3° Workshop La sfida delle invasioni biologiche

Commenti

Transcript

3° Workshop La sfida delle invasioni biologiche
Per motivi organizzativi si prega di dare conferma della presenza
entro il giorno 8 settembre
La partecipazione al Workshop è aperta a tutti gli interessati
ed è gratuita.
Maggiori informazioni e aggiornamenti sul sito web
www.riservenaturali.provincia.siena.it/cantieribiodiversita
Disegni di Umberto Catalano, Lorenzo Orlandi, Rita Petti e Alessandro Sacchetti
INFORMAZIONI e SEGRETERIA
Provincia di Siena - Ufficio Riserve Naturali
Tel. 0577 241416 Fax 0577 45358
E-mail: [email protected]ia.siena.it
www.riservenaturali.provincia.siena.it/cantieribiodiversita
RESPONSABILE SCIENTIFICO: Piero Genovesi - ISPRA
RESPONSABILE ORGANIZZATIVO: Domitilla Nonis - Provincia di Siena
3° Workshop
La sfida delle invasioni
biologiche: come rispondere?
Siena, Santa Maria della Scala
Palazzo Squarcialupi
11-12 settembre 2008
Cantieri della Biodiversità
L’
introduzione di specie alloctone invasive è un fenomeno in rapida e costante crescita, che interessa tutti gli ecosistemi
(da quelli terrestri, alle aree marine ed alle acque interne) e gruppi tassonomici (dagli animali vertebrati ed invertebrati,
alle piante). Gli effetti delle invasioni biologiche sono in alcuni casi devastanti per gli ambienti naturali e le specie alloctone rappresentano a livello globale la seconda causa di minaccia per la biodiversità dopo la distruzione degli habitat.
Oltre a minacciare le specie autoctone, le invasioni biologiche determinano anche rilevanti costi economici e sociali (come
evidenziato dall’impatto della nutria sulle arginature, o dai rischi sanitari legati all’espansione della zanzara tigre, vettore di
gravi malattie come la Chikungunya), che rendono ancora più urgente agire, ma impongono anche un fattivo coordinamento
tra tutte le amministrazioni ed i portatori d’interesse coinvolti a vario titolo da questa minaccia.
Rispondere alle invasioni biologiche è quindi una sfida particolarmente attuale e complessa, che coinvolge tutta la società, e richiede un rilevante impegno sia del mondo della ricerca, sia degli enti responsabili della conservazione della natura, dell’agricoltura e della sanità pubblica. Tra gli organismi in
prima linea nell’azione contro le invasioni biologiche vi sono le aree protette, che sempre più spesso sono chiamate ad affrontare le minacce causate
dalle specie alloctone ed ad attivare azioni di recupero degli ecosistemi alterati dagli organismi introdotti.
In considerazione della gravità della minaccia e dell’urgenza di trovare efficaci strumenti di risposta, l’ISPRA, la Federparchi e la Provincia di Siena hanno
deciso di dedicare il 3° Workshop dei Cantieri della Biodiversità alle invasioni biologiche, con l’obiettivo di focalizzare l’attenzione su esempi concreti del
fenomeno nei diversi ecosistemi e tra i vari gruppi tassonomici, di descrivere i principali meccanismi di espansione ed impatto delle specie alloctone invasive e di fornire esempi di efficaci risposte a questa minaccia.
Giovedi 11 settembre
9.00-10.00
Apertura del Workshop e registrazione dei partecipanti
10.00-10.45
Saluti delle autorità
Fabio Ceccherini, Presidente della Provincia di Siena
Matteo Fusilli, Presidente di Federparchi
Aldo Cosentino, Direttore Generale del Servizio Protezione Natura del
Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
Giampiero Sammuri e Silvano Toso, Presidenti dei Cantieri della Biodiversità
10.45-15.35 Sessione I: Le dimensioni del fenomeno. Chair: Silvano Toso
Mammiferi alloctoni in Europa e in Italia - Piero Genovesi
11.15-11.45
Pausa caffè
13.15-14.45
Pausa pranzo
Insetti alloctoni in Italia - Marzio Zapparoli, Giuseppina Pellizzari e
Massimo Faccoli
Le specie aliene vegetali nel sistema di aree protette della provincia di
Siena: dati quantitativi per il loro monitoraggio - Alessandro Chiarucci,
Simona Maccherini, Giovanni Bacaro
15.35-17.20 Sessione II: Meccanismi ed impatti. Chair: Folco Giusti
La watch-list della flora alloctona d’Italia - Francesca Pretto, Laura
Celesti-Grapow, Carlo Blasi
16.00-16.30
Pausa caffè
L'introduzione di specie alloctone nelle acque interne europee e italiane:
correlati ecologici e socio-economici - Francesca Gherardi e Elena Tricarico
Il visone Americano in Italia: distribuzione, impatti e priorità di azione -
Cambiamento globale e specie aliene nel mare Mediterraneo -
Specie vegetali esotiche nelle isole del Mediterraneo: metodologie di
analisi, valutazione dei rischi e strategie per il controllo -
Anna Occhipinti e Bella Galil
Specie vegetali non-native in Italia: distribuzione, invasività ed impatti
potenziali - Laura Celesti-Grapow, Giuseppe Brundu, Ignazio Camarda,
Laura Bonesi, Francesca Jordan, Michele Ferretto, Marianna Vascotto
Giuseppe Brundu
Lucia Viegi, Carlo Blasi
Venerdi 12 settembre
9.30
Apertura del Workshop
9.30-10.45 Sessione II: Meccanismi ed impatti. Chair: Folco Giusti
Invasioni di piante esotiche nelle Alpi: fattori climatici limitanti Elena Barni e Consolata Siniscalco
Uccelli in fuga: il bengalino e gli altri esotici in Toscana - Francesco Pezzo,
Iacopo Corsi, Federico Merli, Luca Puglisi
Pesci alloctoni e loro impatto su specie e comunità indigene in Italia -
Eradicazione dei gatti inselvatichiti dell’Isola di Pianosa, Parco Nazionale
Arcipelago Toscano: a un passo dal successo… - Francesca Giannini, Paolo
Sposimo, Nicola Baccetti, Francesca Bandinelli
Il controllo della nutria in Italia: il quadro nazionale ed esperienze regionali - Sandro Bertolino
Un approccio integrato a scala regionale: Progetto Atlante Specie Alloctone Lazio (PASAL) - Andrea Monaco
13.15-14.45
Pausa pranzo
Sergio Zerunian
Risultati preliminari di un'indagine conoscitiva APAT/ARPA Liguria/ARPA
Sicilia/ARPA Toscana sulle iniziative finalizzate alla prevenzione, monitoraggio e mitigazione degli impatti delle specie aliene invasive in Italia -
10.45-15.35 Sessione III: Le risposte. Chair: Giampiero Sammuri
Claudio Piccini
Interventi di controllo dei ratti nelle isole italiane: aspetti tecnici, priorità
e prospettive future - Nicola Baccetti, Dario Capizzi, Paolo Sposimo
I finanziamenti dell’Unione Europea per i progetti di gestione e ricerca
per le specie aliene - Riccardo Scalera
11.10-11.35
Pausa caffè
Il controllo delle specie esotiche Amorpha fruticosa e Yucca gloriosa per il
restauro ecologico degli ecosistemi costieri della Toscana Settentrionale Antonio Perfetti
15.35-17.00
Tavola rotonda. Moderatore: Piero Genovesi
15.35-15.45
Introduzione
17.00 Chiusura del Workshop