Per prestazioni ben definite solo il criterio del prezzo p–

Commenti

Transcript

Per prestazioni ben definite solo il criterio del prezzo p–
Per prestazioni ben definite solo il criterio del prezzo
più basso
E’ da considerare manifestamente illogica la scelta del criterio del prezzo
più basso quando la legge di gara attribuisca rilievo ad aspetti qualitativi variabili
dell’offerta, in riferimento al particolare valore tecnologico delle prestazioni, al loro
numero, al livello quantitativo e quantitativo dei servizi di formazione del personale e
di manutenzione delle apparecchiature. In questi casi la pluralità di elementi presi in
considerazione dalla lex specialis si pone in contrasto con la caratteristica unicità del
criterio del prezzo più basso comportando la violazione degli articoli 81 e 82 del
D.Lgs. 163/2006.
Questa in sintesi la decisione del Consiglio di Stato (sentenza n. 8408 del
3.12.2010), adito dalla società soccombente innanzi al giudice di prime cure, al quale
si era rivolta deducendo l’illogicità del criterio di aggiudicazione utilizzato in
considerazione della complessità dell’offerta tecnica richiesta.
Invero, la ricorrente partecipava ad una gara di appalto avente ad oggetto
la fornitura di sistemi attinenti la produzione, visualizzazione, refertazione,
archiviazione e trasmissione di immagini radiologiche da aggiudicarsi mediante il
criterio del prezzo più basso. Tuttavia, il capitolato richiedeva alle imprese
partecipanti di presentare offerte di sistemi aventi particolari qualità tecniche minime.
Secondo i giudici di Palazzo Spada rientra nei poteri discrezionali
dell’amministrazione operare la scelta del criterio di aggiudicazione del prezzo più
basso o dell’offerta economicamente più vantaggiosa, relativamente alle peculiarità
dell’appalto; ad ogni buon conto tale scelta deve orientarsi tenendo presente l’unicità
e l’automatismo del criterio del prezzo più basso e la pluralità e variabilità dei criteri
dell’offerta economicamente più vantaggiosa, quali il prezzo, la qualità, il pregio
tecnico, ecc..
Pertanto, attribuire particolare rilievo, come nel caso di specie, a
determinati elementi qualitativi, ritenuti evidentemente di fondamentale importanza
ai fini della selezione della migliore offerta, si è appalesato illogico e contraddittorio,
in quanto la Stazione Appaltante, avendo scelto il criterio del prezzo più basso,
avrebbe dovuto limitarsi a richiedere prestazioni standardizzate, ove tecnicamente
possibile e nell’interesse dell’Amministrazione, nonché valutare l’offerta in relazione al
prezzo, ovvero, in alternativa, adeguare il criterio di scelta all’oggetto ed alle
caratteristiche dell’appalto, utilizzando il criterio dell’offerta economicamente più
vantaggiosa.
Ufficio Consulenza