DATA-MANSHRT_MDX1400_ITL_Rev A.p65

Commenti

Transcript

DATA-MANSHRT_MDX1400_ITL_Rev A.p65
Versione 1.2
Giugno 2001
®
AUTOCOM PRO
www.behringer.com
ITALIANO
MDX1400
Introduzione breve
ISTRUZIONI DI SICUREZZA
AVVERTENZA: Per ridurre il rischio di scossa elettrica, non rimuovere
il coperchio (o il pannello posteriore). All'interno non
sono contenute parti riparabili dall'utente; affidare la
riparazione a personale qualificato.
ATTENZIONE: Per ridurre il rischio d'incendio o di scossa elettrica, non
esporre questo apparecchio alla pioggia o all'umidità.
Questo simbolo, ove compare, segnala
la presenza di un voltaggio pericoloso
non isolato all'interno del corpo
dell'apparecchio – voltaggio sufficiente
a costituire un rischio di scossa.
Questo simbolo, ove appare, segnala
importanti
istruzioni
d'uso
e
manutenzione nel testo allegato. Leggere
il manuale.
ISTRUZIONI DI SICUREZZA IN DETTAGLIO:
Tutte le istruzioni di sicurezza e di funzionamento devono essere lette prima di mettere in funzione l'apparecchio.
Conservare le istruzioni:
Le istruzioni di sicurezza e di funzionamento devono essere conservate per futuro riferimento.
Prestare attenzione:
Tutte le avvertenze sull'apparecchio e nelle istruzioni di funzionamento devono essere seguite fedelmente.
Seguire le istruzioni:
Tutte le istruzioni per il funzionamento e per l'utente devono essere seguite.
Acqua ed umidità:
L'apparecchio non deve essere utilizzato in prossimità di acqua (per es. vicino a vasche da bagno, lavabi, lavelli da cucina,
vaschette per bucato, su un pavimento bagnato o in prossimità di piscine ecc.).
Ventilazione:
L'apparecchio deve essere posto in modo tale che la sua collocazione o posizione non interferisca con l'adeguata
ventilazione. Per esempio, l'apparecchio non deve essere collocato su un letto, copri-divano, o superfici simili che possono
bloccare le aperture di ventilazione, o posto in una installazione ad incasso, come una libreria o un armadietto che
possono impedire il flusso d'aria attraverso le aperture di ventilazione.
Calore:
L'apparecchio deve essere posto lontano da fonti di calore come radiatori, termostati, asciugabiancheria, o altri apparecchi
(inclusi gli amplificatori) che producono calore.
Alimentazione:
L'apparecchio deve essere collegato soltanto al tipo di alimentazione descritto nelle istruzioni d'uso o segnalato
sull'apparecchio.
Messa a terra o polarizzazione:
Si devono prendere precauzioni in modo tale che la messa a terra e la polarizzazione di un apparecchio non siano
pregiudicate.
Protezione del cavo di alimentazione:
Il cavo di alimentazione elettrica deve essere installato in modo che non venga calpestato o pizzicato da oggetti posti
sopra o contro, prestando particolare attenzione a cavi e spine, prese a muro e al punto in cui fuoriesce dall'apparecchio.
Pulizia:
L'apparecchio deve essere pulito soltanto secondo le raccomandazioni del produttore.
Periodi di non utilizzo:
Il cavo di alimentazione dell'apparecchio deve essere staccato dalla presa se rimane inutilizzato per un lungo periodo.
Ingresso di liquidi o oggetti:
Si deve prestare attenzione che non cadano oggetti e non si versino liquidi nel corpo dell'apparecchio attraverso le
aperture.
Danni che richiedono assistenza:
L'apparecchio deve essere riparato da personale qualificato nei seguenti casi:
- il cavo di alimentazione o la spina sono danneggiati; o
- sono penetrati oggetti estranei o è stato versato del liquido nell'apparecchio; o
- l'apparecchio è stato esposto alla pioggia; o
- l'apparecchio non sembra funzionare normalmente o presenta un evidente cambiamento nelle prestazioni; o
- l'apparecchio è caduto, o il corpo danneggiato.
Manutenzione:
L'utente non deve tentare di riparare l'apparecchio al di là di quanto descritto nelle Istruzioni di funzionamento. Ogni altra
riparazione deve essere affidata a personale specializzato.
Questa introduzione è tutelata da diritto d‘autore. Qualsiasi riproduzione o ristampa, anche parziale, e ogni riproduzione delle illustrazioni, anche modificate, richiede la previa autorizzazione
per iscritto da parte della ditta BEHRINGER Spezielle Studiotechnik GmbH. BEHRINGER e AUTOCOM sono marchi registrati.
© 2001 BEHRINGER Spezielle Studiotechnik GmbH.
BEHRINGER Spezielle Studiotechnik GmbH, Hanns-Martin-Schleyer-Str. 36-38, 47877 Willich-Münchheide II, Germania
Tel. +49 (0) 21 54 / 92 06-0, Fax +49 (0) 21 54 / 92 06-30
AUTOCOM PRO MDX1400
1. INTRODUZIONE
Con il nuovo AUTOCOM PRO MDX1400 vi siete procurati un processore dinamico estremamente potente e
universale, che unisce in un apparecchio stereo compatto le funzioni di regolazione della dinamica più utilizzate:
ogni canale dispone di un limiter/compressore indipendente, un Expander/Gate e un Dynamic Enhancer. La
precisione e la flessibilità delle funzioni sono gli argomenti di spicco di questo apparecchio High end.
Compressore IKA (Interactive Knee Adaptation)
La nostra apprezzata configurazione IKA (Interactive Knee Adaptation)combina con successo il concetto di
compressore “Hard Knee” con la caratteristica “Soft Knee”. Questa caratteristica di regolazione dipendente dal
programma, crea il presupposto tanto per una condensazione di programma, musicale ed “impercettibile”,
quanto per un’elaborazione dinamica creativa e ricca di effetti.
Expander IRC (Interactive Ratio Control)
Un problema essenziale nell’uso di un compressore a banda larga consiste nel fatto che il rumore di fondo
viene amplificato, secondo il grado di compressione regolata, nei passaggi leggeri o nelle pause musicali
(rumore del compressore). Per eliminare questo problema, normalmente si ricorre ad un Expander o Gate
supplementare. Il rumore viene semplicemente dissolto nelle pause.
Il Dynamic Enhancer di BEHRINGER
L’effetto collaterale negativo, molto ben conosciuto, di un compressore, è il suono “basso” e “compresso”, che
si produce durante l’elaborazione del segnale di materiale di programma complesso. Gli strumenti a basse
frequenze presentano generalmente la più elevata energia di segnale e lasciano che il compressore riduca il
livello complessivo. Ogni strumento nella gamma superiore di frequenza, suonato nello stesso momento,
sperimenta altrettanto una riduzione del livello. Questo provoca il risultato sonoro “compresso”.
2. IL CONCETTO
Ingressi e uscite bilanciate
Il BEHRINGER AUTOCOM PRO è dotato come standard di ingressi ed uscite servo -bilanciate elettronicamente.
L’innovativo concetto della configurazione presenta una soppressione automatica del ronzio nei segnali bilanciati
e consente un funzionamento senza difficoltà anche ai livelli più alti. Un ronzio di rete indotto dall’esterno ecc.
viene così efficacemente soppresso.
Uscita bilanciata al trasformatore (opzionale)
Su richiesta possono successivamente essere forniti i trasformatori di uscita di alto valore frequenti nella
tecnica radiofonica e televisiva. Il trasformatore BEHRINGER OT-1 da noi montato può essere ricevuto a parte
e risponde alle più alte esigenze.
3. INSTALLAZIONE
L’AUTOCOM PRO è stato confezionato con cura, per garantire un trasporto sicuro. Tuttavia se il cartone
presenta danneggiamenti, vi preghiamo di verificare subito la presenza di danni esterni sull’apparecchio.
+
In caso di eventuali danni, NON spediteci indietro l’apparecchio, ma informate assolutamente
innanzitutto il rivenditore e l’impresa di trasporti, altrimenti qualsiasi diritto al risarcimento
danni potrà estinguersi.
3.1 Montaggio in un rack
Il BEHRINGER AUTOCOM PRO necessita di un’unità d’altezza per il montaggio in un rack da 19 pollici. Aver
cura di lasciare inoltre ca. 10 cm. di profondità nel montaggio per le connessioni posteriori.
1. INTRODUZIONE
3
AUTOCOM PRO MDX1400
Assicurare una circolazione d’aria sufficiente e non collocare l’AUTOCOM PRO per es. su un stadio finale, per
evitare il surriscaldamento dell’apparecchio.
3.2 Tensione di rete
Prima di collegare l’ AUTOCOM PRO alla rete elettrica, verificare accuratamente che l’apparecchio
sia regolato sulla giusta tensione di alimentazione!Il portafusibili sulla presa di collegamento alla rete
presenta 3 marcature triangolari. Due di questi triangoli sono l’uno di fronte all’altro di fronte. AUTOCOM PRO
è regolato sulla tensione d’esercizio presente accanto a queste marcature e può essere commutata con una
rotazione a 180° del portafusibili. ATTENZIONE: Tutto ciò non è valido per i modelli da esportazione,
che per es. sono stati progettati soltanto per una tensione di rete di 115 V!
3.3 Collegamenti audio
Gli ingressi ed uscite audio dell’AUTOCOM PRO sono costruiti completamente bilanciati. Se è possibile
costruire una conduzione di segnale bilanciata con altri apparecchi, è opportuno farne uso per ottenere la
compensazione massima del segnale di disturbo.
+
Prestare assolutamente attenzione che l’installazione e l’uso dell’apparecchio siano effettuati
soltanto da personale competente. Durante e dopo l’installazione occorre osservare sempre
una sufficiente messa a terra della/e persone che ne fanno uso, poiché le scariche elettrostatiche
tra le altre cose possono pregiudicare le qualità di funzionamento.
Per gli ambiti d’impiego critici può essere vantaggioso trasmettere i segnali di uscita in modo bilanciato al
trasformatore. In tal modo è possibile escludere l’influenza di loop di ronzio o di differenze di potenziale. A
questo scopo offriamo come dotazione successiva il nostro eccellente trasmettitore di uscita OT-1.
+
I collegamenti sbilanciati XLR non devono in nessun caso essere usati come cavi per microfono,
perché in questo modo l’alimentazione phantom presente sarebbe messa in cortocircuito!
3.4 Scelta del livello operativo
Il BEHRINGER AUTOCOM PRO consente di commutare il livello operativo interno mediante l’interruttore
“Operating Level” posto sul pannello posteriore dell’apparecchio. In tal modo è possibile adattare
l’AUTOCOM PRO in maniera ottimale ai diversi livelli operativi, scegliendo quindi tra livello da home recording
(-10 dBV) e livello da studio (+4 dBu). Con questo adeguamento, gli indicatori di livello vengono commutati
automaticamente sul livello nominale rispettivo e l’AUTOCOM PRO viene messo in funzione nell’ambito operativo
ottimale.
4. ELEMENTI DI CONTROLLO
1
Fig. 4.1: Il pannello anteriore dell’AUTOCOM PRO
Il BEHRINGER AUTOCOM PRO presenta due canali montati in modo identico e dispone per ogni canale di 8
interruttori luminosi, 7 regolatori rotanti e 26 LED. Per il funzionamento stereo è previsto inoltre l’interruttore
COUPLE:
4
4. ELEMENTI DI CONTROLLO
AUTOCOM PRO MDX1400
1
+
Ad interruttore COUPLE premuto, AUTOCOM PRO lavora in modo Stereo e gli elementi di comando del
canale sinistro assumono il controllo di entrambi i canali audio. Il segnale di comando per il processo di
regolazione viene ricavato nel modo stereo dalla somma del segnale audio sinistro e destro oppure dalla
somma dei segnali audio esterni alimentati tramite le due boccole SC RETURN. All’attivazione
dell’interruttore COUPLE vengono perciò posti fuori servizio tutti gli interruttori ed i regolatori del canale
2, fatta eccezione per gli interruttori IN/OUT, SC EXT, SC MON, SC FILTER e I/O-METER e per i
regolatori OUTPUT e PROCESS. I regolatori del canale 1 assumono così il controllo del canale 2.
Se a funzione COUPLE attivata volete sfruttare la funzione SC EXT, dovreste fare attenzione
che i due ingressi SC RETURN siano connessi con il segnale di controllo esterno ed inoltre i
due interruttori SC EXT siano premuti.
4.1 La sezione Expander/Gate
3
2
4
Fig. 4.2: Elementi di controllo sella sezione Expander/Gate
2
Con il regolatore THRESHOLD si determina la soglia di livello al di sotto della quale si inserisce
l’espansione. La gamma di regolazione si colloca tra OFF e +10 dB.
3
Se un segnale si trova al di sopra del valore Threshold, si accende il “-” -LED. All’inserimento
dell’espansione, si accende il “+” -LED.
4
Per adattare in maniera ottimale l’Expander/Gate al materiale di programma, è possibile selezionare tra
un tempo di ritorno lento (SLOW) o veloce (FAST) mediante l’interruttore RELEASE In posizione premuta,
l’Expander lavora con il tempo di ritorno lento. Il materiale sonoro di percussione con poco o senza
riverbero, viene normalmente elaborato nel modo FAST, al contrario per i segnali a lento smorzamento
o fortemente attenuati viene selezionato preferibilmente il modo SLOW.
4. ELEMENTI DI CONTROLLO
5
AUTOCOM PRO MDX1400
4.2 La sezione compressore
11
12
14
5
15
17
16
6
7
9
8
10
13
Fig. 4.3: Elementi di controllo della sezione compressore
5
Con il regolatore THRESHOLD viene regolato il punto di inserimento del compressore nella gamma da
-40 a +20 dB. Con il modo INTERACTIVE inserito, funziona la caratteristica “Soft Knee”-(IKA)- per
segnali che superano il punto Threshold di max. 10 dB. Oltre i 10 dB la caratteristica di regolazione
passa nella compressione tradizionale “Hard Knee”.
6
Il regolatore RATIO determina il rapporto di livello d’ingresso e d’uscita per tutti i segnali che superano
il punto Threshold. Con il modo INTERACTIVE attivato, viene raggiunto il rapporto per segnali che
superano il punto Threshold di oltre 10 dB. Il rapporto può essere regolato in modo non progressivo da
1:1 a oo :1.
7
Il regolatore ATTACK definisce il tempo necessario al compressore per reagire ai segnali che superano
il punto Threshold. La gamma va da 0,1 a 200 millisecondi.
8
Il regolatore RELEASE definisce il tempo necessario al compressore una volta sceso al di sotto del
punto Threshold, per raggiungere di nuovo il livello originale. La gamma va da 0,05 a 4 secondi.
9
Attivando la funzione AUTO mediante l’interruttore AUTO, i regolatori ATTACK e RELEASE vengono
messi fuori servizio e i tempi di attacco e rilascio vengono automaticamente deviati al materiale di
programma. Questa funzione consente una condensazione ampia e al tempo stesso musicale per
segnali con livelli fortemente variabili o per la compressione di materiali di programma complessi. I tempi
impostati di attacco e rilascio valgono soltanto nella posizione “MANUAL”.
10
Il regolatore OUTPUT consente di innalzare e abbassare il segnale d’uscita di max. 20 dB. In tal modo
viene compensata una perdita di livello mediante un procedimento di compressione e/o limitazione.
11
Se l’interruttore SC EXT è attivato, viene interrotto il collegamento fra ingresso audio e canale Sidechain.
Contemporaneamente un segnale di controllo esterno può essere introdotto mediante la presa posteriore
SC RETURN.
12
Con l’interruttore SC MON viene realizzato un collegamento tra il segnale d’ingresso sidechain e l’uscita
audio, e contemporaneamente il segnale d’ingresso audio è muto. Questo dispositivo permette di
preascoltare il segnale sidechain, per es. in collegamento ad un equalizzatore connesso o ad altri
apparecchi collegati al canale sidechain. La funzione SC MON facilita per es. la sintonizzazione del
filtro equalizzatore.
+
13
6
Osservare che attivando l’interruttore SC MON, la funzione audio del canale viene messa fuori
servizio. L’interruzione del segnale viene rappresentata otticamente mediante un interruttore
LED lampeggiante.
Mediante l’interruttore IN/OUT il canale corrispondente viene messo in funzione. L’interruttore rappresenta
una funzione cosidetta “Hard Bypass”, cioè in posizione non premuta (OUT), la presa d’ingresso è
direttamente collegata alla presa d’uscita. L’interruttore viene generalmente utilizzato per consentire un
confronto diretto A/B, cioè un confronto all’ascolto tra il segnale non elaborato e compresso ovvero limitato.
4. ELEMENTI DI CONTROLLO
AUTOCOM PRO MDX1400
14
Premendo l’interruttore INTERACTIVE è possibile passare dalla caratteristica “Hard Knee” a quella
IKA. La caratteristica IKA offre una condensazione musicale di programma molto discreta, e dovrebbe
pertanto essere scelta quando sia inconsapevolmente richiesto un effetto di compressione udibile.
15
L’interruttore SC FILTER attiva un filtro passa-alto nella mandata sidechain e delimita in tal modo
l’influenza delle basse frequenze sul comportamento dell’AUTOCOM PRO.
16
L’indicatore a 12 segmenti GAIN REDUCTION offre una proiezione della riduzione di livello attuale
mediante il processo di compressione e la presenta in una gamma da 1 a 30 dB.
17
L’indicatore a 12 segmenti INPUT/OUTPUT LEVEL informa, secondo la posizione dell’interruttore I/O
METER, sia sul livello d’ingresso che su quello d’uscita e lo rappresenta da -30 a +18 dB. Nella posizione
IN dell’interruttore (premuto) viene indicato il livello d’ingresso, in posizione OUT (non premuto), il livello
d’uscita. La calibratura degli indicatori si riferisce al livello di lavoro selezionato mediante l’interruttore
OPERATING LEVEL, da -10 dBV a +4 dBu.
4.3 La sezione Dynamic Enhancer
18
Fig. 4.4: La sezione Dynamic Enhancer
18
Il regolatore PROCESS definisce il grado di miglioramento sonoro tra zero e 6. La funzione Dynamic
Enhancer consente di rinfrescare il materiale sonoro durante il processo di compressione, mediante
un’elaborazione dinamica musicale, assolutamente naturale. L’effetto viene aggiunto soltanto se si
verifica una riduzione di livello ad opera del compressore.
4.4 Gli elementi del pannello posteriore dell’AUTOCOM PRO
20
21
19
23
22
24
25 26
Fig. 4.5: Gli elementi del pannello posteriore dell’AUTOCOM PRO
19
NUMERO DI MATRICOLA. Prendetevi un po’ di tempo e inviateci la cartolina di garanzia, interamente
compilata dal rivenditore, entro 14 giorni dalla data di acquisto, altrimenti perderete il vostro diritto a
garanzia esteso. È anche possibile effettuare una registrazione online tramite la pagina Internet disponibile
sul nostro sito (www.behringer.com).
4. ELEMENTI DI CONTROLLO
7
AUTOCOM PRO MDX1400
20
SELETTORE PORTAFUSIBILI/TENSIONE. Prima di collegare l’apparecchio, verificare se l’indicatore
di tensione corrisponde alla tensione presente. Sostituendo i fusibili, si dovrebbe assolutamente utilizzare
lo stesso tipo.
21
ALLACCIAMENTO ALLA RETE. Utilizzare il cavo annesso per collegare l’apparecchio alla rete. Si
prega di osservare anche le avvertenze al capitolo “INSTALLAZIONE”.
22
AUDIO IN. Questi sono gli ingressi audio dell’AUTOCOM PRO Sono realizzati come prese bilanciate
jack da 6,3 mm e prese XLR.
23
AUDIO OUT. Queste sono le uscite audio dell’AUTOCOM PRO Le prese jack e XLR di volta in volta
corrispondenti, sono cablate parallelamente. Queste uscite possono essere bilanciate al trasformatore
dotandole in seguito del trasmettitore opzionale di uscita OT-1.
24
Con l’interruttore OPERATING LEVEL è possibile adattare in maniera ottimale l’AUTOCOM PRO ai
diversi livelli operativi, scegliendo quindi tra livello da home recording (-10 dBV) e livello da studio (+4 dBu).
Con questo adeguamento, gli indicatori di livello vengono commutati automaticamente sul livello nominale
rispettivo e l’AUTOCOM PRO viene messo in funzione nell’ambito operativo ottimale.
25
SC SEND. Questa è un’uscita sidechain sbilanciata. Mediante questa via secondaria il segnale audio
può essere condotto all’elaborazione esterna.
26
SC RETURN. Questo è l’ingresso sidechain sbilanciato, al quale può essere condotto un segnale di
controllo esterno (elaborato).
Fig. 4.6: I diversi tipi di spina a confronto
8
4. ELEMENTI DI CONTROLLO
AUTOCOM PRO MDX1400
5. DATI TECNICI
INGRESSI AUDIO
Connettori
Tipo
Impedenza
Livello di lavoro nominale
Max. Livello d’ingresso
CMRR
USCITE AUDIO
Connettori
Tipo
Impedenza
Max. Livello di uscita
Connettore XLR e jack 6,3 mm
Ingresso schermato HF, servo-bilanciato
50 kOhm bilanciato, 25 kOhm sbilanciato
+4 dBu/-10 dBV commutabile
+21 dBu bilanciato e sbilanciato
tipico 40 dB, >55 dB @ 1 kHz
Connettore XLR e jack 6,3 mm
Stadio finale di uscita servo bilanciato a controllo elettronico
(opzionalmente bilanciato a trasformatore)
60 kOhm bilanciato, 30 kOhm sbilanciato
+21 dBu, +20 dBm bilanciato e sbilanciato
INGRESSO SIDECHAIN
Connessione
Tipo
Impedenza
Max. Livello d’ingresso
Connettore jack 6,3 mm
Ingresso sbilanciato, schermato HF, disaccoppiato DC
>10 kOhm
+24 dBu
USCITA SIDECHAIN
Connessione
Tipo
Impedenza
Max. Livello di uscita
Connettore jack 6,3 mm
Uscita sbilanciata, schermata HF, disaccoppiata DC
2 kOhm
+21 dBu
SPECIFICHE TECNICHE
Larghezza banda
Risposta in frequenza
Rapporto segnale-disturbo
THD
IMD
Diafonia
Accoppiamento stereo
da 20 Hz a 20 kHz, +0/-0,5 dB
da 0,35 Hz a 200 kHz, +0/-3 dB
> -95 dBu, non pesato, da 22 Hz a 22 kHz
0,008 % tip. @ +4 dBu, 1 kHz, amplificazione 1
0,04 % tip. @ +20 dBu, 1 kHz, amplificazione 1
0,01 % tip. SMPTE
< 100 dB, da 22 Hz a 22 kHz
autentica somma di potenza RMS
SEZIONE EXPANDER/GATE
Tipo
Threshold
Attacco
Release
Expander IRC (Interactive Ratio Control)
variabile (OFF fino a +15 dB)
<1 ms / 50 dB,secondo il programma
variabile (SLOW: 100 ms / 1 dB , FAST: 100 ms / 100 dB)
SEZIONE COMPRESSORE
Tipo
Threshold
Ratio
Caratteristica Threshold
Modo Attacco/release
Caratteristica Auto
Tempo di attacco manuale
Tempo di release manuale
Tempo di attacco Auto
Tempo di Auto release
Output
Compressore IKA (Interactive Knee Adaptation)
variabile (da - 40 a +20 dB)
variabile (da 1:1 a oo:1)
variabile (Interactive Knee o Hard Knee)
variabile (manuale o automatico)
Wave Adaptive Compressor
variabile (da 0,5 ms / 20 dB a 100 ms / 20 dB)
variabile (da 0,05 ms / 20 dB a 5 s / 20 dB)
tip. 15 ms per 10 dB, 5 ms per 20 dB, 3 ms per 30 dB
dipendente dal programma, tip. 125 dB/sec
ariabile (da - 20 a +20 dB)
5. DATI TECNICI
9
AUTOCOM PRO MDX1400
DYNAMIC ENHANCERSEZIONE
Tipo
Processo
INTERRUTTORI DI FUNZIONE
SC EXT
SC MON
INTERACTIVE
SC FILTER
AUTO
I/O METER
IN/OUT
OPERATING LEVEL
COUPLE
INDICATORI
Gain Reduction
Input/Output Level
Expander/Gate Threshold
Interruttori di funzione
OPZIONI
Trasformatore d’uscita
ALIMENTAZIONE DI CORRENTE
Tensione di rete
Potenza assorbita
Fusibile
Collegamento di rete
DIMENSIONI / PESO
Dimensioni
Peso
Peso al trasporto
correzione di risposta in frequenza a controllo dinamico
variabile (da Off a 6)
Collega l’ingresso esterno sidechain sulla
configurazione del rivelatore.
Collega il segnale sidechain sull’uscita audio e interrompe la
normale via audio.
Attiva la caratteristica “Interactive Knee Adaptation”.
Attiva la funzione rivelatore dipendente dalla frequenza.
Attiva la regolazione automatica e dipendente dal programma di
attacco e release e disattiva il regolatore manuale di attacco e
release.
Commuta l’indicatore di modulazione di livello tra ingresso e uscita.
Interruttore Hard-bypass per l’attivazione di canale.
Commuta il livello interno del canale da +4 dBu a -10 dBV.
Possibilità di accoppiamento dei canali nel funzionamento stereo. Il
canale 1 diventa il master.
Indicatore LED a 12 segmenti: 1/2/4/6/9/12/15/18/21/24/27/30 dB
Indicatore LED a 12 segmenti: -30/-24/-18/-12/-6/-3/0/
+3/+6/+9/+12/+18 dB
2 LED per sotto “+” e sopra “-”
Indicatore LED di ogni interruttore
Trasformatore BEHRINGER OT-1 equipaggiabile successivamente
USA/Canada
120 V ~, 60 Hz
U.K./Australia
240 V ~, 50 Hz
Europa
230 V ~, 50 Hz
Mod.gen.da esport.
100 - 120 V ~, 200 - 240 V ~, 50 - 60 Hz
massimo 20 W
100 - 120 V ~: T 250 mA H
200 - 240 V ~: T 125 mA H
ca. 1 ¾" (44,5 mm) * 19" (482,6 mm) * 8 ½" (217 mm)
ca. 2,2 kg
ca. 3,4 kg
La ditta BEHRINGER è costantemente impegnata a garantire il più alto standard qualitativo. Le modifiche necessarie verranno prese
senza preavviso. Dati tecnici e aspetto dell’apparecchio possono pertanto discostarsi dai dati forniti o dalle illustrazioni.
10
5. DATI TECNICI

Documenti analoghi

TUBE ULTRAGAIN MIC100 - softime

TUBE ULTRAGAIN MIC100 - softime 14) Per l'assistenza tecnica rivolgersi a personale qualificato. L'assistenza tecnica è necessaria nel caso in cui l'unità sia danneggiata, per es. per problemi del cavo di alimentazione o della sp...

Dettagli