indicazioni generali e strumenti operativi a.s. 2016/2017

Commenti

Transcript

indicazioni generali e strumenti operativi a.s. 2016/2017
ISTITUTO COMPRENSIVO DON LORENZO MILANI
Via F. Lenci, 3 – 55049 VIAREGGIO - (LUCCA) Tel. 0584 - 392386
e-mail [email protected] - pec [email protected]
www.iclencidonmilaniviareggio.it
C.F.91019660462
UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE DI LUCCA
E MASSA CARRARA - SEDE DI LUCCA
Scuola Polo-Formazione Ambito Territoriale di
LUCCA
ANNO DI PROVA E FORMAZIONE PER DOCENTI NEO-ASSUNTI
A.S. 2016/2017
INDICAZIONI GENERALI
&
STRUMENTI OPERATIVI
ISTITUTO COMPRENSIVO DON LORENZO MILANI
Via F. Lenci, 3 – 55049 VIAREGGIO - (LUCCA) Tel. 0584 - 392386
e-mail [email protected] - pec [email protected]
www.iclencidonmilaniviareggio.it
C.F.91019660462
UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE DI LUCCA
E MASSA CARRARA - SEDE DI LUCCA
Scuola Polo-Formazione Ambito Territoriale di
LUCCA
Premessa:
Per il periodo di formazione e prova dei docenti neo-assunti, anche per l'anno scolastico 2016-2017 rimane
confermato nei suoi aspetti strutturali il medesimo impianto messo in opera nell’anno scolastico 2015/2016.
"Il percorso si concretizza in 50 ore di formazione complessiva, considerando sia le attività
formative in presenza (riducendo ulteriormente l’approccio frontale e trasmissivo, a favore della
didattica laboratoriale), l’osservazione in classe (da strutturare anche mediante apposita
strumentazione operativa), la rielaborazione professionale, mediante gli strumenti del “bilancio di
competenze”, del “portfolio professionale”, del patto per lo sviluppo formativo, che saranno
ulteriormente semplificati nei loro supporti digitali".
I RIFERIMENTI NORMATIVI continuano a essere i seguenti:




L. 107/2015 ART. 1 COMMI DA 115 A 120
D.M. n.850 del 27/10/2015
NOTA MIUR 36167 del 5/11/2015 con Allegato 1 - Quadro di sintesi del percorso formativo per i docenti
neoassunti
NOTA MIUR 28515 del 04/10/2016
Legge 107/2015
115. Il personale docente ed educativo è sottoposto al periodo di formazione e di prova, il cui
positivo superamento determina l'effettiva immissione in ruolo.
116. Il superamento del periodo di formazione e di prova è subordinato allo svolgimento del
servizio effettivamente prestato per almeno centottanta giorni, dei quali almeno centoventi per
le attività didattiche.
117. Il personale docente ed educativo in periodo di formazione e di prova è sottoposto a
valutazione da parte del dirigente scolastico, sentito il comitato per la valutazione istituito ai
sensi dell'articolo 11 del testo unico di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, come
sostituito dal comma 129 del presente articolo, sulla base dell'istruttoria di un docente al quale
sono affidate dal dirigente scolastico le funzioni di tutor.
118. [...]
119. In caso di valutazione negativa del periodo di formazione e di prova, il personale docente ed
educativo è sottoposto ad un secondo periodo di formazione e di prova, non rinnovabile.
120. Continuano ad applicarsi, in quanto compatibili con i commi da 115 a 119 del presente
articolo, gli articoli da 437 a 440 del testo unico di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297.
ISTITUTO COMPRENSIVO DON LORENZO MILANI
Via F. Lenci, 3 – 55049 VIAREGGIO - (LUCCA) Tel. 0584 - 392386
e-mail [email protected] - pec [email protected]
www.iclencidonmilaniviareggio.it
C.F.91019660462
UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE DI LUCCA
E MASSA CARRARA - SEDE DI LUCCA
Scuola Polo-Formazione Ambito Territoriale di
LUCCA
INDICAZIONI PER I NEO-IMMESSI
 Docenti che si trovano al primo anno di servizio con incarico a tempo indeterminato, a qualunque
titolo conferito, e che aspirino alla conferma nel ruolo
 Docenti per i quali sia stata richiesta la proroga del periodo di formazione e prova o che non
abbiano potuto completarlo negli anni precedenti. In ogni caso la ripetizione del periodo comporta
la partecipazione alle connesse attività di formazione, che sono da considerarsi parte integrante
del servizio in anno di prova.
 Docenti che devono ripetere l'anno di formazione e prova
 Docenti per i quali sia stato disposto il passaggio di ruolo.
SUPERAMENTO DEL PERIODO DI FORMAZIONE E PROVA - VALUTAZIONE
 Servizio effettivamente prestato per almeno 180 giorni (compresi i periodi di sospensione delle
lezioni e delle attività didattiche, gli esami e gli scrutini ed ogni altro impegno di servizio) di cui
almeno 120 per le attività didattiche, ivi comprese quelle valutative, progettuali, formative e
collegiali.
 Corretto possesso ed esercizio delle competenze culturali, disciplinari, didattiche e
metodologiche, con riferimento ai nuclei fondanti dei saperi e ai traguardi di competenza e agli
obiettivi di apprendimento previsti dagli ordinamenti vigenti;
 Corretto possesso ed esercizio delle competenze relazionali, organizzative e gestionali:
attitudine collaborativa nei contesti didattici, progettuali, collegiali, interazione con le famiglie e
con il personale scolastico, capacità di affrontare situazioni relazionali complesse e dinamiche
interculturali, partecipazione attiva e sostegno ai piani di miglioramento dell’istituzione scolastica
 Osservanza dei doveri connessi con lo status di dipendente pubblico e inerenti la funzione
docente (parametri di riferimento: D.lgs 165/01 e successive modificazioni, il DPR 62/2013,
Regolamento dell’istituzione scolastica)
 Partecipazione alle attività formative e raggiungimento degli obiettivi dalle stesse previsti.
In caso di valutazione negativa del periodo di formazione e di prova, il personale docente
effettua un secondo periodo di formazione e di prova, non rinnovabile.
In caso di trasferimento ad altra scuola, tutta l'istruttoria "segue" il docente.
ISTITUTO COMPRENSIVO DON LORENZO MILANI
Via F. Lenci, 3 – 55049 VIAREGGIO - (LUCCA) Tel. 0584 - 392386
e-mail [email protected] - pec [email protected]
www.iclencidonmilaniviareggio.it
C.F.91019660462
UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE DI LUCCA
E MASSA CARRARA - SEDE DI LUCCA
Scuola Polo-Formazione Ambito Territoriale di
LUCCA
ATTIVITA' FORMATIVE (50h)
IN PRESENZA:
3 h: Incontro propedeutico (presentazione del percorso formativo);
3h: Incontro finale;
12 h: Laboratori formativi : 4 laboratori, di 3 ore ciascuno
Ogni corsista procederà alla scelta dei laboratori tra quelli proposti dalla scuola polo, attraverso la
compilazione di una scheda inviata alle scuole:







BES (obbligatorio)
TIC
EDUCAZIONE LINGUISTICA
GESTIONE DELLA CLASSE
INTERCULTURA
ORIENTAMENTO/ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO
VALUTAZIONE/AUTOVALUTAZIONE
Il laboratorio sarà attivato con un'adesione di almeno 30 persone
Orari e sedi dei corsi saranno comunicati ai corsisti attraverso la piattaforma dell'USR.
Le comunicazioni alle scuole e ai neoassunti saranno reperibili anche sul sito della scuola POLO, in
apposita sezione.
La scuola POLO costituirà i gruppi in relazione alla scelta dei laboratori e alla SEDE DI SERVIZIO dei
docenti.
Come per gli anni scolastici precedenti, al fine di andare incontro alle esigenze dei docenti e delle scuole,
saranno organizzati laboratori nelle tre aree della Provincia di Lucca: Versilia, Piana e Lucca,
Garfagnana.
Le sedi saranno comunicate contestualmente alla pubblicazione dei gruppi e delle date, su file .excel
12 h: Peer to peer e osservazione in classe: 3 ore di progettazione condivisa, 4 ore di
osservazione del neoassunto nella classe del tutor (il docente neoimmesso può utilizzare una
tabella di osservazione, es. Tabella 2) ; 4 ore di osservazione del tutor nella classe del
neoassunto; 1 ora di verifica dell'esperienza
ISTITUTO COMPRENSIVO DON LORENZO MILANI
Via F. Lenci, 3 – 55049 VIAREGGIO - (LUCCA) Tel. 0584 - 392386
e-mail [email protected] - pec [email protected]
www.iclencidonmilaniviareggio.it
C.F.91019660462
UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE DI LUCCA
E MASSA CARRARA - SEDE DI LUCCA
Scuola Polo-Formazione Ambito Territoriale di
LUCCA
FORMAZIONE ONLINE su PIATTAFORMA predisposta da INDIRE:
3h: Bilancio delle competenze iniziale (in forma di autovalutazione: analisi critica delle
competenze possedute; punti da potenziare; progetto di formazione in servizio)
3h: Bilancio delle competenze finale (in forma di autovalutazione: progressi di
professionalità, impatto delle azioni formative realizzate, sviluppi ulteriori da ipotizzare)
14 h: Formazione on line (ogni docente potrà documentare, alla maniera di un portfolio
professionale , le proprie esperienze formative, didattiche e di peer review).
La piattaforma consentirà inoltre di fruire delle risorse didattiche digitali messe a disposizione
da INDIRE
ISTITUTO COMPRENSIVO DON LORENZO MILANI
Via F. Lenci, 3 – 55049 VIAREGGIO - (LUCCA) Tel. 0584 - 392386
e-mail [email protected] - pec [email protected]
www.iclencidonmilaniviareggio.it
C.F.91019660462
UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE DI LUCCA
E MASSA CARRARA - SEDE DI LUCCA
Scuola Polo-Formazione Ambito Territoriale di
LUCCA
INDICAZIONI PER I DIRIGENTI SCOLASTICI
"Si segnala il compito culturale oltre che di garanzia giuridica affidato ai Dirigenti
scolastici, di cui si rafforza la funzione di apprezzamento delle nuove professionalità che
vengono messe alla prova per la conferma in ruolo. A tal fine si riconferma l’impegno del
Dirigente scolastico nell’osservazione e nella visita alle classi di servizio dei docenti neoassunti" (Nota MIUR 28515 del 04/10/2016)
[..] organizza le attività di accoglienza, formazione, tutoraggio, supervisione
professionale, avvalendosi della collaborazione dei docenti tutor e svolge le attività
per la valutazione del periodo di prova, [...] oltre a visitare le classi dei docenti neoassunti almeno una volta nel corso del periodo di formazione e di prova.
"I Dirigenti Scolastici procederanno all’individuazione tempestiva dei tutor per i docenti
in anno di formazione, prospettando loro le funzioni previste (per cui si rimanda a quanto
indicato nel DM 850/2015), tenendo conto degli impegni complessivi per il personale.
Anche per i docenti che devono ripetere un nuovo periodo di prova e formazione va
prevista la nomina di un docente tutor, possibilmente diverso da quello che lo ha
accompagnato nel primo anno di servizio". (Nota MIUR 28515 del 04/10/2016)
 Individua e nomina il tutor, sentito il parere del collegio dei docenti
 Informa i neoassunti su: obblighi di servizio e professionali connessi al periodo di prova,
modalità di svolgimento e di conclusione del percorso con particolare riguardo alle nuove funzioni
attribuite ai tutor.
 Informa circa gli indicatori adottati ai fini della valutazione dell’anno di prova:
a. corretto possesso ed esercizio delle competenze culturali, disciplinari, didattiche e
metodologiche, con riferimento ai nuclei fondanti dei saperi e ai traguardi di competenza e agli
obiettivi di apprendimento previsti dagli ordinamenti vigenti;
b. corretto possesso ed esercizio delle competenze relazionali, organizzative e gestionali
(attitudine collaborativa nei contesti didattici, progettuali, collegiali, interazione con le famiglie
e con il personale scolastico, capacità di affrontare situazioni relazionali complesse e dinamiche
interculturali, partecipazione attiva e sostegno ai piani di miglioramento dell’istituzione
scolastica);
c. osservanza dei doveri connessi con lo status di dipendente pubblico e inerenti la funzione
docente (parametri di riferimento: D.lgs 165/01 e successive modificazioni, il DPR 62/2013,
Regolamento dell’istituzione scolastica);
d. partecipazione alle attività formative e raggiungimento degli obiettivi dalle stesse previsti
(Bilancio di competenze, analisi dei bisogni formativi e obiettivi della formazione art. 5 D.M.).
ISTITUTO COMPRENSIVO DON LORENZO MILANI
Via F. Lenci, 3 – 55049 VIAREGGIO - (LUCCA) Tel. 0584 - 392386
e-mail [email protected] - pec [email protected]
www.iclencidonmilaniviareggio.it
C.F.91019660462
UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE DI LUCCA
E MASSA CARRARA - SEDE DI LUCCA
Scuola Polo-Formazione Ambito Territoriale di
LUCCA
 Definisce con il docente neoassunto, sulla base del 1° bilancio delle competenze (ad opera del
doc. neoass.) il patto per lo sviluppo professionale, sentito il docente tutor e tenuto conto dei
bisogni della scuola (obiettivi di sviluppo delle competenze di natura disciplinare, , didatticometodologica e relazionale, organizzativa e formativa da raggiungere attraverso le attività
formative differenziate e attivate da soggetti molteplici: scuole polo, istituzione scolastica in cui
presta servizio il docente, enti accreditati, anche attraverso l'utilizzo della Carta)
 Mette in atto osservazioni dirette, definendo i tempi col docente neoimmesso (il DS può
utilizzare una griglia di osservazione) e alla fine del primo periodo didattico fa il punto della
situazione
 In relazione al patto di sviluppo professionale, può programmare, ulteriori momenti di
osservazione in classe con altri docenti, oltre al tutor
 Segnala eventuali casi problematici al servizio ispettivo e al nucleo regionale, alla fine del 1°
periodo didattico.
 Al termine dell’anno di formazione e prova, presenta una relazione per ogni docente
comprensiva della documentazione delle attività di formazione, delle forme di tutoring, e di ogni
altro elemento informativo o evidenza utile all’espressione del parere.
 Convoca il Comitato per la valutazione per procedere all’espressione del parere sul
superamento del periodo di formazione e di prova "nel periodo intercorrente tra il termine delle
attività didattiche - compresi gli esami di qualifica e di Stato - e la conclusione dell’anno
scolastico" (art. 13 D.M.).
 Procede alla valutazione del personale docente in periodo di formazione e di prova sulla base
dell’istruttoria compiuta
 Emette provvedimento motivato di conferma in ruolo per il docente neo-assunto.
 Emette provvedimento motivato di ripetizione del periodo di formazione e di prova. Il
provvedimento indicherà altresì gli elementi di criticità emersi ed individuerà le forme di supporto
formativo e di verifica del conseguimento degli standard richiesti per la conferma in ruolo.
ISTITUTO COMPRENSIVO DON LORENZO MILANI
Via F. Lenci, 3 – 55049 VIAREGGIO - (LUCCA) Tel. 0584 - 392386
e-mail [email protected] - pec [email protected]
www.iclencidonmilaniviareggio.it
C.F.91019660462
UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE DI LUCCA
E MASSA CARRARA - SEDE DI LUCCA
Scuola Polo-Formazione Ambito Territoriale di
LUCCA
INDICAZIONI PER I TUTOR
"In questo quadro riconfermato, si preannuncia la valorizzazione e il riconoscimento della figura
del tutor accogliente che funge da connettore con il lavoro sul campo e si qualifica come “mentor”
per gli insegnanti neo-assunti, specie di coloro che si affacciano per la prima volta
all’insegnamento.
Il profilo del tutor si ispira alle caratteristiche del tutor accogliente degli studenti universitari
impegnati nei tirocini formativi attivi (cfr. DM 249/2010); la sua individuazione spetta al
Dirigente Scolastico attraverso un opportuno coinvolgimento del Collegio dei docenti. (Nota MIUR
28515 del 04/10/2016)
 Max tre docenti affidatigli/le
 Fa parte del Comitato per la valutazione in relazione al superamento del periodo di formazione
e di prova per il personale docente ed educativo. (art.1 c. 129 L. 107/2015)
 Apre un'istruttoria per ciascun docente a lui assegnato che comprende l'osservazione, la
progettazione condivisa, le esperienze di insegnamento del docente neoassunto e i risultati
 Collabora col docente neo-assunto in relazione al primo bilancio di competenze, e al bilancio di
competenze finale
 Fornisce informazioni al dirigente scolastico per la redazione del patto per lo sviluppo
professionale del docente neo assunto (art. 5 c. 3 DM. 850/2015)
 Ha la responsabilità dell’osservazione (concordata con docente neo-assunto) finalizzata al
miglioramento delle pratiche didattiche, alla riflessione condivisa sugli aspetti salienti dell’azione
di insegnamento (4 ore di osservazione nella classe del neoassunto); può utilizzare una griglia di
osservazione al fine di rilevare modalità di conduzione delle attività e delle lezioni, sostegno alle
motivazioni degli allievi, costruzione di climi positivi e motivanti, modalità di verifica formativa
degli apprendimenti.
 Progetta con il docente neoimmesso (3 ore di progettazione condivisa)
 Presenta, al Dirigente Scolastico e al Comitato di valutazione, le risultanze emergenti
dall’istruttoria compiuta in merito alle attività formative predisposte e alle esperienze di
insegnamento e partecipazione alla vita della scuola del docente neo-assunto (se presenza di
problematicità queste devono essere documentate)
 Informa tempestivamente il DS qualora ravvisasse dei problemi.
ISTITUTO COMPRENSIVO DON LORENZO MILANI
Via F. Lenci, 3 – 55049 VIAREGGIO - (LUCCA) Tel. 0584 - 392386
e-mail [email protected] - pec [email protected]
www.iclencidonmilaniviareggio.it
C.F.91019660462
UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE DI LUCCA
E MASSA CARRARA - SEDE DI LUCCA
Scuola Polo-Formazione Ambito Territoriale di
LUCCA
INDICAZIONI PER IL COMITATO PER LA VALUTAZIONE
L'art. 1 c. 129 della Legge 107/2015 sostituisce l'articolo 11 del testo unico, D.lgs 16 aprile 1994, n. 297
Per la valutazione dell'anno di formazione e prova dei docenti neoassunti il Comitato per la Valutazione
è composto da:




DS, che lo presiede
2 docenti: eletti dal C. D.
1 docente: eletto dal C.I.
docente tutor
Esprime il parere di superamento/non superamento del periodo di formazione e prova.
Tale parere è obbligatorio, ma non vincolante per il dirigente scolastico.
La Direttrice del Corso
Nella De Angeli
(Dirigente Scolastica)
ISTITUTO COMPRENSIVO DON LORENZO MILANI
Via F. Lenci, 3 – 55049 VIAREGGIO - (LUCCA) Tel. 0584 - 392386
e-mail [email protected] - pec [email protected]
www.iclencidonmilaniviareggio.it
C.F.91019660462
UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE DI LUCCA
E MASSA CARRARA - SEDE DI LUCCA
Scuola Polo-Formazione Ambito Territoriale di
LUCCA
ANNO DI PROVA E FORMAZIONE PER DOCENTI NEO-ASSUNTI
a.s. 2016/2017
STRUMENTI OPERATIVI
ESEMPIO DI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE PER IL/LA DS
Descrittore di livello
Cod.
INDICATORE
a)
Corretto possesso ed esercizio delle
competenze culturali, disciplinari con
riferimento ai nuclei fondanti dei saperi e ai
traguardi di competenza e agli obiettivi di
apprendimento previsti dagli ordinamenti
vigenti
a.1) Corretto possesso ed esercizio delle
competenze didattiche e metodologiche, con
riferimento ai nuclei fondanti dei saperi e ai
traguardi di competenza e agli obiettivi di
apprendimento previsti dagli ordinamenti
vigenti
b.1) Corretto possesso ed esercizio delle
competenze relazionali
b.1)a. Attitudine collaborativa nei contesti didattici,
progettuali, collegiali
b.1)b. Interazione con le famiglie e con il personale
scolastico
b.1)c. Capacità di affrontare situazioni relazionali
complesse
b.1)d. Capacità di affrontare dinamiche interculturali
b.2) Corretto possesso ed esercizio delle
competenze organizzative
b.2)a. Partecipazione attiva e sostegno ai piani di
miglioramento dell’istituzione scolastica
b.3) Corretto possesso ed esercizio delle
competenze di gestione della classe
c.)
Osservanza dei doveri connessi con lo status di
dipendente pubblico e inerenti alla funzione
docente
d)
Partecipazione alle attività formative e
raggiungimento degli obiettivi dalla stesse
previsti
1
2
3
4
Motivazione*
5
1=per nulla; 2= saltuariamente e comunque in modo insufficiente; 3= in modo sufficientemente congruo; 4= in misura
adeguata; 5= in modo pienamente coerente con i contesti di riferimento, con autonomia e puntualità
*
In caso di valutazione inferiore a 3, motivare adeguatamente
ISTITUTO COMPRENSIVO DON LORENZO MILANI
Via F. Lenci, 3 – 55049 VIAREGGIO - (LUCCA) Tel. 0584 - 392386
e-mail [email protected] - pec [email protected]
www.iclencidonmilaniviareggio.it
C.F.91019660462
UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE DI LUCCA
E MASSA CARRARA - SEDE DI LUCCA
Scuola Polo-Formazione Ambito Territoriale di
LUCCA
ESEMPIO DI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE PER IL/LA TUTOR
Nel ruolo di osservatore il TUTOR annota punti forti, punti deboli, domande da porre e primi consigli da
fornire al docente neo-assunto.
La stessa tabella può essere utilizzata dal DOCENTE NEO-IMMESSO nel suo ruolo di osservatore nella
classe in cui insegna il tutor. Annota nella scheda: gli elementi di qualità a lui ignoti riscontrati nell’attività
del tutor, il meccanismo che li ha prodotti, domande da porre al tutor ecc..
INDICATORE
Descrizione attività osservata
Competenze
Culturali
Ha competenze disciplinari ben
strutturate e consolidate
Sa padroneggiare il proprio sapere
a seconda dell’età dei ragazzi,
degli obiettivi stabiliti, dei ritmi di
apprendimento di bambini e
ragazzi, dei loro interessi.
Seleziona adeguatamente i
materiali
Sa progettare e organizzare
percorsi didattici, tenendo conto
dell’età degli alunni e delle
competenze che essi devono
raggiungere
Prepara accuratamente le lezioni
....
Pone domande agli studenti
Gli studenti pongono domande al
docente, e questo è esaustivo nelle
risposte
Ascolta le risposte degli studenti
Comunica efficacemente con gli
studenti
Favorisce la motivazione degli
studenti
Utilizza strategie per coinvolgere
gli studenti nella lezione
Sa gestire studenti in situazione di
BES
Sa gestire il tempo in relazione alle
attività proposte
Sa adattare le proprie capacità di
insegnamento ai bisogni degli
studenti
Mantiene la disciplina in classe
....
...
...
...
Competenze
organizzative
Gestione classe
Lezione
del //
Lezione
del //
Lezione
del //
DOMANDE
ISTITUTO COMPRENSIVO DON LORENZO MILANI
Via F. Lenci, 3 – 55049 VIAREGGIO - (LUCCA) Tel. 0584 - 392386
e-mail [email protected] - pec [email protected]
www.iclencidonmilaniviareggio.it
C.F.91019660462
UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE DI LUCCA
E MASSA CARRARA - SEDE DI LUCCA
Metodologie
didattiche
Sa utilizzare strategie didattiche di
insegnamento-apprendimento in
relazione alla situazione generale
della classe e ai diversi stili di
apprendimento degli alunni
Lezione frontale
Brain-storming
Problem-solving
Role-playing
Didattica laboratoriale
Raccordi interdisciplinari
Attività a classi aperte
Cooperative learning
Capacità di
valutazione
Capacità
comunicative e
relazionali
Conversazione discussione
....
Ha un forte impegno nel
promuovere il successo formativo
degli studenti
Valuta a conclusione di una
verifica e informa gli studenti
Rimanda la valutazione di una
verifica
Promuove negli studenti
l'autovalutazione
...
Si relaziona positivamente con gli
studenti
Si relaziona positivamente con i
colleghi
Si relaziona positivamente con i
genitori
Si relaziona positivamente con il
personale della scuola
Collabora nei contesti didattici,
progettuali, collegiali
Scuola Polo-Formazione Ambito Territoriale di
LUCCA
ISTITUTO COMPRENSIVO DON LORENZO MILANI
Via F. Lenci, 3 – 55049 VIAREGGIO - (LUCCA) Tel. 0584 - 392386
e-mail [email protected] - pec [email protected]
www.iclencidonmilaniviareggio.it
C.F.91019660462
UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE DI LUCCA
E MASSA CARRARA - SEDE DI LUCCA
Scuola Polo-Formazione Ambito Territoriale di
LUCCA
ESEMPIO DI PATTO FORMATIVO
(INTESTAZIONE SCUOLA)
Prot.
Luogo e Data.............................
Oggetto: Patto formativo per lo sviluppo professionale del docente .................................
IL/LA DIRIGENTE SCOLASTICO/-A
..................................................................
VISTA la L. 107/2015 ART. 1 commi da 115 a 129
VISTO il D.M. n.850 del 27/10/2015
VISTA la NOTA MIUR 36167 del 5/11/2015
VISTA LA NOTA MIUR 28515 del 04/10/2016
VISTA la nomina del docente tutor, prot..... del........
VISTO il 1° bilancio delle competenze presentato in data .................. prot......
SENTITO il/la docente tutor..........................................., in data.........................
CONVOCA il/la docente .............................. neoassunto/-a in ruolo a.s. ............... presso la
scuola........................................................ classe concorso ......................... per la definizione del Patto formativo
per lo sviluppo professionale come di seguito specificato:
PATTO FORMATIVO PER LO SVILUPPO PROFESSIONALE
tra
Il/la Dirigente scolastica ..................................................................
e
Il /la Docente.....................................................................................
ISTITUTO COMPRENSIVO DON LORENZO MILANI
Via F. Lenci, 3 – 55049 VIAREGGIO - (LUCCA) Tel. 0584 - 392386
e-mail [email protected] - pec [email protected]
www.iclencidonmilaniviareggio.it
C.F.91019660462
a) Area
culturale/disciplinare
b) Area
didattico
metodolo
gica
Area professionale
(formazione)
Area
dell’organizzazione
Area dell’insegnamento
UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE DI LUCCA
E MASSA CARRARA - SEDE DI LUCCA
Scuola Polo-Formazione Ambito Territoriale di
LUCCA
□ conoscere gli elementi epistemologici della/e disciplina/e e/o dell’ambito disciplinare e
strutturare le conoscenze intorno ai principi fondanti della /e disciplina/e e/o ambito
disciplinare
□ essere capace di sviluppare collegamenti interdisciplinari
□ migliorare le proprie competenze disciplinari e di mediazione/insegnamento della propria
disciplina
□ inserire la propria progettualità nel curricolo disciplinare d’istituto e fare proprie le
unità di apprendimento concordate con i colleghi dei dipartimenti/gruppi disciplinari
□ stabilire una proficua relazione con i propri allievi favorendo un clima di classe positivo
□ rispettare i ritmi e le caratteristiche di apprendimento degli alunni riconoscendone le
differenze individuali
□ rendere trasparenti gli obiettivi e fissare criteri espliciti di successo
□ sviluppare strategie metodologiche differenziate ed inclusive valorizzando le differenze
(sociali, etniche, di genere, di abilità…)
□ utilizzare strumenti di osservazione e valutazione dell’efficacia dei percorsi didattici
usando strategie metacognitive che identificano, controllano e regolano i processi
cognitivi
□ promuovere l' autovalutazione
□ praticare tecniche di ascolto attivo nella mediazione didattica ed educativa
□ usare strumenti differenziati per osservare e gestire le dinamiche relazionali e i conflitti
□ utilizzare in modo competente gli strumenti multimediali
□ contribuire agli aspetti organizzativi e alle attività di non insegnamento che
costituiscono parte integrante del piano dell’offerta formativa
□ collaborare e relazionarsi positivamente con tutto il personale presente nell’istituzione
scolastica
□ istituire rapporti efficaci e corretti con le famiglie
□ ottemperare, dare riscontro e seguito alle decisioni collegiali in maniera collaborativa
□ collaborare e condividere con i colleghi il progetto formativo e la pianificazione
dell’intervento didattico ed educativo
□ partecipare alla produzione del materiale didattico progettato e concordato nelle
riunioni di dipartimento, di disciplina e di area
□ avere piena consapevolezza del proprio ruolo di educatore all’interno della scuola come
comunità
□ partecipare ai corsi di formazione deliberati dal Collegio dei Docenti
□ partecipare ai corsi esterni che il Collegio e le sue articolazioni hanno individuato come
“strategici” e restituire successivamente ai colleghi nelle forme indicate dallo stesso
□ fare ricerca-azione in un confronto continuo tra la propria esperienza didattica, i
contributi dei colleghi della scuola e della letteratura specialistica
□ valorizzare la pratica della scrittura autoriflessiva sull’esperienza professionale (diari di
bordo, stesura di relazioni e documenti di sintesi …) come principale forma di
documentazione della ricerca
□ aggiornarsi sugli sviluppi culturali e metodologici della propria disciplina e della
relativa didattica
Concordato in data...............................
Il/La Dirigente Scolastico/-a
_______________________
Il docente
_______________________

Documenti analoghi