Botta Costume per lo spettacolo Triennio 15-16

Commenti

Transcript

Botta Costume per lo spettacolo Triennio 15-16
Ministero Istruzione Università e Ricerca
Alta Formazione Artistica e Musicale
ACCADEMIA DI BELLE ARTI
BOLOGNA
Prof.ssa Claudia Botta Materia di insegnamento: Costume per lo spettacolo (Triennio Fashion Design/Scenografia) Ricevimento: Aula Costume, mercoledì mattina dalle 9:00 alle 13:00 e‐mail: [email protected] Programma della materia Lo studio del costume di scena, inteso non solo come abito riferibile ad un personaggio, ma come primo spazio abitabile dal corpo, costituirà il tema principale del corso. Le lezioni durante l’anno si divideranno nelle seguenti fasi: 1. Fase teorica frontale ƒ
ƒ
ƒ
ƒ
ƒ
ƒ
Analisi storico‐iconografica, letteraria e filmica del tema e del periodo storico stabiliti all’inizio del corso. Esame degli aspetti tecnici e stilistici del costume, ponendo attenzione alla resa dei materiali, al rapporto tra abito e corpo dell’attore, tra stoffa e luce di scena, in relazione alla leggibilità ed efficacia delle scelte espressive nello spazio scenico teatrale e in tutte le altre forme di rappresentazione. Analisi di alcuni aspetti della professione del costumista quali: la relazione con il regista, lo scenografo, il produttore, gli attori, il budget, i sarti, le cameriniste, i noleggiatori, ecc… Approfondimento sui costumisti e i fashion designer più innovativi ed interessanti. Carrellata sulle sperimentazioni contemporanee nella techno e cyborg couture. Studio di artisti che hanno utilizzato il vestiario e l’accessorio come elementi espressivi o di “contaminazione corporea”. Via Belle Arti 54 – 40126 Bologna – Italy – phone 051 4226411 – fax 253032
C.F. 80080230370
Ministero Istruzione Università e Ricerca
Alta Formazione Artistica e Musicale
ACCADEMIA DI BELLE ARTI
BOLOGNA
2. Percorso progettuale ƒ
ƒ
ƒ
ƒ
Studio del personaggio: carattere, resa, coerenza di stile in relazione a scene e regia. Il bozzetto: presentazione, impaginazione, scelte di stile, colori, indicazioni tecniche per le sartorie. Realizzazione di “tavole di tendenza” con fonti di ispirazione e riferimenti utili a chiarire ulteriormente al regista o ai tecnici i risultati desiderati. Discussione e presentazione dei progetti individuali alla presenza di tutti i compagni di corso, per valutare i procedimenti e le scelte formali intraprese, al fine di far emergere ulteriori elementi e spunti attraverso un confronto di gruppo. 3. Fase realizzativa e laboratoriale ƒ
ƒ
ƒ
Ricerca, campionatura e test dei materiali, in relazione alla vestibilità e alla necessità di movimento dei personaggi, ai costi, alla gestione e conservazione dei costumi ideati. Studio di sistemi e tecniche di confezione ed elaborazione. Indagine sul territorio di laboratori, grossisti e fornitori adatti alla realizzazione dei progetti. Creazione personale di un database utile nella professione. 4. Presentazione finale dei costumi ƒ
Ideazione globale di un evento di fine corso per la presentazione dei progetti e dei manufatti realizzati. Bibliografia indicativa: ƒ Alda Gigli Marchetti ‐ “Dalla crinolina alla minigonna” ƒ Cristina Giorgetti ‐ “Manuale di storia del costume e della moda”‐ Cantini ƒ “Mascheramenti” a cura di Paola Bignami – Bulzoni ed. ƒ Daniela Calanca ‐ “ Storia sociale della moda” ‐ Bruno Mondatori ƒ Silvana Sinisi ‐ “Cambi di scena ‐ teatro e arti visive nelle poetiche del novecento” ‐ Bulzoni ed. ƒ Guido Giorgetti ‐ “Il gioiello nei secoli” ‐ Arnoldo Mondadori Editore ƒ Bernard Rudofsky ‐ ”Il corpo incompiuto” ‐ Arnoldo Mondadori Editore – 1975 ƒ “Young asian Fashion designers”daab 2008 los angeles ƒ Kinda o ‘Keffe ‐ “Scarpe” ‐ Koneman ƒ Colin McDowell ‐ “Scarpe” ‐ Rizzoli ƒ Samuele Mazza – “Scarperentola” ƒ Giorgio Mirandola e Giorgio Bisello ‐“Gli occhiali” ‐ Edicart ƒ Nicola Pafundi ‐ “Cappelli e bastoni” ‐ Pafpo editore ƒ Le collezioni Bompiani ‐ “Bastoni” ‐ 1993 ƒ “Hats”‐ A pepin press design book ƒ Lia Luzzato Pampas ‐ “I colori del vestire” ‐ Hoepli ƒ Giovanni Nuvoletti ‐ “Elogio della cravatta” ‐ Idealibri ƒ Alessandra Mattola Molfino – “La moda e il revival” ‐ De Agostini ƒ D’amato Gabriella ‐ “Moda e design, stili ed accessori del novecento” ‐ Bruno Mondadori Via Belle Arti 54 – 40126 Bologna – Italy – phone 051 4226411 – fax 253032
C.F. 80080230370
Ministero Istruzione Università e Ricerca
Alta Formazione Artistica e Musicale
ACCADEMIA DI BELLE ARTI
BOLOGNA
ƒ
ƒ
ƒ
ƒ
ƒ
“Fashion now, un secolo di moda e miti del xx secolo” ‐ Federico Motta editore Teresa Macrì ‐ “Il corpo post organico” ‐ Costa & Noland Catalogo mostra Mart di Rovereto “La danza delle avanguardie” – Ed. Skira Amelia Bottero – “Il potere della moda” ‐ Il pungolo edizioni Francesca Alfano Miglietti – “Virus Moda, chic and choc rivestimenti:moda modelli e mutazioni” – Skira ‐ 2005 Bradley Quinn – “Tecno Fashion” ‐ Berg Andrew Bolton – “The super modern wardarobe” ‐ Victoria & Albert Museum Terry Jones & Susie Rushton – “Moda oggi” ‐ Taschen Florence Muller ‐ “Art & fashion” ‐ Thames & Hudson “Art Fashion” ‐ Catalogo Biennale di Firenze ‐ Ed.Skira ƒ
ƒ
ƒ
ƒ
ƒ
Profilo professionale: Claudia Botta, diplomata attrice presso la Civica Scuola d’Arte Drammatica Piccolo Teatro di Milano e come scenografa presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, da trent’anni lavora come autrice, attrice, regista, scenografa e costumista, in Italia e all'estero, in produzioni di stampo classico (Piccolo Teatro di Milano, Teatro alla Scala), nel settore della ricerca (C.R.T di Milano, F.I.A.T Teatro Settimo di Torino, Ohio Theatre di New York, 450 Geary Studio Theatre di San Francisco, Teatro Sergio Cardoso di San Paolo, Teatro Ermolova di Mosca) e in produzioni televisivo‐cinematografiche. Oltre ad insegnare Costume per lo spettacolo e Tecniche performative è stata anche docente di Storia dello spettacolo, Regia, Storia della moda e Recitazione. Recentemente tra gli altri ha firmato le scene e i costumi dei film: ‐ “Non farai male”, di Luca Elmi, (Premio come miglior film straniero al Central Florida Film festival – USA) ‐ “Michelangelo, il cuore e la pietra” Prod.Sky Arte HD ‐ "The Italian Milk Show" Installazione filmica per Expo 2015 ‐ “Anna P. – documentario su Anna Piaggi”, coproduzione Italia‐Germania‐Francia per Art’è 2015 Parallelamente si dedica ad una ricerca artistica nell’ambito della bio arte.
Data 09.10.2015 _____________________________ firma Via Belle Arti 54 – 40126 Bologna – Italy – phone 051 4226411 – fax 253032
C.F. 80080230370