AGAPU_Rapporto Finale_ott2013 (2)

Commenti

Transcript

AGAPU_Rapporto Finale_ott2013 (2)
ANALISI E GOVERNO
DELL’AGRICOLTURA PERIURBANA (AGAPU)
RAPPORTO FINALE DI RICERCA
a cura di Stefano Pareglio
Sperimentazione condotta nell’ambito del progetto di ricerca n. 1746 “Analisi e governo
dell'agricoltura periurbana (AGAPU)” finanziato con il Programma Regionale di ricerca in campo
agricolo 2010-2012 di Regione Lombardia – Piano 2010
Responsabile scientifico del progetto di ricerca
Stefano Pareglio
Fondazione Lombardia per l’Ambiente (FLA), Università Cattolica del Sacro Cuore
Alla ricerca hanno partecipato
Fondazione Lombardia per l’Ambiente (FLA) - Ente Capofila
Largo 10 luglio 1976, 1 - 20822 Seveso Tel: +39 028061611 e-mail: [email protected]
Stefano Pareglio (responsabile scientifico)
Riccardo Falco, Tania Feltrin, Giovanni Guastella, Mita Lapi,
Manuela Panzini, Silvia Ronchi, Stefano Santamato, Fabio Villa
Università Cattolica del Sacro Cuore
Centro di Ricerche per l’Ambiente e lo Sviluppo Sostenibile della Lombardia (CRASL)
via Musei, 41 - 25121 Brescia Tel: +39 0302406752 e-mail: [email protected]
Antonio Ballarin Denti (responsabile scientifico)
Stefano Pareglio, Franco Pasquarelli, Francesca Pozzi, Daniele Tessera
Università degli Studi di Milano
Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali (DISAA),
Dipartimento di Economia, Management e Metodi Quantitativi (DEMM)
Via Celoria, 2 - 20133 Milano Tel: +39 02 50316480 e-mail: [email protected]
Guido Sali (responsabile scientifico)
Stefano Corsi, Chiara Mazzocchi, Michael Plebani
Università degli Studi di Milano Bicocca
Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale (DSRS)
Via Bicocca degli Arcimboldi, 8 Edificio U7 – 20126 Milano
Tel:+039 0264487536 e-mail: [email protected]
Matilde Ferretto (responsabile scientifico)
Giulia Caiani, Silvia Mugnano
Politecnico di Milano
Dipartimento di Architettura e Studi Urbani (DAStU)
via Bonardi,3 - 20133 Milano Tel +39 0223995400 e-mail: [email protected]
Piergiorgio Vitillo (responsabile scientifico)
Giulia Barbera, Arrigo Cirio, Paolo Galuzzi, Elena Solero
Coordinamento organizzativo
Silvia Ronchi, Fondazione Lombardia per l’Ambiente (FLA)
Gestione amministrativa
Lorena Biffi, Silvia Ronchi, Fondazione Lombardia per l’Ambiente (FLA)
Per Informazioni:
Regione Lombardia - Direzione Generale Agricoltura
U.O. Sviluppo di Innovazione, cooperazione e valore delle produzioni
Struttura Sviluppo, Promozione delle Produzioni, Ricerca, Innovazione Tecnologica e Servizi alle Imprese
Piazza Città di Lombardia n.1 - 20124 Milano
Tel: +39.02.6765.3790 fax +39.02.6765.8056 e-mail: [email protected]
© Copyright Regione Lombardia
Editore Fondazione Lombardia per l’Ambiente - Data di pubblicazione: ottobre 2013
ISBN 978-88-8134-116-0
Indice
1. Attività di confronto istituzionale e di divulgazione scientifica
1.1 Tavoli tecnici, seminari e workshop
2. Rapporto di ricerca delle unità operative
2.0. Sommaria presentazione
2.1. Sistemi urbani, urbanizzazione e utilizzo del suolo nella Regione Lombardia: evidenze
dall’analisi spaziale
Gianni Guastella e Stefano Pareglio, Fondazione Lombardia per l’Ambiente
2.2. Analisi e caratterizzazione dei sistemi agricoli e territoriali della Lombardia
Stefano Pareglio e Francesca Pozzi, CRASL – Università Cattolica del Sacro Cuore
2.1. Agricoltura periurbana e politiche di sviluppo rurale: strumenti di analisi e ipotesi di
intervento
Guido Sali, Stefano Corsi, Chiara Mazzocchi e Michael Plebani, DISAA, DEMM – Università
degli Studi di Milano
2.2. Classificazione dei comuni lombardi sulla base della morfologia sociale e delle funzioni : 4
possibili scenari interpretativi del territorio
Matilde Ferretto, Giulia Caiani, Silvia Mugnano, DSRS - Università degli Studi di Milano
Bicocca
2.3. Morfologie urbane e periurbane
Piergiorgio Vitillo, Paolo Galuzzi e Elena Solero, DAStU – Politecnico di Milano
3. Una proposta di classificazione unitaria dei sistemi territoriali della Lombardia
Giulia Caiani, Gianni Guastella, Stefano Pareglio e Francesca Pozzi
4. Atlante delle Buone Pratiche
5. Linee Guida per la gestione e il governo dell’agricoltura e dei territori periurbani
6. Attività di trasferimento dei risultati
Fabio Villa, Fondazione Lombardia per l’Ambiente
1. Attività di confronto istituzionale e di divulgazione scientifica
1.1 Tavoli tecnici, seminari e workshop
Le attività di confronto istituzionale e di divulgazione scientifica sono parte integrante del progetto
di ricerca AGAPU. Esse sono state avviate fin dalle fasi iniziali di progetto, prevedendo modalità
differenziate in relazione dei relativi utenti.
a) riunioni di progetto
Nel corso dei due anni di attività si sono svolte numerose riunioni di lavoro che hanno
riguardato i 5 gruppi disciplinari (Fondazione Lombardia per l’Ambiente, Università Cattolica
del Sacro Cuore – CRASL, Università degli Studi di Milano – DISAA e DEMM, Università degli
Studi di Milano Bicocca – DSRS, Politecnico di Milano – DAStU). Le riunioni, a cadenza
mensile, hanno permesso di orientare le attività di ricerca, di integrare e armonizzare le
banche dati, di trasferire gli esiti dal confronto con Regione Lombardia e di condividere i
risultati della ricerca, oltreché di valutare lo stato di avanzamento delle singole unità
operative. In alcune occasioni hanno preso parte anche i responsabili tecnici della DG
Agricoltura per apportare il proprio contributo, le proprie esigenze di conoscenza e per
verificare lo sviluppo del progetto, ciò ha altresì consentito un accesso più agevole alle
banche dati, materiali e documentazioni di Regione Lombardia.
b) confronto con i portatori di interesse
Durante le due annualità della ricerca si sono svolti alcuni incontri con associazioni, operatori
del settore, nonché con gli enti aderenti al progetto (Provincia di Lodi, Provincia di Monza e
Brianza, Provincia di Milano, Parco Lombardo della Valle del Ticino, Regione Lombardia –
DG Territorio e Urbanistica, Centro Studi PIM), al fine di verificarne il fabbisogno conoscitivo.
La metodologia adottata, le modalità di interpretazione e classificazione del territorio
nonché gli esisti dell’attività di ricerca sono stati presentati pubblicamente in due occasioni
a interlocutori differenti con competenze e conoscenze diversificate.
Al termine del primo anno, i risultati della ricerca sono stati oggetto di presentazione alla
comunità scientifica per valutarne l’adeguatezza metodologica e la rilevanza empirica
(come previsto dal progetto). Fondazione ha organizzato, in collaborazione con la DG
Agricoltura di Regione Lombardia, un seminario internazionale durante il quale i singoli
gruppi di ricerca hanno sottoposto l’esito delle attività svolte a due discussant indicati dalle
società scientifiche che hanno patrocinato l’iniziativa (Società Italiana di Economia Agraria,
Centro Studi di Estimo e di Economia Territoriale, Associazione Italiana di Scienze Regionali,
Associazione Italiana di Sociologia, l’Associazione Italiana per gli studi sulla qualità della vita,
Istituto Nazionale di Urbanistica).
Il seminario si è svolto il 2 marzo 2012 presso l’aula di rappresentanza dell’Università degli
Studi di Milano. Tale iniziativa è stata patrocinata da: Società Italiana di Economia Agraria,
Centro Studi di Estimo e di Economia Territoriale, Associazione Italiana di Scienze Regionali,
Associazione Italiana di Sociologia, l’Associazione Italiana per gli studi sulla qualità della vita,
Istituto Nazionale di Urbanistica. Al seminario hanno partecipato circa 100 persone. Le
presentazioni illustrate durante l’evento sono state pubblicate sul sito internet della
Fondazione
in
una
pagina
dedicata
al
progetto
AGAPU
(http://flanet.org/it/992/progetto/analisi-e-governo-dell%E2%80%99agricoltura-periurbanaagapu)
e
sul
sito
di
Regione
Lombardia
(http://www.agricoltura.regione.lombardia.it/cs/Satellite?c=Redazionale_P&childpagenam=
DG_Agricoltura%2FDetail&cid=1213309498035&packedargs=NoSlotForSitePlan%3Dtrue%26m
enu-to-render%3D1213286628366&pagename=DG_AGRWrapper#1213425509216),
sono
quindi disponibili per i ricercatori interessati.
1
I prodotti finali della ricerca sono stati presentati, discussi e condivisi durante il workshop
tenutosi il 14 gennaio 2013 nella sede di Seveso di Fondazione Lombardia per l’Ambiente. Al
workshop, organizzato da Fondazione con la collaborazione della DG Agricoltura di
Regione, Lombardia, sono stati invitati numerosi enti, associazioni e stakeholders detentori di
informazioni e competenze territoriali a livello locale e nazionale: ANCI – Associazione
Nazionale Comuni Italiani | UPI – Unione delle Province d’Italia | Coldiretti Lombardia,
ConfAgricoltura | CIA - Confederazione Italiana Coltivatori | COPAGRI – Confederazione
Produttori Agricoli | Associazione regionale allevatori Lombardia | AIAB - Associazione
Italiana per l'Agricoltura Biologica | Distretto Agricolo milanese | Regione Lombardia - DG
Agricoltura, DG Sistemi Verdi e Paesaggio, DG Territorio e Urbanistica | ERSAF | INU - Istituto
Nazione di Urbanistica | FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano | Legambiente Lombardia |
WWF | LIPU | CRCS – Centro di Ricerca sui Consumi di Suolo | Provincia di Milano |
Provincia di Lodi | Provincia di Monza e della Brianza | Provincia di Brescia | Parco
Lombardo della Valle del Ticino | Parco Agricolo Sud Milano | Parco Nord Milano | Scuola
Agraria del Parco di Monza | Centro Studi PIM | Università della Montagna | Associazione
Slow Food | CONAF – Consiglio ordine nazionale dott. Agronomi e dott. Forestali | EXPO spa
| Rete Rurale Nazionale | DESR - Distretto di Economia Solidale Rurale | Progetto “LIFE TIB –
Trans Insubria Bionet”.
Ai partecipanti sono state presentate le metodologie adottate dalle cinque unità operative
e le carte interpretative prodotte durante i due anni di ricerca, quale supporto all’attività di
programmazione e pianificazione alle diverse scale. Successivamente sono stati illustrati gli
altri prodotti dell’attività di ricerca, ovvero l’Atlante delle buone pratiche di governo dei
territori periurbani che raccoglie i casi di studio di buone pratiche sulla gestione dei territori e
dell’agricoltura periurbana in Italia e in Europa, e le Linee guida per il governo dei territori e
dell'agricoltura periurbana. In riferimento a quest’ultimo elaborato, i partecipanti al
workshop hanno potuto esprimere i loro suggerimenti, le loro osservazioni e le proposte di
integrazione sia direttamente durante il seminario oppure contattando Fondazione nelle
settimane successive.
I commenti sono pervenuti dalla LIPU – Lega Italiana Protezione Uccelli, dalla Provincia di
Lodi, da ARPA Lombardia, dal WWF Lombardia, dalla Scuola Agraria del Parco di Monza e
infine da Regione Lombardia – DG agricoltura
c) confronto scientifico
Le attività dei singoli gruppi di ricerca hanno avuto una rilevanza anche nel mondo
scientifico, sia a livello nazionale che europeo. Due paper sono stati infatti accettati e
presentati alla conferenza “Agricolture in a urbanizing society” che si è tenuta a
Wageningen dal 1° al 4 aprile 2011. I paper proposti sono “Identifying the characteristics of
peri-urban agriculture in Lombardy (Italy)”, di Stefano Pareglio e Francesca Pozzi, e “Rural
development policy and land use in Lombardy” di Guido Sali, Stefano Corsi, Chiara
Mazzocchi,
Danilo
Bertoni.
(link
al
sito
di
progetto
http://www.wageningenur.nl/en/Research-Results/Projects-and-programmes/Agricultureurbanizing-society.htm)
Alla conferenza dell’Associazione Italiana di Scienze Regionali (AISRe), tenutasi a Roma dal
13 al 15 settembre 2012, è stato presentato il paper dal titolo “Geographical patterns of
urbanisation in the Lombardy region: empirical evidence from a spatial CBD model” di
Gianni Guastella e Stefano Pareglio.
Altri due paper sono stati presentati al convegno organizzato dalla Società Italiana di
Economia Agraria (SIDEA) relativo ai “Sistemi agroalimentari ed economie nel bacino del
Mediterraneo: istituzioni e politiche” che si è tenuto dal 27 al 29 settembre 2012. I paper
2
riguardano “L’identificazione dei Sistemi Urbani: un’analisi esplorativa spaziale dell’utilizzo del
suolo nei comuni lombardi” di Stefano Pareglio e Giovanni Guastella, e “L’Identificazione e
analisi dei sistemi urbani/rurali in Lombardia” di Stefano Pareglio e Francesca Pozzi
(http://www.sidea.org/sidea/Reggio2012.html).
Infine durante il Convegno SIDEA (Società di Economia Agraria) che si terrà a Lecce il 26-27
settembre 2013 verrà presentato il paper “Urban Systems, Urbanization dynamics and land
use in Lombardy region: evidence from a spatial analysis” di Gianni Guastella e Stefano
Pareglio mentre all’incontro di studi CeSET, “Sviluppo economico e nuovi rapporti tra
agricoltura, territorio e ambiente”, che si terrà a Verona il 21-23 novembre 2013 il contributo
che verrà presentato da Francesca Pozzi riguarderà la “Caratterizzazione dell'agricoltura nei
sistemi territoriali e nelle aree periurbane in Lombardia” contenuto nel paper di Caiani G.,
Guastella G., Pareglio, S., Pozzi, F e Solero, E. "Periurban agriculture in Lombardy between
urban sprawl, multifunctionality and new lifestyles: towards a territorial approach for rural
development" in incontro di studi CeSET, “Sviluppo economico e nuovi rapporti tra
agricoltura, territorio e ambiente”, Verona, 21-23/11/2013.
d) predisposizione e implementazione GIS in accordo con Regione Lombardia
Fondazione Lombardia per l’Ambiente ha avviato un tavolo di confronto con Lombardia
Informatica, DG Agricoltura, DG Territorio e Urbanistica, e DG Sistemi verdi e paesaggio, per
la definizione delle modalità di realizzazione e la pubblicazione dei dati geografici del
progetto AGAPU, come previsto dal progetto. Ciò al fine di rendere disponibili i dati a
diverse tipologie di utenti, a seconda delle esigenze di Regione Lombardia, quali ad
esempio i comuni nella fase di redazione e attuazione dei Piani di Governo del Territorio,
oppure le amministrazioni provinciali nella definizione delle Aree Agricole Strategiche
nell’ambito dei Piani Territoriali di Coordinamento Provinciale. Gli esiti delle cinque unità
operative verranno resi pubblici attraverso il GEOportale di Regione Lombardia, inizialmente
i dati verranno pubblicati su Dati SIT intranet con accesso riservato ai dipendenti di Regione
Lombardia e al sistema regionale allargato, mentre successivamente saranno disponibili on
line sul GEOportale con accesso libero via internet. I dati potranno essere visualizzati oppure
scaricati, in questo secondo caso, oltre allo shapefile verrà fornito anche un file di testo che
riporta una breve contestualizzazione del progetto AGAPU e una descrizione dei dati che il
layer contiene. (per ulteriori informazioni si veda il capitolo 6 dedicato all’attività di
trasferimento dei risultati).
e) partecipazione al Tavolo regionale sul consumo di suolo
Fondazione Lombardia per l’Ambiente, in qualità di ente capofila del progetto, ha
partecipato attivamente al Tavolo regionale sul consumo di suolo - coordinato dalla DG
Sistemi Verdi e Paesaggio di Regione Lombardia - apportando il proprio contributo tecnicoscientifico. La ricerca AGAPU è stata così inserita tra le attività dell’Agenda sul consumo di
suolo per l’anno 2012, al fine di arricchire il sistema delle conoscenze. In particolare AGAPU
fornisce il proprio contributo rispetto alle attività inerenti a i) definizione di una modalità di
analisi, di classificazione e d’interpretazione dei territori periurbani, oggetto di pressioni
insediative e degrado ambientale, atte a stabilire un corretto equilibrio tra urbano e rurale
nell’uso delle risorse, finalizzato al contenimento del consumo e del depauperamento dei
suoli vocati all’agricoltura; ii) sviluppo di uno strumento di classificazione per la definizione
delle politiche di governo dei territori periurbani; iii) produzione di linee guida per il governo
dei territori periurbani anche attraverso l’analisi di casi di studio italiani ed europei.
3
2.
Rapporto di ricerca delle unità operative
2.0 Sommaria presentazione
Nel biennio di ricerca, le cinque unità operative del progetto AGAPU hanno affrontato il tema
dell'agricoltura e delle aree periurbane secondo specifici eppur concorrenti profili disciplinari, tesi a
focalizzare, anzi tutto, le definizioni, i caratteri, le metodologie e gli indicatori utili all'analisi e alla
classificazione territoriale, con una specifica attenzione per i temi dell'uso/consumo di suolo, delle
relazioni funzionali e morfologiche tra città e campagna, della variabilità e dell'evoluzione degli stili
di vita, delle politiche di sviluppo rurale, delle modalità di esercizio delle attività agricole e delle
motivazioni economiche delle scelte aziendali.
Questa ricchezza disciplinare si riflette sulle "mappature" del territorio regionale prodotte dalle
diverse unità operative, i cui esiti verranno di presentati e discussi nei singoli rapporti di ricerca
unitamente alle proposte per un nuovo governo dell'agricoltura e delle aree periurbane.
In seguito, sarà oggetto di presentazione anche una proposta di sintesi unitarie delle risultanze dei
singoli gruppi di ricerca.
In sintesi, e in prima approssimazione:
- la Fondazione Lombardia per l’Ambiente ha classificato il territorio lombardo in base
all'eterogeneità dei rapporti urbano-rurale e al ruolo specifico delle singole unità comunali
all'interno di sistemi urbani complessi, applicando un modello di tipo Central Business District e
operando una Analisi Esplorativa Spaziale dei Dati (ESDA) per l’identificazione dei sistemi urbani e
rurali come agglomerazioni di comuni geograficamente contigui e con caratteristiche simili in
termini di densità di urbanizzazione;
- il Centro di Ricerche per l'Ambiente e lo Sviluppo Sostenibile della Lombardia (CRASL)
dell'Università Cattolica del Sacro Cuore ha indagato, mediante tecniche di analisi multivariata
integrate da analisi GISbased, indicatori rappresentativi dell'eterogeneità del quadro ambientale,
economico, sociale, relazionale e agricolo della Lombardia, pervenendo infine a proporre una
classificazione territoriale mediante l'utilizzo di due variabili principali (densità di popolazione e uso
del territorio);
- Il Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali (DISAA) e il Dipartimento di Economia,
Management e Metodi Quantitativi (DEMM) dell’Università degli Studi di Milano si sono focalizzati
sulla valutazione dell’impatto delle politiche agricole e sulla relazione tra la partecipazione delle
aziende agricole ad alcune misure del Piano di Sviluppo Rurale di Regione Lombardia (in
particolare la misura 121 dedicata all’ammodernamento aziendale) e il consumo di suolo agricolo,
considerando inoltre i possibili effetti che l’adesione a queste misure potrebbe determinare sulla
struttura produttiva o sul numero delle aziende;
- il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociologica (DSRS) dell’Università degli Studi di Milano
Bicocca ha adottato una classificazione basata su indicatori di morfologia sociale (sociodemografici, servizi, attrattività, mobilità e stili di vita), impiegando metodologie di analisi
multivariata e di clusterizzazione;
- il Dipartimento di Architettura e Studi Urbani (DAStU) del Politecnico di Milano, infine, ha adottato
un approccio prevalentemente morfologico. Partendo dal presupposto che tutte le unità
comunali presentino contestualmente caratteri urbani, periurbani, produttivi e ambientali, sono
stati individuati e mappati alcuni indicatori significativi (dimensioni e caratteri dei territori
antropizzati), con due differenti classificazioni: una di tipo quantitativo, basata sul rapporto tra la
somma delle superfici antropizzate e periurbane (“impronta di urbanità”) e le superfici comunali;
una di tipo qualitativo (“morfologie territoriali”), basata sulla continuità e/o discontinuità delle
superfici antropizzate rispetto ai confini comunali.
4
2.1
Sistemi urbani, urbanizzazione e utilizzo del suolo nella Regione Lombardia: evidenze
dall’analisi spaziale
Giovanni Guastella, Stefano Pareglio – Fondazione Lombardia per l’Ambiente
2.1.1
Abstract
In questo studio si tenta di identificare il legame tra struttura urbana e consumo del suolo per i
comuni e le province della regione Lombardia. Com’è noto la crescita urbana spesso sottrae
risorse, principalmente suolo, all’agricoltura, ostacolandone e talvolta impedendone lo sviluppo.
Diventa quindi fondamentale capire quale modello di crescita urbana rappresenta maggiori rischi
per il consumo del suolo per poter poi disegnare strumenti appropriati, a seconda dei casi, e utili a
rendere la crescita urbana sostenibile, e quindi anche compatibile con lo sviluppo rurale.
L’approccio, empirico, è strutturato in due fasi. Nella prima si vuole fornire una rappresentazione
del fenomeno “uso del suolo”, inteso come percentuale di suolo urbano, a livello territoriale,
differenziando le aree urbane da quelle agricole e rurali e da quelle naturali. Nella seconda si
descrive la struttura urbana sulla base del legame tra uso del suolo e distanza dai centri economici
che possono rappresentare i principali attrattori per poi relazionare la stessa struttura urbana con
l’uso del suolo e con il consumo del suolo, quest’ultimo inteso come aumento, tra il 1999 e il 2007,
della percentuale di suolo urbano. Le evidenze sembrano suggerire che strutture urbane compatte
e densamente concentrate attorno ad un centro urbano sono associabili a livelli di consumo del
suolo inferiori alle attese mentre strutture urbane irregolari hanno favorito il consumo del suolo.
This study attempts to relate urban structure to soil consumption for the municipalities and provinces
of the Lombardy region. It is widely acknowledged that urban growth grasp resources, and in
particular soil, to agriculture, thus preventing, and sometimes impeding, rural development.
Accordingly, it is of primary importance to understand how modes of urban expansion can affect
soil use and which modes represent more a risk for soil consumption. Based on this information it is
possible to design appropriate tools which are useful to make urban growth sustainable and hence
compatible with rural development. The approach, empiric in nature, is structured in two steps.
Firstly a synthetic representation at the territorial level is provided for “soil use”, defined as the share
of urbanized area at the municipal level, distinguishing urban areas from rural and agricultural
areas and from natural areas. Secondly an attempt is made to define urban structure based on
the relation occurring between soil use and distance from areas in the region which might
represent economic attractors. Urban structure is then related to soil use and soil consumption, the
latter defined as the change between 1999 and 2007 in soil use. Evidence suggest that more
compact and densely concentrated urban structures can be associated to lower than expected
soil consumption while the opposite is true for irregular urban structures.
5
2.1.2
Premessa
La necessità di politiche di sviluppo regionali specifiche è legata anche alla sempre crescente
attenzione che i territori rurali stanno acquisendo all'interno del dibattito sulle future strategie per la
crescita sostenibile. Rappresenta un dato di fatto che più della metà dell'intera popolazione
europea abita in territori che possono essere definiti rurali e che questi territori rappresentano il 91%
dell'intero territorio europeo1. Non sorprende dunque che strategie politiche che mirino a essere
inclusive prestino una particolare attenzione alle aree rurali nonché alle relazioni che suddette aree
intrattengono con i centri urbani, pertanto riconoscendo la rilevanza delle attività agricole anche
all'interno dei territori urbanizzati.
Elemento centrale di questa discussione sembra essere la definizione di aree rurali (Bryden 2002).
Storicamente, infatti, le aree sono state classificate come rurali in contrapposizione alle aree
urbane, queste ultime caratterizzate da specifici attributi relativi a fattori economico-sociali e
demografici. Ciononostante è possibile riscontrare in letteratura tentativi di superare gli stretti
confini delimitati dalla comune dicotomia urbano-rurale (Hewitt 1989; Tacoli 1998). In questo
continuum tra urbano e rurale ha trovato spazio la concettualizzazione del peri-urbano, nata nel
tentativo di descrivere territori in cui i caratteri comuni alle aree urbane incrociano gli attributi di un
ambiente rurale. Fermo restando la non precisa definizione, il ruolo che viene riconosciuto a questi
territori è di crescente importanza, in particolar modo nel ramo della pianificazione e gestione
ambientale (Allen 2003).
In particolare una singola tipologia che serva a descrivere un insieme complesso di aree che si
collocano a metà tra urbano e rurale potrebbe anche rivelarsi non sufficiente (Iaquinta and
Drescher 2000). Al contrario è possibile riconoscere differenti tipologie di territori peri-urbani le cui
caratteristiche sono influenzate dall'entità delle relazioni geografiche, economiche e sociali che
tali territori intrattengono con le aree urbane. É conseguenza di ciò la considerazione della struttura
urbana quale componente chiave nel determinare il ruolo che può essere attribuito ai territori periurbani.
Il ruolo dei territori peri-urbani necessita quindi di essere riconsiderato all'interno delle agende
politiche a livello locale. In particolare il tema merita attenzione anche in considerazione dei
cambiamenti cui sono soggette le strutture urbane. Cambiamenti che, in alcuni casi, vedono i
centri urbani transitare da un’organizzazione tradizionale monocentrica verso modelli a rete,
all'interno dei quali occupano una valenza primaria le relazioni funzionali tra le città. È possibile
infatti che il tradizionale modello monocentrico (Alonso 1964), basato sull'espansione dei centri
urbani dai centri verso le periferie, non sia capace, oggi, di spiegare il cambiamento nella
distribuzione della popolazione in aree urbane e non urbane. A seguito della riduzione dei costi di
trasporto, l'intensità delle connessioni tra le varie aree è aumentata, portando con se la creazione
di strutture a rete grazie alle quali i centri urbani possono beneficiare delle esternalità tipicamente
legate alla crescente urbanizzazione senza necessariamente incorrere in costi di congestione (De
Goei et al. 2010). Tali reti si sono poi evolute fino a diventare, in alcuni casi, veri e propri sistemi
urbani all'interno dei quali i centri urbani competono e, allo stesso tempo, cooperano. L'emergere
di aree intermedie, per loro natura legate alle città principali ma che tuttavia conservano una
propria autonomia economica, può essere considerato come il risultato di questo complesso
intreccio di relazioni funzionali. In questo contesto, il ruolo dei territori peri-urbani ha subito
un’importante evoluzione.
Con la crescente diffusione nello spazio delle attività economiche, della popolazione e della forza
lavoro al di fuori delle principali agglomerazioni urbane anche l'attenzione delle politiche si sta
spostando gradualmente verso definizioni urbane più ampie. Le regioni funzionali (Cattan 2002), ad
esempio, possono essere considerate come un livello territoriale intermedio più adeguato, rispetto
alle definizioni di amministrazioni comunali, per le decisioni in tema di politiche di sviluppo locale.
1
http://ec.europa.eu/agriculture/rurdev/index_en.htm.
6
Ciò in virtù della loro natura intermedia tra un livello decisionale troppo ristretto, quale quello
relativo all'amministrazione comunale, e uno troppo ampio, quale quello regionale, che non può
tener conto dell'eterogeneità delle relazioni all'interno del territorio. Il principale ostacolo allo
sviluppo di tale approccio può essere considerata la necessità di affidabili dati sull'intensità dei
flussi funzionali per determinare i limiti geografici di tali regioni. Sfortunatamente, infatti, questi dati
sono scarsamente disponibili e, quando lo sono, non sempre comparabili tra aree geografiche
diverse.
In questo contesto, il presente studio mira a fornire evidenze empiriche e analitiche su due
principali questioni legate allo sviluppo urbano. La prima delle due questioni riguarda la necessità
di descrivere e studiare le forme organizzative delle agglomerazioni urbane. Viene presentata e
applicata una procedura di analisi descrittiva spaziale che, partendo dalle informazioni disponibili,
propone come risultato una classificazione dei territori che tenga conto della diversa
organizzazione urbana delle varie aree, distinguendo le forme di urbanizzazione prevalentemente
multicentriche da quelle più tradizionalmente monocentriche. La seconda delle due questioni si
riferisce alla relazione tra forma organizzativa dello spazio urbano e consumo del suolo. L’analisi
empirica proposta si occupa di determinare il grado di compattezza dello spazio urbano
all’interno dei comuni di ogni provincia, per poi metterlo in relazione con il consumo del suolo.
La metodologia di analisi descrittiva mira all'identificazione prima, e alla definizione dei confini poi,
dei sistemi urbani e di quelli rurali. Gli strumenti analitici vengono presi in prestito dalla Exploratory
Spatial Data Analysis (ESDA) (Anselin 1995; Anselin 1996) con un duplice obiettivo. Dapprima si
identificano i confini dei cluster geografici di territori con un simile grado di urbanizzazione,
quest’ultima misurata in termini di percentuale di suolo urbanizzato. Tali territori sono classificati
come realtà urbane organizzate in reti di città (o sistemi urbani). In seguito si passa
all’identificazione dei nuclei urbani monocentrici nelle aree non urbanizzate. La scelta di utilizzare
le metodologie proprie dell'analisi spaziale è motivata dalla necessità di tenere in adeguata
considerazione il fenomeno dell'associazione spaziale, intesa come co-localizzazione geografica di
territori simili. La presenza di legami funzionali tra i territori porta, infatti, a determinare processi di
co-sviluppo e co-evoluzione che danno in seguito luogo all'associazione spaziale. In assenza di dati
affidabili circa l'intensità dei legami funzionali, l'individuazione dei cluster sembra essere la via
preferibile verso la costruzione di un indicatore che rifletta la composizione dei sistemi urbani. Il
medesimo approccio è stato già utilizzato in letteratura, tra gli altri, da Baumont et al. (2004) per
caratterizzare i fenomeni agglomerativi in Dijon e da Ramos and Silva (2003) per studiare i confini
geografici delle regioni metropolitane del Portogallo.
La metodologia di analisi econometria mira invece alla misurazione della compattezza delle varie
agglomerazioni urbane (McMillen 2006). Sebbene, infatti, al livello regionale, esistano delle
formazioni urbane di natura multicentrica, è indubbio che i territori, almeno a livello di comuni e
forse anche di province, siano organizzati prevalentemente attorno ad un unico centro urbano,
più o meno esteso. Il fenomeno è documentato da una ampia letteratura basata su analisi
condotte prevalentemente, ma non esclusivamente, per le metropoli statunitensi (Paulsen 2012). In
maggior dettaglio, l’obiettivo di questa analisi è di testare in che misura il grado di densità urbana,
ancora una volta misurato con la percentuale di suolo urbanizzato, di ogni singolo comune sia
dipendente dalla distanza dal principale centro di attività economica a livello provinciale.
Il territorio della regione Lombardia fornisce un interessante esempio di co-esistenza di varie
tipologie di urbanizzato ed è per questo un interessante caso di studio. Innanzitutto la città di
Milano, la più grande all'interno della regione con i suoi 1300000 abitanti e più 2. L’area
metropolitana di Milano è costituita dai territori maggiormente urbanizzati della Lombardia.
Ciononostante specifiche attività agricole trovano spazio nelle aree più periferiche. In secondo
luogo vi sono città importanti come Varese, Bergamo e Brescia, anch’esse ampiamente
2
Fonte: Censimento 2010.
7
urbanizzate – meno rispetto a Milano – e le cui attività sono fortemente interconnesse con
l’economia Milanese. Infine ci sono altre città capoluoghi di provincia quali Cremona, Mantova,
Lodi e Pavia, localizzate nella parte più a sud della regione, dominata dalla presenza di agricolture
specializzate. Per la regione Lombardia è ragionevole dunque aspettarsi che il ruolo dei territori
peri-urbani, per quanto non ancora chiaramente definiti, vari nelle diverse aree della regione. La
classificazione delle tipologie di organizzazione urbana sembra quindi essere un primo, necessario,
passo per uno studio approfondito del ruolo dei territori peri-urbani.
L’analisi ESDA identifica, per la regione Lombardia, un principale sistema urbano. Nonostante il
sistema sembra gravitare attorno alla città di Milano, un’analisi attenta ne rivela la natura
multicentrica, posto che lo stesso sistema copre anche le aree di Varese, Bergamo e Brescia. Tale
sistema urbano ricopre dunque la parte centrale della regione, con la maggior parte dei comuni
conglomerati nella parte più occidentale. L’area a nord del sistema urbano è identificata come
sistema rurale, essendo costituito prevalentemente da territori montuosi, pertanto meno
urbanizzati3. La parte più a sud della regione è invece descritta come una combinazione di territori
urbani, rurali e intermedi, all’interno della quale le aree urbane sono organizzate secondo la più
classica struttura monocentrica e sono collocate all’interno di un’area prevalentemente rurale.
Sulla base delle informazioni fornite dall’analisi esplorativa spaziale, l’esercizio econometrico
permette di delineare più chiaramente il quadro descrittivo relativo al fenomeno di utilizzo del
suolo. Per le province che sono state prima classificate come parte del sistema urbano
multicentrico si nota una varietà nel legame tra percentuale di suolo urbanizzato e distanza dal
comune capoluogo. Tale legame è infatti più forte nelle aree più periferiche del sistema, quali i
comuni appartenenti a Brescia, Bergamo, Como e Varese e più debole in provincia di Milano e
Monza e Brianza. I comuni nelle province che sono state incluse nell’insieme di aree urbano-rurali a
sud del sistema multicentrico mostrano invece un legame tra consumo del suolo e distanza dal
centro meno marcato, con poche eccezioni quali Pavia e Lodi.
Per concludere, un’analisi finale mette in relazione l’intensità di questo legame con il centro
urbano primario, il consumo di suolo e la sua dinamica. Dai risultati sembra che un’organizzazione
monocentrica del territorio sia associabile sia a una minore densità di urbanizzazione che a una più
lenta dinamica di consumo del suolo.
La parte rimanente del lavoro è organizzata nella seguente maniera. La prossima sezione fornisce
un richiamo alle metodologie utilizzate per l’analisi empirica descrittiva ed econometria nonché
una breve descrizione dei dati utilizzati. I risultati sono presentati e le evidenze discusse nella terza
sezione. Chiudono il lavoro le conclusioni e le raccomandazioni di policy.
2.1.3
Approccio metodologico
In questa sezione sono brevemente richiamate le metodologie utilizzate per l’analisi empirica
descrittiva ed econometrica. Nella prima parte è descritta la metodologia di analisi descrittiva
spaziale. Come in qualsiasi analisi descrittiva, lo scopo è di presentare il fenomeno, in questo caso
la percentuale di suolo comunale urbanizzato, in forma sintetica. La metodologia proposta di
seguito si sviluppa sulla base dell’analisi geo-spaziale del fenomeno partendo dalla mappatura
della variabile, ma la integra dando indicazioni precise e statisticamente valide del grado di
clusterizzazione, ovvero di raggruppamento spaziale dei territori con caratteristiche simili. Questo
consente di arrivare a una rappresentazione sintetica del fenomeno sulla cui base è possibile
distinguere e classificare i comuni in base alla loro similarità o diversità con i comuni confinanti.
Operata questa distinzione, e quindi prodotta una classificazione, l’analisi econometrica, descritta
nella seconda parte, si presta alla misurazione dell’intensità del legame tra densità urbana e
distanza dal principale centro economico della provincia in cui il comune è localizzato.
3
Fanno eccezione alcune località turistiche montane.
8
Quest’analisi integra la precedente descrivendo in che misura, all’interno delle singole province,
l’urbanizzazione dei comuni sia stata influenzata dal legame con il comune principale (Central
Business District).
Indicatori di Autocorrelazione Spaziale
Gli strumenti di analisi esplorativa spaziale vengono comunemente impiegati per studiare le
caratteristiche spaziali della distribuzione di alcune variabili. Attraverso la visualizzazione grafica è
possibile individuare valori outliers che potrebbero distorcere le stime e, sulla base di ciò, operare le
opportune correzioni. Inoltre – e ciò appare ancora più importante – è possibile individuare cluster
spaziali, intesi come agglomerazioni di aree con simili caratteristiche; le quali aree, ai fini dell’analisi
empirica, potrebbero essere considerate come un’unica unità.
Il più comune ed utilizzato indicatore di associazione spaziale è l’indice di Moran (1950)
I nell’equazione (1). L’indicatore misura l’autocorrelazione (o associazione) spaziale globale, intesa
come il grado di co-localizzazione di aree con simili valori di una determinata variabile X . wij
identifica il generico elemento della matrice di contiguità W , una matrice di dimensioni N u N
che descrive le relazioni di contiguità tra le N aree che vengono analizzate. Gli elementi della
generica riga i -esima della matrice assumono valore unitario se l’area che indica la j -esima
colonna è confinante, in conformità a uno specifico criterio, con la i -esima area; in alternativa
assumono valore nullo. Per definizione la contiguità tra ogni area e se stessa è nulla in maniera tale
che la diagonale principale della matrice abbia solamente elementi nulli 4.
(1)
I
¦¦ w ( X X )( X
¦¦ w
¦(X X )
ij
N
i
i
j
X)
j
2
ij
i
j
i
i
Tre criteri possono essere impiegati per definire la contiguità. Il primo criterio, quello dei k più vicini
secondo il quale vengono definiti confinanti della regione i tutte le k regioni j la cui distanza
rispetto a i risulta essere minima. Il secondo criterio, nominato della distanza critica, individua i
confinanti della regione i costruendo un cerchio di diametro d attorno alla regione e includendo
nell’insieme dei confinanti tutte le regioni j che rientrano nel cerchio. Infine il terzo criterio prevede
che due aree i
e
j
siano confinanti se condividono il confine amministrativo. Delle tre
metodologie le prime due comportano una scelta discrezionale dei parametri necessari
all’identificazione – rispettivamente k , il numero di confinanti e d , la distanza critica. Tale
discrezionalità, avendo un impatto diretto sui risultati, può essere considerata come un elemento di
poca robustezza dell’analisi. Il terzo criterio risolve questo problema pur tuttavia lasciando aperta
un’altra importante questione, quella concernente le isole ; questione che invece non si pone
utilizzando uno dei primi due criteri. Per quanto riguarda la regione Lombardia, si è avuto modo di
verificare che non esistono situazioni d’isolamento e, dunque, la scelta del criterio della contiguità
fisica per definire le relazioni di vicinanza è sembrato certamente il più appropriato.
Il valore atteso dell’indicatore I è uguale a E ( I )
1
. Si può facilmente osservare come tale
N 1
valore atteso tenda a zero per un valore di N che tende a infinito. Valori positivi dell’indicatore
corrispondono a una situazione di coincidenza geografica di aree con valori simili della
caratteristica descritta dalla variabile X . Per converso, valori negativi indicano una situazione di
vicinanza geografica di aree con valori opposti della medesima caratteristica.
4 Per comodità di interpretazione la matrice, nell’applicazione empirica, viene utilizzata nella versione standardizzata per
riga. Tale trasformazione consente di interpretare il risultato del prodotto tra la matrice e il vettore colonna della variabile di
partenza come la media ponderata del valore della stessa variabile nelle aree confinanti.
9
Il valore dell’indicatore può essere inoltre individuato per mezzo di una regressione lineare del
vettore di valori nelle aree confinanti WX sul vettore di valori originali X . L’indice corrisponde,
infatti, al coefficiente angolare della regressione, altrimenti interpretabile come rapporto tra
covarianza e varianza di X . Più intuitivamente può anche essere interpretato come la semplice
correlazione tra i valori della variabile nei confinanti e il valore nelle aree di origine. Senza nessun
cambiamento in termini interpretativi dunque, la descrizione grafica dell’indice di Moran fornisce
un utile strumento visivo per l’identificazione e l’interpretazione di cluster locali. La Figura 1 raffigura
il grafico cartesiano (Moran scatterplot) ottenuto dall’incrocio delle due variabili negli assi in caso
di associazione spaziale globale positiva. Quattro quadranti sono rappresentati, corrispondenti alle
quattro tipologie di associazione spaziale locale:
valori alti nell’area e nelle aree confinanti (q1);
valori bassi nell’area e alti nelle aree confinanti (q2);
valori bassi nell’area e nelle aree confinanti (q3);
valori alti nell’area e bassi nelle aree confinanti (q4).
Figura 1 - Moran scatterplot
[Elaborazione FLA]
Lo studio della distribuzione delle osservazioni nel grafico aiuta a individuare le regolarità che
caratterizzano i cluster spaziali in presenza di auto-correlazione locale al di là dell’auto-correlazione
globale descritta dal semplice indicatore. Una misura ancora più precisa del grado di
autocorrelazione locale – clustering – è il Local Indicator of Spatial Association (LISA) (Anselin 1995).
La misura è descritta nell’equazione (2) e, come si può notare, assume un valore specifico per ogni
area considerata. Assumendo poi che la variabile X abbia una distribuzione normale, è anche
possibile calcolare valori di significatività statistica dell’indicatore utilizzando la procedura di
randomizzazione descritta da Anselin (1995) e discussa ulteriormente da Anselin et al. (2006).
(2)
I
i
( X X )¦ w ( X X ) .
i
ij j
j
Gli strumenti ESDA sono stati utilizzati in questo lavoro per studiare l’utilizzo del suolo nei 1546 comuni
della regione Lombardia. La misura che descrive l’utilizzo della terra è la Percentuale di Superficie
Urbanizzate (PSU), calcolata come rapporto tra area urbanizzata e superficie totale. Il dato, riferito
all’anno 2007, è calcolato sulla base delle informazioni contenute nel database sull’uso del suolo,
disponibile presso il geoportale della regione Lombardia.
10
Central Business District Model
In seguito ai lavori di Alonso (1964), Mills (1967) e Muth (1969) il modello economico del Central
Business District (CBD) è stato assunto come punto di riferimento principale per l’analisi teorica ed
empirica nella disciplina delle scienze urbane. Visto dalla prospettiva della teoria economica, il
modello offre un semplice ma al contempo utile strumento per l’analisi di una realtà quanto mai
complessa come quella della struttura urbana e della sua evoluzione. Allo stesso modo, sotto il
profilo dell’analisi empirica, il modello fornisce, pur sotto alcune ipotesi semplificatrici, interessanti
spunti di riflessione che possono essere facilmente inclusi e testati utilizzando dati empirici. Sarà
forse per questo motivo che, nonostante l’analisi dei sistemi urbani stia via via diventando sempre
più complessa, grazie anche all’integrazione delle tecniche GIS (Páez and Scott 2005), il modello di
CBD continua a rappresentare un riferimento chiave per l’analisi sella struttura urbana (McMillen
2006; Paulsen 2012).
Assumendo una struttura monocentrica dello spazio urbano, la principale implicazione del modello
di CBD consiste nell’osservare che la densità di urbanizzazione, misurata per mezzo di dati
comunemente disponibili, decresce in maniera esponenziale al crescere della distanza dal centro,
genericamente definito come il luogo in cui le principali attività economiche si concentrano.
Questo tipo di predizione può essere quindi utilizzata per spiegare una varietà di fenomeni connessi
all’urbanizzazione, quali, ad esempio, la variazione spaziale dei prezzi delle case, dei valori della
terra, della densità di popolazione.
Raramente studi di questo tipo si sono però concentrati sull’analisi della percentuale di area
urbanizzata, probabilmente a causa delle difficoltà connesse con il reperimento di dati affidabile e
confrontabili sul piano territoriale. Questo nonostante la conversione di suolo agricolo sotto la
pressione dell’urbanizzazione rappresenti oggi uno dei fenomeni più preoccupanti legati alla
crescita del reddito e della popolazione (Brueckner 2000).
Il principale obiettivo della letteratura empirica derivata dal modello di CBD è la stima del
gradiente di distanza, dunque del parametro che indica come varia percentualmente la densità
di urbanizzazione al variare unitario della distanza dal centro. L’ipotesi che questa relazione sia
negativa ed esponenziale viene comunemente rimarcata riformulando il modello empirico come
in equazione (3)
(3)
log Ui a bDi ei .
U i rappresenta il grado di densità urbana, in questo caso la percentuale di suolo comunale
urbanizzato, mentre
Di è la distanza tra il comune e il comune capoluogo. Il parametro a va
interpretato come il logaritmo della densità urbana nel comune capoluogo e il parametro b
rappresenta il gradiente, cioè il parametro allo studio in questo tipo di analisi. Infatti, una stima
negativa e significativa del parametro b va interpretata come evidenza empirica di una struttura
monocentrica.
Facendo un passo avanti rispetto a quest’approccio metodologico, in questo lavoro ci si propone
di fornire non una stima unica del parametro in questione ma stime diverse per le varie province
che compongono il territorio lombardo. Questo permette di porre in relazione, in un secondo
momento, la struttura urbana con il consumo del suolo e con la sua dinamica.
Per quello che riguarda le tecniche di stima, il comune stimatore OLS non può essere considerato
attendibile in quanto, per essere considerato tale bisognerebbe assumere che la densità di
urbanizzazione in ogni comune sia indipendente dalla densità di urbanizzazione negli altri comuni.
La precedente analisi descrittiva ha chiaramente mostrato il contrario. Infatti, non soltanto la
densità di urbanizzazione non è indipendente, ma, al contrario, esistono veri e propri cluster
geografici di comuni con valori molto simili di densità di urbanizzazione.
Un’ampia letteratura econometrica basata preliminarmente sui lavori di Anselin (1988a; 1988b) ha
discusso il problema della violazione delle ipotesi sottostanti la stima con metodo OLS in presenza di
11
dati spaziali. Le più comuni soluzioni ricorrono a una specificazione del modello che tenga conto,
in fase di stima, di ciò che succede anche nei comuni confinanti. Questo può avvenire
principalmente in due modi. In primo luogo, includendo tra i regressori nel lato desto
dell’equazione la media dei valori della variabile dipendente nei comuni confinanti. In secondo
luogo, assumendo che il termine di errore
ei nell’equazione (3) non sia indipendente e
normalmente distribuito e che invece abbia una distribuzione che tenga conto della struttura
spaziale.
Nel caso specifico della stima del gradiente nei modelli empirici di CBD McMillen (2003) ha
ampiamente discusso la possibilità di utilizzare la seconda delle due specificazioni per ottenere una
stima robusta de parametro di interesse. Secondo lo stesso autore molti dei problemi di stima legati
alla specificazione del modello in equazione (3) sono da attribuire al fatto che, al di là della
distanza dal centro, altre variabili territoriali, ambientali, politiche e istituzionali sono in grado di
influenzare la densità di urbanizzazione. Non essendo, in maggior parte, queste variabili osservate, il
termine di errore risente di quest’omissione. Un’adeguata struttura spaziale, in questo caso è
considerata risolutiva del problema di stima.
Seguendo pertanto questo recente filone di letteratura econometrica, il modello nell’equazione
(3) viene modificato includendo una struttura spaziale del termine di errore (equazione (4)):
­°log U i a bDi ei
.
®
°̄ei UWei ui
(4)
La matrice W nell’equazione (4) è descritta nella precedente parte di questa sezione. I suoi
elementi rappresentano la struttura di contiguità fisica tra i comuni. A differenza del caso
precedente, dove un’unica matrice era stata costruita per l’insieme dei comuni del territorio
lombardo, in questo caso abbiamo operato con un insieme di matrici, una per ogni provincia della
regione Lombardia. Essendo infatti l’obiettivo del lavoro quello di ottenere differenti stime del
parametro b per le diverse province del territorio, è necessario stimare il modello in equazione (4)
per ogni insieme di comuni appartenenti alla medesima provincia, dunque utilizzando differenti
matrici W .
Per quanto riguarda infine l’intervallo temporale da utilizzare per la stima dei parametri, la
disponibilità dei dati sulla percentuale di suolo urbanizzato sia per l’anno 1999 che per l’anno 2007
ci permette di operare un confronto per misurare quanto la struttura urbana e il grado di centralità
del comune centrale siano cambiati nel tempo. Più nel dettaglio è possibile sviluppare un test
statistico sulla base dell’ipotesi nulla che il gradiente, che appunto misura tale grado di centralità,
sia rimasto invariato nel tempo. Utilizzando la specificazione in equazione (3) e differenziando tra i
due diversi periodi di tempo otteniamo la specificazione in equazione (5), che include al suo
interno anche la struttura spaziale del termine di errore.
­ § U i ,2007 ·
°log ¨¨
¸ D E Di H i
.
® © U i ,1999 ¸¹
°
¯H i OW H i Pi
(5)
Nell’equazione (5)
D
a2007 a1999 e
E
b2007 b1999 . Il primo dei due coefficienti esprime la
variazione nel tempo del logaritmo della densità di urbanizzazione mentre il secondo esprime la
variazione del grado di centralità del comune più importante – il capoluogo. L’ipotesi nulla è
0 . In alternativa E ! 0 indica che il grado di centralità del
comune più importante è diminuito nel tempo. All’opposto, E 0 implica che il grado di centralità
formulata in maniera da includere
E
sia aumentato nel tempo.
12
2.1.4 Risultati
Una classificazione del territorio basata sull’utilizzo del suolo
L’analisi esplorativa spaziale dell’utilizzo del suolo parte dal calcolo dell’indice di Moran. Come
descritto nella precedente sezione, lo stesso indicatore può essere, oltre che calcolato, visualizzato
come il coefficiente di una retta di regressione di WX su X . Prendendo le deviazioni dalla media,
è possibile dividere lo spazio in quattro quadranti centrati sul valore di zero, pur non variando il
significato e l’interpretazione del coefficiente. Il risultato è presentato nella Figura 2.
Figura 2 - Indice di Moran e Scatterplot (PSU nei comuni Lombardi, 2007)
[Elaborazione FLA]
Nella figura la maggior parte dei punti si colloca nel primo e nel terzo quadrante. Il valore
dell’indicatore è pari a .7971 e questo denota la presenza di un’associazione spaziale positiva dei
valori della variabile. Le osservazioni nel primo quadrante possono essere classificate come aree
prevalentemente urbanizzate, nelle quali la domanda di suolo per utilizzo non agricolo è
certamente la prevalente e, inoltre, si estende alle aree confinanti. Nel terzo quadrante, al
contrario, si collocano le aree prevalentemente non urbanizzate, quelle che più comunemente
possono essere definite come rurali. L’utilizzo del suolo con destinazione agricola o con nessuna
destinazione (non utilizzo) è ancora prevalente in queste aree, ed è possibile che questo sia dovuto
a caratteristiche fisiche e ambientali dei territori. Nel quadrante secondo si trovano ancora regioni
che mostrano caratteristiche di ruralità, ma che sono collocate nei pressi dei centri urbani e che,
per questo, assumono le caratteristiche tipiche delle aree ai margini delle agglomerazioni urbane.
Infine, nel quarto quadrante, s’identificano le aree urbane circondate da territori non urbanizzati e
che, per tale motivo, possono essere assimilati ai centri urbani nelle zone prevalentemente rurali.
Quest’analisi grafica, per quanto intuitiva, risulta ancora poco informativa. La visualizzazione delle
informazioni sulla mappa, in combinazione con le informazioni sulla significatività statistica
dell’indicatore di associazione spaziale locale, permette di identificare più chiaramente i cluster,
definendo i confini geografici dei sistemi urbani e rurali. L’originale classificazione dei territori nelle
quattro categorie corrispondenti ai relativi quadranti dello scatterplot dell’indice di Moran, viene
estesa includendo due ulteriori categorie che identificano, sulla base della significatività statistica
13
del LISA, i cluster urbani – nel caso del primo quadrante - e rurali – nel caso del terzo quadrante. Il
risultato è presentato nella Figura 3.
Le aree verdi e rosse identificano le osservazioni che, nello scatterplot sono localizzate
rispettivamente nel terzo e nel primo quadrante. Un colore più scuro è utilizzato, in entrambi i casi,
per definire la significatività statistica. Le aree del secondo quadrante sono rappresentate, nella
mappa, in blu mentre l’arancio viene utilizzato per le aree nel quarto quadrante.
Figura 3 - Classificazione dei territori Lombardi
[Elaborazione FLA su dati DUSAF]
Sulla base di questa classificazione dei territori è possibile distinguere un principale sistema urbano
di natura multicentrica che copre l’area del triangolo Milano-Varese-Bergamo (MVB) e che si
estende a est fino a coprire i territori della città di Brescia. La maggior parte di quest’area è molto
urbanizzata, con livelli inferiori di urbanizzazione presenti nelle sole zone ai margini del sistema
urbano e nelle zone intermedie tra l’area del triangolo MVB e la città di Brescia. Questa area ai
margini dei centri metropolitani rappresenta una speciale tipologia di peri-urbano, trattandosi di
aree soggette e forti pressioni per quello che concerne l’utilizzo non agricolo del suolo.
Ciononostante, è verosimile che le attività agricole continuino ad avere un ruolo, anche non
marginale, all’interno di questi territori. Nella mappa si può, infatti, riscontrare che molti dei comuni
in rosso chiaro, in altre parole quelli che si trovano nel primo quadrante dello scatterplot, sono
localizzati in prossimità di comuni in blu, in altre parole quelli che si trovano nel secondo quadrante
dello scatteplot. Se i primi rappresentano aree prevalentemente urbane con tratti di ruralità, i
secondi indicano invece aree prevalentemente rurali ma localizzate nei pressi di centri urbani. È
facile vedere che, soprattutto ai margini delle agglomerazioni metropolitane, i due colori si
confondono nella mappa indicando la bivalente natura, in parte urbana e in parte rurale, di questi
territori.
Per quanto riguarda invece le aree rurali, l’indicatore LISA ha permesso di individuare un principale
sistema rurale composto dai territori nella parte nord della regione – l’insieme delle osservazioni nel
14
terzo quadrante per le quali è riportata una significatività statistica. La vocazione rurale di questi
territori è verosimilmente spiegata dalla presenza aree montuose in cui sono praticamente assenti
processi di urbanizzazione, fatta eccezione per alcune località turistiche.
L’insieme dei territori che compongono la parte più a sud della regione sono descritti nella mappa
come territori rurali in cui però, a differenza della parte nord del sistema urbano, le aree agricole si
mischiano con insediamenti urbani anche di notevole importanza. Sono questi ultimi le aree che
nella mappa compaiono in arancio – rappresentando le osservazioni nel quarto quadrante - e che
identificano i principali capoluoghi di provincia (ma non solo). La distribuzione di questi centri
urbani, casuale se considerata all’interno dello spazio rurale, riflette la natura monocentrica di
questi fenomeni agglomerativi. Di fatto tali osservazioni corrispondono alle città di Mantova,
Cremona, Lodi e Pavia, cui si aggiungono altri fenomeni di minore importanza. Come risultato,
nella parte sud della regione si possono notare una diversità di tipologie territoriali coesistenti
all’interno di spazi comuni. Piccoli sistemi rurali – probabilmente dominati da agricoltura
specializzata - affiancano aree in cui invece la prevalente natura agricola si combina con tratti di
urbanizzazione e aree in cui le caratteristiche urbane sono anche prevalenti. Quei territori che
risultano intermedi rispetto ai territori completamente rurali e a quelli prevalentemente urbani sono
ancora una seconda tipologia di peri-urbano che, a differenza del peri-urbano descritto prima,
non subisce in maniera così pressante gli effetti del processo di urbanizzazione e, pertanto, ha la
possibilità di lasciare maggiori spazi alle attività agricole.
Analisi spaziale dell’urbanizzazione
I risultati delle stime dei parametri delle equazioni (4) e (5) vengono presentati nelle tavole 1 e 2. Più
precisamente, la tavola 1 contiene i risultati principali, ottenuti utilizzando la percentuale di suolo
urbanizzato come proxy della densità di urbanizzazione. Gran parte della letteratura di riferimento,
in assenza di dati precisi e confrontabili sulla percentuale di suolo urbanizzato, ha impiegato la
densità di popolazione (o talvolta di occupazione) come proxy della densità urbana (Baumont et
al. 2004; Rodríguez-Gámez and Dall’erba 2012). Pertanto i risultati illustrati nella tavola 1 sono stati
replicati sostituendo la densità di popolazione alla percentuale di suolo urbanizzato. Questo per
garantire un controllo di coerenza tra i risultati di questo lavoro e quanto riscontrato nella
letteratura precedente. Questi ultimi risultati sono illustrati nella tavola 2 (in appendice).
Entrambe le tavole 1 e 2 riportano le stime dei parametri del modello nell’equazione (4) sia per il
1999 e per il 2007, nonché la stima del parametro
E
nell’equazione (5), per ognuna delle province
del territorio lombardo.
Il coefficiente a riporta la stima del logaritmo della densità di urbanizzazione nei diversi comuni
capoluogo. Si può notare dai valori nella prima colonna della tavola 1 che il valore stimato è molto
elevato per i comuni di Milano, Monza, Varese, Como e Bergamo mentre è relativamente basso
per gli altri comuni. Confermando le evidenze emerse dall’analisi descrittiva spaziale, questi valori
confermano la buona capacità predittiva del modello e quindi anche l’adeguatezza della
specificazione empirica adottata in questo esercizio. I valori stimati del coefficiente a utilizzando i
dati del 2007 sono invece riportati nella quarta colonna della tavola 1. In tutti i casi i valori sono
superiori rispetto a quelli stimati utilizzando i dati del 2009. Questo conferma il trend generale di
continua espansione del territorio urbano a discapito del territorio agricolo/naturale. Fanno
eccezione i comuni di Lecco, dove tale valore è rimasto invariato e di Cremona, dove il valore è
diminuito. In generale questa differenza nelle stime tra il 1999 e il 2007, ampiamente prevedibile,
conferma la buona capacità predittiva del modello.
15
Tavola 1 - Stime modello CBD (1999 e 2007) su percentuale di suolo urbanizzato
1999
BERGAMO
BRESCIA
COMO
CREMONA
LECCO
-0.124***
0.744***
2.629***
-0.124***
0.754***
0.000
(5.537)
(-6.422)
(13.143)
(5.581)
(-6.241)
(13.699)
(-0.158)
MANTOVA
MILANO
-0.065
(1.925)
(-5.7)
(12.346)
(2.116)
(-5.455)
(13.037)
(-0.001)
2.347***
-0.108***
0.71***
2.425***
-0.109***
0.708***
-0.001***
(5.474)
(-5.335)
(11.926)
(5.637)
(-5.38)
(11.807)
(-2.075)
1.172***
0.024***
0.521***
-1.064***
0.509***
0.001
(4.264)
(2.599)
(5.373)
(-4.004)
(5.171)
(1.46)
0.764
0.28
PAVIA
SONDRIO
VARESE
***
-0.006
0.784
(-0.105)
***
0.28
-0.029
(1.269)
1.364***
(6.725)
(1.362)
1.682
***
2.344
***
0.727
***
***
(12.396)
0.878
***
b
**
(2.533)
MONZA E BRIANZA
b
O
E
O
2.534***
(0.289)
LODI
2007
a
a
(0.295)
(-0.017)
(12.587)
**
***
(1.273)
(1.851)
0.011
0.046
-1.145***
(0.299)
(-5.42)
(-1.872)
0.851
(10.151)
***
0.787
(2.345)
-0.035
(2.843)
-0.001
0.434
***
0.25***
0.741
***
0.284
0.166
**
-0.065
***
1.805
***
(2.796)
***
-0.03
0.21
*
0.000
0.003***
(2.3)
-0.001
(2.278)
(1.65)
(-0.414)
0.01
0.059
-0.001
(0.386)
(-1.000)
(1.16)
-0.035
**
0.846
***
0.002
(-1.896)
(9.848)
(1.22)
-0.03
-0.114
-0.002
-0.033
-0.079
2.403
(10.314)
(1.595)
(-0.395)
(10.935)
(-1.529)
(-0.559)
(0.83)
0.482***
-0.048***
0.489***
0.621***
-0.05***
0.485***
-0.002***
(2.144)
(-5.58)
(6.104)
(2.726)
(5.67)
(6.022)
(-2.921)
-1.708
***
***
-0.039
0.507
(-2.315)
(-1.517)
(3.82)
***
***
1.898
(5.385)
***
-0.06
0.543
(-2.725)
(6.414)
-1.553
***
(-2.057)
1.953
***
(5.505)
***
-0.04
0.518
(-1.55)
(3.97)
***
***
-0.06
0.546
(2.704)
(6.481)
-0.001
(-1.148)
0.000
(0.616)
z-stat in parentesi. ***, ** e * denotano significatività statistica alle rispettive soglie del 99%, 95% e 90%.
[Elaborazione FLA su dati DUSAF, 1999-2007]
Concentrando l’attenzione sul coefficiente b si può osservare che i risultati sono largamente, ma
non completamente, coerenti con le predizioni del modello. Il valore atteso del coefficiente è,
infatti, negativo. Rispetto a questa previsione, non vie è riscontro nel caso dei comuni della
provincia di Cremona, dove tale previsione sembra al contrario invertita. La relazione non è
invece significativa nelle province di Lecco, Mantova e Sondrio. È invece molto vicina alla soglia di
significatività del 90% nel caso della provincia di Monza e Brianza ed è ovviamente significativa nel
caso di tutte le rimanenti province.
Sia in termini di segni dei coefficienti che di significatività statistica, le relazioni tra densità di
urbanizzazione e distanza dal comune capoluogo rimangono invariate se si confrontano le stime
del 1999 con quelle del 2007. Inoltre valori particolarmente elevati del coefficiente b (in valore
assoluto), tanto per il 1999 quanto per il 2007, si possono individuare nelle province di Bergamo,
Brescia Como e Varese. Allo stesso modo i valori stimati risultano inferiori nelle province di Milano,
Lodi e Monza e Brianza.
Per quanto riguarda infine il coefficiente di autocorrelazione spaziale O , esso è sempre positivo,
sebbene non significativo nella sola provincia di Mantova. In coerenza con quanto riscontrato
nella letteratura empirica precedente, appare chiaro anche in questo caso che ci sia una forte
dipendenza spaziale in grado di influenzare il processo di urbanizzazione. In tal senso si può
concludere che il fenomeno di espansione urbana, in questo caso sintetizzato dall’utilizzo del suolo
16
per fini urbani, sia determinato da forze che agiscono non soltanto al livello di amministrazione
comunale ma anche ad un livello amministrativo superiore.
L’ultima colonna della tavola 1 riporta i valori stimati del coefficiente
E
nell’equazione (5). È da
notare che nella maggior parte dei casi questo valore non è statisticamente diverso da zero. Sulla
base di questa evidenza si può concludere che in generale, non ci sono stati cambiamenti
significativi nelle organizzazioni spaziali delle realtà urbane interne alle singole province del territorio
lombardo.
Rappresentano delle interessanti eccezioni le province di Como e Pavia, per le quali il grado di
centralità è cresciuto e la provincia di Lecco dove, al contrario, il grado di centralità è diminuito.
Per ciò che riguarda la robustezza dei risultati rispetto ai precedenti lavori che utilizzavano la
densità di popolazione come proxy della densità di urbanizzazione, il confronto tra i risultati delle
tavole 1 e 2 non fa rivelare notevoli differenze in termini di risultati finali. Le stime dell’intercetta a
confermano che Bergamo, Como, Varese, Milano e Monza sono le province più urbanizzate. Si
rileva che, in questo caso, anche Brescia risulta tra le province più densamente popolate. Con
alcune eccezioni, quali la provincia di Cremona, la stima del gradiente di distanza continua ad
essere sempre negativa e significativa. Come prima vi è una robusta evidenza che, in tutte le
province, il fenomeno di urbanizzazione è guidato da una forte dipendenza spaziale tra comuni
confinanti.
Per fornire una rappresentazione del fenomeno che fosse, da un lato, sintetica e, dall’altro,
capace di originare spunti di riflessione in materia di politiche per l’utilizzo del suolo, le informazioni
sulla percentuale di suolo urbanizzato, sulla sua evoluzione e sull’organizzazione degli spazi urbani
sono state riassunte nel seguente grafico.
Sull’ascissa troviamo il valore medio per i comuni della provincia della percentuale di suolo
urbanizzato nel 1999. Sebbene questa informazione, rappresentando una media tra i comuni della
provincia, sia una sintesi di realtà tra loro spesso molto eterogenee, in linea generale replichi molto
bene sia i risultati ottenuti dall’analisi descrittiva spaziale, sia i risultati ottenuti dall’analisi
econometrica. Le province di Milano e Monza e Brianza, e in misura minore le province di Como,
Bergamo, Lecco e Varese sono le più urbanizzate della regione Lombardia. Sull’ordinata è
riportato invece il valore della variazione percentuale, avvenuta tra il 1999 e il 2013, di quota di
suolo urbanizzato. Tra le province dove il fenomeno di consumo del suolo si è rivelato più intenso vi
sono senz’altro Mantova, Lodi e Cremona. In buona parte, un elevato consumo di suolo emerge
anche all’interno della provincia di Milano.
La retta nera che attraversa il grafico è stata ottenuta dall’interpolazione delle due informazioni. Si
nota che la relazione tra utilizzo del suolo e consumo del suolo, inteso come dinamica di
urbanizzazione, è, in generale, negativa. Ciò implica che il fenomeno di consumo del suolo, e
quindi di conversione di uso di terreni agricoli o naturali in aree urbane, si è manifestato in maniera
più intensa proprio in quei territori dove l’utilizzo del suolo per fini urbani era inferiore nel 1999. Ciò
non dovrebbe sorprendere. Sembra, al contrario, naturale che nei territori dove il suolo è stato sia
abbondantemente utilizzato per fini urbani si verifiche una decelerazione del trend di consumo del
suolo. Sembra altrettanto naturale che, nei territori dove il suolo agricolo e naturale rappresenta
ancora la fetta più importante del territorio, ci si ponga con meno attenzione dinanzi al problema
del consumo del suolo.
Ogni sfera nel grafico rappresenta i valori medi delle due variabili per provincia. La dimensione
della sfera rappresenta invece il grado di centralità precedentemente stimato del comune
principale. A un maggior diametro della sfera corrisponde un più elevato, in valore assoluto, livello
di centralità. In altre parole la dimensione della sfera indica la misura di quanto l’area urbanizzata
della provincia sia addensata attorno al comune capoluogo. Strutture urbane più centralizzate
avranno quindi un diametro della sfera maggiore.
17
Figura 4 – Province della Lombardia: relazione tra urbanizzazione, dinamica dell'urbanizzazione e
centralità del comune principale
variazione % suolo urbanizzato (1999-2007)
PROVINCE DELLA LOMBARDIA
RELAZIONE TRA URBANIZZAZIONE, DINAMICA DELL'URBANIZZAZIONE E
CENTRALITA' DEL COMUNE PRINCIPALE
25,00%
Mantova
20,00%
Lodi
Cremona
15,00%
Milano
Bergamo
10,00%
Sondrio
Monza e Brianza
Brescia
Lecco
Pavia
5,00%
Varese
Como
0,00%
0
10
20
30
40
50
60
% suolo urbanizzato nel 1999
[elaborazione FLA su dati DUSAF, 1999-2007]
Prima di approfondire le riflessioni sul legame tra utilizzo del suolo, consumo del suolo e struttura
urbana è necessario elaborare un quadro descrittivo sintetico dei risultati finora emersi dall’analisi
descrittiva ed econometrica. L’analisi descrittiva spaziale ha delineato una realtà molto complessa
che può essere però sintetizzata riportando la classificazione dei comuni su tre macro livelli. Aree
naturali, nella parte nord della regione. Sistema urbano, nella parte centrale della regione. Aree
prevalentemente agricole con insediamenti urbani sparsi nella parte sud della regione. Per quanto
riguarda la struttura urbana l’analisi descrittiva ha evidenziato come il sistema urbano sia tale
perché caratterizzato da un policentrismo. I territori che separano le diverse agglomerazioni
urbane possono essere, infatti, considerati come un continuo di urbanizzazione tra un centro ed un
altro. Allo stesso modo la struttura urbana della zona a chiara vocazione agricola del territorio,
quella cioè a sud, è apparsa monocentrica, nella misura in cui le aree urbane sono state
identificate come piccole isole in netto contrasto con il contesto prevalentemente non urbano.
L’analisi econometrica ha permesso di testare in maniera più precisa in che misura questi territori,
per provincia, fossero organizzati in maniera monocentrica. Quello che è emerso si discosta, da un
lato, dai risultati dell’analisi descrittiva spaziale e, dall’altro, integra la stessa analisi aggiungendo
informazioni rilevanti.
In sintesi, la struttura monocentrica, che l’analisi descrittiva aveva indicato come propria dell’area
agricola, non è stata riscontrata nelle province localizzate in queste aree. In tal senso non si può
parlare di mono-centrismo vero e proprio perché, in queste aree, i territori urbani sono in netto
contrasto con quelli rurali, ovvero esiste una discontinuità quasi precisa tra urbano e rurale tale per
cui non si può parlare di un effetto “distanza dal centro”. Al contrario la struttura multicentrica,
caratteristica del sistema urbano, si compone a suo interno di differenti realtà. La prima è quella
delle province di Milano e Monza e Brianza, in cui l’effetto di distanza dal centro non è marcato,
coerentemente con le attese. La seconda è quella delle province a nord e a est del sistema
urbano in cui i caratteri del mono-centrismo emergono anche in maniera abbastanza marcata.
In quest’ottica va letto quindi il legame tra utilizzo del suolo, consumo del suolo e struttura urbana.
18
Posto che in generale le evidenze indicano che esista una relazione negativa tra consumo del
suolo e utilizzo del suolo, è importante notare che le province dove i caratteri di mono-centrismo
sono più marcati (cioè dove il diametro del cerchio nel grafico è maggiore) hanno consumato
meno suolo di quanto ci si sarebbe aspettato. Questo appare chiaramente dal fatto che i valori
sull’asse delle ordinate per queste province si trovano al di sotto della linea d’interpolazione o
esattamente sulla stessa. Relativamente ai territori con un elevato consumo del suolo, sono questi i
casi delle province di Bergamo, Varese e Como. Al contrario, nelle province di Milano e Monza e
Brianza, dove i caratteri di mono-centrismo sono meno marcati, il consumo del suolo è stato sopra
le attese. Passando ad analizzare i territori con un basso livello di consumo del suolo, notiamo che
le province per cui non vi è evidenza di mono-centrismo, cioè Lodi, Cremona e Mantova, hanno
avuto un consumo di suolo superiore alle attese mentre la provincia di Pavia, rispetto a cui
l’evidenza di mono-centrismo è abbastanza chiara, ha fatto esperienza di un consumo del suolo
inferiore alle attese.
2.1.5
Raccomandazioni per le politiche agricole e di sviluppo rurale
In questo lavoro il tema dell’urbanizzazione, con particolare riferimento all’utilizzo del suolo, è stato
affrontato utilizzando un approccio che mettesse in evidenza la relazione tra possibile consumo del
suolo e struttura urbana. Il tema è di particolare rilevanza per le politiche agricole in quanto un
corretto utilizzo del suolo, scarso per definizione, rappresenta al giorno d’oggi una precondizione
per l’efficace implementazione di programmi di sviluppo, non soltanto rurale, sostenibile. Lo
sviluppo non è infatti sostenibile se la crescita dell’economia e della popolazione sottraggono
risorse all’agricoltura, ponendo quindi delle barriere allo sviluppo rurale. E la sottrazione di risorse
all’agricoltura è proprio il tema che si vuole porre al centro del dibattito sul futuro delle politiche.
Assodato che la crescita dell’economia richiede un certo grado di sviluppo urbano, quale struttura
urbana è più efficace rispetto all’obiettivo di non sottrarre suolo, e quindi risorse, all’agricoltura? Per
rispondere a questa domanda sono stati impiegati metodi e strumenti di analisi descrittiva ed
econometrica spaziale.
L’obiettivo dell’analisi descrittiva è quello di fornire un tentativo di classificazione del territorio che
tenga conto dei pattern spaziali di urbanizzazione, in particolar modo pesando le relazioni di
contiguità tra i comuni. Rientra in questo tentativo lo sforzo di trovare una definizione di territori periurbani, sulla base degli stessi criteri. Proprio rispetto alla definizione di territori peri-urbani, la
questione più spinosa sembra essere legata alla differenziazione tra tipologie di territori che sono
prevalentemente urbani e territori che sono prevalentemente rurali. Ancor più il compito di
differenziare è difficile se si considera che i territori urbani si organizzano nello spazio secondo
modalità diverse che variano dalla classica organizzazione monocentrica a più complesse forme
di multi-centrismo urbano e reti di città. Sfortunatamente lo studio dei fenomeni di organizzazione
urbana, rispetto al quale va esaminato il ruolo dei territori peri-urbani, richiede la disponibilità di dati
sull’intensità dei legami funzionali, dati difficilmente reperibili. La proposta di classificazione del
territorio presentata in questo lavoro è in grado di fornire, in assenza di dati affidabili sui legami
funzionali tra le città, un sistema d’identificazione dei sistemi urbani e dei sistemi rurali prima, e delle
aree intermedie, verosimilmente corrispondenti ai territori peri-urbani, poi.
Basandosi sull’analisi esplorativa spaziale e, più nel dettaglio, sull’utilizzo di un indicatore di
associazione spaziale locale, si è riusciti ad ottenere un risultato grafico sulla base del quale è
possibile arrivare a una classificazione dei comuni della Lombardia. La visualizzazione della mappa
risultante rivela la presenza di un principale sistema urbano che copre l’area compresa tra Milano
Varese e Bergamo e che si estende fino alla città di Brescia. Tale sistema urbano è quindi multicentrico per definizione. Accanto ai più importanti centri agglomerativi all’interno del sistema,
s’individuano una serie di aree meno urbanizzate che identificano una prima tipologia di territori
peri-urbani in cui, nonostante le forti pressioni di urbanizzazione, le attività agricole possono ricoprire
un ruolo importante. La parte a nord di questo sistema urbano è classificata come un sistema
19
rurale in cui le agglomerazioni urbane sono completamente assenti. La parte a sud del sistema
urbano si caratterizza invece per la co-presenza di un mix di diverse tipologie territoriali. Affianco
ad alcuni piccoli sistemi rurali si possono individuare agglomerazioni urbane di natura monocentrica che in generale, ma non sempre, corrispondono alle città capoluogo.
Le aree intermedie tra urbano e rurale possono essere definite come una seconda tipologia di periurbano in cui caratteristiche tipiche delle aree rurali incontrano tratti prevalentemente urbani.
L’obiettivo dell’analisi econometrica è quello di verificare in maniera più precisa la misura in cui
l’organizzazione dei territori urbani dipende dalla presenza di un forte nucleo di agglomerazione
urbano all’interno della provincia. Ponendo in relazione lineare la densità di urbanizzazione,
misurata dalla percentuale di suolo urbano, con la distanza dal principale centro urbano è
possibile misurare il così detto effetto distanza. Questo effetto dovrebbe essere debole in una
struttura urbana organizzata in maniera multicentrica, proprio in virtù della presenza di un
policentrismo, e forte in contesti urbani monocentrici.
Le evidenze che emergono per la regione Lombardia sono alquanto contrastanti. Infatti il multicentrismo caratteristico del sistema urbano dimostra di avere le sue peculiarità. Le aree di Milano e
Monza e Brianza sembrano caratterizzate da un forte sprawl urbano e la connessione tra
urbanizzazione e distanza appare debole. Al contrario la stessa connessione appare forte nelle
aree di Bergamo, Como, Varese e Brescia. Allo stesso tempo il mono-centrismo caratteristico delle
aree agricole e rurali non è confermato dall’analisi econometrica, se non per il caso di Pavia. In
tutte le altre province dell’area, la distinzione tra urbano e rurale è talmente netta che non si può
parlare di effetto distanza o di struttura monocentrica. L’urbanizzazione, infatti, spesso si verifica in
un singolo comune.
Il quadro che emerge incrociando tutte queste informazioni con i dati su come l’urbanizzazione
nelle province sia cambiata tra il 1999 e il 2007 è, in sintesi, il seguente. L’agglomerazione urbana
strutturata in maniera compatta intorno ad un singolo centro economico ha aiutato a prevenire il
consumo del suolo agricolo e la sua riconversione per fini urbani. Questa conclusione va
ulteriormente declinata distinguendo le aree prevalentemente urbane da quelle prevalentemente
rurali. Nelle prime, lo sprawl caratteristico delle province di Milano e di Monza e Brianza ha portato
ad un consumo del suolo sopra le aspettative, mentre un consumo al di sotto delle aspettative si è
verificato nelle province dove il territorio urbanizzato è organizzato in maniera compatta. Sono
proprio queste le aree dove sono localizzati la maggior parte dei comuni che sono stati classificati
come peri-urbani, sebbene localizzati in contesti urbanizzati. Nelle seconde, un consumo del suolo
sopra le aspettative si è verificato nelle province in cui la separazione tra urbano e rurale è netta,
mentre il consumo del suolo è stato inferiore alle aspettative laddove l’urbanizzazione si è
sviluppata intorno ad un principale polo urbano.
In definitiva sembra che il problema dello sviluppo sostenibile, dove la sostenibilità è legata alla
capacità del territorio di generare crescita economica e demografica senza sottrarre risorse scarse
all’agricoltura, sia caratteristico non di tutto il territorio Lombardo ma di un’area in particolare. Le
aree agricole e rurali che più di ogni altre sono soggette alle pressioni urbane sono le aree del
sistema urbano che si collocano nell’area intermedia tra i diversi centri urbani. Il rischio più grande
è presente nelle zone in cui la diffusione delle aree urbanizzate segue percorsi imprecisi, irregolari, a
macchia e non una dinamica precisa. Il rischio è invece minore nelle aree in cui la distribuzione
geografica del suolo urbanizzato si mostra più compatta, più densa e soprattutto più concentrata
intorno ad una città principale.
20
Appendice
Tavola 2 - Stime modello CBD (1999 e 2007) su densità di popolazione
1999
a
BERGAMO
7.431
***
(18.42)
BRESCIA
6.399
***
(21.425)
COMO
7.012
***
(19.011)
CREMONA
4.27
***
(18.316)
LECCO
5.529
***
(7.905)
LODI
5.755
***
(23.356)
MANTOVA
5.13
***
(26.883)
MILANO
8.26
***
(8.454)
MONZA E BRIANZA
8.093
***
(26.399)
PAVIA
SONDRIO
VARESE
***
(-6.191)
-0.047
***
(-5.602)
-0.078
***
(-4.618)
0.019
***
(2.48)
0.007
-0.042
***
-0.073
(-4.884)
-0.074
***
(-3.035)
(-5.79)
***
-0.024
(12.281)
(-1.88)
6.452
(17.446)
***
0.765
**
6.576
(14.371)
(20.646)
***
***
0.795
(16.979)
0.043
***
(4.038)
***
(13.41)
0.325
***
0.301
***
***
***
(2.727)
(-1.545)
a
7.555
(18.452)
-0.012
***
(14.744)
***
(-3.034)
(31.671)
***
0.82
0.8
(0.172)
-0.038
4.528
O
b
-0.101
***
5.435
2007
***
(2.23)
0.935
***
(22.66)
0.765
***
(9.306)
0.337
***
(3.635)
7.138
(18.81)
4.331
***
(16.312)
5.577
***
(7.785)
6.051
***
(23.415)
0.779
(-5.627)
-0.083
***
(-4.759)
0.02
***
(2.265)
(19.975)
0.779
***
(15.294)
0.795
***
(16.988)
0.507
***
(5.139)
***
8.156
-0.07
***
(-4.942)
-0.07
***
(-3.02)
-0.045
***
6.553
***
(14.617)
-0.003
***
(-3.821)
0.002
***
(2.411)
-0.009
***
***
(30.049)
(-3.849)
***
-0.052
(28.352)
5.68
***
(-0.39)
0.359
(2.84)
***
-0.003
0.8
(-1.55)
(8.911)
(-2.872)
(13.424)
(24.813)
8.291
***
0.008
0.365
***
E
-0.004
(0.207)
(3.093)
4.516
(14.964)
-0.05
***
***
-0.013
(11.79)
(-1.304)
(-6.023)
0.836
(-3.583)
0.271
-0.033
***
***
5.228
(1.588)
***
O
b
-0.104
***
(-6.194)
-0.024
*
(-1.767)
0.935
***
***
(22.6)
0.75
***
(8.719)
0.395
***
(4.475)
0.281
*
(1.656)
***
-0.036
0.795
(-1.394)
(16.098)
0.000
***
(-3.66)
-0.002
(-1.193)
0.003
***
(1.81)
-0.006
***
(-3.94)
-0.006
***
(-3.94)
0.001
(1.19)
-0.001
(-1.163)
z-stat in parentesi. ***, ** e * denotano significatività statistica alle rispettive soglie del 99%, 95% e 90%.
[Elaborazione FLA su dati DUSAF, 1999-2007]
21
2.1.6
Bibliografia
Allen A (2003) Environmental Planning and Management of the Peri-Urban Interface: Perspectives
on an Emerging Field. Environment and Urbanization 15:135–148
Alonso W (1964) Location and land use. Toward a general theory of land rent. Harward University
Press, Cambridge
Anselin L (1988a) Spatial Econometrics Methods and Models. Kluwer Academic Publisher: Boston,
MA
Anselin L (1988b) Lagrange multiplier test diagnostic for spatial dependence and spatial
heterogeneity. Geographical Analysis 20:1–17
Anselin L (1995) Local Indicators of Spatial Association—LISA. Geographical Analysis 27:93–115
Anselin L, Syabri I, Kho Y (2006) GeoDa: An Introduction to Spatial Data Analysis. Geographical
Analysis 38:5–22
Baumont C, Ertur C, Le Gallo J (2004) Spatial Analysis of Employment and Population Density: The
Case of the Agglomeration of Dijon 1999. Geographical Analysis 36:146–176
Brueckner JK (2000) URBAN SPRAWL: DIAGNOSIS AND REMEDIES. International Regional Science
Review 23:
Bryden J (2002) Rural development indicators and diversity in the European Union
Cattan N (2002) Redefining territories: the functional regions. Organization for Economic
Cooperation and Development
De Goei B, Burger MJ, Van Oort FG, Kitson M (2010) Functional Polycentrism and Urban Network
Development in the Greater South East, United Kingdom: Evidence from Commuting
Patterns, 1981–2001. Regional Studies 44:1149–1170
Hewitt ME (1989) Defing “rural” areas: Impace on health care policy and research. Health Program,
Office of Technology Assessment, Congress of the United States, Washington D.C.
Iaquinta D L, Drescher A W (2000) Defining peri-urban: understanding rural–urban linkages and their
connection to institutional contexts. Tenth World Congress of the International Rural
Sociology Association
McMillen DP (2006) Testing for Monocentricity. A Companion to Urban Economics
McMillen DP (2003) Spatial Autocorrelation Or Model Misspecification? International Regional
Science Review 26:208–217
Mills ES (1967) An Aggregative Model of Resource Allocation in a Metropolitan Area. The American
Economic Review 57:197–210
Moran PAP (1950) Notes on Continuous Stochastic Phenomena. Biometrika 37:17
Muth RF (1969) Cities and housing; the spatial pattern of urban residential land use. The University of
Chicago Press, Chicago and London
Páez A, Scott D (2005) Spatial statistics for urban analysis: A review of techniques with examples.
GeoJournal 61:53–67
Paulsen K (2012) Yet even more evidence on the spatial size of cities: Urban spatial expansion in the
US, 1980–2000. Regional Science and Urban Economics 42:561–568
22
Ramos RAR, Silva ANR da (2003) A data-driven approach for the definition of metropolitan regions
Rodríguez-Gámez L, Dall’erba S (2012) Spatial Distribution of Employment in Hermosillo, 1999–2004
Tacoli C (1998) Rural-Urban Interactions: A Guide to the Literature. Environment and Urbanization
10:147–166
23
2.2.
Analisi e caratterizzazione dei sistemi agricoli e territoriali della Lombardia
Stefano Pareglio, Francesca Pozzi – CRASL, Università Cattolica del Sacro Cuore
2.2.1. Abstract
Il lavoro di ricerca del Centro di Ricerche per l’Ambiente, l'Energia e lo Sviluppo sostenibile (CRASL)
dell'Università Cattolica del Sacro Cuore si è incentrato prevalentemente sull’analisi e caratterizzazione
dei sistemi territoriali della Lombardia, con una particolare attenzione alle variabili legate alla
dimensione agricola e rurale e ai territori di confine tra città e campagna.
In base all'analisi delle metodologie di classificazione territoriale fin qui proposte in letteratura - e
applicate sia in Lombardia sia a livello italiano ed europeo - si è e messo a punto un approccio
metodologico che utilizza una combinazione di tecniche tradizionali di analisi multivariata e di
tecniche di analisi spaziale, allo scopo di produrre una classificazione del territorio lombardo
consistente, ma anche facilmente comprensibile ed impiegabile per le attività di programmazione.
Tale approccio ha evidenziato quattro principali sistemi territoriali, dei quali sono indagate e descritte
le variabili maggiormente caratterizzanti, con uno specifico approfondimento per quelle legate alle
dinamiche nell'uso del suolo e alle attività agricole.
I risultati mostrano come le aree periurbane, notoriamente interessate dal fenomeno
dell’urbanizzazione e del consumo di suolo, presentino un'agricoltura con caratteristiche di particolare
”competitività”, desumibile dall'intensità di impiego dei fattori di produzione, e in particolare dal tasso
di meccanizzazione e dal carico di animali per ettaro negli allevamenti.
Quello che può, in prima istanza, apparire come un elemento di svantaggio per l’agricoltura praticata
in prossimità delle aree urbane - ossia la competizione nell'uso delle risorse - va inteso come un punto
di forza. La vicinanza ai centri urbani, infatti, è in grado di assicurare alle imprese e alle persone servizi
di elevata qualità e di esercitare una domanda innovativa, capace di accrescere il valore aggiunto
delle produzioni agricole periurbane (come dimostrano le esperienze della vendita diretta, dei gruppi
di acquisto, dei prodotti a filiera corta, e così via) e di sostenere lo sviluppo di attività extra-agricole
integrative.
The research conducted by the Centre for Research on Environment, Energy and Sustainable
Development (CRASL)” of the Università Cattolica del Sacro Cuore has focussed on the analysis and
characterisation of the different territorial systems of the Lombardy region, with particular attention to
the agricultural dimension and to the linkages between urban and rural. Based on the classification
schemes found in Italian and European literature, the team has used a methodological approach that
combines the traditional multivariate analysis with spatial analysis techniques to produce a consistent,
yet simple classification of the Lombardy territory, that could be employed for a range of
programming activities. Such classification results in four main territorial systems, and these systems are
further analysed to describe their main characteristics, especially those related to soil use and
agricultural activities.
The results indicate that periurban areas, traditionally affected by urbanization and soil consumption,
are characterised by a “competitive” agriculture in terms of production factors, in particular
mechanization and livestock units per hectare.
What could appear as a disadvantage for periurban agriculture (competition with urban areas for
resources), should be interpreted as strength factor. Proximity to urban centres could ensure businesses
and people with quality services and provide innovative market demands, which could, on one hand,
24
increase the added value of periurban agricultural productions (as shown by the farmer markets and
km0 products sale, ecc), and, on the other hand, support the development of additional nonagricultural activities.
2.2.2. Premessa
Policy makers, operatori, consumatori ormai hanno chiaro che esistono diverse agricolture in Europa,
la cui individuazione e caratterizzazione è presupposto irrinunciabile per un'adeguata politica
settoriale. La "territorializzazione" (o se si preferisce: la "differenziazione spaziale") delle politiche
riguardanti il settore agricolo è in atto già dagli anni ’80, quando la Comunità europea riconosce la
dimensione territoriale dell’agricoltura e l’importanza della multifunzionalità dell’agricoltura (CEE, 1985;
CEC, 1988). Negli anni successivi questi concetti si sono sempre più rafforzati, come dimostra
l'evoluzione del pillar II della Common Agricultural Policy (CAP) che si sta trasformando da politica
strutturale per le aziende agricole a componente settoriale della politica regionale europea
(Commissione europea, 2010).
Nell'ambito specifico della CAP, il documento strategico della Commissione del novembre 2010, nel
delineare le sfide dell'agricoltura europea post-2013, affianca agli obiettivi di produzione e gestione
sostenibile delle risorse, quello di uno sviluppo territoriale bilanciato, in grado di “supportare lo sviluppo
rurale e mantenere il tessuto sociale delle aree rurali” e di “migliorare l’economia rurale e promuovere
la diversificazione per ottimizzare l’uso di risorse locali” (Commissione europea, 2010). E sottolinea che
tale obiettivo è essenziale per “permettere la diversità strutturale nei sistemi agricoli, migliorare le
condizioni per le piccole aziende e sviluppare i mercati locali perché in Europa le strutture agricole e i
sistemi produttivi eterogenei contribuiscono all’attrattività e all’identità delle regioni rurali”.
Anche in Italia e in Lombardia sta sempre più emergendo l’importanza della caratterizzazione spaziale
delle aree agricole ai fini di supportare lo sviluppo di un’agricoltura multifunzionale. Il Piano Strategico
Nazionale 2007-2013 propone una classificazione della ruralità, ripresa anche nel Programma di
Sviluppo Rurale della Regione Lombardia, che vede 3 classi di aree rurali, contrapposte ad una che
identifica i poli urbani (Regione Lombardia, 2011). Tale classificazione però non è soddisfacente a
descrivere e a governare un'agricoltura differenziata, che ambisce a diventare davvero
multifunzionale, né a trattare adeguatamente, in termini interpretativi, rappresentativi e
di
programmazione, i territori di confine tra la città e la campagna (Boscacci, 1999).
Le statistiche ci dicono che negli ultimi dieci anni il territorio urbano in Lombardia è aumentato del 10%
circa, mentre nello stesso intervallo di tempo, l’estensione del territorio agricolo si è ridotta del 4%
(Fasolini, 2010). Si può quindi affermare che molte delle aree rurali siano state oggetto di
trasformazione, e in particolare gli spazi agricoli periurbani, cioè quelli che per posizione geografica
sono localizzati alla periferia delle città, sono quelli più interessati a questo fenomeno.
Mentre la qualificazione di “urbano” e “rurale” è generalmente disponibile, anche perché
storicamente c’è sempre stata una distinzione netta tra “città” e “campagna” non è così per il
“periurbano”. Le trasformazioni del territorio a partire dagli anni ’60, che ha visto un progressivo
incremento della popolazione nei comuni urbani e semiurbani a discapito di quelli rurali e semirurali,
hanno fatto sì che questo confine tra città e campagna sia diventato sempre meno netto. Inoltre le
aree periurbane sono molto diverse tra loro: per estensione, per "gradi di appartenenza" ai due insiemi
di riferimento (urbano e rurale), per livelli di gravitazione (dipendenza/attrazione) rispetto a uno o più
centri, per appartenenza a sistemi metropolitani più o meno strutturati.
Ad oggi gli studiosi concordano su alcune caratteristiche comuni alle aree periurbane, quali: pressioni
ambientali esogene al settore agricolo; competizione nell’uso delle risorse (ad esempio: suolo e
acqua); condizioni di produzione e scambio di beni e servizi fortemente influenzate dalla prossimità
con i mercati e con i consumatori; produzione di esternalità (positive e negative); vincoli e norme
25
specifici delle aree urbane, che tendono a limitare e regolare le attività produttive agricole (Pascucci,
2007).
Le aree periurbane sono accomunate dalla condizione di subordinazione e di servizio alla città, intesi
in genere come riserva di suoli per edificazioni, infrastrutture, servizi, ma sono anche caratterizzate
dalla presenza di una quota variabile, talora anche significativa, di suolo agricolo, e una quota
altrettanto variabile, ma spesso contenuta, di aree naturali.
Tutto ciò rende la classificazione del territorio periurbano complessa. E infatti, ad oggi, in letteratura,
manca una definizione univoca e soddisfacente delle aree periurbane e della relativa agricoltura,
che ne chiarisca le caratteristiche peculiari e sappia di conseguenza descriverne identità e differenze,
attraverso la messa a punto di metodologie di classificazione adeguate. Ciò è testimoniato dagli studi
dei sistemi agricoli e da diversi studi di classificazione del territorio, sia basati su analisi statistiche
multivariate, sia basati su tecniche di analisi spaziale.
In termini di classificazione del territorio agricolo, a partire dagli ‘70 e ’80 in Italia, così come in Europa,
si diffondono numerosi studi di economia agraria e territoriale, per cercare di comprendere e
descrivere i fenomeni di cambiamento del territorio legati soprattutto all’urbanizzazione e allo sviluppo
di una nuova ruralità, non più legata solo all’agricoltura (i.e. Saibene, 1974; Volgyes, 1980; Mainardi,
1982; Barberis, 1988; Hoggart, 1990). Tuttavia le analisi territoriali e statistiche sono condotte sempre in
termini antitetici, per le aree urbane e rurali separatamente. Anche le analisi territoriali successive che
pur tengono conto delle dinamicità dei territori sono generalmente applicate ai due contesti diversi.
In termini del contesto agricolo/rurale si sviluppano negli anni ’80 e ’90 le prime classificazioni territoriali
in Italia, che consentono di identificare ad esempio i “sistemi agricoli territoriali (SAT)” (Cannata, 1989;
Favia, 1992; Cannata, 1995; Anania e Tarsitano, 1995; Cannata e Forleo, 1998). Il lavoro di Cannata e
colleghi risulta particolarmente interessante per l’approccio metodologico utilizzato: si tratta infatti di
utilizzare tecniche di statistica multivariata su un set di indicatori multisettoriali (per le
macrodeterminanti legate all’assetto strutturale dell’agricoltura, alla struttura della popolazione, alla
struttura del sistema economico-produttivo, al livello dei redditi e dei consumi, alla qualità della vita e
al dinamismo dell’assetto socio-economico).
A partire dalla fine degli anni ’90 diversi studiosi si concentrano sulla caratterizzazione dell’agricoltura
peri-urbana, sia in termini di localizzazione fisica ai margini delle aree urbane (i.e. Veenhuizen, 2006;
Fleury, Donadieu, 1997; Adell, 1999; Camagni, 1999; FAO, 2007), sia in termini di valorizzazione dei
sistemi produttivi (i.e. Mougeot, 1999, Vagneron et al., 2003), anche se nessuno di essi fornisce metodi
classificatori delle aree o agricolture periurbane.
I metodi di classificazione statistica utilizzati dai vari paesi includono classificazioni basate su indicatori
semplici (es. popolazione), o sulla combinazione di diversi indicatori (demografici, economici etc.), ma
tutti rapportati sulla base di una unità amministrativa di riferimento (es. il comune). Riportiamo qui a
titolo di esempio il metodo sviluppato dall’Organization for Economic Cooperation and Development
(OECD), che presenta il vantaggio di essere semplice e facilmente replicabile, di utilizzare dati a livello
comunale, e di permettere il confronto tra diverse regioni (pur tenendo conto delle diverse dimensioni
delle unità amministrative tra diversi paesi), anche se di contro non consente l’analisi dettagliata delle
distribuzioni di popolazione urbana o rurale o del rapporto tra urbano e rurale. Per questi motivi sono
state apportate una serie di modifiche.
Il metodo OECD originale tiene conto della percentuale di popolazione che vive in unità locali rurali in
una data area amministrativa di livello 3 (NUTS3). Inizialmente, i comuni sono definiti rurali se vantano
una densità di popolazione inferiore a 150 abitanti/km2, mentre, in seguito, le province sono distinte in
tre categorie (“prevalentemente rurali”, “intermedie” e “prevalentemente urbane”) in funzione del
peso percentuale della popolazione residente nei comuni rurali in esse presenti rispetto al totale della
popolazione provinciale (OECD, 1994).
26
La Tavola 1 mostra la classificazione del territorio lombardo secondo il metodo originale OECD.
Tavola 1 - Classificazione del territorio Lombardo secondo il metodo originale OECD
[Elaborazione CRASL su dati OECD]
In Italia il Ministero delle Politiche agricole e forestali, nella stesura del Piano Strategico Nazionale per lo
Sviluppo rurale, applica delle variazioni al metodo OECD e arriva ad una classificazione dei comuni in
“aree rurali con problemi complessivi di sviluppo”, “aree rurali intermedie”, “aree rurali ad agricoltura
intensiva specializzata” e “poli urbani”. La soglia dei 150 abitanti per kmq è criterio utilizzato per la
prima distinzione tra comuni urbani e comuni rurali. Ai comuni aventi una concentrazione
demografica inferiore a tale soglia è poi applicato il metodo OECD non a livello provinciale, ma
distinguendo all’interno di ogni provincia i comuni per zona altimetrica e calcolando, per ciascuna di
queste, l’incidenza della popolazione dei comuni classificati come rurali sulla popolazione totale. Le
aree prevalentemente urbane sono poi ulteriormente disaggregate per distinguere i comuni più simili
ai capoluoghi di provincia ed i comuni densamente popolati dove è presente una agricoltura ricca
ed intensiva. Per effettuare tale distinzione, sono considerate la densità di popolazione ed il peso della
superficie agricola sulla superficie territoriale (Ministero dell’Agricoltura e dell’Ambiente, 2007; Bassi e
Cristea, 2009). La Tavola 2 illustra il risultato di questo metodo classificatorio.
27
Tavola 2 - Classificazione del territorio Lombardo secondo il metodo adottato dal PSN
[Elaborazione CRASL su dati PSN]
Il precedente Piano di sviluppo regionale (PSR) della regione Lombardia (2000-2006) aveva identificato
zone ambientali utili ai fini della programmazione, che includeva una identificazione di aree
periurbane, per quanto localizzate esclusivamente nell’area nord milanese e nei dintorni di Brescia,
ma per la programmazione 2007-2013 ha adottato esclusivamente la procedura nazionale descritta al
paragrafo precedente (Regione Lombardia, 2011a).
Altre classificazioni in diverse regioni italiane o europee prevedono l’utilizzo di tecniche simili, attraverso
l’analisi multivariata o sistemi classificatori basati su combinazioni di indicatori diversi a seconda dei
casi: ad esempio densità di popolazione incrociata con dinamiche demografiche e dell’occupazione
(Esposti, 2000); densità demografica associata al peso della popolazione attiva in agricoltura e quella
attiva nel settore dei pubblici servizi, all’urbanizzazione, e alla disponibilità di spazi abitati (Anania e
Tenuta, 2008).
Interessanti sono anche le classificazioni della ruralità che utilizzano (da soli o in aggiunta ad indicatori
di densità di popolazione) indicatori relativi alle caratteristiche agricole (Asciuto et al., 2008), indicatori
delle aree protette (INEA, 2000), o relativi alla destinazione d’uso dei suolo, all’altimetria topografica e
alle condizioni climatiche ritenute rilevanti (i.e. Gallego, 2004; Vard et al., 2005).
Infine vogliamo sottolineare il caso di Regione Lombardia che ha recentemente proposto una
zonizzazione ambientale ed abitativa ai fini dello studio delle dinamiche ambientali legate
all’inquinamento ed alla densità di popolazione, che pur non identificando o caratterizzando in
maniera esplicita le aree peri-urbane, propone una generale mappatura di aree urbanizzate oltre agli
agglomerati urbani più densamente abitati (Regione Lombardia, 2011b) (Tavola 3).
28
Tavola 3 - Zonizzazione ambientale della Regione Lombardia
[Regione Lombardia, DG Ambiente, Energia e Reti, Zonizzazione del territorio regionale, Sito Internet Regione Lombardia, ultimo
accesso 15 febbraio 2012]
Per ovviare alla maggiore limitazione delle classificazioni su base amministrativa (cioè quella di avere
un unico valore per tutta l’unità amministrativa), diversi istituti di ricerca hanno sviluppato metodi di
classificazione che utilizzano tecniche di analisi spaziale su base raster, o comunque approcci
svincolati dalla base amministrativa.
Ricercatori di diverse istituzioni hanno integrato lo stesso metodo OECD descritto precedentemente
con dati relativi alla copertura territoriale (i.e. Vard et al., 2005; Schwartz et al., 2010) oppure con criteri
di accessibilità/remoteness (i.e. Dijkstra e Poelman, 2008; Jonard et al., 2009).
Anche l’Istituto Statistico Europeo (EUROSTAT) adotta un proprio metodo classificatorio, basato sulla
densità di popolazione e sulla dimensione minima degli insediamenti, e lavorando su una griglia a
maglie regolari di 1 km2, riducendo così l’effetto di distorsione dovuto alla dimensione delle unità
amministrative nei diversi paesi (EUROSTAT, 2010).
Vi sono inoltre metodi di identificazione/classificazione dei sistemi territoriali che utilizzano indicatori
spaziali sulla base dell’uso del suolo (i.e. ISTAT, 2009; Boscacci, 2010), o modelli di accessibilità (i.e.
Vannuccini e Geri, 2006; Uchida e Nelson, 2008; Jonard et al., 2009).
Si segnala a questo proposito anche la zonizzazione sviluppata in Italia dal Ministero delle Politiche
Agricole, Alimentari e Forestali e Caire Urbanistica, che combina diversi indicatori riguardanti le
condizioni economiche agricole, le condizioni ambientali ed insediative, con indicatori di accessibilità,
per caratterizzare i sistemi agricoli italiani e identificare aree rurali svantaggiate (CAIRE, 2010).
Negli ultimi anni si sono inoltre sviluppati modelli di analisi spaziale che tengono conto non solo del
valore delle singole “celle”, ma anche dei legami funzionali e dei gradienti tra città e campagna,
sviluppati attraverso l’utilizzo di modelli economici o spaziali (GIS, frattali, ecc) (i.e. Zhang et al., 2004;
Caruso et al, 2007; Terzi e Kaya, 2008; Batty, 2008; Wilson, 2008; Crooks, 2010; Smith e Crooks, 2010; Kim
e Batty, 2011). A titolo di esempio si accenna brevemente in questa sede ad un progetto della
Comunità Europea chiamato “European Observation Network for Territorial Development and
Cohesion”, più comunemente noto come ESPON (ESPON, 2011). Uno dei progetti di ESPON 2006,
chiamato “Urban-Rural Relations In Europe”, propone una caratterizzazione del territorio europeo sulla
base dei legami funzionali esistenti tra le varie regioni, attraverso l’analisi dell’influenza urbana (vista in
29
termini di densità di popolazione e ruolo dei principali centri urbani in funzione delle attività
economiche) e dell’influenza umana (espressa come percentuali di territorio con coperture artificiali o
agricole), e arriva ad una caratterizzazione delle regioni sulla base di un gradiente urbano-rurale
(Bengs e Schmidt-Thomé, 2006). Nel contesto del secondo progetto ESPON (Espon 2013), il progetto
GEOSPECS fornisce una caratterizzazione delle diverse aree, focalizzandosi anche sulle aree di
periferia urbana. Queste sono identificate sulla base delle aree metropolitane, della loro densità di
popolazione, della loro accessibilità e dei legami funzionali tra le regioni metropolitane e le loro
periferie (ESPON e University of Geneva, 2011).
L’obiettivo di questa analisi è quindi quello di fornire una classificazione e caratterizzazione del territorio
in Lombardia, con particolare attenzione alla dimensione agricola e rurale e ai territori di confine tra
città e campagna, che abbia maggiori capacità interpretative, rispetto alle classificazioni esistenti,
senza rinunciare a un requisito di semplicità e che permetta quindi successivamente di definire
modalità di analisi e di governo proprie di quegli spazi di confine tra urbano e rurale.
2.2.3. Approccio metodologico
Come visto nel capitolo precedente, i diversi studi che si sono occupati di classificazione del territorio o
dei sistemi agricolo-territoriali non individuano adeguatamente l’intervallo territoriale corrispondente al
contesto periurbano, né la sua variabilità interna.
Questa analisi si propone quindi di fornire una classificazione e caratterizzazione dei sistemi territoriali in
Lombardia, con particolare attenzione alle aree peri-urbane.
La classificazione viene eseguita attraverso due fasi.
Nella prima fase si sono utilizzate tecniche statistiche tradizionali di analisi multivariata sulla base di un
esteso set di indicatori (demografici, economici, sociali, ambientali, agricoli e naturali) per
caratterizzare il territorio lombardo su base amministrativa (comunale). La selezione di questi indicatori
è ovviamente condizionata dagli obiettivi della ricerca, volta quindi a caratterizzare le aree
periurbane tenendo in considerazione tutta la molteplicità degli aspetti agricoli, economici,
demografici, sociali ecc, ed effettuata tramite un’analisi ragionata della letteratura disponibile.
I risultati di questa prima fase hanno portato a selezionare un numero ridotto di variabili, che sono state
successivamente utilizzate durante la seconda fase di classificazione, di tipo geografico, condotta su
una griglia a maglie regolari (raster).
Nei prossimi paragrafi descriviamo l’analisi condotta, attraverso i seguenti punti: 1. creazione del
database, illustrando gli indicatori scelti e le loro caratteristiche, 2. analisi descrittive, attraverso
istogrammi e correlazioni, 3. analisi delle componenti principali, con una descrizione della
metodologia e dei principali risultati, anche in formato grafico (mappe), 4. analisi della rilevanza delle
variabili agricole e infine 5. individuazione delle variabili determinanti, che verranno utilizzate per
l’analisi geografica.
2.2.3.1
Costituzione del database
Sulla base della rassegna della letteratura e in funzione degli obiettivi della ricerca, si sono individuate
6 macro-aree e 21 variabili rilevanti per la classificazione del territorio lombardo. La Tabella 1 riporta
la lista degli indicatori, suddivisi secondo le macro-aree individuate, e con le relative unità di misura,
anno di riferimento, e fonte.
30
Tabella 1 - Lista degli indicatori
Macro-area
Reddito/
occupazione
Servizi alla persona
e
Uso
del
suolo/Naturalità
Attività agricola
2010
2010
%
2001
Reddito per capita
X/pop
2009
Densità del reddito
X/km2
2009
Densità delle aziende (totali)
X/km2
2010
%
2001
ASR (su fonte ISTAT)
X/km2
X/km2
2009
2009
Densità degli sportelli bancari
X/km2
2010
Affollamento abitativo (mq/occupante)
X
2001
Popolazione/Area urbanizzata
X/km2
2007
Indice di motorizzazione privata
X/pop
2009
Offerta di infrastrutture (densità di strade
primarie e secondarie)
X/km2
Vari
Suolo agricolo/Superficie comunale
%
2007
Indice di naturalità
X
2007
Forma dell’urbanizzato
X
2007
X
2010
X
2010
Età media del conduttore dell’azienda
X
2010
ASR (su fonte Regione
Lombardia)
ASR (su fonte Banca
d’Italia)
ASR (su fonte ISTAT)
ASR e elaborazione ERSAF
su base DUSAF
ASR (su fonte ACI)
Calcolato dal CRASL sulla
Base
Dati
Geografica
della Regione Lombardia
Elaborazione ERSAF su
base DUSAF
Elaborazione ERSAF su
base DUSAF
Calcolato dal CRASL su
dati DUSAF
Censimento
dell’agricoltura
Censimento
dell’Agricoltura
Censimento
dell’Agricoltura
Numero
di
addetti
nel
settore
agricoltura/addetti in tutti i settori
%
2001
Densità di popolazione
Indice di dipendenza degli anziani
Numero
di
diplomati
laureati/popolazione > 24 anni
Caratteristiche
sociodemografiche
Stili
di
vita
dell’abitare
Unità di
misura
X/km2
%
Indicatore
e
Numero di addetti alle unità locali di
impresa/popolazione attiva
Densità degli esercizi commerciali
Densità delle strutture ricettive
Superficie Agricola Utilizzabile (SAU)
media delle aziende agricole
Titolo di possesso dei terreni (prevalenza,
variabile categorica)
Anno
Fonte
ASR (su fonte ISTAT)
Reddito IRPEF da comuniitaliani.it
Stimato sulla base del
precedente e area dei
comuni
ASR (su fonte Registro
delle Imprese)
ASR (su fonte ISTAT)
[Elaborazione CRASL]
ASR = Annuario Statistico Regionale della Regione Lombardia
DUSAF = Banca dati sulla Destinazione d’Uso dei Suoli Agricoli e Forestali
ERSAF = Ente Regionale per I Servizi all’Agricoltura e alle Foreste
SIARL = Sistema Informativo Agricolo della Regione Lombardia
31
In particolare tra le caratteristiche socio-demografiche si sono individuati:
Densità di popolazione, calcolata come il totale della popolazione residente sull’area comunale;
Indice di dipendenza degli anziani come variabile di struttura della popolazione, e calcolato
come il rapporto percentuale tra la popolazione maggiore di 65 anni di età e la popolazione in
età 15-64;
Percentuale di diplomati e laureati sul totale della popolazione maggiore di 24 anni.
Mentre molti dati relativi alla popolazione (tra cui appunto la popolazione residente e gli indicatori di
struttura della popolazione) vengono aggiornati dai comuni attraverso i servizi anagrafici, gli indicatori
di istruzione vengono raccolti solamente durante il censimento della popolazione, per cui per questo
indicatore abbiamo temporaneamente utilizzato i dati del Censimento della Popolazione del 2001,
non essendo quelli del 2011 ancora disponibili.
Per quanto riguarda il settore di reddito/occupazione si sono incluse le seguenti variabili:
Reddito pro-capite;
Densità del reddito, calcolato come il reddito totale sull’area comunale, che fornisce un’idea
della distribuzione del reddito (a parità di reddito totale, i comuni più piccoli avranno una densità
del reddito più alta e quindi una concentrazione “spaziale” del reddito più elevata);
Densità delle aziende, intesa come numero di aziende totali (quindi per tutti i settori: agricoltura,
industria, terziario ecc) sull’area comunale;
Rapporto tra il numero di addetti alle unità locali di impresa e la popolazione attiva (dove con
popolazione attiva si intende la popolazione maggiore di 15 anni occupata e in cerca di
occupazione): questo indicatore fornisce un’idea dell’attrattività dei comuni, poiché esprime il
rapporto tra la popolazione effettivamente impiegata presso le aziende localizzate in un
determinato comune e la forza lavoro del comune stesso.
Anche in questo caso per un indicatore (l’ultimo del gruppo) si è dovuto far ricorso ai dati del
Censimento dell’Industria e dei Servizi del 2001, poiché i dati dell’ultimo censimento non sono ancora
disponibili.
La macro-area dei servizi alla persona include:
Densità degli esercizi commerciali, intesi come numero totale degli esercizi di vicinato (totale di
negozi alimentari, non alimentari e misti) sull’area comunale;
Densità delle strutture ricettive, dove per strutture ricettive si intendono gli esercizi alberghieri
(alberghi da 1 a 5 stelle, villaggi albergo, pensioni, motel, mueblè, ecc) gli esercizi complementari
(campeggi, villaggi turistici, alloggi agro-turistici, ostelli, rifugi alpini e simili), i Bed&Breakfast ed altri
alloggi privati;
Densità degli sportelli bancari.
Questi indicatori, così come la densità delle aziende o la densità abitativa e di infrastrutture nella
successiva macro-area, sono rappresentati come densità (quindi il dato numerico normalizzato per
l’area comunale, piuttosto che per popolazione) perché in questa analisi si è voluta enfatizzare la
distribuzione sul territorio delle diverse variabili.
32
Per una caratterizzazione multidisciplinare si è ritenuto importante includere variabili che descrivano gli
stili di vita e dell’abitare, includendo:
Affollamento abitativo, espresso come mq/abitante;
Densità urbanizzata, espressa come totale della popolazione residente normalizzata sull’area
urbana (estratta dal Database sull’uso del suolo – DUSAF (ERSAF, 2007)) anziché sul totale
dell’area comunale;
Indice di motorizzazione, definito come il numero di autovetture per popolazione residente;
Offerta di infrastrutture, espressa come densità di strade primarie e secondarie (calcolate in GIS,
utilizzando la Banca Dati Geografica della Regione Lombardia). Si è volutamente deciso di non
includere le autostrade e la rete ferroviaria per la limitata copertura territoriale.
Un’area molto importante riguarda l’uso del suolo e la naturalità per cui si sono incluse le seguenti
variabili:
Percentuale di suolo agricolo, dove il suolo agricolo è derivato dal Database dell’Uso del Suolo di
ERSAF/Regione Lombardia, nella sua versione del 2007, e definito come l’insieme di tutte le
coperture rientranti nella classe 2 (Agricolo), e quindi seminativi, colture permanenti e prati
permanenti;
Indice di naturalità, calcolato come un ranking da 0 a 1 della percentuale di territorio “naturale”,
ovvero territorio classificato secondo il database DUSAF come zone boscate e naturali (classe 3),
aree umide (classe 4) e corpi idrici (classe 5);
Forma dell’urbanizzato: si è cercato di includere un indicatore di forma delle aree urbane, che
fornisse un’indicazione della struttura delle aree urbane e della loro distribuzione del territorio.
L’indicatore più semplice che si è incluso in questa fase dell’analisi è il rapporto tra perimetro e
area delle aree urbanizzate, derivate, anche in questo caso, dal DUSAF.
Infine, come indicatori dell’attività agricola si sono inclusi:
Superficie agricola utilizzata (SAU) media delle aziende;
Titolo di possesso dei terreni: in questo caso si tratta di una variabile categorica, dove le classi
indicano la forma prevalente (quindi relative alla maggior parte delle aziende in ogni comune) di
possesso dei terreni, con distinzione in proprietà, affitto, uso gratuito, e uso misto (proprietà e
affitto, proprietà e uso gratuito ecc);
Età media del conduttore dell’azienda;
Percentuale di addetti al settore agricoltura rispetto al totale di addetti in tutti i settori.
2.2.3.2
Analisi descrittive
Nella prima fase dell’analisi si sono esaminate le diverse variabili, attraverso la visualizzazione della loro
distribuzione territoriale, e l’analisi statistica (minimi, massimi, medie, varianza, matrici di correlazione). Si
mostrano di seguito alcuni esempi.
33
Tavola 4 - Rapporto tra il numero di addetti alle unità locali di impresa e la popolazione attiva
[Elaborazione CRASL su dati ASR, 2001]
La distribuzione della percentuale di addetti alle unità locali di impresa sulla popolazione attiva mostra
i valori più alti in corrispondenza di centri “attrattivi” dove il rapporto tra persone impiegate in un
determinato comune è molto maggiore della popolazione attiva del comune stesso.
Questi includono ad esempio Orio al Serio, Assago, Agrate, Grandate, Odolo, ecc. Interessante è
anche il caso di Mantova, che funge da polo attrattivo, circondato interamente da comuni con
bassa attrattività.
Per quanto riguarda variabili come la densità degli esercizi commerciali e del reddito, queste seguono
molto la distribuzione della densità di popolazione, mentre l’affollamento abitativo (mq/occupante) è
più elevato nelle zone rurali del mantovano e dell’Oltrepò pavese, e in seconda misura nelle zone
collinari soprattutto in prossimità dei laghi.
Se guardiamo alle variabili legate al territorio agricolo (rappresentate graficamente in Tavola 5 e
Tavola 6), notiamo che la superficie (SAU) media delle aziende risulta elevata nei comuni in provincia
di Pavia, Lodi e Cremona, ma non necessariamente in quelli dove è più elevata la percentuale di
suolo agricolo. I dati statistici riportano che la SAU media delle aziende è abbastanza elevata anche
in alcuni comuni montani delle province di Sondrio, Bergamo e Brescia, dove però generalmente la
percentuale di suolo agricolo è bassa. Questo indica che le due variabili non sono necessariamente
correlate, e che anche in comuni con relativamente poco terreno agricolo, in percentuale sul totale
del territorio comunale, può esserci la presenza di aziende con una grande superficie agricola.
34
Tavola 5 - Superficie Agricola Utilizzata (SAU) media delle aziende lombarde
[Elaborazione CRASL su dati del Censimento dell’Agricoltura, 2010]
Tavola 6 - Percentuale di aree agricole (classe 2 del DUSAF)
[Elaborazione CRASL su dati DUSAF, 2007]
35
Gli istogrammi delle variabili (in Tavola 7) mostrano distribuzioni normali o comunque unimodali nella
maggior parte dei casi, con le eccezioni di alcune variabili (es. reddito per capita, percentuale di
suolo agricolo, indice di naturalità, che mostrano un andamento differente; e il titolo di possesso dei
terreni, che è una variabile categorica).
Tavola 7 - Istogrammi delle variabili
Densità di popolazione
Indice di dipendenza degli anziani
Numero di diplomati e
laureati/popolazione > 24 anni
Reddito per capita
Densità del reddito
Densità delle aziende (totali)
Numero di addetti alle unità
locali di impresa/popolazione
attiva
Densità degli esercizi commerciali
Densità delle strutture ricettive
36
Densità degli sportelli bancari
Affollamento abitativo
(mq/occupante)
Popolazione/area urbanizzata
Indice di motorizzazione privata
Offerta di infrastrutture (densità
di strade primarie e secondarie
Suolo agricolo/area comunale
Indice di naturalità
Forma dell’urbanizzato
Superficie Agricola Utilizzabile
(SAU) media delle aziende
agricole
37
Titolo di possesso dei terreni (1
proprietà, 2 affitto, 3 uso gratuito, 4
misto, 5 nessuna prevalenza)
Età media del conduttore
dell’azienda
Numero di addetti nel settore
agricoltura/addetti in tutti i
settori
[Elaborazione CRASL]
Il passo successivo per studiare le caratteristiche e la relazione tra le variabili è di analizzare le
correlazioni. La Tabella 2 mostra la matrice delle correlazioni.
Tabella 2 - Matrice delle correlazioni
Dens.
Pop.
Densità
della
Popolazi
one
Densità
del
Reddito
Addetti/
attivi
Densità
delle
Imprese
Densità
degli
esercizi
comme
rciali
Densità
delle
strutture
ricettive
Densità
Pearson
Corr.
Sig. (2tailed)
Pearson
Corr.
Sig. (2tailed)
Pearson
Corr.
Sig. (2tailed)
Pearson
Corr.
Sig. (2tailed)
Pearson
Corr.
Sig. (2tailed)
1
Pearson
Corr.
Sig. (2tailed)
Pearson
.982**
Dens.
Redd
ito
.982**
Add.
/attivi
Dens.
Negozi
Dens.
Ricez.
.203**
Dens.
Impr
ese
.961**
.879**
.000
.000
.000
1
.205**
.000
mq/
occup
.264**
Dens.
Banc
he
.898**
-.360**
Pop/
Area
U
.712**
.000
.000
.000
.000
.000
.965**
.894**
.287**
.906**
-.322**
.697**
.000
.000
.000
.000
.000
.000
.000
1
.251**
.242**
.135**
.299**
-.109**
.013
.000
.000
.000
.000
.000
.616
1
.942**
.316**
.932**
-.314**
.668**
.000
.000
.000
.000
.000
1
.359**
.915**
-.268**
.639**
.000
.000
.000
.000
1
.312**
-.027
.185**
.000
.399
.000
1
-.305**
.646**
.203**
.205**
.000
.000
.961**
.965**
.251**
.000
.000
.000
.879**
.894**
.242**
.942**
.000
.000
.000
.000
.264**
.287**
.135**
.316**
.359**
.000
.000
.000
.000
.000
.898**
.906**
.299**
.932**
.915**
.312**
38
degli
sportelli
bancari
mq/occ
upante
Pop/
Area
urbanizz
ata
Corr.
Sig. (2tailed)
Pearson
Corr.
Sig. (2tailed)
Pearson
Corr.
Sig. (2tailed)
Dens.
Pop.
Dens.
Redd
ito
Add.
/attivi
Dens.
Impr
ese
Dens.
Negozi
Dens.
Ricez.
Dens.
Banc
he
mq/
occup
Pop/
Area
U
.000
.000
.000
.000
.000
.000
.000
.000
.360**
.000
.322**
.000
-.109**
-.268**
-.027
-.305**
.000
.314**
.000
1
.549**
.000
.000
.399
.000
.712**
.697**
.013
.668**
.639**
.185**
.646**
-.549**
1
.000
.000
.616
.000
.000
.000
.000
.000
[Elaborazione CRASL]
** Correlation is significant at the 0.01 level (2-tailed).
* Correlation is significant at the 0.05 level (2-tailed).
La matrice delle correlazioni mostra una forte correlazione tra variabili legate allo sviluppo urbano:
densità di popolazione, densità del reddito, densità delle imprese e densità degli sportelli bancari sono
correlati tra di loro con valori da .88 a .98.
È interessante notare come la densità di popolazione e la densità urbanizzata (quindi la popolazione
normalizzata sull’area urbana, invece che su tutto il territorio comunale) siano correlate ma non così
fortemente come le correlazioni precedenti (.7). Questo potrebbe essere determinato dal peso della
distribuzione delle aree urbane sul territorio, che non è evidentemente correlato all’area comunale in
misura elevata.
Le variabili legate al settore agricolo mostrano invece deboli correlazioni, sia tra di loro sia con le
variabili legate alle componenti socio-demografiche ed economiche.
2.2.3.3
Analisi delle componenti principali
L’analisi multivariata è un insieme di tecniche statistiche che permettono di analizzare
l’interdipendenza tra le numerose variabili all’interno di un determinato dataset, di ridurne la
dimensionalità e in certi casi di identificare dei fattori che ne spiegano la variabilità. Tra questi metodi
ci sono l’analisi delle componenti principali, l’analisi fattoriale, l’analisi cluster, il multidimensional
scaling, l’analisi della varianza (ANOVA), l’analisi discriminante ecc.
Per questa analisi si è deciso di utilizzare il metodo delle componenti principali, in quanto l’obiettivo
principale è quello di investigare le correlazioni tra le variabili e di ridurne la dimensionalità per poter
creare delle mappe delle osservazioni in un numero ridotto di dimensioni.
L’analisi delle componenti principali si basa sulla matrice delle correlazioni ed è una procedura
matematica che effettua una trasformazione ortogonale delle variabili originali in un nuovo set di
variabili non correlate, chiamate componenti principali. Ogni componente è una combinazione
lineare delle variabili originali. La trasformazione è definita in modo che prima componente sia quella
che contiene la maggior parte dell’informazione.
Poiché l’analisi delle componenti principali ha come obiettivo quello di massimizzare la varianza, può
essere sensibile alle variazioni di scala tra le variabili. Per questo è di solito buona norma standardizzare
le variabili, che assicura che i dati siano espressi su scale confrontabili. Per la nostra analisi si è scelto si
standardizzare le variabili secondo gli z-scores, cioè trasformarle in nuove variabili con media 0 e
varianza 1.
39
Per alcune delle variabili non ci sono dati per tutti i 1546 comuni della Lombardia. Per non perdere
informazione durante l’analisi delle componenti principali si è scelto di completare questi dati
mancanti secondo questi principi:
Dati mancanti (missing) definiti manualmente a 0 nel caso degli esercizi ricettivi e della SAU
media. In questi casi infatti si è ipotizzato che i comuni con assenza di dati non abbiano strutture
ricettive, e le aziende non abbiano SAU, o non ci siano aziende agricole nel comune;
Dati mancanti (missing) definiti come la media della serie negli altri casi. Considerare la media,
piuttosto che il minimo per esempio, è particolarmente indicato nella nostra analisi dato che la
standardizzazione viene effettuata tramite gli z-scores.
L’analisi delle componenti principali, effettuata su 1546 comuni e per 21 variabili, riporta i seguenti
risultati. Come si vede dalla Tabella 3, le prime 6 componenti rappresentano circa il 70% della
variabilità totale del dataset, con la prima componente che rappresenta il 30%.
Una volta effettuata questa analisi, si è proceduto a indagare le principali componenti, analizzando le
variabili che maggiormente contribuiscono a ciascuna componente, come illustrato in Tabella 4.
Tabella 3 - Varianza delle componenti con eigenvalue >1
Component
Extraction Sums of Squared Loadings
1
Total
6.267
% of Variance
29.841
Cumulative %
29.841
2
2.777
13.226
43.067
3
1.895
9.026
52.092
4
1.413
6.728
58.821
5
1.156
5.505
64.326
6
1.090
5.190
69.515
[Elaborazione CRASL]
Tavola 8 - Scree-plot delle componenti
[Elaborazione CRASL]
40
Tabella 4 - Matrice delle componenti
Componente
Variabili standardizzate (z-scores)
1
2
3
4
5
.953
-.010
-.004
.131
.100
-.121
-.238
-.195
.621
.400
.032
.117
Percentuale di diplomati/laureati
.490
.173
.212
-.523
.067
-.099
Reddito per capita
.257
.127
.201
-.427
-.004
-.166
Densità del reddito
.958
.001
.057
.123
.104
-.089
Addetti/attivi
.320
.147
.070
-.463
-.341
.349
Densità delle imprese
.962
.007
.091
.151
.056
-.015
Densità degli esercizi commerciali
.923
-.030
.173
.183
.030
.080
Densità degli esercizi ricettivi
.362
-.296
.381
-.224
-.173
.188
Densità degli sportelli bancari
.937
.013
.098
.130
.023
.031
-.414
.417
.615
.067
.050
-.056
.742
-.326
-.223
.159
.034
-.164
Numero di auto/popolazione residente
-.074
.016
.528
-.414
.335
-.027
Densità di strade primarie e secondarie
.263
.226
.371
.235
-.196
.551
Percentuale di suolo agricolo
-.183
.913
-.053
.161
-.022
-.036
Indice di naturalità
-.244
-.895
.116
-.116
.028
.062
Indicatore di forma dell’urbanizzato (P/A)
-.490
-.555
.230
.272
-.112
.069
SAU media
-.134
.344
-.164
.069
.281
.172
Titolo di possesso dei terreni prevalente
-.001
.209
-.166
.033
.483
.515
.075
.344
.084
.125
-.668
-.158
-.189
.170
.498
.187
.230
-.433
Densità di popolazione (persone/km2)
Indice di dipendenza degli anziani
Densità abitativa (mq_occupante)
Densità
urbanizzata
urbanizzata)
(popolazione/area
Età media del conduttore
Percentuale di addetti al settore agricoltura
6
[Elaborazione CRASL]
Da questa tabella si vede come la prima componente, che rappresenta il 30% della variabilità totale,
sia fortemente legata alla densità di popolazione, di reddito, di imprese, di esercizi commerciali, di
sportelli bancari (.9), e in misura via via minore alla densità urbanizzata (popolazione/area
urbanizzata) (.7) e alla percentuale di diplomati e laureati (.5), rappresentando così il contesto urbano.
Le variabili legate alla densità abitativa (mq/occupante) e alla forma dell’urbanizzato invece
contribuiscono in maniera negativa alla prima componente (-.5) poiché riflettono una diversa
distribuzione dell’abitare (più elevata nelle zone di campagna nel caso dei mq/occupante, e nelle
zone collinari e di montagna (forma dell’urbanizzato meno compatta).
41
La seconda componente invece, che rappresenta per il 13% della variabilità totale, risulta fortemente
legata all’uso del suolo agricolo (.9), indicando così il contesto agricolo/rurale.
Le seguenti mappe mostrano la suddivisione, per quantili, della prima e della seconda componente,
dove si nota chiaramente l’influenza delle variabili “urbane” e “agricole” rispettivamente. La
suddivisione per quantili determina un numero di comuni in ciascuna classe di circa 386.
Tavola 9 - Mappa della prima componente della PCA
[Elaborazione CRASL]
42
Tavola 10 - Mappa della seconda componente della PCA
[Elaborazione CRASL]
Le componenti successive presentano invece contributi meno chiari. Anche le combinazioni lineare
delle diverse componenti non producono risultati interpretativi particolarmente significativi.
Focalizzandoci sulla prima componente e ipotizzando una classificazione in base alla prima
componente, si può notare che questa componente mostra una generale tendenza ad identificare
correttamente i comuni periurbani nella fascia di pianura, o comunque di cintura all’urbanizzato,
mentre non pare essere particolarmente accurata nel caso di alcuni comuni montani che risultano
classificati come periurbani probabilmente a seguito all’influenza di alcune variabili in zone fortemente
turistiche, pur non essendo in realtà i comuni periurbani in senso stretto.
A questo punto abbiamo assegnato a tutti i comuni lombardi una classe, secondo il valore dei 4
quantili della prima componente illustrati in
Tavola 9 e ne abbiamo analizzato le caratteristiche in termini di popolazione e area (Tabella 5). Da
questa breve caratterizzazione si può vedere come i comuni classificati come periurbani coprono il
21% del territorio, e includono circa il 19% della popolazione regionale.
43
Tabella 5 - Caratterizzazione dei comuni lombardi secondo la prima componente principale della PCA
Classi componente 1
Classificazione
1: -1.48 - 0.59
Aree rurali (agricole e
montane)
2: -0.58 - 0.24
Popolazione
totale
Area totale
(km2)
383,598
6,832
Aree semi-agricole
1,045,625
8,012
3: -023 - 0.31
Aree periurbane, a media
urbanizzazione
1,855,416
5,024
4: 0.32 - 12.23
Aree a forte urbanizzazione
6,633,075
4,001
[Elaborazione CRASL]
2.2.3.4
La (scarsa) rilevanza delle variabili agricole nella PCA
Nella definizione dei sistemi precedenti si è rilevata una debole influenza delle variabili legate
all’agricoltura, fatto salvo per la percentuale di suolo agricolo, come complemento alla prima
componente della PCA. Con l’intenzione di cercare di far emergere le diverse caratteristiche agricole
e valutare se un’analisi di questo tipo possa essere utilizzata per cogliere la variabilità in un contesto
più tipicamente agricolo, si è effettuata una PCA su un database più esteso, differenziando gli usi del
suolo in ambito agricolo e includendo un numero maggiore di variabili legate alle caratteristiche
aziendali.
In particolare, per quanto riguarda gli usi del suolo, si sono calcolate le percentuali di suolo agricolo
(dalla classe 2 del DUSAF) delle seguenti sotto-classi:
Seminativi (classi 2111 e 2112);
Colture orticole (classi 2113, 2114 e 2115);
Risaie (classe 213);
Vigneti/oliveti/frutteti (classi 221, 222 e 223);
Arboricoltura da legno (classe 224)
Prati permanenti (classe 23).
Per quanto riguarda le caratteristiche agricole, vista la disponibilità di dati da diverse banche dati, si è
provveduto all’integrazione dei dati dal nuovo Censimento dell’Agricoltura con alcuni dati di
maggiore dettaglio disponibili a livello aziendale dalla Banca Dati SIARL.
In particolare, dal Censimento dell’Agricoltura si sono estratte le seguenti variabili:
Giornate lavorative per ha di SAU, dove le giornate lavorative sono le giornate di lavoro totale
aziendale;
Unità Bestiame Adulto (UBA) per ha di SAU, dove le UBA sono state calcolate sulla base dei
fattori standard di conversione delle categorie animali e rapportate alla SAU totale delle
aziende di ciascun comune.
Dalla banca dati SIARL si sono estratte le seguenti variabili:
Unità Bestiame Adulto (UBA) per ha di SAU delle aziende con allevamenti, dove le UBA sono
state calcolate sulla base dei fattori standard di conversione delle categorie animali e
rapportate alla SAU delle aziende che possiedono allevamenti (non alla SAU di tutte le aziende
agricole)
KW per ha di SAU, dove i KW sono derivati dalla potenza totale delle macchine agricole presenti
nelle aziende in ogni comune;
44
-
Percentuale di SAU destinata a specifici Orientamenti Tecnico-Economici (OTE), effettuando i
seguenti raggruppamenti (EC, 2010):
ƒ Coltivazioni erbacee specializzate (codici OTE 13xx e 14xx);
ƒ Coltivazioni permanenti miste (codice OTE 3400);
ƒ Coltivazioni erbacee miste (codici OTE 6xxx)
ƒ Allevamenti specializzati (codici OTE 4xxx e 5xxx);
ƒ Allevamenti misti (codici OTE 7xxx);
ƒ Coltivazioni e allevamenti misti (codici OTE 8xxx);
ƒ Orto-floricoltura specializzata (codici OTE 2xxx);
ƒ Viticoltura (codici OTE 31xx);
ƒ Frutticoltura e olivicoltura (codici OTE 32xx e 33xx).
In una prima fase si è eseguita una PCA con tutte le 40 variabili: le 21 della PCA originale e queste 19
aggiuntive. Questa analisi rivela una capacità esplicatoria inferiore (53% della variabilità nelle prime 6
componenti), pur mantenendo lo stesso pattern che identifica la prima componente con le
caratteristiche legate alla densità dell’urbanizzato e dei servizi e una seconda componente legata al
settore agricolo. Inoltre la prima componente risulta “indebolita”, e rappresenta solo il 18% della
variabilità totale.
In una seconda fase si è eseguita una PCA sulle sole variabili agricole, quindi includendo la
percentuale di suolo agricolo e le relative sotto-classi, la percentuale di suolo forestale (classi 31 e 32
del DUSAF), e le variabili legate alla struttura delle aziende agricole. I risultati sono simili alla
precedente PCA sia in quanto a variabilità totale (circa il 57 % della variabilità totale nelle prime 6
componenti), sia in quanto al contributo delle diverse componenti (la prima componente rappresenta
il 18% della variabilità totale, mentre la seconda il 12%). I contributi delle variabili nelle diverse
componenti mostrano che la prima componente è fortemente legata alla percentuale di seminativi e
alla percentuale di aziende con coltivazioni erbacee specializzate (.8), e negativamente correlata
alla presenza di prati permanenti (-.9) e di allevamenti specializzati (-.7), mentre la seconda
componente è fortemente legata alla presenza di vigneti (.9) così come alla percentuale di addetti in
agricoltura e alla densità di aziende (.7).
Questi risultati portano a rilevare come il ricorso a un maggior numero di variabili legate alle tipologie e
alle forme di esercizio dell'attività agricola non produca esiti apprezzabili in termini di classificazione e
rappresentazione del territorio regionale. Un esito forse atteso ma non scontato, sul quale sarà
necessario tornare a riflettere, perché delinea una sorta di "subalternità" del comparto agricolo
rispetto alla macro-struttura territoriale o, se si preferisce, conferma la necessità per l'agricoltura di
esprimersi in stretta relazione con il territorio di riferimento, complessivamente inteso, e non viceversa.
2.2.3.5
Densità di popolazione e uso del suolo come variabili determinanti dei sistemi territoriali
della Lombardia
I risultati dell’analisi delle componenti principali hanno evidenziato come ci siano due fattori principali
che contribuiscono alla variabilità del territorio in termini classificatori: un fattore legato alla
distribuzione di popolazione e variabili ad essa connessi, e un fattore legato alla tipologia del territorio
e alla presenza di terreni agricoli.
In questa seconda fase della ricerca si è deciso quindi di selezionare due variabili significative e di
utilizzarle per la classificazione del territori della Lombardia, seguendo un approccio di tipo geografico,
condotto su una griglia a maglie regolari (raster).
In particolare le due variabili selezionate sono la densità di popolazione e l’uso del territorio. Queste
due variabili sono state categorizzate, cioè suddivise in classi secondo il seguente approccio.
45
La densità di popolazione è stata suddivisa in 3 classi, sulla base della distribuzione della variabile
stessa (istogramma, riportato in Tavola 11), come segue.
Bassa densità
< 200 abitanti/km2
Media densità
tra 200 e 1000 abitanti/km2
Alta densità
> 1000 abitanti/km2
Tavola 11 - Istogramma della densità di popolazione
[Elaborazione CRASL]
Per quanto riguarda l’utilizzo del suolo, si è fatto riferimento al database dell’uso del suolo (DUSAF),
nella sua versione del 2007, come era già stato utilizzato per l’analisi multivariata.
L’intero database è stato riclassificato in modo che ogni poligono sia aggregato in una delle 3
seguenti macroaree. Le zone umide e i corpi idrici sono stati esclusi dalla classificazione, in quanto non
potrebbero essere recipienti di popolazione.
Urbanizzato
Agricolo
Forestale
Aree urbane, insediamenti
produttivi, infrastrutture, aree
estrattive, aree verdi non agricole
Seminativi, colture permanenti,
prati permanenti
Aree boscate, ambienti con
vegetazione arbustiva/erbacea in
evoluzione
46
A questo punto ognuno dei due dataset (originariamente in formato vettoriale) è stato rasterizzato su
una griglia maglie regolare con dimensione di 100 x 100 m. Le figure seguenti mostrano i due raster
classificati nelle 3 classi ciascuno.
Tavola 12 - Classi della densità di popolazione
[Elaborazione CRASL]
Tavola 13 - Classi di uso del suolo
[Elaborazione CRASL]
47
I due raster sono quindi stati combinati in modo che ogni pixel (cella della maglia regolare di 100 x 100
m) abbia un valore relativo alla densità di popolazione e uno relativo alla tipologia del suolo,
risultando in 9 combinazioni. Queste combinazioni sono state successivamente accorpate in una
classificazione più semplificata, sulla base di aggregazioni e considerazioni generali (ad esempio, tutto
l’urbanizzato del DUSAF è stato classificato come Urbanizzato, indipendentemente dalla classe di
densità di popolazione).
Nel capitolo seguente sono illustrati i risultati di tale combinazione e le caratteristiche dei sistemi
risultanti.
2.2.4. Risultati
In questo capitolo vengono presentati i sistemi territoriali e le aree periurbane della Lombardia, e
successivamente viene fornita una caratterizzazione dei sistemi stessi soprattutto dal punto delle
agricolture che vi sussistono.
2.2.4.1
Individuazione dei sistemi territoriali e delle aree periurbane della Lombardia
La classificazione ottenuta (9 combinazioni) e il successivo accorpamento in 4 classi è riportata nella
seguente tabella, mentre la Tavola 14 mostra la mappa risultante da questa classificazione.
Tabella 6 - Classificazione dei sistemi territoriali
Tipologia
DUSAF
Urbanizzato
Urbanizzato
Urbanizzato
Agricolo
Agricolo
Agricolo
Forestale
Forestale
Forestale
Densità
di
Popolazione
Alta
Media
Bassa
Alta
Media
Bassa
Alta
Media
Bassa
Combinazione risultante
Classificazione finale
Alta densità in territorio urbano
Media densità in territorio urbano
Bassa densità in territorio urbano
Alta densità in territorio agricolo
Media densità in territorio agricolo
Bassa densità in territorio agricolo
Alta densità in territorio boscato
Media densità in territorio boscato
Bassa densità in territorio boscato
Urbanizzato
Urbanizzato
Urbanizzato
Urbanizzato
Periurbano
Rurale
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
[Elaborazione CRASL]
48
Tavola 14 - Sistemi territoriali in Lombardia, sulla base della classificazione geografica
[Elaborazione CRASL]
Per fini pianificatori è generalmente utile avere anche una classificazione a livello comunale. Pertanto
si rende necessario passare dal formato raster a quello aggregato vettoriale per i comuni. Questo
passaggio viene effettuato calcolando la media delle coperture per ogni classe per ogni comune.
La Tavola 15 mostra il risultato di questa aggregazione, dove ogni comune viene classificato come
urbano, periurbano, rurale o naturale/montano, tenendo presente che per periurbano intendiamo
aree con una densità di popolazione intermedia in ambito di territori agricoli, con rurale intendiamo
aree agricole a bassa densità di popolazione (o aree montane con media densità di popolazione) e
con naturale/montano si intendono le aree naturali/montane con bassa densità di popolazione. La
lista dei comuni con la loro classificazione territoriale è riportata nell’allegato.
49
Tavola 15 - Sistemi territoriali in Lombardia, aggregati a livello comunale
[Elaborazione CRASL]
In questo caso si può vedere come la classificazione sia abbastanza corrispondente al concetto
intuitivo di periurbano. Naturalmente non abbiamo classificazioni di confronto per il periurbano, ma
possiamo solo basarci sulle conoscenze del territorio e sull’interpretazione visiva di quello che è
generalmente descritto come periurbano. I comuni classificati come periurbani risiedono nella fascia
pianeggiante ai confini dell’urbanizzato, e rappresentano proprio una fascia di continuum tra
l’urbanizzato e il rurale. È anche interessante notare come nella fascia collinare ci sia una successiva
zona di transizione rurale tra il periurbano e la fascia montana.
La tabella seguente riporta il totale di popolazione e area per i comuni classificati secondo la
precedente classificazione geografica, ed il numero di comuni in ciascuna classe, che ci aiuta ad
interpretare la distribuzione di questi comuni sul territorio lombardo.
Tabella 7 - Caratterizzazione dei sistemi territoriali lombardi secondo la classificazione geografica
Classi di
spaziale
integrazione
Classificazione
N. comuni
Popolazione
totale
Area totale
(km2)
1:
Alta
densità
di
popolazione in contesto
urbano o agricolo
Urbanizzato
239
5,248,839
2,213
2: Media densità in
territorio
agricolo/Alta
densità
in
territorio
montano
Periurbano
374
2,374,944
4,904
50
3: Media densità in
territorio boscato/bassa
densità
in
territorio
agricolo
4:
Bassa
densità
territorio montano
in
Rurale
499
1,733,700
7,037
Montano/Naturale
434
560,231
9,714
[Elaborazione CRASL]
I comuni classificati come periurbani rappresentano il 24% dei comuni lombardi e coprono
approssimativamente il 20.5% del territorio lombardo, comprendendo il 24% della popolazione.
Per quanto necessario ai fini della pianificazione territoriale regionale, il passaggio dal raster
all’aggregato comunale comporta la perdita di importanti informazioni di dettaglio all’interno di ogni
comune. Infatti mantenendo la classificazione raster, è possibile analizzare le tipologie di territorio
all’interno di ciascun comune. La figura seguente mostra un confronto tra l’originale classificazione su
base raster e il corrispondente aggregato comunale per la zona a sud di Brescia, dove si vede
chiaramente come l’aggregazione comunale rifletta la classificazione raster, ma la classificazione
raster mostri una differenziazione interna, localizzandole aree urbane o peri-urbane all’interno di
ciascun comune.
Tavola 16 - Confronto tra classificazione raster (sopra) e aggregazione comunale (sotto) per la zona a
sud di Brescia.
51
[Elaborazione CRASL]
Guardando più in generale al contesto lombardo possiamo fare alcune considerazioni. Per esempio il
comune di Vigevano è classificato come periurbano, dove la classe del periurbano occupa il 55% del
territorio, con il resto equamente suddiviso tra urbano e agricolo. La cintura Sud-Ovest di Milano
comprende comuni (esempio: Zibido S. Giacomo, Gaggiano, Noviglio) dove il periurbano occupa
l’80-85% del territorio, con il restante classificato come urbano. I comuni agricoli nella bassa bresciana
e in provincia di Mantova (come ad esempio Calvisano, Gottolengo, Volta Mantovana) hanno al loro
interno una percentuale variabile da 12-15% an 20% di periurbano, con il restante naturalmente
agricolo. Interessante è anche il caso dei comuni rurali nella basse valli bergamasche e bresciane,
dove la classe del periurbano è presente con una copertura del 20-25%.
Questi esempi mostrano come spesso sia utile non solo classificare un intero comune come urbano,
periurbano o rurale, ma anche analizzarne la variabilità interna. Naturalmente le due diverse tipologie
di classificazione possono essere utilizzate entrambe, a seconda degli obiettivi di pianificazione e di
governo del territorio.
2.2.4.1 Caratterizzazione dei sistemi territoriali e delle aree periurbane della Lombardia
L’aggregazione a livello comunale consente di integrare questa classificazione con una serie di
variabili disponibili anch’esse a livello comunale e di analizzare le caratteristiche dei diversi sistemi
territoriali.
In particolare, per ciascuno dei sistemi territoriali così identificati, si è provveduto a fornirne una
caratterizzazione, soprattutto da un punto di vista agricolo, impiegando gli indicatori aggiuntivi che
erano stati utilizzati per la PCA, descritti in sezione 2.2.3.4, e le caratteristiche relative all’urbanizzazione
e alla perdita di suolo. In quest’ultimo caso si è fatto riferimento al DUSAF per gli anni 1954, 1999 e 2007,
e si sono stimate, per ogni comune, e per i due periodi di riferimento (1954-1999 e 1999-2007), le
percentuali di urbanizzazione e perdita di suolo agricolo, definite come segue:
52
-
-
-
-
Tasso annuale di urbanizzazione, calcolato come il rapporto tra l’incremento della superficie
urbanizzata e la superficie totale comunale, diviso per il numero di anni (esempio: ((AreaU99 –
AreaU54)/AreaComune)/45));
Tasso annuale di incremento di urbanizzazione, calcolato come il rapporto tra l’incremento della
superficie urbanizzata e la superficie totale già urbanizzata all’inizio del periodo considerato,
diviso per il numero di anni (esempio: ((AreaU1999 – AreaU1954)/AreaU1954)/45));
Tasso annuale di variazione assoluta della superficie agricola, calcolato come il rapporto tra la
variazione della superficie agricola totale e la superficie totale comuale, diviso per il numero di
anni (esempio (AreaA1999 – AreaA1954)/Areacomune/45));
Tasso annuale di variazione relativa della superficie agricola, calcolato come rapporto tra la
variazione della superficie agricola totale e la superficie agricola totale all’inizio del periodo
considerato, diviso per il numero di anni (esempio (AreaA1999 – AreaA1954)/AreaA1954/45)).
La tabella seguente riporta le caratteristiche dell’agricoltura dei quattro sistemi territoriali.
Tabella 8 - Caratteristiche dei sistemi territoriali in Lombardia.
Comuni (n.)
239
374
499
Naturale/
Montano
434
Area (% dell’area totale)
9.27
20.55
29.48
40.70
52.92
23.95
17.48
5.65
0.78
0.35
0.19
0.05
0.51
0.37
0.17
0.04
8.82
8.39
5.17
6.37
1.21
2.01
1.53
1.17
-0.46
-0.36
-0.17
-0.13
-0.82
-0.38
-0.24
-0.14
-1.29
-0.62
-0.48
-0.53
-1.14
-0.51
-0.56
-0.61
52.15
35.40
11.56
80.37
3.30
5.79
.69
1.53
8.20
20.96
69.44
6.99
78.36
1.71
11.62
2.44
2.60
3.24
12.40
62.33
20.38
75.48
3.03
8.28
3.19
3.94
6.15
3.15
19.12
54.41
30.81
0.48
19.37
7.57
5.62
36.09
Variabile
Popolazione (% della popolazione regionale)
Tasso annuale di urbanizzazione (% dell’area
totale),1954-1999
Tasso annuale di urbanizzazione (% dell’area
totale),1999-2007
Tasso annuale di incremento di urbanizzazione
(% dell’area urbana), 1954-1999
Tasso annuale di incremento di urbanizzazione
(% dell’area urbana), 1999-2007
Tasso annuale di variazione assoluta della
superficie agricola (% dell’area totale), 1954-1999
Tasso annuale di variazione assoluta della
superficie agricola (% dell’area totale), 1999-2007
Tasso annuale di variazione relativa della
superficie agricola (% dell’area agricola), 19541999
Tasso annuale di variazione relativa della
superficie agricola (% dell’area agricola), 19992007
Area urbana (% dell’area totale)
Area agricola (% dell’are totale)
Aree boscate (% dell’area totale)
Seminativi (% dell’area agricola)
Colture orticole (% dell’area agricola)
Risaie (% dell’area agricola)
Vigneti (% dell’area agricola)
Altre legnose agrarie (% dell’area agricola)
Prati permanenti (% dell’area agricola)
Urbano
Periurbano
Rurale
53
Variabile
Superficie Agricola Utilizzabile (SAU) per azienda
(ha)
Titolo di possesso dei terreni (% di aziende)*
Età media del conduttore dell’azienda
Impiego nel settore dell’agricoltura (% di addetti)
Giornate lavorative (per ha di SAU)
KW (per ha di UAA)
Unità Bestiame Adulto (UBA) (per ha di SAU
totale)
Unità Bestiame Adulto (UBA) (per ha di SAU delle
aziende con allevamenti)
Coltivazioni erbacee specializzate (% di SAU)
Coltivazioni permanenti miste (% di SAU)
Coltivazioni erbacee miste (% di SAU)
Allevamenti specializzati (% di SAU)
Allevamenti misti (% di SAU)
Coltivazioni e allevamenti misti (% di SAU)
Orto-floricoltura specializzata (% di SAU)
Viticoltura (% di SAU)
Frutticoltura e olivicoltura (% di SAU)
Urbano
Periurbano
13.04
23.19
41% proprietà,
41% misto
43% proprietà,
41% misto
54.87
1.99
66.87
17.97
Rurale
Naturale/
Montano
20.66
22.30
55.10
4.26
32.69
11.83
44%
proprietà,
41% misto
54.58
11.16
48.70
11.29
46% misto,
41%
prorprietà
52.98
21.95
50.22
7.84
1.69
3.07
2.17
0.93
7.15
12.22
10.64
1.60
59.80
1.92
3.36
25.42
0.66
5.66
0.68
1.34
1.17
48.56
0.65
1.93
37.02
1.61
7.36
0.48
2.06
0.33
45.69
1.33
3.17
36.79
2.59
7.12
0.51
1.74
1.05
28.31
0.49
1.92
59.97
0.31
2.83
0.05
4.68
1.44
[Elaborazione CRASL]
* Il titolo di possesso dei terreni è classificato come proprietà, affitto, uso gratuito e misto (proprietà e affitto, proprietà e uso
gratuito ecc).
Un’analisi di questo tipo consente di specificare le caratteristiche prevalenti dei diversi sistemi
territoriali, con particolare attenzione all’agricoltura e ai contesti periurbani. I cambiamenti dovuti
all’urbanizzazione rivelano interessanti differenze tra i sistemi territoriali: la maggiore urbanizzazione (in
proporzione all’area totale) è avvenuta nei sistemi urbani, sia nel primo (1954-1999) che nel secondo
(1999-2007) periodo, anche se con un notevole rallentamento, mentre si è mantenuta costante o
diminuita negli altri sistemi, e anzi incrementando nel sistemi periurbani. Se però guardiamo al tasso di
urbanizzazione relativo alla superficie urbanizzata, notiamo che nel primo periodo il tasso di
urbanizzazione è simile nei sistemi urbani e periurbani, mentre nel secondo periodo rallenta
drammaticamente nelle aree urbane ma non così tanto in quelle periurbane. Ancora più interessante
è il fatto che nel periodo 1999-2007 le aree più interessate dall’urbanizzazione sono quelle periurbane,
seguite dal quelle rurali, e con un tasso che doppio rispetto ai sistemi urbani.
Questo mostra come negli anni più recenti le aree periurbane siano state particolarmente interessate
dal fenomeno dell’urbanizzazione, sia in termini assoluti (rispetto al totale dell’area), sia in termini
relativi (in proporzione al totale delle aree urbane).
Riguardo alle caratteristiche dell’agricoltura, è interessante notare come nel sistema periurbano le
aziende agricole registrino il valore più elevato di SAU media delle aziende e gli allevamenti il valore
più elevato di UBA per ettaro di SAU; inoltre, il valore di KW per ettaro di SAU è comparabile a quello
dei sistemi “tradizionalmente” rurali.
Ciò indica la presenza di un'agricoltura non marginale, che cerca anzi di competere per l'uso del
fattore di produzione più scarso, il suolo, intensificando l'uso degli altri fattori produttivi.
54
Questa ricerca ha mostrato che l'impiego combinato di metodologie di analisi multivariata e di analisi
spaziale, assegnando di fatto alle prime una finalità esplorativa, consente di pervenire a una
classificazione e caratterizzazione territoriale alquanto significativa, capace cioè di descrivere in modo
sufficientemente esaustivo i principali sistemi del territorio regionale (urbano, periurbano, rurale e
naturale/montano), di far emergere le variabili in tal senso più rilevanti (pur partendo da un insieme
iniziale non circoscritto a priori e dunque piuttosto ampio), nonché di produrre un esito comprensibile e
gestibile ai fini delle politiche regionali di assetto territoriale e/o di sviluppo rurale.
Alcuni elementi più fini della classificazione territoriale meritano però di essere approfonditi, così come
appare evidente le necessità di precisare meglio i caratteri distintivi delle agricolture riferite ai diversi
sistemi, giungendo a una precisazione per su-sistemi omogenei.
2.2.5
Raccomandazioni per le politiche agricole e di sviluppo rurale
L’analisi multivariata, condotta su basi dati estese e riferite a più profili di indagine (struttura
demografica, condizioni di reddito, attività produttive, esercizio dell'agricoltura, condizione di
naturalità, servizi alla persona e così via), conduce a una caratterizzazione del territorio lombardo in
cui:
a. le variabili agricole pesano relativamente poco;
b. poche variabili sono "sufficienti" per un'adeguata classificazione territoriale.
Rispetto al primo punto, non era del tutto atteso che i caratteri e le differenze tra i sistemi territoriali
della Lombardia fossero determinati in misura così limitata dalla pur evidente variabilità di agricolture
che si praticano sul territorio regionale.
Ne deriva un'importante riflessione, ovvero la necessità di costruire le politiche agricole in senso
"verticale", in stretta relazione con il territorio di riferimento, più che in senso "orizzontale", in relazione
cioè a un settore o a una specifica filiera produttiva, come si è tradizionalmente fatto.
Ciò rafforza ulteriormente il senso di un'adeguata classificazione territoriale, che - come dimostra la
ricerca - è opportuno condurre su base raster (con una griglia a maglie regolari) e solo in una seconda
fase rapportare ai limiti amministrativi (comunali), al fine di conservare la variabilità di informazioni che
è alla base di una corretta e piena “territorializzazione” (o “differenziazione spaziale”) delle politiche
riguardanti l'agricoltura e lo sviluppo rurale
Rispetto al secondo punto, vi è evidenza empirica - a vantaggio delle politiche territoriali, e non solo di
quelle di sviluppo rurale - che è possibile giungere a una classificazione consistente dei sistemi
territoriali della Lombardia impiegando una combinazione di poche e semplici variabili.
L’analisi mostra infatti come vi siano due variabili la cui combinazione identifica in modo efficace i
sistemi territoriali prevalenti in Lombardia: una è legata alla distribuzione della popolazione, l'altra è
legata all’uso del suolo.
Di fatto, sono quindi le differenze relative all'intensità di urbanizzazione a specificare in radice, più di
ogni altra variabile, il complesso di caratteri dei diversi sistemi territoriali, compreso quello periurbano.
Le politiche di governo del territorio, così come tutte le politiche attive (compresa quella agricola e di
sviluppo rurale) che sul territorio producono effetti, dovrebbero quindi svilupparsi tenendo anzi tutto
conto del fatto che è lo sviluppo dell’urbanizzazione, non solo nei contesti periurbani, a costituire
elemento di differenziazione e di gerarchia territoriale. A tal proposito è utile ricordare che l’analisi
dell’uso del suolo in Lombardia per i periodi 1954-1999 e 1999-2007 (DUSAF) mostra un incremento
annuo di urbanizzazione negli ultimi 10 anni del 2% nelle aree periurbane (a fronte di un 1.2% nelle aree
urbane e 1.5% nelle aree rurali, con una dinamica leggermente diversa rispetto ai 45 anni precedenti,
caratterizzati inoltre da tassi molto più elevati), ma soprattutto mostra come il tasso di urbanizzazione
(rispetto all’intera area comunale) negli ultimi 10 anni rispetto ai 45 anni precedenti sia calato
55
drasticamente nelle aree urbane e in misura minore in rurali e naturali, mentre è aumentato nelle aree
periurbane.
Questa dinamica è coerente con un modello di urbanizzazione che va esaurendo la sua "spinta" nelle
aree ora urbane, per indirizzarsi verso nuove aree (periferiche, periurbane, agricole ecc) che
assumono progressivamente il carattere di urbanità. Questo trend non è in calo, infatti il soil sealing
nelle aree periurbane continua a mantenersi su tassi costanti.
E' dunque necessario operare anzi tutto per mantenere sotto controllo gli sviluppi insediativi, e per
"dare ordine" agli insediamenti esistenti poco o mal pianificati, mettendoli in relazione con i sistemi di
mobilità collettiva e identificando in modo più cogente i caratteri di strategicità delle aree agricole (e
naturali o comunque libere).
Dall'altro lato, va realmente praticato il riconoscimento della multifunzionalità dei territori agricoli,
differenziandone le modalità di governo in ragione al sistema territoriali di riferimento (urbano,
periurbano, agricolo in senso stretto, naturale/rurale), poiché le politiche agricole e di sviluppo rurale
debbono mirare a esaltare alcune specifiche esternalità (sulla ricostituzione delle risorse di base, sul
mantenimento degli ecosistemi, sulla biodiversità, sul paesaggio, ecc) e a promuovere alcune
specifiche funzioni produttive. Il tutto, come è ovvio, entro un disegno unificante, quale ad esempio
quello rappresentato dall'infrastruttura della Rete Ecologica Regionale (RER).
In particolare, nelle aree periurbane, l'analisi evidenzia come le aziende agricole registrino il valore più
elevato di SAU media e gli allevamenti il valore più elevato di UBA per ettaro di SAU; inoltre, il valore di
KW per ettaro di SAU è comparabile a quello dei sistemi “tradizionalmente” rurali. Ciò indica la
presenza di un'agricoltura non residuale, che cerca anzi di competere per l'uso del suolo,
intensificando l'uso degli altri fattori produttivi.
Se dunque, l'agricoltura periurbana ha l'indubbio “svantaggio” di sussistere su un territorio oggetto di
costante urbanizzazione e di sottrazione di suolo libero, essa presenta nel contempo un'adeguata
capacità di competere per i fattori di produzione.
Si tratta quindi di costruire politiche che mettano in valore gli effetti positivi della vicinanza dei centri
urbani, in termini di dotazione di infrastrutture, qualità dei servizi, intensità della domanda, nonché
dall'apertura di nuovi mercati come quelli rappresentati da una moderna agricoltura di prossimità.
2.2.6 Bibliografia
Adell, G. (1999), Theories and models of the peri-urban interface: A changing conceptual landscape.
Strategic Environmental Planning and Management for the Peri-urban Interface͒Research Project.
Anania G., Tenuta A. (2008), Ruralità, urbanità e ricchezza dei comuni italiani, QA-Rivista
dell’associazione Rossi-Doria 1, 2008
Anania, G., Tarsitano A. (1995), Tecniche di analisi statistica multivariate per l’interpretazione dei sistemi
agricoli territoriali in Italia, in Cannata, G. (a cura di), I sistemi agricoli territoriali italiani degli anni ’90.
Pubbl. RAISA 2416, Cosenza, Rubbettino
Annuario Statistico Regionale della Regione Lombardia (ASR) (2011), dowloadable at http://www.asrlombardia.it/ASR
Asciuto A., Di Franco C.P., Migliore G. (2008), Analisi della ruralità in una regione ad obiettivo
convergenza II: il caso della regione Sicilia, Relazione presentata al XLV Convegno di studi della
Società Italiana di Economia Agraria, Portici, Settembre
56
Barberis C. (1988), La società, in Barberis C. e Dell’Angelo G.G., (1988), Italia rurale, Editori Laterza
Roma-Bari
Bassi, I., Cristea, I. (2009), Caratterizzazione rurale del territorio: Metodologie di
confronto. Rivista di Economia Agraria, LXIV, nn. 3-4
zonizzazione a
Batty, M., (2008), Cities as complex systems: Scaling interactions, networks, dynamics and urban
morphologies. Centre for Advanced Spatial Analyis – University College of London, Working Paper
Series, paper 131
Bengs, C., Schmidt-Thomé, K. (2006), Urban-Rural relations in Europe, ESPON 1.1.2, Final report
Boscacci, F. (1999), La pianificazione sostenibile delle aree periurbane, Il Mulino, Bologna
Boscacci, F. (2010), Urban-Rural relations: A methodology to classify rural areas. Proceedings of the
RUFUS/TRUST Workshop: Diversities of rural areas in Europe and beyond, Hannover, 25-25 August, 2010.
CAIRE (2010), Atlante nazionale del territorio rurale. Nuove geografie per le politiche di sviluppo rurale,
Rete Rurale Nazionale 2007-2013, Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, Roma.
Camagni R. (a cura di) (1999), La pianificazione sostenibile delle aree periurbane, Il Mulino, Bologna
Cannata G. (a cura di) (1989), I sistemi agricoli territoriali italiani, Milano, Angeli
Cannata G. (a cura di) (1995), I sistemi territoriali agricoli italiani degli anni ’90. Contributi metodologici.
Pubbl. RAISA 2416, Cosenza, Rubbettino
Cannata, G., Forleo, M.B. (a cura di) (1998), I sistemi agricoli territoriali delle regioni italiane. Anni
novanta. CNR, Progetto finalizzato RAISA (Ricerche Avanzate per Innovazioni del Sistema Agricolo),
Campobasso.
Caruso, G., Peeters, D., Cavailhes, J., Rounsevell, M., (2007), Spatial configuration in a periurban city. A
cellular automata-based microeconomic model. Regional Science and Urban Economics, volume 37,
pages 542-567
Commission of the European Communities (CEC) (1988), Environment and Agriculture, Commission
Communication COM(88) 338, Brussels, 8 june 1988
Commissione Europea (1985), Regolamento (CEE) N. 797/85 del Consiglio del 12 marzo 1985 relativo al
miglioramento dell’efficienza delle strutture agrarie, Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee, N. L
93/1 del 30 marzo 1985
Commissione Europea (2010), The CAP towards 2020: Meeting the food, natural resources and
territorial challenges of the future, COM (2010) 672, 18.11.2010
Crooks, A.T., (2010), Using geo-spatial agent-based models for studying cities. Centre for Advanced
Spatial Analyis – University College of London, Working Paper Series, paper 160
Dijkstra L., Poelman H. (2008), Remote Rural Regions, How proximity to a city influences the
performance of rural regions, Regional Focus, n.1/2008, Regional Policy, European Union
57
Ente Regionale per I Servizi all’Agricoltura e alle Foreste (ERSAF), (2010), Uso del suolo in Regione
Lombardia,
Atlante
descrittivo,
Milano,
Regione
Lombardia.
http://www.cartografia.regione.lombardia.it
ESPON (2011), ESPON Projects, overview by November 2011
ESPON and University of Geneva (2011), European perspective on specific types of territories,
GEOSPECS Interim report, version 16/03/2010
Esposti R. (2000), Problemi e risorse per lo sviluppo rurale, in Arzeni A., Esposti R., Solustri A., Sotte F. (a
cura di) (2000), Il sistema agricolo ed alimentare nelle Marche. Rapporto 2000, Franco Angeli, Milano
European Commission (2010), Farm Accounting Data Network, an A to Z methodology, Version
04/11/2010, http://ec.europa.eu/agriculture/rica/detailtf_en.cfm?TF=TF14&Version=11990
Eurostat (2010), Eurostat regional yearbook 2010, Bruxelles. Belgium
Fasolini D. (2010), ERSAF, Regione Lombardia, Misure di consumo di suolo, metodi e qualità di dati in
Lombardia, paper presentato a «Terra!» meeting interdisciplinare, Milano
Favia F. (1992), L’agricoltura nei sistemi produttivi territoriali, La Questione Agraria, n. 46, pp.109-136.
Fleury A., Donadieu P. (1997), De l’agriculture péri-urbaine à l’agriculture urbaine, Le courrier de
l’environnment de l’INRNE, n.31
Food and Agriculture Organization (FAO) (2007), Profitability and sustainability of urban and peri-urban
agriculture. Agricultural Managment, Marketing and Finance Occasional Paper No.19
Gallego F.J. (2004), Mapping Rural/Urban Areas from Population Density Grids, Institute for Environment
and Sustainability, JRC – EC, ISPRA. Italy
Hoggart K.,(1990), Let’s do away with rural, Journal of Rural Studies 6(3) 245-257
INEA, (a cura di Storti D.) (2000), Tipologie di aree rurali in Italia, Franco Angeli, Milano
Jonard F., Lambotte M., Ramos F., Terres J.M., Bamps, C. (2009), Delimitation of rural areas in Europe
using criteria of population density, remoteness and land cover. JRC Scientific and Technical Reports
EUR 23757 EN
Kim, D., Batty, M., (2011), Modeling urban growth: An agent based microeconomic approach to urban
dynamics and spatial policy simulation. Centre for Advanced Spatial Analyis – University College of
London, Working Paper Series, paper 165
Mainardi R. (1982), Città e spazi regionali in Italia, in Mainardi R., Tombola C. (a cura di), Grandi città
ed aree metropolitane. Vol. I: Città e spazi regionali in Italia. Torino Milano Venezia – Padova Bologna
Genova, Milano, Franco Angeli, pp.15-80
Ministero dell’agricoltura e l’ambiente, Governo Italiano (2007), Piano strategico nazionale PSN per lo
sviluppo rurale 2007-2013. Roma
58
Mougeot, L.J.A. (1999), Urban agriculture: definition: presence, potentials and risks, and policy
challenges. Paper ofr the International Workshop on Growing cities growing food: Urban agriculture on
the policy agenda. La Habana, Cuba, October 11-15, 1999
OECD (1994), Creating Rural Indicators for Shaping Territorial Policy, OECD Documents, Paris, France.
Pascucci S. (2007), Agricoltura periurbana e strategie di sviluppo rurale, Working paper 2/2007,
disponibile su http://www.depa.unina.it
Regione Lombardia (2011a), Programma di sviluppo rurale (PSR) 2007-2013, Rev. 5 del 29/03/2011.
Regione Lombardia (2011b), Zonizzazione del territorio regionale in zone e agglomerati per la
valutazione della qualità dell’aria ambiente ai sensi dell’Art. 3 del Decreto Legislativo 13 Agosto 2010,
N. 155 – Revoca della DGR N. 5290/07, Deliberazione N. IX/2605 del 30 Novembre 2011
Saibene, C. (1974), Geografia degli insediamenti, Vita e Pensiero, Milano, Università Cattolica
Schwarz N., Haase D., Seppelt R. (2010), Omnipresent sprawl? A review of urban simulation models with
respect to urban shrinkage, Environment and Planning B: Planning and Design 2010, volume 37, pages
265-283
Sistema
Informativo
Agricolo
della
https://www.siarl.regione.lombardia.it/index.htm
Regione
Lombardia
(SIARL),
(2011)
Smith, D.A., Crooks, A.T., (2010), From building to cities: Techniques for the multi-scale analysis of urban
form and function. Centre for Advanced Spatial Analyis – University College of London, Working Paper
Series, paper 155
Terzi, F., Kaya, H.S., (2008), Analysing urban sprawl patterns through fractal geometry: The case of
Istanbul metropolitan area. Centre for Advanced Spatial Analyis – University College of London,
Working Paper Series, paper 144
Uchida H., Nelson A., (2008), Agglomeration Index: Towards a New Measure of Urban Concentration.
Background paper for World Development Report 2009 – Reshaping Economic Gepgraphy.
Washington DC: The World Bank
Vagneron I., Pagès J., Moustier P. (2003), Economic appraisal of profitability and sustainability of periurban agriculture in Bangkok. Rome, FAO / CIRAD. 38 pp.
Vannuccini, M., Geri, F. (2006), Valutazione di connettività ambientale attraverso analisi di cost
distance su specie target. XVI Congresso della Società Italiana di Ecologia, Viterbo/Civitavecchia,
2006
Vard T., Willems E., Lemmens T., Peters R. (2005), Use of the CORINE land cover to identify the rural
character of communes and regions at EU level, In: Trends of some agri-environmental indicators of the
European Union, EUR 21669 EN 220 pp. Office for Official Publications of the European Communities,
Luxembourg
Veenhuizen, R. van. (2006), Cities Farming for the Future. Introduction. In R. van Veenhuizen (2006),
Cities farming for the future: urban agriculture for green and productive cities. Leusden, RUAF/
IDRC/IIRR
59
Volgyes, I. (a cura di) (1980), The process of rural transformation: Eastern Europe, Latin America and
Australia. Pergamon Press
Wilson, A., (2008), Urban and regional dynamics -1: A core model. Centre for Advanced Spatial
Analyis – University College of London, Working Paper Series, paper 128
Zhang, L., Wu, J., Zhen, Y., Shu, J., (2004), A GIS-based gradient analysis of urban landscape pattern of
Shanghai metropolitan area, China. Landscape and Urban Planning, volume 69, pages 1-16
Sitografia
Annuario Statistico della Regione Lombardia (ASR): http://www.asr-lombardia.it/ASR
Farm Accountancy Data Network: http://ec.europa.eu/agriculture/rica/index.cfm
Portale cartografico della Regione Lombardia: www.cartografia.regione.lombardia.it
Progetto ESPON: www.espon.eu
Sistema Informativo Agricolo della Regione Lombardia (SIARL):
https://www.siarl.regione.lombardia.it/index.htm
60
Allegato 1. Indice dei comuni e loro classificazione territoriale
Comune
Provincia
Agra
Albizzate
Angera
Arcisate
Arsago Seprio
Azzate
Azzio
Barasso
Bardello
Bedero Valcuvia
Besano
Besnate
Besozzo
Biandronno
Bisuschio
Bodio Lomnago
Brebbia
Bregano
Brenta
Brezzo Di Bedero
Brinzio
Brissago- Valtravaglia
Brunello
Brusimpiano
Buguggiate
Busto Arsizio
Cadegliano- Viconago
Cadrezzate
Cairate
Cantello
Caravate
Cardano Al Campo
Carnago
Caronno Pertusella
Caronno Varesino
Casale Litta
Casalzuigno
Casciago
Casorate Sempione
Cassano Magnago
Cassano Valcuvia
Castellanza
Castello Cabiaglio
Castelseprio
Castelveccana
Castiglione Olona
Castronno
Cavaria Con Premezzo
Cazzago Brabbia
Cislago
Cittiglio
Clivio
Cocquio - Trevisago
Comabbio
Comerio
Cremenaga
Crosio Della Valle
Cuasso Al Monte
Cugliate - Fabiasco
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Codice
istat
12001
12002
12003
12004
12005
12006
12007
12008
12009
12010
12011
12012
12013
12014
12015
12016
12017
12018
12019
12020
12021
12022
12023
12024
12025
12026
12027
12028
12029
12030
12031
12032
12033
12034
12035
12036
12037
12038
12039
12040
12041
12042
12043
12044
12045
12046
12047
12048
12049
12050
12051
12052
12053
12054
12055
12056
12057
12058
12059
Area
(km2)
2.90
3.82
17.64
12.06
10.38
4.63
2.47
4.02
2.29
2.51
3.50
7.70
14.06
8.22
7.23
4.14
6.74
2.34
4.33
9.71
6.56
6.10
1.67
6.21
2.63
30.55
9.99
4.76
11.34
9.17
5.30
9.42
6.24
8.67
5.67
10.62
7.14
4.02
6.97
12.28
4.03
6.88
6.86
4.00
20.36
7.12
3.72
3.31
4.58
10.91
11.49
3.15
9.41
4.89
5.55
4.50
1.52
16.13
6.89
Popolazione
408
5275
5694
9991
4886
4520
808
1751
1559
643
2593
5437
9192
3275
4293
2117
3360
842
1811
1185
880
1253
1041
1173
3122
81760
1870
1779
7887
4598
2632
14542
6466
16263
4944
2674
1360
3916
5747
21595
663
14400
548
1296
2032
7906
5361
5718
820
10063
4012
1944
4813
1181
2668
801
618
3592
3109
Sistema
Territoriale
Naturale/Montano
Urbano
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Periurbano
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Urbano
Urbano
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Urbano
Periurbano
Urbano
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Urbano
Naturale/Montano
Urbano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Urbano
Urbano
Urbano
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Rurale
61
Codice
istat
Area
(km2)
Popolazione
Sistema
Territoriale
Comune
Provincia
Cunardo
Curiglia Con Monteviasco
Cuveglio
Cuvio
Daverio
Dumenza
Duno
Fagnano Olona
Ferno
Ferrera Di Varese
Gallarate
Galliate Lombardo
Gavirate
Gazzada Schianno
Gemonio
Gerenzano
Germignaga
Golasecca
Gorla Maggiore
Gorla Minore
Gornate Olona
Grantola
Inarzo
Induno Olona
Ispra
Jerago Con Orago
Lavena Ponte Tresa
Laveno - Mombello
Leggiuno
Lonate Ceppino
Lonate Pozzolo
Lozza
Luino
Luvinate
Maccagno
Malgesso
Malnate
Marchirolo
Marnate
Marzio
Masciago Primo
Mercallo
Mesenzana
Montegrino Valtravaglia
Monvalle
Morazzone
Mornago
Oggiona Con Santo Stefano
Olgiate Olona
Origgio
Orino
Osmate
Pino Sulla Sponda Del Lago
Maggiore
Porto Ceresio
Porto Valtravaglia
Rancio Valcuvia
Ranco
Saltrio
Samarate
Saronno
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
12060
12061
12062
12063
12064
12065
12066
12067
12068
12069
12070
12071
12072
12073
12074
12075
12076
12077
12078
12079
12080
12081
12082
12083
12084
12085
12086
12087
12088
12089
12090
12091
12092
12093
12094
12095
12096
12097
12098
12099
12100
12101
12102
12103
12104
12105
12106
12107
12108
12109
12110
12111
5.90
10.85
7.63
6.05
4.06
18.35
2.48
8.92
8.74
1.50
20.98
3.74
12.50
4.80
3.67
9.87
3.71
7.50
5.41
7.80
4.62
2.08
2.46
12.38
13.84
3.95
4.47
28.05
15.44
4.83
28.82
1.67
20.67
4.18
16.18
2.72
8.95
5.34
4.85
1.92
1.85
5.35
4.89
10.22
3.41
5.48
12.21
2.75
7.10
8.06
3.70
3.70
2939
189
3443
1688
3073
1463
162
12146
6876
696
51751
993
9338
4681
2907
10401
3809
2694
5097
8512
2232
1289
1089
10476
5238
5124
5622
9053
3582
4909
12059
1238
14471
1334
2041
1320
16641
3423
7211
308
289
1816
1473
1416
1991
4375
4873
4329
12243
7400
866
764
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Urbano
Periurbano
Rurale
Urbano
Periurbano
Rurale
Periurbano
Rurale
Urbano
Urbano
Rurale
Periurbano
Urbano
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Periurbano
Urbano
Periurbano
Rurale
Rurale
Urbano
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Urbano
Rurale
Urbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Rurale
Urbano
Urbano
Periurbano
Rurale
Rurale
Varese
12112
8.35
224
Naturale/Montano
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
12113
12114
12115
12116
12117
12118
12119
5.57
15.88
4.40
7.98
3.44
15.85
10.89
3075
2440
940
1371
3062
16362
39161
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Urbano
62
Comune
Provincia
Sesto Calende
Solbiate Arno
Solbiate Olona
Somma Lombardo
Sumirago
Taino
Ternate
Tradate
Travedona - Monate
Tronzano Lago Maggiore
Uboldo
Valganna
Varano Borghi
Varese
Vedano Olona
Veddasca
Venegono Inferiore
Venegono Superiore
Vergiate
Viggiu`
Vizzola Ticino
Sangiano
Albavilla
Albese Con Cassano
Albiolo
Alserio
Alzate Brianza
Anzano Del Parco
Appiano Gentile
Argegno
Arosio
Asso
Barni
Bellagio
Bene Lario
Beregazzo Con Figliaro
Binago
Bizzarone
Blessagno
Blevio
Bregnano
Brenna
Brienno
Brunate
Bulgarograsso
Cabiate
Cadorago
Caglio
Cagno
Campione D`Italia
Cantu`
Canzo
Capiago Intimiano
Carate Urio
Carbonate
Carimate
Carlazzo
Carugo
Casasco D`Intelvi
Caslino D`Erba
Casnate Con Bernate
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Codice
istat
12120
12121
12122
12123
12124
12125
12126
12127
12128
12129
12130
12131
12132
12133
12134
12135
12136
12137
12138
12139
12140
12141
13003
13004
13005
13006
13007
13009
13010
13011
13012
13013
13015
13019
13021
13022
13023
13024
13025
13026
13028
13029
13030
13032
13034
13035
13036
13037
13038
13040
13041
13042
13043
13044
13045
13046
13047
13048
13050
13052
13053
Area
(km2)
25.03
3.00
4.91
30.44
11.55
7.85
4.79
21.34
9.26
10.68
10.71
12.31
3.28
54.63
7.12
17.01
5.82
6.86
21.64
9.28
7.83
2.13
10.49
8.22
2.82
1.42
7.64
3.24
12.73
4.36
2.71
6.44
5.68
22.63
5.55
3.83
6.94
2.84
3.43
5.69
6.25
4.80
9.05
1.82
3.87
3.22
7.23
6.62
3.48
2.65
23.23
11.15
5.76
7.14
5.14
5.20
12.68
4.16
4.24
7.24
5.23
Popolazione
10830
4356
5627
17437
6274
3798
2467
17901
4029
262
10489
1622
2383
81579
7370
277
6370
7185
9014
5247
586
1507
6272
4139
2687
1195
5103
1759
7726
693
4964
3665
628
3078
365
2590
4862
1541
284
1268
6152
1987
420
1805
3921
7394
7646
448
2054
2121
39540
5144
5530
1216
2920
4320
2966
6262
433
1722
4936
Sistema
Territoriale
Rurale
Urbano
Urbano
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Periurbano
Urbano
Urbano
Naturale/Montano
Urbano
Urbano
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Urbano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Urbano
Urbano
Urbano
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Urbano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Rurale
Urbano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
63
Comune
Provincia
Cassina Rizzardi
Castelmarte
Castelnuovo Bozzente
Castiglione D`Intelvi
Cavallasca
Cavargna
Cerano Intelvi
Cermenate
Cernobbio
Cirimido
Civenna
Claino Con Osteno
Colonno
Como
Corrido
Cremia
Cucciago
Cusino
Dizzasco
Domaso
Dongo
Dosso Del Liro
Drezzo
Erba
Eupilio
Faggeto Lario
Faloppio
Fenegro`
Figino Serenza
Fino Mornasco
Garzeno
Gera Lario
Gironico
Grandate
Grandola Ed Uniti
Griante
Guanzate
Inverigo
Laglio
Laino
Lambrugo
Lanzo D`Intelvi
Lasnigo
Lenno
Lezzeno
Limido Comasco
Lipomo
Livo
Locate Varesino
Lomazzo
Longone Al Segrino
Luisago
Lurago D`Erba
Lurago Marinone
Lurate Caccivio
Magreglio
Mariano Comense
Maslianico
Menaggio
Merone
Mezzegra
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Codice
istat
13055
13058
13059
13060
13061
13062
13063
13064
13065
13068
13070
13071
13074
13075
13077
13083
13084
13085
13087
13089
13090
13092
13093
13095
13097
13098
13099
13100
13101
13102
13106
13107
13109
13110
13111
13113
13114
13118
13119
13120
13121
13122
13123
13125
13126
13128
13129
13130
13131
13133
13134
13135
13136
13137
13138
13139
13143
13144
13145
13147
13148
Area
(km2)
3.49
1.90
3.64
4.33
2.72
14.87
5.39
8.12
11.77
2.72
5.45
12.55
5.98
37.31
5.93
9.95
4.98
9.57
3.56
8.27
7.54
23.05
1.91
17.89
6.82
17.81
4.18
5.32
5.03
7.24
28.88
7.98
4.30
2.79
16.79
7.00
6.83
10.05
5.79
6.82
1.77
10.05
5.57
9.86
20.59
4.46
2.34
32.89
5.81
9.43
1.43
2.10
4.74
3.85
6.01
3.05
13.80
1.31
10.60
3.23
3.33
Popolazione
3224
1303
864
1031
2971
248
550
9097
7059
2164
720
554
539
85263
823
718
3472
245
578
1462
3491
275
1218
16949
2778
1253
4192
3138
5243
9614
862
969
2276
2921
1358
636
5719
8981
957
524
2445
1452
458
1859
2054
3732
5860
198
4249
9564
1789
2702
5350
2463
10083
666
23890
3387
3273
4124
1043
Sistema
Territoriale
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Urbano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Urbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Urbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Urbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Urbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Urbano
Naturale/Montano
Rurale
Urbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Rurale
Urbano
Rurale
Urbano
Urbano
Rurale
Urbano
Rurale
64
Comune
Provincia
Moltrasio
Monguzzo
Montano Lucino
Montemezzo
Montorfano
Mozzate
Musso
Nesso
Novedrate
Olgiate Comasco
Oltrona Di San Mamette
Orsenigo
Ossuccio
Pare`
Peglio
Pellio Intelvi
Pianello Del Lario
Pigra
Plesio
Pognana Lario
Ponna
Ponte Lambro
Porlezza
Proserpio
Pusiano
Ramponio Verna
Rezzago
Rodero
Ronago
Rovellasca
Rovello Porro
Sala Comacina
San Bartolomeo Val Cavargna
San Fedele Intelvi
San Fermo Della Battaglia
San Nazzaro Val Cavargna
Schignano
Senna Comasco
Solbiate
Sorico
Sormano
Stazzona
Tavernerio
Torno
Tremezzo
Trezzone
Turate
Uggiate - Trevano
Valbrona
Valmorea
Val Rezzo
Valsolda
Veleso
Veniano
Vercana
Vertemate Con Minoprio
Villa Guardia
Zelbio
San Siro
Gravedona Ed Uniti
Albaredo Per San Marco
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Sondrio
Codice
istat
13152
13153
13154
13155
13157
13159
13160
13161
13163
13165
13169
13170
13172
13175
13178
13179
13183
13184
13185
13186
13187
13188
13189
13192
13193
13194
13195
13197
13199
13201
13202
13203
13204
13205
13206
13207
13211
13212
13215
13216
13217
13218
13222
13223
13225
13226
13227
13228
13229
13232
13233
13234
13236
13238
13239
13242
13245
13246
13248
13249
14001
Area
(km2)
9.17
4.07
5.30
9.03
3.59
10.38
4.10
14.65
2.82
10.97
2.70
4.45
7.99
2.21
10.52
10.16
8.50
4.32
17.05
5.00
5.90
3.21
19.02
2.55
3.12
5.04
3.84
2.57
2.16
3.24
5.78
4.97
10.55
10.97
3.11
13.04
10.06
2.67
4.14
24.01
10.75
7.58
11.58
7.46
8.33
3.58
10.16
5.76
13.60
3.13
6.85
31.34
5.94
3.13
14.67
5.80
7.85
4.52
21.48
18.18
18.97
Popolazione
1710
2207
4755
261
2696
8367
1017
1273
2932
11364
2293
2758
1008
1763
199
1053
1050
270
853
793
266
4483
4648
912
1327
410
317
1202
1769
7608
6105
598
1049
1778
4489
348
914
3211
2561
1255
682
647
5823
1214
1260
239
9016
4431
2737
2687
182
1639
278
2859
754
4025
7759
218
1804
350
Sistema
Territoriale
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Urbano
Urbano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Urbano
Urbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Urbano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
65
Comune
Provincia
Albosaggia
Andalo Valtellino
Aprica
Ardenno
Bema
Berbenno Di Valtellina
Bianzone
Bormio
Buglio In Monte
Caiolo
Campodolcino
Caspoggio
Castello Dell`Acqua
Castione Andevenno
Cedrasco
Cercino
Chiavenna
Chiesa In Valmalenco
Chiuro
Cino
Civo
Colorina
Cosio Valtellino
Dazio
Delebio
Dubino
Faedo Valtellino
Forcola
Fusine
Gerola Alta
Gordona
Grosio
Grosotto
Madesimo
Lanzada
Livigno
Lovero
Mantello
Mazzo Di Valtellina
Mello
Menarola
Mese
Montagna In Valtellina
Morbegno
Novate Mezzola
Pedesina
Piantedo
Piateda
Piuro
Poggiridenti
Ponte In Valtellina
Postalesio
Prata Camportaccio
Rasura
Rogolo
Samolaco
San Giacomo Filippo
Sernio
Sondalo
Sondrio
Spriana
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Codice
istat
14002
14003
14004
14005
14006
14007
14008
14009
14010
14011
14012
14013
14014
14015
14016
14017
14018
14019
14020
14021
14022
14023
14024
14025
14026
14027
14028
14029
14030
14031
14032
14033
14034
14035
14036
14037
14038
14039
14040
14041
14042
14043
14044
14045
14046
14047
14048
14049
14050
14051
14052
14053
14054
14055
14056
14057
14058
14059
14060
14061
14062
Area
(km2)
34.04
6.68
20.45
17.04
19.66
35.91
17.30
41.72
27.76
33.37
48.44
7.27
14.14
17.00
14.49
5.77
11.02
107.06
51.59
5.03
25.06
17.92
23.90
3.74
22.43
12.85
4.96
15.26
37.21
36.95
49.15
126.76
53.06
85.35
117.25
211.37
13.51
3.62
15.37
11.51
14.59
4.11
45.01
14.79
99.76
6.38
6.73
70.93
85.67
2.93
67.57
10.69
27.78
5.94
13.05
45.20
61.28
9.47
95.48
20.60
8.19
Popolazione
3170
550
1612
3302
132
4367
1278
4084
2104
1017
1045
1513
677
1554
471
757
7358
2626
2553
379
1093
1484
5429
438
3215
3549
558
842
633
197
1841
4634
1633
566
1399
5991
670
755
1061
996
46
1740
3059
12071
1863
34
1302
2340
1975
1910
2326
662
2903
297
566
2914
415
503
4281
22365
105
Sistema
Territoriale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
66
Comune
Provincia
Talamona
Tartano
Teglio
Tirano
Torre Di Santa Maria
Tovo Di Sant`Agata
Traona
Tresivio
Valdidentro
Valdisotto
Valfurva
Val Masino
Verceia
Vervio
Villa Di Chiavenna
Villa Di Tirano
Abbiategrasso
Albairate
Arconate
Arese
Arluno
Assago
Bareggio
Basiano
Basiglio
Bellinzago Lombardo
Bernate Ticino
Besate
Binasco
Boffalora Sopra Ticino
Bollate
Bresso
Bubbiano
Buccinasco
Buscate
Bussero
Busto Garolfo
Calvignasco
Cambiago
Canegrate
Carpiano
Carugate
Casarile
Casorezzo
Cassano D`Adda
Cassina De Pecchi
Cassinetta Di Lugagnano
Castano Primo
Cernusco Sul Naviglio
Cerro Al Lambro
Cerro Maggiore
Cesano Boscone
Cesate
Cinisello Balsamo
Cisliano
Cologno Monzese
Colturano
Corbetta
Cormano
Cornaredo
Corsico
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Codice
istat
14063
14064
14065
14066
14067
14068
14069
14070
14071
14072
14073
14074
14075
14076
14077
14078
15002
15005
15007
15009
15010
15011
15012
15014
15015
15016
15019
15022
15024
15026
15027
15032
15035
15036
15038
15040
15041
15042
15044
15046
15050
15051
15055
15058
15059
15060
15061
15062
15070
15071
15072
15074
15076
15077
15078
15081
15082
15085
15086
15087
15093
Area
(km2)
21.24
47.79
115.37
32.56
44.71
11.08
6.68
14.89
244.42
88.22
214.45
116.53
11.61
12.31
32.68
24.51
46.77
14.99
8.35
6.57
12.39
8.20
11.25
4.58
8.53
4.55
12.13
12.61
3.83
7.46
13.12
3.38
2.96
11.96
7.76
4.56
12.26
1.85
7.33
5.53
17.22
5.37
7.29
6.61
18.26
7.07
3.34
19.10
13.31
10.15
10.19
3.97
5.71
12.70
14.67
8.47
4.21
18.74
4.45
11.07
5.39
Popolazione
4767
194
4769
9238
839
630
2534
2024
4068
3508
2732
946
1106
216
1054
2984
32035
4680
6499
19506
11601
8168
17254
3686
8003
3830
3117
2032
7268
4290
36467
26399
2193
26937
4793
8645
13513
1196
6498
12431
3916
14540
3915
5384
18767
13130
1879
11026
31058
4925
14794
23935
13977
74150
4057
47794
1975
17365
20270
20546
34507
Sistema
Territoriale
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Periurbano
Urbano
Periurbano
Periurbano
Urbano
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Urbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Urbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Periurbano
Urbano
Periurbano
Urbano
Periurbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Periurbano
Urbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Urbano
Periurbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Urbano
67
Comune
Provincia
Cuggiono
Cusago
Cusano Milanino
Dairago
Dresano
Gaggiano
Garbagnate Milanese
Gessate
Gorgonzola
Grezzago
Gudo Visconti
Inveruno
Inzago
Lacchiarella
Lainate
Legnano
Liscate
Locate Di Triulzi
Magenta
Magnago
Marcallo Con Casone
Masate
Mediglia
Melegnano
Melzo
Mesero
Milano
Morimondo
Motta Visconti
Nerviano
Nosate
Novate Milanese
Noviglio
Opera
Ossona
Ozzero
Paderno Dugnano
Pantigliate
Parabiago
Paullo
Pero
Peschiera Borromeo
Pessano Con Bornago
Pieve Emanuele
Pioltello
Pogliano Milanese
Pozzo D`Adda
Pozzuolo Martesana
Pregnana Milanese
Rescaldina
Rho
Robecchetto Con Induno
Robecco Sul Naviglio
Rodano
Rosate
Rozzano
San Colombano Al Lambro
San Donato Milanese
San Giorgio Su Legnano
San Giuliano Milanese
Santo Stefano Ticino
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Codice
istat
15096
15097
15098
15099
15101
15103
15105
15106
15108
15110
15112
15113
15114
15115
15116
15118
15122
15125
15130
15131
15134
15136
15139
15140
15142
15144
15146
15150
15151
15154
15155
15157
15158
15159
15164
15165
15166
15167
15168
15169
15170
15171
15172
15173
15175
15176
15177
15178
15179
15181
15182
15183
15184
15185
15188
15189
15191
15192
15194
15195
15200
Area
(km2)
14.86
11.57
3.08
6.21
3.49
26.64
8.90
7.78
10.65
2.43
5.99
12.19
12.14
24.15
12.80
17.72
9.38
12.35
21.84
11.29
8.13
4.37
21.96
4.95
9.62
5.70
181.75
26.11
10.51
13.48
5.01
5.49
15.60
7.52
6.02
11.05
14.03
5.71
14.11
8.98
5.01
23.48
6.64
13.06
13.22
4.70
4.22
12.36
4.92
8.15
22.42
13.97
20.42
12.90
18.67
12.27
16.55
12.82
2.20
30.60
5.03
Popolazione
8227
3547
19547
5780
2992
8975
27193
8690
19649
2804
1720
8686
10541
8480
25343
59147
4060
9707
23513
9090
6048
3363
12187
17260
18513
3915
1324110
1211
7665
17499
689
20201
4459
13840
4150
1480
47695
5983
26952
11132
10749
22774
9121
14887
36369
8257
5523
7991
6919
14103
50686
4896
6929
4457
5442
41363
7468
32702
6776
36871
4731
Sistema
Territoriale
Periurbano
Periurbano
Urbano
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Periurbano
Urbano
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Urbano
Naturale/Montano
Rurale
Urbano
Naturale/Montano
Urbano
Periurbano
Urbano
Periurbano
Rurale
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Urbano
Rurale
Rurale
Periurbano
Periurbano
Urbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Urbano
Periurbano
68
Comune
Provincia
San Vittore Olona
San Zenone Al Lambro
Sedriano
Segrate
Senago
Sesto San Giovanni
Settala
Settimo Milanese
Solaro
Trezzano Rosa
Trezzano Sul Naviglio
Trezzo Sull`Adda
Tribiano
Truccazzano
Turbigo
Vanzago
Vaprio D`Adda
Vermezzo
Vernate
Vignate
Vimodrone
Vittuone
Vizzolo Predabissi
Zelo Surrigone
Zibido San Giacomo
Villa Cortese
Vanzaghello
Baranzate
Adrara San Martino
Adrara San Rocco
Albano Sant`Alessandro
Albino
Alme`
Almenno San Bartolomeo
Almenno San Salvatore
Alzano Lombardo
Ambivere
Antegnate
Arcene
Ardesio
Arzago D`Adda
Averara
Aviatico
Azzano San Paolo
Azzone
Bagnatica
Barbata
Bariano
Barzana
Bedulita
Berbenno
Bergamo
Berzo San Fermo
Bianzano
Blello
Bolgare
Boltiere
Bonate Sopra
Bonate Sotto
Borgo Di Terzo
Bossico
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Codice
istat
15201
15202
15204
15205
15206
15209
15210
15211
15213
15219
15220
15221
15222
15224
15226
15229
15230
15235
15236
15237
15242
15243
15244
15246
15247
15248
15249
15250
16001
16002
16003
16004
16005
16006
16007
16008
16009
16010
16011
16012
16013
16014
16015
16016
16017
16018
16019
16020
16021
16022
16023
16024
16025
16026
16027
16028
16029
16030
16031
16032
16033
Area
(km2)
3.17
7.08
7.80
17.25
8.66
11.77
17.48
10.82
6.62
3.44
10.80
12.97
6.95
22.19
8.54
6.13
7.14
6.13
14.68
8.67
4.80
5.97
5.71
4.44
24.59
3.56
5.54
2.77
12.59
9.34
5.35
31.65
1.98
10.58
4.79
13.61
3.27
9.64
4.42
54.66
9.44
10.64
8.53
4.25
17.33
6.39
8.07
7.14
2.07
4.22
6.18
40.34
5.87
6.67
2.24
8.59
4.14
6.05
6.34
1.82
6.41
Popolazione
8285
4193
11277
34352
21273
81130
7465
19464
14203
4804
19350
12249
3330
5982
7485
8894
8045
3897
3189
9064
16612
9082
3979
1377
6734
6216
5307
11448
2171
857
8075
18186
5736
6018
5825
13757
2343
3194
4774
3651
2811
185
525
7685
437
4190
743
4431
1769
734
2492
119551
1309
604
79
5698
5757
8964
6606
1134
977
Sistema
Territoriale
Urbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Urbano
Periurbano
Urbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Urbano
Rurale
Urbano
Rurale
Periurbano
Periurbano
Rurale
Periurbano
Urbano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Urbano
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Periurbano
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Urbano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Urbano
Urbano
Urbano
Rurale
Naturale/Montano
69
Comune
Provincia
Bottanuco
Bracca
Branzi
Brembate
Brembate Di Sopra
Brembilla
Brignano Gera D`Adda
Brumano
Brusaporto
Calcinate
Calcio
Calusco D`Adda
Calvenzano
Camerata Cornello
Canonica D`Adda
Capizzone
Capriate San Gervaso
Caprino Bergamasco
Caravaggio
Carobbio Degli Angeli
Carona
Carvico
Casazza
Casirate D`Adda
Casnigo
Cassiglio
Castelli Calepio
Castel Rozzone
Castione Della Presolana
Castro
Cavernago
Cazzano Sant`Andrea
Cenate Sopra
Cenate Sotto
Cene
Cerete
Chignolo D`Isola
Chiuduno
Cisano Bergamasco
Ciserano
Cividate Al Piano
Clusone
Colere
Cologno Al Serio
Colzate
Comun Nuovo
Corna Imagna
Cortenuova
Costa Di Mezzate
Costa Valle Imagna
Costa Volpino
Covo
Credaro
Curno
Cusio
Dalmine
Dossena
Endine Gaiano
Entratico
Fara Gera D`Adda
Fara Olivana Con Sola
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Codice
istat
16034
16035
16036
16037
16038
16039
16040
16041
16042
16043
16044
16046
16047
16048
16049
16050
16051
16052
16053
16055
16056
16057
16058
16059
16060
16061
16062
16063
16064
16065
16066
16067
16068
16069
16070
16071
16072
16073
16074
16075
16076
16077
16078
16079
16080
16081
16082
16083
16084
16085
16086
16087
16088
16089
16090
16091
16092
16093
16094
16096
16097
Area
(km2)
5.81
5.48
26.16
5.62
4.39
21.22
12.01
8.22
5.04
15.17
15.74
8.53
6.60
12.52
3.12
4.68
5.99
8.73
33.42
6.81
44.20
4.52
7.12
10.38
13.40
13.64
9.85
1.69
42.53
2.58
7.75
2.42
6.99
4.64
8.62
14.27
5.43
6.81
7.63
5.30
9.95
25.96
18.62
18.01
6.39
6.72
4.40
7.22
5.25
4.18
19.71
12.94
3.47
4.59
9.23
11.96
19.07
21.04
4.19
10.87
5.15
Popolazione
5254
767
727
8234
7832
4179
5901
95
5354
5878
5410
8342
4030
619
4455
1347
7819
3120
16228
4619
355
4651
4053
3956
3343
120
10016
2918
3476
1438
2450
1604
2524
3463
4225
1669
3239
5861
6316
5769
5194
8793
1141
10759
1674
4144
969
1959
3369
624
9333
4140
3400
7752
265
23266
966
3553
1887
7970
1329
Sistema
Territoriale
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Urbano
Urbano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Urbano
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Naturale/Montano
Urbano
Rurale
Urbano
Rurale
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Urbano
Rurale
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Urbano
Urbano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Rurale
Urbano
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Periurbano
Rurale
Periurbano
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Periurbano
Urbano
Naturale/Montano
Urbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Periurbano
70
Comune
Provincia
Filago
Fino Del Monte
Fiorano Al Serio
Fontanella
Fonteno
Foppolo
Foresto Sparso
Fornovo San Giovanni
Fuipiano Valle Imagna
Gandellino
Gandino
Gandosso
Gaverina Terme
Gazzaniga
Gerosa
Ghisalba
Gorlago
Gorle
Gorno
Grassobbio
Gromo
Grone
Grumello Del Monte
Isola Di Fondra
Isso
Lallio
Leffe
Lenna
Levate
Locatello
Lovere
Lurano
Luzzana
Madone
Mapello
Martinengo
Mezzoldo
Misano Di Gera D`Adda
Moio De` Calvi
Monasterolo Del Castello
Montello
Morengo
Mornico Al Serio
Mozzanica
Mozzo
Nembro
Olmo Al Brembo
Oltre Il Colle
Oltressenda Alta
Oneta
Onore
Orio Al Serio
Ornica
Osio Sopra
Osio Sotto
Pagazzano
Paladina
Palazzago
Palosco
Parre
Parzanica
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Codice
istat
16098
16099
16100
16101
16102
16103
16104
16105
16106
16107
16108
16109
16110
16111
16112
16113
16114
16115
16116
16117
16118
16119
16120
16121
16122
16123
16124
16125
16126
16127
16128
16129
16130
16131
16132
16133
16134
16135
16136
16137
16139
16140
16141
16142
16143
16144
16145
16146
16147
16148
16149
16150
16151
16152
16153
16154
16155
16156
16157
16158
16159
Area
(km2)
5.44
4.35
1.08
17.93
10.93
16.45
7.89
6.92
4.30
25.43
29.24
3.11
5.21
14.42
10.08
10.58
5.73
2.45
10.16
8.54
19.87
7.79
10.10
12.65
5.08
2.14
6.65
13.00
5.45
3.92
6.88
4.05
3.41
3.05
8.68
22.28
18.56
6.13
6.53
8.54
1.77
10.02
7.13
9.45
3.72
15.16
7.05
32.80
16.72
18.25
11.76
3.08
14.66
5.14
7.64
5.16
1.97
14.03
10.72
22.34
10.37
Popolazione
3224
1153
3097
4339
691
206
3151
3305
226
1065
5697
1527
931
5161
360
5945
5062
6404
1684
6322
1252
934
7360
189
664
4138
4730
640
3813
853
5428
2566
868
4031
6446
10121
196
2986
208
1119
3253
2600
2897
4619
7488
11636
525
1062
186
661
835
1752
180
5115
11890
2103
4002
4215
5801
2815
375
Sistema
Territoriale
Periurbano
Rurale
Urbano
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Urbano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Urbano
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Urbano
Periurbano
Periurbano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Urbano
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Urbano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Urbano
Naturale/Montano
Periurbano
Urbano
Periurbano
Urbano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
71
Comune
Provincia
Pedrengo
Peia
Pianico
Piario
Piazza Brembana
Piazzatorre
Piazzolo
Pognano
Ponte Nossa
Ponteranica
Ponte San Pietro
Pontida
Pontirolo Nuovo
Pradalunga
Predore
Premolo
Presezzo
Pumenengo
Ranica
Ranzanico
Riva Di Solto
Rogno
Romano Di Lombardia
Roncobello
Roncola
Rota D`Imagna
Rovetta
San Giovanni Bianco
San Paolo D`Argon
San Pellegrino Terme
Santa Brigida
Sant`Omobono Terme
Sarnico
Scanzorosciate
Schilpario
Sedrina
Selvino
Seriate
Serina
Solto Collina
Songavazzo
Sorisole
Sotto Il Monte Giovanni Xxiii
Sovere
Spinone Al Lago
Spirano
Stezzano
Strozza
Suisio
Taleggio
Tavernola Bergamasca
Telgate
Terno D`Isola
Torre Boldone
Torre De` Roveri
Torre Pallavicina
Trescore Balneario
Treviglio
Treviolo
Ubiale Clanezzo
Urgnano
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Codice
istat
16160
16161
16162
16163
16164
16165
16166
16167
16168
16169
16170
16171
16172
16173
16174
16175
16176
16177
16178
16179
16180
16182
16183
16184
16185
16186
16187
16188
16189
16190
16191
16192
16193
16194
16195
16196
16197
16198
16199
16200
16201
16202
16203
16204
16205
16206
16207
16208
16209
16210
16211
16212
16213
16214
16216
16217
16218
16219
16220
16221
16222
Area
(km2)
3.60
4.46
2.71
1.53
6.99
24.35
4.80
3.26
5.87
8.43
4.53
10.50
11.08
8.31
12.08
17.88
2.29
10.12
4.06
7.26
8.52
15.89
19.00
25.31
5.02
5.97
24.63
31.49
5.26
22.90
14.67
11.11
6.43
10.69
64.03
5.93
6.49
12.66
27.50
11.87
13.11
12.40
5.03
18.43
2.03
9.35
9.39
3.88
4.72
47.27
12.98
8.36
4.11
3.50
2.72
10.25
13.46
32.14
8.66
7.37
14.61
Popolazione
5777
1857
1544
1106
1256
444
86
1571
1923
6825
11543
3229
5102
4593
1895
1166
4896
1694
6018
1310
867
3966
19049
436
754
924
3966
5094
5435
4974
586
3571
6652
9843
1265
2559
2015
24297
2187
1709
701
9120
4239
5486
1037
5652
12867
1075
3888
625
2146
4847
7665
8334
2326
1138
9685
29034
10297
1395
9592
Sistema
Territoriale
Urbano
Rurale
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Rurale
Urbano
Rurale
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Urbano
Rurale
Urbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Urbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Urbano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Urbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Urbano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Rurale
Rurale
Periurbano
Urbano
Naturale/Montano
Periurbano
72
Comune
Provincia
Valbondione
Valbrembo
Valgoglio
Valleve
Valnegra
Valsecca
Valtorta
Vedeseta
Verdellino
Verdello
Vertova
Viadanica
Vigano San Martino
Vigolo
Villa D`Adda
Villa D`Alme`
Villa Di Serio
Villa D`Ogna
Villongo
Vilminore Di Scalve
Zandobbio
Zanica
Zogno
Costa Di Serina
Algua
Cornalba
Medolago
Solza
Acquafredda
Adro
Agnosine
Alfianello
Anfo
Angolo Terme
Artogne
Azzano Mella
Bagnolo Mella
Bagolino
Barbariga
Barghe
Bassano Bresciano
Bedizzole
Berlingo
Berzo Demo
Berzo Inferiore
Bienno
Bione
Borgo San Giacomo
Borgosatollo
Borno
Botticino
Bovegno
Bovezzo
Brandico
Braone
Breno
Brescia
Brione
Caino
Calcinato
Calvagese Della Riviera
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Codice
istat
16223
16224
16225
16226
16227
16228
16229
16230
16232
16233
16234
16235
16236
16237
16238
16239
16240
16241
16242
16243
16244
16245
16246
16247
16248
16249
16250
16251
17001
17002
17003
17004
17005
17006
17007
17008
17009
17010
17011
17012
17013
17014
17015
17016
17017
17018
17019
17020
17021
17022
17023
17024
17025
17026
17027
17028
17029
17030
17031
17032
17033
Area
(km2)
96.49
3.63
31.92
14.76
2.14
5.32
31.43
19.27
3.83
7.38
15.73
5.41
3.73
12.28
5.90
6.34
4.67
5.09
5.93
40.97
6.52
15.09
35.15
12.15
8.32
9.40
3.88
1.20
9.55
14.30
13.50
13.67
23.89
30.53
20.93
10.49
31.29
109.80
11.37
5.46
9.59
26.41
4.60
16.05
21.99
30.61
17.32
29.29
8.38
30.56
18.56
47.86
6.41
8.45
13.31
59.83
90.52
6.81
17.26
33.33
11.77
Popolazione
1097
3753
616
137
209
425
295
217
7790
7829
4871
1142
1260
603
4729
6844
6608
1982
7770
1532
2746
8190
9097
980
726
310
2388
1948
1615
7180
1839
2476
487
2563
3545
2900
12969
3968
2410
1195
2219
11937
2600
1751
2439
3615
1471
5536
9232
2672
10792
2280
7512
1653
673
4965
193879
703
2082
12725
3501
Sistema
Territoriale
Naturale/Montano
Urbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Urbano
Urbano
Rurale
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Periurbano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Urbano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Urbano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Urbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
73
Comune
Provincia
Calvisano
Capo Di Ponte
Capovalle
Capriano Del Colle
Capriolo
Carpenedolo
Castegnato
Castelcovati
Castel Mella
Castenedolo
Casto
Castrezzato
Cazzago San Martino
Cedegolo
Cellatica
Cerveno
Ceto
Cevo
Chiari
Cigole
Cimbergo
Cividate Camuno
Coccaglio
Collebeato
Collio
Cologne
Comezzano - Cizzago
Concesio
Corte Franca
Corteno Golgi
Corzano
Darfo Boario Terme
Dello
Desenzano Del Garda
Edolo
Erbusco
Esine
Fiesse
Flero
Gambara
Gardone Riviera
Gardone Valtrompia
Gargnano
Gavardo
Ghedi
Gianico
Gottolengo
Gussago
Idro
Incudine
Irma
Iseo
Isorella
Lavenone
Leno
Limone Sul Garda
Lodrino
Lograto
Lonato Del Garda
Longhena
Losine
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Codice
istat
17034
17035
17036
17037
17038
17039
17040
17041
17042
17043
17044
17045
17046
17047
17048
17049
17050
17051
17052
17053
17054
17055
17056
17057
17058
17059
17060
17061
17062
17063
17064
17065
17066
17067
17068
17069
17070
17071
17072
17073
17074
17075
17076
17077
17078
17079
17080
17081
17082
17083
17084
17085
17086
17087
17088
17089
17090
17091
17092
17093
17094
Area
(km2)
45.04
18.60
22.78
14.02
10.80
30.25
9.24
6.18
7.51
26.28
21.33
13.69
22.21
11.10
6.57
21.53
32.32
35.48
37.99
9.97
24.74
3.29
12.00
5.36
53.49
13.89
15.63
19.12
14.01
82.82
12.24
36.25
23.45
60.71
89.07
16.21
31.05
16.12
9.87
31.59
21.17
26.58
76.48
29.81
60.72
13.23
29.08
25.05
22.34
19.99
5.04
26.60
15.39
31.89
58.71
22.83
16.47
12.32
68.18
3.41
6.33
Popolazione
8726
2519
401
4499
9322
12698
7987
6564
10803
11215
1900
7018
11060
1256
4943
674
1963
949
18887
1669
579
2776
8575
4771
2292
7600
3702
15005
7189
2028
1358
15751
5575
27229
4558
8656
5384
2198
8525
4809
2757
11938
3050
11686
18694
2219
5364
16759
1893
400
152
9205
4218
624
14561
1164
1795
3888
15744
620
596
Sistema
Territoriale
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Periurbano
Periurbano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
74
Comune
Provincia
Lozio
Lumezzane
Maclodio
Magasa
Mairano
Malegno
Malonno
Manerba Del Garda
Manerbio
Marcheno
Marmentino
Marone
Mazzano
Milzano
Moniga Del Garda
Monno
Monte Isola
Monticelli Brusati
Montichiari
Montirone
Mura
Muscoline
Nave
Niardo
Nuvolento
Nuvolera
Odolo
Offlaga
Ome
Ono San Pietro
Orzinuovi
Orzivecchi
Ospitaletto
Ossimo
Padenghe Sul Garda
Paderno Franciacorta
Paisco Loveno
Paitone
Palazzolo Sull`Oglio
Paratico
Paspardo
Passirano
Pavone Del Mella
San Paolo
Pertica Alta
Pertica Bassa
Pezzaze
Pian Camuno
Pisogne
Polaveno
Polpenazze Del Garda
Pompiano
Poncarale
Ponte Di Legno
Pontevico
Pontoglio
Pozzolengo
Pralboino
Preseglie
Prestine
Prevalle
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Codice
istat
17095
17096
17097
17098
17099
17100
17101
17102
17103
17104
17105
17106
17107
17108
17109
17110
17111
17112
17113
17114
17115
17116
17117
17118
17119
17120
17121
17122
17123
17124
17125
17126
17127
17128
17129
17130
17131
17132
17133
17134
17135
17136
17137
17138
17139
17140
17141
17142
17143
17144
17145
17146
17147
17148
17149
17150
17151
17152
17153
17154
17155
Area
(km2)
23.67
31.73
5.06
19.01
11.58
6.94
30.70
34.95
27.75
22.74
17.93
23.57
15.64
8.51
15.86
31.07
11.13
10.82
81.14
10.53
12.58
10.12
27.13
22.18
7.44
13.29
6.49
22.95
9.89
13.89
48.06
9.89
9.28
14.89
22.17
5.56
35.59
7.86
23.02
6.18
11.20
13.51
11.70
18.70
20.90
30.14
21.60
10.97
49.33
9.15
9.12
15.19
12.63
100.44
29.24
11.11
21.33
17.23
11.46
16.25
9.95
Popolazione
416
23828
1514
152
3327
2115
3357
4985
13273
4492
691
3328
11713
1815
2457
568
1807
4388
23339
5094
791
2573
11142
1944
4073
4651
2104
4297
3273
991
12549
2506
13974
1462
4350
3765
200
2043
19862
4444
654
7191
2831
4553
612
698
1616
4369
8115
2715
2572
3911
5269
1771
7221
7009
3436
2981
1595
402
6995
Sistema
Territoriale
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Urbano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
75
Comune
Provincia
Provaglio D`Iseo
Provaglio Val Sabbia
Puegnago Sul Garda
Quinzano D`Oglio
Remedello
Rezzato
Roccafranca
Rodengo - Saiano
Roe` Volciano
Roncadelle
Rovato
Rudiano
Sabbio Chiese
Sale Marasino
Salo`
San Felice Del Benaco
San Gervasio Bresciano
San Zeno Naviglio
Sarezzo
Saviore Dell`Adamello
Sellero
Seniga
Serle
Sirmione
Soiano Del Lago
Sonico
Sulzano
Tavernole Sul Mella
Temu`
Tignale
Torbole Casaglia
Toscolano Maderno
Travagliato
Tremosine
Trenzano
Treviso Bresciano
Urago D`Oglio
Vallio Terme
Valvestino
Verolanuova
Verolavecchia
Vestone
Vezza D`Oglio
Villa Carcina
Villachiara
Villanuova Sul Clisi
Vione
Visano
Vobarno
Zone
Piancogno
Alagna
Albaredo Arnaboldi
Albonese
Albuzzano
Arena Po
Badia Pavese
Bagnaria
Barbianello
Bascape`
Bastida De` Dossi
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Codice
istat
17156
17157
17158
17159
17160
17161
17162
17163
17164
17165
17166
17167
17168
17169
17170
17171
17172
17173
17174
17175
17176
17177
17178
17179
17180
17181
17182
17183
17184
17185
17186
17187
17188
17189
17190
17191
17192
17193
17194
17195
17196
17197
17198
17199
17200
17201
17202
17203
17204
17205
17206
18001
18002
18003
18004
18005
18006
18007
18008
18009
18010
Area
(km2)
16.21
14.90
10.97
21.43
21.37
18.28
19.54
12.85
5.78
9.22
26.13
9.78
18.35
16.40
26.00
22.00
10.51
6.19
17.60
83.93
13.99
13.61
18.56
29.40
5.78
60.36
10.86
19.88
43.32
45.63
13.39
57.60
17.81
72.85
20.05
17.82
10.55
14.88
31.26
25.79
21.06
12.98
54.13
14.43
16.74
9.15
35.45
11.23
53.31
19.57
13.43
8.71
9.04
4.28
15.42
22.70
5.04
16.66
11.94
13.24
1.73
Popolazione
7137
969
3258
6483
3404
13429
4819
8858
4496
9369
18352
5861
3807
3387
10740
3424
2470
4671
13430
1021
1497
1615
3119
8150
1863
1269
1956
1411
1085
1312
6332
8111
13415
2154
5551
568
4052
1337
214
8183
3903
4509
1475
10997
1456
5855
729
1953
8259
1110
4707
906
223
567
3368
1660
407
684
888
1777
173
Sistema
Territoriale
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Rurale
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Rurale
Urbano
Periurbano
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Rurale
76
Comune
Provincia
Bastida Pancarana
Battuda
Belgioioso
Bereguardo
Borgarello
Borgo Priolo
Borgoratto Mormorolo
Borgo San Siro
Bornasco
Bosnasco
Brallo Di Pregola
Breme
Bressana Bottarone
Broni
Calvignano
Campospinoso
Candia Lomellina
Canevino
Canneto Pavese
Carbonara Al Ticino
Casanova Lonati
Casatisma
Casei Gerola
Casorate Primo
Cassolnovo
Castana
Casteggio
Castelletto Di Branduzzo
Castello D`Agogna
Castelnovetto
Cava Manara
Cecima
Ceranova
Ceretto Lomellina
Cergnago
Certosa Di Pavia
Cervesina
Chignolo Po
Cigognola
Cilavegna
Codevilla
Confienza
Copiano
Corana
Cornale
Corteolona
Corvino San Quirico
Costa De` Nobili
Cozzo
Cura Carpignano
Dorno
Ferrera Erbognone
Filighera
Fortunago
Frascarolo
Galliavola
Gambarana
Gambolo`
Garlasco
Genzone
Gerenzago
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Codice
istat
18011
18012
18013
18014
18015
18016
18017
18018
18019
18020
18021
18022
18023
18024
18025
18026
18027
18028
18029
18030
18031
18032
18033
18034
18035
18036
18037
18038
18039
18040
18041
18042
18043
18044
18045
18046
18047
18048
18049
18050
18051
18052
18053
18054
18055
18056
18057
18058
18059
18060
18061
18062
18063
18064
18065
18066
18067
18068
18069
18070
18071
Area
(km2)
13.49
7.10
26.28
17.43
4.89
28.89
16.05
17.69
12.88
4.60
46.42
18.79
12.92
21.05
6.81
3.51
27.51
4.79
5.81
15.53
4.51
5.48
24.60
9.53
32.01
5.27
17.85
11.28
10.95
18.46
17.22
10.13
5.26
7.30
13.46
10.76
12.48
23.36
7.89
18.09
12.95
27.03
4.33
13.03
2.58
10.04
4.48
11.88
17.44
10.94
30.51
19.54
8.23
17.85
24.23
8.54
11.84
54.58
39.03
4.02
5.39
Popolazione
1047
599
6427
2843
2689
1428
442
1078
2607
655
725
872
3560
9528
127
982
1688
119
1459
1550
479
889
2547
8425
7116
743
6530
1065
1073
642
6650
237
1834
208
769
4967
1216
4109
1363
5653
1010
1663
1801
781
747
2201
1053
360
372
4215
4654
1137
846
391
1241
227
254
10231
9888
374
1379
Sistema
Territoriale
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Periurbano
77
Comune
Provincia
Giussago
Godiasco
Golferenzo
Gravellona Lomellina
Gropello Cairoli
Inverno E Monteleone
Landriano
Langosco
Lardirago
Linarolo
Lirio
Lomello
Lungavilla
Magherno
Marcignago
Marzano
Mede
Menconico
Mezzana Bigli
Mezzana Rabattone
Mezzanino
Miradolo Terme
Montalto Pavese
Montebello Della Battaglia
Montecalvo Versiggia
Montescano
Montesegale
Monticelli Pavese
Montu` Beccaria
Mornico Losana
Mortara
Nicorvo
Olevano Di Lomellina
Oliva Gessi
Ottobiano
Palestro
Pancarana
Parona
Pavia
Pietra De` Giorgi
Pieve Albignola
Pieve Del Cairo
Pieve Porto Morone
Pinarolo Po
Pizzale
Ponte Nizza
Portalbera
Rea
Redavalle
Retorbido
Rivanazzano Terme
Robbio
Robecco Pavese
Rocca De` Giorgi
Rocca Susella
Rognano
Romagnese
Roncaro
Rosasco
Rovescala
Ruino
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Codice
istat
18072
18073
18074
18075
18076
18077
18078
18079
18080
18081
18082
18083
18084
18085
18086
18087
18088
18089
18090
18091
18092
18093
18094
18095
18096
18097
18098
18099
18100
18101
18102
18103
18104
18105
18106
18107
18108
18109
18110
18111
18112
18113
18114
18115
18116
18117
18118
18119
18120
18121
18122
18123
18124
18125
18126
18127
18128
18129
18130
18131
18132
Area
(km2)
24.85
20.59
4.31
20.44
26.27
9.85
15.80
15.40
5.45
13.02
1.81
22.22
6.91
5.10
10.23
9.33
33.17
28.40
18.72
6.38
12.53
9.61
19.17
15.79
11.27
2.37
14.83
20.26
15.49
8.14
52.20
8.11
15.34
3.87
24.49
18.93
6.68
9.15
62.87
11.14
17.42
26.31
16.23
11.05
7.11
23.19
4.40
2.10
5.44
11.40
29.30
40.23
6.93
10.49
12.77
9.44
29.37
4.99
19.60
8.44
21.36
Popolazione
5038
3218
216
2651
4602
1317
6121
441
1227
2716
146
2322
2417
1619
2488
1608
7085
400
1144
514
1509
3817
931
1712
588
395
321
737
1772
732
15673
382
806
179
1187
2001
336
2052
71142
939
924
2168
2801
1730
733
822
1577
429
1078
1474
5144
6156
571
74
237
618
752
1327
647
951
755
Sistema
Territoriale
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Urbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
78
Comune
Provincia
San Cipriano Po
San Damiano Al Colle
San Genesio Ed Uniti
San Giorgio Di Lomellina
San Martino Siccomario
Sannazzaro De` Burgondi
Santa Cristina E Bissone
Santa Giuletta
Sant`Alessio Con Vialone
Santa Margherita Di Staffora
Santa Maria Della Versa
Sant`Angelo Lomellina
San Zenone Al Po
Sartirana Lomellina
Scaldasole
Semiana
Silvano Pietra
Siziano
Sommo
Spessa
Stradella
Suardi
Torrazza Coste
Torre Beretti E Castellaro
Torre D`Arese
Torre De` Negri
Torre D`Isola
Torrevecchia Pia
Torricella Verzate
Travaco` Siccomario
Trivolzio
Tromello
Trovo
Val Di Nizza
Valeggio
Valle Lomellina
Valle Salimbene
Valverde
Varzi
Velezzo Lomellina
Vellezzo Bellini
Verretto
Verrua Po
Vidigulfo
Vigevano
Villa Biscossi
Villanova D`Ardenghi
Villanterio
Vistarino
Voghera
Volpara
Zavattarello
Zeccone
Zeme
Zenevredo
Zerbo
Zerbolo`
Zinasco
Acquanegra Cremonese
Agnadello
Annicco
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Cremona
Cremona
Cremona
Codice
istat
18133
18134
18135
18136
18137
18138
18139
18140
18141
18142
18143
18144
18145
18146
18147
18148
18149
18150
18151
18152
18153
18154
18155
18156
18157
18158
18159
18160
18161
18162
18163
18164
18165
18166
18167
18168
18169
18170
18171
18172
18173
18174
18175
18176
18177
18178
18179
18180
18181
18182
18183
18184
18185
18186
18187
18188
18189
18190
19001
19002
19003
Area
(km2)
6.81
6.56
9.36
25.97
14.27
23.23
22.11
11.66
6.49
36.89
18.52
10.47
7.07
29.74
11.66
9.91
13.58
12.00
16.28
12.25
18.79
9.99
16.23
17.42
4.38
4.02
16.38
16.43
3.52
17.14
3.86
35.10
8.17
29.41
9.75
27.28
7.92
14.88
58.38
8.37
7.96
2.74
11.03
15.21
79.09
5.02
5.68
14.75
9.53
63.35
3.92
28.54
5.51
24.85
5.41
6.49
37.47
28.80
9.23
12.17
19.29
Popolazione
503
740
3791
1189
5766
5869
2026
1679
845
530
2519
902
625
1787
998
251
693
5908
1132
597
11674
673
1681
606
980
339
2359
3409
849
4280
1986
3873
1013
682
233
2241
1494
314
3420
103
3044
377
1288
6016
63700
76
786
3226
1569
39937
129
1052
1694
1134
483
444
1642
3264
1327
3776
2097
Sistema
Territoriale
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Rurale
Periurbano
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Rurale
79
Comune
Provincia
Azzanello
Bagnolo Cremasco
Bonemerse
Bordolano
Ca` D`Andrea
Calvatone
Camisano
Campagnola Cremasca
Capergnanica
Cappella Cantone
Cappella De` Picenardi
Capralba
Casalbuttano Ed Uniti
Casale Cremasco - Vidolasco
Casaletto Ceredano
Casaletto Di Sopra
Casaletto Vaprio
Casalmaggiore
Casalmorano
Casteldidone
Castel Gabbiano
Castelleone
Castelverde
Castelvisconti
Cella Dati
Chieve
Cicognolo
Cingia De` Botti
Corte De` Cortesi Con Cignone
Corte De` Frati
Credera Rubbiano
Crema
Cremona
Cremosano
Crotta D`Adda
Cumignano Sul Naviglio
Derovere
Dovera
Drizzona
Fiesco
Formigara
Gabbioneta Binanuova
Gadesco Pieve Delmona
Genivolta
Gerre De`Caprioli
Gombito
Grontardo
Grumello Cremonese Ed Uniti
Gussola
Isola Dovarese
Izano
Madignano
Malagnino
Martignana Di Po
Monte Cremasco
Montodine
Moscazzano
Motta Baluffi
Offanengo
Olmeneta
Ostiano
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Codice
istat
19004
19005
19006
19007
19008
19009
19010
19011
19012
19013
19014
19015
19016
19017
19018
19019
19020
19021
19022
19023
19024
19025
19026
19027
19028
19029
19030
19031
19032
19033
19034
19035
19036
19037
19038
19039
19040
19041
19042
19043
19044
19045
19046
19047
19048
19049
19050
19051
19052
19053
19054
19055
19056
19057
19058
19059
19060
19061
19062
19063
19064
Area
(km2)
11.12
10.38
5.88
8.19
17.13
13.54
10.82
4.63
6.81
13.17
14.07
13.42
23.18
9.03
6.56
8.58
5.45
64.24
12.14
10.80
5.80
45.03
30.96
9.89
19.18
6.34
6.95
14.37
12.79
20.21
14.27
34.59
70.29
5.79
12.86
6.60
9.92
20.54
11.68
8.11
12.79
15.77
17.17
18.68
8.38
9.02
12.17
22.27
25.16
9.47
6.26
10.76
10.83
14.47
2.36
10.88
8.64
16.80
12.54
9.14
19.47
Popolazione
744
4841
1484
610
482
1296
1311
694
2094
590
438
2479
4112
1855
1188
548
1784
15073
1681
592
474
9603
5664
333
558
2255
932
1325
1137
1453
1654
34144
72147
1555
678
442
316
3957
565
1179
1146
955
2028
1188
1322
653
1465
1908
2968
1223
2072
2992
1457
1851
2351
2609
841
1000
5893
957
3067
Sistema
Territoriale
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Periurbano
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Urbano
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Periurbano
Rurale
Rurale
Periurbano
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Rurale
80
Comune
Provincia
Paderno Ponchielli
Palazzo Pignano
Pandino
Persico Dosimo
Pescarolo Ed Uniti
Pessina Cremonese
Piadena
Pianengo
Pieranica
Pieve D`Olmi
Pieve San Giacomo
Pizzighettone
Pozzaglio Ed Uniti
Quintano
Ricengo
Ripalta Arpina
Ripalta Cremasca
Ripalta Guerina
Rivarolo Del Re Ed Uniti
Rivolta D`Adda
Robecco D`Oglio
Romanengo
Salvirola
San Bassano
San Daniele Po
San Giovanni In Croce
San Martino Del Lago
Scandolara Ravara
Scandolara Ripa D`Oglio
Sergnano
Sesto Ed Uniti
Solarolo Rainerio
Soncino
Soresina
Sospiro
Spinadesco
Spineda
Spino D`Adda
Stagno Lombardo
Ticengo
Torlino Vimercati
Tornata
Torre De` Picenardi
Torricella Del Pizzo
Trescore Cremasco
Trigolo
Vaiano Cremasco
Vailate
Vescovato
Volongo
Voltido
Acquanegra Sul Chiese
Asola
Bagnolo San Vito
Bigarello
Borgoforte
Borgofranco Sul Po
Bozzolo
Canneto Sull`Oglio
Carbonara Di Po
Casalmoro
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Codice
istat
19065
19066
19067
19068
19069
19070
19071
19072
19073
19074
19075
19076
19077
19078
19079
19080
19081
19082
19083
19084
19085
19086
19087
19088
19089
19090
19091
19092
19093
19094
19095
19096
19097
19098
19099
19100
19101
19102
19103
19104
19105
19106
19107
19108
19109
19110
19111
19112
19113
19114
19115
20001
20002
20003
20004
20005
20006
20007
20008
20009
20010
Area
(km2)
23.93
8.89
22.19
20.60
16.56
22.13
19.79
5.87
2.76
19.32
14.95
31.96
20.39
2.84
12.55
6.89
11.87
2.96
27.30
29.98
18.13
14.88
7.38
13.88
22.68
16.19
10.45
17.09
5.69
12.48
26.42
11.39
45.39
28.52
19.12
17.38
10.32
19.89
39.96
8.04
5.68
10.25
17.05
24.12
5.89
16.16
6.26
9.79
17.38
7.99
12.29
28.31
73.56
48.94
26.97
38.96
14.92
18.84
25.95
15.68
13.85
Popolazione
1499
3916
9147
3370
1608
693
3645
2617
1181
1297
1625
6730
1451
927
1795
1054
3409
529
2091
8056
2393
3078
1176
2227
1472
1880
489
1520
626
3675
3000
1017
7767
9345
3086
1582
641
7007
1544
444
445
500
1801
693
2931
1772
3919
4499
4040
571
413
3061
10127
5926
2171
3562
803
4185
4555
1344
2243
Sistema
Territoriale
Rurale
Periurbano
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Periurbano
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
81
Comune
Provincia
Casaloldo
Casalromano
Castelbelforte
Castel D`Ario
Castel Goffredo
Castellucchio
Castiglione Delle Stiviere
Cavriana
Ceresara
Commessaggio
Curtatone
Dosolo
Felonica
Gazoldo Degli Ippoliti
Gazzuolo
Goito
Gonzaga
Guidizzolo
Magnacavallo
Mantova
Marcaria
Mariana Mantovana
Marmirolo
Medole
Moglia
Monzambano
Motteggiana
Ostiglia
Pegognaga
Pieve Di Coriano
Piubega
Poggio Rusco
Pomponesco
Ponti Sul Mincio
Porto Mantovano
Quingentole
Quistello
Redondesco
Revere
Rivarolo Mantovano
Rodigo
Roncoferraro
Roverbella
Sabbioneta
San Benedetto Po
San Giacomo Delle Segnate
San Giorgio Di Mantova
San Giovanni Del Dosso
San Martino Dall`Argine
Schivenoglia
Sermide
Serravalle A Po
Solferino
Sustinente
Suzzara
Viadana
Villa Poma
Villimpenta
Virgilio
Volta Mantovana
Abbadia Lariana
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Lecco
Codice
istat
20011
20012
20013
20014
20015
20016
20017
20018
20019
20020
20021
20022
20023
20024
20025
20026
20027
20028
20029
20030
20031
20032
20033
20034
20035
20036
20037
20038
20039
20040
20041
20042
20043
20044
20045
20046
20047
20048
20049
20050
20051
20052
20053
20054
20055
20056
20057
20058
20059
20060
20061
20062
20063
20064
20065
20066
20067
20068
20069
20070
97001
Area
(km2)
16.94
11.89
22.32
22.54
42.02
46.55
42.15
36.86
37.69
11.58
67.44
25.66
22.98
12.95
22.33
78.89
50.40
22.49
28.31
63.95
89.47
8.82
42.18
25.96
31.87
29.90
24.81
40.06
46.69
12.66
16.41
42.51
12.31
11.85
37.48
14.10
45.68
19.14
14.05
25.47
41.52
63.34
63.44
37.37
69.89
16.64
24.64
15.12
17.08
13.16
57.33
26.12
13.00
26.82
60.89
102.09
14.28
14.98
31.36
50.21
16.80
Popolazione
2624
1578
3029
4882
12094
5190
22700
3913
2708
1180
14482
3449
1480
3033
2427
10355
9301
6185
1696
48612
7027
729
7768
4026
6064
4859
2576
7221
7299
1069
1775
6649
1775
2322
16123
1220
5856
1329
2594
2661
5399
7309
8649
4357
7791
1774
9482
1389
1829
1281
6428
1650
2628
2238
20648
19785
2037
2261
11293
7377
3305
Sistema
Territoriale
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Periurbano
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
82
Comune
Provincia
Airuno
Annone Di Brianza
Ballabio
Barzago
Barzano`
Barzio
Bellano
Bosisio Parini
Brivio
Bulciago
Calco
Calolziocorte
Carenno
Casargo
Casatenovo
Cassago Brianza
Cassina Valsassina
Castello Di Brianza
Cernusco Lombardone
Cesana Brianza
Civate
Colico
Colle Brianza
Cortenova
Costa Masnaga
Crandola Valsassina
Cremella
Cremeno
Dervio
Dolzago
Dorio
Ello
Erve
Esino Lario
Galbiate
Garbagnate Monastero
Garlate
Imbersago
Introbio
Introzzo
Lecco
Lierna
Lomagna
Malgrate
Mandello Del Lario
Margno
Merate
Missaglia
Moggio
Molteno
Monte Marenzo
Montevecchia
Monticello Brianza
Morterone
Nibionno
Oggiono
Olgiate Molgora
Olginate
Oliveto Lario
Osnago
Paderno D`Adda
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Codice
istat
97002
97003
97004
97005
97006
97007
97008
97009
97010
97011
97012
97013
97014
97015
97016
97017
97018
97019
97020
97021
97022
97023
97024
97025
97026
97027
97028
97029
97030
97031
97032
97033
97034
97035
97036
97037
97038
97039
97040
97041
97042
97043
97044
97045
97046
97047
97048
97049
97050
97051
97052
97053
97054
97055
97056
97057
97058
97059
97060
97061
97062
Area
(km2)
4.26
5.72
14.96
3.61
3.56
21.30
10.71
6.16
7.98
3.13
4.56
9.04
7.77
20.28
12.61
3.55
2.76
3.58
3.79
3.45
9.16
33.07
8.37
11.39
5.55
8.93
1.83
13.25
11.36
2.29
11.53
2.37
6.19
18.39
16.03
3.45
3.50
3.17
25.83
3.65
44.97
12.10
3.99
1.89
42.36
3.74
11.07
11.59
13.20
3.14
3.08
5.82
4.62
13.64
3.51
8.02
7.15
7.99
16.42
4.44
3.48
Popolazione
2999
2304
3967
2566
5203
1321
3305
3519
4770
3034
5132
14315
1533
874
12691
4393
481
2469
3870
2343
4062
7561
1762
1295
4806
267
1794
1428
2774
2304
353
1281
779
766
8663
2431
2675
2431
1983
122
48114
2242
4849
4327
10628
366
14943
8555
521
3545
1994
2494
4218
37
3628
8887
6311
7194
1212
4843
3936
Sistema
Territoriale
Rurale
Periurbano
Rurale
Periurbano
Urbano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Urbano
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Urbano
Urbano
Naturale/Montano
Periurbano
Urbano
Periurbano
Rurale
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Urbano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Urbano
Urbano
Rurale
Naturale/Montano
Urbano
Rurale
Naturale/Montano
Urbano
Rurale
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Urbano
Urbano
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Urbano
Urbano
83
Comune
Provincia
Pagnona
Parlasco
Pasturo
Perego
Perledo
Pescate
Premana
Primaluna
Robbiate
Rogeno
Rovagnate
Santa Maria Hoe`
Sirone
Sirtori
Sueglio
Suello
Taceno
Torre De` Busi
Tremenico
Valgreghentino
Valmadrera
Varenna
Vendrogno
Vercurago
Verderio Inferiore
Verderio Superiore
Vestreno
Vigano`
Abbadia Cerreto
Bertonico
Boffalora D`Adda
Borghetto Lodigiano
Borgo San Giovanni
Brembio
Camairago
Casaletto Lodigiano
Casalmaiocco
Casalpusterlengo
Caselle Landi
Caselle Lurani
Castelnuovo Bocca D`Adda
Castiglione D`Adda
Castiraga Vidardo
Cavacurta
Cavenago D`Adda
Cervignano D`Adda
Codogno
Comazzo
Cornegliano Laudense
Corno Giovine
Cornovecchio
Corte Palasio
Crespiatica
Fombio
Galgagnano
Graffignana
Guardamiglio
Livraga
Lodi
Lodi Vecchio
Maccastorna
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Codice
istat
97063
97064
97065
97066
97067
97068
97069
97070
97071
97072
97073
97074
97075
97076
97077
97078
97079
97080
97081
97082
97083
97084
97085
97086
97087
97088
97089
97090
98001
98002
98003
98004
98005
98006
98007
98008
98009
98010
98011
98012
98013
98014
98015
98016
98017
98018
98019
98020
98021
98022
98023
98024
98025
98026
98027
98028
98029
98030
98031
98032
98033
Area
(km2)
8.56
2.87
21.73
4.20
12.33
2.23
33.57
22.78
4.63
5.04
4.62
2.76
3.24
4.28
4.01
2.53
3.62
9.25
9.16
6.25
12.20
12.40
11.44
2.13
3.88
2.65
2.78
1.60
6.16
20.57
8.30
23.52
7.58
16.85
12.85
9.88
4.74
25.62
25.88
7.58
20.22
13.10
5.22
7.06
15.99
4.13
20.90
12.68
5.61
9.74
6.57
15.47
7.09
7.48
6.01
10.74
10.44
12.21
41.53
16.05
5.74
Popolazione
407
141
1957
1757
945
2188
2312
2170
6106
3239
2953
2256
2372
2950
151
1689
540
1970
191
3389
11668
812
317
2896
2967
2719
315
2015
293
1190
1694
4417
2180
2707
686
2719
3108
15302
1687
3155
1698
4939
2623
876
2294
2084
15765
2155
2881
1196
239
1597
2186
2278
1214
2680
2722
2611
44401
7401
68
Sistema
Territoriale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Urbano
Periurbano
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Rurale
Naturale/Montano
Naturale/Montano
Urbano
Periurbano
Urbano
Naturale/Montano
Urbano
Rurale
Rurale
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Periurbano
Periurbano
Naturale/Montano
Periurbano
Rurale
Naturale/Montano
Rurale
Periurbano
Periurbano
Rurale
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Urbano
Periurbano
Naturale/Montano
84
Comune
Provincia
Mairago
Maleo
Marudo
Massalengo
Meleti
Merlino
Montanaso Lombardo
Mulazzano
Orio Litta
Ospedaletto Lodigiano
Ossago Lodigiano
Pieve Fissiraga
Salerano Sul Lambro
San Fiorano
San Martino In Strada
San Rocco Al Porto
Sant`Angelo Lodigiano
Santo Stefano Lodigiano
Secugnago
Senna Lodigiana
Somaglia
Sordio
Tavazzano Con Villavesco
Terranuova Dei Passerini
Turano Lodigiano
Valera Fratta
Villanova Del Sillaro
Zelo Buon Persico
Agrate Brianza
Aicurzio
Albiate
Arcore
Barlassina
Bellusco
Bernareggio
Besana In Brianza
Biassono
Bovisio Masciago
Briosco
Brugherio
Burago Di Molgora
Camparada
Carate Brianza
Carnate
Cavenago Di Brianza
Ceriano Laghetto
Cesano Maderno
Cogliate
Concorezzo
Correzzana
Desio
Giussano
Lazzate
Lesmo
Limbiate
Lissone
Macherio
Meda
Mezzago
Misinto
Monza
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Codice
istat
98034
98035
98036
98037
98038
98039
98040
98041
98042
98043
98044
98045
98046
98047
98048
98049
98050
98051
98052
98053
98054
98055
98056
98057
98058
98059
98060
98061
108001
108002
108003
108004
108005
108006
108007
108008
108009
108010
108011
108012
108013
108014
108015
108016
108017
108018
108019
108020
108021
108022
108023
108024
108025
108026
108027
108028
108029
108030
108031
108032
108033
Area
(km2)
11.39
20.11
4.23
8.57
7.39
10.92
9.58
15.57
9.84
8.45
11.80
12.19
4.38
8.97
13.17
30.62
19.99
10.66
6.70
27.12
20.71
2.90
16.26
11.22
16.19
8.12
13.87
18.69
11.25
2.46
2.90
9.38
2.75
6.60
5.89
15.74
4.79
5.00
6.69
10.28
3.45
1.62
9.95
3.53
4.41
7.09
11.44
7.03
8.43
2.52
14.67
10.19
5.15
5.02
12.34
9.33
3.28
8.32
3.73
5.30
33.08
Popolazione
1429
3280
1556
4257
475
1778
2203
5768
2036
1947
1442
1680
2683
1811
3624
3578
13279
1929
2023
2051
3708
3120
6125
914
1576
1653
1824
6860
15065
2069
6201
17750
6887
7217
10501
15582
11754
16903
5955
33484
4250
2106
17997
7270
6807
6392
37291
8409
15371
2648
40661
24672
7605
8065
35168
42474
7222
23221
4163
5078
122712
Sistema
Territoriale
Rurale
Rurale
Periurbano
Periurbano
Rurale
Rurale
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Rurale
Rurale
Periurbano
Periurbano
Periurbano
Rurale
Periurbano
Rurale
Periurbano
Naturale/Montano
Rurale
Urbano
Periurbano
Rurale
Rurale
Periurbano
Rurale
Rurale
Urbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Urbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Urbano
85
Comune
Provincia
Muggio`
Nova Milanese
Ornago
Renate
Ronco Briantino
Seregno
Seveso
Sovico
Sulbiate
Triuggio
Usmate Velate
Varedo
Vedano Al Lambro
Veduggio Con Colzano
Verano Brianza
Villasanta
Vimercate
Busnago
Caponago
Cornate D`Adda
Lentate Sul Seveso
Roncello
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Codice
istat
108034
108035
108036
108037
108038
108039
108040
108041
108042
108043
108044
108045
108046
108047
108048
108049
108050
108051
108052
108053
108054
108055
Area
(km2)
5.49
5.87
5.78
2.89
2.98
12.86
7.38
3.25
5.20
8.39
9.66
4.87
1.98
3.48
3.51
4.84
20.62
5.86
5.04
14.14
14.16
3.14
Popolazione
23433
23152
4670
4214
3452
43163
22877
8121
3995
8396
10019
12899
7669
4417
9342
13590
25758
6376
5199
10464
15572
3908
Sistema
Territoriale
Urbano
Urbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Urbano
Periurbano
Urbano
Urbano
86
2.3
Agricoltura periurbana e Politiche di Sviluppo Rurale: strumenti di analisi e ipotesi di
intervento
Guido Sali, Stefano Corsi, Chiara Mazzocchi, Michael Plebani – DISAA, DEMM, Università degli
Studi di Milano
2.3.1. Abstract
La valutazione dell’impatto delle politiche agricole sul territorio è uno degli elementi fondamentali
per adottare strategie funzionali allo sviluppo del settore agricolo e della governance del sistema
periurbano. Attraverso il metodo del Propensity Score matching si propone un nuovo approccio
alla valutazione delle esternalità prodotte dall’agricoltura e dalle politiche di settore. I risultati della
ricerca confermano come le aree agricole periurbane mostrino caratteristiche particolari ed
uniche che possono essere valorizzate e gestite con interventi specifici e dedicati.
The assessment of agricultural policies’ impact on the territory is a key element strategies for
development of the agricultural sector and the governance of periurban systems. This research
proposes, through Propensity Score matching method, a new approach to the valuation of
agricultural externalities and policies. First results confirm that the peri-urban agricultural areas show
peculiar characteristics and unique features that could be developed and managed with
dedicated measures.
2.3.2. Premessa
La competizione per l’uso del suolo è attualmente una delle questioni maggiormente dibattute in
ambito europeo ma anche mondiale, in quanto la disponibilità di terra agricola è strettamente
collegata alla sicurezza alimentare di molti paesi e alle prospettive future di soddisfacimento dei
bisogni alimentari dell’umanità (FAO, 2011).
La valutazione dell’impatto delle politiche economiche in agricoltura costituisce un ambito
d’analisi fondamentale per il continuo miglioramento dell’efficacia e dell’efficienza di impiego
delle risorse pubbliche. Nel caso delle politiche di sviluppo rurale il percorso valutativo appare
quanto mai complesso in ragione della multiformità delle azioni attivate e, conseguentemente,
degli ambiti interessati. Tra questi ultimi troviamo la competitività delle imprese agricole, con ciò
che concerne l’innovazione dei processi e dei prodotti, l’attenuazione delle esternalità negative e
la produzione di quelle positive, l’interazione e lo sviluppo di sinergie con altri settori.
Sebbene la letteratura abbia indagato sulle conseguenze delle decisioni politiche sull’evoluzione
della struttura delle aziende agricole e sulla loro permanenza all’interno del mercato (Puhfal et al.
2011), la comprensione della reale incidenza di queste politiche sulla struttura del settore agricolo
rimane comunque limitata (Ahearn et al., 2005). In pratica, gli interventi di policy rimangono difficili
da valutare, anche perché i programmi di governo hanno spesso obiettivi differenti e ogni
programma spesso utilizza un largo spettro di strumenti per raggiungere i propri obiettivi (Puhfal et
al. 2011), tuttavia non si registrano contributi mirati a legare la partecipazione ai programmi di
finanziamento con le caratteristiche del territorio in cui le aziende operano.
Il contesto territoriale influenza profondamente la permanenza e lo sviluppo dell’attività agricola:
l’azienda reagisce in maniera differente agli stimoli ricevuti dal territorio in cui opera. Allo stesso
modo si può considerare che esistono relazioni tra l’attuazione delle politiche agricole europee e
l’assetto del sistema agricolo di cui l’azienda è attore principale (Casini, 2005).
Data la fragilità dei contesti agricoli periurbani il CESE (2004) afferma: “L’attività agricola delle zone
periurbane è condizionata dall’ambiente urbano in cui si svolge e che ha su di essa conseguenze
negative che ne limitano la sostenibilità economica.
91
Queste ripercussioni negative sono le cause principali del degrado del territorio dal punto di vista
ambientale e guastano le relazioni tra città e campagna.”. L’agricoltura periurbana si configura
dunque come portatrice di elementi che la caratterizzano e la differenziano, in positivo o in
negativo, essendo condizionata in maniera peculiare dall’ambiente in cui è inserita. Le aziende
agricole del periurbano potrebbero dunque fungere da testimoni del cambiamento del proprio
territorio o, di più, attori principali nell’organizzazione e conservazione del territorio stesso.
ll Piano di sviluppo rurale (PSR), che opera sul territorio regionale, è il principale strumento di
programmazione e finanziamento per gli interventi nel settore agricolo, forestale e dello sviluppo
rurale. L’accesso agli aiuti può indicare una predisposizione all’attività agricola dell’azienda
coerentemente con l’impegno assunto per ottenere i contributi: alcuni aiuti in ambito PSR
richiedono impegni minori mentre altre, ne richiedono di più rilevanti.
Le misure del PSR presentano alcune notevoli differenze sotto diversi aspetti, due dei quali
particolarmente significativi per tracciare il profilo delle imprese che vi accedono. Il primo riguarda
l’impegno finanziario richiesto all’impresa: a misure che richiedono il cofinanziamento da parte
dell’impresa si affiancano misure finanziate al 100%. E’ evidente che misure cofinanziate richiedono
non solo un impegno maggiore, ma rivelano un maggiore grado di fiducia nel futuro dell’attività di
impresa. Il secondo riguarda l’impegno temporale che l’azienda si assume aderendo alla misura. In
questo caso vi possono essere differenti chiavi di lettura. Alcune misure, come le agro-ambientali,
prevedono un impegno quinquennale da parte dell’agricoltore ma risulta facile interrompere
l’impegno senza particolari conseguenze. Altre misure, come quelle relative agli investimenti
aziendali contemplano, a fronte di un momento autorizzativo definito, una fase realizzativa
protratta nel tempo e che può durare qualche anno, ma soprattutto rivelano la volontà
dell’impresa di guardare a un orizzonte temporale di lungo periodo. Allo stesso modo si può
ipotizzare che la distribuzione degli aiuti sia collegata alle caratteristiche e alle prospettive di
evoluzione del territorio in cui opera l’azienda e possa registrare indirettamente i cambiamenti del
territorio stesso.
Il lavoro si propone di verificare l’impatto di alcune misure del PSR sul territorio con particolare
riferimento alle aree periurbane. L’attuazione a livello regionale delle misure del Programma di
Sviluppo Rurale (PSR) può costituire un termometro interessante delle connessioni tra politiche e uso
del suolo. Per questo è stata sviluppata una domanda di ricerca incentrata sui seguenti punti:
- nelle aree periurbane il ricorso agli aiuti comunitari (PSR) è differente rispetto a quanto si
registra nelle altre aree?
- nelle aree periurbane le politiche di sviluppo rurale hanno influenzato le variazioni d’uso del
suolo agricolo?
- esiste una relazione tra politiche di sviluppo rurale e valori immobiliari in Regione
Lombardia?
In particolare il paper indaga l’esistenza di una relazione tra le aziende agricole lombarde che
accedono ai finanziamenti delle misure dei PSR 2000-2006 e 2007-2013 relative agli investimenti e ai
miglioramenti agro-ambientali e la collocazione di queste attività all’interno del contesto
regionale, con particolare riferimento agli ambiti periurbani.
Più in dettaglio si valuta la possibile relazione tra gli effetti dell’adesione alla misura 121, dedicata
all’ammodernamento aziendale, e il consumo di suolo agricolo nei comuni di appartenenza e tra
le misure agroambientali che si occupano di paesaggio e i prezzi delle abitazioni.
Si suppone dunque che, in ambito periurbano, le aziende che hanno accesso ai finanziamenti PSR
per l’ammodernamento siano destinate più di altre a permanere sul territorio grazie al vantaggio
fornito dal contributo e mostrino quindi, nel tempo, caratteristiche diverse rispetto a quelle che non
vi hanno avuto accesso. Dall’altro lato si ipotizza l’esistenza di una domanda di mercato disposta a
pagare un surplus di prezzo per beneficiare di un paesaggio qualitativamente più “alto” anche
92
grazie all’impatto positivo delle misure dedicate nel PSR (2000-2006 e 2007-2013), nelle diverse aree
definite dalla classificazione territoriale del PSR.
2.3.3. Approccio metodologico
Si è scelto di applicare un approccio non-sperimentale semi-parametrico mediante la tecnica del
propensity score matching. L’approccio matching per la valutazione degli effetti delle politiche ha
avuto negli ultimi anni un crescente impiego e dopo le iniziali applicazioni nell’analisi del mercato
del lavoro ha trovato ultimamente interessanti impieghi nella valutazione delle politiche agricole e
agro-ambientali.
Rispetto ad altre tecniche, come i metodi di regressione, il propensity score matching ha il
vantaggio di non necessitare di un modello sottostante e di non richiedere quindi assunzioni circa
la forma funzionale del fenomeno indagato. Inoltre non vi sono restrizioni circa gli effetti causali
individuali, così come è possibile trattare l’eterogeneità degli effetti individuali.
L’obiettivo dell’analisi condotta è quello di stimare l’effetto medio su un campione soggetto a
trattamento rispetto ad un campione di controllo. Il metodo utilizzato si basa sul propensity score
matching.
La scelta del metodo dipende dal fatto che in molti casi, nella valutazione degli effetti di un
particolare trattamento (nel nostro caso l’accesso ad una misura di investimento), occorre partire
da dati osservati e non è possibile partire da un piano sperimentale costruito a priori.
Siamo cioè di fronte alla necessità di impiegare un metodo non-sperimentale, utilizzando dati
amministrativi riferiti ad un campione di soggetti che è non è stato preventivamente randomizzato
né opportunamente associato ad un campione di controllo. Se quindi la risposta ottimale alla
domanda “quali effetti sono da imputare al trattamento ricevuto?” deriva dal confronto tra gli
effetti osservati sul campione trattato e gli effetti sul medesimo campione qualora non fosse stato
trattato, appare evidente che tale confronto è fuori dalla portata di qualsiasi analisi.
D’altro canto la scelta a posteriori di un campione di controllo rischia di mettere a confronto
soggetti che per caratteristiche intrinseche risultano molto diversi e quindi di non poter valutare
correttamente gli effetti di una misura.
E’ però possibile, attraverso il metodo di propensity score matching, selezionare un campione di
soggetti che abbia le medesime caratteristiche del campione trattato, secondo un vettore X di
caratteristiche. In tal modo si riduce il bias nel confronto tra gruppi che si verrebbe a creare in un
approccio non-sperimentale, come è il presente caso di partecipazione ad un programma di
politica economica.
Il propensity score è definito come la probabilità condizionata di ricevere un trattamento, data
una serie di caratteristiche pre-trattamento (Rosenbaum e Rubin, 1983):
p(X) ≡ Pr{D=1|X} = E{D|X}
(1)
in cui D = {0,1} indica, nel caso in esame, l’adesione o meno di un’azienda ad una determinata
misura del PSR. Se l’adesione alla misura è casuale rispetto a sottocampioni definiti da X, allo stesso
modo risulta casuale rispetto a sottocampioni definiti dal propensity score p(X).
All’interno del campione di aziende nella prima analisi (e di Comuni nella seconda), la conoscenza
del propensity score p(Xi) dell’azienda i-esima (o del Comune i-esimo) per ogni i, consente di
stimare l’effetto medio della misura sulle aziende (o sui Comuni) aderenti (Average effect of
Treatment on the Treated, ATT) misurando la differenza tra gli effetti nelle due situazioni contro
fattuali di adesione e non adesione, come segue:
‫ ܶܶܣ‬ൌ ‫ܧ‬ሼܻଵ௜ െ ܻ଴௜ ȁ‫ܦ‬௜ ൌ ͳሽ
(2)
ൌ ‫ܧ‬൛‫ܧ‬ሼܻଵ௜ െ ܻ଴௜ ȁ‫ܦ‬௜ ൌ ͳǡ ‫݌‬ሺܺ௜ ሻሽൟ
ൌ ‫ܧ‬ሼ‫ܧ‬ሼܻଵ௜ ȁ‫ܦ‬௜ ൌ ͳǡ ‫݌‬ሺܺ௜ ሻሽ െ ‫ܧ‬ሼܻ଴௜ ȁ‫ܦ‬௜ ൌ Ͳǡ ‫݌‬ሺܺ௜ ሻሽȁ‫ܦ‬௜ ൌ ͳሽ
93
La stima di ATT, dato il propensity score p(X), può essere ottenuta se vengono fatte due ipotesi. La
prima assume il bilanciamento delle variabili pre-trattamento X
‫ ܦ‬٣ ܺȁ‫݌‬ሺܺሻ
(3)
Ciò significa che le distribuzioni dei casi soggetti a trattamento (così come quelli non soggetti a
trattamento) e le variabili di controllo X sono reciprocamente ortogonali, dato un propensity score
p(X).
Se la condizione (3) è soddisfatta le osservazioni con il medesimo propensity score devono avere la
stessa distribuzione delle caratteristiche X indipendentemente dal far parte o meno del processo
di trattamento (o come in questo caso dall’aderire o meno ad una misura del PSR).
La seconda ipotesi può essere espressa come segue:
ܻଵ ܻ଴ ٣ ‫ܦ‬ȁܺ ֜ ܻଵ ܻ଴ ٣ ‫ܦ‬ȁ‫݌‬ሺܺሻ
(4)
che indica come il condizionamento alle variabili X rispetto alle quali i gruppi controfattuali
presentano una differente composizione fa sì che gli effetti potenziali siano indipendenti dal
processo di selezione (unconfoundedness). Conseguentemente, l’indipendenza condizionale degli
effetti del trattamento, date le caratteristiche X, implica l’indipendenza condizionale degli effetti
dato il propensity score p(X).
La banca dati è stata costruita utilizzando il Sistema Informativo Agricolo della Regione Lombardia
e dal Censimento dell’Agricoltura 2010 per le informazioni relative alle aziende agricole, il Dusaf per
i dati inerenti all’uso del suolo e l’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia del Territorio
per i valori degli immobili.
Per quanto riguarda la prima analisi, quella relativa alla misura 121, sulle aziende ricadenti nell’area
definita “poli urbani” è stata operata una selezione finalizzata ad eliminare quelle che
presentavano dati incompleti o del tutto incoerenti1. Il dataset ottenuto conta 1805 aziende, di cui
274 aderenti alla misura 121 del PSR. Per quanto riguarda la seconda, in cui si sono utilizzate
sottomisure della 214, l’analisi condotta ha riguardato tutti i Comuni della Lombardia, quindi 1544
unità, di cui 1053 aderenti alle misure citate.
2.3.4. Risultati
Le aree periurbane, il consumo di suolo in Lombardia e la misura 121
La Lombardia risulta, insieme al Veneto (Tempesta, 2008), tra le regioni della penisola
maggiormente edificate negli ultimi anni, registrando un incremento di urbanizzato da1999 al 2007
di circa 34.165 ha, corrispondenti all’11,3% dell’urbanizzato totale della Regione (ERSAF, 2010). Il
consumo di suolo libero si concentra in particolare sulla superficie agricola che è calata di 43.278
ha in 8 anni, passando dal 45,5% al 43,7% sul totale del territorio regionale.
L’evoluzione dell’uso del suolo da 50 anni a questa parte evidenzia come la tendenza dell’ultimo
decennio sia un’espansione a “leap frog”2 dell’urbanizzato, già registrata da tempo in Europa
(EAA, 2006) e negli Stati Uniti (Heimlich et al., 2001). In sostanza, l’espansione urbana assume un
carattere puntiforme e diffuso, che non si manifesta più nell’ampliamento urbanistico ai confini
della città, come storicamente avveniva nelle metropoli europee ma occupa i suoli liberi, senza
rispettare l’organizzazione spaziale esistente né seguirne una alternativa. In Lombardia“nel 2007 si
rileva come ormai generalizzata la polverizzazione, l’atomizzazione della superficie regionale
registrata alla data precedente3 ma visibile ormai da decenni: la frammentazione e la
frammistione di usi del suolo diversi produce paradossalmente un effetto uniformante: il territorio
regionale appare invaso quasi ovunque dal colore scuro delle aree edificate, che domina nella
parte centrale della regione, ma oscura ovunque gli altri usi del suolo” (Scaramellini, 2011).
1
Tale operazione di “pulitura” è necessaria assai frequentemente quando si opera su dati amministrativi che vengono
raccolti con finalità differenti e legate alle procedure autorizzative.
2 A balzo di rana, cioè senza continuità.
3 1999.
94
D’altronde, da un recente studio (Sali et al, 2009) si rileva come il reddito prodotto dal settore
agricolo non influenzi il valore fondiario: la costante perdita relativa di valore dei beni fondiari
agricoli rispetto a quelli urbani costituisce la più potente spinta a condurre le terre nella sfera delle
aree urbane, tendenza che ha trovato sostegno nella capillare diffusione delle infrastrutture viarie
quale strumento per espandere in modo generalizzato e indistinto il territorio urbano (Livanis et al.,
2006).
Approfondendo la geografia dei consumi, se si considera una perdita media annua di superficie
agricola regionale di 4.405 ha, si nota come 3.344 ha siano collocati in pianura, con un’incidenza
percentuale sulla superficie persa regionale del 76% rispetto agli altri territori di collina (17%) e
montagna (7%) (Pretolani, 2011). Ciò significa che gran parte dei terreni agricoli persi ogni anno
sono potenzialmente suoli produttivi, accessibili, particolarmente adatti all’agricoltura, spesso
anche per le qualità fisiche e chimiche del terreno. Questo è confermato anche da un’ulteriore
osservazione, basata sulla classificazione territoriale proposta dal PSR 2007-2013 che tiene conto in
particolare della popolazione che insiste su un determinato territorio e del grado di urbanizzazione
del medesimo, e che divide il territorio regionale in 4 macrozone (figura1):
A. Poli Urbani
B. Aree rurali ad agricoltura intensiva specializzata
C. Aree rurali intermedie
D. Aree rurali con problemi complessivi di sviluppo.
In base al Dusaf (ERSAF, 2010) il consumo medio di suolo è pari a 21,25 ha per comune con una
forbice che va dai quasi 470 ha persi a Mantova ai 429 ha acquisiti a Corteno Golgi (BS) (Tabella
1). In termini percentuali invece la perdita media di suolo è di circa il 4,3%, con ad un estremo
Cavaria con Premezzo in Provincia di Varese che, nell’arco di 8 anni, dal 1999 al 2007, ha visto
ridursi la SAU di oltre il 65%, all’altro Val Masino in provincia di Sondrio, che ha avuto un incremento
della SAU superiore all’80%4.
Degli oltre 1500 comuni lombardi poco più di 500 hanno un consumo di SAU compreso tra 0 e 10
ha, mentre un ulteriore 30% ha visto una riduzione compresa tra 10 e 20 ha. Infine ben 56 comuni
hanno subito una riduzione superiore ai 100 ha mentre solo poco più del 10% dei comuni (160) ha
avuto un aumento di SAU (Figura 2).
In termini percentuali la maggior parte dei comuni, 880, ha avuto una riduzione della SAU inferiore
al 5% e 302 hanno invece perso dal 5% al 10% della SAU (Figura 3).
Nella Tabella 2 e nella Tabella 3 sono riportati rispettivamente i 20 comuni Lombardi con il
maggiore consumo di suolo in termini assoluti e i 20 comuni con il maggiore consumo di suolo in
termini percentuali.
Un primo dato di un certo interesse riguarda la zona di appartenenza secondo la classificazione
del PSR dei comuni riportati in Tabella 2Errore. L'origine riferimento non è stata trovata.. I primi
quattro comuni per superficie agricola consumata sono classificati come poli urbani; tra di essi i
primi tre sono i capoluoghi Milano, Brescia e Mantova. Ai poli urbani appartengono anche Rho,
Cremona e Pavia.
Ben 12 tra i comuni qui rappresentati sono classificati invece nel gruppo B, aree rurali ad
agricoltura intensiva specializzata e ubicati prevalentemente nelle province di Pavia, Cremona,
Mantova e Brescia. Una prima considerazione che come vedremo verrà confortata dai dati
presentati in questo paragrafo è che la perdita di SAU tra il 1999 e il 2007 ha interessato in modo
diffuso ambiti urbani e rurali, spostando quindi il confine dell’urbanizzazione oltre le periferie delle
4 A questo proposito va rilevato che i dati Dusaf registrano in tutte le zone, e in particolare nelle aree rurali con problemi
complessivi di sviluppo, rilevanti aumenti di SAU in numerosi comuni. Questo dato può essere in parte rilevabile con le
imprecisioni di natura classificatoria derivante dalla fotointerpretazione ed in parte dai criteri utilizzati per il calcolo della
SAU. Si è ritenuto di includere anche questi dati per salvaguardare la completezza dell’analisi.
95
grandi città. Vi sono anche casi di comuni, (Varzi e Romagnese), nei quali la riduzione di SAU è da
attribuire all’attuazione di programmi forestali.
In Tabella 3Errore. L'origine riferimento non è stata trovata. sono riportati i 20 comuni lombardi che
hanno avuto il maggiore consumo di SAU in termini percentuali rispetto alla SAU del 1997. Oltre la
metà dei comuni sono ubicati in zone urbane e nello specifico nei territori a nord di Milano nelle
province di Milano, Como, Varese e Monza e Brianza.
L’entità del consumo, con perdite che vanno dal 25% a oltre il 65% della SAU è spesso collegata a
modeste estensioni di superficie agricola. Si può infatti notare che ad esempio Cavaria perdendo
poco più di 26 ha vede ridotta la già esigua SAU comunale di oltre il 65%. Un analogo fenomeno si
riscontra in alcuni comuni della zona C presenti in classifica (Castro, Brunate, Vestreno). L’esigua
dotazione di SAU può avere ragioni differenti tra cui un pregresso consumo di suolo e una carenza
strutturale tipica del territorio nei comuni montani.
Tra i Comuni segnalati ce ne sono alcuni che hanno invece consumi elevati sia in termini assoluti
oltre che percentuali; tra di essi Limone del Garda (-151 ha, -50,66%) e Rho (-284,97, -31,13%).
In Tabella 4 sono riportate le statistiche descrittive relative alla perdita di SAU per le diverse zone
definite dal PSR. I maggiori consumi medi di SAU si riscontrano nella zona B (-32,13 ha), seguita dalla
A (-23,97 ha) e dalla C (-9,45 ha). In tutte le zone si riscontrano comuni che hanno avuto aumenti di
SAU e in particolare i comuni della zona D hanno avuto incrementi rilevanti. Va anche rilevato che,
coerentemente con le rispettive dotazioni di superfici agricole, il consumo nei comuni a prevalenza
agricola, zona B, è più elevato rispetto ai poli urbani in termini assoluti, ma è molto inferiore in
percentuale (3,28%).
La distribuzione per classi di variazione di superficie agricola è abbastanza differenziata nelle
diverse zone. In particolare nella A oltre il 37% dei comuni ha un consumo di SAU inferiore a 10 ha
(Figura 4) per la zona B nella medesima classe di consumo c’è il 19% dei comuni, mentre il 23,3%
perde tra i 10 e i 20 ha e oltre il 15% tra 20 e 30 ha (Figura 6).
La zona C ha invece una concentrazione maggiore nella classe di consumo di SAU inferiore ai 10
ha dove si situa il 47,6% dei comuni (Figura 8). Infine nella zona D i comuni con consumo di SAU al di
sotto dei 10 ha sono il 29% (Figura 10).
Nella classe più elevata, quella che raccoglie i comuni con un consumo di SAU superiore a 100 ha,
ci sono 12 comuni della zona A, 2 della zona C, 5 della zone D5 e addirittura 37 della zona B.
Dei 454 comuni della zona A, 171 hanno avuto una perdita di SAU inferiore al 5%, 140 compresa tra
5% e 10% e ben 25 comuni hanno superato il 20% di SAU persa (Figura 5).
Nei comuni ad agricoltura intensiva (zona B) vi è invece una elevata concentrazione di comuni
(440 su 571) nella classe di consumo inferiore al 5% (Figura 7Errore. L'origine riferimento non è stata
trovata.), così come nei comuni di aree intermedie, zona C (234 su 430) (Figura 9) e nella zona D
(36 su 86) (Figura 11).
I dati sin qui presentati dimostrano che il consumo di suolo interessa un ambito territoriale vasto,
espandendo la connotazione “periurbana” delle aree agricole ed estendendosi anche nelle aree
ad agricoltura intensiva specializzata in cui l’agricoltura è più produttiva e riveste un ruolo rilevante
in termini di uso del suolo, di occupazione e di reddito.
Ad oggi hanno partecipato alla misura 121 1461 aziende e la distribuzione spaziale, secondo
quanto riportato dal Rapporto di Valutazione Intermedia PSR 2007-2013 Lombardia, relativo
all’erogazione di contributi fino al 2009 e riassunto in tabella , ha visto ricadere la gran parte dei
finanziamenti nelle zone B (60% delle aziende e quasi 80% dei contributi), mentre una quota più
contenuta (21,8% dei richiedenti e 11, 4% dei contributi) ha interessato i poli urbani. Ai comuni della
5
Come accennato in precedenza e dall’analisi dell’uso del suolo nelle zone C e D i comuni che perdono grandi estensioni
di SAU sono spesso oggetto di programmi di imboschimenti di aree agricole.
96
zona C è stato attribuito il 6,6% delle risorse interessando il 12,6% delle aziende e ai comuni della
zona D è restata una quota residuale di finanziamenti (2,7% per 87 aziende)(Tabella 5).
Anche in termini di finanziamento medio aziendale vi sono significative differenze tra le zone. Gli
investimenti delle aziende della zona B hanno avuto un contributo medio di oltre 200.000 € contro i
quasi 82.000 € nelle zone A e C e i 72.000 € delle aziende ubicate in territori svantaggiati.
La rappresentazione geografica di questi dati, consultabile in Figura 12, mostra come al 2011 vi sia
stata una concentrazione di contributi erogati in alcune aree, come il Mantovano, il Cremonese e
la Provincia di Brescia, mentre nella zona pedemontana e nei comuni dell’hinterland milanese
Il propensity score è stato determinato mediante regressione logit. Il campione risulta sezionato in 5
blocchi come riportato in Tabella 6Errore. L'origine riferimento non è stata trovata.: all’interno di
ciascun blocco il campione risulta bilanciato, ossia la media di ciascuna delle variabili esplicative
osservate per il campione trattato e per quello non trattato non differiscono con un livello di
significatività dello 0.01.
Le variabili che risultano più significative sono quelle relative alla potenza totale delle macchine
operatrici presenti in azienda e alla quantità di lavoro assorbita (Tabella 7).
Gli effetti sulla destinazione d’uso dei suoli sono stati analizzati confrontando l’evoluzione della
superficie agricola nei comuni di appartenenza delle imprese che hanno aderito alla misura di
investimento e quella dei comuni di appartenenza delle aziende che non hanno aderito.
La stima di ATT è stata condotta confrontando la variazione di SAU avvenuta nei comuni nei quali
ricadono le aziende che hanno aderito alla misura 121 con la variazione riscontrata nei comuni nei
quali nessuna azienda ha aderito alla misura. In questa analisi non è del tutto corretto parlare di
effetto della politica (limitatamente alla componente di politica di sviluppo rurale orientata
all’ammodernamento delle aziende agricole), in quanto il fenomeno indagato appartiene al
“contesto” territoriale nel quale le aziende operano e non alle aziende medesime. Inoltre va
specificato che il fenomeno “consumo di suolo” è un processo di carattere strutturale le cui forze
determinanti esulano per gran parte dagli interventi sul settore agricolo. Per queste ragioni l’analisi
coglie non tanto le relazioni di causa-effetto quanto l’associazione spaziale tra allocazione degli
aiuti e consumo di suolo.
In (Tabella 8)Errore. L'origine riferimento non è stata trovata. sono riportati i risultati dell’analisi. La
stima di ATT è stata effettuata utilizzando diversi metodi: nearest neighbor matching with
replacement, radius matching, kernel matching e stratification method (Becker e Ichino, 2002;
Smith e Todd, 2005). La robustezza della stima di ATT è stata verificata con la stima bootstrap della
deviazione standard.
Tutti i metodi utilizzati confermano una significativa differenza nella variazione della superficie
agricola tra comuni nei quali vi sono aziende che hanno aderito alla misura 121 e comuni nei quali
non vi sono aziende6. Nell’area “Poli urbani” i comuni nei quali non vi sono stati interventi di
ammodernamento hanno registrato una perdita media compresa tra 72 e 78 ettari, mentre in
quelli nei quali sono stati attuati interventi di ammodernamento la perdita media è risultata di circa
50 ettari. Anche la verifica tramite il bootstrapped standard error conferma la robustezza della
stima.
Dai risultati ottenuti derivano alcune considerazioni. In primo luogo emerge che la frequenza (e la
probabilità) di accesso alla misura sull’ammodernamento delle aziende agricole è legata ad
alcune caratteristiche strutturali quali l’impiego in capitale e lavoro in azienda.
In secondo luogo l’accesso alla misura avviene prevalentemente laddove il consumo di suolo è
meno accentuato. Rispetto a tale relazione occorre sottolineare come l’analisi non porta ad
assegnare alla misura 121 (e a tutto il PSR) un ruolo “frenante” rispetto al fenomeno del consumo di
6 La variazione di superficie agricola, in questa fase dello studio, è stata calcolata in base alle restituzioni dei rilievi aerei
effettuati nel 1999 e nel 2007 (DUSAF). Non si tratta quindi di un evento conseguente all’attuazione del PSR ma
semplicemente di una tendenza temporale.
97
suolo, in quanto la relazione è indubbiamente caratterizzata da endogeneità, data la mutua
influenza che i due fenomeni possono esercitare. Può essere infatti sostenuto con valide
motivazioni che la misura 121 risulti più frequente in quei comuni a maggiore connotazione rurale,
ossia dove la pressione urbana è minore ed il consumo di suolo segue ritmi più bassi.
Nel presente caso quest’ultima spiegazione appare più coerente con l’impianto dell’analisi, in
quanto non è stato possibile assumere il dato relativo al consumo di suolo “successivo”
all’attuazione della misura e non è quindi corretto considerarlo un “effetto” della misura. Rimane
comunque una significativa differenza tra quanto avviene nell’evoluzione della SAU nei comuni nei
quali vi è accesso alla misura e in quelli dove nessuna azienda vi accede.
L’analisi delle misure agro-ambientali dedicate al paesaggio e i valori immobiliari regionali
L’analisi condotta ha riguardato tutti i Comuni della Lombardia, quindi 1544 unità, di cui 1053
hanno aderito, tra il 2004 e il 2008 alle azioni delle misure F e/o 214 riguardanti il paesaggio. Infatti,
già dal PSR 2000-2006 tra gli obiettivi specifici vi era la conservazione e valorizzazione del
paesaggio, con riferimento a tre categorie di azioni: introduzione o mantenimento di elementi
naturali e/o paesaggistici, mantenimento di particolari sistemazioni idraulico-agrarie, cura dei
terreni agricoli abbandonati. In particolare nella programmazione 2000-2006 la misura F si occupa
di paesaggio; a questo proposito appare opportuno precisare che i risultati che le distinte azioni
hanno sul paesaggio possono essere più o meno evidenti. Le azioni 3 e 4, “Produzioni vegetali
estensive” e “Miglioramento ambientale del territorio rurale” hanno effetti di tipo prevalentemente
paesaggistico, mentre le azioni 1 e 2 dedicate all’agricoltura integrata e biologica, influiscono in
maniera inferiore e più indiretta sul paesaggio (Marangon, 2006). Nella programmazione 2007-2013
le misure agro ambientali confluiscono nella 214 e le azioni dedicate al paesaggio che
corrispondono alle precedenti sono la b, c, e, f.
L’unione dei due rispettivi programmi di sviluppo agricolo ha portato una maggiore conoscenza
delle misure F e 214 con i loro relativi contributi in euro (Figura 13)
Le variabili descrittive del campione sono a scala comunale e relative a UDE, UBA, livello di
urbanizzazione, densità abitativa, tasso di crescita dell’urbanizzato, tasso di crescita della
popolazione, quota di SAU, superficie rientrante in area protetta. Anche questa analisi, come la
precedente, è stata effettuata per singole zone PSR 2007-2013.
Dalle medie delle variabili pre-trattamento utilizzate (Tabella 9), è interessante notare come le
variabili agricole, UDE e UBA, siano molto simili nelle zone C e D, probabilmente perché le due zone
sono somiglianti sia geograficamente, con territori quasi esclusivamente di collina e montagna, sia
per quanto riguarda la popolazione, con una densità abitativa di quasi dieci volte inferiore a
quella dei Poli urbani. Anche la percentuale di urbanizzato infatti, è più bassa di quella delle altre
due zone, A e B, mentre è il dato riguardante il tasso di crescita dell’edificato 7 nella zona D, intorno
al 13%, è ben superiore sia a quello della zona A (9,9%) che a quello della C (8,4%). Questo può
essere indice di uno spostamento dell’incremento dell’urbanizzazione, negli ultimi anni, dove c’è
maggior disponibilità di suolo libero, nonostante la scarsa crescita della popolazione: la medesima
considerazione si può fare per la zona B, Aree ad agricoltura intensiva specializzata, in cui il tasso di
crescita dell’urbanizzato è il più alto delle quattro zone (16%), proprio laddove l’agricoltura occupa
gran parte del territorio, con una percentuale di SAU che raggiunge in media il 75% circa del
territorio comunale. Un ulteriore dato interessante è quello che riguarda la superficie comunale
che ricade in area protetta, che raggiunge la quota del 16,3% in media nella zona dei Poli urbani,
dove più alta è la superficie di urbanizzato rispetto alla superficie totale comunale.
La Tabella 10 presenta le statistiche dei valori immobiliari (2009) della categoria “Ville e villini”:
come si poteva ipotizzare sono le abitazioni in zona A ad avere le quotazioni immobiliari maggiori
7
Riferito al periodo 99-07, da dati Dusaf.
98
per quanto riguarda la media, mentre nella zona D si nota un valore massimo molto alto, di 6100
euro/mq. Questo valore appartiene al Comune di Madesimo, molto noto, insieme a Bormio,
Valfurva, Livigno, per gli sport invernali: sono tutti Comuni in Provincia di Sondrio, con valori
immobiliari molto superiori alla media, per cui influenzano le statistiche relative all’intera zona D.
D’altra parte occorre sottolineare che sono le “Aree ad agricoltura intensiva e specializzata”, dove
più alto è il tasso di crescita dell’urbanizzato, come detto in precedenza, quelle in cui i valori
immobiliari sono più bassi, sia per media che per minimi e massimi.
Il propensity score è stato determinato mediante regressione logit, mentre la stima degli effetti
dell’attuazione delle misure sui valori immobiliari presenta risultati interessanti anche se non di
semplice interpretazione. La stima di ATT (Tabella 11) è stata condotta confrontando i valori
immobiliari presenti nei Comuni nei quali ricadono le aziende che hanno aderito alle misure
paesaggistiche con quelli dei Comuni nei quali nessuna azienda ha aderito alle misure. La
robustezza della stima di ATT è stata verificata con la stima bootstrap della deviazione standard.
Ciò che può essere correttamente messo in evidenza dalla metodologia utilizzata riguarda quindi
non tanto un nesso causale tra adesione alle misure e valore degli immobili, quanto un nesso
“strutturale” tra adesione a politiche di valorizzazione del paesaggio e valori immobiliari. Dai
risultati del p-score si può evidenziare come le variabili che influenzano maggiormente l’adesione
alle politiche paesaggistiche all’interno dei Poli urbani siano la superficie totale del comune e la
percentuale di urbanizzazione dello stesso, mentre, nelle zone B e C a vocazione maggiormente
agricola, sono le variabili relative all’azienda, UDE e UBA, a risultare più significative in termini di
adesione dei Comuni alle politiche del paesaggio.
La stima di ATT alla misura F ha portato alla conferma di una effettiva differenza tra i valori medi
della categoria “Ville e villini” all’interno dei Comuni che hanno aderito alla misura F e quelli che
non vi hanno aderito nelle zone A, B e C. Infatti, come ipotizzato, in tutti e tre i casi i Comuni dove vi
è stata adesione mostrano valori più elevati, il che farebbe ipotizzare una reale disponibilità degli
abitanti dei Comuni che hanno aderito alle misure F e 214 a pagare un differenziale di prezzo per
questa caratteristica, attribuendo un valore aggiunto al paesaggio. Solo nella zona A le differenze
appaiono però statisticamente significative. Si potrebbe dunque avanzare l’ipotesi che nei Poli
urbani i Comuni in cui vi è una maggiore propensione alla realizzazione di misure agro ambientali
che migliorano il paesaggio hanno valori immobiliari superiori relativi a ville e villini. Questo sarebbe
confermato anche da alcuni studi (Geoghegan J., 1997, Cho S-H., 2008), secondo cui sono i
residenti in area urbana a dimostrare disponibilità al pagamento di un surplus di prezzo delle
abitazioni in presenza di spazi verdi aperti, contrariamente agli abitanti di zone maggiormente
rurali.
Considerazioni conclusive
L’analisi condotta si inserisce all’interno di un più ampio percorso di ricerca sulle aree periurbane.
La metodologia adottata può fornire alcune utili informazioni specie nei territori ad elevata
pressione urbana. La disponibilità di informazioni sufficientemente dettagliate sulle caratteristiche
delle aziende e sull’adesione alle misure del PSR, provenienti dagli archivi amministrativi regionali
permette di indagare relazioni che in passato non era possibile analizzare. Con la tecnica del
propensity score matching i fenomeni indagati mostrano interessanti prospettive di sviluppo e
approfondimento.
L’analisi della distribuzione della misura 121, oggetto della prima analisi, mostra un’ elevata
capacità di catturare caratteristiche evolutive del territorio che apparentemente sfuggono al
dominio e alle finalità della misura. Infatti la competitività di un’azienda e la capacità di fornire
reddito all’imprenditore sono condizioni necessarie, anche se non sufficienti, alla sopravvivenza
dell’azienda agricola, che diventa così un presidio contro il cambiamento della destinazione d’uso
dei suoli agricoli.
99
Per quanto riguarda la seconda analisi, uno dei limiti principali della metodologia utilizzata è la
peculiarità delle azioni valutate, per cui la 214 e la F si concentrano in particolare sulla
conservazione delle strutture lineari esistenti, che rappresentano solo un elemento della qualità
paesaggistica.
Sulla base dello studio effettuato si può però ragionevolmente affermare che esiste un rapporto tra
le politiche paesaggistiche del PSR e il valore degli immobili residenziali per la categoria presa in
considerazione nella zona dei Poli Urbani. In particolare dalla ricerca si evince che sono gli abitanti
dei Comuni in zona A, la più urbanizzata della Regione Lombardia, a mostrare una disponibilità a
pagare un differenziale di prezzo per l’acquisto di immobili in Comuni in cui le aziende agricole
aderiscono alle misure agro ambientali dedicate al paesaggio. In questo senso l’elemento
paesaggistico dovrebbe essere preso in considerazione con valutazioni più accurate anche da
parte del mercato immobiliare.
2.3.5. Raccomandazioni per le politiche agricole e di sviluppo rurale
I risultati dell’analisi svolta possono suggerire alcune raccomandazioni di cui potrebbe essere
opportuno tenere conto nella futura programmazione di sviluppo rurale, in particolare per quanto
riguarda le specifiche esigenze emerse concernenti le aree periurbane.
Più in dettaglio:
1) Le aree periurbane sono fortemente soggette alla pressione urbana e per questo hanno
caratteristiche uniche. In virtù di questa loro specificità dovrebbero essere considerate alla
stregua di aree svantaggiate poiché le esternalità negative dovute alla vicinanza con
l’urbano spesso comportano una destrutturazione dell’agricoltura difficilmente sostenibile
dall’impresa agricola. Il primo fattore da considerare è quello della rendita fondiaria, che
influisce fortemente sul mercato dei terreni. Infatti, si può ragionevolmente affermare che la
rendita fondiaria urbana gode di una domanda di mercato molto elevata che la
avvantaggia a prescindere dalla forza della rendita agricola. A questo si aggiunge la
debolezza strutturale della rendita agricola, poiché l’agricoltura è un settore a bassa
redditività e a progressiva marginalizzazione, per cui a causa del basso valore aggiunto
delle produzioni sul mercato dei beni agricoli esse non possono essere considerate come
determinanti economiche nell’uso del suolo. Infatti, il loro valore aggiunto non influisce
minimamente sull’aumento di valore della rendita agricola periurbana. Un ulteriore
elemento di fragilità della rendita agricola è dovuto al fatto che essa non comprende il
valore delle esternalità positive prodotte dal settore primario, portando, nella pratica, ad un
fallimento di mercato. Il secondo fattore da prendere in considerazione è la
frammentazione agricola dei fondi generata principalmente dall’urbanizzazione dispersa
che comporta una scarsa funzionalità dell’attività agricola. Parallelamente a questo, la
diffusione delle infrastrutture urbane oltre a contribuire alla frammentazione del territorio
agricolo, compromette una fluida circolazione dei mezzi agricoli e limita ulteriormente
l’efficienza del lavoro agricolo. Le esternalità negative dovute all’urbano si sostanziano
inoltre nell’inquinamento causato da attività urbane o industriali relativo ad acqua e suolo,
che pregiudicano la qualità delle produzioni e a volte anche la loro praticabilità.
2) In seguito a queste osservazioni appare fondamentale che, con forza ancora maggiore che
in altri contesti territoriali, in ambito periurbano i diversi livelli di politica che si occupano
rurale e urbano, si confrontino e trovino soluzioni congiuntamente. A questo proposito è
auspicabile che alcune funzioni della DG Agricoltura siano coinvolte nella progettazione
degli spazi urbani e periurbani e nella governance del territorio regionale, con appositi
strumenti che riconoscano un ruolo attivo al settore agricolo nella gestione del territorio.
100
Ruolo che, peraltro, data la sua caratteristica di multifunzionalità, l’agricoltura già svolge
senza che le sia riconosciuto alcunché.
3) In area periurbana appare necessario da una lato, rafforzare la tutela dei terreni agricoli
tramite strumenti vincolistici a livello regionale e nazionale che ne garantiscano la
protezione giuridica, dall’altro è indispensabile affiancare a questi atti di natura
obbligatoria, misure che possono essere contenute nel PSR che accompagnino l’agricoltore
nella tutela del territorio e della propria attività. A questo fine si potrebbero ipotizzare
impegni pluriennali che leghino l’agricoltore ad opportune attività di conservazione e tutela
dell’ambiente, e che siano sovvenzionati a lungo termine. Parallelamente a ciò sarebbe
desiderabile inserire all’interno del PSR misure dedicate alla multifunzionalità anche nelle
aree dei Poli Urbani, direttamente da parte della Comunità Europea che testimoni non solo
la disponibilità monetaria a investire sulla multifunzionalità agricola ma anche la
consapevolezza che, in particolare nelle aree urbane e intorno alle città, questa è una delle
risorse maggiori di cui dispone l’agricoltura. Inoltre, dato che tendenzialmente la domanda
di mercato di beni agroalimentari, ma anche di servizi, è molto maggiore in prossimità delle
città che in area rurale, sarebbe auspicabile prevedere nel nuovo PSR misure atte a
incentivare, almeno nelle aree dei Poli Urbani, attività di filiera corta, vendita diretta e tutto
ciò che contribuisce non solo ad aumentare il reddito all’agricoltore, ma anche a costruire
una necessaria rete di relazioni tra città e agricoltura.
Tavola 1 - Classificazione territoriale su base PSR 2007-2013
[elaborazione DISAA su dati PSR 2007-2013]
101
> di 20%
tra 15% e 20%
tra 10% e 15%
tra 5% e 10%
tra 0 e 5%
tra 0 e -5%
tra -5% e -10%
tra -10% e -15%
tra -15% e -20%
> di -20%
n comuni
> 100
tra 90 e 100
tra 80 e 90
tra 70 e 80
tra 60 e 70
tra 50 e 60
tra 40 e 50
tra 30 e 40
tra 20 e 30
tra 10 e 20
tra 0 e 10
tra - 0 e - 10
tra - 10 e - 20
tra - 20 e - 30
tra - 30 e - 40
tra - 40 e - 50
tra - 50 e - 60
tra - 60 e - 70
tra - 70 e - 80
tra - 80 e - 90
tra - 90 e - 100
> - 100
n comuni
Figura 1 – Regione Lombardia: consumo di SAU della totalità dei comuni lombardi (ha)
600
500
400
300
200
100
0
ha
[elaborazione su dati DUSAF, 1999-2007]
Figura 2 – Regione Lombardia: consumo di SAU (%) della totalità dei comuni lombardi
1000
900
800
700
600
500
400
300
200
100
0
%
[elaborazione su dati DUSAF, 1999-2007]
102
> di 20%
tra 15% e 20%
tra 10% e 15%
tra 5% e 10%
tra 0 e 5%
tra 0 e -5%
tra -5% e -10%
tra -10% e -15%
tra -15% e -20%
> di -20%
n comuni
> - 100
> 100
tra 90 e 100
tra 80 e 90
tra 70 e 80
tra 60 e 70
tra 50 e 60
tra 40 e 50
tra 30 e 40
tra 20 e 30
tra 10 e 20
tra 0 e 10
tra - 0 e - 10
tra - 10 e - 20
tra - 20 e - 30
tra - 30 e - 40
tra - 40 e - 50
tra - 50 e - 60
tra - 60 e - 70
tra - 70 e - 80
tra - 80 e - 90
tra - 90 e - 100
n comuni
Figura 3 – Regione Lombardia: comuni A – consumo di SAU (ha)
180
160
140
120
100
80
60
40
20
0
ha
[elaborazione su dati DUSAF, 1999-2007]
Figura 4 – Regione Lombardia: comuni A – consumo di SAU (%)
180
160
140
120
100
80
60
40
20
0
%
[elaborazione su dati DUSAF, 1999-2007]
103
> di 20%
tra 15% e 20%
tra 10% e 15%
tra 5% e 10%
tra 0 e 5%
tra 0 e -5%
tra -5% e -10%
tra -10% e -15%
tra -15% e -20%
> di -20%
n comuni
> - 100
> 100
tra 90 e 100
tra 80 e 90
tra 70 e 80
tra 60 e 70
tra 50 e 60
tra 40 e 50
tra 30 e 40
tra 20 e 30
tra 10 e 20
tra 0 e 10
tra - 0 e - 10
tra - 10 e - 20
tra - 20 e - 30
tra - 30 e - 40
tra - 40 e - 50
tra - 50 e - 60
tra - 60 e - 70
tra - 70 e - 80
tra - 80 e - 90
tra - 90 e - 100
n comuni
Figura 5 – Regione Lombardia: comuni B – consumo di SAU (ha)
140
120
100
80
60
40
20
0
ha
[elaborazione su dati DUSAF, 1999-2007]
Figura 6 – Regione Lombardia: comuni B – consumo di SAU (%)
500
450
400
350
300
250
200
150
100
50
0
%
[elaborazione su dati DUSAF, 1999-2007]
104
0
> di 20%
tra 15% e 20%
tra 10% e 15%
tra 5% e 10%
tra 0 e 5%
tra 0 e -5%
tra -5% e -10%
tra -10% e -15%
tra -15% e -20%
> di -20%
n comuni
> - 100
tra - 90 e - 100
tra - 80 e - 90
tra - 70 e - 80
tra - 60 e - 70
tra - 50 e - 60
tra - 40 e - 50
tra - 30 e - 40
tra - 20 e - 30
tra - 10 e - 20
tra - 0 e - 10
tra 0 e 10
tra 10 e 20
tra 20 e 30
tra 30 e 40
tra 40 e 50
tra 50 e 60
tra 60 e 70
tra 70 e 80
tra 80 e 90
tra 90 e 100
> 100
n comuni
Figura 7 – Regione Lombardia: comuni C – consumo di SAU (ha)
250
200
150
100
50
0
ha
[elaborazione su dati DUSAF, 1999-2007]
Figura 8 – Regione Lombardia: comuni C – consumo di SAU (%)
250
200
150
100
50
%
[elaborazione su dati DUSAF, 1999-2007]
105
> di 20%
tra 15% e 20%
tra 10% e 15%
tra 5% e 10%
tra 0 e 5%
tra 0 e -5%
tra -5% e -10%
tra -10% e -15%
tra -15% e -20%
> di -20%
n comuni
> - 100
> 100
tra 90 e 100
tra 80 e 90
tra 70 e 80
tra 60 e 70
tra 50 e 60
tra 40 e 50
tra 30 e 40
tra 20 e 30
tra 10 e 20
tra 0 e 10
tra - 0 e - 10
tra - 10 e - 20
tra - 20 e - 30
tra - 30 e - 40
tra - 40 e - 50
tra - 50 e - 60
tra - 60 e - 70
tra - 70 e - 80
tra - 80 e - 90
tra - 90 e - 100
n comuni
Figura 9 – Regione Lombardia: comuni D – consumo di SAU (ha)
30
25
20
15
10
5
0
ha
[elaborazione su dati DUSAF, 1999-2007]
Figura 10 – Regione Lombardia: comuni D – consumo di SAU (%)
40
35
30
25
20
15
10
5
0
%
[elaborazione su dati DUSAF, 1999-2007]
106
REGIONE LOMBARDIA
Figura 11 - misura 121: ammodernamento delle aziende agricole
[elaborazione DISAA su dati SIARL 2010]
107
Figura 12 - adesione comunale alla misura f e 214 con relativi contributi (€) per comune
[Fonte: nostra elaborazione su dati SIARL 2000-2011]
Tabella 1 - consumo di suolo in Lombardia
SAU ha
SAU %
Media
-21.25
-4.11%
Min
-469.12
-65.73%
Max
428.94
80.74%
Dev Std
43.86
8.13%
[elaborazione DISAA su dati DUSAF, 1999-2007]
108
COMUNI
Tabella 2 - comuni lombardi con il più elevato consumo di SAU
N
COMUNE
PROV.
PERDITA SAU (HA) PERDITA SAU (%)
ZONA PSR
1 MANTOVA
MN
-469.116
-14.51%
A
2 MILANO
MI
-454.269
-11.60%
A
3 BRESCIA
BS
-359.959
-13.93%
A
4 RHO
MI
-284.972
-31.13%
A
5 MONTICHIARI
BS
-254.802
-4.09%
B
6 VARZI
PV
-252.641
-11.78%
D
7 ROMAGNESE
PV
-247.412
-20.35%
D
8 VIGEVANO
PV
-194.206
-4.27%
B
9 CASTEL GOFFREDO
MN
-188.708
-5.21%
B
10 MEDOLE
MN
-188.214
-8.19%
B
11 CURTATONE
MN
-185.173
-3.22%
B
12 LONATO DEL GARDA
BS
-184.557
-3.50%
B
13 GOITO
MN
-181.859
-2.64%
B
14 GHEDI
BS
-171.297
-3.75%
B
15 MARMIROLO
MN
-169.093
-5.26%
B
16 CREMONA
CR
-165.407
-3.58%
A
17 CASTIGLIONE DELLE STIVIERE
MN
-163.317
-5.34%
B
18 PAVIA
PV
-159.249
-3.82%
A
19 SUZZARA
MN
-159.006
-3.22%
B
20 POZZOLENGO
BS
-155.102
-8.19%
B
[elaborazione su dati DUSAF, 1999-2007]
109
COMUNI
Tabella 3 - comuni lombardi con il più elevato consumo di SAU in %
n
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
Comune
Prov.
CAVARIA CON PREMEZZO
LIMONE SUL GARDA
BRESSO
CAVALLASCA
PERO
CASTRO
BRUNATE
VALMADRERA
BOVISIO MASCIAGO
RHO
ORIO AL SERIO
VESTRENO
CORMANO
SEVESO
LONGONE AL SEGRINO
PREGNANA MILANESE
VALSECCA
SOLZA
MARCALLO CON CASONE
ERVE
Perdita SAU (ha) Perdita SAU (%)
VA
BS
MI
CO
MI
BG
CO
LC
MB
MI
BG
LC
MI
MB
CO
MI
BG
BG
MI
LC
-26.5275
-151.001
-23.0099
-27.3257
-67.9899
-5.17954
-0.72374
-87.5014
-42.3758
-284.972
-3.78177
-5.86569
-39.268
-37.7699
-6.55884
-54.9013
-26.1688
-16.0817
-154.474
-7.3741
Zona PSR
-65.73%
-50.66%
-50.64%
-50.27%
-44.85%
-44.24%
-39.35%
-38.45%
-31.68%
-31.13%
-31.05%
-29.53%
-28.72%
-27.59%
-27.50%
-26.87%
-26.41%
-25.92%
-25.61%
-24.95%
A
C
A
A
A
C
C
C
A
A
B
C
A
A
A
A
C
B
A
C
[elaborazione su dati DUSAF, 1999-2007]
COMUNI
Tabella 4 - distribuzione del consumo di SAU per zone del PSR (frequenze)
SAU ha
A
Media
B
C
D
-23.97
-32.13
-9.45
6.94
-469.12
-254.80
-151.00
-252.64
Max
73.80
213.93
428.94
324.12
Dev Std
43.82
37.59
32.78
86.10
Min
SAU %
Media
A
B
C
D
-7.25%
-3.44%
-3.08%
2.96%
Min
-65.73%
-31.05%
-50.66%
-20.35%
Max
23.28%
4.65%
48.84%
80.74%
7.86%
4.08%
8.88%
15.68%
Dev Std
[elaborazione DISAA su dati DUSAF, 1999-2007]
110
Tabella 5 - misura 121, distribuzione degli aiuti erogati per zona
Zona
Aziende
n
Investimento ammesso
%
€
%
Investimento medio aziedale (€)
A
318
21,77%
26.059.551
11.44%
81.948,27
B
872
59,69%
180.442.511
79.21%
206.929,50
C
184
12,59%
15.049.777
6.61%
81.792,27
D
87
5,95%
6.252.454
2.74%
71.867,29
1461
100%
227.804.293
100%
155.923,50
Totale
[elaborazione DISAA su dati SIARL 2010]
Tabella 6 - bilanciamento delle aziende del campione in segmenti di propensity score
Inferior of block of pscore
misura_121
Total
0
1
68
9
77
0.1
159
14
173
0.125
430
66
496
0.15
816
168
984
0.2
53
17
70
1,526
274
1,800
0.0368749
Total
[elaborazione DISAA su dati SIARL 2010, DUSAF 1999-2007]
Tabella 7 - statistiche descrittive delle variabili utilizzate misura 121
Obs
Mean
Std.Dev.
Min
Max
ude
1805
44.57193
77.85997
0.09
964.46
sup_azienda (ha)
1805
26.25282
35.99243
0.275
469.5917
ore_lavoro (h)
1805
2077.011
1248.201
18
10800
potenza (kW)
1805
225.4527
245.5842
0
6209.3
potenzasup (kW/ha)
1805
15.63836
17.68768
0
240.9412
uba
1805
29.60487
120.5714
0
2749.5
ubasup_az (UBA/ha)
1805
1.936713
12.00769
0
292
consumo_suolo (ha)
1805
69.93261
107.4984
0.312708
549.8708
consumo_suolo (%)
1805
9.531036
12.93105
0.137957
303.5502
[elaborazione DISAA su dati SIARL 2010, DUSAF 1999-2007]
Tabella 8 - effetto sul consumo di suolo (ATT)
Average
outcome of the
matched treated
Average
outcome of the
matched controls
ATT Estimation
(Analytical
standard error)
Nearest
Radius
neighbor
t
matching
matching with
(preplacement
value)
50.1546
50.155
78.5623
-28.408 -3.079
(0.002)
Kernel
t
matching
(pvalue)
50.155
72.864
-22.709
t
(pvalue)
Stratification
method
t
(pvalue)
72.095
-5.243
(<0.0001)
-21.940
nc
-21.797
-4.992
(<0.0001)
111
ATT Estimation
(Bootstrapped
standard error)
-28.408 -2.995
(0.003)
-22.709
-5.87
(<0.0001)
-21.940
-5.139
(<0.0001)
-21.797
Obs treated
274
274
274
274
Obs control
239
1526
1526
1526
-5.785
(<0.0001)
[elaborazione DISAA su dati SIARL 2010, DUSAF 1999-2007]
Tabella 9 - medie delle variabili pretrattamento usate nel p-score, divise per zone
territoriali del PSR
A
B
C
UDE
15,26
43,94
5,99
UBA
35,37
326,73
23,81
% Urbanizzato
Densità abitativa (ab/kmq)
Tasso di crescita urbanizzato
Tasso crescita popolazione
% SAU
% Superficie comunale in area protetta
37,57
1.226,48
9,89
14,16
35,06
16,31
15,96
348,86
16,10
17,36
75,69
11,32
D
5,42
24,14
7,93
201,28
8,43
4,77
19,90
5,43
5,36
124,99
13,51
0,61
15,17
6,36
[elaborazione DISAA su dati SIARL 2011, ISTAT 2011, Dusaf 2007]
Tabella 10 - valori immobiliari minimi, massimi e medi in euro/mq della categoria “ville e villini”
divise per aree di PSR.
A
B
C
D
Media
Max
Min
1.393,42
2.985,00
916,11
1.087,89
2.841,67
702,50
1.173,66
3.275,00
795,00
1.208,05
6.100,008
996,25
[elaborazione DISAA su dati SIARL 2011, ISTAT 2011, Dusaf 2007]
Tabella 11 - Effetti sul Valore degli immobili “ville e villini” divisi per zona de lpsr ( stima ATT)
Average
Average
ATT
ATT
outcome
outcome
estimation estimation
of the
of the
Analitycal Bootstr
t
t Bootstr
matched
matched
Obs
Obs
Obs standard standard
(pstandard
treated
controls
treat contr tot
error
errors
value) errors
A
1412974
1292493
304
94
457 120481,00 1204814,00 2120 1723
(0,00)
B
1.096.751
1.109.051
353
125
567 - 12.300,00 - 12.300,00
-0.211
-0.193
(0,83)
C
1174.68
1.157.108
306
63
398
17.573,00
17.573,00
0.153
0.122
(0,90)
D
0
0
77
0
77
-
-
-
-
[elaborazione DISAA su dati SIARL 2010, DUSAF 1999-2007]
112
2.3.6. Bibliografia
AAVV (2009), Per un’altra campagna, riflessioni e proposte sull’agricoltura periurbana, Maggioli,
Sant’Arcangelo di Romagna
Ahearn M.C., Yee J., Korb P. (2005), Effects of Differing Farm Policies on Farm structure and
Dynamics, American Journal of Agricultural Economics, Vol. 87, n. 5, pp. 1182-1189
Bertoni D., Cavicchioli D., Pretolani R., Olper A. (2008), Agri-environmental measures adoption: new
evidence from Lombardy region, accepted paper for the 109th EAAE seminar “The CAP after
Fischler reform: national implementations, impact assessment and the agenda for future reforms”,
Viterbo, 20-21 november 2008
Caliendo M., Kopeinig S. (2008), Some practical guidance for the implementation of propensity
score matching, Journal of Economic Surveys, Vol.22, n. 1, pp.31-72
Carrion-Flores, C, Irwin, E 2004, “Determinants of residential land-use conversion and sprawl at the
rural urban fringe”. American Journal of Agricultural Economics Vol. 86, no. 4, pp. 889-904
Centro Ricerca Consumo di Suolo 2012, Rapporto 2012, Maggioli, Milano
Chabé-Ferret S., Subervie J. (2010), Estimating the impact of the French agroenvironmental
schemes on agricultural practices by Difference-In-Difference matching, working paper, OECD
workshop “Evaluation of agroenvironmental policies” 20-22 june 2011,
http://www.prodinra.inra.fr/prodinra/pinra/data/2011/07/PROD201165e62719_20110718115122196.
pdf
Cho, S-H, Poudyal, N, C, Roberts, R, K 2008, “Spatial analysis of the amenity value of green open
space”, Ecological Economics Vol. 66, pp. 403-416
Ciaian P., Swinnen J.F.M. (2006), Land market imperfections and agricultural policy impacts in the
new EU member states: a partial equilibrium analysis, American Journal of Agricultural Economics,
Vol. 88, n. 4, pp. 799-815
CNR 1990, Interazione e competizione dei sistemi urbani con l’agricoltura per l’uso della risorsa
suolo, Monografia 29, Pitagora editrice, Bologna
Corsi S. (2008) “La VAS come strumento di valutazione dei Piani di Sviluppo Rurale” atti del XXXVII
Incontro di Studi CeSET sul tema “Riforma della PAC, evoluzioni tecnologiche e trasformazioni
ambientali: aspetti economici, estimativi, giuridici e urbanistici”, Ferrara, 19 – 20 ottobre 2007 (E.
Marone, a cura di), pagg. 125-139
Dehejia R.H, Wahba S. (2002), Propensity Score Matching Methods For Non-Experimental Causal
Studies, Department of Economics Discussion Paper No. 0102-14, Columbia University Press.
Emiliani V. (2007), Il consumo di suolo in Italia e in Europa, paper presentato al Convegno Nazionale
Comitato per la Bellezza, Roma, 18/10/2007
ERSAF (2010), Uso del suolo in Regione Lombardia. I dati Dusaf, Regione Lombardia, Milano
ERSAF 2011, L’uso del suolo in Regione Lombardia negli ultimi 50 anni, Regione Lombardia, Milano
113
ESEC (2004), Opinion of the European Social Economic Committee on Agriculture periurban areas,
NAT 204/2004, Official journal of the European Union, Brussels
European Environment Agency (2006), Urban sprawl in Europe, the ignored challenge, Office for
Official Publications of the European Communities, Luxembourg
European Environment Agency 2006, Urban sprawl in Europe, the ignored challenge, Office for
Official Publications of the European Communities, Luxembourg
Geoghegan, J, Wainger, L, A, Bockstael, N 1997, “Spatial landscape indices in a hedonic
framework: an ecological economics analysis using GIS”, Ecological Economics Vol. 23, pp. 251-264
Godland E.M., Sadoulet E., De Janvry A., Murgai R., Ortiz O. (2004), The impact of Farmer Field
Schools on Knowledge and Productivity: a study of potato farmers in the Peruvian Andes,
Economic Development and Cultural Change, Vol.53, n.1, pp.63-92
Gómez-Limón J.A., Sanchez Fernandez G. (2010), Empirical evaluation of agricultural sustainability
using composite indicators, Ecological economics, Vol. 69, pp. 1062-1075
Heimlich R.E., Anderson W.D. (2001), Development at the rural urban fringe and beyond: impact on
agriculture and rural land, Agriculture economic report n° 803, Economic research service, U.S.
department of agriculture
Jim, C, Y, Wendy, Y, C 2010, “External effects of neighbourhood parks and landscape elements on
high-rise residential value”, Land Use Policy Vol. 27, pp. 662-670
Key N., Roberts M.J.(2006), Government payments and Farm Business Survival, American Journal of
Agricultural Economics, Vol. 88, n. 2, pp. 382-392
Kim C.S., Schleuter G., Schaible G., Mishra A., Hallahan C.(2005), A decomposed negative binomial
model of structural change: a theoretical and empirical application to U.S. agriculture, Canadian
journal of Agricultural Economics, Vol.53, pp. 161-176
Livanis G. et al (2006), Urban sprawl and farmland prices, American journal of Agricultural
Economics, Vol. 88
Lynch L., Xiangping L. (2007), Impact of designated preservation areas on rate of preservation and
rate of conversion: preliminary evidence, American Journal of Agricultural Economics
Marangon F. (a cura di) 2006, Gli interventi paesaggistico ambientali nelle politiche regionali di
sviluppo rurale, FrancoAngeli, Milano
Mazzocchi C. (2011), Il ruolo dell’agricoltura periurbano nelle dinamiche di consumo di suolo:
l’indicatore di rischio di consumo di suolo agricolo, tesi di dottorato, Università degli studi di Padova
Pileri P. (2010), Evoluzione del consumo di suolo e dei bisogni insediativi, paper presentato a «Terra!»
meeting interdisciplinare, Milano
114
Pretolani R. (2011), L’agricoltura lombarda attraverso dati dell’uso del suolo, in L’uso del suolo in
Lombardia negli ultimi 50 anni, Regione Lombardia, Milano
Ready, R, Abdalla, C 2003, “The Impact of Open Space and Potential Local Disamenities on
Residential Property Values in Berks County”, Staff Paper, Department of Agricultural Economics
and
Rural
Sociology
Pennsylvania
State
University,
Pennsylvania.
Available
at:
http://aese.psu.edu/research/publications/the-impact-of-open-space-and-potential-localdisamenities-on-residential-property-values-in-berks-county-pennsylvania/view
Last
access
7/02/2013
Rosenbaum, P, M, Rubin, D, B 1983, “The central role of the propensity score in observational studies
for causal effects”, Biometrika, Vol. 70, no. 1, pp. 41-55
Sali G., Provolo G., Riva E. (2009), Rendita fondiaria e consumo di suolo agricolo, Rivista di
Economia Agraria, Vol.3-4, pp. 465-484
Scaramellini G. (2011), Evoluzione quantitativa e fattori di promozione dei mutamenti territoriali, in
L’uso del suolo in Lombardia negli ultimi 50 anni, Regione Lombardia, Milano
Shaik S., Helmers G.A. (2006), An examination of farm program payments on farm economic
structure, Presentations, working papers and gray literature, Agricultural Economics, Paper 13
Thapa R.B., Murayama Y. (2008), Land evaluation for periurban agriculture using analytical
hierarchical process and geographic information system techniques. A case study of Hanoi, Land
use policy, Vol.25, 225-239
Treu M.C. (2011), La città in espansione e la campagna abitata, in L’uso del suolo in Lombardia
negli ultimi 50 anni, Regione Lombardia, Milano
115
2.4. Classificazione dei comuni lombardi sulla base della morfologia sociale e
delle funzioni : 4 possibili scenari interpretativi del territorio
Matilde Ferretto, Giulia Caiani, Silvia Mugnano – DSRS, Università degli Studi di Milano Bicocca
2.4.1. Abstract
L'identificazione dei sistemi territoriali sulla base di criteri puramente morfologici (ad esempio la
densità di popolazione, la distanza dai centri urbani, l'altitudine, l'incidenza della superficie agricola
totale sulla superficie urbanizzata) può risultare di una qualche utilità su scala nazionale, ma fallisce
ai fini comparativi a livello regionale o comunale. L'adozione di un quadro concettuale che
comprenda, oltre agli indicatori di morfologia geografica, anche indicatori di morfologia sociale
può contribuire a fornire un quadro più credibile e, in alcuni casi, a ridisegnare parzialmente i
confini territoriali sulla base delle funzioni che insistono sul territorio, determinate a loro volta dalle
specifiche traiettorie di insediamento, dal potenziale di attrazione, dagli stili di vita, dalla presenza
e dall'accesso ai servizi di base (Casacchia, Nuvolati, Piroddi, Reynaud, 2006; Martinotti 2003, 2009).
Il gruppo di ricerca del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale (DSRS) dell’Università Bicocca
si propone quindi di indagare, attraverso una analisi fattoriale esplorativa (EFA) condotta su scala
comunale in Lombardia, in che modo e in quale misura le variabili osservate siano riconducibili a
fenomeni che, per loro stessa natura, non risultino altrettanto misurabili, ancorché altamente
significativi. Le variabili prescelte appartengono a macrodimensioni di natura geografica e sociale,
essendo le prime comunemente adottate per l'individuazione delle zone più vulnerabili (OECD
2009) e le seconde principalmente impiegate nella letteratura sociologica, al fine di cogliere il
grado di omogeneità e la presenza di inter-localismi che spesso caratterizzano i processi di crescita
urbana e metropolitana in Italia (International Urban Research Institute of International Studies,
1959; Cafiero e Busca, 1970; Hall e Hay, 1980). Sulla base dei risultati della EFA si introduce quindi
una analisi cluster come criterio di aggregazione alternativa per i) identificare comuni lombardi
“simili”, sulla base di fattori latenti precedentemente stimati (urbanità, sprawl, servizi, mobilità); ii)
esplorare i pattern di concentrazione dei suddetti fattori latenti, pervenendo alla definizione di 7
principali sistemi territoriali e di 4 scenari interpretativi del territorio che superino la partizione
rigidamente morfologica del territorio (aree a funzioni urbane consolidate; aree a funzioni urbane
dinamiche; aree prevalentemente naturalistiche, aree turistiche).
Questo approccio è particolarmente utile per catturare il potenziale di "transizione" (aree non
urbane, né rurali) secondo un punto di vista non convenzionale che presti attenzione agli elementi
di (dis)continuità con le aree circostanti in termini di funzioni, piuttosto che in termini strettamente
geografici. In secondo luogo, offre un prezioso contributo in termini di politiche, in quanto
incoraggia l'adozione di appositi interventi a livello di micro-scala, basati su un'attenta analisi delle
aree e delle comunità, rivelando la plausibilità di molteplici “urbani”, “rurali” e “periurbani”.
The identification of territorial systems on the basis of purely morphological criteria (eg density,
distance from urban centers, altitude, incidence of total agricultural area on the urbanized area)
can certainly support policies at a national scale, but may not be effective for comparative
purposes at the regional or municipal level. The adoption of a conceptual framework that includes,
in addition to indicators of geographical morphology, also indicators of social morphology can
help to achieve a more credible picture and, in some cases, to partially redraw territorial
boundaries on the basis of the functions insisting on territories, determined by the specific
trajectories of settlement, attraction potential, lifestyles, presence and access to basic services
(Casacchia, Nuvolati, Piroddi, Reynaud, 2006; Martinotti 2003, 2009). Through a preliminary
exploratory factor analysis (EFA) this work (held by Bicocca University of Milan – Department of
116
Sociology and Social Research) investigates, at the municipality level of one of the most prosperous
Italian regions (Lombardy), how and to what extent some observed variables are linked to some
underlying and unexplained latent factors. These variables are issued from both geographic and
social domains, being the former currently adopted for the identification of most vulnerable areas
(OECD 2009) and the latter mainly recommended in sociology in order to capture the degree of
homogeneity and the presence of inter-localism that often characterizes the processes of urban
and metropolitan growth in Italy (International Urban Research Institute of International Studies,
1959; Cafiero e Busca, 1970; Hall and Hay, 1980). As a result, a cluster analysis is introduced as
alternative aggregation rule to : i)identify similar neighborhoods according to the previously
estimated latent criteria (urbanity, sprawl, services, mobility); ii) explore the concentration patterns
of such criteria, finally portraying 7 territorial systems and 4 main scenarios exceeding the strictly
morphological partition (areas with consolidated urban functions, areas with dynamic urban
functions, predominantly natural areas, tourist areas)
This approach is primarily useful to catch the potential of "transition" areas (neither urban, nor rural)
according to a non-conventional perspective that pays attention to the elements of (dis) continuity
with the surrounding areas in terms of functions, rather than in strictly geographical terms. Secondly,
it offers a valuable contribution in terms of policies, since it encourages the adoption of ad hoc
micro-scale interventions based on a careful analysis of both areas and communities, revealing the
plausibility of multiple urbans, rurals and periurbans.
2.4.2. Premessa
Il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale di Milano Bicocca (DSRS) propone una
classificazione dei comuni lombardi basata sulle funzioni che insistono su questi territori,
determinate a loro volta da una precisa combinazione di alcune variabili-chiave (il profilo sociodemografico delle popolazioni, la disponibilità e accessibilità ai servizi e ai trasporti, la capacità
attrattiva dell’area, gli stili di vita).
La scelta di includere, accanto ai tradizionali indicatori di carattere socio-economico, anche
informazioni di questo tipo ha una sua rilevanza e scaturisce principalmente da due considerazioni.
In primo luogo, è stato ravvisato un limite nell’approccio utilizzato ai fini della Programmazione
Strategica Nazionale (PSN) dello sviluppo rurale 2007-2013 (ancorché rivisitato rispetto a quello
proposto da OECD1), secondo il quale le zone rurali e quelle urbane vengono identificate
principalmente sulla base della densità di popolazione, della distanza da centri urbani più o meno
grandi, della zona altimetrica e dell’incidenza della superficie agricola totale sulla superficie
urbanizzata2. Questo approccio metodologico, che considera principalmente variabili legate alla
densità di popolazione e all’uso del suolo, può infatti risultare leggibile su scala nazionale ma
relativamente inefficace sulla microscala regionale lombarda e, a maggior ragione, per finalità
comparative a livello comunale. E’ legittimo chiedersi, ad esempio, se le aree periurbane
all’interno della stessa regione possano essere caratterizzate da funzioni di vita differenti, invece
che tendere ad “omologarsi” secondo un modello interpretativo univoco e predeterminato.
In secondo luogo, la scelta degli indicatori è stata effettuata sulla base della significativa tradizione
sociologica legata agli studi urbani e regionali3, che in buona sostanza raccomandano di
considerare, per identificare un centro urbano:
1
OECD (1994), Creating rural indicators for shaping territorial policies, OECD, Paris; OECD (2009), The new rural paradigm,
new policy approaches to rural development, policy forum on agriculture and rural development, ed. OECD, Paris.
2 Si consulti, per un maggior dettaglio tecnico, il Programma di sviluppo rurale 2007-2013, Rergione Lombardia (DG
Agricoltura), 2011.
3 Solo per citare i principali autori e i relativi tentativi di classificazione si segnalano : International Urban Research, 1959;
Cafiero e Busca, 1970; CNR, 1970; Hall and Hay, 1980; Functional Urban Regions FURs. In questi studi, il “periurbano” emerge
genericamente come “non urbano”, o quantomeno in funzione dell’urbano. Secondo questa accezione, tuttavia, ai criteri
esclusivamente legati a densità/ uso del suolo (tipici ad esempio della classificazione proposta nel PSN/ OECD), vengono
associati nuovi indicatori in grado di catturare il grado di omogeneità, interrelazione e la presenza di localismi che spesso
caratterizza i processi di crescita urbana e metropolitana in Italia.
117
-
indicatori di densità abitativa, demografici e di struttura della popolazione, percentuale di
popolazione attiva nei diversi settori produttivi (criterio di omogeneità);
indicatori legati ai flussi pendolari, alle traiettorie attrattive, agli scambi telefonici (criterio di
interdipendenza);
l’appartenenza al contesto metropolitano o a sistemi di configurazione geografica definiti
ex ante, la rottura del continuum, la contiguità spaziale e i criteri naturalistici (criterio
morfologico).
La classificazione qui proposta, in linea con i principali contributi di carattere sociologico in tema di
periurbano4, “fotografa” quindi in prima istanza i singoli comuni lombardi sulla base della loro
“urbanità”, senza tralasciare però, come elementi costitutivi dei singoli profili interpretativi, anche
macrodimensioni che ne raccontino gli stili di vita (in termini oggettivi), il profilo demografico, la
disponibilità di servizi, la capacità attrattiva, la mobilità e pertanto, in ultima istanza, la funzione di
vita prevalente.
Questo contributo trae origine da due principali domande di ricerca, in base alle quali è stata
articolata la struttura del lavoro.
In primo luogo, ci siamo chieste se in letteratura esistessero approcci teorici rivolti allo studio dei
territori (inclusi quelli periurbani) che considerassero anche variabili sociologiche legate, nella
fattispecie, alla caratterizzazione delle funzioni come criterio discriminante per la definizione dei
sistemi territoriali.
In secondo luogo, ci è parso interessante capire, attraverso il caso studio lombardo, se l’approccio
sociologico potesse contribuire o meno a (ri)definire i territori, al di là della semplice descrizione
effettuata sulla base di classificazioni preesistenti.
Alla luce di queste due domande sono state articolate le sezioni successive.
Nella sezione 2.4.3. abbiamo precisato brevemente le premesse metodologiche e la letteratura
rilevante che ci ha ispirato. E’ stato preso in considerazione un caso studio dedicato alla
classificazione dei comuni lombardi secondo alcune macrodimensioni rilevanti ottenute da una
analisi fattoriale esplorativa e poi impiegate come criterio per la definizione dei nuovi sistemi
territoriali (scaturiti dall’individuazione di sette cluster e, successivamente, di quattro scenari
interpretativi).
Nella sezione 2.4.4. sono stati illustrati i principali risultati, mentre la sezione 2.4.5. è stata dedicata
alle raccomandazioni per l’adozione di politiche virtuose in materia di agricoltura e sviluppo rurale
che scaturiscono direttamente da questo lavoro e dall’approccio che lo ha ispirato.
2.4.3. Approccio metodologico
Literature review: cenni
Una delle definizioni, probabilmente fra le prime coniate, del “periubano” si ritrova nel dizionario
francese “Le Grand Robert”, in cui il termine viene inserito come aggettivo e definito come
spazio/porzione di un territorio che, pur non facendo parte della città (urbano) in senso stretto, si
colloca intorno ad essa (peri). Da questa definizione si evince che l’esistenza del periurbano sia
confermata solo in relazione al contesto urbano. Questo approccio “per sottrazione” rende
imprescindibile ragionare sulla definizione del periurbano attraverso la questione urbana.
Il periurbano appare, quindi, come un prodotto della diffusione dell’urbano nell’ultima e più
recente fase di urbanizzazione, almeno per quanto concerne i paesi e i contesti economicamente
4
Per una rassegna esaustiva degli indicatori di urbanità comunemente inclusi nelle indagini sociologiche si veda Martinotti,
G (2003), Metropoli, Il Mulino, Bologna, Appendice statistica; Melis A, “Città e metropoli”, Ercole E, “La crescita
metropolitana”, Nuvolati G., “La geografia dello sviluppo urbano in Europa. Origini storiche e scenari futuri”, in Guido
Martinotti (2009), La dimensione metropolitana, Il Mulino, Bologna. Si segnalano altresì i contributi del Gruppo di lavoro su
“La statistica per le aree metropolitane: proposte per un sistema informativo integrato” per la Commissione di Garanzia per
l’Informazione Statistica, Presidenza del Consiglio dei Ministri, 2003-2004. Rapporto di Indagine 06.02 Maggio 2006, a cura di:
Oliviero Casacchia, Giampaolo Nuvolati, Elio Piroddi, Cecilia Reynaud.
118
più avanzati dei paesi del nord del mondo, dove la crescita urbana e il parallelo sviluppo postfordista della società hanno prodotto le condizioni adatte alla nascita di questo fenomeno. Si può
parlare, quindi, di un fenomeno relativamente recente e senz’altro dinamico, in continua
trasformazione ed espansione.
Il termine periurbano descrive quella parte di territorio-paesaggio ai margini della città che non si
modifica e che non assume la funzione di spazio-cesoia tra urbano e rurale bensì, tutt’al più, di
spazio-ponte. In questa prospettiva, alcuni studiosi contemporanei fanno notare che la città è
sempre meno opposta al rurale ma diventa un territorio “in-between” –intermedio- capace di
insediarsi tra due entità esistenti. La dimensione fisica e spazialista racconta però solo in parte la
complessità del fenomeno. Già all’inizio del novecento gli studi in ambito sociologico sulle città
evidenziavano i suoi caratteri “di urbanità”, più che “urbani”. Max Weber, nel suo celebre saggio
sulla città (Weber 1922), mette in luce una dimensione fisica e morfologica (relativa alla
conformazione dello spazio urbano) e una dimensione relazionale, che concerne i rapporti tra
centri e periferie. Sottolinea che le città sono formate da una dimensione sociale, cioè dalle
relazioni che vengono ad istaurarsi tra gli individui nei contesti urbani, e da una dimensione
economica, che descrive la struttura occupazionale e produttiva del sistema urbano. La doppia
natura della città viene ripresa anche da Wirth (1938) che, in Urbanism as a way of life, definisce
come tratti caratterizzanti della città sia alcuni aspetti fisici (come la grandezza e la densità, nel
senso di compattezza dell’abitato), che da aspetti prettamente sociologici, come l’eterogeneità.
A partire dagli ultimi decenni del secondo millennio, le grandi città subiscono delle enormi
trasformazioni: diminuiscono ovunque di popolazione, in alcuni casi (come negli Stati Uniti) la
densità metropolitana diminuisce, con una conseguente recessione dei confini (Antrop 2004) che
trasforma entità chiaramente circoscrivibili in nuovi sistemi urbani che per qualcuno assumono le
forme di una nebulosa urbana (Lanzani 2002), per altri quella di città diffusa (Indovina et al, 1990).
Il processo di metropolizzazione (Camagni 1999) o di periurbanizzazione (Dematteis 2003) si denota
da una dispersione di aree urbane, alla quale fanno seguito un processo di suburbanizzazione e di
contro urbanizzazione. L’approccio utilizzato per spiegare il fenomeno del periurbano ritorna ad
assumere delle caratteristiche prettamente spazialiste e gli indicatori di riferimento sono la densità
di abitanti, la superficie urbanizzata (sprawl) e il cambio delle funzioni produttive delle aree. Il
fenomeno del periurbano, però, è molto più complesso e la nuova la relazione tra città e rurale
evidenzia la presenza di una città de jure - amministrativa - e una città de facto, più grande e
coincidente con un agglomerato socio-economico. La crescita della rete di infrastrutture di
trasporto, il crescente tasso di motorizzazione e la sempre maggiore penetrazione delle tecnologie
di comunicazione nella vita di tutti i giorni hanno fatto sì che alcune aree rurali assumessero sempre
più elementi di urbanità. Per dare riscontro a questo processo, OECD in accordo con la
Commissione Europea identifica la presenza di due tipologie di aree urbane : l’Area Urbana
Morfologica (MUA), che rappresenta la continuità dello spazio costruito, con un determinato livello
di densità; l’area urbana funzionale (FUA), descritta dal suo bacino di mercato del lavoro e dai
modelli di mobilità dei pendolari, che comprende il più ampio sistema urbano delle città e dei
villaggi vicini che sono altamente dipendenti (da un punto di vista economico e sociale) dal polo
strettamente urbano. In questa prospettiva non è più il paesaggio che determina il confine del
territorio, ma l’uso e la fruizione dei territori da parte dei residenti o delle Non Resident Populations
(NRP), cioè dei pendolari che usano gli strumenti di mobilità per distribuire attività su territori ampi a
bassa densità.
Alla luce di queste brevi considerazioni ci pare quindi particolarmente opportuno tentare, in
questa sede, un percorso di (ri)costruzione sociale dei comuni lombardi e, specificamente, delle
aree periurbane.
119
I dati
Conformemente a quanto precisato nella premessa, viene proposta una classificazione dei
comuni lombardi alternativa a quella che emerge dal PSN, sulla base di alcune macroaree a
nostro avviso “strategiche”, che contribuiscono a definire le funzioni prevalenti di ciascuno dei
comuni esaminati : (i) il profilo socio-demografico, (ii) la disponibilità di servizi; (iii) la capacità
attrattiva, (iv) la mobilità (in termini di disponibilità di infrastrutture viarie e ferroviarie), (v) gli stili di
vita.
Sul piano metodologico, è stato costruito un dataset a partire dalle macroaree indicate,
includendo complessivamente 19 variabili e 5 indici per ciascuno dei comuni lombardi. Ai fini della
classificazione è stata poi effettuata una analisi fattoriale esplorativa sulla totalità degli indicatori,
che ha consentito di estrarre 4 costrutti “latenti” (“urbanizzato”, “sprawl”, “servizi”, “mobilità/
inquinamento”) che ne sintetizzassero efficacemente la variabilità e che sono stati stimati in termini
di relazione con i 24 indicatori originali. Sulla base di questi fattori, i comuni sono stati infine
raggruppati mediante una cluster analysis di tipo gerarchico.
Prima di procedere nell’illustrazione schematica delle fonti di dati, è opportuno chiarire
brevemente alcuni aspetti generali di metodo. In primo luogo, la scelta dei dati e delle rispettive
fonti è stata condizionata dalla necessità di garantire una visione multidimensionale per tutte e
cinque le dimensioni considerate, che fosse sufficientemente rappresentativa e relativamente
equilibrata. In secondo luogo, sono stati privilegiati indici e indicatori che consentissero di
mantenere un livello di disaggregazione comunale5 ovvero, laddove ciò non fosse possibile, delle
unioni di comuni. In terzo luogo, si è scelto di utilizzare informazioni statistiche non antecedenti il
2005, escludendo a priori le seppur rilevanti informazioni censuarie relative al 2001.
La combinazione di queste tre esigenze (buona rappresentatività per tutte e cinque le dimensioni,
disaggregazione comunale e dati relativamente recenti) ha fortemente condizionato la
costruzione del nostro dataset : ad esempio, per la macroarea “stili di vita”, ci siamo
necessariamente riferite a indicatori di tipo oggettivo (ancorché comunemente usati in
letteratura), vista la sostanziale impossibilità di reperire indicatori di carattere soggettivo.
Analogamente, per la macroarea “mobilità” abbiamo considerato primariamente indicatori di
disponibilità delle reti viarie e ferroviarie tralasciando l’altrettanto importante aspetto
dell’accessibilità, intesa in prima istanza come “abilità/possibilità degli individui di contrattare a
proprio favore i tempi e gli spazi della vita quotidiana, in modo da compiere le pratiche e
mantenere le relazioni che essi ritengono significative per la propria vita sociale” (Borlini e Memo,
2008; Cass, Shove e Urry, 2005).6
Ci preme infine sottolineare che, laddove l’informazione è risultata particolarmente carente,
abbiamo fatto ricorso ad indicatori compositi elaborati da gruppi di lavoro esterni, purché basati
sulle medesime priorità di ricerca e l’aggiornamento temporale di questo lavoro. Nella macroarea
“attrattività” abbiamo quindi ritenuto interessante introdurre l’Indicatore Sintetico di Priorità (nella
sola sottocomponente “stato di salute”) elaborato da Regione Lombardia per ciascuno dei 1546
comuni lombardi nel 2008. Questa sottodimensione dell’indice composito ISP (che include,
accanto alla sezione “stato di salute”, anche le sezioni “equità distributiva” e “impatto economico
della spesa in conto capitale”) intendeva fornire, nella sua progettazione originaria, uno strumento
adeguato per “discriminare tra comuni economicamente meno fiorenti e comuni che versano in
migliori condizioni di salute economica, […] guidando interventi di tipo redistributivo ispirati ad un
Poiché il dataset include informazioni recuperate dal 2005 al 2011, abbiamo ritenuto corretto ancorare le suddette
informazioni alla disaggregazione territoriale allora in vigore, ovvero quella basata su 1546 comuni. Ci siamo preoccupati di
aggregare le informazioni degli ex comuni di Germasino, Consiglio di Rumo e Gravedona nell’unico record del comune di
Gravedona ed Uniti ai soli fini comparativi della classificazione unitaria condivisa con gli altri gruppi di ricerca.
6 A questo riguardo, riteniamo che un possibile approfondimento del presente studio possa orientarsi verso una
comparazione tra i tradizionali indicatori “fisici” di mobilità e quelli di pendolarismo.
5
120
principio di necessità - equità e finalizzati cioè a ottenere convergenza economica e riduzione
delle disparità relative tra le aree locali” (Serati, M., Zucchetti S. 2003). L’impiego di questa
sottodimensione ci ha consentito di ottenere un’informazione sintetica indicativa dello stock di
ricchezza7, dell’intensità dell'attività produttiva8, della capacità del comune ad attrarre
occupazione, delle principali caratteristiche territoriali e del grado di “centralità/perifericità” di un
comune (quota altimetrica, collocazione geografica, “accessibilità” sintetizzata dalla distanza
rispetto a porte di accesso/ infrastrutture territoriali di tipo sanitario o educativo). Allo stesso modo,
abbiamo ritenuto preferibile costruire, ai fini di una migliore interpretazione, un indicatore
composito denominato “senso civico” (classificato nella macrodimensione “stili di vita”), a partire
dai singoli indicatori di virtuosità equamente pesati (percentuale di raccolta differenziata e di rifiuti
ingombranti procapite; rapporto fra numero di votanti e numero di elettori alle ultime elezioni
amministrative del 2008; rapporto fra numero di dichiaranti il proprio reddito e totale della
popolazione).
In generale, per facilitare la comparazione tra comuni, i valori degli indici sono stati
sistematicamente normalizzati tenendo conto della popolazione residente (complessiva o relativa
a specifici target di popolazione) e poi standardizzati secondo il criterio min-max, che prevede di
ordinare gli indicatori secondo una scala che va da 0 a 1.
Profilo socio-demografico
Indicatore
Anno
Densità di popolazione
2010
Indice di dipendenza degli anziani
Tasso di crescita medio annuo della
popolazione
Reddito per capita9
Prezzi compravendita abitazioni
(€/ m2)10
Area urbanizzata/ superficie totale
Superficie agricola utilizzata (SAU)/
superficie totale
2010
20052010
2009
Fonte
Annuario
statistico
Lombardia (ASR)
ASR
regionale
Regione
Elaborazione del DSRS su dati ASR
Reddito IRPEF da comuni-italiani.it
201111
NOMISMA, Osservatorio immobiliare
2007
DUSAF 2007
201012
Censimento Agricoltura 2010
Anno
2010
Fonte
ASR
2010
ASR
Servizi
Indicatore
N. banche procapite
N. aziende operanti in settori di prima
necessità (istruzione, sanità e servizi,
Nella fattispecie, vengono approssimate la ricchezza e la capacità di risparmio del risparmiatore medio, la capacità
complessiva di attrarre risparmio privato anche di non residenti, la capacità contributiva del contribuente medio, la
capacità comunale di attrarre e drenare risorse anche di non residenti.
8 L’intensità produttiva è esaminata in termini di consumi elettrici comunali per attività produttive e di rapporto tra nuovi
volumi e ampliamenti dell’edilizia non residenziale sulla superficie totale.
9 Questo dato, unitamente a quello dei dichiaranti/ totale popolazione, non era disponibile per i soli comuni di Germasino e
Consiglio di Rumo, per i quali abbiamo convenzionalmente fissato il valore minimo rispetto all’intervallo delle osservazioni (in
modo tale da non generare un bias nel processo di standardizzazione min-max).
10 Questo indicatore è stato scelto come proxy efficace della percezione globale dell’area, in grado di cogliere anche
aspetti soggettivi legati, ad esempio, al grado di soddisfazione e vivibilità.
11 I dati si riferiscono al primo semestre del 2011.
12 In corrispondenza dei comuni con una percentuale di SAU sul totale della superficie maggiore del 100% (dato
evidentemente inattendibile), abbiamo imputato il valore massimo della distribuzione (99,93%), al fine di contenere il bias.
7
121
Indicatore
tempo libero, commercio dettaglio e
ingrosso) procapite
N. esercizi di vicinato procapite
Anno
Fonte
2009
ASR
Anno
2010
2005
2008
Fonte
ASR
ASR
Regione Lombardia
Anno
2009
Vari
Vari
Fonte
ASR, su fonte ACI
Geoportale della Regione Lombardia
Geoportale della Regione Lombardia
Anno
2010
2010
2008
2009
2010
2008
2008
2010
2008
2008
Fonte
ASR
ASR
ASR
Comuni-italiani.it
ARPA – Osservatorio sui rifiuti
ASR
ASR
ASR
CRASL, da fonte INEMAR
CRASL, da fonte INEMAR
Attrattività
Indicatore
Tasso di ricettività 13
Tasso di turisticità14
ISP – Stato di salute15
Mobilità
Indicatore
Indice di motorizzazione privata 16
Densità di strade primarie e secondarie
Densità di ferrovie
Stili di vita
Indicatore
N. stranieri/ tot. pop.
Indice di natalità (*1000 ab.)
N. votanti/ n. aventi diritto
N. dichiaranti/ pop.
% raccolta differenziata procapite 17
N. prestiti bibliotecari/ pop.
Acquisti di libri (€/ procapite)
Tasso di divorzi (*1000 ab.)
Inquinamento da agricoltura
Inquinamento da processi produttivi
13 Il tasso di ricettività è definito dall’Osservatorio Nazionale del Turismo in termini di numero di letti disponibili presso strutture
ricettive sul totale degli abitanti.
14 Il tasso di turisticità, definito dall’Osservatorio Nazionale del Turismo in termini di numero di arrivi sul totale degli abitanti,
non è disponibile solo per il comune di Baranzate, al quale in fase di standardizzazione abbiamo imposto il valore minimo
per non generare bias nelle altre osservazioni. Il record del comune di San Siro, analogamente mancante, è stato calcolato
sommando i due comuni di Santa Maria Rezzonico e Sant’Abbondio (originariamente indipendenti e poi confluiti in un
unico comune).
15 L’ISP non è disponibile solo per il comune di Baranzate, al quale in fase di standardizzazione abbiamo imposto il valore
minimo per non generare bias nelle altre osservazioni. Il record del comune di San Siro, analogamente mancante, è stato
calcolato sommando i due comuni di Santa Maria Rezzonico e Sant’Abbondio (originariamente indipendenti e poi confluiti
in un unico comune).
16 Il tasso di motorizzazione privata è definito dall’ACI come rapporto percentuale tra il numero di autovetture e il numero di
abitanti.
17 Rispetto al dato procapite di raccolta differenziata abbiamo sostituito alcuni missing coi valori disponibili a livello delle
unioni di comuni. In questo senso abbiamo quindi assunto che la percentuale procapite di differenziata fosse la stessa per i
comuni di Abbadia Cerreto e Corte Palasio (dato disponibile per l’unione OltreAdda Lodigiano), per i comuni di Borgo di
Terzo e Luzzana (dato disponibile per l’Unione Media Val Cavallina), per i comuni di Caspoggio, Chiesa in Valmalenco e
Lanzada (dato disponibile per l’Unione della Val Malenco), per i comuni di Spriana, Torre di Santa Maria e Vigano San
Martino (dato disponibile per l’Unione Spriana-Torre di Santa Maria).
122
2.4.4. Risultati
Analisi fattoriale esplorativa
L’analisi di correlazione preliminare ha in parte confermato alcune relazioni attese tra le variabili
considerate. Emerge, dai dati disponibili, una correlazione positiva e significativa tra: la densità e la
percentuale di suolo urbanizzato, l’ISP- stato di salute e il costo al metro quadrato delle abitazioni;
tra la crescita media annua della popolazione e l’indice di natalità; tra la percentuale di suolo
destinato all’agricoltura e le emissioni da agricoltura; tra l’ISP e la presenza di aziende dedicate ai
servizi di prima necessità; tra la presenza di banche e la presenza di esercizi di vicinato; tra l’indice
di ricettività, l’indice di turisticità e la presenza di servizi di vicinato di tipo alimentare e misto; tra il
numero di prestiti bibliotecari procapite e l’acquisto di libri procapite; tra la densità di ferrovie e la
densità di strade. Viceversa, esiste verosimilmente una correlazione negativa e significativa tra
l’indice di dipendenza degli anziani, l’indice di natalità e la crescita media annua della
popolazione.
Alcune correlazioni risultano però di difficile interpretazione e per questo motivo abbiamo scelto di
ricorrere ad una analisi fattoriale con rotazione obliqua, che ci consenta di ridurre il set di indicatori
a poche macrocomponenti “latenti”, spiegandone la variabilità con la minima perdita di
informazioni. I fattori latenti estratti, espressi in termini di correlazione con gli indicatori di partenza,
consentono di identificare alcune macroaree e, al contempo, di verificare la plausibilità di un
approccio multidimensionale che non necessariamente risulti congruente con il framework
concettuale espresso a priori (e che, lo ricordiamo, si basava sulle cinque macroaree profilo socio
demografico, attrattività, servizi, mobilità e stili di vita).
Al fine di scegliere un numero appropriato di fattori, ci siamo basate su alcune regole statistiche,
ancorché consapevoli di avere esercitato un certo grado di arbitrarietà. In primo luogo abbiamo
fatto riferimento al criterio dell’eigenvalue (Tab. 1), pari o maggiore di 1: secondo questa regola,
avremmo dovuto optare per l’estrazione di 4 fattori. Secondariamente, abbiamo visualizzato lo
scree plot, che suggerisce invece di optare per l’estrazione di 5 fattori (Fig. 1). Abbiamo quindi
estratto le prime 4 componenti (o fattori latenti), che spiegano complessivamente oltre il 90% della
variabilità totale.
Tabella 1 - Risultati relativi all’estrazione dei primi 8 fattori (non ruotati)
N. Fattore
Eigenvalue Proporzione
Cumulativa
1
3.87847
0.3351
0.3351
2
2.66943
0.2306
0.5658
3
2.30656
0.1993
0.7651
4
1.67993
0.1452
0.9102
5
0.76139
0.0658
0.9760
6
0.53693
0.0464
1.0224
7
0.47890
0.0414
8
0.33714
0.0291
1.0638
1.0929
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
123
Figura 1 - Scree plot – Risultati grafici dell’estrazione dei fattori
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
E’ stata poi effettuata una rotazione dei fattori, in modo tale da pervenire ad una soluzione
significativa (Everitt and Dunn, 2001). Abbiamo optato, in particolare, per una rotazione di tipo
obliquo (promax) che consentisse di assumere una correlazione (piuttosto che una indipendenza a
priori) tra i fattori latenti. I loadings ottenuti, di seguito esposti (tab. 2), consentono di rivisitare
parzialmente il conceptual framework originale (basato sulle 5 dimensioni “profilo socio
demografico”, “attrattività”, “servizi”, “mobilità”, “stili di vita”), pervenendo a nuove chiavi di
lettura per la classificazione dei comuni lombardi. In particolare, ci sembra che gli indicatori
tendano a raggrupparsi attorno a 4 nuove macrodimensioni che abbiamo denominato : (i)
URBANIZZATO, (ii) SPRAWL (iii) SERVIZI, (iv) MOBILITA’/ INQUINAMENTO.
Tabella 2 - Matrice ruotata (oblimin) dei 4 fattori latenti estratti
Variabile
Urbanizzato Servizi
Mob/inquin Sprawl
% suolo urbanizzato
0.9225
-0.1922
-0.0309
0.1319
Densità
0.9134
-0.2130
0.0455
0.0053
Stato salute (ISP)
0.8019
0.0355
0.2482
0.0513
€/ m2
0.5405
0.3368
0.0528
-0.0084
N. prestiti bibliotecari
0.4681
0.1125
-0.0218
0.1040
Reddito procapite
0.2303
0.0211
0.0097
-0.0332
Acquisti libri (€/cad.)
0.2115
0.0785
0.0075
0.1223
Crescita popolazione
0.0734
-0.0163
-0.1152
0.6949
Dip. Anziani
-0.1982
0.0047
0.2096
-0.6860
Indice di natalità
0.1215
0.0420
-0.1085
0.6198
% SAU
-0.3609
-0.0648
0.2730
0.4068
Stranieri/ pop
-0.0102
-0.0005
0.2620
0.3757
Senso civico (awareness)
0.0308
0.1139
-0.0923
0.2568
Tasso divorzi
0.0649
0.0725
0.0865
-0.2507
Motorizz. Privata
0.0179
0.0009
0.0217
-0.2387
Ricettività
-0.1847
0.9074
-0.1688
-0.0039
Turisticità
-0.1539
0.8941
-0.1656
0.0461
Esercizi vicinato/pop
-0.0232
0.6365
0.2137
-0.1557
Aziende/pop (base)
0.1868
0.4562
0.2717
0.0303
Banche/pop
-0.0108
0.4290
0.1434
0.0750
Densità strade
0.0859
-0.0765
0.9832
-0.1194
124
Densità ferrovie
0.1354
-0.0971
0.9679
-0.1246
Emissioni (attività agricole)
-0.2676
-0.0558
0.5672
0.2900
Emissioni (attività prod.ve)
0.0450
-0.0156
0.1175
0.0236
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
In conclusione, l’analisi fattoriale esplorativa conferma la plausibilità di un conceptual framework
multidimensionale per lo studio e l’analisi dei territori, distinguendo almeno 4 macrofattori rilevanti:
- l’urbanizzato, che risulta correlato in modo positivo e significativo (in ordine decrescente)
con la percentuale di suolo urbanizzato sul totale della superficie, la densità, lo stato di
salute (ISP), il costo al metro quadrato delle abitazioni, i prestiti bibliotecari, il reddito, gli
acquisti di libri. Abbiamo quindi predisposto una mappa (Fig. 2) della distribuzione del
macrofattore “urbanizzato” per quantili equamente ripartiti, evidenziando con colori più
scuri i comuni caratterizzati da valori progressivamente più elevati;
- lo “sprawl”, o “città diffusa”, che risulta correlato in modo significativo (in ordine
decrescente) con la crescita di popolazione, la minore dipendenza degli anziani, l’indice di
natalità, la presenza di suolo agricolo, la presenza di stranieri, un buon senso civico
(awareness), un basso tasso divorzi, una bassa incidenza della motorizzazione privata.
Definire questo macrofattore “sprawl” è sicuramente ambizioso, ma a nostro avviso
pertinente, dal momento che identifica i comuni sulla base di alcuni indicatori che sono, da
un lato, “desiderabili” per l’insediamento delle persone che “scappano” dalle città
(presenza di suolo agricolo e di verde, buon senso civico, basso tasso di divorzi, bassa
dipendenza degli anziani, motorizzazione ridotta) e, dall’altro, tipicamente “urbani”
(crescita di popolazione, indice di natalità). Anche in questo caso abbiamo predisposto
una mappa (Fig. 3) della distribuzione del macrofattore “sprawl” per quantili equamente
ripartiti, evidenziando con colori più scuri i comuni caratterizzati da valori progressivamente
più elevati. Notiamo come questa mappa risulti parzialmente complementare alla
precedente mappa dell’ “urbanizzato”, identificando ad esempio la quasi totalità dei
capoluoghi di provincia con valori bassi;
- i “servizi”, macrofattore correlato in modo positivo e significativo (in ordine decrescente)
con l’indice di ricettività, l’indice di turisticità, la presenza di esercizi di vicinato (alimentari e
misti), la presenza di aziende impegnate in settori di prima necessità, la presenza di
banche. Abbiamo predisposto una mappa (Fig. 4) della distribuzione del macrofattore
“servizi” per quantili equamente ripartiti, evidenziando con colori più scuri i comuni
caratterizzati da valori progressivamente più elevati;
- la “mobilità/ inquinamento”, correlato in modo positivo e significativo (in ordine
decrescente) con la presenza di strade, ferrovie, la concentrazione di emissioni da attività
produttive e da agricoltura. Abbiamo predisposto una mappa (Fig. 5) della distribuzione del
macrofattore “mobilità/ inquinamento” per quantili equamente ripartiti, evidenziando con
colori più scuri i comuni caratterizzati da valori progressivamente più elevati. Si tenga
presente che quest’ultima mappa risulta, come si evince dalla matrice di correlazione (Tab.
2) e dalla Fig. 6, fortemente condizionata dalla distribuzione delle infrastrutture viarie e,
molto meno incisivamente, dalle emissioni da attività produttive e, soprattutto, da
agricoltura, che andrebbero a delineare una geografia del macrofattore mobilità/
inquinamento decisamente differente.
125
Figura 2 - Distribuzione del fattore “urbanizzato” (0-100); province evidenziate
-
[Elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
Figura 3 - Distribuzione del fattore “sprawl” (0-100); province evidenziate
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
126
Figura 4 - Distribuzione del fattore “servizi” (0-100); province evidenziate
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
Figura 5 - Distribuzione del fattore “mobilità/ inquinamento” (0-100); province evidenziate
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
127
Figura 6 - Distribuzione dell’indicatore “infrastrutture viarie” (a sinistra) e dell’indicatore “emissioni da
agricoltura” (destra), che concorrono al macrofattore “mobilità” (province evidenziate)
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
Cluster analysis
Dopo aver individuato i 4 fattori latenti sottesi ai 24 indicatori originali abbiamo operato una cluster
analysis al fine di individuare gruppi di comuni “simili”, sulla base dei punteggi di “urbanizzato”,
“sprawl”, “servizi” e “mobilità/ inquinamento” stimati. Abbiamo optato per una analisi di tipo
gerarchico, che prevede l’ipotesi teorica iniziale di un cluster per ciascuna delle unità di
osservazione (per un totale di 1546 cluster) e che termina con l’identificazione di un unico cluster
comune (Everitt, Landau e Leese 2001, Everitt e Dunn 2001).
Abbiamo calcolato un indice di (dis)similarità in termini di distanza euclidea (L2 nella figura 7) ed
adottato il metodo del Ward linkage per differenziare i gruppi. Poiché, di fatto, l’adozione di una
cluster analysis gerarchica lascia aperta la questione di quanti cluster tenere (variando appunto
da 1 a 1546) e riconduce la scelta a criteri puramente arbitrari, siamo ricorse ad alcune tra le più
comunemente raccomandate stopping rules. Da un lato, abbiamo ricercato una minima perdita
di informazione e, dall’altro, abbiamo desiderato che i cluster fossero ben distinti. 18 La tab. 3
visualizza i punteggi dell’indice pseudo-F (Calinski and Harabasz, 1974) e dell’indice pseudo-t2
(Duda and Hart, 1973) e identifica il miglior compromesso tra le due statistiche suggerendo infine di
tenere 7 gruppi. Il dendrogramma, riportato alla Fig. 7, illustra graficamente I gruppi, indicando per
ciascun gruppo, tra parentesi, la numerosità in termini di comuni.
18 “Large values of the pseudo-F index (Calinski and Harabasz, 1974) indicate distinct clustering and one must therefore
maximize this statistic. The opposite is true for the pseudo-t2 (Duda and Hart, 1973), and one should choose the number of
clusters so that this index is low and has much larger values next to it. It is advisable to look for a consensus among the two
statistics, that is, local peak of the pseudo-F statistic combined with a small value of the pseudo-t2 statistic and a larger
value of the latter for the next cluster fusion (Luzzi, Flϋckiger and Weber, 2008, p.70)
128
Tabella 3 - Indice Pseudo-F e indice pseudo- t2
Cluster
2
3
4
5
6
7
8
9
10
Calinski/Harabasz
pseudo-F
252.88
276.15
295.75
259.45
242.34
272.37
292.49
270.70
334.63
Duda/Hart
pseudo- t2
222.99
136.07
286.04
272.11
73.31
100.74
185.97
105.99
73.76
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
Figura 7 - Dendrogramma
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
I comuni lombardi sono quindi classificati secondo 7 gruppi ben distinti, visualizzabili nella Fig. 8. Per
facilitare il confronto, in appendice (Tab. A.1) sono disponibili i valori mediani (in termini di misure
originali, non standardizzate) di ciascun gruppo, confrontati coi valori mediani della distribuzione
complessiva. Per semplicità, sono stati indicati, tra i 24 indicatori originali, quelli maggiormente
correlati alle macrodimensioni scaturite dall’analisi fattoriale.
Sono stati altresì riportati (Tab. A.2) i punteggi mediani, per ciascun gruppo, dei macrofattori
“urbanizzato”, “servizi”, “mobilità/ inquinamento”, “sprawl”, standardizzati secondo la scala 0-100
al fine di individuare facilmente i gruppi di comuni minimamente (0) e massimamente (100)
performanti. Infine, si riportano i comuni inclusi in ciascuno dei sette gruppi (province in grassetto,
Tab. A.3 e seguenti, in appendice).
129
Figura 8 – Classificazione dei comuni lombardi (7 classi)
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
Per ciascun gruppo, approfondiamo di seguito le principali caratteristiche, facendo riferimento agli
indicatori originali e, come soglia, alla mediana della distribuzione.
130
Cluster 1 - aree periferiche (438 comuni)
Profilo socio-demografico: aree relativamente ridotte, a media densità abitativa, crescita di
popolazione nella media, ridotta presenza di suolo urbanizzato (9,4%), SAU al di sotto della
mediana (22,6%), reddito procapite mediano e costo al metro quadrato delle abitazioni al di sotto
della mediana.
Attrattività: bassa capacità attrattiva
Servizi: presenza di banche, aziende ed esercizi di vicinato procapite al di sotto della mediana;
Mobilità: bassa presenza di infrastrutture viarie e ferroviarie
Stili di vita: natalità e presenza di stranieri mediana, prestiti ed acquisti labri al di sotto della
mediana, ridotte emissioni da agricoltura, basse emissioni da attività produttive
Figura 9 – aree periferiche (province evidenziate)
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
Cluster 2 - aree naturali (160 comuni)
Profilo socio-demografico : aree a bassa densità abitativa (prevalenza di anziani), crescita di
popolazione mediamente negativa, ridotta presenza di suolo urbanizzato (2,88%) e di SAU (11,6%),
reddito procapite minimo e costo al metro quadrato delle abitazioni ben al di sotto della mediana;
Attrattività : bassa capacità attrattiva
Servizi : presenza minima di banche ed aziende procapite al di sotto della mediana, debole
presenza di esercizi di vicinato
Mobilità : bassa presenza di infrastrutture viarie e ferroviarie
Stili di vita : bassa natalità e presenza di stranieri, prestiti ed acquisti labri al di sotto della mediana,
tasso di divorzi elevato (probabile distorsione dovuta alla numerosità della popolazione), ridotte
emissioni da agricoltura, basse emissioni da attività produttive
131
Figura 10 – aree naturali (province evidenziate)
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
Cluster 3 - aree turistiche (89 comuni)
Profilo socio-demografico: aree a bassa densità abitativa (prevalenza di anziani), bassa crescita di
popolazione, ridotta presenza di suolo urbanizzato (6,7%) e di SAU (9%), reddito procapite mediano
e costo al metro quadrato delle abitazioni ben al di sopra della mediana;
Attrattività: massima capacità ricettiva
Servizi: presenza rilevante di banche, aziende ed esercizi di vicinato procapite
Mobilità: presenza di infrastrutture viarie e ferroviarie al di sopra della mediana
Stili di vita: natalità e presenza di stranieri poco al di sotto della mediana, prestiti ed acquisti labri al
di sotto della mediana, tasso di divorzi elevato, senso civico nella media, ridotte emissioni da
agricoltura, basse emissioni da attività produttive
Figura 11 – aree turistiche (province evidenziate)
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
132
Cluster 4 - aree miste a funzioni urbane consolidate (232 comuni, incluse tutte le province e Milano)
Profilo socio-demografico : aree medio-vaste a densità abitativa mediana, media crescita di
popolazione, presenza mediana di suolo urbanizzato (12,21%) e presenza rilevante di SAU (63,4%)19,
reddito procapite e costo al metro quadrato delle abitazioni mediani
Attrattività: buona capacità ricettiva
Servizi: presenza significativa di banche, aziende ed esercizi di vicinato procapite
Mobilità: rilevante presenza di infrastrutture viarie e ferroviarie
Stili di vita : natalità nella media e presenza di stranieri al di sopra della mediana, prestiti ed acquisti
labri al di sopra della mediana, tasso di divorzi al di sopra della media, senso civico poco al di sotto
della media, elevate emissioni da agricoltura e da attività produttive
Figura 12 - aree miste a funzioni urbane consolidate (province evidenziate)
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
Cluster 5- aree agricole a funzioni urbane dinamiche (258 comuni)
Profilo socio-demografico : aree a media densità abitativa (ridotta presenza di anziani), massima
crescita di popolazione, presenza mediana di suolo urbanizzato (11,7%) e massima presenza di SAU
(72,66%), reddito procapite mediano e costo al metro quadrato delle abitazioni poco al di sotto
della mediana
Attrattività: bassa capacità attrattiva
Servizi: presenza mediana di banche procapite, presenza ridotta di aziende ed esercizi di vicinato
procapite
Mobilita: presenza di infrastrutture viarie e ferroviarie mediana
Stili di vita : elevato tasso di natalità e presenza di stranieri al di sopra della mediana, prestiti ed
acquisti labri al di sotto della mediana, tasso di divorzi ridotto, senso civico particolarmente
elevato, rilevanti emissioni da agricoltura
19 Queste percentuali mediane sono verosimilmente dovute alla presenza dei capoluoghi di provincia ma anche dei
comuni immediatamente limitrofi, relativamente “simili” in termini di funzioni (secondo il concetto di “città diffusa” o sprawl)
e di morfologia sociale, ancorché caratterizzati da una morfologia del suolo differente (alcuni dei comuni limitrofi sono
agricoli, ma caratterizzati da funzioni urbane).
133
Figura 13 - aree agricole a funzioni urbane dinamiche (province evidenziate)
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
Cluster 6 – aree miste a funzioni urbane dinamiche (261 comuni)
Profilo socio-demografico: aree ad elevata densità abitativa (ridotta presenza di anziani e ridotta
superficie totale), buona crescita di popolazione, significativa presenza di suolo urbanizzato
(35,71%) e presenza di SAU (29%) poco al di sotto della mediana, reddito procapite e costo al
metro quadrato delle abitazioni al di sopra della mediana
Attrattività : media capacità attrattiva
Servizi: presenza mediana di banche ed aziende procapite, presenza ridotta di esercizi di vicinato
procapite
Mobilità: ridotta presenza di infrastrutture viarie e ferroviarie
Stili di vita : elevato tasso di natalità e mediana presenza di stranieri, prestiti ed acquisti labri al di
sopra della mediana, tasso di divorzi ridotto, senso civico elevato, emissioni da agricoltura al di
sotto della mediana, emissioni da attività produttive al di sopra della mediana
Figura 14 – aree miste a funzioni urbane dinamiche (province evidenziate)
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
134
Cluster 7 – aree urbane a funzioni urbane consolidate (108 comuni)
Profilo socio-demografico : aree a massima densità abitativa (presenza mediana di anziani),
media crescita di popolazione, particolarmente significativa presenza di suolo urbanizzato (62,3%)
e presenza di SAU (13%) al di sotto della mediana, reddito procapite e costo al metro quadrato
delle abitazioni particolarmente elevati
Attrattività : significativa capacità attrattiva
Servizi: presenza mediana di banche, aziende ed esercizi di vicinato procapite;
Mobilità : media presenza di infrastrutture viarie e ferroviarie
Stili di vita : tasso di natalità e presenza di stranieri mediani, prestiti ed acquisti labri al di sopra della
mediana, tasso di divorzi al di sopra della mediana, senso civico elevato, emissioni da agricoltura
ridotte, emissioni da attività produttive massime
Figura 15 – aree urbane a funzioni urbane consolidate (province evidenziate)
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
Gli scenari interpretativi
Alla luce dell’esame attento dei 7 gruppi di comuni scaturiti dalla analisi cluster, ci pare di poter
operare una ulteriore semplificazione dei risultati ottenuti al fine di una migliore leggibilità degli
stessi ed in vista della predisposizione di una classificazione finale condivisa anche con gli altri
gruppi di ricerca.
Abbiamo pertanto articolato 4 principali scenari interpretativi del territorio, basati sulle funzioni
principali che vi insistono. Come preannunciato in sede di premessa a questo lavoro, in
quest’ultima parte abbiamo altresì convertito la classificazione prodotta su 1546 comuni nella
nuova classificazione sugli attuali 1544 comuni. Il neo comune di Gravedona ed Uniti è stato incluso
nel primo dei quattro scenari illustrati, quello delle “aree a carattere (prevalentemente)
naturalistico”, dal momento che due dei tre ex comuni che lo compongono (Consiglio di Rumo e
Germasino) ricadevano in questo scenario. La Fig. 16 illustra i 4 scenari interpretativi.
135
Figura 16 – I 4 scenari interpretativi
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
136
Aree a carattere (prevalentemente) naturalistico (597 comuni)
Queste aree includono 2 fra i 7 gruppi di comuni scaturiti dalla cluster analysis: le aree periferiche e
le aree naturali.
Sono caratterizzate da :
- isolamento, forte presenza di popolazione anziana
- de-crescita di popolazione
Aree a carattere turistico (88 comuni)
Queste aree rappresentano il terzo dei sette cluster precedentemente individuati. L’unica
eccezione riguarda l’ex comune di Gravedona, classificato come turistico nella prima ipotesi di
classificazione e qui sostituito dal comune di Gravedona ed Uniti, classificato come
prevalentemente naturalistico e pertanto escluso dal computo. Queste aree sono caratterizzate
da :
- elevata capacità ricettiva e presenza turistica;
- particolarmente elevato prezzo al m2 delle (seconde?) case;
- presenza di esercizi di vicinato e di banche (procapite)
Aree a funzioni urbane dinamiche (519 comuni)
Queste aree includono 2 fra i 7 gruppi di comuni scaturiti dalla cluster analysis: le aree agricole a
funzioni urbane dinamiche e le aree miste a funzioni urbane dinamiche.
Sono caratterizzate da :
- Elevato tasso di natalità
- Senso civico (tendenza a differenziare i rifiuti, a dichiarare il reddito e a votare)
- Elevata dotazione di fattori di produzione (in particolare agricoli)
Aree a funzioni urbane consolidate (340 comuni)
Queste aree includono 2 fra i 7 gruppi di comuni scaturiti dalla cluster analysis: le aree miste a
funzioni urbane consolidate e le aree urbane a funzioni urbane consolidate.
Sono caratterizzate da :
- Elevata disponibilità (procapite) di servizi
- Consolidata presenza di infrastrutture
- Elevata dotazione di fattori di produzione (agricoli e industriali)
2.4.5. Raccomandazioni per le politiche agricole e di sviluppo rurale
Questo lavoro ha tentato di offrire una lettura alternativa del territorio, basata sulle funzioni
prevalenti che vi insistono. Questa prospettiva nasce dalla consapevolezza che la morfologia del
suolo, da sola, non basti a qualificare le aree senza scivolare in classificazioni “semplicistiche” (ad
esempio quella proposta dal PSR) ed offrire, quindi, raccomandazioni di policy credibili. Il fatto, ad
esempio, che le aree “tradizionalmente” agricole ricadano sotto profili di funzioni (prevalenti)
diverse sollecita, a nostro avviso, una radicale inversione di tendenza proprio rispetto alle politiche
di sviluppo rurale. Come abbiamo visto nella sezione precedente, alcuni territori prettamente
agricoli, ad esempio, possono presentare caratteri di urbanità molto marcata (presenza di servizi,
aziende, stili di vita “urbani”), non necessariamente dovuti alla vicinanza geografica ad un centro
urbano. Analogamente, secondo questa stessa prospettiva, ci pare plausibile sottolineare come le
aree periurbane siano caratterizzate da una multifunzionalità che non è più tipica soltanto
dell’agricoltura (si veda il paragrafo 3.1 di questo rapporto, dedicato alla proposta di
classificazione unitaria dei sistemi territoriali della Lombardia), ma che interessa anche (se non
soprattutto) la morfologia sociale del territorio.
137
Come vedremo estesamente nella proposta di classificazione unitaria, infatti, buona parte dei
comuni periurbani ricadono fra le aree a funzioni urbane dinamiche (risultando caratterizzati cioè
da un elevato tasso di natalità, da un buon senso civico, da una elevata dotazione di fattori di
produzione, in particolare agricoli, dalla presenza di aziende e banche); altri comuni periurbani,
invece, presentano caratteri naturalistici (nella fattispecie sono caratterizzati da isolamento, forte
presenza di popolazione anziana e de-crescita di popolazione); altri ancora, meno numerosi, sono
caratterizzati da funzioni turistiche e da funzioni urbane consolidate (questi ultimi con una elevata
disponibilità procapite di servizi, una consolidata presenza di infrastrutture, una elevata dotazione
di fattori di produzione agricoli e industriali).
Ci sembra quindi plausibile differenziare le raccomandazioni di policy a seconda dello scenario
tematico individuato (fra i 4 proposti), superando di fatto le rigide partizioni amministrative e
tenendo conto, laddove possibile, anche della percezione soggettiva di chi abita i territori e chi li
usa durante il giorno (ad esempio indagando gli stili di vita, l’accessibilità, la qualità dei servizi
erogati, la vivibilità ambientale). Per semplicità, esponiamo di seguito le raccomandazioni di policy
sulla base dei profili più rappresentativi del periurbano lombardo (in senso decrescente).
Le aree periurbane a funzioni urbane dinamiche sono probabilmente le più delicate, dal momento
che si pongono come prevalentemente agricole ma, contemporaneamente, in rapida
trasformazione sociale. Le principali raccomandazioni non possono quindi prescindere dal
consolidamento di una identità culturale e da un esplicito riconoscimento del loro ruolo sociale,
prima che economico, in relazione ai centri urbani.
Il periurbano a funzione urbana dinamica necessita di programmazione e pianificazione congiunte
e coordinate con le zone più altamente urbane. La distribuzione territoriale dei servizi e degli
esercizi economici deve essere infatti pensata e programmata in una prospettiva di area vasta o
metropolitana. Ruolo centrale hanno le reti dei trasporti pubblici. I flussi in entrata ed in uscita tra le
zone urbane e periurbane non sono solo ed esclusivamente legati ai tempi di lavoro e produzione
ma anche di svago e del tempo libero e turismo. Sarebbe perciò ottimale considerare l’
incentivazione del mezzo pubblico, in fasce orarie e in giorni non lavorativi, anche in collegamento
con i numerosi circuiti, pedonali e ciclabili, che sono oramai numerosi, e molto praticati, nella
regione.
Le aree periurbane a carattere prevalentemente naturalistico sono caratterizzate da popolazione
scarsa e prevalentemente anziana, situandosi alla periferia della regione. Le aree interessate sono
infatti quelle delle zone montane poste a nord (province di Sondrio, e parti montane di Como,
Lecco e Varese) e le zone collinari a sud-ovest comprendenti, in prevalenza, l’Oltrepo pavese. Si
tratta di territori molto differenti, per morfologia e storia, che sono però accomunati da un grande
problema: la fragilità del suolo dovuta alla scarsa presenza antropica e all’abbandono delle
tradizionali pratiche agricole, dalle coltivazioni a terrazzamento alla consuetudine dell’alpeggio
estivo. Gli interventi più urgenti, dal punto di vista geopedologico, riguardano quindi la messa in
sicurezza del suolo. Va però considerato che, mentre nelle aree montane poste a nord molti
interventi possono essere condotti di concerto con quelli ipotizzati per le aree turistiche e per quelle
di forte interesse naturalistico (parchi) che in gran parte si sovrappongono a queste aree, interventi
differenti, orientati anche in senso sociale, andrebbero previsti per le aree di alta collina
dell’Oltrepo. Quest’area, infatti e oramai da molti anni, soffre di una marginalità sociale che non
riesce ad avvantaggiarsi né del recupero, ai fini agricoli, di molti terreni della media e bassa collina
pavese e dei territori confinanti (tortonese), né delle iniziative turistiche ed agrituristiche intraprese
nei suddetti territori.
138
Nelle aree periurbane a funzioni urbane consolidate le principali raccomandazioni in materia di
agricoltura e di sviluppo rurale riguardano l’articolazione di servizi e infrastrutture compatibili con le
risorse del territorio e con la fruizione diffusa, che evitino di frammentare il territorio agricolo. Va
messo in rilievo che, in particolare in queste aree, la programmazione degli spazi e delle attività
agricole, rientrando nelle fruizioni abituali della popolazione cittadina, si caratterizza come
autentico problema urbano e non solo di settore (agricolo).
Nelle aree periurbane a funzioni urbane consolidate vi è una crescente presenza di famiglie che
tendono ad avere stili di vita sostenibili. Data la crescente domanda molte aree urbane si stanno
sempre più attrezzando ad offrire servizi che rispondono a queste nuove esigenze. L’aumento di
GAS, di mercati contadini o di negozi al dettaglio a km0 o biologici stanno creando una vera e
propria nuova rete di relazioni tra chi produce e chi consuma. In generale le zone periurbane a
funzioni urbane (dinamiche e consolidate) sono quelle con la più alta presenza di vuoti urbani, di
spazi interclusi, di aree abbandonate e degradate: autentici non luoghi, senza identità e senza
funzione d’uso. Nella realtà lombarda progetti specifici - messi a punto da privati, da associazioni di
cittadini, da enti pubblici - rivolti alla promozione dell’agricoltura urbana, hanno fatto in modo che
questi non luoghi cessino di essere aree degradate, inutili e insicure. La crescente presenza di orti
urbani, cascine didattiche e agriturismi nelle aree periurbane a funzione urbana stanno ricreando
un tessuto e una relazione tra i territori che andrebbe coordinata e sostenuta.
Nelle aree periurbane a carattere prevalentemente turistico, infine, le principali raccomandazioni
in materia di agricoltura e sviluppo rurale riguardano l’articolazione di percorsi di sensibilizzazione,
di informazione e conoscenza del territorio e delle sue risorse culturali e storiche. Anche in queste
aree la preservazione del suolo ed il rispetto dell’ambiente e dell’attività agricola andrebbero
implementate avviando azioni concertate con quelle previste per le aree a forte vocazione
naturalistica. Dal punto di vista economico va segnalata la necessità di favorire reti di attività
legate al turismo. Al momento, infatti, la regione Lombardia sembra caratterizzata,
prevalentemente, da aree turistiche isolate che non creano un sistema turistico. Un sistema
turistico collegato in reti avrebbe invece valenza strategica per lo sviluppo di molti territori, come
ben dimostrano alcuni casi (lago di Garda) nei quali gli operatori (albergatori, ma anche
associazioni e comuni) operano promuovendo intere aree, e non solo singole località, attivando
circuiti artistici, storici, enogastronomici.
2.4.6. Bibliografia
Amin A., Thrift N. (2005) Città. Ripensare la dimensione urbana, Il Mulino, Bologna.
Antrop M. (2004), Landscape change and the urbanization process in Europe, Landscape and
Urban Planning vol. 67,pp. 9-26.
Benz, A., Fürst, D.(2002) Policy learning in regional networks, European Urban and Regional Studies
9, 21-36.
Cafiero S., Busca A. (1970) Lo sviluppo metropolitano in Italia, Giuffrè Editore, Roma.
Camagni R. (1999), Sostenibilità ambientale e strategie di piano: le questioni rilevanti, in: Camagni
R. (a cura di). La pianificazione sostenibile delle aree periurbane, Il Mulino, Bologna, pp. 11-36.
Campilongo G. (2005) Aree metropolitane, città metropolitane: l’individuazione dell’area
metropolitana, ARPA Lombardia.
139
Carver, S.J. (1991), Integrating multi-criteria evaluation with geographical information systems,
International Journal of Geographical Information Science, Volume 5, Issue 3, 1991, Pages 321 –
339.
Casacchia, O., Nuvolati, G., Piroddi, E., Reynaud, C. (2006), Lavori del Gruppo di lavoro su “La
statistica per le aree metropolitane: proposte per un sistema informativo integrato” per la
Commissione di Garanzia per l’Informazione Statistica, Presidenza del Consiglio dei Ministri, 20032004. Rapporto di Indagine 06.02.
Dematteis G. (2003), Città diffusa, periurbanizzazione e piani strategici, in: Bertuglia C. S.,
Stanghellini A., Staricco L. (a cura di), La diffusione urbana: tendenze attuali, scenari futuri, Franco
Angeli, Milano, pp. 196-208.
Hall P., Hay D.G. (1980) Growth Centres in the European Urban System, Heinemann, London.
Indovina F. et al. (1990), La città diffusa, DAEST, Venezia.
International Urban Research Institute of International Studies (1959), The World's Metropolitan
Areas. Berkeley (Cal.), University of California Press.
Lanzani A. 2002. Sette strategie per il paesaggio, in: Clementi A. (a cura di), Interpretazioni di
paesaggio. Meltemi, Roma, pp. 262-291.
Levent, T.B., Vreeker, R., Nijkamp, P. (2009), Multidimensional Evaluation of Urban Green Spaces: A
Comparative Study on European Cities, European Urban and Regional Studies, April 2009, vol. 16,
no. 2, 193-213.
Lynch K. (1976) Managing the Sense of a Region, MIT Press, Cambridge, Mass.
Martinotti, G (2003), Metropoli, Il Mulino, Bologna.
Melis A., “Città e metropoli”, Ercole E, “La crescita metropolitana”, Nuvolati G., “la geografia dello
sviluppo urbano in Europa. Origini storiche e scenari futuri”, in Guido Martinotti, La dimensione
metropolitana, Il Mulino, Bologna, 2009.
Morri R. (2003) I city users, in Le mille popolazioni metropolitane. Un’analisi geografica dell’area
romana, Cristaldi F., Università degli studi di Roma La Sapienza, Roma, pp. 77-116.
Munda, G. (2008), Social Multi-Criteria Evaluation for a Sustainable Economy, Springer Edition.
Nuvolati G. (2002) Popolazioni in movimento, città in trasformazione. Abitanti, pendolari, city users,
uomini d’affari e flâneur, il Mulino, Bologna.
Nuvolati G. (2003) Resident and Non-resident Populations: Quality of Life, Mobility and Time Policy,
Regional Analysis & Policy, Vol. 33, n. 2, pp. 67-83.
Savini, S. (2003) Nuovi Percorsi di Sviluppo Locale , ed. Rubattino, Rende
OECD (2009), The new rural paradigm. New policy approaches to rural development. Proceedings
of Policy forum on Agriculture and rural development, Paris, France, November.
140
Scaramellini G. (1991) Città e poli metropolitani in Italia, Franco Angeli, Milano.
Scaramellini G. (1990) Funzioni centrali, funzioni metropolitane, reti urbane, Franco Angeli, Milano
Weber, M (1922) Economia e società. La città Donzelli Editorim, 2003.
Wirth L. (1938) Urbanism as a way of Life, The American Journal of Sociology, Vol. 44, n. 1 pp-1-24.
141
Appendice
Tabella A.1 Valori mediani dei singoli gruppi e mediana della distribuzione complessiva degli indicatori più rappresentativi (non standardizzati)
POP10
PERIFERICHE (438)
1671,5
NATURALI (160)
582
TURISTICHE (89)
2154
MISTE A FUNZ. URB. CONSOLIDATE (232)
6506,5
AGRICOLE A FUNZ. URB. DINAMICHE (258) 2175,5
MISTE A FUNZ. URB. DINAMICHE (261)
5199
URBANE A FUNZ. URB. CONSOLIDATE (108) 14040
MEDIANA1546
2699
MEDIA1546
6415
KM2
DENS10 DipA11 CRPOP URB07
EURM2 SALUTE08 RICETT10 TURI05 DENSTRA
8,7600 194,2131 29,5219 0,0071 0,0941 1243,3900
0,0957
0,0000 0,0000
1,0385
12,8800
36,6404 41,5742 -0,0062 0,0289 1168,1035
0,0725
0,0000 0,0000
1,1235
20,0500 135,9417 34,0580 0,0034 0,0673 1762,7820
0,1488
0,1230 4,5706
1,9041
26,5850 187,8890 32,7481 0,0073 0,1221 1331,7460
0,2138
0,0045 0,0881
4,2252
10,8400 223,4984 22,7977 0,0205 0,1171 1241,0788
0,1030
0,0000 0,0000
1,5895
5,3500 991,1905 24,8428 0,0148 0,3572 1643,2444
0,2131
0,0000 0,0000
1,1398
5,4700 2297,4324 29,6360 0,0074 0,6233 1908,3327
0,3758
0,0039 0,0651
1,4518
10,3650 256,8846 28,8474 0,0090 0,1326 1360,7574
0,1235
0,0000 0,0000
1,4202
15,4352 557,1492 30,3600 0,0101 0,1956
0,1612
0,9968
9,6786 59,0413
33,1982
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
Note : gli indicatori elencati, tra i 24 complessivamente utilizzati, sono quelli maggiormente correlati e pertanto rappresentativi delle singole macrodimensioni.
Tabella A.2 Valori mediani dei singoli gruppi dei macrofattori “urbanizzato”, “servizi”, “mobilità/ inquinamento”, “sprawl” (standardizzati 0-100)
PERIFERICHE (438)
NATURALI (160)
TURISTICHE (89)
MISTE A FUNZ. URB. CONSOLIDATE (232)
AGRICOLE A FUNZ. URB. DINAMICHE (258)
MISTE A FUNZ. URB. DINAMICHE (261)
URBANE A FUNZ. URB. CONSOLIDATE (108)
urbanizzato
0,101
0,000
0,325
0,113
0,043
0,526
1,000
servizi
0,017
0,099
1,000
0,279
0,000
0,150
0,316
mobinq
0,001
0,000
0,285
1,000
0,318
0,047
0,135
sprawl
0,471
0,000
0,272
0,532
1,000
0,715
0,513
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
142
Aree PERIFERICHE
Tabella A.3 Comuni inclusi nel gruppo “PERIFERICHE”
Abbadia lariana
Acquanegra Cremonese
Acquanegra sul Chiese
Adrara San Rocco
Agnosine
Agra
Alagna
Albairate
Albaredo Arnaboldi
Albese con Cassano
Almenno San Salvatore
Alserio
Annone di Brianza
Anzano del Parco
Arcisate
Arsago Seprio
Artogne
Asso
Aviatico
Azzio
Badia Pavese
Bagnolo Cremasco
Ballabio
Barasso
Barbianello
Bardello
Barghe
Bariano
Bassano Bresciano
Bastida Pancarana
Bedero Valcuvia
Bedulita
Belgioioso
Carenno
Carlazzo
Caronno Varesino
Casale Litta
Casalromano
Casalzuigno
Casanova Lonati
Casarile
Casasco d'Intelvi
Casatisma
Casciago
Caslino d'Erba
Casnigo
Casorate Sempione
Cassano Valcuvia
Cassiglio
Cassina Valsassina
Casteldidone
Castello Cabiaglio
Castello d'Agogna
Castelmarte
Castelnuovo Bocca d'Adda
Castelnuovo Bozzente
Castelseprio
Castelveccana
Castelvisconti
Castiglione d'Adda
Casto
Castro
Cava Manara
Cavacurta
Cavallasca
Cazzago Brabbia
Ello
Endine Gaiano
Erve
Esine
Esino Lario
Eupilio
Faedo Valtellino
Fara Gera d'Adda
Ferrera di Varese
Filighera
Fino del Monte
Fonteno
Forcola
Foresto Sparso
Formigara
Galliavola
Gandellino
Gandino
Gardone Val Trompia
Garlate
Gaverina Terme
Gemonio
Genzone
Gera Lario
Germasino
Germignaga
Gianico
Gironico
Golasecca
Gombito
Gordona
Gornate-Olona
Gorno
Mornago
Mornico Losana
Motta Baluffi
Motta Visconti
Mura
Muscoline
Musso
Nave
Niardo
Nicorvo
Nosate
Novate Mezzola
Olevano di Lomellina
Oliveto Lario
Olmeneta
Oltressenda Alta
Ome
Ono San Pietro
Orio Litta
Ostiano
Paisco Loveno
Paitone
Palazzago
Palazzo Pignano
Palestro
Pancarana
Pare'
Parona
Parre
Paspardo
Pasturo
Pavone del Mella
Peia
Sale Marasino
Saltrio
Samarate
San Bartolomeo Val Cavargna
San Damiano al Colle
San Fiorano
San Genesio ed Uniti
San Martino del Lago
San Rocco al Porto
San Zenone al Po
Sangiano
Sant'Angelo Lomellina
Santo Stefano Lodigiano
Scandolara Ripa d'Oglio
Schivenoglia
Sedrina
Sellero
Semiana
Serle
Sernio
Silvano Pietra
Solferino
Solto Collina
Sommo
Songavazzo
Sorisole
Sovere
Spessa
Spinadesco
Spineda
Spinone al Lago
Spriana
Strozza
143
Bellinzago Lombardo
Berbenno
Bereguardo
Bernate Ticino
Berzo Inferiore
Besano
Besate
Besnate
Besozzo
Biandronno
Bianzano
Bienno
Bione
Bisuschio
Bizzarone
Blello
Blessagno
Bodio Lomnago
Boffalora sopra Ticino
Bordolano
Borgo di Terzo
Borgoratto Mormorolo
Bosnasco
Bossico
Botticino
Bracca
Braone
Brebbia
Bregano
Brembilla
Brenna
Brenta
Bressana Bottarone
Brinzio
Briosco
Cedrasco
Cellatica
Cenate Sopra
Cerano d'Intelvi
Cercino
Cerete
Cergnago
Cerro al Lambro
Cerveno
Cervesina
Cimbergo
Cino
Cittiglio
Civate
Civenna
Civo
Claino con Osteno
Clivio
Cocquio-Trevisago
Collebeato
Colonno
Colorina
Colturano
Colzate
Comabbio
Comerio
Corana
Corna Imagna
Cornalba
Cornale
Corno Giovine
Cornovecchio
Corrido
Corte Palasio
Cortenova
Graffignana
Grandola ed Uniti
Grantola
Guardamiglio
Inarzo
Induno Olona
Irma
Ispra
Laino
Lardirago
Lasnigo
Leggiuno
Lezzeno
Lierna
Locate Varesino
Locatello
Lodrino
Losine
Lovero
Lungavilla
Luvinate
Luzzana
Madignano
Magreglio
Malegno
Malgesso
Malonno
Mantello
Marcheno
Marchirolo
Marmentino
Marzio
Masciago Primo
Meleti
Mello
Pellio Intelvi
Perego
Pertica Bassa
Pescate
Piancogno
Pianengo
Piantedo
Piario
Pieve Albignola
Pinarolo Po
Piuro
Pizzale
Poggiridenti
Polaveno
Polpenazze del Garda
Pomponesco
Ponteranica
Ponti sul Mincio
Pontida
Portalbera
Porto Ceresio
Pozzolengo
Pradalunga
Prata Camportaccio
Predore
Premana
Premolo
Preseglie
Prestine
Primaluna
Proserpio
Provaglio Val Sabbia
Puegnago sul Garda
Pusiano
Rancio Valcuvia
Sulzano
Sumirago
Taceno
Taino
Talamona
Tavernerio
Ternate
Ticengo
Tornata
Torre Beretti e Castellaro
Torre de' Busi
Torre de' Negri
Torre d'Isola
Torricella del Pizzo
Tovo di Sant'Agata
Travaco' Siccomario
Travedona-Monate
Tresivio
Treviso Bresciano
Trezzone
Turbigo
Ubiale Clanezzo
Vaiano Cremasco
Vailate
Valbrona
Valeggio
Valganna
Valgoglio
Valgreghentino
Valle Salimbene
Valmorea
Valsecca
Varano Borghi
Vedano Olona
Venegono Inferiore
144
Brissago-Valtravaglia
Brivio
Brunate
Brusimpiano
Buglio in Monte
Cadrezzate
Caglio
Cagno
Caino
Cairate
Calvenzano
Calvignano
Campospinoso
Cantello
Capiago Intimiano
Capizzone
Cappella de' Picenardi
Caprino Bergamasco
Caravate
Carbonate
Corteolona
Cosio Valtellino
Costa de' Nobili
Cremenaga
Crotta d'Adda
Cuasso al Monte
Cugliate-Fabiasco
Cumignano sul Naviglio
Cunardo
Cuveglio
Cuvio
Dazio
Delebio
Dosolo
Dossena
Dresano
Dubino
Dumenza
Duno
Menarola
Mercallo
Mese
Mezzana Rabattone
Mezzanino
Miradolo Terme
Misano di Gera d'Adda
Moio de' Calvi
Monasterolo del Castello
Monguzzo
Monte Isola
Montecalvo Versiggia
Montegrino Valtravaglia
Montescano
Montevecchia
Monticelli Brusati
Monticello Brianza
Montorfano
Morazzone
Ranco
Ranzanico
Rasura
Redavalle
Retorbido
Rezzago
Ripalta Cremasca
Rivarolo Mantovano
Robecchetto con Induno
Robecco Pavese
Rodano
Rodero
Rogno
Rogolo
Ronago
Roncola
Rota d'Imagna
Rovetta
Sabbio Chiese
Vercana
Verceia
Vermezzo
Verrua Po
Vertemate con Minoprio
Vertova
Vestreno
Vigano San Martino
Viggiù
Vigolo
Villa Carcina
Villa di Chiavenna
Villa d'Ogna
Villanova d'Ardenghi
Villanuova sul Clisi
Vilminore di Scalve
Vizzolo Predabissi
Volongo
Volpara
Zelbio
Zenevredo
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
145
“Aree NATURALI”
Tabella A.4 Comuni inclusi nel gruppo “aree NATURALI”
Albaredo per San Marco
Algua
Andalo Valtellino
Ardenno
Ardesio
Averara
Azzone
Bagnaria
Bastida de' Dossi
Bema
Berzo Demo
Bianzone
Blevio
Borgofranco sul Po
Bovegno
Brallo di Pregola
Branzi
Brienno
Brumano
Cadegliano-Viconago
Caiolo
Camerata Cornello
Canevino
Canneto Pavese
Capovalle
Carate Urio
Carbonara di Po
Carona
Castana
Castello dell'Acqua
Castione Andevenno
Cavargna
Cecima
Costa di Serina
Costa Valle Imagna
Cozzo
Crandola Valsassina
Cremia
Curiglia con Monteviasco
Cusino
Cusio
Derovere
Dizzasco
Dorio
Dosso del Liro
Faggeto Lario
Felonica
Fortunago
Fuipiano Valle Imagna
Fusine
Gambarana
Garzeno
Gerola Alta
Gerosa
Golferenzo
Grosotto
Incudine
Introzzo
Isola Dovarese
Laglio
Lavenone
Lenna
Lirio
Livo
Lozio
Maccagno
Monno
Montagna in Valtellina
Montemezzo
Montesegale
Morterone
Nesso
Oliva Gessi
Olmo al Brembo
Oneta
Orino
Ornica
Ossimo
Ossuccio
Pagnona
Parlasco
Parzanica
Pedesina
Peglio
Perledo
Pertica Alta
Pianello del Lario
Piazzatorre
Piazzolo
Pigra
Pino sulla Sponda del Lago
Plesio
Pognana Lario
Ponna
Ponte Nizza
Porto Valtravaglia
Postalesio
Ramponio Verna
Rea
San Giacomo Filippo
San Nazzaro Val Cavargna
San Siro
Santa Brigida
Santa Giuletta
Santa Margherita di Staffora
Saviore dell'Adamello
Schignano
Sormano
Stazzona
Suardi
Sueglio
Tartano
Tavernola Bergamasca
Torno
Torre di Santa Maria
Torricella Verzate
Tremenico
Tronzano Lago Maggiore
Val di Nizza
Val Masino
Val Rezzo
Valnegra
Valsolda
Valtorta
Valverde
Valvestino
Varzi
Veddasca
Vedeseta
Veleso
Velezzo Lomellina
Vendrogno
146
Ceretto Lomellina
Cevo
Cigognola
Codevilla
Collio
Consiglio di Rumo
Corvino San Quirico
Magasa
Mazzo di Valtellina
Menconico
Mezzegra
Mezzoldo
Moggio
Moltrasio
Riva di Solto
Rocca Susella
Romagnese
Roncobello
Rosasco
Ruino
Sala Comacina
Vervio
Villa Biscossi
Vione
Voltido
Zavattarello
Zerbo
Zone
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
“Aree TURISTICHE”
Tabella A.5 Comuni inclusi nel gruppo “aree TURISTICHE”
Albavilla
Anfo
Angera
Aprica
Argegno
Assago
Barzio
Bellagio
Bellano
Bormio
Borno
Brunello
Campodolcino
Canzo
Capo di Ponte
Casargo
Caspoggio
Castione della Presolana
Cedegolo
Cernobbio
Ceto
Chiavenna
Chiesa in Valmalenco
Dongo
Foppolo
Gardone Riviera
Gargnano
Gavirate
Gazzaniga
Gravedona
Griante
Gromo
Idro
Iseo
Isola di Fondra
Lanzada
Lanzo d'Intelvi
Lavena Ponte Tresa
Laveno-Mombello
Leffe
Lenno
Limone sul Garda
Livigno
Lovere
Luino
Madesimo
Padenghe sul Garda
Piazza Brembana
Ponte di Legno
Ponte Nossa
Porlezza
Ripalta Guerina
Roe' Volciano
Salo'
San Fedele Intelvi
San Felice del Benaco
San Pellegrino Terme
Selvino
Serina
Sirmione
Sonico
Sorico
Taleggio
Tavernole sul Mella
Temu'
Tignale
Toscolano-Maderno
Tremezzo
Tremosine
147
Chiuro
Clusone
Colere
Corteno Golgi
Cusago
Dervio
Domaso
Mandello del Lario
Manerba del Garda
Margno
Menaggio
Mesenzana
Moniga del Garda
Oltre il Colle
Valbondione
Valfurva
Valleve
Varenna
Vezza d'Oglio
Vizzola Ticino
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
“Aree MISTE A FUNZ. URBANE CONSOLIDATE”
Tabella A.6 Comuni inclusi nel gruppo “aree MISTE A FUNZ. URBANE CONSOLIDATE”
Abbiategrasso
Albino
Albosaggia
Angolo Terme
Arena Po
Asola
Bagnolo Mella
Bagnolo San Vito
Bagolino
Bedizzole
Berbenno di Valtellina
Bergamo
Besana in Brianza
Borghetto Lodigiano
Borgo Priolo
Borgo San Giacomo
Borgo San Siro
Borgoforte
Bozzolo
Breme
Breno
Brescia
Castiglione delle Stiviere
Cavriana
Cazzago San Martino
Ceresara
Chiari
Chignolo Po
Cilavegna
Codogno
Colico
Commessaggio
Como
Confienza
Corbetta
Cornate d'Adda
Costa Volpino
Crema
Cremona
Curtatone
Darfo Boario Terme
Desenzano del Garda
Dorno
Drizzona
Langosco
Lecco
Leno
Lentate sul Seveso
Lodi
Lomello
Lonate Pozzolo
Lonato
Lumezzane
Magenta
Magnacavallo
Maleo
Manerbio
Mantova
Marcaria
Marmirolo
Marone
Mede
Mediglia
Medole
Mezzana Bigli
Milano
Pietra de' Giorgi
Pieve del Cairo
Pieve Porto Morone
Pisogne
Piubega
Pizzighettone
Poggio Rusco
Ponte in Valtellina
Pontevico
Porto Mantovano
Quingentole
Quinzano d'Oglio
Quistello
Redondesco
Revere
Rezzato
Rivanazzano
Rivarolo del Re ed Uniti
Rivolta d'Adda
Robbio
Rocca de' Giorgi
Rodengo-Saiano
Serravalle a Po
Sesto Calende
Sesto ed Uniti
Somma Lombardo
Soncino
Sondalo
Sondrio
Soresina
Sospiro
Spino d'Adda
Stagno Lombardo
Stradella
Sustinente
Suzzara
Teglio
Tirano
Torrazza Coste
Tradate
Treviglio
Trezzo sull'Adda
Tromello
Valdidentro
148
Broni
Busto Arsizio
Ca' d'Andrea
Calcinato
Calvisano
Candia Lomellina
Canneto sull'Oglio
Cantu'
Caravaggio
Carpenedolo
Casalbuttano ed Uniti
Casalmaggiore
Casalpusterlengo
Casei Gerola
Caselle Landi
Castano Primo
Casteggio
Castel d'Ario
Castel Goffredo
Castelleone
Castelletto di Branduzzo
Castellucchio
Castelnovetto
Castelverde
Castenedolo
Edolo
Erba
Ferrera Erbognone
Frascarolo
Gabbioneta-Binanuova
Gaggiano
Galbiate
Gallarate
Gambara
Gambolo'
Garlasco
Gavardo
Gazzuolo
Ghedi
Godiasco
Goito
Gonzaga
Gottolengo
Gropello Cairoli
Grosio
Grumello Cremonese ed Uniti
Guidizzolo
Gussago
Inverigo
Lacchiarella
Moglia
Montalto Pavese
Montebello della Battaglia
Monticelli Pavese
Montichiari
Montu' Beccaria
Monza
Monzambano
Morbegno
Mortara
Motteggiana
Nembro
Orzinuovi
Ostiglia
Ottobiano
Paderno Ponchielli
Palazzolo sull'Oglio
Pandino
Passirano
Pavia
Pegognaga
Peschiera Borromeo
Pezzaze
Piadena
Piateda
Rodigo
Roncoferraro
Rosate
Rovato
Roverbella
Rovescala
Sabbioneta
San Benedetto Po
San Colombano al Lambro
San Daniele Po
San Giorgio di Lomellina
San Giovanni Bianco
San Giuliano Milanese
San Martino dall'Argine
San Martino in Strada
San Martino Siccomario
Sannazzaro de' Burgondi
Santa Cristina e Bissone
Santa Maria della Versa
Sant'Angelo Lodigiano
Sant'Omobono Imagna
Sartirana Lomellina
Scandolara Ravara
Schilpario
Sermide
Valdisotto
Valle Lomellina
Varese
Vergiate
Verolanuova
Verolavecchia
Vescovato
Vestone
Viadana
Vigevano
Villa di Tirano
Villa Poma
Villanterio
Vimercate
Virgilio
Vobarno
Voghera
Volta Mantovana
Zeme
Zibido San Giacomo
Zinasco
Zogno
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
149
“Aree AGRICOLE A FUNZ URBANE DINAMICHE”
Tabella A.7 Comuni inclusi nel gruppo “aree AGRICOLE A FUNZ URBANE DINAMICHE”
Abbadia Cerreto
Acquafredda
Adrara San Martino
Agnadello
Albonese
Albuzzano
Alfianello
Annicco
Antegnate
Arzago d'Adda
Azzanello
Azzano Mella
Barbariga
Barbata
Barni
Bascape'
Battuda
Bene Lario
Bertonico
Berzo San Fermo
Bigarello
Boffalora d'Adda
Bolgare
Bonemerse
Borgarello
Borgo San Giovanni
Bornasco
Brandico
Brembio
Brezzo di Bedero
Brignano Gera d'Adda
Brione
Calcinate
Casalmorano
Casalmoro
Casaloldo
Caselle Lurani
Casirate d'Adda
Cassolnovo
Castegnato
Castel Gabbiano
Castelbelforte
Castelcovati
Castiraga Vidardo
Castrezzato
Cavenago d'Adda
Cavernago
Cella Dati
Ceranova
Certosa di Pavia
Cervignano d'Adda
Chieve
Chignolo d'Isola
Chiuduno
Cicognolo
Cigole
Cingia de' Botti
Cisliano
Cividate al Piano
Coccaglio
Colle Brianza
Cologne
Cologno al Serio
Comazzo
Comezzano-Cizzago
Comun Nuovo
Fombio
Fontanella
Fornovo San Giovanni
Gadesco-Pieve Delmona
Galgagnano
Galliate Lombardo
Gandosso
Gazoldo degli Ippoliti
Genivolta
Gerenzago
Gerre de' Caprioli
Ghisalba
Giussago
Gravellona Lomellina
Grone
Grontardo
Gudo Visconti
Gussola
Inverno e Monteleone
Isorella
Isso
Izano
Landriano
Linarolo
Livraga
Locate di Triulzi
Lograto
Longhena
Lurano
Maccastorna
Maclodio
Magherno
Mairago
Mozzanica
Mulazzano
Noviglio
Nuvolento
Nuvolera
Offlaga
Orzivecchi
Osmate
Ospedaletto Lodigiano
Ossago Lodigiano
Ozzero
Pagazzano
Palosco
Persico Dosimo
Pescarolo ed Uniti
Pessina Cremonese
Pian Camuno
Pianico
Pieranica
Pieve di Coriano
Pieve d'Olmi
Pieve Fissiraga
Pieve San Giacomo
Pognano
Pompiano
Poncarale
Pontirolo Nuovo
Pontoglio
Pozzaglio ed Uniti
Pralboino
Prevalle
Pumenengo
Quintano
San Paolo
San Zenone al Lambro
Sant'Alessio con Vialone
Scaldasole
Secugnago
Seniga
Senna Lodigiana
Sergnano
Settala
Solarolo Rainerio
Somaglia
Spirano
Tavazzano con Villavesco
Telgate
Terranova dei Passerini
Torbole Casaglia
Torlino Vimercati
Torre d'Arese
Torre de' Picenardi
Torre Pallavicina
Torrevecchia Pia
Traona
Travagliato
Trenzano
Trescore Cremasco
Trigolo
Trivolzio
Trovo
Truccazzano
Turano Lodigiano
Urago d'Oglio
Urgnano
Valera Fratta
150
Calcio
Calvagese della Riviera
Calvatone
Camairago
Camisano
Campagnola Cremasca
Capergnanica
Cappella Cantone
Capralba
Capriano del Colle
Carbonara al Ticino
Carobbio degli Angeli
Carpiano
Casale Cremasco-Vidolasco
Casaletto Ceredano
Casaletto di Sopra
Casaletto Lodigiano
Casaletto Vaprio
Casalmaiocco
Copiano
Corte de' Cortesi con Cignone
Corte de' Frati
Cortenova
Corzano
Costa di Mezzate
Covo
Credera Rubbiano
Cremosano
Crespiatica
Cura Carpignano
Dello
Dovera
Entratico
Erbusco
Fara Olivana con Sola
Fenegrò
Fiesco
Fiesse
Mairano
Malagnino
Marcignago
Mariana Mantovana
Martignana di Po
Martinengo
Marudo
Marzano
Massalengo
Mazzano
Merlino
Milzano
Montanaso Lombardo
Montirone
Montodine
Morengo
Morimondo
Mornico al Serio
Moscazzano
Remedello
Ricengo
Ripalta Arpina
Robecco d'Oglio
Roccafranca
Rognano
Romanengo
Romano di Lombardia
Roncaro
Rudiano
Salerano sul Lambro
Salvirola
Samolaco
San Bassano
San Cipriano Po
San Gervasio Bresciano
San Giacomo delle Segnate
San Giovanni del Dosso
San Giovanni in Croce
Vallio Terme
Vellezzo Bellini
Vernate
Verretto
Viadanica
Vidigulfo
Villachiara
Villanova del Sillaro
Villimpenta
Visano
Vistarino
Zandobbio
Zanica
Zeccone
Zelo Buon Persico
Zelo Surrigone
Zerbolo'
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
“Aree MISTE A FUNZ. URBANE DINAMICHE”
Tabella A.8 Comuni inclusi nel gruppo “MISTE A FUNZ. URBANE DINAMICHE”
Adro
Aicurzio
Airuno
Albano Sant'Alessandro
Albiolo
Almenno San Bartolomeo
Alzano Lombardo
Alzate Brianza
Ambivere
Appiano Gentile
Arcene
Carimate
Carnago
Caronno Pertusella
Carugo
Carvico
Casatenovo
Casazza
Casnate con Bernate
Casorate Primo
Casorezzo
Cassago Brianza
Fagnano Olona
Faloppio
Figino Serenza
Filago
Fino Mornasco
Flero
Garbagnate Monastero
Gazzada Schianno
Gerenzano
Gessate
Gorgonzola
Monte Marenzo
Montello
Monvalle
Mozzate
Nerviano
Nibionno
Novedrate
Odolo
Offanengo
Oggiona con Santo Stefano
Oggiono
Sarezzo
Scanzorosciate
Sedriano
Senna Comasco
Sirone
Sirtori
Siziano
Soiano del Lago
Solbiate
Solbiate Olona
Solza
151
Arconate
Arluno
Azzate
Bagnatica
Bareggio
Barzago
Barzana
Barzano'
Basiano
Bellusco
Beregazzo con Figliaro
Berlingo
Bernareggio
Binago
Boltiere
Bonate Sopra
Bonate Sotto
Borgosatollo
Bosisio Parini
Bottanuco
Bregnano
Brembate
Brusaporto
Bubbiano
Bulciago
Bulgarograsso
Buscate
Busnago
Bussero
Busto Garolfo
Cadorago
Calco
Calolziocorte
Calusco d'Adda
Calvignasco
Cassano d'Adda
Cassina Rizzardi
Cassinetta di Lugagnano
Castel Mella
Castel Rozzone
Castelli Calepio
Castello di Brianza
Castiglione d'Intelvi
Castiglione Olona
Castronno
Cavaria con Premezzo
Cavenago di Brianza
Cazzano Sant'Andrea
Cenate Sotto
Cene
Ceriano Laghetto
Cermenate
Cernusco Lombardone
Cerro Maggiore
Cesana Brianza
Cirimido
Cisano Bergamasco
Ciserano
Cislago
Cividate Camuno
Cogliate
Concesio
Concorezzo
Cornegliano Laudense
Correzzana
Corte Franca
Costa Masnaga
Credaro
Cremella
Cremeno
Gorla Maggiore
Gorla Minore
Gorlago
Grassobbio
Grezzago
Grumello del Monte
Guanzate
Imbersago
Introbio
Inveruno
Inzago
Jerago con Orago
Lambrugo
Lazzate
Levate
Limido Comasco
Liscate
Lodi Vecchio
Lomagna
Lomazzo
Lonate Ceppino
Longone al Segrino
Lozza
Luisago
Lurago d'Erba
Lurago Marinone
Madone
Magnago
Malnate
Mapello
Marcallo con Casone
Marnate
Masate
Medolago
Merone
Olgiate Comasco
Olgiate Molgora
Olginate
Oltrona di San Mamette
Onore
Origgio
Ornago
Orsenigo
Osio Sopra
Osio Sotto
Osnago
Ospitaletto
Ossona
Paderno d'Adda
Paderno Franciacorta
Paladina
Pantigliate
Parabiago
Paratico
Paullo
Pedrengo
Pessano con Bornago
Pioltello
Ponte Lambro
Pozzo d'Adda
Pozzuolo Martesana
Pregnana Milanese
Provaglio d'Iseo
Robbiate
Robecco sul Naviglio
Rogeno
Roncadelle
Roncello
Ronco Briantino
Rovagnate
Sordio
Sotto il Monte Giovanni XXIII
Stezzano
Suello
Suisio
Sulbiate
Terno d'Isola
Torre de' Roveri
Trescore Balneario
Treviolo
Trezzano Rosa
Tribiano
Triuggio
Turate
Uboldo
Uggiate-Trevano
Usmate Velate
Valbrembo
Valmadrera
Vanzaghello
Vanzago
Vaprio d'Adda
Veduggio con Colzano
Venegono Superiore
Veniano
Vercurago
Verdellino
Verdello
Verderio Inferiore
Verderio Superiore
Vigano'
Vignate
Villa Cortese
Villa d'Adda
Villa d'Alme'
152
Cambiago
Camparada
Canonica d'Adda
Caponago
Capriate San Gervasio
Capriolo
Cardano al Campo
Crosio della Valle
Cucciago
Cuggiono
Dairago
Daverio
Dolzago
Drezzo
Mesero
Mezzago
Misinto
Missaglia
Molteno
Montano Lucino
Monte Cremasco
Rovellasca
Rovello Porro
San Giorgio di Mantova
San Paolo d'Argon
San Zeno Naviglio
Santa Maria Hoe'
Santo Stefano Ticino
Villa di Serio
Villa Guardia
Villongo
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
“Aree URBANE A FUNZ. URBANE CONSOLIDATE”
Tabella A.9 Comuni inclusi nel gruppo “URBANE A FUNZ. URBANE CONSOLIDATE”
Agrate Brianza
Albiate
Albizzate
Alme'
Arcore
Arese
Arosio
Azzano San Paolo
Baranzate
Barlassina
Basiglio
Biassono
Binasco
Bollate
Bovezzo
Bovisio-Masciago
Brembate di Sopra
Bresso
Brugherio
Buccinasco
Buguggiate
Burago di Molgora
Cabiate
Campione d'Italia
Canegrate
Carate Brianza
Carnate
Carugate
Cassano Magnago
Cassina de' Pecchi
Castellanza
Cernusco sul Naviglio
Cesano Boscone
Cesano Maderno
Cesate
Cinisello Balsamo
Cologno Monzese
Cormano
Cornaredo
Corsico
Curno
Cusano Milanino
Dalmine
Desio
Ferno
Fiorano al Serio
Garbagnate Milanese
Giussano
Gorle
Grandate
Lainate
Lallio
Legnano
Lesmo
Limbiate
Lipomo
Lissone
Lurate Caccivio
Macherio
Malgrate
Mariano Comense
Maslianico
Meda
Melegnano
Melzo
Merate
Mozzo
Muggio'
Nova Milanese
Novate Milanese
Olgiate Olona
Opera
Orio al Serio
Paderno Dugnano
Pero
Pieve Emanuele
Pogliano Milanese
Ponte San Pietro
Presezzo
Ranica
Renate
Rescaldina
Rho
Rozzano
San Donato Milanese
San Fermo della Battaglia
San Giorgio su Legnano
San Vittore Olona
Sarnico
Saronno
Segrate
Senago
Seregno
Seriate
Sesto San Giovanni
Settimo Milanese
Seveso
Solaro
Solbiate Arno
Sovico
Torre Boldone
Trezzano sul Naviglio
Varedo
Vedano al Lambro
Verano Brianza
Villasanta
Vimodrone
Vittuone
[elaborazione Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Bicocca, 2012]
153
2.5
Morfologie urbane e periurbane
Paolo Galuzzi, Elena Solero, Piergiorgio Vitillo – DAStU, Politecnico di Milano
2.5.1 Abstract
La ricerca intende formulare, a partire dal caso studio della Lombardia, prime risposte a tre
questioni che attraversano e interrogano i territori e la città contemporanei, che sono state
affrontate, in modo articolato e diffuso, anche nella letteratura di riferimento.
a) Esistono caratteri distintivi e qualificanti dei territori periurbani?
b) Esistono relazioni (quantitative e qualitative), fra il consumo di suolo (lo sprawl insediativo), i
caratteri dei territori periurbani e la più generale morfologia urbana e territoriale?
c) Sono praticabili efficaci policy per la qualificazione e il governo dei territori periurbani?
La questione e la caratterizzazione dei territori periurbani in Italia è stata affrontata da differenti
profili di letteratura disciplinare. L’originale analisi teorica e/o empirica delineata dai modelli di
sviluppo metropolitano dell’inizio degli anni ’60 (PIM, 1963) è stata successivamente ripresa e
reinterpretata secondo una lettura delle geografie strutturali (Astengo e Nucci, 1990), delle figure
metropolitane (Boeri et al., 1993), delle geografie territoriali (Clementi et al., 1996).
La complessità della forma urbana della città è stata interpretata anche attraverso la lettura del
territorio inteso come flusso di reti e gerarchie amministrative (Boatti et al., 1991) in cui la città è, da
un lato, l’esito di un fenomeno a rete “diffuso”, dall’altro interessata dalla formazione di un livello
metropolitano forte tendenzialmente accentrato (dialettica diffusione/accentramento) (De
Matteis, 1992).
L’esplosione della città (Becchi e Inodovina, 1999) ha comportato riflessioni strutturali relative ai
fenomeni di metropolizzazione (Campos Venuti, 2010), oltreché all’elaborazione di proposte di
progetti strategici per le regioni urbane (Diap, AAVV, 2006), che tengano conto dei sistemi locali
(Pasqui e Lanzani, 2011; Balducci et al., 2011)
Rispetto alla letteratura di riferimento, il lavoro si propone in particolare di incrociare i temi di natura
strutturale (sprawl e sviluppo urbanistico, infrastrutturale e territoriale) con la lettura/interpretazione
delle morfologie urbane e territoriali.
L’individuazione e la classificazione dei territori periurbani si è svolta articolando la ricerca in tre
differenti tappe/fasi:
- la costruzione di una figura geometrica/quantitativa dei territori periurbani;
- l’individuazione della rete ecologica - ambientale come invariante strutturale;
- il confronto fra la figura geometrica e la morfologia dei luoghi.
La ricerca propone una classificazione del territorio regionale lombardo attraverso due serie di
mappe tematiche: per estensione dell’impronta di urbanità (individuazione e mappatura dei
Comuni che presentano un maggiore o minore carattere di urbanità e/o ruralità), per morfologie
territoriali (individuazione e mappatura dei Comuni che presentano caratteri di continuità e/o
discontinuità dell’antropizzato, mettendo in luce il sistema delle conurbazioni).
La ricerca individua possibili e praticabili risposte alle criticità espresse dai territori e dalla città
contemporanei.
Innanzitutto la scala municipale non risulta adeguata per interpretare e soprattutto per governare i
territori periurbani. Al contrario la ricerca evidenzia l’utilità e l’efficacia di un approccio non limitato
ai confini amministrativi come unità di base per le interpretazioni, le misurazione, il governo.
Una seconda questione evidenziata dalla ricerca consiste nella necessità di individuare policy,
traguardando anche le best practices europee, finalizzate alla qualificazione e al governo dei
territori periurbani, tra le quali contrastare e contenere il consumo di suolo, costruire una
metodologia (semplice, chiara e facilmente applicabile) per la determinazione delle zone agricole
154
strategiche di scala sovraccomunale, con parametri e indicatori condivisi e comuni, al fine di
uniformare i criteri applicativi, favorire e promuovere il potenziamento dei caratteri ambientali,
fruitivi, ricreativi dei territori periurbani.
E’ opportuno inoltre promuovere la multifunzionalità dei territori agricoli, attraverso l’articolazione,
la qualificazione, la promulgazione di azioni e politiche per i territori periurbani - all’interno degli
strumenti di governo del territorio, ma anche attraverso azioni, politiche e progetti e coordinate
forme di governance.
Infine la ricerca pone la necessità di Integrare forme di governance e government, con la
costruzione di strumenti, politiche, azioni, programmi e progetti integrati per la valorizzazione e la
qualificazione dei territori periurbani.
The research, starting from the case study of Lombardia, aims to formulate responses to three
matters interesting contemporary cities and territories and debating in literature.
a) Do exist particular and qualifying features of periurban areas?
b) Do exist (qualitative and quantitative) relationships between soil consumption (urban
sprawl), periurban areas and urban morphology?
c) Are feasible efficient policies in order to qualify and rule periurban areas?
In Italy periurban areas are studied from different branches of knowledge.
The original theoretical and practical analysis based on patterns of metropolitan development in
the early ‘60s (PIM, 1963) was resumed and redefined from different points of view, such as
structural geographies (Astengo and Nucci, 1990), metropolitan figures (Boeri et al., 1993), territorial
geographies (Clementi et al., 1996).
The complexity of the urban form of the city was also defined as a stream of networks and
administrative hierarchies (Boatti et al., 1991). In this vision, the city is, in one hand, the outcome of
a “spread” network phenomenon, on the other an element of a centralized metropolitan region
(dialectic diffusion/ centralization).
The explosion of the city (Becchi and Indovina, 1999) involved important considerations about
metropolisation processes (Campos Venuti, 2010), as well as different proposals of strategic project
for urban regions (Diap, AAVV, 2006), that consider local systems (Pasqui and Lanzani, 2011;
Balducci et al., 2011).
Compared to the reference literature, the research aims in particular to cross the themes of a
structural nature (sprawl and urban, infrastructure and territorial development) with the
interpretation of the territorial and urban morphologies.
The identification and classification of periurban areas by articulating the research took place in
three different stages / phases:
- the construction of a geometric figure of the periurban areas;
- the identification of the ecological-environmental network as structural invariant;
- the comparison between the geometric shape and morphology of the places.
The research proposes a classification of the region of Lombardia through two sets of thematic
maps: growing urban footprint (identification and mapping of municipalities that have a greater or
lesser character of urbanity), territorial morphologies (identification and mapping of municipalities
that have characters of continuity and/or discontinuity of urban areas, highlighting the system of
conurbations).
The research identifies possible and practical answers to the problems relevant to contemporary
territories and cities.
First of all, the municipal level is not adequate to interpret and especially to govern periurban
areas.
On the contrary, the research shows the usefulness and effectiveness of the approach not limited
to the administrative boundaries for interpretations, measurement, government.
155
A second issue highlighted by the research is the need to identify policy, pointing also the
European best practices, to improve the government of periurban areas, consisting in limiting soil
consumption, defining a methodology (simple, clear and easily applicable) for the determination
of the supra-municipal strategic agricultural areas through benchmarks and indicators commonly
shared, in order to standardize the application criteria, encourage and promote the strengthening
of the environmental features and recreation of the periurban areas.
it’s also important to promote multifunctionality in agriculture through the qualification, the
enactment of measures and policies for urban periurban areas - inside the tools of government of
the territory - but also through actions, policies and plans of governance.
Finally, the research shows the need of integrating governance and government, with the
construction of tools, policies, measures, programs and integrated projects for the development
and qualification of the periurban areas.
2.5.2 Premessa
La disciplina urbanistica non è in grado di fornire classificazioni generali e univoche alle realtà
amministrative comunali, con gradienti che vanno dall’urbano al rurale (Comune urbano, Comune
periurbano, Comune rurale), sul modello proposto dalla classificazione dell’OCSE.
Per gli studi urbani, i tre aspetti (urbanità, periurbanità, agricoltura), convivono infatti in ogni realtà
amministrativa: a differenza di altre discipline, tutte le realtà comunali possono infatti presentare
contemporaneamente temi/valori di urbanità, periurbanità, ambientali, di produzione agricola.
Il modello disciplinare prevalente attribuisce due principali caratteri ai territori comunali, dividendo
ciò che è urbano (per caratteri insediativi, funzionali e morfologici), da ciò che è extraurbano (tutto
il resto). L’extraurbano mette assieme cose differenti: possono prevalere i caratteri produttivi (il
territorio agricolo; oppure i caratteri ambientali (territori ambientali); oppure non prevalere né i
caratteri urbani né quelli agricoli (territori periurbani: territori ibridi, di transizione fra i territori urbani e
territori agricoli), estrapolati comunque le parti di valore ambientale. Le qualità ambientali e
paesaggistiche sono sottratte ed enucleate nelle valutazioni, rappresentando un vero e proprio
valore non negoziabile e delineano una vera e propria armatura ambientale regionale. E’ da
questo disegno che dobbiamo acquisire e da cui dobbiamo partire, anche per la costruzione delle
reti ecologico – ambientali di scala locale.
Nei casi italiani ed esteri studiati e approfonditi, l’individuazione del paesaggio periurbano avviene
con un atteggiamento iniziale di tipo interpretativo (spesso “progettante”), successivamente
sottoposto a verifica, testato e stressato con analisi e approfondimenti tematici e specialistici.
La ricerca condotta ha invece mappato, classificato e quantificato il territorio regionale in base ai
differenti caratteri risultanti dagli indicatori utilizzati: come meglio successivamente argomentato, la
determinazione degli ambiti periurbani è derivata dall’applicazione di un buffer geometrico
(variabile a seconda delle dimensioni demografiche comunali); a cui ha fatto seguito una
successiva verifica qualitativa, con puntuali rettifiche ai perimetri dei territori periurbani sulla base
dei segni territoriali, morfologici, ambientali e infrastrutturali esistenti, per un campione
sufficientemente significativo di comuni.
Non si tratta di un limite netto e con caratteri discriminanti, ma di una prima individuazione aperta
alle modifiche e alle correzioni derivate dagli approfondimenti analitico – interpretativi che la più
appropriata scala locale potrà apportare.
La ricerca svolta ha quindi consentito di declinare e specificare le caratteristiche del territorio
extraurbano regionale: non solo “tutto ciò che non è urbanizzato”, ma una prima individuazione di
valori ambientali, paesaggistici, agronomico - produttivi. Un contributo informativo e interpretativo
che si configura come una trasparente piattaforma di conoscenze, che ha al contempo messo in
luce, anche se questo non rappresenta l’aspetto principale della ricerca, la necessità di superare
la scala comunale, inadeguata sia per comprendere che, soprattutto, per governare i fenomeni
della città contemporanea e dei territori metropolizzati.
156
Il periurbano come paesaggio ibrido
Attorno al cuore denso della città esistente esiste una zona ambigua dove la città si disgrega,
inglobando gli spazi agricoli nella sua rete infrastrutturale e nei suoi collegamenti. Spazi agricoli
dapprima ridotti, che diventano sempre più ampi verso l’esterno, fino a quando il paesaggio della
campagna diventa dominante.
Questo spazio ibrido, nel quale ambiti aperti della campagna e porzioni più o meno disarticolate di
costruito si mescolano, costituisce per le scienze del territorio il paesaggio periurbano.
È in questa parte della città contemporanea dove avviene la contesa fra città e campagna, o
meglio, dove la città morde la campagna, con la conseguente perdita di naturalità e di qualità
del paesaggio, con un elevato impatto ambientale che la crescita urbana comporta in termini di
perdita di naturalità e di qualità del paesaggio. Il problema, seppure rilevante, non è solo il
consumo di suolo, la quantità rilevante di aree che passano da agricole a urbane, ma anche i
caratteri e le forme che la città assume nel tracimare nel territorio agricolo, frantumando il tessuto
agricolo e degradandolo a frammenti isolati. L’urbanistica ha nel corso della sua lunga storia
considerato i territori periurbani prevalentemente quali aree di riserva per lo sviluppo urbano:
fortunatamente oggi le attenzioni e sensibilità, non solo disciplinari ma della società nel suo
complesso, si sono radicalmente modificate, facendo assumere al territorio periurbano la funzione
di un’utile categoria interpretativa.
Questo paesaggio ibrido risulta caratterizzato da un insieme combinato di fattori: un elevato grado
di frammentazione e insularizzazione; un basso grado di naturalità; un elevato grado di
disgregazione del tessuto agricolo (diffusione della rete infrastrutturale e dispersione insediativa); la
presenza di fattori di pressione (inquinamento atmosferico e acustico, suolo e sottosuolo); la
scadente qualità degli spazi verdi e collettivi, associata alla loro scarsa accessibilità.
Territori consumati
Negli ultimi dieci anni in Italia si e registrato un crescente aumento del consumo di suolo1 . La causa
principale è l’espandersi della città, una vera e propria esplosione del centro urbano con nuove
aree che si aggiungono alle periferie. In Italia la popolazione urbana continua a crescere e ha
raggiunto quasi il 65% di quella complessiva. Il fenomeno è mondiale, non solo italiano o europeo. I
7 miliardi di persone che vivono oggi sul pianeta sono divisi a metà tra popolazione urbana e
rurale, ma solo nel 1950 la popolazione urbana era poco più che un quarto del totale.
In Italia, come in molti Paesi d'Europa, è crescente la preoccupazione per il fenomeno del
consumo di suolo, riferito alle superfici di suolo naturale e agricolo trasformate dall'urbanizzazione e
dall'infrastrutturazione del territorio. La problematica, che si accompagna al dilagare del
fenomeno dell'urban sprawl pone una serie di questioni, connesse in primo luogo alla perdita e/o
degradazione di superfici idonee alla produzione agricola e all'espressione di biodiversità e qualità
paesaggistica, ma anche alla destrutturazione della forma urbana e dei suoi valori, connessi al
sistema delle relazioni sociali di prossimità, con crescente inefficienza energetica e funzionale di un
modello insediativo estensivo ad alta domanda di trasporto, alla conseguente generazione di
inquinamento atmosferico, alla perdita dei sistemi regolativi connessi ai cicli biogeochimici e a
quelli idrogeologici che nel suolo hanno sede. Infine, la mancata acquisizione dal vigente sistema
normativo del significato di 'bene comune' che il suolo indubitabilmente assume, pone un serio
elemento di allarme legato alla sostanziale irreversibilità delle trasformazioni che determinano
dissipazione della risorsa suolo, destinata a tradursi in grave limite al benessere, allo sviluppo
sociale, alle opportunità concesse alle future generazioni.
Su questi temi, si veda in particolare il lavoro e le ricerche svolte dal Centro di Ricerca sul Consumo di Suolo. Il CRCS nasce
da un protocollo d’intesa siglato tra l’Istituto Nazionale di Urbanistica (INU) e Legambiente ONLUS, con la finalità di
elaborare e divulgare - anche mediante il contributo di altri soggetti associativi istituzionali e accademici (fra i quali il
Dipartimento di Architettura e Studi Urbani, DAStU, del Politecnico di Milano), che ne condividono motivazioni ed obiettivi dati e contributi per la conoscenza del fenomeno del consumo di suolo in Italia e in Europa.
1
157
Non è da trascurare il dato culturale che sottende questo stato di fatto: fino a oggi quanti hanno
sviluppato il corpo delle conoscenze relative al suolo hanno praticato la via tradizionale
dell'approfondimento disciplinare, occorre ora allargare gli orizzonti verso uno scambio tra
competenze urbanistiche, ecosistemiche, geo-pedologiche, chimico-biologiche, geografiche,
agronomiche, paesaggistiche, nonché una consapevolezza dei riflessi che le trasformazioni d'uso
del suolo determinano sulla sfera economica e sul funzionamento delle organizzazioni sociali.
L'attribuzione al suolo dello status di bene comune richiede un percorso di maggior
consapevolezza che non può non può prescindere da una originale elaborazione culturale, frutto
di una condivisione transdisciplinare.
Da questo profilo, la Lombardia è una delle Regioni italiane che dispone dei dati più aggiornati e
affidabili sull’uso del suolo. Il Dusaf (Destinazione d’Uso dei Suoli Agricoli e Forestali) è la banca dati
nata nel 2001 nell’ambito di un progetto promosso e finanziato da Regione (Direzioni Generali
Territorio-Urbanistica e Agricoltura), realizzata dall’Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle
Foreste (ERSAF) con la collaborazione dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della
Lombardia (ARPA). Attraverso queste informazioni sappiamo che, su una superficie regionale
totale di circa 2,4 milioni di ettari, circa un milione è rappresentato da territorio agricolo e un altro
milione è costituito da territori naturali e seminaturali.
La ricerca è quindi partita dai dati prodotti e condivisi sulle superfici urbanizzate, con la finalità di
declinare e articolare il territorio extraurbano attraverso la categoria interpretativa del periurbano.
Alcuni macro indicatori
La ricerca ha preliminarmente individuato alcuni indicatori significativi, relativi alle dimensioni e alle
caratteristiche dei territori antropizzati, alle caratteristiche demografiche e alle caratteristiche
ambientali. Tali valori contribuiscono alla lettura e all’interpretazione dei territori, nonché ad una
loro prima caratterizzazione fisica e spaziale, ma sono in particolare funzionali e utili allo
svolgimento delle attività della ricerca, con particolare riferimento alla classificazione del territorio
regionale attraverso le mappe tematiche (di cui al successivo Capitolo 3).
Il primo valore calcolato è l’indice di occupazione del suolo, inteso come rapporto tra superficie
urbanizzata e superficie comunale. Tale parametro, espresso in percentuale, consente
un’immediata lettura sul grado di urbanizzazione di ciascun Comune e Provincia. La Provincia che
ha dimostrato il maggior grado di urbanizzazione è quella di Monza Brianza (quasi il 50%), mentre
quella che presenta quello minore è quella di Sondrio (2%).
Il secondo parametro utilizzato è relativo all’estensione dell’impronta, inteso come rapporto tra la
somma delle aree antropizzate e periurbane2 e la superficie urbanizzata. Tale indice consente di
calcolare quanta superficie di spazi verdi agronaturali è stata degradata a spazio verde
insularizzato per ogni unità di superficie di costruito; in questo senso, più il valore si allontana
dall’unità, più il Comune è caratterizzato da territori periurbani.
Il terzo indicatore di carattere generale è quello relativo al rapporto tra tessuto continuo e
discontinuo; tale valore restituisce i caratteri legati alla forma dell’insediamento (compatto,
frammentato, rado). La Provincia che mostra un più alto grado di frammentazione è quella di
Mantova (con un indice pari a 0,07), seguita dalla Provincia di Sondrio (indice pari a 0,09); la
Provincia più compatta risulta essere quella di Lodi (indice pari a 0,41).
I dati elaborati hanno una copertura a livello comunale, ma sono restituiti accorpati per Provincia,
ritenendo maggiormente significativi i risultati che ne derivano.
Per la determinazione delle aree periurbane si veda il successivo capitolo 2 e, in particolare, il paragrafo 2.1.1, La
costruzione di una figura geometrica
2
158
Figura 1 – Indice di occupazione del suolo
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009]
Tabella 1 – Indicatori
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009]
159
2.5.3 Approccio metodologico
L’individuazione e la classificazione dei territori periurbani si è svolta articolando la ricerca in tre
differenti tappe/fasi: la costruzione di una figura geometrica, l’individuazione delle invarianti
ambientali, il confronto/verifica della figura geometrica con la specifica geografia dei luoghi.
Le operazioni effettuate ci hanno consentito di sottoporre a verifica e testare la scelta iniziale di
determinare i territori periurbani con l’applicazione di una misura arbitraria attorno alle aree
urbanizzate: un buffer geometrico, variabile in base alle dimensioni demografiche dei comuni.
I risultati ottenuti con questo percorso di affinamento interpretativo, di seguito sintetizzati, ci hanno
confortato, anche dal punto di vista quantitativo, rispetto alla scelta iniziale (come detto, di tipo
arbitrario), assunta con l’individuazione geometrica e meccanica dei territori periurbani.
La costruzione di una figura geometrica
Il primo passo della ricerca è stato quello di raffigurare i territori periurbani come una fascia di
transizione fra il cuore delle aree sicuramente urbanizzate e le aree prevalentemente
agricolo/produttive: territori di mezzo, paesaggi ibridi, che non sono né città ma non ancora
campagna, che caratterizzano la quasi totalità dei paesaggi italiani e lombardi in particolare.
Anche attraverso il conforto della letteratura, abbiamo scelto tre misure differenti (dopo averne
testate diverse), variabili a seconda del rango dimensionale – demografico dei comuni, che sulla
base delle conoscenze dei territori e dei luoghi ci sembrassero rappresentare in modo efficace e
rispondente le differenti realtà locali.
L’individuazione delle invarianti ambientali
All’interno del territorio periurbano determinato con la costruzione del buffer geometrico, abbiamo
evidenziato/enucleato le aree che presentano valori ambientali certi e prevalenti.
L’assunzione è stata quindi quella di fare prevalere le aree di valore ambientale rispetto alla
caratterizzazione periurbana, per motivi oggettivi (non presentano i fattori e gli indicatori che
abbiamo attribuito ai territori periurbani), ma anche strategici (al fine di perseguire i necessari
obiettivi e le conseguenti politiche di salvaguardia, valorizzazione e cura dei sistemi ecologico ambientali).
Il confronto/verifica della figura geometrica con la geografia/morfologia dei luoghi
A questo punto abbiamo, per un campione sufficientemente rappresentativo anche delle
differenti realtà regionali, sovrapposto la figura geometrica determinata meccanicamente alla
geografia, topografia e morfologia reale dei luoghi, ridefinendo e correggendo la figura
geometrica sulla base dei segni territoriali esistenti (infrastrutture, morfologie agricole e naturali
ecc.). Costruendo in questo modo una nuova figura, maggiormente rappresentativa dei territori
periurbani, organica e realistica, appoggiata ai territori e alle relative geografie.
2.5.3.1 La costruzione di una figura geometrica
Il metodo interpretativo utilizzato per l’individuazione dei territori periurbani a scala regionale si
basa sull’identificazione di una fascia di transizione tra il territorio urbanizzato e il territorio rurale,
che potremmo con qualche approssimazione indicare come i territori periurbani.
Inizialmente, il riconoscimento di tali aree, vista l’estensione e la copertura a tutti i Comuni
lombardi, è stato effettuato con l’applicazione automatica di un’impronta geometrica, in grado di
delineare una prima mappatura, solo in seguito verificata e perfezionata adattandola ai segni
territoriali e morfologici esistenti.
Preliminarmente all’individuazione geometrica, abbiamo applicato alcuni accorgimenti derivati
empiricamente da simulazioni cartografiche quali/quantitativa che hanno consentito di
perfezionare e guidare la procedura automatica, selezionando i dati e le soglie maggiormente
convincenti e significative.
160
Questa elaborazione ha visto, in primis, l’individuazione - attorno ad ogni area urbanizzata3 - di una
fascia geometrica in cui la perimetrazione interna coincide con il bordo della città esistente (le
aree urbanizzate); mentre la perimetrazione esterna risulta determinata dall’applicazione di una
misura variabile (buffer di transizione), a seconda delle dimensioni demografiche del Comune4.
In particolare, sono stati applicate le seguenti misure:
- 100 metri per i Comuni con meno di 2.000 abitanti,
- 200 metri per i Comuni compresi fra 2.000 e 15.000 abitanti,
- 300 metri per i comuni superiori ai 15.000 abitanti.
Inoltre, per l’individuazione di tali aree è stato utilizzato anche un criterio dimensionale di esclusione
delle aree urbanizzate più piccole, al di sotto di una determinata soglia minima. In particolare:
- per i comuni inferiori ai 2.000 abitanti, le aree inferiori ai 6 ettari,
- per i comuni compresi tra 2.000 e 15.000 abitanti, le aree inferiori ai 30 ettari,
- per i comuni maggiori di 15.000, le aree inferiori ai 60 ettari
Figura 2 – I riferimenti dimensionali e le soglie individuate
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009]
Le aree antropizzate cui applicare il buffer sono state identificate utilizzando i dati Dusaf 2007 (per le Province di Pavia,
Varese, Como, Mantova, Bergamo, Lodi, Lecco) e Dusaf 2009 (per le Province di Milano, Sondrio, Brescia, Cremona, Monza
e Brianza) e accorpando la categoria relativa, appunto, alle superfici antropizzate - ad esclusione del livello 1.1.2 (tessuto
residenziale discontinuo, tessuto residenziale rado e nucleiforme, tessuto residenziale sparso, cascine) e del livello 1.2.2 (reti
stradali, ferroviarie e spazi accessori): l’inclusione di tali livelli, infatti, avrebbe comportato un’individuazione poco
significativa del buffer di transizione, estendendone le sue dimensioni attorno ad aree frammentate e a direttrici lineari.
4
In questo caso la determinazione delle soglie è derivata dall’analisi e confronto di casi nazionali ed esteri che utilizzano
questa metodologia.
3
161
2.5.3.2 L’individuazione delle invarianti ambientali
L’applicazione meccanica del buffer non tiene inevitabilmente conto delle differenti connotazioni
dei territori. Si è sentita così la necessità di sottrarre dalla fascia individuata quegli ambiti interessati
dai maggiori gradienti di vincolo ambientale, in cui prevalgono effettivi caratteri di naturalità e i
relativi temi di tutela e salvaguardia ambientale.
Gli ambiti che presentano un elevato valore ambientale sono stati così identificati:
- parchi naturali compresi nei Parchi regionali
- riserve naturali
- Zone di protezione Speciale (ZPS)
- Siti di Importanza Comunitaria (SIC)
- monumenti naturali
Le riserve e i parchi naturali compresi nei Parchi regionali sono rappresentati da ambiti che
presentano uno o più ecosistemi importanti per la diversità biologica o per la conservazione delle
risorse ecologiche, essendo caratterizzati dalla presenza di più specie naturalisticamente rilevanti
dal punto di vista flori-faunistico.
Le Zone di Protezione Speciali (ZPS) sono aree, individuate dagli stati membri dell’Unione Europea
(Direttiva 79/409/CEE nota come Direttiva Uccelli), idonee, per numero e superficie, a garantire ad
alcune specie d’uccelli selvatici condizioni favorevoli in tutta l'area di distribuzione.
I Siti d’Importanza Comunitaria (SIC) sono ambiti che contribuiscono in modo efficace a
mantenere, o a ripristinare, un tipo di habitat naturale in uno stato di conservazione soddisfacente;
contribuiscono, in modo rilevante, al mantenimento della diversità biologica, presentando gli
elementi fisici o biologici essenziali alla vita e riproduzione delle specie presenti.
I monumenti naturali, infine, sono conformazioni geologiche consacrate dal tempo e, a volte,
anche dalle tradizioni e culture popolari del posto in cui si trovano, tali da renderli patrimonio
dell'umanità e quindi protetti secondo le normative vigenti.
Ai fini di una prima quantificazione, partendo dalla figura geometrica del buffer di transizione
(figura 3A), abbiamo svolto due distinte operazioni:
individuato le aree che presentano valori ambientali certi e prevalenti su tutta la Regione
(figura 3B);
evidenziato e dimensionato le aree ambientali all’interno del territorio periurbano determinato
con la costruzione del buffer geometrico (figura 3C).
Infine (figura 3D), per un campione sufficientemente rappresentativo (65 Comuni), abbiamo
ridefinito e ridisegnato il buffer geometrico, escludendo gli ambiti interessati da valori ambientali e
ottenendo così una figura maggiormente naturale e corrispondente alla realtà dei luoghi, sulla
base dei segni territoriali esistenti (infrastrutture, morfologie agricole, ecc.).
La rappresentazione grafica, oltre a mettere in luce la fascia d’influenza dei territori antropizzati sui
territori agricolo/rurali, restituisce una chiara geografia territoriale dei Comuni lombardi,
evidenziando, da un lato, la distribuzione spaziale dei territori antropizzati (maggiore
concentrazione dell’urbanizzato nella fascia mediana regionale); dall’altro lato, la distribuzione dei
nuclei abitati più o meno popolati (i comuni inferiori ai 2.000 abitanti sono prevalentemente
localizzati nella fascia montana regionale).
L’individuazione dei territori antropizzati e dei territori periurbani (risagomati attraverso
l’identificazione dei territori ad alto valore ambientale), ha consentito la restituzione di una prima
mappatura regionale che, oltre a definirne la loro geografia, ha determinato una prima
quantificazione a livello comunale.
162
Figura 3 – L’individuazione delle invarianti ambientali
A) Buffer geometrico
B) Individuazione aree ambientali
C) Individuazione aree ambientali nel buffer periurbano
D) Buffer geometrico ridefinito
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009]
163
Tavola 1 – La mappatura regionale
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009]
164
Le quantificazioni di seguito fornite esprimono, per ciascun Comune, le quantità relative a quattro
differenti sistemi che caratterizzano i territori comunali: le aree antropizzate, i territori periurbani, gli
ambiti interessati dai maggiori valori ambientali, i territori agricoli/forestali/altro5. I dati complessivi
sono elaborati per l’intera Regione, nonché articolati per Province.
Tabella 1 – Uso del suolo, quantificazione del territorio regionale
La Regione, come si evince dal grafico, appare
così suddivisa: il 12% circa della superficie
territoriale regionale (pari a 278.700 ha) è
interessato da aree antropizzate; il 9% circa (pari
a 221.000 ha) dai territori periurbani; il 16% circa
(pari a 378.800 ha) da ambiti interessati da
significativi valori ambientali; il restante 63% (pari
a 1.507.000 ha) da territori agricoli/forestali.
I dati accorpati per Provincia fanno emergere
ulteriori significative considerazioni. Le Province
di Milano e di Monza e Brianza sono i territori più
antropizzati della Regione (rispettivamente il 37%
e il 49% della superficie comunale) e
conseguentemente quelli con la maggioranza
di territori periurbani (rispettivamente il 23,5% e il
32,5%), seguiti dalla Provincia di Varese
(antropizzato 26%; territori periurbani 19%). La
Provincia meno antropizzata e caratterizzata da
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009]
un’estensione limitata di territori periurbani
risulta, invece, essere la Provincia di Sondrio (antropizzato 2%; periurbano 2%), seguita dalle
Province di Pavia (antropizzato 6,5%; periurbano 6%), Cremona (antropizzato 8%; periurbano 7%),
Mantova (antropizzato 8%; periurbano 7%).
La Provincia caratterizzata dalla maggiore presenza di territori ad alto valore ambientale è
nuovamente la Provincia di Sondrio (41% della superficie Provinciale, costituito in gran parte dal
Parco Nazionale dello Stelvio, dalla presenza di SIC e ZPS), seguita da quella di Bergamo (23% della
superficie Provinciale, costituito dal Parco regionale Orobie Bergamasche (ZPS), dal SIC della Val
Sedornia - Val Zurio - Pizzo della Presolana, dal Parco naturale dei colli di Bergamo e dal Parco
Naturale dell’Adda Nord).
La Provincia con la più alta percentuale di territori agricolo/forestali risulta essere Cremona (82%),
seguita da Mantova (79%), Lodi (78%), Pavia (72%).
5
L’individuazione delle aree antropizzate, dei territori periurbani e degli ambiti ad alto valore ambientale per ciascun
Comune lombardo ha consentito, di identificare e quantificare per differenza, i restanti territori, accorpati in un’unica
componente caratterizzata da:
- aree agricole (seminativi – Dusaf, classi 211, 213; colture permanenti, - Dusaf, classi 221, 222, 223, 224; prati stabili - Dusaf,
classi 231);
- territori boscati e ambienti seminaturali (aree boscate – Dusaf, classi 311, 312, 313, 314; ambienti con vegetazione arbustiva
e/o erbacea in evoluzione – Dusaf, classi 321, 322; zone aperte con vegetazione rada e assente – Dusaf, classi 324, 331, 332,
333. 335);
- aree umide (aree umide interne –Dusaf, classi 411).
Una considerazione a parte si è fatta per l’area metropolitana milanese: per i comuni oltre i 15.000 abitanti, appartenenti
alle Province di Milano e Monza Brianza, sono state incluse nelle aree antropizzate anche le reti stradali, ferroviarie e gli spazi
accessori (data la loro importanza dal punto di vista dimensionale) e alcuni “vuoti” tra essi interclusi. Infatti, l’elaborazione
geografica dei dati, con l’esclusione di tali materiali urbani, aveva quale risultato mappature poco realistiche, che
individuavano ampi spazi non urbanizzati all’interno del tessuto consolidato.
165
Tabella 2 – Uso del suolo, quantificazione del territorio regionale
166
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009]
167
2.5.3.3 Il confronto della figura geometrica con la morfologia dei luoghi
L’approfondimento su un “transetto regionale” costituito da una selezione significativa di Comuni
ha la finalità di verificare qualitativamente il risultato dell’applicazione automatica del buffer,
apportando, con la possibilità quindi di apportare le necessarie e puntuali verifiche alla prima
classificazione e mappatura dei territori periurbani, sulla base dei segni morfologico – territoriali
esistenti.
L’ambito di approfondimento, localizzato lungo la direttrice nord-ovest/sud-est della Regione, con
baricentro il comune di Milano, individua un campione rappresentativo di territori differenti,
interessanti per il prevalere e susseguirsi, da un capo all’altro di quest’asse, del valore ambientale,
dei caratteri metropolitani, di realtà prevalentemente agricole.
Per 7 Comuni dei 65 appartenenti al transetto di studio – selezionati, appunto, per le loro diverse
localizzazioni in aree dal carattere prevalentemente ambientale (due Comuni nella Provincia di
Varese), metropolitano (tre comuni nella Provincia di Milano), agricolo (tre Comuni nella Provincia
di Lodi) - abbiamo “adattato” il buffer geometrico ai segni morfologico-territoriali esistenti (siano
essi legati al sistema idrografico, i crinali, le partizioni agricole, le infrastrutture, ecc.). L’operazione è
stata resa possibile dalla sovrapposizione delle elaborazioni con le ortofoto satellitari, che hanno
consentito una lettura puntuale e precisa del segni fisici territoriali.
Dal punto di vista quantitativo, la variazione tra il buffer geometrico e il buffer adattato, pur non
essendo costante, oscilla indicativamente attorno al 10%.
Tavola 2 – Il “transetto regionale”
[elaborazione DAStU]
168
169
170
171
172
173
174
175
2.5.3.4 Il raffronto con il Piano Territoriale Regionale (PTR)
I dati quantitativi derivati dall’applicazione del buffer geometrico sono stati infine verificati e
confrontati anche attraverso la sovrapposizione ai sistemi territoriali individuati dal Piano Territoriale
Regionale (PTR). Ciò ha consentito di estrapolare dati interessanti, alcuni prevedibili, ma per i quali
tale operazione risulta essere un efficace e significativo riscontro.
Tavola 3 – PTR, i sistemi territoriali
176
Il sistema metropolitano è occupato, per il 30% circa della sua superficie, da territori antropizzati.
Tale quantità supera il 50% se ad essa si sommano i territori periurbani. Le aree caratterizzate da
vocazione agricola/forestale si avvicinano al 40%; le aree ad alto valore ambientale superano di
poco il 10%.
Il sistema della montagna è occupato perlopiù da territori agricoli/forestali, raggiungendo circa il
65% della sua superficie. Il 28% circa è coperto da ambiti interessati dai maggiori gradienti di
vincolo ambientale, mentre il restante 7% è costituito dai territori antropizzati e periurbani
(rispettivamente circa il 3% e il 4%).
Il sistema della pianura irrigua è interessato prevalentemente da territori agricoli (93% circa). Le
aree antropizzate e periurbane occupano rispettivamente il 3% e il 2,5%, mentre il restante 1,5% è
interessato da aree ad alto valore ambientale.
177
2.5.4 Risultati
2.5.4.1 Classificare attraverso mappe tematiche interpretative
Ai fini della ricerca, appare particolarmente significative l’elaborazione di alcune mappe
tematiche che trattano alcuni dati quantitativi e approfondiscono alcune considerazioni di
carattere qualitativo.
In particolare, sono state effettuate due differenti classificazioni:
- una di tipo quantitativo, basata sul rapporto tra la somma delle superfici antropizzate e
periurbane (che abbiamo sinteticamente definito impronta di urbanità) e le superfici
comunali e articolata, a sua volta, in due mappe derivate dall’applicazione di differenti
soglie;
- una di tipo qualitativo, basata sulla continuità e/o discontinuità delle superfici antropizzate
rispetto ai confini comunali e articolata, a sua volta, in tre mappe derivate
dall’applicazione di differenti soglie.
E’ opportuno ricordare che la scelta delle soglie è certamente arbitraria, tentando in ogni caso di
selezionare quelle maggiormente significative e rappresentative ai fini della ricerca.
2.5.4.2 Per estensione dell’impronta di urbanità
La classificazione di tipo quantitativo effettuata ha come finalità l’individuazione e la mappatura
dei Comuni che presentano un maggiore o minore carattere di urbanità e/o ruralità.
Sommando i territori antropizzati alla fascia di transizione tra città e campagna (che abbiamo
come detto definito impronta di urbanità), è possibile caratterizzare e rappresentare i dati
attraverso l’individuazione di alcune soglie significative.
In particolare sono state individuate due alternative, articolate in tre differenti soglie, a cui segue
una tavola riepilogativa che mette in luce le sostanziali differenze:
Prima alternativa:
- (aree antropizzate + aree periurbane )< 10% della superficie territoriale comunale;
- (aree antropizzate + aree periurbane) comprese tra il 10 e il 50% della superficie territoriale
comunale;
- (aree antropizzate + aree periurbane )> 50% della superficie territoriale comunale.
Seconda alternativa:
- (aree antropizzate + aree periurbane) < 20% della superficie territoriale comunale;
- (aree antropizzate + aree periurbane) comprese tra il 20 e il 60% della superficie territoriale
comunale;
- (aree antropizzate + aree periurbane) > 60% della superficie territoriale comunale.
Le elaborazioni e le rappresentazioni grafiche dei dati consentono l’individuazione e la
localizzazione geografica dei Comuni che presentano, da un punto di vista quantitativo, un
maggiore grado di urbanità e, viceversa, di quelli che presentano una maggiore componente
agricolo/forestale/ambientale.
La rappresentazione delle due alternative, per soglie differenti ma con un delta non troppo
elevato, consente di individuare da un lato intervalli significativi per i quali i Comuni rimangono
nella stessa classe (fortemente urbani e/o fortemente rurali); dall’altro i valori soglia, che
sanciscono il passaggio da una classe all’altra.
Entrambe le mappe, pur presentando alcune differenze, evidenziano come i Comuni appartenenti
alla fascia metropolitana siano caratterizzati da caratteri misti di urbanità e ruralità (soglia
intermedia). In questa fascia, si distinguono chiaramente l’area metropolitana milanese (che
interessa prevalentemente le Province di Milano e Monza e Brianza e si estende fino a
comprendere Bergamo) e il sistema metropolitano bresciano, territori in cui più del 50% delle
superfici comunali è interessata da aree a forte carattere urbano (soglia massima).
Le aree montane sono caratterizzate maggiormente da territori forestali/ambientali/altro, che
ricoprono più dell’80% delle superfici comunali (soglia minima).
178
Per quanto riguarda invece la pianura irrigua, le due mappe si discostano in maniera significativa:
nella prima alternativa, i Comuni appartenenti a questa fascia, ad esclusione della porzione sudoccidentale interessata da alcuni Comuni della Provincia di Pavia sono per la maggior parte
compresi all’interno della soglia intermedia; nella seconda alternativa, la pianura irrigua è perlopiù
costituita da Comuni appartenenti alla soglia minima, quella che si avvicina maggiormente ai
caratteri di ruralità.
La tavola riepilogativa, articolata in quattro soglie differenti, fa emergere, da un lato i caratteri
comuni delle due alternative relativi ai territori maggiormente antropizzati 6 (lungo la fascia
metropolitana) e a quelli maggiormente rurali7 (principalmente nella fascia montana); dall’altro,
con l’introduzione della quarta soglia, le differenze che caratterizzano prevalentemente i Comuni
della pianura irrigua.
6
7
antropizzato+buffer periurbano>50% della superficie comunale
antropizzato+buffer periurbano<10% della superficie comunale
179
Tavola 4 – Aree antropizzate
Tavola 5 – Aree antropizzate e periurbane (impronta di urbanità)
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009]
180
Tavola 6 – Classificazione per estensione dell’impronta di urbanità I prima alternativa
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009]
181
Tavola 7 – Classificazione per estensione dell’impronta di urbanità I seconda alternativa
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009]
182
Tavola 8 – Classificazione per estensione dell’impronta di urbanità I confronto
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009]
183
2.5.4.3 Per morfologie territoriali
La classificazione per morfologie territoriali ha come finalità l’individuazione e la mappatura dei Comuni
che presentano caratteri di continuità e/o discontinuità dell’antropizzato, mettendo in questo modo in
luce il sistema delle conurbazioni.
Per affinare questo tema, si sono compiuti due approfondimenti, utilizzando per il secondo tre differenti
soglie/misure.
Sono stati inizialmente mappati i Comuni definibili come continui e discontinui alla situazione attuale,
utilizzando cioè le aree antropizzate così come definite nella premessa del lavoro di ricerca (Dusaf 2007
e 2009).
Si sono quindi scelte tre differenti soglie di possibile congiunzione/aggregazione delle aree antropizzate
(250 m, 500 m, 1.000 m), simulando, attraverso una necessaria semplificazione quantitativa, il possibile
“effetto calamita”, in grado di assecondare la deprecabile crescita naturale di tipo tendenziale (l’effetto
di conurbazione creato dalla saldatura delle aree urbanizzate).
Dalle mappe redatte si può dedurre come la prima soglia di aggregazione, coincidente con la distanza
di 250 metri, non incide in modo rilevante sul sistema delle conurbazioni già esistenti, limitandosi a
consolidarne i caratteri attraverso l’aggregazione di qualche Comune ad oggi discontinuo. Si leggono,
in modo chiaro, le conurbazioni dell’area metropolitana milanese (Province di Milano, Monza e Brianza,
Como, fino ad alcuni comuni della Provincia di Varese), l’aggregazione di alcuni Comuni attorno a
Bergamo, Brescia, Mantova, la conurbazione dei Comuni che segnano il limite dell’Oltrepo’ pavese e,
infine, i Comuni della Valtellina disposti lungo la valle dell’Adda.
L’aggregazione delle aree antropizzate utilizzando la soglia dei 500 metri, oltre a consolidare le
conurbazioni esistenti, aggrega alcuni comuni secondo un criterio non omogeneo e lineare.
L’aggregazione ottenuta utilizzando la soglia dei 1.000 metri restituisce, oltre alla conurbazione della
Valtellina e dell’Oltrepo’ pavese, un’unica grande conurbazione estesa e senza soluzione di continuità
lungo tutta la fascia trasversale metropolitana, interessando i Comuni delle Province di Milano, Bergamo,
Brescia, Varese, Como, Lecco.
La tavola riepilogativa sintetizza gli effetti della conurbazione al variare delle tre differenti soglie,
dettagliando le quantità dei Comuni appartenenti alle due categorie (comuni conurbati, comuni non
conurbati).
L’elaborazione empirica restituisce l’evoluzione possibile della conurbazione tendenziale (che asseconda
quindi la saldature fra i centri) e mostra come dallo stato di fatto all’ipotesi di massima aggregazione
(soglia 1.000 metri), il numero dei Comuni conurbati raddoppia, passando dal 30% al 67%.
184
Tavola 9 – Aree antropizzate I aggregazione soglia 250 metri
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009]
185
Tavola 10 – Aree antropizzate I aggregazione soglia 500 metri
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009]
186
Tavola 11 – Aree antropizzate I aggregazione soglia 1.000 metri
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009]
187
Tavola 12 – Aree antropizzate, sovrapposizione soglie
188
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009]
Tavola 13 – Classificazione per morfologie territoriali I stato di fatto
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009]
189
Tavola14 – Classificazione per morfologie territoriali I soglia 250 m
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009]
190
Tavola 15 – Classificazione per morfologie territoriali I soglia 500 m
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009] 191
Tavola 16 – Classificazione per morfologie territoriali I soglia 1.000 m
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009]
192
Tavola 17 – Classificazione per morfologie territoriali I confronto
[elaborazione DAStU su dati DUSAF, 2007, 2009]
193
2.5.5 Raccomandazioni per le politiche agricole e di sviluppo rurale
La ricerca, anche in rapporto alle buone pratiche europee e italiane analizzate, ha messo in luce alcune
tematiche con le quali il governo dei territori periurbani dovrà necessariamente confrontarsi, alle
differenti scale (regionale, sovra locale, locale), mettendo in campo differenti politiche, programmi,
azioni e progetti.
2.5.5.1 Superare la scala municipale
Necessità di superare - per il governo integrato delle città e dei territori - la scala comunale, che si è
dimostrata inadeguata per comprendere e soprattutto per governare i fenomeni della città
contemporanea e dei territori metropolizzati. Laddove gli strumenti e le politiche hanno funzionato, le
azioni messe in campo hanno avuto uno sguardo allargato, metropolitano, declinando e articolando
disposizioni e azioni specifiche per i differenti territori e ambienti insediativi.
Si tratta di un tema generale, che va certamente traguardato all’interno della ridefinizione in corso dei
modelli di organizzazione dello Stato (istituzione delle città metropolitane, accorpamento delle Regioni,
delle Province, dei Comuni, ecc.), da fondarsi sui principi condivisi ma soprattutto imparando
dall’esperienza, da quello che nelle pratiche ha dimostrato di funzionare.
2.5.5.2 Contrastare/contenere il consumo di suolo
Promuovere una legge - quadro regionale sul tema del consumo di suolo, da raccordare con il disegno
di legge nazionale (settembre 2012, significativamente presentato dal Ministro delle Politiche agricole,
alimentari e forestali, Mario Catania), che si propone di promuovere l’agricoltura e di contenere il
consumo di suolo, con l’abrogazione della normativa che consente di distogliere (destinandoli alla
copertura delle spese correnti) i contributi di costruzione dalla loro naturale finalità (concorrere alle spese
per le opere di urbanizzazione primaria e secondaria).
Una legge di principi quindi, non regolativa, con obiettivi chiari e semplici, che affronti le questioni
indicate dallo stesso Piano Territoriale Regionale (PTR):
- il recupero prioritario delle aree dismesse e/o degradate;
- il completamento prioritario delle aree libere intercluse e in genere di quelle comprese nel tessuto
urbano consolidato;
- la densificazione e la compattazione della forma urbana;
- la localizzazione della crescita urbana (laddove non diversamente localizzabile), in adiacenza al
tessuto urbano esistente e comunque su aree di limitato valore agricolo e ambientale; la
massima limitazione dei processi di saldatura tra i centri edificati.
In questo quadro, anche la Rete Ecologica Regionale (RER), che si prefigge come obiettivo il
contenimento del consumo di suolo costruendo corridoi ecologici, varchi e strutturando il territorio sugli
elementi della rete ecologica – ambientale, può diventare un importante strumento di pianificazione
territoriale, non solo ambientale e paesaggistica.
2.5.5.3 Definire una metodologia unitaria di determinazione delle zone agricole strategiche
Nonostante i Criteri applicativi regionali (2008) contengano alcuni principi e temi rilevanti, le Province
che hanno individuato le zone agricole strategiche (e non sono tutte), hanno utilizzato modalità,
parametri e indicatori assai diversi, con esiti e procedure che mettono in discussione la bontà dei risultati.
Per questo, appare opportuno la costruzione di una metodologia (semplice, chiara, facilmente
applicabile) finalizzata alla determinazione delle zone agricole strategiche, con parametri e indicatori
condivisi e comuni, al fine di uniformare operativamente i criteri applicativi.
2.5.5.4 Promuovere la multifunzionalità dei territori periurbani
Articolare, qualificare, promuovere azioni e politiche per i territori periurbani, sia all’interno degli strumenti
di governo del territorio (che vanno quindi promossi il più possibile in forma congiunta), ma anche
attraverso azioni, politiche e progetti, coordinate forme di governance; armonizzando e integrando in
194
questo modo i due tradizionali profili del sistema agricolo dell’agricoltura-produzione e dell’agricolturaprotezione (Giannini, 1976).
L’attenzione va infatti rivolta alla multifunzionalità dei territori periurbani, alla loro capacità di produrre un
flusso di beni e servizi utili alla collettività legati non solo alla produzione primaria ma anche al riciclo e
alla ricostituzione delle risorse di base (aria, acqua, suolo), al mantenimento degli ecosistemi, della
biodiversità, del paesaggio.
Valorizzando al contempo il patrimonio identitario/ culturale/ naturale e della vitalità del territorio
periurbano, attraverso progetti:
- di valorizzazione dei parchi e delle zone di pregio ambientale e conservazione consapevole ed
etica di ecosistemi produttivi che hanno la diversità, la stabilità e la flessibilità degli ecosistemi
naturali;
- di tutela e salvaguardia del ciclo delle acque e della gestione dei rifiuti, di diffusione di energie
rinnovabili, di prevenzione dei rischi, di creazione e/o potenziamento di infrastrutture sociali;
- in grado di migliorare l’accessibilità, i tempi di percorribilità e valorizzare il potenziale dei territori
periurbani;
di valorizzazione dei luoghi della cultura locale, nonché di recupero e rilancio delle produzioni tradizionali
(mediante ad esempio le reti del turismo rurale).
195
2.5.6 Bibliografia
AAVV. (2003), La diffusione urbana: tendenze attuali, scenari futuri, FrancoAngeli, Milano
AAVV., 2006, L’armatura infrastrutturale e insediativa del territorio italiano al 2020. Principi, scenari,
obiettivi, Ricerca SIU-MIT/Dicoter
Astengo G., Nucci C. (1990), IT. URB. Rapporto sullo stato dell’urbanizzazione in Italia, Quaderni di
Urbanistica Informazioni, n. 8, INU Edizioni, Roma
Balducci A., Fedeli V., Pasqui G. (2011), Strategic Planning for Contemporary Urban Regions, Ashgate
Publishing Limited, Aldershot
Beatley T., (2000), Green urbanism: learning from European cities, Island Press, Washington
Becchi A., Indovina F. (a cura di) (1999), Caratteri delle recenti trasformazioni urbane, Osservatorio città,
Franco Angeli, Milano
Boatti G., Targetti U. (1991), Sistemi urbani e pianificazione del territorio: la definizione e il governo delle
aree metropolitane, Clup Città Studi, Milano
Boeri S., Lanzani A., Marini E. (1993), Il territorio che cambia: ambienti, paesaggi e immagini della regione
milanese, Abitare Segesta Cataloghi, Milano
Borachia V., Moretti A., Paolillo P.L., Tosi A. (a cura di) (1988), Il parametro suolo: dalla misura del
consumo alle politiche di utilizzo, Grafo, Brescia
Canevari A. (1987), Il piano intercomunale milanese: studi, battaglie, proposte, piani, Clup, Milano
Campos Venuti G. (2010), Città senza cultura. Intervista sull'urbanistica Giuseppe Campos Venuti a cura
di Oliva F., Editori La Terza, Bari
Centro studi PIM (1963), Piano intercomunale milanese: relazione illustrativa dello schema di Piano
intercomunale, Centro studi Piano intercomunale milanese, Milano
Clementi A., Dematteis G., Palermo P.C. (1996), Le forme del territorio italiano - Parte seconda: “Ambienti
insediativi e contesti locali” (Lombardia), Ed. Laterza, Bari
Dematteis G. (1992), Il fenomeno urbano in italia: interpretazioni, prospettive, politiche, Franco Angeli,
Milano
De Matteis G., Indovina F., Magnaghi A., Piroddi E., Scandurra E., Secchi B. (1999), I futuri delle città, tesi a
confronto, FrancoAngeli, Milano
Diap – Dipartimento di Architettura e Pianificazione – Politecnico di Milano, AAVV (coordinamento
scientifico Alessandro Balducci) (2006), La città di città – un progetto strategico per la regione urbana
milanese,
Douglas F. (2007), Sustainable urbanism: urban design with nature, John Wiley & Sons, New York
Newman P., Beatley T., Boyer H. (2009), Resilient cities: responding to peak oil and climate change, Island
Press, Washington
196
Paolillo P.L. (1994), Contenimento degli sprechi e qualità morfologica territoriale, una correlazione
inseparabile in Boscacci F., Camagni R. (a cura di), Tra città e campagna – Periurbanizzazione e
politiche territoriali, Il Mulino, Bologna
Pasqui G., Lanzani A. (2011), L'Italia al futuro. Città e paesaggi, economie e società, FrancoAngeli,
Milano
Tosi A. (a cura di) (1999), Degrado ambientale periurbano e restauro naturalistico, Quaderni del
Dipartimento di Scienze del Territorio del politecnico di Milano, FrancoAngeli, Milano
Turri E. (2000), La megalopoli padana, Marsilio, Venezia
Vale L.J. Campanella T.J. (2005), The resilient city: how modern cities recover from disaster, Oxford
University Press, New York
197
3. Una proposta di classificazione unitaria dei sistemi territoriali della Lombardia
Giulia Caiani, Gianni Guastella, Stefano Pareglio, Francesca Pozzi
3.1 Premessa
Questo capitolo ha l’obiettivo di illustrare la proposta di classificazione unitaria dei sistemi territoriali
della Lombardia, scaturita dalla combinazione di 4 diverse chiavi di lettura. E’ sicuramente utile, in
quest’ottica, ricordare brevemente gli obiettivi, i metodi e i risultati principali delle classificazioni
prodotte dai singoli gruppi di ricerca coinvolti nel progetto AGAPU e presentate nei capitoli
precedenti; in particolare verranno sottolineati i caratteri prevalenti delle aree periurbane e,
dell’agricoltura periurbana.
Fondazione Lombardia per l’Ambiente (FLA) si è posta l’obiettivo di classificare il territorio lombardo
in base all'eterogeneità dei rapporti urbano-rurale ed al ruolo specifico delle singole unità
comunali all'interno di sistemi urbani complessi. Sul piano metodologico, ha parzialmente rivisitato
un modello di Central Business District ed operato una Analisi Esplorativa Spaziale dei Dati (ESDA)
per l’identificazione dei sistemi urbani e rurali come agglomerazioni di comuni geograficamente
contigui e con caratteristiche simili in termini di densità di urbanizzazione. Secondo questa lettura,
emergono principalmente due tipologie di periurbano. La prima si colloca nelle zone intermedie
tra l’area del triangolo Milano- Varese- Bergamo e la città di Brescia, caratterizzata da forti
pressioni per quello che concerne l’utilizzo non agricolo del suolo. Ciononostante, è verosimile che
le attività agricole continuino ad avere un ruolo, anche non marginale, all’interno di questi territori.
La seconda tipologia di periurbano si colloca invece nella parte sud della regione, dove piccoli
sistemi rurali – probabilmente dominati da agricoltura specializzata - affiancano aree in cui invece
la prevalente natura agricola si combina con tratti di urbanizzazione e aree in cui le caratteristiche
urbane sono anche prevalenti. A differenza del periurbano descritto prima, questa seconda
tipologia non subisce in maniera così pressante gli effetti del processo di urbanizzazione e,
pertanto, ha la possibilità di lasciare maggiore spazi alle attività agricole.
Il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale (DSRS) di Milano Bicocca si è posto l’obiettivo di
classificare il territorio lombardo in base ad indicatori di morfologia sociale, trasversali quindi alla
lettura strettamente geografica del territorio. Questa lettura si rivela particolarmente strategica al
fine di “differenziare” al loro interno aree relativamente simili in termini di destinazione d’uso del
suolo, sulla base delle funzioni che insistono sui singoli comuni. Sul piano metodologico, dopo aver
condotto una analisi fattoriale esplorativa, è stata introdotta una analisi cluster che ha consentito
di classificare i comuni per funzioni, a loro volta determinate da profilo socio-demografico,
disponibilità di servizi, capacità attrattiva, mobilità (in termini di disponibilità di infrastrutture viarie e
ferroviarie), stili di vita. Questa lettura sembra confermare la plausibilità di differenti periurbani. I
comuni periurbani sono, per oltre il 66%, a funzioni urbane dinamiche, risultando caratterizzati cioè
da un elevato tasso di natalità, da un buon senso civico (tendenza a differenziare i rifiuti, a
dichiarare il reddito e a votare), da una elevata dotazione di fattori di produzione, in particolare
agricoli, dalla presenza di aziende e banche. Circa il 29% dei comuni periurbani presentano però
caratteri naturalistici, nella fattispecie sono caratterizzati da isolamento, forte presenza di
popolazione anziana e de-crescita di popolazione. Esiste infine una percentuale, intorno al 2%, di
comuni periurbani a carattere turistico e, per la stessa percentuale, di comuni a funzioni urbane
consolidate, con una elevata disponibilità (procapite) di servizi, una consolidata presenza di
infrastrutture, una elevata dotazione di fattori di produzione (agricoli e industriali).
198
Il Centro di Ricerche per l’Ambiente, l'Energia e lo Sviluppo sostenibile (CRASL) dell'Università
Cattolica del Sacro Cuore si è posto l’obiettivo di classificare i comuni sulla base dei risultati di una
classificazione geografica che utilizza due variabili principali (densità di popolazione e uso del
territorio), emerse da una precedente analisi multivariata condotta su un esteso set di indicatori
(socio-demografici, economici, stili di vita, uso del suolo e attività agricole). Sul piano
metodologico, sono stati impiegate statistiche descrittive (analisi delle correlazioni), analisi di
distribuzione spaziale degli indicatori più significativi, analisi delle componenti principali ed analisi
spaziale, sia su base comunale che su base raster. Anche secondo questa lettura i comuni
periurbani sono caratterizzati, da un lato, da una media densità di popolazione (tra 200 e 1000
abitanti/km2) che sussiste su territorio classificato dal DUSAF come agricolo e, dall’altro, da una
alta densità di popolazione (> 1000 abitanti/km2) che sussiste su territorio classificato dal DUSAF
come forestale.
DAStU – Politecnico di Milano si è posto l’obiettivo di interpretare il territorio lombardo partendo dal
presupposto che tutte le unità comunali presentino caratteri di urbanità, periurbanità, ambiente e
capacità produttiva. Sul piano metodologico, sono stati individuati e mappati alcuni indicatori
significativi (dimensioni e caratteri dei territori antropizzati), con due differenti classificazioni: una di
tipo quantitativo, basata sul rapporto tra la somma delle superfici antropizzate e periurbane
(“impronta di urbanità”) e le superfici comunali; una di tipo qualitativo (“morfologie territoriali”),
basata sulla continuità e/o discontinuità delle superfici antropizzate rispetto ai confini comunali.
Secondo questa lettura, il carattere di periurbanità emerge certamente in un’ottica trasversale
rispetto alla partizione di natura amministrativa, individuando nuove forme di conurbazione ed
estensioni dei sistemi territoriali. Al fine di contribuire alla determinazione della classificazione
unitaria fra i vari gruppi di ricerca, si è scelto di utilizzare la classificazione per morfologie territoriali,
in quanto risulta maggiormente adeguata rispetto ai criteri individuati dalle altre unità di ricerca e,
al contempo, presenta caratteri di originalità interpretativi e territoriali.
Da queste considerazioni emergono sicuramente punti di forza e di debolezza dei territori
periurbani, che la classificazione unitaria consente di far emergere con chiarezza, grazie ad un
approccio integrato ed al contributo di 4 diverse letture disciplinari.
Da un lato, infatti, si sottolinea come queste aree ricadano prevalentemente in sistemi territoriali
conurbati (DAStU), caratterizzate da una relativa intensità nell'uso dei fattori produttivi impiegati in
agricoltura (CRASL) che, probabilmente, almeno nella parte sud della regione, risulta specializzata,
da un tasso di crescita particolarmente elevato, che lascia prefigurare scenari demografici in
rapido mutamento, dalla disponibilità di aziende e, talvolta, di una rete di servizi capillari (DSRS),
dalla contaminazione con tratti di urbanizzazione e aree in cui le caratteristiche urbane sono
prevalenti (FLA). D’altra parte, i territori periurbani sono verosimilmente interessati da una forte
pressione urbana rappresentata, di fatto, dalla competizione per l'uso non agricolo del suolo. A sua
volta, questa pressione si legge in molteplici aspetti, come driver (la rendita fondiaria e la
domanda di infrastrutture) e come esiti (morfologie "disordinate" e inefficaci, sia in termini
ambientali, sia in termini aziendali).
Nei prossimi paragrafi si illustrano rispettivamente la metodologia e i risultati relativi alla
classificazione unitaria, al confronto con classificazioni esistenti (al fine di individuare elementi di
continuità o divergenza) e all’analisi delle caratteristiche delle agricolture nei sistemi così
identificati. L’ultimo paragrafo infine presenta le principali conclusioni, anche in termini di possibile
conversione dei risultati prodotti in raccomandazioni per la programmazione e la pianificazione
alle diverse scale (ad esempio nell’ambito del piano territoriale regionale o del programma di
sviluppo rurale).
199
3.2
Approccio metodologico
Al fine di produrre una classificazione unitaria dei comuni lombardi si è provveduto ad incrociare i
risultati delle classificazioni prodotte dai vari gruppi di ricerca. È bene sottolineare che, nonostante
ogni gruppo di ricerca abbia prodotto, pur sulla base della stessa metodologia, diverse
classificazioni rispondenti a diversi livelli di approfondimento, la necessità di lavorare con una sintesi
“trattabile” ha richiesto di adoperare soltanto le classificazione meno dettagliate. Questo, per sé,
non ha comportato alcuna perdita di informazione. Al contrario, il minor dettaglio di alcune delle
classificazioni, ha permesso un lavoro di sintesi efficace in quanto utile all’ interpretazione del
risultato finale. Un lavoro di sintesi con alla base classificazioni tra loro molto diverse, come richiesto
dalla natura del progetto di ricerca stesso, ma anche molto dettagliate avrebbe portato ad una
classificazione unitaria anch’essa molto dettagliata ma scarsamente interpretabile, con una
perdita di informazioni notevole nella ricerca di una sintesi.
Richiamiamo di seguito le principali caratteristiche delle classificazioni che sono state utilizzate in
questa fase, parzialmente diverse da quelle presentate nel resto del rapporto dai diversi gruppi di
ricerca.
La classificazione prodotta da Fondazione Lombardia per l’Ambiente utilizza 4 classi per descrivere
il territorio dei comuni lombardi, sulla base dei risultati di un’analisi esplorativa spaziale che utilizza la
percentuale di suolo urbanizzato come misura di urbanizzazione:
1. Aree all’interno del sistema urbano, sono le aree con un livello di urbanizzazione alto sia nel
comuni che nei comuni confinanti;
2. Aree appartenenti ad un sistema rurale o naturale, sono le aree con un livello di
urbanizzazione basso sia nel comune che nei comuni confinanti;
3. Aree rurali in prossimità del sistema urbano, sono le aree con un livello di urbanizzazione
basso nel comune ma alto nei comuni confinanti;
4. Centri urbani in zone rurali, sono le aree con un livello di urbanizzazione alto nel comune ma
basso nei comuni confinanti.
La classificazione prodotta dal Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale di Milano Bicocca
(DSRS)utilizza 4 classi per descrivere le funzioni che insistono sul territorio dei comuni lombardi, sulla
base dei risultati aggregati di una cluster analysis di tipo gerarchico realizzata a partire da 24
indicatori di morfologia sociale del territorio (profilo socio-demografico, disponibilità dei servizi e dei
trasporti, capacità attrattiva, stili di vita):
1. Aree a funzioni urbane consolidate, caratterizzate da elevata disponibilità (procapite) di
servizi, consolidata presenza di infrastrutture, elevata dotazione di fattori di produzione
(agricoli e industriali)
2. Aree a funzioni urbane dinamiche, caratterizzate da elevato tasso di natalità, senso civico
(tendenza a differenziare i rifiuti, a dichiarare il reddito e a votare), elevata dotazione di
fattori di produzione (in particolare agricoli);
3. Aree a carattere turistico, caratterizzate da elevata capacità ricettiva e presenza turistica,
particolarmente elevato prezzo al m2 delle (seconde?) case, presenza di esercizi di
vicinato e di banche (procapite)
4. Aree a carattere prevalentemente naturalistico, caratterizzate da isolamento, forte
presenza di popolazione anziana, de-crescita di popolazione.
La classificazione prodotta da CRASL utilizza 4 classi per descrivere il territorio dei comuni lombardi,
sulla base dei risultati di una classificazione geografica che utilizza due variabili principali (densità di
popolazione e uso del territorio), emerse da una precedente analisi multivariata condotta su un
esteso set di indicatori (socio-demografici, economici, stili di vita, uso del suolo e attività agricole:
1. Aree urbane, caratterizzate da una alta densità di popolazione (> 1000 abitanti/km2) che
sussiste prevalentemente su territorio classificato dal DUSAF come urbanizzato;
200
2. Aree peri-urbane, caratterizzate da una media densità di popolazione (tra 200 e 1000
abitanti/km2) che sussiste su territorio classificato dal DUSAF come agricolo, oppure alta
densità di popolazione che sussiste su territorio classificato dal DUSAF come forestale;
3. Aree rurali, caratterizzate da una bassa densità di popolazione (< 200 abitanti/km2) in
territorio agricolo, oppure media densità di popolazione in territorio forestale;
4. Aree naturali/montane, caratterizzate da una bassa densità di popolazione in territorio
forestale.
La classificazione prodotta dal DAStU utilizza 2 classi per descrivere il territorio dei comuni lombardi,
attraverso l’individuazione e la mappatura dei Comuni che presentano caratteri di continuità e/o
discontinuità dell’antropizzato, rispetto ai propri confini comunali, mettendo in questo modo in luce
il sistema delle conurbazioni. Una soglia di aggregazione (pari a 500 metri) è stata utilizzata nella
ricerca per simulare il il possibile “effetto calamita” creato dalla saldatura delle aree urbanizzate:
1. Sistemi territoriali conurbati, costituiti dai comuni che presentano una continuità
dell’urbanizzato rispetto ai propri confini comunali;
2. Sistemi territoriali non conurbati, costituiti dai comuni che non presentano una continuità
dell’urbanizzato rispetto ai propri confini comunali, e che presentano quindi un nucleo
urbanizzato “isolato”.
L’incrocio di queste classificazioni produce un totale di 128 combinazioni possibili. Di queste, 54 non
vengono utilizzate in quanto nessun comune compare come appartenente a quella specifica
combinazione di classificazioni. A titolo esemplificativo, nessun comune compare nel seguente
incrocio: Aree rurali in prossimità del sistema urbano (FLA) - Aree con caratteri turistici (DSRS) - Aree
urbane (CRASL) - Aree non conurbate (DAStU). Questo suggerisce chele indicazioni provenienti dai
gruppi di ricerca, almeno sulla base di queste classificazioni semplificate, hanno un buon grado di
coerenza interna, nella misura in cui non ci sono un gran numero di combinazioni discordanti tra di
loro. Si pensi che nel caso di adozione delle classificazioni estese, delle ben 336 combinazioni
risultanti, solamente il 60% degli incroci avrebbe visto nessun comune al suo interno, con un
notevole numero di combinazioni divergenti tra di loro e difficilmente interpretabili.
Le 74 combinazioni disponibili sono state successivamente ridotte fino ad arrivare ad una
classificazione unitaria del territorio basata su 8 classi. La procedura adottata per la riduzione si è
composta di due stadi. In un primo stadio sono state selezionate esclusivamente le combinazioni in
cui ricadono un numero sufficientemente alto di comuni. Questo primo passaggio si è reso
necessario al fine di identificare quali fossero, sulla base delle evidenze empiriche emerse dai
lavori, i caratteri dominanti delle diverse tipologie di territori. Nel secondo stadio, si è proceduto ad
aggregare le rimanenti combinazioni a quelle esistenti, sulla base di criteri logici e di appartenenza
valutati tenendo conto dei caratteri principali di ogni combinazione.
Più nel dettaglio, si è dapprima definita una data associazione di classificazioni come significativa
se il numero di comuni che la rappresenta rispecchia almeno l’1% della popolazione dei comuni
lombardi, sono state definite 27 classi primarie, i cui caratteri sono stati approfonditi nel dettaglio.
Per una molteplicità di queste classificazioni sono stati identificati alcuni caratteri comuni a più di
una classificazione e sono state raggruppate le classificazioni in cui un certo carattere era
prevalente. Ad esempio le aree all’interno del sistema urbano nella classificazione di FLA, urbane
nella classificazione di CRASL, con funzioni urbane consolidate nella classificazione di DSRS e
conurbate nella classificazione di DAStU sono state chiaramente identificate come urbane in
quanto il carattere è esclusivamente urbano. Il carattere urbano è, allo stesso tempo, manifesto
anche in una serie di altre combinazioni. Ad esempio le aree all’interno del sistema urbano nella
classificazione di FLA, urbane nella classificazione di CRASL, con funzioni urbane dinamiche nella
classificazione di DSRS e conurbate nella classificazione di DAStU risultano essere prevalentemente
201
urbane. È importante notare che in questa fase si fa riferimento alla nozione di prevalenza, da
preferire a quella di esclusività. Si sarebbe infatti potuto procedere alla selezione delle
classificazioni dalle quali emerge un carattere in maniera esclusiva (primo esempio dei due in
questo paragrafo), lasciando fuori quelle classificazioni in cui il carattere appare nella maggior
parte delle classificazioni, ma non in tutte (secondo dei due esempi). Questo, come richiama il
termine stesso, avrebbe portato ad escludere dalla classificazione finale un gran numero di comuni
in cui il carattere del comune stesso non emerge in maniera chiara e forte. Al contrario, il principio
cui si è ispirato questo lavoro è quello dell’inclusività, posto che il risultato del lavoro stesso vuole
essere una classificazione non parziale del territorio lombardo e dei comuni che lo compongono. Si
è tentato pertanto, con uno sforzo logico, di inserire in una stessa categoria comuni in cui un
determinato carattere fosse, appunto, prevalente. E per quanto il risultato di questo sforzo logico
non possa prescindere da alcuni elementi di soggettività, è pur vero che il tentativo di sintetizzare
classificazioni per loro natura molto differenti non può basarsi su un approccio esclusivamente
analitico e oggettivo ma, al contrario, richiede un importante contributo interpretativo e
soggettivo.
Una volta che le 27 classi primarie sono state ricondotte ad 8 classi i cui caratteri sono ben distinti, si
è proceduto a ricondurre le rimanenti 47 classi che rappresentavano, ognuna, meno dell’1% dei
comuni del territorio, ad una delle 8 classi precedentemente individuate. Il risultato dell’analisi è
presentato nella Qui di seguito sono riportate le tabelle con la classificazione unitaria (incluso il
numero di comuni e il doppio passaggio per classificare tutti i comuni, e le classificazioni originarie),
e la lista dei 1544 comuni lombardi con la rispettiva classificazione di sintesi in 8 classi.
Tabella A 1 (nell’allegato).. Per ognuna delle otto classi, rappresentata con un diverso colore, un
colore più tenue è stato utilizzato per identificare le classi che sono state aggiunte al secondo
stadio, mentre un colore più intenso indica le classi che sono state aggregate durante il primo
stadio. La seconda colonna della tabella riporta, per ognuna delle otto classi finali, il numero di
comuni che sono stati classificati al primo stadio e quello dei comuni classificati al secondo stadio.
In ogni caso emerge chiaramente quanto il secondo stadio abbia coinvolto un numero marginale
di comuni. La terza colonna riporta invece il numero di comuni appartenenti ad ognuna delle 74
classi primarie. Di queste classi, solo quelle che rappresentavano l’1% dei comuni, ovvero almeno
15 comuni, sono state incluse nel primo stadio. È facile notare che, nel caso del secondo stadio,
per lo più si tratta di classificazioni che rappresentano un numero estremamente esiguo di comuni.
In estrema sintesi, il risultato principale che emerge da questo sforzo di sintesi è una classificazione
del territorio in otto macro classi, che sono illustrate nel dettaglio in sezione 3.3.1.
Successivamente si è proceduto ad effettuare un confronto con classificazioni esistenti. In realtà un
confronto diretto con classificazioni consolidate, come quelle OCSE ed EUROSTAT a livello europeo,
risulterebbe poco significativo, poiché i dati disponibili per la regione Lombardia sono aggregati a
livello provinciale. Analogamente il lavoro svolto da CAIRE urbanistica, condotto con dati a livello
comunale e interessante sotto molti punti di vista, non può essere utilizzato per un confronto
significativo in quanto il prodotto finale fa riferimento alla tipologia di svantaggio (aree marginali,
strutturalmente svantaggiate, con criticità nell’economia agricola, ecc) che poco si rapportano
alle categorie identificate dal progetto AGAPU e che non hanno riferimenti diretti con le aree
periurbane.
Nonostante non ci siano riferimenti diretti alle aree periurbane e la classificazione sia finalizzata alla
caratterizzazione delle aree rurali, abbiamo ritenuto comunque importante fornire un confronto
con lo schema di caratterizzazione utilizzato da Regione Lombardia per la propria pianificazione, e
cioè quello incluso nel Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013. Ai fini della programmazione
dello Sviluppo rurale 2007-2013 anche nella regione Lombardia le aree rurali sono state definite
secondo la procedura adottata in sede nazionale; questa prevede, prendendo come base le
202
zone altimetriche di ciascuna provincia con l’esclusione dei comuni capoluogo, una prima
classificazione del territorio in diverse 10 sottoaree, successivamente aggregate in 4 aree, così
denominate e riportate in Tavola 1:
1.
2.
3.
4.
Aree rurali con problemi di sviluppo (ARPS)
Aree rurali intermedie(ARI)
Aree rurali ad agricoltura intensiva specializzata (ARAIS)
Poli urbani (PU)
Tavola 1 - Classificazione del territorio Lombardo secondo il PSR 2007-2013
[Regione Lombardia, Programma di Sviluppo Rurale, 2007-2013]
I risultati di tale confronto sono illustrati in sezione 3.3.2.
Come ultima fase, si è proceduto a caratterizzare i sistemi derivati dalla classificazione unitaria,
analizzando un vasto range di variabili, con particolare attenzione alle caratteristiche delle diverse
agricolture. Qui di seguito sono riportati i dati utilizzati, la loro fonte e, laddove necessario, viene
fornita una spiegazione su come tali dati sono stati calcolati.
Per quanto riguarda i dati su urbanizzazione e consumo di suolo, essi sono stati ricavati dal
database sull’uso del suolo (DUSAF) per gli anni 1999 e 2007 e si sono stimate, per ogni comune, le
percentuali di urbanizzazione e perdita di suolo agricolo, definite come segue:
- Tasso annuale di urbanizzazione, calcolato come il rapporto tra l’incremento della
superficie urbanizzata e la superficie totale comunale, diviso per il numero di anni (esempio:
((AreaU2007 – AreaU1999)/AreaComune)/8));
- Tasso annuale di incremento di urbanizzazione, calcolato come il rapporto tra l’incremento
della superficie urbanizzata e la superficie totale già urbanizzata all’inizio del periodo
considerato,
diviso
per
il
numero
di
anni
(esempio:
((AreaU2007
–
AreaU1999)/AreaU1999)/8));
- Tasso annuale di variazione assoluta della superficie agricola, calcolato come il rapporto
tra la variazione della superficie agricola totale e la superficie totale comunale, diviso per il
numero di anni (esempio (AreaA2007 – AreaA1999)/AreaComune/8));
203
-
Tasso annuale di variazione relativa della superficie agricola, calcolato come rapporto tra
la variazione della superficie agricola totale e la superficie agricola totale all’inizio del
periodo considerato, diviso per il numero di anni (esempio (AreaA2007 –
AreaA1999)/AreaA1999/8)).
Per quanto riguarda i dati relativi alle variabili agricole, essi sono stati ricavati prevalentemente dal
Censimento dell’Agricoltura 2010 e in misura minore da altre fonti, come indicato in Tabella 1.
Sulla base di questi dati, si sono calcolati i valori per ciascun comune e successivamente aggregati
per gli otto sistemi territoriali. I risultati sono discussi in dettaglio in sezione 3.3.3
Tabella 1 -Lista delle variabili utilizzate per la qualificazione delle agricolture nei sistemi territoriali
della Lombardia
Variabile
SAU
Titolo di possesso dei terreni
Età del conduttore
dell'azienda
Indice di ricambio
generazionale
Capo azienda laureati
Capo azienda diplomati e
laureati
Addetti nel settore agricolo
Fonte
Censimento
dell’Agricoltura 2010
Censimento
dell’Agricoltura 2010
Censimento
dell’Agricoltura 2010
Censimento
dell’Agricoltura 2010
Censimento
dell’Agricoltura 2010
Censimento
dell’Agricoltura 2010
Censimento
dell’Industria e dei
Servizi 2001
Note
Superficie Agricola Utilizzata (SAU) media per ciascun
comune
Variabile categorica, dove le classi indicano la forma
prevalente (quindi relative alla maggior parte delle
aziende in ogni comune) di possesso dei terreni, con
distinzione in proprietà, affitto, uso gratuito, e uso misto
Età del conduttore dell’azienda, media per ciascun
comune
Calcolato come il rapporto tra numero di capi azienda
con età inferiore a 40 anni e con età superiore a 65 anni
Percentuale di capo azienda laureati (include laurea di
tipo agrario e non)
Percentuale di capi azienda diplomati e laureati (include
laurea e diploma di tipo agrario e non)
Percentuale di addetti al settore agricoltura rispetto al
totale di addetti in tutti i settori
Giornate lavorative per ha di SAU, dove le giornate
lavorative sono le giornate di lavoro totale aziendale, per
ciascun comune
Unità di Bestiame Adulto, dove le UBA sono state calcolate
sulla base dei fattori standard di conversione delle
categorie animali e rapportate alla SAU totale delle
aziende di ciascun comune
KW per ha di SAU, dove i KW sono derivati dalla potenza
totale delle macchine agricole presenti nelle aziende in
ogni comune
Percentuale di aziende con impianti di energie rinnovabili
(include: solare, idroelettrico, eolico, biomasse, biogas,
altre)
Percentuale di aziende con sistema di irrigazione (include:
acque sotterranee all'interno o nelle vicinanze
dell'azienda; acque superficiali, all'interno o al di fuori
dell'azienda; acquedotto, consorzio o altro ente irriguo con
consegna a turno o a domanda)
Giornate lavorate
Censimento
dell’Agricoltura 2010
Unità Bestiame Adulto (UBA)
Censimento
dell’Agricoltura 2010
KW
SIARL (vari anni)
Aziende con impianti di
energie rinnovabili
Censimento
dell’Agricoltura 2010
Aziende con sistema di
irrigazione
Censimento
dell’Agricoltura 2010
Aziende che effettuano
vendita diretta al
consumatore
Censimento
dell’Agricoltura 2010
Percentuale di aziende che effettuano vendita diretta al
consumatore (in azienda e fuori azienda)
Aziende biologiche
Regione Lombardia.
Elenco stilato sulla base
dell'esito delle istruttorie
di notifiche e di rinuncia
al sistema bio attraverso
il sistema informativo
agricolo regionale,
aggiornati al 31.12.2012
Percentuale di aziende con regime biologico (include
produttori e preparatori, e per le tipologie di produzione
vegetale, produzione zootecnica, aziende biologiche,
aziende in conversione, aziende miste, e raccoglitori
spontanei)
204
Variabile
Agriturismi
Distributori di latte crudo
Aziende specializzate in
seminativi
Aziende specializzate in
ortofloroltura
Aziende specializzate in
colture permanenti (%)
Aziende specializzate in
erbivori (%)
Aziende specializzate in
granivori (%)
Aziende specializzate in
policolture (%)
Aziende specializzate in
poliallevamento (%)
Aziende miste (%)
Fonte
Regione Lombardia,
2011
Consorzio Tutela Latte
Crudo e APA
Lombardia, 2011
Note
Agriturismi, espresso come densità comunale (n/km2)
Distributori di latte crudo, espresso come densità comunale
(n/km2)
Percentuale di aziende specializzate in seminativi
Percentuale di aziende specializzate in ortoflorocolture
Percentuale di aziende specializzate in colture permanenti
Censimento
dell’Agricoltura 2010
Percentuale di aziende specializzate in erbivori
Percentuale di aziende specializzate in granivori
Percentuale di aziende specializzate in policolture
Percentuale di aziende specializzate in poliallevamento
Percentuale di aziende miste
[Elaborazione gruppo di lavoro AGAPU]
3.3
Risultati
In questa sezione vengono illustrati i risultati dell’analisi precedente, in termini di esiti della
classificazione unitaria, confronto con classificazioni esistenti, e analisi ex-post dei sistemi individuati.
3.3.1 Sintesi unitaria
Il risultato principale della classificazione unitaria, come descritto nel capitolo precedente, è una
classificazione del territorio in otto classi, tra loro differenti in merito ad alcuni principali caratteri che
di seguito andiamo a richiamare velocemente. Il primo carattere è il posizionamento geografico e
le relazioni con i comuni contigui ed è descritto dalla classificazione fornita da FLA. Il secondo
carattere è l’urbanizzazione in senso stretto, rappresentata da una sintesi delle tradizionali misure
quali densità di popolazione a area urbanizzata, ed è descritto dalla classificazione fornita da
CRASL. Il terzo carattere riguarda la caratterizzazione per funzioni (tipicamente urbane in presenza
di servizi alle persone e alle aziende, piuttosto che prevalentemente turistiche o naturalistiche) ed è
descritto dalla classificazione fornita da DSRS. Infine, il quarto carattere è di tipo morfologico,
riguarda il posizionamento dell’area urbana all’interno del territorio comunale ed è descritto dalla
classificazione fornita da DAStU.
Il risultato è la seguente classificazione:
1. Aree Urbane: sono aree che si trovano all’interno di un sistema urbano, che risultano
urbanizzate, le cui funzioni sono tipicamente legate all’offerta di servizi, infrastrutture e a
fattori agricoli e industriali e morfologicamente sono conurbate;
2. Aree Periurbane di Prima Fascia: sono aree all’interno del sistema urbano, marginalmente
urbanizzate, con funzioni diverse (tipicamente urbane, in alcuni casi naturalistiche e, più
raramente, turistiche) e prevalentemente conurbate;
3. Aree Periurbane di Seconda Fascia: sono aree escluse dal sistema urbano, anche se in
prossimità dello stesso, poco urbanizzate o anche agricole, in cui le funzioni tipicamente
urbane sono presenti ma alternate a caratteri naturalistici e morfologicamente non
conurbate;
4. Aree Agricole con Funzioni Urbane: sono aree facenti parte della realtà rurale del territorio
lombardo, prevalentemente, ma non esclusivamente, agricole caratterizzate però da
205
5.
6.
7.
8.
funzioni tipicamente urbane e, da un punto di vista morfologico, sono indistintamente
conurbate e non conurbate;
Aree Agricole Rurali: sono anche queste aree collocate nella parte rurale del territorio
lombardo, con caratteri tipici delle aree agricole, presentano caratteri naturalistici dal
punto di vista delle funzioni svolte e, anche in questo caso, sono indistintamente conurbate
e non conurbate;
Aree Naturali con Funzioni Urbane: si tratta ancora di realtà fondamentalmente rurali, con
caratteri tipici delle realtà naturali, in cui sono però presenti funzioni tipicamente urbane
mentre, da un punto di vista morfologico, sono non conurbate;
Aree Naturali a Vocazione Turistica: sono aree rurali, con caratteri tipici delle realtà naturali,
in cui sono prevalenti funzioni turistiche e, ancora una volta, sono indistintamente
conurbate e non conurbate;
Aree Naturali: sono infine aree parte del sistema rurale, caratterizzate da un basso livello di
urbanizzazione, in cui i caratteri naturalistici sono largamente prevalenti e sono
indistintamente conurbate e non conurbate.
Si è provveduto inoltre ad una successiva aggregazione, per 4 “macrosistemi”, per poter fornire
una visione ancora più sintetica della localizzazione e caratterizzazione delle aree periurbane,
ottenendo quindi la seguente suddivisone:
1. Aree urbane;
2. Aree periurbane;
3. Aree agricole;
4. Aree naturali.
La
Tavola 2 riporta la distribuzione dei comuni lombardi secondo la classificazione in 8sistemi, mentre
la Tavola 3 riporta la distribuzione secondo i 4 macrosistemi aggregati.
Tavola 2 - Classificazione del territorio Lombardo secondo la classificazione unitaria
[Elaborazione gruppo di lavoro AGAPU]
206
Tavola 3 - Classificazione del territorio Lombardo secondo la classificazione unitaria, aggregata in 4
macro-classi
[Elaborazione gruppo di lavoro AGAPU]
3.3.2 Confronto con PSR 2007-2013
Per poter confrontare in modo quantitativo la classificazione unitaria del progetto AGAPU e lo
schema del PSR 2007-2013, abbiamo semplicemente effettuato un conteggio dei comuni
classificati secondo la classificazione ricadenti nelle diverse classi dello schema PSR. I risultati sono
illustrati nella seguente tabella, dove sono rappresentati il numero dei comuni in ciascuna classe e
la rispettiva percentuale sul totale.
Tabella 2 - Confronto tra la classificazione unitaria AGAPU e lo schema PSR 2007-2013
Classificazione Unitaria
Aree urbane
Aree periurbane di prima
fascia
Aree periurbane di
seconda fascia
Aree agricole con funzioni
urbane
Aree agricole/rurali
Aree naturali con funzioni
urbane
Aree naturali a vocazione
turistica
Aree naturali
Totale
Poli urbani
220 (78.3%)
Classificazione PSR
Aree rurali ad
agricoltura
Aree rurali
intensiva
intermedie
specializzata
53 (18.9%)
7 (2.5%)
Aree rurali con
problemi
complessivi di
sviluppo
1 (0.4%)
Totale
281
142 (60.4%)
81 (34.5%)
11 (4.7%)
1 (0.4%)
235
70 (40.9%)
85 (49.7%)
15 (8.8%)
1 (0.6%)
171
10 (4.3%)
201 (85.5%)
22 (9.4%)
2 (0.9%)
235
6 (3.7%)
88 (53.7%)
65 (39.6%)
5 (3.0%)
164
1 (1.6%)
27 (44.3%)
22 (36.1%)
11 (18.0%)
61
3 (3.6%)
6 (7.2%)
63 (75.9%)
11 (13.3%)
83
3 (1.0%)
455
30 (9.6%)
571
226 (72.0%)
431
55 (15.5%)
87
314
1544
[Elaborazione gruppo di lavoro AGAPU]
207
Nonostante la classificazione AGAPU non si basi su una metodologia consolidata, ma sia il frutto di
un primo tentativo di unione di diversi approcci disciplinari, il confronto con lo schema del PSR
fornisce interessanti punti di discussione. Il PSR enfatizza le situazioni delle aree rurali, ma si può
notare come all’interno delle diverse aree del PSR ricadano aree con specifiche connotazioni.
Ad esempio, mentre si può notare una buona corrispondenza tra le aree urbane nelle due
classificazioni, le aree periurbane (sia di prima che di seconda fascia) si distribuiscono equamente
tra le aree urbane e le aree rurali ad agricoltura intensiva specializzata. Questi numeri confermano
la situazione “intermedia” delle aree periurbane e sottolineano la necessità di porre attenzione a
queste aree, in quanto localizzate sia nelle aree urbane sia in quelle agricole del PSR.
Le aree agricole con funzioni urbane ricadono quasi interamente nelle aree rurali ad agricoltura
intensiva specializzata, evidenziando quindi il carattere fortemente agricolo di queste aree,
nonostante nella classificazione unitaria AGAPU siano emerse forti componenti urbane. Le aree più
tipicamente agricole/rurali della classificazione AGAPU, così come le aree naturali con funzioni
urbane, si distribuiscono nelle aree rurali ad agricoltura intensiva specializzata e nelle aree rurali
intermedie, indicando anche in questo caso la necessità di analizzare meglio le caratteristiche di
queste aree. Infine le aree naturali (sia prettamente naturali che a vocazione turistica) ricadono
per la maggior parte nelle aree rurali intermedie. Questo confronto ci permette di capire che la
classificazione AGAPU potrebbe essere utilizzata per meglio caratterizzare le aree del PSR, o per
individuare aree particolarmente problematiche all’interno delle stesse e di conseguenza fornire
una base per meglio definire le politiche di intervento e di gestione del territorio.
3.3.3 Qualificazione delle agricolture nei sistemi territoriali e nelle aree periurbane della
Lombardia
Qui di seguito sono riportate le tabelle con i risultati dell’analisi di qualificazione delle agricolture
per gli 8 sistemi (Tabella 3) e per i 4 macrosistemi (Tabella 4) e una discussione di tali risultati.
Tabella 3 - Qualificazione delle agricolture nei sistemi territoriali della Lombardia (8 classi)
Aree
naturali
con
funzioni
urbane
Aree
periurbane
di seconda
fascia
281
235
171
235
164
61
83
314
18.20
15.22
11.08
15.22
10.62
3.95
5.38
20.34
13.75
8.57
6.02
22.68
6.49
9.57
11.29
21.62
60.07
12.96
5.66
10.75
3.55
1.53
2.32
3.16
0.48
0.41
0.26
0.19
0.14
0.06
0.05
0.04
1.24
1.71
1.82
2.12
1.36
1.42
1.07
1.12
-0.44
-0.37
-0.23
-0.22
-0.16
-0.20
-0.07
-0.13
Aree
urbane
Numero di
comuni
Comuni (% del
totale regionale)
Area (% della
superficie
regionale)
Popolazione (%
della
popolazione
regionale)
Tasso annuo di
urbanizzazione
(% della
superficie totale,
1999-2007)
Tasso annuo di
incremento di
urbanizzazione
(% della
superficie
urbanizzata,
1999-2007)
Tasso annuo di
perdita di suolo
Aree
agricole
con
funzioni
urbane
Aree
periurbane
di prima
fascia
Aree
agricole/
rurali
Aree
naturali a
vocazion
e turistica
Aree
naturali
208
Possesso dei
terreni
(prevalenza)
Età del
conduttore
dell'azienda
(media)
Indice di
ricambio
generazionale
(rapporto tra
numero di capi
azienda con età
inferiore a 40
anni e con età
superiore a 65
anni)
Capo azienda
laureati (% con
titolo di studio
laurea)
Capo azienda
diplomati e
laureati (% con
titolo di studio
diploma o
laurea)
Addetti nel
settore agricolo
(%)
Giornate
lavorate (per
ettaro di SAU)
Unità Bestiame
Adulto (UBA)
(per ettaro di
SAU)
KW (per ettaro di
SAU)
Aziende con
impianti di
energie
rinnovabili (%)
Aziende con
sistema di
irrigazione (%)
Aree
naturali
con
funzioni
urbane
Aree
periurbane
di seconda
fascia
-1.21
-0.82
-0.46
-0.32
-0.41
-0.61
-0.51
-0.54
47.97
29.64
18.70
10.72
11.60
4.75
7.05
4.07
36.82
46.50
53.07
78.59
56.69
51.11
10.92
21.86
13.91
20.65
25.15
8.86
29.29
41.68
66.93
69.64
31.73
Misto
(23%),
proprietà
(19%)
21.62
Misto
(32%),
proprietà
(24%)
34.51
Misto
(43%),
proprietà
26%)
19.94
Misto
(40%),
proprietà
(23%)
19.70
Misto
(36%),
proprietà
(27%)
Aree
urbane
(% della
superficie totale,
1999-2007)
Tasso anno di
perdita di suolo
proporzionale (%
della superficie
agricola, 19992007)
Area urbanizzata
(% della
superficie totale)
Area agricola (%
della superficie
totale)
Area forestale (%
deal superficie
totale)
SAU media
Aree
agricole
con
funzioni
urbane
Aree
periurbane
di prima
fascia
13.72
Misto
(32%),
proprietà
(20%)
Aree
agricole/
rurali
Aree
naturali a
vocazion
e turistica
Aree
naturali
14.57
20.47
Misto (25%),
proprietà
(25%)
Misto (32%),
proprietà
(18%)
54.95
54.62
54.23
55.37
54.92
54.67
52.79
52.75
0.61
0.72
0.81
0.65
0.76
0.74
1.05
1.05
7.92
6.62
7.41
9.50
7.43
8.09
4.40
5.51
34.17
27.91
35.15
38.18
32.07
36.58
24.24
24.30
2.15
2.90
3.87
11.85
17.39
42.17
4.05
21.26
62.70
52.65
49.47
19.50
36.32
22.07
73.16
56.75
1.76
2.30
2.89
3.44
1.66
1.11
0.83
0.94
17.07
13.39
12.41
9.05
10.45
6.86
9.35
8.44
8.15
7.45
9.10
6.79
8.68
7.37
8.43
12.12
52.25
52.43
64.80
86.51
58.70
55.87
24.75
34.37
209
Aree
naturali
con
funzioni
urbane
Aree
periurbane
di seconda
fascia
37.66
31.47
31.31
13.03
28.22
23.77
42.07
37.96
17.49
6.51
9.05
4.07
6.27
7.26
5.62
10.31
0.15
0.20
0.20
0.10
0.21
0.09
0.09
0.13
0.18
0.19
0.14
0.06
0.14
0.01
0.07
0.04
38.87
38.66
43.67
54.81
44.15
25.49
18.01
26.48
11.76
7.60
5.69
3.15
3.59
0.85
4.52
1.05
11.51
12.26
6.13
8.12
17.58
35.81
19.90
21.49
24.95
27.24
29.94
20.89
23.73
29.76
49.24
42.35
2.13
3.50
4.97
5.38
2.65
0.98
0.48
0.53
2.82
2.96
2.19
3.22
3.49
3.13
3.20
3.51
0.90
0.87
1.28
0.63
0.55
0.29
0.84
0.71
6.42
6.56
5.71
3.28
3.78
3.42
3.68
3.02
Aree
urbane
Aziende che
effettuano
vendita diretta al
consumatore (in
azienda e fuori
azienda) (%)
Aziende
biologiche (%)
Densità degli
agriturismi
(n/km2)
Densità di
distributori di
latte crudo
(n/km2)
Aziende
specializzate in
seminativi (%)
Aziende
specializzate in
ortoflorocoltura
(%)
Aziende
specializzate in
colture
permanenti (%)
Aziende
specializzate in
erbivori (%)
Aziende
specializzate in
granivori (%)
Aziende
specializzate in
policolture (%)
Aziende
specializzate in
poliallevamento
(%)
Aziende miste
(%)
Aree
agricole
con
funzioni
urbane
Aree
periurbane
di prima
fascia
Aree
agricole/
rurali
Aree
naturali a
vocazion
e turistica
Aree
naturali
Tabella 4 - Qualificazione delle agricolture nei sistemi territoriali della Lombardia (4 macroclassi)
Aree urbane
Numero di comuni
Percentuale di comuni
Area (% della superficie regionale)
Popolazione (% della popolazione regionale)
Tasso annuo di urbanizzazione (% della
superficie totale, 1999-2007)
Tasso annuo di incremento di urbanizzazione
(% della superficie urbanizzata, 1999-2007)
Tasso annuo di perdita di suolo (% della
superficie totale, 1999-2007)
Tasso anno di perdita di suolo proporzionale
(% della superficie agricola, 1999-2007)
Area urbanizzata (% della superficie totale)
Area agricola (% della superficie totale)
Area forestale (% della superficie totale)
SAU media
Possesso dei terreni (prevalenza)
Aree periurbane
Aree agricole
Aree naturali
281
18.20
13.75
60.07
406
26.30
14.60
18.62
399
25.84
29.17
14.30
458
29.66
42.48
7.01
0.48
0.34
0.17
0.04
1.24
1.76
1.81
1.15
-0.44
-0.31
-0.20
-0.13
-1.21
-0.67
-0.36
-0.55
47.97
36.82
13.91
13.72
Misto (32%),
proprietà (20%)
25.03
49.27
22.54
17.05
Misto (28%),
proprietà (22%)
11.08
69.59
17.26
27.58
Misto (27%),
proprietà (21%)
4.70
23.77
65.42
21.72
Misto (38%),
proprietà (26%)
210
Aree urbane
Età del conduttore dell'azienda (media)
Indice di ricambio generazionale (rapporto
tra numero di capi azienda con età inferiore
a 40 anni e con età superiore a 65 anni)
Capo azienda laureati (% con titolo di studio
laurea)
Capo azienda diplomati e laureati (% con
titolo di studio diploma o laurea)
Addetti nel settore agricolo (%)
Giornate lavorate (per ettaro di SAU)
Unità Bestiame Adulto (UBA) (per ettaro di
SAU)
KW (per ettaro di SAU)
Aziende con impianti di energie rinnovabili
(%)
Aziende con sistema di irrigazione (%)
Aziende che effettuano vendita diretta al
consumatore (in azienda e fuori azienda) (%)
Aziende biologiche (%)
Densità degli agriturismi (n/km2)
Densità di distributori di latte crudo (n/km2)
Aziende specializzate in seminativi (%)
Aziende specializzate in ortoflorocoltura (%)
Aziende specializzate in colture permanenti
(%)
Aziende specializzate in erbivori (%)
Aziende specializzate in granivori (%)
Aziende specializzate in policolture (%)
Aziende specializzate in poliallevamento (%)
Aziende miste (%)
Aree periurbane
Aree agricole
Aree naturali
54.95
54.45
55.18
53.01
0.61
0.76
0.71
0.95
7.92
7.02
8.46
6.00
34.17
31.53
35.12
28.37
2.15
62.70
3.31
51.31
14.12
26.41
20.93
55.11
1.76
2.55
2.71
0.94
17.07
12.98
9.62
8.39
8.15
8.27
7.74
9.31
52.25
58.62
72.61
38.33
37.66
31.39
20.63
34.60
17.49
0.15
0.18
38.87
11.76
7.78
0.20
0.17
40.41
6.93
5.17
0.16
0.10
52.45
3.25
7.73
0.10
0.04
24.63
1.64
11.51
10.12
10.22
25.21
24.95
2.13
2.82
0.90
6.42
28.18
4.01
2.69
1.01
6.26
21.52
4.78
3.28
0.61
3.39
40.10
0.65
3.34
0.62
3.26
[Elaborazione gruppo di lavoro AGAPU]
Se guardiamo alla suddivisione per 4 macrosistemi, possiamo subito notare come le aree
periurbane, che rappresentano circa il 26% dei comuni lombardi, coprano un territorio simile a
quello delle aree urbane in termini di area (15% e 14% rispettivamente) ma rappresentino una
percentuale di popolazione di molto inferiore a quella della aree urbane (14% e 60%
rispettivamente), e molto più simile a quella delle aree agricole (19%). Se invece guardiamo alla
suddivisione in aree periurbane di prima e seconda fascia, notiamo come le prime siano molto più
“urbanizzate” delle seconde, soprattutto in termini di popolazione e di percentuale di suolo
urbanizzato.
Andando a guardare in dettaglio le caratteristiche agricole possiamo fare diverse considerazioni.
Per quanto riguarda alcune variabili legate alle caratteristiche aziendali (ad esempio sau media,
percentuale di addetti al settore agricolo, percentuale di aziende con impianti di produzione di
energie rinnovabili, percentuali di aziende con sistemi di irrigazione, distribuzione di latte crudo) le
aree periurbane risultano molto simili alle aree urbane, mentre per certi altri fattori (ad esempio il
carico di animali per ettaro negli allevamenti) risultano simili alle aree con caratteristiche
agricole/rurali più marcate. Se però andiamo ad analizzare questi stessi dati per la suddivisione in
aree periurbane di prima e seconda fascia, notiamo che queste caratteristiche “agricole”,
probabilmente non a sorpresa, sono più elevate nelle aree periurbane di seconda fascia, poiché si
tratta di aree escluse dal sistema urbano anche se in prossimità dello stesso.
Altre considerazioni si possono fare in merito a variabili legato al “comportamento” in materia
ambientale delle aziende, tra cui irrigazione, utilizzo di energie rinnovabili, aziende biologiche ecc.
L’irrigazione, come prevedibile, è più elevata nelle aree agricole (73%, contro il 59% delle aree
periurbane, ad esempio), mentre l’utilizzo di impianti di energie rinnovabili è più elevato nelle aree
naturali (9%, contro circa l’8% nelle altre aree). In entrambi i casi però, ci preme sottolineare che si
tratta di dati relativi al numero delle aziende con impianti di irrigazione o di energie rinnovabili, non
211
ad esempio la percentuale di SAU irrigata o il tipo e numero di impianti di energie rinnovabili,
pertanto queste analisi risultano certamente più deboli, in quanto relative solo al numero di
aziende.
Il numero di aziende biologiche e il numero di aziende che effettuano vendita diretta risultano più
elevati nelle aree urbane (17% e 38% rispettivamente), presentano valori simili nelle aree
periurbane e naturali (8% e 32/35% rispettivamente) e registrano i valori più bassi nelle aree agricole
(5% e 21%). Questo potrebbe semplicemente rappresentare l’indicazione di un’agricoltura più
attenta alle nuove esigenze della popolazione urbana (richiesta di prodotti biologici, a km0, di
filiera corta ecc). Però se andiamo ad analizzare il trend di questi dati nelle due tipologie di aree
periurbane, notiamo che mentre la percentuale di aziende che effettua vendita diretta è simile
nelle due aree, il numero di aziende biologiche è molto superiore nelle aree periurbane di seconda
fascia (9% contro 6.5%).
Questa analisi delle caratteristiche agricole dei diversi sistemi territoriali e in particolare delle aree
periurbane mostra come le aree periurbane non siano in realtà caratterizzate da forti elementi
distintivi per quanto riguarda le agricolture che vi si praticano, ma che siano piuttosto definite da
una multifunzionalità che le accomuna a volte alle aree urbane, a volte a quelle più
tradizionalmente agricole/rurali.
Un forte elemento distintivo emerge però riguardo alle aree agricole con funzioni urbane, nel
momento in cui analizziamo le variabili per gli 8 sistemi territoriali. I dati mostrano come ci siano
porzioni di territorio tradizionalmente identificato come agricolo che presenta caratteristiche di
un’agricoltura fortemente competitiva per l’uso di risorse e in qualche modo intensiva, con
produzioni destinate al grande mercato e con poca attenzione allo sviluppo “locale”. Si tratta di
aree con aziende con grandi superfici agricole (sau media maggiore che nelle aree
agricole/rurali, e quasi la maggiore di tutti i sistemi), con un carico di animali per ettaro doppio
rispetto alle aree agricole e molto più elevato che in tutti gli altri sistemi territoriali, con una
percentuale di aziende con irrigazione pari all’86% (valore più elevato rispetto a tutti gli altri sistemi,
seguito dalle aree periurbane di seconda fascia, con il 65%), con una percentuale di aziende che
effettuano vendita diretta più basso di tutti i sistemi (13%, seguito dalle aree naturali con funzioni
urbane, al 24%) e con una percentuale di aziende biologiche più basso di tutti gli altri sistemi (4%,
anche in questo caso, il valore successivo è rappresentato dalla aree naturali con funzioni urbane,
al 6%).
212
3.4
Conclusioni e raccomandazioni
In questo capitolo abbiamo illustrato una proposta di classificazione unitaria dei sistemi territoriali
della Lombardia, scaturita dalla combinazione di 4 precedenti classificazioni (semplificate) curate
dai singoli gruppi di ricerca. Sul piano metodologico, sono state combinate la classificazione a 4
classi proposta da Fondazione Lombardia per l’Ambiente (FLA), la classificazione a 4 classi
proposta dal Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale (DSRS) di Milano Bicocca, la
classificazione a 4 classi proposta dal CRASL dell’Università Cattolica di Brescia e la classificazione
a 2 classi proposta da DAStU– Politecnico di Milano.
L’incrocio di queste classificazioni ha prodotto 74 classi di comuni, delle quali 27 primarie e 47
secondarie, queste ultime rappresentanti meno dell’1% dei comuni del territorio. Le suddette classi
sono state poi ricondotte a 8 principali gruppi di comuni, univocamente definiti sulla base di alcuni
caratteri prevalenti, distintivi delle classificazioni di partenza (il posizionamento geografico e le
relazioni con i comuni contigui; l’urbanizzazione in senso stretto; la caratterizzazione per funzioni; il
posizionamento dell’area urbana all’interno del territorio comunale). Le classi così individuate
(aree Urbane; aree Periurbane di Prima Fascia; aree Periurbane di Seconda Fascia; aree Agricole
con Funzioni Urbane; aree Agricole Rurali; aree Naturali con Funzioni Urbane; aree Naturali a
Vocazione Turistica; aree Naturali) sono state, infine, ulteriormente aggregate in 4 “macrosistemi”
(Aree urbane; Aree periurbane; Aree agricole; Aree naturali), al fine di facilitare una visione ancora
più sintetica della localizzazione e della caratterizzazione delle aree periurbane.
La sovrapposizione della classificazione unitaria a quella proposta nel PSR ci consente di
individuare alcuni importanti elementi di continuità (ad esempio le “aree urbane” individuate
ricadono quasi sempre nei “poli urbani” del PSR e le “aree agricole” si collocano effettivamente fra
le “aree ad agricoltura specializzata” del PSR) ma, allo stesso tempo, alcuni interessanti
approfondimenti. I “poli urbani” individuati dal PSR risultano infatti prevalentemente aree urbane e,
ancorché in misura minore, periurbane di prima fascia e periurbane di seconda fascia.
Analogamente, le “aree rurali ad agricoltura specializzata” del PSR risultano aree tipicamente
agricole e, in misura più ridotta, periurbane (di prima o seconda fascia), ovvero a funzioni urbane
(caratterizzate da elevata densità abitativa, presenza di servizi e fattori di produzione). Le aree
rurali intermedie e le aree con problemi di sviluppo del PSR, infine, risultano nella classificazione
proposta aree prevalentemente naturali, alcune delle quali a forte vocazione turistica. In termini di
macro aggregazioni: i poli urbani del PSR ricadono nell’urbano (principalmente) e nel periubano;
le aree rurali ad agricoltura specializzata si distribuiscono fra agricolo (principalmente) e
periurbano; le aree rurali con problemi complessivi di sviluppo ricadono principalmente nel
naturale; le aree rurali intermedie si distribuiscono fra naturale (principalmente) ed agricolo.
I risultati di questa sovrapposizione evidenziano un eccesso di semplificazione nell’individuazione
delle 4 classi del PSR e consentono viceversa di individuare con chiarezza il periurbano e,
addirittura, di confermare la plausibilità di molteplici periurbani in Lombardia: da un lato, infatti,
esiste un periurbano di prima fascia, all’interno del sistema urbano, marginalmente urbanizzato,
con funzioni diverse (tipicamente urbane, in alcuni casi naturalistiche e, più raramente, turistiche) e
prevalentemente conurbato; d’altro lato, esiste un periurbano di seconda fascia, escluso dal
sistema urbano anche se in prossimità dello stesso, poco urbanizzato o anche agricolo, in cui le
funzioni tipicamente urbane sono presenti ma alternate a caratteri naturalistici e
morfologicamente non conurbato. Secondo la classificazione del PSR, il periurbano di prima fascia
ricade per buona parte nei poli urbani e, in misura minore, nelle aree rurali ad agricoltura
specializzata; il periurbano di seconda fascia ricade, viceversa, prevalentemente nelle aree rurali
ad agricoltura specializzata e, in misura minore, nei poli urbani.
Abbiamo infine completato la nostra proposta di classificazione con l’analisi puntuale delle
agricolture che caratterizzano gli 8 sistemi territoriali individuati, con particolare riferimento al profilo
delle aziende agricole. Da questa analisi emerge, in assoluta continuità con i risultati della
sovrapposizione della classificazione unitaria proposta con il PSR, una sostanziale multifunzionalità
213
delle aree periurbane, che le accomuna talvolta alle aree urbane, talvolta alle aree più
tradizionalmente agricole o rurali. Secondo questa prospettiva, ci pare plausibile sottolineare come
le aree periurbane siano caratterizzate da una multifunzionalità che non è più tipica soltanto
dell’agricoltura. Alcuni dei comuni periurbani, infatti, sono caratterizzati da funzioni prettamente
urbane (caratterizzate da elevata densità abitativa, presenza di servizi capillari e infrastrutture), altri
invece turistiche o prevalentemente naturalistiche (caratterizzati da isolamento, forte presenza di
popolazione anziana e de-crescita di popolazione), altri prevalentemente agricole.
L’individuazione delle aree periurbane sulla base della sola agricoltura (e la conseguente
allocazione di risorse, come da proposta del PSR) potrebbe quindi risultare fuorviante, perché di
fatto accomuna territori caratterizzati da funzioni profondamente diverse. Questo lavoro,
legittimando la plausibilità di un paradigma multidisciplinare per l’identificazione delle aree
periurbane, propone, viceversa, di identificare misure alternative basate sul potenziamento di tutte
le funzioni che insistono sui territori, non solo quindi di quelle agricole (che si risolvono ad esempio
negli incentivi all’agricoltura svantaggiata). Tra le “aree agricole con funzioni urbane”, ad
esempio, ritroviamo porzioni di territorio tradizionalmente identificato come “agricolo” che
presentano, però, caratteristiche di un’agricoltura fortemente competitiva per l’uso di risorse e in
qualche modo intensiva, con produzioni non destinate alla distribuzione strettamente locale.
Dalla lettura proposta emergono, in ultima istanza, interessanti elementi di forza e di debolezza dei
territori periurbani e delle agricolture che vi insistono. Questi stessi elementi possono tradursi in
raccomandazioni spendibili sul piano della programmazione e della pianificazione alle diverse
scale (ad esempio nell’ambito del piano territoriale regionale o del programma di sviluppo rurale),
che saranno illustrate in modo esteso al capitolo 5 di questo rapporto e singolarmente nei diversi
capitoli curati dai gruppi di ricerca (ciascuno dei quali prevede una sezione finale denominata
“Raccomandazioni per le politiche agricole e di sviluppo rurale”).
I principali elementi (strategici) di forza che interessano le aree periurbane riguardano la relativa
intensità nell'uso dei fattori produttivi impiegati in agricoltura, un tasso di crescita particolarmente
elevato, la disponibilità di aziende e, talvolta, di una rete di servizi capillari, la presenza anche
estesa di territorio naturale da preservare. D’altra parte, i territori periurbani sono verosimilmente
interessati da una forte pressione urbana rappresentata principalmente dalla competizione per
l'uso non agricolo del suolo. In quest’ottica, le indicazioni di policy interessano livelli diversi e sono
legate al consolidamento delle funzioni prevalenti in un’ottica però di area vasta. Analogamente,
se la formulazione di indicazioni di policy nelle aree periurbane riguarda il sistema agricolo nelle sue
componenti strettamente endogene, pare opportuno consolidare anche una lettura rispetto alle
componenti esogene, che consideri la distanza dall’urbanizzato e dalle infrastrutture, la presenza
di aree protette, la densità abitativa, l’intensità del mercato immobiliare, la potenzialità
edificatoria, indicatori sintetici diversi di fragilità del territorio.
214
ALLEGATO A – Tabelle
Qui di seguito sono riportate le tabelle con la classificazione unitaria (incluso il numero di comuni e
il doppio passaggio per classificare tutti i comuni, e le classificazioni originarie), e la lista dei 1544
comuni lombardi con la rispettiva classificazione di sintesi in 8 classi.
Tabella A 1 - Classificazione unitaria
Sintesi
unitaria
Fase di
sintesi
1
Numero
di comuni
113
110
15
2
13
6
5
Aree urbane
4
2
2
1
1
1
1
98
33
27
23
2
8
8
7
5
Aree
periurbane
di prima
fascia
4
4
3
3
2
2
2
1
1
Classificazione FLA
Aree all’interno del
sistema urbano
Aree all’interno del
sistema urbano
Aree all’interno del
sistema urbano
Aree rurali in prossimità
del sistema urbano
Aree all’interno del
sistema urbano
Aree all’interno del
sistema urbano
Aree rurali in prossimità
del sistema urbano
Centri urbani in zone
rurali
Centri urbani in zone
rurali
Aree all’interno del
sistema urbano
Centri urbani in zone
rurali
Aree rurali in prossimità
del sistema urbano
Aree all’interno del
sistema urbano
Aree all’interno del
sistema urbano
Aree all’interno del
sistema urbano
Aree all’interno del
sistema urbano
Aree all’interno del
sistema urbano
Aree all’interno del
sistema urbano
Centri urbani in zone
rurali
Aree rurali in prossimità
del sistema urbano
Aree rurali in prossimità
del sistema urbano
Aree rurali in prossimità
del sistema urbano
Aree all’interno del
sistema urbano
Aree rurali in prossimità
del sistema urbano
Aree all’interno del
sistema urbano
Aree all’interno del
sistema urbano
Centri urbani in zone
rurali
Aree all’interno del
sistema urbano
Aree all’interno del
sistema urbano
Classificazione
DSRS
Funzioni Urbane
Consolidate
Funzioni Urbane
Dinamiche
Funzioni Urbane
Consolidate
Funzioni Urbane
Consolidate
Funzioni Urbane
Consolidate
Funzioni Urbane
Dinamiche
Funzioni Urbane
Consolidate
Funzioni Urbane
Consolidate
Funzioni Urbane
Consolidate
Funzioni Urbane
Consolidate
Funzioni Urbane
Consolidate
Funzioni Urbane
Consolidate
Funzioni Urbane
Dinamiche
Funzioni Urbane
Dinamiche
Caratteri Naturali
Funzioni Urbane
Dinamiche
Funzioni Urbane
Consolidate
Funzioni Urbane
Dinamiche
Funzioni Urbane
Dinamiche
Funzioni Urbane
Dinamiche
Caratteri Turistici
Classificazione
CRASL
Aree Urbane
Aree Urbane
Aree Peri-Urbane
Aree Peri-Urbane
Aree Agricole
Aree Urbane
Aree Urbane
Aree Peri-Urbane
Aree Peri-Urbane
Aree Agricole
Aree Agricole
Aree Urbane
Aree Peri-Urbane
Aree Agricole
Aree Peri-Urbane
Aree Agricole
Aree Peri-Urbane
Aree Agricole
Aree Peri-Urbane
Aree Agricole
Aree Agricole
Caratteri Naturali
Aree Peri-Urbane
Caratteri Turistici
Aree Peri-Urbane
Caratteri Naturali
Aree Peri-Urbane
Funzioni Urbane
Dinamiche
Caratteri Naturali
Aree Agricole
Caratteri Naturali
Aree Peri-Urbane
Caratteri Turistici
Aree Agricole
Caratteri Naturali
Aree Peri-Urbane
Aree Urbane
Classificazione
DAStU
Comuni
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni Non
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni Non
Conurbati
Comuni Non
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni Non
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni Non
Conurbati
Comuni Non
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni Non
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni Non
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni Non
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni Non
Conurbati
215
Sintesi
unitaria
Fase di
sintesi
Numero
di comuni
1
1
1
1
1
54
43
27
17
Aree
periurbane
di seconda
fascia
16
2
6
5
3
1
84
70
28
20
Aree
agricole con
funzioni
urbane
18
2
8
5
2
1
Aree
agricole/
rurali
2
79
Classificazione FLA
Centri urbani in zone
rurali
Aree rurali in prossimità
del sistema urbano
Aree rurali in prossimità
del sistema urbano
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Aree all’interno del
sistema urbano
Centri urbani in zone
rurali
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Aree rurali in prossimità
del sistema urbano
Centri urbani in zone
rurali
Aree rurali in prossimità
del sistema urbano
Aree all’interno del
sistema urbano
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Centri urbani in zone
rurali
Centri urbani in zone
rurali
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Classificazione
DSRS
Funzioni Urbane
Dinamiche
Caratteri Turistici
Classificazione
CRASL
Aree Rurali
Aree Peri-Urbane
Caratteri Naturali
Aree Urbane
Caratteri Turistici
Aree Peri-Urbane
Funzioni Urbane
Dinamiche
Aree Peri-Urbane
Comuni Non
Conurbati
Caratteri Naturali
Aree Agricole
Caratteri Naturali
Aree Agricole
Funzioni Urbane
Dinamiche
Aree Peri-Urbane
Comuni
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni
Conurbati
Funzioni Urbane
Dinamiche
Caratteri Naturali
Aree Peri-Urbane
Funzioni Urbane
Dinamiche
Caratteri Naturali
Aree Peri-Urbane
Funzioni Urbane
Dinamiche
Aree Agricole
Funzioni Urbane
Consolidate
Aree Agricole
Comuni Non
Conurbati
Funzioni Urbane
Consolidate
Aree Peri-Urbane
Comuni Non
Conurbati
Funzioni Urbane
Consolidate
Aree Agricole
Comuni
Conurbati
Funzioni Urbane
Dinamiche
Aree Agricole
Comuni
Conurbati
Funzioni Urbane
Consolidate
Aree Peri-Urbane
Comuni
Conurbati
Funzioni Urbane
Dinamiche
Caratteri Turistici
Aree Agricole
Caratteri Naturali
Aree Agricole
Comuni
Conurbati
Comuni Non
Conurbati
Comuni Non
Conurbati
Aree Agricole
Aree Agricole
Aree Agricole
Classificazione
DAStU
Comuni
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni
Conurbati
Comuni Non
Conurbati
Comuni Non
Conurbati
Comuni Non
Conurbati
Comuni Non
Conurbati
50
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Caratteri Naturali
Aree Agricole
Comuni
Conurbati
15
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Caratteri Naturali
Aree Peri-Urbane
Comuni Non
Conurbati
10
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Caratteri Naturali
Aree Peri-Urbane
Comuni
Conurbati
8
Aree rurali in prossimità
del sistema urbano
Caratteri Naturali
Aree Agricole
Comuni
Conurbati
216
Sintesi
unitaria
Fase di
sintesi
1
Numero
di comuni
2
218
93
Aree naturali
2
2
1
1
31
18
Aree naturali
con funzioni
urbane
2
12
1
27
24
2
Aree naturali
a vocazione
turistica
12
7
6
5
1
1
Classificazione FLA
Aree rurali in prossimità
del sistema urbano
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Centri urbani in zone
rurali
Centri urbani in zone
rurali
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Centri urbani in zone
rurali
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Aree appartenenti ad
un sistema
rurale/naturale
Centri urbani in zone
rurali
Centri urbani in zone
rurali
Classificazione
DSRS
Caratteri Naturali
Classificazione
CRASL
Aree Agricole
Classificazione
DAStU
Comuni Non
Conurbati
Caratteri Naturali
Aree Rurali
Comuni Non
Conurbati
Caratteri Naturali
Aree Rurali
Comuni
Conurbati
Funzioni Urbane
Dinamiche
Caratteri Naturali
Aree Rurali
Funzioni Urbane
Consolidate
Aree Rurali
Comuni
Conurbati
Comuni Non
Conurbati
Comuni Non
Conurbati
Funzioni Urbane
Dinamiche
Aree Rurali
Comuni Non
Conurbati
Funzioni Urbane
Consolidate
Aree Rurali
Comuni
Conurbati
Caratteri Turistici
Aree Rurali
Comuni Non
Conurbati
Caratteri Turistici
Aree Rurali
Comuni
Conurbati
Caratteri Turistici
Aree Agricole
Comuni
Conurbati
Caratteri Turistici
Aree Agricole
Caratteri Turistici
Aree Agricole
Comuni
Conurbati
Comuni Non
Conurbati
Funzioni Urbane
Dinamiche
Aree Rurali
Comuni
Conurbati
Caratteri Turistici
Aree Agricole
Caratteri Turistici
Aree Rurali
Comuni Non
Conurbati
Comuni
Conurbati
Aree Rurali
[Elaborazione gruppo di lavoro AGAPU]
217
218
Tabella A 2 - Classificazione unitaria dei 1544 comuni della Lombardia
Comune
Agra
Albizzate
Angera
Arcisate
Arsago Seprio
Azzate
Azzio
Barasso
Bardello
Bedero Valcuvia
Besano
Besnate
Besozzo
Biandronno
Bisuschio
Bodio Lomnago
Brebbia
Bregano
Brenta
Brezzo Di Bedero
Brinzio
Brissago - Valtravaglia
Brunello
Brusimpiano
Buguggiate
Busto Arsizio
Cadegliano - Viconago
Cadrezzate
Cairate
Cantello
Caravate
Cardano Al Campo
Carnago
Caronno Pertusella
Caronno Varesino
Casale Litta
Casalzuigno
Casciago
Casorate Sempione
Cassano Magnago
Cassano Valcuvia
Castellanza
Castello Cabiaglio
Castelseprio
Castelveccana
Castiglione Olona
Castronno
Cavaria Con Premezzo
Cazzago Brabbia
Cislago
Cittiglio
Clivio
Cocquio - Trevisago
Comabbio
Comerio
Cremenaga
Crosio Della Valle
Cuasso Al Monte
Cugliate - Fabiasco
Cunardo
Curiglia Con Monteviasco
Cuveglio
Cuvio
Daverio
Provincia
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Codice
Istat
12001
12002
12003
12004
12005
12006
12007
12008
12009
12010
12011
12012
12013
12014
12015
12016
12017
12018
12019
12020
12021
12022
12023
12024
12025
12026
12027
12028
12029
12030
12031
12032
12033
12034
12035
12036
12037
12038
12039
12040
12041
12042
12043
12044
12045
12046
12047
12048
12049
12050
12051
12052
12053
12054
12055
12056
12057
12058
12059
12060
12061
12062
12063
12064
Area
(km2)
2.9
3.81
17.64
12.06
10.38
4.62
2.47
4.01
2.29
2.51
3.49
7.7
14.05
8.21
7.22
4.13
6.74
2.33
4.32
9.71
6.56
6.1
1.67
6.2
2.62
30.54
9.99
4.75
11.33
9.17
5.29
9.41
6.23
8.67
5.66
10.61
7.13
4.01
6.96
12.27
4.03
6.87
6.85
3.99
20.36
7.11
3.71
3.31
4.58
10.9
11.48
3.15
9.4
4.88
5.54
4.49
1.52
16.13
6.89
5.89
10.85
7.63
6.05
4.05
Pop.
408
5275
5694
9991
4886
4520
808
1751
1559
643
2593
5437
9192
3275
4293
2117
3360
842
1811
1185
880
1253
1041
1173
3122
81760
1870
1779
7887
4598
2632
14542
6466
16263
4944
2674
1360
3916
5747
21595
663
14400
548
1296
2032
7906
5361
5718
820
10063
4012
1944
4813
1181
2668
801
618
3592
3109
2939
189
3443
1688
3073
Classificazione unitaria
Aree naturali
Aree urbane
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree urbane
Aree urbane
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree naturali
Aree urbane
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di prima fascia
219
Comune
Dumenza
Duno
Fagnano Olona
Ferno
Ferrera Di Varese
Gallarate
Galliate Lombardo
Gavirate
Gazzada Schianno
Gemonio
Gerenzano
Germignaga
Golasecca
Gorla Maggiore
Gorla Minore
Gornate Olona
Grantola
Inarzo
Induno Olona
Ispra
Jerago Con Orago
Lavena Ponte Tresa
Laveno - Mombello
Leggiuno
Lonate Ceppino
Lonate Pozzolo
Lozza
Luino
Luvinate
Maccagno
Malgesso
Malnate
Marchirolo
Marnate
Marzio
Masciago Primo
Mercallo
Mesenzana
Montegrino Valtravaglia
Monvalle
Morazzone
Mornago
Oggiona Con Santo
Stefano
Olgiate Olona
Origgio
Orino
Osmate
Pino Sulla Sponda Del
Lago Maggiore
Porto Ceresio
Porto Valtravaglia
Rancio Valcuvia
Ranco
Saltrio
Samarate
Saronno
Sesto Calende
Solbiate Arno
Solbiate Olona
Somma Lombardo
Sumirago
Taino
Ternate
Tradate
Travedona - Monate
Provincia
Codice
Istat
Area
(km2)
Pop.
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
12065
12066
12067
12068
12069
12070
12071
12072
12073
12074
12075
12076
12077
12078
12079
12080
12081
12082
12083
12084
12085
12086
12087
12088
12089
12090
12091
12092
12093
12094
12095
12096
12097
12098
12099
12100
12101
12102
12103
12104
12105
12106
18.35
2.47
8.92
8.74
1.5
20.97
3.74
12.5
4.8
3.66
9.87
3.71
7.49
5.4
7.79
4.62
2.07
2.46
12.38
13.84
3.95
4.47
28.05
15.44
4.83
28.81
1.67
20.67
4.17
16.18
2.71
8.95
5.33
4.84
1.92
1.85
5.34
4.89
10.21
3.4
5.48
12.21
1463
162
12146
6876
696
51751
993
9338
4681
2907
10401
3809
2694
5097
8512
2232
1289
1089
10476
5238
5124
5622
9053
3582
4909
12059
1238
14471
1334
2041
1320
16641
3423
7211
308
289
1816
1473
1416
1991
4375
4873
Varese
12107
2.75
4329
Varese
Varese
Varese
Varese
12108
12109
12110
12111
7.09
8.05
3.7
3.69
12243
7400
866
764
Varese
12112
8.34
224
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
12113
12114
12115
12116
12117
12118
12119
12120
12121
12122
12123
12124
12125
12126
12127
12128
5.56
15.88
4.39
7.97
3.43
15.85
10.88
25.02
3
4.91
30.43
11.55
7.84
4.79
21.34
9.25
3075
2440
940
1371
3062
16362
39161
10830
4356
5627
17437
6274
3798
2467
17901
4029
Classificazione unitaria
Aree naturali
Aree naturali
Aree urbane
Aree urbane
Aree agricole/rurali
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree agricole/rurali
Aree urbane
Aree naturali
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
220
Comune
Tronzano Lago Maggiore
Uboldo
Valganna
Varano Borghi
Varese
Vedano Olona
Veddasca
Venegono Inferiore
Venegono Superiore
Vergiate
Viggiu`
Vizzola Ticino
Sangiano
Albavilla
Albese Con Cassano
Albiolo
Alserio
Alzate Brianza
Anzano Del Parco
Appiano Gentile
Argegno
Arosio
Asso
Barni
Bellagio
Bene Lario
Beregazzo Con Figliaro
Binago
Bizzarone
Blessagno
Blevio
Bregnano
Brenna
Brienno
Brunate
Bulgarograsso
Cabiate
Cadorago
Caglio
Cagno
Campione D`Italia
Cantu`
Canzo
Capiago Intimiano
Carate Urio
Carbonate
Carimate
Carlazzo
Carugo
Casasco D`Intelvi
Caslino D`Erba
Casnate Con Bernate
Cassina Rizzardi
Castelmarte
Castelnuovo Bozzente
Castiglione D`Intelvi
Cavallasca
Cavargna
Cerano Intelvi
Cermenate
Cernobbio
Cirimido
Civenna
Claino Con Osteno
Colonno
Como
Provincia
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Varese
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Codice
Istat
12129
12130
12131
12132
12133
12134
12135
12136
12137
12138
12139
12140
12141
13003
13004
13005
13006
13007
13009
13010
13011
13012
13013
13015
13019
13021
13022
13023
13024
13025
13026
13028
13029
13030
13032
13034
13035
13036
13037
13038
13040
13041
13042
13043
13044
13045
13046
13047
13048
13050
13052
13053
13055
13058
13059
13060
13061
13062
13063
13064
13065
13068
13070
13071
13074
13075
Area
(km2)
10.67
10.71
12.31
3.28
54.63
7.11
17
5.82
6.85
21.63
9.28
7.82
2.13
10.48
8.22
2.81
1.41
7.63
3.23
12.73
4.35
2.71
6.43
5.68
22.62
5.54
3.82
6.93
2.83
3.43
5.69
6.24
4.8
9.05
1.81
3.86
3.22
7.23
6.61
3.48
2.65
23.23
11.15
5.76
7.13
5.13
5.2
12.68
4.15
4.23
7.24
5.22
3.48
1.89
3.64
4.32
2.71
14.86
5.38
8.12
11.77
2.71
5.44
12.54
5.98
37.31
Pop.
262
10489
1622
2383
81579
7370
277
6370
7185
9014
5247
586
1507
6272
4139
2687
1195
5103
1759
7726
693
4964
3665
628
3078
365
2590
4862
1541
284
1268
6152
1987
420
1805
3921
7394
7646
448
2054
2121
39540
5144
5530
1216
2920
4320
2966
6262
433
1722
4936
3224
1303
864
1031
2971
248
550
9097
7059
2164
720
554
539
85263
Classificazione unitaria
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree urbane
Aree agricole/rurali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree urbane
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole/rurali
Aree urbane
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree naturali
Aree urbane
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree urbane
221
Comune
Corrido
Cremia
Cucciago
Cusino
Dizzasco
Domaso
Dongo
Dosso Del Liro
Drezzo
Erba
Eupilio
Faggeto Lario
Faloppio
Fenegro`
Figino Serenza
Fino Mornasco
Garzeno
Gera Lario
Gironico
Grandate
Grandola Ed Uniti
Griante
Guanzate
Inverigo
Laglio
Laino
Lambrugo
Lanzo D`Intelvi
Lasnigo
Lenno
Lezzeno
Limido Comasco
Lipomo
Livo
Locate Varesino
Lomazzo
Longone Al Segrino
Luisago
Lurago D`Erba
Lurago Marinone
Lurate Caccivio
Magreglio
Mariano Comense
Maslianico
Menaggio
Merone
Mezzegra
Moltrasio
Monguzzo
Montano Lucino
Montemezzo
Montorfano
Mozzate
Musso
Nesso
Novedrate
Olgiate Comasco
Oltrona Di San Mamette
Orsenigo
Ossuccio
Pare`
Peglio
Pellio Intelvi
Pianello Del Lario
Pigra
Plesio
Provincia
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Codice
Istat
13077
13083
13084
13085
13087
13089
13090
13092
13093
13095
13097
13098
13099
13100
13101
13102
13106
13107
13109
13110
13111
13113
13114
13118
13119
13120
13121
13122
13123
13125
13126
13128
13129
13130
13131
13133
13134
13135
13136
13137
13138
13139
13143
13144
13145
13147
13148
13152
13153
13154
13155
13157
13159
13160
13161
13163
13165
13169
13170
13172
13175
13178
13179
13183
13184
13185
Area
(km2)
5.92
9.94
4.98
9.57
3.56
8.26
7.53
23.04
1.91
17.88
6.82
17.81
4.17
5.32
5.03
7.23
28.87
7.98
4.3
2.79
16.78
6.99
6.82
10.05
5.78
6.81
1.77
10.04
5.57
9.86
20.59
4.46
2.33
32.89
5.81
9.43
1.43
2.1
4.73
3.85
6
3.04
13.79
1.31
10.59
3.23
3.32
9.16
4.07
5.29
9.02
3.59
10.37
4.09
14.64
2.81
10.96
2.7
4.44
7.98
2.21
10.52
10.16
8.5
4.31
17.05
Pop.
823
718
3472
245
578
1462
3491
275
1218
16949
2778
1253
4192
3138
5243
9614
862
969
2276
2921
1358
636
5719
8981
957
524
2445
1452
458
1859
2054
3732
5860
198
4249
9564
1789
2702
5350
2463
10083
666
23890
3387
3273
4124
1043
1710
2207
4755
261
2696
8367
1017
1273
2932
11364
2293
2758
1008
1763
199
1053
1050
270
853
Classificazione unitaria
Aree naturali
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree naturali
Aree naturali
Aree urbane
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree agricole/rurali
Aree urbane
Aree urbane
Aree naturali a vocazione turistica
Aree urbane
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
222
Comune
Pognana Lario
Ponna
Ponte Lambro
Porlezza
Proserpio
Pusiano
Ramponio Verna
Rezzago
Rodero
Ronago
Rovellasca
Rovello Porro
Sala Comacina
San Bartolomeo Val
Cavargna
San Fedele Intelvi
San Fermo Della Battaglia
San Nazzaro Val
Cavargna
Schignano
Senna Comasco
Solbiate
Sorico
Sormano
Stazzona
Tavernerio
Torno
Tremezzo
Trezzone
Turate
Uggiate - Trevano
Valbrona
Valmorea
Val Rezzo
Valsolda
Veleso
Veniano
Vercana
Vertemate Con Minoprio
Villa Guardia
Zelbio
San Siro
Gravedona Ed Uniti
Albaredo Per San Marco
Albosaggia
Andalo Valtellino
Aprica
Ardenno
Bema
Berbenno Di Valtellina
Bianzone
Bormio
Buglio In Monte
Caiolo
Campodolcino
Caspoggio
Castello Dell`Acqua
Castione Andevenno
Cedrasco
Cercino
Chiavenna
Chiesa In Valmalenco
Chiuro
Cino
Civo
Colorina
Provincia
Codice
Istat
Area
(km2)
Pop.
Classificazione unitaria
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
13186
13187
13188
13189
13192
13193
13194
13195
13197
13199
13201
13202
13203
5
5.89
3.21
19.02
2.55
3.12
5.04
3.84
2.57
2.16
3.23
5.78
4.97
793
266
4483
4648
912
1327
410
317
1202
1769
7608
6105
598
Aree naturali
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree naturali
Como
13204
10.55
1049
Aree naturali
Como
Como
13205
13206
10.97
3.1
1778
4489
Aree naturali a vocazione turistica
Aree urbane
Como
13207
13.04
348
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Como
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
13211
13212
13215
13216
13217
13218
13222
13223
13225
13226
13227
13228
13229
13232
13233
13234
13236
13238
13239
13242
13245
13246
13248
13249
14001
14002
14003
14004
14005
14006
14007
14008
14009
14010
14011
14012
14013
14014
14015
14016
14017
14018
14019
14020
14021
14022
14023
10.05
2.66
4.14
24.01
10.75
7.57
11.57
7.45
8.33
3.57
10.16
5.76
13.59
3.13
6.84
31.34
5.93
3.12
14.67
5.8
7.85
4.52
21.48
39.76
18.97
34.03
6.67
20.45
17.04
19.66
35.91
17.3
41.71
27.76
33.37
48.43
7.26
14.13
17
14.48
5.76
11.01
107.06
51.58
5.02
25.05
17.92
914
3211
2561
1255
682
647
5823
1214
1260
239
9016
4431
2737
2687
182
1639
278
2859
754
4025
7759
218
1804
4226
350
3170
550
1612
3302
132
4367
1278
4084
2104
1017
1045
1513
677
1554
471
757
7358
2626
2553
379
1093
1484
Aree naturali
Aree naturali
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
223
Comune
Cosio Valtellino
Dazio
Delebio
Dubino
Faedo Valtellino
Forcola
Fusine
Gerola Alta
Gordona
Grosio
Grosotto
Madesimo
Lanzada
Livigno
Lovero
Mantello
Mazzo Di Valtellina
Mello
Menarola
Mese
Montagna In Valtellina
Morbegno
Novate Mezzola
Pedesina
Piantedo
Piateda
Piuro
Poggiridenti
Ponte In Valtellina
Postalesio
Prata Camportaccio
Rasura
Rogolo
Samolaco
San Giacomo Filippo
Sernio
Sondalo
Sondrio
Spriana
Talamona
Tartano
Teglio
Tirano
Torre Di Santa Maria
Tovo Di Sant`Agata
Traona
Tresivio
Valdidentro
Valdisotto
Valfurva
Val Masino
Verceia
Vervio
Villa Di Chiavenna
Villa Di Tirano
Abbiategrasso
Albairate
Arconate
Arese
Arluno
Assago
Bareggio
Basiano
Basiglio
Bellinzago Lombardo
Bernate Ticino
Provincia
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Sondrio
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Codice
Istat
14024
14025
14026
14027
14028
14029
14030
14031
14032
14033
14034
14035
14036
14037
14038
14039
14040
14041
14042
14043
14044
14045
14046
14047
14048
14049
14050
14051
14052
14053
14054
14055
14056
14057
14058
14059
14060
14061
14062
14063
14064
14065
14066
14067
14068
14069
14070
14071
14072
14073
14074
14075
14076
14077
14078
15002
15005
15007
15009
15010
15011
15012
15014
15015
15016
15019
Area
(km2)
23.89
3.73
22.43
12.84
4.96
15.25
37.2
36.94
49.14
126.76
53.05
85.34
117.25
211.37
13.5
3.61
15.37
11.5
14.59
4.11
45.01
14.78
99.75
6.37
6.73
70.92
85.66
2.93
67.57
10.69
27.78
5.93
13.05
45.19
61.28
9.46
95.48
20.6
8.19
21.24
47.79
115.36
32.55
44.71
11.08
6.67
14.88
244.42
88.21
214.45
116.52
11.6
12.31
32.67
24.51
46.76
14.99
8.35
6.57
12.39
8.19
11.24
4.58
8.53
4.55
12.13
Pop.
5429
438
3215
3549
558
842
633
197
1841
4634
1633
566
1399
5991
670
755
1061
996
46
1740
3059
12071
1863
34
1302
2340
1975
1910
2326
662
2903
297
566
2914
415
503
4281
22365
105
4767
194
4769
9238
839
630
2534
2024
4068
3508
2732
946
1106
216
1054
2984
32035
4680
6499
19506
11601
8168
17254
3686
8003
3830
3117
Classificazione unitaria
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree urbane
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree urbane
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
224
Comune
Besate
Binasco
Boffalora Sopra Ticino
Bollate
Bresso
Bubbiano
Buccinasco
Buscate
Bussero
Busto Garolfo
Calvignasco
Cambiago
Canegrate
Carpiano
Carugate
Casarile
Casorezzo
Cassano D`Adda
Cassina De Pecchi
Cassinetta Di Lugagnano
Castano Primo
Cernusco Sul Naviglio
Cerro Al Lambro
Cerro Maggiore
Cesano Boscone
Cesate
Cinisello Balsamo
Cisliano
Cologno Monzese
Colturano
Corbetta
Cormano
Cornaredo
Corsico
Cuggiono
Cusago
Cusano Milanino
Dairago
Dresano
Gaggiano
Garbagnate Milanese
Gessate
Gorgonzola
Grezzago
Gudo Visconti
Inveruno
Inzago
Lacchiarella
Lainate
Legnano
Liscate
Locate Di Triulzi
Magenta
Magnago
Marcallo Con Casone
Masate
Mediglia
Melegnano
Melzo
Mesero
Milano
Morimondo
Motta Visconti
Nerviano
Nosate
Novate Milanese
Provincia
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Codice
Istat
15022
15024
15026
15027
15032
15035
15036
15038
15040
15041
15042
15044
15046
15050
15051
15055
15058
15059
15060
15061
15062
15070
15071
15072
15074
15076
15077
15078
15081
15082
15085
15086
15087
15093
15096
15097
15098
15099
15101
15103
15105
15106
15108
15110
15112
15113
15114
15115
15116
15118
15122
15125
15130
15131
15134
15136
15139
15140
15142
15144
15146
15150
15151
15154
15155
15157
Area
(km2)
12.6
3.82
7.46
13.12
3.38
2.95
11.95
7.76
4.56
12.25
1.85
7.32
5.52
17.21
5.36
7.29
6.6
18.25
7.06
3.34
19.09
13.3
10.15
10.19
3.96
5.7
12.7
14.67
8.47
4.21
18.74
4.44
11.07
5.39
14.86
11.57
3.07
6.21
3.48
26.63
8.89
7.78
10.65
2.42
5.98
12.18
12.14
24.15
12.8
17.72
9.37
12.34
21.83
11.29
8.13
4.36
21.95
4.95
9.61
5.69
181.75
26.1
10.51
13.48
5
5.48
Pop.
2032
7268
4290
36467
26399
2193
26937
4793
8645
13513
1196
6498
12431
3916
14540
3915
5384
18767
13130
1879
11026
31058
4925
14794
23935
13977
74150
4057
47794
1975
17365
20270
20546
34507
8227
3547
19547
5780
2992
8975
27193
8690
19649
2804
1720
8686
10541
8480
25343
59147
4060
9707
23513
9090
6048
3363
12187
17260
18513
3915
1324110
1211
7665
17499
689
20201
Classificazione unitaria
Aree naturali
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree urbane
Aree naturali
Aree urbane
225
Comune
Noviglio
Opera
Ossona
Ozzero
Paderno Dugnano
Pantigliate
Parabiago
Paullo
Pero
Peschiera Borromeo
Pessano Con Bornago
Pieve Emanuele
Pioltello
Pogliano Milanese
Pozzo D`Adda
Pozzuolo Martesana
Pregnana Milanese
Rescaldina
Rho
Robecchetto Con Induno
Robecco Sul Naviglio
Rodano
Rosate
Rozzano
San Colombano Al
Lambro
San Donato Milanese
San Giorgio Su Legnano
San Giuliano Milanese
Santo Stefano Ticino
San Vittore Olona
San Zenone Al Lambro
Sedriano
Segrate
Senago
Sesto San Giovanni
Settala
Settimo Milanese
Solaro
Trezzano Rosa
Trezzano Sul Naviglio
Trezzo Sull`Adda
Tribiano
Truccazzano
Turbigo
Vanzago
Vaprio D`Adda
Vermezzo
Vernate
Vignate
Vimodrone
Vittuone
Vizzolo Predabissi
Zelo Surrigone
Zibido San Giacomo
Villa Cortese
Vanzaghello
Baranzate
Adrara San Martino
Adrara San Rocco
Albano Sant`Alessandro
Albino
Alme`
Almenno San Bartolomeo
Almenno San Salvatore
Alzano Lombardo
Provincia
Codice
Istat
Area
(km2)
Pop.
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
15158
15159
15164
15165
15166
15167
15168
15169
15170
15171
15172
15173
15175
15176
15177
15178
15179
15181
15182
15183
15184
15185
15188
15189
15.59
7.52
6.01
11.04
14.03
5.7
14.11
8.97
5
23.48
6.63
13.05
13.21
4.69
4.22
12.36
4.91
8.15
22.41
13.96
20.42
12.9
18.66
12.27
4459
13840
4150
1480
47695
5983
26952
11132
10749
22774
9121
14887
36369
8257
5523
7991
6919
14103
50686
4896
6929
4457
5442
41363
Milano
15191
16.55
7468
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Milano
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
15192
15194
15195
15200
15201
15202
15204
15205
15206
15209
15210
15211
15213
15219
15220
15221
15222
15224
15226
15229
15230
15235
15236
15237
15242
15243
15244
15246
15247
15248
15249
15250
16001
16002
16003
16004
16005
16006
16007
16008
12.82
2.19
30.59
5.02
3.17
7.08
7.79
17.25
8.66
11.76
17.47
10.81
6.62
3.44
10.79
12.96
6.95
22.18
8.53
6.12
7.13
6.12
14.67
8.66
4.8
5.97
5.71
4.43
24.59
3.55
5.53
2.77
12.58
9.33
5.34
31.64
1.97
10.58
4.79
13.6
32702
6776
36871
4731
8285
4193
11277
34352
21273
81130
7465
19464
14203
4804
19350
12249
3330
5982
7485
8894
8045
3897
3189
9064
16612
9082
3979
1377
6734
6216
5307
11448
2171
857
8075
18186
5736
6018
5825
13757
Classificazione unitaria
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
226
Comune
Ambivere
Antegnate
Arcene
Ardesio
Arzago D`Adda
Averara
Aviatico
Azzano San Paolo
Azzone
Bagnatica
Barbata
Bariano
Barzana
Bedulita
Berbenno
Bergamo
Berzo San Fermo
Bianzano
Blello
Bolgare
Boltiere
Bonate Sopra
Bonate Sotto
Borgo Di Terzo
Bossico
Bottanuco
Bracca
Branzi
Brembate
Brembate Di Sopra
Brembilla
Brignano Gera D`Adda
Brumano
Brusaporto
Calcinate
Calcio
Calusco D`Adda
Calvenzano
Camerata Cornello
Canonica D`Adda
Capizzone
Capriate San Gervaso
Caprino Bergamasco
Caravaggio
Carobbio Degli Angeli
Carona
Carvico
Casazza
Casirate D`Adda
Casnigo
Cassiglio
Castelli Calepio
Castel Rozzone
Castione Della Presolana
Castro
Cavernago
Cazzano Sant`Andrea
Cenate Sopra
Cenate Sotto
Cene
Cerete
Chignolo D`Isola
Chiuduno
Cisano Bergamasco
Ciserano
Cividate Al Piano
Provincia
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Codice
Istat
16009
16010
16011
16012
16013
16014
16015
16016
16017
16018
16019
16020
16021
16022
16023
16024
16025
16026
16027
16028
16029
16030
16031
16032
16033
16034
16035
16036
16037
16038
16039
16040
16041
16042
16043
16044
16046
16047
16048
16049
16050
16051
16052
16053
16055
16056
16057
16058
16059
16060
16061
16062
16063
16064
16065
16066
16067
16068
16069
16070
16071
16072
16073
16074
16075
16076
Area
(km2)
3.26
9.63
4.41
54.65
9.43
10.63
8.52
4.25
17.32
6.38
8.07
7.14
2.07
4.22
6.18
40.33
5.87
6.66
2.23
8.59
4.13
6.04
6.34
1.82
6.41
5.81
5.48
26.16
5.61
4.38
21.22
12.01
8.22
5.04
15.16
15.73
8.53
6.59
12.51
3.11
4.68
5.98
8.72
33.41
6.81
44.19
4.51
7.11
10.38
13.39
13.63
9.84
1.69
42.53
2.58
7.74
2.42
6.99
4.64
8.61
14.26
5.42
6.81
7.63
5.29
9.94
Pop.
2343
3194
4774
3651
2811
185
525
7685
437
4190
743
4431
1769
734
2492
119551
1309
604
79
5698
5757
8964
6606
1134
977
5254
767
727
8234
7832
4179
5901
95
5354
5878
5410
8342
4030
619
4455
1347
7819
3120
16228
4619
355
4651
4053
3956
3343
120
10016
2918
3476
1438
2450
1604
2524
3463
4225
1669
3239
5861
6316
5769
5194
Classificazione unitaria
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree naturali
Aree urbane
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree naturali
Aree urbane
Aree urbane
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree urbane
Aree agricole/rurali
Aree urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree urbane
Aree urbane
Aree naturali a vocazione turistica
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
227
Comune
Clusone
Colere
Cologno Al Serio
Colzate
Comun Nuovo
Corna Imagna
Cortenuova
Costa Di Mezzate
Costa Valle Imagna
Costa Volpino
Covo
Credaro
Curno
Cusio
Dalmine
Dossena
Endine Gaiano
Entratico
Fara Gera D`Adda
Fara Olivana Con Sola
Filago
Fino Del Monte
Fiorano Al Serio
Fontanella
Fonteno
Foppolo
Foresto Sparso
Fornovo San Giovanni
Fuipiano Valle Imagna
Gandellino
Gandino
Gandosso
Gaverina Terme
Gazzaniga
Gerosa
Ghisalba
Gorlago
Gorle
Gorno
Grassobbio
Gromo
Grone
Grumello Del Monte
Isola Di Fondra
Isso
Lallio
Leffe
Lenna
Levate
Locatello
Lovere
Lurano
Luzzana
Madone
Mapello
Martinengo
Mezzoldo
Misano Di Gera D`Adda
Moio De` Calvi
Monasterolo Del Castello
Montello
Morengo
Mornico Al Serio
Mozzanica
Mozzo
Nembro
Provincia
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Codice
Istat
16077
16078
16079
16080
16081
16082
16083
16084
16085
16086
16087
16088
16089
16090
16091
16092
16093
16094
16096
16097
16098
16099
16100
16101
16102
16103
16104
16105
16106
16107
16108
16109
16110
16111
16112
16113
16114
16115
16116
16117
16118
16119
16120
16121
16122
16123
16124
16125
16126
16127
16128
16129
16130
16131
16132
16133
16134
16135
16136
16137
16139
16140
16141
16142
16143
16144
Area
(km2)
25.95
18.61
18
6.39
6.71
4.39
7.22
5.24
4.18
19.7
12.93
3.46
4.59
9.23
11.96
19.07
21.03
4.18
10.86
5.15
5.44
4.35
1.08
17.93
10.92
16.44
7.89
6.91
4.3
25.42
29.24
3.11
5.2
14.41
10.08
10.57
5.72
2.45
10.16
8.53
19.87
7.79
10.09
12.65
5.08
2.13
6.64
12.99
5.44
3.91
6.87
4.04
3.4
3.05
8.68
22.27
18.55
6.13
6.53
8.53
1.76
10.02
7.12
9.45
3.71
15.16
Pop.
8793
1141
10759
1674
4144
969
1959
3369
624
9333
4140
3400
7752
265
23266
966
3553
1887
7970
1329
3224
1153
3097
4339
691
206
3151
3305
226
1065
5697
1527
931
5161
360
5945
5062
6404
1684
6322
1252
934
7360
189
664
4138
4730
640
3813
853
5428
2566
868
4031
6446
10121
196
2986
208
1119
3253
2600
2897
4619
7488
11636
Classificazione unitaria
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree naturali
Aree urbane
Aree naturali
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole/rurali
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree agricole con funzioni urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole/rurali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole/rurali
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree naturali
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree urbane
228
Comune
Olmo Al Brembo
Oltre Il Colle
Oltressenda Alta
Oneta
Onore
Orio Al Serio
Ornica
Osio Sopra
Osio Sotto
Pagazzano
Paladina
Palazzago
Palosco
Parre
Parzanica
Pedrengo
Peia
Pianico
Piario
Piazza Brembana
Piazzatorre
Piazzolo
Pognano
Ponte Nossa
Ponteranica
Ponte San Pietro
Pontida
Pontirolo Nuovo
Pradalunga
Predore
Premolo
Presezzo
Pumenengo
Ranica
Ranzanico
Riva Di Solto
Rogno
Romano Di Lombardia
Roncobello
Roncola
Rota D`Imagna
Rovetta
San Giovanni Bianco
San Paolo D`Argon
San Pellegrino Terme
Santa Brigida
Sant`Omobono Terme
Sarnico
Scanzorosciate
Schilpario
Sedrina
Selvino
Seriate
Serina
Solto Collina
Songavazzo
Sorisole
Sotto Il Monte Giovanni
Xxiii
Sovere
Spinone Al Lago
Spirano
Stezzano
Strozza
Suisio
Taleggio
Provincia
Codice
Istat
Area
(km2)
Pop.
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
16145
16146
16147
16148
16149
16150
16151
16152
16153
16154
16155
16156
16157
16158
16159
16160
16161
16162
16163
16164
16165
16166
16167
16168
16169
16170
16171
16172
16173
16174
16175
16176
16177
16178
16179
16180
16182
16183
16184
16185
16186
16187
16188
16189
16190
16191
16192
16193
16194
16195
16196
16197
16198
16199
16200
16201
16202
7.04
32.8
16.71
18.25
11.76
3.07
14.65
5.14
7.63
5.16
1.97
14.02
10.72
22.33
10.37
3.6
4.45
2.7
1.52
6.99
24.35
4.8
3.26
5.87
8.42
4.52
10.49
11.07
8.3
12.07
17.87
2.29
10.12
4.05
7.25
8.52
15.88
18.99
25.3
5.01
5.96
24.63
31.49
5.25
22.89
14.67
11.1
6.43
10.68
64.03
5.93
6.48
12.66
27.5
11.87
13.1
12.39
525
1062
186
661
835
1752
180
5115
11890
2103
4002
4215
5801
2815
375
5777
1857
1544
1106
1256
444
86
1571
1923
6825
11543
3229
5102
4593
1895
1166
4896
1694
6018
1310
867
3966
19049
436
754
924
3966
5094
5435
4974
586
3571
6652
9843
1265
2559
2015
24297
2187
1709
701
9120
Bergamo
16203
5.03
4239
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
16204
16205
16206
16207
16208
16209
16210
18.42
2.03
9.34
9.38
3.87
4.72
47.27
5486
1037
5652
12867
1075
3888
625
Classificazione unitaria
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree urbane
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree naturali
Aree urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree naturali
Aree urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree urbane
Aree naturali
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree urbane
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree urbane
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali a vocazione turistica
229
Comune
Tavernola Bergamasca
Telgate
Terno D`Isola
Torre Boldone
Torre De` Roveri
Torre Pallavicina
Trescore Balneario
Treviglio
Treviolo
Ubiale Clanezzo
Urgnano
Valbondione
Valbrembo
Valgoglio
Valleve
Valnegra
Valsecca
Valtorta
Vedeseta
Verdellino
Verdello
Vertova
Viadanica
Vigano San Martino
Vigolo
Villa D`Adda
Villa D`Alme`
Villa Di Serio
Villa D`Ogna
Villongo
Vilminore Di Scalve
Zandobbio
Zanica
Zogno
Costa Di Serina
Algua
Cornalba
Medolago
Solza
Acquafredda
Adro
Agnosine
Alfianello
Anfo
Angolo Terme
Artogne
Azzano Mella
Bagnolo Mella
Bagolino
Barbariga
Barghe
Bassano Bresciano
Bedizzole
Berlingo
Berzo Demo
Berzo Inferiore
Bienno
Bione
Borgo San Giacomo
Borgosatollo
Borno
Botticino
Bovegno
Bovezzo
Brandico
Braone
Provincia
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Bergamo
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Codice
Istat
16211
16212
16213
16214
16216
16217
16218
16219
16220
16221
16222
16223
16224
16225
16226
16227
16228
16229
16230
16232
16233
16234
16235
16236
16237
16238
16239
16240
16241
16242
16243
16244
16245
16246
16247
16248
16249
16250
16251
17001
17002
17003
17004
17005
17006
17007
17008
17009
17010
17011
17012
17013
17014
17015
17016
17017
17018
17019
17020
17021
17022
17023
17024
17025
17026
17027
Area
(km2)
12.98
8.36
4.1
3.49
2.72
10.24
13.46
32.13
8.65
7.36
14.61
96.48
3.62
31.91
14.76
2.13
5.31
31.43
19.27
3.83
7.38
15.73
5.41
3.72
12.27
5.9
6.34
4.66
5.08
5.92
40.96
6.52
15.08
35.15
12.15
8.32
9.4
3.87
1.2
9.55
14.29
13.5
13.66
23.89
30.53
20.92
10.49
31.28
109.8
11.37
5.46
9.59
26.41
4.59
16.05
21.99
30.6
17.32
29.28
8.37
30.55
18.56
47.85
6.4
8.45
13.31
Pop.
2146
4847
7665
8334
2326
1138
9685
29034
10297
1395
9592
1097
3753
616
137
209
425
295
217
7790
7829
4871
1142
1260
603
4729
6844
6608
1982
7770
1532
2746
8190
9097
980
726
310
2388
1948
1615
7180
1839
2476
487
2563
3545
2900
12969
3968
2410
1195
2219
11937
2600
1751
2439
3615
1471
5536
9232
2672
10792
2280
7512
1653
673
Classificazione unitaria
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree urbane
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree urbane
Aree urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree urbane
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
230
Comune
Breno
Brescia
Brione
Caino
Calcinato
Calvagese Della Riviera
Calvisano
Capo Di Ponte
Capovalle
Capriano Del Colle
Capriolo
Carpenedolo
Castegnato
Castelcovati
Castel Mella
Castenedolo
Casto
Castrezzato
Cazzago San Martino
Cedegolo
Cellatica
Cerveno
Ceto
Cevo
Chiari
Cigole
Cimbergo
Cividate Camuno
Coccaglio
Collebeato
Collio
Cologne
Comezzano - Cizzago
Concesio
Corte Franca
Corteno Golgi
Corzano
Darfo Boario Terme
Dello
Desenzano Del Garda
Edolo
Erbusco
Esine
Fiesse
Flero
Gambara
Gardone Riviera
Gardone Valtrompia
Gargnano
Gavardo
Ghedi
Gianico
Gottolengo
Gussago
Idro
Incudine
Irma
Iseo
Isorella
Lavenone
Leno
Limone Sul Garda
Lodrino
Lograto
Lonato Del Garda
Longhena
Provincia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Codice
Istat
17028
17029
17030
17031
17032
17033
17034
17035
17036
17037
17038
17039
17040
17041
17042
17043
17044
17045
17046
17047
17048
17049
17050
17051
17052
17053
17054
17055
17056
17057
17058
17059
17060
17061
17062
17063
17064
17065
17066
17067
17068
17069
17070
17071
17072
17073
17074
17075
17076
17077
17078
17079
17080
17081
17082
17083
17084
17085
17086
17087
17088
17089
17090
17091
17092
17093
Area
(km2)
59.82
90.51
6.8
17.25
33.32
11.77
45.03
18.59
22.78
14.02
10.8
30.24
9.24
6.17
7.51
26.28
21.33
13.68
22.21
11.1
6.57
21.52
32.32
35.48
37.98
9.97
24.73
3.29
11.99
5.35
53.48
13.88
15.62
19.12
14.01
82.81
12.24
36.24
23.44
60.71
89.07
16.21
31.05
16.11
9.86
31.59
21.16
26.57
76.47
29.81
60.72
13.23
29.08
25.04
22.33
19.99
5.03
26.6
15.38
31.89
58.71
22.82
16.46
12.32
68.18
3.41
Pop.
4965
193879
703
2082
12725
3501
8726
2519
401
4499
9322
12698
7987
6564
10803
11215
1900
7018
11060
1256
4943
674
1963
949
18887
1669
579
2776
8575
4771
2292
7600
3702
15005
7189
2028
1358
15751
5575
27229
4558
8656
5384
2198
8525
4809
2757
11938
3050
11686
18694
2219
5364
16759
1893
400
152
9205
4218
624
14561
1164
1795
3888
15744
620
Classificazione unitaria
Aree naturali con funzioni urbane
Aree urbane
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree naturali con funzioni urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali a vocazione turistica
Aree agricole/rurali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree urbane
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
231
Comune
Losine
Lozio
Lumezzane
Maclodio
Magasa
Mairano
Malegno
Malonno
Manerba Del Garda
Manerbio
Marcheno
Marmentino
Marone
Mazzano
Milzano
Moniga Del Garda
Monno
Monte Isola
Monticelli Brusati
Montichiari
Montirone
Mura
Muscoline
Nave
Niardo
Nuvolento
Nuvolera
Odolo
Offlaga
Ome
Ono San Pietro
Orzinuovi
Orzivecchi
Ospitaletto
Ossimo
Padenghe Sul Garda
Paderno Franciacorta
Paisco Loveno
Paitone
Palazzolo Sull`Oglio
Paratico
Paspardo
Passirano
Pavone Del Mella
San Paolo
Pertica Alta
Pertica Bassa
Pezzaze
Pian Camuno
Pisogne
Polaveno
Polpenazze Del Garda
Pompiano
Poncarale
Ponte Di Legno
Pontevico
Pontoglio
Pozzolengo
Pralboino
Preseglie
Prestine
Prevalle
Provaglio D`Iseo
Provaglio Val Sabbia
Puegnago Sul Garda
Quinzano D`Oglio
Provincia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Codice
Istat
17094
17095
17096
17097
17098
17099
17100
17101
17102
17103
17104
17105
17106
17107
17108
17109
17110
17111
17112
17113
17114
17115
17116
17117
17118
17119
17120
17121
17122
17123
17124
17125
17126
17127
17128
17129
17130
17131
17132
17133
17134
17135
17136
17137
17138
17139
17140
17141
17142
17143
17144
17145
17146
17147
17148
17149
17150
17151
17152
17153
17154
17155
17156
17157
17158
17159
Area
(km2)
6.33
23.66
31.73
5.06
19.01
11.58
6.93
30.69
34.95
27.75
22.73
17.92
23.57
15.63
8.51
15.85
31.06
11.13
10.81
81.14
10.53
12.57
10.12
27.13
22.18
7.44
13.29
6.49
22.94
9.88
13.89
48.06
9.88
9.27
14.88
22.17
5.56
35.59
7.85
23.01
6.18
11.19
13.51
11.69
18.7
20.89
30.14
21.59
10.97
49.32
9.15
9.11
15.18
12.63
100.44
29.23
11.1
21.32
17.23
11.45
16.25
9.94
16.21
14.9
10.96
21.43
Pop.
596
416
23828
1514
152
3327
2115
3357
4985
13273
4492
691
3328
11713
1815
2457
568
1807
4388
23339
5094
791
2573
11142
1944
4073
4651
2104
4297
3273
991
12549
2506
13974
1462
4350
3765
200
2043
19862
4444
654
7191
2831
4553
612
698
1616
4369
8115
2715
2572
3911
5269
1771
7221
7009
3436
2981
1595
402
6995
7137
969
3258
6483
Classificazione unitaria
Aree naturali
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree urbane
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree urbane
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
232
Comune
Remedello
Rezzato
Roccafranca
Rodengo - Saiano
Roe` Volciano
Roncadelle
Rovato
Rudiano
Sabbio Chiese
Sale Marasino
Salo`
San Felice Del Benaco
San Gervasio Bresciano
San Zeno Naviglio
Sarezzo
Saviore Dell`Adamello
Sellero
Seniga
Serle
Sirmione
Soiano Del Lago
Sonico
Sulzano
Tavernole Sul Mella
Temu`
Tignale
Torbole Casaglia
Toscolano Maderno
Travagliato
Tremosine
Trenzano
Treviso Bresciano
Urago D`Oglio
Vallio Terme
Valvestino
Verolanuova
Verolavecchia
Vestone
Vezza D`Oglio
Villa Carcina
Villachiara
Villanuova Sul Clisi
Vione
Visano
Vobarno
Zone
Piancogno
Alagna
Albaredo Arnaboldi
Albonese
Albuzzano
Arena Po
Badia Pavese
Bagnaria
Barbianello
Bascape`
Bastida De` Dossi
Bastida Pancarana
Battuda
Belgioioso
Bereguardo
Borgarello
Borgo Priolo
Borgoratto Mormorolo
Borgo San Siro
Bornasco
Provincia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Brescia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Codice
Istat
17160
17161
17162
17163
17164
17165
17166
17167
17168
17169
17170
17171
17172
17173
17174
17175
17176
17177
17178
17179
17180
17181
17182
17183
17184
17185
17186
17187
17188
17189
17190
17191
17192
17193
17194
17195
17196
17197
17198
17199
17200
17201
17202
17203
17204
17205
17206
18001
18002
18003
18004
18005
18006
18007
18008
18009
18010
18011
18012
18013
18014
18015
18016
18017
18018
18019
Area
(km2)
21.37
18.28
19.54
12.85
5.78
9.22
26.12
9.77
18.34
16.4
25.99
21.99
10.5
6.18
17.59
83.93
13.98
13.6
18.56
29.39
5.78
60.35
10.85
19.88
43.32
45.62
13.38
57.59
17.81
72.84
20.05
17.81
10.55
14.87
31.25
25.78
21.05
12.97
54.13
14.42
16.73
9.15
35.44
11.23
53.3
19.56
13.42
8.71
9.04
4.27
15.42
22.69
5.04
16.66
11.93
13.23
1.73
13.48
7.09
26.28
17.43
4.89
28.88
16.05
17.69
12.88
Pop.
3404
13429
4819
8858
4496
9369
18352
5861
3807
3387
10740
3424
2470
4671
13430
1021
1497
1615
3119
8150
1863
1269
1956
1411
1085
1312
6332
8111
13415
2154
5551
568
4052
1337
214
8183
3903
4509
1475
10997
1456
5855
729
1953
8259
1110
4707
906
223
567
3368
1660
407
684
888
1777
173
1047
599
6427
2843
2689
1428
442
1078
2607
Classificazione unitaria
Aree agricole con funzioni urbane
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali a vocazione turistica
Aree agricole/rurali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
233
Comune
Bosnasco
Brallo Di Pregola
Breme
Bressana Bottarone
Broni
Calvignano
Campospinoso
Candia Lomellina
Canevino
Canneto Pavese
Carbonara Al Ticino
Casanova Lonati
Casatisma
Casei Gerola
Casorate Primo
Cassolnovo
Castana
Casteggio
Castelletto Di Branduzzo
Castello D`Agogna
Castelnovetto
Cava Manara
Cecima
Ceranova
Ceretto Lomellina
Cergnago
Certosa Di Pavia
Cervesina
Chignolo Po
Cigognola
Cilavegna
Codevilla
Confienza
Copiano
Corana
Cornale
Corteolona
Corvino San Quirico
Costa De` Nobili
Cozzo
Cura Carpignano
Dorno
Ferrera Erbognone
Filighera
Fortunago
Frascarolo
Galliavola
Gambarana
Gambolo`
Garlasco
Genzone
Gerenzago
Giussago
Godiasco
Golferenzo
Gravellona Lomellina
Gropello Cairoli
Inverno E Monteleone
Landriano
Langosco
Lardirago
Linarolo
Lirio
Lomello
Lungavilla
Magherno
Provincia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Codice
Istat
18020
18021
18022
18023
18024
18025
18026
18027
18028
18029
18030
18031
18032
18033
18034
18035
18036
18037
18038
18039
18040
18041
18042
18043
18044
18045
18046
18047
18048
18049
18050
18051
18052
18053
18054
18055
18056
18057
18058
18059
18060
18061
18062
18063
18064
18065
18066
18067
18068
18069
18070
18071
18072
18073
18074
18075
18076
18077
18078
18079
18080
18081
18082
18083
18084
18085
Area
(km2)
4.59
46.41
18.78
12.91
21.04
6.8
3.5
27.5
4.78
5.8
15.53
4.5
5.47
24.6
9.52
32.01
5.27
17.84
11.28
10.95
18.46
17.22
10.13
5.26
7.29
13.46
10.75
12.48
23.35
7.88
18.09
12.95
27.02
4.33
13.03
2.57
10.04
4.47
11.87
17.43
10.93
30.5
19.53
8.22
17.84
24.22
8.53
11.84
54.57
39.03
4.01
5.39
24.85
20.58
4.3
20.44
26.27
9.84
15.79
15.39
5.45
13.01
1.8
22.21
6.91
5.09
Pop.
655
725
872
3560
9528
127
982
1688
119
1459
1550
479
889
2547
8425
7116
743
6530
1065
1073
642
6650
237
1834
208
769
4967
1216
4109
1363
5653
1010
1663
1801
781
747
2201
1053
360
372
4215
4654
1137
846
391
1241
227
254
10231
9888
374
1379
5038
3218
216
2651
4602
1317
6121
441
1227
2716
146
2322
2417
1619
Classificazione unitaria
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree urbane
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
234
Comune
Marcignago
Marzano
Mede
Menconico
Mezzana Bigli
Mezzana Rabattone
Mezzanino
Miradolo Terme
Montalto Pavese
Montebello Della
Battaglia
Montecalvo Versiggia
Montescano
Montesegale
Monticelli Pavese
Montu` Beccaria
Mornico Losana
Mortara
Nicorvo
Olevano Di Lomellina
Oliva Gessi
Ottobiano
Palestro
Pancarana
Parona
Pavia
Pietra De` Giorgi
Pieve Albignola
Pieve Del Cairo
Pieve Porto Morone
Pinarolo Po
Pizzale
Ponte Nizza
Portalbera
Rea
Redavalle
Retorbido
Rivanazzano Terme
Robbio
Robecco Pavese
Rocca De` Giorgi
Rocca Susella
Rognano
Romagnese
Roncaro
Rosasco
Rovescala
Ruino
San Cipriano Po
San Damiano Al Colle
San Genesio Ed Uniti
San Giorgio Di Lomellina
San Martino Siccomario
Sannazzaro De` Burgondi
Santa Cristina E Bissone
Santa Giuletta
Sant`Alessio Con Vialone
Santa Margherita Di
Staffora
Santa Maria Della Versa
Sant`Angelo Lomellina
San Zenone Al Po
Sartirana Lomellina
Scaldasole
Semiana
Silvano Pietra
Provincia
Codice
Istat
Area
(km2)
Pop.
Classificazione unitaria
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
18086
18087
18088
18089
18090
18091
18092
18093
18094
10.22
9.32
33.17
28.39
18.72
6.37
12.52
9.61
19.16
2488
1608
7085
400
1144
514
1509
3817
931
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree naturali con funzioni urbane
Pavia
18095
15.79
1712
Aree agricole con funzioni urbane
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
18096
18097
18098
18099
18100
18101
18102
18103
18104
18105
18106
18107
18108
18109
18110
18111
18112
18113
18114
18115
18116
18117
18118
18119
18120
18121
18122
18123
18124
18125
18126
18127
18128
18129
18130
18131
18132
18133
18134
18135
18136
18137
18138
18139
18140
18141
11.27
2.36
14.83
20.26
15.49
8.13
52.19
8.11
15.33
3.86
24.48
18.92
6.67
9.14
62.86
11.14
17.42
26.31
16.23
11.04
7.1
23.19
4.4
2.1
5.44
11.39
29.29
40.22
6.93
10.49
12.77
9.43
29.37
4.99
19.59
8.43
21.36
6.8
6.55
9.35
25.97
14.26
23.22
22.11
11.66
6.48
588
395
321
737
1772
732
15673
382
806
179
1187
2001
336
2052
71142
939
924
2168
2801
1730
733
822
1577
429
1078
1474
5144
6156
571
74
237
618
752
1327
647
951
755
503
740
3791
1189
5766
5869
2026
1679
845
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Pavia
18142
36.89
530
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
18143
18144
18145
18146
18147
18148
18149
18.51
10.46
7.07
29.74
11.66
9.9
13.57
2519
902
625
1787
998
251
693
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
235
Comune
Siziano
Sommo
Spessa
Stradella
Suardi
Torrazza Coste
Torre Beretti E Castellaro
Torre D`Arese
Torre De` Negri
Torre D`Isola
Torrevecchia Pia
Torricella Verzate
Travaco` Siccomario
Trivolzio
Tromello
Trovo
Val Di Nizza
Valeggio
Valle Lomellina
Valle Salimbene
Valverde
Varzi
Velezzo Lomellina
Vellezzo Bellini
Verretto
Verrua Po
Vidigulfo
Vigevano
Villa Biscossi
Villanova D`Ardenghi
Villanterio
Vistarino
Voghera
Volpara
Zavattarello
Zeccone
Zeme
Zenevredo
Zerbo
Zerbolo`
Zinasco
Acquanegra Cremonese
Agnadello
Annicco
Azzanello
Bagnolo Cremasco
Bonemerse
Bordolano
Ca` D`Andrea
Calvatone
Camisano
Campagnola Cremasca
Capergnanica
Cappella Cantone
Cappella De` Picenardi
Capralba
Casalbuttano Ed Uniti
Casale Cremasco Vidolasco
Casaletto Ceredano
Casaletto Di Sopra
Casaletto Vaprio
Casalmaggiore
Casalmorano
Casteldidone
Castel Gabbiano
Provincia
Codice
Istat
Area
(km2)
Pop.
Classificazione unitaria
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Pavia
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
18150
18151
18152
18153
18154
18155
18156
18157
18158
18159
18160
18161
18162
18163
18164
18165
18166
18167
18168
18169
18170
18171
18172
18173
18174
18175
18176
18177
18178
18179
18180
18181
18182
18183
18184
18185
18186
18187
18188
18189
18190
19001
19002
19003
19004
19005
19006
19007
19008
19009
19010
19011
19012
19013
19014
19015
19016
11.99
16.28
12.25
18.79
9.99
16.23
17.41
4.37
4.01
16.37
16.42
3.51
17.14
3.86
35.09
8.16
29.41
9.75
27.27
7.92
14.87
58.37
8.36
7.96
2.73
11.02
15.2
79.09
5.01
5.68
14.74
9.52
63.35
3.91
28.53
5.51
24.84
5.4
6.49
37.46
28.79
9.23
12.17
19.28
11.11
10.37
5.88
8.19
17.13
13.54
10.82
4.62
6.81
13.17
14.07
13.41
23.18
5908
1132
597
11674
673
1681
606
980
339
2359
3409
849
4280
1986
3873
1013
682
233
2241
1494
314
3420
103
3044
377
1288
6016
63700
76
786
3226
1569
39937
129
1052
1694
1134
483
444
1642
3264
1327
3776
2097
744
4841
1484
610
482
1296
1311
694
2094
590
438
2479
4112
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree naturali
Aree urbane
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali con funzioni urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Cremona
19017
9.03
1855
Aree periurbane di seconda fascia
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
19018
19019
19020
19021
19022
19023
19024
6.56
8.57
5.44
64.23
12.14
10.79
5.8
1188
548
1784
15073
1681
592
474
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
236
Comune
Castelleone
Castelverde
Castelvisconti
Cella Dati
Chieve
Cicognolo
Cingia De` Botti
Corte De` Cortesi Con
Cignone
Corte De` Frati
Credera Rubbiano
Crema
Cremona
Cremosano
Crotta D`Adda
Cumignano Sul Naviglio
Derovere
Dovera
Drizzona
Fiesco
Formigara
Gabbioneta Binanuova
Gadesco Pieve Delmona
Genivolta
Gerre De`Caprioli
Gombito
Grontardo
Grumello Cremonese Ed
Uniti
Gussola
Isola Dovarese
Izano
Madignano
Malagnino
Martignana Di Po
Monte Cremasco
Montodine
Moscazzano
Motta Baluffi
Offanengo
Olmeneta
Ostiano
Paderno Ponchielli
Palazzo Pignano
Pandino
Persico Dosimo
Pescarolo Ed Uniti
Pessina Cremonese
Piadena
Pianengo
Pieranica
Pieve D`Olmi
Pieve San Giacomo
Pizzighettone
Pozzaglio Ed Uniti
Quintano
Ricengo
Ripalta Arpina
Ripalta Cremasca
Ripalta Guerina
Rivarolo Del Re Ed Uniti
Rivolta D`Adda
Robecco D`Oglio
Romanengo
Salvirola
San Bassano
Provincia
Codice
Istat
Area
(km2)
Pop.
Classificazione unitaria
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
19025
19026
19027
19028
19029
19030
19031
45.02
30.96
9.88
19.17
6.33
6.95
14.37
9603
5664
333
558
2255
932
1325
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Cremona
19032
12.79
1137
Aree agricole con funzioni urbane
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
19033
19034
19035
19036
19037
19038
19039
19040
19041
19042
19043
19044
19045
19046
19047
19048
19049
19050
20.21
14.27
34.59
70.29
5.78
12.86
6.6
9.91
20.53
11.68
8.11
12.78
15.76
17.16
18.68
8.37
9.02
12.17
1453
1654
34144
72147
1555
678
442
316
3957
565
1179
1146
955
2028
1188
1322
653
1465
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali con funzioni urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali con funzioni urbane
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Cremona
19051
22.27
1908
Aree agricole con funzioni urbane
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
19052
19053
19054
19055
19056
19057
19058
19059
19060
19061
19062
19063
19064
19065
19066
19067
19068
19069
19070
19071
19072
19073
19074
19075
19076
19077
19078
19079
19080
19081
19082
19083
19084
19085
19086
19087
19088
25.15
9.47
6.25
10.76
10.83
14.46
2.36
10.88
8.63
16.8
12.54
9.14
19.47
23.92
8.89
22.18
20.6
16.56
22.13
19.79
5.86
2.75
19.31
14.95
31.96
20.38
2.83
12.54
6.88
11.87
2.95
27.3
29.98
18.12
14.87
7.37
13.88
2968
1223
2072
2992
1457
1851
2351
2609
841
1000
5893
957
3067
1499
3916
9147
3370
1608
693
3645
2617
1181
1297
1625
6730
1451
927
1795
1054
3409
529
2091
8056
2393
3078
1176
2227
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
237
Comune
San Daniele Po
San Giovanni In Croce
San Martino Del Lago
Scandolara Ravara
Scandolara Ripa D`Oglio
Sergnano
Sesto Ed Uniti
Solarolo Rainerio
Soncino
Soresina
Sospiro
Spinadesco
Spineda
Spino D`Adda
Stagno Lombardo
Ticengo
Torlino Vimercati
Tornata
Torre De` Picenardi
Torricella Del Pizzo
Trescore Cremasco
Trigolo
Vaiano Cremasco
Vailate
Vescovato
Volongo
Voltido
Acquanegra Sul Chiese
Asola
Bagnolo San Vito
Bigarello
Borgoforte
Borgofranco Sul Po
Bozzolo
Canneto Sull`Oglio
Carbonara Di Po
Casalmoro
Casaloldo
Casalromano
Castelbelforte
Castel D`Ario
Castel Goffredo
Castellucchio
Castiglione Delle Stiviere
Cavriana
Ceresara
Commessaggio
Curtatone
Dosolo
Felonica
Gazoldo Degli Ippoliti
Gazzuolo
Goito
Gonzaga
Guidizzolo
Magnacavallo
Mantova
Marcaria
Mariana Mantovana
Marmirolo
Medole
Moglia
Monzambano
Motteggiana
Ostiglia
Pegognaga
Provincia
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Cremona
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Codice
Istat
19089
19090
19091
19092
19093
19094
19095
19096
19097
19098
19099
19100
19101
19102
19103
19104
19105
19106
19107
19108
19109
19110
19111
19112
19113
19114
19115
20001
20002
20003
20004
20005
20006
20007
20008
20009
20010
20011
20012
20013
20014
20015
20016
20017
20018
20019
20020
20021
20022
20023
20024
20025
20026
20027
20028
20029
20030
20031
20032
20033
20034
20035
20036
20037
20038
20039
Area
(km2)
22.68
16.19
10.44
17.09
5.69
12.48
26.42
11.38
45.38
28.51
19.12
17.37
10.31
19.89
39.96
8.04
5.67
10.24
17.04
24.12
5.88
16.16
6.26
9.78
17.38
7.99
12.28
28.3
73.56
48.93
26.97
38.95
14.92
18.84
25.94
15.67
13.85
16.94
11.88
22.32
22.54
42.02
46.55
42.15
36.85
37.69
11.57
67.43
25.65
22.98
12.95
22.33
78.88
50.39
22.48
28.3
63.95
89.47
8.82
42.18
25.95
31.86
29.9
24.81
40.05
46.68
Pop.
1472
1880
489
1520
626
3675
3000
1017
7767
9345
3086
1582
641
7007
1544
444
445
500
1801
693
2931
1772
3919
4499
4040
571
413
3061
10127
5926
2171
3562
803
4185
4555
1344
2243
2624
1578
3029
4882
12094
5190
22700
3913
2708
1180
14482
3449
1480
3033
2427
10355
9301
6185
1696
48612
7027
729
7768
4026
6064
4859
2576
7221
7299
Classificazione unitaria
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
238
Comune
Pieve Di Coriano
Piubega
Poggio Rusco
Pomponesco
Ponti Sul Mincio
Porto Mantovano
Quingentole
Quistello
Redondesco
Revere
Rivarolo Mantovano
Rodigo
Roncoferraro
Roverbella
Sabbioneta
San Benedetto Po
San Giacomo Delle
Segnate
San Giorgio Di Mantova
San Giovanni Del Dosso
San Martino Dall`Argine
Schivenoglia
Sermide
Serravalle A Po
Solferino
Sustinente
Suzzara
Viadana
Villa Poma
Villimpenta
Virgilio
Volta Mantovana
Abbadia Lariana
Airuno
Annone Di Brianza
Ballabio
Barzago
Barzano`
Barzio
Bellano
Bosisio Parini
Brivio
Bulciago
Calco
Calolziocorte
Carenno
Casargo
Casatenovo
Cassago Brianza
Cassina Valsassina
Castello Di Brianza
Cernusco Lombardone
Cesana Brianza
Civate
Colico
Colle Brianza
Cortenova
Costa Masnaga
Crandola Valsassina
Cremella
Cremeno
Dervio
Dolzago
Dorio
Ello
Erve
Provincia
Codice
Istat
Area
(km2)
Pop.
Classificazione unitaria
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
20040
20041
20042
20043
20044
20045
20046
20047
20048
20049
20050
20051
20052
20053
20054
20055
12.65
16.41
42.51
12.3
11.85
37.48
14.1
45.67
19.14
14.04
25.46
41.51
63.34
63.44
37.37
69.88
1069
1775
6649
1775
2322
16123
1220
5856
1329
2594
2661
5399
7309
8649
4357
7791
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Mantova
20056
16.63
1774
Aree agricole con funzioni urbane
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Mantova
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
20057
20058
20059
20060
20061
20062
20063
20064
20065
20066
20067
20068
20069
20070
97001
97002
97003
97004
97005
97006
97007
97008
97009
97010
97011
97012
97013
97014
97015
97016
97017
97018
97019
97020
97021
97022
97023
97024
97025
97026
97027
97028
97029
97030
97031
97032
97033
97034
24.64
15.11
17.07
13.16
57.32
26.12
13
26.81
60.88
102.09
14.28
14.98
31.36
50.21
16.8
4.26
5.71
14.95
3.6
3.55
21.3
10.71
6.16
7.98
3.13
4.55
9.03
7.77
20.28
12.6
3.54
2.76
3.58
3.79
3.44
9.15
33.07
8.37
11.39
5.55
8.93
1.83
13.24
11.36
2.28
11.53
2.36
6.18
9482
1389
1829
1281
6428
1650
2628
2238
20648
19785
2037
2261
11293
7377
3305
2999
2304
3967
2566
5203
1321
3305
3519
4770
3034
5132
14315
1533
874
12691
4393
481
2469
3870
2343
4062
7561
1762
1295
4806
267
1794
1428
2774
2304
353
1281
779
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali a vocazione turistica
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree naturali a vocazione turistica
Aree urbane
Aree urbane
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali a vocazione turistica
Aree urbane
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
239
Comune
Esino Lario
Galbiate
Garbagnate Monastero
Garlate
Imbersago
Introbio
Introzzo
Lecco
Lierna
Lomagna
Malgrate
Mandello Del Lario
Margno
Merate
Missaglia
Moggio
Molteno
Monte Marenzo
Montevecchia
Monticello Brianza
Morterone
Nibionno
Oggiono
Olgiate Molgora
Olginate
Oliveto Lario
Osnago
Paderno D`Adda
Pagnona
Parlasco
Pasturo
Perego
Perledo
Pescate
Premana
Primaluna
Robbiate
Rogeno
Rovagnate
Santa Maria Hoe`
Sirone
Sirtori
Sueglio
Suello
Taceno
Torre De` Busi
Tremenico
Valgreghentino
Valmadrera
Varenna
Vendrogno
Vercurago
Verderio Inferiore
Verderio Superiore
Vestreno
Vigano`
Abbadia Cerreto
Bertonico
Boffalora D`Adda
Borghetto Lodigiano
Borgo San Giovanni
Brembio
Camairago
Casaletto Lodigiano
Casalmaiocco
Casalpusterlengo
Provincia
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lecco
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Codice
Istat
97035
97036
97037
97038
97039
97040
97041
97042
97043
97044
97045
97046
97047
97048
97049
97050
97051
97052
97053
97054
97055
97056
97057
97058
97059
97060
97061
97062
97063
97064
97065
97066
97067
97068
97069
97070
97071
97072
97073
97074
97075
97076
97077
97078
97079
97080
97081
97082
97083
97084
97085
97086
97087
97088
97089
97090
98001
98002
98003
98004
98005
98006
98007
98008
98009
98010
Area
(km2)
18.39
16.02
3.45
3.49
3.16
25.82
3.64
44.97
12.1
3.99
1.89
42.36
3.73
11.07
11.58
13.19
3.13
3.07
5.82
4.61
13.63
3.5
8.01
7.15
7.99
16.41
4.44
3.47
8.55
2.87
21.73
4.2
12.32
2.23
33.57
22.78
4.62
5.04
4.61
2.75
3.23
4.28
4
2.53
3.62
9.25
9.16
6.25
12.19
12.4
11.43
2.13
3.87
2.64
2.77
1.59
6.16
20.57
8.29
23.52
7.58
16.85
12.84
9.88
4.73
25.61
Pop.
766
8663
2431
2675
2431
1983
122
48114
2242
4849
4327
10628
366
14943
8555
521
3545
1994
2494
4218
37
3628
8887
6311
7194
1212
4843
3936
407
141
1957
1757
945
2188
2312
2170
6106
3239
2953
2256
2372
2950
151
1689
540
1970
191
3389
11668
812
317
2896
2967
2719
315
2015
293
1190
1694
4417
2180
2707
686
2719
3108
15302
Classificazione unitaria
Aree naturali
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree urbane
Aree naturali
Aree urbane
Aree urbane
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali a vocazione turistica
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree urbane
Aree urbane
Aree naturali
Aree naturali
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree naturali
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali a vocazione turistica
Aree naturali
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree naturali
Aree urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree naturali con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole con funzioni urbane
240
Comune
Caselle Landi
Caselle Lurani
Castelnuovo Bocca
D`Adda
Castiglione D`Adda
Castiraga Vidardo
Cavacurta
Cavenago D`Adda
Cervignano D`Adda
Codogno
Comazzo
Cornegliano Laudense
Corno Giovine
Cornovecchio
Corte Palasio
Crespiatica
Fombio
Galgagnano
Graffignana
Guardamiglio
Livraga
Lodi
Lodi Vecchio
Maccastorna
Mairago
Maleo
Marudo
Massalengo
Meleti
Merlino
Montanaso Lombardo
Mulazzano
Orio Litta
Ospedaletto Lodigiano
Ossago Lodigiano
Pieve Fissiraga
Salerano Sul Lambro
San Fiorano
San Martino In Strada
San Rocco Al Porto
Sant`Angelo Lodigiano
Santo Stefano Lodigiano
Secugnago
Senna Lodigiana
Somaglia
Sordio
Tavazzano Con
Villavesco
Terranuova Dei Passerini
Turano Lodigiano
Valera Fratta
Villanova Del Sillaro
Zelo Buon Persico
Agrate Brianza
Aicurzio
Albiate
Arcore
Barlassina
Bellusco
Bernareggio
Besana In Brianza
Biassono
Bovisio Masciago
Briosco
Brugherio
Burago Di Molgora
Provincia
Codice
Istat
Area
(km2)
Pop.
Classificazione unitaria
Lodi
Lodi
98011
98012
25.88
7.58
1687
3155
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Lodi
98013
20.21
1698
Aree naturali
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
98014
98015
98016
98017
98018
98019
98020
98021
98022
98023
98024
98025
98026
98027
98028
98029
98030
98031
98032
98033
98034
98035
98036
98037
98038
98039
98040
98041
98042
98043
98044
98045
98046
98047
98048
98049
98050
98051
98052
98053
98054
98055
13.1
5.22
7.06
15.99
4.12
20.89
12.67
5.6
9.73
6.57
15.46
7.09
7.47
6
10.74
10.43
12.2
41.52
16.04
5.74
11.39
20.11
4.23
8.57
7.39
10.92
9.57
15.56
9.84
8.45
11.8
12.19
4.38
8.96
13.17
30.61
19.98
10.65
6.69
27.11
20.71
2.89
4939
2623
876
2294
2084
15765
2155
2881
1196
239
1597
2186
2278
1214
2680
2722
2611
44401
7401
68
1429
3280
1556
4257
475
1778
2203
5768
2036
1947
1442
1680
2683
1811
3624
3578
13279
1929
2023
2051
3708
3120
Lodi
98056
16.25
6125
98057
98058
98059
98060
98061
108001
108002
108003
108004
108005
108006
108007
108008
108009
108010
108011
108012
108013
11.22
16.19
8.11
13.86
18.69
11.25
2.46
2.89
9.38
2.74
6.59
5.88
15.74
4.79
5
6.69
10.27
3.45
914
1576
1653
1824
6860
15065
2069
6201
17750
6887
7217
10501
15582
11754
16903
5955
33484
4250
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Lodi
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree naturali con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole/rurali
Aree naturali
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole/rurali
Aree periurbane di seconda fascia
Aree naturali con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree periurbane di seconda fascia
Aree agricole con funzioni urbane
Aree agricole con funzioni urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
241
Comune
Camparada
Carate Brianza
Carnate
Cavenago Di Brianza
Ceriano Laghetto
Cesano Maderno
Cogliate
Concorezzo
Correzzana
Desio
Giussano
Lazzate
Lesmo
Limbiate
Lissone
Macherio
Meda
Mezzago
Misinto
Monza
Muggio`
Nova Milanese
Ornago
Renate
Ronco Briantino
Seregno
Seveso
Sovico
Sulbiate
Triuggio
Usmate Velate
Varedo
Vedano Al Lambro
Veduggio Con Colzano
Verano Brianza
Villasanta
Vimercate
Busnago
Caponago
Cornate D`Adda
Lentate Sul Seveso
Roncello
Provincia
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Monza e Brianza
Codice
Istat
108014
108015
108016
108017
108018
108019
108020
108021
108022
108023
108024
108025
108026
108027
108028
108029
108030
108031
108032
108033
108034
108035
108036
108037
108038
108039
108040
108041
108042
108043
108044
108045
108046
108047
108048
108049
108050
108051
108052
108053
108054
108055
Area
(km2)
1.62
9.94
3.53
4.4
7.09
11.44
7.02
8.43
2.52
14.66
10.19
5.15
5.02
12.34
9.33
3.27
8.32
3.72
5.29
33.08
5.48
5.87
5.78
2.88
2.98
12.86
7.37
3.25
5.2
8.38
9.65
4.86
1.97
3.48
3.5
4.83
20.61
5.86
5.04
14.13
14.15
3.14
Pop.
2106
17997
7270
6807
6392
37291
8409
15371
2648
40661
24672
7605
8065
35168
42474
7222
23221
4163
5078
122712
23433
23152
4670
4214
3452
43163
22877
8121
3995
8396
10019
12899
7669
4417
9342
13590
25758
6376
5199
10464
15572
3908
Classificazione unitaria
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree periurbane di prima fascia
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
Aree urbane
[Elaborazione gruppo di lavoro AGAPU]
242
ANALISI E GOVERNO
DELL’AGRICOLTURA PERIURBANA (AGAPU)
Ricerca oggetto di co-finanziamento da parte di Regione Lombardia
[Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012]
ATLANTE DELLE BUONE PRATICHE
DI GOVERNO DEI TERRITORI PERIURBANI
Analisi e governo dell’agricoltura periurbana – AGAPU
Ricerca oggetto di co-finanziamento da parte di Regione Lombardia
[Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012]
Stefano Pareglio (responsabile scientifico)
Atlante delle Buone Pratiche di governo dei territori periurbani
A cura di
Manuela Panzini
Silvia Ronchi
Elaborazione delle schede delle Buone Pratiche
Fondazione Lombardia per l’Ambiente (FLA)
Giovanni Guastella
Manuela Panzini
Stefano Pareglio
Silvia Ronchi
Università Cattolica del Sacro Cuore
Centro di Ricerche per l’Ambiente e lo Sviluppo Sostenibile della Lombardia (CRASL)
Antonio Ballarin Denti (responsabile scientifico)
Stefano Pareglio
Francesca Pozzi
Università degli Studi di Milano
Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali (DISAA) e del Dipartimento di Economia,
Management e Metodi quantitativi (DEMM)
Guido Sali (responsabile scientifico)
Stefano Corsi
Chiara Mazzocchi
Michael Plebani
Università degli Studi di Milano Bicocca
Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale (DSRS)
Matilde Ferretto (responsabile scientifico)
Giulia Caiani
Silvia Mugnano
Politecnico di Milano
Dipartimento di Architettura e Studi Urbani (DAStU)
Piergiorgio Vitillo (responsabile scientifico)
Paolo Galuzzi
Elena Solero
Impaginazione e grafica
Marika Leonardi
Silvia Ronchi
Maggio 2013
ATLANTE DELLE BUONE PRATICHE
1. L’individuazione delle Buone Pratiche (BP)
Il progetto di ricerca AGAPU – Analisi e Governo dell’Agricoltura Periurbana prevede,
oltre all’analisi e all’interpretazione del territorio per l’individuazione delle caratteristiche
fisiche, geografiche e ambientali dei territori periurbani della Lombardia, anche l’esame e la
catalogazione delle Buone Pratiche di governo dell’agricoltura periurbana al fine di:
individuare differenti modalità di gestione dell’attività e dei territori agricoli periurbani
sulla base di esperienze europee, italiane e regionali che hanno elaborato e attuato
strategie di governance per lo sviluppo locale sostenibile;
redigere, sulla base delle esperienze analizzate di BP, le Linee Guida di indirizzo e
governance degli ambiti agricoli periurbani da diffondere presso le Amministrazioni
lombarde e le organizzazioni di categoria.
Il presente documento costituisce l’Atlante delle Buone Pratiche che si pone come
obiettivo specifico, la diffusione e il trasferimento delle esperienze, delle buone prassi e
delle innovazioni nei campi di intervento dello sviluppo rurale con particolare riferimento
alle zone periurbane, affinché si rendano disponibili pratiche di azione che consentano
di migliorare gli approcci alla risoluzione dei problemi. Il lavoro di organizzazione,
classificazione, catalogazione e diffusione delle BP e innovazioni emergenti dal territorio
europeo, nazionale e regionale è finalizzato a migliorare la capacità progettuale e
gestionale di tutti i soggetti coinvolti (istituzioni, associazioni di categoria, organizzazioni
culturali, sociali e ambientaliste, operatori, soggetti privati), oltre che a supportare le
istituzioni nella realizzazione di progetti per la tutela e la valorizzazione del territorio
agricolo in ambito periurbano.
Entrando nel merito degli obiettivi dell’attività di ricerca di AGAPU si può affermare che si
riferiscano allo studio dei fenomeni delle aree periurbane nel loro complesso per arrivare
gradualmente al superamento delle molteplici criticità attraverso strumenti differenti. In
particolare si tratta di:
valorizzare i territori agricoli in ambito periurbano, trasformando le criticità derivanti
dai rapporti di prossimità tra città e campagna in elementi di opportunità;
favorire il riequilibrio della relazione tra le città e le zone agricole dei territori periurbani;
rafforzare la competitività delle esportazioni agricole e delle reti di distribuzione locali
(filiera corta), sviluppando le relazioni commerciali e promuovendo la vendita diretta;
promuovere la trasformazione e il consumo di prodotti locali di qualità, anche in
considerazione della stagionalità;
favorire la salvaguardia delle identità paesaggistiche dello spazio agricolo e dei
paesaggi periurbani;
incoraggiare un consumo responsabile ed equo legato anche alle potenzialità del
territorio agricolo di prossimità (km 0);
potenziare i meccanismi di co-decisione e cooperazione tra gli attori pubblici
e privati e tra differenti livelli amministrativi, semplificando l’accesso alle
informazioni, i processi decisionali, le procedure;
migliorare la qualità della vita degli abitanti e delle condizioni di esercizio delle
attività economiche nelle aree rurali.
1
È in funzione di tali obiettivi, che si sono ricercate in ambito internazionale, nazionale e
regionale le esperienze di maggiore significatività di governance, in particolare dei contesti
periurbani, dove la redditività dei terreni è maggiormente in competizione con i processi
di trasformazione insediativa e dove dunque gli equilibri tra città e campagna sono più
fragili che altrove.
Si è giunti a selezionare alcuni casi studio, che seppure con caratteristiche molto diverse
tra loro (per dimensione del territorio interessato, contesti, soggetti coinvolti, struttura,
obiettivi e strumenti utilizzati), presentano elementi di interesse e innovazione su cui è
necessario riflettere per poter essere riproposti nei territori agricoli degli ambiti periurbani
della Lombardia.
I casi studio presentati sono:
1. “RurUrbAl” che coinvolge alcune città italiane, spagnole, francesi e greche;
2. “PAEN - Périmètre de protection et de mise en valeur des espaces agricoles et
naturels périurbains - de la Prade de Canohès et du plateu agricole attenant” che
interessa una porzione del territorio dei Pirenei orientali;
3. “Proeftuin” che coinvolge porzioni di territorio nei pressi di Amsterdam e Zaanstad;
4. “Parco regionale del Vexin francese”;
5. “Organic Food Valley” che coinvolge alcune amministrazioni della Polonia orientale;
6. “PTCP” della Provincia di Como;
7. “PTCP” della Provincia di Torino;
8. “PTCP” della Provincia di Lecce;
9. “PTCP” della Provincia di Reggio Emilia;
10. “PTCP” della Provincia di Bologna;
11. “SDRIF: Schema Directeur de la Region Ile de France”;
12. “Extramed” che coinvolge alcune regioni italiane (Liguria, Piemonte, Sardegna,
Campania), il Ministero di Macedonia e Thrace, la regione di Thessaly, il Dipartimento
di Herault, la Regione della Murcia Eco Humanus – Alentejo;
13. “PLUREL” che coinvolge le città di Varsavia, Leipzig, la regione The Hague in Olanda,
Manchester (Uk), Montpellier (Fr) e Koper (Slo);
14. “Terres en ville” che coinvolge alcune amministrazioni francesi;
15. “URBAN SMS” che coinvolge alcune amministrazioni di: Slovenia, Germania, Austria,
Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Italia, oltre ad alcune università;
16. “Frankfurt GrunGurtel” che coinvolge l’amministrazione comunale di Francoforte;
17. “Rhur Emscher” che interessa il territorio del distretto della Rhur;
18. “SCOT: Project d’amenagement et de development durable” nei territori intorno a
Lione;
19. “Anela verda” che interessa l’area metropolitana di Barcellona;
20. “DAM - Distretto agricolo di Milano”;
21. “Districts With Special Development Needs – Social Integrative City” che interessa
diverse amministrazioni tedesche;
22. “Transition cities” che coinvolge alcune amministrazioni inglesi e spagnole;
23. “Piano Metropolitano Strategico di Barcellona”;
24. “Partenariati rurali in Italia – Programmi LEADER I – II” che interessa alcune regioni
italiane;
25. “Regioni metropolitane europee in Germania”.
2
Tali casi studio sono stati scelti sulla base di alcuni criteri :
-
significatività del territorio interessato dalle attività di progetto;
numerosità/significatività/transcalarità degli Enti coinvolti (dalla dimensione
regionale a quella locale);
grado di innovazione delle proposte progettuali dal punto di vista del
processo produttivo e/o del prodotto e/o delle forme di commercializzazione
e di comunicazione-marketing;
presenza di forme di partenariato strutturate tra soggetti pubblici e/o tra soggetti
pubblici e privati;
articolato processo di partecipazione per numero di soggetti interessati e
modalità di coinvolgimento e informazione delle associazioni e dei cittadini;
presenza di forme strutturate di pianificazione (piani e programmi) a cui si
riconducono strategie, azioni e fasi di monitoraggio;
multidisciplinarietà dei soggetti coinvolti, delle analisi e delle ricadute progettuali.
Dopo essere stati individuati, i casi studio vengono di seguito presentati attraverso l’ausilio
di una scheda che ne riporta, oltre all’anagrafica (periodo di attuazione, soggetti coinvolti,
obiettivi, strategie/azioni, target, risultati ottenuti, elementi di criticità e interesse), anche i
motivi di interesse/innovatività e i possibili elementi di replicabilità nel territorio lombardo.
Ai casi studio scelti su base territoriale, si devono aggiungere infine alcune iniziative
tematiche che non sempre sono associabili a uno specifico territorio. Tra queste si
segnalano:
l’iniziativa “Campagna amica”;
i circuiti delle fattorie didattiche;
le azioni di finanza etica e di ingegneria finanziaria a sostegno delle attività rurali;
la pratica degli orti urbani assegnati da soggetti privati e/o dalle istituzioni ai cittadini.
Dall’analisi dei casi studio e delle iniziative tematiche è possibile desumere alcune
considerazioni sui caratteri fondamentali e maggiormente significativi delle buone pratiche
attuate a livello europeo, nazionale e regionale.
In sintesi, dai casi studio analizzati emerge che i decisori, gli operatori agricoli, le associazioni
di categoria e i cittadini/consumatori hanno operato su linee di intervento che, seppure
molto diverse tra loro, hanno tutte l’obiettivo di trasformare le criticità derivanti dai rapporti
di prossimità tra città e campagna in elementi di opportunità.
È possibile identificare tre linee di intervento principali, quali:
1) supporto all’innovazione dei prodotti e dei processi agricoli, con l’obiettivo
dell’aumento del reddito e del valore aggiunto agricolo;
2) sviluppo e sostegno al comparto extra-agricolo;
3) sostegno alla conservazione e valorizzazione del territorio e del paesaggio agrario;
a cui si aggiunge un’ulteriore linea di intervento rivolta al miglioramento della qualità di vita
della popolazione e delle condizioni di esercizio delle attività economiche nelle aree rurali,
finalizzata al miglioramento complessivo del contesto socio-economico dei territori rurali
e dunque non direttamente riconducibile a politiche di sostegno all’agricoltura.
Ogni linea di intervento prevede l’utilizzo di differenti strumenti di attuazione.
3
In particolare ai fini di supportare l’innovazione dei prodotti e dei processi sono state
attuate azioni mirate alla valorizzazione della tipicità, della qualità e della sicurezza dei
prodotti alimentari, così come azioni per far incontrare gli attori della catena alimentare,
potenziando l’anello produttore-consumatore, per integrarne competenze ed esigenze
intorno al tema dell’alimentazione come elemento di nuovo equilibrio; il tutto per favorire
lo sviluppo di consumi critici attenti alla qualità e alla salute e la promozione del sistema
agricolo locale come elemento di identità da preservare e far conoscere.
Intorno alle esperienze analizzate sono stati allestiti, in accordo con gruppi di produttori
agricoli, consumatori e amministrazioni pubbliche, spazi di vendita diretta (costruiti intorno
a un ampio paniere della spesa con regolamenti condivisi di trasparenza del prezzo
e di garanzia di qualità e la messa in rete di tutti gli attori locali), azioni di assistenza
tecnica attraverso indagini per conoscere le capacità produttive delle aziende agricole e
le possibilità d’acquisto di diversi soggetti (dalle mense scolastiche ai gruppi di acquisto);
azioni di supporto tecnico al controllo delle produzioni locali individuando i punti critici su
cui lavorare per garantire la qualità delle produzioni; attività di studio, ricerca e dimostrazione
per massimizzare l’integrazione dei rapporti di filiera e per favorire l’implementazione
di tecnologie, sistemi e processi produttivi basati su principi di sostenibilità energetica,
ambientale e di tutela delle risorse naturali; azioni mirate al sostegno per la costruzione
di una rete di produttori per affrontare le problematiche relative alla produzione e alla
commercializzazione; azioni per la qualificazione della ristorazione/alimentazione (qualità,
sicurezza, sostenibilità ambientale, Km 0, certificazioni); laboratori, corsi di cucina, interventi
di educazione alimentare.
Ai fini dello sviluppo e del sostegno al comparto extra-agricolo, nei casi studio analizzati
si sono identificate azioni mirate alla diversificazione del reddito dei produttori agricoli,
attraverso interventi finalizzati alla produzione di beni e servizi orientati alla vendita diretta
di prodotti alimentari e non, all’offerta agrituristica con la trasformazione dei manufatti
rurali in strutture ricettive e per la ristorazione, alla produzione di energia eolica, solare e
da biomasse, all’agricoltura “hobbistica” , alla formazione (fattorie didattiche e sociali), e
all’offerta di servizi ricreativi. La prossimità dei contesti agricoli periurbani sembra rivelarsi
un fattore cruciale per dare impulso alla diversificazione: da una parte le aziende adattano
la propria offerta di prodotti e servizi sulla base di quanto la comunità urbana richiede al
settore primario e alle aree rurali (prodotti locali di qualità, servizi ricreativi, ludici, culturali,
ecc.), godendo al contempo di una domanda ampia, con maggiori risorse e culturalmente
interessata e sensibile, dall’altra i cittadini hanno maggiore facilità di accesso a prodotti,
beni e servizi del comparto agricolo ed extra-agricolo.
Nei casi studio analizzati si riscontra dunque una notevole eterogeneità di comportamenti
e azioni (dovuta probabilmente anche alla diversità dei contesti territoriali analizzati: dalla
Polonia al Sud della Francia, dalla Grecia alla Germania, dalle regioni meridionali italiane ai
dintorni di Amsterdam) che vanno dall’agricoltura “di ritorno” (terreni in affitto per brevi periodi
ad utenti “cittadini”, “agricoltore” in affitto, “adozione virtuale” di piccoli appezzamenti e/o
di animali in cambio di quanto viene prodotto dagli stessi), formazione di capitale umano,
diffusione di una cultura di rispetto e riscoperta delle tradizioni locali e per la cura del
paesaggio e dell’ambiente nelle sue componenti paesistiche, architettoniche, identitarie
e ambientali, azioni di marketing territoriale, azioni di formazione e sensibilizzazione
sia degli operatori che dei cittadini/consumatori attraverso la “presa di coscienza” di un
diverso rapporto con il mondo agricolo e rurale, visto non più solo come produttore di
alimenti, ma anche di beni e servizi più o meno tangibili.
4
A ciò si aggiunge il coinvolgimento e l’azione delle istituzioni, che in molti dei casi studio
analizzati rivestono un ruolo di regia fondamentale, sostenendo e appoggiando i processi
di diversificazione e l’incontro tra associazioni di categoria, operatori, consumatori, cittadini.
Per quanto riguarda le azioni per la conservazione e la valorizzazione del territorio
agricolo riconosciuto come “....spazio dedicato alla produzione di alimenti, alla tutela della
biodiversità, all’equilibrio del territorio e dell’ambiente, alla produzione di utilità pubbliche
quali la qualità dell’aria e dell’acqua, la difesa idrogeologica, la qualità della vita di tutta la
popolazione e quale elemento costitutivo del sistema rurale”(Art. 4 quater della LR 25/2011
“Modifiche alla LR 31/2008 Testo unico delle leggi regionali in materia di agricoltura, foreste,
pesca e sviluppo rurale e disposizioni in materia di riordino dei consorzi di bonifica”)
e dunque considerato in una accezione di bene e di risorsa comune per la tutela e
la salvaguardia del paesaggio, del territorio e dell’ambiente, nei casi studio analizzati si
sono identificati strumenti e output intrinsecamente legati alle prime due linee di azione,
anche se le azioni specificatamente attuate, contrariamente a quanto avviene per le
prime due linee d’azione, sono rivolte alla produzione di esternalità positive difficilmente
monetizzabili per le aziende agricole. Infatti le azioni messe in atto hanno ricadute che
riguardano i temi ambientali e di tutela del territorio e dunque il benessere della comunità
nel suo complesso. La cura del paesaggio attraverso l’impianto di siepi e filari, la tutela
e valorizzazione dei caratteri identitari del paesaggio, la valorizzazione dei percorsi
e dei sistemi ciclopedonali, il recupero dei manufatti rurali secondo le tradizioni locali,
l’incremento della biodiversità, la gestione e il rispetto delle risorse naturali, il contenimento
dell’erosione del suolo, l’incremento di biodiversità, così come il mantenimento di alcune
coltivazioni, o di particolari tecniche di produzione, garantiscono la preservazione di
un agroecosistema che assume valore sia in termini di qualità estetica, che di tutela
dell’ambiente e delle risorse naturali. Questi sono elementi fondamentali per la salubrità
degli alimenti e la salvaguardia delle risorse naturali e indirettamente garantiscono una
maggiore attrattività ai servizi offerti dallo stesso comparto extra-agricolo che li attua.
Infine, l’ultima linea di intervento che emerge dalla lettura dei casi studio, riguarda il
miglioramento della qualità di vita della popolazione e delle condizioni di esercizio delle
attività economiche insediate nelle aree rurali, che si concretizza nella realizzazione di
infrastrutture e servizi dedicati alla popolazione e alle imprese, tra le quali la diffusione della
banda larga, la creazione di servizi alle persone, l’aumento dell’accessibilità veicolare e di
trasporto pubblico, la creazione di spazi di aggregazione e sostegno (spesso dedicati ai
giovani e alle donne, perché considerati attori chiave dello sviluppo economico e sociale).
Di seguito si riportano le schede dei casi studio analizzati.
Al fine di facilitarne la lettura, i casi studio sono classificati anche in funzione dell’appartenenza
a una, o più, delle quattro linee di intervento individuate, attraverso l’ausilio di palette
colorate secondo la legenda di seguito riportata.
Linea di intervento
Supporto all’innovazione dei prodotti e dei processi agricoli
Sviluppo e sostegno al comparto extra-agricolo
Sostegno alla conservazione e valorizzazione del territorio e del
paesaggio agrario
Miglioramento della qualità di vita della popolazione e delle
condizioni di esercizio delle attività economiche nelle aree rurali
5
2. Le azioni maggiormente replicabili nei territori agricoli periurbani lombardi
Anche se non tutte le azioni individuate nei casi studio possono trovare realizzazione
nei territori lombardi, e in particolare in quelli periurbani, poiché attuabili solo in rapporto
a specifiche realtà locali, dall’analisi delle buone pratiche emergono numerosi elementi
che, opportunamente calibrati, potrebbero trovare applicazione (o potrebbero essere
valorizzati se già in fase di attuazione) nel territorio lombardo.
Rispetto alla replicabilità delle azioni è necessario premettere che, dall’analisi dei casi
studio, è emerso che il livello di efficacia delle azioni intraprese non dipende solo dalla
loro trasferibilità, ma anche dalla semplicità delle procedure, dall’adattabilità dei contesti, dal
giusto grado di innovatività e dalla presenza di un sistema preesistente di cooperazione e
capacità di confronto tra i diversi attori (istituzioni, associazioni, operatori).
Nello specifico le buone pratiche individuate a livello europeo, nazionale e regionale che
si valuta possano essere più efficaci nei territori agricoli periurbani lombardi, riguardano
azioni finalizzate al mantenimento delle attività agricole e dunque rivolte specificatamente
agli agricoltori attraverso la diversificazione del reddito, la formazione, l’informazione,
l’accesso ai mercati cittadini, la facilitazione dei rapporti con le istituzioni. ma sono anche
relative ai residenti delle città che possono fruire dei prodotti e dei servizi non solo
agroalimentari, ma anche turistici, didattici, culturali, sociali, ambientali delle aree periurbane
perché realizzati e presenti in contesti di prossimità all’ambito urbano.
Un’ultima considerazione è che alcune delle azioni individuate sono replicabili in tutti i
contesti agricoli, indipendentemente dalla vicinanza alle città, ma si rivelano tanto più
importanti nei territori periurbani perché forniscono elementi di forza necessari a rendere
le attività agricole sufficientemente competitive e autonome.
Le azioni che si valutano replicabili e/o implementabili nei territori periurbani lombardi
sono in sintesi:
la creazione di partenariati rurali in cui siano coinvolti enti pubblici (a diversi livelli),
associazioni di categoria, soggetti privati , operatori singoli, organizzazioni ambientaliste,
sociali e culturali, singoli cittadini. I partenariati rurali si sono rivelati efficaci poiché si pongono
obiettivi e strumenti comuni che vanno dal finanziamento di progetti, alla promozione dei
prodotti locali; dalla promozione e consolidamento dell’identità culturale al miglioramento
del welfare; dalla promozione del turismo rurale, alla formazione e informazione degli
operatori e dei cittadini passando attraverso azioni di educazione e partecipazione; dalla
protezione dell’ambiente, al mantenimento dei livelli di popolazione; dalla facilitazione e
semplificazione dei rapporti con la pubblica amministrazione, all’offerta di infrastrutture e
servizi. Per essere efficaci i partenariati rurali devono essere supportati dalla presenza di
professionalità e preparazione adeguate, da una pianificazione strategica e condivisa che
stabilisca obiettivi comuni, dall’effettiva collaborazione e coordinamento tra diversi livelli
tecnici e istituzionali.
La creazione di filiere, ossia la creazione di legami tra e all’interno dei settori produttivi
tramite accordi tra produttori, al fine di valorizzare al meglio l’offerta attraverso la nascita di
centri di aggregazione, la messa a punto di sistemi di qualità e il rafforzamento del tessuto
socio-economico dell’area, creando momenti di confronto e dialogo tra le istituzioni, il
mondo produttivo, ma anche il sistema commerciale, compresa la grande distribuzione
organizzata. In questi casi si tratta di attivare nuovi strumenti in grado di stimolare e rendere
coesi gli attori locali attorno ad un obiettivo comune. La creazione di progetti di filiera
prevede spesso la sottoscrizione da parte degli aderenti di uno specifico accordo nel
quale sono chiaramente descritti gli impegni assunti dalle imprese partecipanti al progetto,
il rispetto di standard di qualità dei processi e dei prodotti, la sostenibilità ambientale.
6
La valorizzazione dei prodotti locali, non solo attraverso azioni di marketing territoriale,
ma anche agevolando l’accesso ai mercati per le piccole strutture produttive mediante
azioni collettive, promuovendo la realizzazione di forme avanzate di collaborazione
continuativa tra le imprese produttrici, trasformatrici e distributrici del settore agroalimentare
e valorizzando il territorio attraverso la creazione di marchi di qualità e controllo che
identificano un determinato prodotto o uno specifico territorio.
Il recupero delle colture tradizionali, ma anche dei metodi di lavorazione locali,
associati alla formazione degli operatori e all’informazione dei cittadini, in particolare di
giovani, studenti, consumatori, donne.
Lo sviluppo di itinerari a tema finalizzati alla valorizzazione turistica dei territori che
non solo valorizzino i prodotti locali, il territorio e il patrimonio di valore architettonico e
testimoniale, ma che comprendano la messa a sistema e l’identificazione di servizi per
il turismo. In alcuni casi, si assiste a livelli avanzati di valorizzazione del territorio e dei
servizi in esso presenti attraverso l’implementazione di processi di certificazione quali per
esempio EMAS ed Ecolabel.
La sottoscrizione di protocolli e/o accordi tra istituzioni, associazioni e operatori
in cui siano definiti gli impegni delle istituzioni nel facilitare l’accesso e i rapporti con le
imprese e i cittadini, gli standard di qualità, il rispetto di requisiti minimi dei processi e dei
prodotti, il rispetto di obiettivi comuni rivolti non solo alla tutela dei prodotti e dei processi
tradizionali, ma anche alla tutela delle risorse ambientali in particolare del suolo, delle
acque, del paesaggio agrario e della biodiversità.
L’informazione e l’educazione degli operatori e dei cittadini sul territorio agricolo, sui
prodotti e sui processi produttivi, in particolare rivolta alle scuole che vengono coinvolte
nella preparazione di prodotti tipici, nella degustazione, ma anche nella consapevolezza
del valore della tradizione rurale. In questo contesto rientrano anche le iniziative che
riconoscono nell’agricoltura una funzione sociale di accoglienza, tutela della persona e
didattica ambientale: le fattorie sociali, gli “agriasili”, le fattorie didattiche e altre forme di
accoglienza.
L’integrazione degli obiettivi di salvaguardia e sviluppo rurale con la programmazione
e la pianificazione settoriale, in particolare con quella territoriale, che riconosce
innanzitutto il valore del suolo come risorsa finita e dunque come risorsa da tutelare
e proteggere, dall’altro il ruolo svolto dall’agricoltura considerata non solo mera attività
produttiva, ma anche attività di mantenimento e cura del territorio e delle sue componenti
fisiche e antropiche, riconoscendone una valenza multifunzionale. Il riconoscimento
e la tutela dei territori periurbani è, nei casi analizzati, uno degli obiettivi fondamentali
della programmazione di livello sovracomunale ed è sempre supportata dalla diffusione
e dall’implementazione di informazioni e livelli di conoscenza e valutazione, spesso
informatici, quali per esempio la realizzazione di software per l’elaborazione di scenari di
sviluppo territoriale e la stima degli impatti delle diverse attività.
Il recupero e la conservazione del patrimonio vegetale e animale attraverso l’impianto
di siepi e filari, la valorizzazione e la manutenzione dei corsi d’acqua, della vegetazione
ripariale e dei sentieri, a loro volta finalizzati indirettamente ad incrementare lo sviluppo del
comparto extra-agricolo.
Il recupero, la valorizzazione e la messa a sistema del patrimonio architettonico
secondo tecniche e tipologie tradizionali.
La realizzazione di campagne di vendita di prodotti locali e a Km 0 con una diffusione
capillare su tutto il territorio, con calendari organizzati e con la realizzazione di punti in cui
l’offerta di prodotti agricoli avviene direttamente dal produttore al consumatore.
7
L’attivazione di politiche sia di salvaguardia del territorio, sia di tipo sociale attraverso
la realizzazione e l’affitto di appezzamenti agricoli o orti da parte delle istituzioni, ma anche
di associazioni che si occupano di far incontrare i proprietari dei terreni con gli affittuari e
di gestire il contratto di locazione offrendo garanzie di reddito e trasparenza nei rapporti
(http://www.safer.fr/louer-bien-immobilier-rural-cmd.asp). Tale pratica costituisce in ambito
periurbano non solo un presidio dal punto di vista sociale del territorio, ma anche una
diversificazione del reddito per l’agricoltore e un supporto all’economia dei privati che
attraverso la gestione di un orto o di un piccolo appezzamento producono alimenti
per l’autoconsumo secondo criteri di qualità e sicurezza. In tale prospettiva si pongono
anche le esperienze in cui viene offerto ai privati un orto/appezzamento a distanza. Il
progetto prevede l´affitto degli appezzamenti a “coltivatori indiretti”, a persone cioè che
non devono lavorare, seminare e irrigare il terreno, ma solo ideare telematicamente il
proprio orto.
L’introduzione di attività produttive o di nuovi servizi che riescano da un lato a
rafforzare i saperi tradizionali e dall’altro a offrire alla popolazione residente e alle piccole
attività produttive e artigianali servizi e nuove attrazioni. È il caso per esempio delle azioni
rivolte alla diffusione della banda larga (per facilitare l’accesso veloce alla rete internet
a prezzi concordati e dunque lo scambio di informazioni e merci, la diffusione dell’egovernment, ma anche il lavoro a distanza e la teleassistenza), alla creazione di servizi di
trasporto pubblico a chiamata (per facilitare gli spostamenti delle persone residenti nelle
zone meno servite), alla creazione di servizi “a domicilio”, alla creazione di accordi con
banche e istituti finanziari per facilitare l’accesso al credito e dunque arginare l’isolamento
e la mancanza di prospettiva talvolta percepite dalla popolazione (soprattutto dai giovani).
La semplificazione delle procedure tra cui si annovera lo Sportello Unico per le
imprese.
L’impiego delle imprese agricole da parte delle amministrazioni in attività e servizi
quali la manutenzione del verde pubblico, la manutenzione e gestione di aree a demanio
forestale, le attività di emergenza nel verde e, in generale, sul territorio comunale.
8
01
RurUrbAl
Località
Italia (Siena, Torino)
Spagna (Barcellona)
Francia (Grenoble, Aix-en-Provence)
Grecia (Thessaloniki)
Periodo
2009-2011
Enti promotori
Programma MED (Europe in the
Mediterranean)1
Fondo Europeo di Sviluppo Regionale
OBIETTIVI
Individuare strategie, politiche e azioni pilota per la valorizzazione dell’agricoltura e la
cooperazione tra tutti i soggetti (Istituzioni, Enti, produttori, associazioni, cittadini)
Creare un “Governo alimentare territoriale”, attraverso la sottoscrizione, da parte delle
soggetti partecipanti, della “Carta europea della Governance alimentare”, per definire
regole, principi, valori
Costruire “Sistemi Agroalimentari Locali”, attraverso cui valorizzare l’agricoltura non solo
dal punto di vista economico, ma anche sociale, ambientale e culturale
Promuovere i prodotti locali di qualità e il loro consumo e migliorarne la tracciabilità
e l’informazione Favorire il riequilibrio della relazione tra le grandi città e le zone rurali
periurbane, valorizzando il policentrismo metropolitano
Favorire la salvaguardia delle identità paesaggistiche dello spazio mediterraneo
Rafforzare la competitività delle esportazioni agricole e delle reti di distribuzione locali,
attraverso la facilitazione nell’incontro tra produttori agricoli e consumatori
Sviluppare relazioni commerciali eque promuovendo la vendita diretta
Garantire la permanenza delle aziende agricole e dei paesaggi periurbani
Rendere più dinamici e agevoli gli scambi economici tra spazi urbani e periurbani
Creare e diversificare i posti di lavoro in ambito locale
1. Il Programma MED si iscrive nei programmi di cooperazione territoriale europea, nel periodo 2007-2013. Usufruisce di uno stanziamento di
250 milioni di euro ed è diretto a nove Stati della costa settentrionale del Mediterraneo.
9
Potenziare i meccanismi di codecisione e cooperazione tra gli attori pubblici e privati e tra
differenti livelli amministrativi
Agire per incentivare un consumo basato sulle relazioni di fiducia tra i consumatori, i
produttori e i trasformatori
Incrementare le opportunità per l’uso sociale delle possibili eccedenze
Promuovere la gastronomia e la cultura locali
STRATEGIE/AZIONI
Sottoscrizione della “Carta europea della Governance alimentare”, ossia una serie di
impegni tesi a valorizzare l’agricoltura, l’alimentazione e la gastronomia locale, oltreché
la partecipazione dei cittadini e dei produttori alle scelte. La governance alimentare
territoriale è intesa come un insieme di cooperazioni tra i vari attori pubblici e privati di
distinte scale di intervento, in cui l’ambito di lavoro sia l’alimentazione quale asse di un
progetto territoriale comune
Creazione di “Comitati direttivi” per il coordinamento delle azioni, che includono associazioni,
produttori e istituzioni pubbliche, per definire strumenti e modalità di relazione tra i diversi
soggetti (prezzi, qualità dei prodotti, certificazione)
Formazione e sensibilizzazione dei produttori coinvolti attraverso seminari e incontri su
tematiche specifiche, quali per esempio la filiera corta, la vendita diretta, il recupero e la
promozione delle varietà locali, l’adattamento dell’offerta ai diversi circuiti di vendita e alla
clientela (formati, prodotti ecologici, varietà locali, confezioni,…)
Creazione di spazi (all’interno dei mercati o esercizi di vicinato specializzati) o di “mercati
dei produttori” dedicati alla vendita diretta dei prodotti agricoli locali (filiera corta)
Creazione di Gruppi di Acquisto (GA) e facilitazione di incontri tra GA e produttori
Coinvolgimento del maggior numero e tipologie di soggetti (bambini, ragazzi, donne,
GA) attraverso strumenti diversificati, quali per esempio l’incontro tra aziende agricole e
scuole, fiere, corsi di educazione al gusto e di cucina, spettacoli teatrali sui prodotti locali,
formazione dei ristoratori e dei consumatori in generale
Informazione dei cittadini attraverso la creazione di una immagine riconoscibile e coordinata
(loghi, cartellonistica, volantini, cataloghi, siti internet, blog, materiale informativo)
Valorizzazione e promozione dei prodotti locali, anche con finalità di marketing territoriale,
per la trasmissione dei valori culturali, naturali e sociali dell’ambiente rurale periurbano
Diffusione dei risultati e delle sperimentazioni realizzate attraverso siti internet, blog
multilingua, brochure, convegni, incontri in loco
10
RISULTATI OTTENUTI
Torino: allestimento di un’ala agricola del mercato alimentare di Porta Palazzo per
incrementare la conoscenza dei prodotti e una collaborazione consapevole tra produttori
e consumatori; creazione della “Borsa e i valori”, ossia momenti di incontro tra produttori
e GA per l’incontro domanda/offerta e la definizione dei prezzi; sottoscrizione della “Carta
europea della Governance alimentare” e dunque dell’impegno da parte dei sottoscrittori a
rispettare i principi di qualità, sicurezza, tipicità e valorizzazione dei prodotti locali, oltreché
di coopartecipazione e cooperazione tra soggetti
Siena: organizzazione del seminario “Scegli i tuoi alimenti decidi il tuo territorio. Nuovi
modi di pensare l’economia”; allestimento della Bottega di Stigliano, ossia uno spazio
multifunzionale a sostegno dell’alimentazione locale (centro economico-sociale di
educazione al gusto, degustazione, laboratori di cucina, sala di convivialità, biblioteca,
negozio per la vendita dei prodotti); organizzazione di mercati di filiera corta; predisposizione
di menù a “km zero” per la ristorazione scolastica, ma anche privata; sensibilizzazione
nelle scuole e università con predisposizione di menu a base di cibi locali, biologici e di
stagione; maggiore impiego delle competenze femminili a tutti i livelli
Barcellona e Valles Oriental: costituzione di un Comitato direttivo per il coordinamento
delle azioni; promozione della biodiversità agricola attraverso la ricerca di antiche varietà
di pomodori e il recupero dei relativi semi; partecipazione a fiere e distribuzione di 12.000
piante per la produzione di specie tipiche locali; degustazioni organizzate; creazione di
accordi tra produttori sul prezzo dei prodotti, sul processo di distribuzione e sulla vendita
congiunta; creazione di un laboratorio cooperativo tra produttori per la produzione di
conserve; pubblicazione di dépliant informativi per i produttori e per i consumatori e di libri
promozionali; organizzazione di seminari tematici su prodotti alimentari specifici (varietà di
pomodori, ristoranti e prodotti agricoli locali), corsi nelle mense scolastiche per il consumo
di alimenti e prodotti biologici locali; creazione di un logo univoco della “Rete di vendota
diretta di prodotti locali”
Aix-en-provence: creazione del mercato coperto “Terres de Provence” per i produttori
locali con attuazione di un sistema di controllo dei prezzi di vendita e della qualità/sistema
di produzione; creazione di cataloghi di prodotti specializzati per rispondere alla domanda
di cesti natalizi contenti prodotti locali diversificati e dunque composti dai prodotti di diverse
aziende che singolarmente non riuscirebbero a fornire la varietà di prodotti necessari;
organizzazione della raccolta dei prodotti e degli ordini (marchio “Terres d’ici”; informazioni
circa la provenienza e la qualità dei prodotti, prezzi, azioni di pubblicizzazione, consegna,
…); azioni di formazione per le scuole e i consumatori
Thessaloniki: organizzazione di seminari e incontri presso le aziende agricole per gli
studenti
11
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Predisposizione di una metodologia di
lavoro comune applicabile nei paesi europei
che partecipano al progetto
ELEMENTI DI CRITICITA’
Attività di partecipazione e coinvolgimento
poco articolata
Significatività dei soggetti coinvolti per
numero e tipologia (bambini, ragazzi,
anziani, associazioni, …)
Apparato conoscitivo, metodologico e
tecnico vasto e articolato (glossario, guida
operativa, documenti e carte tecniche)
Buona promozione e diffusione del
progetto con seminari internazionali, blog,
sito web multilingua, pubblicazioni
Multidisciplinarietà delle azioni intraprese,
nonché degli obiettivi individuati ( strategici
di scala vasta, sociali, economici e
ambientali)
Forte riconoscibilità del progetto determinata
da slogan efficaci, simboli e loghi chiari e
immediati, nonché dall’organizzazione di
seminari e momenti di incontro di carattere
divulgativo nei diversi poli territoriali dei
partner di progetto
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Elaborazione di protocolli di intesa tra Enti, produttori e associazioni attraverso la
sottoscrizione di impegni per la valorizzazione, la tutela e la diffusione dei prodotti locali,
della gastronomia e dell’identità dello spazio rurale
Predisposizione di linee guida e di una tassonomia condivisa e accreditata (glossario,
guida operativa per la redazione di un accordo territoriale di governance alimentare,
metodologia per la valorizzazione e il consumo dei prodotti locali)
Predisposizione di loghi e di una immagine coordinata per la promozione della filiera corta
(mercati specializzati, marchio, paniere dei prezzi, …)
Coordinamento dei produttori per incontro domanda-offerta, anche in considerazione di
bisogni specifici
Organizzazione di seminari tematici sia per i produttori che per i consumatori (mense
scolastiche, ristoratori, cittadini)
Organizzazione di spazi e momenti di incontro sui temi legati all’agricoltura e allo spazio
rurale periurbano (agricoltori, consumatori, cittadini, studenti, ….)
12
FONTI
http://www.rururbal.eu/
Analisi del caso di studio a cura di Fondazione Lombardia per l’Ambiente
13
02
PAEN de la Prade de Canohès et du plateau
agricole attenant
Località
Francia (Pirenei orientali – Canohès)
Periodo
2009
Enti promotori
Amministrazione comunale di Canohès
Perpignan
Méditerranée
Communauté
d’Agglomération (PMCA)
Consiglio generale dei Pirenei orientali
OBIETTIVI
Tutela del patrimonio agricolo, particolarmente soggetto a pressioni insediative
Preservazione del paesaggio storico-culturale da numerose forme di inquinamento
(atmosferico, idrico, del suolo, …)
Mantenimento o miglioramento della qualità del paesaggio e della biodiversità
Incremento della funzionalità del sistema idraulico
Tutela idrogeologica e messa in sicurezza del suolo favorendo lo sviluppo, il mantenimento
e il recupero delle attività agricole e pastorali
STRATEGIE/AZIONI
Sviluppare l’attività agricola mantenendo e ripristinando il settore vinicolo
Creare una filiera vitivinicola per ottenere finanziamenti e contenere i costi di produzione
Preservare l’unicità del paesaggio di Canohès, in particolare le zone umide, i canali, fossi
e corsi d’acqua minori
Realizzare spazi ricreativi e sociali nei comuni periurbani
Sfruttare le numerose risorse idriche per realizzare impianti di irrigazione all’avanguardia
Controllare il bilancio idrico del territorio interessato dal PAEN (Perimetre de protection et
de mise en valeur des espaces agricoles et naturels periurbains)
14
Realizzare un’etichetta alimentare associata al PAEN
Promuovere la riabilitazione e la ricoltivazione delle aree dismesse e/o incolte attraverso
l’istituzione di un’attività di pascolo invernale, l’attuazione di processi di compensazione,
lo sviluppo di terreni incolti per la fauna selvatica in collaborazione con l’associazione
comunale dei cacciatori, l’arricchimento forestale e naturale
Avviare azioni specifiche per la commercializzazione dei prodotti agricoli (turismo agricolo,
filiera corta, vendita diretta)
Favorire e sostenere la biodiversità attraverso la creazione e il mantenimento di corridoi
ecologici, la promozione di accordi di gestione tra i proprietari, i gestori l’associazione
comunale dei cacciatori, nonché l’attivazione di forme di coinvolgimento e partecipazione
per educare i cittadini alla tutela e al rispetto dell’ambiente
Mappare i terreni sulla base del valore agricolo attuale e potenziale
Realizzare percorsi ciclopedonali per migliorare la conoscenza del territorio e incrementare
la fruibilità
Possibilità di acquisto dei terreni inclusi nel perimetro di azione del PAEN da parte
dell’amministrazione o di un’altra collettività territoriale, al fine di dare attuazione gli obiettivi
previsti dal progetto
Sottoscrivere un accordo tra comune di Canohès, dipartimento e PMCA (Perpignan
Méditerranée Communauté d’Agglomération)
Creare delle linee guida per la promozione dell’agricoltura, la gestione forestale, la
conservazione e valorizzazione del paesaggio e delle aree naturali
Mantenere o migliorare la qualità del paesaggio e della biodiversità
Incrementare la funzionalità del sistema idraulico
Tutela idrogeologica e messa in sicurezza del suolo favorendo lo sviluppo, il mantenimento
e il recupero delle attività agricole e pastorali
RISULTATI OTTENUTI
Analisi territoriali di dettaglio (evoluzione del consumo di suolo e classificazione delle
destinazioni d’uso, analisi paesaggistica e vedutista, studi sulla biodiversità, inventari delle
aree umide e dei corsi d’acqua naturali e artificiali, definizione dell’ambito interesse del
progetto, censimento delle strade, sentieri e percorsi, dinamiche dei mercati fondiari e
agricoli, verifica della compatibilità con gli strumenti di pianificazione e programmazione
vigenti sul territorio)
15
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Selezione specifica di alcuni settori agricoli
verso cui indirizzare lo sviluppo del territorio
Definizione di un comitato tecnicoscientifico, dei soggetti competenti e
territorialmente interessati da coinvolgere
durante tutto il processo
ELEMENTI DI CRITICITA’
Limitata considerazione delle potenzialità
energetiche derivanti dalle risorse idriche
presenti
Mappatura completa degli attori istituzionali,
scientifici, e territorialmente interessati
Processo politico e normativo strutturato,
ovvero: 1) elaborazione di un programma
d’azione; 2) presentazione da parte
del presidente del consiglio generale
del progetto alla città e al dipartimento
dell’agricoltura; 3) adozione con delibera
da parte del consiglio generale; 4)
pubblicazione
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Approccio multisettoriale iniziale con successiva definizione dei settori specifici di sviluppo
(agricoltura, paesaggio e biodiversità, risorse idriche, spazi pubblici e socialità)
Analisi territoriale di dettaglio con finalità progettuali per la redazione di uno studio di
fattibilità con triplice indagine: storica, territoriale, paesaggistica
Studio di fattibilità condiviso e partecipato a partire dall’individuazione di obiettivi e strategie
comuni tra gli attori locali e istituzionali
Definizione di momenti dedicati di coinvolgimento e partecipazione finalizzati
all’individuazione di specifici compiti, azioni e ruoli da assumere nel progetto
FONTI
http://www.cg66.fr/438-le-dispositif-p-a-e-n-.htm
http://www.languedoc-roussillon.developpement-durable.gouv.fr/IMG/pdf/6-PAEN_
cle116e45.pdf
http://www.aurca.org/aurca_fichiers/Article_PAEN_AURCA.pdf
Analisi del caso di studio a cura di Fondazione Lombardia per l’Ambiente
16
03
Proeftuin
Località
Paesi Bassi (Amsterdam)
Periodo
2010-2012
Enti promotori
città di Amsterdam, città di Zaanstad,
provincia dell’Olanda settentrionale,
Ministero delle Politiche Agricole olandese
OBIETTIVI
Sviluppare una strategia alimentare
dell’approvvigionamento alimentare:
regionale
e
migliorare
le
condizioni
- rafforzando il rapporto tra l’agricoltura e la città attraverso la conoscenza dell’origine
e dei caratteri nutrizionali;
- promuovendo sane abitudini alimentari, volte a contrastare il verificarsi di gravi malattie
(diabete, obesità,..) e a migliorare i bilanci sanitari;
- riducendo le emissioni di CO2 (la catena alimentare - produzione, trasformazione,
trasporto, confezionamento - può contribuire in modo significativo alla riduzione delle
emissione di GHG.)
STRATEGIE/AZIONI
Campagna mediatica con programmi televisivi dedicati
Sostegno alle imprese del settore della ristorazione attraverso una sovvenzione annuale.
La richiesta del contributo può essere presentata quattro volte l’anno, in seguito il comitato
direttivo si pronuncia favorendo le imprese che hanno avviato un’attività di partecipazione
e coinvolgimento di scuole, istituzioni ed enti
Sensibilizzazione e formazione alle imprese, aziende, scuole e istituzioni in merito ai
benefici di una sana alimentazione, alle filiere agricole locale, ai processi di produzione
maggiormente sostenibili dal punto di vista ambientale (festival del cibo e dei 1001 sapori,
gite scolastiche presso fattorie locali, laboratori mobili di cucina nei quartieri della città)
17
Condivisione delle esperienze di successo
Valutazione delle attività che hanno portato al raggiungimento dei target sotto esposti
Diversità di temi e progetti: 1) cibo di qualità e salutare (linee guida per un’alimentazione
sana nelle scuole primarie, progetti pilota introducendo pranzi nelle scuole primarie a base
di frutta e verdura, istruzione e formazione nelle scuole secondarie su come migliorare le
disposizioni alimentari nelle mense, progetti pilota per alimenti freschi e biologici nei centri
diurni e ospedali); 2) catena alimentare regionale sostenibile (appalti pubblici: contratti
di ristorazione: dal 40% (2007-10) al 60% (2011) si concentrano sull’offerta di cucina
biologica nelle mense comunali, promuovendo il cibo locale e regionale); 3) promozione
(incremento dell’agricoltura biologica dal 3,4% (2007) al 7% (2011), riduzione e riutilizzo
dei rifiuti organici); 4) relazioni urbane-rurali (visite ad aziende, introduzione di attività di
educazione alimentare nelle scuole, incremento di negozi presso l’azienda agricola e dei i
mercati degli agricoltori, agricoltura urbana nelle città-frange con orti scolastici di lavoro); 5)
conoscenza, lavoro, istruzione (scambio internazionale di conoscenze - VIOLA, Interreg
IVC, AlimenTerra rete - innovazione delle PMI, cooperazione con gli istituti di formazione
professionale, diversificazione delle aziende agricole)
Monitoraggio annuale
RISULTATI OTTENUTI
Garden for west: creazione di un nuovo paesaggio metropolitano attraverso la
realizzazione di orti urbani localizzati in terreni agricoli periurbani abbandonati. Il progetto
è stato supportato dai comuni, nonché da una cooperativa immobiliare.
Tra il 2008 e il 2010 circa 3.000 studenti hanno visitato una fattoria per apprendere il
processo di produzione alimentare
18
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Cooperazione di diversi livelli di governo
(Regione, Province, Comuni) attraverso una
strategie di tipo bottom-up
Elevato coinvolgimento delle scuole
primarie (formazione e visite guidate)
Sperimentazione di nuove forme
imprenditorialità nelle aree rurali
di
ELEMENTI DI CRITICITA’
Mancato coinvolgimento
superiori e università
delle
scuole
Eccessiva ampiezza dell’area interessata
dal progetto
Limitata attività di informazione e
comunicazione sul progetto e sui risultati
Report di monitoraggio e valutazione per
verificare l’efficienze delle azioni messe in
atto per il raggiungimento degli obiettivi del
progetto
Target economici: crescita del 10% del
fatturato
dei
produttori/imprenditori
regionali, crescita del settore dell’agricoltura
biologica dal 3,5% al 7%.
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Coinvolgimento delle scuole primarie (formazione e visite guidate)
Rete di conoscenza per la condivisione delle esperienze (anche attraverso strumenti
informativi che facilitano lo scambio delle informazioni/dati)
Cooperazione tra enti territoriali di diversa scala e competenza, nonché costruzione di
alleanze tra i soggetti pubblici e privati quali scuole e istituzioni, associazioni di agricoltori,
movimenti per la promozione delle aziende agricole tradizionali e biologiche
FONTI
http://www.mensenland.nl/wordpress/wp-content/uploads/2011/11/ProgrammaplanProeftuin-Amsterdam.pdf
http://docs.china-europa-forum.net/proeftuin_amsterdam_food_system.pdf
Analisi del caso di studio a cura di Fondazione Lombardia per l’Ambiente
19
04
Parco Naturale Regionale del Vexin
Francese
Località
Francia (regione Vexin)
Periodo
2007-2019
Enti promotori
Ile-de-France, dipartimento della Val d’Oise
e Yvelines, i comuni, le associazioni
municipali
OBIETTIVI
Sviluppare un’agricoltura economicamente sostenibile, ecologicamente responsabile e
socialmente attiva
Proteggere, gestire e valorizzare il patrimonio naturale, culturale e paesaggistico
Contribuire alla pianificazione territoriale, allo sviluppo economico, sociale e culturale e al
miglioramento della qualità della vita
Garantire un’adeguata fruizione dei territori anche attraverso forme di educazione
sostenibile e informazione al pubblico
Progettare azioni sperimentali o esemplari che costituiscano delle buone pratiche di
gestione del territorio rurale anche attraverso la partecipare a programmi di ricerca
Attuare una politica di sviluppo sostenibile del turismo, incrementando l’offerta di servizi
culturali, nonché gli spazi per lo svago e lo sport
Promuovere una politica abitativa che miri alla coesione sociale e all’integrazione di
differenti fasce sociali (giovani coppie, anziani, immigrati)
STRATEGIE/AZIONI
Predisposizione della “Charte du parc”, ovvero un accordo tra le amministrazioni comunali,
provinciali, regione e Stato nella quale vengono definiti gli obiettivi, le politiche e le misure
per raggiungere gli impegni assunti
Redazione di una guida al restauro dei vecchi edifici
20
Individuazione degli ambiti di intervento strategici su cui concentrarsi: a) controllo dello
spazio e conservazione del patrimonio naturale, paesaggistico e costruito; b) promozione
di un’agricoltura sostenibile, sviluppo del settore turistico ed economico; c) attività di
informazione, educazione e sensibilizzazione
Redazione di un Piano del parco con cartografie tematiche che classificano il territorio in:
> aree bianche: spazi limitrofi alle aree urbanizzate nei quali possono essere concentrate le eventuali
aree bianche:
spazi
alle areeessere
urbanizzate
quali
essere concentrate
espansioni
delle città.
Talilimitrofi
zone potranno
edificatenei
solo
in possono
seguito all’urbanizzazione
delle
learee
eventuali
delle(comprese
città. Talile zone
potranno essere
edificate solo in seguito
interne espansioni
al centro abitato
aree abbandonate,
da riqualificare);
all’urbanizzazione
aree
interneper
al centro
(comprese
le di
aree
abbandonate,
da
> aree gialle: zone delle
agricole
o naturali
le quali abitato
sono previsti
interventi
tutela,
conservazione
riqualificare);
e sviluppo dell’attività rurale;
> aree
verdi:
adatte
per la silvicoltura,
dovranno
rimanereper
boscate
ad eccezione
delle aree
destinatedi
aree
gialle,
ovvero
zone agricole
o naturali
le quali
sono previsti
interventi
alle conservazione
deglie habitat
naturali
(zone umide,
tutela,
conservazione
sviluppo
dell’attività
rurale;praterie,...);
> aree di interesse paesaggistico prioritario: siti con carattere identitario e sociale, particolarmente
aree verdi, ovvero adatte per la silvicoltura, esse dovranno rimanere
soggette alla pressione urbana;
boscate ad eccezione delle aree destinate alle conservazione degli habitat naturali (zone
> siti dipraterie,...);
importanza ecologica: aree riconosciute a livello europeo, nazionale, regionale o provinciale
umide,
in quanto soggette a forme di protezione dai fenomeni di urbanizzazione e dall’inquinamento
ambientale;
aree di interesse paesaggistico prioritario, ovvero siti con carattere identitario e
sociale,
soggette alla pressione urbana.
>siti conparticolarmente
potenziale ecologico.
Definizione di un Piano locale per l’abbattimento delle emissioni di GHG, in modo da
contribuire alla riduzione del riscaldamento globale
Attuazione delle misure contro l’inquinamento da prodotti fitosanitari definite a livello
nazionale per la protezione dei bacini di acqua potabile. Ciò attraverso la riduzione
nell’utilizzo di questi prodotti da parte degli agricoltori e degli abitanti
Individuazione di alcuni principi di edilizia eco-compatibile per la realizzazione di nuove
abitazioni ma anche per il recupero e la riqualificazione del patrimonio esistente (strategie
bioclimatiche, utilizzo di materie prime locali, produzione di energia da FER,..)
Predisposizione di una filiera locale (grano-farina-pane), progetto avviato nel 2004 per
migliorare le risorse economiche del territorio attraverso l’utilizzo di materie prime locali
Creazione di percorsi di mobilità sostenibile, comprese azioni specifiche di accessibilità
per le persone con difficoltà motorie
Formazione di un team interdisciplinare per il supporto ai cittadini e alle imprese con
competenze in merito alla gestione del territorio, alla pianificazione, allo sviluppo
economico, turistico e culturale, alla valorizzazione del patrimonio, all’attività di
informazione e sensibilizzazione del pubblico. L’equipe si compone di 49 dipendenti
Realizzazione di un museo locale di oltre 400 mq dedicato agli aspetti naturalistici,
ecologici, faunistici, paesaggistici nonché storico-architettonici dell’area del Vexin
21
RISULTATI OTTENUTI
Cartografia delle problematiche territoriali con contenuti in merito alla vocazione agricola
di determinate zone del Parco naturale
Predisposizione della “Chart du parc” e sottoscrizione delle stessa da parte dei soggetti
aderenti al progetto per una durata di 12 anni
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Costituzione di un comitato sindacale che
attua le disposizioni della “Charte du parc”
Adesione al progetto da parte di diversi enti:
Regione, provincia, comuni, associazioni
ELEMENTI DI CRITICITA’
Impossibilità di sovrapporre le diverse
informazioni cartografiche (ad esempio
attraverso una piattaforma GIS)
Disponibilità di un team interdisciplinare per
il supporto ai cittadini e alle imprese con
competenze in merito alla gestione del
territorio, alla pianificazione, allo sviluppo
economico, turistico e culturale, alla
valorizzazione del patrimonio, all’attività
di informazione e sensibilizzazione del
pubblico
Presenza di finanziatori del progetto
Intensa
attività
turistica
(percorsi
gastronomici, passeggiate nella natura..)
Approccio multidisciplinare (paesaggio,
urbanistica, energia, cambiamento climatico,
natura, educazione)
Sostegni economici e finanziari messi a
disposizione dall’Ente parco per i comuni, le
associazioni di comuni, i privati e le imprese
Individuazione di interventi prioritari da
attuare nel triennio 2011-2013 (politiche
dell’abitare, gestione risorse idriche, piano
clima-energia, mobilità dolce e accessibilità,
cultura)
22
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Predisposizione di una Charte du Parc e dei materiali informativi per il raggiungimento delle
azioni previste
Approccio multidisciplinare
Sostegni economici e finanziari messi a disposizione dall’Ente parco per i comuni, le
associazioni di comuni, i privati e le imprese
Struttura amministrativa e gestionale messa in campo per la realizzazione del progetto
(équipe interdisciplinare, comitato sindacale, commissioni tecniche)
FONTI
http://www.pnr-vexin-francais.fr/
http://www.valdoise-tourisme.com/en/val-d-oise/must-see-places/pnr-vexin-francais.
php
Analisi del caso di studio a cura di Fondazione Lombardia per l’Ambiente
23
05
Organic Food Valley
Località
Polonia (Lubelskie, Podkarpackie,
Santacroce, Podlaskie, Varmia-Masuria)
Periodo
2007-2013
Enti promotori
co-finanziato dal Fondo europeo
di sviluppo regionale nell’ambito del
programma operativo per lo sviluppo della
Polonia orientale
OBIETTIVI
Creare una piattaforma per sviluppare e promuovere prodotti alimentari biologici
Sostenere lo sviluppo dei cluster appartenenti all’Organic Food Valley migliorando la
cooperazione tra le istituzioni scientifiche, enti innovazione e imprenditori coinvolti nella
produzione, trasformazione e distribuzione dei prodotti biologici
Aumentare la competitività e l’innovazione nei cluster anche attraverso l’accesso a
informazioni e conoscenze complesse relative alla produzione, trasformazione e
commercializzazione dei prodotti biologici
Incrementare la produzione biologica e l’occupazione nel settore dei prodotti biologici.
STRATEGIE/AZIONI
Partecipazione annuale alla fiera BioFach (salone mondiale dei prodotti biologici) a
Norimberga
Produzione di materiale pubblicitario e promozionale, nonché allestimento di uno spazio
espositivo messo a disposizione negli uffici comunali
Elaborazione di test di laboratorio su alcuni campioni di materie prime, prodotti, etc.
Realizzazione di studi di mercato
Creazione di un geoportale interattivo con livelli tematici per facilitare lo scambio di
informazioni e conoscenze
24
Organizzazione di un ciclo di 33 incontri (1 al mese) rivolti alle amministrazioni comunali
e provinciali, su temi quali: agrotecnologia in aziende biologiche (produzione di frutta,
verdura, mangimi, ecc); regolamenti e requisiti per la produzione e la lavorazione, tecniche
per la lavorazione del latte, la produzione di carne; formazione nelle pubbliche relazioni e
promozioni aziendali; raccolta di fondi per gli investimenti
Sviluppo di un sistema di monitoraggio per la valutazione del raggiungimento degli obiettivi
previsti e dei progressi fatti
Elaborazione di test e implementazione per la standardizzazione e la diffusione delle
buone pratiche, nonché per la creazione di iniziative di rete in altre parti del paese
Attivazione di un ufficio per la gestione del progetto con sistema di servizio clienti
RISULTATI OTTENUTI
Creazione di un’etichetta ecologica per orientare l’acquirente verso la scelta di prodotti
biologici
Elaborazione di un Geoportale con i seguenti layer: base cartografica, aziende agricole
biologiche, imprese, negozi-venditori, unità di ricerca, zone di protezione speciale per
uccelli (rete Natura 2000), zone speciali di conservazione (rete Natura 2000), indice sintetico
per la produzione biologica, idoneità dei suoli alla coltivazione
25
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Il sistema di etichettatura dei prodotti biologici
ha
incrementato
considerevolmente
le vendite e incentivato i produttori a
realizzare alimenti biologici
ELEMENTI DI CRITICITA’
Scarsa attività promozionale
informazione
e
di
Poca chiarezza in merito alle modalità di
adesione al cluster
Stretta collaborazione tra le regioni del
cluster anche grazie a un ufficio di gestione
che ha facilitato la comunicazione e lo
scambio di informazione tra i membri del
progetto
Condizioni
territoriali
uniformi
con
problematiche comuni e riconosciute
(difficoltà nell’esportazione dei prodotti,
mancanza di consulenza agli agricoltori e
imprenditori, consumatori a basso reddito,
poca conoscenza dei prodotti biologici)
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Predisposizione di layer cartografici relativi alle tematiche agricole e alimentari quali ad
esempio la classificazione dei suoli a seconda delle vocazione agricola oppure l’indice
sintetico di produzione di cibo biologico
Centro unico di gestione del progetto con finalità organizzative, relazionali e promozionali
FONTI
http://www.dolinaeko.pl/?lang=en
http://www.ekolubelszczyzna.pl/Dolina_o_projekcie.php
Analisi del caso di studio a cura di Fondazione Lombardia per l’Ambiente
26
06
Piano Territoriale di Coordinamento
Provinciale di Como
Località
Italia (Provincia di Como)
Periodo
approvazione 2006
Enti promotori
Provincia di Como
OBIETTIVI
Tutela dell’ambiente e valorizzazione degli ecosistemi
Costituzione della rete ecologica provinciale per la conservazione delle biodiversità
Sostenibilità dei sistemi insediativi mediante la riduzione del consumo di suolo
Compatibilità ecologica e paesistico-ambientale delle trasformazioni territoriali
Valorizzazione del sistema policentrico, razionalizzazione e riordino quali-quantitativo
degli insediamenti urbani
Miglioramento della qualità urbana in relazione alle peculiarità storico-culturali e paesisticoambientali
STRATEGIE/AZIONI
Verifica delle scelte localizzative di sviluppo del sistema insediativo rispetto alle esigenze
di tutela paesistico-ambientale (individuazione Indici di Sostenibilità Insediativa: indice
di tutela del territorio, indice di riuso del territorio urbanizzato, indice di compattezza,
indice di copertura e impermeabilizzazione dei suoli, indice di accessibilità locale, indice di
dotazione/adeguamento delle reti tecnologiche; criteri premiali)
Contenimento della frammentazione e della dispersione insediativa, orientando le scelte
verso forme urbane compatte, ai fini fra gli altri, di contenere i costi di infrastrutturazione
primaria e migliorare l’accessibilità
27
Priorità alla riqualificazione funzionale e alla ristrutturazione urbanistica delle frange e dei
vuoti urbani
Limitazione dei processi conurbativi e di saldatura degli insediamenti urbani
Salvaguardia delle principali aree agricole strategiche sia in funzione produttiva che di
“cerniera e tampone” fra i sistemi insediativi e le aree di elevata sensibilità ambientale
Localizzazione degli interventi di carattere sovra comunale nelle aree urbane
adeguatamente infrastrutturale e dotate di servizi
Valorizzazione delle specificità locali attraverso strategie di marketing territoriale in
rapporto alla caratterizzazione culturale ed economica delle comunità locali
Mantenimento della struttura morfologica dei suoli in funzione della percezione degli
elementi connotativi del paesaggio nel caso di nuove espansioni insediative
RISULTATI OTTENUTI
Monitoraggio (aprile 2011)
Contenimento consumo di suolo, verificato per ciascun comune della provincia di Como,
attraverso la quantificazione delle aree urbanizzate esistenti e previsti rapportate alla
superficie comunale.
Concreta salvaguardia (in alcuni casi rafforzamento) degli elementi costitutivi della rete
ecologica
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Contenimento consumo di
salvaguardia rete ecologica
suolo
e
ELEMENTI DI CRITICITA’
Indicatori e parametri quantitativi complessi
e rigidi
28
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Individuazione di indicatori quali-quantitativi per il contenimento del consumo di suolo.
Il Ptcp stabilisce un limite massimo alla crescita della superficie urbanizzata comunale.
disaggregando la dimensione provinciale in cinque distinte classi di consumo, individuando
uno specifico Indice di consumo di suolo (Ics = rapporto tra la superficie urbanizzata e la
superficie territoriale del comune)
FONTI
http://www.provincia.como.it/temi/territorio/territorio-trasporti-viabilita/piano-territorialecoordinamento-provinciale/
Analisi del caso di studio a cura del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani, Politecnico
di Milano
29
07
Piano Territoriale di Coordinamento2 di
Torino
Località
Italia (Provincia di Torino)
Periodo
approvazione 2011
Enti promotori
Provincia di Torino
OBIETTIVI
Contenimento del consumo di suolo libero e della frammentazione paesaggistica ed
ecosistemica
Definizione delle aree periurbane e individuazione di specifiche politiche di tutela
Tutela, mantenimento e aumento della sostenibilità ambientale delle attività agricole
esistenti
Recupero della multifunzionalità e del valore dell’agricoltura come presidio del territorio e
come costruzione e tutela del paesaggio
Miglioramento della naturalità e della qualità ambientale, anche attraverso la realizzazione
di dotazioni ecologiche, mantenimento e potenziamento dei corridoi ecologici e delle
aree di pregio ambientale/naturalistico esistenti
Valorizzazione e riqualificazione paesaggistica, con particolare attenzione alla tutela e alla
messa in valore del sistema di segni del tessuto agricolo storico (quali ad esempio filari e
alberate, bealere, centuriazioni, cascine, etc.) e tutela dei corridoi visuali
Mitigazione dell’impatto prodotto dai margini edificati, dei conflitti nelle aree di frangia e
della frammentazione del territorio libero da parte delle infrastrutture lineari
Contenimento dell’incidenza negativa dei fattori di pressione e potenziale rischio attraverso
misure per la loro riduzione (interventi di bonifica e/o di mitigazione)
Potenziamento della fruizione diffusa del territorio agricolo anche grazie all’incremento
della mobilità sostenibile (piste ciclabili, greenway)
30
STRATEGIE/AZIONI
Definizione di aree libere, di trasformazione e dense, anche attraverso la proposizione di
uno strumento di valutazione che i Comuni devono applicare a livello locale (Allegato 5 al
PTCP: Linee guida per la perimetrazione delle aree dense, di transizione e libere
Riconoscimento normativo dell’inedificabilità delle aree libere (art.16 delle norme)
Elaborazione di un apposito Quaderno Allegato 3 al PTCP: Sistema del verde e delle
aree libere in cui si riconosce esplicitamente il valore delle aree periurbane e delle attività
agricole in esse insediate
Contenimento all’espansione delle infrastrutture lineari all’interno dei territoti urbanizzati
Contrasto alla frammentazione degli insediamenti e campattazione dei perimetri dei centri
abitati
Aumento del grado di naturalità tramite interventi di forestazione e di aumento della
superficie verde urbana e periurbana mirati a rafforzare le componenti della rete ecologica
del paesaggio periurbano
Impedire il peggioramento del grado di integrità del tessuto agricolo storico, conseguente
all’ulteriore frammentazione e cancellazione del sistema di segni della memoria storica
Impedire il peggioramento della qualità percettiva del contesto e l’incidenza dei fattori di
pressione e di potenziale rischio adottando misure per la loro riduzione tramite interventi
di bonifica e/o di mitigazione
Costruzione di una rete periurbana di aree rilevanti sotto l’aspetto ecologico, paesaggistico
o naturalistico
Incentivi alle attività compatibili con gli obiettivi di tutela del valore ambientale e produttivo
dei suoli
Riconoscimento delle strutture urbane significative in grado di attribuire un’identità (storica,
visiva, morfologica) ai luoghi periurbani, salvaguardando e mantenendone i caratteri
tipologici e urbanistici
Tutela dei corridoi ecologici esistenti, attraverso una serie di azioni: la realizzazione di
nuovi insediamenti e opere che possono interferire con la continuità dei corridoi deve
essere preceduta da una verifica di tracciati/localizzazioni alternative, evitando saldature
dell’edificato e valorizzando la vegetazione arborea e naturale
31
RISULTATI OTTENUTI
Approvazione troppo recente per poter valutare i risultati raggiunti
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
Approvazione troppo recente per poter definire gli elementi di successo e criticità
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Indicatori/parametri utili all’individuazione dei territori periurbani: grado di frammentazione
e insularizzazione, grado di naturalità, grado di disgregazione del tessuto agricolo, fattori
di pressione, qualità degli spazi verdi pubblici.
Riconoscimento esplicito del valore dei territori periurbani e delle attività in esso insediati
Definizione di obiettivi di PTCP dedicati alla salvaguardia del territori rurali e dell’attività
agricola.
Prescrizioni di inedificabilità in considerazione del tessuto insediativo e dello stato fisico
delle aree libere, indipendentemente dal regime vincolistico
Modalità attuative anche attraverso costruzione di reti di partenariati tra enti pubblici e
strutture private per sostenere nuove forme di gestione agricola dei terreni (incentivazione
aziende agricole, promozione insediamento nuove funzionalità agricole)
Coinvolgimento delle associazioni degli agricoltori nel processo di costruzione del PTCP
Riconoscimento, all’interno di un piano e programma urbanistico, del ruolo multiplo che
riveste l’agricoltura: produzione di beni primari, cura e tutela del paesaggio e dei valori
storico - ambientali, difesa del suolo, impatti sulle componenti ambientali, ecc.
FONTI
http://www.provincia.torino.gov.it/territorio/sezioni/pian_territoriale/piano_terr_coord/
variante_ptc2
http://www.provincia.torino.gov.it/speciali/2010/ptc/dwd/presentazione_def.pdf
Analisi del caso di studio a cura del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani, Politecnico
di Milano
32
08
Piano Territoriale di Coordinamento
Provinciale (PTCP) di Lecce
Località
Italia (provincia di Lecce)
Periodo
approvato nel 2008
Enti promotori
Provincia di Lecce
OBIETTIVI
Valorizzare il territorio salentino attraverso lo sviluppo di politiche di tutela ambientale
e gestione delle risorse naturali, il coordinamento dell’assetto urbanistico e territoriale,
la promozione e l’impiego di energie rinnovabili e attività ecosostenibili, l’adeguamento
dei trasporti e il miglioramento dei nodi portuali e aereoportuali, lo sviluppo dei servizi di
logistica a sostegno del sistema produttivo
Favorire l’espansione di nuova naturalità a partire dalla salvaguardia di quella esistente
(“Salento come Parco”)
STRATEGIE/AZIONI
Definizione di politiche “del welfare”, che stabiliscano un insieme di azioni il cui fine è
una maggiore salvaguardia dei caratteri fondamentali dell’ambiente e del paesaggio (in
particolare: politiche della salubrità, con riferimento al ciclo delle acque e alla gestione dei
rifiuti; politiche della diffusione della naturalità; politiche per le energie rinnovabili; politiche
di prevenzione dei rischi; politiche per le infrastrutture sociali)
Superamento dei limiti del modello della diffusione della naturalità nella forma di reti
ecologiche optando per le interazioni tra matrice paesistica e altri elementi “vettori”, tra
cui i corridoi ecologici e la dispersione insediativa, che possono svolgere un importante
ruolo di connessione ecologica
Diffusione della vegetazione naturale (per espansione, infiltrazione e percolazione) che: 1)
assecondi processi naturali di avanzamento della naturalità nelle aree abbandonate dagli
usi agricoli perché scarsamente produttive; 2) si ispirino a processi naturali, ma richiedano
strategie specifiche e innovative (pianificazione ecologicamente orientata)
33
Definizione di politiche “della mobilità”, per migliorare l’accessibilità, i tempi di percorribilità
e valorizzare l’enorme potenziale narrativo dei percorsi salentini (strade parco,
attraversamenti, sentieri)
Definizione di politiche “di valorizzazione”, attraverso un’azione coordinata di incentivo
e accompagnamento alla crescita dell’economia. Lo sviluppo del territorio deve essere
funzionale alle caratteristiche dello stesso e coinvolgere l’intera Provincia
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Focus sulla “qualità territoriale”, ovvero
strumento per garantire una migliore
abitabilità del territorio, spazio fruibile
ma anche in grado di conservare e
rappresentare la cultura e le caratteristiche
di base del Salento (Salento inteso come
“parco”)
Processo progettuale aperto che inquadra
le scelte di piano in uno schema flessibile
che si adatta a una realtà mutevole e non
controllabile (scenari di trasformazione)
ELEMENTI DI CRITICITA’
Mancato
proporzionamento
degli
interventi da praticare (in parte a causa
della mancanza di una esauriente analisi
quantitativa dei contesti) e conseguente
valutazione imprecisa dei pesi urbanistici
sulle aree di intervento
Lo scenario immaginato (il territorio come
parco), per quanto stimolante, suggestivo
e condivisibile, resta teorico e poco
ancorato ad indirizzi e prescrizioni per
l’attuazione
Diffusione della naturalità
Espansione delle aree agricole di eccellenza
(oliveti e, subordinatamente, vigneti)
Ampliamento della ricettività
Promozione di una politica energetica ed
ambientale alternativa a quella in esercizio
Viabilità a maglie larghe in alternativa a
quella radiocentrica in esercizio
Capacità
di
comunicazione
delle
conoscenze acquisite attraverso la
traduzione grafica delle realtà percepite in
immagini, schemi, concept (consenso)
Multidisciplinarietà del gruppo di lavoro
34
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Cooperazione e co-pianificazione tra le istituzioni ai diversi livelli, attraverso la ricerca di
condivisione e consenso nella costruzione delle scelte di pianificazione.
Proposte specifiche di riqualificazione di aree “fragili” o degradate, salvaguardandone i
valori di naturalità
Valutazione di differenti e alternativi scenari di trasformazione (“cosa accadrebbe se..”)
ATTORI COINVOLTI
Pubblica Amministrazione (provincia di Lecce, Comuni della Provincia di Lecce)
FONTI
http://www3.provincia.le.it/ptcp/ptcp/index.htm
Analisi del caso di studio a cura del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani, Politecnico
di Milano
35
09
Piano Territoriale di Coordinamento
Provinciale (PTCP) di Reggio Emilia
Località
Italia (provincia di Reggio Emilia)
Periodo
approvazione 2010
Enti promotori
Provincia di Reggio Emilia
OBIETTIVI
Contribuire a sostenere la competitività del settore agricolo, attraverso la tutela e la
valorizzazione dello spazio rurale come elemento strategico dello sviluppo, proteggendo
e valorizzando le produzioni trainanti e le filiere produttive locali
Incentivare la multifunzionalità dell’azienda, intesa come funzioni legate all’integrazione
dell’offerta turistica, all’artigianato, alla vendita diretta, alla formazione, al presidio sociale
ed ambientale
Contenere l’ulteriore consumo di suolo e la dispersione insediativa nel territorio rurale
prioritariamente nelle aree a maggiore vocazione produttiva agricola e/o di interesse
paesaggistico
Tutelare lo spazio rurale periurbano e sua integrazione coerente con la città, in quanto
risorsa fondamentale per il riequilibrio e per la fornitura di servizi plurimi alla città
Governare la dismissione del patrimonio edilizio produttivo in un’ottica di qualificazione
paesaggistica ed ambientale dello spazio rurale
Incentivare l’introduzione della dimensione qualitativa architettonica nella realizzazioneristrutturazione dei manufatti produttivi agricoli (incentivi, linee guida, etc.)
36
STRATEGIE/AZIONI
Indirizzi/direttive per i Comuni, che uniformano diverse discipline d’uso e di intervento,
al fine di: a) sostenere le esigenze produttive delle aziende (ammodernamento,
accorpamenti, etc.); b) consentire e incentivare l’adeguamento edilizio/impiantistico volto
alla multifunzionalità (vendita e prima trasformazione prodotti, ricettività e somministrazione
prodotti, servizi eco sistemici, offerta di spazi per il tempo libero, produzione di energia
da FER, ecc.)
Raccordo con il Piano provinciale di sviluppo rurale
Introduzione di soglie massime di incremento del territorio urbanizzato (3 e 5%) per
funzioni prevalentemente residenziali o terziarie, differenziate per sub-ambiti provinciali.
Tali quote sono determinate, talvolta, da valutazioni in ordine alla limitata incidenza di tale
urbanizzazione aggiuntiva sulla risorsa idrica sotterranea; in altri casi si è assunto un valore
convenzionale, rapportato ad un valore medio di incidenza del territorio urbanizzabile
sull’urbanizzato, giudicato sostenibile
Considerazione, all’interno della valutazione ambientale dei piani, della capacità d’uso dei
suoli a fini agricoli come criterio per la scelta delle previsioni insediative. La classe di
capacità d’uso è attribuita a ciascun suolo sulla base della caratteristica maggiormente
limitante fra quelle prese in considerazione: profondità utile per le radici, fertilità chimica,
lavorabilità, clivo-altimetria, rischio di inondazione/di erosione/di movimenti di massa,
clima
Tutela delle sistemazioni agrarie tradizionali (prati stabili, piantate, etc.)
Attuazione del progetto di Rete Ecologica Provinciale anche attraverso il Piano Provinciale
di Sviluppo Rurale (misure agroambientali)
Diffusione di servizi ecosistemici (quali nuove categorie d’uso legate alla multifunzionalità
delle aziende)
Misure per il risparmio idrico in agricoltura (bacini irrigui, etc.)
Linee guida per gli interventi edilizi (criteri progettuali per il recupero e la nuova costruzione,
abaco tipologie edilizie, etc.)
Definizione delle attività extra agricole compatibili, tali da non alterare la dominanza dei
caratteri di ruralità e di ridotto carico urbanistico (in termini di parcheggi, fabbisogni idrici,
energetici, etc.)
37
RISULTATI OTTENUTI
Monitoraggio: la Provincia di Reggio Emilia ha costituito e reso operativi 14 “osservatori”
in differenti materie di competenza dell’Ente (dall’agricoltura al turismo, dalla statistica
scolastica alla sicurezza stradale, dai rifiuti alla qualità dell’aria). Diversi indicatori, relativi ai
temi sopraindicati, vengono aggiornati periodicamente dall’Ente
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Tutela delle aree libere
Multidisciplinarietà
Riconoscimento del ruolo dell’agricoltura
come attività di tutela e manutenzione del
territorio
ELEMENTI DI CRITICITA’
Rapporti con la pianificazione di livello
comunale
in
considerazione
del
recepimento e della declinazione dei
contenuti nel PTCP a livello locale
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Definizione soglie massime di consumo di suolo per nuove urbanizzazioni, articolate per
i differenti “ambienti insediativi”.
Indicazioni ai piani urbanistici comunali relative all’individuazione dei territori periurbani quali
ambiti di valorizzazione paesaggistica, ambientale e di fruizione ludico – ricreativa.
Controllo della morfologia urbana e indicazioni tipologiche, attraverso una maggiore
integrazione morfologica e funzionale dei nuovi interventi in rapporto ai contesti di
riferimento.
Attribuzione di un ruolo multifunzionale ai contesti agricoli e periurbani
FONTI
http://www.provincia.re.it/page.asp?IDCategoria=701&IDSezione=20680
http://www.inu.it/blog/pian_prov/wp-content/uploads/2010/03/relazione_
provreggioemilia.pdf
Analisi del caso di studio a cura del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani, Politecnico
di Milano
38
10
Piano Territoriale di Coordinamento
Provinciale di Bologna
Località
Italia (provincia di Bologna)
Periodo
approvazione 2004
Enti promotori
Provincia di Bologna
OBIETTIVI
Il Ptcp individua un solo ambito periurbano (“il carattere periurbano è riconosciuto da
precisi rapporti spaziali di contiguità, inclusione o complementarietà con l’urbanizzato
o le sue espansioni pianificate”) comprendente gli ambiti rurali circostanti o interclusi
all’interno degli insediamenti che compongono la conurbazione bolognese. Tale
ambito è stato definito in riferimento a precisi rapporti spaziali di contiguità, inclusione
e complementarietà con l’area urbana centrale e con le sue espansioni pianificate, pur
presentando, contemporaneamente, caratteristiche ad alta vocazione produttiva agricola
o a prevalente rilievo paesaggistico. In tale ambito, si prevede:
Mantenimento della conduzione agricola dei fondi
Promozione attività integrative per soddisfare la domanda di strutture ricreative e per il
tempo libero
Promozione attività integrative per il miglioramento della qualità ambientale urbana
attraverso al realizzazione di dotazioni ecologiche
Tutela dei varchi e le discontinuità del sistema insediativo, sia in funzione di dotazione
ecologica, sia per salvaguardare l’identità distinta dei diversi centri abitati
Tutela delle visuali delle infrastrutture per la mobilità verso il paesaggio rurale escludendo
non solo l’edificazione ma anche ogni utilizzazione che ostacoli le visuali
39
STRATEGIE/AZIONI
Promuovere la gestione sostenibile dell’agricoltura, intesa come sostenibilità ambientale,
economica e sociale (attenzione al carico insediativo, alla mobilità, all’inquinamento
atmosferico e acustico, ai consumi energetici, alla fragilità idrogeologica, ecc.) e diffusione
della multifunzionalità
Presidiare il territorio attraverso la permanenza di aziende agricole nelle aree marginali
supportato da adeguate strutture di gestione, garanti di un corretto esercizio delle pratiche
agricole
Promuovere lo spazio rurale quale zona di mitigazione degli impatti dell’area urbana
Contenere l’ulteriore edificazione nel territorio rurale ed evitare in linea di massima
l’ulteriore espansione degli insediamenti urbani su aree non ancora urbanizzate e non
ancora destinate ad essere urbanizzate secondo gli strumenti urbanistici vigenti, salvo
che per opere non diversamente localizzabili (art.11.10, comma 6 “nel territorio rurale
periurbano (…) gli strumenti urbanistici comunali escludono la possibilità di realizzare nuovi
edifici abitativi in unità fondiarie agricole che ne siano sprovviste”)
Contenere la crescita della popolazione sparsa e del carico urbanistico nel territorio rurale
Controllare i fattori di conflitto tra le attività proprie del settore agricolo e le funzioni
insediative
Organizzare la mobilità privilegiando le modalità di spostamento più sostenibili per
recuperare standard accettabili di salubrità dell’aria e del clima acustico
Tutelare e valorizzare i residui cunei agricoli del territorio rurale periurbano
Conservare le residue visuali libere dalla viabilità verso il paesaggio agricolo o collinare,
evitando ogni intervento o utilizzazione, anche non urbana, che possa disturbare il
rapporto visivo, nonché le residue discontinuità fra aree urbane
Aumentare le dotazioni ecologiche, con particolare riferimento alle: fasce di salvaguardia,
mitigazione e ambientazione attorno alle principali infrastrutture, all’incremento della
biomassa nelle aree verdi pubbliche e private urbane e periurbane, alla realizzazione
di micro-aree ad evoluzione naturale all’interno dei parchi urbani e nel territorio rurale
periurbano
40
RISULTATI OTTENUTI
Riduzione consumo di suolo (tra il 1993 e il 2000: 4,9 kmq/anno, negli ultimi 9 anni: 2,4
kmq/anno)
Le nuove previsioni residenziali contenute nei nuovi piani sono collocate per l’86% in
ambiti urbani indicati dal Ptcp (con trasporto ferroviario e servizi alla persona), mentre per
il produttivo le nuove previsioni sono collocate (per il 91%) in ambiti produttivi sostenibili
dal punto di vista ambientale e trasportistico.
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Politiche di selezione della crescita urbana
contro la dispersione insediativa, a favore
della concentrazione nei centri urbani dove
esiste il trasporto pubblico e i servizi alla
persona o, per l’espansione produttiva, solo
nelle zone industriali servite direttamente
dalla rete autostradale e da quella primaria
ELEMENTI DI CRITICITA’
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Indicazioni e linee guida per il contenimento della crescita insediativa nei contesti di
matrice agricolo – paesaggistica.
Integrazione fra le previsioni per i territori rurali, il progetto delle reti ecologiche alle differenti
scale (regionale, provinciale, comunale), il potenziamento delle dotazioni ecologiche in
particolare all’interno dei territori periurbani.
Indicazioni e linee guida in merito alla salvaguardia e alla valorizzazione delle visuali
paesaggistiche nei paesaggi agricoli.
Proposte di gestione sostenibile (ambientale, economica, sociale) dell’agricoltura e
contestuale diffusione della multifunzionalità.
FONTI
http://cst.provincia.bologna.it/ptcp/
h t t p : / / w w w . p rov i n c i a . b o l o g n a . i t / p i a n i f i c a z i o n e / D ow n l o a d / / u r b a n i s t i c a /
parcocittacampagna/ProgettoFinale/relazione2.pdf
Analisi del caso di studio a cura del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani, Politecnico
di Milano
41
11
SDRIF, Schèma directeur de la
Region Île-de-France
Località
Francia (Île de France)
Periodo
2004-2008
Enti promotori
Consiglio regionale Île de France
OBIETTIVI
controllo dell’espansione urbana
protezione dell’agricoltura periurbana
creazione di spazi che permettano un’armoniosa e solidale convivenza dell’urbano con
il rurale
valorizzazione delle biodiversità, tutela degli spazi agricoli e naturali, coerenza e continuità
del sistema degli spazi aperti
STRATEGIE/AZIONI
Valorizzare e potenziare gli spazi verdi pubblici nell’agglomerato urbano e le aree verdi
fruibili (creazione di nuovi parchi e ampliamento parchi esistenti, maggiore fruizione di
aree boscate, naturali e agricole, potenziamento connessioni verdi)
Rafforzare la struttura della cintura verde (potenziamento del sistema delle aree agricole
urbane e periurbane, consolidamento e incremento delle aree boscate, aumento
dell’attrattività delle aree verdi ad uso ricreativo)
Valorizzare le aree rurali (boschi protetti, mantenimento e rafforzamento delle maggiori
riserve di biodiversità)
Mantenere e rafforzare le connessioni e i grandi assi verdi di penetrazione alla città (corridoi
ecologici, cunei verdi, aree agricole)
42
Promuovere la produzione agricola per il consumo locale (filiera corta) che riduce costi
e inquinamento
valorizzare il sistema fluviale (vocazioni aree lungofiume, apertura del fiume alla città,
utilizzo tratti fluviali per il trasporto di persone e di merci)
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Paris Métropole, agenzia semipubblica
(Regione, dipartimenti, città e autorità
intermunicipali) che organizza forum,
dibattiti, studi e ricerche (multidisciplinarietà)
ELEMENTI DI CRITICITA’
Grand Paris, consultazione internazionale
avviata dal Ministero della Cultura che ha
consentito a dieci gruppi interdisciplinari,
guidati da noti architetti, di produrre visioni
di Parigi al 2030
Les Ateliers de creation urbaine, organizzate
dalla Regione all’inizio del 2008. Studenti
di architettura, pianificazione, ingegneria,
design di diverse università e scuole con
l’obiettivo di immaginare il futuro della città
Nouveaux quartiers urbains, iniziativa della
Regione con finanziamenti nazionali al fine
di realizzare i progetti più innovativi per lo
sviluppo urbano sostenibile
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Meccanismo di acquisizione di aree agricole strategiche per la continuità della cintura
verde, cedendole poi in locazione agli agricoltori con contratti favorevoli e a lungo termine
Attivazione di incentivi per le attività agricole (e forestali) attraverso convenzioni con i
privati proprietari, facendo gravare sulle finanze dell’Amministrazione i costi per le opere di
equipaggiamento vegetale e di manutenzione della rete stradale
43
FONTI
http://driaf.ile-de-france.agriculture.gouv.fr/IMG/pdf_synthese_agriculture_periurbaine_IdF_
DRIAAF_mai2010_cle4b3131.pdf
http://www.iledefrance.fr/fileadmin/contrib_folder/Brochures/IDF2030_ANGLAIS.pdf
Analisi del caso di studio a cura del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani, Politecnico
di Milano
44
12
EXTRAMET – Lo spazio rurale nel contesto
della nuova metropolitanizzazione
Località
Italia (Regione Liguria, Regione Piemonte,
Regione Sardegna, Regione Campania); Grecia
(Ministero di Macedonia e Tracia, Regione
della Tessaglia); Francia (Departement de
l’Herault); Spagna (Regione della Murcia);
Portogallo (Regione dell’Alentejo)
Periodo
2007-2009
Enti promotori
progetto cofinanziato dalla Commissione
Europea sul programma Interreg III B
Medocc.
OBIETTIVI
Elaborare una metodologia per l’individuazione dei criteri necessari a definire le zone
periurbane
Promuovere la multifunzionalità delle aziende agricole
Dare vita a programmi di sviluppo innovativi che minimizzino la contrapposizione tra
spazio rurale e metropolitano
Focalizzare l’attenzione sulle aree rurali residue in ambito metropolitano, cui si riconosce
un ruolo strategico nella riqualificazione ambientale
Promuovere lo spirito associativo e comunitario delle popolazioni locali
Definizione di Piani Rurali Integrati per le Aree Periurbane – PRIAP
Valorizzare il paesaggio agrario anche con finalità di promozione turistica del territorio
45
STRATEGIE/AZIONI
Il Progetto Extramet ha previsto la creazione di progetti pilota da parte di ogni singolo
partner, realizzati in un’area periurbana individuata ad hoc. I Progetti pilota rappresentano il
terreno di sperimentazione e confronto delle proposte emerse dalla discussione collettiva
tra i partners.
Progetto pilota Regione Piemonte
Si tratta di un programma integrato che intende assegnare alle aziende agricole un ruolo
attivo puntando sulla promozione della multifunzionalità e sulla sostenibilità ambientale.
Il progetto è basato sull’analisi delle aziende e delle relative produzioni agricole e sullo
studio degli agro-ecosistemi, dell’assetto idrogeologico e delle risorse forestali.
Progetto pilota Regione Sardegna
Analisi paesaggistiche per invertire i fenomeni di dispersione insediativa, abusivismo e
mancanza di riconoscibilità dei paesaggi agrari storici; firma di un protocollo d’intesa da
parte dei soggetti istituzionali nel quale sono indicate le fasi di lavoro, i ruoli, i tempi di
realizzazione e la metodologia di lavoro; organizzazione delle emergenze ambientali e
storico-architettoniche in categorie, rappresentate e analizzate in ambiente GIS integrando
dati geografici con quelli tabellari e di altro tipo (fotografie).
Progetto pilota Regione Campania
Il progetto comprende:
Programma di marketing territoriale: finalizzato a costruire la relazione tra la città e la
campagna dando visibilità ai problemi di tali aree, sensibilizzando la cittadinanza sul ruolo
complesso che esse svolgono per la collettività, promuovendo la commercializzazione
delle produzioni agricole metropolitane (piani di comunicazione, proposta di itinerari
agricolo-culturali, agenda di eventi, ecc.).
Catalogo delle cultivar: censimento e catalogo di tutte le cultivar antiche e rare presenti
nelle aree agricole del Comune di Napoli.
Studio di fattibilità: finalizzato a costruire una proposta giuridico-economica per
l’autosostenibilità dell’agricoltura in ambito metropolitano. Contiene un’analisi macroeconomica sui vantaggi dell’agricoltura urbana e si propone di studiare un “percorso
finanziario” per utilizzare le possibili fonti di finanziamento nazionali e comunitarie, ad uso
degli operatori agricoli metropolitani arrivando a definire misure di sostegno proponibili per
la conservazione e la valorizzazione dell’uso agricolo dei suoli.
Progettazione partecipata: in un’area del Parco delle Colline, individuata come unità
morfologica, si attua un’azione pilota di progettazione partecipata esplicativa di quelle che
saranno finalità e forma del piano dell’intero Parco. Tale azione mira alla progettazione
di una particolare tipologia di parco avente una concezione, un assetto e una modalità
di fruizione diversa da quella comunemente utilizzata nei parchi urbani e per questo
segnatamente innovativa.
Sito Internet: progettazione e costruzione di un sito internet sui temi dell’agricoltura urbana,
la cui gestione è affidata alla “Casa della città”, centro di documentazione ed iniziativa del
Servizio Urbanistica del Comune di Napoli. Scopo del sito è contribuire all’attivazione di
una rete di soggetti informati inerente i temi dell’agricoltura urbana e periurbana per una
sensibilizzazione sul tema.
46
Progetto pilota Regione Alentejo (Portogallo)
Il progetto intende mantenere e promuovere lo spirito associativo e culturale della
popolazione locale, promuovere la coesione sociale ed economica attraverso un processo
partecipativo che coinvolge le comunità locali e le diverse Autorità amministrative. Si divide
in fasi: a) Breve analisi dei principali temi relativi al contesto rurale e contestualizzazione
del progetto pilota nel progetto europeo Extramet. Questa fase include la descrizione
della regione Alentejo e della città di Evora e la definizione delle problematiche. b) Prediagnosi. Descrizione delle caratteristiche dell’area di progetto con cartografia, fotografie,
valori statistici e diagnosi con l’elaborazione di una matrice SWOT. c) Pianificazione
delle attività. d) Creazione di un Comitato Locale con la partecipazione democratica dei
principali attori locali. e) Elaborazione, con la partecipazione del Comitato Locale, di un
Piano di Sviluppo Locale. f) Elaborazione, con la partecipazione del Comitato Locale,
di una Agenda di Intervento Locale. Nell’Agenda sono riportati tempi di realizzazione,
risorse necessarie, attori locali e regionali coinvolti, possibile programma di finanziamento;
le azioni strategiche di intervento sono organizzate secondo un ordine di priorità. g)
Supporto alla realizzazione delle azioni locali che sono state inserite nell’Agenda. h)
Raccolta, analisi e valutazione dei risultati ottenuti.
Progetto pilota Département de l’Hérault (Francia)
Gli obiettivi sono:
a) Strutturare un approccio specifico per lo spazio città-campagna al fine di promuovere
attività di sviluppo innovativo in cui lo spazio rurale e urbano si sviluppa in maniera
equilibrata attraverso la sperimentazione dei PAEN (Perimétre de protection des espace
agricole naturel periurbains), strumenti di gestione dei territori periurbani regolati dalla “Loi
du developpement des territoires ruraux, DTR 23/02/2005”. b) Elaborare un programma
d’azione che precisa le sistemazioni e gli orientamenti di gestione destinati a favorire
l’azienda agricola, la gestione forestale, la conservazione e la valorizzazione degli spazi
naturali all’interno del perimetro PAEN. c) Difendere la dotazione economica e ambientale,
gli spazi culturali e sociali .
Progetto pilota Regione Tracia (Grecia)
Programma di sviluppo integrato atto al miglioramento della situazione economica e
sociale delle zone rurali grazie da un lato, alla collaborazione di tutti i soggetti interessati
e a iniziative proposte dalle popolazioni locali, per il rafforzamento e la ricostituzione
dell’economia agricola locale (in termini di produzione ed impiego) e la sua diversificazione
nel contesto della Politica Agricola Comune e dall’altro alla valutazione dell’influenza dello
spazio urbano di Serres sullo spazio rurale.
47
RISULTATI OTTENUTI
Regione Liguria
Riconoscimento degli elementi di identità delle aree analizzate, del loro valore storico e
culturale; valorizzazione delle reti fisiche (Rete verde, dei percorsi pedonali e delle piste
ciclabili) e relazionali (cooperazione intercomunale e partecipazione con i soggetti locali);
realizzazione di percorsi di collegamento delle zone e dei nuclei storici costieri con i nuclei
storici rurali dell’entroterra.
Regione Sardegna
Attuazione del Piano Paesaggistico Regionale.
Regione della Murcia
Definizione di un modello territoriale sostenibile attraverso l’analisi della situazione attuale
e delle tendenze del territorio. Il modello costituisce la base per definire le strategie di
azione sul territorio, e costituisce la base di conoscenza per la pianificazione del territorio
Regione Piemonte
La Regione ha indagato il territorio chierese (quattro comuni dell’area metropolitana
torinese), arrivando ad elaborare una bozza di programma integrato delle aree periurbane
che assegna alle aziende agricole un ruolo attivo e non residuale nella gestione del
territorio, puntando al contempo sulla promozione della multifunzionalità delle aziende e
sul miglioramento della sostenibilità ambientale dei sistemi urbani.
Regione Campania
Attuazione di sei laboratori territoriali con le comunità locali e con gli agricoltori per valorizzare
le imprese del settore agroalimentare; elaborazione di un documento denominato “Statuto
dei luoghi” per avviare un processo di identificazione e responsabilizzazione; attività di
comunicazione (distribuzione di 4000 opuscoli informativi sul progetto, comunicazione
con i media locali (giornali, tv e radio), esposizione di manifesti e materiale informativo
vario.
Regione Alentejo (Portogallo)
Elaborazione di piano di sviluppo locale fondato sulla valorizzazione dell’identità sociale
e culturale di una frazione rurale. Partendo da questo assunto il progetto ha promosso la
coesione sociale ed economica attraverso un processo partecipativo che ha coinvolto i
partenariati locali a diversi livelli (dalla comunità locale al governo regionale).
Département de l’Hérault (Francia)
Creazione di un centro risorse, sensibilizzazione e informazione per i diversi attori coinvolti;
implementazione di progetti comuni; attivazione di progetti pilota a breve termine e
sviluppo di una politica globale di lungo termine di gestione degli spazi agricoli periurbani,
anche grazie alla costituzione dei PAEN.
Regione Tracia (Macedonia)
Sviluppo di strumenti adatti alla valorizzazione del turismo anche grazie al miglioramento
dei servizi offerti e alla valorizzazione delle attività produttive agricole.
48
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Interdisciplinarietà dei progetti pilota,
derivante anche dai numerosi soggetti
coinvolti
Interessante la modalità dei “progetti
pilota” e il concetto di valorizzazione
del paesaggio agrario e dei beni storicoarchitettonici, considerati come elementi di
identità da mettere a sistema
ELEMENTI DI CRITICITA’
Eterogeneità delle azioni intraprese ha
portato ad una scarsa replicabilità del
progetto nel suo complesso, di difficile
gestione e scarsamente unitario nelle
modalità di approccio al problema e quindi
anche nei risultati, fortemente dipendenti
dal contesto e dal tipo di azioni e soggetti
coinvolti.
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Il progetto Extramet prevede un approccio interdisciplinare che consente di affrontare le
specificità del territorio periurbano da diversi punti di vista, quindi da una più completa,
ancorché complessa, visione delle criticità e delle potenzialità di queste aree. L’identificazione
delle zone periurbane deve poter permettere una semplificazione necessaria, ma allo
stesso modo è auspicabile mantenere approcci diversi per affrontare problemi che
possono presentare “periurbani” differenti. In questo senso è interessante lo strumento
del PAEN francese, proposto dal Departement de l’Herault. Il Perimètre de protection des
espaces agricoles et naturels periurbains è uno strumento di gestione e organizzazione
dello spazio periurbano regolamentato a partire dalla “Loi du developpement des
territoires ruraux” (DTR 23/02/2005), che prevede l’individuazione di una zona periurbana
non urbanizzabile a prevalenza agricola o naturale. Per ogni PAEN viene elaborato un
programma d’azione che precisa le sistemazioni e gli orientamenti verso cui indirizzare la
gestione dell’azienda agricola, la gestione forestale, la conservazione e la valorizzazione
degli spazi naturali all’interno del perimetro. Il regolamento del PAEN propone poi che il
dipartimento, la Regione o un altro attore pubblico, acquisisca gradualmente delle aree
interne al Perimètre, in modo che si costruisca un’area in cui i terreni acquistati dall’istituzione
pubblica rimangano agricoli o naturali, a seconda delle disposizioni previste dal PAEN.
In sostanza si tratta di una riserva agricola o naturale costituita da terreni di proprietà
pubblica in ambito periurbano. La declinazione del PAEN proposta dal Département de
L’Herault risulta molto interessante anche perché preceduta dalla creazione di un “centro
risorse” che possa sensibilizzare e informare verso la creazione dei Perimètres, in modo
da avere già inizialmente una buona condivisione delle idee e delle conoscenze proprio
a partire dai cittadini e da chi vive il territorio periurbano. La struttura legislativa dei PAEN,
gli obiettivi e soprattutto le modalità di costituzione potrebbero fungere da base per la
creazione di uno strumento politico di gestione e organizzazione degli spazi periurbani
simile, anche se differente, in Lombardia, che possa integrarsi ed agire congiuntamente alle
politiche europee e regionali di governance degli spazi agricoli.
49
FONTI
www.extramet.it
www.experimentation-paen.fr
Analisi del caso studio a cura del Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali (DISAA) e
del Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi (DEMM), Università degli
Studi di Milano
50
13
PLUREL
Località
Polonia (Warsaw); Germania (Leipzig); Paesi
Bassi (The Hague Region); Regno Unito
(Manchester); Francia (Montpellier); Slovenia
(Koper); Cina (Hangzhou)
Periodo
2007-2010
Enti promotori
Commissione Europea
OBIETTIVI
Sviluppare scenari di uso del suolo per regioni rurali-urbane in Europa (RURs), migliorando
la comprensione delle questioni economiche, sociali e ambientali che riguardano la
dinamica di uso del suolo urbano
Analizzare e studiare modelli in grado di simulare le relazioni tra cambi di uso del suolo e
funzioni (es. residenziale, trasporti, servizi ambientali e ricreativi) di RURs
Analizzare le implicazioni di pianificazione delle politiche e delle strategie di governo sulla
sostenibilità dell’uso del territorio periurbano, nelle aree selezionate nei casi studio in
collaborazione con gli stakeholder locali
Valutare gli impatti ambientali, sociali ed economici dei cambiamenti del suolo, utilizzando
un approccio multi-criteri di valutazione
STRATEGIE/AZIONI
Individuazione e analisi delle cause del processo di urbanizzazione e delle relazioni tra
aree urbane e rurali
Valutazione dell’impatto delle politiche che riguardano l’uso del suolo periurbano con
l’ausilio di un programma informatico e con l’utilizzo di indicatori economici, sociali e
ambientali
Confronto sugli scenari di analisi della politica agricola in stretta collaborazione con le
autorità regionali interessate e sviluppo di concetti e metodologie
51
Workshop regionali, interviste e tavole rotonde con esperti progettisti
Coinvolgimento degli stakeholder
RISULTATI OTTENUTI
Creazione e messa in rete di uno strumento di valutazione dell’impatto delle politiche
europee e regionali sull’uso del suolo nelle aree urbane, periurbane e zone rurali. Il
programma PLUREL Xplorer supporta discussioni di programmazione e di politica sulle
interazioni dei suoli periurbani a livello europeo e a dettaglio regionale. Fornisce informazioni
per progettisti, operatori e professionisti su processi, problemi e urbanizzazioni
Messa i rete di informazioni aggiornate sullo sviluppo delle regioni rurali-urbane, inclusi gli
scenari di sviluppo territoriale e i dati relativi. Il programma MOLAND Light è una versione
semplificata del software di modellazione dei terreni. MOLAND può essere utilizzato
per impostare facilmente e rapidamente una simulazione sui diversi scenari di sviluppo,
configurare un nucleo di fattori di cambiamento della destinazione dei terreni ed eseguire
una simulazione restituendo gli scenari sottoforma di mappe e cartografie
Stesura di Buone Pratiche e Linee Guida per la gestione sostenibile del territorio nelle zone
rurali-urbane, sviluppate in stretta collaborazione con gli attori locali
Diffusione dei dati attraverso web e newsletter
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Realizzazione
di
un
programma
informatico (PLUREL Xplorer) di supporto
agli amministratori per fornire informazioni
anche a progettisti e altri professionisti del
settore
ELEMENTI DI CRITICITA’
Difficoltà di accesso e di utilizzo dei
software per l’analisi e la valutazione dei
diversi scenari di sviluppo del territorio
Sviluppo di un programma (MOLAND Light)
di simulazione di scenari di uso del suoloa
scala variabile
52
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
In Lombardia le aree agricole (rurali e periurbane) sono soggette a cambiamenti
nell’uso del suolo con tempi piuttosto rapidi. Il processo di conversione è determinato
sia da dinamiche come l’incremento della popolazione, l’urbanizzazione, lo sviluppo
infrastrutturale, sia da caratteristiche locali, quali le condizioni sociali, economiche e naturali
di un territorio. Le cause che stanno alla base della dinamica della trasformazione dei suoli
agricoli affondano le proprie radici nei meccanismi economici di formazione del valore
ma anche nelle forme stesse di gestione della macchina amministrativa a cui è affidata la
regolamentazione e il governo delle trasformazioni.
La Politica Agricola Comune influenza significativamente la gestione delle aree agricole e il
paesaggio, ma sono diverse le cause che ne determinano i mutamenti, spesso misurabili
ma non sempre valutate nella loro complessità e interezza.
In questo senso i risultati raggiunti dal progetto PLUREL sembrano interessanti perché
interpretano attraverso un software diversi fattori (cause) che influenzano i mutamenti del
territorio agricolo periurbano e permettono di ipotizzare scenari futuri.
Seppur si tratta di una semplificazione, la modellistica applicata ai territori periurbani
permette di individuare tratti distintivi per la loro classificazione e di simularne gli sviluppi
futuri.
FONTI
www.plurel.net
Analisi del caso studio a cura del Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali (DISAA) e
del Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi (DEMM), Università degli
Studi di Milano
53
14
TERRES EN VILLES
Località
Francia (Aix-en-Provence, Amiens, Angers,
Aubagne Besancon, Caen, Chambery,
Grenoble, le-de-France, Lille, Lorient, Lione,
Green Belt Mancelle, Nancy, Nantes, Perpignan,
Poitiers, Rennes, Saint-Etienne, Saint-Nazaire,
Strasburgo, Tolone, Tolosa)
Periodo
2000 - ad oggi
Enti promotori
Chambre d’Agriculture, Comuni
OBIETTIVI
Scambiare conoscenze e informazioni sullo spazio periurbano con particolare attenzione
all’agricoltura di frangia, grazie alla realizzazione di progetti di formazione, seminari, raccolta
di Buone Pratiche, creando una banca dati di “esperienze”
Creare una rete di relazioni tra agricoltori, istituzioni a diversi livelli e cittadini per affrontare
da diversi punti di vista i problemi degli spazi agricoli di frangia in Francia e in Europa
STRATEGIE/AZIONI
Realizzazione di progetti di informazione/formazione relativamente ai temi della gestione
degli spazi periurbani anche in collaborazioni con agricoltori e camere di commercio
Costruzione di progetti con le istituzioni comunali e sovracomunali impiegando gli
strumenti di pianificazione e gestione del territorio già esistenti in Francia (PAEN, SCoT,
ZAP, etc…), grazie alla collaborazione tra soggetti istituzionali e agricoltori (co-costruction).
Produzione e messa in rete di banche dati per ogni progetto avviato.
54
RISULTATI OTTENUTI
Realizzazione di un sito ricco di materiale informativo su progetti e azioni riguardanti gli
spazi periurbani parte del territorio coperto dall’Associazione Terres en Villes.
Realizzazione di una rete di territori periurbani che collaborano per progettare e pianificare
azioni di governo del territorio per risolvere insieme le criticità dei territori di frangia.
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Creazione dell’Associazione Terres en
Villes che a partire dal 2000 fino ad oggi
è diventata il punto di riferimento per
coloro che in Francia e in parte anche a
livello europeo, si interessano di agricoltura
periurbana e relazioni tra agricoltori, cittadini
e istituzioni
ELEMENTI DI CRITICITA’
Collaborazione tra agricoltori, cittadini e
Camera di Commercio per lo sviluppo di
pratiche e progetti innovativi nel campo
dell’agricoltura periurbana
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Il progetto Terres en Villes propone la creazione di una rete di informazione e
approfondimento sui temi dell’agricoltura periurbana e della gestione dei territori che
permette una diffusione della conoscenza sugli spazi periurbani, ma anche sul rapporto
tra urbano e rurale. Questo consente un miglioramento della comunicazione tra soggetti
molto diversi (cittadini, agricoltori, commercianti, ricercatori, istituzioni, etc…) che può
portare ad una diminuzione dei conflitti territoriali diffusi nelle aree di frangia urbano-rurale.
Questi conflitti, di ordine economico, sociale, culturale, ambientale, sono sovente causa
di una gestione non del tutto adeguata del territorio.
La creazione di una rete di conoscenza e soprattutto la possibilità di una comunicazione
più efficace e trasparente tra i soggetti che operano nei territori periurbani potrebbe
supportare notevolmente le azioni di governo e programmazione della gestione del
territorio regionale. L’organizzazione sistematica di eventi sia a scopo informativo e
divulgativo indirizzati ai cittadini, ad esempio, sia per mettere in comunicazione i soggetti
istituzionali delle azioni da attuare in territorio periurbano, potrebbe dare risultati misurabili
in termini di attuazione di Buone Pratiche e utilizzo proficuo di strumenti di gestione
innovativi anche già esistenti (PLIS, Parchi agricoli, riserve regionali, etc…).
55
FONTI
www.terresenvilles.org
Analisi del caso studio a cura del Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali (DISAA) e
del Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi (DEMM), Università degli
Studi di Milano
56
15
URBAN SMS
Località
Slovenia (Ljubljana, Celje); Germania (Stuttgart);
Austria
(Vienna,
Umweltbundesamt);
Polonia (Pulawy); Repubblica Ceca (Prague);
Repubblica Slovacca (Bratislava); Italia (Milano,
Torino)
Periodo
2008-2012
Enti promotori
Comunità Europea nell’ambito del
programma Europa Centrale
OBIETTIVI
Definire, progettare e sviluppare strategie di gestione del suolo a partire dalla sua
conformazione fisica e chimica
Educare e sensibilizzare politici e istituzioni all’uso del suolo e ad una corretta pianificazione
del territorio
STRATEGIE/AZIONI
Analisi degli strumenti, delle leggi e delle linee guida contenenti norme sull’uso del suolo
anche grazie ad analisi SWOT; valutazione dell’efficienza degli strumenti individuati
Identificazione di Buone Pratiche a livello europeo
Identificazione dei bisogni pratici e scientifici per l’attuazione dei processi di pianificazione
57
RISULTATI OTTENUTI
Realizzazione di “Soil Suite Manager”, applicazione informatica mirata a fornire informazioni
pedologiche delle aree caso studio. Il software visualizza, elabora e interpreta i dati
grazie ad un’applicazione web concepita come un portale dove gli utenti finali (comuni e
amministrazioni regionali) possono consultare le informazioni spaziali. Il sistema si avvale
della collaborazione degli amministratori locali che sono chiamati a fornire i dati che il
software andrà ad elaborare; le informazioni sono poi visualizzate e rese disponibili on
line
Realizzazione di “Municipal soil Manager “, una guida che raccoglie le analisi di una parte
della legislazione sull’uso del suolo nei diversi stati europei, con un’integrazione sui sistemi
e i processi di pianificazione e infine alcuni esempi di Buone Pratiche, totalmente dedicata
alle istituzioni interessate alla pianificazione, cioè i Comuni.
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Realizzazione dello strumento informatico
“Soil Suite Manager” e di “Municipal soil
Manager” per l’analisi dell’uso del suolo,
che permettono di approfondire la fase di
conoscenza del territorio che dovrebbe
anticipare la fase pianificatoria, al fine di
scegliere i terreni più “adatti”, dal punto di
vista chimico-fisico, all’urbanizzazione
ELEMENTI DI CRITICITA’
Assenza di analisi delle politiche di gestione
delle aree agricole e più in generale del
tema della “governance” del territorio.
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
L’ambito periurbano è uno dei maggiormente soggetti al consumo di suolo a causa
di proprie caratteristiche. Qui la competizione per le risorse naturali, in primis, il suolo e
l’acqua, è acuita rispetto ad altri ambiti, a causa della vicinanza alle città, ai diversi attori che
vi operano (agricoltori, operatori, istituzioni, etc…). Il fenomeno del consumo dei suoli è
diffuso anche a livello lombardo (dati Dusaf), soprattutto in pianura, zona ricca di suoli fertili,
irrigabili e facilmente accessibili. Infatti tra le caratteristiche più preoccupanti del fenomeno,
vi è l’impermeabilizzazione proprio dei terreni dotati delle più elevate capacità produttive
agricole e forestali. Ma poiché l’urbanizzazione e l’agricoltura manifestano esigenze spesso
simili in relazione alle qualità fisiche, chimiche e morfologiche dei suoli che utilizzano, i
terreni maggiormente contesi sono appunto quelli pianeggianti, con buono spessore,
tessitura equilibrata, minima pietrosità, drenaggio regolare (Previtali, 2010).
Per una corretta gestione e pianificazione dei territori periurbani e agricoli, occorre dunque
avere una buona conoscenza anche degli aspetti pedologici del territorio, cercando di
scegliere con oculatezza e misura l’urbanizzabile, considerando anche questi aspetti.
Urban SMS mette a disposizione uno strumento informatico e on line, che consente
dunque di rendere più condivisa l’informazione anche per le istituzioni e i professionisti e
porta “alla ribalta” anche le questioni, appunto, più “strutturali” delle aree in esame, aspetto
spesso trascurato nei processi pianificatori e che anche in Lombardia potrebbe essere
strategico per uno sviluppo equilibrato.
58
FONTI
www.urban-sms.eu
Previtali F. (2010), I suoli, risorsa naturali difficilmente riproducibile in Per un’altra campagna,
riflessioni e proposte sull’agricoltura periurbana, Maggioli, Sant’Arcangelo di Romagna.
Analisi del caso studio a cura del Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali (DISAA) e
del Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi (DEMM), Università degli
Studi di Milano
59
16
Frankfurt GrünGürtel
Località
Germania (Francoforte sul Meno)
Periodo
1990-1994
Enti promotori
Amministrazione comunale
OBIETTIVI
Governare nel lungo periodo i processi di trasformazione urbana
Garantire l’inedificabilità delle aree ai margini della città evitando il saldarsi delle periferie
Ottenere benefici ambientali, come il miglioramento del clima, accrescendo il valore
ecologico dell’area
Promuovere l’utilizzo sociale degli spazi soddisfacendo le necessità della popolazione
metropolitana, in particolare le categorie più deboli, di disporre di luoghi per le attività
ricreative a distanze relativamente brevi dal centro urbano
Recuperare sia sotto il profilo ambientale, che paesaggistico le aree agricole periurbane
STRATEGIE/AZIONI
Immediata riconoscibilità ai luoghi della cintura verde attraverso l’uso di componenti
di arredo disegnate appositamente; disposizione ricorrente delle alberature, in gruppi
generalmente di tre elementi o secondo una maglia regolare; presenza della pista ciclabile
come elemento continuo di connessione
Costituzione di una serie di nodi e poli attrattori nel sistema attraverso la valorizzazione
dei parchi esistenti o dei luoghi notevoli secondo principi di potenziamento delle risorse
presenti e di riconversione delle strutture dismesse
Creazione di particolari “luoghi di meditazione” in cui potersi rifugiare (Gotheruh)
60
Attivare relazioni con i cittadini volte alla pubblicizzazione della cintura verde mediante la
realizzazione di cartine, opuscoli, sito internet e la programmazione di un fitto calendario
di eventi, spettacoli, concerti
TARGET
Realizzazione di nuovi “paesaggi di interesse speciale” e di interventi specifici riguardo
al potenziamento delle strutture fruitive e ricreative nei parchi pubblici esistenti al fine di
adeguarli al ruolo di luoghi focali del sistema
Forestazione urbana
Creazione di una rete ciclo-pedonale di collegamento con la città: settanta chilometri di
un anello ciclabile, che seguendo percorsi tematici diversi, tocca tutti i luoghi notevoli del
paesaggio di cintura
Realizzazione di aree con funzione di connessione ecologica, in particolare lungo il
sistema fluviale
Equipaggiamento con filari alberati dei percorsi di attraversamento degli spazi privati
Opere di miglioramento ambientale nelle aree agricole (alberature, sistemazione dei corsi
d’acqua e predisposizione della sentieristica)
Riconversione dell’agricoltura di tipo tradizionale praticata nelle aree periurbane in
agricoltura ecologica, a basso impatto ambientale, sfruttando la naturale fertilità del suolo
e promuovendo la biodiversità dell’ambiente
Adeguamento delle attrezzature sociali, in materia di igiene, ambiente e sicurezza
Costruzione e adeguamento di infrastrutture e manufatti stradale e ferroviari
RISULTATI OTTENUTI O RAPPORTO ATTIVITA’ DI MONITORAGGIO
Metodologici
Approvazione del Manifesto della cintura verde, uno statuto con le direttive del Grüngürtel,
che è diventato un modello di intervento progettuale per altre Amministrazioni tedesche.
Il Manifesto, propedeutico alla realizzazione del progetto per la Cintura Verde, comunica
la decisione del Consiglio Comunale della città di “assicurare aree libere attorno al nucleo
urbano centrale e di svilupparle a lungo termine”, creando uno spazio libero e aperto, che
favorisce la salvaguardia e a costituzione delle identità locali
61
Pratici
Salvaguardia di 8.000 ettari (un terzo dell’intero territorio comunale): dodici parchi pubblici
e settanta luoghi di interesse; tredici diverse passeggiate; sistema di percorsi ciclabili e
pedonali radiali che collegano l’Allenring con la cintura verde; percorso ciclabile circolare di
settanta chilometri, a cui sono stati recentemente aggiunti altri sessantatre; attrezzature
per affittare biciclette; parcheggi; punti di sosta e fermate trasporto pubblico
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
GrünGürtel svolge un ruolo di cerniera tra
Francoforte e il suo territorio, seguendo la
configurazione morfologica
Non si impongono nuove funzioni, ma si
assecondano le vocazionalità dei luoghi
Relazionalità trasversale garantita dai
corridoi verdi che si appoggiano alla rete
fluviale (connessioni ecologiche) e dai
percorsi ciclo-pedonali radiali e circolari
(connessioni funzionali)
ELEMENTI DI CRITICITA’
In alcuni casi si verificano criticità relative
alla morfologia urbana: la struttura a
blocco prevista nel progetto del quartiere
am Riedelberg in un’area agricola al
margine esterno del GrünGürtel non tiene
conto della funzione di collegamento di
quest’area tra la cintura verde e il parco
regionale del Reno-Meno
Fruibilità della cintura garantita da un
efficiente sistema di mobilità pubblica
(autobus e metropolitana)
Circuiti di valorizzazione turistica che
mettono in rete le risorse naturali, storiche
e culturali
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Acquisizione pubblica delle aree limitrofe ai parchi in quanto elementi cardine del sistema
Adozione di modalità di incentivi e convenzioni con i proprietari delle aree agricole e
forestali con meccanismo di scambi ed espropri: il Comune acquista i terreni agricoli
affittandoli a prezzi simbolici agli ex proprietari, i quali devono condurre attività conformi
alla normativa del GrünGürtel, ottenendo così incentivi. L’amministrazione realizza
contestualmente opere di miglioramento e sistemazione ambientale
Disegno della rete dei percorsi pedonali e ciclabili quali elementi di interconnessione e al
contempo di fruizione dei sistemi paesaggistici periurbani
Utilizzo della rete di sistemi ecologico-ambientali per la costruzione dei paesaggi agricoli
e periurbani
Mantenimento degli usi forestali e agricoli esistenti nei territori periurbani, limitando
l’intervento alle opere di miglioramento ambientale
Massima pubblicizzazione, diffusione e promozione di eventi e attività connesse al
progetto della Cintura Verde
62
FONTI
http://www.fedenatur.org/docs/docs/571.pdf
http://www.frankfurt-greencity.de/en/environment-frankfurt/frankfurt-the-green-city/
frankfurts-greenbelt/
Analisi del caso di studio a cura del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani, Politecnico
di Milano
63
17
Rhur Emscher
Località
Germania (Distretto della Ruhr, Regione
dell’Emscher, Nord Westfalia)
Periodo
1991-1999
Enti promotori
Regione dell’Emscher
OBIETTIVI
Realizzazione del grande Parco Paesaggistico dell’Emscher (Emscher Landschaft)
Riassetto del paesaggio mediante decontaminazione delle acque e dei terreni inquinati,
eliminazione delle barriere architettoniche e infrastrutturali e arricchimento delle specie
nelle zone depauperate
Ampliamento dello spazio, mediante l’incorporazione di aree precedentemente abitate
oppure già destinate all’edilizia residenziale
Interrelazione delle potenzialità ecologiche rimaste finora isolate
Realizzazione di nuovi attributi estetici nell’architettura del paesaggio, unitamente alla
creazione di attrazioni, ecologicamente tollerabili, per il tempo libero, lo sport e la cultura
STRATEGIE/AZIONI
L’intera operazione è stata suddivisa in sette settori principali d’intervento, o progetti guida
(realizzazione del parco, riqualificazione ecologica del bacino del fiume Emscher, nuove
forme dell’abitare, lavoro nel parco, ricreazione lungo il fiume, archeologia industriale,
aspetti sociali e culturali del tempo libero)
Preservare le rimanenti porzioni libere di paesaggio, attraverso la costituzione dei corridoi
verdi
Collegare in un unico insieme organico le aree isolate e separate
64
Trasformare in parchi alcune delle aree isolate
Raggiungere un accordo comune, sia a livello regionale che locale, su progetti specifici
(percorsi naturalistici, piste ciclabili, parchi paesaggistici, parchi ricreativi, parchi culturali) a
lungo termine
Mantenere e integrare i nuovi spazi aperti realizzati nella struttura permanente di tutela del
parco, attraverso la creazione di attrazioni, ecologicamente tollerabili, per il tempo libero,
lo sport e la cultura.
RISULTATI OTTENUTI
Il Parco ricopre oggi un’area di circa 320 Kmq, che rappresenta più di un terzo della
superficie complessiva della regione della Ruhr (800 Kmq). Esso si estende per circa 70
km, nella fascia est-ovest tra Duisburg, sul Reno e Bergkamen nella Westfalia e, in altezza,
per 10-12 km su entrambi i lati del fiume Emscher. Il suo tessuto connettivo, ricongiunge
e lega a sé le fasce di paesaggio che separano i 17 comuni compresi dal progetto.
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Interessi solidali dei principali comuni della
zona verso la rinascita economica, sociale,
culturale e ambientale dell’intera regione
Eventi, divulgazione, pubblicizzazione del
progetto
ELEMENTI DI CRITICITA’
Difficoltà di replicabilità. Le suddivisioni
politico-economiche e geomorfologiche,
che distinguono la maggior parte delle
regioni, determinano, quasi sempre,
l’impossibilità di gestire in modo coerente
e coordinato le diverse iniziative intraprese
dalle province e dai numerosi comuni
contenuti in esse. La regione della Ruhr, al
contrario, era stata uniformata in ogni sua
parte dall’industria mineraria ed estrattiva,
che aveva conformato a quest’unico
scopo i diversi territori e la ragione stessa
della fondazione delle città.
65
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Il progetto assume nel suo complesso un ruolo di modello e riferimento per altri casi
simili che caratterizzano numerose ex regioni industriali; ma si sottolinea che si tratta di
un progetto appropriato a questa specifica realtà sociale, culturale e ambientale, dalle
caratteristiche assolutamente uniche, che rendono questo tipo d’intervento, in buona
parte non “esportabile” e applicabile genericamente ad altri casi apparentemente simili di
altri contesti nazionali.
Elemento di interesse appare in ogni caso l’individuazione di progetti guida tematici (anche
riferiti a nuove forme dell’abitare e del lavoro), collocati all’interno di una robusta rete di
connessione ecologica – ambientale e di fruizione ludico – ricreativa e per il tempo libero
dei territori periurbani.
FONTI
http://www.ocs.polito.it/biblioteca/giardini/emscher_f.htm
http://80.33.141.76/pe_sta_perpetua/attachments/article/75/Emscher.pdf
Analisi del caso di studio a cura del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani, Politecnico
di Milano
66
18
SCOT – Projet d’aménagement et de
developpement durable (PADD)
Località
Francia (Communaute urbaine de Lyon)
Periodo
approvazione 2010
Enti promotori
Communaute urbaine de Lyon
OBIETTIVI
Salvaguardia e potenziamento del sistema del verde, costituito dalla rete degli spazi
naturali, agricoli, forestali (trama verde, corona verde – agricoltura periurbana, i cuori verdi)
STRATEGIE/AZIONI
Preservare la vocazione agricola dei terreni e salvaguardare l’economia agricola,
valorizzando la coltivazione e la diffusione di prodotto locali
Prevedere nelle aree agricole funzioni ricreative compatibili con le attività agricole
Mettere in rete le aree esistenti con la “trame verte” al fine di incrementare la sua efficacia
Ricercare, all’interno dell’area metropolitana o nelle immediate vicinanze, nuove aree
adatte ad essere luoghi di incontro
Messa in atto di una politica agricola locale (filiera corta)
67
RISULTATI ATTESI
Portare la comunità urbana di Lione tra le metropoli più attrattive d’Europa: l’area
metropolitana di Lione potrebbe accogliere tra i 300.000 e i 500.000 abitanti entro il 2030.
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Incremento della multifunzionalità e della
diversificazione del reddito dell’agricoltore
attraverso il supporto al “turismo verde” e
la fruizione diffusa del territorio rurale
ELEMENTI DI CRITICITA’
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Previsione di usi ricreativi e fruitivi all’interno delle aree agricole e periurbane (agriturismi,
fattorie didattiche, ecc.) quale supporto e qualificazione dei sistemi della produzione
agricola
Rilevanza del sistema delle “trame” verdi quale telaio fondamentale dei territori periurbani
Rilevanza e opportunità fornite dalla multifunzionalità e dalla diversificazione dei sistemi
economici e produttivi dei territori agricoli
Necessità di integrare le politiche e delle azioni ambientali all’interno di un quadro di
riferimento alla scala metropolitana per le complessive politiche urbane, dei trasporti,
dell’abitare
FONTI
http://www.scot-agglolyon.fr/_dynamique//documentation/fichiers/PADD.pdf
http://www.scot-agglolyon.fr/_dynamique//documentation/fichiers/etudereseauenap.
pdf
Analisi del caso di studio a cura del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani, Politecnico
di Milano
68
19
Anela Verda
Località
Spagna (Area metropolitana di Barcellona)
Periodo
Metà anni ‘90
Enti promotori
Disputaciòn Provincial (Area d’Espais
naturals) - Consiglio provinciale
OBIETTIVI
Promuovere un modello di sviluppo sostenibile, basato su principi di ecologia del
paesaggio, in cui il suolo è considerato matrice ecologica, le biodiversità sono da tutelare
e gli spazi naturali sono da integrare con gli spazi agricoli
Aumentare il livello della qualità ambientale e paesaggistica dell’intero territorio
Preservare il territorio limitando il fenomeno della diffusione e dispersione urbana
Garantire la produttività agricola
Preservare e potenziare gli aspetti ecologici e le biodiversità
Valorizzare e promuovere il paesaggio
STRATEGIE/AZIONI
Promozione di sistemi di produzione e commercializzazione che favoriscano l’incremento
delle rendite generate dalle aziende agricole, attraverso: 1. la promozione e introduzione di
nuove tecniche agricole, in particolare quelle che rispettano l’ambiente; 2. la promozione e
professionalizzazione dell’allevamento per renderla redditizia nel rispetto delle normative
vigenti; 3. la promozione della cooperazione tra gli agricoltori per valorizzare le produzioni
e migliorare le condizioni di accesso al mercato in modo competitivo
69
Messa in opera di servizi e modernizzazione delle aziende agrarie per migliorarne la
produttività, attraverso: 1. la messa in atto e sviluppo di servizi per le aziende agricole che
favoriscano l’incorporazione di valore aggiunto ai propri prodotti; 2. la promozione di una
normativa dello spazio agrario che renda possibile lo sviluppo delle aziende agrarie; 3. l’
adeguamento della struttura e il ridimensionamento delle aziende agrarie ai requisiti che
consentano la loro redditività.
Recupero di aree degradate attraverso la piantumazione di piante pirofite
Installazione di sistemi d’irrigazione, utilizzando le risorse d’acqua esistenti e sottoutilizzate
Sensibilizzazione della popolazione riguardo l’importanza della salvaguardia dei territori
periurbani, potenziando l’elaborazione di lavori di ricerca e divulgazione che abbiano
relazione con lo spazio e l’attività agraria.
Condivisione e pubblicizzazione del progetto e della proposta di attuazione attraverso
web, video, pubblicazioni, seminari.
RISULTATI OTTENUTI O RAPPORTO ATTIVITA’ DI MONITORAGGIO
Nella regione sono stati istituiti dodici Parchi Naturali che, messi a sistema con corridoi
verdi protetti, costituiscono una rete ecologica che consente la conservazione e il
potenziamento della diversità biologica. I dodici parchi interessano 99 municipi e danno
forma alla Rete dei Parchi Naturali della Provincia di Barcellona (Xarxa de Parcs Naturals de
la Diputaciò de Barcelona)
Progetto Life Anella Verda, che si propone di concretizzare attraverso azioni pilota o
dimostrative, aspetti della filosofia del progetto globale Anella Verda. Il progetto si basa su
quattro azioni-obiettivi:
divulgare il modello di sviluppo territoriale sostenibile
intervenire nei perimetri urbani vicini a zone naturali (spazi frontiera): programma di
restaurazione di aree periurbane
incidere su spazi di collegamento e, allo stesso tempo, promuovere attrezzature
pedagogiche
consolidare spazi agricoli periurbani attraverso azioni di ricerca e sviluppo, rivolte a
mantenere delle condizioni adeguate che permettano l’insediamento e la permanenza
della popolazione agricola in quei luoghi
70
I progetti più significativi, in cui si esplicitano le azioni sopraindicate, si sono sviluppati in tre
differenti localizzazioni della Regione metropolitana di Barcellona:
Santa Coloma de Gramenet (ripristino ecologico finalizzato a minimizzare gli impatti di
crescita nelle aree periurbane):
realizzazione di una riserva di acqua a Puig Castellar per il sistema di irrigazione e per
le operazioni antincendio
riforestazione con piante pirofite che limitano il diffondersi di incendi
realizzazione di una barriera naturale che riduce il numero di accessi allo spazio
aperto naturale e che, al contempo, ne incrementi l’utilizzo ricreativo
creazione di un’area tampone per limitare lo sviluppo urbano non pianificato
ripristino ecologico di La Bastida
accessibilità al Parque de Serralada Marina e recupero ecologico del fiume Calvet
riforestazione di “Pla de les Alzines”
adeguamento e riforestazione nel quartiere di Can Franquesa – Sandino Park
adeguamento e riforestazione nel quartiere di “Les Oliveres”
Mollet del Valles (Arboretum Europa. Sostituzione terreni edificabili con spazi verdi
periurbani):
definizione dei principali criteri di attuazione (tipologia di attuazione, selezione delle
specie e varietà, selezione dei materiali e arredi, scelta del sistema di irrigazione)
redazione del progetto
Parque Agrario del Baix Llobregat (arboreto e un vivaio per la valorizzazione delle specie
tradizionali e il potenziamento delle varietà degli alberi da frutto):
installazione del sistema di irrigazione
distribuzione e commercializzazione delle specie e delle varietà
valorizzazione e modernizzazione delle fattorie
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
La razionalizzazione del progetto Anella
Verda comporta un immediato beneficio
ambientale,
attraverso
il
risparmio
energetico, la minimizzazione degli impatti
relativi alla distruzione degli habitat, il
recupero e la conservazione degli spazi
periurbani (cfr. risultati ottenuti)
ELEMENTI DI CRITICITA’
Cooperazione tra diversi enti e livelli
istituzionali (il piano stesso, elaborato
inizialmente nell’ambito del programma
LIFE, è un accordo istituzionale tra le parti
presenti nel Consorzio del Parco)
Integrazione aree naturali e agricole in
un’unica matrice ecologica territoriale, che
coordina sostenibilità e bio-diversità
71
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Consolidamento / salvaguardia / valorizzazione degli spazi agricoli periurbani attraverso
azioni di ricerca e sviluppo, rivolte a mantenere condizioni adeguate che permettano
l’insediamento e la permanenza della popolazione agricola in quei luoghi
Individuazione di politiche, azioni e regole finalizzate al contenimento del fenomeno della
diffusione e dispersione urbana
Modalità articolate e intensive di condivisione e pubblicizzazione del progetto
FONTI
http://ec.europa.eu/environment/life/project/Projects/index.cfm?fuseaction=search.
dspPage&n_proj_id=1880&docType=pdf
http://www.diba.es/parcsn/parcs/life/cast/life.htm
Analisi del caso di studio a cura del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani, Politecnico
di Milano
72
20
DAM - Distretto agricolo di Milano
Località
Italia (Milano)
Periodo
dal 2011
Enti promotori
Confederazione Italiana Agricoltori, Comune
di Milano, Provincia di Milano, Regione
Lombardia, 31 aziende agricole del Comune
di Milano
OBIETTIVI
Consolidamento dell’attitudine produttiva del territorio coltivato, anche per tutelare beni
comuni (acque e suolo) e per contrastare il rischio di degrado paesaggistico ambientale:
> diversificazione della produzione agricola anche per stabilire rapporti tra domanda
e offerta locale e per generare un paesaggio variegato;
> incremento della capacità di trasformazione in loco dei prodotti (progetti societari:
mieleria, riseria, caseificio, ..);
> aumento della capacità ricettiva (posti letto, ristorazione, attività ricreativa, attività
riabilitative, attività educative, culturali, …).
Commercializzazione di prodotti agricoli attraverso canali diretti di vendita e promozione
della produzione agricola locale
Presidio del territorio a livello di microcriminalità e macrocriminalità
Sicurezza: adeguamento strutture aziendali alla normativa vigente
Recupero del degrado paesaggistico-ambientale: pulizie ambientali, fasce tampone, …
Fornitura di servizi ambientali per la collettività: manutenzione reticolo idrico minore e
maggiore e degli spazi aperti verdi del territorio comunale
Interventi per la fruizione del territorio: sentieri, aree di sosta e pic-nic
Riqualificazione paesaggistico ambientale al fine di recuperare, valorizzandole, gli elementi
identitari del paesaggio agrario: marcite, fontanili, siepi, aree boscate e filari, anche come
interventi di mitigazione di infrastrutture
73
STRATEGIE/AZIONI
Mobilitazione di risorse pubblico-private per il miglioramento fondiario
Recupero/risanamento del patrimonio edilizio (le cascine)
Riqualificazione paesaggistico/ambientale dei fondi e, più in generale, degli spazi verdi
Commercializzazione dei prodotti aziendali
Ricettività
Attività di comunicazione e di educazione
Coesione tra gli agricoltori operanti negli ambiti agricoli del comune di Milano e,
collaborazione del Consorzio DAM con altri soggetti economici e sociali che possono
concorrere al perseguimento degli obiettivi generali del distretto
Definizione di un interlocutore unitario agli enti territoriali che intendono attuare iniziative
di valorizzazione del territorio agricolo
Promozione di progetti locali (per ambito territoriale) che valorizzino le peculiarità locali, in
sintonia con gli obiettivi generali del DAM
Sottoscrizione di un Protocollo di intesa finalizzato alla definizione di un Contratto di
distretto
RISULTATI ATTESI
Mantenimento della possibilità di irrigazione e efficienza della rete irrigua
Valorizzazione della presenza dell’acqua nel territorio
Risanamento e recupero delle strutture rurali
Recupero degli spazi sottoutilizzati e/o abbandonati ed ammodernamento delle strutture
Incremento attività multifunzionali e di servizio
Incremento della produzione agricola
Razionalizzazione del processo produttivo, anche mediante la collaborazione e la ricerca
di sinergie fra le varie aziende
Miglioramento delle condizioni ambientali e della sicurezza
Fruibilità degli spazi aperti verdi alla cittadinanza di Milano
74
Aumento della coesione tra tutti i soggetti che lavorano, vivono e fruiscono del territorio
rurale di Milano
Sviluppo di un processo virtuoso di governance delle trasformazioni territoriali con
particolare attenzione alla qualità delle acque, ruralizzazione del territorio, tutela dei suoli
Valorizzazione delle rilevanze paesaggistico ambientali e contenimento dei fenomeni di
degrado, anche solo potenziale, degli ambiti territoriali distrettuali
Integrazione del reddito delle aziende e incremento del ruolo multifunzionale dell’attività
agricola
Valorizzazione dell’attività delle imprese in modo tale che lo sviluppo imprenditoriale
concorra alla crescita di qualità sociale, ambientale e paesaggistica, alla sicurezza e alla
possibilità di fruizione del territorio milanese in tutte le sue valenze
Sottoscrizione di un Contratto di distretto fortemente condiviso
Posizionamento del Consorzio DAM come interlocutore unitario agli enti territoriali che
intendono attuare iniziative di valorizzazione del Distretto rurale per sviluppare politiche
condivise
Miglioramento della sinergia con i concittadini e implementazione del reddito distrettuale
Comunicare nel modo più pervasivo la visione e l’operatività distrettuale al fine di
promuovere e valorizzare il mondo rurale di Milano e la cultura agricola in senso lato, per
diffondere la consapevolezza sul ruolo degli agricoltori nella manutenzione del territorio,
sulla tutela delle aree agricole come strategiche nello sviluppo e dei manufatti agricoli
come patrimonio della collettività, sull’incremento e miglioramento delle attività produttive
e di quelle ad esse correlate
Realizzazione della messa a sistema degli eventi (culturali, artistici, di promozione) in gran
parte oggi già realizzati dalle singole aziende e da altre organizzazioni locali (associazioni,
comitati, ecc.), in modo tale da valorizzare il patrimonio della civiltà rurale di Milano nella
sua autenticità
Messa a disposizione del Distretto banche dati e esiti di ricerche ad hoc per lo sviluppo
dell’iniziativa distrettuale
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Numerosità dei soggetti coinvolti
ELEMENTI DI CRITICITA’
Ambito interdisciplinare di applicazione dei
progetti pilota (sviluppo rurale, paesaggio,
turismo, didattica, sostegno sociale)
Valorizzazione del paesaggio agrario e
dei beni storico-architettonici, considerati
elementi di identità da valorizzare e mettere
a sistema
75
Eterogeneità delle azioni intraprese
Attivazione di progetti specifici e previsione
di costi
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Cooperazione tra i diversi Enti e soggetti per una migliore gestione del territorio periurbano
Definizione di un soggetto unitario che fa da referente tra operatori e istituzioni
Multidisciplinarietà delle azioni previste
Sottoscrizione di un documento condiviso di obiettivi, strategie e azioni
FONTI
www.consorziodam.com
Analisi del caso studio a cura di Fondazione Lombardia per l’Ambiente
76
21
Districts With Special Development Needs
Socially Integrative City
Località
Germania, 355 comuni e 571 aree (16 localitàpilota nella fase iniziale : Singen Langenrain;
Nürnberg Galgenhof/Steinbühl; Berlin-Kreuzberg
Kottbusser Tor; Cottbus Sachsendorf-Madlow;
Bremen-Gröpelingen; Hamburg-Altona
Lurup;
Kassel Nordstadt; Schwerin Neu Zippendorf;
Hannover
Vahrenheide-Ost;
Gelsenkirchen
Bismarck/Schalke Nord; Ludwigshafen Westend;
Neunkirchen Innenstadt; Leipzig Leipziger Osten;
Halle Silberhöhe; Flensburg Neustadt; Leinefelde
Südstadt).
Periodo
2009 (dal 1999 in via sperimentale) – oggi
OBIETTIVI
Approccio integrato alle politiche di sviluppo distrettuale urbano, includendo azioni di
“neighbourhood management”, valutazione e monitoraggio che possono essere (ri)lette
sulla base di alcune parole-chiave quali accessibilità, identità, sostenibilità
STRATEGIE/AZIONI
Investimento mirato delle risorse comunali, per il sostegno e lo sviluppo dell’iniziativa
imprenditoriale locale, per l’occupazione e la formazione, per l’economia “sociale” (ad es.
favorendo imprese fortemente radicate nel territorio, investendo sulla capillarità dei servizi
anche a livello distrettuale, realizzando spazi e luoghi di aggregazione)
Inclusione del “neighborhood management” in una prospettiva più ampia di governo della
città. Il “neighborhood management” ha l’obiettivo di facilitare uno sviluppo sostenibile
a livello di quartieri e distretti e rivisitare il ruolo dei policy makers, collocandolo in una
dimensione di organizzazione degli interessi locali e di catalizzatore delle risorse, piuttosto
che di mera supervisione
Attivazione di nuove sedi operative responsabili di vari settori di attività e livelli
Attivazione ed “empowerment” dei residenti, con il coinvolgimento di imprese locali,
istituzioni del quartiere (scuole, strutture pre-scolari, chiese, polizia), comunità, iniziative ed
associazioni locali. Molti dei progetti-pilota hanno infatti rivelato che, dietro ad iniziative
imprenditoriali di successo a livello locale ci sono spesso visioni che perseguono più
obiettivi contemporaneamente, secondo un approccio di tipo sinergico e olistico (es. la
Neukölln Territorial Employment Pactlocal economic strategy)
77
Inventario dettagliato delle imprese che operano nella zona, come base per lo sviluppo
distrettuale integrato. I dati sono generalmente raccolti nel processo di attuazione del
programma, analizzati, valorizzati e messi a disposizione dei vari livelli del processo
decisionale, distrettuale e comunale
RISULTATI OTTENUTI
Stabilizzazione di aree a rischio di declino e riqualificazione, in termini di investimenti in
maggiore sicurezza, nuove opportunità di occupazione, nuove strutture ricreative per
bambini e giovani, luoghi di incontro per le famiglie
Utilizzo di fondi pubblici per lo sviluppo di strutture auto-sufficienti e partecipative, per la
formazione e l’integrazione dei giovani, anche stranieri
miglioramento della qualità residenziale e commerciale; creazione di “fondi di quartiere”,
per lo start-up di iniziative imprenditoriali espressione della comunità locale
I report sulle iniziative intraprese nelle 16 “città pilota” sono consultabili singolarmente
all’indirizzo http://www.sozialestadt.de/en/veroeffentlichungen/zwischenbilanz/
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Fase pilota sufficientemente estesa (19992003), che ha consentito di identificare le
aree bisognose di intervento e predisporre
progetti praticabili e credibili, grazie alla
definizione chiara delle responsabilità
ELEMENTI DI CRITICITA’
Volontà politica di privilegiare aree
particolarmente fragili, non necessariamente
dotate di capacità attrattiva (quali
tipicamente quelle periurbane collocate ad
esempio su rilievi)
78
La scelta delle aree è stata fatta sulla base
della disponibilità regolare di dati relativi
alle città ma, soprattutto, alle periferie (con
riferimento alle macroaree rapporti sociali,
ambiente, situazione demografica, povertà,
salute). Per questa ragione sono state
privilegiate città come Berlino, Duisburg,
Essen, Gelsenkirchen e Monaco di Baviera
Consenso politico alla base dell’iniziativa
Impegno dei singoli e degli enti, a livelli
diversi ma interconnessi della società
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Trasferibilità del modello organizzativo del “neighborhood management”, che postula e
realizza un ampio consenso tra gli attori locali coinvolti ai diversi livelli e la loro convergenza
verso priorità condivise di sviluppo capillare dei quartieri.
Impiego dell’approccio del “neighborhood management” in una prospettiva di governo,
ai fini dell’identificazione e della valutazione degli elementi di forza e di debolezza dei
territori periurbani lombardi, senza prescindere dal profilo sociale, ambientale, demografico
e sanitario della popolazione che vi risiede. Questo approccio raccomanda in particolare
di adottare, accanto agli indicatori tradizionali, anche indicatori di tipo sociale, capaci di
leggere le trasformazioni del territorio da un punto di vista dell’evoluzione di ritmi e stili di
vita, dei legami di vicinato, della gestione del tempo libero, della percezione soggettiva dei
luoghi, dei legami intracomunitari e identitari;
Rilevazione di informazioni recuperate ad un livello di micro-scala (es. quartieri, aree
funzionali, zone di decentramento amministrativo), che consentono di spiegare e
georeferenziare sacche di marginalità all’interno dei territori periurbani che, prima che
geografiche, sono soprattutto “sociali” (es. caratterizzate da carenza di rinnovamento
e modernizzazione, disinvestimenti, qualità di vita al di sotto della media, eccessiva
pressione edilizia, limitata accessibilità, mancanza di aree verdi e spazi aperti, inquinamento
acustico e atmosferico, insufficienti infrastrutture sociali e culturali, strutture per il tempo
libero inadeguate, deindustrializzazione, disoccupazione di lunga durata, dipendenza da
sussidi statali superiore alla media, perdita di potere d’acquisto da parte delle famiglie);
Formulazione di paradigmi di policy integrati, basati sui determinanti di marginalità individuali
e del contesto di vita.
FONTI
http://www.sozialestadt.de/en/programm/
http://www.sozialestadt.de/en/veroeffentlichungen/zwischenbilanz/
Analisi del caso studio a cura del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, Università
degli Studi di Milano-Bicocca
79
22
Transition cities
Località
Gran Bretagna (Making Local Food Work,
Reconomy, EnergyShare); Spagna (Mallorca
EcoLab/ Mallorca EcoConvivencias
Periodo
2006 - oggi
OBIETTIVI
In risposta ai problemi globali del cambiamento climatico, dei cambiamenti economici,
dello spreco di energia e di altre risorse, questa rete condivide un “manifesto” di valori
comuni, sulla base dei quali offre visibilità ad iniziative e progetti “dal basso”, favorendo
una rete di cooperazione e dialogo transnazionale. Degli oltre 860 progetti sono stati
selezionati 4 progetti di valorizzazione delle zone periurbane, sulla base di alcune parole
chiave prescelte (“sostenibilità sociale”, “Oltre il PIL”, “sostenibilità ambientale”, “identità”).
STRATEGIE/AZIONI
Sostenibilità sociale - Making Local Food Work: http://www.makinglocalfoodwork.
co.uk/about/casestudy.cfm Assistenza (in termini di consulenza, rivisitazione dei modelli
manageriali in atto, supporto finanziario) allo start-up di iniziative imprenditoriali nell’ambito
agroalimentare, ivi inclusi i mercati contadini, le cooperative alimentari e i gruppi di
acquisto, i poli agroalimentari locali, i negozi gestiti da comunità rurali (che consolidano il
senso di appartenenza alla comunità)
Sviluppo “Oltre il PIL”: Reconomy http://www.transitionnetwork.org/cms/reconomyproject-workspace/pages/economic-evaluation) Coinvolgimento delle imprese e delle
organizzazioni locali nella creazione di una banca dati comune e nella definizione di
misure condivise per la valutazione ex ante, in itinere ed ex post, nella comunicazione dei
risultati e nella facilitazione del raccordo delle migliori iniziative con le imprese esistenti. La
pratica “di transizione” di successo è, per definizione, “meno dipendente dai combustibili
fossili, inclusiva e diversificata, capace di offrire posti di lavoro, beni e servizi necessari alla
comunità locale, mirando a correggere le disuguaglianze economiche” (http://www.pced.com/1/)
80
Sostenibilità
ambientale:
http://www.energyshare.com/groups/full-case-studies/
Gemellaggi di transizione urbano / rurale, per l’attrazione di investimenti da una più ampia
‘community’ di persone interessate alla gestione ed al potenziamento delle energie
rinnovabili
Identità sostenibile: Mallorca EcoLab/ Mallorca EcoConvivencias http://transitionspain.
ning.com/;
http://www.transitionnetwork.org/sites/default/files/OWVillages_Projects_
Eng_A3.sm_.pdf Itinerari turistici di sensibilizzazione alla “permacultura” (intesa come
conservazione consapevole ed etica di ecosistemi produttivi che hanno la diversità, la
stabilità e la flessibilità degli ecosistemi naturali). EcoLab, in particolare, offre la possibilità
di risiedere in una sorta di “paese sostenibile” in scala, di circa 2 ettari, dove l’edilizia
“sostenibile” (attuata mediante la costruzione di 5 diverse tipologie di abitazione) convive
con la gestione consapevole delle acque, dell’energia, degli allevamenti
RISULTATI OTTENUTI
L’iniziativa Making Local Food Work (MLFW) ha favorito lo start-up di mercati contadini,
cooperative alimentari e gruppi di acquisto, poli agroalimentari locali, negozi gestiti
da comunità rurali, finanziando parte del fabbisogno iniziale e fornendo consulenza
formativa. Per un elenco dettagliato delle iniziative attivate si consulti il link http://www.
makinglocalfoodwork.co.uk/about/casestudy.cfm
Il progetto “Reconomy” ha concluso la fase di dibattito e la conseguente selezione
dei requisiti sulla base dei quali individuare le iniziative virtuose (scarsa dipendenza dai
combustibili fossili, inclusione e diversificazione, forte radicamento territoriale)
Alcune comunità rurali hanno attivato iniziative imprenditoriali per la gestione di fonti
rinnovabili e il reinvestimento degli utili in progetti di riqualificazione territoriale, talvolta
anche mediante gemellaggi di transizione tra territori urbani e rurali
EcoLab e Mallorca EcoConvivencias ospitano diversi turisti ogni anno ai fini della promozione
e della divulgazione dei concetti di permacultura e della sostenibilità ambientale in generale
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Promozione delle tipicità locali
Interazione aree urbane-rurali per la
gestione e la valorizzazione di energie
rinnovabili e la salvaguardia delle risorse
naturali
ELEMENTI DI CRITICITA’
Costi di conversione dai tradizionali
insediamenti produttivi a sistemi produttivi
sostenibili, secondo i principi della
“permacultura”
81
Promozione
della
“permacultura”
e
sensibilizzazione dell’opinione pubblica
rispetto al tema degli “insediamenti
sostenibili”, che riducono l’utilizzo di energia
e incrementano la propria autonomia a
tutti i livelli (es. creazione di orti comuni,
riciclaggio di materie di scarto come materia
prima per altre filiere produttive, riparazione
di vecchi oggetti non più funzionanti in
luogo della loro dismissione)
Costi di attivazione e sostenibilità delle
iniziative imprenditoriali locali
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Adozione dei principi della permacultura (fattibilità e carotaggio su zone specifiche)
Promozione di iniziative imprenditoriali in contesti periurbani, capaci di generare energia da
fonti rinnovabili presenti sul territorio (energia idrica, solare, biomasse) e reinvestire parte
degli utili in progetti comunitari;
Istituzione di consorzi o forme alternative di associazione tra aree urbane e aree rurali per
la gestione condivisa delle fonti di energia, l’individuazione di aree vulnerabili e la ricerca di
fondi per il potenziamento e la valorizzazione del territorio
FONTI
http://www.transitionnetwork.org/
http://www.makinglocalfoodwork.co.uk/about/casestudy.cfm
http://www.transitionnetwork.org/cms/reconomy-project-workspace/pages/economicevaluation
http://www.energyshare.com/groups/full-case-studies/
http://transitionspain.ning.com/;
http://www.transitionnetwork.org/sites/default/files/
OWVillages_Projects_Eng_A3.sm_.pdf
Analisi del caso studio a cura di Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, Università
degli Studi di Milano-Bicocca
82
23
Piano Metropolitano Strategico di
Barcellona (Spagna)
Località
Spagna (Regione di Barcellona)
Periodo
2003 – oggi
OBIETTIVI
Il Piano Strategico di Barcellona è promosso dal Comune di Barcellona e interessa 36 unità
amministrative, per una superficie totale di 628 km2 e una popolazione di oltre tre milioni
di persone. L’obiettivo è consolidare un percorso di cambiamento che sappia guidare lo
sviluppo economico-sociale dell’area metropolitana puntando sulla qualità della coesione
sociale, offrendo un modello credibile di sostenibilità e rinnovando costantemente il
potenziale di crescita dei territori interessati
STRATEGIE/AZIONI
Il Piano si sviluppa secondo sette aree tematiche, che identificano le principali priorità:
1) Conoscenza: costituzione del “Campus di Barcellona” e di un “cluster di istruzione
superiore”;
2) Mobilità/accessibilità: predisposizione di linee ferroviarie veloci (Barcellona-frontiera
francese, rete ferroviaria per il Baix Llobregat, sistema ferroviario Sant Andreu - La Sagrera,
rete di accesso ferroviaria al nuovo terminal dell’aeroporto di Barcellona); costruzione di
nuove linee metropolitane e prolungamento delle vie esistenti (es. linea 1 FMB Badalona,
linea 2 tra FMB Sant Antoni e Parc Logístic); nuove piattaforme bus sulla strada C-245 tra
Castelldefels e Cornellà deLlobregat; RetBus (www.tmb.cat);
3) Promozione di settori strategici: aeronautica; agroalimentare (es. Torribera Food Campus,
BZ Barcelona Innovation Zone); audiovisivo; bioregione (es. ampliamento del Barcellona
Science Park, Biopol’H, sviluppo di centri per la ricerca sul cancro, la salute mentale, la
riabilitazione mediante tecnologie rivoluzionarie);
83
4) Infrastrutture chiave e facilities: espansione del sito fieristico di Barcellona, promozione
del distretto dell’innovazione (22 @ Barcelona) e di altre zone della periferia della città
(Viladecans Business Park, Parc de l’Alba, Can Zam Parco, Prat Nord Centro Direzionale)
5) Sostenibilità e ambiente (tra i progetti operativi: SOSTAQUA; riqualificazione sociale
ed ambientale della zona fluviale di Llobregat nella contea di Baix Llobregat; LIMA, Low
Impact Mediterranean Architecture; LIVE Barcelona, logistica per l’implementazione di
veicoli elettrici)
6) Progettazione internazionale e attrazione dei talenti mediante iniziative diverse:
bizBarcelona (dedicata ad imprenditorialità/ innovazione), Barcelona / World Platform
(osservatorio), Consulates of the Sea (per la promozione della città di Barcellona all’estero),
Do it in Barcelona (premiato da Eurocities nel 2010 come migliore progetto innovativo,
www.doitinbcn.com), Barcelona Economic Triangle (rivolto alla riqualificazione delle aree
di Alba Synchrotron Park (Vallès Area), del [email protected] district (Besòs Area) e della
DeltaBCN e BZ Barcelona Innovation Zone (Llobregat Area).
7) Urbano e Coesione Sociale (tra i progetti operativi più significativi: riqualificazione urbana
della zona di Vista Alegre; Montserratina; Raval South; La Vinya, Can Clos)
RISULTATI OTTENUTI
I principali risultati intermedi della BP selezionata sono consultabili, per ogni singola iniziativa
progettuale, ai link http://www.pemb.cat/en/metropolitan-projects/strategic-projects/ e
http://www.pemb.cat/en/publications/pemb-publications/
Dall’ultimo bollettino disponibile, datato Febbraio 2011, si evince la sostanziale conclusione
della predisposizione del documento strategico di attuazione e la formulazione dei principali
obiettivi da conseguire. Dopo l’approvazione della proposta del PEMB, a novembre 2010,
si è pervenuti ad un consenso e un’ampia partecipazione dei settori pubblico e privato
per un totale di 650 esperti coinvolti
Attualmente risultano operativi 40 dei progetti selezionati, finalizzati alle strategie
precedentemente esposte
84
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Cooperazione tra istituzioni locali, camera
di commercio, aziende, università e
governance partecipata;
Presenza degli organi tecnici fin dai primi
momenti
Il Consiglio Generale, organo principe,
partecipa a tutti i momenti per assicurare
uniformità d’intenti
ELEMENTI DI CRITICITA’
Troppi soggetti coinvolti e tutti attraverso
strumenti formali (commissioni, assemblee
generali, consigli, etc…);
la valutazione da parte di tecnici della
bozza di Piano viene ripetuta più volte in
organi diversi durante tutto il processo,
forse talvolta inutilmente
i cittadini sono stati esclusi nella fase di
predisposizione del documento strategico
Forte sinergia e coesione tra i diversi
portatori di interesse
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Pianificazione strategica partecipata tra attori diversi (Town Councils, Camera di Commercio,
Free Zone Consortium, sindacati, università, centri per l’impiego, imprenditori), che ha
declinato l’obiettivo di uno sviluppo integrato secondo direttrici diverse e ben riconoscibili
(ad esempio, per la regione di Barcellona, il turismo, la ricerca medica, l’aeronautica, le
telecomunicazioni)
Coinvolgimento di attori diversi, ivi inclusi i cittadini in fasi e con strumenti diversi lungo
tutto il processo di predisposizione del Piano Strategico. Per il PEMB i principali elementi
decisivi si riconducono alla concertazione con il sistema normativo (che ha legittimato
la costituzione di un’area metropolitana), all’intesa tra università, studenti e aziende per
la creazione di un sistema formativo che rafforzasse la posizione di eccellenza e la
conoscenza trasversale, ad un’amministrazione rapida, affidabile e business-friendly, che
favorisse la creazione d’impresa secondo un’ottica “g-locale”
FONTI
http://www.pemb.cat/en/
http://www.pemb.cat/en/metropolitan-projects/strategic-projects/
http://www.pemb.cat/en/publications/pemb-publications/
Analisi del caso studio a cura di Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, Università
degli Studi di Milano-Bicocca
85
24
Partenariati rurali in Italia (PROGRAMMI
LEADER I-II )
Località
Italia - Valle del Crocchio (Calabria), A.L.L.BA.
(Basilicata), Capo Santa Maria di Leuca (Puglia),
Soprip (Emilia-Romagna)
Periodo
1991-1993 (I)
1994-1999 (II)
OBIETTIVI
Nel quadro delle politiche di sviluppo rurale adottate dalla Comunità Europea si inserisce il
programma LEADER, che mira a :
> Promuovere uno sviluppo rurale integrato nelle aree marginali, basato sulla valorizzazione
delle risorse endogene e sull’approccio “bottom-up”;
> Sperimentare nuovi metodi di partecipazione alla vita pubblica da parte degli attori locali;
> Sostenere processi dinamici di sviluppo sostenibile, quali
- il progetto Valle del Crocchio ha inteso operare interventi su micro-scala secondo un
approccio integrato;
- il progetto A.L.L.B.A ha inteso promuovere lo sviluppo e creare occupazione in loco;
- il progetto Capo S. Maria di Leuca ha inteso promuovere il turismo rurale, le innovazioni
in campo agricolo e il sostegno alle piccole imprese locali;
- il progetto Soprip ha inteso ridurre la diseguaglianza tra le aree interne più povere e
quelle esterne meno svantaggiate, aumentare il reddito medio procapite, aumentare le
opportunità di lavoro.
86
STRATEGIE/AZIONI
Acquisizione preliminare della conoscenza dei territori mediante istruttoria tecnicoamministrativa, valutazione e impegno di spesa degli interventi sia materiali che immateriali
Diffusione di una nuova cultura imprenditoriale, ad elevato contenuto di innovazione, che
generi opportunità di lavoro per le giovani generazioni (SME, ad es., per A.L.L.B.A e Soprip);
Incentivi allo sviluppo di attività agricole alternative: nel GAL Valle del Crocchio sono in
particolare sostenute alcune aziende agricole che hanno avviato in via sperimentale
colture nel campo delle piante officinali, dell’orticoltura e della floricoltura. L’intervento
viene realizzato, in particolare, dall’Unione Provinciale Agricoltori;
Sostegno e promozione dei prodotti agricoli locali, mediante: (i) la costituzione di un
Consorzio (Valle del Crocchio) che ha il compito di gestire il sistema di valorizzazione e
promozione dei prodotti tipici del comprensorio sotto un unico marchio, sovraintendendo
alle attività di controllo e di promozione commerciale dei prodotti; (ii) un catalogo
elettronico dei prodotti agroalimentari e artigianali locali, che consente la prenotazione e
l’acquisto da parte dei potenziali clienti (Capo S. Maria di Leuca)
Promozione del turismo nelle zone interne, mediante (i) la creazione di alcuni sportelli
informativi (Valle del Crocchio) presso i quali sono disponibili informazioni sugli itinerari,
gli eventi culturali, folcloristici e sportivi locali, sui punti vendita dei prodotti tradizionali e
la realizzazione di piccole opere di restauro di beni archeologici; (ii) l’individuazione di
itinerari tematici lungo la costa e nell’entroterra, la predisposizione di un assortimento
di servizi (ristorazione, relax, piccolo museo/laboratorio, lavorazione “in vetrina”) e la
trasformazione di piccole aziende in laboratori/musei (ALLBA); (iii) la realizzazione di una
rete del turismo rurale (Soprip) attraverso la dotazione ai comuni presenti nell’area di centri
di informazione turistica automatizzati, collegati in rete (TOTEM). I totem saranno installati
nelle piazze dei comuni e forniranno notizie riguardanti il territorio ed il turismo (percorsi
turistici eno-gastronomici e artigianali, strutture ricettive e ristorazione)
Creazione di progetti culturali e sociali;
Creazione di partnership pubblico-privato che: (i) sostengono la presenza delle piccole e
medie imprese locali, e in particolare, nella Valle del Crocchio, i piccoli laboratori artigianali
agroalimentari e di ricamo, in termini culturali (assistenza, formazione, informazione) e
finanziari; (ii) migliorano la qualità di vita delle persone promuovendo stili di vita “sostenibili”.
In particolare, nel GAL di A.L.L.B.A, la Banca di Credito Cooperativo del Pollino mette a
disposizione alcune agevolazioni per dotare gli immobili (adibiti ad uso civile, industriale,
artigianale, commerciale, turistico, sportivo e agricolo) di impianti a energia solare (sistemi
fotovoltaici, collettori solari); (iii) favorisce l’incontro tra scuola e mondo del lavoro,
mediante l’attivazione di corsi professionali specifici.
87
RISULTATI OTTENUTI
Il Gruppo di Azione Locale “Valle del Crocchio” è una società consortile a responsabilità
limitata che dal 1996 assume un ruolo attivo nello sviluppo dell’area, attraverso la gestione
del progetto comunitario Leader II. Conclusasi in modo positivo la prima esperienza di
sviluppo dal basso, il GAL continua la propria attività attraverso la gestione della nuova
iniziativa comunitaria Leader+. Attualmente, il GAL Valle del Crocchio è composto da forze
politiche, sociali ed economiche altamente rappresentative in riferimento al territorio in cui
insiste e opera
Il GAL A.L.L.B.A (Agenzia di Sviluppo Locale Leader della Basilicata Sud-Occidentale) è una
società consortile mista a responsabilità limitata, che dal 1991 si occupa di animazione
e turismo rurale, formazione professionale e valorizzazione e commercializzazione di
prodotti agricoli locali
Il GAL Capo S. Maria di Leuca, nell’ambito del Programma di Iniziativa Comunitaria LEADER
II, contribuisce a valorizzare le ricchezze dell’area attraverso la creazione di un repertorio
iconografico e multimediale dei beni storici, culturali, architettonici e ambientali per favorire
il turismo
Soprip ha operato principalmente mediante 5 direttrici: (i) valorizzazione del patrimonio
culturale e naturale e della vitalità del territorio rurale (sostenendo progetti di valorizzazione
dei Parchi e delle zone di pregio ambientale, iniziative di qualificazione delle PMI in essi
insediate e azioni di valorizzazione turistica delle emergenze geologiche e delle acque
attraverso azioni pilota di recupero e qualificazione di siti industriali dismessi, interventi
di valorizzazione dei luoghi della cultura e della civiltà rurale e recupero e rilancio delle
arti espressive tradizionali); (ii) innovazione e qualificazione del sistema produttivo locale
(sostenendo la creazione di reti d’impresa, i processi di qualificazione delle aziende e
delle loro produzioni, la diffusione dei sistemi di certificazione e il rafforzamento delle
relazioni commerciali. Particolare attenzione è stata dedicata a progetti di reintroduzione
dell’allevamento brado di razze suine autoctone, di filiera della carne di qualità, di rinforzo
delle catene produttive e commerciali dei prodotti tipici e biologici); (iii) marketing territoriale
(sostenendo un progetto strategico di marketing dell’area Leader + finalizzato a stimolare
la definizione di un “Prodotto Appennino” attraverso azioni che mediante il rafforzamento
del tessuto economico esistente e delle condizioni di attrattività ed efficienza del territorio,
lo sviluppo di nuova imprenditorialità e la diffusione dell’innovazione si propone di attirare
nuovi investimenti, competenze, nuclei famigliari e utenti); (iv) formazione professionale
(sostenendo la realizzazione di una indagine sui fabbisogni formativi che tendesse a prendere
atto del presente ed ipotizzasse al tempo stesso le linee future, in un’ottica di razionalità
e coordinamento degli attori a vario titolo coinvolti); (v) cooperazione transnazionale ed
interterritoriale (sostenendo progetti in grado di offrire la concreta possibilità di mettere in
relazione le risorse locali con un contesto più ampio, favorendo il superamento dei vincoli
tipici della dimensione locale, incrementando la capacità d’internazionalizzazione delle PMI
e favorendo il consolidamento delle reti di collaborazione fra diverse realtà locali)
88
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Adozione del paradigma del partenariato
rurale, in accordo con altri paesi europei
e conseguente possibilità di comparare le
strategie adottate e i risultati ottenuti
Creazione di GAL (Gruppo di azione Locale)
composti da forze politiche, sociali ed
economiche altamente rappresentative
(tale rappresentatività discende, in molti casi,
dal sostanziale equilibrio fra componente
pubblica e privata della partnership e
dall’ampio grado di apertura dei settori
produttivi)
Sperimentazione
di
impostazioni
endogene, spesso innovative, dello
sviluppo rurale : Soprip, ad esempio, ha
creato un sistema di relazioni dirette tra il
GAL e gli operatori locali, per la raccolta di
stimoli tematici e di proposte progettuali;
ha sostenuto il senso di continuità e
di appartenenza delle comunità locali
attraverso azioni di recupero delle tradizioni
e delle identità culturali; ha favorito la
diffusione di una “cultura della qualità”
nelle produzioni tipiche, promuovendo
le reti d’impresa, sostenendo le politiche
di commercializzazione delle produzioni
locali e favorendo il recupero di prodotti
delle tradizioni; ha condiviso esperienze
che nascono in ambiti diversi e concertato
metodologie e strategie comuni, anche
di lungo periodo, per lo sviluppo dei
macroterritori
ELEMENTI DI CRITICITA’
In fase iniziale il partenariato non si
è realizzato correttamente in modo
sistematico, né a livello di gruppi locali, né a
livello verticale, probabilmente per la novità
dello strumento (es. scarsa adesione di
camere di commercio, enti-parco, istituti di
credito, associazioni di volontariato)
Al di là delle adesioni formali al partenariato,
il reale coinvolgimento dei soggetti è stato
piuttosto lento e si è accelerato solo nelle
fasi finali del programma
I programmi sono diversificati, ma gli
interventi di rado sono integrati: si tratta
di una “sommatoria di progetti, frutto degli
interessi dei diversi attori”
Difficoltà nel suscitare l’interesse e la
partecipazione della popolazione
Risorse finanziarie ridotte, non sempre
coerenti con la programmazione degli
interventi
Dalle esperienze valutate in letteratura
emerge che la formalizzazione dei
partenariati non è stata agevole. La
negoziazione delle intese, con tempi
notevolmente lunghi, e la novità dei metodi,
hanno dilatato i termini della loro effettiva
costituzione
Interventi di filiera e realizzazione di modelli
esemplari di tipicità, ospitalità, produzioni e
servizi a supporto del turismo ambientale
e culturale dei territori (es. itinerari ciclistici,
gastronomici). Alcuni interventi hanno
inteso : qualificare la ricettività nei settori
extra-alberghieri, in particolare nelle aree di
pregio ambientale, i percorsi e i siti storici,
culturali e naturalistici; avviare programmi
di restauro paesaggistico e progetti
di “attenzione” al paesaggio; attivare
89
sinergie con altri poli turistici limitrofi, in
una strategia di sviluppo che puntasse alla
complementarietà dell’offerta all’interno
di pacchetti turistici multisettoriali; creare
nuove figure professionali specializzate
nei settori del turismo, della cultura e
dell’ambiente
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Ancorché conclusesi nel 1999, le due fasi di progetto hanno definitivamente testato il
modello del “partenariato rurale”, che a tutt’oggi ispira diverse iniziative a livello locale.
In termini operativi, questo si può tradurre (ad esempio nei comuni lombardi) nella
costituzione di partenariati, intesi genericamente come accordi di collaborazione tra
Enti pubblici e/o tra Enti del settore pubblico, privato e del volontariato. I soggetti che
ne fanno parte, utilizzando in comune le risorse di cui sono portatori, lavorano per il
conseguimento di obiettivi comuni, che, di norma, riguardano la valorizzazione socioeconomica del territorio.
Attualmente, i partenariati rappresentano un importante elemento delle politiche di
sviluppo comunitarie.
I compiti dei partenariati sono:
a) costruire il consenso;
b) promuovere la costruzione di strategie locali;
c) facilitare il coordinamento delle azioni;
d) offrire l’opportunità di accesso a diversi lavori;
e) promuovere l’innovazione;
f) rafforzare l’identità locale e la competitività.
Gli elementi che favoriscono la nascita dei gruppi locali, individuati nella letteratura, sono:
a) la presenza di associazioni operanti a livello della Comunità locale;
b) buone tradizioni di auto-governo, sia nel settore pubblico sia in quello privato;
c) l’esistenza di politiche regionali, nazionali e comunitarie basate sul partenariato, la
disponibilità di risorse finanziarie, infatti, facilita l’incontro tra differenti settori con fine di
implementare azioni specifiche;
d) la presenza di un soggetto guida che facilita la creazione di un’effettiva cooperazione,
in particolare nei casi in cui vi è un numero elevato di soci;
e) l’assenza di un soggetto forte, dominante in termini di potere e responsabilità, che
prevarica le azioni degli altri soci.
90
FONTI
Cavazzani, A., Moseley, M.(2001) “The practice of rural development partnerships in Europe”;
Sivini, S. (2003) “Nuovi percorsi di sviluppo locale -Il programma LEADER e la sua applicazione
in due aree del Mezzogiorno”
http://www.vallecrocchio.it/home.aspx
http://www.galcapodileuca.it/
http://www.soprip.it/default.asp?s=26
Analisi del caso studio a cura di Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale,Università
degli Studi di Milano-Bicocca
91
25
Regioni metropolitane europee in
Germania
Località
Germania (città diverse)
Periodo
2002
OBIETTIVI
Esplorare i temi dello sviluppo urbano e della gestione dei rapporti urbano-periurbano sulla
base di criteri di (i) compatibilità sociale, (ii) compatibilità ambientale, (iii) fattibilità economica
Comparare, sulla base dell’obiettivo precedente, gli indicatori esistenti di coesione e
sostenibilità, secondo un approccio integrato che consideri congiuntamente : gestione
del suolo; salvaguardia dell’ambiente; gestione della mobilità; housing “socialmente
responsabile”; sviluppo economico sostenibile; sviluppo urbano integrato. Tra i tanti
progetti abbiamo selezionato i seguenti, rispetto ai quali esplicitiamo gli obiettivi specifici
e le modalità
“Ecology Railway Station” project (Monsheim): riqualificare e rivitalizzare le stazioni
ferroviarie dei centri isolati, recuperandone il patrimonio circostante e promuovendo lo
sviluppo degli insediamenti
“Central Heating Supply with Wood” (Lieberhausen): favorire l’autonomia dai combustibili
fossili mediante l’impiego di legno combustibile rinnovabile per impianti di riscaldamento di
insediamenti anche di grandi dimensioni
“KiFaZ” (Hamburg-Lurup) : promuovere lo sviluppo sociale del distretto, sostenere famiglie
in difficoltà e qualificare le donne
“Online Management for Development Gaps” (Berlino): aumentare la trasparenza del
mercato immobiliare, fornendo informazioni dettagliate sulle aree sottoutilizzate, disponibili
sul web (l’archivio include mappe, schede tecniche, dati di pianificazione legale e fotografie)
92
STRATEGIE/AZIONI
L’archivio illustra i progetti sulla base del tipo di insediamento abitativo (centri urbani
e zone limitrofe; aree interne alle città; zone isolate; complessi residenziali di grandi
dimensioni; aree industriali; aree ad uso misto; piccoli paesi) : http://www.werkstatt-stadt.
de/en/projects/types-of-settlement-areas/ Di seguito alcuni progetti virtuosi
“Ecology Railway Station” project (Monsheim): riorganizzazione del traffico di auto, bus,
biciclette e pedoni; insediamento di nuove strutture (commerciali e non); riprogettazione
dei dintorni. Per una scheda dettagliata si consulti il link http://www.werkstatt-stadt.de/
en/projects/32/
“Central Heating Supply with Wood” (Lieberhausen): sensibilizzazione della comunità
mediante gruppi di attivisti locali (che perseguissero l’obiettivo di indipendenza dai
combustibili fossili per la produzione di energia e che incentivassero l’utilizzo di energia
rinnovabile prodotta dal legno); istituzione di una cooperativa che gestisse il progetto e
l’energia prodotta grazie alla combustione del legno; costruzione di un impianto a legna di
teleriscaldamento; creazione e gestione di una griglia di calore a Km zero. Per una scheda
dettagliata si consulti il link http://www.werkstatt-stadt.de/en/projects/99/
“KiFaZ” - Kinder- und Familienzentrum (Hamburg-Lurup) : apertura di un caffè come punto
di aggregazione, gestione dei conflitti a livello di quartieri, consulenza familiare e servizi
per gruppi di genitori e figli (corsi di ginnastica, teatro, musica e gioco, corsi di computer
e cucina per ragazze), inclusa la mediazione con le autorità per i problemi di alloggio.
Nel 1995 queste attività erano condotte sostanzialmente nell’ambito di un’iniziativa
autogestita dalla comunità locale denominata “AlleMal”, che nel 1998 venne riconosciuta
come mediazione strategica nell’ambito del Hamburg Urban Renewal Programme. Il punto
di aggregazione venne poi denominato “ Lurup Family Services Station “ nel 2001, dopo
essere stato incluso nella rete dei progetti federali “Social City”. Per una scheda dettagliata
si consulti il link http://www.werkstatt-stadt.de/en/projects/116/
“Online Management for Development Gaps” (Berlino) : registrazione digitale di tutti i gap
di sviluppo nei distretti della città, sviluppo e condivisione sul web di un sistema basato
su informazioni dettagliate sulle aree dismesse o sottoutilizzate (arricchite da mappe,
schede tecniche, dati di pianificazione e fotografie), creazione di contatti tra le parti
interessate, aggiornamenti regolari. E’ altresì possibile consultare le “automated property
map”, il piano digitale preparatorio per la gestione del suolo e le fotografie aeree. Questi
database vengono collegati mediante un sistema informativo interdisciplinare denominato
FIS-Broker - “Fachübergreifendes Informations-System”. Gli utenti del sito, ad es. investitori,
architetti o potenziali costruttori o proprietari, possono ricercare aree dotate di fattori
specifici di localizzazione utilizzando una griglia raffinata per la ricerca. Per una scheda
estesa si consulti il link http://www.werkstatt-stadt.de/en/projects/41/
93
RISULTATI OTTENUTI
“Ecology Railway Station” project (Monsheim): http://www.monsheim.de Ad oggi, a
seguito della riapertura della linea ferroviaria Monsheim – Grünstadt, un nuovo piano di
gestione del traffico è stato istituito, l’edificio della stazione ferroviaria è stato rivitalizzato
anche grazie a nuove destinazioni d’uso (apertura di bar e negozi) e i binari sono stati
ristrutturati. Dopo diverse consultazioni con la comunità locale il piazzale della stazione
è stato riprogettato e sono stati installati una stazione di autobus ed un parcheggio per
auto e uno per biciclette alla periferia della città, collegati al centro con mezzi pubblici.
Poco dopo la riqualificazione dell’area è stato aperto anche un mercato settimanale nel
piazzale della stazione ed il circuito ciclabile è stato orientato verso la stazione ferroviaria.
Attualmente si sta lavorando per la riqualificazione di un magazzino dismesso in zona
rurale ed allo sviluppo di una nuova zona residenziale denominata “Bahnhofsumfeld Ost”,
al fine di colmare il “gap” tra le aree residenziali esistenti e la stazione ferroviaria
“Central Heating Supply with Wood” (Lieberhausen): http://www.nahwaerme-forum.de Ad
oggi, Il sistema automatico di riscaldamento è dotato di una griglia di alimentazione con
una capacità nominale di 900 kW (che consente l’impiego di combustibili anche con
elevata umidità residua). Circa l’80% del legname utilizzato è costituito da trucioli di legno
della foresta, mentre il restante 20% è composto da residui di legno provenienti da segherie
e dall’industria del legno. L’impianto di riscaldamento è gestito in modo indipendente da
volontari del paese, che legalmente operano in forma cooperativa (dopo la creazione
della Lieberhausen Energy Coop). A luglio 2004, 76 dei 103 edifici del paese erano collegati
al sistema di riscaldamento centrale e altri 11 edifici sono in attesa di essere connessi
“KiFaZ” (Hamburg-Lurup): http://www.kinderschutzbund-hamburg.de/ Ad oggi Il KiFaZ
gestisce un bar come punto di incontro per la gente del quartiere. Il centro offre il suo
personale e le strutture per le diverse iniziative e la consulenza, riprogettando alcuni
spazi utili per il gioco e l’aggregazione tra e per le famiglie (es. campi da calcio). Il centro
collabora altresì all’organizzazione di festival locali
“Online Management for Development Gaps” (Berlino) :
http://maps.google.de/?q=http:%2F%2Fwww.werkstatt-stadt.de%2Fen%2Fprojects.kml&i
e=UTF8&ll=52.491587,13.3147&spn=0.01884,0.038409&t=h&z=15 Secondo stime relative
al distretto pilota Friedrichshain-Kreuzberg, almeno 1/3 delle aree sono state oggetto
di indagini preliminari, o di trattative di acquisto o di vendita. Nell’ambito del progetto
sono stati altresì messi a disposizione diversi assistenti presso le autorità urbanistiche di
distretto, per il supporto nella gestione del database
94
ELEMENTI DI SUCCESSO/CRITICITÀ
ELEMENTI DI SUCCESSO
Rete di esperienze che condividono un
approccio integrato
ELEMENTI DI CRITICITA’
Potenziamento della mobilità in aree rurali
Coinvolgimento
della
comunità
e
costituzione di una cooperativa per la
gestione dell’energia
Supporto alle fasce più deboli della
popolazione, promuovendone l’inclusione
reale
Crescente
trasparenza
del
mercato
immobiliare, anche a livello di zone isolate
e centri periurbani
ELEMENTI DI TRASFERIBILITÀ AL CONTESTO PERIURBANO LOMBARDO
Gestione della mobilità “sostenibile”, capace di: riattivare il trasporto locale ferroviario nelle
zone rurali rendendone “vivibili” le zone immediatamente limitrofe (mediante l’apertura
di esercizi commerciali e non, la riorganizzazione dei circuiti pedonali, ciclabili e stradali);
convertire ecologicamente i terreni incolti; rinnovare il patrimonio edilizio
Adozione di un approccio integrato per lo sviluppo dei territori e delle comunità, che (i)
preveda la concertazione tra associazioni o cooperative di cittadini residenti, aziende
e istituzioni; (ii) favorisca l’iniziativa locale a Km zero (ad esempio, come nel caso di
Lieberhausen la creazione di un impianto per il teleriscaldamento che riduca i prezzi di
mediazione e trasporto); (iii) salvaguardi la coesione sociale, anche a livello di piccoli
gruppi e famiglie (come nel caso di Lurup)
Realizzazione di una piattaforma web che favorisca: (i) la partecipazione di più attori nella
(ri)progettazione degli spazi urbani e nell’identificazione di aree strategiche e vulnerabili,
(ii) la sostanziale trasparenza del mercato immobiliare, mediante la condivisione di
informazioni dettagliate sulle aree dismesse o sottoutilizzate (arricchite da mappe, schede
tecniche, dati di pianificazione e fotografie)
FONTI
http://www.werkstatt-stadt.de/en/projects/types-of-settlement-areas/
http://www.werkstatt-stadt.de/en/projects/32/
http://www.werkstatt-stadt.de/en/projects/99/
http://www.werkstatt-stadt.de/en/projects/116/
http://www.werkstatt-stadt.de/en/projects/41/
http://www.monsheim.de
http://www.nahwaerme-forum.de
95
http://www.kinderschutzbund-hamburg.de
http://www.vallecrocchio.it/home.aspx
http://www.galcapodileuca.it/
http://www.soprip.it/default.asp?s=26
Analisi del caso studio a cura del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, Università
degli Studi di Milano-Bicocca
96
ANALISI E GOVERNO
DELL’AGRICOLTURA PERIURBANA (AGAPU)
Ricerca oggetto di co-finanziamento da parte di Regione Lombardia
[Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012]
LINEE GUIDA PER LA GESTIONE E IL GOVERNO
DELL’AGRICOLTURA E DEI TERRITORI PERIURBANI
Analisi e governo dell’agricoltura periurbana – AGAPU
Ricerca oggetto di co-finanziamento da parte di Regione Lombardia
[Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012]
Stefano Pareglio (responsabile scientifico)
Linee guida per la gestione e il governo dell’agricoltura e dei territori
periurbani
Gruppi di ricerca
Fondazione Lombardia per l’Ambiente (FLA)
Giovanni Guastella
Manuela Panzini
Stefano Pareglio
Silvia Ronchi
Università Cattolica del Sacro Cuore
Centro di Ricerche per l’Ambiente e lo Sviluppo Sostenibile della Lombardia (CRASL)
Antonio Ballarin Denti (responsabile scientifico)
Stefano Pareglio
Francesca Pozzi
Università degli Studi di Milano
Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali (DISAA) e del Dipartimento di Economia,
Management e Metodi quantitativi (DEMM)
Guido Sali (responsabile scientifico)
Stefano Corsi
Chiara Mazzocchi
Michael Plebani
Università degli Studi di Milano Bicocca
Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale (DSRS)
Matilde Ferretto (responsabile scientifico)
Giulia Caiani
Silvia Mugnano
Politecnico di Milano
Dipartimento di Architettura e Studi Urbani (DAStU)
Piergiorgio Vitillo (responsabile scientifico)
Paolo Galuzzi
Giulia Barbera
Elena Solero
Soggetti invitati e/o hanno partecipato al workshop del 15 gennaio 2013 anche offrendo i propri
contributi:
ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani)
UPI (Unione delle Province d’Italia)
Coldiretti Lombardia
ConfAgricoltura
CIA (Confederazione Italiana Coltivatori)
COPAGRI (Confederazione Produttori Agricoli)
Associazione regionale allevatori Lombardia
AIAB (Associazione Italiana per l'Agricoltura Biologica)
Distretto Agricolo milanese
Regione Lombardia - DG Agricoltura, DG Sistemi Verdi e Paesaggio, DG Territorio e Urbanistica,
ERSAF
INU (Istituto Nazione di Urbanistica)
FAI (Fondo per l’Ambiente Italiano)
Legambiente Lombardia
WWF
LIPU
CRCS (Centro di Ricerca sui Consumi di Suolo)
Provincia di Milano
Provincia di Lodi
Provincia di Monza e della Brianza
Provincia di Brescia
Parco Lombardo della Valle del Ticino
Parco Agricolo Sud Milano
Parco Nord Milano
Scuola Agraria del Parco di Monza
Centro Studi PIM
Università della Montagna
Associazione Slow Food
CONAF (Consiglio ordine nazionale dott. Agronomi e dott. Forestali)
EXPO spa
Rete Rurale Nazionale
DESR (Distretto di Economia Solidale Rurale)
Progetto “LIFE TIB – Trans Insubria Bionet”
La redazione delle Linee guida è stata curata da
Manuela Panzini
Stefano Pareglio
Marzo 2013
Introduzione
Le presenti Linee guida sono frutto di un progetto di ricerca biennale che ha coinvolto i seguenti
gruppi di ricerca:
- Fondazione Lombardia per l’Ambiente;
- CRASL, Università Cattolica del Sacro Cuore;
- DAStU, Politecnico di Milano;
- DISAA-DEEM, Università degli Studi di Milano
- DSRS, Università degli Studi di Milano - Bicocca.
Nel corso del biennio si svolti incontri con:
- gli Enti aderenti al progetto (Regione Lombardia – DG Agricoltura e DG Territorio e Urbanistica,
Provincia di Lodi, Provincia di Monza e Brianza, Provincia di Milano, Parco Lombardo della Valle del
Ticino, Centro Studi PIM)
- la comunità scientifica e gli stakeholders, attraverso:
a. l'organizzazione di un seminario scientifico internazionale, svoltosi il 2 marzo 2012, presso
l’Università degli Studi di Milano e patrocinato da Società Italiana di Economia Agraria,
Centro Studi di Estimo e di Economia Territoriale, Associazione Italiana di Scienze Regionali,
Associazione Italiana di Sociologia, Associazione Italiana per gli studi sulla qualità della vita,
Istituto Nazionale di Urbanistica;
b. la presentazione di paper a convegni nazionali e internazionali, quali:
x presentazione di due paper “Identifying the characteristics of peri-urban agriculture
in Lombardy (Italy)”, di Stefano Pareglio e Francesca Pozzi, e “Rural development
policy and land use in Lombardy” di Guido Sali, Stefano Corsi, Chiara Mazzocchi,
Danilo Bertoni, all’interno del convegno “Agricolture in a urbanizing society” tenutosi
a Wageningen dal 1 al 4 aprile 2011;
x presentazione del paper “Geographical patterns of urbanisation in the Lombardy
region: empirical evidence from a spatial CBD model” di Gianni Guastella e Stefano
Pareglio, alla conferenza dell’Associazione Italiana di Scienze Regionali (AISRe),
tenutasi a Roma dal 13 al 15 settembre 2012;
x presentazione di due paper “L’identificazione dei Sistemi Urbani: un’analisi
esplorativa spaziale dell’utilizzo del suolo nei comuni lombardi” di Stefano Pareglio e
Giovanni Guastella, e “L’Identificazione e analisi dei sistemi urbani/rurali in
Lombardia” di Stefano Pareglio e Francesca Pozzi, al convegno organizzato dalla
Società Italiana di Economia Agraria (SIDEA) relativo ai “Sistemi agroalimentari ed
economie nel bacino del Mediterraneo: istituzioni e politiche” che si è tenuto dal 27
al 29 settembre 2012;
x presentazione del paper “Urban Systems, Urbanization dynamics and land use in
Lombardy region: evidence from a spatial analysis” di Gianni Guastella e Stefano
Pareglio, durante il Convegno SIDEA (Società di Economia Agraria) che si terrà a
Lecce il 26-27 settembre 2013;
x partecipazione all’incontro di studi CeSET “Sviluppo economico e nuovi rapporti tra
agricoltura, territorio e ambiente” (Verona, 21-23 novembre 2013) con un contributo
su “Caratterizzazione dell'agricoltura nei sistemi territoriali e nelle aree periurbane in
Lombardia” a cura di Francesca Pozzi.
- gli stakeholders, in particolare in occasione del workshop organizzato il 14 gennaio 2013,
presso la Fondazione Lombardia per l'Ambiente a Seveso, nel corso del quale sono stati
presentati sia gli esiti della ricerca sulla classificazione dei territori agricoli periurbani, sia
l’Atlante delle buone pratiche di governo e gestione del territori agricoli periurbani, sia la
prima proposta delle Linee guida per il governo e la gestione dell’agricoltura e dei territori
agricoli periurbani.
1
Il workshop è stato occasione per richiedere sia ai partecipanti, e comunque a tutti gli invitati,ogni
utile suggerimento in ordine ai temi rilevanti per il governo dei territori e dell'agricoltura periurbana,
anche in ordine alle relative priorità. Ciò a partire da un primo documento elaborato dai gruppi di
ricerca prima elencati e frutto delle analisi compiute in ordine alla classificazione tematica e
unitaria dei territori periurbani, nonché all'analisi delle buone pratiche di governo e gestione dei
territori periurbani1.
Corre qui l'obbligo di ringraziare tutti coloro i quali, con varie modalità, hanno concorso
all'elaborazione delle Linee guida di seguito presentate, che consegniamo all'attenzione delle
amministratori, delle associazioni e degli operatori interessati, anche in vista dell'approssimarsi di
EXPO 2015.
Linee guida per il governo e la gestione dell'agricoltura e dei territori periurbani
1. Riconoscere in maniera esplicita il ruolo economico, sociale, ambientale e culturale delle
aree periurbane e dell’agricoltura che vi si esercita, anche potenziando l’agricoltura di
prossimità e le filiere corte. In ragione della vicinanza con le aree più densamente abitate, i
territori periurbani costituiscono fondamentali risorse per la produzione di alimenti e di
biomasse, per la tutela del suolo e dell’ambiente, per la conservazione e ricostruzione del
paesaggio e della biodiversità, per la preservazione dei valori storici e identitari delle
comunità locali e per l'esercizio di attività didattiche e ricreative.
2. Identificare ("mappare") le aree agricole periurbane in funzione delle diverse valenze ad
esse riconosciute, attraverso metodologie, strumenti e indicatori idonei e condivisi tra
amministrazioni, associazioni, operatori di settore. Ciò al fine di riconoscerne le peculiarità
determinate anzi tutto dalla prossimità alle aree urbane, dagli usi multipli e differenziati,
dalla competizione nell'impiego dei fattori di produzione e delle risorse territoriali, dalla
generazione di beni e servizi di interesse pubblico nonché di esternalità, dalla compresenza
di elementi di pregio e di degrado, dalla differenziata morfologia sociale, dai molteplici stili
di vita e dalla specifica dotazione di servizi e infrastrutture.
3. Definire e diffondere un sistema di conoscenze liberamente accessibile e di semplice
fruizione (quali banche dati e cataloghi di buone pratiche), operabile con sistemi
informativi territoriali, al fine di definire e valutare le opzioni di politica agricola e rurale e di
governo del territorio per i diversi livelli amministrativi, nonché per diffondere le buone
pratiche di governo e gestione delle aree periurbane e per stabilire una più intensa
collaborazione tra i decisori, gli operatori e la comunità scientifica.
4. Adottare strategie di sviluppo specifiche per le aree agricole periurbane all’interno degli
ordinari strumenti di programmazione e pianificazione, in particolare quelli afferenti allo
sviluppo rurale, al governo del territorio, alla tutela e valorizzazione del paesaggio, alle
politiche sociali, ambientali e naturalistiche. In particolare, si raccomanda l'adozione di
analisi, strumenti e misure a base territoriale, scalabili dal livello regionale e di area vasta
sino al livello locale (sub-comunale), nonché l'adozione, nella redazione del nuovo PSR
(2014-2020), di una classificazione territoriale complessa (come quella sviluppata nel
progetto AGAPU) anche al fine di destinare specifiche risorse sulla base di misure dedicate
alle aree periurbane analogamente a quanto avviene per le aree marginali (ad esempio in
territorio montano).
1
Tali pratiche sono raccolte nel citato Atlante pubblicato all’indirizzo www.flanet.org/pubblicazioni.
2
5. Perseguire anzi tutto negli strumenti di governo delle territorio, adeguate politiche di
contenimento del consumo di suolo e di ripristino dei caratteri produttivi, ambientali, storici
e identitari, che, a partire da una strategia regionale declinabile a livello locale,
identifichino alcuni obiettivi tra i quali:
impedire la saldatura tra i centri edificati, nonché l’edificazione di aree non
contigue all’urbanizzato,
impedire la frammentazione del territorio agricolo, in modo da garantirne la
funzionalità anche produttiva e impedirne la marginalizzazione,
incentivare la fruizione ricreativa diffusa,
promuovere il ridisegno e la riqualificazione delle aree di frangia, e il potenziamento
della rete ecologica, da declinarsi anche a livello comunale,
attivare misure di mitigazione e compensazione a seguito delle trasformazioni del
territorio (anche attraverso una più incisiva applicazione dell’art. 43-bis, LR 12/05),
definire forme di differenziazione fiscale rapportate alle trasformazioni del territorio.
A tale scopo, nell’analisi e nel progetto dei territori periurbani dovrà essere data maggiore
rilevanza agli impatti indotti sull'esercizio delle attività agricole, valutando con maggiore
attenzione il sistema agricolo nelle sue componenti endogene (tra cui: qualità dei suoli,
grado di frammentazione aziendale, dimensione economica delle aziende, presenza di
attività multifunzionali, accesso alle misure della PAC) ed esogene (tra cui: distanza
dall’urbanizzato e dalle infrastrutture, presenza di aree protette, densità abitativa, intensità
del mercato immobiliare e potenzialità edificatoria, invarianza idraulica, equilibrio idrico
territoriale). Ciò anche producendo adeguati indicatori sintetici di fragilità del territorio
agricolo, in forma di cartografie tematiche.
6. Attivare forme e strumenti per facilitare il confronto permanente (quali forum) tra i diversi
livelli amministrativi, nonché tra questi e altri soggetti rilevanti operanti su base territoriale
(quali i consorzi irrigui e di bonifica o gli enti parco).
7. Individuare forme innovative di cooperazione e di progettualità condivisa (anche
attraverso la costituzione di stabili partenariati rurali locali)volte alla realizzazione di progetti
di valorizzazione, sviluppo e tutela delle attività agricole e dei territori periurbani mirati a:
a. ri-costruire filiere agroalimentari sostenibili in stretto rapporto con le comunità locali;
b. sostenere l'accesso al credito;
c. facilitare l'accesso di giovani e donne alle attività agricole, e consolidarne in ogni
caso la presenza laddove già presenti;
d. sperimentare la gestione unitaria delle aree agricole periurbane, per esempio
attraverso la costituzione di nuovi parchi agricoli di cintura;
e. sostenere e promuovere l’innovazione di prodotto e di processo;
f. diffondere e incentivare pratiche di manutenzione territoriale diffusa, tesa in
particolare alla tutela dei beni comuni (acqua e suolo);
g. promuovere gli usi multipli degli spazi e dei manufatti in ambito periurbano,
considerando le opportunità derivanti dal turismo rurale, dalle attività didattiche
rivolte alle scuole, dalla fruizione diffusa anche di carattere sportivo, dalla creazione
di orti in affitto;
h. promuovere la pratiche agricole che favoriscono la biodiversità, la promozione
delle varietà antiche, la salvaguardia e la creazione di spazi rifugio per la flora e la
fauna;
i. favorire pratiche agricole finalizzate a conservare gli stock di carbonio esistenti nei
suoli attraverso pratiche di gestione conservativa del suolo;
3
j.
k.
individuare progetti di formazione e sensibilizzazione degli operatori al rispetto
dell’ambiente, alla certificazione di qualità e biologica, alla sicurezza alimentare,
alla preservazione del paesaggio, anche con il coinvolgimento diretto delle aziende
agricole;
promuovere progetti di valorizzazione turistica nel rispetto dei caratteri produttivi,
identitari, naturalistici e paesaggistici delle aree periurbane.
8. Sensibilizzare e formare gli operatori agricoli sulle modalità di commercializzazione che
favoriscono l’incontro tra domanda e offerta e che siano idonee ad accrescere il valore
aggiunto aziendale e il diffondersi della filiera corta, anche in considerazione dei mercati
metropolitani di riferimento. Tali modalità possono concretizzarsi attraverso l’organizzazione
e la promozione della vendita diretta, il sistema cooperativo, la consegna a domicilio, i
sistemi organizzati di distribuzione.
9. Sensibilizzare gli operatori della ristorazione pubblica (scuole, ospedali, mense) e privata, la
GDO e gli operatori commerciali, all’offerta di prodotti locali, di qualità, di stagione e
derivanti dalla filiera corta.
10. Informare la popolazione sui benefici derivanti dal consumo di prodotti locali, di stagione,
certificati, sicuri, provenienti dalla filiera corta, acquistati direttamente dai produttori, anche
organizzando punti vendita dedicati, specifiche campagne di marketing del territorio, dei
prodotti e della qualità, momenti formativi e informativi per le scuole.
4
Analisi e governo dell’agricoltura periurbana – AGAPU
Ricerca oggetto di co-finanziamento da parte di Regione Lombardia
[Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012]
Stefano Pareglio (responsabile scientifico)
Linee guida per la gestione e il governo dell’agricoltura e dei territori
periurbani
Gruppi di ricerca
Fondazione Lombardia per l’Ambiente (FLA)
Giovanni Guastella
Manuela Panzini
Stefano Pareglio
Silvia Ronchi
Università Cattolica del Sacro Cuore
Centro di Ricerche per l’Ambiente e lo Sviluppo Sostenibile della Lombardia (CRASL)
Antonio Ballarin Denti (responsabile scientifico)
Stefano Pareglio
Francesca Pozzi
Università degli Studi di Milano
Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali (DISAA) e del Dipartimento di Economia,
Management e Metodi quantitativi (DEMM)
Guido Sali (responsabile scientifico)
Stefano Corsi
Chiara Mazzocchi
Michael Plebani
Università degli Studi di Milano Bicocca
Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale (DSRS)
Matilde Ferretto (responsabile scientifico)
Giulia Caiani
Silvia Mugnano
Politecnico di Milano
Dipartimento di Architettura e Studi Urbani (DAStU)
Piergiorgio Vitillo (responsabile scientifico)
Paolo Galuzzi
Giulia Barbera
Elena Solero
Soggetti invitati e/o hanno partecipato al workshop del 15.01.13 anche offrendo i propri contributi:
ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani)
UPI (Unione delle Province d’Italia)
Coldiretti Lombardia
ConfAgricoltura
CIA (Confederazione Italiana Coltivatori)
COPAGRI (Confederazione Produttori Agricoli)
Associazione regionale allevatori Lombardia
AIAB (Associazione Italiana per l'Agricoltura Biologica)
Distretto Agricolo milanese
Regione Lombardia - DG Agricoltura
Regione Lombardia - DG Sistemi Verdi e Paesaggio
Regione Lombardia - DG Territorio e Urbanistica
ERSAF (Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste)
INU (Istituto Nazione di Urbanistica)
FAI (Fondo per l’Ambiente Italiano)
Legambiente Lombardia
WWF (World Wildlife Fund)
LIPU (Lega Italiana per la Protezione degli Uccelli)
CRCS (Centro di Ricerca sui Consumi di Suolo)
Provincia di Milano
Provincia di Lodi
Provincia di Monza e della Brianza
Provincia di Brescia
Parco Lombardo della Valle del Ticino
Parco Agricolo Sud Milano
Parco Nord Milano
Scuola Agraria del Parco di Monza
Centro Studi PIM
Università della Montagna
Associazione Slow Food
CONAF (Consiglio ordine nazionale dott. Agronomi e dott. Forestali)
EXPO spa
Rete Rurale Nazionale
DESR (Distretto di Economia Solidale Rurale)
Progetto “LIFE TIB – Trans Insubria Bionet”
La redazione delle Linee guida è a cura di
Manuela Panzini
Stefano Pareglio
Maggio 2013
Introduzione
Le presenti Linee guida sono frutto di un progetto di ricerca biennale che ha coinvolto i seguenti
gruppi di ricerca:
- Fondazione Lombardia per l’Ambiente;
- CRASL, Università Cattolica del Sacro Cuore;
- DAStU, Politecnico di Milano;
- DISAA-DEEM, Università degli Studi di Milano
- DSRS, Università degli Studi di Milano - Bicocca.
Nel corso del biennio si svolti incontri con:
- gli Enti aderenti al progetto (Regione Lombardia – DG Agricoltura e DG Territorio e Urbanistica,
Provincia di Lodi, Provincia di Monza e Brianza, Provincia di Milano, Parco Lombardo della Valle del
Ticino, Centro Studi PIM)
- la comunità scientifica e gli stakeholders, attraverso:
a. l'organizzazione di un seminario scientifico internazionale, svoltosi il 2 marzo 2012, presso
l’Università degli Studi di Milano e patrocinato da Società Italiana di Economia Agraria,
Centro Studi di Estimo e di Economia Territoriale, Associazione Italiana di Scienze Regionali,
Associazione Italiana di Sociologia, Associazione Italiana per gli studi sulla qualità della vita,
Istituto Nazionale di Urbanistica;
b. la presentazione di paper a convegni nazionali e internazionali, quali:
x presentazione di due paper “Identifying the characteristics of peri-urban agriculture
in Lombardy (Italy)”, di Stefano Pareglio e Francesca Pozzi, e “Rural development
policy and land use in Lombardy” di Guido Sali, Stefano Corsi, Chiara Mazzocchi,
Danilo Bertoni, all’interno del convegno “Agricolture in a urbanizing society” tenutosi
a Wageningen dal 1 al 4 aprile 2011;
x presentazione del paper “Geographical patterns of urbanisation in the Lombardy
region: empirical evidence from a spatial CBD model” di Gianni Guastella e Stefano
Pareglio, alla conferenza dell’Associazione Italiana di Scienze Regionali (AISRe),
tenutasi a Roma dal 13 al 15 settembre 2012;
x presentazione di due paper “L’identificazione dei Sistemi Urbani: un’analisi
esplorativa spaziale dell’utilizzo del suolo nei comuni lombardi” di Stefano Pareglio e
Giovanni Guastella, e “L’Identificazione e analisi dei sistemi urbani/rurali in
Lombardia” di Stefano Pareglio e Francesca Pozzi, al convegno organizzato dalla
Società Italiana di Economia Agraria (SIDEA) relativo ai “Sistemi agroalimentari ed
economie nel bacino del Mediterraneo: istituzioni e politiche” che si è tenuto dal 27
al 29 settembre 2012;
x presentazione del paper “Urban Systems, Urbanization dynamics and land use in
Lombardy region: evidence from a spatial analysis” di Gianni Guastella e Stefano
Pareglio, durante il Convegno SIDEA (Società di Economia Agraria) che si terrà a
Lecce il 26-27 settembre 2013;
x partecipazione all’incontro di studi CeSET “Sviluppo economico e nuovi rapporti tra
agricoltura, territorio e ambiente” (Verona, 21-23 novembre 2013) con un contributo
su “Caratterizzazione dell'agricoltura nei sistemi territoriali e nelle aree periurbane in
Lombardia” a cura di Francesca Pozzi.
- gli stakeholders, in particolare in occasione del workshop organizzato il 14 gennaio 2013,
presso la Fondazione Lombardia per l'Ambiente a Seveso, nel corso del quale sono stati
presentati sia gli esiti della ricerca sulla classificazione dei territori agricoli periurbani, sia
l’Atlante delle buone pratiche di governo e gestione del territori agricoli periurbani, sia la
prima proposta delle Linee guida per il governo e la gestione dell’agricoltura e dei territori
agricoli periurbani.
1
Il workshop è stato occasione per richiedere sia ai partecipanti, e comunque a tutti gli invitati,
suggerimenti in ordine ai temi rilevanti per il governo dei territori e dell'agricoltura periurbana,
anche alle relative priorità. Ciò a partire da un primo documento elaborato dai gruppi di ricerca
prima elencati e frutto delle analisi compiute in ordine alla classificazione tematica e unitaria dei
territori periurbani, nonché all'analisi delle buone pratiche di governo e gestione dei territori
periurbani1. Per maggiori approfondimenti si rimanda alla lettura dei singoli rapporti di ricerca.
Corre qui l'obbligo di ringraziare tutti coloro i quali, con varie modalità, hanno concorso
all'elaborazione delle Linee guida di seguito presentate, che consegniamo all'attenzione delle
amministrazioni, delle associazioni e degli operatori interessati, anche in vista dell'approssimarsi di
EXPO 2015.
Linee guida per il governo e la gestione dell'agricoltura e dei territori periurbani
1. Riconoscere in maniera esplicita il ruolo economico, sociale, ambientale e culturale delle
aree periurbane e dell’agricoltura che vi si esercita, anche potenziando l’agricoltura di
prossimità e le filiere corte. In ragione della vicinanza con le aree più densamente abitate, i
territori periurbani costituiscono fondamentali risorse per la produzione di alimenti e di
biomasse, per la tutela del suolo e dell’ambiente, per la conservazione e ricostruzione del
paesaggio e della biodiversità, per la preservazione dei valori storici e identitari delle
comunità locali e per l'esercizio di attività didattiche e ricreative.
2. Identificare ("mappare") le aree agricole periurbane in funzione delle diverse valenze ad
esse riconosciute, attraverso metodologie, strumenti e indicatori idonei e condivisi tra
amministrazioni, associazioni, operatori di settore. Ciò al fine di riconoscerne le peculiarità
determinate anzi tutto dalla prossimità alle aree urbane, dagli usi multipli e differenziati,
dalla competizione nell'impiego dei fattori di produzione e delle risorse territoriali, dalla
generazione di beni e servizi di interesse pubblico nonché di esternalità, dalla compresenza
di elementi di pregio e di degrado, dalla differenziata morfologia sociale, dai molteplici stili
di vita e dalla specifica dotazione di servizi e infrastrutture.
3. Definire e diffondere un sistema di conoscenze liberamente accessibile e di semplice
fruizione (quali banche dati e cataloghi di buone pratiche), operabile con sistemi
informativi territoriali, al fine di delineare e valutare le opzioni di politica agricola e rurale e
di governo del territorio per i diversi livelli amministrativi, nonché per diffondere le buone
pratiche di governo e gestione delle aree periurbane e per stabilire una più intensa
collaborazione tra i decisori, gli operatori e la comunità scientifica.
4. Adottare strategie di sviluppo specifiche per le aree agricole periurbane all’interno degli
ordinari strumenti di programmazione e pianificazione, in particolare quelli afferenti allo
sviluppo rurale, al governo del territorio, alla tutela e valorizzazione del paesaggio, alle
politiche sociali, ambientali e naturalistiche. In particolare, si raccomanda l'adozione di
analisi, strumenti e misure a base territoriale, scalabili dal livello regionale e di area vasta
sino al livello locale (sub-comunale), nonché l'adozione, nella redazione del nuovo PSR
(2014-2020), di una classificazione territoriale complessa (come quella sviluppata nel
progetto AGAPU) anche al fine di destinare specifiche risorse sulla base di misure dedicate
Tali pratiche sono raccolte nel citato Atlante pubblicato sul sito internet di Fondazione all’indirizzo
www.flanet.org/pubblicazioni e sul sito di Regione Lombardia nella sezione dedicata al progetto AGAPU
http://www.agricoltura.regione.lombardia.it/cs/Satellite?c=Redazionale_P&childpagename=DG_Agricoltura%2FDetail&cid
=1213309498035&pagename=DG_AGRWrapper#1213425509216
1
2
alle aree periurbane analogamente a quanto avviene per le aree marginali (ad esempio in
territorio montano).
5. Perseguire, anzi tutto negli strumenti di governo delle territorio, adeguate politiche di
contenimento del consumo di suolo e di ripristino dei caratteri produttivi, ambientali, storici
e identitari, che, a partire da una strategia regionale declinabile a livello locale,
identifichino alcuni obiettivi tra i quali:
impedire la saldatura tra i centri edificati, nonché l’edificazione di aree non
contigue all’urbanizzato,
impedire la frammentazione del territorio agricolo, in modo da garantirne la
funzionalità anche produttiva e impedirne la marginalizzazione,
incentivare la fruizione ricreativa diffusa,
promuovere il ridisegno e la riqualificazione delle aree di frangia, e il potenziamento
della rete ecologica, da declinarsi anche a livello comunale,
attivare misure di mitigazione e compensazione a seguito delle trasformazioni del
territorio (anche attraverso una più incisiva applicazione dell’art. 43-bis, LR 12/05),
definire forme di differenziazione fiscale rapportate alle trasformazioni del territorio.
A tale scopo, nell’analisi e nel progetto dei territori periurbani dovrà essere data maggiore
rilevanza agli impatti indotti sull'esercizio delle attività agricole, valutando con attenzione il
sistema agricolo nelle sue componenti endogene (tra cui: qualità dei suoli, grado di
frammentazione aziendale, dimensione economica delle aziende, presenza di attività
multifunzionali, accesso alle misure della PAC) ed esogene (tra cui: distanza
dall’urbanizzato e dalle infrastrutture, presenza di aree protette, densità abitativa, intensità
del mercato immobiliare e potenzialità edificatoria, invarianza idraulica, equilibrio idrico
territoriale). Ciò anche producendo adeguati indicatori sintetici di fragilità del territorio
agricolo, in forma di cartografie tematiche.
6. Attivare forme e strumenti per facilitare il confronto permanente (quali forum) tra i diversi
livelli amministrativi, nonché tra questi e altri soggetti rilevanti operanti su base territoriale
(quali i consorzi irrigui e di bonifica o gli enti parco).
7. Individuare forme innovative di cooperazione e di progettualità condivisa (anche
attraverso la costituzione di stabili partenariati rurali locali)volte alla realizzazione di progetti
di valorizzazione, sviluppo e tutela delle attività agricole e dei territori periurbani mirati a:
a. ri-costruire filiere agroalimentari sostenibili in stretto rapporto con le comunità locali;
b. sostenere l'accesso al credito;
c. facilitare l'accesso di giovani e donne alle attività agricole, e consolidarne in ogni
caso la presenza laddove già presenti;
d. sperimentare la gestione unitaria delle aree agricole periurbane, per esempio
attraverso la costituzione di nuovi parchi agricoli di cintura;
e. sostenere e promuovere l’innovazione di prodotto e di processo;
f. diffondere e incentivare pratiche di manutenzione territoriale diffusa, tesa in
particolare alla tutela dei beni comuni (acqua e suolo);
g. promuovere gli usi multipli degli spazi e dei manufatti in ambito periurbano,
considerando le opportunità derivanti dal turismo rurale, dalle attività didattiche
rivolte alle scuole, dalla fruizione diffusa anche di carattere sportivo, dalla creazione
di orti in affitto;
h. promuovere la pratiche agricole che favoriscono la biodiversità, la promozione
delle varietà antiche, la salvaguardia e la creazione di spazi rifugio per la flora e la
fauna;
3
i.
j.
k.
favorire pratiche agricole finalizzate a conservare gli stock di carbonio esistenti nei
suoli attraverso pratiche di gestione conservativa del suolo;
individuare progetti di formazione e sensibilizzazione degli operatori al rispetto
dell’ambiente, alla certificazione di qualità e biologica, alla sicurezza alimentare,
alla preservazione del paesaggio, anche con il coinvolgimento diretto delle aziende
agricole;
promuovere progetti di valorizzazione turistica nel rispetto dei caratteri produttivi,
identitari, naturalistici e paesaggistici delle aree periurbane.
8. Sensibilizzare e formare gli operatori agricoli sulle modalità di commercializzazione che
favoriscono l’incontro tra domanda e offerta e che siano idonee ad accrescere il valore
aggiunto aziendale e il diffondersi della filiera corta, anche in considerazione dei mercati
metropolitani di riferimento. Tali modalità possono concretizzarsi attraverso l’organizzazione
e la promozione della vendita diretta, il sistema cooperativo, la consegna a domicilio, i
sistemi organizzati di distribuzione.
9. Sensibilizzare gli operatori della ristorazione pubblica (scuole, ospedali, mense) e privata, la
GDO e gli operatori commerciali, all’offerta di prodotti locali, di qualità, di stagione e
derivanti dalla filiera corta.
10. Informare la popolazione sui benefici derivanti dal consumo di prodotti locali, di stagione,
certificati, sicuri, provenienti dalla filiera corta, acquistati direttamente dai produttori, anche
organizzando punti vendita dedicati, specifiche campagne di marketing del territorio, dei
prodotti e della qualità, momenti formativi e informativi per le scuole.
4
6.
Attività di trasferimento dei risultati
Fabio Villa – Fondazione Lombardia per l’Ambiente
6.1 Introduzione
Ogni gruppo di ricerca ha, come da programma, creato uno o più livelli informativi georeferenziati,
che riportano una classificazione del territorio sulla base dei risultati delle proprie analisi; l’idea di
fondo di questa parte del progetto è di mettere a disposizione tali dati territoriali ai potenziali
soggetti interessati (amministrazioni comunali e provinciali, Regione Lombardia, società agricole,
etc..) attraverso uno strumento di semplice consultazione e visualizzazione. I livelli informativi, in
formato shapefile, riportano la classificazione del territorio lombardo così come è stata ottenuta al
termine del lavoro di ricerca di ciascun gruppo. Ogni livello informativo riporta inoltre anche dei
parametri aggiuntivi, ritenuti utili per una maggiore e più immediata comprensione del lavoro
svolto. Data però la complessità di molte analisi e l’utilizzo di set di dati molto grandi necessari al
raggiungimento della classificazione di sintesi, i livelli informativi non possono contenere tutte le
informazioni utilizzate nel corso del lavoro di sintesi.
Per una maggiore comprensione delle informazioni contenute in ogni singolo livello informativo
prodotto si rimanda ad un breve documento di descrizione che ogni gruppo ha fornito
congiuntamente al dato geografico. Per una completa comprensione del lavoro svolto da ogni
gruppo di ricerca, e per approfondimenti teorici si rimanda invece al report finale di progetto.
Il progetto si articola in una prima fase di classificazione del territorio da parte dei diversi gruppi di
ricerca coinvolti, secondo modalità e interpretazioni proprie di ciascuna disciplina, e in una
seconda fase di integrazione di queste differenti “visioni” in un unico approccio di governo che
tenga conto di tutti le componenti. Ogni gruppo ha quindi utilizzato dati rilevanti per i propri
obiettivi di ricerca, ma attingendo da un database comune.
Il database risulta costituito da una serie di indicatori, raccolti da diverse fonti ed aggregati a livello
comunale, per tutti i 1544 comuni della Lombardia.
La base geografica è costituita dai limiti amministrativi disponibili sul GEOportale di Regione
Lombardia.
Durante il corso del progetto, lo strato informativo del GEOportale della Regione che riporta i limiti
amministrativi è variato, per adeguarsi alla fusione dei tre comuni di Consiglio di Rumo, Germasino
e Gravedona in provincia di Como, che hanno formato il comune di Gravedona ed Uniti, nato l'11
febbraio 2011. Poiché molti indicatori a scala comunale utilizzati nel progetto facevano riferimento
alla vecchia suddivisione nei tre comuni indicati, è stato necessario, in seguito alla loro fusione,
procedere ad una riaggregazione dei valori e ripetere le analisi.
In seguito vengono sinteticamente descritti i dati prodotti dai singoli gruppi di ricerca.
6.2 Breve descrizione del contenuto dei dati geografici
6.2.1. I Sistemi Territoriali
Questa analisi è stata realizzata dal gruppo di lavoro del Centro di Ricerche per l’Ambiente e lo
Sviluppo sostenibile della Lombardia (CRASL).
Il file “Sistemi_territoriali.shp” raccoglie gli indicatori utilizzati per l’analisi, e gli elaborati dell’analisi
delle componenti principali e della classificazione su base geografica.
In particolare, per quanto riguarda gli indicatori, sono inclusi quelli relativi ai seguenti ambiti:
- Socio-demografico: include indicatori legati alla densità di popolazione, alla struttura della
popolazione e all’istruzione;
- Economico: include indicatori legati reddito e all’occupazione;
243
-
Servizi alla persona: include indicatori di servizio quali strutture commerciali, banche,
strutture ricettive;
Stili di vita e dell’abitare: include indicatori che si riferiscono alle caratteristiche della
dell’abitare e all’offerta di infrastrutture;
Uso del suolo/Naturalità: include indicatori relativo all’uso del suolo, alla naturalità e alla
forma dell’urbanizzato;
Attività agricola: include alcune caratteristiche delle attività agricole, legate alle aziende e
all’impiego nel settore agricolo.
Per quanto riguarda gli esiti dell’analisi, si sono inclusi:
- Il risultato dell’analisi di classificazione spaziale che porta alla caratterizzazione del territorio
lombardo in quattro sistemi territoriali (urbano, periurbano, rurale e naturale/montano).
6.2.2. Analisi di economia agraria
Questa analisi è stata realizzata dal gruppo di lavoro del Dipartimento di Scienze Agrarie e
Ambientali (DISAA-DEMM) dell’Università degli Studi di Milano.
Il database risulta costituito da una serie di indicatori, raccolti da diverse fonti ed aggregati a livello
comunale, per tutti i 1544 comuni della Lombardia.
Il file “comuni_finanziati.shp” raccoglie i comuni che ospitano sul proprio territorio aziende che
nell’arco del PSR 2007-2013 hanno aderito alla misura 214 e 121 . La misura 214 finanzia impegni
agroambientali pluriennali, suddivisi in 10 azioni. Mentre la misura 121 ha l’obiettivo di promuovere
l’innovazione di processo e di prodotto e la riconversione produttiva delle aziende. Il file raccoglie i
comuni che registrano aziende sul proprio territorio che hanno aderito alla misura.
I dati originari derivanti dal Siarl (Sistema Informativo Agricolo della Regione Lombardia,
(aggiornato a novembre 2011) sono a scala aziendale, e successivamente rielaborati a scala
comunale.
6.2.3. Funzioni e morfologia sociale
Questa analisi è stata realizzata dal gruppo di lavoro del Dipartimento di Sociologia e Ricerca
Sociale (DSRS) dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca.
In termini operativi, il database del DSRS risulta costituito da una serie di indicatori, disponibili dal
2005 al 2010, raccolti da diverse fonti ed aggregati a livello comunale.
Il file “Stilivita.shp” raccoglie gli indicatori più significativi dell’area “stili di vita”. In particolare sono
stati riportati quelli relativi a:
- percentuale di stranieri sul totale della popolazione residente, aggiornata al 2010 e
disponibile attraverso l’Annuario Statistico Regionale della Regione Lombardia;
- indice di natalità (per 1000 ab.), aggiornato al 2010 e disponibile attraverso l’Annuario
Statistico Regionale della Regione Lombardia
- l’indice composito di “virtuosità”, costruito a partire da 3 indicatori semplici di seguito
riportati : n. votanti sul totale degli aventi diritto nel corso della più recente elezione
amministrativa nazionale (anno 2008, disponibile attraverso l’Annuario Statistico Regionale
della Regione Lombardia); n. dichiaranti sul totale della popolazione residente (anno 2009,
reso disponibile presso il sito www.comuni-italiani.it); % raccolta differenziata procapite
(anno 2010, reso disponibile da ARPA – Osservatorio sui rifiuti)
- tasso di divorzi (per 1000 abitanti), aggiornato al 2010 e disponibile attraverso l’Annuario
Statistico Regionale della Regione Lombardia;
- acquisti di libri procapite (espressi in €), aggiornati all’anno 2008 e disponibile attraverso
l’Annuario Statistico Regionale della Regione Lombardia.
244
Per quanto riguarda gli esiti dell’analisi, è stato incluso il risultato dell’analisi di classificazione, che
porta alla caratterizzazione del territorio lombardo in :
- Sette classi di comuni, suddivisi sulla base delle funzioni (prevalenti) che vi insistono (aree
periferiche, aree naturali, aree turistiche, aree miste a funzioni urbane consolidate, aree
agricole a funzioni urbane dinamiche, aree miste a funzioni urbane dinamiche, aree urbane
a funzioni urbane consolidate);
- Quattro possibili scenari interpretativi del territorio (aree a carattere prevalentemente
naturalistico, aree a carattere turistico, aree a funzioni urbane dinamiche, aree a funzioni
urbane consolidate), ottenuti dall’aggregazione delle precedenti sette classi.
6.2.4. Analisi spaziale
Questa analisi è stata realizzata dal gruppo di lavoro di Fondazione Lombardia per l’Ambiente
(FLA). Il file “AnalisiSpaziale.shp” raccoglie gli indicatori risultanti da un’analisi statistica spaziale
della variabile “consumo del suolo”, misurata come percentuale di area comunale urbanizzata,
secondo la definizione adottata all’interno del Database sull’Uso del Suolo Agricolo e Forestale,
fonte primaria dei dati.
Le classificazioni derivate dall'analisi sono due. Nella prima il territorio è descritto sulla base di 4
categorie di urbanizzazione derivate dall'indicatore di autocorrelazione spaziale locale. La
seconda integra l'informazione sulla significatività statistica dell'indicatore, producendo quattro
sottoclassi ulteriori nelle quali l'indicatore risulta statisticamente significativo.
6.2.5. Funzioni urbane e periurbane
Questa analisi è stata realizzata dal gruppo di lavoro del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani
del Politecnico di Milano (DAStU).
Il DAStU si è occupato di interpretare e classificare i territori periurbani dal punto di vista della
disciplina urbanistica, riconoscendo per tutte le realtà comunali della Regione la compresenza di
temi/valori di urbanità, periurbanità, ambientali e di produzione agricola.
Il territorio regionale è stato infine classificato attraverso diverse mappe tematiche interpretative,
che trattano alcuni dati quantitativi e approfondiscono alcune considerazioni di carattere
qualitativo.
In particolare, sono state effettuate due differenti classificazioni:
- una di tipo quantitativo, basata sul rapporto tra la somma delle superfici antropizzate e
periurbane (che abbiamo sinteticamente definito “impronta di urbanità”) e le superfici
comunali, articolata a sua volta in due mappe derivate dall’applicazione di differenti
soglie;
- una di tipo qualitativo, basata sulla continuità e/o discontinuità delle superfici antropizzate
rispetto ai confini comunali e articolata, a sua volta, in tre mappe derivate
dall’applicazione di differenti soglie (250 m, 500 m, 1.000 m).
Il file “Analisi_urbanistica.shp” raccoglie e sintetizza due tipi di classificazione a livello comunale, per
estensione dell’impronta di urbanità e per morfologie territoriali.
Per quanto riguarda la prima classificazione, le elaborazioni e le rappresentazioni grafiche dei dati
consentono l’individuazione e la localizzazione geografica dei Comuni che presentano, da un
punto di vista quantitativo, un maggiore grado di urbanità e, viceversa, di quelli che presentano
una maggiore componente agricolo/forestale/ambientale.
La classificazione per morfologie territoriali ha come finalità l’individuazione e la mappatura dei
Comuni che presentano caratteri di continuità e/o discontinuità dell’antropizzato, mettendo in
questo modo in luce il sistema delle conurbazioni.
245
Per affinare questo tema, sono state individuate, oltre allo stato di fatto, tre differenti soglie di
possibile congiunzione/aggregazione delle aree antropizzate (250 m, 500 m, 1.000 m), simulando,
attraverso una necessaria semplificazione quantitativa, il possibile “effetto calamita”, in grado di
assecondare la crescita naturale di tipo tendenziale (l’effetto di conurbazione creato dalla
saldatura delle aree urbanizzate).
6.2.6. Sintesi unitaria
Le classificazioni precedentemente descritte sono state aggregate in una unica classificazione
unitaria. Tale classificazione si basa sul contributo delle classificazioni di 4 gruppi di ricerca (FLA,
DSRS, CRASL e DASTU), incrociate e successivamente aggregate in 8 classi principali. Per facilitare
alcune possibili interpretazioni e usi del risultato finale, si è provveduto a fornire anche una ulteriore
aggregazione per 4 macro-classi.
I dati sono forniti a livello comunale, per tutti i 1544 comuni della Lombardia.
Il file “Sintesi_unitaria.shp” raccoglie i risultati della classificazione unitaria, sia per le 8 che per le 4
classi.
In particolare, per quanto riguarda la classificazione in 8 classi si riportano le seguenti classi:
- Aree Urbane: sono aree che si trovano all’interno di un sistema urbano, che risultano
urbanizzate, le cui funzioni sono tipicamente legate all’offerta di servizi, infrastrutture e a
fattori agricoli e industriali e morfologicamente sono conurbate;
- Aree Periurbane di Prima Fascia: sono aree all’interno del sistema urbano, marginalmente
urbanizzate, con funzioni diverse (tipicamente urbane, in alcuni casi naturalistiche e, più
raramente, turistiche) e prevalentemente conurbate;
- Aree Periurbane di Seconda Fascia: sono aree escluse dal sistema urbano, anche se in
prossimità dello stesso, poco urbanizzate o anche agricole, in cui le funzioni tipicamente
urbane sono presenti ma alternate a caratteri naturalistici e morfologicamente non
conurbate;
- Aree Agricole con Funzioni Urbane: sono aree facenti parte della realtà rurale del territorio
lombardo, prevalentemente, ma non esclusivamente, agricole caratterizzate però da
funzioni tipicamente urbane e, da un punto di vista morfologico, sono indistintamente
conurbate e non conurbate;
- Aree Agricole Rurali: sono anche queste aree collocate nella parte rurale del territorio
lombardo, con caratteri tipici delle aree agricole, presentano caratteri naturalistici dal
punto di vista delle funzioni svolte e, anche in questo caso, sono indistintamente conurbate
e non conurbate;
- Aree Naturali con Funzioni Urbane: si tratta ancora di realtà fondamentalmente rurali, con
caratteri tipici delle realtà naturali, in cui sono però presenti funzioni tipicamente urbane
mentre, da un punto di vista morfologico, sono non conurbate;
- Aree Naturali a Vocazione Turistica: sono aree rurali, con caratteri tipici delle realtà naturali,
in cui sono prevalenti funzioni turistiche e, ancora una volta, sono indistintamente
conurbate e non conurbate;
- Aree Naturali: sono infine aree parte del sistema rurale, caratterizzate da un basso livello di
urbanizzazione, in cui i caratteri naturalistici sono largamente prevalenti e sono
indistintamente conurbate e non conurbate.
Per quanto riguarda la classificazione in 4 macro-classi, si riportano le seguenti classi:
- Aree urbane: equivalente alle aree urbane precedenti;
- Aree periurbane: derivate dall’unione di aree periurbane di prima e seconda fascia;
- Aree agricole: derivate dall’unione delle aree agricole con funzioni urbane e aree agricole
rurali;
- Aree naturali: derivate dall’unione delle tre tipologie di aree naturali.
246
6.3 Disponibilità e accessibilità dei dati
Tutti i dati descritti, successivamente al termine del progetto (Aprile 2013), verranno resi disponibili
attraverso
il
Geoportale
della
Regione
Lombardia
raggiungibile
all’indirizzo:
http://www.cartografia.regione.lombardia.it/geoportale
L’accesso ai dati sarà disponibile a diversi livelli: sia per la visualizzazione, attraverso uno specifico
servizio di mappa, sia per il download, nella sezione download del Geoportale. In questo secondo
caso, oltre allo shapefile verrà fornito un file di testo, in formato pdf, che riporta una breve
contestualizzazione del progetto AGAPU ed una descrizione dei dati che il layer contiene. Questo
documento è fondamentale per la comprensione dei contenuti dello shapefile, anche se non
esaustivo; per una conoscenza approfondita delle metodologie che hanno portato alle
classificazioni contenute nei dati geografici si rimanda quindi al report finale di progetto.
Questo approccio permette una lettura dei dati quanto più ampia possibile, permettendo di
leggerli a diversa scala di approfondimento, ma fornendo sempre il contesto scientifico di
riferimento per la loro comprensione.
247
ISBN 978-88-8134-116-0
COPIA NON COMMERCIABILE
E IN DISTRIBUZIONE GRATUITA

Documenti analoghi