera 110'Viù di questo Giro. Un giovane dal sicuroavvenire,d sbilanciamo adire !Orte in salitA! e
a cronometro. un "motore" poderoso. Una foratura a Pian [email protected] ResioeliJI'ha attlrdato. Altrimenti,
chissà? Senno di poi. certo. Ma per i due italiani fortissimi pretendenti alLa vittoria fill31e non d si
può ptù aggrappare nemmeno a qocsto. Michele Scarponi d ha provato. attaccando senza mal
"fure male~ J)Cf'Ò. Jvan Basso ha spremuto la squadra d.1 vero caplmno, ma al di sotto delle sue
(e nostre) aspettative. Rodriguez è stato br.wu, pcnaiizz.atodalla pn:visione n.~amentare della
sospensione degli abbuoni per gli arrM in salita. Che non capisco: cosa si voleva lncentiv3re?
l "big" si sarebbero sfidati forse con maggiore convinzk>nc ~ndo contare su dlstxchl maggion &lrantiti dagli abbuoni. In ogni caso, oclimlnar1i del tutto oppure mantencrU per ogni tappa.
crono escluse. Un'altra questione sempre, dida/110 rosi. "regola mentire~ è stata La squ.·Mica
di Andrea GuanUnJ (magistrale il suo sprint su "sua maest1t Mark Cavmtlìsh a Vedelago).
Ad applicare con maggiore scrupolo e sempre. i regolamenti, altri sarebbero st3tl•piZZIC'at1-:
Peccato per il giollanr ,.-eronese che non ha potuto cosi terminare un Giro che pocr3 comunque
darWi uno ... sprint in più. Gli altri italiani'? Bene gli attaccanti "di giOIT\ata" Matteo RabottJnl e
Sttfano Plr'llll. bene anche Damiano taruso. sulLa stracb di drwotdre rf'illimponantl nelle
roBe a tappe. A propos~to: or.~ tocca a Vlrnnzo Nlball. Basso ho. dictù;arato che si meueri al
suoservtno al Tow: Con qualche amhizionrdi sovvertire un'annat.l nejptiv:L
Bìallthitechnicalpartners· ~
~ o-
ifiiiiiL.t . a
DI!D
74
Provi • Drd.M:dut~• s..- Jnlro
(A~T~~m l
r'JS ProYII + Boilnfnuu• Tnn1 n1rbo11
(lt.ai!MDMm)
82 Prove •
Piiii~ Diiiftii2
(~T~)
86
In primo piano
+ Cìrod. lu.il: l ~biOI"pp''"M
(~ 1 -.lt.obtmn.n-. ).WI:o,...)
42
Agonismo stract.
+ GasparuUod riporta l• .-o
90
Pro'III-+--011JMNidlitStalpd19
(t.ÙUNif-1
94
ProYI + f.~UOiomMH
""98
+ ~madrlnlllil~'
{GeolfftyP1Zlomi)
50 SatvaM:Idlsti
+ OalweballaCapilalt
(O.UOO PRI.boo)
S4
Agonismo donne
+ In nontf'dcla ROM
cr ut.lloCai'IIQ)
58
A gonismo TriathkWI
• IJsupff'W.pioat
(D.nB~)
62 Dietto le quinte
U10Jt110dl ,\lfla0011
(Groff~~eyl"iuon.)
(~~~
An1epritne . \l~it
102 ~+-Stllmano
(~T~~mj
f04 Prodotto rx + Kfllda
( ~Ah !M)
105 Prodotto rx + Abu'i
( RobmoAhiJI)
106 Prodotto ne +
("'Uwu("OIIOnl:)
1~
108 Prodotto rx + i\ilu~
( hll\lll'*""""'
110 Prodottorx + SI"'Im
( l'o1MQ(OIIIlroe)
112
Prodotto rx +-Uril;;o
(t uiHa(n•J
114 Prodotton: + dhb
( MdltnoAiutl)
116 • 118 Azienda + Oiadon
(Rd:lel'tDMIIII)
120 Aziendli +
Kuota
{A~T..c-.1_
114 ~ + Ui:Mtlli
~--
AD APPfHA 20 A1N, DANHY HART HA CONQUISTATO
~~~~~m=.~·
===:;li::~z~~"':'~o
·c; •a..'-*'frl
o.mytwt . . . . . .
JR:llf'dQ li lltOO ct
(P'doa-.tJ
(~ l._)
~smostrad•
Prcwii+Gb'ntXtn•om~
(\ t l u l o ( -J
fi"/20Clrrvndl
&.
c.-
n....,....,AUx.X~
Ha1r.~CI'J"'
Mondo OH
3ttii4M>~
........_ Qu lal
' .
M'9Qiori ~ 1U gilnl·b6cyde4.comlit•fT
·... '
"""'
GLORYO
CAAAmRISTICHE
t.M
•A2C2~­
Aoc:IISID-.:tAICClal
nadla:IACCodaA
-~
........anaooo~CIIrec:o..ct
· ~DT
.... Ex iOD
~
"
......_...
;o~38~~~:,~~~
~~
126 - . . . .
-
+ Tutti pc1' i tubdm:O
(Qndo PJI:..,_.I
'oW.J
~T
N.
w
'"l'j
10- ...,
t'MH..ti.I:NI.ffCiAllJ
Nt.ISSO ....,....WCIIMOO 00.W
NCJ«J<t:.N~
~
~ ._C.wfiCN~CXJ<I
~~C&~ o~,..,
~
w:or.tJ.I.f<.~OII(.C~tfN"'JtZZJ.I.C
• .::oaw.or
+ LaVtm
(Aidn 1'\m., t'binolXchno.
~adla!ICBIIIiO!o.l.lk'a~WIIt
A-..,10
+ Q ualernergia pt.Yinmliroli:O
(lur:ISp«.ani)
1136_.....,.
+ Destinazione Sclbronda
(FIIh-..c-.
1140
.-..-.
•o
f'):')...,.,..,MMJ!Ifl Ll(W..OWIG"'' ''fl'?f'f;;t
..v..NI'M;ttZO.IJ\il.lVI'f:Pf; II C~~!Q
'#S'""")~ N>1:11!Am> oo:ffr!VPI~ WA
I'IIA"-""illiAI\C~!(.t,()(),fUlN{)
~ 'AI~llo(
f
()(~
'lf'Tf\0
.J+G Ol.llAN'JTtN\1 U,JCAVlo\.1
,...... • •Mgnh
!Il IC......•C':N M4pr\
1
l.Yw.A N CI.A"""-Wf fA(KI
~"""'ftlr&la.\
t'.JJ
GfWI Combtnatli
+ ~ltdarioCili'JX'RDI
(Umhrnou.xMD)
148 .,_,.......
+ Pnrl·inritdihrupa
(RobcnoAh1!iJ)
0..
160" · ,164 Fonnol
]
(l"fto~)
-
...,.,,«~.t
T1~r'""~
IN
_,
""'"
.Ilo
168
VIaggi
+ Malta
l~Piuoml)
174
+ Newa
"'""""
lo
"
""
~
o':'n
~~
02:000.X:
....,
~,.. t _
ocx:
7
1~. J
6to
i'bot.obO"'f
..
W.lATOI
•
'iJ..
o•~-..oe.o:.b
)902t(C):;ol((
1
..._, - -
o
~.., '""'~~
J/XXllt
70),1 .tr>I<JI ~ ~
~cWTt..ru.doMO'OII"AJOo.j2 l 9.)
lo._....,.~tlopt.d:'031bw •Ob~
•<J..d<o".T" • f•....Jiolol.i..,_<i_o
...,
~6-< •ft«.clol!rotlld
tl ti
~P ~. P•>O ~dJ
--
--·
lDISI'OIIT l DITOtiA&Js.t
~OK
.{:,Ai
E
l
0'""1
""
La prima volta di un canadese
in maglia rosa, in un Giro
che lascia gli italiani giù dal
podio. Lo spettacolo lo fanno
gli stranieri, soprattutto lo
spagnolo Rodriguez e De
Gendt.l " nostri" si consolano
con tanti giovani interessanti
Dal nostra inviato lorenzo Franzetti
Fato Photoiuuale/ Bettini
t. ftydertferjedaii (CM) ~M91 h3!t'OZ"
z. ..lelaq.Ji'I~(S!la.lltah!Wa 1 6"
~. ThOmasDeGerd(Bd)Yacansoleila 1'39"
A. Mid'lele Sl3pmì a 2'05~
5• ......,Basso3'44M
.. DamiMoCmec}la4'40"
7. Rigtlemlnl(C111a5'57"
e. Domeni::o PozzwNo a6'28•
9.SergioWSHooao (Cof)aT5t:/'
to.hikei~ (Spa)a8'
_,,.... _ " " " ' _ _ IStlol _
_
.. _(_ _,._.. ..... (CO),.,
aassilicadei!iJ;YipremidelarTIOfllai;J1a (~IIZZI.rnl~
MatteoP.abottiri.Fa-nese-Seleltaia
OassificaasquacRailfrlJC l.Mlr'fiiSd
OassilicaasquacRapu'lti:l.a'JVeiSd
Prfii*)~ThOmasDeGerd(Bej)vatMsoleil
Traguardivolalt:.bse56'pa(Coi)ArOtr'iVenezuela
Ammcfltala::TllomasDeGerd(Bei)Vac:énsdeil
Prerrmdelah.l}a:OWerlaugg(SVi)Radioshadc:~
utto dipende dai punti di
vist;~: la vittoria di Ryder
Ucsjedal al Giro d'Italia l! una
buona notizja? Per il ciclismo
forse,~ l tlfoslltlllani no.I n tempi di crisi.
economica e non sok\ ~ri un anno di "transi·
rione'" d sta anche nel nostro sport. Quello vinto
dal Wtnte Hesjedal a 31 annL è da considerare
un "Giro sabbatic:o'" per il nostro TOOYimcnto.
finito giù dal podio. L'Italia dcl pedale sempre
più in dedino? Dipende dai punti di vista: il
bicchiere è mettO vuoro se si oonsk:lcrano la resa
di lvan Basso e la sconfitta di Scarponi e Cunet,'O.
Tuttavia. il bicchiere diventa mezzo pieno se si
guarda all'Impresa di Rabottini e alle buone cose
(anche se meno evidenti a favore di telec:amer-.1)
dimostrate In corsa da Oamlano Caruso, Adriano
Malori. Alessandro De Marchi e altri giovani del
vivaW italiano. Stagioni come questa, si d('VOnO
meuere in conto: \"vecchi" sono in calo. non
sembrano più comi>Ctitivi come in passato, e
l giovani non sono ancora maturi per lottare
per la maglia rosa. Il cidismo italiano deve
aspettare: In fondo, anche questo Giro è stato
c;n;Jtteriuato dall'attesa. Attesa per la bag;lrre
tra i grandi favoriti. per l'ìmpresa deì campioni
più attesi, per qualcosa che ra~ "audience~:
c'è il rischio di conrondere il ddismo con un vi·
deogioco. ln bkt.le azioni '"champagne~ hanno
~ ~~=n:~~~~;,::::~:=t=~:~~
NontredOdll questo sali il fNO utbmo Giro .ntalil.liO peno, le cose
non sono andate comt WOievo, m~ l m10 "-'** dclistlCo non • .-.cora menuto. 1falltmenti sono un'altra cosa: resto COI'IYWJIO di rter cllto
il ~mo. COftlidlnndo anche Il t.~te diffiCOltà lnconlnlte ne• prWnl
mesi dell'anno, a causa di C«<ute e infortuni. Non mi vedo In declino,
ancheselnquestoGiroartr1corridorlsonoandatlpluforte.
Onore a Ryder Hesjedal: IO ammetto. non lo conoscevo affatto. Ha
lattounacosagrande,maHvalorecbellaòimostratolnquestoGiro
ènotevole.Vittorlamer1tata.Mi haeolpitOSOI)fattut!Oiasuagrande
professionahti. 11 canadese eia sua squadra haMo un awroec10
moderno al ciClismo. non sono imprO"MSatori: con ilta'IOro hiMO
dimostrato 01 ~ottenere grandi tJaguardL
f
Plush
A Philosophy of Comfort
negati~ per l'immagine dcl ddismo.
Il primo Girod'halìa dì patrOO M~
Acquarone era stato pensato più 1ighf", per
fMxlrerequilibrio:ecosiè~to. Thttavia.
con i valori in campo molto livellati, la corsa
ha preso una pfeg3 molto tattica: Uddtsmo
del2012 sembra una sftdaachisalva più
energie più che Uf\él bat~ia a colpi di
gr.mdi imprese La ricosm.lrione dcll'lmmaginediquesto sport. passa anche da qui: si
pag;.~no le conseguenza In tennlni di presta·
ztoni meno disumane e per vincere tutti i
big hanno dOV\Jto farsi i conti in tasca con le
energie, piuttosto che Inventarsi qualcosa. E
da ~calcolatore~ con una prestazione assolutamente impeccabile, ha vinto il canadese
Rydcr Hcsjcdal, colui che ha corso in modo
più Intelligente, sfrultlndo anche il dlspen·
dioso (e spesso incomprenslbìle) lavoro
delle squadre Italiane. Ci ha messo g.1mbc,
tante gambe, Hesjedat ma è arrivato al suo
più grande trionfo in carriera. sotto la guida
di un gruppo che non ha trascurato niente:
la regia in gruppo di Christioln Vandevelde,
la preparazione perfetta gestita dalk> sta1f.
lo studio dci tracdati, la ricerca costante
per migliorare a aonomctro. lla vinto l'espressione di un ddismo gklbahzzato, ma
sopr.:~ttutto. attento a uno spon che cambia.
ln senso tecnoklgk:o.
Merito a Ryder Hesjedalanchese1l antro
della scena è stato per lungo tempo dello
sp.agnok) Jooquin Rodriguez: fles;e<bl e
Rodriguez sembrano l'anli tesi runo dell'al·
tm,sia fisicamente, sia ncl modo di~.
Ecosl il gronde equilibrio In gruppo e il
percorso hanno portato. come volevano gti
organizz.atori, alla sfida dedsM nell'ultima
tappa. Indubbiamente, la sceltl {discutibi·
le) di eliminare gli abbuoni nelle tappe di
montagna non ha contribuito allo spett3C'Olo, facendo prevalere Il gioco al rispam1io
tra i big.
In classifica generale, d sono sette uomini
raccolti in dnq ue minuti: senza fare ricorso
L'analisi del et Betlii: •4 giowai Ili sana piaciutiiiiJIID.•
-Siròabltualoavedete le c:osec:on ll'lc:ertootbmi:slno,masecondo me lbic:ctlere6 mlllOpilnoo.
f"aoooBettnpar1adatecrcoenonwoleas:solutan'lerMI)Ir1aredidistana~•Gwo.E~
c:on:-Sapelequatèkcosac:hfl!*lmihi~'LaiJandlcronomMnldiPinoCiaMJino.lnll'l
momento.,. ai Si dicec:hflglispeaalisò i1aianlaw-
Selle por lutti.
ll1lbottJtura dele sele PUJSH è stata stuclata
teeperituormdodiperlalare l.ì1ea
INClHD oAERO .Comlon da sogno'
no,lluwrt&onanei'UIImatappraei.I'IO~
esempoperi~Ja'lpur'IIDdlr'lfenmer*).Come
~ Ù011C0sonoorgtl!Jiioso di n:nrecon
IQrc:o,dll!lhatN~~ I !a
anccrafnQJ'Widirisdtatì•. Eaproposrtodlgiowani
•SonostatiproCagonistlinmoltletappe,igiownidel
nostrodcl:smohannodlmoslratodlnonaverpaundl
osare.slsonomessialaprovaalallf3nde.Tratutti,
quellO d'le mi ha stupito di piUè statoMatteo Rabotbnl.
AIPiandeiResinellihafattOII'I'impresae.,soprattutto.
dimo5tnndo di saper ~11\1 le proprie energ.e COO'II
un vetl!rMO. Ma anche tanti altri che magari non hanno
vinto, harm tatto vedere buone cose: bnwissimo.
secoodomeAie:ssandroDe Marehi,che halotta1o alla
grande In aK:one tappe,dawero generoso. E poi anche
--
Dtligrl lltUIIIt:lptr Uillpedlilta
,..,... Otdlcalo td "" dc:lllllmMO"* Ctlt ~Uillpoel.liontclp!R
comfort mentrt-.pcn
Fellinlsltmossobene,pensandOIO~incttia-..e
Nazionale. 0!\10 dire bravo anche a Femri, poi, capace
digestJrebeneunGirochesieraCOIJ1)Iicatomoltoper
lul:ehai)IKe'NIIOunaP'dlt!IPPI.aMonteeatlni•.
ccQwe belkt rp!Sto Giro più Ìiit&iwzkwrale!n
lllhrn Plutll
Vlstldldno.O.estlèstlklla'IGìrocheml t !lill::àa._.OeGerd.nwptnoniOIIOrnaiCIOCini*U
~lllll,nw l lorospes:soreèlndislljbjltNont'OIIIOQ!UsriWIICXInllzl:rlndll'.-zadlllnomi*lr'ill1pil
Cllelnl.,loaedoehiiMiodelilanasilsa.l'ld:l•fllll<*:llm) 6 .,..Pil~IGio
Cfllll è a'IIICiAo.cpJISt'no,rrqll'ioì'l4ll:ltlta'tzionl:d~-lllllnili DGCICII*MIIc:on ....
...-.gnlmaiD ........ Cl:nl ...
. ...P'I"*D~• ...
*'-cHM t sa.r..-m
·~·IUiarh::ertezz:l
UWdnlnoiNIIima.QIIIIIInl
IOIIOSUI .......OIIliQIII'II'Imcl
txmliCQlllmlt,rMnon..,...d
critideiiiOittldl:llmo:I Miodll
biglf1c:orru11Palot lodmoln
Chl.lrll:ht•-llllllnnontonO. .
Upcdo,twnopiamtlnc:onidori
nelprbi trli. Eict.tocon i CIIIII'Idcl1
ctte101'10•tdpodononlf1
COII1111)10:pll'llnol dstlccH,ì'l...rnandl&ldpochl"*'.rrlì'ldas:silcl.
ttfMno 11'11 decina d alletl. Non tini
tJIÒ'11M1118,(JJIBSC'no,nolllal;d
siamou.1dllpcdo:dpu6stn.
alle statistiche. è un dato che dice lutto
sull'equilibrio In gruppo. Sono mancate
le imprese di Scarponi e Basso, Cuncgo
ha lottato, ma non sarà mal più quello del
2004: ruttavia. Il divario con l tre stranieri
finiti sul pcxlio non è cosi arnpto. Magra
oonsolazione, naturalmente, è non è una
giustificazione. Un Giro orfano di supcre·
roi (ma forse non è un mak!} ha ~lato
comunque imprese importanti: la più bella
e lmpresstonante è skuramente quella
Comfort you can't
live without
del belga Thornas Dc Gcndt al passo dello
SteMo. Ila riaperto il Giro sul Mortirolo e ha
regalato una grande emozione ai fiamminghi
sulla d ma Coppi: il Belgio tmv.l. dopo tanti
a nnl un oomdore da corse a tappe. E que:~o"to
Giro sarebbe fOrse andato diversamente se
De Gendt non avesse perso minuti preOOsi a
causa di unot forntura (con mancata assisten·
za) al Pian del Resinelli c di una cronosquadre
pessmu a Verona da parte della sua squadra.
la Vacansolclt
A molli non è plad uto, questo Giro, solo
perché non si sono vi§ti l fenomeni: non sono
manc.lti,. tuttavia. t personaggi tutt'altro che
modesti con le 1oro storie. ln un'epoca In rul
le classifiche delle corse a tappe non sono
mal definitive fino a prova contraria. sarebbe
comunque un pre-Lioso passo avanti se il per
dio tutto straniero di questo Giro rimallCSSe
intatto c smza squalifiche.
r....nwa
piade nel Cross coontry (Atene 2004). una
su str.lda (Pechino 2008) e ha sognato di
poter vincere UTourde f'r'arn. Alb Grande
boudearrivòsettimonel2010(sestodopo
la squalifk:a di Contador). dopo una gmnde
prestazione. tutta di ftsk:o e con tanti. tan·
tissi mi limiti tecnici e di esperienza. Come
__....____ _
~ ~--~po'aupnsa ...minglad!llr..tJW\,cNnon è
ll'liiii*INUSIJiilh~Jaldoenii ..... OI*IDdf'll'dl....
gna,~hiSIP*Irnetmacisp&zbl!ldHeljedlllll'...-.
..
ahillblle..CI;IIIèRstaSIIICOr'da.._pci:h6hl>Asampa-tMI
a'l'inelratohest,~l lftp:na:He>dl,ilpilel~'occ::t-
tutti l dclisti provenienti da Paesi emergenti
(nel cichsmo). Ryder ~ cresouto un po' n:air,
masi èsubitoconrront<ltoCOflla tradizione
dclistic:a europea. ha voluto Imparare, utiliz·
zando molto anche la tecnologia. Si è fidato
dei suoi tecnici ed è finito In buone mani.
•La mia carTiera di ciclista dcoollò grazie a
li c:apbri,IN wdlecacardoclfan:c:t.taper lll cn.Ow\'hlcasl
jeurg Fddmann. un tecnico canadese che
ha allenato anche 111C73.0fondisti c sdato1i.
aertiO(XIIIdeslinazme &lqB.h certacibtL.na,assiemeal"anlco
PliiAndn:n vero eIJqlll:l pirin detcidismo,ilAustralia, è oogl hl
Avcvo t Bannbo.
molti di piJ, lllamtnglia dPJI'ti!tr08dd Bob Staplelon edii o.i sono emersi pdll!iric:c:m:twi.
!.:insegnamento più import mte di r~ld·
mann è l'approc::do pslrologk:o. che In un
ccrtosensoèanchectico: •Mi ha Insegnato
3 vedere lo sport rome una sfida con se
stessl Non d sono awersarl d.--. b.;ttere, non
ci sono nemici da sconfiggere, ma lo sport è
un confronto con l propri limiti•. Un COilCd.·
to che smona, 3 monte, ogni tentazione di
scordatob SC'Or'1't'Ua Non ha senso barare,
se è il tuo limite cM devi migliorare: •Fare
del proprio meglio non è un Insegnamento
banale-. Per questo, chi conosce Rydcr
Hesjedal.ci tiene a preset~tarlocome un<~
sorpresa. ma non un mlr"3alb «Rydcr ha
grandi numeri. :uJedcamente è (ortissimo.
Parte da un motore dedslmente potente-, U
suo tcotlco 0\arty Wcgcl1us ricaka gli stessi
discorsi del suo allenatore, li gkwane Robby
Ketdlell e dice Me stesse cose che. da annl
liJ>e'e suo padre l.eonard e il suo migliore
amico Seamus McGrath che con llesjedal ha
condiviso la carriera in mountainbike.
Un gigante di 188cmpesasolmnto72k8,
ma la dieta non è un grande sacrificio per
lui: •Mentre si allenava. tre a nni ra ·spiega
papà Lconard·lnvcstl un gatto e cadde bat·
tendo la leSta. Do1>0 aver perso COOOS(.'enza
si lisvegllò senza gravi oonscgucn7~. ma
da allora non sente più l sapori. Mangia·
re è diventato un ricurdare, oppure un
dt:M're ~n7.a tcnta:donl». Oggi ha tre case,
llesjedal una a Vktoria,ln Canada, una a
Maui. alle Hawaii e una In Sp.agna, a Girona:
una pcrognlstagione,pcroontinuaread
~
___ __.._.,..,
.,..,
..,.
ldle diretluri sportiwi
allcnam con costall2a. Ano a agi. Umito
del ciclismo canadese era uno solo. Steve
Bauer, campione degli anni Ottlntl: «Lui è
i'tA*rdled èllakl---dl..lonllwl~per . . . . . .
.-ntcJpi'IW!klneiCih'ldirio llllna. ConiGRCXWNctillaiwtlp::
hlW'IIOdl clesse,ll piooiJiatirloo.Aiebblalo,nel~~~~~
811Mir'Wlli'I(JI!IIdWJ perptessili: ..rm 110 n:ora decbocosa 11rt1 di
~- sdWmva-e nonsosesarò h~dfa'elchlklrespor'M.
\qjlo lon tmpn!'la ecapird d piJo. Pb'lmatearneptnotest.
Aktf'Wper.IJaldoniiiXJI!!Ryderttes;edai,AiaiiPeil*~l.l'l
~drettoi~ il ci't:clali::ntdacorridcnhlcisj:daloc:ll.,aGirld1alla. Diilaiconehlle9ili
da\lwroungr.mde pioniefe,.Oggi llesfedal
potrebbe affiancarlo. oeU'Ohmpodel ddismo
di un Paese che non vanta un gran numero
<fi camp6onl Anzi. podlissimL «Ma b vittona
al Giro. farà siruramentec:resc.'e'n') il ddismo
in Canada•, garantisce ramk:o McCrnth che
orgamzza. proprio in rolbborazione con
Ryder; una granfondo che r.Kiuna ogni anno (a
giugno) I.SOOappassionaddcl British Cotum·
bia. llesjedal è amvato alla grande vittoria su
strada. partendo dalla mtb, rna il suo punto di
rifurimcnto non è Cadei f.Vans: «Il mio mito
resti e n."Sterà Bart Brentjens. il primo oro
Le sue bici
Quetla da crooo
Un mostro clll!fodìnamiclll bk:idettl da cronometro cl Ryderltesledal chegtlèvablllnagliarosa cl
M1lano)tolo2).
Lo spifungone canadese hl utilizzato una CertCto
PSintiendicattlonlostuctlatalngalleriadelvento.
LI tinea etti telaio segue completamente la ruota
posterioftnoniasciandospazio a V'OI'bcid'arll.
AerocMamica che il oorridore della Gann•n ha curato
neiparticolari,dalbody,fornitodaCasteHiamaniChe
luoghe.aicopriscarptfilanti.
Lllinea ctellafoo:eKasiinteoraooltubodisterzo.la
tHclcletta i montata con gruppo Sl'llmano Dura ace
elettroniCo con guarnitura RGtor 30+ Aero montata
~u;,~~=~~~':~tta
dellrtnl(fotott:sitrattadel
MaguraRTS:unsistemaa
ptnzaidraulìcaspecificoper
te blcìclette da crooome·
tro.llmanubriofomitoda
Jlprevedegll appoggi
Hgli rambracd fissati su
supportlaerodinamici.le
ruote, fornite da MaYic, sono
la Cosmle Comete a disco sul
posteriorleattoprofiklper
ranteriore.(G.R.)
1.1 spoclallssi.,.
Sila bicicletta da uonome·
tro di KHjeclal è campiones.
SI di aerodinamica, quella
da corsa. lo i cllleggMezD:.
almeooperquanZriguardal
te&lio (foto 3). l Cetv6tG SSca
("CI"staper"C:alifomia1
pesa meno di settecento
........
Dwilmente. per regGiamento,
llpnofiAIIedellabldctetta
non va al dlsottGdel6,8
c:hilogramml.lltellio,pw
leggerissimo, è uno stucHo di
stratificazionidìc:arboniose·
condo una geometria dei tubi
chiamata "Squoval". Enorme
rigidltlsulmcl'limento
centralec:heseguelalogtca
8bright.lostel'20c:onico
halapartelnferioredaun
pollice e 318.
MIStJrllnSOiilama,giurano
lprogeltlstl,6ilrlsulta!D
mlgtiofetrac:omforterigidità
peruntelaioconlec:araneri·
stichtdeii'SSca..
La bici • montata c:on gruppo
Shimano Dura .ca Di2 c:on
guarnitura Rotor. Sul'attacG
manubrio. irnmanCibi&e j
Glrmin Edge 500 (toto • ).
(G.R.)
---===,;;:;;:;,.."""",....,===~
_.....,_._.......___,.._.,.._...
• coaclt •&lnde Mu per la c:nJID•
,.,l<lk:hel........
~-
nelrTJI!rii::M)deiNewltii'I'C**eaQII!IIIhll~
no?~cnwmero,eralutlll:ne
~.rlgiZln)tdèd
delc:&IWie5eedel._,dlll ~ Medllli lkNie,cn nani più wtpn:Mml.
lllldtlra.*dla(9idellagloll'lM~
NelriCIAQWnt'èiJWdeltlmzìlft
Kell:hel6slòalpftliMdl!llprogetiO~d._.,
elilsua!liJ8Ih,.a...ioaAIM!II'IVedelotanO~
Wlf'f'll!~lpenxnodi!IIGi'a,.b'IIIIWI~n
.,.._..~per'ISnbaftydlt"CUUtltll'llìW
l)ll1elklperW'ds!le:.U!l~Wridn.mtcimetpoc:ti!llt-
a(JICSiasrpeci;!Mi.~rmsiè
bloii:II!!Redilnon~è
~WII:u:lnatr'IDINR.Pllr'Mda
llltu:lnmt*:n,~ehlilpoiillJa-
"*lllfu*IWucàoparll!pi!Cil&l
moaCO'M1cerlo.Edlllcn.HeljedlleUiirOdelosWI OCI1WI..,._Or11idlerdemc*l
-·- -·
....
tlppe.tl~~
~•ncnc~ec::t~M~per
tnbfneh npdlccn~a
t~p~e.Halllllel1lm)CGn!JWide
llllller'morle.llflrctliiCCIITtbt!lOIsano...,_llmegllo.-.oa
c1Rtelmn.PIIrql.lllll3ltl,n:hl
rllnwlla1lonet~.~
lltlppi,IUIMdell~l
oorr'dcrt!IWigllm:oftlo..-o
dtilmo"mllrUUmmi"'UGiro.lkwmlveroe~t
t:e.o.O.-.,dlavo1?•Testepoprmi~con
oorninc:iallklgléla<bln'tn.llprimO.-.IniYJ(:IIt1).PD6
p1JL'ie(ll.itl.conLnRiemoA9t'0130aiiM.Wn.pensando
llbi:i:6etladlat111J111eW,perllennlslc:o,maancfle
dvt!derloancflehCI:Illerenzl_,.conlupilft:ld
lln'11!11e,aii'IOstnoct'IIStlf'eHieneeaiUa.Hesjedalsl
rt!oo. Epolrnassagglntlzlonlllelllr*ldefallcamnl:
tlleni*lCO'lmeaGircna:peocaloehelnondsiatllve- ~II'IOsb'm.....,tb'allomolleora,lmLdCOI
a~.
ra::t~e~6er'llr.*>neloltai'IOela~ginet200B.
dil~ora,~ll'lpo'dlgoweGa. è~a
IQIBil'llniSIJ,Iiliac:hl.in~Qo.lltrM*lta
rmllo~ltCff'MierislichedegllllielintrltonO
stall!sndl,ll~twnJ.ainllailcon
... ~ICIIII!f'llilltd . . . . PIIIIIII.mlhe
S~Jl*)g8:1lir!icon~n:hl-iiCIP8(11ùcb'a
l~d~èdi~LIInb:lolo?
..... tllaii:ID.Rwdlrt~lriCIXIQIIerelt\ilidll't
IJM*I8SSI.Hil!Jjedl!llnmgil~l'eoedèc:apltM:)
IOI:ioolo,sareltlestm~Pftp:epcr.welaaono,ma
atiànOaopper;t~IIM:r.n:IOsuLI'IU'I!;tissinorellineo
tlelepnbedeloorr'dcrthlmO~dl"11s&'dersi"
ed~latri::lttlklealaS!i:JiloOOpoO(Jll&appa,
b:rlcit!à.l.ll'otlinapalesnal'aptftJ,Iln:pi.. Epoiha
ocniuioaliMnn,Rydal;an:tealetw.wij(kMihlil
peresefT1)1o.IIIOAtc:cmbt,tte!ljldaiCXJI'I'P8IO, al
sotklpongOnOa10"*llliclrUI,periCiogliniiT'l.L!OOiè
ncasa.rà)eiiCanadaoo.NmsitasanMmdi!Uaglio,
~~~·~~perdléadtf.l'lc:mDndelle
nellollaff!l:ilrflmdela~~
llltlendlnndtcre,prknld~tl~ild­
QIIM:rodle.glidii3J10.n.t._a11'1111knrt.
o(~atnrnen(JJI!IIdMilinxmerbsicxmMII
zionll,ln...,.. MollllletiCilmlil.pcj.s'\Trnerpc
QI),IDJtJnOWJrdlin~c;àhgiOnlprtnadelagn. E Mktt!Uih~..:lled~~~::~P~prqri)
rri3010Wstltallperanornetropl!rml'kO,rtiOimai) perrnlglcntei~··~..S,tr!Chetl!l
eSi.dalloneinti1'1òeeaalepolrri3010~mn cndlD!molft~~pr'lllca.He$!dllper
*llil::wlwlle.-~ttall'totlfrnomabl.t
ft,dec.Conlc:oiTilb'e,pol,tl«.meri:adelacrtn),holal . . . . . . . . . . . ~. . . . . . . .Il
prill't*lgildl.... t.."*""*=thlcd'niiDiadtml
LN~UhetiiiiiD:i'IMl.terrTrin:b:ineiiUIIIì
Aelxlll.cflec:onll't...,.d~IUIIdiR!n-
pildellcii,IM'II:héHesjedallmemorizz:asse,o.
ttlpti'IDctiM,perllgestilndeiUnneteanea
dertilfACII.Iqlf&ClD(JIIIIcN....,Itll...,.a
ll'tnn:xt:l,tn...-IYWIIIII'II*InCIIl.INnrici
conf"'éé''lllllne&~L.IU*rilnant
olìmpirodclla mtb. Per mc, iJ blkcrobndcse
è stato un'icona, un grandissimo•.
Ora vedendo&o con quella maglia rosa
addosso, vien da d1re: "ìl glg.ante nt ha fatta d1
strada': li suc:usso al Giro, però. non sembra
affatto un mlracofo, ma un obicttiYo poss1bi.lc,
frutto di un L1voro importante: c:L3 svolta
~avvenuta partmdo dal sesto posto al Tour
2010 - ronfetma il suo allenatore-. Da al Iom,
abbiamo lavoraoo sodo al fine di colmare i
grandi margini d! miglJoramenfO di Ryder. A
cominciare dal.b. aunometrn. specialità in rui
ha progredrto rnoh:issimo, partrndo da una
modifica della posizione in sella: Ryderè molto
lbloltlll!ldiLMI<III"hl1i1QIII.IIU ...... t
gonnlllm:a.pri.const~~nchei'llalac'6tq~pa
*-'-tlllltlbill~lllrneoprin...-oa'
n OriTaca. La Glm*' non M'M
II!ICCIIt)
.-.llo,hiCO'IIzll:n*IIGi'o:aCD'I'ftindlllll~
__
_
CIIWlrorneriiiiLArì:ziO(hf'ari!M)~hiiPIJ
..,... elip'dl..,....,......_dipn.nonc'*
telntil,rrihllalklpilc:ere<NIIrnlnOIJjllt:tllpomllllla malnW!IIil:nepiì . . . .OJesta'Mi:ne,..,.,.alfio
""'*"d
._...,VIrlciiMJide
,......._~.
aloo e, in pass~to, era piuttOSfO )cgnoso. Ma la
mtb gli ha trasmesso una certa facihtà. o meglio, sensibilità. nella guida della bid e questo
fba aiutato a cambiare a.ssetto-. Anche Ryder
Hesjed.al. from Canékb, ~ un 5imbok» vivente
dclddismochccambiaediVCflta p,balc: Il
GU"O d'l tllia non è più La "'C'Of'Sa degli italiani~
d-(Jtti)dpU.q.lll". . . . . . . . . . .
cimnl:ri..:xn mavJOil e-..an~~:~er~Nme De
GlniMMI*!OLilii'R*IemezzoiiPWidlll..,_
acuadnbanconiiWICIIIIIIIilltlnzadlpftl
dei'..,..DeGendl,4*f....,..,.pnoLN
.,.._.,..
----~rol-llllepln to-.""""""""'""-................
CleiPWidiiiArlshii.CCIII'8II'WI'8b:l,....,..:xna
pim:{I(IIWcune
nr'IOdltllnln CJ181'1Zk:n!ld0n9:1(WonmagliattuW\aeldtal Pqi.NizDdri:ldlll'tO....n::oY!Iggh:IIQ'O,
~""'*>-ja'l'-ell,_d_
QllllhgiShlldapdianaa . . ~OihlaCJ,IIIQ.
Afderdhi~II~CMIII:tn.-­
---.perth611.,.d....,.._nan•_...
trllll'lltnnJII.~IMIOI.I_..,Iit'141lo.,
coradlpndlllad.-.i."*"lmllinot..,
-.sec:trdlme.O.meglo,...., _ _ ....c:N
,..,.,..,perlarllah~lcndii&Lioednd
ana.Pli'IIIW1I~dliJ91eAIInhllalkllgjac:o
d Hi!l$dlf cN,., P'lk:l. Il t tl:lill* IN cpdc:ia d
papti'lpu.lil~al'i:ellftatldltdlll~
llllnperc:orr..dill'a'nnngllu...n.tl:lgllllott
.,.dllos..io,mallltl~dlllaltdQUII
--·-""'
-·
....
,.,..,d...
c:dJIIklr..ttJ..-::odlliQ"O,
................. lalciaiD
anoldllai..Jn1n,ronnd
Delklcr-m,lvn~.,
Presentiamo la
Trek Domane l
.-,Ch,SiliiXI'O:Inw:f:n.
~DeGend: . . . . . .lbdfllil
ha
-.nttana.
UDSIIMD.e•ttu_.n
É il complemento perfetto alla
nostra campionessa del Tour, Trek
Madone, costruila per appia~re
la strada e permetterti dì pedalare
al massimo PIÙ a lunao. Per PIÙ
infetmazioni visita lrekbikH.com.
Giro moscio? Il percorso meno duro non ha mortificato gli
•• #. ,l. • •. . abottini a Rubiana Chavez
mente, per vincere almeno una tappa. per
mettersi in evidenza. per andare in fuga.
In ungrupposenu "sctriffi",ognltappa ~
cosJ diventata impegnativa e dispendiosa.
proprio per questa estenuante e vivace
battaglia delle squadrt: In CffCll di VIttorie
di tappa. In una corso~ a tappe che. per
buona parte (le eccnionl sono davvero
pochissime) è vissuta sugli "scattini" dci
pretendenti alla maglia rosa. 'e azioni delle
cosiddette "seoor"'e linee· sono il sale di
questo Giro. In un cktismo orfano (ancora
per poco) di Alberto Conbdor e altri
fenomeni, le corse diventarlO più aperte:
significa che c'è più Sp.17Jo per le ambi·
zioni differenti di ogni squadra. Andare
all'attacco. tentare l'impn.."Sa. è dipeso si dal
cornggio e dalla tenocta, ma banche stnta 1.3
strategia della rnaggioranz., delle squadre
presenti a l Giro.
Sbagliato. dunque. sminuire l tanti tentativi
di fuga e le grandi vittorie o "quasi" vittorie
di molti proragonlsri: In un Giro sen7.a
extraterrestri (ed è stato un bene),eooo
emergere nuovi nomi. F. prima di criticare e
prendersela con la noia. è bene ricordare le in·
tenninabili (a dedne) tappetenutebfocc:atee
addormentate dai velocisti. negli anni Novanta
e oltre. Questo è stato iJ Giro d'ltaJia anche di
Miguel Angel Rubiano Chave7., lars Bak. Jon
lzaguuTe. Matteo Rabottmi. Andrey Amador.
Ele piccole o gr.lndi imprese. benché non si
chiamino F..ddy Merckx,le hanno fatte anche
Paolo Tirakmgo e Domenico Pozzovivo. E.
anrora. alle spalle dei vincitori. altri attaccanti:
lncs.luribili, indomabill tenaci. Da Alfredo
Ballonl. a Manuele Boaro, da Alessandro De
Marchi a Cesare Benedetti, da lva n Santa rumi·
taaStcfanoPiraul
Al loro fianco, sulle ammiraglie, è andata in
scena ogni giorno anche la "battaglia" tra l
tccnid: ottimi direttori sportivi, a \10\tc poco
valorizzati. altre volte oscurati da presunti
"guru·. Eppure Il Giro di Gianni Savio, di
Domenico Cavallo, di Luca Sctnto, di Roberto
Reverberi (per citarne alruni) è stato tutt'altro
che noioso. Ogni tappa comincia, non dal chi·
lometro zero, ma dai bus delle squadre, ogni
mattina. ncl parcheggio del ritrovo di pa.rtenZa:
d.a sera, in albergo. non ~ un buon momento
per discutere della corsa- spiega Roberto Da·
ITUanl. team manager della Lampn! ·. Di solito
si preferisce dare la possibild al corridore dì
SlaCCarc, per evitargli troppo stress: dopo una
gkM'natl me,al Gtro, ~ quasi sempre molto impegnatiVil. Le strategie, l pbnl di ogni uppa. si
ranno soprattutto sul bus. poco prima della partenza•. Tendine chiuse per isolarsi dai curiosi e
dal chiasso dcl ritroYO di parten1.a. d 51 guarda
in bcda e, Intanto, il direttore sportivo spicg.l
come Impostare la giornata: per chi ha obiettivi
di classifica. quasi sempre, s'Imposta una tappa
che protegga Il capitano c che lo metta nelle
condizioni migliori. Una fu1;o1 da lontano. fin dai
primi dtilorneu1, è impensabile per un uomo di
classifica, ma fa\/Orirla o Impedirla può essere
irnportmte. a seconda delle situazioni: una fug.1.
di seconde linc-e è perfetta se mette il capitano nelle condizioni di non spendere troppe
energie in t<tppe poco adatte a lui, ma è anche
Importante nella misura In cui può rar stancare
le squadre dei diretti avversari. Per questo mo-
•Gru moscio? Non
è-·
Se t..sàlllb\lllllcNirnl!mebnlk:n,SIAUII sàlllbc::onwBnlllaa Sc:d)N.-*l ~m r.ft
llllrlllntllt~di!IIF....\ft,rrdlo...,nllndldllllrtr**"-C.I'Mw.c:onl
adcmilbt,~c:aniuicdri!IIJi.. . .c:onll...-n ....... PoiJOfiO..........
eltl'or*lb'll:li•hsformlmneltin1JIIt,Ou:mo~t:hi . .CO'IOIOMIIOftflldla:niba
4Qmoedo?Nrilrd1eawm;,nLimil_...hl~a:mb't comellriel,.m
hmoc:ob'ltl(Q'Ii ......
Due bele\41klrie d~ n t~ vo1111 enti riiClf1liV1I (Oan fMnll'll e Rlb:Jiht,n. fthetlnll
,.,..4.1estlestiibnnelt.aociUIIgl.a\d~ciBIII:ri.dOeMe91.dMazzdeUilgl
iMPeocaloSIObper~
Ecn?4'alaa:ìoappelo•...-.•dlld30111eneeacHvonttnx~cNIIJ*ft?,..._,
ctetpettac:d:lechefllgallill:tiano?SWmflliiiiiW8blnllllla.IITIIII1QIZZioo.
tivo, a \IOitc, anche le squadre che puntano
alla maglia rosa. inseriscono propri uomini
nelle fughe.
«Nelle tlppc per l ...c\oclstl, non trovi mal
nessuno che vuole attaccare- commenta
ironico Roberto Reverber1, direttore sporti·
vo della Colnago-Csf •, ma il primo che vuole
provdre sa che è fatta. Il primo auacc:ante
ha via libera dal gruppo e sa che gli tocdlerà
un'Intera giornata in fuga in attesa di essere
riassotillto, ma anche con tanto tempo sotto
l rincttori e letelce<~mcre.Anche questo è
Importante, per le squadre minori. Poi d sono
le tappe più difficili, quelle miste, impegnative.
ma non di alta montagna: come quelle marchigjane per Intenderei U c'è grande bagarre
per andare in fuga. la gente pensa che sia t"acile
e che il gruppo lasci rare. ma non è cosi: d
sono giornate In cui, magar1. s! deve attendere
un'orJ o anche di più prima che la fuga prenda
li largo. Di solito, cd è avvenuto SJ)("SS() in questo G!ro. assistiamo a lni7J di tappa a grande
Yelocità. spesso a quasi SO di media. and1e per
un'ora abbondante: e,ln quest'ora, è un conti·
nuo scattare c rlncorrcrsl d~ corridori. finché
la fuga non prende Il largo. A quel punto, se il
percorso è lmpegnattvo, diventa molfo dlspen·
_.__ _..__..,_,._.
•<Con femli e Rullillla a- dimoslnJ che il ciclismo è , . _,
lhl~darrbJIIMrm~U1GiroCUipill'i~LeShllegletl~ganocXlp:)giOm:l.
...
GlniSMI.-.nmar1111iJ11'di!I"~Ven!MII,.._comean~enell~dnllppt~
•la! ti dlddltllrnAw,nell rU!Enetlri:l dltCJIVriz:zilmo ............ Id tudlll..,.n.IQ,d dD.
SMI,gi~tcpJ!IaQifSIIOILMWMMiloi~e~rid!lldllllld~WIOdliiMrili
dlllviglll,ec:mlhiJI"!!ddporCntlvlltnbmmicne~.,..,....._.,ti:Jbllrrl)..-,d
llrc:uMwniJ*ì,.,...~(ldd~PfJ'tlldls:!lilc:t.lp!llelell....,.demergtreelnllllll1ii~
~.lddsmoèSIO't~~qunitllwl:nll~oO.Ielr'1rm6stiiOI*)dlen'lll
~·~dFemrle,~IJdldiU:inla.eztl....,....,..
LtW!Iorildllll~aPorto~UIMI.rmè,...,.,dw~~tw'&N....,nQUel
{lio'nof\tinD"erooez:hllaa:>l"itlft!SI~nte--~·ll'i'Miglnz:l.ecr.c.:e.~
CJ*Ihdt.pen:Nidll~hlo:nonelil~tn~nwd'lgMLPol,dlprollllicNtl.n
tnibli~Aì!d'lavadpmflniil~ftWOpc:cdedlt.....,paca ..... SonoCICIIWIIod.,.gli
•rCIPIDiritìddimshal..,vaba.lliu~UIIMI.i.-.~.
dioso per tunLcercare di recuperal"t'».
Riprendere i fuggitM non~ un es«dz$o
facile le lunghe "trenatr" dellesquadre.
spesso quelle det !Mg della dasstrlCa.. hanno
un costo energe0co. sopr..u rutto quando il
percorso è ondulato. In continuo sahscen·
di Ed è stres:501nte. Considerando che, in
una tappa di media difficoltà, affrontata ad
andarura vivace, si poss3 arriv3re anche
a consumare 6.000 cah>rie, ogni squadra fa
i propri calcoli: nel bilancio di tre settimane
di corsa. anche dura. quanto influisce questo
dispendio? Questo tipo di vatut:IZiofli sono
aiLl base delle scclte strategiche delle grandi
squadre che puntano alla maglia rosa. ma
non solo: anche i team in caccia di vittorie di
tappa devono scqlicre, perché la q ualità dei
corridori. oggi. non consente di essere al top
tutti i giorni Il Giro d'Italia 2012 lo si è corso
cosl. ogni giorno. in una specie di guerra di
logoramento di nervi e di energie.
Quando non puoi pem1etterti di essere pa·
dronc della corsa. si gioca d'attesa il recupero
delle energie ha il sopravvento: e cosi le pre-.
stazioni di tutto rispetto di gente come Andrcy
Amador (a Ccrvlnia) o Lars Bakdiventano
vincenti. Il numero di Matteo Rabottini, che
ha esaltato l Ufosl sulle Prealpi lombarde, non
è fatto di ~o coraggio e gambe: d ha messo
La serie Edge di Garmln è Il migliore
compagno di allenamenti per vivere una
stagione di vera passione, emozioni
e grande motivazione.
Virtual Partner' ... la funzione che trasforma
qli allenamenti in una sfida con te stesso,
confronta il tuo risultato migliore oppure
un'attività condivisa su Gar min Connect.
··~*5i•i•l=-~-
,
eRu03
·~ livello più "11111110''
alula la llag;m>•
CARBO N
ADJUSTABLE HEEL
RETENTION DEVICE
FaiWiolaa:ilino~hgllalenab1plùaQJreZ:Zali
d:almon:lodei~~L.I'Iwidoll&'
Tht .ldJUSUib!t M~tl r~ltnt.on dell'Cf
rt nfolctS tht top of lht hul cup a~d
irrlproyMihiiMbydolinglt>ebllckoflhe
parabeillsenoallaFederci:ismoealaNazi:Jnale
~Conllll1validCXIIIabcnlol1,oggi,cua
.OO.~aroundltle008r'•~
11staQiOOe:dei'M:ttri-Yenezuela,mailiJ8IISSatl
The h&el teliflll()(l òtMoe ttgflt..-. the top
hasegtilklp!Wli(Xtialleti,~gi:Mwi,cane
~Pozzi:Mw.IJ.SUI'vaUazil:nedeliiCXJsa
Ollheheei~&Oih!llt~C!Otint~
-
~steepdi'flbsOfsprints.
emo1o po5iliva: FamzioTaatR. nsmesi.vede
piùdL.IlmotivoperesserepiùoftirnisMdasaUe
d !p!SlD SJDt ofl!r btma par'le,(JJI!SIDGimè stato
C3'3111!ttzzaklda~n'KIItlaper'ee,danse­
pnza,1n1alb::dlieflllle,spesso:rdallnpan
Aziorimmeinalkldl:sec:cnie...-r..adai~
dilornetridgrn.blo(OUicoL.I'IIiO:I~.
Tacchi'IOvededibu:lnocc:No,leprestazlcQpiU
"\mwle~:cA.miomododvedere,L.I'Icidismopiù
eticohaportai:llconidorlan::heaC8fltiaremodo
d'~le~lblgii<Wnlpensalo5q)I'IIIIIA­
.,ai'Oispenclele~nrgle.E,c:osi,~cti
erai'llu.aperlamaglai"CCSahabadalllagestWe le
CALIPER BUCKLE
bze,gllallrilwrocen:akl~llllgae,spesso,
11limotrowla.TuttMacm~dl!ci!aneme
più~mn~.Sipensidleinsalica,sièmtalisui
1.450diYn,tmpraslalinalapataladmdliil
~Oihatlllarlperlamagiarosa,hapedatatl
a1.&50dVivn,cica::IJJ8SiifUTll!ti,ilwe!a,pos!llnl
trllnpochl,b(Jl4:4ll)o.~ocdlldelagefte,plù
deiiUTiel'l,possoooes:serelrdcal:lveallelnvnagH:
<Otstdlime,tmlli,detldprimafasdache
faticanoa~e.acdfb.ra.sotrronon'KIItl
lfreddo.hSI:mna.sonoelemenlidlepcifiRia
pelSa'eat.llcdsmopiU-wmo•.Amepiacecosì,
axt~eperdJellMoè più~le.Nonc'èpiU
rdadSIXIQIIIoo.
•tivellamento veBO il basso? Falso>•
DomericoCMio èl tecnicoltalnlplùamatortSpag'la TMbehetalalicaalr!Mn~itaiMeeheiO
i'lg:aggm, ma rota 5eiTlR 11'11 bmaZJcne sp3!JQa d:sposta ad accoglieri) a tncda aperte. In poc::N. M I'IOÀ'O
Paese, ShlOiiM::rare bM8 con igi0r.ft,per8Siefr4)i0: e al'f1lllo3tei Eust.ad. u Ci met11 in pìU IWldWI resper'ienza
dlehadshleecawitalane:4W<m:l'lini:llatappadfalmconlllragazzodleq.iè~malza!li·
re èbenpl.id~napn:messa,è giàlllotlinooonD:lre.lnltalia.evidEriemenle.sisapooodcmiOO'ispaiT(lliedè
stato,percertiversi, il"dlelll\8Jiaggioper'l'in:noo.
l~EuskallsiOOYre!Xleasaln~ilrnaltJpl,maaiGirosi è tutatail"dlenelebjleil
giornate mem&tce.le tq1e rUUr.mad ilfMwe,.(9ioccasime poE\11 riYeWsi ~:-t percor!lO
lascia\laspa2ta cl"ivclevai!rldin lnfllga.dow!Yamoesserdil"dlenoi,cpntosir1usdYa. P'l!ntéeratacieadifsl,
tanta intelligenza. il corridore diScinto,
per gestire le forze fino agli ultimi metri
del Pian dei Resinelli. Per un ronidore al
secondo anno da professionista. quella prestazione vale più di un esame d i maturità
Una promozione sul c.Impo per un ragazzo
che venne prelevato dagli Under23 dalla
Lamprc, ma che, invece di correre nel Pro
tour. sta maturando in una formazione più
~easy", come la Farnese-Selle Italia. E la convinzione mentile, più ancora delle gambe,
hanno fatto la differenza nei primissimi
mapollnblderautlplù~.Achlsostieoeche,ln~Gi'o,sii!WitollliM!Iarnl!ntlaeabversol
basso,DomericoCMiortsp:ncleco:si:oHesslm~Anzl,altll\telk:ltec:r'b..CMo,II)(I'COI'SOhalaD)
siche~Girosiconesselnrnarielalllpo'ctversa.loorridorlmodilicanolmodod~soprai:IJ.JO)In
basealtac:ciaii.LaCcnarosaèsta&a~~atlnchésidec::ldessekllllal'tAiino,atl'ilctlédlosse
suspencefinol!tafine.OiteidlerJ;«glrimbisonork.dnei"QenbOtti'noGiro.ben~.
VENT CARBON SOLE
Vent Carbon IS a V$lHUied SOle. Tn.
vent <nurted •t the ve~y top ol theo
sole. when Open. g1ves a good and
comfortable vant,!at•on All' w'l' flow
tl'lrOOQI'I ti'IUé PlédiSI)OM(I Cl'l3"1'1èll
unttftx,t anopen uha~sttowardsthe
mrd<lle o! tl'le shofl_ Tl'le a r-vent c.an
beopjtnorcrouune6(1 ot
,
50FT JNSTEP 2
Tht ltlJIO!YiiUI Ir!d COmlort.lbltSU.IJIIS
~<istltlutes
pr......,e~ OYerthelfch aree.
chilometri: se avesse avuto piìl convinzione.
placed'onthetopfJthe!oot
io quella tappa s i sarebbe parlato anche del
francese Guillaume Bonnafond, che, invece,
ha desistito ed è finito nel dimenticaroio. Uveltato vcrso il basso. chissà. mag;~ri anche
più etico (scritto con grande prudenza), il
Giro ha aperto il campo a uomini dal cuore
grande come Paolo Tiralongo e Domenico
Pozzovivo. Chi. nelle stagioni peggiori,
faticava ad emergere, ora sembra prendersi
qualche rivincita: ci piace, pensarla così.
ad,ustablefrombotl'ls!destoaci'HtYt llle
perlectC«lterpositlort
SP CARBON SOLE
~ISanewSodlsolelneart»n~
concetwd a~d constructed 10 1>t ustd
......tnthe~Piaypedal
- www Mllport .oom
MADE IN rTALV
Allows fronu mcfomtttc c losurt
andadaptsthupptiOfthtshot
to tht sh.lpt of tht foot for .1
customisedlot
HIGH SECURJTY
VELCRO
High secunty VéiCro strliJ)S woth
oteg1ated locking porymef teeth,
thet engageontoeach otherwhen
~:~~:~ap ' ' ctosed. mekong •t more
smentire rh l sostiene c he sia venuto
al Giro in una condizione atletica non
ottimale. •Sono venuto al Giro molto pre·
parato, volevo fare bene c cosi è andata.
Chi dice che non eroallOO%. si sbaglia•.
Il più crilico è stato Mario Cipollini,
dall'alto della sua esperienza e del suo
record di VIttorie al Giro (42). Anzi,
addirittura. Re Leone si e proposto
come consulente del britannico:
«Mark è Il più forte-. ma viene guida·
to male. Il campione del mondo non
sa organiu.are il treno, chi dovrebbe
costruire le fasi finali di corsa è
carente•. Mark respinge al mittente
ogni cosa: «Mario dice che sono
grasso, che non sono in forma. che
il treno non funziona. Però. finora
ho vinto un po' di corse anche lo. E
a 26 anni ho già una Sanremo e u n
Mondiale in bacheca. Sono anivato
in una nuova squadra. dopo tante
stagioni vincenti in una squadra
fortissima come l'High mad. Qui ho
trovato un nuovo gruppo attorno a me, scp·
pure fatto da corridori con i quali correvo
da ragazzino. Stiamo lavorando, cercando d i
migliorare. ma nel frattempo vinciamo•. La
stagione prosegue per g radi, prima il Giro,
poi il Tour e, infine, l'Olimpiade.
l.avori In corso, attorno al campione del
mondo: «Cl sono cose d3 rivedere, c'è sempre
da migliorare, non tutto è andato In maniera
perfetta. ma il dclismo non è matematica.
La mia squadra mi ha aiutato molto e io ho
cen:ato di fare il massimo per ripagare i loro
sacrifld Anche il mio approcdo alle tappe
di montagna. per arriv:&rt a M1bno. è stato
importante. Siamo venuti al Giro per vlncert
la classifica a punti. Purtroppo, per colpa
della caduta dlllorsens e di Ferrari, ho fatto
un po' fatica nella l)rima settimana, a causa
degli acciacchi rimcd latil•.
Roberto Ferrari si è ritrovato nelle vesti di
•cattivo~ per colpa di una sciagurata mano·
vra nella volata dl llorscns, l giornalisti han·
no cercato In tutti\ modi d i for.wre la rivalità
che. in condizioni nonnatl, non ha storia.
Eppure, a Montecatini, l'Italiano ha vinto
una volata splend ida, saltando un Cavendish
piantato sul pedali, cosi come l suoi apripista.
Fe rrari non può essere l'anti Cavendish: in
assenza di Pctacchl, con Modolo e Guardini
In dlfficoltà,l'lt.11ia ha trovato In questo ra·
gazzo esuberante, ma per nulla k.amikaze, un
personaggio capace di emergere contro
l'impossibile. ovvero contro un velocisu
(Cavendish) indiscutlbllmente più rorte.
Davide contro Golia. insomma.
A Cavendish non piace perdere. magari
s'ai'T3bbla pure, ma certt atteggiamenti.
quelli appunto che aveva Cipollini da COl"·
ridore. oggi sono impensclbili: anche per
un campione del mondo che. con grande
consapevolezza. sa di essere parte di un
progetto ambizioso, que llo di Sky, che
guarda molto più In alto.
Mettere In bici un milione di Inglesi
A spiegare meglio quest·o conceuo, cl pcn·
sa Dario Cionl: corridore d i gronde intelll·
gcnza, oggi si occupa della comunicazione
del team Sky. ..:Cavcndish è un testimoniai
importante per un gmnde progetto di
Sky, quello di mettere In bici un milione di
Inglesi in più rispetto a chi usa il mezzo a
pedali, oggi. il team Sky è uno strumento
di promozione e. owlamente, punta a
vincere: ma conta anche come si vince, da
noi. E l'obiettivo prindpale resta quello
di conquistare il Tour de France con un
corridore britannico. Cavendish sa che
ben preciso• .
Tornando alle questioni tecniche, il gruppo
di atleti che lavora con Cavendish può
contare su un grande regista come Demani
Eisel: l'esperto corridore austriaco (debuttò
nella Mapcl giovani} è un uomo "chiave" per
Insegnare ai colleghi i meccanismi perfetti
per lanciare l'uomo più veloce d el mondo
verso la vittoria. Al Giro, però, Cavcndish
non ha potuto contare (causa infortunio} su
un ultimo uomo di grande talento come Ben
Swift Il ruolo di Switt è stato interpretato
da Ceralnt Thomas, campione olimpico
su pista, grande Inseguitore, capace di
splendide progressioni, ma meno portato
alle dinamiche più caotiche d elle volate nei
grandi Giri. Thomas, Kcnnaugh, Stannard,
non sono pivelli qualunque. chC<:ché ne dica
Mario Cipollini che, da grande campione,
ha lasciato Il segno nel ciclismo: soprattutto
perché ha imposto. per le sue caratteristi·
che. un modo di sprinta re. Uno schema che,
in maniera perfetta, è stato ereditato da
Petacchl. La tecnica del treno che scorta il
~lodsta lì no a l SO metri dal traguardo ha
abituato gli appassionati a certi schemi fissi:
ma ogni corridore ha le prop rie caratteri·
stiche e, pel" un velocista esplosivo come
Cavendish. quel modo di preparare le volate
~utile, ma non fondamentale. E In qualche
caso, si \'eda per esempio, la volata di Cerwre, Il ruolo della squ<~dra è stato soprattutto
quello di portare il vtlodstoa nelle poslzJonl
di trstl: a trovare Il varco, a sgomitare e a
districarsi nella confusione, d ha pensato
Mark. in prima persona.
Cipollini ha Imposto uno stile, nella volata:
un unico schema. Ca\'cndish, Invece, può
permettersi di metterei più fantasia.
Una questione apcna.lnvece, riguarda la gul·
dabU!ti delle bid: la sc:clu di certe geometrie
e, sopro~ttuno. di ruote mollO rigide e tubolari
troppo gonfi. ha messo SIX':SSO In dlffkottà l
corridori, nei finali di volata. Ma, naturalmente,
sull'argomento,! corridori ten~:ono bocche
cudtc c. comunque. non esprimono opinioni
su per partes: forse si è ai'TÌV'Jti a un limite lnva·
licabile. La corsa alla koggerezza e alla rigidità
dci tclai. per foi7A1 di cose, non è Infinita
Tuno sembrava scontato, fino all'ultima
volata. quella di Vedelago: e. invece, in questo
Giro imprevedibile, è arrivata la flammata
splendida di Andrea Guardini. Thppa di tre
ore. praticamente In discesa. un'oa:asione
da tentare e non sprecare. E Guardini ha
mO!io"trato a tutti. Ca\'~ndlsh compreso, che
può diventare Il più forte d cl mondo. Per ora,
però. il campione lnidato l! ancorn lontano.
• PR04 COMP Servke Co~on'Se'": per i cklìsti che privilegiano il rendimento e l'efficacia.
Queste perlormance sono ottenute grazie alla ternologia bi-mesc.tMe ottimizzata al centro e sulle spalle del battistrada.
una nuova architettura della carcassa in 150TPI che alleggerisce considerevolmente il peso (180 gr) e ad un nuovo profilo.
PR04 sono anche 3 in altre versioni:
• PR04 Servk:e Course :per i ciclisti alla ricerca di uno pnamatko motto performante in ogni circostanza.
• PR04 COMP lim1ted SeMce Cour"Se : per i ciclisti aUa rkerca di velocità.
• PR04 Endurance: per i ciclisti che privi~no l'tndurance e la longevità.
Solo l'inventore dello pneumatico da biddetta poteva reinventare uno pneumatico da bicidetta.
U1hfooorr ·11~ ---~P'ti(M(OW\ffvo ~Coo--~d~7'!1.diff*§Jit'(2l. 1 WIIIIi24.7~lllpflm,_.P'I04Srr....Co.nt
Q~lib,.o,t~
di
lJ~•per,.,.a:r"PoZlb-w'ledlln.,.,Pdil l 'pllf'llmWOOIIDdipow~~~~~-di~
II.IN
:0~
l ì·\WV24Wi
....,.. ... , •••• c;••, • •••••
.
,....., . . . . . . . . . . . Marto ......
50-n........
C.!::"'...:=!'t"
,..
,..liallcD
.....
doveri•.
Sciandrt lavora con un adda In ewluzk>
ne: anche llskamonte, non l formato dti
tutto, .. si pensa che lo 5a>nO irM!mo,
ramericano ~cresciuto ancora tre
cendmeui: et un atletoi che si sta ar'ICOfOI
sviluppando. Oggi. ron il fisico che si ritrova
e le doti innate, potrebbe gjà provare a
vincere una corsa a tappe di due settim:me,
ovviamente .senza troppe salite. Penso a
un Eneco tour; per esempio. Le corse di un
giorno, le grandi classiche sono quasi tutte
.alla su.a portag, eccetto ill.ombardia: ha
fatto una grande campagna del Nord. ha
lavorato ta ntissimo, non si è risparmiato
per i cornr1agnl cd era comunque là davanti
con l primi. E si è piazzato alla Roobalx.
Sulle corse a tappe deve lavorarea.
t:approcdo m~ntale. per uno com~ lui,
può far~ la dlff~renza: .naylor lo sa bene
e si sta impegn.ando: conosce il suo limite, è
uno che ascolta. A.'>SOrhe ogni consiglio come una spugna Sta imp.1rando ogni piccoto
segreto che cerro di trasmettel};li: per uno
come lui,~ importlnte anche imparare a
essere meno esuberanti. quando non ~rve.
Quando non serwandare ':»rte, percaprd.
bisogna imparare a gestire le energSe. SaYe
enerxy e guardare avanti•.
L1mpronta del fuoriclasse si distingue
da_. «Lo si capisce da come sU riescono
facilmente le cose. Ma~ la sua mentah~ che
fa ben sper-..re: alb base c'è bi sempUdtà
In rutto. Taylorè un oorridore che tutto con
estrema umi~e non è un fissatodisrm e
watt Sa che deve fare buon uso dclb tecnologia. ma non è ~ionato da questaJo.
La vittoria Mila prima tappa. alla
aonometro di H~mlng ~un piccolo
capolawro di cui Max Sclandrt va
orgoglioso: «SS. perché è Il frutto di un
progetto costn1ito insieme. Abbiamo
lavorato tlntissimo per quella vittoria.
lo e lui, in Toscana. tarli i gloml con 1.1
bici da crono. SI è allenato da.ll'lnlzlo
dell'anno, mediamente due volte la
settimana. con la bici da cronorm..'lro.
Questa è stata un.a sccJg fondamenta·
le. dò che può fare la differenza tra un
cronoman e un buon passlsta è and'l!
la dimcstkhezza con la bici spedftca. Unocome'Tàyk>rha lmp.1ratoa
guidare la specialissima da cronometro
ron la stessa dimestid\C'z7.a della bld
normale da strada. Epoi rapprocdo
mentale è fondamentaJe,...
Allenamenti spedfld e tanto usdtl! "die<ro
rno(D'": «Moltissime, io~ lui Poi, in Toscan.a
vivono anche altri atleti Bmc. con i qu.ali
abbiamo fatto altri lavori imponantl Van
Garderen e Cummings. per esempio. L'unico
rammarico è quello di non avere un vt-lodromo vtdno a Qu.amtta, dove abita Taylor.
Abbiamo sopperito in altro modo•.
la cronometro di Hemlng ha fornito l~
conf~rme che la Bcm si aspettava, al di
l~ della vfttorta: «Thyyor è arrivato al Giro
molto ronuntr..to. con gr-ande convinzione
e ha saputo gestire b presskme In maniera
egregia: sapeva di essere il favorito, ma ha ge-stito 101 tapp;tcon l'esperienza di un vet.ernno.
In bici sapeva a memoria quello che doveva
fare. è venuto tutto naturale. Con~a ogni
curva•.
~Olimpiade di Londr.o sarà
Il paicosceni
co In cui Phlnney sarà finalmente a
confronto con l super cronomen come
Fablan Cancellara, Bradley Wigglns
eTony Manln... «Sono molto curioso
anch'lo di vcderlo In gara: è un ragazzo
di 21 anni, bisogna comunque ricordarlo,
ma tra qualche anno a\lrà l'esperienza
t>er lonarcalla p.111 con questi spcdalisti
di razza-.
Dolio deve migllor.ore Phinney?
Ci sono molti aspetti sul quali de\le crescere, è normale. il suo limite più grosso
è la salita. sa che deve laYOrare, prima o
poi progredisce. Al Giro ha sofTeno, ma
ha imparato a gestirsl senza sprecare
troppe energie, facendo esperienza anche
con il gruppetto del velodstlln coda al
gruppo. C'è tutto da lmpo~rare. anche lì•.
llmasurodalwt~. rdlt111aboratmo. per r 1100
pm~ dal ru;M)
rttlll.f1WIIO AOS( XEON RS
Ei:mllnllva~di•9d"'-orumocomfaneo.nn
-.o
--
ognidlttagi.QI(n)gll~diquestabici
Bicdlttl~'ltfSiblt. ~CDl
r~nhm.
r,..,EGNIIOSE
Power meter per migliorare
S;m.oiintcressatoad;Kquistareunp!J'I'ITI"mcb..'T"permigl.iorarelemieprest"Uioniinbiddetta,m.lsonoillncor.t
locerto sultipodasagliere. Mi potetesplegarequali
sooolcdiff<.'rellZCprindpalitTaqucllipiOtmrlOrtanliin
commerdo?Qualemlconsigiiate?
U n aggiornamento sulla vicenda Udace
Numerosi lettori ci hanno chiesto d i vederci più
chiaro sullill questione Udace e Consulti naziona·
le del cidismo. u Co ns ulta lo scorSQ 10 maggio
hariamn1esso lapartecipazionedeltesserati
Acsi sezione cichsmo alle gare condivise dalla
Con~ulta. tuttavia ha confermato che i t~ sera ti
Udace non vi sono ammessi né i tesserati degli
enti della Consulta possono prcl'ldere parte a gare
dell'associazione privata Udace.
In alte.u della riu nion~di Cattolica (Fc) tr.11 coor·
dinatoli regionali e consiglio deii'Udace, abbi~111 0
potuto chiedere Informazioni alla fonte Acsl,
nello specifica al presidente Antonino Viti.
Presidente Viti, sembra di capire che Udace si
t •annullata'" In Acsi7Contentl7
~Ness1.1n o ha chiesto il Udace di illnnullarsi o
estinguersi In Ac:si, anche se la Consulta ha fatto
richi~ste molto precise e con qualche posi:r;ione
onestamente un po' drastia. Con Udace c'/'o unio·
ne d'intenti nel rispcltodelle regole. Semplice·
mente, come abbiamo scritto alla Consult<~,. non
c'ènessuna formadiriconoscimentoo affihazio·
ne di Udace ad Acsl. ma unicamente un comune
impegno a sos ten~re. promuover!!' e sviluppare il
ciclismo amatoriale•.
Alloratstataaccettatadatuttilasoluzlo
ne della rlafflliazlone ad Acsl delle società
Udace7
•Tutte leassoclat.ionlsportlve dllettantistiche
Udacechehannomanlfestatola volontà,sono
statl'affiliateAcsi.Finorasi tra.ttadi8·900:non
sappiamoquantesono intutto,maabbiamo
rlchle~te quotidiane...
Il passaggio t stato Indolore? Cl sono stati
costi aggiunUvi?
Consulla in via transitoria per quest'anno ha
accdt;~ to la soluzione•
dosempre ilnostro lagoeutilizzandoorpni e
Nel dettaglio come si svolger.ll l'attMt.\
adesso?
gi!lapp<~rtenentia Udace, ron la collaborazione di
affiliati Acsl e saranno officlatè da giudici Acsl, Fd
adialtrlcnttadcrcntialla Consulta•.
Potrebbt splegarcl come mai si t arrivati a
questo punto?
cii rapporto con Uda« per noi è cosa nuova. ma
Il valore eff~ttlvo del movimento ciclistico di
Udace/'omollasignificativo.QuandolaCansulu
hamani(est.ato lesue intenzionl,amarzo,nei
W!rtlciUdacec'éstatoun lrrigldlmentocheha
caus<1to l'tsolamento dell'associazione e q ualche
~vittima·, tra affiliati e tesse m ti, mill anche
danni in generale nello sport e nella società. la
ConsuiU chiede Iii tolille reciprocità nell'attività
che /lo uno dei principi cardm~ del Coni. Ora. cn•do
occomt soltanto dialogare e quelli che conosco
dci vertici Udace mi sembra Si<~ no disposti a farlo.
Prescn:r;ierò anch'io all'Incontro d! Cattolica e
puntuaH:r;zerb quest'aspetto". ( M .V.)
•Soda lizi e tcssernti diciamo · ex Udace·gareggera n no con l.J tessl'ra Acsl r saranno tenuti al
rispeuo dello StattJto e dei RegQiamenti dell'Ente,
del codice di comportamento sportivo dd Coni
nonché delle regole stabilite dalla Consulta.~ 1mportante dire eh~ non esistano scorcia tai~ osug·
gerimentl particolari per il tesseramento aii'Acsi.
Il tesseramento é un'azione importante che
presuppone <~n a scelta consapevole ~ coordi na ta.
Le tessere Aoi pert:mto non sano integrative a
q<~elle deii'Udace. Non devono essere distribuire
primi! dell<tga111 solo perconsenUre l<t p<~rted·
pazione alia stessa, devono essere perfettamente
compilate. Le manifesta:r;ioni prima indicate
rome propriedcll'Udace vemtnno inserite nel
calendario cidisticoAcsl e cl impegneremo
affinché non sl lngenerino confusioni, apponen·
dirigentitcrritorialiAoi.ancarchéint.al uni eo~si
•Faremoun<~compensa:r;ioneeconom icillconi
comltatiprovinclalichehannoglà incamento
l denaridelleiscr1:r;lonledelleaffillatloni.La
situaz:ioneétra nsitoria, macredi<~moch e poiché
siamo a sugione avanzata, potrebbero non esser·
ci costi aggiuntivi•
~
l
Quanto all'assicurazione?
cAi tesserati Aul è stata estesa la poli:r;z.a della
MH•oo "'"'"~''""' "''"'"' d• Udm. L>
~~ ----------------------==========~
d:I.<Qlt(m:i'eesrJietiz23'eil
p:d'er\1'>.-CM<llfir.m sLi Jlli*m Illiri. OMro
celJlsetdn.oeci:tilate,rm.a
COll-alli,à:<Sil'ila(JddiJliCXII1Jil
d R.lÈQ}d~cx:ncadlnfba d ca·
SIJaiXJSSI;iitàdi.ISal!elll'l~.&re
l po.o.«rreB'a~.l~~d
g.mjm,IJ-OStl_llJl_pottébS1J\nlim
utlèSffi!adJ:ti>Q..dl~U'asseOOllllllm
è"""""*'SUIJSO<I>'<Eiaa-I<Sel<m:I,Uie ~ ­
lxri:>. :ll,iM<e,IIX"'J "'""è~>.Ja
delenrtl-1'<>'""'·-'*~ <:nsi~'ffil:lbEri:ssiro,rmère::ess;ri:)sp:n­
RispondeAiessén:lroTllti
Se SEJ\Ie ilbmi cx:n t watt si rn:na 1a nna se, ~Mre. !be t*ri:ri !Di. [)i p.'*> d \'Sa IJaliD, h.ml,(JISa
Galle Ollle.i-diXtl'lla. """"lniJiatj- """"""rago:n"""""bd-IJIM>~
potté
rQ
ITlEili!9Jà.Je!XJT'ri d jlJI!'iB'O,C'ècti J81S3 d"e l lo;p d~c'è""'Jllcd_d_èsU!iil!je !ffl.<EI""èlii'- ,
__U-ga,_
ii:laepB"rl"'SlBeiwartd:i:lsbzDO'Iriàd rri:stlattta
~Brulaeii<M:roè!Je:sklfatlo.Tt.G,smzal'al.ll
-Oabg.aròm,a10ii>1!feri=n~b dllllf6l3iD,SO'"O~deseg.ftteqlf32i:re
~ono,r-r»}liM).
"" (Jilli<XJl
~""""'
<l>OiiJ'i#LOOd/UOl
_ c'ècre...-...
__
SÒliJlSU-Ciifanrtl-.
--d"""
0061be""-
clltrecx:ni'T\YI~.Pa'Q.B"i:lrl;)adaaffi:tctilàe
SlU'ell2SO'"O~Orrallll.iliSIA:JstessoM:i>~cii>­
OIOOi~-=rosl&:llil<!a ......... ~.
.t:mro~le(JEilà eB~smzadstil­
·~-"*'-·""'~JSXre~X><"""'
l rrBJatll'e si IX*nZa tDaiitJl'alra mmm, l'oo:ttl clij..-e>.JaQ.ailàdel'""""""""'it>"i1tlla
zm~d"dele,-rom,d'esa-o~
-~~._. pa1e_noooa,~~I"Xil-
ttì l <i:bcrrol)'t1Jati(J.SSilAiie.OOtt>sn:tr.rl"8lle.re
llid-~·COll"""'<d.
E
E poi, ecco, bisogna ricordare c he abbia·
mo vinto anche perché Nibali ha ceduto:
insomma, non si può dimenticare che la
Liquigas un paio di cosette le ha sbagliate».
Quali errori hai visto?
«Un errore, piuttosto grave, l'ha fatto l'ammiraglia. Perché Voll)i è rimasto con l'auto
nel mezzo t ra Nibali e la coppia formata da
Rodriguez e lglinsky. Sembra una banalità,
ma nel finale di una corsa di ZSO km, cosi
dura, avere un punto di riferimento come
l'ammiraglia. si è rivelaiO un vantaggio per
gli inseguitori. Jglinsky ha attaccato almomento giusto, quando Rodriguez era ormai
spremuto ed è rinvenuto su Nibali. A quel
punto Vincenzo aveva già ceduto».
nricoGasparotto non
r iesce a pensare da
star, la vittoria all'A m·
srcl e il podio alla l.icgi
non coincidono con una nuova dimen-
sione: «Dopo le classic he, la mia vita non
è cambiata e non cambierà. Forse perché
ragiono da corridore più maturo. Lari voluzione l'ho vissuta molto tempo fa, al
mio primo anno da professionista. dopo
la vittoria al Campionato italiano. La
maglia tricolore mi è finita sulla spalle al
primo anno da pro, dopo poche gare. Mi
sono ritrovato improwlsamente in una
nuova dimensione, d ifficile da gestire. Ci
ho messo un po' a capire qual era la realtà del ciclismo professionistico. proprio
perché ho vinto subito•.
Il Mondiale è perfetto per lui:
«Con il ct Bettin i c'è fiducia reciproca•
La maglia tricolore sulle spalle di un
neoprofesslonlsta rischia di pesare
troppo: «Non sentivo troppo le pressioni, ma tutti si aspettavano molto da me.
lo, però, avevo i miei tempi di matura·
zione: non è per sminuirmi, ma ho corso
d iverse stagioni cercando di colmare
il mio limite, quello che mi sepa ra dai
fuoriclasse».
Consapevolezza del propri mezzi o
eccesso di modestia?
«Madre natura mi ha fatto un buon
corridore, ma non mi ha donato doti da
supercampione. Non sono un Nibali o
un Sagan, per intenderei: per questo ho
dovuto lavorare di più, ho bisogno dei
miei tempi per arrivare a coglie re le mie
soddisfazioni».
Il trionfo di Gasparotto all'l\mstel
Gold race, una vittoria d'esperienza e
Intelligenza, non a caso, è arrivato nel
pieno della maturazlone (a 30 anni):
«Oggi sono più magro rispetto a quando
ho cominciato a correre con i pro, ho più
tenuta sulla distanza, ho più esperienza
2009, in maglia Lampre. Secondo me, in
quel 2009, andavo forte come quest'anno,
ma d ovevo lavorare in appoggio a Damiano
Cu nego. La vittoria, giunta a questo punto
della mia carriera, me lo sono cercata. Ci
credevo. E già ne12010 ero arrivato sul podio: anno dopo anno ho cercato di miglio·
rare. Nelle ultime tre stagion i ho centrato
tre podi nelle classiche: i due ali'Amstel e il
terzo posto alla Uegb•.
Llegl Bastogne Llegl: Il nuovo obiettivo
è già nel mirino?
« È la più sognata tra tutte le classiche e,
quest'anno, mi ha regalato grandi emozioni, quasi come la vittoria neii'Amstel. Sono
convinto che prima o poi r iuscirò a vincerla: so c he dovrò aspettare, magari chissà, a
fine carriera. Ho i miei tempi e devo ancora
1mparare».
La modestia è uno stile di vita, per Enrl
co Gasparotto: «Mi dà fastidio la spavalde·
nel gestire le situazioni. Corro. insomma,
ria di certi corridori giovani che, al primo
in modo più intelligente e, anno dopo
anno, ho cercato di migliorare ogni cosa.
Classiche comprese. Perché per vinccrle
bisogna correrle più volte e imparare».
L.:Amstel Gold race non è tra le classi
che monumento, ma cambia eccome Il
volto a una ca rrie ra: «L..:Amstel Gold ra·
ce l'adoro, è una corsa con la quale ho un
grande feeling. 1..1 prima la d isputai nel
piazzamento, già si credono campioni. Non
sopporto la presunzione, anche perché nel
ciclismo è fuori luogo. Io non farò mai cosl.
niente proclami, ogni traguardo va conqui·
stato con umiltà. Non amo fare lo sbruffone, non sono per niente esuberante, è nel
mio carattere. Questo non vuo i dire che
non abbia la convinzione di I>Oter arriva re
ai grandi traguardi».
Il progetto Llegl, perO, è già più di un
sogno: dal terzo posto nell'ultima ed l
zlone, cosa hai Imparato?
«Im pari a gestirti i momenti in corsa, per
esempio: la Uegi la devi inquadrare ment al me nte in tre momenti. Il p rimo è sullo
Stockeu, il secondo sulla Redoute: se superi bene entrambi, con i primi, allora arrivi
a \ t"er.w, q uello decisivo. Sullo strappo di
La Roche aux Foucons, ci arrivi bene solo
se hai le gambe. 11 finale è una questione dì
grandi gambe».
Quest'anno, la vittoria di I.gllnsky è
stata sl una questione di gambe, ma la
tattica ha avuto molto peso: «Quest'anno, c'erano le condizioni per puntare molto
in alto: in primo luogo perché non c'era un
Gilbert stellare come lo scorso anno, poi
perché gli Schleck erano meno in condizione rispe tto alle passate edizioni. C'era un
gruppo di corridori, tutti più o meno sullo
stesso piano, in grado d i poter vincere. E
ci avevo visto giusto: mi ero convi nto che,
la squadra che fosse arrivata nel finale in
superiorità numerica, avrebbe vinto. E così
è stato. Noi dell'Astana eravamo in tre.
Di noi tre, ha vinto lglinsky: è a ndato
fortissimo, ma è anche stato molto intelligente a saper sfruttare a meglio il lavoro di
Rod riguez, uno dei favoriti, che si è speso
tanto per cercare di rientrare su Nibali.
Archiviate classiche e Giro d' Italia, il
pensiero fisso d i Gasparotto non può che
essere il Mondiale, sulle strade d ell'Amstel
che lui ama tanto. La maglia azzurra è
piO di un p rogetto: «Sono naturalmente
in contatto con il et, Paolo Betti n i. Con lui
ho un ottimo rappono, nato da quando era
corridore, c ci siamo confrontati spesso.
In fondo, sono stato l'unico tra gli italia ni
a offrire la conferma che il et attendeva
per questo tipo d i gare, ovvero per le
classiche d i un giorno. Per il Campionato
del mondo, lo confido, si parla già di ruoli
e la cosa mi dà forti motivazioni, anche
se la maglia azzu rra non è ancora sicura.
Mettiamola così: mi piacerebbe partecipare all'Olimpiade, so d i essere tra i
possibili convocati in azzurro, sarebbe un
onore, ma voglio p untare soprattutto al
Mondiale, su un percorso perfetto per le
mie caratteristiche. Con Paolo Betti n i c'è
fiducia reciproca, fiducia sincera. lo non
sono un corridore che pretende, so essere
onesto con me stesso, qualora non mi
sentissi all'altezza•.
Ilclclismoperteè...
«A 30 anni, è soprattutto un lavoro. La
passione, il grande e ntusiasmo li ho avuti
nei primi ann i da pro. Poi, il ciclismo è
diventato un lavoro, che naturalmente mi
piace e al qua le dedico tutto mc stesso.
Quando non sei più giova nissimo, tut·
tavia, certe cose cominciano a pesare:
pianificare una famiglia, un futuro con
la fidanzata non è sempre facile, qua n·
do fai una vita da zingaro con le corse
in bicicletta. Questo non vuoi d ire che
non abbia più passione, l'emozione che
ho provato ali'Amste\ o alla Uegi non
sono paragona bili a nulla,.
Il bello del ciclismo?
«Vedere posti nuovi, conoscere il mondo. l corr idori del passato facevano
quasi t utta la stagione in Italia e al
massimo si spostavano in Francia, in
Svizzera, in Belgio o in Olanda. Oggi la
globalizzazione ci porta nella stessa
stagione a correre in tutti i continenti.
Fa bene al ciclismo e, per noi corrido·
ri, è anche un'occasione di crescita a
livello umano».
Il futuro di Gasparotto è ambizioso, ma
forse non in maglia Astana: è in sca·
denza di contratto e, secondo voci di
mercato, il friulano potrebbe cambiare
squadra.
GiaQponesl
Andrea Tonti, Alberto Elli e Fabrizio Fabbri, tre "vecchie"
conoscenze del mondo dei pro, sono la base tecnica del
team Nippo: l'obettivo concreto? Portare una squadra
giapponese nella "serie A" del ciclismo. In pochi anni
Testo di &eoflrey Plzurnl
flto d'uchlwle
P
lcoob. maCI'I!SIC1rl. •Il nostroobict·
tiYo- spiep Andrea 1bnti. team n1a-nager del Team Nippo - è qucllo di
d~ b pnmasquad.r.l giappone-
se con licrnza Uci Pro team, cosa che d permetterebbe
dì parteCipare a tutte le ~re dci CA~Iendario mondiale-.
eAibertoflli~quelladiunteamdlecm:adifarsJiargo
in un òdìsmo sempre più s'obalìzzato e roodizionato
dal business. Per lo stesso Fabbri. per un decennto di·
rettore sportivo alla M.apei. •il cidis:mo non dew essere fatto solo da squadre miliardarito. d wgttono anche
k- squadre c:osiddcue minori che motto spesso danno
:0.~r:~=- r.==::;;---::::::::;:======il =:::·:~m;
Andrea Tonti d crede dav·
vero: • Il primo passo
quello di passare. In un
paio ann~ da ream Conti·
nental a ProfesslonaL poi Il
grande salto•. Dd resto, In
un Paese di poca tradl7Jone come Il Gl.1ppone, negli
m
~
~
di un ciclismo •molto pfù
aperto• e ml'no ancor.~to
a rigide leggi economiche
e a regolamenti che spesso
penalizzano le piccole l'ormazioni come la sua. !l riferimcntova,comesottolinca
Andrea Tonti (d1e molti
ultimi tempi l'inreressc
appassionali lioordcr:mno
verso il ciclismo su strada
è cresciuto molto e questo
sta gkx:ando un certo molo
nelle scelte di uno sponsor.
la Nippo, ché è presente da
ormai YCntotto anni nel mondo delle due ruote. dì cui
tredid tra i professionisti.
Sequestoèiltmguardofuturo.tutt:Ma,brealt:.odiema
dclla squadra diretta in ammlr.-gUa da Fabrizio Fabbri
per molte stagioni ottimo
at:IAIIIIII
ronidore professionista),
alla minor visibilità che
una squadra continental ha
rtspetto a una Wortd tour
anchese• ilgarcggiareintuttoil mondo ha sicuramente
un riflesso positivo pL>r gli sponsono.
Per Il manager- man:higiano la gkmliz:zaziooe del ddismo ha quindi degli etretti pos;tM ed è «giusto e al
tempo stesso Importante porUre le gare dove
queste hannob possibili~ di~.Sulrl·
nizio dì stagione della proprb squadra. si dice
molto contento. c.l;anno è Iniziato nel migliore
dei modi; abbiamo già centrato ob6etttvllm·
portanti come i) Campionato panameric:ano,
vinto da Max Ridleze. e speriamo di potcrd
ripcun in tutti l oonnnmtl nei quali andremo
a COITl'fl."lt. Unk::a nota negativa, l'infortunk>di
Fon.unato BaJì<ml caduto durnnte Il Gpdl Lu·
gano alla fine di fcbbrnlo. <~Ern ed è una delle
nostre punte- sottolioro Fabrizio Fabbri - e
la sua assen7.a si è l'atta sentire, anche se sono
oonvinto che farà bene a oomlndare già dal
CampionalO italiano di giugno•. Si aspetta
qualcosa di buono dag!i italiani Simone Ca m·
pagnaro ed llc nry Frusto («sono e ntrambi
affidJbili e I>OSsono fJr bene sia da soli s1..1
per la squadra• ), oome anche crede molto nel
giovane colombiano lulian A.ITcdondo (com·
pìrà 24 anni il pros.sitno luglk>) «che non solo
è forte in salita, ma che anche am1>1 margini
di miglioramento». Per il futuro. l'esperto di·
rettore sporti'r'O ha una mtez:ac cln Toscana
~tantig)ovaniitllianiestramcridigrande
taterlto: mi pbcen>bbe puntire su di loro. con
due. tre inserimenti di gente d 'esperie nza.
Un nome? MI piace Diego Ullss l, ma quelli
promettenti sono davvero tanti».
E, in vista del passaggto al ranking Profes·
sional, Il Team Nippo - con un budget an·
nuaJeviClnoal milione di euro- ha Kelto 13
_..___
Mal Ridlem, i capitano
Alllhcii!Piln.,_.il.,.
...ku.,.
nlllldlalca~dl!l'~
MlxirillnoRil:heze, 29ame . . .
dstlagedì'o,lilstaglane21l12:1iièapa11
dlllmedlglllloronellpn:Jl!Bihlh!lldel
~parwnericai.lnllalildl12004
è__,profes:sionistacMRlidopocon
Il PaWII del AMtberi otlenenOO.. eia
atlii)CIIatltìriUtali.Laucarierlsii
H!mli'tlnllt2(0l.CJ*l!O*~dell
parienadiiiGWd'lalialutrtMiklpositivo
e~perdu!IIWriRìermdorB
2011 cmlhnCDllinentaiD'MgeiO&
Anteru::ci-Hipp#!stbitoriDnaloalsucces·
so. Duesl'imO, ns1eme allraldo Mauo, lerma la coppa aventna del Team Nlppo, con l'obletllwl d In bene
siaconla~maanchealleprossfme:Oiimpiacldl.Or'O'aconlamaglildelanazlorl*.-genlila.Perlu
ltiUaledì'etb:resporttvo. Fabrtzlo Fatbl.oot W~ aaetaehenonèstalolllCOI'IIIIIOrlmdolplenoperQUelleehe
sonoltsue~HonèW~veloc:i$taclprimafasdi. ... Caverdshperillenderd,m~llahdel"lmO
lesuecorseltW!cete1'111'8".~RI~dellosc:nteriUdimertc:lno.corner.:x:ontaURmo<'illl
Millno-Simmo.Che ho gilccno n vob. A:i mi pilceret:ltle cx:mre 1Girod"'IIHH, megll'i VI' 1 pr'OIIi'no rr10>.
strada del passaporto biologico, nonostante
non sia obbligatorio per le squadre Conti·
nental: .Si tratta di un punto di partenza per
tutelare l'immagine della squadra -spiega il
team manager Andrea Tonti - e cenlfkare
la serietà del nostro lavoro: è stata una mia
ordinato disord ine. sui sampietrini della
Città Eterna, con b iciclette strane e colorate
e un sorriso per tutti. Ma poi anche sdraiati
a terra per un Oash mob significativo a
ricordare i troppi ciclisti che giornalmente
subiscono inciden ti per l'indisciplina altrui.
Chi c'era a Roma?
Q
Quièstata investita
c uccisa Eva, che
andava in bicicletta•.
Il cartello sul palo
27
ci Fori Imperiali a
Ro p
. Anzi, fino a un po'
di tempo fa, il messaggio era ancora
più e<:latante: una bicicletta completamente verniciata di bianco a dire che
in quel punto. Eva. ragazza dì
28 anni della Repubblica Ceca,
aveva smesso di pedalare per
sempre. La ·ghost bike· è stata
poi rimossa dai vigili urbani.
Al palo 27 dell'Acca era fissato
l'appuntamento del 28 aprile,
quello del movimento HSal-
vaicldisti, sbocciato dal web,
sulla spinta d i un movimento
analogo nato a Londra su iniziativa dei gior-
nalisti del Timcs, che in bicicletta hanno
visto ferire gravemente una loro collega
Un'iniziativa partita dalla rete, dunque. Di·
!agata a macchia d'olio attraverso siti wcb
e blog. su Facebook. Twitter•. ovunque la
rete offrisse uno spunto per diffondere un
messaggio importante : andare in bicicletta
aiuta l'ambiente e fa bene a t utti. In città,
addirittura. una bicicletta ha tempi medi di
spostamen to più rapidi di un'automobile (c
non deve cercare parcheggio).
Ma per pedalare bene, prima di tutto,
occorre farlo in sicurezza. Il popolo delle
due ruote riunitosi a Roma da tutta Italia
chiedeva semplicemente di essere rispettato. Ea migliaia i ciclisti hanno pedalato, da
Piazza Venezia al Colosseo nel centro storico della capitale. Un tappeto dì
•cittad ini in bicicletta•, come ci
tengono a definirli i promotori
dell'iniziativa, lasciando fuori
bandiere di qualsiasi partito.
ecPerché la s icurezza d i chi
pedala non può avere colore
politico, così come la bicicletta•. Non si scappa.
Eccoli lì allora, tutti in un
Biciclette d a venti euro (quelle che qui
chiamano ·da palo·. nel senso che puoi
!asciarle legate ovunque senza preoccupa·
zioni di furto) affianco a mezzi decisamente
più costosi (abbiamo pizzicato anche u n
telaio Lynskey con i suoi tubi ritorti in
titanio). Tutti insieme a ch iedere rispetto,
prima di tutto delle regole che ci sono. Che
avrebbero potuto salvare tante delle 300
vittime a nnuali delle nostre strade pedalate
con difficoltà. Poi a rilanciare con i dieci
punti elabomti dal movimento #Salvaici·
disti cd anticipati dall'editoriale del nostro
direttore s ul numero di maggio di Ciclismo.
Richieste fattibili e con uno sforzo m inimo:
è più un impegno morale e mentale che
economico. Non ci sono appositamente
richieste costose proprio per non trovarsi
di fronte a facili dinieghi. Le biciclette sono
veicoli come tutti gli altri, non serve nnchiuderle nelle riserve delle piste ciclabili,
specialmente quando queste sono fatte
frettolosamente e per salvare la facciata.
Basta far rispettare le regole del codice della strada (che ci sono già) e, appunto, pro·
muovere l'utilizzo della bicicletta tutte le
volte che sia possihile. E non ci sono scuse
pratiche che tengano. In paesi europei con
clima decisamente sfavorevole la bicicletta
viene usata regolarmente, pioggia o freddo
che sia. La d ifferenza la fa solo l'attrezz.a.
tura adottata. E nel nostro Paese. in questo
senso, partiamo decisamente avvantaggiati
climaticamente.
Sicurena per i ciclisti, insomma, e lo
chiediamo anche noi di Ciclismo a gran
voce, non significa creare delle regole per i
ciclisti (che, ovviamente, devono rispettare
la legge), ma combattere gli abusi che per
troppi anni hanno creato regole non scritte
da parte di altri utenti della strada troppi
sicuri della loro corazza d'acciaio e
quattro ruote che troppo spesso diventa
un'arma.
l partecipanti al s it in del 28 aprile a
Roma ven ivano da tutta Italia. Diversi,
semplicemente, a piedi per la difficoltà
tutta italiana di trasportare regolarmen·
te le biciclette in treno. C'era, comunque,
anche chi è riuscito a sfruttare alcune
iniziative bici +treno, magari pedalando
gli ultimi chilometri di una giornata
finalmente primaverile.
È il caso di Mario Repetto, arrivato a
Roma con il treno sfruttando un'op-
portunltà di u-eno•bid: •Faccio parte
degli Amici della bicicletta di Genova - d
ha raccontato- stiamo portando avanti,
anche con i prossimi candidati sindaci,
il problema della mobllftà sostenibile,
perché l rischi che corrono l ciclisti si
devono eliminare facendo leva sul traffico
motorizzato facendo ridurre la velocità,
poi anche le piste ciclabili, ma intanto le
automobili devono andare phì t>lano~>,
• Pedalando In dt~ ho subito la rottura
di una gamba a causa di una macchina
che mi ha Investita- racconta una delle
tantissime ragazze presenti a Via del
Forl lmperlaiL cappello a larga falda e
sigaretta - per me r un mnzo l trasporto
indispensabile e perfetto In una città come Roma. ma non si può rischiare di farsi
male ogni volta. ~ per quello che sono qui
a manlfest'are insieme a tutti questi altri
ciclisti. Soprattutto per d ire agli automobl·
listi di avere più attenzioni nei nostri con·
fronti~>. Dal palco, intanto, si succedevano le
testimonianze dci promotori dell'iniziativa c
dei semplici cittadini.\ politic~ per una volta.
sono stati a guardare. Anzi, ad ascoltare. Ora
vtXtrcmo se saranno in grado di tenere fede
alle loro parole. Non è questione di colore, è
questione di civiltà •Tutti corrono e le regole
le rispettano In pochi -dichiara Paolo Bellino,
uno dci promotori di questo sit in- l'Italia
deve cambiare strada. abbiamo il più alto
numero di automobili ogni cento abitanti
rtspeuo al resto dell'Europa: 72 macchine per
cento abitanti. la media europea è 40. Pedalare In ott\ è possibile ed è anche più naturale.
E non(~ rischio di fu re male a nessuno. anzi,
fa bene al fisko e pure alrambiente-.
L
adies and gentlemen, ecco il Girodonne numero
23. Si parte da Napoli (il
29 giugno) e si arriva a
Bergamo {il 7 luglio). Dopo avere attraversato sette regioni: Campania, l..azio, Toscana, Emilia Romagna, Veneto, Piemonte
e Lombardia. ~eln questo periodo di crisi
economica riuscire ad allestire un Giro di
nove tappe per le cicliste, che non hanno il
richiamo mediatico che riscuotono gli uomini, è d i per sé un gran risultato- commenta Sara Brambilla,che guida il comitato
organinativo -.L'anno scorso uno sponsor
non ha pagato, mentre quest'anno i comuni
non possono contribuire come in passato.
la gran parte si regge sugli aiuti privati.
Fondamentale è il sostegno di alcune azicn·
de. Come Pasta Zara, che crede tanto nel
settore. Lo fa con una sua squadra c nella
Co rsa rosa. La novità 2012 è che sponso·
lela!JIIe
21----~Q
301J1191D:Roma-1Dna,
OllllOil'll!t"oirdWUale
1° lugillr: Mool8cafi11 (PI) · Monlecalnl lf')
·--tl'
·--1"'o1-l--"'-(
-(Bo)
·--·-11'
11 lol
. _....Tennoll'!·
"""""'"""!Ali
·-0\qda·-tval·
"""'-t
val
7-s.ricoll!g)--
rizza la maglia della leader. Quella bian·
ca, invece, è firmata Servetto: un altro
marchio molto attento a fare crescere
il movimento. Ila dato conferma, per
il ter.w anno, anche Selle Italia che ci
segue col cambio ruote. Con Marce llo
Bergamo abbiamo disegnato le maglie.
Confermata l'azienda storica Tmc•.
L'anno scorso il Giro è stato dominato da Marianne Vos, che ha impiegato
25:42'40 e si è portata in Olanda anche
la maglia ciclamino e verde. Su IO tappe ne ha vinte 5 e ha chi uso con 3'16
di vantaggio su Emma Poo\ey. 8' l 5 su
Judith Arndt c 9'09 su Tatlana Gudcr·
zo: ..:l.a prima tappa parte da piazza del
Plebiscito a Napoli, uno scenario inere·
dibi\e. Il giorno dopo si va a Roma. alle
terme d i Caracalla, per una crono di 8
chilometri. Il 1° luglio saremo a Montecati ni, sulle strade che ospiteranno
i Mondiali 2013. Una bella antep rima,
con il primo arrivo in salita. Il giorno
dopo a ffronteremo il passo della Futa,
la ~ci ma Coppi~ di questa edizione, do·
po aver transitato per la zona di Barberino. Le due tappe successive sono
pianeggianti, ma non per questo meno
spcttacolari: l'arrivo del 3 luglio nel
Bolognese sarà dopo 120 chilometri
veloci, mentre l'indomani si partirà dal
piazzale dell'accademia militare di Mo-
Il
ATTUALI T
~~';:,:'it
AGONISMO DONNl!
bridi~ . \,WI
dena. Poi d sa~ lo str.appo di Tabiano,
nel Parmense. e il passaggio fra i vlgnet1
delli\sUgiano dopo essere partiti da Sa·
lict'tll'rme•.
A· dimensione umana• N'l visloolimpico
L'anno scorso il Girodonne si~ arr.•mpi·
cato su salite leggendarie, come Il Mor·
t irolo: •Abbiamo ev1tato le vette troppo
dure. perché dOj}() pochi giorni cl sua n·
no le Olimpiadi. Meglio non esagera re ...
Lo spettacolo è però assicurato, anche
il Varesotto e la Bergamasca sapra nno
esaltare...
La crisi economica da un lato rosicchia,
dall'alt ro spinge a rlmboccarsi le mani ·
che: ~11 Giro è cresciuto sotto tanti punti
di vista, è diventato un evento. Abbiamo
creato il ·villaggio• , con musica e gio·
chi. anche per l più piccoli. A Na poli, per
esempio, ci saran no 4 giorni di fest a, da
glovedl a dome nica. E poi c·~ Il progetto
con un'azienda varesina e una fondazione
per sostenere la Costa d'Avorio. Mentre
con la canzone •1o ne ho ancora•, scari·
cabile on llne, si raccolgono fondi per
l'associazione drdicata a Marina Romo·
li. Fra le Iniziative a scopo benenco c'~
anche la raccolta di denaro per aiutare
le aree dell'Emilia Romagna colpite dal
r&::dicono
GiuwpplRivc6:1
Le ilizlative benefiche
~dii~·Gi'ocb'ftlef<n:llzl:lnl.-.r:peraQ!OftnllftmeMIC:C.d'IM:n:lf'IZIIIIe
cdllltlc:rt.lo'diiMi'istodi!I"I!II1Jc:aZIMe~ CleiiC:C. cJIMlrfo ~~Mdi Clrnn. dii ccndl<r'IOI'nl
b!c.meleiiCUstld'.tloi:IFDmoberi,hvlntlll~dii'HflrrneNdll~
lalbidiiiFftlb:c,.eslo~.ntlllillltn*lpne.....,diiiDIPQWII',c:&*lnidlllfftlo•tf/ft}!wfNI.
~lll'nllstil.protlOi:leclc:otNconsede•V...ct.edlll-...o•p(Jd1o.mJ
p!IDIBhOISiild'.IMJrioe laia,con20.0XIellil1dpllrGglonldCCitlne.
MatnaAondorU::IGirosariWilolhBNibnol,llct:l:sUIXR'dtltunlldllrt*lledapolllh=iirlnle
Shdlil"***era~~ect.es&akltmdopertlnW'taCMWnÌIW'I.LIIigal . . . .dll<l'octrn2012
sri"Nelvb:U1·5Mttilg". .J~-~
dd.::ltallei..Lisi~IC!Ra'edaiUI!S e cosillalrQ)IIra:a:trplobdperMaWRomolorM,_.JivNNt.
~Ral:::c:t&lbdne~W'NWJOdollow&l
te rremoto di metà maggio•.
Il dato conrortante è che il ciclismo rosa
fa del bene e riceve sostegno da alcuni im ·
prenditori con la passione per le due ruot~:
• Questi due an ni abbiamo sponsorizzato
la maglia ciclamin o, l'evoluzione naturale
è lega re! a lla rosa - commenta Furio Bra ·
gagnolo, presidente di Pasta Zara ·.Inoltre,
sosteniamo la gara e la nostra squadra: la
Dladora · Pas ta Zara • Ma nhattan. Siamo
soddisfatti del ri torno di immagine e vo ·
gliamo puntare ancora più in alto. Ho visto
le tappe e mi sembra un Giro completo.
Crediamo nel movimento e siamo conten t i
di fare un ulteriore investimento per incentivarlo. Anche il team ct sta dando grande
visibilità, in Europa come Oltreoceano,gn~-
"Zie alle trasferte lnterna"Zionall...
Il Girodonne dell'anno olimpico attende Il
ritorno delle italiane sul podio. Nella scorsa
edizione la migliore è stata Tallana Guderzo, quarta, ma al rnom~nto non si sa ancora
se la vicentina sarà al via.• ~ i1 Giro ph) bel·
lo che s i poteva organizzare a ridosso delle
Olimpiadi· commenta Giuseppe Rivolta, il
direttore di corsa ·. Non sarà massacrante
come ne\2011, ma a ~dimensione umana·.
La prima tappa è quella più lunga. 139
chilometri. Il regolamento prevede tappe
di 130 chilometri, dobbiamo tenere conto
nel calcolo complessivo, che è di 970 chi·
lometrl. Cl sari battaglia fra le atlete più
forti al mondo, noi speriamo nei successi
delle italiane...
importanza all'intensità Nel periodo gare
~ rondamentale lavorare tanto sul ritmo,
dare qual~ e brillanlCZ7.a; senza peraltro
b'alasciart' qualche ridliamo di quantità. Ocw
sicuramente tTeSCere e migliorare In tutte
e tre k! trazion~ anche se Il nliOtO mi v\ene
realmente piÙ bcilt,datocheè So sport da
ari proo.mgo. Credo di avm!' ancora margini
di miglioramento importanti. Ma il fattore
fondamentale di cui un Elite deve avere massima CUJ"d ~ raspetto mentale: che ~ifiC3
tante cose, ovvero sapere k.-ggcre la pra.
cogliere rattimo, utili:a3re la giusta tattlca,
avere la capacità di fàre i giusti movimenti nel
momenti clou. come ad cscm1)1o le trnnsitionl
Insomma. essere consapt'\I(He. Vìsto Il livello
altissimo, basta un nulla perconlpi'Om(.1tere
la ~raA tutto questo va aggiunto l'attenzione
per un'alimentazione sana. sopruuuuo nei
periodi pre gara. in cui è d'obb~igocvlm•-c l d bi
elaborati Epolli recupero e Il sonno: il detto
trn gli sportivi è che il migltorallenamento
è il riposo e in effetti è un tanore che non
deve essere assolutamente trascurato. So&o
riposando si possoooassimilare al megUo
i carichi e si possono affrontare al meglio l
lavori successivi•.
Ca<a tl~d.oi,.OIImp/MI/dlt.ondra?
«Ho iniziato a pensare a Londra quattro
aruti la Ora ho la""""" elle port«iporo al
Giochi Olimpici e già questo è un sogno che si
realizza.~ chiaro che rasglunto un obk:nivosl
aJzaraslicella...Sono""""""'*'cbe•liYello
internazionale d sono atleti bnnidabili. ma
voglio tornare da Londra con la CMCtt.a di
<M't" dato il
puntamento olimpico passo dopo passo e so
d'te per quef giorno sarò pronto. Mi confronterò con grandissimi aUcti, ma tra rutti quclk>
che più stimo è lo spagr.ok) Javicr Gomtt Al
di là dei risultati edatantl che ha ottenuto, che
lo pongono tra i favoriti pcrroroolimpico.
apprezzo molto Javicr per la sua professionalità e disponibilità. E comun<Jue, ogni atleta del
drrus ltu (lnt~1t10nal trL.1thlon un1011, ndr)
ha la sua particolarttà cd è importante e ullle
apprendere quak:osa da ognuno di essi•.
Uronman?
«Mi ha sempre affascinato, il Tri.1thlon long
distancemi~Malmleloblettivlad
oggi sono .sulla distanza olimpica e ogni mio
pensiero ed energia sono dedicati a questo
mondo. Oltssà. d sarà tempo per partame In
rururo..
cons;gll aln«<ffrr?
«Se sei un giovane e vuoi scoprire se il Triathlon
fa per te, approccia la multidisdplina ricm::ando
inn:mz.itutto Il dl\oertimento. a sarà tempo. se
ti appassioni. per aggiungere pezzi al pt.IZlJe.
In effetti ilcon.siglioèk>stessoanchepcrchiè
piùgr.mdicelloe scopre il Triathlon da adulto:
è fondamentale fare sport per sentirsi megiioe
sonidere.Se nonslèdel professionistl,èglusto
utilizzare il niathkm come Y'Jhoob di sfogo
per evadere cblla routine con la possiblllt:i di
gestire gli aflcnamcnti a p4admcnto, variando k>
sport e ricm:ando.scnsa:Dooi ~..
<<l==~=
èqucllodle~malapasslo-
ne è autentica. Per Mas:lnori MìyajLrt\3. 42enne
rnassaggjatore delb Saxo Bank. rlncootro coo
le due ruote è stato un vero e proprio colpo di
fulmine, che dura ancora oggi. T\Jtto ha Inizio
a (],iba, non lontano da Toldo, sul finire ~~
anni Ottanta. Masa. cosi lo chiamano ruttt. tappa
dopo tappa si Innamora del Toor de France, in
quelle stagioni dominato da Crcg lbnond. Masa
è uno spoft'M). Gioca a baseball come milioni
di altri giapponesl e dopo il liceo l.1wm come
soltanto un anno e cosi Masa fa anni e bagagli
e torna in GiappOne per aprire WlO studio dj
massaggio. Per qlliN dieci anni, a parte quak:he
gk>mat3 di lavoro ron il Team Nippo. il rientro
nel mondo del ddismo sembra un sogno lonta·
no. Masa. però. è ottimista: • Ho sempre pensato
che avrei avuto una nuova occasione nel ddìsmo
profcss:ionisl:ico, dice. Ed è cosi. A 38 anni, gli
viene proposto di andare in Italia a seguito del
team Nippo Endeka. guidato da Hiroshi O..imon
e Fabrizio Fabbri. t:inizio è difficile: «Non capivo
l'Italiano· racconta Masa- tutti mi chiedevano
se avevo capito. Rispondevo di sL ma non cr.::J
vero!•. Non è un caso d1e la prima stagione è
Istruttore di flU'ICSs: vuole crt'SCei'C e a 25 anni piena di episodi rocamboleschi. Uno tra tutti,
~
~
s'iscrive a una scuola di massaggio. In tre anni
imparo~. oltre al massaggio sportivo, anche le
tecniche di agopuntura c di shlatsu. ~ pronto.
Ma per cosa? Un suo ex COmPJ&llO di scuob,
ciclista in una piccola squ..1dra belgJ. gli propone di andare in Europa con lui: è Il 1998, ma il
ricordodellegestadiLemondèanooravtvo.Masa prepara la valigia e parte: destinazione l(or..
trijk, nelcuoredcUc F\andre t.:c:spericrtz;ldura
a t:II:UBMtl
oomc spiega lo stesso Masa. accade all'anivo d i
una fPra: .:[)(r..ieyo spiegare dov'era il camper;
ma evidentemente non d sono riuscito. l coni·
dori hanno vagato per un po' e dopo erano rutti
am~bbiati con mea. Passa un anno e gli arriva la
proposta di continuare nclrAmK:a Olips-Knauf.
La nUOYa avventura ha breve durata. La squadr:J
chiude e Masasi litrovasenza laYoro. Non l1l08a.
an2i cero determinato a restare. Ho pensato ~se
tomo In Giappone, dao ciao clchsmo·a. Grazie al
suo amico Nak:mo Yoshifumi. attualmente mas~nel team Astana. riesce ad entrare in
oontatto oon Luca Sdnto c Angelo Citracta che gli
propongono di entr.lte nella nUOYa lsd-Neri. Masa
prende casa a San Baronto e nel 20 IO, secondo
giapponcose dì sempre. partecipa al suo primo
Giro d'Italia Sul suo k1tino passano, tra gli altri..
Giovanni Viscontl Oscar Gatto e Diego Cacda che
ancora lo ricorda • perla serenità che infonde e 1a
sua gr.mde professionalità•. A1L1 fìoe del2011.
M1l'òa sceglie di lasciare la SC]tladra toscana e di
cntmre nel drculto Pro tour con la Saxo bank.
«Ringmzlo molto Sdnto e Cltracca per quello che
hanno fuuo - sottolinea Mas.1 • ma cercavo una
nuova esperienza per continuare a crescere dal
punto di ~14l professionale•. Adesso vive a l.uCGI
vicino ad alcuni c:on1dorl dancst del rea m. come
per esempio Nidd Soren.sen e del. suoltalianodice
che ora •capisco la metà!•.ll suo gr.mde sogno è
il Tour de France. ma dice che deve imparare di
più. La sua fìlasolb. figlia dd Sol Levante, è sempre
rimasu la stessa: «Se Masa lavora bene è bene, se
Masa lavor.l male. 'r1a a casa-.
Eurosport: il ciclismo "live"
per un'estate super
La settimana tricolore 2012: tutti in Valsugana
ripeterSi più volt~
La stagione arriva al suo
la Grande boude che,
La settimana tricolore si dls:putcr.\.nel cuore
del Trentino. su tracàati molto spenaoolari..
clou. Eurosport si p repara
quest'a nno partirà da l.icgt
lnVaJsuganaèrunopronto,onnai.pcrl'or-
nato italiano amatori (varie categorie) su
ag!lappuntamentl più
(Uelgio). Eurosport ha
importanti dell'httte
ddistia e non solo. Nel
2012, Eurosport vanta
allestito un J13linses:to di
oltre 80 ore di trasmissioni
live, oltre a contenuti extra,
ganizzazlone di died giorni cLlwero intmsi,
dal t5al 24giugno,quandosi d isput(>r.mno
iCampionati italio111idi tuttelcf;iltcgoric Fd,
dm.Jito di km 13.6 da ripef{'I"SÌ più volte
Mamdl19: Sant'Orsob T.,.nneprov.t lunk>rcs,km 138,3
eo:ettot:sordicnti ltrnociatisonorutti piul-
MercoJedl20: PergìneValsug;tna.prova
una OOj)ertura impareg-
reporuge c interviste.
giabile,rlgoros3menté
live del ddismo. Oltre
ln ltall.l,tedin:-ttedella
stagione sooo abitualmen·
te commentate da Andrea
tosto impegnativi e, in particolare, la prova
d~ professkmisti. in programma sab3to 23,
Elite donne (km 121.3) e Junioresdonne
(km 78,7)
GIO\Itdl21; Castel Tesino, pllM' Ellte senz.a
al TourdeFrance,alla
Vuclta. al Giochi olimpici e
al campionati del mondo
su strada, il palin~to d i
Bcnon. oppure da fabio
Panchrlti. affiancati da
smlssionc,rigorosameme
indirctt'ldi: Crlteriumdel
opinionistidigrandeespe·
ricnza.traiqualiRiccan:lo
Magrini,MarcoSaligari
cFrancoCriblori.Perll
Tour, Eurosport si avvarrà
Delfìnato, Giro di Polonia,
inoltredell;~oollabora7Jo­
Eurospon, per i prossimi
mesi prewde anche la tra·
siannu nda~ru"tosrn". Trnif.M.riti,
Domenica 17: Borgo V;Jisugaru, Campio-
N1bali c C\! nego. lnfo: WW\V.scttinklna0ico-lorc2012.it.Eccosintt-sl0program ma;
\lenerdl15:Caldonazzo, llandbikeinlinea
contnmo.km \ 64,2
(variccategoric)sudru.aitodi km lt,Sda
Sabato 23: Pergine/Borgo Valsugana. prova
Nel Monferrato, un mese a tutta bici
rbl 29giugnoal181uglio,
arriva «MillebiOinMonferrato";laprtmacdizionedclla
più lung;~ kennessecidistka
d'Europa. uneventodirete
tr.ltrcntaborgtJiiidcrentia
J:mas Monferrnto, un grande
contenitore.a due ruote•,
eh(. sarà protagonista dell'
~temonferrina2012.
Nelscgnodelrurismosostc-
Yenerdl22; ~,prova Undcr23. km
nibUe.dell'~c
156,1
dellafesta , neipaes.aggitra
quelli candidati a patrimonio
ripeterSi più volte
p~isti.km254,7
dell'umanità201l.La bici-
Sabato 16: caldonazzo, crono l landbjke
Domenica 24: Levico Tenne a-onoAmaton.
cletta,divieoe
(vartecatt'g011e).sucronoAIJicvi,crono
)uniommasdlile-,drc-uitodikm ll.Sda
donne EJitc, Under 23, 0pen (Professionisti/
pertustr.Jreevtvereappicnol "bricefuss"( larolli-
romeU polo-bike.Sinoalleducch\cche: una peda·
Elitc)
na e- b pianura monl'enina): giovanissim~ famiglie-,
turisti eno gastronomici, amanti del ~-
bta tutta in rosadedirnta unicamente alle donne.
di ogni età, memre le loro famiglie~ godr.tnno
,senzadimenticare le nuovediscipfine emergenti
*magnifiCOpretesto~persooprire,
EncwTour, Vattcnfall
nc d i esperti int ernazionali
dooncfandclledue ruotc,appas·
Upacsaggloclsuoisaport.e una
cydasslcs d i Amburgo,
come St>an Kelly, Rkhan:l
Virenque,JackyDurand
cChristopheMoreau.
A seguire, dopo il Tour,
slonali dibidd'epoc.a..tunisono
invitati . llcalend;uio è lìuksimo,
cadcnutogiomo per gklmo.
Evede iniziative, COII\q;lll,
cidopiorUerislicasu bidd't>pOCa:La
World portsdassic. Sprint
challengclnQuebec,
Gran prix In Qucbec. Gran
prix a Montreal. Giro di
Lombardia, Parigi-Tours.
L'e mittente che In \t;Jtla ~
visibile suli<~ pi<att.illfomua
Sky, oppure via "-eb. è aJ
lavoro per completare un
20 12 che prevede 330 ore
di coperturn in diretb dci
maggiori evenli agonistici.
anchesel'offertaglobale,
d ci ddismo, al'f"'va a 630
di copertura s u due canali,
le energie d i Eurosport
saranno proiettate s ull'Olimpiade di Londra che,
per il palin sesto del istiro,
spettacoli· rauoreefandelle
due ruote MasslmoPoggioètra
\testimoniai ·e mostre a tema:
si v.a dalle pcd<ll;ue in notturna,
degli eroici oonidori di fine '800.
prevede la diretta di tultc
le p~ su strada oltre a
quelle priocipali su p ista.
allc gimkanc,aipcrcorsiin
mountainblke,aiCrossrountry
Eurosport cd Eurosport 2.
l n ltalla.lrtsultatllntct'·
mini di ascolti sono molto
interessanti per u n.a pay
tv: l'audience è a 900.000
SJ>ettatori di media per
ogni trasmissione, con
uninn e mentode\5%
rispeno ail<~stllgionc
passata.
Jt Tour de Franre e le
Olimpiadi saranno il
fìoreall'occhicllodcllc
prossime settimane: per
Tutti gli eventi:
La stagione proseguir.\ con
la Vuelta che, quest'anno,
\'\XIràilritomoallegare
di Alberto Contador, dopo
lasqu<~lifìca.Perla fìne
dell'estate, inoltre,i1 ive~
d i Eurosport porteranno i
telespettatori In Olanda. al
Mondialesustr.JdaaUmburg.ln calendario dal 15
a123setternbre.
****
r.nr.filSPO
* *
** *
~
Corri e pedala in Brianza
Dopo il su«essodella prima edizione torna. a gr.:ande richiesla.ta Run&bikedella Brianza,
org:mizzata d.1lrAsd Free mind team raid mulrisport adventure.l.agara si terri nel parco
del C\lronc(L4 domenica 81uglio, per 1a giOia degli amanti di sport in ambiente naruralc
divertenti e Insoliti Il Run&bikl' è lnfattl una spedalità che pr-ewd<> la partt'dpazlone di una
sqll3dr.a composta tb due atleti ron una sola bid (mountainbike) che devono rimanere insieme 11er tutta la durata del percorso. Our.tntc lo svolgimento della gara, uno dei due a dcti
COITC n-.cntrc raJtro lo affianca O ]O segue in bidclcttaa brel.'issima distanza.\ duccotlCOITCfl•
ti possono invertir..i i ruoli in assoluta libertà:
"'"""'"'"b '" bid<lotb '"'' """"'.
'"'
•• ...
Oom
.....""
'""
,.,
..
mctteaC'OI'TCre. Qucst'ani'IOsonoprevisti
dueperaw-sidi gara:u~di !Okm{tempo
masslmoth30)eunodi20 km(tempo
masslmo3h),1nmododaCOfLS('ntirebpar·
Go
ll!dp;u.ionealmaggMlrnumerodiper.>one
:::~::=!~~ ~::t:
info: [email protected]
2011
...
"""
......'""
..."'"
...'""...
Oom
.....
1111 ·7
Maglia Nera~ a ricotdo del mitico Luigi Malabnxca1 su strade bbnche, per
colorochevoglionop1"0Vi11't'lafatica
Inoltre ritomcri.i115csimoGirodel
Monferr.:ato, una das$ic.a per Juniores,
che si sfideranno su90 km aluklttii'IO
_
c 20 a cronomco-onel pomctiggiooon
l migliori adeti nnklnali.
'""""'
......
'""'""
Mirabello
Garadimtbinnonurl\l lllftlllidract_..
Sptttacokl tutrale '1.1 111at111 ..,. ... eli e con Massimo Poo910
Castelletto san SIMtore
Cieloptonlerista '1.1Mqlllltfa"
SanG101giO
Convegno: .,_. storlallelllllkklttta~
'""""'
"'"'"
Frass.neto
~ S.Ivlt01e
S. / OibQIII)
BorgoSanMalbno
,.........,
Tw;~~~eto
"'"''"'
Ponzano Parta Crea
Tt rrtJOOoi
Occimlilno
~Stlilletto
Vlltanovi: Monltfrato
COoOio
"""""'
TIPO pesta "3 llfl M!Mollttfratt" prima prova
G1mkana per bambini MU!Mid ract Mb' "P
Convegoo: "llllldciiiMflt'MMI .. , . . _ . . . . ,..
Sl>tltlcolo tutr1le "l'.utr. c.,.;" wn Emanuele N~
Gtr* t.u tlrikta a(JOn1t.bCt per U\eg(lni JumOrd. tir• tW ..._f.malt
GIITibn.l per bambini Mlnellid fiCI- c..
$pettJco6o teatrale "' ..,.111Nn!" con Emanuele Arr\gaui
GaratJpo ptSta: 1wt lltfMNitrrlhl" secondilprova
PrcnuaziOne tlist.- lattidllifJQUli~lle scuoleiiiiTikarla
l'tdalat.aiOttlnl insaopatrlmonioUntSCO
lnrw)tturN., partitadi PIIIe~
P't4alataMr.a: oara sustrtdatemmlflile
Convegno: "'Sic~~JUD Al ' 'DII"
Gara t~polllsta ;,Jtlri~MM,..._." Itrz:al)l'ova
Glfl'lkaNperbambont: ~tactll*fOIIf
Mostra •Ici lll'epeca a Villa v~
PIEMONT!
• CllJr»EUA · C...FIW'II»217-alUGHO • TII0\1 «liB63
• RISOl SAS· Corlohttwi41·TCRN0-Tti0112482SI9
• IHAM ruM SAS · V11 Uf.-34 ·ASTl· Tti01412170J1
• MAGAlliNIMOHTEllOspe
Vo~Brt21 - R0fiUOdt~ICNI-Te101nt959GO
• LAIIDClETT~Dif'ERNIGOffi-V..KillllS · ACOJITI.RMEIAli·Tei0\41:.0JIJ2S
•
~TOVIQOO-VIIBBuom7'0-CASAI.Et.IONFfii',ATOIAU· Tei. 0\42 4~
UGURIA
Il telefono si ricarica pedalando
Ricaricare Il telefonino pedalando; è questa la
nuova opportunità offerta dall'azienda ted~a
Silverback chl." immetterà sul men:ato q uattro
nuovi modelli d i biciclette: la Starke E. la 2, la 3, c
la SubZero. i primi tre modelli sono dotati di una
porta Usb che, collegata alla dinamo, consente
di ricaricare qual sit~si d isposit ivo mo bile, rome
cellulare, iPod, iPad. e Gps. l.:entrnta Usb è posta
sulla pipa del manubrio; quando la dinamo non
funzlona per l'illuminazione,lasuaE.'nergtapuò
essere impiegata per caricare l devices. La novità
eco·tecnologica potrebbe tornare utile soprat·
tutto per l d doturisri, piuttosto che per coloro
i quali usano la bid solo per le str<~de cittad1ne.
ln viaggio, infattL dove puòeSS4!rediflìcilc
trovare puntl per ricaricare le battt'lie del propri
ap p<~recchi, la Sarke risolve il problema. l prezzi
uffictali oon sono ancora stati comunicati: Starkc
E, elettrica, con pedai3U assiStita. dovrebbe
costare sui 3.140 e uro, St;~~ 2, nonnale bid dii
città, sui 1100 ~:Uro,la Starke 3 intomoai 700, e
in fine. la Sta rke Sub zero, (priva di potta Usb) sui
730 eu ro.(A.C.)
• B!KEO'O..OCX VIIPiiN\9-SESliiPOtl.NTEIOO·Ttl 0\0853JfKI2
LOMBARDIA
• IXUCOHTI.-1 · V.."-n5-NIBIONNOILCI· Ttlm119217J
• ENJOYSPORTsas·V..~12·COMO· Ttl031·...:150
• FERCARSAS · V.aMauft 16· TEflhAfEIVN · Tel Cll3291m43
• IXSTAOSTEFA."ff·V.BIImii"Ml-PAVlA· Tel o:JI25D71
• OAIIIAG\tRiiO-V..Ibiii 135·CASSOI.M!YOif'Y)·Tti0311192!J89
• IIC8iA CVQ.ES FACTOIIY 01 SNITANGElO 1GNAliO ·V.. fflf!CII 3 • GAll.AAATt Tti Oli\ 18fl!i91
• CICUAWICESCONIGII..\S(f'f( · lf11U:IW 23 -SALVIROI.A ICRI ·Tti 0373123211
• WM TtOlnliiBERNIM ·V.EI'IIIIII10/A· HliRCEllAVE.RlATEtf'VJ· Ttl U389!649
TRIVEHETO
• FW SCAVEZZON- Vi16111VInotal41- MIW«JM)- Ttl D'l 5703092
• rfOA.u1-V..ftwat,). THfHFIVII· TIIIDUS..."'&Wi.ll
•
•
•
•
•
•
•
•
MOAETTISf'ORT·ViiG8.l.aSIII43-IICMANOO'EZZEl.N)M)·Tti042438Jfl11
CNfllNTARI.-.c·VIIMitteottJ!I&-T!lllll.ESU.GAIIlAITNI - Tti0464S«flCC
SCAND!l.ARI.-.c ·'N Pwolo:ZO· OOHE 01 nt:NTOfTNI· lei OEJ2Xfil
SNMTn·SndiW10/A·AfiiiiANOIBll- Tel 0471 !1160775
UOABIATOGIOfiGIO·V•CirdiniiCallegln51-PNXNA- Tti049106E
OJS:SOIBO:Esrt·VIIdlltLMron-FlliTTOUMBEIIlOflA')- Ttl 0Ul11111211
[MPCN)CICULAPADANA·VIIflaml32 -IIAIXAIU.ESINE(fi))·Ttl 0425~1))
BKMIIJEiiiBERNNDN·V\IQ1117-MONSELafOI · Ttl 0429782256
EMJ.JAROMAGHA
• SPORTISSIMO.t - Vilt..di~23 - MOOENA · Ttl Cli9J5935,4
• SOMECifl· ViiSMirMo 1•- SANT'AGATA SANTEINJIRAj- lei 0545 45162
• CO.OSPORTFftVEON ·VIIF•IIIrdoer•450-CASTELSGIOVANNI (f'Q- TEL052388ll92
• IKJIGtiBIKE 111 -Vo~s.Mn8 - fERIW'.A -Tel 0532 773)11
• IRBIKE M· VIIA.Coni 111/E · SANT'Afi:ANGEI.OdiiOdAGNA· Ttl 054162J050
• GIANLOCAFAfNZA81llS-V112!i,l,pWII CASTtHASOIBOI Ttll!i18J!i1\!il
MAJIICHE
• 1XU SPORT CWG0.AH1 • V11 .. "'""'-' · PWIEUO 01 OSTRA !AHI · Tel 01111811S48
• MONIX80 BlU & fllNESS SNC ·V. M1Uuo 14 · FffWIGNANO(PUI- Tli 0711 DM-43
TOSCANA
• IXUMOTORPASOJlNI · VIIE1AStW185-AREZZO· Ttl l!i75JIO!In
WIO
• MONTAHINICICUsd-lot.Pintllone-IXIDIANOIVTl Tet076157200)
• CICUPmASPORT -VIIo.leAucnt2SI·OSTIAlllOIRMI· Tei.065610t15
• BllOOREME ndiAiflno·V..StttTICMii 11'11: ·CASSINOCfRI· Tel 011631010'9
• ~lM'TS:lOIO.t-V..Murlct.ffll'ulll3·DAMf'WO!AMI· Ttl 061962S:ll
• SPOIIT&BIICI:-•EMI.JDMNOIONHI V..~l1/'l!l VliANO\IAdi[iU\Oilf-'!A(RM)-Tei.On43211M2
• C1NTEABiUSNC-VIIL1IU115·(0)49VEUfTRIIfl.t)Til069631457
UM8RIA
• fWlNG BIKE DI PAGNOTTN ·VII dii~ 7 · TCIGANO IPGI· Tel 075500125.3
• llllf_LN«lSNC-VIIF.-r•2'5E tmA"DICASTB.lOfGI Ttl07!ilft23160
ABRUlZO
• SfUO'I' Sf'OOMCING•'I8ZZ).V. TIÒWIIII.,..,.la. .200-CNtSOJIACb -Ttt (163!185126
CAM,ANIA
• BIKEESPallfOII.ENlA·lot. C.sttllniSP 85-00NTliiSITEIIviE~- lei (328991oot
• et:NTEA BIKI DI OOGfolTTA · Vll~lJ9-CASAOOYE ICII · TIl 11823-t69201
PUCUA
• AlBERTOGUOO•RGU·VIIliltrtni32·lEa::E lei 08Jlll3848
• 91Jll0NEMOTO -V11PV Pltlnanlt38·TAI..RSANO(l.E)· Tel CIJ336227SJ
• CICl/Et.fl('l8jKE OIOOOONZO· S.P 231 Kra.3Z.7·COFIATOIBAI · Ttl 18)372CII10
• rfti!IIKE lfNOTAAANGElO·VII Sltlll 1fl/5· MONOI'O..I(I!N· Tel 3281311ll1
SICIUA
• OOSl~OBCIIII lflllldtlortiB - PAWIMO· IIl091~151
• MA.XBIO Vo~Maran163 · SA.RCruONAPG tt.El Tti 0509194266
S.UOEiiNA
• IIJMDsri-C..Vinmo~296-298·CAil.IAAI·Tel07086921 8
• TECtfOIIICE<*f•C.W -VIIC.W.nt21tl·ASSEM~ICAI TI! 07'03510918
• fiE MAOQJSfl-V..Ccna17-WSIAS- Tel 0181259101
• CO.OMOTCRSfOftldìVOEMI.IITAS -ViiMirtwtUbtrti96-t85IXINUORO-Itl078'3!1150
Il Dynafit press team alla Oetzi alpln Marathon
Mettl24 chiklmet:ri dj mtbron 1.500 metri di disti\• aaiuncl WY
con;;~lr.lil d• l l dliklmetri eoondudìcon 1300metridiunjj'laaa:Wotb
superare con sd e pclll. Ecco, mctd tunoq~o In ftbl c ottimi b 0etz1
Alpin Marathon. il Triathlon alpino piÙ m;asgcn,nte (edivHU1\te) in
drmbzione.. Saonario d• qi.H!Shl pra di lnixio pritnil\lml ~ b v.ll ~
qudl'angolo deU'Alto AdÌgl'dOII'e tutti l"'cord.Jno Il ritroY.Jmcntoddb mum·
mia di Slm•bun. Oetzl appunto. perché l'aniw>~ proprio Il, a due JaSSi cbl
luogo~ ritrovamento. Una 1mwa endurance non comullt', cb fare reby o,
prr 1più preparati, da~ In scburb': Al vb tklle suftrtte lo scorso 15
aprileù101 a~ il Dynafìt lullan Pf!'ssTe;am.un te!f'Uttodigiom;allstl
italiani com]KlStO da Massimo Ma72(JicnL Alberto Fumi e Carlo Brr:nil. UN
gara do\'C tre giornalisti outdoor hanno potuto testare L1 collczlooo Dynaflt
dedicata atl'alp!11e running e all'alpine mountainblke.
Salzkammerguttrophy 2012:
tutto pronto per la festa in mtb
!..a prossmu ed•zionedelbTrophyslsvoljeri ~b<lto 161uglio2011 e
rimane un immancabile appunt.amento per aaonlsd dlluttiiiMIIi, anche
per chi vuole solo passare un pi~ fine wttlmana aU' Inwgn.a della
mounbinbike.ll t r<Khrlon.ale ewntoslsvolge nel Sallsbu~ (Alla
Austriol). odb splcnchda "ton;~ dd a.hl.ln un contesto ~stko dilv·
wro~.Anchend2012sipotri~Wretra6dtvenedìstan:r.e
allaportatadJtUltl:
A· 211.3kmcon7.049mdis1M IIo
8 - 119.S km con 3.848 m dlsiNtllo
C- 73.6 km con 2.446 m dlsiNtllo
D - S3.Skmcon1A73mdisiiYeUo
E- 37,9kmcon 1.114m disJNtllo
F- 22.1 km con 688 m dlsJMIIo
Ul\ill vera sfida per
bntissimì iblì;ani {e non
solo)timaneladurissi·
ma Extremecon 211,3
km e un disl~llo d i
ben 7.049 metrid.J f;are
ln ungk>mo.lpercorsl
di!lla Trophy saranno
divisiin numeroseCilte·
~ricsiaindividu;~llcon
v.lriefasced'età (nuova
nel20121acatcgoria
60+per t'Extrem~)
che ;md)e di squadre
composte cb 3 o -4 concorrenti; poi Cl sar:lll<l speciale Slow Motlon peT
squadre composta cb numerosi biktr. almtno IO, che soo:oli~ anrora
una volti lo ~pirito ..gonistko del bikerddla lunga d1su nu. Rironfermab a~ ~ categorb peT gli app;mlonad dd monoddo (Unkyding)
che garesgeranno nel~ Muni Marathon (se'o nella 22.1 km, anche valido
come camp;onato austNro •Munl1 o con il bndem. e, non poteva manarl",queU;ape-rld~teabili(P;anlympichllndia.p).
06moggio:
Fontono vince gli
lntemoùonali d 'Italia
Marco hrtlit FOIIIIN ~~
vilttlalenopmo~tgli
l.ttr~~~~tionald'ltaH,o
<liH d'Aipafl, ilprovincio
dilellwo.ltgart è stata
coodizioHta dellleitt11p0
dM ~. reso i penono
ÒOYveroimptgiiOfivo t ti
linlitt cldapratkobilitò.Più
Odoaou dlt Vou c...try? Nel fongolla prtvoko FtnttMO olttr• di
11M Mia dilla cot il ;.vut toltntt Gtmcwd Ktrsc~bou!ner cM ho viltt
la prova Undtr 23. Cot 010 prova d'•lk\lo, il leoder del t,_ C.aoncWt
si è oggit15tatt p ltltnOrlolloli d'italia 2012. Tra la 4onnt vifllfio elda
;.volt IKJ. . . Y• lelo.oMo il flfto olt. .
dela li&h"'"
ll'fotreProtek.lelecdertraleeiiteDallielaVeronesietroleUMer23si
cotf«mSertMC.tntli.
il._
O 13 moggio: donne in Cino, bene Monia Boccoille
lldc:.SMOftMIIIiniltcfivtrticthacrffrotlafooiOI"'9CCInlsftrtoi10ritntt,
dovt si è clsp.totoloprovodi(oppadel....4o, a al'isolodi~.
llvittorio è ondata,osorprtsc~,I'OMtricanGSr...lyOidsciMIIo•tkipoto
IHIJ'tlfo:if.iflor•no
...........
,.,...,... ,.,co ...,..
Wrn diltsr.,;.ro
l'wstr.._ Mtlina Hoskins e l'itolana Monia Iom... la gara di Coppa
èstotoprectdutoclo ... brevtclfsootoppe,il towol~lsl.l.
vitto 4olo Hoskils <H •
soMseconclodi.-..ttggios.
Mooit lcKcoillt.l'onwro ~~
vi.tolasec.-ttppa.
~,.
,,.,.Hl....,.:
logioloHI
....,,,, uioftisro
,,.... . . . ,.... CÌN..
AlclrHDi(orrU.cH
r..nc-Oiftlosrtggit
tro /'Ofttr...,. Hodiu
.,..,.,.,..
IJo.-illto,-rdiflo«olt
folesto ....... ..
IHi, ..... Sodo
MHtlo, dwNv;.ro
.Dospriftloustt
,.,.
.n,._,.,...
t'ouorrolloviltto"'
s«<#HH. ,.,. dol Tow ol
Ckofooitl i.DI
__ .. ___
--__
....... ..........._ _
__
----·
......... -..._-.. -.......__,...
-""'"'-.....
_..,_
.-. --.._....,.............. -----..
....
....._
....
...
-- - -_..,,
.,..,.s-..
....
.,..
....
_
._._... a
_..,,
,
c ...............
Sa~~~:~ F.--.....
_..,,
~--"""" ....
=r:.'::',.
"-fl~w:zr
......1111
1 Mr:,._MICI*Iet*01
n. ........
D llol!èO.,IIol!lb
SEGUI LA NOSTRA SQUADRA AL GI RO D'ITALIA.
' **"flll1000
BigMat, gli specialisti in Italia e In Europa
nella distribuzione di materiali per l'edilizia,
prodotti colore per esterni ed interni, utensileria
professionale, ti invitano a seguire ed a tifare
la fantastica squadra FDJ-BigMat.
ÉQUIPE
CYCLISTE
...!Il i
....
..... mu:
._
""
Ollc:IIICityPIIfl
Gtz.u.a· .. w
lmaC\,
~
-fili
~
......1111
._,.,_
,.....,.a....
"'-_
TECNICA
•
L
PROVA STRADA
•
Obiettivo raggiunto
.s...
.
~
=
Cl.
m
scelto tecnico ben definito e occottivonte. È di slerzo può aiutare o capire meglio rim·
stato modifkoto, invece, il disegno del oor- poslozione del reloio.
ro ~ che può contare w foo:ellini Bene, nello misuro S che abbiamo testcno
in carbonio e foderi fini e sogomoti (quelli
superiori}
che aiutano o controllore le
vi-
brazioni verticali. Di nuovo, in cimo al tubo
sello, éè il morsetto Kingpin, tutto in lega
leggero con tre viti: uno (interno e che non
.. vede) blocoo """""""'"'/""""""'"',
uno po$leriore regolo l'inclinazione, t ultimo
Scenoere COl peso e mantenere ootJoon
lrvello(pefnondlreottimo)diprestaziOni
di pedalata dinamca. Non è così facile
lo blocca al II.Ax>, frontale. l'indinazione,
polendo e >Oiendo, è regolabile anche al
..do, cioè direttamente dallo bicicletta (operazione sconsigliobile o chi è poco proli-
come potrebbe sembrae. ~ SCtJro
pesa meno di un ChilO e contiene le
co, ma incredibilmente efficace). Discono
peso: lo toglio M segno meno di un chilo
flessuudellascatolaaCI'C36mm dJ
deformaziooe massnna con l'escasione
della curva Oecisameote eqlilibrata
Sempre un buon~ in termini di
ges11one0eggas~guodab<llà)del~
bicicletta. Ha dato i frutti sperati anche ~
deS9'1 dell'avantreno, sensibilmente piÙ
!J"OSSO rispetto a ScLrO. La solleatazme
nonvaoltre i7 mm:QUII'dmassima
fedeltà e precisione, 100%race
(990 grommi dichiarati), ..-alore nella media
del'oho gomno. ln~ne il possoggiodei oovi
interno con sistemo coble stop, fvnziooole
ed e$teticornenle mollo pulito. Tre le colo-
razioni disponibili: b+onco-nero-rmso-blu,
bianco-nero e nero (mott e lucido). Lo for.
<ella peoa 350 grommi ed è lvii aa.bon
monoscocco, quindi leggero, mo non leggerissima, coo foderi appena sogomoti e
drop out in c:od:x,nio, solidissima e m<»trvo.amenle 9"idabile. Complero la daroziaoe
tecnico lo scotolo movimemo coo ~letto Bso.
l.et"'"•trie:
Super scuro viene realizzato in ci~ loglie
diverse (Xs, S, M, l e Xl), tutte caratterizzole do geometrie obbostonzo compatte, mo
non eccessivomeole rocing nell'avantreno.
Come """P"'• inlotti, la lungheua delluba
H
' t=·J ' ~ ' EJ
lltb: le ~~1001 deltfil tSimulamne cii
pedalatadiMITIICa t fferlaca)SOI'IOroportalf
nellaP3QU13~al)erluradelcentrol)fove
è lungo 120 mm, bosso, ma nemmeno
eccessivamente. Uno misuro "'medio" se
confrontota con i 520 mm di lunghezza
dell'orizzontole che consente ampi margini
di regolozione in fose di set·up. Do segno·
lore è lo toglie Xs, che non tutti i produtton
di reloi hanno o catalogo. Evideniemente, è
stota pensato per gli uomini di statura bosso, ma è decisamente odatto anche al pub·
blico fem.ninile che, spesso, si deve adottare
o miWfe più grondi. l'orizzontale deltXs è
lungo 505 mm, il tubo di sterzo è a lto 105
mm. Discorso angoli: onchequesti sono ob-
baslonza tradizionali. Forse roogolo sella è
vn po' più avanzato rispetto olio wndard,
ma è questione di pochi decimi di grado
coso che, detto sinceramente, rende questo
telaio molto aggressivo in solito e nei rilanci
in pianura. A noi è ptocivto.
<Xlr'l'lpoSteZZ del telaio sono evidenti e~. mo·
riesce o variare il ritmo, anche partendo do
velocità non eccessivamente alte. Lo rigidità e
do, con bosedi 1,5"', solido e preciso. Dc:rwero
ottimo in combinazione con lo forcella, sk:Jbile,
"""'"le e facile da Q"idare. Un bel ><>ntaggia
gori, si esagero con lo pressione delle gomme,
Super scvro divento uno lovolo. Esogemndo,
o occhi bendati, potrebbe sembrare un vec·
chio alluminio tonto divento rigido e secco. E
il comlo<t? Secondario se parogoroto alle qua·
litò di rigidità e fedehò nelle prestazioni. Tonfo
per capirci, non è questo il telaio più adotto
alle passeggiate dello domenico, o almeno in
questo con~gurozione, cioè con ruote in ~bra
di carbonio o pareti piatte e cerchi ohi. Ci è
piaciuto molto lo snodo dello sterzo: i trecnici
non hanno bOOok> ai grommi, mo hanno pre·
ferito creare uno giunzione tosto e moto rigi-
soprotMk> in disceso e sui terreni tortuosi che
ormai corottrerizzono il90% delle slrode od alto
scorrimento. Soprattvtto ol Nord holio {Trentina
escluso).
Do segnalare il nuovo reggisello che, fotto lo
mano, ci è sembrato rorionole e rapido do
regolare. Fotto t arretramento, tinclinazione
(spesso croce e delizio per il cidistrol si può regolare anche "'li-..e"', di~te sullo bicidetto
mentre si pedalo, grazie altunico vi~ posterio·
re. Operazione non propriamente oòodossa e
consigliabile, ma decisamente utile ol maniaco
del posiVonomenio ol millimetro.
le nostre conclusioni
Prestazioni do telaio ' top"', prezzo do alto
di gommo. Do questo punto di visto Super
scuro è seozo dubbio uno buono occasione
Tecnic:omente pouiomo dire che geometrie e
prestrozioni sono di tipo agonistico, ma il seot
post integrato non è per tutti, meglio avere le
idee chiare primo di fore lo scelto. Ouokhe
rinuncio in fotto di comfort: lo struttura monosoocco (con forme squadrate) e il piantone
in singolo pezzo non sono fotte per disperdere le vibrazioni,~ o questo aggiungiamo
le rvole con cerdli in fibra di carbonio od
alto profilo.. In compenso, chi ho potenza e
condizione potrò benefkiore di un ritomo di
prestazioni oli'altezza delle o~ve.
Geometritsta.tanl
ClrltJJe~.('.:l)'llQ531apio::ciaXsc:heti-.xainmrxtlat:Oastwaneft:l
dalaS.Lt~scmda$siche:UXI~J8CCdlo.av:tlselan(l'l
~-...,ar~~:~~~ITit!JI.iam.rielll:l
Liwlolìihn
Moltlt:Juono.ta..-sionenerornatt ~sernplice~allo$&e$SOter!l)O
la prova
In questa configurazione, diciamo top doss,
Super SC\Jro è un mostro di ogilitò e leggerezzo. Il peso si fo 5efltire in rnc:do posilì-.o
in salito e nel misto collinare, terreni in cui
~ lo cavo egregiamente. la solito lungo,
come sempre, è il terreno meoo "'divenen·
te", mo wl misto, wi percorsi fotti si solito e
&.cesa, Super SC\Jro divento un missile. le
variazioni di vdocitò (o proposito, quanto
sono belle le Boro!) vengono naturali e sono impressionanti per lo facilitò con rui si
wallblle dallO*' di Yista esldìoo. ,.,., bi!JIIIf'Òit'q.da ~~aa aon.
Ccloriep\chesttri8,Sl.CCII!SSOq.asi~
A>"""*'9!Jio
OeBia::iaironmen:::iair.zlsolo!Qitetaio(1etaio.btda,st.riesteno e
c:olin'q.l'assi!OUiggiodillajWM~ll'l~alabelez.zadei~
~ Oedaelemenli eSele lala.tJsonvnl,lllpaa:hetb100%
"madein""'
Rappartoqualtò/ prtno
Moltltum.Prolasusr.ldaetestattenroP~tJ~~eddamdle(JJeSI:l è lll
!)1XIotloq,~alp-ezzo"sctl" daalmdigan'ITlll.Cmll1po'di!II:XRI
at1l1011ll!11DderatQJIStlslpli:lsctn:lere~Ater'arnenle:èLIIb.maft<n.
Telaio: Oedacdastrada SUper scuro Forcella: Deda elementi
Rs tull carbon Attacco: Oeda elementi zero 100 ptega: Oeda
elementi Zero 100 Leve: campagnolO Super record Freni:
C3rnpagnoloSuperrecord DeragHatort: campagnok1St41efrecord
Guarnitura: campagnolO Super record 39-52, 1n .s mm Catena:
campagncm Super record Cambio: campagnolO Super record
Ruott: campagnolO Bora lAtra Tubolari: V1ttoria Open evo ex (team)
Cassetta: tampagnoiOSuperrecord 12·27 RII!Hiiselta: Dedacaai
Sefla: Sell8ttaliakrtcarbonioPrezzo: 2.500euro (c.rca), lultelaio
P#~mn !
l
~~
~ sotb il pos.soggio ruolo. Gli orizzontali
con ondomento ·o esse· hoono sezione retIC.lngOknt inizialmente ~ poi vio vio
più tozzo. l bcellini sono in oorbonio, con
;l "W""' d.l .,d,;o ""'";b;le. lo romA,
rT'IOr'IOSOXCO ho il p;.oot conifkob con cusci·
netri do 1,5" """• ;l do..Ko 1"1/B sopro.
l puntolini in carbonio sono protelli do due
pioslrini in olt.minio. lo formo è rl'lOMÌcrio rro
elegcr.le,conrjl$1elidrillie~scioncro­
ri. lo "!Jia S · qoelo P"""*> ·è k..,go 54 an
111 segu1to al test è posstl1le b'e ooe
tlpidianaliSidistinte.laprima:la
lerma aerodinamica dei bb raramente
prem~antermi'lldlnglditàdella
scatolall"((llirnenff_Giiortre7mm
di deformazione non SCflO oo cattlVO
risultato. ma per oo peso "medio~ era
lecrtoaspettarsiQualcosalnpiÙ
lafrenata,lllVCCe,èassolutamentenella
rne00. percategone dllelal ben~
perQUalitàdlcatxJl.oecostl.
La seconda: se si leggOnO i risutta!J dc\lO
aver letto WprezzodellaDiclcanpleta,
Ugn..OZK> può essere solo positivo.
oome in genere lo laglio l-Idi citri marchi. Il
IJ:x, Yerzo di l :x> mm, un -.olore intenned'10
fm q... mpiù comun; ribati, .-ende po<Sb1e
ond-oe .... a.-~b;ciooOOoio.Aii.ello
cl de!tagl;, ci pare crihcdoile gMOo la scdlo
d.l pa=oo<> d.l """ d.l ooo-d>o "" 1\bo
""""· pecché corioondo la b;ci ;. """ ool
momhio nJOtob di 9(J' si rischio di piegare
e schiocxiare le guaine p-egiu:fioondone lo
"""""""'=.Bene;lballicoi...o~
di serie.
gommate con copertrcioi Vilk>rio Zaffiro
do
23 mm. lo sello è lo Fi'zi:k Arione con telaio in
rnongonese mentre b Yerzo imegrok> è di Fso.
~ladok>z;one;~ moo:oti
(8ocJr-ch,oo pro e cioè taltoccoelo piego in al·
lminio e ilconnoHo sello con IVskl in ccwbonio e
testJ in ~inioo cLe vitì. Do notn me~ hno
'-"""Hstlca
-
dal groupsel Sh~ 105 ~. eccezion """ "" la
neo sono i pedali: queli in dotazione sono del
~poRat o gabbietta, o nostro<W"'iso più adotti o
uno Gty bike pillllosb che o una specialissima
Lo rnecxmlioo è C051ituita
guanitum Fso Gos.sc..re- l:t>30 50/34 in
alluminio forgialo. Due dettogli di pregio se
si considero che su bicidette di quesb prezzo
viene fr-equentemetl1e rTIOf'lk*l il ftagm o al
più \Xl mixfogro/105.l.eruotesonolelok:J-
,;, Aksyvm, enh'y bel d.lla aaso &cr.cese,
écdleg:<oolo bodeslro. t'-"':o_,
P"'enh')'bd.
c:oso di un oc:qui~ on line, tirrilalloggio ero euroto l'Id minimo deltogio. Ovrorne le regolozioni
abb<>mo poi """""""*'che ;l Jr.oo- è
COOT<rdalo dalla bo deslro, """""""' ala
consuetudine ocliemo in ltolio.
Aparle~"""""""don-.e ; pedotodo"""'·
10re {quel; lomm sono d.l ripo a gabb;etto), la b;ci
CI'Tivo giò proti<xmente proolo per e»er messo in
strada, non r.ec:eMibndo di nes.suoo operozìone.
Pedalare ;n sella alla Team aa<ban è p;oce.,le.
Nell'imil:me - peso o porte - ci è pono anche
t insieme smorza molto lX!ne le vibrazioni ocl
ol\>hquenzomeMeè "' po'p<ùp;.oro.o
nei po$S09QÌ wl'le ~i più imporb'lli.
~. pero, nanabb<>moribooa
~<l~olo .h""poohre­
no in uscite fino olle 3 ore.
Conduslonl
Uoo b;ci .enzo fron.ol; ~ Team aa<ban.
~ oonle$b dela suo lascio di prezzo si dislinguepe<la~>haacl do.se .uperiaree
pe<~ ci """""'"''~che;lprin·
abbc.b=ellic-.
Gluondo non si cerca lo leggerezza o lviii i coYi, anche un telaio eoonomico può eMere reso
mod""""'te rigòdo obbcndoodo aan çfo _.,;
d.l """""""'· p., quanto rigucrdo 1a ccmodoo,
c;piarle può pnrodon ~ aan.odenuione aan la
ceOezm di Jore 1.r1 buon cxq.JiYo.
Non tutti si fidano delto::quislo on line ma ...
non si può avere k.Ato.
La QI!!OI11f!hl~teggl!r'mllrl!:~ell! • !ml~IÌIIIXSt:a'l lm
~WU!Ie 00:52.5c:m~ perctliStida 155 a 163CIIllh
ala XI (ilcm.per odsli(IJ'e l83Cfl'l~la $!bilàeiBCOI'l10iillo:n iJ'l
a-o;t~fi;vlr:ne~(73")etl11'8ket:r'tl!lad45mm
UwloOnlì:sWniU:. i~belaleperlettal\1 ....... 1'00(JIIICOo:ncatxri:)
~ aWsta.La c:asa~d'lthilti::leboelaciiXl$S(n)~
lelldllmrize dCllbe.. M*Ibelele'*'trjtleU..Ia::a:~deitmi
delaballae cil!lcaro
,~,......,.
LasnJa del'lri::o.-..rnerm6~q.mcbsi'AdlarifnleiiJ'U20,
maiiWt*lnq.llitlC390èrrdowezz,able. Ltl atl~rmsea:nllrD
le i'dceditlliJ'IDI(b~èche asearmcl!llatrJI;I <iel t!B! Ya'tmla
trpm~ aele ped\lel!.llkfV18ZZa del'allao:D e la&-pzzadela ~
Rcworft ~prtao
Oedsimllnle lmlo, arl'lii!IQO'AQO'll!alilWI II!!IJ liO.Di cleii S% 11 oJsi ~
udti'eil(JilSii~
,, •. ' '
•1
~ UIQJixlnaQell~~flmk UI (;I'tO'I pwd'i.(:(J'IQli'I;Q;I
an1t:a5erie.,.Fsal114!.1-118".e n. IJJ". ~ C8:rlrttra1 Pitiil alrlri)
Allaoconadlrilx CBBtm3nl'roi1alllti),ttnai"oa 4 -..~bma
nbri:a practJ ~
11111.., 140 rnrt Conwd: Slmm 11)5 Clriix S'inml
l !!i Picca pignori: !itmm0;5700 1Drf12·25DiragliàRStit..-o IC!iatlmti
Glaribn:Fsa ~ Pro !i!Y3(tiOO C*nii:~K1 0Fftllt 9'in.n:ll!!i iU*!::
MM::NI.Vn!B::eCI:ipl!rtltlcH'M:rlllilllo100(Zk;llflggileii:C8:8'0TWi catm
B31{Jnvn,lali1c:abcril,l!Siai1~ 91da:k 2Snm Selr: Fi'lli:Jn:ne,
t!llaDMir'I,Jrii!9! AcoeslorllndcàDonl: pedai W!IJi a!Jttleai1al.n'irll\li»
lltb: le ~~1001 deltfil tSimulamne 1:11
pedalatadiMITIIC.a t fferlaca)SOI'IOroportalf
nellaP3QU\3~11)er!uradelcentrol)fove
cttìefiM per ri'D1IlQIIOP!dalttlllac:t'IM'*"-I'I'mol*lcont*tt l.ll3,68
a.ro;IIIUitrt.rtei'I'*Ri11.200,lJa.tO(:Iari:IIS%j.Spe:led~31,.t9M).
~~ jWWliii'ifiìlii#A& !
~
~
i
Lo ·pinno· , infolti, fonno uno specie di po-rotìo che normalizzo il Rw.o di orio frontale
e roppresenb un ~menlo di moleride
che oumenta le preWzioni di resislenzo alle
Ressioni (si porio di un + l ?tdi resistenza in
r...-. cl<hK>roto). Do~ anche
r
Non lJ'Ia rocoa Dogma2, ma poco ci mMCa
la defamazione della scatola Si spmge appena
~ei6mmdiflesslooe,nSIJtatochesfoo
recce11eoza e che rientra in pieno nell'area
"top" CielnostroCentroproye
l'~mento della pedalata è molto equllibrn.to,
siQnifK:abvo deH'attitudine alra{Pl•smo
nncremeoto di appena 1 mm nella fase piÙ
caldadeltest,bscattoinvolata.
Più SI spll'l9e SOl pedali, piÙ Dogma2 SI adatta
aiMioad",aKa forzarnpressasuipedali_MerJto
Mdle oet<lisegno AsymmeiJic? Forse
Oectso aoche nella frenata, gli iraemefltl sooo
sempre equ1ijbrn.tJ, non hamo sbalZI, nemmeno
q.0'lOO Si aMCina la SIIOOialione di lllpalto
Tuttosottocontrolbl
Il
-l-
_..-: : . ,_
L
r
il poooggio interno dei covi, sia per 9'\'f)pi
mec:ronici sia per i f'ltJOYi elettromecoonici.
nlineloiJOO"""rio. Nuloo "n.:.luDonario",
piootone medionente disteso ol'indielro (si
spinge bene con i glutei e i muscoli gondi
d.ile=<e). cngolo d.! >..bo d;""=_.,
il giusb do non costringere a fostOosi fv-
narboiMi ""-;ungere lo p;.ga 00..0.
rallezzo, ;"""",l35nvn""lotogl;o515
d.. abl>omo J>'O"'ii, è med.......... '"P""
rio<ecJ~poritogl;odolioconcomruo
che in o::J$0 di urto migliorono b resiYenro
olri~. Inoltre, anche se ripotesi è do
scongilKOfe, in coso di microfratMe ~
~
ne );..,;, lo p<q>ag<Wone d..
pom<,be""'""" ;, ced;"""" dro.ria.
lo pod.. parole' mogg;o.. ""'""'"'· ""'9'
rjlof'corioodi rottura a fronte di un peso mi·
nore. DcxJno, inblti, peso ciroo 950 gmmi
nelotogl<> 54.
Per'$0nalinozione My way
Comerle d .oogl""' r); d>bnomri""""'
hci d; o.ia<>, deoal, hg;, """""""· oo>lro,
sello e reggisella. Il progorrma è veloce e
;.,;,;.,, cJio hne d.l ·g;ooo· ,; può"""""'
lo .t.edo (o ~l sulo <fode sono n·
pomoe tutte~ ...Ile e cJio <fode oom'f""'de
"" oodK» d; ;J,.;;Ramone.
Il carbonio e la costruzione
lo Rbro d; <n<bon<> ,.;i;z, P"' ~2
è d; P"""""'= buy, p<rlw gK>ppone.e
dolio P;ncnlo oo qualh'oonn;,leodeo- nello
produz;one e Miuwo ~ c:ompo0;, Pe< ;)
"""" ..... n,>egota lo <fo<>~;tà 6Gmlk
oon N<rooloy tedvdogy.
s;ntenzzondo, que>1o ;po d; Rbro d; oo.lx>
nio presento uno resistertto di (:JJ tonnellote
"" -~ quodroto. """"" lo ,;gl<>
lk W o siglificareche sono ~tale utilizzole
IOCO fibre per og~i filo di ramo e Ol"dilo.
Lo tecnologia "nono•, irwece, consto di
nc:w10p0rticelle (di dimensioni piccolissime
_.,"'1 d;.mbu;te cJr;ntemo d.l <n<bon<>
rell'.lloè~pe«hé. ~en.ooleo
""""·,; ho ;nvnecJ<>tamenter<~eo d; qo..ao
che sarò il futuro tek.io. tn qualità detim·
ooog;ne e ~ oolon è mollo buono, anche
"'"""""'l
;._-dendod;
fom'do d; tx.e.
Le informazioni relative ai costi del servizio
~,der); cJiesl;,.....e,~oon~.
dei prezzi dei vari modelli sona oonsuld:>ili
""""' ; .;.,.;;,; C>Jiorizw' dolio cd; ~·
ncnlo. s.J,;., ;-dolio= 1~.
poorello.com),; può""""" relenco llol<>.
Discorso prezzi: Dogno2 viene proposlo a
pon;,. 7.!:/XJ Roo a 11.000 o"""""'
~ monlogg; .,!t; (gn.opp;, n.oole, ""'l'l'
....,.;, eccele<o).
oo
Lo provo
Il ricordo più nitido dello prova di Dogmo2
è legato allo stabilità che trasmette in tutti
i contesti. Ecco, in questa configurazione
(perché anche i componenti fanno lo loro
porte). ci è sembrato uno bicicletta solido e
ben piantato o !erro. Abbastanza lontooo
dai prodotti '"peso-prestazioni'".
Non vibro, tonto per intenderei, e non si sbi·
lancio mai (merito dello costruzione asim·
metrico?). Forse, detto in sintesi, è uoo bici
che non ~i · sente• poco, ma è tonto, tanto
pratico. Cioè è capace di mettere o terra
tutta lo cavalleria, sullo strada. In pianura e
solita si spinge bene, il peso è ben centro·
to sulle due ruote e non ci si impiego moho
tempo o trovare l' interpretazione giusto del
telaio (se si Keglie la taglio giusta .. ). Ci è
piaciuto molto anche in diS<:esa, terreno ~u
cui mostro sicurezza e confidenza sin dallo
primo uKito. Spesso, infatti, questo qualità
viene dirrter~ticato in nome di a ltre (il peso su
tutte), ma vale eccome, soprattutto ~ulle su·
perfici sconnesse e infide, soprattutto con lo
pioggia. Il comfort? Si può considerare come
posizionomento in sello, ma non come lo in·
tendano a ltri marchi. Cioè, Dogma2 è prima
di tutto un telaio concepito per le presloziani,
il resto è secondario, ma se ~i ~la comodi in
sello si è già ben oltre lo metà dell'opero.
Le nostre conclusioni
linee esclusive, proprie, eleganza fin nei
minimi dettogli, con Dogmo2 non si pos·
so mai inos~ervoti.
È sufficiente pedala re con altri ciclisti, in
gruppo, per capire il foKino che genero
questo marchio e i motivi di un succes·
so crescente che non ~tento o diminuì·
re. Quindi, etichetta e sostanza di pari
posso. Sì, perché qve~to è un prodotto
•pronto gora• in tutti i sensi: solida, sta·
bile ed equil ibralo in molti conte~ti .
Il fotta che sia utilizzato da due team pm·
fe~~ioni~tici d i livello top è un plu~ che
aggiunge valore.
-..-
Dcddmlsu'e~r.nM},I'I:M!oriZlldall e lresqq, q.JI!IepiU I*mle..
t.a iJfiOOll*la • ctassì:a.ralleZZad!IIUXlclsmo è ~ pù alla
""""'
u..~o-.
Oti'l1).~bi::iP'rr<relo, ps:so,JCmaQ:relZllle~ l*iefnil6ee
Bq..lalta e l:rl<nelza•~•dw<n lotfWJ1 IXI'I:\li!IWdi
~ lai:ridelep;ri!8'1S1Ydelegalkte
...........
I WlqxlS'm.nlllerp OOCXll'lllliWedla:Dnre l cnsbi1aleclela bda
*tnledl.ll~"~ avwa!Qe~Pbl acaso,aoggl,
ÌIIRlUi!J'.Wpiùl1lCI'tilrt per lebicid9l'fWTlll~l~ t.bsl
6 1)1riet1Dperl~2
R-""""'/"'uo
OwiemtnBPJneutM iq,cl ~·stiléroabnel pmo.!Wò,lltnnl
in1J.IBAJcaso.6guslil'i::atiiÌII ITd!COII8,taa.i r~e l lcO>chel
rrwtmP'rr<reloèi.Rltai plj ~ . _,.,ein aooesagA merc:am
<1
=
~·~·
Telaio: PinwelloOogma 2carbonio 60Hm 1kforcetta: Pìnarello
Dogma full carbon diametro differel\liato Manubrio: Most
carbonio lntegnto Leve: Shimano Ultegra Oi2 Freni: Shimano
Uttegra Oi2 Deragliatort: Shimano Ultegra 012 Guarnitura:
Shimano lltegra Oi2 Catena: Shimano Ultegra Plgnonl:
Shimano Ulteçra 12· 27 Cambio: Sttimano Ultegra Oi2 Ruote:
Fuk:rum Racing zero Copertoni: ~ello custom Reggisetla:
Mostcarbonio Sella: Sellettatiaper Pinarello Prezzo: a partire
Cl37.500 euro
Contenere la flessione della scatola roowimento r
sotto i 6mmdi deformazioneSiglfficaentrnre
nell'eccellenzaOelnosbuCeotroprove.
r
lnoltre.QUeStotestcicnlSentedidllnostrare(ce
ne fosse iii:Msogno) la l:lOnt3 e !"efficienza 001 Btl
86, ancora meglio~ Bb90. La scatola larga con
ìcus00ettlll1tegratièsenzadubbiolascetta
mglioresesi '1'3ghonoottenerepertcrnlance0i
B;Jidllà laterae ecceron.ah.
La qualrfàdelcartlooloelasuacostruziOOe.
mquesto caso, contnbulscooo a rendere lo
svill4)p() oena curva omogeneo ed ec,J~ii:M"ato.
La frenata è mato buona silo allo step di
"freoatabrusca~.poipen1etantoneU'ulllma
fase_ EVICientemente, i tui:M tooghl della
geometria per roote ~ 29" sooo penalizzanb.
menti e lo versione frame kit, disponibile
ol prezzo di circo l .700 evro.
la ver~ione più leggero e con più vellei·
tò ogoni~tiche è quello denominata "'Xtc
composite 29" O, per quanto anche questo non è particolarmente eso~peroto ed
esoso nel prezzo che si otte~to sui 3.300
euro o fronte di un peso dichiaralo di
10,85 kg. In ogni coso si avvale di componenti funzionali e collovdoti ben adotti
a ll'utilizzo agonistico serio, quali la for.
cella Fo:-: Floot f29 rk fit foctory con l 00
mm di escursione e perno passante di 15
mm, la troW)issione 2x1O torgoto Sro m
con componenti XO e X9, l'impianto frenante Avid Elixir 7 e le ruote Giont P-xc2.
la versione "'1"' protagonista dello nostro
provo è oncOfo meno esasperata, !>eppU·
re presento un cHimo rapporto qualità/
prezzo. Si avvale di componenti molto
efficaci e onesti nel prezzo, non portico·
lormente leggeri per un eventvole utilizzo
ogoni~tico d'oltiuimo livello (il peso dello
bici si attesto ~u 11,4 k.g), comunque più
che adotti per l'impegno off rood a nche
più serio.
Nello specifico, l'olle~timento è campo·
sto do forcella Fox Floot f29 rl evolution,
sempre con 100 mm d i escursione e
perno passante, ma più semplice nell' i·
droulico che comunque contemplo illock
aut, trasmissione 2)(10 tutta Srom X7,
con ropportoturo 39/27 x 11/36, im·
pianto frenante Avidi Elixir 1 e sei ruote
Gian! P-xc2 o 32 fori (piuttosto rigido e
resistente quindi) vestito con le oHime e
versatili Schwolbe Rocing Rolph perfor·
mance folding nello misuro do 29"x2, 1".
ti prezzo di listino al pubblico è di circo
2.250 evro.
la prova
che la rende d"""""le nel >ngle !md<, ma anche Le nostre candusioli
ero..
Il tdoio dello Xk è -..eromente ben riuscito, sio
P" la geomelria sia P" le ·~Siiche""""
Non c'è dubbio che quesb G;ont ~ adaoo pet t<.Oiiuo nel
ax.my più serrob. j
a quela """"' ~losofia prageOuaie che wale le Mila della ""'""""""Siicn, px.....-.dod ooima
29" olll.di estremcmente c:ompo11e e monegge- lr..ello in riferill"lefY.::l al prezzo d'ocquirJo, owio·
-.di. Sin dalle prime pedalate, in effetti si perce- mentre penalizza oo po' le prestazioni in solita e
pisce i! perfettoequi~briotrolendea.<ersizeele in fose di accelerazione, già di per sè più critico
mi""" del tebo. Eq.illxioche""'"""' alo..,. pet le 29". Peso a pane, non """' da record,
so tempo fucililà di guòda nello """"' . g«rde mo nemmeno troppo alto do reOOerlo inodotto
sd>ilitò. Nel coso specillco della Xk: composite, alle competizioni, in solita lo Xk: ~ io mc»lro
po; 1,;"9"" aggiungere anche lo g«rde ·~ilà
roionaledel teboche,; """"""" in oo'.,P.,.
sivilò ~per uno 29", sioccme brillante
risposto allo scalb sio oome velocità e precis-io-
ne nel'i!Tp)Siore e mantenere precise tmietk:lrie
in OJI"o'e. A livelo di geometria, quindi, questo
Gioot o oostro avviso è molto ben riuscik:J con
(.Wl corollere oornpleMivo versatile ed eq..ilibrmo
c:a"~iche"',tonlodo~l.Wl'ottimoor­
ma da """l"'iziane. raiWrronk> ba..,
pero,
è prc:lpO$k:> od un prezzo inlere$sonle mo r.::~n
brilla P"~' è adaoo, quindi, anche
e soprottukl quei biker EtSCUr$Ìoni$ti che poi di
Ionio in Ionio ><>gliano P"""" t olobrnzm della
ginta nei rilanci e uno più che buono copocitò competizioni. Chi ho maggiori velleità ogonidi inerpic:cni sui fondi tormenk:Jti e SCOfYle:s.si. Lo Siiche, pero, è meglio che ,; "'""" .. modella
stesso focilitò di guido si ritrovo anche in disceso,
""""""
proposi<>
acl "" prezzo
dc.. la la<ela riwltc preci>a. genoro>o .. pari """'""'"·
interessante.
Oppure se
vuole scendere
ancodelle ruote, mentre~ corro è o trotti più soorbutico. ro di peso, orientar\i sullo soluzione frame lcit
lo'o~"'"'''"'piùronr..t..oleed da monton: acl hoc. Il preuo ~nole dela bici
efficace, almeno in termini di SIT'IOtZCITiel"todi urti salirò inevitabilmente, mo le qualità del telaio
e vibrazioni, di quello di un'analogo 26"'
giustificano t inves.timento.
Geonlttriast..,4
Ooattro ll taglieclisponibiM, con geometriarelabVameote
compattasull'orinontalecheconserrteunboonequilibrk:ltra
rnaneggevolezza estabtlilà
Uv•llofillilt re
ltelaio ha~.r~'cttimaresaeun'esteticacomplessNamente
aggressiva.Mehe se non brlla per soluzioni pafticola'mente
elegantio rir.eftate
An....btoggia
Componentidlqual~se112a ~dipesoepreuo.
ldealepetl'utifilZO II$CU'SIOI'Ii$bCO diahOiìveiO
Rapporto q.a&tì/preuo
Ottimo. !..h prezzo abbordabile per un mezzo efficace edivertente
~enon~egQeriSslmo.
Il
(=.l' F-'
[-.... ,
l
~1077---1
Telaio: Glanlc:ornposrte Forcella: Fol: Aoat 129r1ew!lubon, 100 mm
Manubrio: ~c.ontacl1r,llat31 .8 Atl.1ctO manubl1o: lbrt
Comect Comandi c:1mblo: Sram n. b:I ODeragti•tore: Sram X7
Clmblo: Sram YJ Impianto frenante: Avid Elxi" 1 clisdll di 160mm
Pacc:o pignoni: Sram G\050 12x36, 10 'itloQti Catena: Sram Pt·
1031 Guarnitura: Sram 51400, 26·39 Movimento c:entrale: Sram
Cìql preufil Ruot~ Gia'lt P·Jc29-2 Coperture: Sc:trwalbe Raong Ralpll,
29x2.1 per1ormançtloldin!I Regglsella: Gilnl t:Gmlld si. 30.9 Setta:
Giart~mtb Taglie: S.M, l KJCotorazloni: ~Argei'IIO
/Yefòt Preuo: 2.251JeLrO
~ =ta~==~n::=~=;:e
j t:II:USitfll
e minimoli!>kl oontrolo retTdo idroJico. Differente, i!'l'\leee è tcmrnortizzotore: sul rn:xlelo
piU e:scbMl ~ lrCHO il Fox rp23 con tecnologòa Propedal, .Jia """""" da ne> """"" il
Rock Shox ~ n3, oon lo p=hlilè d<
seiezòan:,,. ... d<ff.n.m "hnaMe iclo-c.Jid>e•
~ ~ oon effeoo ""'>~umle al~
basse..locità. In ~d< f..uòananen·
to, cpincli, è simile, ooche r.e con coratterislid-.e
o traiti differenti. lo trasmissione, per entrombi i modelli, è oMomene del tipo 2xl0, con
~ pùes<MM e leggeri pe<lo primo,
che uti~zzc !tAli~ Snn Xx e più vai per
lo~cl-e,;....,leanched<~
Shimono, quoli i oomondi, aderogl..... posleriore(XJr)equelloanteriore()(J).Unmi>< pe<
ceni o'f"'h ilcg;oo cl-e, poro, probo!,;~
""" soolo de; gane~....,.,; oon><rle d .......
~IMol;.,llodiprezri.
Limpionlo frencwe, inYece, è~ realizzo.
to dola Avid, rispeltiYcmenle Srom Xx e Srom
X9 5eflll"' oon disco ~iore<h 180 e posteriore,concitoccoPost~,<h lfJJnvn.
Di~, cnche in termini di peso, lo scelkJ
delle ruote, cnche se entumbe sono ocx:essonote oon le-~ copeobe Sdw.dbe RoOng
Rolph Evo, 2.25" 11A>eb <eady d-e ne&. mi·
""" d 'N' sono Ollime •...,.,.•. In Cal>on
1 om~no ~ pù leggere DI Sw;ss Trioon 1550,
menlre lo Cal>on 2 ho d< "'"" dele """' O>·
semblate con a!rthi Sloo's Zlrard-1 Nero 32
eJernenri che si sono riYek,ti piutlosk> offidch1i
cnche su percorsi massocronti.
agonistico e~ cerb t.r1 po' più sc:c::ilooie (r.i
~ cl-eoponlò d<~ è anche un
po' pù leggero), mo anche pù i~ da
g..ido.., ...
pù ~lo 'N' cwore più "eosy" e ~le. Grozie alo maggior-e
escvrsione e ole ruote di 19", strizzo deciso-
w
,.... r<X<hòa anche al1r0il bike, anche groz;e
00 una CUI"<Q di progreWone delo sospensione lineare, ma con uno nole.de irnpenrdo ~
Bnecooope<ossab;,.piccolisol;e"=>>ente
non""""'
~i. ~ malto
poo'ondo d<
uno -..ero e proprio "lritosoui", perché proprio
a ~d q...., >OOpemòane,
che~ r.i bosa in parte sulo Aessione
det foderi, non è facile utit.zzae per intero lutto
r..,.,òane. (Àn un'impostoz;onedel Sog pivt-
per
losk> agonistico l~ 15% , massima
201\)il~dello""f'E'"'Ò'nepe<lo
Yel'"itlèpiultosbsevtro, se ~od oltre
lul diporili.elo.le""gaclc.zic,.; ido-c.Jid>ein
c:orrpe.sione dell'CITIT'IOrlizzolore CXlrlset'blo
'-"" buono penonoli=òane dello primo fo.e
dello corso, che si può i~ piU o meno
.emOie o ~ del proprio ,;le di g..do,
moda melò"""' ~ poò, quondo<Jo ""&..nlono più sostenuti, b sospensione si inclrisc:e
molto. Se si sceglie cpindi uno ~ rocing
orientolocl!erT'ICJS.Sime ~inWdi
sp;nto (ollime) ~ """"'~~"è
~le rigdo, =l come del """'pòaoe
o determinati agonisti. le pre$lcci:rM, in effetti,
sono~ noteYoli: le I'UOt:lne spianano
sassi e quonlallra enlotizzondo le cbi YEiocisti<he e di precisione, ma o parità di "'*xitò il
feeling trmmesso cb1o 505pef'lsione è ben &-.ocrso rispello o ""'lo cl-e, P"'~. pa.sono
trosme11ere sospensioni pfù linecri e sfrutk:nli. ln
prot;oo quesl:l Scolpd è molto
e """""
cnche sui W più soonnessi, ma ndliede ro"""'1"" un cerio lo.orod bo-occioegombeda
"'"=
pone del bòke.- pe< dissipo<e gi "" e le vlomrioni maggiori (deciscrnente inferiore, CCIIOOI'IqUe, o
quelonch;esoodolo Scolpdd 26" per~).
Aunentonolo il sog od un :m'.e anche~
in più lo sospensione è più morbido e lioecre (rimane CCli'T'U'lCIU8 lo risposto seo::o ~fine corso)
ri.Jtordo qumdi p<u godbi~ per eh amo lo g..ido più dir.irrvoho in disceso e, lulb 50I1YI'lCikl, stobi~~
lo pedalato groz;e~ rngokmoni
d_
r.-.nav.a
ido-c.Jicodetam'01i,_,
_
Usato in cwnbito escursiooistiro, rome troil bike
dolo"""'*~. r...lizzo d< un <eggi-
""" IEie.oopico JX*ebbe .Jierionnen1e miglm
~litò e il potenziole del rigidi$$Ìmo telaio. In
.alitoil~toèbrib>leunpo'~Mii
i conlesti. Il peso non è do record (siano nel'ordine degli undici <hilogrommi) mo """""'l"' lo
SaJpd ho '-"" po>iDcre ~ ,.Ilo mddihrio e bloc-
oogg; locilmoole orional>li cl-e lo ...dana"'"""'
su osloio e slerrole malto b;gcoe. Sui W soonneui e SIAe ripide e brvtdi erte off rood, inYece,
lo nostre concMioni
"'""""' Scolpd 29 oolp;sce P"' r - og-
gessi.<oeben rMcito, -~P"'
~e-·""""""'""""'"
gip del posleriore, elli<ienzo dolo """'"""""
ed equ;librio~ "'""""""""'" . voli. l..oddoYe non ci si può alzare sui peckJi ma
per un mezzo cosi leggero e oon ruote di 29"
e sl:-dordisce per sd>ilitò e precisione di guido.
oalleggeriscetontoloci~e--d<met­
tere b bici proprio cboe ~ ......de.lnsomma, ~sole
ed~b:iledag..ido...Aicolti,fo<­
se, cr.cheun po' pocioo:>, ma solo per t.r1 rd,.
"""" ""-"'!-"· gambe penr<llendo' lo dappòa
ho d ..ne il 39/26 x 11/36 cl-e oon ruo1eda
'l!rd~otrotti~perunCI"I"'Cb"e
bioso Cross oountry od altissimi Wi ogoni!.k:i
IV Mio il """'· o pon;,. dalle Morothon f.no
ol'escvnionistico ai massimi livelli è un mezzo
medio, nonosblte t ottima reso in fase di spinto.
bribde e malto~-
bòsog>o""' ~p"*> d< ..la, bo.>o sp;ngeno sui
pedali ~ p<u Ione possbi~ e lo Scolpd P"'"' al
"""'' lo gommo posleriore ho uno bello preso .J
terreno e un'cneriore rnolb direzionale che non
Nooe.olmeroe
"""""'*"'·
rispelloollo Scolpd
lmd;;ciooale, è anche lo~lòd""""""
urti, vU-ozìoni, ma cnche "conlrocrolpi* di no""""eMiò. Nel
ne ri.Jto un meno
performcrie in solito, ma onche solo :w:xrnes.so
oon.,,e.so
LaSc3;1e129erèd!ipclti!i'lq.aao~a~;te C3'3tDiZ2aledall'llgetii'IY!tta
~arllJIII!a e~~ OIJii cat!O IIl oorretazb'le iD"IIe
•
da26"rm èsefl1ll"! la:lssmaeiT'meclatl
A>.........
I IXfllXJllniscmd P'tT»IYelo,rrasenelil\ll!l!blefll e:!d..I!M sil! IUEtl
!dl ale~ asdJe. QJI!JStl~l! pen;at)llldlelli!JI'alllenerfl
111!22DtnaleCO'If:ltJ'neO!Smle9Wnrln)IT'ilcall
u..~o-.
A!r~slratlidi ll'll~ d sft,(J.18510d!fa O!m:rdill! èlll
lft*lnd:lldoa:r~tdJziall ~ e~ bma.rate e cri;INI
R"''P"" ....../ P"no
Qaimperla ('ato12. ~ per l'lAilizlo~ nii:N. ~
araq.estacitasittwa i.Rittita'*''llltDe ...-satie.l'aglrista.hYece,
(O'l~f:UOp.il~biatnep.J ieggere.
,, •. '
•1
Lo prova
In Scolpd 'N' ltoglòa M pe< bila.-d 178 om)
oolp;"" da sd>l> per oompcllezzo e rigidità
micnale delleloòa. l cl-e ,; tnxl..ce sd>l> in
una~eunareattivilòinaspet­
lolo per una 29". Trosmette, quindi, sin <h wbilo ..., ollimo feeling, malto dislcrle da quello
sensazione di in1XJCCio e lentezze dle rima'lda,o,o le prime 'N'. N.; ,.,...;.,; pù ,....; e
r.i~, quindi,riSIAcagilee..docepiùomeno
come'-"" 26", mo decisomen1e pù so:h1e. ~
'<Jiore oggi"*> di quesl:l Scdp9 è proprio lo
sd>ilftà, b ~ità di rn:ri!nefe oon precisione una lroietiorio, scpalhA:I sui W più
""""""' o . . . """"~- Lodda.o '-"0 26" d<
poriescvrsioneten:leo~oCOI1U"ICpJ6:
lllalo:~29'er,I OOrrm,BalisTeocli-moaiiJI~, Zeroi'MJt~.
Bbll, 1.5 Slllllllld - Mlna1mlbtpcii!IIRn:: ~ llb'Wc.fl rt3
Forolla:Lifty29"erD,101lmm, l)p,DIIir GulrriUI: SrwnS2210·:&'26
~onJIII: Snlmllb30 CcirNrd: ShmnXt l'lra:opigrcri: Starn
pg- 1070. 1 1 ·36.1 D-~ CIIn:I<Jilt:O OII.1kpeed Dirlglllae: Sfam
X9. directmooot C:Imi*I~ Shlmano XlrCMH: Stan"J Zblfct1 29"«
a J2 r 111Js111: 01:SWiss~ Mormpc*tl'lnll.ny Il Mormpmdlrionl:
~ cllrty llearearl 4bllmmrear c.opnn:: Scf'lwaltle Racln9 RaiPI
richiede una g.lido più dlenkJ e rEdiM::!, q.J8StJ
Car.ondaie è più gestibile con mozioni meno
ew, 2_~"tubelesfre;w:tf .....,*"-* AWI Etu9arbon, I8CV160mm
Plegii!IIIUI1ii::TMI!twNcwlal. 700x 1DmmARicc:omlrllillb ~
nervose e, per ceni aspetti, più prevedibili e
A"ll.k Tan:h2 RlggiMia: R'll.k tyrarlo. 31.6J:400rml A11mor1m11n
~ ~~26",inloo;,è..,.Oiirope< r""'
QP~.-1 5 -ee, 31.8 !Mritdlrlo:Carnndale~li 5ela:
jiCIÀIWb'l: ~lolonafthl't3 1'tmo: 4.000 ND(c:ital
~~~------cii~
~
il
Frisbee Dolomites
e spontooeo. • ~io risponde bene alle occelero,;an;, la lon:ela è ,;"""" >Id>~. ;l grip
dola n«> posleriore è pù cl-e buono, anche
quando si riloncio lo bici in piedi wi pEdali. lo
Oolomites ~una buona "vilolitèr" di mcrcio, peculiarità che interes.so soprottvHo chi orno
'a.....OO Te mobil;ty progeflo, produce e diYrib...isce p«Xbti ideati per lo
mobilo:. """"'!>~. ""';propri ....,.-c~;
Fri>heee Dingh.Lo""'""" 2012 è ropp.-e...- dal modellò Fri>hee Dalamne., una
"""""""bòke a pedalaoa "'"""'· lo bòciclefto
nasce do uno studio progettuole e, oHroverso
~
oi limiti deJia propria pensione. In 501ito
illl'~illl·- cispingen.i
è parso pronto
o copocitò di ripreso.
q..o'!lo
._;enz. pro&he de; leonKi d.II'O.....OO
F'orlen<hq..oa,; da !.m;, """"""" 30 ""'""'"
,...~craa-e la bòciclefto a una ,.loc;là """"'*''~
d; Bchono, preoenlo pamcolarilò un<he ,...
ollenere b mcruima efficienza in &vene con-
c:he, ooavokJ ~. si puòO"UOOnere senza
1roppe d;~ grozM> ot o""' eiellrico. Di folta
.J mazzo pa>leria<e, cl-e ;ngloba ;l .,-., d;
diVani di utilizzo.
tipo~ da 250 watt, agisce il sis1ema Pms
k mobil;ty""' n«> k>n<o a 12 ~ lamel-
una n.JOb ooleriore di 26"', è skllc presa pe-
....:>~~Miàq..oa,;"""'"""" ® """"nan'"""'
..-.~a a .-.eiellrico n n;gl;on=<IDo­
di 26", ~di 24". Lo sceia di utilizzare
perd>t1i.
garon6"' la nec...aria stabòtolà nel'"""'""'~
bi cl-e c>uta ..,;b;lmenie la pedaiola, quando ospeoilà clal """""' """'"" cr-olla pù p<cola
rid>...,. Clucrdo la slroda ,; ;"l"""", la bella garon6sce lrariane.
semozionedi~rmmes.sadolafrisbee la ndldi 24"', infatti, o pori~ ho l.ll
Dolomile$ è di gronde aiuto, sc:protMto nelle numero di giri più elevalo rispetto alo 26"' e
ascese più ripide e corte che evidenziooo uno gorootisce un maggiore effetto giroscq:lico,
n; d; ....-.d;merAo. roulcnom<> clalla ball.ria ol
Ima 37v 10oh èpùcl-e buono. Usondatc>uta
YEI'O&veneniee rih.sonte. Fcx:~itc«:Jcn:he dola in rT'IIXk:l fX!Oimonioso, ql..leSk:lsì O'Niomente,
differenza di diametro delle cLe n.de: 0'\biore i 60 chikrnetri dichioroti sono focimente su·
art> abòw. s.Je >al;o., pedalab1; d med;, lnrfe=.,la pedalata .oene foole e nalurole, dav·
l boi<oiroèoloosl<m
oboèas...-.blata=o.Jxman;;, lega d'<>·
11
!uminio serie 7003 ed è soldolo o tig. Lo sezione del k.bo obliq..oo è oo appalsa!nte prisma
Geo.etrie stancb4
PIUChelaQeOfi'IWia.dalpu"~~Ddi 'lista a::nico6~tascelta
~mgobe=;cq,p;allaa:h;, .,
dela~I\II:Gdi26. e24" .CkJelapiùpi::c:daPQS!etbe l ~
entro<rl> ; lari .._;a,. e mforiono, ,... tallog-
piùlaclecia"attlvn",IAiesianellnlfl'clc:lttdlosianellioristJacla
~impei;J\tlb
g;a.r..,ta dele ballerie. Slralogenm> cl-e """"
UvtlofWMe
ad """"""""' ..,.b;lr.noe t"""""'"'"' dola
Dolomi~ e, più di ogni altra roso, a colloco-
tlìsaft),diciMiod'lllnootiSUlpoot;:I!Jftm.LabidèallòastWlla
spil'tana.nelst.nSO dle tutll:leDIZionisonomrate a miglcra'e
liiDtanzaPlJ(tOSt)cha resaetica.Oin'icilelinflll9i0perllla mlb
rebbattrerionelpunlo piùl:x:Moec:JYOOzotro
con lintenk> di c:oricore lo I'\.IOiro ooteriore in
ooso di solite con fooe pendenza, limibndo il
rischio di rilxllbneroo. Inoltre, tobliq.Jo contiene in una zona pt'Citello e ~bile tutti
i cchloggi elettrici e interfoccio lo centralino di
coooePt~nM per ri.Cizzo olf·ra!ld nteoso
As....a.Jogg;o
Oeaosronmenle, ll1if'Ca r~lnlnart.e adìsco. o·aa::aoo.i
V- brake sono!lilladl da rnarulenZiooaree sono piùleggeri. ma l'~
daslrada e, ~Mristrada.nonècem~aidsdi
lklpasso i1 ~ 9l'lftSO rtn:lerettlelabbdetlasenz'*o pù mor:temae
fX>knZOO'o'Yiloklcltn:M::oo~. l'ottenzione
aggiomataalel1t:tliesaedell'l'lerCW
dei progeftìsli, inoltre, ~èn-.dkJolloric:eroodi
><>luDani o!Md; ,... ......... ~ lela;ooopaoe d;
l prel.lO l *.manonalhs$lnO.COn quaktle modifiealllC:tiiCaiX*ebbe
Rapportoqdtà/ prmo
rrlgiOnVe~leprestalir:ri,dCCII\SiegiJel'l l f'lll)pOitl)
sostenere conchi e decitazioni rileo.mti.
Alla scq>O !OnO~ rinbz; cl-ea>.-..olgono ;l.amgoio d.ltabl;qua, nole mne
de ili dolio ""= e dolio ..la, ex>nbman
"""""""""'la"""""'"">al<l>òlro;lcarn>
pa>leria<e e la pane anie<ia<eclalla bòciclefto.
Una protezione ~ il fY'IOYimenlo centrole,
;noltre, ...:>lge la lwz;are d; ·6mn~e· nela geamelria clal o.la<>.
fom;,. "'f'PP'b ,...
la ball.ria. Il com> pa>1eria<e ha lade.i sogornc:* cq:xxi di minimizzcre le Ressioni, il desigl
altre la _., ..ffic- ,... ;l manlaggKi d;
pne<.<roaiKi d; gande d'oamolro, """'"" .J lata
sinistro del a:rro sono predisposti gli ottocchi
,...;lfrenood&o. S4essod;scoooperlafor.
oelloonlerion!o la geomemo dola"""', ;nfao;,
permette tindozione dì unil6 anmortizzonti
o lungo esa.nione. ~ 50Sionzo, con ti~
di freni o disco e forcella di 120 mm o poco
più, è pc:>Mibile affronb-e j trocc:'di più tecnici
senza problemi. Buoni i ~ utilizu:jj. Il
<XlO"bioe rekJtivi comandi sono di pramlienm
"""'a
~ ~~~:e~:.=-;1~
rrm. l'~ frencrde è afFidak, a una coppia
d fcen; 6po V·brokeoquello pa>1eria<eè,;,.,.,.,
.>d;-de;lade.ibos.;clalcarn>ex>nlol>eooi.o
d; m;gl<>m-e la >ld>l;là e la laza lrenon1e clalla
fUClfo ~- fYtega a e CJIIocco sono Tronz X.
Infine i pedali, oorotterizzati do un'CJn'l)io piatbformo, del tipo libero, senza nessun meccanismo
d; oggmc:Ki/sgonc<>.
~·olve<terdmi
Al d; lòd; -~parole e de;""""""" pa®;l;,
p«CCl'ireob'ldo a!Nelbtecnicoelepreslozioni
d-oela Fri>heeè;ngadad; ~. non ,;<~e..
be ohro che r.olirie in sello e iniziare a pedalore. lo posizione appare wbito ben equit.broto:
si spinge sui pedali e si guido ogeyolmente nei
settol'i ~. b suaoonduzione è ~ice
M. . .
~
mondo dolo mountoinb;ko è di nuovo in ~brillazione per il "rMRIO" $kJndord
. - di 27,s• che si .., offocciondo wl
""""""· 'f)inlo queola """" anche doltin......,
delle aziende e dei biker europei (w !viti Dt Swiu
e Nino Shurter che con k:lfi ruote sJo dominando in
Woold cupi, _ , , ,i.ok.ziono lo gonvno olf ..00
presentando tre inediti modelli di 29". Il marchio
francese finora, in effetti, ero rimoro un po' alla
fineslro, non cavakondo la rivoluziono dello ruo·
te O'<'el'size do subito. Anzi, solo ronno JCX:OO in
primavera durante lo prew~tozione dello gommo
attuale i tecnici froncesi o preciso domonda flCI90""0"
no rinlerene imminente veno qoMio stondord cM,
dopo a>lf!l conqui~ gli Stati Uniti, WSkJ più meno
diffondendo anche nel 'OCChio
nenie. Evidentemente, pero, tin-10 ed i ~pi
éorono già aMomonle, e da · ma le preMI di
~e wl campo alloro non dcMr.o"""""
riwhoti ~e i~ primo di sbilcw1cioni
..bo>o.......,...,; di usci.-eccn prodaoi ....,_
"""""""'le
con'·
~edallidabili, comeènele~
dello""""""""·
Dole pom di ""-:y, quindi,
non clonMono sugli
ollo<i e, dopo lo fase ..-.de.....,..,. offidooo
i ~ a centinai di te$ter (W pcwlo di circo 600
bike<) "" cui, aMomonle, anche """"' pn> dello
World cup (Absoloo, Footona, Fumic e altri)
chiomati o testore e dore precise indicazione
sulla realizzazione delle Slr riservate alt'agonismo puro. Il riwltoto di Ionio fatico e tonti
roffi e ruote mossocrote nella
di
verifico, robbtomo potuto vedefe e velocemente provore durante le presentazione ufficioleawenuto in Californio, allo Seo 0tter
douic. Si, proprio nel regno delle 29"', an·
che se porodouolmente negli steui giorni o
roooi
rose
pochi stond di distanza Smm presentava la
rl.JOto do 6508 (che gli omericoni
chiomono "Six ~ftl' e noi 27,5") e Dt s-...iss
catalizzavo l'interesse del numerosiuimo e
$UO rliJOYO
variegato pubblico con la gamma comple-
ta, do 26, 27,5 e 29"', Spline. Uno C0$0
appare evidente: se è troppo presto per dire
se quello do 27,5" sarò un nUO'IO stondord
che prenderà realmente piede sostituendo,
mogari solo in porte, quello da 26", è <erto,
invece, che ben presto tra le mille variobili nello scelto e nello per$000lizzoziooe
di una mtb ci sarò a nche la scelta delle
dimensioni delle ruote. Intanto imFKJZZO il
29" e la proposta di .Yiavic è decisamente
inlefessonte e variegato.
-olavO<op«~29polci
La gomma 29er 2013 si articola su tre tipi
di ruote. Al vertice troviamo lo CrossN!ox slr
29, il massimo in termini di ~ezzo e
reso pEli' quello che concerne rvtilizzo agonistico. In mezzo c'è la Cross M.ax St 29,
meno leggero ma più resislente, quindi ideale per quol~io~i uso e obuso doltagonismo
finoolrAll mountoin. Mentre tentry leve!, mo
pu•"""""' nell'anl>to d; prodolti d; gommo
alto, è kl Cross-Ride 29".
Uno gomma, quindi, che si rifà oi modelli
giò in cotologo nello dimensione do 26",
con look e gmkhe del M1o onologhe mo,
per certi ospeffi, oon corofterisric:he differenti.
Come ci hanno spiegato i tecnici francesi,
infoni, per realizzare una ruolo do 29"
performonte non è sufficiente ridimensionore quello preesistenle do 26". Diverse è
kl reso e le forze che inlerogiscono con il
ddisto, soproltvtb in ambito off rood. Serve
quindi uno differente imposk:lzione tecnico,
come si EMnce dai test e dogli studi eseguiti
dallo stesso Movic. Per esempio, il risultoto
del raffronto ipotetico tro modelli analoghi,
realizzati quindi con gli s.tessi materiali, ma
diametri differenti del cerchio, ho come risultato il fotto che uno ruota di 29" rispetto o
quello di 26" ha un'inerzia di circa il 40%.
Inoltre è di circo il 39% menorigidoe il lO%
più pesante. Per reoliuore un'ottimo ruota
di 29", quindi, bisogno portire do questi
doti e cercare di migliororli. Aumentando
le dimensioni, quindi, bisogno aumentare
in maniera esponenziale kl rigidità laterale
e non sempre è sufficiente incrementare il
numero di raggi. Anche perché questo significo un notevole aggravio di peso. Nel
coso dello Slr, per esempto, si è deciso per i
20 raggi, esottomente così come le 26" che
l'anno scorso, per roppunto, sono passate
dai 24 raggi ai 20 dello ~ione attuale:
è una direzione che è stata pre50 anche grazie agli imput fomiti dai te!>fer professioni~,
tra cui Marco Aurelio Fontono che percepisce lo ruota di 26"' più scomodo e nervoso,
ma decisamente reollivo e più b:ile da rilondore, ohred>é p;ù leggero. Uno volto dedo ;l
numero di raggi l nello specifico con incrocio
in secondo per t anteriore e roggioturo •ho·
pulse" per il posteriore) si è lavorato sulla
r~Yenzo degli MeMi e sullo spessore del
cerchio. Concretamente, i raggi della Slr 29,
sempre in Zicrol e oon profilo o loma, hanno
subito Ufl trotkmento superficiale {Biosting)
che, con t apporto di materia le extra, incremento rigidità e resi!Jenzo. Il cerchio, invoce,
ho uno sezione interno sempre di 19 mm
e sempre con profilo asimmetrico, ma ho
spes~ maggiori (ottenuti tramite estrusione!, Ionio d>e
allo
~ne ~;cgom~>ro e>1emo
posso do 22,6 mm dello Yer$ÌOI"'e do 26" o
23,2 mm dello,.,...,. da 29".
lecnicametrttnondsonocSffennzt
Il peso dello coppia di ruote di 29" è di
1.620 grommi contro i 1.4.40 grommi
del~anologa copp;o d; 26". le lecnolog~
adaltate, oltre o quelle specifiche di cui ab-
biamo parlato, sono le ""'"· Si""· quindi,
dolio fresoturo lsm 3d con cui si alleggerisce
il cerchio asportando moteriole non sohanto dal ponte inferiore del cerchio tro ogni
k>ro-mggK>, ma anche dalle pa•eri lot.rol;,
al pro/ilo del ce<'chK> u~ cl.. ho ho geametriospe<:ificopertrattenereinmodosicuro i
toibli dello pneumatico e garantisce compo·
~bilitè in protico con tutti i tubeleu, tubeless
reocfy (quelle do ..lotticizzore'" ) e coperture
oon cornero d'orio. Un'altra prerogotivo
importante, onologo olio 26", è il sistemo
d; kMxo della n.ooto l;bem con lecnologK>
M. In pratica il movimento è servito do 2
grondi cuscinetti o cal1vccia e ho 4 cricchetti
d>e law.ooo 2 a 2 aumenlondo lo """";.
tè d'innesto di oltre il WJ. . GraVe od Ufl
sistema di leggerissimi e protici adattatori
anche le Slr 29 sono ~bili in prolico con tutti gli standard di irveta previsti
per lo loro tipologio d'utilizzo. l'onleriore è
~b;le con baollo con aggoocK> da 9
la prova
Più che uno prcwa vera e proprio è stota un
OiSCJ99io breve, ma intenso, luogo gli spet-
tacolari single track che 50kono le colline
attorno al tracciato di Laguna Seca c:Jo...e
fa base lo Seo 0tter clossic che è un vero e
proprio happening dello bicicletta, con ZO"
mm o perno paMOnte da l 5 mm. lo !\lOto
~. irMXe, si monta su Idei predisposti pet il dossico 9 mm con quiO: releose,
o perno passante 12x135 e 12x142 mm.
LeCro!.sM:lx ~ 29, invece, hanno 24 raggi
(con raggioturo lsopulse sul ]X)Sieriore) un
mozzo dimensionato per reggere t utilizzo
severo ed intenso e pesano 1.620 grommi
lo coppia. f roncomenle non malto, se si
considero che sono compatibili Tubeless e
cledsamente afficlob;l;. le CrauR<le 29",
no espositiva, gore di ogni genere (Cross
coonrry, Mamthon, Dual.lolom, Dawnh;ll)
e spettacoli ...ori in perfetta ~le omericono.
Non mancano neanche gli appassionati
dello strada, o quanto pare sempre di più
negli uhimi anni, che possono cimentarsi
in tiralissime gare wl circuita dove si COrTe
anche il motomondiole. Sentieri Row, scorrevoli e belli do guidare, per lo veritò più
che adotti od esaltare le doti di velocità e
stabilità delle 29". Abbiamo prO'IOta le
CrossMox si su uno Sontocrvz superlight
di 29" è il responso è stata malto positivo.
Soffermondosi alle sensazioni trasmesse
dalle ruote, ci sono parse confortevoli,
ma anche precise e piuttosto rigide. Per
;n~ne,
unl;zzono alcune delle lecnologie d;
quel che cooceme l' alhdabilitò non ab-
punta di McMc ma sona realizzate con ma-
biamo riscontrato problemi d i nessun tipo,
teriali meno sofi!Jicoti e con laYorozioni più ma per lo veritò non abbiamo ovulo né
semplici. Una opzione,quindi, che miro od il tempo né il lenena per moltrattarle nel
Ufl contenimento dei prezzi senza rinonciore
modo giu~to. Le Slr, invece, sono e sem·
alla qualità: il cerdlio, comunque, non è Ust brano più leggere, anche se lo differenza
e ;l pe><> dci><xao è d; 2,020 kg.le SI. saro in mano non è poi così sostanziale. In ef.
"'""'";b;l; ... men:alo pmt;<xmente da ,oo;. fetti, comunque, appaiono anche piuttosto
lo, men.. ,.,.le CrossMox ~e le OossR<le reottive, ma sicuramente un filino più scorbisognerò attendere il prossimo autunno.
butiche e secche neHo risposto.
lo levo, molto bolle
Sono quos• sempre btg .etto do VISIIO d•
un gruppo !insieme allo guornllllfO) Goesto
volto 1 de~ner hanno foliO un buon lcMxo.
e se lo vers1ooe 79(X) non passerO allo storiO per gusiO estetoeo. quesiO gruppo siCuromento sor6 rocordoto com& 1l Duro ace dello
·,,se~·. le leve sono davvero molto belle
e funzionoli, nd,segno•e sia dol pun10d• viro
estetoeo sia do quello funz•onole. Il doJO p1ù
interessante nguordo lo riduZIOne de lo COI'$0
dello levo interno, quello piccolo, che co-
mando lo d1scesa del dorogl•atoro anlefae
lq.oelo ''""o)e del<o -ooc., """"""' tdes>ot
R;,peno olio ""sione p<eeeder<e,l'orgoloò"" di~? le CO'OI"'e or9 noli · honno de!'lo i tecnici ••
10 ridol!o del 30%, mof,ss.mo, soiuzJOne che pllf O">'Cr''do un broccio 1n mcoo sona comunque
ladb l'innesco della derogliOto dekJ COI8nO r9de Nonosbnte, altro novi):) lcn:bneolole. ~
gi•o viti unico di 11 O mm, lo b1chd dele com~nelle condizioni pù impegncnve
Sono .sKJt nd•segnol arw:he' freni, che 5000 pù palle che~ e non l•miO l'uso de. ropport1
potenlieCJE!fOtinomiCi \nprot<:oèst:«~tidorto anzi. ~e o 1igoo'do dei r~h. \iO detlo
t rgarbo looerole e mgloooo tmieg'Cz<Te che oca:ril d'e gvornil.fe onnoi ~ 139tro..:,leoon le bmedellelooo
53 "PP""' 34·501 Shrnono lo<=ò lo 36-52.
che S0<6 lo conboozione •erdy pe< ol 2013. e
la gooomitw<l.
l.l"''inedib e q.JOOb mai "cerebrale' 3&52 Pet
~ ~ pezzo del guppo che colpsca pu do ..., q.olk> nguoo:b CUSCl~ n.er«:! di I"'UCNN, SO'
g. a•i- Cane al~ l.eo lllolvmino (1 lecnci b le sedi SOI'OI"OO pU pa:oie nelo ~ p8l'
sul'oso del o:>bono non """"90' i leeo &o e oncao r\lel"'le cen::mico (pet oro?)
noi. l o - · - è boLso., dol """"'d ""' perché. $O:S6engoro i tecnici. non seM:! o rd::J né
esletioo. Pedi'Yelaecaonesano tm.v• aM ~~.o movmf!lr!:b né st.le n.de
ofintema. q...nd• molto leggere. mo otettanb
ogode ()""""c è lo spdel o quc>l'o trocc. Il dtrogliatoro, "forte•
irf.oece che cinque, uno s*ep deci~ ino- Funziono mollo bef-.e A dire lo ves h:J. chRJden.
S(X!tiOb e lf'V'II)I,oQ!i\110 che, per ~ fi"'Itt"''I". non do occhi e Ofecch.e e guardando e •sentenho eg.oolo .J """"'" de!'ol1e< """'-' Elo ogo do ,lusol:oto, soprottuno il poS$0Q910 dallo
m. .........,
9"""""""
11 rlUO\IO Shimano Dura ace passa alle un<ici velocità e introduce tanti llUOYi concetti
tecnici sulla gamma sbada Cambia ringombro della cassetta posteriore, che rende
ircompatibili le 'Vecchie" ruote col rlUO\IO Dura ace. Cambierà anche la versione Di2
lilluudrtTircl
U
n pignone in più e
~$MTIO
no sc:uote •IIT'IBfeolo coo ,1
o. tra,
ni..IOo'O
Shrno-.
Duro oce
Al momen'o della $tiWro ~·arricob, però,
l'embargo sullo pubbkoz•one d• •nlormaz•on• reb!ive ol fV.IO'IO 10p d• gommo Slrodo è oocoro in
otb. Quindi, in quesle due pagina r~emo le
coronensttehe solmhdel gruppo senza 5Cendcre ~
denogli che oncoro non conosciamo perfenomen1e
Lo obbomo, ~. ·pedoloto· per circo CIJ ktn,
rn Belgo, nel~ F10ndre, qurndr $KJti'IO •n grodo d1
lrosmellervi le prrne ~e dare un 9 udizio
!odia~ epocoe dAIIOp d gonvno Sh·rnono
lel.llicivtlocità ..... olt
l dooo pòù
._.,....che""-- - è
t nsenmen'O d• uno I'IUQOoO ...elooaò wl po::x:x> p.gnot~~
pos*eroOJe Ouondi il I:Nro oce (Xl$00 do dioo o
unchci o velocità, come i gruppi Cornpognolo. A
diffefenzo delb cosa itoliona, pe!'Ò. che ho odono
IO le undiC• ~.k) ol'ingomb-o delle cas.sette o
diOCi, S~imono ho mantenulo le ideot,çhe m1svre
dei pigi"M.Yii OJindi lo cosseno o undici ror;,:xx!i è
ne<:eMcmamente p ù largo di quello o dreci, q~
ro $ignoiK:o un mozzo diver$0 per ruole "d V91Soe••
le ruote !>viluPfXJte per il nuovo gruppo
noo vanno bene per qvello "vecchiO". qu•ndr 1
In $intesi,
fedeJ,ssomi Shomano si lroYefonno o un bivio rodi
cole che li mererò d fronte a UflCI .5eeho drost co
Qooiche SCOPFXJIOIO, perÒ, eSiste. Sullo COSSoei'O,
ut.lizzondo un odollok>re, si possono mon101e •
dieci pignoo1, quindi chi non vouò offrontore lo
speso olio pr'mo oro dopo .l lancio, ~ potrò porto-
corono più piccolo o quello gronde. sembro lo dorogl1ota 012. qoollo o spunta
elenrico
Do que!.t'ultimo gruppo ho ereditato la
vrle che fo pe~no wltelo•o. che miQitOI'o
seos,bilmenle lo 1tiislenzo ol1e fle»>OO' e.
di conseguenza. anche le perfotmonce
d• derog.IOIO Un deJOgltOtore puJ r.g'do
e solodo ~ anche p.ù prec1so e puntuale
Leggero, ma non Jeggeriuimo
peso su que)IQ IOsiO, solo un accenno
Mni.ICI'VO Duro ace sor6 $OftO i due ch,Ji,
ma non boltef6 oe»un •ecotd
Del r~. q~ orgomenro non hc ma
fono 1mpozz1te g 1 'ngegner• g Oppar>e$•
che hanno me$50 al pt•mo pos10. sempe. fvnzi00ol•t6. Kv,ezz.o e dvroto del
gruppo e anche questo volto non SI $000
'w'Oiu11 sment,re
Tec-tical si evotve in Pro: più leggero e oon un sistema di ritenzione migliorato,
la costruzione è in-mold mu~i shell. Comfort e sicurezza al top grazie alle
quattordici prese d'aria e ai dettagli catarifrangenti. Disponibile in quattro oolori
Kaliente pro è il copertoncino più evoluto di Kenda. Nato per le corse
su asfalto asciutto, è studiato per garantire il massimo grip in curva, elevata
scorrevolezza in rettilineo e un'adeguata protezione da tagli e forature
Ko·
sviluppolo do Kendo in collaboroDone oon lo lk; Kenda pro cyd;ng
lean, s.ponsorizzalo <hl colosso lo~.
le
:.liche principoli $000 la corcr;J$$0 in rtybl
cl; 120 lp; oon proleziooe oo~forolvra l<en dook do
ialloneak:dlone, cerdlietto~in kevlar, bat~strodo slick al rentro e zigrinato oi lati con mescola
differenziakJ R2c e un peso irOOmo ai 220 grommi.
ID """""'od ele.ooio """"'d lp; oonr.nsco olio
~'-" OO.oooomforld goiclo e~mgurde
capacità di copiare ìl bndo slrodale, o tu11c vookJg·
gio dell'aderenza. d numero di tpi può 5etlhore in
IEII'IIe è sk*l
Alvlsl
CDtt lftl
L
eggoro,mo.Kurooii!Xl'l>Oo--'av>; lo
tedesco .A.bus si occvpo di sicvrezzo o tvt1o
DIReberteAiwlsl
""" """""' p;ù nob;le dd già -
Tutellh~ute
foti •1 MIUn
mollo"""'*'·
~non
mo"' ~d..
è nfefi~> o1 ,;ngo~o """'d; lelo men1re alcune """
fomisoono il numero di fili riferib comples.sMJmerne
a tutti gli slrclidi tesw~o.
120ip; èloden.ood..Kenda ho S«ib pe.-Mh;
~ni slmdo (meno d.. P"' renry Je.el Ko·
dence da /IJ lp;), menl.-e .; h.Wari hond mode ,;
,p;nge ono o 220 lp; e oll.-e. ID proleziooe lron dook
è il più ~ sislemc onliforalvro di roso Kenda,
specifico per i copertoncini cono do competizione.
È uno stroto aggiuntivo lAtroleggero che s.i estende
do un cerchietlooltoltro o irrobustire tutto lo sezione
dd Kol- pro. ID~ ronodo eme<ge dal
bollislmdo R2c o dcpp;o meo:olo: duro (ci<xezzo
pori o 68 rockw.ll A) pe.-lo ponecentrole.J<kdd
bottistrodo per-esaltare lo~ in retti~neo.
p;ù mo<b;clo (IIJ rockw.ll Al pe.- le mne lotero/;
zigrinote per iiiTICJ$$imo grip in CUI"VV. l due -.dori
londa. Dal """"' dome.nco o quolo ;.-.Lstriole fino ala mobilitò in tonte delle $l.le dedinazioni, ciclistico e motociclistico in primis. Sia che
,; h'olri d; d;spoò!M oo~r,-., d.. pe.- lo proleziooe
ddlo penono, lo filo.oOo d; Abu.
lo"''""
lo """"= ~ lo ~loo de prodooi e lo
oonoscenza dei rischi do wi ci si deYe proteggere.
Per questo non lo si può oomprore per pochi euro.
j =
Tec-nool pro è ;l """"' lop d goovro ddlo i;,.., Roce &pori> P"' ;l cicJ;>mO, s; hullo d LI10
è"""""'
~ddTec-ticoldd2011 , 0.rumonrienelo
tecnolog<> ;n-mould d.. P'"'
""""" ieln considerondo d.. Kenda ool;zzo l1l05COie
da 42 rockv..l Ape.-; oopomn; uhro oderen~ e da
""" r;n;.w,. m1.00 colono
di polistirene espanso diretto-
70pe.-q..dl; ~ pe.-de.ooe pe«:<>nenze. Uno
merde in un
volle gonfiato~ ~!>ione di eser-cizio di s,sbar, a
Koi;..,Oe pro presen" LI10 seVono <egoio<e d.. olio
guida risulto neutro. In Italia è diSfXX'libile nelrunico
mi$(Jro 700x23c e due vorionti o-omotiche, nero/
bicr.ooe nero/ros.so,cheben si sposano con lo maggior portedel'le IMee oggi in~ per telai e n.de. •
prezzo è in linea con i k:lp di garmo det competitor
e con b quoiOO e i contenuti tecnologici del prodotto.
guscio~
in
poi~. Ciòoon""""lo
pe.-fetl> ode.;ooe de cle ele-
afte 1"10'.-e q:e1ure di uscik:l tramite profondi cadi
che Yelocizzono i Russi <forio intorno olio testo. • gu·
scio è realizzOO seooncb il c:oncSio di multi shell, cioè
si ~ di quattro elementi fisicamente distinti.
l cinturini sono morbidi al kllta e regolcnli tramite
cle proOche J;i,b;eoe looerol;. ID c!W...-o è o scol1o,
owolto ;n "" sonogolo d.. lo pelle dalle
abnnioni. Il sistemo di ritenDone e~ orotela Zoom si è ntJOio'O rispelta allo Zoom pro o fibbie
dd Tec-nool. j OospoOtf.o, .-.ol;zzol> ;. moOeriole plastico e molto leggero, è fisso in senso verticale mentre
~ LI10 ~ .Aoa<eonferenw ao 4an
su entrcmbe le bglie disponibili. A roseo indoMoto,
j oslemo CMdge lo nuca " po,;zione obbosmzc Jx.so cosi do
...,., lo K<Ìzamenl>. CompieImo lo dai>Vone pe.- ;l"""""" e
lo sirurezzapc:tWyoleimbottiture
estroibilielavobilielesuperfidri·
menti e b di~ del'energia su lWI'orrpa zona del
noolprof"""USgnelo>ogi<>M
ooscoin<Xl50diurto. lo~
circo 45 g (a 2%) in meno rispetto
è disegnalo per ottimizzare lo
"""'lozm..t.eq..dt<>Rl;c;p<e-
al wo~. OMomenle
se<faria, infotti,sonocdlegale
lleoenri.~oe;I Tec­
il cosc:o ottempero oDe normafive
di sicure.uo europee En 1078.
Un111111011ino, treltiCICWtà
Lo tecnologia non è nuovo, nel senso che si in·
5piro in quold-.e modo al sistemo che Fax 0-le'IIC
tjò reolizzalo in esdusiYO per i modeli Soolt Genius. • Ctd, che invece è disponibile per tutti, per
lo verità non modifico anche t escursione ddle
srnpensioni, mo "'solo"' il ~lo in
CCif'll)l'essio Sostamolmenle con iiiTICWleltino
d; oonlrol1o posizìonoto sul manubrio, the "'-"
....-eccllegotocon~ollob­
celo e dtommortizzatore, si polra"w> ~
re ..al ..do... su entrambe le unilò cmmorlizzon~
tredifrerentifrenatvrein~siooe. o...eRo
denominato dimb, ONiomeole, è specifico per
lo solito ed inibisce significotivomente il rT'IOY'i·
mento in c~. q..oelo Troilèimermedio
epennell<o<ò...,seltoggio~per~­
controllo remoto in grado di impostare differenti modalità di funzionamento contemporaneamente
su ammortizzatori e forcelle, amplia la gamma delle forcelle introducendo anche due modelli
specifici per ruote da 650b e debutta con il suo primo reggisella telescopico ufficiale
Tnto • foto
"
~i
Murt Cotttu
""""'loto _,....
*"
0 go<ann"'
Allo Seo 0.... do.s< on<he Fox ho
o qvonro cvsci,.,..; the,
novità irTfXII1on~ per lo slogione 2013. Ri- ottimo~trofoderie~.e.-itoq..dsiosi
_.Jono sio ~ foreel~ sio gli oovnortìuolai, ,..,.;mento o giooo lolerole delo sello, the poi è uoo
mo c'èon<he...., new """Y per rorierdo"""'""""' dogi i~ienli più losl<losi "'quelli the possor<>
the debutto con"' proprio roggi..llo ~-Si ollligge<e"' "'9!jÌ..Iio ~chioma Dos.s e sarò diSfXlOibile nelle due escvrsioni d sistemo è lololmente pneumatico con un uti~uo o
di 102e 127mmneidiamefridi:K),9e31,6mm.Si
oorotterizzo per il follo di poter ~~e regokJto sia o
qualsiasi altezza possibile nel ""'90 dell'escu<>ione,
.,;comeowieoe normolmerne su...,; i "'9!JÌ..IIo 10lesccpiO, sia in .. posizioni predefinite,""""'"""'
oon ~oltezzo selo giuslo per pedalare, denominato
Oirrb mode, quelo intermedio che si otteW 40 mm
più in bm-50, definib Troil mode, e qJdlo specifico
pe< le discese più trdisliche, the obbosso compleio-
menteilreggiseloechesichomoDescend. lnq..leSk>
modo, grazie ol commch fl.'.II'J10k) che è cb.1k:l di
dvelevedifferenti, èpos~ibileotrimizzore~oltezzo dd
roggi..llo secondo le propne esigenze in modo più
-..eb:eeprecisocosì come moi nes.5I.KlO ~nero aveva
realizzato. Doss è dolcto anche di un r.i5temo onti
bassopressionec:heriduceolminimolo~
debutto con un reggiselo
s>dtc ~per
Foxed èon<hesegnalcrgibiled care, dopo lo pnosentozione di R....b do por1e di Srom, il reggise/lo
ne e il rischio di rotture. •
~proprio segna uoo
~ sio ~ più un occes.sorìo imporblte nel poooromo deDo mtb. n ogni oo:so, però, è il
sisiemo idroulico Od lo novità più i~ pre-
sentoto dolforierdo Colifomia>o. Dietco remeOmo
acronimo, dle signìfioo d imb troil ond descend, si
celo un si~temo di ~ che <Xlf'\Seflle di inlervenire ogevolmeote e coo tre impostoz.ioni predefinite
sul
~IO
di onvnortAiuom e foreelle,
sia ~te sia con~te grazie
ol'ine:::lilo controlb ~-
in cui bisogno for con&videre t efficienza dello
pedalato e b srnorzomento di urti e vibmzjooi
{in que>to modolilò solo sulle foreello Fodo<y
si potrà intervenire con un ulteriore g,.iero per
affinare renrilò dello frenott.<o idro.J<o).
Eq.J.o Descend the, owiomenle, "'''f"'""''
lo modolità con minor frenoturo in compreuione, odotta q..~indi per avere lo mmr.imo sensi·
bililò delle sospensioni • p<x1i<x>lonnenl ocbto
pe< lo disceso. Oltre the dol """""' ...-.
dototo d '-"'offimo e.gonomio e dello possibililò
d off.-ma.lo sul manubrio in dfferen~ modi,
que>to~.onige>ll>led--ese­
pcrobnenle on<he"' ~e b-celle
"""""""' le ....,. rJi«e d <egolozioM p<eSri
St.& unità ommortizzalti. r iduJioo Od, che in
praico sostituiK"e il sisklmo Propedol, irUesserò
...,; g. oovnorti..-i delo gomro Floot lquelli
con siwno orio/ol'10 per intenderei). Si lr'OW!fà
on<he sulvl1eleforeelledo lOOo 160.,.,d'e-
scvrsione, sui modeli delkJ ganno 32 e 34 in tutte
~~do26",N'e27,5".S,on<he27,5"
m o fronte di un aggravio di peso
lmediomenle circo 200 gmml """""""'
circo ~
pe<el-éa-d-.efoxho""""'in~""'"""
odo per le"""'~ ldenomi- in que>IO
coso 650 B), onzi per lo verità i modelli sono M,
minore ri~ ai modeli dello gomma 36
Fcxby d-e sono più oriri:Jie per un utiliz"' IJ""'ÌÌY- gomro Fodo<y con sJel; d; 32
mm, ~. sarò ancoro disponibile e
lo oon illrollcmenlo degli sleli Kmhimo cxx:X}, uno
fbat e uno blm, ~ oon 1(:/J rrm di a n J
l'riClUino. FQ"'I''I porte dello gcrrrno di bt:ele con
sieli di 34 rrm che si è molto anplioto rispdlo tm no """"· q.xrodo è - ed ero oon-posto solo dai
moddi specifici per"""' d; N'.
~ i~M~C:eluttiimodelli26e29'
ccn escunioni, ....mobili o meno, cb 100 fno
oi 150 rrm. Uno nc:Mtà i~, per lutti i
-nello più esci.Mo""'"""" Fodo<y lq..oei-
w
modeli od crio con trovel OOI'Tif"'855 ro l~
e 180 mm, è ili"M:M) sislemo pnamotic.o
con uno cunero d'crio negoiM:J rivisto nel
~thecon,....~le
Novitànele~
Nelo gomro 2013, """"· rJ<
..,ile ddimemioni
34 ""'
5CI'OYIO disponibili per lulte e te
nde (<JJind 26", 6500 e N'), su b-celle, 1v11e
con eKUnione di l (:/J mm e o::nxcio idroulioo Flt
d:l, declinale sio nelo ...none Fbatcon corso fis.so
sia in quelo blo5 o cono va1c:i:>ile. l:inc:remenlo
di rigidilò rispetto o qJellec:on $ielidi 32rrmèdi
un~ compleW.oo più lineae e,
quindi, lo possibilità cl slovo:re più locimente
~inlero OOf'50 o disposizione.Diverse sono md>. migliorie on<he nel'm,-l;to delLo """""'
conYCI'ioffincmentisulesto, corn:lllo,b»ie
qucnl'olro the, nel <OSO delle btole do N'
hanno portoto od"" rispom;o d peso di ben
220 gtml1i rispetto lo ""'"""" dluole.
lotteria ricmiaDie e 8 Megol'ixel
E b <palilò delle W Ha 8 Megal'lxellmilionidi pi><el), un da<o che re lo copi,.
t.....,.,
AL TOP:
elevata
qualltil wldeo
e fotografica
..
Divertimento Foolish
t:action-cam firmata Nilox offre una qualità foto-video elevatissima: 1.080p
Full hd per le riprese e 8 megapixel per le fotografie. Con grandangolo
di 175' (il top di categoria). zoom 4x e puntatore laser, è semplice da usare
(lo abbiamo faUo con e senza la custodia impermeat>le in dotazione) e precisa
llhlvl• C••lu
Il
D
i""""""i ndooe, ma <palilà di rip<e>o ........
~ssima: è la odion-<:om Fooli!oh delroziendo
Nilox. In bici la uso !l.oan Bosso, ma onche Federico Pellegrini, Ales.sondro Semini, Gisela Pulido,
Volentioo V.tale e Raffaella Brutto, i nostri grondi kl·
len~ di nuoto, windsurf, kitesurf, surf e ~­
E td::Oicmo usato pue noi, dMriendoci in città e
.Jto no<>m solioo eli riferimentoduronte ro~enon-.n~o.
posizionondolo sq>ro ~casco, sul ~~Alo oriZ20fllo~ e
sulmon..brio.
l'attivazione dello funzione regi~trozione è~­
plice e rapida, si preme il bottone wl lato sinistro
(con quello destro si scottano foto) per immortalare quel che i nostri occhi vedono. O quasi,
cambio ovviamente il punto di ripre~ e bisogna
motvrore quel pizzico di esperienza che, come in
tutte le cose, ci fo migliorare. lo posizione sullo
testa è condizK>noto dai movimenti che facciamo
""""" leo1ioo • " <pale bisogno aggiungere
tolirr.emzione trunite bollerio ollitio con un'w ·
k>nomio mouimo, in condizioni ottimoli, di ben
150 minoti. Lo batterio è quindi ric:oriccO\e,
uno gran comodità se pensiamo ol di509io che
obbicrno viuulo in possoto con le mocchine
~o pile, utilizzate cn:he perì primi
modeli di ocnon-<UTI invnessi w~ merco1o
Nello confezione è presente un set di cavi che
perrnettedicoricorlocomesibperuntekfo.
nino (cioè direttcrnenle olio preso di corrente}
q>pu<eottro.eno b pone""' de """f"'e< (che
IJ$iomo per scoricore il moteriole). Oltre o due
placche odes.ive per superfici lisce e curve e un
~iel1o proOeggi·len" in pblico nero, che
si usa q.axJo b comem non è nell'involucro. •
"o ponti<elb" P"b bicièfro fii ex·
cessori do rich~ o pone, ma""" dav..ro
lo penoCM!fio: ci haconq.Jistoto tollimo sklbilità
dì ripreso in veb::itò. follentre t utilizzo o mero,
per motivi di $kurezzo, è do evitare.
Tra le co-otteristìche distintive più interessonti
dobbiamo menzionoo'e, oltn> .J g;ò cilolo pun·
k:Jtore bser che consente dì visuo~zzare focil·
-
-
..-
""""'un
punto rq..xl-ao dolio""""'"'""""·
b """" d;gile>le
che <>rj>lio ~ po>>il>lili>
4x
eli ulili=. Inoltre, i prodoo1i sporiivi realizzati
d.Jroziendo Nib< sono le>loti singolamen·
le
(cioè non o compìone), per lKIO maggiore
goronzio di quolitl. Lo verWoe che abbiano
proto'Oiocosto 249,99eoro, mo neesi*onche
per controllare che gli incroci sia no sgombri o
non ci siano mezzi veloci che sop..-oggiungono
quando dobbiamo modificare lo traiettoria per
oltrepo»are un eventuale ostacolo.
Abbicmo sperimentoto cosa signifioo riprendere con
"""<palilà.idoo.J~uin-o' l.OEIOpf.JI Hd, ~roo60
fooogam; P"""""""· le clim.rnicni """'dav..ro
tosccOii: 55 milimetri in laghezzo, ..40 in ohezzo
e 4.5 in profondilò. Anche il peso è cooler>Jio: 88
grommi 5000 irnpera!ttibili. • 5UO punto di forze è
il grondongolo" 175'(1op di ~). Inoltre, è
doOoOo eli b,... ~- Ulili,.;ma b <:Wodio >lo·
g'IO induso nello confezione, è imperrnecCile fino o
60mem.o.-imducro- bf"ooeggein
ano di pioggia e tchiettivo è ol sfo.lro do eventuali
groffi p<O"'OOOi dol put.i=lo e dogli in,..; oo0 qua~
entricrno in contotto (un po' come succede oi nostri
oo:hi quando indos.iomo gli oo:hioli).
uno col brcnd "D.x:cti"', nola cioè in collaboro·
zione con b celeb-e coso mob::idistico che in
k.Mo ilmondo è ~inonimo di presJozione e desigJ
italia><>. o . - modeloèdoOolo eli schenna led
e telec~ wireW!:ss per gestire le riprese o
elislonzo (il preuo sole di IOOeuro).
Sliomo porlondo d; uno videooon..ro proFessionale che permet1e di reolizzore riprese
.idoo (1 .920pxl.OEIOp) con schedo Miao sci
(è lo stesso usata per lo memoria esterno dei
tekJonini di I"'UCMl generazione e non è i~
nello confezione). E ~ib'e sia o Pc sio o
Noc. Come temperolure di lcr.ooro 5000 indicati
i .don, · tO"C-SOOC.
Per i curiosi c'è lo pagine Foc:ebook di Nilox,
doYe 5000 posto~ alcuni video realizzati in ollenomenlo dogli otleti che thoMo scelto, insieme
oi b'O commenti e 00 alcune
inedite.
roo
Guarda il filmato
11Tagèilmezzoperampliare
gli orizzonti di Cic/ismo.
Viporteràalfilmatodella Foolishinazione!
Per scaricareil programmagratuitod!leltura
sul browser del telefonino, digitate
www.gettag.mobi.
lo"""""""',d...""""""""""'"'"""""o
ma~dooooedicollorinofis.soggioollo
pòego """""""·<m chi"""" può com..<q.<
""""" P" ~ """*>gg<> dele manopole pn;l.rilo
al poslo d; quelle P'OJ'O'Ie di serie dolo Srtm.
t rispamio indicativo di peso rispelb oi Trioofr
è di circo 70 gunmi, mentre i prezzi inckoiM,
comprensivi dele ~led -on si atesklno
soi 270 euro per i comando Xx e 205 euro per
quolli XO. 01.-e ai'""""" Srtm P'"""*> crd-e
...,.....,..,tipod~.~Type2w­
doolo P""""""; oobbotz; dolio gabbia, quòndi
dela coteno con ret::.ivo rischio di axiro, ha
un mocconismo che consente di tenere lo g:bl>o """P"' ~-, pe< togliere lo """' bòsogno
Cflindi spingere io a.<oo~ ilcunbio e allentare lo
"""""'delo -...Lo tecnologia Type 2, d...
Nuovi oomandi Grip shift a meccanismo radiale disponibili in tre versioni, ma soprattutto ruote
compatibili con il nuovo standard di 27,5" che, a detta degli esperti, si guadagnerà buone fette
di mercato. Novità anche per quanto riguarda la gamma prodotti di Rock Shox e Avid
l:
P" """"""' """= Aurelio f<><*roo e Monuel
F"""' """"'g;ò uscndo ~ f"'"" d Wo<\:1
rup, è disponibile su XOe X9.
Rode Shox, basto l tacco
tozJendo d"""""""'; ha~""'"""'
Di Mun C.Uone
~oziendo
ulrimi omi
omericora ha""""'
una
quonlOOcfo fl"'dc<1i......,; e"""' ~i.
mos1ro un~ dincmismo, che sig1ifico
Sirnlego d...~ ha oon,....lo di goodognoni grnnd;,.
srne ~di mercato mlb, ma anche $!rodo
Nel"""'"' oli rood, dopo""' lonciooo lo "ri>oluziore
2><10" e""' amicolo Ione pòu di altri lo ,;tuppo
dele 29"" e dei reggiselo telesoopici, ecco d...e nliO""
...e f"ICPiOO inleres.salti delo gemmo 2013 presentate
in onteprimo olia Seo ~ dossic. La primo sono i
comandi roddi Grip shift, di cui JXl'" lo verilò si porlo
s'l do qualche...,..,.,, ~oòro ~ """"cio 27,5" d...,
"W"" P"""'i ""-s'l do quolche ....-o, .:lo
~che si sono mossi c:.Le •CtJk:,ssi" come Sn:m e
Ot Swi$$ sono reomente loociote ~ uno maggiore
diffusione. Clue:slo !it:ndcwd, che è uno~ di mezzo ia
il cbsico 26.. e il29", può a.-ere un W~soper i biker
meno alti, ma oocoro più ind"~ potrebbe essete su
quelleb;cihA'"'f"'ldedcb t7!Jci t&J""' IT""I
"'leml o quick ..t.a.. oppure oon il perno p=onle
di 15 rM'I per-roniErioree 12xl 421Tr"n ~.che
~.guado COlO, soro ~ pooo U>Oh nd 0=
""""Y. ma amai obbtigoiori .,Ile lull '"'f"'1ded di
ntJCMJ generazione.
Grip slift, leggerena do record
Saonno disponibili Ire ...-enioni, una Xx de.linato aie
trosmiuione 2xl0 e d...evenioni X.O, una 2xl0e rollro 3x10. Il sislemo di oombiolo, che come lutti sonno
è inlegolo nello ITICI'"lCipOio, in entrombi i cosi ho uo
-~iaaod .,t; 7!J7 grnormi pe<lo <qopioclo <D'
"""" (~ crd-e; e<M)
.......,ogg;..m altri
80 gronvni deiL:J manopole Lock c:n" . Lo di~zo
lro Xx e
è nelo presenza sul primo dello copertvro
del meccooismo in <Ubonio invec:e che alluminio e
del'uri~zzodeiaM •GoreRideon• abcn:;odtrito. La
differenza più importante con i vecchi Grip Shift, sto-
o"'
xo
ricopodoitodi""'"""d...hadolo~ooatr;"'1"""
l>ke/Ali ll'oClWk>n/Enruol OO...Io ~ Srtm, o1tm ~ d;eO "'*'cikì (i primi COil'O'd nd 1990
rimooe un muste, in ogni ooso, risulta più oompliccm
e difficile rtdizzore delle ~sioni fJ05k!riori con gli
ingorrO; delle R.l(jeda 29". Sbtvnoovedere qvelb
che sarò b risposto del meroob. Interi, Sn:rn non ho
peno len1X> e ha messo ufficdmerne nel suo cx:ic:lbp
lo miwro 65Cb dello nJCllo Ri5e 40. Si c(Jr(]lterizzo
per il cerchio di 19 mm in lega d'alluminio 6(XX) con
giuotvro soldalo, 24 roggi in cxciaio con incrocio in
seconda w ooleriore e posleriore, mozzo ad oha scorre.dezzo corrlXiibile e converiibile con i più ~i
eroooa sei!) è nel malerialedel mecconivro. Prima ero
in pknnco con reali diffiooltò di kbificozione come
ben si rioorda <hi li ho vsoti in condizio-li di pioggia
e fango, oro è io oltKninio con ~ merxmismo di rolozione servib da tre Me di cuscinetti a sfera. Insomma
l'efficienza e taffidci,;li;ò in tutte lec:or&zioni sembro
essere noleYolmenlre mitJiorob, mentrevdocilòe semp/icitò d'usa (...ero punto di brzo di questo sistema)
sono c:,..oeAi di sempre. • oomondo moderno è doioto
di due semi perii, una con il mea:x:ri5lfl0 t altro con
vo ~del si!Jemo pneumotico Solo oir più
lunzionole e loci~ do g.tim, ~""d... lo <nr<rn
po:siti'.lo e cpela negatM:J sono servite da un'uni-
'"""""""· -..ffiden"gonlio<eollo~
presceho e il si!Jemo si biloncio automc.iic:omente.
•I"IIJO'o'O Solo air si troverò di serie sui modeli Sid,
Rock Shox e Relx», mentre r.orò opzionole sugli
ohri modeli. Roe!< Shax ha "'"""'""" crd-e "'
r..JOYO comoodo remoto a ctfoiO, ohemativo ai'XLoc idraulico. • f1IJOYO Pvsh b; si attivo edisot!M:l
lo lorrello .l.ioociondo ~ pJ.onte d... ha ""'
corso di soli l O IM'I• .v.inimalisb nel des;gn, leg-
piV cl mgolore ~paci~ l lo d"'""' dele
posligi~ de d=), ma éèoro lo piu ""1e rego-
lcmone dolio dsbu>a delo te.a de oncn.bio.
La ncMiòpiù i~, però. è~ rlJO'o'Ofr.ro
XO Trail, ONerO una~ più muscoloso e
Oq<.dlropò!looci~(~ndd""""")
d..>nolo o mb""""' leggere, ma """'piV
grinbse e veb:i in disce5() ri~ le bici do
Xc.Sò"""""d""'pò""'nd"''1""0rispello
il~ bose in due perii ~che nogero
e """' ellicoao " """""'.
.,; OTC>deli
7!JJ3 d Sid, Rebo,comando
R....toliones.bo<
~i quattro pisklncini alo Boe peso una
Per quello che concerne gli orrmortizmtori, in- rncr.dcm di grammi in più ri5petb a quela
'ltlee, è ~ W~Wilmentre modillcoto il Monan:h
n:x:biorde a c:.Le XO. Lo pinza, con Je...o in
Rt3. ~modo pomcata.. ~ .. """""" ic>wiKte corbonio, ~lizza revolunone del sislemo
di cvi è doioto, gestibili focimente OI"IChe in corso rq,e.bore, piV offidob;~, foci~ do 'J'U'll""
"""""""lole.odoonirolo""""",~ e grazie ol sistemo a ruscinelli a sfero è più
oro componcmenti attimi.z:zoti: b posiziooe di ll.idoe.,locend"""""""'delote.a. Ho~
""""ma hnoturo è piV l.nno, mentm quelo di ~dpocl~edsbu>adelole.o
minor~ permette uo ~più de oncn.bio, ma P" rnpamio<e ..1 peoo .,.
Ruido d.l'oovnorli<mlon•. ~ eff.tt;, lo d;rr...., no spaitre le rondelle coni<he. • peso si attesta
Ira UlCI modolilà e raltra di fvnzioranento non sui 3.40 grmmi didtioroti per fmme kit con
disco di l fJJ IM'I, menlre il p-ezzo indicciivo
ero po<hcolonnene ""'~le.
è cl circo 275euro. Avici hopresenkdoanche
Avid
un nuovo disco con profib Hs l nela inedita
A..;d, inYeao, ha ~dele pi<mle modifiche miSU"U di 170rM'I:un~lralf:IJ
..1 !..no XO bo.,, oon lo pònzo d... non oonsenle e l 00 mm ideale, prolxb1mente, pe< ~ 29".
Grilam;d (un .-;ole ..............,loieggen>
e dalle eccezionali corotteristiche di resis.len·
za alla piegaturo e alle deformoz.ioni). men·
tre nei punti slrotegfci e Poto integroto con
iltitonio per oumentome teknticit6. Come
per~ wl pontòcelo, per m;glio<o<elo
Aeu;b;(;tò dello pa<lo fronlale. v.s,;b;(;tò •
sicurezza sono ceȓ otrimiuoti.
Anche lo quol;tò delle (enij è ele.ota: le J1vo.
mo octive 4000 Al cot. 3 e Thromo plus 80
Af cot. O consentono di percepire in moniero
definito i contrasti e lo profondità di com·
po senza alcun alterazione dell'equilibrio
rnor:MI
w terreni sconnessi e occidenk:rii.
dei colori. lnolfre, sono ~ sottoposte o un Gli inserti riflettreoti oppliooti in okuni punti
trattamento speciale che ne impedisce l'op· strategici del casco per aumentarne la visibilità
ponnamento, scongiurando riduzioni dello vi· in condizione di luce scarsa ci hanno regalato
sibilitò nel~ tonto frequenti condizioni criticho maggiore libertò di movimento.
che si veJi6cono in sello (come i possoggi nei E visto che lo proticitò è tutto, abbiamo uwfrvi·
boschi e gli oltroversomenti delle gallerie). Il la del KJCChettino protettivo incluso nella confe..
s.istema Thromo, invece, riduce quello cho in ziono troYandolo pratica per un utilizzo anche
gergo viene chiomato il •rumcxe visivo•, cioè citkJdino. Ptw' quel che riguarda gli occhiali,
lo luce d;lfv,.. wperf;c;. è - solloposlo pos>òomo tronqu;llomenle d;d,òon>.-ci lro quetl;
ol trottomeoto mirroring, sono SkJire opplic:ote che p<e~e.;>eono de>;gn owctgen~e,lo ...,,..
delle pon;c.lle me<oll<he che sono ;n g<odo zione è di overe gli occhi protetti al massimo
di ridurre tec;ce$~ di luminc»it6.
dalla luce, mo anche dagli insetti e dal pulvi·
scolo. Ne abbiamo apprezzato lo comodità in
la provo
termini di stobililà e leggerezza.
Pfll" quel che riguardo il COKO, ci è piociu· Anche .,.; comi,; d; tue. non obbòomo ~­
lo todoltob;lòò: lo «>goiozK>ne è prorica e tito limitazioni deUo visibilità e non abbtomo
precisissimo. Può es.sere eseguito onc:he in ri>COnlrolo fmt;d".,; (quooto peria>lo>;) op·
ohezza, bgheno e lungl>ezm. Il pad ;•. ponnomenri.
tomo è ...,.,;b;le e looab;le (;n ..-;.,le Le oste hanno terminali in gonvno ontiscr.do
onollergioo), mentre il sistemo di chiusura è e morl:Hdi, mentre il ncn.ello si adatta bene alla
a IOcileriloscio.
forma del viso e consente quasi di non occor• comfort si percepisce Uk) mentre si pedalo: gen; cf; ;nc~ouono que>lo occe»orio dal de>;gn
~ cooco ....., ben """"' anche quando ci ,; occottivonte.
w
l
Evoluzione sicura
Blad<slar e T-Mask doo sono i casco e gli occhiali Briko per cidisli EMJiuti.
Costruzione ln-moulding e telaio in Grilamid oon lìlanio, per essere al top
Il h lwl• h•lu
L
·~
dello opecie per cic5sò •.....,.
SIOro pa<lonclo cf; cl. nucM prodoo; o
è 'f'8I"O che la sicurezza è la pioritò è altrettanto
'f'8I"O che la cornad"Jiò deYe essere otri mole per con·
mor-chio Briko: il casco 8lodutor e t occhiaie quistore un'utenza ~più ampia. Sona stati
T·~ duo. Lo "''CCZione è rocing e t~lizzo è applicati inserti in 3M riAettenti in alcuni punti per
ij".
c~..p~;c., per lo Slrodo e lo mounto;n!>ke. Come
doppio è il risultoto: occhi e testa protetti. ll <XJSCO si
avvale dello c01truzione ln·moolding, lo lec::rdogio
che permette lo fusione di uno c:olotto in Pc e una in
EJ». Quella interno è in polistirolo, quella eslemo in
pol;oorbooo;o. Il risuhoto è Ul'(l slrulluro moool;ijoo
molto più resislente in coso di urto.
Cioè, un oocesSOfio (indi$f*lwbile, la ripetiomo
ogn; ,.,lto)leggero e perlcnnonle. Fermo, ;nfott;,
t ago dello b;loncòo o 245 g«~mm; nello toglòo
Xl (per quel che riguo.do lo scelta dello m;.,,.,
ci sono a dis.posizione 5/M, 54/58 an, L /XJ..
59/62 cm). lo regolozione è micrometrico (aro·
Roll ~t rocing system,
p»izionoto sopra la nuca. t protic:o e garontiKO
uno col- molto p<eci>a, oltno che .ool>le. Se
tozione} grazie J sistema
ovmentore la visibilità in condizioni di luce scorso
(soprottutto nei passaggi in galleria e ~le ore
serali}, mentre si avvale dei protlci e apprezzati
d.Mde.. P'"!""' olio «>goioz<>ne de; c;nghd; che
seguono i contorni del viso.
Certificato secondo le normotive europee, americane e canadesi, ha ben 27 prese d'aria. Un
particolare da mettere ben in evidenza, come il
follo che M6 ; modell; Briko sono dolat; d; omp;
canali oell'intrercopedine a contatto con la testo.
a
Prime pedalate easy
Comode e piace\/Oii, le dhb R0.1 sono l'ideale per chi predilige le pedalate in relax
e i neo praticanti. Il prezzo è interessante, si acquistano esclusivamente su internet
IIRebu t1Aiwlsl
D
hb è un'azienda inglese che produce scor·
pe, abbigliamento, occhiali, borse e zaini
idrici per cidi~mo ancora poco conosciuto
in Italia. l ~voi prodotti non SOilO presenti nelle vetrine e ~ui banconi dei negozi, ma ~o
acquistabili esclusivamente attraverso il sito di
e·commerce www.wiggle .co.uk, specializzato
in articoli sportivi legati al Triathlon e alle tre
singole dis.cipline che lo compongono.
lo tolloniera esterno rigido e lo chiusura o due
cinturini velcro anteriori e uno con fibbia micro·
metrico metallico sul collo del piede. Parliamo
d i prezzi. l tre modelli entry level Cl .O, Ml.O e
Rl.O costone 63,01 euro, mentre per i due più
evoluti si sole o 113,42 euro. Come detto l'cc·
qui sto è possibile w lo on line ma lo spedizione
di tipo ordinario è comunque gratuito. Se invece
si opto per la rapidità del corriere occorre og·
giungere 22,50 euro.
La gamma scarpe
lo gamma scarpe dhb si caratterizza per i p-ezzi aggressivi e si compone
di cinqve modelli:
RI.O ed R2.0C do strada, MI.O ed M2.0C per
la mountoinbike e infine C l .O per l'utilizzo com·
muter e cidoturistico. Nelle denominazioni dei
modelli o numero più alto corrisponde un più
elevato livello tecnologico. lo più evoluto serie
2.0 si distingue infatti per lo suolo full corbon,
lntry level per la strada
lo Rl.O odotto wluzioni semplici e votate allo
comodità. lo suolo è in nylon coricato con fibra
di vetro, pronto per l'utilizzo di tutti i pedali con
tocchette o Ire fori. lo compatibilità si estende
però anche allo standord Spd. Esternamente la
~ol~u:r~s::~~ ~~~:;i:l~?!~~~a~;m~~~b~
li. All' interno, il wttopiede è predisposto
per essere inciw e ~levato per consentire
l'inserimento dello piastrina metollico (in
dotazione) su cui avvitare le viti di fissog·
gio della tocchetto (ottraverw le due a wle
dello suolo). l'operazione non è complico·
la, ma richiede uno certo manuolitò e qual·
che attrezzo del mestiere. Sono presenti un
wtto tocco e un wtto punta enti scivolo.
lo tomaia è in pelle sintetico con numerosi
piccoli fori e a lcune aperture di aerazione
che lasciano intravvedere il rivestimento in·
terno in rete. la zona del tallone è rinforzo·
to internamente da un supporto in materiale
termoplastica, protetto do uno imbottitura
che si estende o tutto lo zona dello cavi·
glia. Completano lo struttura i tre cinturini
ve lcro e lo morbido ed essenziale linguetta
o protezione del collo del piede. la grafico
è essenziale e gradevole, con base nero o
bion<a e finiture rosw, nero e silver, con
inserti riAettenti laterali e posteriore.
La prova
Come abituali utilizzatori di scarpe di gom·
ma medio alto in versione o pianto largo,
siamo rimasti piacevolmente sorpresi dal
feeling comodo di questo scarpa unisex.
Abbiamo scelto lo stesso numero delle
scarpe che utilizziamo per comminare (lo
corrispondenza non è sempre scontato) e
le abbiamo testate con pedali del tipo "'o
tre fori·.
Appeno indossate le Rl .O abbiamo avuto la
sensazione d i un certo agio nel senso della
larghezza (specie nello zona metotorsole),
mentre lo vestibilità in lunghezza ci è sem·
brolo più al limite. Uno volto soliti in sello e
risistemoti i Ire cinturini, già dopo le prime
peda late ci siamo praticamente dimenticali
di averle ai piedi. Il contenimento del piede
è preciso, il ta llone risulto stabile e non si
percepiscono punti di pressione o castri·
zione. Gli inserti antiscivolo wtto la suola
sono in materiale duro e, se sull'asfalto non
donna problemi, quando si commino sulle
pavimentozioni lisce richiedono un minimo
di attenzione.
Durante le uscite effettvole lo temperatura
ero di poco superiore o 20"'C e non ab·
bioma avuto nessun problema di surriscal·
domento dei piedi. l o sensazione è di uno
Conclusioni
lo dhb Rl.O è uno scarpa comodo ed eco·
nemico, giusto per chi si avvicino per lo
primo volto al ciclismo su strada e per lutti
coloro che sono meno abituati a stare in
sello e necessitano primo di tutto di un elevato comfort.
lo compatibilità Spd ne fo uno buono scelto
anche per quei bikers che cercano uno scarpa che permetta loro di usare sullo bici do
corsa lo stesso pedale che utilizzano sullo
mtb. E · perché no · è anche uno valido
alternativo per chi fa spinning e preferisce
lo suolo liscio al corro armato.
GRANDI
PRESTAZIONI
Wilier per il week end
Pioggia stop!
Wilier Triestina riproJX:lne uoo speciale linoo di bicide~ pensato proprio
per chi vuole avvici~ grodualmen;e al mondo delle due ruote sportìlle.
'Neekend colection coniugo parfenomente ~Uloi ~ moio origirdi
e combinazioni tecrdogiche ai'C\I'OngUOrdio per goronrire i piU alli livelli di
CQT'IIort e siaKezza. P« scoprire nucM pioceri, per sentirsi complebmenle
~beri. per proyore ~uniche e indimenticobili, INookend collection è
uno linea di bicide!le adotla o lvlti. Le miMKe dei telai e l'ohezza delo saerzo
privilegiono infoiti uno p»itione in~ mollo «Jn~ WfUefllendo W$Ì
ooche ci ragazzi e al p.Jbblioo femminile di relazionorsi bene con ~ mezzo. \Neekeod collection è ideale per trasc:orrere spensietolalneme il proprio
k!mpO libero, per fare qualche flCunione in compogno e perché no, anche
per raggiungere il po$1o di lavoro in citlà. ~ diipOOibile in d~ modeli che
richiamano olcvne corotteri$tiche cinadine del f\klrd.é$t. lkruooo, M.orc»>ic:o,
Asolo, Ciltodello, Rossano. ,., itrlo: www.w~,;.,.ir.
l~
- -
..
fa oncoro i copricci, le previsioni sono estre-mamente variabili. Che ~ Slare o coso o uscire o
pedalore? Nel )~l~Condo caso, meglio forio con robbigliomeoto giuW, onlipioggio e ontih-eddo. Cosi è
lo giocco Gcn Oxygen. ~ impermeabile, leggero e
raspronte. Per l'olenomentoeper logoro. l'abbiamo
~ in un poio di groofoodo (Perini e VICJI"eggioj,
entrombe c::oro1tli!rizzole do ubbondonli •doc::cio;e• di
pioggia e dobbiamo ommellere che è wto Mvero ouo
nela manico. f\lon po!.50 uno goccio di occp.oo al'iNerno, il corpo re~ osciulto e non si owene mai quelo
BARRETTE ENERGETICHE NATURAU
Sram " mania "
~emozione di soffoc:omenk> tipica di queslo tipo di indumenli ontipioggio. ~ dotato di k>sco ~leriore c::on
zip (molto comodo per prolreggefe ~ telefonoj, cemiero
sul davanti con linguetta di ~s.soggio, c::hiusuro manico regolobile, orlo parzialmente elo~zzolo. Ecco,
~ultimodellagliofaw:romen~e lodifterenza: lo monica copre in porte anche~ dcoo delo mano, qvindi lo
Arriva lo borso tuttofare per il
dcliJmo. Pic::colo, mo non mon.
co nullo l Si chioma Duffle bog
(wc::c::o da viaggio), non è mol·
lo gronde, mo è davvero ben
fotto. ~ ric::c::o di tosc::he, ho lonli
sc::omportimenli (c::' è persino un
reparto per l'abbigliamento
umido o bagnolo), il posto
per mettere il cosc::o e anche le
sc::orpe, nello sc::omporlimento
più bosso. Con tonto di gusc::io
rigido e fori per il ricambio di
orio. la stessa coso vale per
il reparto p<>flo occhiali. Molto
comodo, e r&9olobile, lo tro·
c::ollo. Insomma, Duffle bog è
l'accessorio ideale per gli agonisti c::he ogni fi ne settimana c::ori<:ono bici e componenti sullo
macchino e si spostano sul luogo dello ro.Costo 107euro.
proOoggedd<oddo.A~jlogo.-.,
~L';oumo
l'olloo:lo lnlegto 3T, monoscoc:co in fibro di carbonio, ologgio e pr00gge le unitò di sirumentozione
Go-min Edge, migliorando la sicurezze, l'otll'odinomico ero~ {non ultimo rutilizzo in~
menk) e ingo-oj. le vili $01"10 00$C0$11!1, in modo do ffll"'dere piU eiegonle e oerodinomico aprodolo
$1e~50. ~ iniziolrneme disponibile in miwro llOmm, molo gonvno $i~ ~no o inddere
le miwreda 90, IOOe 120 mm. Mpesodel'ottoc:codi 110mm è di 135 grommi. ~ adotto elle bici
do cono, do pi$10 e T~. ma può anche essere usato w bici mtb e Cidocrou. l'Amministrotore
delegato di 31 René Wl8(1z ho dichiaralo: ~to bicideno do cena di oggi è un prodollo hi-lech. Usiamo
lo tecnologia di un c:omp.illl!lr per progeaore e coslruire lebi, I'IJOie e componenti per le bici. IMieme ol nowo /'!UOVO
pomer Gormin, obbiomo ampliato la gorrmo di modalità d'IJSO cielo bicidettcl· . Per ittfo: !l1fti'ILt m3t.COftL l
o
onteriore, po*riore e sulo monic::o. Grazie ol teuulo
leggeriuimo, lo giocco è ewemomenle comprimibile,
quindi ~ r.ele klsche posteriori obbownza comodomente. Disponibile in cinque toglie: S, M, L. Xl e Xxi
•
Cow219,95euro.,.,Wo: ~
Controltech Wild
by " "
Versolile,funzionole, IXI elevolocon~lecnologico.
l'abbigliomenlo 500, originoi<Dbonweor, è 100% mode
in lloly ed è realizzato con vno porticolore tecnico prcxluttivo, brevenolo dcl'oziendo, che penne11e di reolizzae
un punto in moochino che uniKe corbonio e Dryom con
elo~o per uno aderenza alo pelle senzc prececlen~.
Senza cucikKe. Tro~ronte, idrorepellente, bclleficx.totioo,
Oryorn, lo mictofibro più leggero al mondo, è oo:oppio1a
ol Carbonio p« un riwfloto eccezionale: elevalo lr.4:>
di proiezione e comJort. bnli grondi otleti utilizzono i
--~~-------------, ~~~d~~
ed
in goro
r8$titvendo
GEL ENERGETICO
La pr ima bevanda energetica
specifica per l'utilizzazione in
condizio ni climatiche differenti.
...
E~minondo
lo corono più pic:cdo, lo goorniluKI èdtventoto più leggero e onche più efficiente
grazie Q Ufl recupcro parziale dcllottore
O. l prob4ema con i doppi plolooo inlo!i,
W proprionelo ·choinline• e nelrOI.IIl"IMtodellartoreQcherispello~ lripleè
maggiore e non comen1e un IJ50 officoce di
detètminolè YeloeM. Oggi, Ol'lehè grozie ol
progello DoubWlloy, gli olleti si 5000 resi con-to che <*:uni millimetri di ·o fo:::lc:.r"" in più sono
occenobi~ se<JOC:C:lnlXI9nOda un usopiùvenotile
sempre feechxk dectsornente pos.ifivi. Tro b.
ro Stefono Gorzeli con
rAcquo&Sapone team,
Dorino Voccoroni, Ale..;is
Vuillermoz, ~roo Mtr
londri, Alex De Angldi$,
ripla e coruenle top performance in ogni conleslo di goro. Wild
offre più opzioni in llwmini di •geor rmo• dando piùopportunilèl
""""" Mlooombm. Con booo~o dopp;opbooou
si ot~erronno20Yeb::itò,con lo configurozione nplo, le 30-..d:>
AlexSoMni.
ciiÒ;oqueste~,sioggiongonole 10ve9v ~
rw hrfo:EW.M.u .lir. l
ricche di sostanze nutritive, fibr e
e vitamine, costituiscono una
Ideale font e dì enersia a rapida
assimilazione.
,., ,.,.. ........,.....,
Come già per lo OoubW'Ioy, C0r11rorfech è nuovomeme pioniero nel mondo c:Wie guornilure
Mlb, grazie al progetto Wild.
'
od efficiente dello ruo1ro libero. l proge11o Wild noKe
per essere venotile: è disponibile in configurazione doppio e
disponibili conWrld. hr ~www.IOit~
?
Smm propone due nuovi kit "do montogno" di livelo Red e Force
li sislemo cambio-1Jignoni lanciato da Srom poche stagioni la, si riOOO'r'O
quasi completamente. Considerato il suc::ceuo (in prolìc::o si riesce a
disporre di un sec::ondo gruppo c::on pochi euro), lo Cosa di Chicogo
propone due oltemotive di "luss.o" ol primo Apex. Uno compotibile con il grvppo top di gomma Red, uno centralo per
qualità e prezzo di livello Force, forse il grufJIXI più c::onvenienle sul merc::oto o olmeno dello gomma Srom. Entrambi i
sislemi sono 2x l 0: il derogliolore Rod pMO 167 grommi, quello
Forc::e peso 190 grommi, entrombi hanno lo gobbio in ~bra di corbonio. Lo
compatibilità è totale con tutti i gruppi: Red, Force, Rivol e Apex. Neuun
problema ooche per quonk:l rigoorda le c::osselte: dalla 11·26 olia 11-32, ~
•mostro• pet' i poni alpini. ,.,.Wo:fWW•.,__IMI.
l
TELO RINFRESCANTE
Un telo pre·impregnato, deterge e
rinfresca tutto il corpo, assorbe
sudore e odori, senza alcol, inodore.
DAttt:JID~ Te!.: 011 4303854
gVJ'
www.sovendl.it
O$SOCiono o qoelle detaVendo. ~ ciclismo è e t efficocio di questo soluziouno 'P"" P" IV!ti, d-oe si protioo"""' b;sogno ne dottol1ro, ~in k.ce
struttvre e $CnZO ~miti; e poi veniamo do una lo -.ate ricl,rione di lem·
-~llo!K>,moond-oelo""""-)d-oeho
po'OMo """""""' dot
""" l
dok> molto ol cic~'""'; penne0te i l - oon progettisti sono stati chiomati o
b nolura; miglioro b persona e~ suo~ ~lo~dele
"""'~ ,..,..0,; losipuòprot;oo..siodo>olisio aperture di Yer~tilozione mon·
in r.quodro. Il nostro cenlro ricerco e sviluppo lenendo pero le ooro!iei>IKhe
.Wo c:ontinuomenle P" miglioro<e lo peo-b-- ding;doorid>o."dott~
monce, il benessere e il &..erti!Tlefio». Eproprio
oon queOi ol>eltM sono - le lecnologie Net
bn.olhing 'l"""' P" le scape e HiddenP.,....
per rintimo lecnico, con tobiefti....o di ollimizzo.. lo~delp;.deedeiOO<pO,
rispettMmenle. Il bockgrou-d aJ1vrole • come
è focile irrmoginae · è morooto Geox. azienda
bno.o P" le scape e g~ ~ti ""'f>i<OOi,
cl cvi DKxloro è cl lotto iln'P"'fo sportivo.
. La storia ai piedi dei campioni
Da sessanranni Diadora mette la propria esperienza al servizio dell'atleta e dello
sportivo. Tecnologia e passione nelle suole Net breathing system e nel'intimo
tecnico HiddenPower plus. Alle spalle c'è il reparto r&d Geox
Il Rolu:rte Al•lsl
sooopo Jet
Roca-t·
.
bo""" wlloH"' ':'*.: Net
S)'Skme lllhmolecnlco
850 persone (700 in Geox e 150 in Dtadoro). Nel
ddb sua siorio Diodoro ha YCStib CXJO'l)ioni
r.-cr.a.co-
~
COJ'50
0Kxloropu11o .Aa ;decle~
ne c:W piede e del corpo per oonsentire al cidis.kl di
cp.di
"""""""' >Oio wlo proprio pe<lonnor.<..
DKxloro """'V" o Coorono Son""""' {Tvi nel19<18
come cWendo ort;g<r.ole prociAirice cl ""'1""'i do
sci. Negli armi settanta estese il proprio ~ aBe
cxhotvre per ~ lerYiis e il colcio e wc:ces.sivoment
P"totlehro, ~ cido'""', go 'P"'f"""'".OOeohri, ae..,.,do lino o c~,.,;,. ""'do pnnOpoli merci; mondKlli nel se11ore delle oolw11Te e del'
P" lo 'P"" e il ""l><> Ibero. D<> 2001 e «>nlrnibk>
dolo ~nonziorio lir, che fo cqXJ o
Polegooo, fondooo<.
deolo Geox cl Monlebel.oo {Tvi,
ed è preserne in sessarootk> paesi.
Se lo pro<i>rione è ddoool~
nel For Eost e in parte nd~ Est Evropo, il design e b ricerco sono
..,; mode in lt>ty. Ne; ""' >lcbli·
OObigl"""'"
M;ro-
"""'tilo.Jrnno~
e.g..;; Beron, GamO B..g-oo,
Tony Romingeo-, MorenoA<gerlòn, G;o.omi BcAoaglin,
M.orio Colin$, ~no od Ales.sondro Bolloo, Daniono
Cunego, """"' "'-"'<> Fonk>no e Mi.ko Cete.tino.
Nel 201 1 le scape DKxloro hanno cooqui- il
Tou< de Fmnce oon Code! Evcm, il ~ del
mondo in linea con Giorgio Bronzini, mo anche ond-oe lo "-<ha o E_., oon lo 'I"'9""Ì<> Jo>é Angol
Cobo. Nel """"'cWendole, i On-di legati o lioo- di
""'""""'; delle più svoriote disOpline come Ayr1on
Senoo, Bjom BO<g, Getindo Bo.din e Fronceso:> Tolti
foono riviYere fXJ9Ìne ed emozionò dello"'"" dello'P"'f. Nonostante il cidiSITIO non tq:IPI"esenti
d-oe....,p;coolole!oo(5-10%)del
busi~ detaziendo «Diodoro
crede molto nel cidi'""' . ,Pogo
Angolo 1>\oson, ,._,sOO;Ie del
proclooo b;c;. peo-d1e """'"""'
d-oe ho ~shd-e d-oe ben si
ogooi:slico ol massimo livello. Il
risJloto è !XIO suolo in corbonK>JkdotP""'~cl
75g,~leoon"""­
atrefori,confinitvrao~
grip nello zona di h""Q9K>.
lo 'P""""' k>k>le nello zono
del pnmo """""""' del p;.de
ilo zono di ,Pnk>l è cl 8 mm,
""""'""'lo soleok> eslroib;~
l Nel breatling system
spesso 3 rrm. Le suola e com·
Le scorpa 1op di gonvna Jet rocer è CO!ohlitc in- pleoaoa dot kx~ onti.avolo
k>mo olio inedita wolo DKxloro co-bon Oechno- .,.,;tvibi~ in C>.rotech, '"""'
\ogycon lecnolog<> Net bn.olhing 'l"""' lo tromile uno vite interno che
sir'IE!f"gio del centro ricerche Diodoro e del re- non si usura CXI'TITlincndo.
peri:> r&d Goox, che ho visto oolkiaore inge- And-oe lo tomoio delo Jet """'
gneri, chimici, fiski, tecnici colzokJrieri, E!$pe11i è ohcmente traspirante, grazie
cl """-oonieo e · non do ullimo · r}i c<leO ole I'MJIYiei'OSe zone troforae o
..,;,.,.,;a e 'fX"""Òuoti, ho proclooo""' suo- o rete. lo chiuwro è costii.Jik:J
lo full co-bon oon ~,;d-oe ..,;d-oe. l ""'"' do uo cinturino vekro ooteriore e uno mediadel sistemo è lo rnernbrta1o trospironte e ~ no con obbio cl <eg<>loz;one, ""'""e wl collo
med:>ile interna che~ il pcnsoggio ..,;no "<Momo j cintuW-.o ~le w..!tiRk>djw o
t""""" delle p<oole molecole cl~ ocq..eo tre posizioni con chivsoro o cricchetto Micro d.
rib.ciote dolio pi<m del p;.de oon lo wdoro- Sen'f"" wl collo "<Momo"' qu<rl> cinllxino, il
zione, ~ ol contempo ~ fX1$S099io in· ~. d-oe ""'""'"lo"""""'""veno delle gocce d'ocqua, più grosse.~ ond-oein=oclprobto.ni~Aq"""t.Si-cl
consente lo corret1o trospirozione e-ilondo il un oc.corgimento 'o'Oii.Ao do Codel fo.ons in per·
...m.ooldomenk> del p;.de, montenendolo pro- sono dopo che una caduto in goro mi!oe fuori
lieomenle o>ciulto. A pn>lezione delo delieok> uso il cinturino principale di uno sua scarpa.
~. lro~e lo woloècolb:ooo uno Di roodomentale imporbnzo è lo tolloniero
rete in Rbro sinletico che ne eo.'ito lo perforazio- ergonomica che sostiene e $klbilizzo il tallone
ne e il domeggioolento. tooolisi termogofico e preservo il !endine d'achille do fastidiosi e
del p;.de del'odeoo duronte il ge>b sportivo ho po'dosi sf..gomenti. Dol punk> di ~sto e<go·
mostrakllo necJ!5.Silè di ur1 de simroda un loo nomico, lo Jet roceJ e gli altri mcdelli lop, sic
per le strodc che le mounloin
Q bile, odonono uoo colzoto denominclc Regulor roce, ideale
per il piede delt ogoni~tc che
l'"l1fino teaico JfoddenPower plus
Si •otto di uno tecnolog<> o cotologo dio co-d·
che stogione, ma ancoro attuolissimo. t basalo
su qvottroospetti cardine: lo smoltimento fisico
del sudon."""' fom.o cl~ ocq..eo lromile
comini ottenuti dalle speciale lovorozione dei
tessuti, tevocvozione del sudore liquido grazie
o micro filati speciali, il miglioromenb dello ciroolorione ""'!JUigno ""'"""'"lo~
controllalo delle fibre muscolari, t eliminazione
delle cariche elettroslatiche consen~lo OOitinserimento di fibre di carbonio nel tessuto.
l capi, ~mente prodotti in balie con fi.
le~ sviluppati in Italia, sono disponibili in due
differenti grcmmoi\Jre e vari togli per odottorsi
alle varie stagioni e o 'ICirie discipline sporti-
ve, sia indoor d-oe outdoor. A differenza dello
moggio< pone do prodolt; pnoenti wl""""""·
homo un ridottiuimo contenvlo di poliestere
esige il mc~mo livello di te- (2%), Rbm the lvnriono si molto l>ene mo d-oe
nuto ed efficacie. l modelli nati
per t uso piùcidotvri~ hanno
invece une cclzclc più rilcuc·
le, con un maggior spczìo nello
be box l~ dik>), con-l>nato oon
~e sistemi di chiusure ode-
gucti cltcrget di utilizzo.
per contro · noo essendo batteriostatico • ho
il problema del rottivo odo.e. Un ospel1o londomenlole che te!Jimonio tcttmzione per le
qvolilò e the ...de i «>P HiddenP.,..... plvs
durevoli e godibili anche dogli sportivi più
ctten~ al comfort e al look piuttosto che alle
pe<lonnonce puro.
te nel~arco di Mto il giorno. Il suo ruolo potrò
es.sere almeno duplice: consigliere in tema di
klglie e al~timenti, eventvolmente, e di biomecronico per chi vorrò approfittare di un r.et
"P dello po>;zk>ne a '<JPPOriO delt....,luofe
acquisk>. Decisamente un p:JSSO in (M)f'lfi in
termini di sicurezza e .wpparta alla vendita per
tutti i dealer Kuoto.
Il Provare (o vedere)
per comprare
Dalla collaborazione fra Kuota e asd Sessanlallora nasce un progetto che può rivoluzionare
il modo di provare, studiare e acquistare la propria bicicletta. Un demo-show permanente
dove vedere tutta la gamma, chiedere oonsigli e fare la scelta giusta. Ci sarà anche l'outtet
DIAiuundrtT.rtl
Il
P""""'· """""""'"'o,
,.,.,P<:emenle,
nel
conoscere do vM:ino, dettaglio, i prodotti Kuoto.
Senza l'auillo dell'ocq..tisto. ~ Visik:ll'ldo
il demo-!ohow permanente che Kuob, in collabororione con ~~ Sessonk:llbo, ho deci$0 di inovgvrore in quel di Corpi, in provincia di Modena. A
pooo piU di d..eaeda Mikn:>, IK'ICl do Verona, non
di~nte nerTVneno dallo Toscano. A cLe pmi dal
"""llo~{".OlaCap;)delfolm.. ln>em·
ma, un posto più o meoo comodomente roggiuogil>le do Mio il Nord· Est,"""""' 00,. si ooncenh'o
il gros.so dei "consumatori"
di cicli~mo top di gommo.
Uno """' d; Domo penna·
ni e okvni modd!i di bici -spiego Ennonoo ComaRi,
titolare insieme al fratello Mario dello SintemCJ-.-. Ri·
c:J,iew che, spesso, non è possibile soddisfore pe!'
tonte ragioni, soprottvtto pen:hé cer1e colorazioni,
od e!oelllpio quelle livo, non vengono lenule in siodc:
do; noolri deoie<>. Ecco l'<leo, ci.Jnque, di ol~,.;,.,
un'esposizione permanente di bictdette a suppor1o
dei negozianti, un luogo in cvi poter- vedere, kx:co·
re con mano, ed eventualmente proYOre su strada,
""' ; ooodelf; dello- ~.lo colloboroz;one
oon t osd Sessonlalloro {osso0oro... spot1No o sup·
porto dei cickxmdori),
che mette a di!>fX»izione
i propri locali, si baso
pre~ dei consumcrlori:
«Tutti i giorni rire-lo circo
sul contributo di Fabio
G ld;, ex comdo.-e profesoon;w, ogg; specioliz·
zalro nel posiziooamento
20-25 moil di potenziali
dienti intereuoti a vedere
da vM:ino alcune colorozio-
dell'as.sociazione, lavoro
che.,.,lge..d".Nttnen·
nente, noto per soddisfare
le esigenze sempre più
in bicicletta e ideatore
Si provo, ma non si vende
In~ il fotta che al'esposizione non sarò
possibile fare nessun tipo di acquisto, almeno
dellel><<lelledellogamo<>""""'.lo..,.;i.,
-.roe proprio ..-6 fa!1a ><>io ed~
dal n-.-enditore Kuoto. Lo $lesso che indirizzerò il proprio d;ente, o che lo occompognerò,
mogari, oppure quello presente alrintema di
un data bose fornito dallo Kuoto stessa, se il
ciclista potenziale acquirente decide di ~
in modo indipendente all'e'fX>Sizione. Il data
bose sorò consultabile diretk:Jmenle in beo. E
il ""' ., ..0001 S< paln\ fao-e onche q<>ello.
l locali sona dotati di spogliatoio con docce,
quindi si potrà scegliere lo bici nello taglia che
si intende ocquistore, farci un giro come si fo
nei demo day itineronti prei!O i punti vendita
ed, ....ruo~men... procedere alt~"''"' dello
bicidetto con maggiore certezza e tronquillitò.
Le slessa cosa YOie per le ruote Cole, marchio
kliwonese distribuito in ltolia in esdusiva da
Sintemo. «lo possibili~ di effetluore anche un
test biomeccanico nello s;esso lvogo - spiega
Nourizio Canzi, product manager Kuoto ·,
è una gran comodi~ a I1C»tro awiso. Utile a
chi non ne ha mai fotta uno, per esempio, e a
chi, magari, ha ancoro quakhe dubbio sullo stabili senza passare dal negoziante, sono
propl'ia impostazione in sello allo biciclette e quelle dell'outlet, altro ideo interessante. Si
sullo klglio giuslo do acquistare. Insomma, o trotto dei mOOelli, telai o biclclette complete,
nostro avviso uno giornata passato qui può
essere molto utile a tutti i soggetti coinvolti.
Al cliente, che pvò fore un acqui·
sto consapevole, a l negoziante,
che può usare strumenti di lavoro
che magari non poniede nel suo
punto vendita e anche o noi, co·
me produttori, perché p:JSsiomo
valorizzare meglio le nostre bici·
dette•. le uniche biciclette acqui·
- I!JIL..---,
dell'anno precedente, i modelli usciti di gom·
mo in luogo di quelli nlJOVi. Mezzi o telai
ancoru malto belli, mogori in colorazioni e
a llestimenti usciti dal catalogo, ma ancoro
tecnicamente molto volidi. Gli sconti sono in·
teressonti, nell'ordinedel30% dal prezzo di
partenza, insomma la filosofia discount che
ormai tutti conosciomo e che viene applicato
anche da marchi di altri settori alkl proprio
produzione.
dossono lo moglia di Campioni del mondo
che il Campionissimo avevo vinto pochi mesi
primo o Lugono, in Svizzero. Al tempo, in·
fotti, il Barocchi si correvo i primi giorni di
Novembre. Alle loro spalle si noto lo Città
a lto di Bergamo.
l'apertura dello Officina Edoardo Bianchi di
Bergamo, pertanto, segno un momento di
gronde significato nello strategia commerciale d i Bianchi, volto o creare un nuovo
modello di negozio ed un ropporto estremo·
mente curato e professionale con gli utenti.
Uno strategia giò troc:cioto dall'apertura del
Bianchi Care ond cydes di Stoccolmo, e che
l'azienda intende sviluppare w scolo mondia le. Si è porklto di uno futura apertura o
Milano o Roma.
Il primo negozio "<eleste"
storica di Bianchi a Treviglio, il primo "professional bike stare". Si punta
a un nuovo modello di vendita e di assistenza, all'insegna dell'esclusività
DI Aluundre T•rcl
Il
officina
ed
evocativo. Il foodatore del morchia (che
Edoardo Bianchi, un nome semplice
personale specioliz.zoto che li a iuterò o trovare
lo posizione in sello utilizzando il sistemo Retul.
ovviò lo primo officina nel centro di Milano
Uno tra i più moderni ed efficienti sistemi d i bio·
nel 1885, in via Nirooe) ben impresso sul muro posizionomento con telecamera live 30.
del primo Bianchi shop italiano, localizzato in Al piano superiore, l'areo definito "'relox", dove
uno delle zone più eleganti e glamour di 8ergo·
ma, i portici
del Sentierone,
in fianco allo noto
pasticceria Bolzer. Tre piani di "'vioggio'"' Ira mo·
clernilò e storia.
Il piano terra, dominato dal videowall, si caratterizzo per l'o fficina d isposto proprio dietro la
vetrina. All'ingresso dello
store, i ..-isitotori potranno
subito fare conoscenza con
gli ultimi modelli do compe·
tizione. Al piano inferiore,
oltTe allo r icco esposizione
di telai e altri occes!.Ori,
l'angolo bike·fit rappresen·
ta sicuramente uoo delle
più interessanti peculiarità
dell'Officina Edoardo Sion·
chi. In quest'area, infatti, i
clienti scranno assistiti da
fanno bello mostro di sé le divise dei quattro
team prolessionistici fomiti do Bianchi, divise che
naturalmente fanno porte dello ricca selezione di
abbigliamento tecnico di~ibile presso il negozio. Curata nel dettaglio per garantire il miglior
comfort e decorata sulle note del Celeste Bianchi,
l'aree relox offre ai visitotcM"i anche un tovchscreen
che li condurrò dritti nel
cuore storico dell'azienda
di Treviglio !Bg).
Sul muro, lo gigantografia
del compioni.ssimo Fausto
Coppi ritratto insieme a l
... compagno d i squadro
Riccordo Filippi, durante
un'edizione !vinto) del
trofeo Mino Barocchi del
1953. Coppi e Filippi in·
Visibilmente soddisfatto Salvatore Grimol·
di, fondatore e Ceo della Grimaldi industry
(Grimaldi group) e choirrnon group che non
si è perso lo storico appuntamento e ho intonato, inoltre, una versione beneauguran·
le dell'itolionissimo canzone "'O sole mio•.
«Lo spinto per realizzare questo progetto
- ho detto Grimaldi -, nasce do un' esperienza diretta da cui è emerso la necessitò
di creare un modello di vendita nuovo, differente. L'Officina Edoardo Bianchi, come
il Core ond cydes di Stoccolma, esprime in
modo netto lo stile e lo creotivilò Bianchi che
intendiamo ~pre più affermare in Italia e
nel mondo». Emozionato e soddisfatto an·
che Bob lppolito, Ceo di Bianchi, o cvi va
il merito di aver ristrutturato e fotto riporti re
l'azienda nel giro di pochi anni, dopo un
periodo di appannamento. «Il nuovo bike
stare - ho dichiaralo-, rappresento un'e·
slen~ione dello nostra sede di Treviglio fino
a l cuore dello città di Bergamo. Abbiamo
operato un inve~limeolo strategico per oc·
crescere lo visibilità delle nostre biciclette
e instaurare un rapporta più stretto con
il consumatore, dal quale potremo rice·
vere importanti feedback per migliorare
sempre di più la nostro offerto sul mer·
coto». fra coloro che hanno preso porte
a ll'apertura ufficiale ben tre campioni
del mondo su strada - Felice Gimondi,
N.oreno Argentin e Gianni Bugno, non·
chè diversi atleti in roppresefltonzo delle
squadre prafessiooistiche che gareggiano
~u bici Bianchi: Roberto ferrari per lo Androni Giocattoli, Motteo Carrara per lo
Voconsoleii-Dcm, Darwin Alopumo e Dolivier Ospino per lo Colombia Coldepartes
e Gerhord Kersc:hboumer per il team Mtb
Tx Active-Bionchi.
Fra gli ospiti non potevo mancare, inoltre,
Viftorio Brumatti, campione di bike·trial e
testimoniai Bianchi.
S
percom~te
iete b iker esperti e
un
numero signifìcalivo di. chilomeoi
all'anno? Oppure siete p1ù tranquilli
e pedalate quando avete temPI), ma
senza troppo impegno? Non importa che apparte-
niate all'una o all'altra categoria per poter apprezzare i pregi delle roperture tubeless. Per molti agonisti.
anzi. questo tipo di coperture sono onnai scontate
e indispensabili. Impensabile utilizzare altro, sia in
tem1ini di praticità sia di JU1!Sfa7joni. Guidare una
mountainbikc con coperture tubeless può risultare
più facile. Con queste gomme si utili:aano pressioni
di esercizio pil' l basse rispetto alle classichc oopcrture
con camera d'aria, La gomma rimane più morlJkia c in
grado di ·oopiare· il terreno con una tenum migliore.
Meno pressione vuoi dire meno scorTeVOiezza? No.
perché senza la carnera d'aria gli attriti interni sono
molto inferiori La camera d'aria struscia ~<JI copertone durante 1a m<1rria. assorbendo energie, con le
coperture tubeless c'è solo il copertone. Inoltre, si
riduce oole\IO!mente il rischio di pi:t:.t.icare. In caso
d i im patto violento su uno spigolo la camcra d'aria
si romperebbe facilmente. Il copertone è molto p iù
resistente. E anche in caso di foratura la perdita di
pressione è graduale. squard a parte. pennettcndo
un controllo migliore della biddetta.
Per montare le coperture tubeless è necessario, però,
un cerchio predisposto alla tenuta della oopertu·
raspecialc. Ma c'è un'alremativa: trasfom\ilre un
cerchio tradizionale rcndendolo adatto al mon~o delle coperture senza a~mem d'aria. Dai
primi tentativi di qualche anno 13, di strada se n'è
fatta parecchia e può funzionare molto bene questa soluzione. L."l scelta della soluzione tubeless
significa anche una liduzione di peso nel totale
della bicicletta quantificabile in un guadagno di
dn::a 50.6QgrammLSi possono adattare praticamente tutti i cen:hlsoloalcuni modelli potrebbero avere delle difficoltà se hanno le spalle troppo
basse, ma \13nno valutati caso per caso. E. come
detto, si tratta di una minoranza.
!.:operazione di trasfomlaZione, nonostante la
presenza d i prodolti specifici, è un lavoro piuttosto deliCato. Va futto seguendo regole spcdfiche
altrimenti sì rischia di otte-nere un sistema instabile, con gomme che si sgonfiano rapidamente.
Niente paura. però, si tratta di un lavoro fattibile
anche in casa.
9. Si completo tutto il cerchio fino o
;.r
;:~d~ f:~lr~'k:':,C:
~a~?;,!! :itpom::ru':oir::~oque,to
~~1== :r:~~~ch:!i~tto l'orio
e poi lorore nel !)Uf'llo di applicazione
dello valvola.
I l . La foratura sf può fare con un 5emplic:e
CCI«ioviteostdlo, primoìnfìlondolo
attmverw il foro det cen:hio per Jegnore
~i':~~ò~~:rn::: K:; !u=~~mente,
il bvconeces50rio.
12. ~ bene forare noslfo in questo modo
per evitore di sc:oDorio do\ c:en:hio.
a
13A e 138. lo forotvro vo fotto lentomente
e IO<endo Korret'e 1v1to il cocciovite
cosi do ottenere un buco perfettamente
tonOo e regolare.
l 4. La 'l'olvokl vo infilata con delicoteu.o,
chiu50 per evitore che posso storcersi
e ~ngendo piono fino od arrivare
~=h:~".:!k; rondello di chiuwro
che, ricordiamo, non vo mai stretto troppo
per evitare di rovinare il cenhio.
Per chi vuole risparmiare peso o tu"i i co~h.
s.egnoliomo anche l'esist.nlo di volvole
ultfoleggere in lego di alluminio.
16. Lo primo fo5e del lavoro è terminato.
~ il momento di montare lo copertura.
Solitamente $e gomme vengono vendute
qdu:sto
~~-r::.:.Ms::,~·~:-me'=.
porta o una defOima:rtclne per cui 50i-ebbe
~fio, e"mo di fi':O(eder. ol montoggio,
~~;:::.r:,:~i:
loscoondolo Opet'la per uno notte.
La velocità ascensionale media
Calcoliamo la Vam per scoprire quanto rendiamo in salita. Lo si può fare con una formula
semplice: quota a~imetrica di anrivo e di partenza/tempo in 60 minuti. Cosa ci offre il mercato
N
~~%~ ~i~:=l~
potenza: uno ~trumento
sempre più utile, ma anoorn
abbastanza costoso. Esiste, JX'I'Ò, una valida
altemativJ per avere importanti informazio.
ni sulla nostra perfom'klnce in salita: la Vam.
intesa come velocità media ascensionale.
Con il Settore studi della Federnzionecidisti·
ca italiana abbiamo anali7.7.ato diversi fìle di
atleti professionisti e amatori, confrontando il
dato Vam: potenza media dertvata dal rilevamento con gli strumenti c la potcn7.a t eorica
cakobt::l con le fomlUie. La Vam viene calcola·
tacondatisemplicissimi:quotaaltimetricadì
anivo e quoti altimetrica di partenza/tempo
in 60 minuti La potenza media è data di
rettamente dagli strumenti (di potonza)
Installati sulla bid.
La potenza media teorica ~ in.ece, data
da una formula complessa che tiene conto
delia Vam, del peso 1Dtaie deiYatleta (at
ieta più vestiario e bid) e deinpotetlro
attrito. Per questi calcoli esistono sul web
appositl softwaregrazleai quali è possibi
nel rapportl> potonza/peso. C'è da di"' che
la Vamcresce con la pendenza. SU pendenze
elevateèplùfacllefarevamplùelevate.Ripe
tute misurazioni, su strada, su un cldlsta di
64 kgche pedala a 300 Watt su una salita del
5% di pendenza, hanno dato un rtsuitaiD di
1.180vam (rnlh)su una salita al13% la vam
sarebbe dl1.675 m/h. Ea:o le variaziOni di una
prova su strada che ci possono verificare su una
salita lunga oon pendell7.e diverse e ad andatura costante: al 6% di pendenza conispondono
1.050 Vam; al 7% abbiamo 1.100-1.150; aU'8%
si riscontrano 1.180-l .200 c al 9% il valore è di
250 con punte di 1.300 Vam Detta cos~ appare
evidente che, se posso calcolanni la Vam post
allenamento. e di conseguenza la potenza. ottengo un'informazione utile, ma non gestibile
direttamenU! in allenamento. Da qualche anno
Gannin, con i suoi modelli di ddo computer. fornisce in una delle tante schennate l'interessante
dato della Vam ogni 30 secondi (cioè. la media
che produco in 30 secondi di azione). Questo è
un dato molto interessante, scar.;amente considerato a torto. mentre può essere un effidente
sostituto del misuratore di potenza. Di fatto, la
le Inserire l parametri e élllef'e un risulta
ID piutiDSID credible (http:l/coachreal ity.
blogspotit/2012104/calcolatore watt
html~
Il rnlcolo della potenza indiretta si avvicina alla realtà su una saliti costante c con pendenze
elevate (gli attriti e la resistenza dell'aria so-
no costanti). mentre su salite pedalabili o in
pianura i coefficienti da tener presente sono
tanti e il calcolo è più impreciso. La potenza
è data dalia 1om per ia""locitàO. meglio.
forza applicata sul pedali perrpm. Per un
buon professionista, succede che su una
durata di 2r1- 3l1 la potonza può esse"'
di 400 Watt La differenza tra un atleta e
raltro la fa Il peso corporeo. che va da 40
-54 chili per uno scalatore a 70-80 chili
per un passista, con evidente svantaggio
l
La potenza pro chilo per un atleta alla soglia
Femmina Maschio
Atletal):ro!essionista 4QM5
0/55
5[5
All~:ta!:lialta liY~:IIa
J5~
~
Atleta medio
313>
1~>
A!lelab:a~
2Sla
JlJ5
[l! <lsòtqmoVanctesi )r<Xb>l" " """""""'
Vam ai~ sogl~: """"'"ooVan ero iX*M
eh! rl.s:iérroaB&ep:r :Il'oostrE
Vam a Vam: (rtsJ o:rre~o!X*f\laaercbca
rmssmlie)COITlSjl(Xl!eaciòcte OOSCioro a.....,
j>J5- 6
Vama20':an~a lll+ 5~ 0011a\-'a'n
cte ifrga j>J:Il'
Vam è una potenza. Quindl sapere a quale Vam
sto salendo mi permette di "regolare· l'intensità
dell'eserctzio. in funzione del tempo per cui la
Vam sarà impiegata
Pertanto, c'è una forte corre-lazione con la
relazione potenza/tempo che si ha anche
con un misuratore di potenza. Se l'atleta
si esprime al massimo del suo potenziale
deve tener conto del tempo di applicazione,
in quanto non può sostenere una Vam che
· uene· per 6' su un tempo di 30' in quanto
entr.tno in l;iOco i metabolismi energetici e
il loro ·esaurimento•.
Detto questo, l'atleta si può divertire a
eseguire questi test da strada. Calcolo della Va m su tempi di 5', 20', 30' e un'ora per
chi prevede di partecipare a granfondo con
salite molto lunghe.
Trovate queste Va m, è possibile risalire
alle potenze e successivamente Imposta
re alcuni allenamenti utilizzando come
parametro non la frequenza cardiaca,
che comunque avrà una corrlsponden
za per durate lunghe In soglia, ma non
per salite brevi (5'-10') In quanto, se
condotte al massimo, saranno vicin e al
bpmmasslml.
Da studi recenti al GiroBio dilettanti (atti
del convegno) è risultata una forte correlazione tra Vam- potenza dei S' e quella
proiettata sui 20- 30'.
Questo significa che se l'atleta è in grado
di migliorare la sua performance sul s· ne
beneficerà anche sui 20' e oltre tenendo
sempre presente il peso corporeo (dimi·
nucndolo si va più forte a parità di poten·
za). Ne deriva che nel nostro programma
di allenamento è opportuno inserire lavori
conia Va m sui 5'.
Se usiamo un Ga rmin, in questo senso, sulla
schermata dobbiamo setta re: Vam 30 sec,
tempo a giro (Jap a inizio e fine salita), battiti, rpm. % salita.
Se il caldo è un avversario
Il corpo ha bisogno di tempo per abituarsi alla stagione calda, deve ottimizzare
la dispersione di calore mantenendo una performance accettabile. Impariamo
a idratarci nel modo giusto, ma anche a inventarci nuove metodologie
L
'estateèallcportc,gli al-
~:~~;r:n~i~~:e:~~=~~t~~
mtensi perché ci trovia·
monella "zona calda• della stagione.
Calda non solo per l'importanza delle
gare, ma anche per l'inevitabile innalzamento delle temperature: dopo un lungo
inverno e, soprattutto, una primavera un
po' anomala con temperature sotto la mcdia, eccoci a dover fronteggiare il sole e il
caldo, non solo in gara ma specialmente
in allenamento.
Il nostro fisico deve abituarsi a ge
stire le variazioni tra produzione e
dispersione del calore: pedalando
consumiamo energia e Innalziamo al
temperatura corporea anche di 2 3
gradi, come se avessimo la febbre, que
sto peggiora le condizioni di lavoro del
corpo e del nostri muscoli.
La circolazione sanguigna varia nel
diversi distretti muscolari, il sangue
viene mandato verso la superficie
corporea per disperdere Il calore a di
scapito della muscolatura, la maggior
dispersione di anidride carbonica por
ta a un ulteriore lnnalzamento della
curare In modo particolare soprattutto l'idratazione.
Sudore e Idratazione per mantenere la
tempe ratura?
Il ciclista, per fortuna, riesce a disperde
re maggior calore, rispetto per esempio
a un runner, mediante la convenzione
termica dovuto alla massa d'aria che con
una velocità superiore Investe Il corpo
sottraendo cosl calore.
Questo è ulteriormente facilitato dalla
sudorazlone che però determina anche
una perdita di sali minerali: un biker
allenato, o almeno abituato a pedalare
spesso, produrrà una maggior quantità
di sudore rispetto alla norma, sudore
che però ha una concentrazione di sali
minerali inferiore rispetto a un soggetto
sedentario.
t una delle tante tecniche di difesa del
nostro organismo che cerca sempre di salvaguardare le sostanze necessarie alle fu n·
zioni vitali, in particolar modo del sodio e
del potassio, i due minerali che servono per
la trasmissione degli impulsi nervosi e per
la contrazione muscolare.
la reidratazione durante lo sforzo è
fondamentale e Il segreto è ricordar
temperatura, diminuisce la pressione
si sempre di bere prima che Insorga la
sanguigna e aumenta l'Insorgenza di
crampi.
Oltre a ciò il lattato viene metabolizza·
to ed eliminato in misura inferiore e il
sangue aumenta di concentrazione. Alla
luce di tutto ciò se vogliamo continuare
a pedalare e mantenere un'accettabile
performance atletica dobbiamo correre ai
ripari: o pedaliamo con un condizionatore
montato sul manubrio oppure dobbiamo
sensazione di sete: piccoli sorsi e di fre
quente non solo In gara, ma soprattutto
in allenamento. Bisogna evitare di rimanere per troppo tempo a "bocca asciutta" cosi
come non bisogna mai bere una borraccia
tutta di un sorso, cosa che può affaticare
non poco la digestione: preferire, ovvia·
mente. bevande fresche che transitano più
facilmente attraverso lo stomaco, evitare
quelle ghiacciate.
~ importante anche integrare i sali
persi con Il sudore utllluando soluzlo
n l saline che devono avere sempre la
giusta concentrazione per garantire un
rapido passaggio dall'Intestino al san
gue, scegliere sempre prodotti che di
chiarano una concentrazione isotonlca,
meglio ancora se la concentrazione è
ancora Inferiore, vale a dire ipotonlca,
perché l'assunzione è ancor più veloce.
Importante quindi abituarsi, potrem
moanzl dire allenarsi, a bere nel modo
giusto e In continuazione per mante
nere costante l'idratazione corporea.
Per l'allenamento dovremo cercare di evitare le ore più calde della giornata preferendo la mattina o il tardo pomeriggio,
a meno che non si debba preparare una
gara che si svolge in orari, o anche climi,
molto caldi.
In ogni caso il caldo può rappresentare un
ulteriore carico che va ad aggiungersi al
consueto allenamento, aumentando i tem·
pi di recupero muscolare e dei substrati
energetici. con il rischio di portare più
facilmente l'atleta in condizione di sovra
affaticamento.
In questo periodo denso di gare gli allenamenti si concentreranno principalmente
su lavori che prediligono l'intensità sulla
durata; spazio a sedute da due o tre ore al
massimo con stimoli che si concentrano
intorno al ritmo medio e. soprattutto, alla
soglia e oh re.
Proviamo a disegnare un percorso off
road nell'ombra del bosco dove fare simulazione di gara, confrontando i vari
tempi sul giro, le Intensità medie e quelle
massime.
~
Togliamoci la
E
voglia di dolce
l minerali e la fibra della frutta, le proteine nobili delle uova, i grassi
e le vitamine del burro, onre ai preziosi nutrienti del miele. La nostra
ricetta calibrata per avere i giusti nutrienti senza rinunciare al gusto
U
n~us~ita
lunga in bi -
biscotti, dolciumi, creme al cioccolato.
Cl, s1 sa, comporta
gelati, marmellate), che apportano preva lentemente calorie vuote e pochissimi
nutri ent i, occorre imparare a variare Il
t iro. Scegliamo "dolci" che Insieme a un
po' di giuste calorie apportino anche Il
gusto e l nutr ienti d i altri preziosi Ingredienti. È il caso del dolce che vi proponiamo questo mese, pensato e realizzato dagli
chef del gruppo Ethos.
L'ingrediente che la fa da padrone è la frutta, in particolare le pere. Ricordiamoci che
la pera, oltre ad apportar e preziose vitamine e minerali (come tutta la frutta),
ha all'inte rno de lla polpa le cosiddette
"sclereldl": particelle molto dure ch e
aiutano il percorso intestinale dell'a-
un elevato consumo
di glicogeno muscolare. E. in parte, anche di grassi. Poche
decine di minuti dopo la fine dello sforzo
(ma talvolta anche dopo un palo d'ore).
a ppena finiti gli effetti a ntifame delle catecolamine (gli ormoni dello stress: adre-
nalina e noradrenali na) prodotte sotto
sforzo. può emergere u na fame bellui na,
che difficilmente può essere controllata
con un normale pranzo basato s u pasta
e pietanza. Un dolce, in tali occasioni, è
particolarmente gradito. Per non lncor·
rere nell'e rrore di riempirsi di zuccheri semplici (zucchero, barrette,
limento ingerito. Fanno compagnia alle
pere un po' di buon miele, uova e bur ro.
Chi mangia questo dolce (perché di dolce
si tratta) oltre a vitamine, minerali e fibra
della frutta, assume le proteine nobili delle
uova, i grassi e le vitamine del burro, oltre
ai preziosi nutrienti del miele. Alimenti
molto diversi rispetto alle classiche torte
fatte di farina bianca raffinata c zucchero,
che ci danno l'impressione di riempirei e,
invece. stimolano innaturalmente la nostra
fame. ma !asciandoci in ca renza di nutrienti
ver i. Spazio alla creatività, via a zucchero
e farine raffinate. Il vero sapore, si tratti
della migliore torta al mondo come del più
semplice dei caffè, si gusta senza zucchero
aggiunto.
il periodo migliore dell'anno
per chi pedala. Le ore di luce
in più e le temperature favorevoli inducono a uscite più
lunghe c impegnative. Per chi compete è il
periodo più fitto di appuntamenti agonisti·
ci. Il giorno di riposo è indispensabile per
non rischiare n · bum out• e per consentire
al corpo di rigenerarsi. Insieme al relax e al
massaggio anche l'alimentazione può gioca·
re un ruolo chiave nel processo di recupero
secondo il concetto di ricostruire, depurare
e riparare.
Nella fase di rigenerazionc bisogna rcstitu·
ire al corpo, in maniera intelligente, quello
che ha utilizzato. Questo sign ifica non sovraccaricare l'organismo con altro lavoro,
come quello dovuto alla digestione di cibi
che richiedono tempi c processi lunghi. Se·
condo questo principio è meglio scegliere
La frutta da mettere nel carrello
---- Larlcettaé p-opostadallo ltlefexe~dl!tlir\clPOEflos,Mas:!:*nll
......,,.,,o,..,.
12Sgmiele
150gturo
'""
DJgléftlai'lll9*
8g lì!Mk'lpl!l"dolci
150g pered0ns
q.baiJicoa:flesecdle
Mi:Jtarellllaemacoobl..no
emlele.q.mt,l ~ è
aem::dOeliSciolnireleoo.raooa
~\Utael'!lCI'tYeCOOOOIMta
ele!bica.Conooan::hiaiodii9Xl
incorpornpoc:oaladalalrila
setacciala e l~i1fi'lelllfe
IBpm~eiBIIIIJi;:oa:he.kTtJI.mre
deglstoolpiperdolcietu::J:::erell
broo a170"c per 20 nRll.
F'toOCChio 1 sedano è un composto cM deriva dai
cuori del linocctlio, dal gambo del sedano e dal
che regolano la contrazione della muscolatura
SCheletrica, dd cuore e l'attivitll ddle cellule
succodipompelmo.Lasuacaratteristicaprincl·
neM!SI.
pa~eeqoelladlldratareedeptKareveloc:emente
Frutti di bosro per un miX a base di lamponi,
more, mlrtinl, fragole e ribes cne deve essere
preparato senu aggiunta di wcchero. Ericco in
vitamine etanninicheagisconocontro ~gonfiore,
favoriscono la perdita di peso e hanno un'azione
disintossicantesul fegatoe sulpancreas.
t'organlsmo unitoalla~dieontrastarela
ritenziooeklrlcaeilgonfiofe.
Pomodoro 1 sedano viene preparato con carote
(circa 200 grammi) 1 pomodori (circa 150gramm~. sedano, cipolla in piccola quanti'lil e un po' di
prezzemolo. E'oo centrifugato ria:oln vitamina
C e lioopene la cui azione è quella di stimolate
ladiuresiequindila disintossicazione e di dare
tonicitàaltapetle.
Banane e fragole rappresenta il classico centrifugato ricco in vitamina Ce in potassio che è Il
minerale Che interviene nei meccanismi fil!ttricl
SoccoditN3peravereacqJa,zucdlero,'lilamine.
potassio, magnesio, ferrn.iodioe antiossidanti.
Rafforzaleparetivenoseecontrastalaritenzione
idrica.PerHsuoeleYatocontenutoinlUCdleri
nonéconsigliatoaehi hal)rDb'emidipeso, Bisogna, infine, non dimenticare d'le ha una blanda
azione lassativa.
Cosa mangiare
Il seltan è ottenuto dalla lavorazione della farina di grano dalla quale \/lene 11$tr'atto Il ;tutlne che
è la parte più prolelca. Contiene circa n 18% di proteine e una minima quota di grassi. PuO essere
un sostituto della carne per chi non è intollerante al glutine.
ti btlrger di soia a base di proteine vegetali. lk1 b~ger di media grandezza apporta cima 16 grammi
di proteine, 4 grammi Ili cartlotdrati, 8 grammi dllibre e 6 grammi di grassi.
a tolu è un formaggio vegetale che viene ottenuto dal latte di soia. E privo Ili cOlesterolo e di
grassi saturi ed é un'ottima !onte di proteine, vitamine e ferro. E molto ricco di açqua e scarso in
conten~todisodio.
~:rlcco !llliwonod,tarii,**ldie-.i­
tMWA,B,C.Haprqx;et:éDTigel1l.ditn!tidle.
~ecti1fetta'lti. €pococalonco(cm.
10calorleperetkl~l!liCCO!I~c:on1ienepo.
taseio.lerto. aciclo tjic:o e viti'IWA. C ed E. a.e a
Lll'lbconc:eniazlonedi~iaicpiifaciclo
elar}coctept~tegger~dal·~
ITW"lele~~dioolestfrt*Jbas!oeraftooalsi-
"""'"""""""
RadicldiZII1Zl!I'O: stlrdalajJ'tl(Ulir:n!dsu:di!J1strdeMJtalldigesMMB.~Iivelodi~
Sollice pere williams ealbicocche secche
Cosa bere
ei-.Liletlettlbene&:::o!UfegiiD.
caroti: !J3ZÌilaLill!ileYall!DlbdldYitl'nfleBedE,
e !l rrnnl~umtaiBdfeso!! naflnledll LnWnt
llned~eclgUabone.
le proteine di origine vegetale, che sono più
digeribili e al tempo stesso hanno un minor
contenuto di grassi e di colesterolo.
Riguardo allo stress ossldatlvo e all'In
vecchiamento cellulare è stato studia
to e scritto molto, cosl come sul ruolo
dell'attlvlt~ fisica e sulla produzione di
radicali liber i. Il ciclismo, come tutti gli
spo rt di endu rance, comporta una mag
glore produzione di queste sostanze, che
alla lunga portano la cellula a lla degene
razione e allo stato di malattia. Qualche
piccola strategia alimentare può a iuta
re a mantenere le cellule In uno stato
di salute.
E i liquidi per depurare? Nella fase di rigenerazione l'obiettivo non è solo la rico·
struzione, ma a nche la •pulizia~ del rene
e del fegato: i due organi fondamentali in
tutti i processi metabolici che avvengono
a riposo e durante uno sforzo. Si tratta di
mix di frutta e verdura facili da preparare
che contengono anche vitamine e oligoe·
lcmenti.
Le proteine per ricostruire
Scegliamo quelle di origine vegetale, che sono più digeribili e al tempo stesso
hanno un minor contenuto di grassi e di colesterolo. E depuriamoci bevendo...
Quale energia
errato. Una cosa sono le calorie contenute in un
certo cibo, altro i modi e i tempi in cui tali calorie
possono rendersi disponibili per; nostri musooli.
Perchésottosforrolecosecambiano.Ecambiano
per i muscoli?
Ragioniamo a seconda dell'intensità dello sforzo. Il nostro esperto
ci spiega cosa possiamo o non possiamo mangiare per ottimizzare
il rendimento. E lancia una sfida ai team professionstici
U
no dci più grandi
malintt'Si sportivi
degH ulhml doom·
ni è quello che ha
riguardalO l'alimentazione in gara dei
ciclisti. Cè qualctmo che pensa che per
rendere utilizzabili le calorie nel corso di
una competizione sia sufficiente ingerire alimenti di qwlunque genere. E che,
come per magia. una volta immessi nello stomaco, tali alimenti si tras:fonnino
'
in modo differente a seconda dell'intensità dello
sforzo. Chi sta attaccando in salita. per esem
pio. è sottoposto a unosforzocardlacoplutto
sto e levato (anche 170180 battttVminuto),
che rende minime le possibilità nutrlzionali.
Chl pedala In gruppo a velocità di crociera s i
tn::Na i~ In unasttuazione dl minor lmpe
gno cardiaco istantaneo e ha una maggtore
possibilità di Integrazione. Più atto è nmpegno
cardiaco, meno Il nostro apparato digerente è
in g rado di processare gli alimend.l:altrava
rlablle è polla lunghezza deltragttto. Un'usdta
d i un'ora è ben diversa da quel punto di vista
daunaprestazloneda810ore.
Per non commettere errori in gar.~, prima di tutto
va capito cosa IXlssiamo o non possiamo mangia-
dio, che si prolunghi oltre le due ore, può essere
utileassumereZU«heridisciolti inacquaabassa
concentrazione (6% circa). fino a un massimo
di un litro/ora Invece, qualunque cibo solido
o contenente grassi efo proteine {le classiche
bal'11?tte) non solo non apporta subito energia
(è richiesto un tempo digestivo tanto più lungo
quantopiùrorteèl'lmpegno),marendepiùdiffi·
cile l'attività muscolarc,richiamandosangucvcrsol'apparntodigcrenteesottr.Jendo\oaimusooli
impegnati nello sforzo.
Questo fenomeno, chiamato "fi.1rto di sangue~
deve essere evitato. Della frutta molto aequo
sa (arancia. mela, susina. albicocca) può
essere un accettabile compromesso, se si
desidera assumere qualcosa di solido: non
Implica una digestione troppO complessa e
fornisce anche minerali, antiossidanti, vf
tamine, che nessuna soluzio ne zuccherina
è In g rado di offrire. In blc~ nel tratti lunghi
"· D nostro organismo possiedo (se le scorte e lenti, chi pedala è avvantaggiato dal mi
sono piene) una disponibilità di zuccheri tra
fegato e muscoli (sotto forma di gtlcogeno)
pari a circa 30 kcal per chilo d i peso. Oklamo
che un adulto parte per rallenamento o per
rescursione con circa 2.000 kcal zuccherine
d lsponibiii.Inoltre,dascunodl noldtsponedl
scorte di grassi pressoché lllimltate (150.000
kcal per un indMduo magro), che tuttavia non
possono essere utilizzate se non accompagna
te da zuccheri. Un allenamento di durata deYe
dunque prl!'oledere un consumo contenuto
delle sco rte z uccherine, sfruttando anche le
scorte lipididle. Ciò avviene se randatura è lenta
Se l'impegno cardiaco aumenta (e in salim è pressoché inevitabile) il consumo di zuccheri sale, e si
può andare incontro a un precoce esaurimento.ll
fattore che limita maggiom1ente \.a prestazione (a
meno che l'uscit<l sia molto breve. per esempio inferiorealledueoredi impegno)èladisponibilità di
nor Impegno cardiaco richiesto. Quando le
pulsaztoni sono più basse. dtciamo intorno
alle 140 1SO/m inuto, è possibile anche una
minima funzJone digestiva. Sono dunque toll001bili anche cibi :wccherini pil1 complessi come
i ge~gli sciropp~ il miC'le: SC'mpre naturnlmente
da deglutire insieme a un po' d'acqua Del tutto
errata è. invece. a mio giudizio. un'alimentazione
solida, o addirittura con presenza di componenti
proteiche o lipidicllc. No dunque al cioccolato,
alle barrette complesse, al fonnaggio. l.'utili7.7.o
di carboidrati complessi come pane e mannellata. biscotti secchi. barreueal miele o alla frutta
c rercali. gallette di riso. deve comunque essere
considerato un errore. Accetbbilecon riserva la
frutta disidratata.
Purtroppo c'è una forte corrente di pensiero che
vorrebbe fare utilirlareagli atleti in gara alimenti
come paninetti al prosciutto o barrette solide a
glucidi: un'intcgr.rzioll('zua:herina può dare bene- composi7.ionemisra (carboidrJti, protcine,gras·
ficiinpi"'Vedilungadurnla,.ricordandocomunque
sempre che sotto sfon,.o non vi è rischio di picco
glicemicO. come invece awienc se.si assumono
zuccheri mentre si è seduti sul d iv-dno (altarninte
sconsigliabile nella vita di tutti i giorni).
si). Poidlé l'effetto placebo (o di suggestione)
riferito a tali cib~ che la mente desiderd anlenteme nte. èiortc, vi sono persone che ritengono
indispensabile questo tipo di integr.Jzione se n·
7,a rendersi conto del fatto che può danneggiare
moltd più di quanto aiuti La nostra mente quanIl "furto" di sa~
do è ~tanca. e il"gb>e l'affdticamento muscolare,
Ma quali alimenti possono essere utili in gara c desidererebbe wurstel e crauti, pollo arrosto
quali altri vanno evitati? Sotto sfon.o intenso o me· con le patate, Uippa e fagioli. Ma questi cibi cc-
derebbem il loro contenuto energetico solo
diverse ore dopo, lasciando nel frattempo in
grande difficoltà rapparnto dÌb>erente, iOOipare
di gestire contcmpornncamentc la digestione
e uno sforw fisico massimale o prolungato.
Mangiare un panino con il prosciutto non è
concettualmente molto diverso. Si tratta di un
cibo che contiene grass~ proteine e carboidrn·
ti oomplessi: nutrienti che richiedono diverse
ore per essere digeriti. e che nel frattempo
"ballemnno nello stomaco~ disturbando la
prestazione.
Qualche tempo fa. dopo aver espresso queste
opinioni suffragate naturalmente da diversi
la~ri scientifici di recente pubblicazione. in
un convegno ricevetti una domanda da un
ciclista che mi aVl"V'd ascoltato con attenzione. Mi disse: fiMa dottore- lei pensa davvero
che si possa pedalare per diverse ore senza
assumere nulla di solido?». La domanda erd
espressa oon tale incredulità da presupporre
già una risposta negativa. Invece la rispoSb
è Sbta: «Si. certo». Chi conosce le dinamiche
di trasfonnazione degli alimenti in energia sa
che qualunque alimento deve essere immesso poi nel sangue sotto fonna di glucosio {lo
zucchero più semplice esistente) o di uno del
suoi derivatl Eallora che cosa c'è di cost strano nell'apportarlo direttamente disciolto in
acqua, risparmiando all'organismo un lungo
lavoro di trnsfonnazione digestiva. pernltro
difficilissirno sotto sfor-.oo? L'unica differenza è
la suggestione, ma una suggestione che si paga
poi carn in termini di riduzione della capadtl
prestativa a causa del furto di sangue perpetra-todall'apparatodigerentc ai danni dei muscoli. Lancio bonariamente la sfida a qualunque
squadra ciclistici profcssionistica: studiamo
insieme i rifornimenti da utilizzare in gara.
basandoli s ul solo apporto di zuccheri semplici (come ho fatto da medico della squadra
nazionale di ultra.mamtona vincendo rilutt:an·
ze e dubb~ e portando tutte e tre le speçialità
in quattro anni con l'aiutn di uno staff di alto
livello sul tetto del mondo) eOOCJTemo il massimo risultato possibile. Di fronte al valore di
un tale tipo di Integrazione. il vantaggio dato
da un chilo in meno di telaio o dall'ultima teoria di allenamento. non potrà che impallidire.
Provare per credere.
Il giro può essere l'atto ncl senso
della llero (oralio) oppure nel
S\10 contr.llio: «In senso orario
si può usufruire di sette impian·
ti di risalita. mentre nell'altro ce
nesonoqu.an:ro. Vuoldirechebi·
sogna pedalare di più. Se. invece,
decidiamo di salire in cabinovia
nel tour è stata così numerosa
che da quest'estate si aggiun·
gono tre impianti di risalita. Un
~aiutino" per superdre i 3.000 metri di dislivello
distribuiti nei quattro passi. l tratti interessati
sono molto tecnici, come quello che da Portavescovo porta al Passo Ponloi. L'equazione è più
godibilità del paesaggio e più divertimento, per
non parlare della sicure-aa soprattutto quando
affrontiamo la discesa.
Persclllerar.;l lngrlglla
«Le iscrizioni alla gara sono chiuse da metà feb-
Sulle Dolomiji in tour
"guidato" e (se d va)
utilizzando gli impianti di
risalita. lnohre, il23 giugno
c'è il SUdtirol Sellaronda
hero, per 52 e 82 chilometri.
L.:ultimo pettorale (il2012) è
ancora disponibile, battuto
all'asta per beneficienza
llhlvlaCaMiu
hto CIMIII prus
C
onviene partire dall'estate del
2008 per raccontare il successo del
Sik:ltirol Scllaronda hcro (\vw.v.
seUarondahero.comfit), la gard più dura d 'Europa che si corre il prossimo 23 giugno a Selva Val
Gardena (8z), c del percorso cicloruristico che
ne ricalca i sentieri. per lre mesi. .:La prim.1 volta
è stato dnque anni fa. quando siamo liusciti ad
accompagnare ott:lnta bikcr sui nostri sentieri
in una stagione estiva- spiega Gerhard Vanzi.
ideatore del progetto-. ~ nato così il Sellaronda
mtb tour. un itinerario che può essere pedalato
in senso or.uio e antior.uio. Quello t'rd un te!.1
per capire se i! progetto pote'Va funzionare, vistn
che parliamo di un percorso impegnativo. per
il chilomeu-aggio e lo sfor.ro atletico, ma con la
possibilità di usufruire degli impianti di risalita
braio, ma abbiamo messo all'asta l'ultimo pettomie: Il numero 2.012.che dà diritto a partire in
griglia a fi.1nco del numero l. Fino al 15 giugno
si possono rare offerte. Èsemplice, basta andare
l:annoscorsosiamoarrivatia3.000partecipanti
a fine stagione, meritodelrappeal esercitato dalla
nostrag<ara,cheoraèaiL.1tcrzacdlzionc.Quando
Si è svolta per la seconda volta ha futto da traino
allo stesso tour......
Si scoprono le bellezze di quattro valli (Val Cardena.. Val Badia, Val d i Fassa eArabba), rna rigorosamente accompagnati da una guida su due mote.
Untutorchccipuòaiutareasupcrarcitr.:lttipiù
ostict,chepuòintervenireincasodinl"C(>SSità(come le piccole riparazioni teo1iche) e che puòdird
quando tirare i freni per goderci angoli e scorci
panoramid di questo territorio itlSérito nt'l pa·
trimonio dcii'Uncsrn.
llbelloèchesipuòsceglieredaqualelocalitàpar·
tire, fra quelle intomo al gruppo del Sella: Selva
Ganlena, Corvara, CanazcL Campitello o Arabba.
su Facebook e inviare una mail Ogni volta si sa·
le di 20 curo. Raccogliamo fondi per Assisport,
un'associazione che sostiene i ragazzi che fanno
sport dai 14ai 18 amti. Tanti campioni ne hanno
usufruito. come Karolinc e lsolde Kosblcr. solo
per fare due esempi.
Questo ente ha un budget annuale di 200 milioni
di curo e quest'anno rompic 25 anni, siamo molto
contenti di dare il nostro contributo. OevoMamo
anche un euro per ogni iscritto,..
Al momento della nostra intervista, il 14 maggio,
l'asta per il numero di gara ha toccato quota 2200
euro. a C\li bisogna aggiungere i 2.01 l euro corrispondenti agli isoitti che si sono guadagn..1ti il
loro posticino fra gli · erot già a febbraio. In virtù
del tetto massimo fissato, come decidono di fare
sempre più eventi per offiire la massima qualità
dei servizi: «La crescita della nostra gara è stata
graduale, siamo partiti con 500 iscritti all'csonlio
c siamo al'Tivati a 1500 l'anno passato. li trncciato
prevede dei passaggi piuttosto stretti, per evitare spiacevoli imbuti e per tenere sotto controllo ogni situazione abbiamo deciso di arrivare a
2.000 partedpanti. Poi ò siamo detti, tanto vale
anivare a 2012 per creare una sorta di legame
con l'anno corrente. Allestire una manifestazione
in mtb è più complicato rispetto alla str.ula, non
si può andare dietro ai ciclisti in maa:hina ... Ci
avvaliamo di 300 persone e tanti wlontari. Scen·
dono in campi i vigili del fuoco e le guide del posto, come le assoctaz:ioni locali c i responsabili del
.,_...,
s...-........
.._Ili
..
Pldlln:
... ilnpllnl:...,.
DlllwiiD di
730 twn
DlllwiiDta1111:4.:B)twn
__
~di,.._
Clm-
......,~Becdlfbllls.seggkMiftldomdllnlJJa/
FortMeoorllo~f'aB.)Pmloi
Dlllltnlet:lll!na22,541Qn·:IU'%;tenllielt9,85km
·11,1'!1.; . . hi16,86km-11,9%;c:i:::tllble .......
4Jflkm·8,5%;aslllb3.55km·6,2'Yt;if1iddrilllll
9.73km·16.9%
,
~
..............
.......,.._501cnw53km
DlllwiiDdlpedlln: 1.31DivrV1.640twn
111111111Dtaiiii:3.5401'1'W'J..520
. . . . . . . . ~Cial'rciR:idiS..Gatii!IN
......s.o.
-_
- ---
DlltiCNci:*"*23.55km-43.2%;Sillllert7!Jjkm14,8%;11i91'tll2.84km-4.,8%;ct:*ble...... 8,37
km-15,4%; . . . 5,08km·9.3%: ...... drilllll
6.B3km·12.5%
in..,ntodal23gllq!Oa1& ......... ii....O
doraiodai30~11 1 6SIIi!rr0t
Prlzzo:llluuaperson~~diiS!IiAilnad
plad~e--glarnllilnPmati­
....
"-X18110t- GMicrMDsutk:tiesta.
.... WDnMziDnl: ... 001f777DJ
~ocm.-~
Vllla.dlnkSeM~dolllldotrist::odSelwl
Glnien&,•ocn/777'!1M,~
M la.IKDIIkldllbMig, ... 34&8430374,
..... Unii
blra--.,.. ...
347.8m531,
~tDuio.IOOIIicù
.... ~ f-U:bx;c.a. ... 046ilJ6IlllJ1,
Informazione Pubblicitaria
MediaSport®
L
i..-JloRATORIO DI S<::IEI\'Z.A DEllOSPOKr)
">~>..-hto.i.loJI\CN,...'Iolll~pùoJ.flt.:lk•••:CJhm:·b..,.ll.lf"Uio.lo.).
pronto soccorso in montagna con elicottero per
le urgenze più dcliclte. Ndla prima ediZioneabbiamo riscontrato tanti Incidenti. prob.lbilmente
pertht non si OOllOSQ!'VallO l pen:orsl Poi ~andata
dcdsamcnte meglio. e i bikcr si sono prescntlti
più preparati anche sul plano a~
Due speciali pacchetti turistici
I cancelli per Il "tempo massimo"
rega10asorpresa_Perinfo:www............_ll/?plgld•265&artld-1~
~ weekend "'Staft ID ~wo·: 2 ganl d IOgiiOfi'IO (da wenen11 domenica on
!luoghi attraversati sono iocanteYOii. tn:~la Hero
non ~ certo una pas:sqcg!.ata. Per ques1o gli orga·
ni:aatQri hanoo pensato a svariate solLaion~ con
stage di preparazione per godersi questo ten1·
torio nella sua Incomparabile bellezza e magari
macinare quei chilometri che migliorano la con·
di7.ione: «In ogni località toccata dalla gara d sarà
un cancello J>er la rilevazione del tempo, se d si
tr.msita dopo due ore rispetto al tempo stabilito
allora d si toglie i! pcttor-'lc e si prosegue da d·
doturistl. Abbiamo predisposto 4 ristori sia sul
lungo sia sul corto, con prodotti Enervlt Abbia·
mo prestato t<mta attenzione anche alrasslsten·
za tecnica, fornita da Shimano In quattro punti.
All'arrivo c'è il pasta party servito lino alle 8 di
sern•. Il nostro patrimonio natumlistk:o esplorato su due ruote, a basso Impatto ambientale.
Ma per questo i ddistl vanno ancor.~ un piz:tico
E
I"INI;,JkJ"'lplt~~'Thl.lo..hl:-.cfV.IIr..iiiJlPIR:In.A.""I-.tl~\!a!..:hc'P"'..O
Jle'UIO nef l»iar..!t) l..r111IUI"(di(~OJ 'f!'i'lnl\t) llmo.'lfl\\) rnno..IIJI(Ik pef~"\11 "~
d.J, .lUI'ltuirt .ad Un.! ~"\W1lU'U31 n.."t'fU di UM -.c-lb
a"n\::lll ~qut'\Q "IU:VI(Ine t
l'~~c:oiiOor'lzlonlc:ongl-dpnlml)ll)niiLI'*&, .. VOUOCDnlrtlurtii"IIWIIrnlnkl
utdc:i.""""
"*'
1n vista diii competiZioM c:ostruendo cM pec:c::heai
c:on uno l&lge
$11110 ..,_cl
pa. Sono due le PfQIIDSII!. PaccfwDI set~~m~n~M ~B«:omt a r.o•: 7 gionl cl10gg10n10 (da doiMna
a domllnc:a on 17); W'l'esaJrSIOfte ~ SeiMwldil me ti:U f-.z:a ......,..); urfiiCUt'litOM ~
Sllaronda hn
val Glniena l Alpi cl Sull:- fftlll; Selaronda ... day bille-IIW1;
lamìlartzaàon-
17); ut~'escun6one
g1Adi115ea.ondatlrero~tr:ur;YII&nena/Aipld Siull m1b lftiP; Selaronda bice dayblce-
sl*tregaiOitor)lfeSI..Perlnfo:www.~-265&.1rtk1•1n4&11ngdla.
'1T14Jbt'lft.. ~hl:po.~~...:dll.t.ortlap.1p..W0"'W'I('dei.:~<.INI \n~<b<.rudl
condo«J<biiW"'tm ~-)In ~~IMt~._..., ~'t'M~'~~ nc·m:a. \.1 t dcOOanclY
b'l'lbiiiV\~ ,.111~-.1.:. m.IJIUilN~UJW'l'ILI~~~lp\II•P.*JPalh~-.:h-a.
oco..._>lo•mkTm•n•dii..J;t'ruA""""'Il\l.fl\,j"',...AIUikiMifiiRII<WK"diun;a-.cncd•.:.anllcri..U..hclnt.b•idu.d•t'R'lh:nllimlol~<.* ,_...,,,,....,.,.udiiTu\olhnn<tdtlJII.._IIu.r..... pcr
,,,:qllnt' La -.:lb kbk: """"'•t.~~ f"''"'.:c lcnbtl\1. nu òlfl\.iw: ~ k"\.lllo...l nun~···:c
un n..WU..>lllllll\ollt. r~e:n.t.: i: n<obl~ht mp'hc '4"dulc di ,,.U,"Rollnmklnufl" puu~1:'llnr
'>Jri La rc;v.,'W'I(' o.ltl nlfP.• lkf!\• mo.>lll ..Um.o~t1Cflll Ou• P."'..wlll<l illkm\olrt '"-li'IIUIU
ctntladlt un nJCt<d)JlCf lll\bnu.-t r ....'IUl""1o.ltiLa 'l'ILI ..k'W'I('J ..Jk • ...-antn,..... ntdel
'''"JC
c..:b\Ut<ol-.~tt"~o,ulr>lll.'\'lllln>tr.a<'!~tmo.w1olo.'ll"-htdtll-.:.ùtut•OII'alltn'>l."'ht
~ten..:hl:dtll.J<tllòl l'n.~dJ;aftmnLirtnrldttl..tJho>ll'll."--romc1000o.l!
b\(lll)tl'oentl;,rt
olio.."'..flC'C(ln..xkrvMiflll'et.lllt~U!l.l...-nc'd!\t\.,1\ltnlll\UU!Oilllhtl"ll.lllh.inno\JO\AOUil
cducati.inakunicasi.Aimenoa sentirequeldle
riferisono alruni organizzatori italiani, che si lamentano delle carte buttate dai granfondisti: «La
coscienza dei ddisti verso l'ambiente è cresciula
Noi segnaliamo nd regolamento c lo ricordiamo
alla partenza che è vietlto buttare qualsiasi r1·
fiuto, oe consegue la squalifica. Cerw è difficile
beccarti... Comunque, è previsto un servizio di
rocupcro da parte dci ragazzi che tolgono la segnaletica-.
Qui la bici non è una nl{)da. ma un modo (scm·
pre più diffuso) per vivere a stretto contatto con
la natura per gli amanti delle vacanze attive. Il
giorno dopo, domenica 24. c'è USelbronda bike
day. la pedabtt su strnda complctamente chiu·
sa al tr.tffico.: «l ddlstl vanno d"accordo con gti
escursionisti a piedi. non d sono mal stati connit·
ti. Molti biker restano per farta. si pomno pure
la specialissima. Onnalll ddistl è un atleta potivalente. Si svolger.l anche l'&:o Sella ronda bike
day Il 23 settembre, è la settima edirlone. E éè
persino la mini Sella Rona hero per l ragazzi dai 6
ai 12annL Non è competitiva ed èlu~ 3 chi~
metri. Partono alle 9.30 dopo l grandlll c:asoo è.
oY"ooiamcnte,obbiif;rtorio.Nclp.lCC'Op;liÌCe\-000
zaino. cappel.lino e magliot. ~ una grande festa•.
fono.Lmci\I0'-41o.."lllll~o..-.>m.ll't1C" "nldl\ulg;.U' no..·ll.l t<lll\>nlkWil" pop:ll..rt. In pni!V} luoso
~..._ICnU!Il:illllCniCo.lllllt"''r.ll<ld"'f"ltdoll'llltl'l<lfllwlflll.lllfli<-.Jiol.Uil"f'P~"11..._.hul~<."tl
p!U 1.11];'<1 o.~h uonuno. nl<l ~.hc qut.""''' 1\ll'l&nlo."nln> ~ kf.i!u prl"\Jicllll"llll'nl.: ,_olia l.lt!ha dcll.1
JICNIIl~al a (Wtk.."l.111 ''"lllmt~ll n•lflnlo.~KI-..: o.lo.:ll"mJJ1k.luo 1\.--rt.anluJ..-.:..J.: 11 prirll:lplO
pcrl"Uilc..._.llcdadonn;~."'lfli' J>IUI..q:.l>t:"dlquc11cdiiUI."l"'·O.••.u•rnlcp:rlo~(XIItio.."\llarc
,-Uflfunnolnonc ddiJ lllllOI pch 11.J r IICI.'C•...Ul<II'C.IIIIJJJ\" 'l'Ile d!II('Tl"nh 1111 uumocdunna
11\.1 pcrmOII\'Il'ht <llllcn ....\liiOtLII.a l.ll)lhrUJ n~o~"m1.1 In \C<.Ondo luo,o Il wlo-.tudMJdrl
k~·~xu•.... h•o~u..htnonlo.ltnhh•.aLIL..rjthriiJo.lc:lb;...•no•nqu.mlòiJn~onu~
1\:UliOI'ItdeiJaptl\lf!UI.~n-...xhiK..rt~ltnlt'l'llttln-,j,llt.lllldell""'ul'''f""""""'J. \Lik
f!«'''!!'!I~) ~ llt'«">'-tnll k'i·ll\' 1;1 llll'>tlr:l dclb do\l,inJJ o.lfllt !'«'>Wllll 1-..;hiJIIl:ht ..JIJ O.:.l.('IJ·
.:~Od! mta7t<:•t~tdd tamu \olio• m~''''
1""'-~'•k--nt:re Ullo.l.ltolutlk ("tl.'r..:..p~re la
morfulo~Udclla -.eliJ.kk~llolt:l.lll nli:HI .,.~,·un Allnl ullplft.Nitc- p.M'""'llCtn>t XQ I'DI·X
un lllJll\\linJ.Io..~ \.ll!d.ln -...:~nllho.:;amcnlc dlC ("tl.'llllo."llc o.l1 o.l.:k."fllllllaJ"C un \Jiure Ilio le J
~·aptrc-.e •1"-'ll.l_l~"llilr...'I..'\.'-''Udl unflUl1K.ool:.n: ~J.dLI-...:l1.1 In (lUI11o.."\~.,or;:1'u~o.b...~ \Ielle
n"-""'"
~lmcllt'llllo.lllli\CI.vMifll."I.&Lir}:Jicu;ab.-....J.:oJ..:IIXk.oi"II.I,Llo;ll\"\lllfC'I'CI\o'.JoJella~-.N;\;I.C
l'mdulV.I<.lfM: o.ldl' a.'l.....: klfll!ll.ldm;alc do:ll~'"lll<ll\: n..p:tW aljtulùl..,hMl o.l.:ttmW ;~~~!lOkl Q !ln....UC1uAI.I1F61 Scmpbh,;.wkl•lp.~o.llf'tdlt1.w.bo.-c:mW..a'l'o.: ·t-.u!l~<.lmlot~KI
tr.lltl-.l<o:C:pcr~I.O.~>o.hUI\ill"'"l~ll"*ttl"wuic"""tro..-.:........,.,
'*"*
I'I<.'Jn'CR' ~ un.ll ....-fta ~"\~ lf\ICP'tt ll\ln.lftln
nib.-cnoJ.l k d!ITICI'No.... dd
-nr.._,- ln~~:nn~.-.runcn..' '"~''''"un \QI'òOF\~r~kntft'~ l.
U...>o.b~n~..._.lbdilltRflk:d.alpll.'lk~......... ,nll•nrro,;R101l '.t.-...,n;di-dlilniJI.tK...-:pcrqu:"LL•*"'Ifl..lo.i-...'lttdbl'Cil'<ifUUI'Ioi\.IIV.M11Cia..>.....0..
'<lltpcrn."'C'fl:if"tUNI\oNo.lo.:lLa.,.,_,j"'U..._'Ifllk l'n-.,,_...,~1\il(jli!Nll
n ...."'"'
bpllpofU~;A .... I\\.Il.nlnk\;lfll.l.pm.itno.lol"~'""''l""ht.lb.."\.l.t
~'m'ft!OOJ"app._IJP)òllla-...oia/l"ftaoJc:lll"nll... puh...l.ttlfl.ldtJl'\W'(XII'klll
ldrJrleila-...-.pp.-.urtbJ'ft"-'il<llltto.ldk~n.lmt\.'MI""'~'~Lipeda
L:u.l . ...t'oh.a"òUnJ'.òl~~.llk-ul-htnMmt~ld!mJ'"'mt),IOJ1ot
~'(lfl ma,...ml) IUrpT o.la!i fllU..._dl o.lq:h di'li >nfC1'1<10 ""'I"Ù\' IO J\dllll ptl" 111.........
~kft''fGJIIIf"'-"'TNCiltlo..~I'M1111111Cf'lllf'C
l 'XQII'llil':\..._....,t'l""lfll'l'l<l
~·:.Jado."fUJrCkl~lLciiJ...:lLI;o.lk~•""'-YI-.I!o..ho:nufult'f"ho:o.lo.:l
~-io.:l i'<toldlCn..~hultmii.JkXiilfll11 h.Ull10>-uhl<lUll.lr-.a.bo.:.llclior.foll'fiW"'"
ne. <h•lilll lCIIIcqtiC'Illu.iK.'l'o.l.! "'"'' '"'""•~'t."IIICdl .... ~,:1"'-n.: Ll-.;liJ
mal"tllltriW.,...:c.le>IWI\:di &~rM.IIllo: Ul1.1 ~h.lta. l ;dt\,l.l(n-.;:nlcallo
Sludtùun n.....,.,ual~"l.'lfltmo..-~.lcllt'l1dou~e\ludi Ull.l 'l'flt'o.II\.Ullfh"
parmnem. pt"f111Cf&crjdJ mW•Io.lu.an::qu.llc IIJ)l"'-lj:l.ldl 'l'II.J~ pm lllone.1
adopll ~•fl$0ko.1tkw Kr'-1111.1 '<Tilf"tto.l•llK•k,Jor.....nl~l'<lno.:ctlll'\llllJlk•
'ltnp.:,.htnPltllLc~"Jil'III\"''Un.:httjl.ll""-t'tr.•IJtn"'~-r.\,ullplWI"""fl"'
);h '{'YII\1~"\'IIHCilC
h.J 111,...111 nd lntU.Ill"-ll."fllllll,l nlk"lll.VMIII.IIc.
Jll'l.lf"''l("tl.'ll.:l\èdf..'O\.Ulllli.JJI,I'Cnlllfii.'Cilii.._..LIMU'Co"'..._'I".VIUIIl'lll
wwne ]·._..,..._'l'C unLc~~•> ..W ~,-;anlllt,ull~ll' "~'~l'"'"-""......,' .kL•r.lll' ~h
-.lnnllCllh .ad ~-....._l t' !11111 \11.~\~..-..... '~ILI I'II."Ù;I ..UUIUIJ ~ o.Jo.l.! un 101'\001
'<1/.;11'110 .UIIbndo:'a 11\dlo.l 'f.'C'llllo."!lt.lk: 41-""'"0 n"'"'"') ~ur<.>liim• n-..ul
tlllmli:munldi-...ill..t.u.ll'fle~l~l'f'i.-ll\11
Il 13 maggio, i portacolori del Gs Scott racing team
si sono aggiudicati i primi tre posti del lungo, davanti
a Serghey Mikhailouski, vincitore delle ultime
due edizioni. Fra le donne, affermazione di Sara
D'Angelo. Il maltempo ha ridotto le presenze,
ma nulla ha tolto a spettacolo e divertimento
Di U•berte Llcchetti
U
n palcoscenico sul monte Carpegna: è la suggestiva salita
del Cippo, teatro di celebri
sfide degli anni Settanta c delle fatiche del
grande Marco Pantani che qui preparava le
sue vittorie. Ben lo sanno gli organizzatori
dei ..Carpegna mi basta" di Carpegna (Pu), che
quest'anno hanno voluto rendere solenne la
manifestazione: per accedere al tratto di cronoscalata i corridori dovevano transitare su
un tappeto rosso e passare attraverso un finto sipario dove sono immortalati i protagoni·
sti che hanno reso celebre questa montagna.
L.e immagini di Marco Pantani, di Eddy
Merckx. di Manuel Fuente che si stagliano
nell'aria, uomini che hanno fatto la storia
""'~
==================================================~ g
t:II:USMII
l
~
del ciclismo e che ci ricordano che lo sport
è grande-tza, sofferenz.1 e talvolta dramma.
Anche per questo la settima edizione della
grnnfondo mtb di Carpegna non è di quelle
che si possono dimenticare.
A suggellare la giornata da ciclismo eroico
hanno contribuito anche le pessime con·
dizioni del tempo: una pioggia sferumtc c
continua ha reso viscido c fangoso il pcrcor·
so. i corridori erano maschere di fango. Non
tutti se la sono sentita di partire. All'appun·
tamento di domenica 13 maggio, valevole
anche per la Frw Tre regioni e per la nostra
Gran Combinata, e rano iscritti in 666 e altri
si sarebbero aggiunti il g iorno di gara, ma le
avverse condizioni atmosferiche hanno scoraggiato molti. Cosi al via erano poco meno di
400. Per ragioni d i sicurezza gli organizzatori
hanno ridotto il tracciato di 6 km in modo da
evitare un tratto particolarmente scivoloso.
ma questo non ha tolto nulla allo spettacolo
agonistico. La gara è rimasta impegnativa,
soprattutto nel "'lungo~: pur ridotto a 36 km,
prevedeva l'ascesa dai 748 metri dell'abitato
di Carpegna ai 1.415 m di monte Carpegna
con pendenza massima del 18%, seguiva
poi una lunga discesa molto tecnica, quindi
la famosa salita del Cippo Pantani (2,5 km di
strada asfaltata in cronoscalata) c la difficile
discesa del Condotto (6,6 km in cronodiscesa) fino al traguardo di Carpegna
La parola al protagonisti
Alla partenza troviamo il plurivincitore del·
la corsa, il bielorusso Serghey Mikhailouski
(Asd Gs Mondobici Fermignano), che si è
aggiudicato tre volte questa gara (sue le ul·
timc due edizioni), capeggia nella classifica di
categoria Frw Tre Regioni e gode di un certo
tifo locale. Ma quesr'anno trova pane per i
suoi denti. Già nell'ascesa al Gpm di monte
Carpegna si mettono in evidenza i portaco·
\ori del Gs Scott radng team di Albino (Bg) e
Mikhailouski è costretto a difendersi. In fon·
do alla discesa, p rima dell'attacco della salita
di Montale c poi del Cippo, la gara diventa una
questione a cinque: l quattro portacolori del·
la Scott racing team, ovvero Daniele Mensi,
Igor Baretto, Pierluigi Bettelli, Juri Ragnoli,
e l'alfiere della Gs Mondobici Fermignano,
Serghey Mikhallouskl. Nettamente staccati
gli altri. All'inizio della cronoscalata del Cippo
transita primo Daniele Mensi.con un minuto
circa d i vantaggio sugli altri tre compagni di
squadra e Mikhailouski. !':: sulla suggestiva
salita del Cippo che si decide la corsa. Mensi
aumenta il vantaggio e diventa il dominatore
della corsa; si presenta solo al traguardo di
piazza Conti evince a brnccia alzate con oltre
due minuti sui compagni di squadra Baretto
4.Gaviani Filippo (Pedale Cesenate cicli Ner~ 1.42.48;
5. Satvetb MIChele (Spacco ASO)l.43.48.MIIII Elarlllntl: 1. Arbore Kevin (Superbike team) l .08.50 (md
10,46):2.0e1MedìcoMauroGcdPolisportivaMorro~allese) 1.09.10; 3. Seoesi Leonardo (Gcd Polisporti~a Morrovaltese) 1.09.12; 4.TorciantiYuri (Superbike
team) 1.09.31; S .V"Mani Alessandro (Gcd Polisportiva
Morrovalle-se)
e Bettelli. Mikhailouski, quarto a quattro mi·
nuti, impedisce il poker alla squadra bergamasca. «Ho attaccato subito assieme al mio
compagno di squadra Ragnoli ·ha commen·
tato Daniele Mensi, 23 a nni di Botticino (Bs] ·.
È la prima volta che partecipo a questa corsa.
Sabato, mentre provavo il percorso, ho avuto
modo di ammirare il paesaggio del Carpegna,
davvero molto bello. Domenica però il clima
è cambiato: il maltempo ha reso più difficile
la gara, faceva anche freddo».
Fra le donne bella affermazione di Sara D'An·
gelo di Bici shop, che ha superato per distac·
co Daniela Stefanelli del team Cingolani Trek,
entrambe soddisfatte e sorridenti al traguar·
do. Terta è arrivata Roberta Monald lni e solo
quarta Barbara Genga, vincitrice nella scor·
sa edizione. Nel percorso medio (tracciato di
Z2 km, senza la salita del Cippo) ha prevalso
Agostino Mazzoni (180 Bpm). che ha superato sul traguardo Simone Rossi (Mtb Duranti·
ni). Fra gli Allievi si è imposto Kevin Arbore
(Superbi ke team] per distacco.
Hanno tagliato il traguardo 292 biker, non
pochi considerata la giornata. Un plauso a
chi ha portato a termine q uesta dura prova
e ha contribuito cosi alla sua riuscita. L'orga·
nizzazione, tuttavia, ha saputo fronteggiare le
avversità e ha organizzato al coperto il pasta
party.
Sara D'Angelo è la vincitrice della categoria
donne e centotrediceslma assoluta nella
dassifiC<l del lungo. Ila accumulato un certo
vantaggio nella discesa dal Carpegna, poi si è
d ifesa bene nella scalata al Cippo cd è arrivata
al traguardo vincendo per distacco. imbratta·
ta di fango, ma per nulla infastidita. ha posato
sorridente per i fotografi assieme alla seconda classificata Quando più tardi è andata sul
palco per le premiazioni era in ordine e non
si leggeva minimamente in viso lo sforzo della
giornata. E dire che Sara, impiegata di anni 31
di 1-lalconara Marittima (An), fino a tre anni fa
non pensava d i diventare un'eccellente biker.
Anzi, non le piacevano affatto gli sport faticosi. Poi ha cominciato a pedalare con gli amici
e ha scoperto un nuovo mondo. Oggi gareggia
con la squadra Bici shop di lesi e ci sa fare.:
«Preferisco le gare a tappe e quelle dove la
fatica è estrema•.
Un'altra storia interessante è quella di Matteo
Fabbri, che voleva vincere, o almeno essere
fra i protagonisti come lo scorso anno. Non
è andata cosi per Maueo Fabbri, atleta di 25
anni di For\1 che corre per la Staffbike 2000
di Castrocaro terme (Fc]. Nella d iscesa del
LI Dieci CDIII è di BazbeiDI l Gllltlli
~ Alexander Bazhenov
il re della 28esima edizione
della Dieci colli andata in scena a casalecchio di
Reno (Bo), lo SCOfSO t • maggio. li russo ha scritto
Il suo nome nell'albo d'oro dopo il secondo posto
del 2011.
Al secoodo posto il polacco Hubert Jacket Ktis,
vincitore della scorsa ediziontt, e al !erro il grandtt
protaoonista sfortunato della giornata: il bielorusso Anatoli Chabur'lla, autore della fuga più importante della corsa e raggiunto sull'ultima asperità.
Quella di Montemaggiore, ormai a pochi chilometri
dal traguardo. Quarto posto per l'altro atleta russo
VladiSiav BOfisov. Quinto, primo italiaoo, Stefano Nl·
caletti, vincitore nel 1995. Saz:heOOY ha completato
1154 chilometri del percorso In 4 ore, 7 minuti e 25
secondi, alla media di 37,1S kmh. •Un anno fa quel
secondo posto mi a~e~a lasciato l'amaro in bocca
· hacommentatoitvincilore ·.
Questa volta ho cercate~ di non
farmi SOfl)l'endel'e. anche se sapevodiaveredavantiuoocorne
Chatlurka, che ha fatto grandi
costt oggi alla Dieci Colli. Ma
evidentemente questa volta
eratamlagiornataeoesono
felice•. In campo femminile ,
successo per Claudia Gentili
In 4:30:22. alla media di 34,18,
davantlaltariaRinaklieFior1n·
da Neri.
Gl• ntoiMio uomini: 1. Aiexan·
der Bazhenov (Aitopack-Pro·
motek) 4:07:2S(37,1Skmh);2.
t/
Hubert Jacket Krys (Cicli towaro) 4:08:50; 3. Alla·
toll Cha.burka (Cicli Maggl) 4:09:14; 4. Vladislav Bo·
risov {Team Guru) 4:09:37; 5. Stefano NìCOietti (Max
Team)4:09:39. DOMe: t. Claudia Gentili {Prestigio
Royal Team) 4:30:22 (34,18 kmh); 2. Ilaria Rinaldi
(Parkpre) 4:36:20; 3. Florinda Neri (Somec·Mg.IC)
4:38:56; 4. Marina llmt!f (RSVRaffeisen) 4:41:04; 5.
Maria Cristina Prati (Cicli Matteoni) 4:47:25.
Medlofondo uomini: 1. Enrico Saceomanni (Cral
Vigili del Fuoco Genova) 2:10:43 (38,10 kmh); 2.
Riccardo Nicotra {MG~K Vis Gobbi) st; 3. Gabriele
Bttnedettl (Vlglli del Fuoco Genova) st; 4. Massimi·
liano Grazia (Max Team) st; S. Luca Allelli (Santar·
cangiolese) st. DOMe: t. Ilaria Lombardo (Vigili del
fUOC<l GenO'Ia) 2:21:26 (35,21 kmh,); 2. Marina lari
(MaxTttam) 2:28:44; 3. Michela Gorlnl (Fausto Coppi
Fermignano) 2:30:24
LI Gf della Venaccia a Krys a Riuldi
Sono il polacco Hubert Krys e la fiorentina Ilaria Ri·
naldi a conquistare la Yittoria della Gf deUa Vemaccia,
a San Gimignano (Si), ~ 6 maggio. Ai compagni par·
mensi Enrico Saccomanni e Ilaria Lombardo la me·
diofondo. Con 1.500 iscritti, 1.350 partenti e 1.150
arrivati, la manifestazione si conferma una tra le più
V'
Allopack Promotech,0-4:21:19; 4. Burrow Jamie, Cral
Vigili del fuoco Genova Punto sport, 04:21:19; S. Bo·
riSO'I Vla<llstav, Team Guru Piane! X.
Donne: 1. Rinaldi Ilaria, Asci Parkpre Giordana omt,
4:39:36; 2. Nisi MariaCristìna,Asd Max lef~, 4:58:21 ,
3. Oini Letizia, team Cinelti Glass'ngo, 5:07:34; 4. Ber·
graditttdellaToscana.ll polacco,portacolori delta ci· toncini Claudia, team Ma9Qi Frw, 5:13:44; S. Dol)ak
CII Copparo Ancona, mtedavantlalplsano Leonardo KarenAIICe, Gs Cicli Gaudenti, 5:18:42.
Pinluotto, alfiere del team G~u Planet Xe allltuano
Raimondas Rt.msas della Gtdd Altopadt
Promotech,giàvincitorttdlatcuoeprovedeiGirodetGranducatodiToscana
Molto ben riuscita anche la randonnée
· rra Vemaccla e Sagrantino•, capace
di portare alla partenza, alle ore 18,30
d1 sabato sera, ben 30 randonneur,
prontieattreuati peraffrontare i 420
Chilometri del percorso tracciato tra
San Gimignano (Si) e MontefalCo (Pg)
e ritorno.
Gnlnfondo uomini: 1. Krys Hlbert,Asd
cicli Copparo Ancona, 1 04:21:18; 2.
Pinluottoleonan:to,teamGuruPianet
x. 2 04:21:19: 3. Rumsas Ralmondas,
La9Fosa.15e:sinadzlone.sl6svoltaa Team) e~
s.m l<lon"cJ
tngoli(Mc)l29api!.I.NbellgiiCIT'IID<I(Kb'n'JorreoAIIl,lales1l · s&ata~
SOiee~SII!Jiiestirwet.r'note$01
fcnklddpen::cnaCiassic:cl47kme1.&60
11'1Rtd<ishelocboemolloveloc&Sit
tegtStam
I1!CUd c1 prtiWt
1.17ti!l::lti..Gesli'etribikefeac:comPI!Jtabi he mes:so 1 M Pf1M U&l ..
SNln Of9iiRlZIM dii G&. . . bN
rlmi!SIIOO
ctmCilgoi.C:est~t~gnvntali'IIDirl
dllprW'IZ'Odeisaporl.._servikll<*'ca
t.800penone.
a..oeue. -.diii: 1. .tm~y~IMI..IIN
Jllid. Qft TorreWII - . unm: 2. R.pl.bi,GtSc:oa"-*'''t.n.2.aU7;
1.......,.. ..U::C... Tewn Qngdlni Tnt.
Ul6..t 1; ec.v s-.Jm ..IIR.
TclrrNII-.
2.01l21 ; 5. BlrlaD
4.
~
lgDr. Ga
di~wastoediprmss.no~ ScoURimg~2.04.37
lintl:s:smglllldEMI.Ihter23t .............. ~ t . AncnM 'Wn.
pr1SI!IIJIIiiCngaiCQ'Iben50onneBill.
Pr** Telm, 227.16; 2. ~ Qn,
l*l~baDdpnnidlehlba~ZaQ~tar) ffmfdryRac:hglelm.2.3l57;1~
pn-piùft~dignoonconti'Uca- 5a'ldra.K1m~-2.l&.l6;4.Pel­
~ In testa.~ che
si zaiSoi&,IQm'breoAIII-2.40..03;S.S.
nfcrmn:I.PoihmOI:r't'OIIIrgon3: 11ne11Dwlle6a.Tewn~Trek,2A5.16
~Ra!JdediQII(Minll
lilder231rnirp,chem.stlleggennenle~ll'iriziosl6
rifamsoaoin~lll1
dltestasisonogiocalìlavitklril
d'dtma salta che r1Jor'm.
Cìlgoliedaltraguardosi6presentatoSOioAmaya,segtitll
pocopiùdoominutodaRaliJloli
e Sltlitodetro daVastnrta.ln
~fmvrde •stata laRus·
sa Yera ArOeew. (PnAek Team) 1
presentnisoltariaal~
oon81T'ftiidivantagl}oSJEie·
na Gal:klcft {Fnn Fd:lry Racing
Carpegna ha forato, anzi peggio: il copertone
posteriore si è tagliato, gara compromessa.
Ma sono cose che capitano e la sua passione
è inscalfìbile: •Mio padre era campione di
endurv e anch'lo desideravo correre su due
ruote. ma mia mamma non ha voluto farmi
gareggiare In moto cosl ho cominciato con la
mountdnbike•.
~
L'organizzatore fa Il punto
posto, a non partire. •Bisogna sapersi accon·
tentare In questi casi ·commenta Marchinl· e
rallegrarsi che la manifestazione si sia svolta
senza troppi infortuni. C è stato solo un caso
serio, che ha richiesto il ricovero all'ospedale
di Urbino. Per i soccorritori non è stata una
giornata facile. In cima al Carpegna c'era neb·
bia e pioggia, faceva parecchio freddo, ta nto
che un ragazzo ha avuto una crisi dllpoter·
mia. Non si contano le scivolate e le cadute.
ze•. L'organizzazione aveva predisposto un
servizio di slcurexu ben articolato: quattro
ambulanze dislocate In vari punti del pcrcor·
so, tre jeep, varie moto e soprattutto un punto
di primo soccorso per curare l feriti e da qui
eventualmente trasportarll In ambulanza o
con l'elisoccorso all'ospedale.
Ci ricorda Marchi n! che il soccorso deve par·
tirc n prima possibile, la tempestività può
essere determinante per li mitare l danni. Per
Una giornata nagcllata dal maltempo è quan·
per fortuna quasi sem pre senza conseguen-
questo è stato hnpieg.lto un gruppo di soccor-
todi peggio si possa prospettare a un organlz·
zatore. Ma Marco Marchi n!, presidente della
Polisportiva Mirk.a Santlni che ha curato la
manifestazione. a fine glornatot t! mediamente
soddisrauo. Certo,ll numero del partecipanti
è stato al di sotto delle aspettative: erano at·
tesi un migliaio di biker alla partenza e le pre·
visioni sembravano rispettate fino a qualche
giorno prima, ma poi Il maltempo ha Indotto
molti a rimanere a casa o, già presenti sul
ritori specializzati che sorvegliavano il tcr·
ritorio. La manifestazione ha richiesto un
Intenso sfor1.o organlz7..atlvo, ma le ricadute
sul turismo sono certamente positive perché
queste iniziative concorrono a far conoscere
le potenzialità del territorio.
Per esempio, la produzione locale di prosciutti: sabato sera. all'ora dell'aperitivo, a
tutti l prescnli ~ stato offerto un assaggio
del gustoso prosciutto di Carpegna.
aP:e~ilc:rMperiiMntlonSenf'tle9'n:ldll
6ltla!JijoiQIIblTadnDN,~IIto'l~·
dlllo!anelfn)d1el!ll111111111:lame~~
c:omrd:II'IIIICIIfW'CtjglnS..O'Mge~Gc:on .. ma(lle
Mlni'IOn.l..htliiX:ii*>ITIOim!C0111!'1dedif6kmoon1.850 lniOOdlllldlrtii!IUT01Iehllenge.tl.ll~clsDc­
met1ddiiiiYeloJNdle .. lllalodecisanentelemedee, c:odei'NefSII1&
sporMGsANGulttlllclno.nVIIdoc::c:m.tenaPM ctove.f•P"OI'OelaRatxiJri~CJB11_.,.nel Aaatue~...-...: 1.
(Tfek D9*riJ
ad~deiiiiTlll).l'Md:I.OI'gllrimkldll~
di!lrlATtr'llehllengte~lllllnodllbclld.Pir-
mandodllll"fk.a~P!$1•, truc:ilblt:Sim*'Si~
.,........AIIcb
2.SO.t0;2.B*U:dMnc~AaJIItSip::ne92.51.»;
twa *are 9,.lJ 1111 pmz~ Fldlrlc:o 1 d s..lltlll"ho dUi.AIIpRI'!Za. .. SIJBih rna'thgmad'ldstnlla, :r'Miux:i MM::o(hkCfngollrit 2.55.t 1: 4.la.r9i5m).
aii$CI!I'Opllcalb:X:aflea.Q-c:a""'**'-gl,.. TnkQ9:llln.ipntasa.Mii'IRIS&a~llllgn ne~GIMI:n))llc4257.32;S.fllx:cheai~(hlc
dlelaWIOscellodpeclllnUpenxnoCDr'0.291moon ., .... prme--.maUkloggliMvacUnat:ei'l QV*10101.14
""ctst.d:ld850nwl.l_.... .. ..,dsldnl pille,dDpod151meragii'ltvloonPI)d"""*'*'d ....., .....,.._ 1.11Mg~:t;J Sn~Bid Shopt
tl!n'CIOctnentandasisalperanoMni'IOn.Oc:diptlial _..,sur.n~il5e9*fttma:ldac81alleti 15521; 2.Scr.molllni~IAtd"-dal.1Jer114.02.55;
$dperanollnh:r\rhollloepàla:rto,....•"* taaJIMII'tiOBillbXi.IJignlenW'ri'* haW!*!Sidllal 3.FftlliDilleai(AsdlliCIShopt4.13.01
Mettetele
• l!I:!:!:I!ZI:IIZ!=z:II!Z:'I::IIII"'r::.
~~ in agenda
..,...._...,.,cN..,..fll
........
"' ....
.,..........,.,o
Atestino superblke
-
'"""""'-
. . .ill:riliaiK?3tLCJI)
...._ _ _ID"Ialbn:n,.allbbll
~ T5
.....,...._ t:r*.llçfnb~
C.. ~a.ajlm.Sglt.9"d.XIUI
0111~,_-CI'gi'UilO"etll
......._.,_...,cn10
~~G;rlCDrb'd~Octml.
h8~'*'1!1:1~-
IO.:
A un •1 Pletn
lt•••
Vl.:~.n:=IJ"
O!JQI"J::c&-m:XJ""(Jl'tn:""
~ J (JCI<&l.,..,ei«Xl..,!i
No.... llarat.w. WJII
~ ... ~.::rtr.fu.)>•\
f'l i <D-.aJflbti. . . O~
,.. . . ~~lntllk'll3l.9
A, ,___... s..~
a..c.,~: FWOII~"'
....... s.IJSd~•~totllllmZ,.4
A ....
:0-....: S.Q.ai-2S.4km
......-.P41mo
f0'3. '11lrftlta Ylttmd
~....Sfl«TS/IC'WW'~
~•rulllS.uJ'e
iOI --.: f'ln::Jo~Zl.i""W
~ GcOfl"'ogtt«a,
fax 0383/2~ 1 16, .,_.
9(dll\oogMr<~.org , inloO
s~~~rt,=%~
---f'\1
gcdll\ooghfro~.org
flllllllllliftc:rllillla....,..,bt
CQU'I\Iilt-4l'OI:abp'd:lcq~;~~
Dllll----17 . . . .
~.....-....: (m~Cdl'no,
Ql'rp::nit)..atlltB:I&ri:ni!,
lllrill~ 15{110'0
COIIa::f)e.JOfl"()al15~«l
ftltl,.,316~!llo.ro
....... ~
~~-~atll.bnl.mt9
àlelrlaa'9l~
"""-
tmmtlroli:l.cnbll:a'l
IT8!Sl7'00111:l:OOCXX8498421l2
~....,
.,... &fi._.AIMJid• tv~
J,J!'WII .......... ppr~;(jO'fi...,
d~r:a:xr-tltbl-OJidl
r\ rpt'Qtw:naf'I(JUCiJtlCCI
~'»!ri!QIIIU•..COt!tlb'
~...,___.. ~ci!IA!nal.
IOI-
- -·
___.,.
OaANPONDO aTRADA
Granlondo Bellunese Rldley
. . . . .. .
.,..
Cllallll......_cmCorrtnatb!rro.
()a*>Dizi:Jo.On:Uio~.lJmdcro,
liod'Ulmlll
1/h••runu•afl.. .._..,
1 '<\QU,..*"!i l>:flo'lo*'~~s
:l~e~lfN"Yill~
,.....,011Pn::tfl71r1•1M6Z.S
o-c...t _,àiiPrraOICI ..
'-Iifl:wa•Bl9"'t.
-
VI segnollamo
A&l('rrl!:ntlProi::Q)locmt.crto'lt
ll't:O'Iepoll\l'.\h: J '""""''.ft
-
__ _
-·
.,..._._NIJo,d'gf.Ml
~-~432035
..-.........,
SOOI::oft,bt0424147'02S8,
t:mi::ot:ma'b.axtetm
tiJlllt4001311llDJ120m40
~W.'II't.
...... --*8~
MIXIIIIII~milllax
ll.lll~all:lgtVQ.l:le.ro
l'artlnD: WlVIa.IJ88.JJ
...
,_,,.<JjJJWallJl!
co.: 20wo.-oal31rn;;w;t27
-
Silln
.. .-.tot"'l)''
...,.
-
~M:IQm)tltJM.WIIIfWnril
82-l)!VJ5QD8~-
. ............CJihhall~
.--N
DIM........ 19i11Jl*12012
Cklaci.........U11nlehll!rQamb.
,.,.._OIIaa;ilof'I,...._.OIIl3)
e lb'rlrnl0111117;1)1119
~MIXII.I~
~\ld::lctbJ\J'd:),P0l23
~Pm't\CXIBn:aFq:òra~
f\d.o:),10-00134PO'd:l""
.34M310415,
~kr.iJei,COibrl
lmloe ctftNiab!JSI.b'G
fT21 R~Em:JJVO
<DXXlm1352
••~oe-t'RiilttO
..... llatlblt 1911P*!
COIIIII:201Ut18'1011610J511,25e.IO
nol18ao:-,:JleJOigorodellgn
~~lflllrb!ll.lll
pedl&aecxtQcal5a.ro
d!f'Mnl:lp:QITO't).dl~an
,......i'lllld.W.oe9.ll
ID*otB'an:lretma:~
~Chpi.Glep
......-...-la pea:nzmt\III'Mia
t..=_lliillltMtu
r..- ISUD!*~IId~-­
......-::5-.ohlllgiO'O.
»UD«nwoiON"O
..,IXXI..._,9.15a19
----
O•ANPONDO MTe
Mediolondo del Chiascio
. . . .illoldri:.triiJICIIOgt.q'OIII9
VI segullamo
flrU':Jl
...,IA; t lol1t'"-t..r:t.
ftllXI~n:dl!rnll
~'U'e iStt'leol~
<x:nl~t.rrtaaoo. •
~rCIIItllo~w t"
·''"llrtfJ"P.);&:
~PJIIU' . . . .
.,..t'f'.D'Il
·'"f'rlllliiT.Mlff
lmo'O'I,..Xlllll*mllbn
• .IQQI".Jlu.ri!II<Dll
I'I)(<IJJl~rCI'I\lJII'-*
O/l"lQ&I'I!I2C c.rnJmdl!i
lO- b8!JISirll)ecp'olrn20~
:o..a.: Sa&l~·lm3l.uttem
lmS.pn;Lrralall'i,pn;l.n'llll:2lPJij
~~~~·:rn!&:.
iOI.... sall~lrn:Jl~
~ k:JJMR:Iér'OtN,
<M"i1Nrnv}o48, 00li5Mnim
Gl Monte Pegiia •
r 1ro1eo 11 presidente
f'\t,f.'elsrro:mt5007710.()h)
.._._,..
mtì1 797'6.1Fitl:l~1.
~10rp8Larn
w.wtJm"mlilltll.~.cxm
MIIIIIIIIIIKrililn:9J~
DIII ..........26II(Jitl
~·....--IJTbll~c,d!
'INNf~~me
,...........,..tx:riat
txn:a1).Cldaltm
IT71'1'07001Q:lllXXOlì3641500
llnr*ltllcltdolt 2581fJlSkloe12,
sctli"itnlcdel4ale19
COIIIII:25atOfmoi25LQkl.27e..ro
~ 15euo
,..._m7-7.45alat3D91,
b:le!lro1118St*lallal~~.tre8.lllilg:ra
WI'#NfllW048.00li5~1inamN ~MJ5d<m~
..
101-
:::=t fi'OC'M t
..
.... ~
CAJit!OifiW.f
~e-
fW
~\i' ~
CYIAt
RICIIS
'"OSI
il
~ '~
~
"'"'"'
CAJINOJUIAU
= SPAJIISI
fEOWTIII
hi::
•
pto/090
.,.,
~
smt
.. ICITIIIIUAIII.
•lii35151D· [email protected]
La Granfondo Smeralda è tornata
Successo per La Garibaldina
Il 22 aprile è andata in scena, da Golfo Aranci
(Ot), la Granfondo Smeral da, dopo un anno di
assenza. La gara era valida anche per Il Tour
d'Italia dell'Uisp e per il circuito lntcrforu.
Sono partiti drca 500 agonisti c un centinaio
di ciclot uristi. Il v1a è s t ato differenziato: alle
lO è partita la griglia dci mediofondisti e dopo
un quarto d'ora ai grnnfondisti. Pur in assenza
Labruzzese Dallidé Torosa.ntucd, del Cc M{"lania, è il 11\ncitore ddla prima edi:OOne della
granfondo Gp città di Mentana- La Garibaldina Memorial Amaklo OccolinLsvoltasi a Men13na
(Rrn). Lcx prokssionista. che ncl suo palmarés \1311ta tra gli aJtJ1 suco:!SSi il Giro dclla Scrbla
e una tappa del Tbur del Sud Africa. ha auaa:ato quando manca11ano dnque dulomelli al
tcnninc del 135 pnMsti Irresistibile U soo spunto che ha lasci.'lto sul pedali l compagni di
ftq;a. La l~ d'onore è andata a Carlo Greco (team TereroJ)che ha regoliltoin wlata Maneo
Z.:mnelli {Parkpre Giordan3). Nella mediofondo si è imposto Mattco Cecconi (team Tcremi).
anche lui solil<lrio al traguanlo e GIJiaC"C di reggere al ritorno di un gruppetto di sei ronidori
me fino all'ultimo ha cercato di riagguantarlo. Secondo rex prokssionista Sti'f.:lno Colagè (team
Ga.Uu:zzi Acqua e Sapone). teno Diego Nuti (Dopoi;M:roAtac). Tra le donne nella granfondo
lllttoria per Ek-na C3iro(Asdn-am). mEmtrè nella medioklndosl è imposta la sua compagna di
squadraRobertaGal\'al\LOitreailllncttorl.stiD'dellagiomataèstatoFrar'lresroM<&>r..
di salite di rilievo, il dlslivtollo complessivo per
l gr.m fondis ti ha superato i 2.000 metri nei l SO
km préYISii, per i mediofondisli si è arrivati a
circa 1.000 metri In 108 km.
Nell'ultima asperità di San Pantaleo è andato
via il sardo Simone Tola fEurospin ~rse Coppi},
che non è stato piU ri preso. Giungeva da solo
al traguardo vincendo a braccia alzate mentre
~~~ ~~;~~n~:.';i~:,;~;:o:~~~ ~~~:~: l~ ala GRnondo Smetdda, pm1ila doGofoAnr.a 100
Piras (Asd Gs ciclistico Portoscuso). Nelle donne
si imponeva l'oll toatesina Astrid Schartmull~r
(Lamacart cyding team) su Maria Crist ina Prati
(Asd Max Lelli} ed Elisabetta Riccò (Asd Pianeta
bici). Quasi to st~sso copion~ si p rtp~tuto nella
granfondo, qui è riuscito ad avvantaggiarsi un
grup petto di sei unil.à che è arri11ato poi fin o al
traguanlo. In 11ola ta h a prevalsa l'esperienza
del grande Masslm!liano Lelll (Asd Max Lelll)
che ha battuto di misura Paolo Castelno110 (Uc
Ezio Borgna lsd.c) e Ucvis Cinni (Frc<ce Rosse
Rowablke). Molto più consistente, in11ece, il
11antaggio di Claudia Gentili (Prestigio Roy<~l
t eam), che ha s uperato d i alcuni minuti Maria
Cristina Prati (Frw cicli Maueoni) e l'olandese
An nemarie l'cisyn.
Promoro in caso di pordita di sali minorali
- La Prosecchissima dei record
La f'IOI\3 edirione della P'roçecchissima, ll ZZ aprile
a Miane (Tv). ha ronsac:rato un indomito Alexey
Med\'t'd.('\1, giunto al traguanio sen7.3. Sl'lla. dopo
che Il reggisella aveva ceduto, e di Elena GaddonL
l..a gara. valida come terza prwa della Serenissima
coppa Veneto Zcrowind e come seconda tappa del
neol\3to Veneto nltb tour; non è partita certo sotto
i migliori auspici. prima la pioj!;gia c poi la partenza
ritardata a causa dell.a protesta dei tesserati Udac::e
che, per una vertenza in COf'SO con la consulta
nazionale del ciclismo, hanno vista le Iom tessere
~';'llide per partire come ddoturistl e non come
agonisti Il sospirato via a lla gara è stato dato dal
sil'ldaro di Miane Angela Colmeli~. come lo scorso
anno, con dMsa d3 bll«.>r c in sella a una m tb. Dt>l
1.600 iscritti (rerord per la manifestazione) sono
partiti in poco meno di 1.200, tra cui drca 80 alicti
Open. Per 43 km e 1.480 metri dì disll~~ello sono
una pioggia copiosa e con l1 fango che ha reso
b l'Ira anoorn più epica. Una gronde Pf'OII<l per i
biker che hanno partecipato alla Prosecchis:sima
,
ZOIZ. ma anche per ll Mi..lne bike team condotto
dal prèSidente Armando Lana:
la pioggia s i è
complicato tutto, d splace jX'I' J'inronllffilente dclla
jlrotesta dei tesserati Udace alla partenza. ma noi
non abbiamo nessuna responsabilità, si tratta di
problemi Interni aJrcnte. Siamo sodd isfatti perché
J'orgoanizza2ione ha risposto bene facendo fronte a
tutte le difficoltà del momento. Con il sole sarebbe
.con
stataunagranhellafestarome l'~moideab,oon
b ptoggia a bbiamo dovuto risolllere l probleml Per
ranno prns.<;imo abbiamo in serbo delle import<Jnti
110\lit\ che saranno anticipate 3 ~- O.lssiflc3
ll\3SChlle: l. A1exey Med\-ede\1 (EiettJ'm'erlCtl
Corratec) 02.0529; Z. Soren Nissen (1:.1ettroveneta
Corratcc); 3. Mil«.> fcld{"f'('l' (tl!am Full Dynamix); 4.
Mar-lioDeho(Gscdi Otympia);S.JuriRagnoli(Scolt
ractng ream). Femminile: l. Elena Gaddonl t'm1
facroryteam) 02.47.1 l ; Z. Simona Mazzuootelli (Gs
Massi supermercati): 3. Ni~ Tollo (Mtb Vietoria
bike); 4. Chiara Mandelli (Vak:avallil\3 l.ov.lto
Electrica);5.RominaQprian(Prnblke Fiesso).
Dynamica
rpnpw;xcm
tgnesio-Potassio
Il primo integratore idrosalino in tappo monodose.
Reintegra magnesio e potassio appena ne senti
!f
:: ~~s:vgonfo~~~~e~~~~s~b~: ~ff~ee~~r~~:~~a,_,o;!~:
ancora più pratico e veloce, per assumere i sali
minerali che ti servono, quando e dove vuoi.
Avvita il tappo monodose su una bottiglietta da
mezzo litro di acqua naturale, strappa la linguetta,
premi e agita. Ora devi solo bere.
Portalo sempre con te.
•
Q
Formula istantanea
Ze ro
calorie
Lo zainello che rivoluziona
lo sforzo di endurance
La doccia in tasca
Dopo l'atttvltl nstca pub trascorrere molto t~mpo prima di poter r2ggiungcre la propria abltn.lone o Il proprio albergo. Le QlviNte e Il telo-doccl~
prodonl d;l\t'aztenda Klenze distribuiti in Italia da Sovendi, sono i prodot·
ti reallzuti per lavarsi senza acqua e senu l'aggiunta di detergenti, una
vera e propria doccia Intasa J)ront<~ all'utilizzo in pochi secondi.
il telo pre·lmpregna to (60x120 cm Xx\ Shower In a towel) e le 12 salvlette
(30x2S cm) sono contenuti In una confezione chi usa ermeticamente che
ne ga~n tlsce la piena efficlen·u. Un piccolo gesto e la docda tascabile d i
Klcnz ~ pronta a esser e utUizut.3. Detergente, rinfresc.1nte, an tibatterica e dlstnfetlante è !lòlla utillnil l òl! (ler la prima volta
In usenu di gravità, duran·
te le missioni spa;dall della
Na~. Non d sono ni alcool
ne sosunze Irritanti negli
ing~lenti di questi formlda·
bili accessori che puliscono e
lgieniuano 4sd_,ndo la pelle
perfewmente asdutt~ pulia
e priv.l di odori Ciclisti e bi·
ter. ~ndonneur e ultr.K)'dlst
sono impeanati a lun,o In sd·
b e de-vono s~so ru fronte a
rondizlonl proib1thre. Anche in
mananu d'acq~ pol\.~re e
fanKO. s-udore e s-porco non sono
più un probkma con l prodotti
Klenz dist nbulti In Hcluslv.l per
l'ltal~daSoYt-ndl.
Per info www.scwendl.it.
Ferri sulle Strade
di San Francesco
Il 1• n~ a Ponte S:an Giovanni (PK).
~ a!Xblll In scma b gr;~nbndo Strnde di
San Francesco. A vincere, IICr distacco,
nd pel"'.'(nn lungo ~ st.1to F'.abriT.Io ~
delrHOU'I ristor.lnte Pcppt e Rosclb Macé.
Tr.1 le donne SI.IOOeSSO per Elena Ca!ro
del team O'Anlcllo Slrino C)'dU,. Nclb
mabolondo si Impone Clon:l.mo ~tiol
del team Monarca nevi. Tra le Donne
wcccsso Pl" Oaudia 8l'rtonclrU del àdi
MaGli team rrw Successo per uN ler.Q
l'dtuone orpnizuQ cb! Tmm btke Ponte
e vAlda rome Jll'lW.I del Ottu1to degli !Q!ici. ddlllmbria Creen
c)de e del Camp6on;lto l"ffPon* p;mbldo e nwdlobtdo Fd..
L'crioatalt:.;o
dfdn:ioF.ri,
lo iCOnO J• moggio
l:azienda frances-e Oxs-ltls, distribuita in lt:.liil dii
Sovendl, t leader mondlille nell'equlpaggiilmcnto
per gli sport d i endurance!. Li! &rilnde nov11Ji di questa
stagione t rappresentata dallil water bag llydri!gon
Ace IO, uno strumento eucnzlille per una costante
reintegrazione del liquidi persi e il trasporto d i un
kltdlcmergc:nza.
l.ozalneno ha 1111a capacltll tlliOIIt ri ed è disponibile
In IN! taglie (small, medium e large ) ulteriormente
regolablll grazie a l prat ici SJ)allaccl con chiusura a
velcro. Li! sacca Idrica Sourct, poSti! a ll'Interno dello
uinctto, può contenere sino a 2 litri d i liquido cd
~ prodotta con una pellicola che non lascia alcun
retro~~:usto di plastlc.-.. pr~lcne la prollferazione di
bancrl, non si rompe In ca'SO di urti e cadutil.
L'acqua contenuta nella sacca viene bevuta
attraverso il tubo nns ibile di 23 ct!ntlmetri, che è
dotato del mlsulatore Sports'n go, ron Il quale ~
possibile mlxare l gel Climadrlnk. Il miscelatore,
lnfilttl, si trow In una tasca che pub contenere una
monodose deglllntcantort Oxsltls. Il rubinetto che
controlla ~l nusso Idrico consente all'atleta. ron un
semplice ge-sto, di decidere se dlssct'anl con l'acqua
o con Iii mlscelil arricchita dal Cllmadrlnk.
Un'ampia a sa posteriore perme tte di ponare ron
sé aurnzl. pictoli Indumenti, barrette e integratori.
mentre s uglj s pallacd si t~no le lòlsche per
telefono cel\ulilre, rifiuti e lettore mp3. Il massimo
della runt.lonahù con il minimo peso.
Per lnfo; www.sovendl.com.
La Gf Fondriest a quota 1.400
Sono sbti 1.400 Ati isa1ttl aDa qwntol Gl Fondriest •
tenne di Ca!.troaro, (lr.lllbdo dd 29 aprile e valkb
rome SIKOnda prova del drcuho RorNignil sprtnL Un
numcrodlt' ha soddlsfatwgt!<qitnll:L:Itnf\d)(' per
1a prtnu YOIU hanno puntato su!fa:spetto pur.unéllle
non agonistico. Supcr;Jtl l 500 abbon:ld.
1~.
al
Romilgna sprinL Tre IJ~ tutti ni!IO\'t e studiati
appositruncntc con b supcrvb6onc di Pondnest: 133
km (1.800 m di dislivello}. 91 km (IJOO rn dldl.sll\/CIIo)
e 50 km (600 m d i dìslk.-ello). Un gmnde I'NelliO. E un.1
ksta Yl.'ril e proprb mmesi~ potuto~cbl dlma
~cheSin"$lllr.JV.JgUalbp.~rtrn:l.iLUn~J*J1
Il gruppo Mangb pedala. che si ~ pmentJtO con una
divlsa~teeronWlillll'nepropri.Jbascob,sullil
quaAe dlwrsi aùed del gruppo e sdleruisamente anche
Fondriest si sono pt'S1tl prima dd 11\a. E a chi dUcdcva
loroilperché... hannorispostotidendocheperpedalare
~mangiare e che loro si pesano prima e dopo \c
gilre C05l da stare attenti a non pentere peso. Alla fine
pren1~w.ion i perleprime25SII:llidà.
Classillca di società
l. Fausto Coppi Ce:scnatko: 2. B;r.KCa Lugo; 3. CkU Manoonl; 4. Ve<xhlaxr.ano; S. Aurora; 6. Grama; 7. Air Santan:angelo
Dariol:lekr.unbini;S.Arset Mobur,9. f.ookl&yte.1m: IO. t>«bbeGambettolese; I I.OubDtc; 12.Ard Marzeoo: Il. Avis tàenza:
14.Bitone; 15; MMetem Blkrtronl.: 16. 8ki Budrio; 17. EncbsMametiMomt 18.Team O:lrcidl Vìdni: 19.CidodubPozzo
Fdlal; 20.Cido Ddt.i; 21 1'tam AqwlottiUJvia; 22. S;.anassiano: 2J.San Marco; 24.Qdi()iMI(ri; 25. V'ttamiN team fbklon4.
OaANPONDO M Te
Granfondo del briganti
..-..ll:f.\n:llin)O)
o...........- 17~
cmAI .........QoJD'fc8:o.tmll!.
()amrr'O.JU'tje'ts::ratll
~Jbd.l}-5B)1411Uanl
~~"'""""""""""'"'
·581!4t.b'an:[email protected]:l
j:..,,_,_,..,. PIIIp'e
Valleogra mtb race •
~ltallanoMaratiMMI
aa..--=_-__.__,
! . -Sdo>M
0111~ 17~
l
~
!Jdld~~MJIIIXI'l
~Asd.AalYmtromfJ..
'IWIIW.v.JIIIQ}acan.
'"0<2211"""" ..... a
--
(toa11511lG'ttllll.I'OinJII17~
,._pat:O~G.~cn93J
-
-.....
. ...... ~ 23~
--
e~~~~a: Xleuo(fmll31 ~
~a:Palill~
. . . . ,...~$
,..__ !Wll~Siaai.IR 10
~illr.Mrmtmbllln:RI,
~~~...-..
~'D• • d'6th'U'll"-1<~
WJ;~IM.OIC~"''llJJ''
r\QMniii.J~l.t-.fl'lr:3
:t·l:l>.J"~rt l
'UI'lt) t le
....,0!11
•:cu~v•tJo*'•.r"~
'"UI\I~i:l>I.,:Oif(Jql.
i~)I?'C... . Oitl ... \1
OaANPONDO •TaADA
Graafondo Internazionale
Giordana
.__l'l
.,...,...._ 2-4~
th!ID----- ~~
C.. 40a.~t~(haii61PJ1'1,145U3
.....,...~dleiiEa.lini
ID.nlot!Dilillln.Qi15Zl2
VI.,._
4'alll.l'(lilJ'fdli 'llll'18~
O:Wtp:J!CIC'OI'"'·~·eoa
·•urvt!Su· '""-.t"Me'tca.e'
!ll:ln:t<111"1'!:1!11rorttr"ll'll11?ll
~-~ a•-t.ui'IIQll't,.~LI
'MOIIPM.bo;L110JIIIUd!lfl"l'
t<rr)t-not~ltllrWW
Rampinada
.-o.a.~~
......
l~
tkllllt .........~~
,k._,_,......... ~mm
pnlllldall,s\flllmlll
~:... ............. M:m:tl
J"..-.: S:r1a0'6ntrn7~
iO\....
l)lnl.mda8'1ijallln1Ell
lbmo!>IX>87"'1
-111...-..
~Pal<l:H:aYaiOme. 187tXm2431ao:x:o:umJl86
~biW7&'31D179 1!nRIIcriliri l~
Modlllllld'llatiii:IN:~Iak
co.:25uofmii24N"Q.
iiii!Q'.nbcq)a ~ p;urnd)
l) IUD
'q'r':N'fWI.Vi<"'~ca
Rl!'rcnmCO"•n~~
);t!AJ•at.nt~~~txa
.._,.,ugnllallJ"e!Beliaml ,...._t:caàA<W.ae10
OYI.q,;.PieciA,,,.Jj11!t'n:Je•
i8<M:r.QOCr*J;IIIna"o,a:xbbrl .......... ~
.JttO!""'t-.'a~~t,.,
afi>t!Jm•l~r"l\dllln
~
J'..aa: Y:i~U~t.r.:fl(llln.ft244
0.. c-t M0la:nàll114itt
A,_.....-..._larondt
~...-!ùl'rrlnl~llri\P!Jd-tre:IG
9.5'1f.f!'812'Nallill'l62.9
ctU!II
pat: :t l.b1r.t:
~...-..: f.tmilfrnl219n
-Dilli.......,..
<t
·~...-:m:~
l,bUJ ~" _., ...,..,..
ltkn58
OaANPONDO MT.
111...-..
,.,,u,l
1~f';•&.rt . .<JI""'"tJ
=~~U~I~
~M,&im
:::!~ ~c:.wt~GMI.21a:lm
lls;~oor-*11........,..nllllfll)"':
Cb
~'tl ... fl(>;..lll<'f':ftii"UU:rl:rl
,.. . .~'.al
f'nra:'oQI\JT8,crt7.lJ
I ' Nail: l)l'I.'IO ~:...,___.. p;eoGat.lil
OMe-t rro1etb0;r0(1.51lìl'l't
,k._,_.........
...... itutlicllt23tJO"O
llliegJ'd:)cqJa~~
Gl.:n,tnehllrQl\G<Jl'beo
....... rro1i!N:M!rJ'o.Uim.PE01trdi8B'I"QQ; 12lllllm41_9
ITlJ'tett:MI/U
~ C..._,c:awJa~127· ~QUtotllln::n.co:bbrl
Z31005r:nt'o.lll~
17.Wli2161101C0:0:0X)I2243
...................
10t .... Pt:dect~~:J!I011
~
.,..,
...-.~
................. ,.,.
dlb:SM:rnlagdMI"ai'O~
. . . . . . . . . 17/I.V'O
0.: 3>U>In:Jai10QIU1"125U>
IIIWI'WJI)._falllei1e!ala18:1
•·--.: f'liv:nulkll3
c.c-tf'lfa(p'el448rrt
ORANPONDO MT.
. .....
br'II9'N:al51722SJXXllllMaW
~Aii~~wa
P\..~-~
llldlllilftlcriliiN; IIll(jiJ'I'81Jcdl
, ...... IIWI'n' .... 711V
i)
h,_,_... &trmnl
IQI...,. I.b'M9.mnnl~62!4
ORANPONDO .TRADA
Hr~;rag~~g:~a~~antl
""""-............... 1'<1
Dltl~24~
iloWnlbttl~.bEtt::Mi
~ (1-'paD,d"QIIm\'oia(H:)
......_..
ll)-500131.berutlfQ.~tfi74172J461,
<*a.tm l:xr*xl tm::m.ance b1'l
1:2S'1'07001028XXJJ10038242S9
'fitrn*ltilcltzlolt2411-V'0
--
Modii!Mcl'llcltltlnl: rwril!tall'li1"90CW.Jf.l Ccàor:llll.I'Ofi1,:18122NJ:t35e.ro
<MI!HTiialfQnb~M~
IWIStWI81'~00elel:ta9
Pnnzl: WilJb'ki\ O"e 83J
l"NM.o: Za1:tl!la (111m,Pf111mda5,5\;rra:l~llkm63
~~ ........... la't:tda
4'..-&o.: ~(l
lm,l)!r'l1rn!dll18%
na:~lllm126
101 .....~-lqf\12$
OaANPONDO MT.
Granfondo Re Ratchls
IJiciM: Albdl Sin SiWabe ~
0111~ 114o
...............
Cllallo...,.....,.~b::nd).
~~&tie.tw'r'ila.
1!tJ:n9«<DJ1,w.~
~ll'lll:ltlklncmìk!lail:
ru"l'80a21100421353'*Vnb
~ai~I'19Siakl
ll'crg;riu:azK:reelltile!Un
mltlntx:IID"r.:Ml,axtt:!brl
I6UIIIIl571nan:mn:l1187
ternnllat!btllgi.Ol)
C:0.23aro.-oalllgwQ,28l'IIO
--
l'lrtllntl:f'awd!Je~(;JV10
r..a.r. f91e(1,51om.pa-d. o..c.,~: ~Clrt:mll«XXn1
n'l'da7.5'Jijallm22 A,_,_,..,a: Rqo~
101-.-: AoW
1'1»22"'1
111...-..
lflliiWirl~lll .......~diJ•~
ln::Qtii)>OIIlldWQm<lln::o
l).f li!Wo-p)e!..tl:>f'Wad:l
as.-t.:ro!XJt.Sinlt iUClliSSMI
__ ,.,....
l r'ga<llclnl!be!J~
41Uw-.,e.ull\lltol'UI!rfu
htiSf N IIO!Dlrl.'W.till
lt"><,~:'l!'lll'W'IIo! nBr.i77lrl~
~
~ Asdcd:m:II:Um
WMW~rt10
axbbniTJ40ll6316.m)
OCQ100MJ64
..,...1IID'Idlri:Bl.lgl0
MI:I:IIIMn.mbw:Dnl!Wile-mail Cllla:25EUI)Ifmii:JI9L(I"'l:ll
lill:l;llr'dlcq:. dd ...,.-rwrtl
aro(Rlii6....._45IUO
~
....,.,(IQIII'IZl8l'l'da
....._ aspr~,cn9
~lblMmtx:ni:Dbn::nl. ~'Miqtlne
.__...
. . - ; : -ANPONDO a'f.ADA
Granfondo dell'Adriatico
.,........22~
tJI'CIIIII .......... I.bU'ei'lbd
-
~~&~·
axt:etm
347134815:11.~
.....
.,..,......,..IUTlll)
""'*-1IID'Idlri:22'9o
C692932974aleginbaps~
C:..:251U0tfroii13. . . Xluo
~JX)OC'O.)I0141ZJ3
~I"Bamai'IJ9IIll"AZD"IB
,.._ ~&a~D..a.cn8.l>
d!.~Jhe:mtulmtlroro ~ ~
ct!~"\JV>
!IY( ~~~Jd:..n
·•~e(l)IIO'IU....,ut'
'f"ll8l!li ... ·bill~
f(J.lft}ln:n.'D•~;;t<Oo"I.PlJd..-D
a;r1li1~1"Utl
J.\ ,..__..kr:ING ·· ..-.: ~~ll"'''.pnl.
- -MIM!i5«1nl -[llj-lo1l94J
l01-
.M:2.oa.,lnl947)
--
--
._.._
~.l!!lda.t,GU.
La leggendaria Charly Gaul
DN~22i40
~-1. ~-'l!ft)J
Modlllìd"'lcrt:ddN:CJ!ohlai
~~ OWml.«rrd'cro.
()oJIDOetlztro.~Ad'eil.r
l)lllldlla1\"mla.3·38100lnl,
.0461/ltfDXI,IIIIO«ìtOtrot6,
firiGiifi~Q:Cltllli.
o.-aletJnt)CQlatiltmb:l
2"...., ""*(121nl.!Wll.MI!Idi~Jilv'ft65.1
lln:ao~tr~!Xltial
brl~ttwli'OXQJ1'JtJ257
..,..ilcrtllri t 9~
-..
CoiD ~f!UOJ"l!JI31!1'\1QJ:t
~
A,_
l'nlnla:piW.a(lo'm.ON8
K::ll ..... __...
-~65.3tçrt""*
Trftking in mtb o
due poni do un more
do~no:Moho
~w ottre:uondo
petiddoturiJti
L
'isola dei 5o dei 20 minuti.
~~::=~:~::; :~~
è piccolaeogmsua parte è fa·
d lmente c rapidamente raggiungibile. Piccola,
ma in grado di stupire e di soddisfare le diver·
Malta prova a puntare
sulla bici: percorsi
assolutamente da
scoprire, strade
impegnative e
panorami suggestivi.
E si organizzano
anche le prime
''timide" gare
DI &ullny Pluarnl
Foto VisitMolto
se esigenze dei tanti turisli. L'anno scorso, per
esempio, sono stati un milione e mC!ZZO; un veroe proprio esercito sbarcato sull'isola a forma
di pesce in cerca di sole e mare, di arte e tradì·
zione o più prosaicamenre di una sana bevuta,
quattro salti nelle ~disco" e di qualche fìches
da buttare sui tavoli verdi dei numerosi casi·
nò maltesi. Qualcun altro - e non sono pochi
- sceglie Malta per imparare l'Inglese o sempli·
cemente per una vacanza sportiva condita da
gita in barca a vela, arrnmpicat:a sulle scogliere
e, perché no, con qualche giro in bicicletta. In
realtà, al momento, ~Ile strade maltesi di bi d
se ne...OOOno poche e il più delle w lte condotte
da qualche turista sorpreso di scoprire che a
Malta come a Gmo, di pianura cc n'è ben poca
Non sono salite lunghe, per fortuna. ma asso·
migliano di più ai muri delle Fiandre
senza pavé, ma probabilmente con molte più
buche. Per questo, occorre molta attenzione
nell'usare una biddetta da strada. Come bi·
sogna fare molta attenzione, specie nelle zona
attorno a la Valletta c a Slicma, al traffico che
in alami momenti è particolarmente intenso
e disordinato.! maltesi, come tutti d tengono a
precisare, si muovono solo in macchina, tlnto
che su 430 mila abitanti le macdline registrate
sono 390.000. •Qui si usa la macchina anche
per andare a comprare il giornale,., spiega
John Zammit, presidente della locale federa·
zione ddistica. Ma qualcosa sta cambiando.
Un numero di residenti sempre più alto scc·
glie di prov.u-e l'mtb, mentre il numero delle
squadre amatoriali sfiora 1.1 decina. Senza con·
tare che anche a Malta s'inizia a concepire la
bicidetta come un mezzo per attrarre sempre
più persone. Del resto, Il potcn1Jale c la bel·
lezza dell'isola spingono in questa
direzione. A cominciare
dal clima temperato che, tranne l mesi estivi troppo
c:akti. permette di pedabre nd rt'StOdclranno- mcgho
se in autunno e in pntn.3'Vel'3 -con uro temperatura
JV3devo'e. Continuando. poi. con monumenti e città
che sono piccoli gioielli e non a caso sono stati Inseriti
tra l siti Unesco patrimon)O dell'umanità. Come, per
esernplo. 101 a.pitale dellol Valletta con il suo barocco
e le sue vie perfettamente regolari c dirtttc, oandlc Il
mere costruite con enormi L"lStre di arenaria. e fipogeo
Hai Saflicn~ l'unico tempio preistorico sotterraneo al
mondo. E l'elenco pot rebbe continuare a partire da
r.1dina, una città medievale fortificata, rter continuare con una serie di spiagge assotutunente da vedere
come Golden OOy e Ramla J.llamra bay. la baia dalle
sabbie rosse sull'Isola di Go'oo. Ma. più In gencr.de, è
l'atmosfera stCSSJ di Maltl a rcnderla Invitante.
"Leggera e rilassante~ la definiscono i de1)liant turistici
e in effetti si sbagtiano di J>OCO.I maltesi, in genere. sono gentili e ospitai Lla dclitlqucnza è quasi Inesistente e
1o stile di vita è molto vicino al resto d'Europa. Le tante
e diverse dominazkmi. dal fenici
ai greci. passando perarabL QY;l·
!ieri dfoii'Ordine di San Giovanni e
ìngksi, hanno poi contribuito a
creare una C\lltura stratifk:atl c
aperta all'esterno. Gli ingredietlti
per rare di Malta e Gozo una meta interessante anche dal punto
di vista ddotunstlco, insomma,
non mancano. Anzi. è onnalln dlritrura d'amvo il Slbit (s•gla che
sta per Sustlinable interregional
bike tourism), un progetto ftnan-
Cosa sapere
Comelfltwlre:ilaereoa:t~d(lret:li
tramite M Malta (Ga Catna, Mimo. Aornal, RyMalr (Ga
Biwi, TflW'I, Barop. ~Treviso. Tor'no)eAiilalia (solo
d3 1bna).~ lllemafNa.!iJXJI)a"TtiareWt mare!Xfl'Mu
feniesjc:heopetalltklrtmOI~cawu.UcataePot­
zalkl.a:t~I.BldinaviveklddalperGenMYia TillSieiXfl
Gm1ald li1es di/per s.erm a lJi Yall!ttl
Allerghl: oen'iperuaeteiMChe(p«lflfmTwlcrì-.
.........2012.c:om).AGazoiiiiJI)IC!egllnds&ft~ ...
cklle . . falllorlemalellt-w~W.~
SJI(IS30iillnll*CO'I~·--'*
llntid: MaftMdcb:n(WWW~orgwll-
za . . . . àltllJtstlcltnon-.PirltlllflggiOd li pull
~MJ~gM....:ntafoJblcewnlla~
r.
ElCA
700ESPDSIZIDNE
INTERNAZIONALE
DEL CICLO
ziato dall'Unione europea e che \'l'de roinwlte
anche le province skilbne di 1\grigftlto, fbgu·
sa. Caltanis:set~ Trapani e Sirxusa.ln pratka,.
sono Sbti lndfvtduati tre percorst: due a Malta
e uno a Gow, che v;mno cbi 27 ai 42 km e di
varie diffK'Oitàche rispettano.
Percorsi brtvt. ma plac<YOII
Il primo percorso,dl27 km. si snoda nella parte Sud Ovest. dell'isola dove il traffico l! normalmente ridotto. Partenza da Rabat per poi
dirigersi a Dingtl e di qui verso Siggiewi. Trn i
due villaggi, sosta alla Laferb cross. una grande
croce alta 16 metri originariamente posta nel
1900 per commemorare ranno santo. Dopo
Siggiewi. ci si dirige su una strada tortuosa ver·
so Grlar Lapsi. una piccola insenarura rocdosa
ai ptedi delle DinglJ Oiffs e a un chilometro da
Blue Grotta. un sistema di C3\Tme naturali che
rispetthiano l colori fusforcscenti della flora
sottomarina. Poco distante, il tempio di llagar
qlm (3600-3200ac.) che si innalza sulladma
di un rolle che guarda il mare e risoletta di Fl·
fla. usata dagli inglesi come bersag!io delle loro
esercitazioni militari. Raggiunto il vicino centro
di Zurricq. il percorso si conclude dopo poco a
Crendi. la seconda -routes",ln~.l! lunga 34
km e prende In considerazione L1 zona Nord
Ovest. Pt-r l primi chUometrl il perrorso è identico con partenza da Rabat diretione Dingli. un
pia.'ok) vilbggto a poca distanza daUe spettacolari scogttere di Dtnglì che offrono samari spet•
tacobri. Dopo una meritata SOSta. si riprende
la strada pon~;ando pnma su Mtlhleb e poi
Bahr1ja. Da qui verso To1 Qali Cfrats Village. un
centro di anigi.lnato ricavato ncircxacroporto
della seconda guerra mondiale. Qui si possono
ti'O'Iare oggetti di cer.unlca e in vetro. gioielli e
magticria e tenacotta. Ripresa la bld,la strada
si dirige prima verso Mglrr e poi Mosta. Da
qui In pochi chilometri st arriva ad Att.trd per
concludersi, passando anche per una vecchia
stazione ferroviaria In disuso. a Mtarfa. paese
d! nascitfl del ciclist<~ britannico David Millar.
Il terzo c ultimo percorso del progetto Sibit,
Invece. si dipana lnternrnente lungo le stro~di·
ne dell'iSClla di Go7.o. ~n più lungo, 42 km,ea
detta di uno del suoi disegnatori, Andrcw Ga·
lea. «Vbtl la belle-.cza dei luoghi l'ideale sarebbe di prendersi due giorni per oompletar1o...
Non a torto, Gozo ha Il sapore della vern va·
canze~ nel Mediterr.meQ e rispetto alla vicina
Malta ha una tranquilliti e un sapore molto
diversi Tra l tanti luoghi d'interesse, merita·
no senz'altro una sosta b Ramla bay, la più
grande spiaggia di Gozo dove si trova anche
la mltica grotta di Calypso. RisaJendo verso Il
centro dell'isola. si passa dalla capitale Victoria (o Rabat In maltese) con la sua magnifica
cittadella fondati nel periodo tardo medioevale. A pochi chilometri. a Xaghra. si possono
vedere l tcmpll mcgalitld di Gganti}a; uno
dei più lmporuntl slti del mondo risalente al
3600-3200 a.C.
A causa delle d1mensionl gigantesche dei
megaliti, nel secoli passati, si riteneva che i
ten1pll fossero opera del giganti da cui il nome che In maltese slgntflca appunto ·gig;Jnte·.
Tour ta' Malta, con Rasmussen e gli altri
Dll28manoal 1• api!sl6anata*Diesinaecizkn! di!JITc:uta' Mata.tci'ca 1 00par1ecipnl,coniA'llrurila~tenm­
nile.liQ1J sfldatiU9) 1e41appe dela~ Duelecronometro,ndi2S kme rlllrldl 12.eekJelePM~Iiltl~
di alcu1e saHm brevi rM ~ la mamestazicn ha mx*l bmazlori rl\llftMi. ~olandesi e 1a1n.Tra q..esta, hlmo ben
ftgl.nlo 1 Gs Napct, rAIV*I Ql1 tearn. ta SicliiiWla Balabt 1ean e l'Orini SJIQI1Acalt, ~ 00111 PIMdl cl Rapa. SoddistéO:I
JDh'l Zamnìl,pr8!iUn! delafederazDle cdsticad Malta eorpiz:zaloredellocnl i'lsiemlallo IIPOf'l!OdinlseD'ristila'ffalr:fte:s:
-t 'b.l'~ per nci~.~WiiJllldeoccasione. L'i'ilnsaedl!li"*nmrieriatSC~damnrno.u-t:oprdllemachedalalll'fl6ltiola
111116emnoo 6possUetn UJii ha:iillihha,ndJ'*ttìlo. La 1111e'Mdquestrno6stata ll ~n..-diiiSPI'.
d UIQUIIhproltssiorislttiiDnhlwaktesconi~D'\~~998tea'nOneCoMa!iterfu.. wSI:anll IIWA)adelnll-..,.._ nxn l
~trlòer*-perll ~ d SIJ&ftdprotessiorisi.L'WmiCUIOM*JIO~IIriiZi:lrWIIIitaln.niiCO&Inon
t..-~pc:n:..Ci.a'*lairidalidlllluii'Malll.neiiCIII!giNe.IOnii111WtiGi.lll!A)tDiSH,_.Naclolt.lt(JìlodiSH
Coa:l~,..-lllin:cledls.anc::.ipma~HIIII~ckme-..._d!illbrliwri::aAidleiMrillgef,..on:tln~
. . .6-.. .
aliiiiiiiXIId)!Xl*llln.St!'WIIII~~eaiBmEierafggi(Bice* ~ biMasalih.,..lllllnlcmEtnf'WWfmg
*l,che111prMIIIoa~lf1g!i:ID.ri~QI1 ..... .lal'rlle.41 ~hl~ . . .d
s.eiiiiSdunatradi!ll
D'r'mn~Withes Orall,dMdi 11 !LID ~d IQUiDa Rlsnu QAwm1we IIIIOI'\IIglllt dii liMI OneCo Mllilrtu ..,._
8rcm!s:n lilprenio6..-dEirdltaiprMcd5fll'lllllsi.~an1J0~111WtiO'riiGee(leemGrelnt.,.,..iniP!Iolerm'He
10>-
LE BICICLETTE EGU ACCESSORI DI DOMAI,
PRESENTATI OGGI DA CHI UCOSTRUISCE.
ESPOSID.ITERNAZIIIALE 111. CICLO
YERIIA, 15·17 SETTEMBRE 2012
BCA.IT
Vacanze allago Maggiore
Sulle Dolomiti in bici e a cavallo
Si c:t'liama Actlve sport tourse stOCICUP'I di turismo atdYo In una ddlezone più
belle del Nont llilhit: ildÌ$trdtOdd lilfltli prealpinl. tral.omlwdil. Piemonte e
SYtzzera. Orgamz:t.il vacaru:e d•nalllkhe, In bld da rorsa o mwntainbike. alla
SoCOp«U dì pmh!. bghl e mon~
Cinque~ ndle DolonlitJ ron le scttlmilne Dobniti alpin, dal 2 al 16
III.IIIJ'OCdilltS• ZS 5ettttnln 2012.Soc.to lospardo imponente ddleTre
~~itatodtsegnatoun programma:ill'wegn;.J ~ movlmentoal'arbapf'rta.
Ses!~bbid,prr~plo.ll ck:bblledi UrnzconiSUOIIS2,8 km ~una
<mtlntcseppurl~dÌSC\'SLPartendo
Unmixdipanorami.rtLvcec,.llrur.a
inunarcgklncincantevoleeancora
do. Vilbbilssa, pedaLlndo per Dobbi.iJro
poco OOttutt dai tunsmo d1 n.as.sa.
e San candido. s1 raggiunge 1.1enz, In
So strada oppure ol'f·road. AcUve
' ' '
J, ( )•
sport tours propone tour d.li 4 ai 16
giomlestrutturapacchettlsumisu·
ACriVESPORT
radellespcc1Hche11chlcste.Anche
illiYellodiimpegooèpc!'fSOil;lliu.Ao
sulb ·gamm• dei partecJ j);IOti: filale, impegnadvo. tstr~rno, persoddisfare
pisaactatt.tanchcalofaJ••~Iooonbanlblnl.gr.uJealpt"''t''r'SS~.In
Austrb, In dro 4 ore; st possono anche
pcrromre s ingole tappt>, da Oobblaco
lchUonlctri~oo 47,8mentre d.aSan
Candido44.S.L.aci<:W>ile ~ beflattrez·
xatJ lungo tutto l! perrorso.ronaree di
somelocallpt"rbristoradonle.llfbd
"-·'~
'·
(!:-.
sempllctddoturtsti,app.15Sion.:lties:p«ttallen:adacacd.ldisflde~ ~
in~www:aar:ro:s.,....l...,..rs:cotllJinfo4t~tcl.346/323061 7.
moosrnette adlspastzlonegratuit&,preY~<~~,Ieotybikr~lr
e-bike mst;~no Z5 euro per 3 l n , 30 eu·
ro per b g:1omat1 lntet'a. Pft" irOO: Sport&Kuthotd Rlrd moos. vb. Y.il Flscalìna
27. Sesto Moso (Bx). Id 0474(7131oq WWW1i.1dJn005.1 l
0
l 'hotel per gli sportivi in Romagna
L11otd Lww;lnw'edi~(Fc) è sprmilzzoltonele~4t ncllepro­
Destinazione lago di Ginevra
postepergfl~delbl*:ledcll'rtJthlon.acuilll'fVJIIOdedicltlspazi
eotrertesumisufanmo ramlO.Un.iiSUpm:olmooeperinaJ;;!ftiiCJOfTIOICacon
1..3rrglontdela.dl~(antonedìv.d)~5in.IXllndl;i~Sud-oc­
sprtnt. un nooYO gaMe deposko al duuso as:sbrato contro l furti un'offid-
ddmtllle delil SVta.tra a sol60 lcm <bi confine btiano. attTaYmO l tr.lforo
dd Gran SM'I 8mwdo. Uru rtPone dcM sport, adtun c t:radWoni si i:Jndo.noa ~ spctt;ICOlari.cbsropnre ln bici. a pedi. 1ntrmoo1n b;JtteBo.t
bvasgioeasdupturadel'a~ttmKO(quest'ultimopm netp:lmi
staQf'Nii:zz.aQUN~fn.eaccessdlevieneronsegnauarutt:igtiosp.tìr.W
di P10Jl19'1}. Sconli nrl flll'1lOZio sportMl di flducY, rdtgio mlb e bKi da cors;~
$OIRklmanO ndlc loc:abti di Ydlan, di Gryon o dd Oi.1bkm:s tra Pugno c fine
ottobre. Offre acussopultoe UlimJtato alb maggiorpmedrgti impianti dì
risalito~ c dd mn:d di tr.asporWdi monQgna oltre che a tilnliS.Sime inlnstrutrure per il tempo libtro. Chi ~le Montreux può as:sas~~. dal29 s!uJnoal
d&rettamentelnstrutturaapartireda
141uglio.aU'omonimofestival~zz.Perlnfo~www~ j
n.ii,.unospundno~p.lideddtstkhepuitechecwpniJzMM>MNti
pm:orsi~ilsradodlallmamcnco.Airienuobuffet:post·*rw'nmtoe
IZeuroalgklmo.Sonotrele~
spemli;: ~ Sport&Joye "Spmo fl;anQnl~ Pfto lnkr. lklld ~re.
tcL 054 7/680666JWWW!llufll!iO!Tii!rr.rom. l
COSCtsSIOSAIL\ Dt:LU PUI BUCrTA
MJ3)0sri
ComCJIIIIIII . . . . . . If'r'II:OAocM''Iidtrtsslt:scledilellbustadua alepldollrtcewbidllpapmlrllo L
Edspor'IE11ikrt111Sit ·IM'c:lokiU'Id,krtll'lli tAI:Ibolwnd. Via Don l1igl Stino 7- 20016Pero (MQ.
Moclai!Utl,.,...._ •AMp~:~-..nonnlttrtilt....,a:Eiispcr!Edai*Sit •~wcJcpcca~e rt" ~hiGIIa:
--"'"'""'""'"""'·""'•""'!Oil·•-·-,.._.-,..cn •.-,.,...-- SEDE MILANO
' - ::-c--- .. -- .. - .. --------------------------------,
-
•
13t3!1;-3tt•
i;t;UNHi' l
L'~per12 runerldfla:mddllpm.GturaofiQIIU'IIIibll
Ogni•-IOcosta€13,111,
20016l'Pro()IT)·\iaDo.!LuiCiStuno,7
•rttOlS[ll.s.s.ooar.m-rurrl!9lao:al
: &-Mail.t'OI'IIf'llltl«ispon.il
G:lpolnc::ewi'ntnildelanchestac:orrc*Q.
101ne~€1S,CO,-dijnml>€20.00
: lJI'I'ICIO DIKOJIIA
POSTA ORDINARIA:
€ S3.00
Sel-!esaril,iMeremo~"*"<l>o
dd """" elle ,; 1l1mSSa
VIA AEREA:
( 85.00
( 140.00
Comunità Europea
Re:stodt l Mondo
' \'1110urwo.12-001!K)Ron
"M 06.68.17C! -0&.59.16..9:12
t'u06.00 1&.08:!
f.AIWIC'Oinf'throru~n
IIIA1uo111.M
...., rn- rn
.
l
Tll... CAP...········
.•.. PrOli
I'TO't ..•... Tel
INVIARE L'ABBONAMENTO A:
CICliSMI
Moine • Cognome ·-·
::uo 111.
... ... f'fott .
...
è una pubbtkazlone
~ EDISPORT EDfTORIALE SII
E-1Mil
SERVIZIO CORTESIA ABBONAMENTI E ARRETRATI
Olttt ' - · I Nu.lole·
Tel. 02 38085402 · fax 02 311010393
"-'al!o tn:~ io!M
\\aDOfl ...... !lt.-,7-210016"-0ill)
UM-'t'EN911Ul·1~·~lfi'Wati0ecllspcrtil
0~ ......
,.._.concftldlcr..-rl":
--
~- 0...,.,....,.
:l
~
M
Tft.tt380MI-Trlrf.ultU8l10ltl
Lwnttul R.O.C. 11 660:'J,IJO-I:!-2001
Ocon- 0cJcJpnA92207
••-*
..tllllll
l l l l l l l l l l l l l l l l l DDD
DODO .......
DDDDDD
_..,Cile - - ..
---....-•--•-•u.-••-·--...•-·'
----·--·-·--..,r
- . . . . .--r_....,.
-.--..
,_. __-._,,_
c-.:-.--··--·-·---.
~~
n ....... -
~~
_,...__.,...__o. •..• - - - ~ CO~"s....~•·
__, __l _ _ _
...,.._
. -..
•••~,.,_._
1
• r1. LPU.31N./\
-....-.a...-.-----~--·-..--- l
. ->c~~~~.:.~~-~~~~!~~
-~W:.,~!'~~~ --------- -·--------- -----GH AHMJMCe et! CJinl'ld Pl'ole C01tn1 € 15.50.
Sono gratuiti per l prtvltl, lettori della rMsta,
I)I.WdlènonQerinoleQUinòldparoit,talano
deve~=M~~~=te
-·-
O CAMBIO
O vENDO
O coMPRO
Marea. - ·- ·· ·- · · - -·- ····-·- - --·-·-·--·-···-··-
la pubòliCaZIOoe per Maecondo mese toeeeSSNo.
-.. l
m- j
Barrn la c:asetla defll sezione che Interessa~
.
f
t
4
O bici corsa
Ocl1y blke
O moontain blke front suspended
O moontain IHke full suspended
O duallllon/1rla1hlon
il Oaccessort
i
.arie
..i§ ----
Nome/Cognome n
lndirlz;ro e n. (1 ····-·-· ··-··-·-··-·---·-·--·-- - -·-·-·-
CUli M ..
·-----·- -
0~0
o ..........
--~==========~~"
...
• ...,..,.....,...,.l.,.• ..,..,.._......_..,.............,_
M'--'...,........,..,...,..__~~~~--•-•t.....,••,...,..CWIDI......,
o .......~
QDQD
111 1 11 111111 I l l Il
t._..,.~,.._._....,.__..
CAP_ _______
....
'"·
cJelp n.492207
DODO DD
---
- -)
,•
......-r..
.........--.-........._.......,
.. .,.,..""'-•
,.. ,t...,_.,. ~
..-. , ..,_........_..,.._.,~

Documenti analoghi