Estorsioni: Grasso a festa Addiopizzo, ormai denunciare paga

Commenti

Transcript

Estorsioni: Grasso a festa Addiopizzo, ormai denunciare paga
Estorsioni: Grasso a festa Addiopizzo, ormai
denunciare paga
Alla manifestazione anche il prefetto antiracket Belgiorno
18 maggio, 15:28
(ANSA) - PALERMO, 18 MAG - ''Per me è una tradizione venire alla fiera di Addiopizzo sin dal
2004, quando ero procuratore a Palermo. Vedo che dai primi 100 commercianti che hanno aderito
sin dagli esordi al comitato Addiopizzo, di strada se n'è fatta e il numero di operatori aumenta
sempre di più. Ora bisogna coinvolgere maggiormente le borgate, le periferie e i mercati rionali
della città''. Così il presidente del Senato Piero Grasso ha inaugurato la nuova edizione della festa
del consumo critico del comitato Addiopizzo, in corso al Giardino inglese di Palermo, e che ogni
anno riunisce commercianti e associazioni che hanno detto no alla mafia. ''Ormai possiamo dire che
la denuncia paga - ha aggiunto il presidente Grasso - non ci sono casi di chi si sia pentito di aver
denunciato quando sceglie di far parte di questa associazione che diventa uno scudo per chi sceglie
di stare dalla arte della legalità''. Il presidente del Senato ha visitato gli stand dei commercianti, e
questa mattina ha salutato a lungo Pina Maisano Grassi, vedova dell'imprenditore che
coraggiosamente, per primo, denunciò l'oppressione del racket e per questo fu ucciso dalla mafia
nel 1991, oggi presente alla fiera con lo stand di tessili dell'azienda di famiglia. Poi un giro tra gli
operatori pizzo-Free dell'area ristorazione, su tutti lo stand 'Flash dance' della famiglia Scimeca, di
Caccamo; i titolari dell'attività, vittime d'estorsione, sono stati i primi che nel 2005 hanno contattato
il comitato Addiopizzo. ''I cittadini oggi scelgono con consapevolezza il consumo critico'', aggiunge
il presidente del Senato che sottolinea l'importanza di una scelta simile in un momento in cui ''le
priorità del Paese sono l'economia pulita, il lavoro, i disoccupati, i giovani. Proprio i piu' piccoli
riescono spesso a far cambiare mentalità ai loro genitori, spero molto in questa attività formativa''.
Presente alla manifestazione anche il prefetto Elisabetta Belgiorno, commissario per il
coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura: ''La risposta delle istituzioni c'è ed è
testimoniata da questa giornata - ha detto - Gli operatori economici rispondono con grande
responsabilità e gli organizzatori della fiera del consumo critico mi hanno detto che l'anno prossimo
dovranno cercare uno spazio piu' grande. Questa iniziativa finanziata dal Pon sicurezza attesta che il
coraggio nel territorio c'è ed è un segnale entusiasmante''. (ANSA).

Documenti analoghi