Carlotta Ferrari - rosa

Commenti

Transcript

Carlotta Ferrari - rosa
Carlotta Ferrari (Lodi 27 gennaio 1830 – Bologna 22 novembre 1907), compositrice
Nacque a Lodi e studiò canto e pianoforte sotto la guida di Giuseppina Strepponi. Si perfezionò in
composizione. Autrice di alcuni brani da salotto, è conosciuta anche per le composizioni sacre e per i suoi
drammi lirici. Nel 1867 ricevette da parte del vicario della Fabbriceria di Lodi l'incarico di comporre una
Messa dal vivo per la festa patronale di S. Bassiano. Ormai dimenticata, morì, dopo una lunga malattia, a
Bologna.
Carlotta Ferrari nella letteratura
AD UNA ROSA
( in Versi e Prose , Vol. I , pp. 8-9 )
Felice,o rosa,imporpori
Sul tuo superbo stel
Perchè benigno un raggio
Piovve su te dal ciel.
Quel raggio che vivifica,
Che abbella il mondo inter,
Che quanto spira e vegeta
Nutre del suo poter.
E tu de'casti effluvii
La cara voluttà
A lui consacri e il vergine
Splendor di tua beltà.
Ed i sospiri ingenui
Mandi in tuo dolce stil
A lui sullla'ala tepida
D'un zeffiro gentil.
Alla tua sorte simile
Sortito ho il mio destin ;
Del par la vita ho fragile
Che dura un sol mattin.
Ma è sol,rugiada all'anima,
Fecondane il valor,
Onde all'Eterno elevasi,
Del padre mio l'amor.
Come l'olezzo destasi
Nel tuo virgineo sen
Dal mio virtù diffondasi
E ne germogli il ben.
Sì che beati scorrano
I lustri al genitor,
Che a me pietoso genio
Cangia le spine in fior.
Carlotta Ferrari
Le caratteristiche del fiore: la rosa
La Rosa, della famiglia delle Rosaceae, è un genere che comprende circa 150 specie, suddivise in
numerose varietà con infiniti ibridi, originarie dell'Europa e dell'Asia, di altezza variabile da 20 cm
a diversi metri, comprende specie cespugliose, sarmentose, rampicanti, striscianti, arbusti e alberelli
a fiore grande o piccolo, a mazzetti, pannocchie o solitari, semplici o doppi, frutti ad achenio
contenuti in un falso frutto; le specie spontanee in Italia, sono oltre 30.
I petali vengono utilizzati per le proprietà medicinali, per l'estrazione dell' essenza e degli aromi
utilizzati in profumeria, nell'industria essenziera, nella cosmetica, pasticceria e liquoristica. È una
delle basi immancabili più utilizzate in profumeria. Nel linguaggio dei fiori è simbolo per
eccellenza della grazia e della bellezza.
E' il fiore che ha ispirato i poeti di tutto il mondo e che nel corso dei secoli l'hanno definita in tanti
modi, come ad esempio: la "regina dei fiori", la "figlia del cielo" e la "gloria della primavera".
Si dice che "ogni rosa ha la sua spina", poiché ogni cosa, anche quella più bella, ha necessariamente
i suoi lati spiacevoli, e lo stesso significato ha il detto "non c'è rosa senza spine".
Si usa dire che "se sono rose fioriranno", se le cose andranno come si spera.
E' una pianta antica e molto rustica, coltivata e incrociata in numerose varietà, che portano nomi a
volte bizzarri e colori fantasiosi.
A seconda del colore la rosa assume diversi significati.
ROSA BIANCA
Nel linguaggio dei fiori rappresenta la purezza.
ROSA GIALLA ACCESA
Nel linguaggio dei fiori la rosa gialla è il vessillo della gelosia.
ROSA GIALLA ORLATA DI ROSSO
Nel linguaggio dei fiori indica l'amore tenero ed eterno.
ROSA GIALLA PALLIDA
Nel linguaggio dei fiori esprime la titubanza in amore e richiede conferma.
ROSA ROSSA
Nel linguaggio dei fiori è senza dubbio la messaggera di un amore passionale e travolgente. Il rosso
rappresenta il colore dell'amore, della vita, del sangue e del fuoco. Era considerato anche il colore
del Dio della Felicità, che dispensava la ricchezza agli uomini.
ROSELLINA SELVATICA
Nel linguaggio dei fiori simboleggia l'innocenza.

Documenti analoghi