Il barbone di Massimo D. Zilioli

Commenti

Transcript

Il barbone di Massimo D. Zilioli
Il barbone di Massimo D. Zilioli
Sinossi: Un barbone
viene aiutato da una sconosciuta accompagnata da un infante. Poco
dopo
la donna muore in un incidente. Il barbone si prende cura della piccola
cambiando completamente vita.
SOGGETTO: Un barbone molto sporco,
vestito in maniera del tutto casuale con pesanti abiti, ma visibilmente
ancora giovane, con una voglia viola sulla guancia, sta rovistando tra dei
bidoni della spazzatura in un vicolo nascosto e semi buio, sembra un topo.
Una giovane donna,
Veronica
, 30 anni, con in braccio una
bambina
, sta passando per il vicolo e vedendo il pover’uomo si ferma, estrae dei
soldi dalla borsa e gli e li dona, scambiando poche veloci parole,
riprendendo poi la strada. Poco dopo il rumore improvviso della frenata di
una macchina.
Il barbone, risale il vicolo, trovandosi davanti alla scena di un incidente: un
crocchio di persone è intorno ad un’automobile, l’autista dell’auto ha
investito Veronica; la giovane donna giace a terra immobile, un lago di
sangue si sta allargando sotto la sua testa; il mendicante, con una decisione
improvvisa, senza porsi domande, cerca e trova la bambina, la prende con
sé sparendo poi nel vicolo.
Sette anni dopo, stesso vicolo – Un signore distinto, con una voglia viola
sulla guancia, accompagnato da una
ragazza
ridente e spensierata stanno passeggiando per la strada, improvvisamente
si fermano all’imbocco del vicolo; l’uomo ha visto un
barbone
che sta rovistando tra i bidoni della spazzatura; da dei soldi alla bimba e
l’incarica di portarli al pover’uomo, come la bambina ritorna i due
riprendono silenziosi il cammino.
TRATTAMENTO:
La vicenda si svolge in Genova, in due vicoli e due strade - al giorno d’oggi - in pieno
inverno e con uno scarto temporale di 7 anni.
1 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
Un barbone, età 30 anni, due occhi neri e vivi sospesi nel mare di fango del suo volto, una
voglia viola sul viso (o altro segno facilmente riconoscibile), sporco e lacero, vestito di stracci e
con un lungo cappotto addosso, macchiato e bisunto
, sta rovistando tra dei bidoni
della spazzatura in un vicolo molto buio e squallido, in salita. E’ schivo, si muove furtivamente,
con continua paura che qualcuno lo scacci, lo mandi via anche da quella misera grigia vita da
topo che gli resta. Estrae del cibo dal bidone, lo annusa, lo butta via continuando
immediatamente la ricerca di qualcosa che possa soddisfare la sua fame.
Veronica, età 25 anni, vestita modestamente, con una grossa borsa che le pende da una
spalla, un corpo fresco, giovane e un viso marcato dalle prove della vita, ma sorretto da uno
sguardo fiero e deciso
, imbocca il vicolo con decisione portando tra le braccia un
fardello con fare protettivo e nello stesso tempo orgoglioso: è una
bambina
di pochi mesi avuta dal marito, morto prima che la figlia nascesse.
Veronica ha la necessità di vivere-decisa per la figlia, sa che la sua vita è ormai
indissolubilmente legata al mondo tramite quel fagotto che tiene tra le braccia, ma sa che il
mondo che gli sta di fronte sarà anche frutto del suo amore. Sale per il vicolo in salita e vede il
barbone. Dapprima si spaventa poi, ritornata sui suoi passi dà dei soldi al barbone con il quale
scambia brevi frasi. Riprende il suo cammino in salita.
Il barbone è rimasto attonito, sta tenendo ancora con una mano il coperchio del bidone, con
l’atra i soldi. Ha sentito che non era la solita carità che gli veniva donata, non era il solito
scaricarsi-la-coscienza che gli veniva donato, era …. AMORE. Immobile guarda la donna
svanire lentamente nella luce in cima al vicolo. Il rumore di una forte frenata provocata da
un’automobile lo fa trasalire dal suo stato di dolce meraviglia e precipitare in una nuova
condizione: apprensione, curiosità, sensazioni che non provava più da molto, molto tempo. Si
incammina verso la luce, in alto.
Quando sbuca dal vicolo, in una strada inondata dalla luce, trova un gruppo (3) di persone che
si è raccolto intorno ad una macchina. Avanza e vede Veronica: è distesa a terra, ai piedi della
macchina, una grossa pozza di sangue si sta espandendo sotto la sua testa. La donna è morta
e subito il barbone, senza cercare altre domande, sapendo esattamente cosa fare, si guarda
intorno alla ricerca della bambina. La vede adagiata sul sedile posteriore dell’auto, le va
incontro e la prende tra le sue braccia sporche svanendo subito dopo nel buio del vicolo dal
quale era spuntato.
2 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
Sette anni dopo, stessa strada, stesso vicolo. Un signore 45enne, una voglia viola sul viso,
ben vestito, giacca e pantaloni eleganti, dai modi sobri e composti, sta passeggiando per la
strada tenendo per mano
un
a ragazza
di otto anni allegra, felice, dolce. Passando davanti ad un vicolo buio l’uomo si volta come
rispondendo ad un richiamo, osservando vede un
barbone
,
che sta rovistando tra dei bidoni della spazzatura. Estrae il portafoglio dalla giacca e dà una
banconota alla bambina che la porta poi al pover’uomo.
Il barbone è rimasto attonito, sta tenendo ancora in mano la banconota. Ha sentito che non era
la solita carità che gli veniva donata, non era il solito scaricarsi-la-coscienza che gli veniva
donato, era …. AMORE. Immobile guarda l’uomo e la bambina svanire lentamente e
silenziosamente in cima al vicolo, nella luce.
SCENEGGIATURA: 1
ESTERNO – GIORNO – VICOLO CENTRO STORICO
Vicolo oscuro e molto stretto, in salita, rifiuti buttati casualmente lungo i lati rendono difficile il passagg
Un barbone, età 30 anni, le mani segnate dalla sporcizia come il viso sul quale due occhi risaltano in m
3 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
Si muove con circospezione, guardandosi ogni tanto intorno con uno sguardo fatto di paure.
Si gratta la voglia viola che ha impressa sulla fronte.
Rovista tra la spazzatura, estrae un pacchetto, aprendolo lo annusa e lo butta via.
Riprende la ricerca con indifferenza.
Veronica imbocca il vicolo dal basso con passo deciso, non vede il barbone.
E’ vestita modestamente: giacca e gonna, una grossa borsa a tracolla. Il viso marcato dalle prove della
Tra le braccia sorregge teneramente una bambina di un anno che sta dormendo, avvolta da una coper
Copre il volto della figlia mentre cammina schivando i mucchi di immondizie.
Il barbone sente i passi della donna, si sposta tra i due bidoni, apre il coperchio di uno di questi con un
La donna arrivata all’altezza dei bidoni, percepisce la presenza di qualcuno e si ferma.
Si guarda intorno, vede il barbone in mezzo all’immondizia; spaventata si allontana abbracciando prot
4 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
Ritorna sui suoi passi e fermandosi, leggermente discosta, del barbone
VERONICA
Mi scusi, ma mi ha colto di sorpresa
5 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
Il barbone la guarda con uno sguardo impaurito, è rimasto immobile, pronto alla fuga, indietreggia anco
VERONICA
Aspetti! Non si spaventi.
6 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
Lei inizia a cercare con una mano nella borsa.
E’ ostacolata dalla bambina che adesso tiene appoggiata alla spalla sorreggendola con un braccio solo
VERONICA
La prenda, non è molto …..…. ma gli servirà sicuramente, a volte basta così poco.
7 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
La donna guarda la bambina e per un attimo lo sguardo le si intenerisce.
Si rivolge nuovamente al barbone e allunga maggiormente il braccio avvicinando i soldi all’uomo.
Il barbone sempre più meravigliato fissa la donna negli occhi con uno sguardo indagatore.
Guarda la banconota nella mano della donna e improvvisamente un sorriso inizia a farsi strada sul suo
BARBONE
8 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
Faber est suae quisque fortunae ….
(
si legge >>>
VERONICA
Cosa?
9 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
BARBONE
Chinando il capo quasi vergognandosi
Ciascuno è artefice del proprio destino.
10 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
Veronica accenna un sorriso e risistema la bambina sul braccio.
VERONICA
Già … io sto costruendo il suo.
11 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
Veronica dopo un cenno di saluto riprende il cammino.
Il barbone le guarda scomparire lentamente tra la luce che inonda la cima del vicolo, è rimasto attonito,
Rivolge nuovamente lo sguardo sulla cima del vicolo, la donna è scomparsa.
Una frenata di automobile, un schianto improvviso.
Il barbone sussulta.
12 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
v.f.c.
Urla confuse di quattro persone
Il barbone si avvia verso la cima del vicolo con passo affrettato.
Strada inondata dalla luce del sole.
Veronica è distesa sull’asfalto davanti ad un’automobile.
Quattro persone molto agitate,
un ragazzo, una s
Una macchia di sangue si sta allargando sotto la testa di lei.
Il barbone, sbucato dal vicolo, si dirige preoccupato verso il gruppo.
13 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
RAGAZZO
Cazzo! Cazzo!
SIGNORA
14 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
Non muovetela, è pericoloso …. avete chiamato un medico?
La conducente portandosi le mani al viso e scollando la testa.
15 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
CONDUCENTE
Non l’ho vista, vi giuro! Non l’ho vista!
Mio Dio! Mio Dio!
SIGNORA
16 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
Un cazzo di medico! Lo avete chiamato o no?!?
Si china sul corpo della donna, scuote la testa.
Il barbone distoglie lo sguardo dal gruppo.
17 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
Cerca la bambina con gli occhi, si sposta sul fianco dell’automobile e la vede adagiata, in lacrime, sul s
La prende tra le braccia e si riavvia verso il vicolo dal quale era apparso e nel quale scompare veloce
DISSOLVENZA A BLU’
2
ESTERNO – GIORNO – STRADA -
7 ANNI DOPO
Un signore ben vestito
Passando davanti al vicolo buio lui si ferma improvvisamente, ha visto un movimento.
Scruta con attenzione nella stradina oscura posta in discesa, socchiudendo gli occhi, vede un barbone
Prende la bambina per mano e si avvicina al barbone, estrae il portafoglio dalla giacca e dà una banco
18 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
La bambina con la banconota in mano si avvia tranquilla verso il barbone.
L’uomo rimane ad osservare con attenzione mentre con un gesto distratto si sistema i capelli con una m
Il barbone è rimasto attonito, ma un sorriso gli illumina il volto mentre guarda la bambina e il signore ch
Li vede scomparire lentamente tra la luce.
Ha la banconota ancora in mano e la guarda attentamente.
Una scritta è scarabocchiata su un lato.
L’avvicina molto agli occhi, socchiusi nello sforzo di decifrazione, farfuglia
BARBONE 2
19 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
Fab…er ………… est …est suae ….
rialzando la testa
Fortuna ……… vuol dire fortuna.
20 / 21
Il barbone di Massimo D. Zilioli
Rivolge lo sguardo sulla cima del vicolo dove ormai c’è solo luce.
DISSOLVENZA
Nel 2006 la Real Dreams
Production , con la regia di Davide Boninsegna, ne ha
realizzato un
corto - Interpreti: Enzo Mazzullo, Maddalena Scala, Andrea
Maccarri,
Giovanni Civitate, Simone Mancini
Musica: Mario Stendardi
Formato: miniDV
Durata: 8'52"
21 / 21

Documenti analoghi