Allegato IV alla bozza di contratto

Commenti

Transcript

Allegato IV alla bozza di contratto
ALLEGATO IV
C.C.R. di ISPRA
Unità Manutenzione del Sito e Gestione degli Impianti
CLAUSOLE CONTRATTUALI DI SICUREZZA
COMMISSIONE EUROPEA
CENTRO COMUNE DI RICERCA
DIREZIONE DEL SITO
ISPRA
1/9
CLAUSOLE CONTRATTUALI DI SICUREZZA
ARTICOLO 1 – PREMESSA
Le presenti clausole contrattuali di sicurezza costituiscono parte integrante dei contratti di
appalto.
Ai fini delle prestazioni oggetto dei suddetti contratti i Servizi Ispettivi di Sicurezza sul
Lavoro svolti dall’Azienda Sanitaria Locale (ASL), dall’Ispettorato del Lavoro, dall’Azienda
Regionale per la Protezione dell'Ambiente (ARPA), dal Genio Civile, dagli enti locali, dai
Vigili del Fuoco (VVF) nell’ambito del territorio Italiano, presso la Commissione - Centro
Comune di Ricerca (CCR) sito di Ispra sono svolti dai “Servizi Specializzati” del CCR,
coordinati dal Servizio Ispettivo di Sicurezza sul Lavoro dell'Unità Occupational Health and
Safety (OHS).
Questo Allegato si applica a tutti i contratti di Appalto con società esterne oppure lavoratori
autonomi (incluse le ditte di costruzione, i progettisti, i coordinatori, le ditte di pulizia, i
consulenti).
ARTICOLO 2 – CONOSCENZA DELLA DOCUMENTAZIONE
Le parti prendono atto che la determinazione del corrispettivo e lo studio delle sue
componenti sono stati eseguiti dal Contraente sulla scorta di un attento e approfondito esame
di tutta la documentazione necessaria di cui ha avuto la materiale disponibilità e, ove prevista,
dall’esito della diretta e congiunta ricognizione dei luoghi dove le lavorazioni dovranno
avvenire.
Il Contraente dovrà prendere tutti i provvedimenti necessari perché vengano rispettate, oltre
alle norme di legge vigenti in Italia, anche i regolamenti interni del CCR, che fanno parte di
quest’allegato. In particolare il Contraente dovrà tenere conto del depliant per i visitatori, del
Piano di Emergenza dell'edificio dove effettuerà la sua prestazione ed infine conoscere il
Delegato di Edificio.
Nel caso che le prestazioni debbano essere svolte all'aperto, il Contraente deve essere a
conoscenza del Piano di Emergenza di Edificio (PEEd) dell'edificio più vicino alle
lavorazioni.
2/9
ARTICOLO 3 – OBBLIGHI DEL CONTRAENTE
Il Contraente si impegna ad assicurare il rispetto della normativa italiana vigente in materia di
sicurezza del lavoro nonché il rispetto dei regolamenti interni della Commissione - CCR di
Ispra.
Il Contraente ha piena libertà e facoltà di organizzare il proprio luogo di lavoro/cantiere
assegnatogli dalla Commissione (personale, mezzi e attrezzature) nella maniera che riterrà più
opportuna, nel pieno rispetto dei programmi di lavoro e delle prescrizioni impartite dalla
Commissione.
Il Contraente deve consegnare copia del Registro Infortuni al Servizio Ispettivo di Sicurezza
sul Lavoro (Unità OHS, ed. 51) entro un massimo di 10 giorni prima dell’inizio dei lavori.
I lavori devono essere svolti durante le ore lavorative del sito di Ispra, tenendo conto delle
festività annuali del CCR, sito di Ispra. Saranno permesse deroghe solo se opportunamente
giustificate e se il personale statutario responsabile della supervisione dei lavori sarà presente
sul sito.
E’ obbligo per tutto il personale del Contraente, che svolge la sua attività all’interno di aree di
pertinenza della Commissione, l’esposizione in modo visibile e permanente di una tessera
fornita all’ingresso del CCR, oltre che la tessera di riconoscimento ex-Decreto Bersani. Per il
personale che svolge attività lavorative manuali, è consentito indossare la tessera fornita dal
CCR anche in modo non visibile fintanto che esso si trovi in area di cantiere. All'uscita da tale
area la tessera deve tuttavia essere nuovamente esposta in modo visibile.
Resta comunque l'obbligo dell'esposizione visiva, permanente all'interno del CCR, della
tessera aziendale. Qualora la durata dei lavori prevista fosse superiore a due mesi, il personale
della ditta appaltatrice verrà fornito di tessera magnetica dietro presentazione di un certificato
penale presso il Servizio Sicurezza.
ARTICOLO 4 – UTILIZZAZIONE DI MACCHINE E ATTREZZATURE
Tutte le macchine le attrezzature necessarie per l’esecuzione del presente contratto dovranno
essere di proprietà del Contraente, salvo quanto diversamente previsto nel contratto. Viene
altresì autorizzato l’uso, qualora preventivamente comunicato dal Contraente, di macchine e
attrezzature disponibili in virtù di contratti di leasing, noleggio ed affitto.
In caso di forza maggiore, qualsiasi utilizzo a titolo temporaneo di materiale del CCR, potrà
avvenire solo su espressa autorizzazione scritta della Commissione.
3/9
All’atto della presa in consegna delle macchine, dell’attrezzatura o di quant’altro concesso a
titolo di utilizzo temporaneo, il Contraente dovrà verificarne il perfetto stato e l’eventuale
messa in sicurezza assumendosi, da quel momento, ogni responsabilità connessa all’uso.
La consegna sarà attestata mediante apposito verbale che andrà sottoscritto dal Contraente e
dalla Commissione.
Le macchine ed attrezzature di proprietà del Contraente, introdotte nel sito della
Commissione, saranno elencate dettagliatamente per permetterne una facile identificazione.
Tutti i materiali e le attrezzature necessarie devono entrare nel sito di Ispra solo ed
esclusivamente tramite il varco doganale espletando tutte le formalità necessarie per accedere
al Centro.
Ogni attrezzatura e materiale di proprietà del Contraente non potrà essere abbandonato sul sito
del CCR ma dovrà essere prontamente rimosso, salvo quanto venga diversamente concordato.
ARTICOLO 5 – NOMINATIVI DEL PERSONALE
Il Contraente dovrà comunicare alla Commissione, prima dell’inizio dei lavori, i nominativi
del proprio personale o del personale di eventuali subappaltatori che saranno impiegati per il
compimento delle opere oggetto del presente contratto.
La lista del personale conterrà l’indicazione dei dati anagrafici, della qualifica, della data
d’assunzione e della posizione previdenziale ed assicurativa. La commissione si riserva il
diritto di rifiutare personale presente nella lista fornita, senza dover fornire motivazioni.
Le schede d’idoneità dei lavoratori devono fare parte del Piano Operativo di Sicurezza di ogni
appaltatore.
Nel caso di lavori edili una copia del libro matricola del personale dovrà essere tenuta nel
luogo di lavoro/cantiere.
Il Contraente dovrà assicurarsi che ogni dipendente si rechi al lavoro provvisto di documenti
di riconoscimento per l’ingresso, della tessera fornita dal CCR oltre che della tessera di
riconoscimento ex-Decreto Bersani.
Il Contraente dovrà tempestivamente comunicare alla Commissione ogni variazione che si
dovesse verificare tra il suo personale o tra il personale degli eventuali subappaltatori.
La Commissione ha la facoltà di disporre che i dipendenti del Contraente indossino un capo di
vestiario, o altro segno distintivo da concordarsi, che identifichi l’impresa appaltatrice.
4/9
ARTICOLO 6 – TRATTAMENTI E CONTRIBUZIONI
Il Contraente s’impegna ad applicare ai propri dipendenti il trattamento economico e
normativo disciplinato dai vari Contratti di lavoro.
Il Contraente s’impegna inoltre ad adempiere, in relazione ai propri dipendenti, a tutti gli
obblighi prescritti dalle norme lavorative e a provvedere alle contribuzioni assicurative e
previdenziali regolate e previste dai sopra richiamati contratti e dalle norme vigenti nei vari
Stati di appartenenza.
In ogni caso il Contraente dovrà dimostrare l’esistenza di un’adeguata copertura assicurativa
per tutti i propri dipendenti.
La Commissione, anche su semplice richiesta verbale, potrà procedere in qualsiasi momento,
anche presso la sede del Contraente, al controllo di documenti da cui possa dimostrarsi
l’ottemperanza da parte del Contraente stesso alle predette obbligazioni.
ARTICOLO 7 – USO DELLA MENSA CCR
Il personale del Contraente potrà utilizzare i servizi Mensa alle seguenti condizioni:
- essere vestiti in modo decoroso, rispettando l’igiene personale;
- indossare calzature pulite e prive di fanghi o qualsiasi sostanza che possa rendere
scivolosa la pavimentazione;
- esporre in modo visibile la propria tessera di riconoscimento ex-Decreto Bersani e quella
di visitatore.
Il predetto personale, solo se in possesso di carta di servizio magnetica, può usufruire della
"MENSA CARD".
Il servizio Mensa riserva l’accesso in via prioritaria, dalle 11:30 alle 12:00, al personale del
Contraente, fermo restando che lo stesso personale può utilizzare il servizio anche durante gli
orari di normale apertura.
ARTICOLO 8 – RISPETTO DELLA NORMATIVA ANTINFORTUNISTICA DA
PARTE DEL PERSONALE DEL CONTRAENTE
Il Contraente dovrà imporre al proprio personale il rispetto della normativa antinfortunistica
italiana e ai propri preposti di controllare ed esigere tale rispetto.
5/9
Il Contraente deve inoltre:
- attuare le misure d’igiene e di sicurezza previste dalla legislazione italiana in vigore;
- informare dettagliatamente i suoi lavoratori, lavoratori autonomi o subappaltatori, dei
rischi esistenti nei luoghi di lavoro trasmessi dalla Commissione al Contraente tramite un
verbale di sopralluogo oppure nel Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC) ove ricorra;
- disporre ed esigere che il proprio personale osservi le norme di sicurezza ed usi i
Dispositivi di Protezione Individuale;
- fare osservare dal proprio personale, debitamente informato, da eventuali lavoratori
autonomi o subappaltatori tutte le norme interne, le procedure relative all’antincendio ed i
regolamenti vigenti all'interno del sito nel quale si svolgeranno le lavorazioni.
L'orario di lavoro presso il CCR è dalle ore 7:00 alle ore 20:00 da Lunedì a Venerdì.
L'orario di apertura delle Zone Controllate è dalle ore 8:30 alle ore 17:15 da Lunedì a
Giovedì; dalle ore 8:30 alle ore 16:00 il Venerdì.
Deroghe ai suddetti orari sono possibili su specifica richiesta e motivazione dietro
approvazione del Servizio Sicurezza, del Servizio Medico e del Servizio di Radioprotezione.
I Servizi Specializzati del CCR hanno diritto di accedere al luogo di lavoro/cantiere, di
sospendere i lavori totalmente o parzialmente, nel caso si riscontrassero gravi inadempienze
alla sicurezza, senza che ciò implichi una proroga automatica della durata del contratto.
La Commissione può pretendere l’allontanamento del personale del Contraente o del
subappaltatore che contravvenga agli obblighi di sicurezza derivanti dal presente contratto ed
imputabili all’appaltatore o al subappaltatore stesso.
ARTICOLO 9 – DELEGHE
La Direzione, l’assistenza tecnica, la sorveglianza ed il controllo dei lavori di cui nel presente
contratto saranno eseguiti dal Capo Cantiere/Lavori, a cui il Contraente avrà conferito ogni
necessario potere e facoltà che gli consenta di rappresentarlo pienamente nei confronti della
Commissione.
La Commissione comunicherà a lui, o ad un suo legittimo sostituto, ogni disposizione, anche
verbale, attinente lo svolgimento del rapporto oggetto del contratto.
Per l’espletamento di tali compiti, il Capo Cantiere/Lavori avrà l’obbligo di presenza continua
nei luoghi dove si svolgono le operazioni oggetto dell'appalto.
6/9
Il nominativo del Capo Cantiere/Lavori (nonché quelli del suo sostituto) e copia della lettera
di incarico che indica i poteri allo stesso conferiti dovranno essere comunicati alla
Commissione prima dell’inizio dei lavori.
ARTICOLO 10 – SOPRALLUOGO NEI LUOGHI DI LAVORI E DOCUMENTO
UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA
Il Contraente, prima dell'inizio dei lavori, deve assistere il Committente, ovvero il
rappresentante della Commissione, alla stesura del Documento Unico di Valutazione dei
Rischi di Interferenza, effettuando la propria Valutazione dei Rischi secondo l'art.7
D.Lgs. 626/94 e s.m.i. e trasmettendola al Committente, affinché egli possa integrarla nel
Documento Unico di Valutazione dei Rischi di Interferenza.
Per fare questo, il Contraente si impegna ad eseguire, unitamente al Committente, un attento
sopralluogo congiunto nei luoghi di lavoro ed a sottoscrivere il relativo verbale di sopralluogo
congiunto per verificare, mediante la diretta conoscenza, i rischi connessi ai lavori e
preordinare ogni necessario o utile presidio di prevenzione e protezione.
Durante il sopralluogo saranno anche stabiliti i luoghi di lavoro che interessano l'appalto in
tutte le sue fasi. Dove possibile, tali luoghi dovranno essere delimitati prima dell'inizio dei
lavori, a cura del Contraente, da appositi sbarramenti, contrassegni e segnalazioni. L'eventuale
esistenza di tale obbligo sarà riportata nel verbale di sopralluogo e nel Piano Operativo di
Sicurezza (POS), quando pertinente.
Similarmente per i cantieri si applica il D.Lgs. 494/96 e smi
Il Capo Cantiere/Lavori potrà iniziare i lavori solo quando avrà redatto e consegnato al
Committente il documento di Valutazione dei Rischi (prodotto a seguito del sopralluogo
congiunto e la stesura del relativo verbale) e il POS, per i cantieri, e ricevuto formale
approvazione dei documenti consegnati da parte del Committente.
ARTICOLO 11 – NORME
DA
ADOTTARE
IN
CASO
DI
INCIDENTI
ED
INFORTUNI
Il Contraente è tenuto a far rispettare dal proprio personale le seguenti disposizioni:
1 – Infortuni alle persone
1.1 -
In caso di infortunio alle persone durante l’orario di lavoro del Servizio Medico
(da
Lunedì
a
Giovedì
8:30-17:30;
7/9
Venerdì
8:30-16:15)
deve
essere
immediatamente avvisato il Servizio stesso che impartisce le opportune istruzioni
(telefonando all'interno 5666) e richiedendo, se opportuno, l'autoambulanza. In
caso di infortuni al di fuori dell’orario di lavoro del Servizio Medico, sempre
telefonando all'interno 5666, l'autoambulanza provvederà al trasferimento
dell’infortunato all'ospedale più vicino (Angera).
1.2 -
Gli infortuni alle persone devono essere comunicati entro 24 ore dal Contraente al
Servizio Ispettivo di Sicurezza sul Lavoro ed inoltre, in caso di radiazione e/o
contaminazione, al Settore Radioprotezione degli Impianti e dei Lavoratori, con
copia al Responsabile Tecnico/Direttore dei Lavori della Commissione con una
descrizione dell’incidente.
2 – Incidenti che comportino danni alle cose
Le situazioni che rischiano di provocare danni alle cose, devono essere immediatamente
comunicati alla squadra di primo intervento (telefono interno 5666).
In caso di incidente senza danno alle persone deve essere avvisato, appena possibile, il
Servizio Ispettivo Sicurezza sul Lavoro (telefono interno 9769).
3 – Allarme in caso di emergenza
Si rimanda ai contenuti del “Depliant Visitatori” (vedere articolo 2).
ARTICOLO 12 – VIOLAZIONI CONSTATATE DALLA COMMISSIONE
Qualora la Commissione tramite i propri Servizi oppure il Direttore dei Lavori, nei limiti delle
sue deleghe, constati violazioni da parte del Contraente in materia di sicurezza e prevenzione
degli infortuni e delle malattie, avrà la possibilità di adottare nei confronti del Contraente le
seguenti sanzioni che saranno adottate in funzione della gravità delle violazioni e del numero
delle stesse:
a)
contestazione orale;
b) contestazione scritta;
c)
allontanamento di personale;
d) allontanamento del Capo Cantiere/Lavori;
e)
sospensione dei lavori, a carico del Contraente, totale o parziale;
f)
risoluzione del contratto.
8/9
Il Contraente è reso edotto che l'eventuale risoluzione del contratto di cui al punto f) potrà
costituire pregiudizio per la sua successiva partecipazione a bandi per l’effettuazione di opere
o servizi per conto della Commissione.
In ogni caso la Commissione si riserva il diritto di richiedere il risarcimento dei danni subiti in
conseguenza di inadempienze contrattuali, negligenza o imperizia del Contraente.
9/9

Documenti analoghi