Scheda Tecnica

Commenti

Transcript

Scheda Tecnica
LANGHE FREISA DOC
Nome prodotto: LANGHE FREISA DOC
Uve: 100% FREISA
Zone produzione: Langhe
Esposizione e altitudine: est/nord-est
Tipologia del terreno: marne calcareo argillose
Sistema di allevamento: guyot modificato (archetto)
Densità dell’impianto: 4.000 ceppi per ettaro
Epoca di vendemmia: dal 20 settembre al 05 ottobre
Grado alcolico: 13,50%
Temperatura di servizio: 18 °C
Scheda tecnica
Fermentazione naturale (senza l’aggiunta di lieviti selezionati) di circa 12
giorni a temperature basse, 24-28 ºC, leggere pressature e un affinamento di
circa 4 mesi in vasche di acciaio, a temperatura naturale di 18 ºC, infine circa
un mese di affinamento in bottiglia.
Questo procedimento classico permette il mantenimento di freschezza e
fragranza animale, in un vino da bere, profumato ed elegante.
Abbinamento perfetto
Crediamo che consigliare con cosa bere i nostri vini sia sbagliato, ognuno ha
le sue idee e i suoi piaceri, ma possiamo consigliarvi con chi berlo.
Bevetelo
con tutti!
www.borgogno.com
Cenni
La freisa è il vitigno più storico del Piemonte, per questo ci piace
raccontarvelo.
Questa interessante varietà risale al sedicesimo secolo da un documento
del pedaggio della dogana di Pancalieri, nei pressi di Chieri, dove erano
registrati dei carri di “fresearum”, varietà di uva tra le più pregiate della
zona. Tuttavia la prima descrizione certa del vitigno Freisa risale al
1799 da parte dell’illustre ampelografo Conte Giuseppe Nuvolone che
la considerava una delle uve nere migliori del circondario di Torino.
Pare che il nome derivi dal francese fraise, fragola, il cui profumo si
percepisce nel vino.
In tempi più vicini è stato scoperto che il Freisa,
un vino dai profumi netti e freschi, ma con grandi caratteristiche di
tipicità, tannicità e qualche nota animale, è dal punto di vista genetico
un parente stretto del Nebbiolo (probabilmente un suo genitore, forse
la madre, come evidenziato alcuni anni fa dalla Prof.ssa Schneider
dell’Università di Torino). Per questo Borgogno ci crede e deve resistere,
non abbandonando la produzione di questo magnifico vino.

Documenti analoghi