Rubner Haus, centro di ricerca

Commenti

Transcript

Rubner Haus, centro di ricerca
11
Corriere dell'Alto Adige Giovedì 17 Luglio 2014
BZ
Economia
Industria
SunEdison
Altri 15 tagli
BOLZANO — I vertici della SunEdison di Sinigo hanno incontrato
ieri i segretari delle categorie sindacali (Stefano Schwarze della
Cgil, Maurizio Albrigo della Cisl e Alfred Delmonego della Uil), ai
quali hanno illustrato una bozza di accordo per attivare una
nuova tranche di mobilità volontaria per 15 dipendenti. Con
analoghe procedure lo scorso aprile erano andati in mobilità 35
addetti, a dicembre altri 30. Una cinquantina i lavoratori che
hanno presentato dimissioni volontarie negli ultimi due anni.
Edilizia Sabato l’azienda festeggia i 50 anni rafforzando la leadership sul mercato nazionale
Congiuntura Analisi Astat e Ire
Rubner Haus, centro di ricerca
Crisi, morsa allentata
Fallimenti stabili
Aumentano i redditi
Case in legno: attivati a Chienes i laboratori sperimentali
BOLZANO — Rubner Haus
si prepara a celebrare il 50˚ anniversario con due giornate di
festa. La storica azienda italiana nell’edilizia residenziale in
legno celebrerà l’evento sabato 19 e mercoledì 30 a Chienes.
Sabato l’azienda propone un
open day. Sarà possibile visitare gli stabilimenti di produzione e i luoghi dove nascono le
innovative case Rubner. Previsti una visita al Rubner Panorama (esposizione di case modello per benessere abitativo ed efficienza energetica), al Rubner
Prospettive Legno (mostra
multisensoriale permanente),
al Rubner Finissage (reparto riservato ai materiali e alle rifiniture d’interni) e al Rubner
Mondo Porte (centro espositivo dedicato alle porte su misura). Mercoledì 30 luglio alle
19.30 la Rubner Wood Hall
ospiterà il concerto dell’Orchestra dell’Accademia Gustav
Mahler, guidata dal direttore
Daniel Harding.
La Rubner Haus, nata nel
1964 con le prime case in legno Blockhaus, ha raggiunto il
grande pubblico nazionale nel
1990 con il progetto Heidis, in
collaborazione con l’architetto
Matteo Thun che ha ideato le
prime costruzioni evolute in legno, coniugando design e funzionalità avanzate. In 50 anni,
Rubner Haus ha realizzato
15.000 edifici in legno, compresi i recenti multipiano antisismici. All’interno del Rubner
Center di Chienes è stato attivato il Rubner Centro Prove, un
laboratorio sperimentale per la
ricerca di combinazioni di materiali ad alta efficienza energetica, e il laboratorio di ricerca
applicata. «Il nuovo Rubner
Center è una rappresentazione
tangibile del nostro
know-how. È una piattaforma
per offrire nuovi impulsi
63
milioni
I ricavi 2013 di Rubner
Haus, azienda del Gruppo
Rubner di Chienes
che fattura 363 milioni
300
Manager L’amministratore delegato Werner Volgger
all’edilizia in legno e si pone come punto di riferimento
all’avanguardia per le future realizzazioni ecosostenibili», afferma Werner Volgger, ammi-
nistratore delegato di Rubner
Haus. Tra le più recenti partnership dell’azienda, c’è quella
con il team «RhOME for denCity» dell’Università di RomaTre
collaboratori
lavorano alla Rubner Haus
negli stabilimenti
di Chienes e Sarentino
Il gruppo ha 1.567 addetti
per la realizzazione di un prototipo altamente competitivo sotto il profilo tecnologico e costruttivo, che ha vinto sabato
scorso la gara internazionale
Competizione internazionale
Solar Decathlon, Eurotherm nel team
BOLZANO — C’è anche la Eurotherm di
Frangarto (oltre a Rubner Haus e Agenzia
CasaClima) nel team italiano che, lo scorso
weekend, ha conquistato l’oro al Solar
Decathlon Europe 2014 (Olimpiade
dell’architettura ecosostenibile) a Versailles
con la casa ecosostenibile «RhOME for
denCity dell’Università di RomaTre. Il team
italiano aveva ottenuto il bronzo nel 2012.
Venti i progetti in gara quest’anno, da tutto il
mondo. «RhOME for denCity» è pensato per
il recupero di un quartiere della periferia
romana (Tor Fiscale): 65 metri quadrati ad
alta tecnologia in legno certificato a basso
impatto ambientale, illuminazione naturale e
artificiale di avanguardia, forte attenzione
Panorama
Cavolfiore con marchio Südtirol
Il raccolto cresce del 10%
Richieste da tutte le regioni
Il raccolto del cavolfiore estivo con il marchio di qualità Alto
Adige sta procedendo bene, nonostante l’inizio ritardato a causa
delle basse temperature. Previsto un aumento del 10%. È
coltivato in Venosta e commercializzato dalla Vip. Le
cooperative Lasa Alpe e Oveg sono leader sul mercato italiano,
dalla Lombardia aslla Sicilia. Circa 400 aziende, la maggior parte
delle quali a conduzione familiare, producono annualmente
circa 10.000 tonnellate di verdura con il marchio di qualità Alto
Adige, 2.600 delle quali di cavolfiori. Si coltivano ancvhe patate
(circa 6.000 tonnellate), cavolo bianco (500), radicchio (400),
lattuga iceberg (350), crauti (300), cavolo rapa e cavolo rosso
(10), asparagi (7). La verdura con il marchio di qualità Alto
Adige viene coltivata in Venosta, Passiria, Val Martello, Valle
Isarco, Pusteria, Valle dell’Adige, Renon e Alta Val di Non.
BOND FRI-EL. Borsa Italiana ha confermato ieri che otto
nuove società, tra cui la bolzanina Fri-El Biogas srl, hanno
debuttato sul mercato ExtraMot Pro, dedicato alla quotazione di
minibond, cambiali finanziarie, strumenti partecipativi e
project bond riservati a investitori professionali.
TELECOM A LAIVES. Telecom presenta la seconda edizione
del contest «Italia Connessa», l’iniziativa avviata lo scorso anno
per diffondere la cultura dell’innovazione tra le
amministrazioni locali, promuovere la digitalizzazione nel
Paese e favorire la diffusione di servizi innovativi ai cittadini e
alle imprese. Quest’anno il contest si rivolge a 118 comuni di
medie dimensioni, tra cui Laives.
RESTYLING LIMONI. Il punto vendita Limoni di Merano, in via
Leonardo da Vinci, si presenta al pubblico con un concept
completamente rinnovato. Oggi l’inaugrazione.
alla qualità dell’aria interna. Il pavimento
radiante a minimo spessore Zeromax di
Eurotherm è l’impianto impiegato per il
riscaldamento ed il raffrescamento degli
ambienti, abbinato alla nuova unità di
trattamento aria Deuclima Vmc, il tutto
gestito dalla regolazione intelligente
Smartcomfort ottimizzata per ridurre al
minimo i consumi di gestione. L’impianto
radiante ha giocato un ruolo determinante
per vincere la competizione. Michele Bottoni
di Eurotherm commenta: «Dopo il premio
Klimahouse Trend a gennaio, questa vittoria
internazionale conferma il potenziale del
sistema radiante a pavimento Zeromax».
Solar Decathlon Europe 2014 a
Versailles. Già al Solar Decathlon Europe 2012 di Madrid
questa partnership si era dimostrata vincente con il progetto
«Med in Italy» che ha ricevuto
le medaglie di bronzo per la sostenibilità.
A confermare il valore
dell’attività svolta negli anni, il
fatturato di 63 milioni di euro
nel 2013 dell’azienda, l’intensa
attività produttiva nei 2 stabilimenti di Chienes e e i 300 collaboratori altamente qualificati.
Grazie ai costanti investimenti
in ricerca e sviluppo, in ambito sia progettuale che produttivo, e forte di un know-how
tecnico davvero unico, l’azienda è impegnata nella messa a
punto di nuove soluzioni abitative per una casa ecologica e a
stretto contatto con la natura.
Il successo di Rubner Haus,
azienda pioniera del Gruppo
Rubne di Chienes, ha creato solide basi per l’avvio di un business diversificato e in costante
evoluzione suddiviso in cinque settori: industria del legno, strutture in legno, grandi
progetti chiavi in mano, case
in legno e porte in legno. Proprietà al 100% della famiglia
Rubner, il Gruppo ha un forte
orientamento all’internazionalizzazione verso l’Europa, gli
Stati Uniti e l’Asia. L’attività
dei Rubner nasce nel 1926 come segheria a conduzione famigliare. Con un fatturato di
363 milioni di euro nel 2013 e
sedi in Italia, Germania, Austria, Francia, Polonia e Slovenia, il Gruppo conta 1.567 collaboratori di cui 770 in Alto
Adige. La passione per il legno
anima ancora oggi la famiglia
dei proprietari rappresentata
da Stefan (presidente), Peter,
Joachim e Alfred Rubner.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
BOLZANO — Arrivano conferme ai segnali di ripresa economica dell’Alto Adige. Dopo la diminuzione delle famiglie povere appurata dall’Istat e il minor impatto della crisi certificato
dallo studio del Sole 24 Ore, ieri è arrivato il dato Astat sui fallimenti nel primo semestre del 2014: sono stati 39 , valore analogo a quanto segnalato nello stesso periodo del 2013. Spicca l’aumento nell’industria (da 5 a 12 procedure concorsuali), mentre
rimane alto ma stabile il dato delle costruzioni (11 procedure).
In calo alberghi e pubblici esercizi (scesi da 8 a 2). Nell’industria si segnalano 3,8 fallimenti ogni 1.000 imprese, mentre negli altri settori economici l’indice si attesta tra 1,9 (costruzioni)
e 0,2 (alberghi). La media provinciale è 0,9. Aumenti nel Burgraviato (da 8 a 14 procedure) e a Bolzano (da 10 a 13 procedure).
Ammessi in media 68 creditori.
Sulla classifica del Sole 24 Ore di lunedì scorso (riportata dal
nostro giornale nell’edizione di martedì), che ha analizzato l’impatto della crisi in tutte le province italiane esaminando dieci
indicatori, è intervenuta ieri l’Istituto di ricerca economica della Camera di commercio. «Bolzano ha subito un effetto abbastanza contenuto, piazzandosi al secondo posto con un punteggio di 30,2 dove 100 significa crisi più accentuata e 1 crisi meno
forte. Meglio di Bolzano si è posizionata soltanto Vicenza. L’Alto Adige negli ultimi sette anni ha saputo far fronte ad un
I sindacati
periodo così difficile per imUil: disagio occupazionale prese e famiglie. Ora si tratta
di continuare in questa direinferiore al resto d’Italia
zione e guardare alle sfide
La Cgil preoccupata
del futuro», ha detto il presiper la crescita dei prezzi
dente della Camera di commercio di Bolzano, Michl Ebner. Dal 2007 al 2013 in provincia di Bolzano il reddito pro capite è aumentato del 6,1%.
Buoni anche i consumi per beni durevoli, diminuiti in maniera
contenuta (-10,7%) rispetto ad altre province. Hanno registrato
una buona performance anche i depositi bancari aumentati del
43,9%. La disoccupazione è salita del 71,6%, ma rimane la più
bassa d’Italia.
Altra conferma della «ripresina» economica dell’Alto Adige
arriva dal rapporto «No Pil? No job» pubblicato ieri dalla Uil.
Sono 9 le Regioni con un indice di disagio al di sopra della media nazionale: alle 8 del Mezzogiorno si aggiungono le Marche.
A guidare questa classifica c’è la Calabria, seguita da Campania
e Puglia. Le regioni con minor malessere sono nell’ordine Lombardia, Alto Adige e Veneto. Un allarme lo lancia infine Alfred
Ebner della Cgil: «Un tasso d’inflazione superiore di quasi un
punto rispetto a quello nazionale è un segnale che deve destare
preoccupazione. Se è vero che la nostra economia risente meno
della crisi e che l’afflusso di potere d’acquisto, grazie al turismo, è positivo, appaiono negative invece le previsioni di recupero dell’inflazione locale delle pensioni e dei salari, che sono
legate all’andamento dell'inflazione nazionale».
Felice Espro
F. E.
RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alpinismo Svettano le scarpe da montagna, i «sacchi letto» con materiali riciclati e le viti tecnologiche
Fiera OutDoor, Salewa conquista tre ori
Oberrauch: «Premiati nelle categorie innovazione e sostenibilità»
BOLZANO — Il nuovo logo
Salewa svetta anche quest’anno alla la fiera «OutDoor» a
Friedrichshafen, dove i prodotti più innovativi vengono
premiati con l’OutDoor Industry Award.
La giuria, composta da
esperti del settore, valuta il
grado di innovazione delle
centinaia di prodotti che vengono presentati, suddivisi in
otto categorie. Salewa, dopo i
successi raggiunti nel 2012 e
nel 2013, si è aggiudicata anche per l’estate 2014 tre ambiti premi nelle categorie Footwear, Eco Sustainability e
Climbing Gear.
«Un’esperienza pluriennale
in verticale e nelle spedizioni,
una solida rete formata da associazioni di sport alpini e
guide alpine a livello internazionale e la continua ricerca
di innovazione e prodotti con
performance eccellenti sono
le coordinate che guidano la
Salewa», sottolinea una nota
dell’azienda bolzanina leader
dell’abbigliamento sportivo e
dell’attrezzatura di montagna.
Anche quest’anno l’azienda
si è presentata alla fiera OutDoor di Friedrichshafen con
i suoi nuovi prodotti e un nuovo logo, vincendo tre OutDoor Industry Award. «Per la seconda volta la Salewa è stata
premiata con ben tre Awards
della fiera specialistica
dell’OutDoor. In questo momento, che vede anche il lancio del nuovo logo, questa
premiazione è ancora più importante per noi, perché sottolinea la nostra grande voglia
di rinnovarci e rivestire un
ruolo trainante nell’innovazione. Mi rende particolarmente
lieto il fatto di aver ottenuto,
oltre a due premi nella categoria Innovazione, anche uno
della categoria Sostenibilità.
È bello veder onorato il proprio impegno, e dà una nuova
Commercio
Aperture domenicali, l’Unione attacca
BOLZANO — L’Unione commercio è pronta
a sostenere la battaglia dei sindacati per
una regolamentazione delle aperture
domenicali dei negozi. Lo spunto è lo
studio dell’Ipl, secondo il quale il 65% dei
lavoratori è contrario alle aperture
domenicali. «Una larga maggioranza —
sottolinea l’Unione — che conferma il
valore attribuito dalla popolazione al
tradizionale commercio di vicinato e,
soprattutto, alla capillare rete di aziende
familiari che sostengono i circuiti
economici locali e l’occupazione in tutti i
mandamenti provinciali». Il presidente
Walter Amort aggiunge: «L’Unione si batte
da sempre contro una liberalizzazione degli
orari del tutto fraintesa, convinta che una
regolamentazione pubblica delle aperture
sia nell’interesse sia delle aziende familiari
che dei loro collaboratori che, in ultima
analisi, anche dei consumatori, ribadisce il
presidente dell'Unione, la quale. Con le
debite eccezioni previste per i comuni a
vocazione turistica, ci siamo sempre
espressi a favore della chiusura
domenicale». Secondo Amort «un’apertura
domenicale generalizzata non solo è
avversa alle aziende familiari, spina dorsale
dell’economia altoatesina, ma mette anche
in pericolo il commercio di vicinato e la
qualità della vita nei centri urbani».
© RIPRODUZIONE RISERVATA
motivazione a tutta l’azienda», ha commentato Heiner
Oberrauch, presidente del
gruppo Salewa-Oberalp.
Salewa risulta vincitore
Gold nella categoria Footwear con le scarpe «Speed
Ascent». Grazie all’allacciatura avanzata e la linguetta sovrapposta, la velocità in montagna non fa più paura. La tecnologia Take-Off con la posizione delle dita verso l’alto e
il Vibram Rolling Gait System
con la suola di profilo rocker
sono le novità.
Primo posto anche nella categoria Eco Sustainability con
i sacchi letto Eco Down creati
con materiali sostenibili grazie al riutilizzo dei sacchi letto
usati. Anche le zip vengono
riutilizzate.
Oro, infine, nella categoria
Climbing Equipment avendo
brevettato la vite da ghiaccio
«Quick screw», ulteriore soluzione innovativa, che introduce nuovi standard per quanto
riguarda l’utilizzo, la prestazione e la sicurezza.
F. E.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Documenti analoghi

Rubner haus presenta due soluzioni abitative di grande qualità con

Rubner haus presenta due soluzioni abitative di grande qualità con architettoniche consente di creare spazi abitativi distribuiti su un unico piano. Si distingue soprattutto per la sua grande versatilità: la pianta dell’edificio può essere adattata alle esigenze d...

Dettagli