SOLSTIZIO D`INVERNO

Commenti

Transcript

SOLSTIZIO D`INVERNO
comunicato stampa
SOLSTIZIO D’INVERNO
a cura di Domenico Maria Papa
Opere di: Ezio Bedani, Tomaso Boniolo, Richard Khoury, Youliana Manoleva,
Chiara Paderi
Galleria Samonà della Banca d’Italia, via Roma, Padova
11 dicembre 2010 – 23 gennaio 2011
Inaugurazione: venerdì 10 dicembre ore 18.30
Continua la collaborazione tra l’Assessorato alla Cultura e l’Associazione Artelier che quest’anno propone un’esposizione di opere di una collettiva di
artisti, curata da Domenico Maria Papa, sul tema del processo creativo in
continuo divenire, una riflessione che ben si inserisce nell’ambito della prima
edizione di RAM nel segno della creatività – Padova 2010.
Ezio Bedani, Tomaso Boniolo, Richard Khoury, Youliana Manoleva, Chiara Paderi sono cinque artisti di diversa formazione che presentano opere di fotografia, disegno, video e installazione su temi riconducibili alla simbologia del
solstizio invernale: l’oscurità e la luce, la terra, la trasformazione profonda.
Il solstizio d’inverno, sin dall’antichità, è un momento carico di simbologie,
indicando il massimo allontanamento del sole e il permanere più a lungo
dell’oscurità nel nostro emisfero. Il buio, il raffreddarsi della terra, l’irrigidirsi
dell’inverno, il freddo sono condizioni che impongono allo spirito di ritrarsi in
una intimità profonda che, però, può essere ragione di trasformazione.
Per questo motivo in molte culture il solstizio d’inverno è correlato a festività
che celebrano il passaggio e l’attesa di una nuova stagione. Il movimento
verso una riflessione silenziosa e interiore, dalla quale trarre forza di cambiamento e nuova capacità espressiva, è all’origine di ogni manifestazione
creativa.
Il solstizio d’inverno rappresenta, dunque, in modo simbolico, la condizione di
elaborazione propria del lavoro dell’artista.
Ezio Bedani propone una genealogia di esseri mostruosi che abitano un ambiente domestico fatto di vecchi mobili, ma anche gli angoli dello spazio espositivo, quasi a realizzare in mostra un’invernale saga nordica. Tomaso Boniolo
usa materiali comuni ai quali, però, attribuisce la capacità di essere portatori
di una luce che li trasforma in oggetti metafisici. Richard Khoury documenta
una pratica decorativa indiana rivolta al suolo e alla terra che rimane un’opera effimera. Youliana Manoleva, porta in mostra oggetti di scarto ma organizzati come se si trattasse di un importante allestimento museale; a questi
1
l’artista affianca cuscini di ceramica bianca su un fondo di terra, un video
e immagini fotografiche scattate durante una veglia notturna. Chiara Paderi
continua la sua ricerca sul rapporto tra il sé e il paesaggio, con la rappresentazione di autoritratti che questa volta si fanno notturni, illuminati solo dalla
luce abbagliante di un flash.
«Il percorso espositivo – afferma il curatore Domenico Maria Papa - è condotto
sul limite tra la luce e la notte dell’inverno, tra l’interno della galleria e l’esterno della città, a rappresentare la condizione propria dell’artista che medita sul
proprio lavoro, e che porta l’opera spesso al limite del percepibile».
All’inaugurazione una performance di Chiara Paderi.
Ezio Bedani – si definisce rappresentante del “Lirismo distratto”. Nel 1969
aderisce al principio dell’Arte Nascosta, seppellisce la sua prima scultura in
metallo nel terreno paterno. Nel 1999 il suo primo incontro con il sistema
dell’arte. Nel 2002 su ispirazione del proprio medico di base, inventa la performance “Caffè Bedani” e la scultura alimentare. Rare le sue partecipazioni manifeste agli eventi artistici, interviene prevalentemente nell’Arte Altrui a
livello subliminale e/o parassitario. Nel 2008 fonda la casa editrice “Editori
Bedani Riuniti” con la collana “I Postcontemporanei”.
Altri particolari su www.bedani.it
Tomaso Boniolo – nato a Padova nel 1954. Dopo gli studi (architettura) è stato redattore, grafico pubblicitario, illustatore e poi pittore, installatore, performer. Negli ultimi tempi sembra che abbia voglia solo di scrivere e di viaggiare,
ma in realtà lui sta pensando a una frase di Saint-Exupéry: «La perfezione è
raggiunta non quando non c’è più niente da aggiungere, ma quando non c’è
più niente da togliere.» Altri particolari su www.tomasoboniolo.com
Richard Khoury – nato nel 1958 a Trieste; vive e lavora a Padova. Attivo per
oltre 25 anni nel campo della comunicazione, specialmente come fotografo e
webdesigner. Autore di libri fotografici, sue immagini sono state pubblicate in
libri e riviste nazionali e internazionali. Continua a svolgere ricerche personali
in fotografia e i molti altri campi, che in parte si sono tradotte in un’attività
espositiva in Italia, all’estero e su www.arteam.it
Youliana Manoleva – nata a Sofia, Bulgaria da padre macedone e madre
greca (per tacere del bisnonno rumeno). Nel 1996 diventa anche italiana. Si
sposta spesso non sempre per proprio piacere in diversi luoghi del mondo,
dove raccoglie con entusiasmo e poi custodisce gelosamente parecchie cose
inutili quali rottami, tappi, biglietti usati, immagini, frammenti e scarti eccitanti,
ovvero pezzi di vita, briciole del mondo. Certe volte le tornano utili per una
attività artistica sregolata. “Osservare per trovare” è il motto del suo lavoro
degli ultimi anni. Altri particolari su www.manoleva.it
1
Chiara Paderi – nata a Busto Arsizio nel 1976. Diplomata presso l’Accademia
di Belle Arti di Brera, svolge parte dei suoi studi presso l’Università di Belle Arti
di Granada. Collabora alla realizzazione di progetti video, grafici ed editoriali
prsso studi e case di produzione milanesi. La sua ricerca verte essenzialmente
sul tema dell’identità e delle sue trasformazioni. Utilizza la fotografia, il video
e la performane. Vive e lavora a Milano.
Altri particolari su www.chiarapaderi.com
Catalogo a cura di Domenico Papa.
SOLSTIZIO D’INVERNO
Galleria Samonà della Banca d’Italia, 11 dicembre 2010 – 23 gennaio 2011,
Orario: 10.00-13.00, 15.30-18.30. Ingresso libero.
chiuso i lunedì non festivi, Natale, S Stefano, Capodanno
Info: Settore Attività Culturali, Servizio Mostre tel. 049/8204528 [email protected]
comune.padova.it
Artelier 049755976
www.artelier.veneto.it
Ulteriori informazioni, aggiornamenti e immagini http://padovacultura.padovanet.it/stampa
Organizzazione:
in collaborazione con:
con il patrocinio di
Comune di Padova
Assessorato alla Cultura
1