Bollettino Autorità Garante Concorrenza Mercato su incentivi

Commenti

Transcript

Bollettino Autorità Garante Concorrenza Mercato su incentivi
100
BOLLETTINO N. 7 DEL 9 M A R Z O 2 0 1 5
AS1176 - INCENTIVI ALL’IMPIEGO DI BIOMASSE RESIDUALI PER LA
PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTE RINNOVABILE E DI
BIOCARBURANTI
Roma, 4 marzo 2015
Presidente del Senato della Repubblica
Presidente della Camera dei Deputati
Ministro dello Sviluppo Economico
L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (di seguito, l’Autorità), nella sua riunione del
18 febbraio 2015, ha ritenuto di formulare, ai sensi dell’articolo 21 della legge n. 287/90, le
seguenti considerazioni sulle possibili distorsioni concorrenziali nel mercato della sansa di oliva
vergine dovute all’applicazione della normativa nazionale di cui al Decreto 6 luglio 2012 del
Ministero dello Sviluppo Economico e al Decreto Legislativo 3 marzo 2011, n. 28, in materia di
incentivi all’impiego di biomasse residuali per la produzione di energia elettrica da fonte
rinnovabile e di biocarburanti.
Il citato decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28 ha recepito a livello nazionale la direttiva
2009/28/CE (c.d. Renewable Energy Directive, “RED”) che prevede il raggiungimento entro il
2020 da parte dell’Unione Europea dell’obiettivo di copertura di almeno il 20% del proprio
fabbisogno energetico tramite il ricorso all’energia da fonti rinnovabili. A tal fine, la RED ha
stabilito che in ciascuno Stato membro almeno il 10% del consumo energetico complessivo
destinato ai trasporti sia soddisfatto entro l’anno 2020 con l’impiego di energia proveniente da
fonti rinnovabili tra cui anche la biomassa. In particolare, l’art. 21, comma 2, della RED ha
previsto che “il contributo dei biocarburanti prodotti a partire da rifiuti, residui, materie
cellulosiche di origine non alimentare e materie ligno-cellulosiche è considerato equivalente al
doppio di quello di altri carburanti”. Tale meccanismo, comunemente indicato come double
counting, costituisce un significativo incentivo al ricorso a determinate materie per soddisfare il
bilancio energetico dei trasporti nei diversi Stati membri, ai quali è stata tuttavia lasciata ampia
discrezionalità nell’individuare più precisamente le materie cui riconoscere tale incentivo.
Recentemente la Commissione Europea ha inteso però chiarire che le biomasse debbono essere
impiegate per scopi energetici solo qualora non esistano sbocchi di mercato alternativi, sancendo il
cosiddetto principio di utilizzo “a cascata” di tali prodotti 1.
Sul piano nazionale, ai fini del raggiungimento dell’obiettivo di copertura di almeno il 10% del
consumo energetico destinato al settore dei trasporti tramite energia rinnovabile, il Legislatore ha
previsto un obbligo di miscelazione dei carburanti tradizionali con una quota minima di
biocarburanti prodotti a partire dalle biomasse (art. 33, comma 4, del Decreto Legislativo n.
1 Commissione UE, Comunicazione al Parlamento europeo “Per una rinascita industriale europea” - COM (2014)14 final del 22 gennaio 2014.
BOLLETTINO N. 7 DEL 9 MARZO 2015
28/11). Inoltre, il comma 5 del medesimo articolo ha trasposto il criterio del double counting
introdotto dalla RED nel quadro normativo nazionale stabilendo che “il contributo dei
biocarburanti, incluso il biometano, per i quali il soggetto che li immette in consumo dimostri […]
che essi sono stati prodotti a partire da rifiuti e sottoprodotti […] è equivalente all’immissione in
consumo di una quantità pari a due volte l’immissione in consumo di altri biocarburanti”. Tale
formulazione della norma consente di includere anche la sansa di oliva nella lista delle materie
incentivate con il meccanismo del double counting.
In maniera più esplicita, il Decreto 6 luglio 2012 del Ministero dello sviluppo economico, di
attuazione all’art. 24 del Decreto Legislativo n. 28/11 - recante le modalità di incentivazione della
produzione di energia elettrica da impianti da fonti rinnovabili - ha incluso, all’Allegato 1, Tabella
1.A, punto 3, “i sottoprodotti della trasformazione delle olive (sanse, sanse di oliva disoleata)” tra
i “sottoprodotti utilizzabili negli impianti a biomasse e biogas ai fini dell’accesso ai meccanismi
incentivanti di cui al presente decreto”.
A questo proposito, l’Autorità ritiene che l’inclusione, tra le materie destinatarie di incentivi
economici per la produzione di energia rinnovabile e biocarburanti, della sansa di oliva possa
generare delle rilevanti distorsioni sui mercati dei prodotti per i quali si utilizza la sansa come
fattore produttivo. La sansa di oliva costituisce infatti un sottoprodotto della lavorazione dell’olio
di oliva che ha modalità di impiego alternative a quello energetico, ad esempio per la produzione
dell’olio di sansa. Gli incentivi economici riconosciuti per l’utilizzo della sansa a fini energetici
potrebbero comportare dunque una crescita artificiosa dei prezzi della sansa, turbando le
condizioni di approvvigionamento degli altri settori industriali (in modo particolare quello
alimentare) che ricorrono alla stessa materia prima.
Questa valutazione sull’effetto distorsivo dell’incentivazione per l’uso energetico della sansa è
peraltro in linea con il principio dell’utilizzo a cascata delle biomasse indicato dalla Commissione
Europea nella Comunicazione COM (2014)14 final, in base alla quale è opportuno indirizzare tali
prodotti verso l’impiego energetico solo qualora non vi siano sbocchi di mercato alternativi.
101
102
BOLLETTINO N. 7 DEL 9 M A R Z O 2 0 1 5
L’Autorità è già intervenuta in passato per segnalare la preferibilità, dal punto di vista
concorrenziale, dell’individuazione di regimi di incentivazione per la produzione di energia da
biomasse che trovino applicazione per i soli rifiuti e sottoprodotti che non abbiano altra utilità
produttiva o commerciale al di fuori di un loro impiego per la produzione di energia 2. Sotto tale
prospettiva, si intende pertanto reiterare la proposta di emendamento dell’articolo 33, comma 5,
del Decreto Legislativo n. 28/11 nel senso sopra indicato, auspicando altresì una modifica
dell’Allegato 1, Tabella 1.A, punto 3, del Decreto 6 luglio 2012 del Ministero dello sviluppo
economico, al fine di eliminare il riferimento generico alle sanse nell’elenco dei sottoprodotti
utilizzabili negli impianti a biomasse e biogas ai fini dell’accesso ai meccanismi incentivanti.
IL PRESIDENTE
Giovanni Pitruzzella
2 Cfr. segnalazione AS933 del 26 aprile 2012, Applicazione di incentivi all’immissione di biocarburanti realizzati dal
grasso animale e AS102 del 23 ottobre 1997, Riutilizzo delle biomasse per la produzione di energia.