Release Notes - Fedora Documentation

Commenti

Transcript

Release Notes - Fedora Documentation
Fedora Core 5
Release Notes
Fedora Documentation Project
Copyright © 2006 Red Hat, Inc. and Others.
The text of and illustrations in this document are licensed by Red Hat under a Creative
Commons Attribution–Share Alike 3.0 Unported license ("CC-BY-SA"). An explanation
of CC-BY-SA is available at http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/. The
original authors of this document, and Red Hat, designate the Fedora Project as
the "Attribution Party" for purposes of CC-BY-SA. In accordance with CC-BY-SA, if
you distribute this document or an adaptation of it, you must provide the URL for the
original version.
Red Hat, as the licensor of this document, waives the right to enforce, and agrees not
to assert, Section 4d of CC-BY-SA to the fullest extent permitted by applicable law.
Red Hat, Red Hat Enterprise Linux, the Shadowman logo, JBoss, MetaMatrix, Fedora,
the Infinity Logo, and RHCE are trademarks of Red Hat, Inc., registered in the United
States and other countries.
For guidelines on the permitted uses of the Fedora trademarks, refer to https://
fedoraproject.org/wiki/Legal:Trademark_guidelines.
Linux® is the registered trademark of Linus Torvalds in the United States and other
countries.
Java® is a registered trademark of Oracle and/or its affiliates.
XFS® is a trademark of Silicon Graphics International Corp. or its subsidiaries in the
United States and/or other countries.
All other trademarks are the property of their respective owners.
Sommario
1. Benvenuti in Fedora Core .......................................................................................................
2. Panoramica di Fedora Core 5 .................................................................................................
2.1. Che c'è di nuovo in Fedora Core 5 ...............................................................................
2.2. Piano di sviluppo ..........................................................................................................
4
4
4
7
1
Release Notes
3. Fornire suggerimenti per le note di rilascio ............................................................................... 8
4. Note relative all'installazione .................................................................................................... 8
4.1. Note su Anaconda ....................................................................................................... 8
5. Note specifiche sull'architettura .............................................................................................. 11
5.1. Specifiche PPC per Fedora ........................................................................................ 11
5.2. Specifiche x86 per Fedora .......................................................................................... 13
5.3. Specifiche x86_64 per Fedora .................................................................................... 14
6. Note sui pacchetti ................................................................................................................. 15
6.1. Cambiamenti in core utilities POSIX ............................................................................ 15
6.2. Pango Text Renderer per Firefox ................................................................................ 16
6.3. Smbfs deprecato ........................................................................................................ 16
6.4. Plugin di yum per la gestione del kernel ...................................................................... 16
6.5. Cambiamenti di comportamento della gestione della cache in yum ................................ 16
6.6. Dispositivi del kernel, caricamento dei moduli, e cambiamenti hotplug ............................ 17
6.7. Cambiamenti nella ricerca sul sistema ......................................................................... 17
6.8. Rimozione dell'utilità di configurazione del mouse ........................................................ 17
6.9. L'applet up2date e RHN sono state rimosse ................................................................ 17
6.10. NetworkManager ...................................................................................................... 17
6.11. Dovecot .................................................................................................................... 18
6.12. Kudzu ...................................................................................................................... 18
6.13. Nessun editing automatico di fstab per i media rimovibili ............................................. 18
6.14. Montaggio dei dischi fissi in Gnome e KDE ................................................................ 18
6.15. GnuCash .................................................................................................................. 18
6.16. Mozilla ..................................................................................................................... 19
6.17. Avviare senza initrd .................................................................................................. 19
6.18. libstc++ preview ........................................................................................................ 19
6.19. Rimosso il supporto a LinuxThreads .......................................................................... 19
7. Kernel Linux ......................................................................................................................... 19
7.1. Versione .................................................................................................................... 19
7.2. Changelog ................................................................................................................. 19
7.3. Tipi di Kernel ............................................................................................................. 20
7.4. Kexec e Kdump ......................................................................................................... 20
7.5. Segnalare gli errori ..................................................................................................... 21
7.6. Seguire libri di testo generici ....................................................................................... 21
7.7. Preparazione allo sviluppo del Kernel .......................................................................... 21
7.8. Compilare solo i moduli del Kernel .............................................................................. 23
7.9. Dipendenze User Space nel Kernel ............................................................................. 24
8. Fedora Desktop .................................................................................................................... 24
9. Strumenti del server .............................................................................................................. 25
9.1. system-config-printer ................................................................................................... 25
9.2. system-config-securitylevel .......................................................................................... 25
10. File Servers ........................................................................................................................ 25
10.1. Netatalk (Compatibilità Macintosh) ............................................................................. 26
11. Web Servers ....................................................................................................................... 26
11.1. httpd ........................................................................................................................ 26
11.2. php .......................................................................................................................... 27
12. Strumenti di sviluppo ........................................................................................................... 28
12.1. FORTRAN ................................................................................................................ 28
12.2. Ambiente di sviluppo Eclipse ..................................................................................... 28
13. Sicurezza ............................................................................................................................ 28
13.1. Informazioni generali ................................................................................................. 28
2
13.2. What's New ..............................................................................................................
14. Java e java-gcj-compat ........................................................................................................
14.1. Gestire i pacchetti Java e Java-like ...........................................................................
14.2. Fedora ed i pacchetti Java JPackage ........................................................................
15. Samba (Compatibilità Windows) ...........................................................................................
15.1. Esplorazione della rete Windows ...............................................................................
16. Multimedia ..........................................................................................................................
16.1. Lettori multimediali ....................................................................................................
16.2. I formati Ogg e Xiph.Org Foundation .........................................................................
16.3. MP3, DVD ed altri formati multimediali esclusi ............................................................
16.4. Authoring e Masterizzazione di CD e DVD .................................................................
16.5. Screencasts .............................................................................................................
16.6. Estensione dei supporti mediante plugins ...................................................................
17. Giochi ed intrattenimento .....................................................................................................
18. Networking ..........................................................................................................................
18.1. Strumenti utente .......................................................................................................
18.2. Principali cambiamenti nel kernel 2.6.11 - 2.6.15 ........................................................
19. Virtualizzazione ...................................................................................................................
19.1. Tipi di virtualizzazione ...............................................................................................
19.2. Installare Xen, configurare ed usare Xen ...................................................................
20. X Window System (Grafica) .................................................................................................
20.1. xorg-x11 ...................................................................................................................
20.2. Note su Xorg X11R7 per l'utente finale ......................................................................
20.3. X.org X11R7 anteprima per lo sviluppatore ................................................................
20.4. Note per lo sviluppatore di X.org X11R7 ....................................................................
21. Docs/Beats/DatabaseServers ...............................................................................................
21.1. MySQL ....................................................................................................................
21.2. PostgreSQL ..............................................................................................................
22. Internazionalizzazione (i18n) ................................................................................................
22.1. Metodi di input .........................................................................................................
22.2. Fonts .......................................................................................................................
22.3. gtk2 IM submenu ......................................................................................................
22.4. Supporto Pango in Firefox ........................................................................................
23. Compatibilità con il passato .................................................................................................
23.1. Compatibilità con il passato ......................................................................................
24. Cambiamenti nei pacchetti ...................................................................................................
25. Fedora Extras .....................................................................................................................
25.1. Uso del repositorio ...................................................................................................
25.2. Informazioni su Fedora Extras ...................................................................................
26. Fedora Legacy - Progetto di manutenzione della comunità ....................................................
27. Informazioni sul Progetto Fedora ..........................................................................................
28. Colophon ............................................................................................................................
28.1. Contributori ..............................................................................................................
28.2. Metodi di produzione ................................................................................................
28
30
30
30
31
31
31
31
31
32
32
32
32
32
33
33
34
36
36
37
37
37
37
37
38
39
39
39
39
39
40
41
41
41
41
42
55
55
56
57
58
59
59
60
3
Release Notes
1. Benvenuti in Fedora Core
Ultime note di rilascio sul Web
Queste note di rilascio potrebbero essere più aggiornate. Visita http://fedora.redhat.com/
docs/release-notes/ per vedere le ultime note di rilascio per Fedora Core 5.
Puoi aiutare la comunità del progetto Fedora a continuare a migliorare Fedora se invierai
segnalazioni d'errore e richieste di implementazione. Fa riferimento a http://fedoraproject.org/wiki/
BugsAndFeatureRequests per maggiori informazioni sugli errori. Grazie per la tua partecipazione.
Per trovare ulteriori informazioni generali su Fedora, fa riferimento alle seguenti pagine web:
• Anteprima di Fedora (http://fedoraproject.org/wiki/it_IT/Overview)
• Fedora FAQ (http://fedoraproject.org/wiki/FAQ)
• Aiuto e supporto (http://fedoraproject.org/wiki/it_IT/Communicate)
• Partecipa al progetto Fedora (http://fedoraproject.org/wiki/HelpWanted)
• Informazioni sul progetto Fedora (http://fedora.redhat.com/About/)
2. Panoramica di Fedora Core 5
Puoi trovare un anteprima con immagini e video di questa nuova eccitante versione su http://
fedoraproject.org/wiki/Tours/FedoraCore5.
2.1. Che c'è di nuovo in Fedora Core 5
Questa versione é il culmine di nove mesi di sviluppo, ed include nuove significative versioni di molti
prodotti chiave e tecnologie. Le seguenti sezioni forniscono una breve panoramica dei principali
cambiamenti dall'ultima versione di Fedora Core.
2.1.1. Desktop
Alcuni degli elementi più evidenti di questa versione includono:
• Un immagine completamente rinnovata con un nuovo tema a bollicine ed il primo utilizzo del nuovo
Fedora logo.
• L'ultimo lavoro del Progetto Fedora Rendering é integrato nel desktop. Questo nuovo progetto
(http://fedoraproject.org/wiki/RenderingProject) andrà a fornire i fondamenti tecnici per le interfacce
desktop avanzate basate su OpenGL.
• In questa release i popolari ambienti desktop GNOME e KDE hanno nuove innovative versioni.
Il desktop GNOME é basato sulla versione 2.14 (http://www.gnome.org/start/2.14/notes/C/), ed il
desktop KDE 3.5 è la versione generale 3.5 (http://kde.org/announcements/announce-3.5.php).
• Le ultime versioni di GNOME Power Manager (http://www.gnome.org/projects/gnome-powermanager/) e GNOME Screensaver (http://live.gnome.org/GnomeScreensaver/) forniscono nuove
ed integrate capacità di power management.
4
Che c'è di nuovo in Fedora Core 5
• La nuova utilità GNOME User Share fornisce una condivisione dei files semplice ed efficiente.
• La crittazione per dischi rigidi LUKS (http://luks.endorphin.org/) è integrata con HAL e GNOME
in questa versione. Fa riferimento a http://fedoraproject.org/wiki/Software/LUKS per maggiori
informazioni.
• Le capacita di software suspend (hibernate) sono ora fornite per una gran varietà di hardware.
La caratteristica suspend to RAM è stata inoltre migliorata grazie al lavoro fato per supportare
l'ibernazione.
• Le precedenti utilità grafiche per l'amministrazione del software sono state sostituite con la prima
versione di una nuova generazione di strumenti. Questa versione include Pup, una semplice
interfaccia per gli aggiornamenti di sistema, e Pirut, un nuovo software di gestione dei pacchetti che
sostituisce system-config-packages. Queste applicazioni sono basate sull'utilità yum per fornire
installazioni software consistenti e una semplificazione dell'aggiornamento per il sistema.
• Questa versione di Fedora include, per la prima volta, il supporto per Mono, e le applicazioni Mono,
tipo Beagle, un interfaccia di ricerca per il desktop, F-Spot, un utilità di amministrazione per le
fotografie e Tomboy, un applicazione per prendere appunti.
• Le applicazioni desktop sono ora compilate con la completamente-libera java-gcj-compat
1
incluse Azureus, un client BitTorrent , e RSSOwl, un lettore di RSS feed, ora disponibili in Fedora
Extras.
• Ora puoi godere di supporto multimediale avanzato con la versione 0.10 del Gstreamer media
framework. Questa versione é una pietra miliare che porta notevoli migliorie in robustezza,
compatibilità e caratteristiche rispetto alle versioni precedenti di Gstreamer. Totem movie player e
altri software multimediali in questa versione sono stati aggiornati per utilizzare il nuovo framework.
• E' stato drammaticamente migliorato il supporto per l'internazionalizzazione con SCIM in Fedora
Core 5. Lo SCIM language input framework fornisce una semplice interfaccia da usare per
consentire l'input per molte differenti lingue non inglesi. SCIM sostituisce il sistema IIIMF usato nelle
precedenti versioni di Fedora.
• Il navigatore web predefinito é Firefox serie 1.5.0.x (http://www.mozilla.com/firefox/
releases/1.5.html), che possiede molte nuove caratteristiche per una navigazione più veloce, sicura
ed efficiente.
• La suite di applicazioni per l'ufficio OpenOffice.org 2.0.2 (http://www.openoffice.org/product/
index.html) fa ora un uso migliore delle librerie di sistema generali per elevare le prestazioni e
l'efficienza.
• Un gran numero di programmi GTK e GNOME prendono vantaggio dalla libreria grafica 2D Cairo
(http://cairographics.org/), inclusa in questa versione, per fornire interfacce grafiche lineari ed
attraenti.
• Ci sono nuovi drivers sperimentali che forniscono supporto per i largamente usati chipsets wireless
Broadcom 43xx (http://bcm43xx.berlios.de/).
• NetworkManager (http://fedoraproject.org/wiki/Tools/NetworkManager) ha ricevuto numerosi menu,
interfaccia utente, e migliorie di funzionalità. Comunque, è disabilitata per impostazione predefinita
in questa versione poichè non è ancora adatto per certe configurazioni, come gli IP di sistema statici
o i dispositivi in bonding.
5
Release Notes
• Questa versione include libnotify, una libreria che presenta semplici ed attraenti notifiche per il
desktop.
• Fedora Core ora usa gnome-mount, un più efficiente meccanismo che sostituisce fstab-sync, ed
usa HAL per gestire il montaggio.
• Il supporto per la stampa è migliorato in questa versione con l'inclusione dell'utilità hplip, che
sostituisce hpijs.
2.1.2. Amministrazione di sistema
I miglioramenti per gli amministratori e gli sviluppatori includono:
• Il sistema di virtualizzazione Xen ha supporto avanzato. Gli strumenti per configurare le macchine
virtuali Xen sul tuo sistema Fedora Core ora usano il processo d'installazione grafico standard,
eseguito come finestra nel tuo Desktop. Gli sviluppatori Fedora hanno anche creato gnomeapplet-vm, che fornisce una semplice applet che monitorizza i domini virtuali, e libvirt (http://
libvirt.org/), una libreria che fornisce un API per utilizzare le capacità di virtualizzazione Xen.
• Il consolidato sistema d'installazione anaconda, continua ad evolversi. Le nuove caratteristiche in
questa versione includono il logging remoto ed il migliorato supporto per la segnalazione degli errori.
L'amministrazione dei pacchetti nel sistema d'installazione è ora affidato a yum. Questa miglioria è il
primo passo nell'abilitare l'accesso a Fedora Extras dall'interno del processo d'installazione.
• La versione 2.2 di Apache HTTP Server è ora inclusa. Questa versione fornisce migliorie
nell'autenticazione, supporto database, utilizzo proxy e filtraggio dei contenuti.
• I pacchetti dell'ultima generazione di database servers sono stati preparati per questa versione,
includendo MySQL 5.0 e PostgreSQL 8.1.
• Diversi programmi Java nativi adesso sono disponibili compilati con GCJ, come il server J2EE
Geronimo ed il progetto Apache Jakarta, questo, in aggiunta ai programmi Java ed alle possibilità
di programmazione delle versioni precedenti.
• Ci sono nuovi strumenti per il monitoraggio del sistema e l'analisi delle prestazioni. Questa release
include SystemTap (http://fedoraproject.org/wiki/SystemTap), un sistema di strumentazione per il
debugging e l'analisi dei colli di bottiglia prestazionali, e Frysk (http://fedoraproject.org/wiki/Frysk),
una tecnologia di analisi dell'esecuzione, per monitorizzare i processi o i threads in esecuzione che
sono fornite come anteprime tecnologiche in questa versione.
• Questa versione include system-config-cluster, un utilità che ti permette di amministrare una
configurazione cluster con impostazioni grafiche.
• La combinazione delle utilità Kexec e Kdump (http://lse.sourceforge.net/kdump/) fornisce un
moderno strumento di crash dumping ed una potenzialità per avviare velocemente, bypassando il
firmware nei riavvii. Kexec carica un nuovo kernel da un kernel in esecuzione, e Kdump può fornire
un dump della memoria del kernel precedente per il debugging.
• Questa versione include iscsi-initiator-utils, il demone iSCSI ed i programmi di utilità che
forniscono supporto per l'hardware che usa l'interfaccia iSCSI.
• fedora-release ora include i repositori software per i pacchetti debuginfo ed i pacchetti rpm
sorgenti.
6
Piano di sviluppo
• fedora-release ora include i repositori software per il progetto di mantenimento della comunità
Fedora Legacy. (disabilitati per impostazione predefinita)
2.1.3. Cambiamenti a livello di sistema
• Xorg X11R7.0 è stato incluso in questa versione. La nuova architettura modulare di R7.0 consente
aggiornamenti dei drivers più facili e semplifica lo sviluppo, aprendo la strada a rapidi miglioramenti
nella grafica di Linux.
• Il compilatore GCC 4.1 (http://gcc.gnu.org/gcc-4.1/changes.html) è incluso, e l'intero gruppo
di pacchetti Fedora è compilato con questa tecnologia. Questo porta migliorie in sicurezza e
prestazioni a tutto il sistema.
• I kernels per questa versione sono basati su Linux 2.6.16. Fa riferimento alla sezione sul kernel in
queste note di rilascio per ulteriori dettagli.
• Il framework PCMCIA usato dai portatili e dai dispositivi mobili è cambiato. Il vecchio pacchetto
pcmcia-cs che usa il servizio cardmgr/pcmcia è stato sostituito con un nuovo pacchetto
pcmciautils. Con pcmciautils, le periferiche PCMCIA sono gestite direttamente e
dinamicamente dai subsistemi hotplug ed udev. Questo aggiornamento accresce sia l'efficienza
che le prestazioni del sistema. Per maggiori informazioni su questi cambiamenti, fa riferimento a
http://www.kernel.org/pub/linux/utils/kernel/pcmcia/pcmcia.html.
• L'implementazione di SELinux ha subito un cambiamento significativo con il passaggio alla
reference policy (http://serefpolicy.sourceforge.net/). La SELinux reference policy può supportare
moduli di policy binari. Ora è possibile spostare le policy SELinux in pacchetti individuali per poter
consentire agli utenti di rilasciare personalizzazioni più peculiari per i sistemi quando richiesto.
Questa versione aggiunge anche il supporto per la Multi-Category Security (MCS), abilitata per
impostazione predefinita e la Multi Level Security (MLS). SELinux continua ad offrire supporto per
il TE (Type Enforcement), abilitato per impostazione predefinita e l'RBAC (Role Based Access
Control). Fa riferimento alla sezione su SELinux in queste notes di rilascio per altri dettagli e links a
risorse SELinux sulle pagine del Progetto Fedora.
• udev fornisce un nuovo linking per le periferiche che includono il nome fisico della dispositivo.
Per esempio, se il tuo CD-ROM è /dev/hdc, esso verrà symlinkato all'amichevole nome di /
dev/cdrom-hdc. Se hai ulteriori dispositivi dello stesso tipo, verrà applicata la stessa regola,
così /dev/hdd sarà symlinkato a /dev/cdrom-hdd. Questo è vero per /dev/scanner, /dev/
floppy, /dev/changer, e così via.
E' creato anche il tipico nome /dev/cdrom, e udev lo assegna randomicamente ad uno dei
dispositivi /dev/cdrom-hdX. Questa assegnazione randomica di solito è permanente, ma in
alcune configurazioni il symlink potrebbe cambiare all'avvio su un diverso dispositivo. Questo
non influenza le applicazioni di masterizzazione CD, ma alcune applicazioni CD player tipo kscd
potrebbero essere interessate. Se vuoi, puoi impostare la tua applicazione CD player a puntare ad
uno specifico dispositivo CD-ROM, come /dev/cdrom-hdc. Questa situazione accade solo se hai
più di un tipo di dispositivo.
2.2. Piano di sviluppo
I piani proposti per la prossima versione di Fedora sono disponibili su http://fedoraproject.org/wiki/
it_IT/RoadMap.
7
Release Notes
3. Fornire suggerimenti per le note di rilascio
Suggerimenti per le sole note di rilascio
Questa sezione concerne i suggerimenti alle note di rilascio stesse. Per dare suggerimenti
sul software Fedora od altri elementi di sistema, sei pregato di riferirti a http://
fedoraproject.org/wiki/BugsAndFeatureRequests. Un elenco degli errori e problemi
più comuni per questa versione è disponibile su http://fedoraproject.org/wiki/Bugs/
FC5Common.
Ti ringraziamo per l'interesse nel fornirci suggerimenti per queste note di rilascio. Se pensi che queste
note possano essere migliorate in qualche modo, puoi inviare il tuo suggerimento direttamente
all'autore del pezzo. Ci sono diversi modi per farlo, in ordine di preferenza:
• Edita il contenuto direttamente su http://fedoraproject.org/wiki/Docs/Beats
• Riempi questa segnalazione d'errore usando questo template: http://tinyurl.com/8lryk - Questo link
è SOLO per i feedback sulle stesse note di rilascio. (Fa riferimento all'ammonizione precedente
per i dettagli.)
• Email [email protected]
2
Un pezzo delle note di rilascio è un area delle note di rilascio la cui sorveglianza è responsabilità
di uno o più contributori di contenuti. Per maggiori informazioni sui pezzi, fa riferimento a http://
fedoraproject.org/wiki/DocsProject/ReleaseNotes/Beats.
Grazie (in anticipo) per i tuoi suggerimenti!
4. Note relative all'installazione
Questa sezione descrive le problematiche relative ad Anaconda (il programma di installazione di
Fedora Core) ed all'installazione di Fedora Core in generale.
Scaricare files di grandi dimensioni
Se intendi scaricare l'immagine ISO DVD di Fedora Core, tieni a mente che non tutti gli
strumenti di download file possono scaricare files più grandi di 2GB. wget 1.9.1-16 o
superiore, curl e ncftpget non hanno questa limitazione, e possono scaricare con
successo files più grandi di 2GB. BitTorrent è un altro metodo per scaricare grandi
files. Per le informazioni su come ottenere ed usare il file torrent fa riferimento a http://
torrent.fedoraproject.org/.
4.1. Note su Anaconda
• Anaconda controlla l'integrità dei media d'installazione per impostazione predefinita. Questa
funzione può essere utilizzata con i metodi di installazione CD, DVD, hard drive ISO, e NFS ISO.
Il progetto Fedora ti raccomanda di eseguire il test di tutti i media prima di cominciare il processo
d'installazione, e prima di inviare qualsiasi segnalazione d'errore inerente l'installazione. Molti degli
errori inviati sono attualmente causati da CDs masterizzati inappropriatamente. Per usare questo
test, scrivi linux mediacheck nel boot: prompt.
8
Note su Anaconda
La funzione mediacheck è altamente sensitiva, e può ritenere errati alcuni dischi utilizzabili.
Questo risultato è spesso causato dal software di scrittura del disco che non include il padding
quando vengono creati dischi dai files ISO. Per ottenere i migliori risultati con mediacheck,
eseguite l'avvio con con l'opzione:
linux ide=nodma
Usa l'utilità sha1sum per verificare i dischi prima di portare a termine un installazione. Questo test
identifica accuratamente i dischi che non sono validi o non identici ai files immagine ISO.
BitTorrent verifica automaticamente l'integrità dei files
Se usi BitTorrent, qualsiasi file scaricato è automaticamente validato. Se hai scaricato
completamente un file, non hai bisogno di testarlo. Comunque, una volta masterizzato il
CD, dovrai usare ancora mediacheck.
• Potresti effettuare dei test sulla memoria prima di installare Fedora Core immettendo memtest86
nel boot: prompt. Questa opzione eseguirà l'avvio esclusivo del software di testing della memoria
Memtest86 invece di Anaconda. Le verifiche di Memtest86 continuano fino a che il tasto Esc non
viene premuto.
Disponibilità di Memtest86
Devi eseguire il boot dal primo disco d'installazione o da un CD di ripristino per poter
usare questa caratteristica.
• Fedora Core supporta installazioni grafiche FTP ed HTTP. Comunque, l'immagine d'installazione
deve essere contenuta in RAM o apparire su uno storage locale come l'Installation Disc 1. Perciò
solo i sistemi con più di 192MiB di RAM od i sistemi avviati dall'Installation Disc 1, possono usare
l'installer grafico. I sistemi con 192MiB di RAM o meno verranno portati ad usare l'installer testuale
automaticamente. Se preferisci usare il programma d'installazione testuale, scrivi linux text nel
boot: prompt.
4.1.1. Cambiamenti in Anaconda
• Il programma d'installazione controlla le caratteristiche dell'hardware ed installa il kernel
uniprocessore o SMP (Symmetric Multi Processor), in modo appropriato, in questa release.
Le precedenti versioni installavano entrambe le varianti usando poi quella appropriata come
predefinita.
• Anaconda ora supporta l'installazione su diversi chipset IDE software RAID usando dmraid. Per
disabilitare questa caratteristica, aggiungi l'opzione nodmraid nel boot: prompt. Per maggiori
informazioni, fa riferimento a http://fedoraproject.org/wiki/DmraidStatus .
Non si avvia solo con mezzo dmraid RAID1 (mirror)
Possono succedere diverse cose che causano in dmraid di rompere il mirror, e se avvi
in modalità lettura/scrittura sono su uno dei dischi in mirror, provocherai la perdita di
9
Release Notes
sincronia frai dischi. Non si incorrerà in alcun sintomo, finché il disco primario legge
e scrive da solo. Ma se tenterai di ristabilire il mirror senza prima aver sincronizzato
i dischi, potresti corrompere i dati e dovrai reinstallare da capo senza possibilità di
recupero.
Se il mirror è rotto, sarai in grado di effettuare la risincronizzazione dall'interno del BIOS
del chipset RAID o usando il comando dd. La reinstallazione è sempre un opzione.
• I mouse seriali sono formalmente non più supportati da Anaconda o Fedora Core.
• Le impostazioni di partizionamento sono state rielaborate per essere più amichevoli per l'utente.
• La schermata di selezione dei pacchetti è stata migliorata. Il nuovo schermo semplificato mostra
solo i gruppi opzionali Ufficio e produttività (abilitato per impostazione predefinita), Sviluppo
software, Web Server, e Virtualizzazione (Xen). I gruppi di selezione Minima e Installa tutto
sono stati rimossi da questa schermata. Comunque puoi ancora personalizzare pienamente
la tua selezione dei pacchetti. Il menu contestuale del bottone destro del mouse da, in modo
semplice, la possibilità di selezionare tutti i pacchetti opzionali di un gruppo. Fa riferimento a http://
fedoraproject.org/wiki/Anaconda/PackageSelection per maggiori dettagli.
• La selezione dei pacchetti opzionali è stata migliorata. Nella finestra di dialogo di selezione dei
pacchetti personalizzata, puoi cliccare con il bottone destro su qualsiasi gruppo di pacchetti, e
selezionare o deselezionare tutti insieme, tutti i pacchetti opzionali.
• La configurazione del Firewall e SELinux è stata spostata al Setup Agent (firstboot), la fase
finale del processo d'installazione grafica.
• La schermata di configurazione del fuso orario è ora caratterizzata dallo zooming delle aree sulla
mappa di selezione delle locazioni.
• Questa versione supporta il logging remoto via syslog. Per usare questa caratteristica, aggiungete
l'opzione syslog=host:port al prompt del boot. Lo specificatore :port è opzionale.
• Anaconda adesso renderizza le release notes con i widget gtkhtml per le maggiori potenzialità.
• Il kickstart è stato riassemblato nel suo nuovo pacchetto, pykickstart, contenente un parser ed
un writers. Come risultato di questo cambiamento, la validazione e l'estensione è ora più facile.
• Anaconda ora supporta yum come backend per risolvere le dipendenze dei pacchetti. Repositori
aggiuntivi come Fedora Extras si aspetta siano supportati durante l'installazione in una futura
versione.
4.1.2. Problemi relativi all'installazione
• Alcuni portatili Sony VAIO potrebbero avere dei problemi installando Fedora Core da CD-ROM. Se
ciò accade, riavviate il processo d'installazione ed aggiungete la seguente opzione nella linea di
comando di boot:
•
pci=off ide1=0x180,0x386
10
Note specifiche sull'architettura
L'installazione procederà normalmente, e qualsiasi periferica non riconosciuta verrà configurata al
primo avvio di Fedora Core.
• Non tutti i controllers RAID IDE sono supportati. Se il tuo controller RAID non è ancora supportato
da dmraid, potrai combinare i tuoi dischi in un array RAID configurando il Linux software RAID. Per
i controllers supportati, configura le funzionalità RAID nel BIOS del computer.
4.1.3. Problemi relativi all'aggiornamento
Fa riferimento a http://fedoraproject.org/wiki/DistributionUpgrades per il dettaglio delle procedure
raccomandate per l'aggiornamento di Fedora.
In generale, le installazioni fresche sono raccomandate rispetto agli aggiornamenti, particolarmente
per i sistemi che includono software di repositori di terze parti. Pacchetti di terze parti rimanenti
da installazioni precedenti, potrebbero non funzionare come ci si aspetta su un sistema Fedora
aggiornato. Se decidi si eseguire comunque un aggiornamento, le seguenti informazioni potranno
essere d'aiuto.
• Before you upgrade, back up the system completely. In particular, preserve /etc , /home , and
possibly /opt and /usr/local if customized packages are installed there. You may wish to use a
multi-boot approach with a "clone" of the old installation on alternate partition(s) as a fallback. In that
case, creating alternate boot media such as GRUB boot floppy.
Backup della configurazione del sistema
Il backup delle configurazioni in /etc è veramente utile anche per ricostruire le
impostazioni di sistema dopo un installazione fresca.
• Dopo aver completato l'aggiornamento, eseguite il comando:
•
rpm -qa --last > RPMS_by_Install_Time.txt
Ispezionate la fine dell'output per quei pacchetti con data antecedente l'aggiornamento. Rimuovete
o aggiornate questi pacchetti dal repositorio di terze parti, o altrimenti lavorateci su come
necessario.
5. Note specifiche sull'architettura
Questa sezione fornisce note che sono specifiche all'architettura hardware supportata da Fedora
Core.
5.1. Specifiche PPC per Fedora
Questa sezione copre ogni informazione specifica che potresti aver bisogno di conoscere, su Fedora
Core e la piattaforma hardware PPC.
11
Release Notes
5.1.1. Requisiti hardware PPC
5.1.1.1. Processore e memoria
• CPU Minima: PowerPC G3 / POWER4
• Fedora Core 5 supporta solo la generazione “New World” degli Apple Power Macintosh, venduti
circa dal 1999 in poi.
• Fedora Core supporta anche gli IBM eServer pSeries, IBM RS/6000, Genesi Pegasos II, e le
macchine IBM Cell Broadband Engine.
• Raccomandati per la modalità testo: 233 MHz G3 o superiore, 128MiB RAM.
• Raccomandati per la modalità grafica: 400 MHz G3 o superiore, 256MiB RAM.
5.1.1.1.1. Requisiti di spazio su disco
I requisiti di spazio su disco sottoelencati rappresentano lo spazio occupato da Fedora Core 5 dopo
aver completato l'installazione. Comunque, altro spazio su disco è necessario durante l'installazione
per il supporto dell'ambiente d'installazione. Questo spazio aggiuntivo corrisponde alla grandezza di
/Fedora/base/stage2.img (sul Disco d'installazione 1) più la grandezza dei files in /var/lib/
rpm sul sistema installato.
In practical terms, additional space requirements may range from as little as 90 MiB for a minimal
installation to as much as an additional 175 MiB for an "everything" installation. The complete
packages can occupy over 9 GB of disk space.
Ulteriore spazio è richiesto per ogni dato utente, ed almeno il 5% di spazio libero dovrà essere
mantenuto affinché il sistema funzioni correttamente.
5.1.1.2. La tastiera Apple
Il tasto Option sui sistemi Apple è equivalente al tasto Alt sul PC. Dove la documentazione o il
software d'installazione si riferiscono al tasto Alt, usa il tasto Option. Per alcune combinazioni di
tasti potresti aver bisogno di usare il tasto Option insieme al tasto Fn, tipo Option - Fn - F3 per
cambiare al terminale virtuale tty3.
5.1.1.3. Note di installazione PPC
Il disco 1 d'installazione di Fedora Core è avviabile sull'hardware supportato. In più, un immagine
di CD bootabile si può trovare nella directory images/ di questo disco. Queste immagini si
comporteranno differentemente a seconda dell'hardware:
• Apple Macintosh
Il bootloader avvierà automaticamente l'appropriato installer a 32-bit o 64-bit.
Il pacchetto predefinito gnome-power-manager include il supporto al power management, incluso
lo sleep e la gestione del livello di retroilluminazione. Gli utenti con requisiti più complessi possono
usare il pacchetto apmud in Fedora Extras. Seguendo l'installazione, puoi installare apmud con il
seguente comando:
•
12
su -c 'yum install apmud'
Specifiche x86 per Fedora
• 64-bit IBM eServer pSeries (POWER4/POWER5)
After using OpenFirmware to boot the CD, the bootloader (yaboot) should automatically boot the 64bit installer.
• 32-bit CHRP (IBM RS/6000 ed altri)
After using OpenFirmware to boot the CD, select the linux32 boot image at the boot: prompt to
start the 32-bit installer. Otherwise, the 64-bit installer starts, which does not work.
• Genesi Pegasos II
At the time of writing, firmware with full support for ISO9660 file systems is not yet released for the
Pegasos. However, you can use the network boot image. At the OpenFirmware prompt, enter the
command:
•
boot cd: /images/netboot/ppc32.img
You must also configure OpenFirmware on the Pegasos manually to make the installed Fedora
Core system bootable. To do this, set the boot-device and boot-file environment variables
appropriately.
• Avvio dalla rete
Ci sono immagini combinate contenenti il kernel d'installazione ed il ramdisk nella directory
images/netboot/ del albero d'installazione. Queste sono intese per l'avvio via network con TFTP,
ma possono essere usate in molti modi.
yaboot supporta il TFTP booting per gli IBM eServer pSeries e Apple Macintosh. Il progetto Fedora
Incoraggia l'uso di yaboot rispetto alle immagini netboot.
5.2. Specifiche x86 per Fedora
Questa sezione copre ogni informazione specifica che potresti aver bisogno di conoscere, su Fedora
Core e la piattaforma hardware x86.
5.2.1. Requisiti hardware x86
In ordine all'uso di specifiche caratteristiche di Fedora Core durante o dopo l'installazione, dovrai
conoscere i dettagli di altri componenti hardware tipo schede video e di rete.
5.2.1.1. Requisiti di processore e memoria
Le seguenti specifiche di CPU sono dichiarate in paragone ai processori Intel. Anche gli altri
processori, come quelli di AMD, Cyrix, e VIA che sono compatibili ed equivalenti ai seguenti
processori Intel possono essere usati con Fedora Core.
• Minimum: Pentium-class — Fedora Core is optimized for Pentium 4 CPUs, but also supports
earlier CPUs such as Pentium, Pentium Pro, Pentium II, Pentium III, and compatible AMD and
VIA processors. Fedora takes this approach because Pentium-class optimizations actually result
in reduced performance for non-Pentium class processors. In addition, scheduling for Pentium 4
processors, which make up the bulk of today's processors, is sufficiently different to warrant this
change.
13
Release Notes
• Raccomandato per la modalità testo: 200 MHz Pentium-class o superiore
• Raccomandato per la modalità grafica: 400 MHz Pentium II o superiore
• Processori AMD64 (sia Athlon64 che Opteron)
• Processori Intel con Intel® Extended Memory 64 Technology (Intel® EM64T)
• RAM minima per la modalità testo: 128MiB
• RAM minima per la modalità grafica: 192MB
• RAM raccomandata per la modalità grafica: 256MiB
5.2.1.1.1. Requisiti di spazio su disco
I requisiti di spazio su disco sottoelencati rappresentano lo spazio occupato da Fedora Core dopo aver
completato l'installazione. Comunque, altro spazio su disco è necessario durante l'installazione per
il supporto dell'ambiente d'installazione. Questo spazio aggiuntivo corrisponde alla grandezza di /
Fedora/base/stage2.img sull'Installation Disc 1 più la grandezza dei files in /var/lib/rpm sul
sistema installato.
In practical terms, additional space requirements may range from as little as 90 MiB for a minimal
installation to as much as an additional 175 MiB for an "everything" installation. The complete
packages can occupy over 9 GB of disk space.
Ulteriore spazio è richiesto per ogni dato utente, ed almeno il 5% di spazio libero dovrà essere
mantenuto affinché il sistema funzioni correttamente.
5.3. Specifiche x86_64 per Fedora
Questa sezione copre ogni informazione specifica che potresti aver bisogno di conoscere, su Fedora
Core e la piattaforma hardware x86_64.
x86_64 non usa un kernel SMP separato
Il kernel predefinito nell'architettura x86_64 fornisce capacità SMP (Symmetric MultiProcessor) per gestire multiple CPU efficentemente. Questa architettura non ha un kernel
SMP separato a differenza dei sistemi x86 e PPC.
5.3.1. Requisiti hardware x86_64
In ordine all'uso di specifiche caratteristiche di Fedora Core 5 durante o dopo l'installazione, dovrai
conoscere i dettagli di altri componenti hardware tipo schede video e di rete.
5.3.1.1. Requisiti di memoria
Questo elenco è per i sistemi a 64-bit x86_64:
• RAM minima per la modalità testo: 128MiB
• RAM minima per la modalità grafica: 256MiB
• RAM raccomandata per la modalità grafica: 512MiB
14
Note sui pacchetti
5.3.1.1.1. Requisiti di spazio su disco
I requisiti di spazio su disco sottoelencati rappresentano lo spazio occupato da Fedora Core 5 dopo
aver completato l'installazione. Comunque, altro spazio su disco è necessario durante l'installazione
per il supporto dell'ambiente d'installazione. Questo spazio aggiuntivo corrisponde alla grandezza di /
Fedora/base/stage2.img sul Disco d'installazione 1 più la grandezza dei files in /var/lib/rpm
sul sistema installato.
In practical terms, additional space requirements may range from as little as 90 MiB for a minimal
installation to as much as an additional 175 MiB for an "everything" installation. The complete
packages can occupy over 9 GB of disk space.
Ulteriore spazio è richiesto per ogni dato utente, ed almeno il 5% di spazio libero dovrà essere
mantenuto affinché il sistema funzioni correttamente.
5.3.1.2. Supporto RPM Multiarch su x86_64
RPM supporta l'installazione parallela dello stesso pacchetto per molteplici architetture. Un normale
elenco dei pacchetti come rpm -qa potrebbe sembrare includere pacchetti duplicati, poichè
l'architettura non è visualizzata. Usa invece il comando repoquery, che è parte del pacchetto yumutils in Fedora Extras, che, per impostazione predefinita, mostra l'architettura. Per installare yumutils, esegui il seguente comando:
su -c 'yum install yum-utils'
Per elencare tutti i pacchetti con le loro architetture usa rpm, eseguendo il seguente comando:
rpm -qa --queryformat "%{name}-%{version}-%{release}.%{arch}\n"
Puoi aggiungere questo a /etc/rpm/macros (per un impostazione globale) o ~/.rpmmacros (per
un impostazione per-utente). Esso cambia la query predefinita per mostrare l'architettura:
%_query_all_fmt
%%{name}-%%{version}-%%{release}.%%{arch}
6. Note sui pacchetti
Le seguenti sezioni contengono informazioni riguardanti i pacchetti che hanno avuto significativi
cambiamenti per Fedora Core. Per un accesso facilitato, sono organizzati in linea generale usando gli
stessi gruppi mostrati nel sistema d'installazione.
6.1. Cambiamenti in core utilities POSIX
Il pacchetto coreutils ora segue lo standard POSIX versione 200112. Questo cambio nel
comportamento potrà avere effetto negli scripts e negli argomenti dei comandi che erano in
precedenza deprecati. Ad esempio, se hai un nuovo sistema ma stai eseguendo software che assume
una vecchia versione di POSIX ed usa sort +1 o tail +10, potrai aggirare qualsiasi problema di
15
Release Notes
compatibilità impostando _POSIX2_VERSION=199209 nel tuo ambiente. Fa riferimento alla sezione
sugli standards nel manuale info di coreutils per maggiori informazioni. Puoi eseguire il seguente
comando per leggere queste informazioni.
info coreutils Standards
6.2. Pango Text Renderer per Firefox
Fedora sta compilando Firefox con il sistema Pango come rendering per il testo. Questo fornisce un
miglior supporto per certe scritture di lingua, come Indiano ed alcune scritteCJK. Pango è incluso con
il permesso di Mozilla Corporation. Questo cambiamento è risaputo causare malfunzionamenti con
il rendering di MathML, e potrebbe impattare negativamente sulle prestazioni di alcune pagine. Per
disabilitare l'uso di Pango, impostate il vostro ambiente prima di lanciare Firefox:
MOZ_DISABLE_PANGO=1 /usr/bin/firefox
Alternativamente, potresti includere questa variabile ambiente come parte di uno script che lo
contiene.
6.3. Smbfs deprecato
L'implementazione del kernel di smbfs per supportare il protocollo di condivisione di files di Windows
è stato deprecato in favore di cifs, che è compatibile con il passato con smbfs in caratteristiche e
manutenzione. Ti raccomandiamo di usare il filesystem cifs al posto di smbfs.
6.4. Plugin di yum per la gestione del kernel
Un plugin yum scritto da sviluppatori Red Hat è fornito per impostazione predefinita con il pacchetto
yum che ritiene gli ultimi due kernels in aggiunta a quello installato quando esegui gli aggiornamenti
sul sistema. Questa caratteristica può essere più finemente regolata per ritenere più o menor kernels
o essere interamente disabilitata attraverso il file /etc/yum/pluginconf.d/installonlyn.conf.
Ci sono altri plugins ed utilities disponibili come parte del pacchetto yum-utils nel repositorio
software Fedora Extras. Potrai installarli usando il seguente comando.
yum install yum-utils
6.5. Cambiamenti di comportamento della gestione della cache in
yum
Per impostazione predefinita, yum è ora configurato per rimuovere gli headers ed i pacchetti scaricati
dopo un installazione di successo per ridurre le richieste di spazio su disco nell'aggiornamento di
un sistema Fedora. Molti utenti hanno poche o nessuna necessità del pacchetto una volta installato
nel sistema. Per i casi in cui si voglia preservare gli headers ed i pacchetti (ad esempio, se condividi
la tua directory /var/cache/yum tra più macchine), modifica l'opzione keepcache ad 1 in /etc/
yum.conf.
16
Dispositivi del kernel, caricamento dei moduli, e cambiamenti hotplug
6.6. Dispositivi del kernel, caricamento dei moduli, e cambiamenti
hotplug
L'hotplug ed il sottosistema di amministrazione dei dispositivi ha subito cambiamenti significativi in
Fedora Core. Il metodo udev ora gestisce il caricamento di tutti i moduli, sia all'avvio del sistema che
per le periferiche inserite a caldo. Il pacchetto hotplug è stato rimosso e non è più necessario.
Il supporto per gli hotplug helpers mediante le directory /etc/hotplug, /etc/hotplug.d, e /
etc/dev.d é deprecato, e potrebbe essere rimosso in una futura versione di Fedora Core. Questi
helpers potranno essere convertiti in regole udev. Sei pregato di vedere http://www.reactivated.net/
writing_udev_rules.html per degli esempi.
6.7. Cambiamenti nella ricerca sul sistema
mlocate Has Replaced slocate
Il nuovo pacchetto mlocate fornisce le implementazioni di /usr/bin/locate e /usr/
bin/updatedb. Le precedenti versioni di Fedora includevano le versioni slocate di
questi programmi.
• Il comando locate è completamente compatibile.
• Il file di configurazione /etc/updatedb.conf é compatibile.
• Gli errori di sisntassi che slocate non rilevava saranno ora segnalati.
• La variabile DAILY_UPDATE non é supportata.
• Il comando updatedb non é compatibile, e gli scripts personalizzati che usano updatedb
dovranno essere aggiornati.
6.8. Rimozione dell'utilità di configurazione del mouse
L'utilità di configurazione system-config-mouse é stata scartata in questa release poiché
synaptic e la configurazione dei mouse a tre bottoni viene fatta automaticamente. I mouse seriali
non sono più supportati.
6.9. L'applet up2date e RHN sono state rimosse
I pacchetti up2date e rhn-applet sono stati rimossi da Fedora Core 5. Gli utenti sono incoraggiati
ad usare lo strumento yum dalla riga di comando, ed il software manager Pirut e lo strumento
d'aggiornamento Pup dal desktop.
6.10. NetworkManager
Fedora systems use Network Manager to automatically detect, select, and configure wired and
wireless network connections. Wireless network devices may require third-party software or manual
configuration to activate after the installation process completes. For this reason, Fedora Core
provides Network Manager as an optional component.
Fa riferimento a http://fedoraproject.org/wiki/Tools/NetworkManager per maggiori informazioni su come
installare ed abilitare Network Manager.
17
Release Notes
6.11. Dovecot
Fedora Core include una nuova versione del software server IMAP dovecot, che presenta molti
cambiamenti nel suo file di configurazione. Questi cambiamenti sono di particolare importanza
per gli utenti che eseguono l'aggiornamento da una versione precedente. Fa riferimento a http://
wiki.dovecot.org/UpgradingDovecot per maggiori informazioni sui cambiamenti.
6.12. Kudzu
L'utilità kudzu, la libreria libkudzu, e l'elenco dell'hardware /etc/sysconfig/hwconf
sono deprecati, e verranno rimossi in una futura versione di Fedora Core. Le applicazioni che
necessiteranno di ricercare l'hardware disponibile dovranno essere portate ad utilizzare la libreria
HAL. Maggiori informazioni su HAL sono disponibili su http://freedesktop.org/wiki/Software/hal.
6.13. Nessun editing automatico di fstab per i media rimovibili
Lo strumento fstab-sync é stato rimosso. In Fedora Core , il programma fstab-sync è stato
rimosso in favore di soluzioni specifiche desktop per il montaggio dei media rimovibili. Nessuna linea
di configurazione per le periferiche hotplug o media inseriti saranno più automaticamente aggiunte al
file /etc/fstab. Gli utenti della linea di comando, dovranno migrare a gnome-mount, che fornisce
funzionalità similari.
6.14. Montaggio dei dischi fissi in Gnome e KDE
As part of the changes to the mounting infrastructure, the desktop's automatic mountable devices
detection now includes policy definitions that ignore all fixed disk devices from. This was done to
increase security on multi-user systems. People on multi-user systems who want to make changes to
disk mounting that could impact the multi-user environment are advised to understand the implications
of the default HAL policy decisions and to review the HAL policy files in /usr/share/hal/fdi/
policy/.
Se sei su un sistema a singolo utente e vorresti recuperare le funczionalità di montare dischi fissi tipo
partizioni IDE dal desktop, puoi modificare la policy HAL predefinita. Per abilitare il montaggio dal
deskop per tutti i dischi fissi:
su -c 'mv /usr/share/hal/fdi/policy/10osvendor/99-redhat-storage-policy-\
fixed-drives.fdi /root/'
su -c '/sbin/service haldaemon restart'
Se ti occorresse un controllo più finemente granulare e vorresti esporre solo certi dischi fissi per il
montaggio dal desktop, leggi più avanti come creare policy HAL addizionali per ignorare/permettere
selettivamente periferiche disco fisso.
6.15. GnuCash
Il backend PostgreSQL per GnuCash é stato rimosso, poiché appartenente ad un ramo di sviluppo
non mantenuto, non supporta il pieno set di caratteristiche di GnuCash, e può portare a crash. Gli
utenti che usano il backend PostgreSQL dovranno caricare i propri dati e salvarli in un file XML prima
di aggiornare GnuCash.
18
Mozilla
6.16. Mozilla
La suite di applicazioni Mozilla é deprecata. E' distribuita con Fedora Core e le applicazioni possono
aspettare di compilarsi su mozilla-devel, comunque verrà rimossa in una versione futura di Fedora
Core.
6.17. Avviare senza initrd
L'avviaro di Fedora Core senza l'uso di un initrd è deprecato. Il supporto per l'avvio del sistema senza
un initrd potrebbe essere rimosso nelle versioni future di Fedora Core.
6.18. libstc++ preview
E' stato aggiunto il pacchetto libstdc++so7. Questo pacchetto contiene un anteprima della libreria
GNU Standard C++ dal libstdcxx_so_7-branch. E' considerata sperimentale e non supportata.
Non compilate nessun software su di lei, il suo ABI e la sua so-version cambierà negli aggiornamenti
futuri. Per compilare software usando questa libreria, invoca g++-libstdc++so_7 invece di g++.
6.19. Rimosso il supporto a LinuxThreads
La libreria LinuxThreads non é più disponibile. LinuxThreads é stato deprecato in Fedora Core 4 e non
é più disponibile in questa versione. La libreria Native POSIX Threading Library (NPTL), che é stata la
libreria di threading predefinita fin da Red Hat Linux 9, ha sostituito LinuxThreads completamente.
7. Kernel Linux
Questa sezione concerne cambiamenti ed importanti informazioni riguardanti il kernel in Fedora Core
5.
7.1. Versione
Questa distribuzione è basata sulla serie 2.6 del kernel di Linux. Fedora Core può includere patches
aggiuntive per miglioramenti, correzione di errori, o caratteristiche aggiuntive. Per questa ragione,
il kernel di Fedora Core potrebbe non essere linea-per-linea equivalente al cosidetto vanilla kernel
proveniente dal sito web di kernel.org:
http://www.kernel.org/
Per ottenere una lista di queste patches, scarica il pacchetto RPM sorgente ed esegui il seguente
comando su di esso:
rpm -qpl kernel-<version>.src.rpm
7.2. Changelog
Per ottenere una lista dei cambiamenti del pacchetto, esegui il seguente comando:
rpm -q --changelog kernel-<version>
19
Release Notes
Se hai bisogno di una versione più amichevole di changelog fa rifermento a http://
wiki.kernelnewbies.org/LinuxChanges. Un breve e completo diff del kernel è disponibile su http://
kernel.org/git. La versione Fedora è basata sull'albero di Linus.
Le personalizzazioni fatte per la versione Fedora sono disponibili su http://cvs.fedora.redhat.com.
7.3. Tipi di Kernel
Fedora Core include i seguenti kernel compilati:
• Native kernel, in both uni-processor and SMP (Symmetric Multi-Processor) varieties. SMP
kernels provide support for multiple CPUs. Configured sources are available in the kernel[smp-]devel-<version>.<arch>.rpm package.
• Virtual kernel hypervisor for use with the Xen emulator package. Configured sources are available in
the kernel-xen0-devel-<version>.<arch>.rpm package.
• Virtual kernel guest for use with the Xen emulator package. Configured sources are available in the
kernel-xenU-devel-<version>.<arch>.rpm package.
• Kdump kernel for use with kexec/kdump capabilities. Configured sources are available in the
kernel-kdump-devel-<version>.<arch>.rpm package.
You may install kernel headers for all kernel flavors at the same time. The files are installed in the
/usr/src/kernels/<version>-[xen0|xenU|kdump]-<arch>/ tree. Use the following
command:
su -c 'yum install kernel-{xen0,xenU,kdump}-devel'
Seleziona uno o più di questi tipi, separati da virgola e senza spazi, appropriatamente. Immetti la
password di root quando richiesta.
l kernel predefinito x86_64 fornisce funzionalità SMP
Non è disponibile un kernel SMP separato per l'architettura x86_64 in Fedora Core 5.
Supporto kernel PowerPC
Non c'è supporto per Xen o kdump per l'architettura PowerPC in Fedora Core 5.
7.4. Kexec e Kdump
Kexec e kdump sono nuove caratteristiche nel kernel mainstream 2.6. Maggiori porzioni di queste
caratteristiche sono ora in Fedora Core 5. Attualmente queste caratteristiche sono disponibili sulle
piattaforme x86, x86_64, e ppc64.
Il proposito di queste caratteristiche è quello di assicurare un avvio più veloce e la creazione di
kernel vmcores affidabili per scopi diagnostici. Istruzioni sulle pagine kexec e kdump verificano che la
caratteristica funzioni sui tuoi sistemi. Per maggiori informazioni fa riferimento a:
20
Segnalare gli errori
http://fedoraproject.org/wiki/Kernel/kexec
http://fedoraproject.org/wiki/Kernel/kdump
7.5. Segnalare gli errori
Fa riferimento a http://kernel.org/pub/linux/docs/lkml/reporting-bugs.html per informazioni sulla
segnalazione di errori nel kernel di Linux. Potrai inoltre usare http://bugzilla.redhat.com per inviare
quelle segnalazioni d'errore che sono specifiche per Fedora.
7.6. Seguire libri di testo generici
Molti dei tutorial, esempi, e libri di testo sullo sviluppo del kernel Linux assumono che i sorgenti del
kernel siano installati sotto la directory /usr/src/linux/. Se fai un link simbolico, come mostrato
sotto, sarai in grado si usare quel materiale d'apprendimento con i pacchetti di Fedora Core. Installa
gli appropriati sorgenti del kernel, come mostrato prima, quindi esegui il seguente comando:
su -c 'ln -s /usr/src/kernels/kernel-<all-the-rest> /usr/src/linux'
Immetti la password di root quando richiesta.
7.7. Preparazione allo sviluppo del Kernel
Fedora Core non include il pacchetto kernel-source fornito nelle vecchie versioni poiché è necessario
il solo pacchetto kernel-devel per creare moduli esterni. Sono disponibili sorgenti configurati come
descritto in questa sezione Tipi di kernel.
Queste istruzioni fanno riferimento al Kernel corrente
To simplify the following directions, we have assumed that you want to configure the
kernel sources to match your currently-running kernel. In the steps below, the expression
<version> refers to the kernel version shown by the command: uname -r .
Gli utenti che necessiteranno dell'accesso ai sorgenti originali del kernel di Fedora Core possono
trovarli nel pacchetto kernel .src.rpm. Per creare un albero di sorgenti esploso da questo file, segui i
seguenti passi:
Non compilate i pacchetti come Super-user (root)
Building packages as the superuser is inherently dangerous and is not required, even
for the kernel. These instructions allow you to install the kernel source as a normal user.
Many general information sites refer to /usr/src/linux in their kernel instructions.
If you use these instructions, simply substitute ~/rpmbuild/BUILD/kernel<version>/linux-<version> .
1. Prepara un ambiente di compilazione di pacchetti RPM nella tua home directory. Esegui i seguenti
comandi:
su -c 'yum install fedora-rpmdevtools yum-utils'
21
Release Notes
fedora-buildrpmtree
Immetti la password di root quando richiesta.
2. Abilita la definzione di repositorio source appropriata. Nel caso del kernel rilasciato con Fedora
Core 5, abilita core-source editando il file /etc/yum.repos.d/fedora-core.repo,
impostando l'opzione enabled=1. Nel caso di aggiornamento di kernel di test, abilita le definizioni
source in /etc/yum.repos.d/fedora-updates.repo o /etc/yum.repos.d/fedoraupdates-testing.repo in modo appropriato.
3. Download the kernel-<version>.src.rpm file:
yumdownloader --source kernel
Immetti la password di root quando richiesta.
4. Install kernel-<version>.src.rpm using the command:
rpm -Uvh kernel-<version>.src.rpm
Questo comando scrive i contenuti dell'RPM in ${HOME}/rpmbuild/SOURCES e ${HOME}/
rpmbuild/SPECS, dove ${HOME} è la tua home directory.
Spazio richiesto
Il completo processo di compilazione del kernel può richiedere diversi gigabytes di
spazio extra sul file system contenente la tua home directory.
5. Prepara i sorgenti del kernel usando i comandi:
cd ~/rpmbuild/SPECS
rpmbuild -bp --target $(uname -m) kernel-2.6.spec
The kernel source tree is located in the ${HOME}/rpmbuild/BUILD/kernel-<version>/
directory.
6. The configurations for the specific kernels shipped in Fedora Core are in the configs/ directory.
For example, the i686 SMP configuration file is named configs/kernel-<version>-i686smp.config . Issue the following command to place the desired configuration file in the proper
place for building:
cp configs/<desired-config-file> .config
22
Compilare solo i moduli del Kernel
You can also find the .config file that matches your current kernel configuration in the /lib/
modules/<version>/build/.config file.
7. Ogni kernel prende il nome basandosi sul numero della sua versione. Questo è il valore mostrato
dal comando uname -r. Il nome del kernel è definito dalle prime quattro linee del kernel
Makefile. Il Makefile è stato cambiato per generare un kernel con un nome differente da
quello in esecuzione. Per essere accettato dal kernel in esecuzione, un modulo deve essere
compilato per il kernel con il nome corretto. Per fare questo, devi editare il kernel Makefile.
Per esempio, se uname -r restituisce la stringa 2.6.15-1.1948_FC5, cambia la definizione
EXTRAVERSION da questo:
EXTRAVERSION = -prep
a questo:
EXTRAVERSION = -1.1948_FC5
Che sarà, sostituito in ogni parte d'ora in poi.
8. Impartisci il seguente comando:
make oldconfig
Quindi potrai procedere come al solito.
7.8. Compilare solo i moduli del Kernel
An exploded source tree is not required to build a kernel module, such as your own device driver,
against the currently in-use kernel. Only the kernel-devel package is required to build external
modules. If you did not select it during installation, use Pirut to install it, going to Applications > Add/
Remove software or use yum to install it. Run the following command to install the kernel-devel
package using yum .
su -c 'yum install kernel-devel'
Per esempio, per compilare il modulo foo.ko, crea il seguente Makefile nella directory contenente
il file foo.c:
obj-m := foo.o
KDIR
PWD
:= /lib/modules/$(shell uname -r)/build
:= $(shell pwd)
default:
23
Release Notes
$(MAKE) -C $(KDIR) M=$(PWD) modules
Impartisci il comando make per compilare il modulo foo.ko
7.9. Dipendenze User Space nel Kernel
Fedora Core has support for clustered storage through the Global File System (GFS). GFS requires
special kernel modules that work in conjunction with some user-space utilities, such as management
daemons. To remove such a kernel, perhaps after an update, use the su -c 'yum remove
kernel-<version>' command instead. The yum command automatically removes dependent
packages, if necessary.
•
PowerPC does not support GFS
I moduli del kernel GFS non sono compilati per l'architettura PowerPC in Fedora Core 5.
Tabella 1.
8. Fedora Desktop
GNOME 2.14 (o una release candidate) e KDE 3.5.1 sono inclusi in Fedora Core 5. Il seguente elenco
include i cambiamenti più evidenti dell'interfaccia desktop in questa versione.
• gnome-power-manager
• GNOME Power Manager è un demone di sessione per l'ambiente desktop GNOME che rende
semplice amministrare il tuo portatile o sistema desktop. Ottiene vantaggio dall'HAL (che fornisce
l'hardware abstraction layer) e da DBUS ( Inter Process Communication software) scritto e
mantenuto dagli sviluppatori Fedora Core.
• gnome-screensaver
• Gli GNOME Screensaver forniscono un'interfaccia utente integrata agli screensavers ad alla
finestra di dialogo di blocco dello schermo.
• Ottimizzazione della memoria nei pacchetti fontconfig e shared-mime-info. Questi due ora usano
caches shared memory-mapped per questi dati.
• A cominciare da GNOME 2.12 l'opzione terminale è stata rimossa dal menù contestuale del
desktop. Il pacchetto nautilus-open-terminal nel repositorio Fedora Extras fornisce un
sostituto avanzato per coloro che ne hanno bisogno. Puoi installarlo usando il seguente comando.
su -c 'yum install nautilus-open-terminal'
• In Fedora Core 5, solo un piccolo assortimento di screensavers è installato per impostazione
predefinita. Alcuni utenti giudicano questi screensavers sgradevoli mentre altri potrebbero terminare
brutalmente l'interfaccia grafica. Ciò tende a succedere più di frequente con certi screensavers
animati OpenGL forniti nel pacchetto xscreensaver-gl-extras, quando usati con hardware
scarsamente supportato. Per installare questi screensaver extra, esegui il seguente comando:
su -c 'yum install xscreensaver-extras xscreensaver-gl-extras'
24
Strumenti del server
9. Strumenti del server
Questa sezione elenca i cambiamenti e le aggiunte alle varie GUI server e strumenti di configurazione
del sistema in Fedora Core.
9.1. system-config-printer
9.1.1. Esplorazione SMB fuori dalla rete locale
Adesso puoi esplorare le condivisioni di stampanti Samba attraverso le subnets. Se è specificato
almeno un WINS server in /etc/samba/smb.conf, il primo indirizzo è usato nell'esplorazione.
9.1.2. Supporto Kerberos per le stampanti SMB
The system-config-printer application supports Kerberos authentication when adding a new SMB
printer. To add the printer, the user must possess a valid Kerberos ticket and launch the printer
configuration tool. Select System > Administration > Printing from the main menu, or use the following
command:
su -c 'system-config-printer'
Ne username ne password sono registrati in /etc/cups/printers.conf. La stampa è anche
possibile se la coda di stampa SMB permette la stampa anonima.
9.2. system-config-securitylevel
9.2.1. Aggiunte ai servizi con fiducia
Samba adesso è elencato nella lista dei Servizi con fiducia. Per permettere al firewall di far passare il
traffico SMB, abilita questa opzione.
9.2.2. Insiemi di porte
Quando si definiscono Altre porte nello strumento system-config-securitylevel, puoi ora specificare
gruppi di porte. Per esempio, specificando 6881-6999:tcp si otterrà l'aggiunta della seguente linea
in /etc/sysconfig/iptables:
A RH-Firewall-1-INPUT -m state --state NEW -m tcp -p tcp --dport 6881:6999 \
-j ACCEPT
10. File Servers
Questa sezione è riferita ai server di condivisione e trasferimento files. Sei pregato di fare riferimento a
http://fedoraproject.org/wiki/Docs/Beats/WebServers e http://fedoraproject.org/wiki/Docs/Beats/Samba
per le informazioni sul trasferimento files HTTP (Web) e condivisioni files Samba (Windows).
25
Release Notes
10.1. Netatalk (Compatibilità Macintosh)
Fedora include la versione 2 di Netatalk, una suite di software che consente a Linux di interagire con i
sistemi Macintosh usando i protocolli di rete AppleTalk.
Sii prudente quando aggiorni
L'aggiornamento dalla versione 1 alla versione 2 di Netatalk può causare la perdita di dati.
La versione 2 di Netatalk usa un metodo differente per immagazzinare i file resource
forks dalle precedenti versioni, e potrebbe richiedere un differente schema di codifica dei
nomi dei file. Sei pregato di leggere la documentazione e pianificare la tua migrazione
prima di eseguire l'aggiornamento. Fa riferimento alle informazioni sull'aggiornamento,
disponibili direttamente dal sito Netatalk su http://netatalk.sourceforge.net/2.0/htmldocs/
upgrade.html.
La documentazione è anche inclusa nel pacchetto netatalk. Fai riferimento a /usr/share/doc/
netatalk-2.0.2/doc/htmldocs/upgrade.html o /usr/share/doc/netatalk-2.0.2/
doc/Netatalk-Manual.pdf (pagina numerata 25, pagina del documento 33).
11. Web Servers
Questa sezione contiene informazioni sulle applicazioni Web.
11.1. httpd
La versione 2.2 di Apache HTTP Server è ora inclusa in Fedora Core. Questa versione porta un certo
numero di migliorie rispetto alla serie 2.0, incluse:
• moduli per il caching notevolmente migliorati ( mod_cache, mod_disk_cache, mod_mem_cache )
• una nuova struttura per il supporto dell'autenticazione ed autorizzazione, sostituiscono i moduli di
sicurezza forniti con le precedenti versioni
• supporto per il proxy load balancing (mod_proxy_balance)
• supporto per i files grandi per le piattaforme a 32-bit (incluso il supporto per servire files più grandi di
2Gb)
• nuovi moduli mod_dbd e mod_filter, che forniscono supporto database SQL e filtering avanzato
Aggiornamento e moduli di sicurezza
Se ti aggiorni da una versione precedente di httpd, aggiorna la configurazione del tuo
server per utilizzare i nuovi moduli di autenticazione ed autorizzazione. Fa riferimento
alle pagine sottoelencate per maggiori informazioni.
I seguenti cambiamenti sono stati fatti alla configurazione predefinita di httpd:
• I moduli mod_cern_meta e mod_asis non sono più caricati per impostazione predefinita.
• Il modulo mod_ext_filter è ora caricato per impostazione predefinita.
26
php
Moduli di terze parti
Qualsiasi modulo di terze parti compilato per httpd 2.0 deve essere ricompilato per
httpd 2.2.
Per maggiori informazioni sull'aggiornamento di installazioni esistenti, fa riferimento a http://
httpd.apache.org/docs/2.2/new_features_2_2.html
Per maggiori informazioni sull'aggiornamento di installazioni esistenti, fa riferimento a http://
httpd.apache.org/docs/2.2/upgrading.html.
11.2. php
La versione 5.1 di PHP è ora inclusa in Fedora Core. Questa versione porta un certo numero di
migliorie rispetto a PHP 5.0, incluse:
• migliorate prestazioni
• aggiunta del modulo di astrazione database PDO
Sono stati aggiunti i seguenti moduli di estensione:
• date, hash, e Reflection (built-in con il pacchetto php)
• pdo e pdo_psqlite (nel pacchetto php-pdo )
• pdo_mysql (nel pacchetto php-mysql)
• pdo_pgsql (nel pacchetto php-pgsql)
• pdo_odbc (nel pacchetto php-odbc)
• xmlreader e xmlwriter (nel pacchetto php-xml)
I seguenti moduli di estensione non sono più compilati:
• dbx
• dio
• yp
11.2.1. Il framework PEAR
Il framework PEAR è ora pacchettizzato nel pacchetto php-pear. Sono inclusi in Fedora Core solo i
seguenti componenti PEAR:
• Archive_Tar
• Console_Getopt
• XML_RPC
Componenti aggiuntivi potranno essere pacchettizzati in Fedora Extras.
27
Release Notes
12. Strumenti di sviluppo
Questa sezione riguarda vari strumenti di sviluppo.
12.1. FORTRAN
• Il front end allo GNU FORTRAN 77 è stato sostituito da un nuovo FORTRAN 90/95 recognizer.
12.2. Ambiente di sviluppo Eclipse
• Eclipse 3.1M6 è compilato come applicazione nativa.
• Il C Development Tool (CDT) è stato incluso.
13. Sicurezza
Questa sezione evidenzia varie questioni di sicurezza da Fedora Core.
13.1. Informazioni generali
Un introduzione generale alle molteplici proattive caratteristiche di sicurezza in Fedora, lo status
corrente e le policies sono disponibili su http://fedoraproject.org/wiki/Security.
13.2. What's New
13.2.1. Il modulo PAM è deprecato
Pam_stack è deprecato in questa versione. Linux-PAM 0.78 e successivi contengono la direttiva
include che rende obsoleto il modulo pam_stack. L'uso del modulo pam_stack è loggato con un
messaggio d'avvertimento di disapprovazione. Potrebbe essere rimosso in una versione futura. Non
deve più essere usato in configurazioni di servizio individuale. Tutti i pacchetti in Fedora Core che
usano PAM sono stati modificati per non usarlo.
Aggiornamento e PAM Stacks
Quando un sistema viene aggiornato da una precedente release di Fedora Core e
l'amministratore del sistema ha precedentemente modificato alcune configurazioni dei
servizi, questi files di configurazione modificati non sono sostituiti quando un nuovo
pacchetto viene installato. Invece, i nuovi files di configurazione vengono creati come
.rpmnew. Le configurazioni di questi servizi debbono essere fissate affinchè il modulo
pam_stack non venga utilizzato. Fa riferimento ai files .rpmnew per le modifiche
necessarie.
diff -u /etc/pam.d/foo /etc/pam.d/foo.rpmnew
Il seguente esempio mostra il file di configurazione /etc/pam.d/login nella sua forma originale
usando pam_stack, e poi modificato con la direttiva include
#%PAM-1.0
28
What's New
auth
required
pam_securetty.so
auth
required
pam_stack.so service=system-auth
auth
required
pam_nologin.so
account
required
pam_stack.so service=system-auth
password
required
pam_stack.so service=system-auth
# pam_selinux.so close should be the first session rule
session
required
pam_selinux.so close
session
required
pam_stack.so service=system-auth
session
required
pam_loginuid.so
session
optional
pam_console.so
# pam_selinux.so open should be the last session rule
session
required
pam_selinux.so open
#%PAM-1.0
auth
required
pam_securetty.so
auth
include
system-auth
# no module should remain after 'include' if 'sufficient' might
# be used in the included configuration file
# pam_nologin moved to account phase - it's more appropriate there
# other modules might be moved before the system-auth 'include'
account
required
pam_nologin.so
account
include
system-auth
password
include
system-auth
# pam_selinux.so close should be the first session rule
session
required
pam_selinux.so close
session
include
system-auth
# the system-auth config doesn't contain sufficient modules
# in the session phase
session
required
pam_loginuid.so
session
optional
pam_console.so
# pam_selinux.so open should be the last session rule
session
required
pam_selinux.so open
13.2.2. Determinazione dei buffer overflow e riordino delle variabili
Tutto il software nei repositori Fedora Core e Fedora Extras per questa versione è compilato usando
una caratteristica di sicurezza chiamata fstack protector. Ciò è ottenuto usando l'opzione del
compilatore -fstack-protector che pone un canary value sullo stack di funzioni contenenti un
array di caratteri locale. Prima di ritornare da una funzione protetta, il canary value viene verificato.
Se c'è stato un buffer overflow, il canary non coinciderà più con il valore aspettato, terminando il
programma. Il canary value è randomico per ogni volta che l'applicazione è avviata, rendendo gli
exploit remoti molto difficili. La caratteristica stack protector non protegge contro i buffer overflows
heap-based.
Questa è una caratteristica di sicurezza scritta dagli sviluppatori Red Hat (http://gcc.gnu.org/ml/gccpatches/2005-05/msg01193.html), reimplementando la caratteristica IBM ProPolice/SSP. Per maggiori
informazioni su ProPolice/SSP, fa riferimento a http://www.research.ibm.com/trl/projects/security/ssp/.
Questa caratteristica è disponibile come parte del compilatore GCC 4.1 usato in Fedora Core 5.
La caratteristica di sicurezza FORTIFY_SOURCE per gcc e glibc introdotta in Fedora Core 4 rimane
disponibile. Per maggiori informazioni sulle caratteristiche di sicurezza in Fedora, fa riferimento a
http://fedoraproject.org/wiki/Security/Features.
29
Release Notes
14. Java e java-gcj-compat
In questa release di Fedora Core è disponibile un ambiente Java gratuito ed open source, chiamato
java-gcj-compat. java-gcj-compat include una suite di strumenti ed un ambiente di esecuzione che è
capace di compilare ed eseguire molti utili programmi scritti nel linguaggio di programmazione Java
Fedora Core non include Java
Java è un marchio di Sun Microsystems. java-gcj-compat è uno stack di software
interamente libero che non è Java, ma può eseguire software Java.
L'infrastruttura ha tre componenti chiave: un runtime GNU Java (libgcj), il compilatore Eclipse
Java (ecj), ed un gruppo di wrappers e links (java-gcj-compat) che presentano il runtime ed il
compilatore all'utente in una maniera simile a quella di altri ambienti Java.
I pacchetti software Java inclusi in questa versione di Fedora usano il nuovo ambiente integrato javagcj-compat. Questi pacchetti includono OpenOffice.org Base, Eclipse, ed Apache Tomcat.
Fa riferimento alle Java FAQ su http://www.fedoraproject.org/wiki/JavaFAQ per maggiori informazioni
su java-gcj-compat l'ambiente di programmazione Java libero in Fedora.
Includi posizioni e informazioni di versione nelle segnalazioni
d'errore
Quando crei una segnalazione d'errore, sii sicuro di includere l'output di questi comandi:
which java && java -version && which javac && javac -version
14.1. Gestire i pacchetti Java e Java-like
Oltre allo stack di software libero java-gcj-compat, Fedora Core è disegnato per permetterti d'installare
molteplici implementazioni Java e cambiare fra loro usando lo strumento a linea di comando
alternatives. Comunque, ogni sistema Java installato deve essere pacchettizzato usando le linee
guida del JPackage Project per ottenere beneficio da alternatives.
Una volta installato correttamente, l'utente root potrà essere in grado di cambiare fra
l'implementazione java e javac usando il comando alternatives:
alternatives --config java
alternatives --config javac
14.2. Fedora ed i pacchetti Java JPackage
Fedora Core includes many packages derived from the JPackage Project, which provides a Java
software repository. These packages have been modified in Fedora to remove proprietary software
dependencies and to make use of GCJ's ahead-of-time compilation feature. Fedora users should
30
Samba (Compatibilità Windows)
use the Fedora repositories for updates to these packages, and may use the JPackage repository for
packages not provided by Fedora.
Fa riferimento al sito web di JPackage su http://jpackage.org per maggiori informazioni sul progetto e
sul software che fornisce.
Mescolare pacchetti fra Fedora e JPackage
Verifica la compatibilità dei pacchetti prima di installare software da entrambe i repositori
Fedora e JPackage sullo stesso sistema. Pacchetti incompatibili possono causare
problemi complessi.
15. Samba (Compatibilità Windows)
Questa sezione contiene le informazioni relative a Samba, la suite di software che Fedora usa per
interagire con i sistemi Microsoft Windows.
15.1. Esplorazione della rete Windows
Fedora può ora esplorare le condivisioni Windows, una caratteristica conosciuta come esplorazione
SMB. Nelle releases precedenti a Fedora Core 5, il firewall preveniva l'appropriata funzionalità
dell'esplorazione SMB. Con l'aggiunta del modulo kernel ip_conntrack_netbios_ns al
kernel 2.6.14, ed i corrispondenti sviluppi di system-config-securitylevel, il firewall ora gestisce
propriamente gli SMB broadcasts e permette l'esplorazione della rete.
16. Multimedia
Fedora Core include applicazioni per funzioni multimediali assortite, incluso ascolto, registrazione, ed
editing. Pacchetti aggiuntivi sono disponibili attraverso il repositorio Fedora Extras.
16.1. Lettori multimediali
L'installazione predefinita di Fedora Core include Rhythmbox, Totem, ed Helix Player per l'ascolto
dei media. Molti altri programmi sono disponibili nei repositori di Fedora Core e Fedora Extras, incluso
il popolare pacchetto XMMS. Sia GNOME che KDE posseggono una selezione di lettori che possono
essere usati con una varietà di formati. Programmi aggiuntivi sono disponibili da terze parti per gestire
altri formati.
Fedora Core prende anche pieno vantaggio dal sistema sonoro Advanced Linux Sound Architecture
(ALSA). Molti programmi possono suonare simultaneamente, che una volta era difficile con i sistemi
Linux. Quando tutti i software multimediali sono configurati per usare ALSA, per il supporto sonoro,
questa limitazione scompare. Per maggiori informazioni su ALSA, visita il sito web del progetto su
http://www.alsa-project.org/.
16.2. I formati Ogg e Xiph.Org Foundation
Fedora includes complete support for the Ogg media container format, and the Vorbis audio, Theora
video, Speex audio, and FLAC lossless audio formats. These freely-distributable formats are not
encumbered by patent or license restrictions. They provide powerful and flexible alternatives to more
popular, restricted formats. The Fedora Project encourages the use of open source formats in place
31
Release Notes
of restricted ones. For more information on these formats and how to use them, refer to the Xiph.Org
Foundation's web site at http://www.xiph.org/.
16.3. MP3, DVD ed altri formati multimediali esclusi
Fedora Core e Fedora Extras non possono includere il supporto per il playback o la registrazione degli
MP3 o DVD, perché i formati MP3 e MPEG (DVD) sono brevettati, ed i proprietari non hanno fornito
le necessarie licenze. Fedora esclude anche diverse applicazioni multimediali a causa di brevetti o
restrizioni sulla licenza, tipo Flash Player e Real Player. Per maggiori informazioni su questo soggetto,
fa riferimento a http://fedoraproject.org/wiki/ForbiddenItems.
16.4. Authoring e Masterizzazione di CD e DVD
Fedora Core ed Extras includono una varietà di strumenti per gestire facilmente e masterizzare CD
e DVD. Gli utenti GNOME possono masterizzare direttamente dal file manager Nautilus o scegliere i
pacchetti gnomebaker o graveman da Fedora Extras, o il vecchio pacchetto xcdroast da Fedora
Core. Gli utenti KDE possono usare il robusto pacchetto k3b per questi compiti. Strumenti per la
console includono cdrecord, readcd, mkisofs ed altre tipiche applicazioni Linux.
16.5. Screencasts
Puoi usare Fedora per creare ed eseguire screencasts, che sono sessioni desktop registrate,
utilizzando tecnologie libere. Fedora Extras 5 include istanbul, che crea screencasts usando
il formato video Theora. Questi video possono essere visualizzati usando uno dei diversi lettori
inclusi in Fedora Core. Questo è il modo preferibile di inviare screencasts al progetto Fedora sia
per gli sviluppatori che per gli utenti finali. Per un più comprensibile how-to, fa riferimento a http://
fedoraproject.org/wiki/ScreenCasting.
16.6. Estensione dei supporti mediante plugins
Molti lettori multimediali in Fedora Core e Fedora Extras supportano l'uso di plugins per aggiungere
altri formati multimediali e sistemi di output audio. Alcuni usano potenti backends, come gstreamer,
per gestire il supporto dei formati dei media e l'output sonoro. Pacchetti di plugin per questi backends
e per applicazioni individuali sono disponibili in Fedora Core e Fedora Extras, e plugins aggiuntivi
saranno disponibili da terze parti per aggiungere ulteriori capacità.
17. Giochi ed intrattenimento
Fedora Core and Fedora Extras provide a selection of games that cover a variety of genres. By
default, Fedora Core includes a small package of games for GNOME (called gnome-games ). To
install other games available from Fedora Core and Fedora Extras, select Applications>Add/Remove
Software from the main desktop menu.
32
Networking
18. Networking
18.1. Strumenti utente
18.1.1. NetworkManager
NetworkManager ora supporta DHCP hostname, NIS, ISDN, WPA, WPA supplicant
(wpa_supplicant), e WPA-Enteprise. Ha un nuovo layer di sicurezza wireless. La VPN
ed il supporto dial up è stato migliorato. Applicazioni come Evolution ora si integrano con
NetworkManager per fornire capacità di networking dinamico. NetworkManager è disabilitato per
impostazione predefinita in Fedora poiché non sono ancora disponibili certe configurazioni, come
IP statici system-wide, dispositivi in bonding, o l'avvio di connessione ad una rete wireless prima di
eseguire il login.
Per abilitare NetworkManager dal desktop:
1. Open the Services application from the menu System > Administration Services
2. Dal menu Modifica Runlevel, scegli Tutti i Runlevel
3. Assicuratevi che le 3 caselle a fianco all'oggetto dhcdbd mostrate nell'elenco sulla sinistra siano
selezionate.
4. Seleziona dhcdbd nell'elenco, e clicca il bottone Avvia
5. Assicurati che le tre caselle a fianco all'oggetto named mostrate nell'elenco sulla sinistra siano
selezionate.
6. Seleziona named nell'elenco, e clicca il bottone Avvia
3
7. Ensure that the 3 boxes next to the NetworkManager item in left-side list are checked
4
8. Select NetworkManager in the list, and click the Start button
Per abilitare NetworkManager dalla linea di comando o terminale:
1. su -c '/sbin/chkconfig --level 345 dhcdbd on'
2. su -c '/sbin/service dhcdbd start'
3. su -c '/sbin/chkconfig --level 345 named on'
4. su -c '/sbin/service named start'
5
5. su -c '/sbin/chkconfig --level 345 NetworkManager on'
6
6. su -c '/sbin/service NetworkManager start'
Per un elenco di comuni schede wireless e drivers che NetworkManager supporta, fa riferimento alla
7
pagina NetworkManager Hardware .
7
http://live.gnome.org/NetworkManagerHardware
33
Release Notes
18.1.2. iproute
L'algoritmo di cancellazione indirizzo IPv4 non teneva conto della lunghezza del prefisso fino al kernel
versione 2.6.12. Da quando questo è cambiato, lo strumento ip dal pacchetto iproute adesso invia
un avviso se viene fornito un prefisso privo di lunghezza, per avvertire di possibili cancellazioni non
intenzionali:
•
ip addr list dev eth0
4: eth0: <BROADCAST,MULTICAST,UP> mtu 1500 qdisc pfifo_fast qlen 1000
inet 10.0.0.3/24 scope global eth0
su -c 'ip addr del 10.0.0.3 dev eth0'
Warning: Executing wildcard deletion to stay compatible with old
scripts. Explicitly specify the prefix length (10.0.0.3/32) to
avoid this warning. This special behaviour is likely to disappear
in further releases, fix your scripts!
Il metodo corretto di cancellare l'indirizzo evitando l'avvertimento è:
su -c 'ip addr del 10.0.0.3/24 dev eth0'
In precedenza, non era possibile stabilire se un interfaccia fosse down amministrativamente o perchè
senza linea, come se il cavo fosse stato staccato. Il nuovo flag NO-CARRIER appare ora come link flag
se il link è amministrativamente su ma non viene trovata linea.
Il comando ip adesso supporta una modalità batch con l'argomento -batch, che funziona in modo
simile al comando tc per velocizzare compiti ripetitivi.
18.2. Principali cambiamenti nel kernel 2.6.11 - 2.6.15
Fa riferimento a http://wiki.kernelnewbies.org/LinuxChanges per un elenco dei principali cambiamenti.
Alcuni di loro sono evidenziati qui sotto.
18.2.1. Promozione indirizzo IPv4
A cominciare dalla versione 2.6.12 del kernel, è stata aggiunta una nuova caratteristica
chiamata named address promotion. Questa caratteristica permette a degli indirizzi IPv4
secondari di essere promossi ad indirizzi primari. Solitamente quando l'indirizzo primario
è cancellato, sono cancellati anche tutti i secondari. Se abiliti la nuova chiave sysctl,
net.ipv4.conf.all.promote_secondaries, o una delle varianti specifiche dell'interfaccia, puoi
cambiare questo comportamento per promuovere uno degli indirizzi secondari ad essere il nuovo
indirizzo primario.
18.2.2. Indirizzo sorgente configurabile per gli errori ICMP
Per impostazione predefinita, nel selezionare l'indirizzo sorgente per i messaggi d'errore
ICMP il kernel usa l'indirizzo dell'interfaccia sulla quale l'errore ICMP sta andando ad
essere spedito. La versione del Kernel 2.6.12 introduce una nuova chiave sysctl,
34
Principali cambiamenti nel kernel 2.6.11 - 2.6.15
net.ipv4.icmp_errors_use_inbound_ifaddr. Se abiliti questa opzione il kernel usa l'indirizzo
dell'interfaccia che ha ricevuto il pacchetto originale che ha causato l'errore.
Supponi che il kernel riceva una pacchetto sull'interfaccia eth0 che genera un errore ICMP, e la
tavola di routing fa si che il messaggio d'errore sia generato sull'interfaccia eth1. Se la nuova
opzione sysctl è abilitata, il messaggio d'errore ICMP indicherà come indirizzo sorgente l'interfaccia
eth0, invece di quella predefinita eth1. Questa caratteristica faciliterà il debugging della rete nelle
installazioni di routing asincrono.
18.2.3. LC-Trie Based Routing Lookup Algorithm
E' stato aggiunto un nuovo algoritmo di routing lookup chiamato trie. E' inteso per grandi tavole di
routing e mostra un chiaro miglioramento delle prestazioni rispetto all'originale implementazione hash,
al costo di un aumento del consumo di memoria e della complessità.
18.2.4. Pluggable Congestion Control Algorithm Infrastructure
TCP congestion control algorithms are now pluggable and thus modular. The legacy NewReno
algorithm remains the default, and acts as the fallback algorithm. The following new congestion control
algorithms have been added:
• Controllo di congestione TCP ad alta velocità.
• Impedimento di congestione TCP Hybla.
• Controllo di congestione H-TCP.
• Controllo di congestione TCP scalabile.
Tutti i moduli di controllo della congestione esistenti sono stati convertiti a questa nuova infrastruttura
ed il controllo di congestione BIC è stato migliorato da BICTCP 1.1 per gestire links a bassa latenza.
Cose pertinenti l'algoritmo di controllo di congestione
L'algoritmo di controllo della congestione è specifico al socket e può essere cambiato
mediante l'opzione socket TCP_CONGESTION.
18.2.5. Evitare l'accodamento per la perdita di linea
Quando un driver di rete si accorge di una perdita di linea, per esempio quando un cavo viene
staccato, il driver ferma la coda davanti al driver. In passato, questo arresto causava l'accodamento
dei pacchetti al layer d'accodamento disciplinato per un certo periodo di tempo causando effetti
inaspettati. Per prevenire questo effetto, il core dello stack di rete adesso cessa di accodare qualsiasi
pacchetto da ogni dispositivo che sia operativamente disattivato, ovvero, che abbia l'accodamento
disabilitato.
18.2.6. Supporto protocollo DCCP
Il Kernel versione 2.6.14-rc1 fu la prima versione a ricevere supporto per il protocollo DCCP.
L'implementazione è ancora sperimentale ma è risaputo che funziona. Gli sviluppatori hanno
cominciato a creare applicazioni in userspace che sono a conoscenza di questo nuovo protocollo.
35
Release Notes
18.2.7. Wireless
Un nuovo driver denominato HostAP è stato aggiunto a partire dal kernel 2.6.14-rc1 che permette
l'emulazione di un access point wireless mediante software. Attualmente questo driver funziona solo
per le schede Intersil Prism2-based (PC Card/PCI/PLX). E' stato aggiunto il supporto per le schede
wireless Intel(R) PRO/Wireless 2100 e 2200.
18.2.8. Miscellanea
• Moltissimi fix riguardanti la TCP Segmentation Offloading (TSO) sono stati inclusi.
• Una nuova infrastruttura di ricerca testuale è stata aggiunta, ed è utilizzabile con il corrispondente
iptables ed extended match.
• Entrambe le interfacce multicast join IPv4 ed IPv6 visibili in userspace sono state ristrutturate e
portate agli ultimi standards.
• Il contatore SNMPv2 MIB ipInAddrErrors è finalmente supportato per IPv4.
• Sono state aggiunte nuove varie opzioni socket, proposte in Advanced API (RFC3542).
19. Virtualizzazione
La virtualizzazione in Fedora Core è basata su Xen. Xen 3.0 è integrato in Fedora Core 5 nel
programma d'installazione. Fa riferimento a http://fedoraproject.org/wiki/Tools/Xen per maggiori
informazioni su Xen.
19.1. Tipi di virtualizzazione
Ci sono diversi tipi di virtualizzazione: virtualizzazione completa, paravirtualizzazione, e
virtualizzazione a singola immagine del kernel. Sotto Fedora Core usando Xen 3.0, la
paravirtualizzazione è il tipo più comune. Con hardware VM, è anche possibile implementare la
virtualizzazione completa.
19.1.1. Benefici della paravirtualizzazione
• Permette un basso overhead virtualizzato delle risorse di sistema.
• Può fornire accesso all'hardware diretto in casi speciali (es., NIC dedicatiper ogni OS ospite).
• Permette meccanismi di sicurezza hypervisor-assistiti per gli OS ospiti.
19.1.2. Requisiti della paravirtualizzazione
• Un OS ospite che sia stato modificato con la paravirtualizzazione abilitata
• L'OS host deve usare GRUB come bootloader (predefinito con Fedora Core)
• Abbastanza spazio su disco per contenere ciascun OS ospite (600MiB-6GiB per OS)
• Almeno 256 MiB di RAM per ciascun ospite, più almeno 256 MiB ram per l'host; usa più RAM per
l'ospite se ottieni errori di tipo out of memory o per determinare la risoluzione dei problemi per le
installazioni ospite fallite
36
Installare Xen, configurare ed usare Xen
19.2. Installare Xen, configurare ed usare Xen
Xen must be installed on the host OS and the host OS must be booted into the Hypervisor Kernel.
Fedora Core 5 includes an installation program for the guest OS that will use an existing installation
tree of a paravirtualized-enabled OS to access that OS's existing installation program. Currently,
Fedora Core 5 is the only available paravirtualized-enabled guest OS. Other OSs can be installed
using existing images, but not through the OS's native installation program.
Qui potrai trovare istruzioni complete: http://fedoraproject.org/wiki/FedoraXenQuickstartFC5
Nessun supporto per PowerPC
Xen non è supportato sull'architettura PowerPC in Fedora Core 5.
20. X Window System (Grafica)
Questa sezione contiene le informazioni relative all'implementazione del sistema X Window distribuito
con Fedora.
20.1. xorg-x11
X.org X11 è un implementazione open source del sistema X Window. Fornisce quelle elementari
funzionalità di basso livello sulle quali sbandierate interfacce grafiche (GUIs) come GNOME e KDE
sono disegnate. Per maggiori informazioni su X.org, fa riferimento a http://xorg.freedesktop.org/wiki/.
You may use System > Administration > Display or system-config-display to configure the settings.
The configuration file for X.org is located in /etc/X11/xorg.conf.
X.org X11R7 è la prima versione modulare di X.org, che, oltre a diversi altri benefici , consente
aggiornamenti più veloci ed aiuta i programmatori a sviluppare e rilasciare componenti specifici
rapidamente. Maggiori informazioni sullo status attuale dello sforzo di modularizzazione di Xorg in
Fedora è disponibile su http://fedoraproject.org/wiki/Xorg/Modularization.
20.2. Note su Xorg X11R7 per l'utente finale
Installare drivers di terze parti
Prima di installare qualsiasi drivers di terze parti da qualunque venditore, incluso ATI o
nVidia, sei pregato di leggere http://fedoraproject.org/wiki/Xorg/3rdPartyVideoDrivers.
Gli scripts d'installazione del pacchetto xorg-x11-server-Xorg rimuovono automaticamente
la linea RgbPath dal file xorg.conf se presente. Potresti avere la necessità di riconfigurare
la tua tastiera differentemente da quella che usi. Sei incoraggiato a sottoscriverti alla mailing list
8
[email protected] se hai bisogno di assistenza nel riconfigurare la tua tastiera.
20.3. X.org X11R7 anteprima per lo sviluppatore
L'elenco seguente include alcuni fra i più evidenti cambiamenti per gli sviluppatori in X11R7:
8
mailto:[email protected]
37
Release Notes
• L'intero sistema di compilazione è cambiato da imake alla collezione GNU autotools.
• Libraries now install pkgconfig *.pc files, which should now always be used by software
that depends on these libraries, instead of hard coding paths to them in /usr/X11R6/lib or
elsewhere.
• Tutto è ora installato direttamente in /usr invece di /usr/X11R6. Tutto il software i cui percorsi
sono compilati all'interno del codice in /usr/X11R6, deve ora essere cambiato preferibilmente per
determinare dinamicamente l'appropriata posizione dell'oggetto. Gli sviluppatori sono fortemente
sconsigliati di inglobare nel codice i percorsi predefiniti del nuovo X11R7.
• Ogni libreria possiede il suo pacchetto sorgente RPM privato, che crea un sottopacchetto di binari
eseguibili ed un sottopacchetto -devel.
20.4. Note per lo sviluppatore di X.org X11R7
Questa sezione include un sommario di problematiche di note per gli sviluppatori ed i creatori di
pacchetti, e suggerimenti su come fissarli quando possibile.
20.4.1. La gerarchia della directory /usr/X11R6
I files di X11R7 si installano direttamente in /usr ora, e non usa più la gerarchia /usr/X11R6. Le
applicazioni che contano che i files siano presenti nel percorso fisso sotto /usr/X11R6/ durante la
compilazione o l'esecuzione, devono essere aggiornate. Esse debbono usare ora il system PATH,
o alcuni altri meccanismi, per determinare dinamicamente dove risiedono i files, o alternativamente
inglobare nel codice i nuovi percorsi, possibilmente con fallback.
20.4.2. Imake
L'utility X imake non è più utilizzata per compilare il sistema X Window, ed è ora ufficialmente
deprecata. X11R7 include imake, xmkmf ed altre utilità distribuite in precedenza con il sistema X
Window. X.Org, comunque, raccomanda caldamente a tutti di migrare da imake per utilizzare GNU
autotools e pkg-config. Il supporto per imake potrebbe scomparire in una futura versione del
sistema X Window, così gli sviluppatori sono fortemente incoraggiati a starne alla larga, e non usarlo
per nessun nuovo progetto software.
20.4.3. La directory di sistema app-defaults/
La directory di sistema app-defaults/ per le risorse X, è ora %{_datadir}/X11/app-defaults,
che espande la /usr/share/X11/app-defaults/ su Fedora Core e per i futuri sistemi Red Hat
Enterprise Linux.
20.4.4. Corrette dipendenze dei pacchetti
Ogni pacchetto software che in precedenza usava Build Requires: (XFree86-devel|xorgx11-devel) per soddisfare le dipendenze nella compilazione, deve ora elencare individualmente
la dipendenza da ciascuna libreria. Il metodo preferito e raccomandato è usare compilazioni di
dipendenze virtual invece di includere il nome di pacchetto della libreria nell'implementazione
xorg. Questo vuol dire che dovresti usare Build Requires: libXft-devel invece di Build
Requires: xorg-x11-Xft-devel. Se il tuo software dipende veramente dall'implementazione
di una libreria specifica di X.Org X11, e non ci sono altre maniere pulite o sicure di risolvere la
dipendenza, allora usa la forma xorg-x11-devel. Se usi il meccanismo virtuale fornisce/richiede,
eviterai inconvenienti se la libreria, in futuro, verrà spostata in un altro posto.
38
Docs/Beats/DatabaseServers
20.4.5. xft-config
Modular X now uses GNU autotools and pkg-config for its buildsystem configuration and
execution. The xft-config utility has been deprecated for some time, and pkgconfig *.pc files
have been provided for most of this time. Applications that previously used xft-config to obtain the
Cflags or libs build options must now be updated to use pkg-config.
21. Docs/Beats/DatabaseServers
21.1. MySQL
Fedora ora fornisce MySQL 5.0. Per un elenco delle migliorie fornite da questa versione, fa riferimento
a http://dev.mysql.com/doc/refman/5.0/en/mysql-5-0-nutshell.html.
Per maggiori informazioni sull'aggiornamento di databases da versioni precedenti di MySQL, fa
riferimento al sito web di MySQL su http://dev.mysql.com/doc/refman/5.0/en/upgrade.html.
21.2. PostgreSQL
Questa versione di Fedora include PostgreSQL 8.1. Per maggiori informazioni su questa nuova
versione, fa riferimento a http://www.postgresql.org/docs/whatsnew/.
Aggiornamento Databases
Fedora Core 4 forniva la versione 8.0 di PostgreSQL. Se aggiorni un sistema Fedora
esistente con un database PostgreSQL, devi aggiornare il database per accedere ai dati.
Per aggiornare un database da una versione precedente di PostgreSQL, segui
la procedura descritta su http://www.postgresql.org/docs/8.1/interactive/installupgrading.html.
22. Internazionalizzazione (i18n)
Questa sezione contiene le informazioni relative al supporto di vari linguaggi sotto Fedora Core.
22.1. Metodi di input
SCIM (Simple Common Input Method) ha sostituito IIIMF come sistema di metodo di input per gli
asiatici ed altre lingue in questa versione di Fedora Core. SCIM usa Ctrl-Space come chiave
trigger predefinita per attivare e disattivare il metodo di input, comunque è facile cambiare l'hotkey o
aggiungere hotkeys con lo strumento d'impostazione di configurazione di SCIM. Gli utenti giapponesi
possono ora usare il tasto Zenkaku_Hankaku per cambiare fra input giapponese ed ASCII.
22.1.1. Installazione
SCIM potrà essere installato ed eseguito per impostazione predefinita per le lingue dei desktop
asiatiche. Altrimenti i pacchetti necessari potranno essere installati usando la sezione di supporto
linguistico del programma di amministrazione dei pacchetti ( pirut ) o eseguendo:
39
Release Notes
su -c 'yum groupinstall <language>-support'
where <language> is one of assamese , bengali, chinese, gujarati , hindi, japanese,
kannada , korean, punjabi, tamil, or thai.
L'elenco degli IME inclusi è:
• Giapponese: scim-anthy
Koreano: scim-hangul
Cinese semplificato: scim-pinyin scim-tables-chinese
Cinese tradizionale: scim-chewing scim-tables-chinese
Indian and other languages: scim-m17n m17n-db-<language>
Se il tuo desktop non è eseguito con un locale asiatico, per attivarlo nel tuo account utente, esegui i
seguenti comandi, quindi esci e rientra nuovamente nel tuo desktop.
mkdir ~/.xinput.d
ln -s /etc/X11/xinit/xinput.d/scim ~/.xinput.d/default
22.1.2. L'applet SCIM e la barra degli strumenti
Quando SCIM è in esecuzione, un icona di un applet appare nella'area di notifica del pannello del
desktop. L'icona è una tastiera grigia quando SCIM è inattivo, ed un icona Input Method Engine (IME)
quando è attivo. Quando SCIM è attivo, per impostazione predefinita, apparirà anche la barra degli
strumenti del metodo di input con le informazioni di status.
Premendo il bottone sisnistro del mouse sull'applet si attiverà un menù di cambio linguaggio di SCIM
per cambiare l'attuale Input Method Engine. Il menu appare solamente quando un applicazione che
usa l'Input Method viene focalizzata. Premendo il bottone destro del mouse sull'applet o sulla barra
degli strumenti di SCIM si attiverà il menu delle impostazioni.
22.1.3. Configurazione di SCIM
Puoi configurare SCIM e gli IMEs usando lo strumento di configurazione disponibile dal menu
impostazioni. Nel pannello generale di configurazione di IME, puoi selezionare quale linguaggio o
IMEs apparirà nel menu di cambio linguaggio.
22.1.4. Nuove conversion engines
anthy, una nuova conversion engine giapponese sostituisce il vecchio Canna server system, e
libchewing, una nuova conversion engine per il cinese tradizionale, è stata aggiunta.
22.2. Fonts
Adesso è disponibile un supporto per il grassetto sintetico di quei fonts che non hanno una versione in
grassetto.
40
gtk2 IM submenu
Nuove fonts per il cinese sono state aggiunte: AR PL ShanHeiSun Uni (uming.ttf) ed AR
PL ZenKai Uni (ukai.ttf). Il font predefinito è AR PL ShanHeiSun Uni, che contiene bitmaps
embedded. Se preferisci glifi outline puoi aggiungere la seguente sezione nel tuo file ~/.font.conf:
<fontconfig>
<match target="font">
<test name="family" compare="eq">
<string>AR PL ShanHeiSun Uni</string>
</test>\n<edit name="embeddedbitmap" mode="assign">
<bool>false</bool>
</edit>\n</match>
</fontconfig>
22.3. gtk2 IM submenu
I menu IM contestuali Gtk2 non appaiono più per impostazione predefinita. Puoi abilitarli nella linea di
comando con i seguenti comandi; il \ è per scopo di stampa e questo dovrebbe apparire tutto su una
riga:
gconftool-2 --type bool --set \
'/desktop/gnome/interface/show_input_method_menu' true
22.4. Supporto Pango in Firefox
Firefox in Fedora Core è compilato con Pango, che fornisce un miglior supporto per certe scritture,
come l'Indiano ed altre scritture CJK. Fedora ha il permessio della Mozilla Corporation di usare il
sistema Pango per la resa del testo.
Per disabilitare l'uso di Pango, imposta MOZ_DISABLE_PANGO=1 nel tuo ambiente prima di lanciare
Firefox.
23. Compatibilità con il passato
23.1. Compatibilità con il passato
Fedora Core provides legacy system libraries for compatibility with older software. This software
is part of the Legacy Software Development group, which is not installed by default. Users who
require this functionality may select this group either during installation, or after the installation process
is complete. To install the package group on a Fedora system, use Applications=>Add/Remove
Software, Pirut or enter the following command in a terminal window:
su -c 'yum groupinstall "Legacy Software Development"'
Immetti la password di root quando richiesta.
41
Release Notes
24. Cambiamenti nei pacchetti
Questa lista é generata automaticamente
Questa lista é automaticamente generata. Non é una buona scelta per la traduzione.
Questa lista é stata fatta usando l'utilità treediff, eseguita come treediff newtree oldtree
sull'albero di rawhide del 28 Feb. 2006.
Per un elenco dei pacchetti aggiornati rispetto alla versione precedente, fa riferimento a questa
pagina:
http://fedoraproject.org/wiki/Docs/Beats/PackageChanges/UpdatedPackages
Potrai anche trovare una comparazione frai principali pacchetti tra tutte le versioni di Fedora su http://
distrowatch.com/fedora
New package adaptx
AdaptX
New package agg
Anti-Grain Geometry
New package amtu
Abstract Machine Test Utility (AMTU)
New package anthy
Japanese character set input library
New package aspell-ru
Russian dictionaries for Aspell.
New package aspell-sl
Slovenian dictionaries for Aspell.
New package aspell-sr
Serbian dictionaries for Aspell.
New package avahi
Local network service discovery
New package axis
A SOAP implementation in Java
New package beagle
The Beagle Search Infrastructure
New package bsf
Bean Scripting Framework
New package bsh
Lightweight Scripting for Java
New package cairo
A vector graphics library
New package cairo-java
Java bindings for the Cairo library
42
Cambiamenti nei pacchetti
New package castor
An open source data binding framework for Java
New package concurrent
Utility classes for concurrent Java programming
New package dev86
A real mode 80x86 assembler and linker.
New package dhcdbd
DHCP D-BUS daemon (dhcdbd) controls dhclient sessions with D-BUS, stores
and presents DHCP options.
New package ekiga
A Gnome based SIP/H323 teleconferencing application
New package elilo
ELILO linux boot loader for EFI-based systems
New package evolution-sharp
Evolution Data Server Mono Bindings
New package f-spot
Photo management application
New package frysk
Frysk execution analysis tool
New package gecko-sharp2
Gecko bindings for Mono
New package geronimo-specs
Geronimo J2EE server J2EE specifications
New package giflib
Library for manipulating GIF format image files
New package glib-java
Base Library for the Java-GNOME libraries
New package gmime
Library for creating and parsing MIME messages
New package gnome-applet-vm
Simple virtual domains monitor which embed themselves in the GNOME panel
New package gnome-mount
Mount replacement which uses HAL to do the mounting
New package gnome-power-manager
GNOME Power Manager
New package gnome-python2-desktop
The sources for additional PyGNOME Python extension modules for the
GNOME desktop.
New package gnome-screensaver
GNOME Sreensaver
New package gnome-user-share
Gnome user file sharing
New package gnu-efi
43
Release Notes
Development Libraries and headers for EFI
New package gpart
A program for recovering corrupt partition tables.
New package gsf-sharp
Mono bindings for libgsf
New package gstreamer-plugins-base
GStreamer streaming media framework base plug-ins
New package gstreamer-plugins-good
GStreamer plug-ins with good code and licensing
New package gtk-sharp
GTK+ and GNOME bindings for Mono
New package gtk-sharp2
GTK+ and GNOME bindings for Mono
New package hplip
HP Linux Imaging and Printing Project
New package hsqldb
Hsqldb Database Engine
New package icon-naming-utils
A script to handle icon names in desktop icon themes
New package icu
International Components for Unicode
New package imake
imake source code configuration and build system
New package iscsi-initiator-utils
iSCSI daemon and utility programs
New package iso-codes
ISO code lists and translations
New package jakarta-commons-codec
Jakarta Commons Codec Package
New package jakarta-commons-daemon
Jakarta Commons Daemon Package
New package jakarta-commons-discovery
Jakarta Commons Discovery
New package jakarta-commons-httpclient
Jakarta Commons HTTPClient Package
New package javacc
A parser/scanner generator for java
New package jdom
Java alternative to DOM and SAX
New package jgroups
Toolkit for reliable multicast communication.
New package jrefactory
JRefactory and Pretty Print
44
Cambiamenti nei pacchetti
New package kasumi
An anthy dictionary management tool.
New package kexec-tools
The kexec/kdump userspace component.
New package lcms
Color Management System
New package libFS
X.Org X11 libFS runtime library
New package libICE
X.Org X11 libICE runtime library
New package libSM
X.Org X11 libSM runtime library
New package libX11
X.Org X11 libX11 runtime library
New package libXScrnSaver
X.Org X11 libXss runtime library
New package libXTrap
X.Org X11 libXTrap runtime library
New package libXau
X.Org X11 libXau runtime library
New package libXaw
X.Org X11 libXaw runtime library
New package libXcomposite
X.Org X11 libXcomposite runtime library
New package libXcursor
X.Org X11 libXcursor runtime library
New package libXdamage
X.Org X11 libXdamage runtime library
New package libXdmcp
X.Org X11 libXdmcp runtime library
New package libXevie
X.Org X11 libXevie runtime library
New package libXext
X.Org X11 libXext runtime library
New package libXfixes
X.Org X11 libXfixes runtime library
New package libXfont
X.Org X11 libXfont runtime library
New package libXfontcache
X.Org X11 libXfontcache runtime library
New package libXft
X.Org X11 libXft runtime library
45
Release Notes
New package libXi
X.Org X11 libXi runtime library
New package libXinerama
X.Org X11 libXinerama runtime library
New package libXmu
X.Org X11 libXmu/libXmuu runtime libraries
New package libXp
X.Org X11 libXp runtime library
New package libXpm
X.Org X11 libXpm runtime library
New package libXrandr
X.Org X11 libXrandr runtime library
New package libXrender
X.Org X11 libXrender runtime library
New package libXres
X.Org X11 libXres runtime library
New package libXt
X.Org X11 libXt runtime library
New package libXtst
X.Org X11 libXtst runtime library
New package libXv
X.Org X11 libXv runtime library
New package libXvMC
X.Org X11 libXvMC runtime library
New package libXxf86dga
X.Org X11 libXxf86dga runtime library
New package libXxf86misc
X.Org X11 libXxf86misc runtime library
New package libXxf86vm
X.Org X11 libXxf86vm runtime library
New package libchewing
Intelligent phonetic input method library for Traditional Chinese
New package libdaemon
library for writing UNIX daemons
New package libdmx
X.Org X11 libdmx runtime library
New package libdrm
libdrm Direct Rendering Manager runtime library
New package libevent
Abstract asynchronous event notification library
New package libfontenc
X.Org X11 libfontenc runtime library
New package libgdiplus
46
Cambiamenti nei pacchetti
libgdiplus: An Open Source implementation of the GDI+ API
New package libgpod
Library to access the contents of an iPod
New package libgssapi
Generic Security Services Application Programming Interface Library
New package libiec61883
Streaming library for IEEE1394
New package liblbxutil
X.Org X11 liblbxutil runtime library
New package libnl
Convenience library for kernel netlink sockets
New package libnotify
libnotify notification library
New package liboil
Library of Optimized Inner Loops, CPU optimized functions
New package liboldX
X.Org X11 liboldX runtime library
New package libpfm
a performance monitoring library for Linux/ia64
New package librtas
Libraries to provide access to RTAS calls and RTAS events.
New package libsemanage
SELinux binary policy manipulation library
New package libsetrans
SELinux Translation library
New package libstdc++so7
libstdc++.so.7 preview
New package libunwind
An unwinding library for ia64.
New package libvirt
Library providing an API to use the Xen virtualization
New package libvte-java
Wrapper library for GNOME VTE
New package libxkbfile
X.Org X11 libxkbfile runtime library
New package libxkbui
X.Org X11 libxkbui runtime library
New package lucene
High-performance, full-featured text search engine
New package m17n-db
Multilingualization datafiles for m17n-lib
New package m17n-lib
Multilingual text library
47
Release Notes
New package mesa
Mesa graphics libraries
New package mlocate
An utility for finding files by name
New package mockobjects
Java MockObjects package
New package mono
a .NET runtime environment
New package mysql-connector-odbc
ODBC driver for MySQL
New package mysqlclient14
Backlevel MySQL shared libraries.
New package nautilus-sendto
Nautilus context menu for sending files
New package nfs-utils-lib
Network File System Support Library
New package notify-daemon
Notification Daemon
New package nspr
Netscape Portable Runtime
New package opal
Open Phone Abstraction Library
New package openCryptoki
Implementation of Cryptoki v2.11 for IBM Crypto Hardware
New package opensp
SGML and XML parser
New package pcmciautils
PCMCIA utilities and initialization programs
New package perl-Net-IP
Perl module for manipulation of IPv4 and IPv6 addresses
New package perl-String-CRC32
Perl interface for cyclic redundency check generation
New package perl-XML-Simple
Easy API to maintain XML in Perl
New package pfmon
a performance monitoring tool for Linux/ia64
New package php-pear
PHP Extension and Application Repository framework
New package pirut
Package Installation, Removal and Update Tools
New package prctl
Utility to perform process operations
48
Cambiamenti nei pacchetti
New package pycairo
Python bindings for the cairo library
New package pykickstart
A python library for manipulating kickstart files
New package python-pyblock
Python modules for dealing with block devices
New package rhpxl
Python library for configuring and running X.
New package s390utils
Linux/390 specific utilities.
New package salinfo
SAL info tool.
New package scim
Smart Common Input Method platform
New package scim-anthy
SCIM IMEngine for anthy for Japanese input
New package scim-chewing
Chewing Chinese input method for SCIM
New package scim-hangul
Hangul Input Method Engine for SCIM
New package scim-m17n
SCIM IMEngine for m17n-lib
New package scim-pinyin
Smart Pinyin IMEngine for Smart Common Input Method platform
New package scim-qtimm
SCIM input method module for Qt
New package scim-tables
SCIM Generic Table IMEngine
New package squashfs-tools
squashfs utilities
New package system-config-cluster
system-config-cluster is a utility which allows you to manage cluster
configuration in a graphical setting.
New package systemtap
Instrumentation System
New package tanukiwrapper
Java Service Wrapper
New package tog-pegasus
OpenPegasus WBEM Services for Linux
New package tomboy
Tomboy is a desktop note-taking application for Linux and Unix.
New package velocity
Java-based template engine
49
Release Notes
New package werken.xpath
XPath implementation using JDOM
New package wpa_supplicant
WPA/WPA2/IEEE 802.1X Supplicant
New package wsdl4j
Web Services Description Language Toolkit for Java
New package xdoclet
XDoclet Attribute Orientated Programming Framework
New package xjavadoc
The XJavaDoc engine
New package xmlrpc
Java XML-RPC implementation
New package xorg-x11-apps
X.Org X11 applications
New package xorg-x11-drivers
X.Org X11 driver installation package
New package xorg-x11-drv-acecad
Xorg X11 acecad input driver
New package xorg-x11-drv-aiptek
Xorg X11 aiptek input driver
New package xorg-x11-drv-apm
Xorg X11 apm video driver
New package xorg-x11-drv-ark
Xorg X11 ark video driver
New package xorg-x11-drv-ati
Xorg X11 ati video driver
New package xorg-x11-drv-calcomp
Xorg X11 calcomp input driver
New package xorg-x11-drv-chips
Xorg X11 chips video driver
New package xorg-x11-drv-cirrus
Xorg X11 cirrus video driver
New package xorg-x11-drv-citron
Xorg X11 citron input driver
New package xorg-x11-drv-cyrix
Xorg X11 cyrix video driver
New package xorg-x11-drv-digitaledge
Xorg X11 digitaledge input driver
New package xorg-x11-drv-dmc
Xorg X11 dmc input driver
New package xorg-x11-drv-dummy
Xorg X11 dummy video driver
New package xorg-x11-drv-dynapro
50
Cambiamenti nei pacchetti
Xorg X11 dynapro input driver
New package xorg-x11-drv-elo2300
Xorg X11 elo2300 input driver
New package xorg-x11-drv-elographics
Xorg X11 elographics input driver
New package xorg-x11-drv-evdev
Xorg X11 evdev input driver
New package xorg-x11-drv-fbdev
Xorg X11 fbdev video driver
New package xorg-x11-drv-fpit
Xorg X11 fpit input driver
New package xorg-x11-drv-glint
Xorg X11 glint video driver
New package xorg-x11-drv-hyperpen
Xorg X11 hyperpen input driver
New package xorg-x11-drv-i128
Xorg X11 i128 video driver
New package xorg-x11-drv-i740
Xorg X11 i740 video driver
New package xorg-x11-drv-i810
Xorg X11 i810 video driver
New package xorg-x11-drv-jamstudio
Xorg X11 jamstudio input driver
New package xorg-x11-drv-joystick
Xorg X11 joystick input driver
New package xorg-x11-drv-keyboard
Xorg X11 keyboard input driver
New package xorg-x11-drv-magellan
Xorg X11 magellan input driver
New package xorg-x11-drv-magictouch
Xorg X11 magictouch input driver
New package xorg-x11-drv-mga
Xorg X11 mga video driver
New package xorg-x11-drv-microtouch
Xorg X11 microtouch input driver
New package xorg-x11-drv-mouse
Xorg X11 mouse input driver
New package xorg-x11-drv-mutouch
Xorg X11 mutouch input driver
New package xorg-x11-drv-neomagic
Xorg X11 neomagic video driver
New package xorg-x11-drv-nsc
Xorg X11 nsc video driver
51
Release Notes
New package xorg-x11-drv-nv
Xorg X11 nv video driver
New package xorg-x11-drv-palmax
Xorg X11 palmax input driver
New package xorg-x11-drv-penmount
Xorg X11 penmount input driver
New package xorg-x11-drv-rendition
Xorg X11 rendition video driver
New package xorg-x11-drv-s3
Xorg X11 s3 video driver
New package xorg-x11-drv-s3virge
Xorg X11 s3virge video driver
New package xorg-x11-drv-savage
Xorg X11 savage video driver
New package xorg-x11-drv-siliconmotion
Xorg X11 siliconmotion video driver
New package xorg-x11-drv-sis
Xorg X11 sis video driver
New package xorg-x11-drv-sisusb
Xorg X11 sisusb video driver
New package xorg-x11-drv-spaceorb
Xorg X11 spaceorb input driver
New package xorg-x11-drv-summa
Xorg X11 summa input driver
New package xorg-x11-drv-tdfx
Xorg X11 tdfx video driver
New package xorg-x11-drv-tek4957
Xorg X11 tek4957 input driver
New package xorg-x11-drv-trident
Xorg X11 trident video driver
New package xorg-x11-drv-tseng
Xorg X11 tseng video driver
New package xorg-x11-drv-ur98
Xorg X11 ur98 input driver
New package xorg-x11-drv-v4l
Xorg X11 v4l video driver
New package xorg-x11-drv-vesa
Xorg X11 vesa video driver
New package xorg-x11-drv-vga
Xorg X11 vga video driver
New package xorg-x11-drv-via
Xorg X11 via video driver
52
Cambiamenti nei pacchetti
New package xorg-x11-drv-vmware
Xorg X11 vmware video driver
New package xorg-x11-drv-void
Xorg X11 void input driver
New package xorg-x11-drv-voodoo
Xorg X11 voodoo video driver
New package xorg-x11-filesystem
X.Org X11 filesystem layout
New package xorg-x11-font-utils
X.Org X11 font utilities
New package xorg-x11-fonts
X.Org X11 fonts
New package xorg-x11-proto-devel
X.Org X11 Protocol headers
New package xorg-x11-resutils
X.Org X11 X resource utilities
New package xorg-x11-server
X.Org X11 X server
New package xorg-x11-server-utils
X.Org X11 X server utilities
New package xorg-x11-twm
X.Org X11 twm window manager
New package xorg-x11-util-macros
X.Org X11 Autotools macros
New package xorg-x11-utils
X.Org X11 X client utilities
New package xorg-x11-xauth
X.Org X11 X authority utilities
New package xorg-x11-xbitmaps
X.Org X11 application bitmaps
New package xorg-x11-xdm
X.Org X11 xdm - X Display Manager
New package xorg-x11-xfs
X.Org X11 xfs font server
New package xorg-x11-xfwp
X.Org X11 X firewall proxy
New package xorg-x11-xinit
X.Org X11 X Window System xinit startup scripts
New package xorg-x11-xkb-utils
X.Org X11 xkb utilities
New package xorg-x11-xkbdata
xkb data files for the X.Org X11 X server
New package xorg-x11-xsm
53
Release Notes
X.Org X11 X Session Manager
New package xorg-x11-xtrans-devel
X.Org X11 developmental X transport library
Removed package Canna
Removed package 4Suite
Removed package MyODBC
Removed package apel
Removed package VFlib2
Removed package anaconda-help
Removed package aqhbci
Removed package cdicconf
Removed package fonts-xorg
Removed package gimp-gap
Removed package gnome-kerberos
Removed package gnomemeeting
Removed package hotplug
Removed package howl
Removed package hpijs
Removed package hpoj
Removed package iiimf
Removed package iiimf-le-chinput
Removed package iiimf-le-xcin
Removed package libgal2
Removed package libungif
Removed package lvm2-cluster
Removed package mod_jk
Removed package nvi-m17n
Removed package openh323
Removed package openmotif21
Removed package pcmcia-cs
Removed package perl-Filter
Removed package perl-Filter-Simple
54
Fedora Extras
Removed package perl-Parse-Yapp
Removed package perl-RPM2
Removed package perl-Time-HiRes
Removed package perl-XML-Encoding
Removed package perl-libxml-enno
Removed package python-twisted
Removed package sash
Removed package schedutils
Removed package selinux-policy-targeted
Removed package selinux-policy-strict
Removed package slocate
Removed package struts11
Removed package system-config-mouse
Removed package system-config-packages
Removed package taipeifonts
Removed package w3c-libwww
Removed package xinitrc
Removed package usbview
25. Fedora Extras
25.1. Uso del repositorio
Fedora Extras fornisce un repositorio di pacchetti a complemento di Fedora Core. Questo sforzo della
comunità basato su volontariato è parte del più grande Progetto Fedora.
Fedora Extras è disponibile per impostazione predefinita
I sistemi Fedora usano sia il repositorio Fedora Core che il Fedora Extras per installare gli
aggiornamenti del software.
To install software from either the Core or Extras repositories, choose Applications > Add/Remove
Software. Enter the root password when prompted. Select the software you require from the list, and
choose Apply.
Alternativamente, puoi installare software con l'utilità a linea di comando yum. Per esempio, questo
comando installa automaticamente il pacchetto abiword, e tutte le dipendenze necessarie:
su -c 'yum install abiword'
55
Release Notes
Immetti la password di root quando richiesta.
25.2. Informazioni su Fedora Extras
Al momento del rilascio di Fedora Core 5, ci sono approssimativamente 2.000 pacchetti in Fedora
Extras, compilati da 1,350 pacchetti sorgente. Il seguente elenco include alcune fra le più popolari e
ben conosciute applicazioni che sono mantenute dai membri dalla comunità in Fedora Extras:
• abiword - un elegante applicazione di elaborazione di testo
• balsa - uno snello lettore di e-mail
• bash-completion - completamento avanzato per la linea di comando per i power users
• bluefish - HTML editor
• clamav - open source anti-virus scanner per servers e desktops
• fuse - strumento per attaccare dispositivi e servizi di rete non-standard come directories
• fwbuilder - un utilità grafica per creare rulesets per firewall Linux e Cisco
• gaim-guifications - miglioramento al Gaim Instant Messenger
• gdesklets - widgets per il desktop GNOME
• gnumeric - una potente applicazione di foglio elettronico
• inkscape - un applicazione per illustrazione e disegno vettoriale
• koffice - una completa suite per ufficio per il desktop KDE
• mail-notification - ti avverte dell'arrivo di nuova posta
• mediawiki - la soluzione Wikipedia per siti web collaborativi
• nautilus-open-terminal - un estensione allo GNOME file manager
• pan - lo Usenet news reader
• revelation - un utilità di gestione password
• scribus - un applicazione per il desktop publishing (DTP)
• xfce - uno snello ambiente desktop
• xmms - il popolare lettore audio
• moltissimi strumenti e librerie Perl e Python
• ...e molto altro!
Is your favorite open source application missing from Fedora Extras? Package the application as an
RPM, and submit it for review to Fedora Extras. After a successful review, import it to Extras and you
can maintain it there. If you don't know how to create RPM packages, there are many other ways to
get involved in Fedora Extras and help drive it forward.
56
Fedora Legacy - Progetto di manutenzione della comunità
Per saperne di più sull'uso di Fedora Extras o su come essere coinvolto, fa riferimento a http://
fedoraproject.org/wiki/Extras.
26. Fedora Legacy - Progetto di manutenzione della
comunità
The Fedora Legacy Project is a community-supported open source project to extend the lifecycle
of select "maintenance mode" Red Hat Linux and Fedora Core distributions. The Fedora Legacy
Project works with the Linux community to provide security and critical bug fix errata packages. This
work extends the effective lifetime of older distributions in environments where frequent upgrades
are not possible or desirable. For more information about the Fedora Legacy Project, refer to http://
fedoraproject.org/wiki/Legacy.
Repositorio Legacy incluso in Fedora Core 5
Fedora Core 5 viene distribuito con una configurazione di repositorio software per Fedora
Legacy. Questo è un enorme passo nell'integrazione di Fedora Legacy con il Progetto
Fedora in generale e Fedora Core nello specifico. Questo repositorio non è abilitato per
impostazione predefinita in questa versione.
Attualmente il progetto Fedora Legacy mantiene le seguenti distribuzioni e versioni in modalità
mantenimento:
• Red Hat Linux 7.3 and 9
• Fedora Core 1, 2, and 3
Il Fedora Legacy Project fornirà aggiornamenti per queste versioni fin quando vi sarà interesse per la
comunità. Quando l'interesse non sarà più sostenuto, la modalità mantenimento finirà con la seconda
versione test per la terza successiva versione Core. Per esempio, la modalità mantenimento per
Fedora Core 4, se non sostenuta dalla comunità, finirà con il rilascio di Fedora Core 7 test2. Questo
fornisce un un effettivo supporto del ciclo vitale (Fedora Core più supporto Fedora Legacy ) di circa 18
mesi.
Il progetto Fedora Legacy ha sempre bisogno di volontari per eseguire test che assicurino la
qualità sui pacchetti in attesa di essere pubblicati come aggiornamenti. Fa riferimento a http://
fedoraproject.org/wiki/Legacy/QATesting per maggiori informazioni. Inoltre visita il nostro elenco delle
problematiche su http://www.redhat.com/archives/fedora-legacy-list/2005-August/msg00079.html per
ulteriori informazioni e puntatori ai bachi che abbiamo in coda.
Se hai bisogno d'aiuto per cominciare, visita l'home page del progetto sulla Wiki su http://
fedoraproject.org/wiki/Legacy, o la pagina dei Mentors su http://fedoraproject.org/wiki/Mentors.
Se stai cercando altri modi per partecipare in Fedora, fa riferimento a http://fedoraproject.org/wiki/
HelpWanted.
CategoryLegacy
9
9
/CategoryLegacy
57
Release Notes
27. Informazioni sul Progetto Fedora
L'obiettivo del Progetto Fedora è di lavorare con la comunità Linux per creare un sistema operativo
completo, general-purpose esclusivamente da software open source. Lo sviluppo è compiuto
in un forum pubblico. Il progetto produce delle releases su base temporale di Fedora Core
approssimativamente 2-3 volte l'anno, con uno scadenzario pubblico delle release disponibile su
http://fedora.redhat.com/About/schedule/. Le squadre di ingegneri Red Hat continuano a partecipare
alla costruzione di Fedora Core ed invitano ed incoraggiano più partecipanti esterni di quanto era
possibile in passato. Utilizzando questo processo più aperto, speriamo di fornire un sistema operativo
molto più in linea con gli ideali di software libero e molto più appetibile alla comunità open source.
Per maggiori informazioni, fa riferimento al sito web del Progetto Fedora:
http://fedora.redhat.com/
Il Progetto Fedora è guidato da individui che contribuiscono ad esso. Come tester, sviluppatore,
documentatore o traduttore, puoi fare la differenza. Vedi http://fedoraproject.org/wiki/HelpWanted per i
dettagli.
Questa pagina spiega i canali di comunicazione per gli utenti Fedora ed i contributori:
http://fedoraproject.org/wiki/it_IT/Communicate.
In più, oltre il sito, sono disponibili le seguenti mailing lists:
10
• [email protected]
— Per gli utenti delle versioni di Fedora Core
11
• [email protected] — Per i testers delle versioni test di Fedora Core
12
• [email protected]
13
• [email protected]
— Per gli sviluppatori, sviluppatori, sviluppatori
— Per i partecipanti del Progetto di documentazione
To subscribe to any of these lists, send an email with the word "subscribe" in the subject to
<listname>-request, where <listname> is one of the above list names.
Alternativamente, puoi sottoscriverti alle Fedora mailing lists mediante l'interfaccia Web:
http://www.redhat.com/mailman/listinfo/
Il Fedora Project include anche diversi canali IRC (Internet Relay Chat). IRC è una forma di
comunicazione real-time, basata su testo, simile alla Messaggistica Istantanea. Con essa, puoi avere
conversazioni con più persone contemporaneamente in un canale aperto o chattare privatamente con
qualcuno uno-a-uno.
Per parlare con gli altri partecipanti al Progetto Fedora via IRC, accedi alla Freenode IRC network. Fa
riferimento al sito web di Freenode (http://www.freenode.net/) per maggiori informazioni.
I partecipanti al Progetto Fedora frequentano il canale #fedora sulla rete Freenode, mentre gli
sviluppatori del Progetto Fedora possono spesso essere trovati sul canale #fedora-devel. Alcuni
dei progetti più grandi possono anche avere i propri canali; queste informazioni si possono trovare
sulle pagine web per il progetto, e su http://fedoraproject.org/wiki/Communicate.
Per poter parlare sul canale #fedora, dovrai registrare il tuo nickname o nick. Ti verranno date
istruzioni quando farai il /join al canale.
58
Colophon
Canali IRC
Il Progetto Fedora o Red Hat non hanno controllo sui canali IRC del Progetto Fedora o sui
loro contenuti.
28. Colophon
Per come lo intendiamo noi, colophon significa:
• un modo per riconoscere i contributori e nel contempo attribuire le responsabilità, e
• spiegare gli strumenti ed i metodi di produzione.
28.1. Contributori
14
• Andrew Martynov
• Anthony Green
• Bob Jensen
16
15
(traduttore, Russo)
(beat writer)
(beat writer, editor, co-publisher)
• Dave Malcolm
17
(beat writer)
18
• David Woodhouse
(beat writer)
• Francesco Tombolini
19
• Gavin Henry
20
(beat writer)
21
• Hugo Cisneiros
22
• Jens Petersen
• Joe Orton
23
(traduttore, Brasiliano Portoghese)
(beat writer)
(beat writer)
24
(beat writer)
25
(beat writer, editore, co-publisher)
• Josh Bressers
• Karsten Wade
• Luya Tshimbalanga
• Patrick Barnes
27
• Paul W. Frields
30
32
(beat writer, editore)
(traduttore, Giapponese)
31
• Steve Dickson
(beat writer)
(tools, editore)
29
• SekineTatsuo
26
(beat writer, editore)
28
• RahulSundaram
• Stuart Ellis
(traduttore, Italiano)
(beat writer)
(editore)
33
• Thomas Graf
(beat writer)
59
Release Notes
• Tommy Reynolds
34
(tools)
35
• Yoshinari Takaoka
36
• Yuan Yijun
(traduttore, tools)
(traduttore, Cinese semplificato)
28.2. Metodi di produzione
Gli scrittori dei pezzi producono le note di rilascio direttamente sulla Wiki del porgetto Fedora. Loro
collaborano con altri esperti del settore durante la fase di test release di Fedora Core per spiegare i
cambiamenti più importanti e le migliorie. La squadra editoriale assicura la consistenza e la qualità dei
pezzi ultimati, e porta il materiale Wiki in DocBook XML in un repositorio di controllo delle revisioni. A
questo punto, la squadra dei traduttori produce le versioni per gli altri linguaggi delle note di rilascio,
che quindi diventano disponibili al publico di massa come parte di Fedora Core. La squadra di
pubblicazione inoltre le rende, con le successive correzioni, disponibili via Web.
60

Documenti analoghi

Note di rilascio - Fedora Documentation

Note di rilascio - Fedora Documentation the "Attribution Party" for purposes of CC-BY-SA. In accordance with CC-BY-SA, if you distribute this document or an adaptation of it, you must provide the URL for the original version. Red Hat, as...

Dettagli