Le composizioni con i fiori secchi

Commenti

Transcript

Le composizioni con i fiori secchi
CONSIGLI FLOVER
. . . . . . . . . . . . . . . . . .
Le composizioni
con i fiori secchi
CONSIGLI FLOVER
Un decoro floreale, anche
se di dimensioni contenute,
colora, trasmette emozioni
e impreziosisce l’ambiente.
Utilizzando i fiori secchi
sarà anche durevole,
di facile manutenzione,
molto decorativo e adattabile
a qualsiasi arredamento.
● Per fiori secchi
si intendono fiori freschi
essiccati in particolari
condizioni al fine di
mantenerne intatte forme
e colori; a volte le tonalità
sono rinforzate artificialmente
per creare particolari effetti.
● Il ricco assortimento in
commercio ne rende possibile
l’uso per composizioni di
vario tipo (ghirlande,
centritavola, vasi, cesti,
segnaposti, bouquet, fioriere,
ciotole…) e carattere (classico,
romantico, moderno, esotico,
etnico…). Nei decori è
possibile abbinare anche
ortaggi e frutta artificiali,
nastri di vario genere, candele,
pigne e bacche, spighe e rami.
Composizioni fai da te
Scelti elementi e stile del
decoro floreale, per la sua
creazione potete rivolgervi
al vostro fiorista di fiducia
oppure occuparvene voi
stessi: sarà facile e divertente.
● L’attrezzatura base è poco
costosa e di semplice
utilizzo: attrezzi da taglio
(cesoia, forbici, pinza…),
rete metallica, filo di ferro,
muschio, spugna sintetica,
carte, nastri e fili colorati,
nastro adesivo, colla ecc.
● La composizione potrà
essere tradizionale oppure
Materiale fotografico archivio Gribaudo
Per togliere la polvere
Le composizioni con i fiori secchi durano
a lungo, gioco forza quindi che, con il tempo,
la polvere si accumuli. Per “spolverarle” senza
rischiare di danneggiarle si può ricorrere ai
“consigli della nonna”, come usare un phon ad
aria fredda tenuto a distanza corretta oppure
lasciare la composizione sul davanzale di una
finestra in una giornata ventilata, asciutta
e calda. Più sicuro però ricorrere agli appositi
prodotti reperibili in commercio perché, oltre
a rimuovere la polvere, sono in grado di
ravvivarne i colori, riportando il vostro
manufatto allo splendore del primo giorno.
classica, simmetrica
o asimmetrica, sparsa
o disordinata. L’importante
è che l’effetto finale
trasmetta una sensazione
di equilibrio, che i colori
e le forme si armonizzino.
● A fronte del tipo di decoro
scegliete un contenitore
idoneo (vaso, piatto,
vassoio… di ceramica,
coccio, terracotta, vimini
ecc.) e al suo interno
predisponete una base
di spugna sintetica o di
muschio sintetico avvolto
con rete metallica.
● A questo punto potete
iniziare a “costruire” la
composizione, ricordando
che i fiori e le parti vegetali
che inserirete per ultimi
saranno quelli che
risalteranno maggiormente.