“Il nono cerchio” Ignacio Padilla

Commenti

Transcript

“Il nono cerchio” Ignacio Padilla
Presentación del libro "Il nono cerchio" de Ignacio Padilla: By Embamex Italia
L’Ambasciata del Messico,
l’Istituto Italo-Latino Americano,
e Giunti Editori
presentano il libro
“Il nono cerchio”
di
Ignacio Padilla
Giovedì 20 aprile 2010, ore 18,00
IILA - Palazzo Santacroce
Piazza B. Cairoli, 3
Salone degli specchi
00186 Roma
***
 L’Ambasciata del Messico, l’Istituto Italo-Latino Americano (IILA) e Giunti Editori
presentano il libro “Il nono cerchio” alla presenza dell’autore Ignacio Padilla.
 Ignacio Padilla, importante scrittore contemporaneo messicano, presenta un
racconto affascinante che ci introduce nell’inferno di Dante.
 La presentazione del libro s’inserisce nel novero delle celebrazioni del
Bicentenario dell’Indipendenza del Messico e del Centenario della Rivoluzione
Messicana.
Ignacio Padilla (Città del Messico, 1968) è ritenuto dalla rivista francese Lire
uno dei cinquanta scrittori più importanti del XXI Secolo.
Nel 1996 ha firmato con Jorge Volpi ed Eloy Urroz il celebre Manifesto del
crack, che proponeva il rilancio della letteratura in lingua spagnola.
Laureato in Scienze della Comunicazione presso l’Università Iberoamericana,
ottiene un master in Letteratura Inglese presso l’Università di Edimburgo ed
un dottorato in Filologia Ispanica presso l’Università di Salamanca. E’
membro del Sistema Nacional de Creadores del Messico, borsista della
Fondazione Guggenheim e titolare della cattedra Rosario Castellanos presso
l’Università di Gerusalemme.
La sua opera narrativa, saggistica e drammatica, tradotta in più di venti
lingue, gli ha fatto ottenere numerosi premi, tra cui il Premio Nazionale di
Letteratura infantile Juan de la Cabada, Premio Nazionale del Saggio Malcolm
Lowry, Premio Nazionale per il Primo Romanzo Juan Rulfo, Premio Nazionale
della favola San Luis Potosí, Premio Internazionale del Racconto Juan Rulfo
ed il Premio Luis Cardoza y Aragón per la Critica delle Arti Plastiche.
Attualmente egli è Assessore alla Cultura del Governo dello Stato di
Querétaro, ricercatore presso il Centro de Estudios Cervantinos nello Stato di
Guanajuato, Professore di ruolo presso l’Università Iberoamericana di Città
del Messico.
Ignacio Padilla è uno scrittore di straordinario talento che si esprime, non
soltanto attraverso un profondo lavoro di esplorazione del linguaggio, ma
anche con l’arte stessa del narrare. La condizione umana nei suoi personaggi
è indissolubilmente legata al sottofondo storico, e per tanto culturale, in cui
essi si muovono. Come se la loro esistenza trascendesse gli stretti limiti del
proprio contorno.
L’effetto delle strutture narrative da lui imbastite, sembrerebbe derivare
dalla propria natura di drammaturgo. Com’è vero che vi sono degli scrittori
che pensano e scrivono per immagini che potrebbero rappresentare il seme
del cinema, in Ignacio Padilla parrebbe prevalere un pensiero scenico che
attraversa i vari generi letterari. La storia è teatro, è romanzo ed è, in
qualche modo, la vita stessa.
Ignacio Padilla forma parte di una generazione letteraria che si definisce dalla
propria volontà critica in quelle opere che, negli argomenti e nella
lavorazione del linguaggio, si inseriscono nell’ambito di una reazione di fronte
al boom latinoamericano. La realtà meravigliosa o il realismo magico, le selve
o i condottieri tropicali danno spazio a più definite inquietudini in funzione
delle nuove realtà, in un mondo in cui vi sono meno regionalismi e più
universalità.
In italiano sono stati pubblicati “Ombre senza nome” (Fanucci 2005),
“L’ombra dell’eroe” (Giunti 2007) e “Il nono cerchio (Giunti 2010), titolo
italiano di “La gruta del toscano”.
E’ un vero onore per l’Ambasciata del Messico presentare al pubblico italiano
uno dei propri e più grandi narratori contemporanei.
L’ingresso è libero.
Per ulteriori informazioni: Ufficio Culturale dell’Ambasciata del Messico:
[email protected], Tel. 06 44 11 52 14.

Documenti analoghi