Diario di Lelia – n. 5

Commenti

Transcript

Diario di Lelia – n. 5
Diario di Lelia - n°5/maggio 2011
Lelia onlus - Via Lodivecchio 7 - 26900 Lodi - Tel. 0371.412261 - www.leliaonlus.org - [email protected]
diariodi
il
Cari lettori e sostenitori, ci eravamo lasciati poco prima di Natale con la promessa di dedicare più spazio alle nostre attività in India. Abbiamo
quindi deciso di tradurre semplicemente in italiano l’ultimo rapporto che Paul Van Gelder trimestralmente ci invia, senza commenti, senza
aggiungere o togliere nulla; potrà sembrare noioso ma se provate a leggerlo con gli occhi dei beneficiari di tutte le attività che Lelia
sponsorizza, sono sicuro che i freddi numeri assumeranno un aspetto più umano e, spero, gratificheranno un po’ anche Voi.
Permettetemi solo di ricordarvi che, se non l’avete mai fatto, potete destinare il 5 x 1000 a Lelia Onlus. Ciò non comporta alcuna spesa per
voi, poiché si tratta di una quota d’imposta a cui lo Stato rinuncia: se non effettuerete alcuna scelta il vostro 5 x 1000 andrà allo Stato; non si
tratta, quindi, di una tassa aggiuntiva.
Grazie di cuore dalla redazione de “Il diario di Lelia”.
Paolo Brandolese
Rapporto trimestrale delle attività della Sisp (01-08-2010/31-12-2010).
Cari amici,
scusate per il ritardo ma siamo stati tutti
molto indaffarati a causa della partenza
definitiva di George.
George ha definitivamente lasciato la Sisp
il 31.12.2010 e insieme alle celebrazioni
del natale è stasa organizzata una breve
cerimonia di addio in suo onere. Egli,
come è nella cultura indiana, ha promesso che tornerà; il momento è stato
toccante e commuovente poiché George
è stato il primo insegnante della Sisp e
tutti qui nutrono grande rispetto e amore
per la sua persona.
Il corpo insegnati ha comunque deciso
di non sostituirlo poiché, dopo una serie
di colloqui tutti i candidati non si sono
rilevati all’altezza, e ha preferito affidare l’incarico di coordinatore del settore
educativo ad Aijith al quale sarà corrisposto lo stesso salario di George. Gli
altri insegnanti, visto la poca esperienza
di Aijith, s’impegneranno per aiutarlo e
percepiranno un piccolo aumento anche
in considerazione del fatto che un coordinatore esterno avrebbe comportato
maggiori oneri.
Il 3/12/2010 si è celebrata la festa del
personale della Sisp, gli studenti hanno
avuto un giorno di vacanza. Durante
la mattinata tutte le unità lavorative si
sono raggruppate ed hanno risposto
a domande rivolte loro dai dirigenti,
domande sulla soddisfazione personale,
sulla cooperazione e il lavoro di squadra. Nella seconda parte della mattinata
tutto il personale, ma questa volta senza
la presenza dei dirigenti, ha discusso e
riflettuto sulle problematiche emerse.
Nel pomeriggio i dirigenti hanno presentato in assemblea plenaria un grafico che
riassumeva le questioni urgenti. A questo
punto le varie unità lavorative si sono
riunite per fornire idee relativamente a
possibili miglioramenti o soluzioni. Infine
ancora in assemblea plenaria si è cercato
un consenso unanime su come affrontare
i problemi emersi. I principali problemi
Settore educativo.
ALUNNI ISCRITTI
98
PRESENZA MASSIMA
83
PRESENZA MEDIA
69
NUOVI ISCRITTI
14
ALUNNI TORNATI
2
ABBANDONI SISP
10
ABBANDONI SCUOLA PRIVATA
0
STUDENTI RIPETIZIONI
63
PRESENZA MEDIA
52
Il 5/09/2010 è il giorno degli insegnan-
ti; Paul ha consegnato un piccolo regalo
a tutti gli insegnati e ringraziato davanti
a tutti gli alunni e lo staff della Sisp. Il
24/09/2010 è stato organizzato un incontro con i genitori degli alunni con i quali
si è parlato del comportamento dei loro
figli, dei progressi caratteriali e delle loro
impressioni. Il professor Shaji continua a
seguire le procedure per i certificati di nascita dei nuovi studenti che quasi sempre
non ne sono in possesso e senza il quale
non potranno mai rientrare verso un percorso di studi riconosciuto dallo stato.
Il 2/10/2010 abbiamo celebrato la festa
nazionale del compleanno di Gandi
attraverso una giornata dedicata alla conoscenza della vita e degli insegnamenti
del padre della nazione. A fine ottobre ci
sono stati gli esami del primo semestre e
tutti gli studenti hanno fatto registrare dei
progressi. Il primo novembre è iniziato
il secondo semestre in corrispondenza
della festa della nascita del Kerala (Kerala
Piravi) e gli insegnati hanno tenuto lezioni
riguardanti le origini e la storia di questo
stato indiano. Nel mese di novembre ci
siamo concentranti sugli studenti che
hanno abbandonato la scuola durante il
primo semestre e i professori hanno fatto
visita alle famiglie cercando di convincerle
a rimandare i propri figli a scuola.
Il primo di dicembre, giornata mondiale
dell’AIDS, George ha tenuto una lezione
per aumentare la consapevolezza nei confronti di questa malattia con grafici e immagini. La lezione è stata particolarmente
apprezzata dagli studenti più grandi ed ha
sfatato molti luoghi comuni emersi dalle
domande dei ragazzi. Con l’arrivo di Jelle
dal Belgio sono riprese le lezioni di surf, e
grazie ai fondi che ha portato studenti e
personale sono andati a comprare vestiti
e scarpe per i bambini più bisognosi sella
Sisp.
emersi sono: gossip continui e atteggiamenti negativi, cura e igiene dell’edificio,
stipendi troppo bassi in relazione all’inflazione (10% annuo), maggiore autorità di
Paul e Miss. Kumari quando non vengono
rispettate le regole.
Si è deciso di scrivere insieme un regolamento interno e di lavorare con più
impegno su tutti i punti critici emersi.
Relativamente all’aumento di salario,
Paul ha spiegato come un aumento di
stipendio potrebbe minare la stabilità
economica futura della Sisp e comunque
andrebbe concordato con i partner europei. Riguardo all’autorità Paul ha infine
rilevato come spesso i comportamenti
scorretti sono legati al passato traumatico che hanno vissuto e che ricorrere a
sospensioni ed espulsioni è per lui solo
l’estrema ratio. La regola è di educare a
un comportamento sociale.
Questa prima festa del personale è stata
apprezzata da tutti e verrà sicuramente
riproposta l’anno prossimo.
Settore assistenza sociale.
TOTALE FAMIGLIE BENEFICIARIE
30
NUOVE RICHIESTE ACCETTATE
10
RICHIESTE IN ATTESA
La Sisp segue 43 gruppi di donne per un totale
198
NUOVE RICHIESTE
EMERGENZE SANITARIE
Gruppi di micro credito.
di 625 persone. Nell’ultimo mese per la prima
volta da anni non abbiamo avuto nessuna
richiesta per iniziare nuovi gruppi. Dieci gruppi
hanno richiesto un prestito alla Sisp e otto di
questi l’hanno ottenuto. Tutti i gruppi stanno
regolarmente pagando. I due gruppi esclusi non
erano ammissibili poiché avevano già in essere
un prestito con il governo del Kerala.
Recentemente i gruppi di donne mussulmane
per la prima volta hanno avuto il permesso di
frequentare a Trivandrum un corso di un mese
di riparazione di telefoni cellulari con lo scopo
di aprire un piccolo negozio.
La nota dolente dei gruppi di micro credito è
che purtroppo molte donne sono analfabete e
non possono frequentare alcun corso professionale.
4
12
RICHIESTE SPECIALI
La storia di Vijin, una dei beneficiari, è
una delle tante storie terribili che per la
Sisp purtroppo sono la quotidianità. Egli
ha sedici anni due sorelle ed entrambi
i genitori senza lavoro. Vijin è epilettico
e per mancanza di un’adeguata terapia
farmacologica, negli anni ha sviluppato
un ritardo mentale grave. L’anno scorso
grazie ad un programma pubblico di aiuto
ai pazienti epilettici ha iniziato la terapia
gratuita ma purtroppo in seguito ad un
errore nella dispensazione delle medicine è rimasto paralizzato. Per mancanza
di soldi non hanno nemmeno potuto
continuare la causa contro la farmacia.
Entrambe le sorelle hanno problemi di
salute; la madre ha problemi respiratori
e l’unico reddito è quello da lavoro a giornata (pescatore) del padre. La Sisp ora si
occupa della famiglia pagando le medicine e con sacchi di riso e spezie.
FAMIGLIA SELEZIONATA
La famiglia di Haraharan è composta solo
da lui e sua moglie, entrambi anziani. Tre
anni fa egli ha avuto un incidente e si è
rotto una gamba ed è rimasto emiplegico; non può camminare e parla a fatica.
Non hanno alcuna fonte di reddito e i
vicini non li aiutato. Anche la situazione
abitativa è estrema poiché, dopo essersi
venduto tutto in seguito all’incidente, ora
vivono in una baracca sul lato di una casa
di cemento.
FAMIGLIA NON SELEZIONATA
La famiglia di Anesh è composta di
quattro persone: lui di diciannove anni, il
fratello maggiore e i genitori. Il padre e il
fratello vanno a lavorare e inoltre hanno
uno zio medico che da una mano economicamente. Dai calcoli fatti dalle assistenti sociali, la famiglia, pur non vivendo una
vita agiata, risulta al disopra della soglia
di povertà e per questo non può essere
persa in carico.
Laboratori artigianali.
La Sisp ha intrapreso la via dei laboratori artigianali con lo scopo di migliorare le
condizioni sociali delle donne e di fornire una fonte di reddito agli studenti che
hanno fallito negli esami. Tutti i laboratori sono coordinati da tre vice coordinatori
ai vertici dei quali vi è il coordinatore capo avvero mister Mohannan che è stato
recentemente assunto con lo scopo di rendere più efficiente e professionale questo
parte importante della Sisp.
IMPIEGATI
LABORATORIO
DELLA LAVORAZIONE DEL COCCO
8 (6 FULL TIME + 2 PARTIME)
LABORATORIO
DELLA LAVORAZIONE DELLA CARTA
8 (6 FULL TIME + 2 PARTIME)
LABORATORIO DI MODA E DESIGN
5 (5 FULL TIME + 3 PARTIME + 1 DESIGNER)
Purtroppo allo stato attuale le vendite dipendono in maniera sostanziale dalle richieste europee o dai turisti e visitatori che una volta la settimana possono visitare il
centro della Sisp. Inoltre, non vendo una regolare licenza per l’export, il commercio
si basa sulla buona volontà dei volontari europei che ogni volta portano il materiale
con sé e cercano di venderlo. Ora grazie al lavoro di mister Mohannan i laboratori
sono stati riconosciuti dal governo del Kerala sotto la formula di Small Skill Activities
(SSA) e presto dovremmo avere la licenza.
Situazione economico-finanziaria.
La stabilità economica della Sisp si regge quasi esclusivamente sui fondi provenienti
da Lelia onlus, Sisp Olanda, Sisp Belgio e Les Enfant du Troixiemme Monde poiché
il governo indiano e quello locale non forniscono alcun aiuto. Fortunatamente negli
ultimi anni, pur essendo cresciuti i costi, la capacità di raccolta dei donatori europei
è aumentata e non vi è alcun rischio immediato di mancanza di fondi.