Il Castello del Buonconsiglio e Torre Aquila, la vita

Commenti

Transcript

Il Castello del Buonconsiglio e Torre Aquila, la vita
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
L’incontrodelleArti#7
LaTrentonobiledeiprincipi-vescovi
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,
lavitafeudalenellapitturatardogotica
diClaudiaAntonellaPastorino
culturale. Già Tridentum romana, lo splendidum municipium
(secondo una felice espressione dell’imperatore Claudio nel
46a.C.)fufondatoversolametàdelIsecoloa.C.,venuto
Per Trento, città idealmente unita a Trieste per l’azione
alla luce durante i lavori di restauro e ampliamento del
irredentista di ricongiungimento all’Italia durante la Grande
Teatro Sociale eseguiti dal 1990 al 2000, e oggi visitabile a
Guerra contro l’Austria, il massimo splendore risale al XVI
livello sotterraneo percorrendo un’area archeologica molto
secolo, sotto il governo del principato vescovile che ne
estesa; un moderno allestimento ricostruisce, in assoluta
incentivò in modo eccellente lo sviluppo urbanistico e
sicurezza, un percorso nel sottosuolo di 1700 mq che si
1
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
snodatraspazipubblicieprivati,edifici,strade,muraedaltri
legamedidipendenzadeiduepoteriedeivincolidifedeltàal
elementiarchitettonico-urbanisticichecostituivanolarealtà
tronodapartediquestiprincipiimperiali;laseriediritrattisi
quotidianadell’anticaTridentum.
chiudeconquellodiPietroVigiliodiThun,ultimovescovodal
Dopolacadutadell’imperoromanoeledominazionidiGoti
1776 al 1800, quando la storia del principato si avvierà
e Longobardi, nel 982la città entrò a far parte delSacro
all’inesorabile declino con le riforme di Maria Teresa
Romano Impero Germanico e iniziò ad affermarsi il potere
d’Austria prima, con l’invasione napoleonica dopo. L’azione
degliimperatoridiareatedesca.Costoro,apartiredaiprimi
di sviluppo nel settore urbanistico-architettonico ma anche
anni del Mille, affidarono il governo della città ai principi-
le innovazioni e l’impulso dato ai commerci, alle Lettere e
vescovi perlopiù di provenienza da quei paesi di lingua
alle Arti, risulta evidente ancora oggi semplicemente
tedesca e da quelli dell'Europa centrale cui il Trentinoera
attraversando questa città di nobile aspetto, leggendo i
legato oltre il confine alpino, e da allora furono chiamati a
nomi delle vie od osservando vestigia e palazzi affrescati, a
reggerne le sorti per quasi otto secoli: in cinquantuno nel
suggello dei tratti signorili mantenuti tuttora dalla Trento
corso del tempo, fino alla soppressione dell’istituzione nel
austriacantefigliadiunprincipatoattivofindalMedioevo.
1803adoperadiNapoleone.Liritroveremo,inunacarrellata
diritrattidopol’annoMille,nelleparetiaffrescatedellaSala
Ildominioeifastidelgovernoecclesiasticociriportanonon
dei Vescovi nella parte medioevale (Castelvecchio) del
soltanto al Sacro Romano Impero franco-teutonico, ma
Castello del Buonconsiglio, con i nomi dei papi riportati nel
all’idea alquanto fantasiosa del vescovo tiranno fattane dal
registro superiore della decorazione e, sotto, la
celebre film Ladyhawke (1985), quando nell’alto medioevo
raffigurazione degli imperatori coevi, a conferma del forte
eraprassinormale,dapartediunprelato,amministrarecittà
2
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
istituzionali politico-amministrative esercitate accanto
all’opera d’incentivazione artistico-culturale del territorio.
Corti come quella del principato di Trento furono
caratterizzate,versolafinedel1300,daunclimaumanistico
e dal linguaggio cortese-cavalleresco con interessi per la
natura,riferimentiafigureedepisodidelmondoclassico,a
temi profani del quotidiano dei vari ceti, come la caccia,
l’attività agricola e pastorale, i lavori legati alla produzione
alimentare, i tornei, il corteggiamento, i divertimenti delle
classi agiate: un mondo che si riflette nelle pitture, nelle
eterritoriinvirtùdell’eserciziodell’autoritàreligiosaunitaal
decorazioni,negliaffreschi,asecondadegliambientidicorte
poteretemporale.Accantoniamoillatoromanzescodelfilm
primariosecondariincuivenivanorealizzati.Itemifissidel
imperniato sulla figura del malvagio vescovo di Aguillon,
potere religioso e imperiale associati, la descrizione della
artefice di una maledizione che ostacola l’amore di Isabeau
natura,lescenedicaccia,lastessafisionomiadeipaesaggiin
D’Anjou ed Etienne Navarre trasformati rispettivamente in
mezzo a monti, boschi, foreste e distese d’acqua, come
un falco di giorno e in un lupo la notte, cosicché restino
anche l’aspetto dei personaggi raffigurati, rispecchiano il
eternamentedivisi,econsideriamoinvece,abeneficiodella
clima politico del tempo e un ambiente paesistico
Storia, questa figura spesso illuminata vista non solo nella
tipicamentenordico.
sua carica ecclesiale, ma nelle sue dirette funzioni
3
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
Tra i tanti monumenti cittadini,
voluto
la Torre Vanga ci riporta al
delleminiereargentifere del Monte Calisio, chiamato anche
governo di Federico Vanga o
Argentario.
Wanga(FriedrichvonWangeno
Struttura difensiva sull’Adige, Torre Vanga fungeva da
Wanger),
nato
baluardodiconfineediaccessoperchientravaincittàdalla
intorno al XII secolo, principe-
LombardiaodallavalledelSarcatramitelaPortaBresciana
vescovo dal 9 agosto 1207 fino
situata in prossimità della Torre stessa, in seguito adibita a
all’anno della morte avvenuta
carcere fino all’Ottocento, periodo a cui risalgono le sue
nel1218adAccon,l’odiernaAcri
finestrequadrate.Ciinteressasoprattuttoperchétraqueste
in Israele, durante il viaggio per la quinta crociata in Terra
mura venne imprigionato per breve tempo Giorgio di
Santa. Diede avvio alla costruzione delDuomonel 1212,
Liechtenstein (1360-1419), originario della Moravia, eletto
affidando i lavori all'architettosvizzero Adamo d'Arogno, e
principevescovodiTrentonel1390,controilqualesiscagliò
nello stesso anno accompagnòFederico II di Sveviain
la rivolta del 1407 guidata dal capitano del popolo Rodolfo
Germaniaperlasuaincoronazioneaimperatoreavvenutail
Belenzani, nobile trentino che ha dato il nome alla via più
9 dicembrenelDuomo di Magonza. Nominato l’anno dopo
bellaeparticolarediTrento;sudiessasiaffaccianopalazziin
vicario imperiale, diede impulso alle ricerche minerarie nei
stile veneto, alcuni magnificamente affrescati come il
montitrentini,comeattestanel1215unaraccoltadileggiedi
Palazzo Geremia di fine XV secolo, o Palazzo Thun, attuale
antichidocumentigiuntaciconilnomediCodexVangianus,al
sededelmunicipio,cheracchiudeinununicocomplessouna
cui interno si trova il codice minerario più antico d’Europa
serie di edifici preesistenti nella metà delXV secolo, poi
austriaco,
4
dal
principe
per
la
regolamentazione
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
restauratonel1830dalconte
simbolo, il Castello del Buonconsiglio, antica fortezza
MatteoThunsecondoilgusto
duecentesca edificata su un’altura rocciosa, sede originaria
neoclassico.
diuncastrumromano.
Gli
oppositori
del
Il dosso in cui venne edificata la strutturaera
di
denominatoMalconsey a partire dalXIII secolo, ma dal
appoggio esterno, subirono
1300si preferì modificare il termine con uno più positivo,
una dura sconfitta il 5
Buonconsilii(del Buonconsiglio), ossia il luogo d’incontro
luglio1409dalle
truppe
della comunità. Dopo una serie di passaggi istituzionali nel
diFederico IV d'Asburgo, ma
corso degli anni, dal 1992 assumerà il nome definitivo di
da allora, anche per dissidi
“Castello del Buonconsiglio, monumenti e collezioni
con quest’ultimo, il prelato
provinciali”, di cui entreranno a far parte altre quattro sedi
non ebbe vita facile e, tra alterne vicende, dovette lasciare
distaccate: Castel Beseno in Vallagarina, Castello di Stenico
definitivamente la città nel 1419, rifugiandosi nel castello
nelleGiudicarie,CastelThuninValdiNoneCastelCaldesin
diSporminore,piccolocentrodellaprovinciatrentinasituato
ValdiSole.
all’imbocco della Val di Non, dove morì il 20 agosto di
quell’anno.Aldilàdellequestionipolitiche,questovescovo
Il Castello, residenza ufficiale dei principi-vescovi dalla
colto, che aveva studiato diritto all'Università di Vienna ed
seconda metà del XIII secolo fino alla soppressione del
era anche un buon bibliofilo, resta a tutt’oggi una figura di
potere temporale ecclesiastico nel 1803, componendosi di
riferimento per la storia della città e del suo maestoso
un insieme di edifici di varie epoche, richiede una visita
Liechtenstein,
privi
5
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
impegnativa e ben fatta per non perdersi l’importanza di
tutti i collegamenti, gli sviluppi, le modifiche e gli
ampliamenti riferiti al succedersi dei periodi. L’attenzione
andrebbeconcentrataalmassimo,poichésiamodifrontea
untrionfodiartiedistoriaintrecciate,distiliarchitettonicie
artistico-pittorici di prim’ordine, di edifici risalenti a secoli
diversi con molte sezioni dedicate a collezioni d’arte di vari
periodi tra dipinti, volte e mura affrescate, sculture, opere
grafiche,
codici
miniati,
raccolte
archeologiche
e
numismatiche, preziosa oggettistica in bronzo, cristallo,
secolo, dominato dalla cilindrica torre merlata chiamata
avorio, ceramica di età rinascimentale e barocca. L’attuale
Mastio o Torre d’Augusto senza che però nulla abbia a che
struttura è un insieme di tre corpi principali, Castelvecchio,
fare con il periodo romano. Al contrario, è di epoca assai
Magno Palazzo e Giunta Albertiana, racchiusi in una vasta
posteriore, della prima metà del Duecento fatta erigere dal
cinta muraria che si presenta in tutta la sua imponenza sia
lucano Sodegerio da Tito (Tito è un piccolo centro in
osservandola dal livello stradale, sia ammirandola da una
provincia di Potenza), podestà di Trento dal 1238 al 1255. Il
qualsiasialturapanoramicadellacittà.
porticato del cortile, sormontato da loggiati sovrapposti su
Il merlato Castelvecchio, la parte più antica nata come
tre livelli e collegati da scale in pietra, fanno parte di
fortezzamilitare,èilprimoedificiodelcomplesso,sorgesu
modifiche apportate nel tardo XV secolo dal principe
una prominenza rocciosa vicino all’Adige e risale al XIII
vescovoJohannesHinderbach(GiovanniIVHinderbach),che
6
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
nel 1475 ampliò la sua dimora facendo costruire la grande
cittadina
che
merlatura e la splendida Loggia veneziana affacciata sulla
proprio
città e la valle dell’Adige, da cui si ammirano i principali
Castello,
monumenti di Trento: la Cattedrale con il vicino Palazzo
dell’ingressoprincipale.
PretorioelaTorreCivicamerlata,icampanilidellechiesedi
Personalità
SantaMariaMaggiore,diSanPietroediSanMarco.Digusto
riformista, impegnata in
gotico,laLoggiaèunagrandepoliforaanovearchitrilobati
un
– composti da tre archetti minori, caratteristici dello stile
rinnovamento culturale e
architettonico orientale – sorretti da otto colonne in pietra
urbanisticodellacittà,Cles
rosa e otto capitelli corinzi in pietra bianca con motivi
avviòimportantiiniziativedimodernizzazione,preparandoil
vegetaliefloreali.
terrenoalfamosoXIXConcilioecumenicocontrolaRiforma
Già questa nuova soluzione di abbellimento edilizio, con
Protestante che si aprì il 13 dicembre 1545 e durò quasi
nobiltàdiformepiùmorbidemoderne,silasciaallespallela
vent’anni,finoal4dicembre1563,sottoilpontificatoditre
configurazione di tipo rigidamente militare e introduce un
Papi(PaoloIII,GiulioIII,PioIV).Lacittàfusceltacomesede
criterio di abitazione consona alla residenza del principe-
dell’eventosottoilvescovadodiCristoforoMadruzzo(1512-
mecenate, quale fu in particolare il cardinaleumanista
1578), subentrato a soli ventisette anni alla morte di Cles e
BernardoCles(oClesio,1485-1539)alcuinomeèancoraoggi
nominato poi cardinale da Paolo III (Alessandro Farnese), il
associato il prestigio di Trento più la trafficata arteria
PonteficepromotoredelConcilio,ilqualeperricompensarlo
di
scorre
fianco
dalla
parte
vivace
processo
al
e
di
diavereospitatol’eventogliassegnòilFeudodiSorianonel
7
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
Cimino, in provincia di Viterbo. Le sessioni si svolsero
adornadibeiportaliedaffiancatadauncampanileatrifore,
principalmentepressoilDuomooCattedralediSanVigilio–
conisuoi53metriilpiùaltodellacittà.
patrono della città - chiesa in stile romanico-gotico (XII-XIII
Laprofondasensibilitàumanisticaspinseilprincipeatenere
secolo),alcuiinternovennerealizzataadoperadiGiuseppe
una corrispondenza con il filosofo olandeseErasmo da
Alberti, nel 1682, la Cappella del Crocefisso, una
Rotterdam (1466-1536), più volte invitato alla corte
strutturabaroccainserita nelle forme quasi totalmente
tridentina.NominatocardinaledapapaClementeVIInel1530
romaniche che custodisce il Crocifisso davanti al quale
a
furono promulgati i decreti del Concilio. Ne accolse
ifavoritiallacandidaturapapalenelconclavedel1534,mala
numerose sedute (terza sessione) anche la chiesa cittadina
sua eccessiva vicinanza alla corte imperiale, poco gradita a
di Santa Maria Maggiore fatta realizzare nel 1520 dal Cles,
Roma,fecesfumareilprogetto.
8
Bologna,
alla
morte
di
quest’ultimo
fu
tra
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
Nel1538il pontefice Paolo III gli affidò l'amministrazione
obbligato per accedere alla nuova residenza vescovile –
delladiocesi di Bressanone, città dove morì il 30 luglio1539
l’imponenteritrattodiCarloMagnointrono,tributoalSacro
durante un banchetto. La fama del Cles si deve soprattutto
Romano Impero, con accanto dignitari e soldati con lo
almeritodiessersiresoarteficedellacostruzioneasuddel
stendardo azzurro dei gigli di Francia e quello dell’aquila
Buonconsiglio della sua pietra miliare cinquecentesca, il
imperiale. Nella zona inferiore, realizzò la serie dei vescovi
Magno Palazzo, struttura rinascimentale splendidamente
trentiniprimadell’annoMille,intervallatidamedaglionicon
decorata e affrescata da insigni artisti dell’epoca, dagli
profili imperiali. Per inciso, Fogolino decorò anche Casa
architettiLudovicoZaffran,BattistaCovoeAlessioLonghiai
Cazuffi-Rella - uno degli edifici storici dipinti che, con Casa
pittori Marcello Fogolino, Girolamo Romanino, i fratelli
Balduini, si affaccia su piazza Duomo - con scene
DossoeBattistaDossi.
rappresentantifigureallegorichedellamitologiagreco-latina
Il friulano Marcello Fogolino, pittore di corte presente a
Trento dal 1527 al 1549, fu attivo per un quinquennio al
servizio del cardinale a partire dal 1531, operando in
numerosiambienti.Trail1532eil1533affrescòlaseriedegli
imperatori romani e gli episodi della vita di Giulio Cesare
nella Camera terrena del Torrion da basso, perfettamente
circolare, la cui volta è occupata al centro dalgrande
stemmacardinaliziodelCles.Nel1534dipinsesullasommità
dellapareteorientaledelcortilediCastelvecchio–passaggio
9
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
secondo il gusto rinascimentale etemi della cultura
Impero Germanico. Quattro grandi medaglioni in pietra
moralisticamedioevale(raffigurazionideiviziedellevirtù).
sopragliarchidellaLoggia,mostranoiprofilidiMassimiliano
Sulla parete meridionale del Cortile dei Leoni, un ambiente-
Iimperatore,FilippoilBellorediSpagna,CarloVimperatore
giardino posto in posizione centrale e di comunicazione fra
e re Ferdinando Id’Asburgo, quale omaggio alla Casa
le varie parti del palazzo, spicca la Loggia affrescata dal
d’Austria cui il principe era legato da vincoli di fedeltà; gli
pittore bresciano Girolamo Romani detto il Romanino, che
stemmiaffrescatidiquestidueultimiregnantisiconservano
realizzò la decorazione di vari ambienti sia con scene
sulla parete del Cortile dei Leoni di fronte alla Loggia e,
d’ispirazione classico-umanistica, sia con scene derivate da
all’interno della Sala Grande, nel fregio pittorico dei fratelli
aspettidivitaquotidianaacorte.Nellospaziopittoricodella
Dosso e Battista Dossi (1532), con stemmi e insegne riferiti
loggia, realizzò tra i riquadri della volta, le vele triangolari,
allegloriedelprincipe.
i pennacchi e le lunette, uno dei cicli pittorici più originali e
TantigliambientidelMagnoPalazzo(descriverlituttiunoad
suggestivi del Rinascimento, composto da una serie di
uno richiederebbe troppo spazio), arricchiti di collezioni
episodimitologicie distoria romana, e da scene ricavate
d’arte, quadri, sculture tirolesi e delle vallate, decorazioni e
dallaBibbia. Affrescò nel 1531 la Sala delle Udienze,
simbolicelebrantiifastidelCles,mavorremmoricordarela
collocandovilostessoBernardoClesinattivitàdilavorocon
Stua della Famea, sala da pranzo per lafamiglia (famea)
il suo segretario, attorniato daglistemmifamiliari e del
o corte vescovile, riccamente abbellita da affreschi eseguiti
Principato,mentrealleparetiposelefiguredeisovranidella
fra il 1531 e il 1532 dai fratelli Dossi. Al centro della volta è
dinastia d'Asburgo di fronte agli imperatori romani, in una
rappresentata l’impresa del principe, con le sette verghe
continuità ideale tra Impero Romanoe Sacro Romano
legate in fascio entro una grande ghirlanda di foglie
10
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
efrutta;agliangolisonoraffiguratiglistemmidellafamiglia
direttamenteCastelvecchioalMagnoPalazzofattacostruire
e del principato. Nei pennacchi è affrescata a monocromo
in età barocca, nel 1686, da Francesco Alberti Poja (1610-
unafintagalleriadiantichesculturemutile,presentatecome
1689), principe vescovo di Trento dal 1677. Riproducente
reperti di scavo, mentre nei vasti paesaggi delle lunette si
all’esterno l’aspetto cinquecentesco del palazzo clesiano,
vedono alcune delle più famose favole di Esopo e Fedro,
presentainveceall’internoprezioseesfarzosedecorazionidi
inseriteperfinalitàmoralicom’eranellospiritodell’epoca.La
stucchieaffreschidifineSeicento.
sala è detta anche “del tribunale”, perché quando
nell’OttocentoilCastellodivennesededellacasermamilitare
TorreAquila,coloridiserenitàmedioevale
austriaca, qui s’insediò la corte che processò e condannò a
morte per capestro gli irredentisti trentini Cesare Battisti
Nella stazione ferroviaria di Trento, lungo le pareti del
e Fabio Filzi, eseguita il 12 luglio 1916 nel cortile interno sul
sottopasso che porta ai binari, spicca una serie di
retro del Castello, nella Fossa della Cervara o Fossa dei
riproduzioni pittoriche del Ciclo dei mesi (1390-1400 circa),
Martiri. Due mesi prima, il 19 maggio, era stato fucilato in
visibile in originale nella zona più meridionale del
quella stessa Fossa un altro martire patriota, Damiano
Buonconsiglio, a Torre Aquila. Affiancate l’una all’altra,
Chiesa,giudicatoaVillaGerloniinviadellaSaluga,semprea
nessunolevede,nessunolenota,nessunoseneaccorge.La
Trento,daltribunalediguerraaustriacochedurantelaprima
gente,intuttafretta,saleoscendepercorrendoilcorridoio
guerra mondiale vi stabilì il quartier generale dell'XI
da o per l’uscita senza mai badare ad altro che ai tabelloni
armata.Dalla Stua della Famea si accede al primo piano
dellepartenzeedegliarrivi.Ipannellisonolì,visibiliatutti,
dellaGiunta
eppure in pochi sanno e si rendono conto che quella
Albertiana,
struttura
che
congiunge
11
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
coesistevano pacificamente con le debite distanze
edifferenzediruoli.
Perammiraretuttoquestobastapagareunbigliettoaparte
di soli due euro, facoltativo, per Torre Aquila, e la visita al
Castello può dirsi per davvero completa. Vi si accede
giungendo alla Loggia veneta e, da lì, passando per la Sala
dei Vescovi fino all’adiacente Sala delle Stufe, che raccoglie
imponenti stufe in maiolica di manifattura trentina, del
Seicento e metà Settecento, tra ceramiche policrome e
formelle in rilievo con motivi geometrici e raffigurazioni di
personaggi a cavallo. Da questa Sala, ad orario prestabilito
carrellatadiundicimesi,daicolorivivacissimi,ricchidiscene
ogni quarantacinque minuti su accompagnamento di un
dellarealtàfeudaletrentina,appartieneauncapolavorodel
addetto, si esce all’esterno e s’imbocca il percorso lungo e
gotico internazionale (caratteristico stile d’arte in voga tra
stretto verso il settore meridionale del complesso, dove
il1370circa e la prima metà del1400). Sono raffigurazioni
Giorgio di Liechtenstein alla fine del 1300 fece collegare il
unichenellorogenerenonsoloperstileecomposizione,ma
nucleoduecentescopiùantico,Castelvecchio,allaTorre(già
anche,esoprattutto,perlagrandefreschezzanarrativasulla
Torre delle Laste), a pianta quadrangolare, nove metri per
vita cortese del tempo, dove ceti nobiliari e popolazione
otto, ed alta circa ventidue metri. Imboccato il
camminamento delle mura orientali che conducono fin lì, si
12
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
passa, circa a metà tragitto, per la Torre Falco,
privato, lontano dall’ufficialità
probabilmentefattaerigeresempredalprincipepocodopo
di altri locali. Liechtenstein la
il 1390. Gliaffreschiche ricoprono le pareti, attribuiti al
fecerivestirediuntettoinstile
pittoreHansBocksbergerilVecchio(1510–1561)edatabilial
goticocoprendoanchetuttoil
quarto decennio del Cinquecento, sono dedicati a paesaggi
camminamento di ronda (il
boschivi, svaghi all’aperto dei nobili, a scene di caccia col
tragitto di pochi minuti che si
falcoedipescainunostagno.Lapareteoccidentalemostra
percorreapiediperarrivarci)a
sullo sfondo la città di Salisburgo nel suo antico aspetto,
difesa delle mura orientali fin
prima della ricostruzione della cattedrale dedicata ai Santi
dove una volta c’era, come
RupertoeVirgilionelleattualiformebarocche.
dicevamo, l’omonima porta
LasciatadunqueTorreFalcocheèsolodipassaggiolungoil
cittadina.
cammino, si prosegue sempre diritto fino a raggiungere
PortaAquila,checonduceperlaValsuganaeVenezia,eche
Torre Aquila, il cui interno si presenta diviso in tre piani,
guardando in direzione di Aquileia (in provincia di Udine)
collegati da una scala a chiocciola di legno non visibile
probabilmente diede il nome alla Torre. All'interno della
entrando, essendo coperta da un rivestimento cilindrico. Al
porta, sul lato cittadino si trova un affresco del pittore
piano inferiore una botola si apre sulla sommità della porta
Girolamo da Trento, poi divenuto capitano della porta, con
cittadina sottostante. La struttura, aperta in origine, venne
gli stemmi del principe vescovo Giorgio III di Neideck, san
modificata e sopraelevata per farne un baluardo di difesa,
VigilioesanGiorgio.Sullatomeridionalevièlostemmadella
sededellaguarnigione,ericavareperilprincipeunambiente
famiglia dei Cles, con iscrizione riportante la data del 1520.
13
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
All'iniziodelXVIsecololaTorredivenneparteintegrantedel
MagnoPalazzoe,versolafinedellostessosecolo,fuadibita
aprigione.
Stando seduti al suo interno, abbracciando con un colpo
d’occhio il piccolo spazio contornato dalle pitture molto
suggestive dei mesi, s’inizia ad ammirarle nei dettagli
vagandoconlamenteelememoriestorichelungopaesaggi,
aspetti, momenti e costumi della vita feudale di nobili e
contadofinquasiaproiettarvisidentro,comenellamagiadi
una macchina del tempo. Lo sguardo va alle pareti
tutt’intorno, dove al di sopra di un drappeggio dipinto a
e sociale del Trentino tra la fine del IV secolo e l’inizio di
bande verticali colorate bianche e rosse, campeggiano
quello successivo. Manca il mese dimarzodipinto su un
affreschi che sembrano arazzi, in un tardogotico misto a
supportodilegnoincorrispondenzadellascalaachiocciola,
motivi boemi, francesi e lombardi tra i più significativi
epurtroppoandatodistruttoduranteunincendio.Lescene
dell'Italiasettentrionale.
sono unite spazialmente come se viste attraverso una
Adestradellascalaachiocciola(chenonsivede,trovandosi
loggetta con colonnine tortili, in una visione unitaria, con
racchiusa di spalle agli occhi di chi guarda) inizia il Ciclo dei
tuttiglisfondieidettagliarchitettoniciannodatidascenaa
Mesi da aprile a febbraio, in continuità, in undici diversi
scena. A realizzare i dipinti fu il maestro boemo Venceslao
riquadrichedocumentanolasituazionepolitica,economica
14
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
o Wenceslao, del quale non si conoscono neppure luogo e
scolastici–sorprendeeammalia.Figuredivescovi-lostesso
datadinascitaemorte,malacuipresenzaèdocumentatain
principediLiechtensteinèritrattonelriquadrodisettembre
città nel1397 tramite la conferma della commissione
- dame riccamente abbigliate, signorotti a piedi e a cavallo
assegnatagli dal principe-vescovo Giorgio di Liechtenstein,
impegnati nelle loro attività di svago, caccia, giostre,
appartenente ad una antica famiglia della Moravia, tra gli
suonatoridistrumentiafiato,passeggiateacavallooapiedi
ultimiannidelTrecentoeil1400.Gliaffreschifuronoeseguiti
per boschi e giardini, banchetti all’aperto, si alternano
in ogni caso entro il 1407, quando il vescovo venne
o s’intrecciano con i cicli della natura, della semina,
imprigionato e allontanato da Trento in seguito alla rivolta
dell’allevamento, della vendemmia, della raccolta della
popolare capeggiata dal Belenzani cui accennavamo più
legna, della filatura, della fioritura delle stagioni. Si notano
sopra.
cavallibianchi,cani,maiali,cinghiali,asini,buoi,unorsoche
Osservandoescorrendocomeunaletturailgruppodidipinti
in aprile si sveglia dal letargo o, in febbraio, sotto a destra
mese per mese, abbiamo la raffigurazione ideale della vita
dellascalaachiocciola,labottegadiunfabbroaddettoalla
feudale della nobiltà e del contado, con scene varie
preparazione delle lance per il torneo rappresentato più
sovrapposteesenzaesigenzediregolediprospettiva.Poco
sopra,davantiaunaplateaprevalentementefemminile.
importa che l’audio-guida, consegnata individualmente ai
Speciale attenzione viene prestata al succedersi delle
visitatori,iniziilsuoraccontodalmesediaprileperfinirloin
stagioni, con minuzia di particolari anche nei cambiamenti
febbraio,lalogicaeilfascinodell’ambientenoncambiano,si
delpaesaggioedellavegetazione:l’ambienteèrigogliosoin
entrainognicasoinunadimensionepoeticache–percome
primavera, la semina prelude all’abbondanza dei raccolti in
il medioevo ci viene solitamente tramandato dai testi
estate, l’inverno bianco di neve diventa occasione di svago
15
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
perinobilicheingennaiosilancianopalledineve,consullo
alto e al centro di ogni
sfondo la caccia alla volpe e le fattezze di Castel Stenico.
affrescoèbenvisibilelafigura
Novembre e dicembre si presentano in un’unica scena
delsoleconilnomedelsegno
collegata, come si nota dalla continuità della cinta muraria
zodiacale accanto, a seconda
con le varie porte cittadine da cui entrano ed escono dei
del mese. Venceslao per le
personaggi a piedi e a cavallo – riconoscibile il nucleo più
sue scene trasse spunto
antico del Castello del Buonconsiglio - mentre intorno si
dall’osservazione della vita
lavora o si va a caccia, nell’alternarsi delle occupazioni
reale così come presentata
gentilizieedellagentecomune.Inpratica,èlatrasposizione
nelle illustrazioni di uno dei
di una serena realtà del periodo di ultimo medioevo che
preziosi libri posseduti dal vescovo, fine collezionista di
scorreattraversoleillustrazionielestoriedivitaquotidiana
opere d’arte e bibliofilo, il Tacuinum Sanitatis, prontuario
osservatecomeinungiornaledipinto-anzichéstampato-
illustrato di medicina e botanica cui sicuramente l’artista
difineQuattrocento.
ebbe accesso come fonte d’ispirazione. Si tratta di uno dei
La cura dei particolari riguarda anche l'abbigliamento
testitrattidall’insiemedeiTacuinasanitatisinmedicina,sotto
maschileefemminilesecondolamodadeltempo,conabiti
il cui nome vengono classificati tutti quei manualidiscienza
daicolorisgargianti,icappelli,l’acconciaturadelledonne,le
medicadatabili dalla seconda metà delXIV secoloal 1450
barbe a punta ben curate degli uomini, l’attività cortese-
circa, riportanti tramite miniature e brevi precetti su ogni
cavalleresca dedita alla poesia, al corteggiamento, alle
foglio le proprietà mediche dipiante, ortaggi,alberi da
dichiarazioni d’amore, alla conversazione, agli incontri. In
frutta,spezie, cibi e bevande, ma anchestagioni, eventi
16
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
naturali, stati d’animo, importanza di sonno e movimento,
vita sessuale,ariasalubre,coneffetti e reazionisulcorpoe
su tutta la persona. Ogni miniatura illustra la materia
specificaallaqualeilprecettosiriferisce.Treicodiciminiati
di maggior pregio giunti fino a noi: uno conservato
aViennapresso la Biblioteca Nazionale, uno aPariginella
Bibliothèque Nationale de France e l’altro aRoma, alla
Biblioteca Casanatense, ma quest’ultimo prende il nome,
diversamente dagli altri due, di Theatrum sanitatis, che per
contenutieimpostazionenondifferiscedaiTacuinaederiva
daltestodelmedicochirurgoaraboAbuKasim,scrittotrail
1052eil1063.
La visita a Torre Aquila dà un senso di riposo e al tempo
stessodiavventuraidealedentrounviaggiodellamemoria,
che è anche un viaggio nella storia e nel tempo, in un
medioevo non così regredito o a fosche tinte come
comunemente si crede travisandone in pieno i fermenti, la
sensibilità,lasetediricercaeglisviluppiche,invariambiti,
anticiparonoeprepararonol’etàmoderna.
17
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
18
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
19
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
20
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
21
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
IMMAGINI
pag.1-VedutaesternadelBuonconsiglio
pag.3-IlCastellonelfamosodipintoadacquerello(1494)di
AlbrechtDürer
pag.4–TorreVanga
pag.5–TorreAquila.IlprincipevescovoGiorgiodi
LiechtensteinritrattonelCiclodeiMesi(Settembre)
pag.6-Loggiaveneziana,affacciopanoramicosullacittà
pag.7-RitrattodelvescovoBernardoCles
pag.8asinistra-IlConciliodiTrentotenutosinelDuomo
pag.8adestra-PapaPaoloIIIhalavisionedelConciliodi
Trento.DipintodiSebastianoRicci,oliosutela,1687-1688
(Piacenza,MuseiCivici)
pag.9-LefacciateaffrescatediCasaCazuffi-Rella,supiazza
Duomo
22
IscrittanelPubblicoRegistrodellaStampadelTribunalediRimini:n°11del24-05-2011
ISSN:2239-0898
ClaudiaAntonellaPastorino
IlCastellodelBuonconsiglioeTorreAquila,lavitafeudalenellapitturatardogotica
www.aracne-rivista.it
Rubriche2016–L’incontrodelleArti
pag.12-EsternodiTorreAquila(infondo)col
Claudia Antonella Pastorino, giornalista e musicologa, unisce da
camminamentocopertodacuivisiaccede
sempre la profonda formazione umanistica all’attività di ricerca
pag.13-Affreschisullatointernodellaportadellacittà
nelcampodellacriticastorico-letterariaedelteatrod’opera.
pag.14-Vedutad'insiemediTorreAquilacolCiclodeimesi
Ha pubblicato contributi saggistici per quotidiani e riviste (la
storica Scena Illustrata fondata nel 1885 da Pilade Pollazzi, Il
pag.16-Falciatura,Tacuinasanitatis
Mattino,IlGiornalediNapoli,LaVocedelMeridione,Musica,)evari
pag.17–Gennaio
testi. È inserita tra le voci del Dizionario di Musica Classica edito
pag.18asinistra–Febbraio
dalla BUR (Biblioteca Universale Rizzoli). Ha fondato e diretto la
pag.18adestra–Aprile
rivista Rassegna Musicale Italiana, dedicata interamente ad
pag.19asinistra–Maggio
approfondimenti sul teatro lirico, la sua storia e le sue
pag.19adestra-Giugno
problematiche.
pag.20asinistra–Luglio
Collaboratuttora,concontributisaggistici,ariviste,ufficistampa,
pag.20adestra–Agosto
programmidisala,caseeditrici.
pag.21asinistra–Settembre
pag.21adestra-Ottobre
pag.22–NovembreeDicembre
Pubblicatonelmesediaprile2016
23

Documenti analoghi