Aggressione coppia gay. La politica insorge

Commenti

Transcript

Aggressione coppia gay. La politica insorge
Aggressione coppia gay. La politica insorge
Lunedì 17 Agosto 2009 22:37
AGROPOLI (SA)- Insultati e aggrediti perché passeggiavano mano nella mano. Momenti di
paura, ad Agropoli, per una coppia gay in vacanza, due stranieri avvicinati minacciosamente da
alcuni ragazzi fra i 15 e i 20 anni.
Dopo una serie di frasi oscene, dinanzi a decine di
persone, uno del gruppo ha raggiunto la coppia e ha afferrato uno degli stranieri per un
orecchio. Secondo il racconto dei testimoni, la coppia sarebbe poi riuscita ad allontanarsi.
La coppia gay passeggiava sul lungomare, fra altri turisti. L´aggressione è avvenuta lì. Secondo
le prime testimonianze, gli aggressori non erano di Agropoli: si trattava di villeggianti. È dello
stesso parere Martina Castellana (nella foto), dirigente Asl, candidata transgender del Pdl alle
recenti elezioni per la Provincia di Salerno:
«Invit
o perciò i cittadini di Agropoli a riflettere prima di affittare le abitazioni a gente di dubbia
provenienza e rispetto. L´episodio è la spia di una intolleranza dilagante. Un gesto ignominioso,
sintomo di decadimento morale, culturale e intellettuale. Non è una questione ideologica di
destra o di sinistra, e neppure laica o cattolica, qui siamo all´homo homini lupus, un modo di
pensare che va sempre combattuto».
Francesco Alfieri, il sindaco che guida la giunta di centrosinistra dal maggio del 2007, porge le
scuse alla coppia aggredita. «
Una cosa grave. Inammissibile. Mi informerò
meglio su quanto accaduto. Se posso rimediare in qualche modo, lo farò molto volentieri. Sarò
lieto di incontrare i turisti aggrediti. È un episodio increscioso: mi meraviglia. Non è nel costume
di Agropoli, città civile, ma chiunque sia stato il responsabile, la cosa non ci fa onore».
Sergio Rovasio
, segretario dell´associazione radicale Certi Diritti, sollecita il governo
«a considerare una vera emergenza gli oltre 100 casi di violenza omofobica avvenuti nell´ultimo
anno in Italia, alcuni dei quali sfociati in omicidio».
La Repubblica_ Napoli
1/1

Documenti analoghi