Lettera a Scaringella

Commenti

Transcript

Lettera a Scaringella
Lettera a Scaringell a
\\\
pe
farlei
dere un po' di tempo ritornando sdu
uno degli argomenti affrontati nell'ultim o
incontro con i rappresentanti dei genitori della scuol a
d'infanzia "Le chiocciole" : le multe . L'occasione mi
è capitata oggi pomeriggio .
Data l'abbondante nevicata di ieri, sono andata a
prendere la bambina all'asilo intorno alle 15,50, anticipando un po' per la difficoltà di parcheggio dovut a
dall'ingombro dei cumuli di neve spalata . Fortun a
ha voluto che sia riuscita a trovare quasi subito u n
posto sul lato nord di via Verdi ; così sono andata all a
sezione di mia figlia, ho scambiato qualche parol a
con gli insegnanti e sono uscita con la bambina che ,
non resistendo alla distesa di neve immacolata de l
giardino, si è divertita per alcuni minuti a lanciar e
neve con alcuni altri coetanei . All'uscita dal cancello ,
intorno alle 16,15 eccoli : 2 vigili in auto arrivano ,
uno scende dalla vettura con il famigerato blocchetto
e comincia a scrivere . Lo sfortunato genitore/nonno
che ha trovato parcheggio solo sul lato sud di vi a
Verdi di fronte all'ingresso dell'asilo, uscendo (dop o
al massimo 10/15 minuti . . .) avrà avuto la sorpres a
di vedersi la multa sotto il tergicristalli .
Quello che mi chiedo, e si chiedono i tanti utenti
della struttura in oggetto (che ospita 3 sezioni di nid o
e 4 di materna), è questo : possibile che, con tutto
il daffare che ci sarà stato a causa della neve e co n
tutto ciò che la polizia municipale deve svolgere pe r
essere di servizio alla cittadinanza, qualcuno di loro
trovi sempre il tempo per passare a multare le fami glie? Perché, infondo, è questo quello che accade .
Si sa che a quell'ora c'è sempre qualcuno che dev e
andare a ritirare il proprio figlio con un po' di fretta ,
perché magari ha impegni di lavoro o altri figli d a
prendere in altre scuole, e si sa che i parcheggi no n
sono sufficienti per quel momento di affollamento e
quindi, inevitabilmente, qualcuno parcheggia dov e
trova . . . tanto si tratta di una piccola sosta, e poi ogn i
utente ha avuto un permesso da esporre sul cruscott o
per il momento della consegna/ritiro del bambino . . .
Quello che ci si continua a chiedere da tanto temp o
è se sia poi così produttivo questo comportament o
dei nostri vigili . Già, perché in fondo, in quest o
modo, non fanno altro che infierire sulle famiglie :
impassibili, ostinati, irriducibili continuano a ero gare sanzioni che non educano al senso civico e
al rispetto delle autorità/istituzioni perché, chi in
quel frangente parcheggia come può, sa bene cos a
sta facendo ma è costretto dalle circostanze, sa che
facilmente si troverà la multa, ma non ha scelta : non
si tratta di cittadini strafottenti delle regole dell a
strada e con questo comportamento non si raggiung e
una maggiore osservanza del codice da parte degl i
automobilisti !
Dunque perché perseguitare chi non può far e
altrimenti? E' così che si ottiene fiducia, rispetto ,
disponibilità dai cittadini? Piuttosto penso che s i
raggiunga un effetto opposto, molto pericoloso, ch e
rischia di scardinare irreversibilmente quel senso d i
rispetto così importante e necessario per la convivenza civile e sociale : esasperare con multe facili le
famiglie che già sono oberate di pagamenti obbligat i
non ha alcun effetto positivo ; ottiene, purtroppo ,
solo un rafforzamento della cattiva opinione che
molti già hanno nei confronti del corpo dei vigil i
urbani . Mi auguro che questo ennesimo biasimo ne i
loro confronti possa avere qualche effetto sul lor o
atteggiamento : non è una guerra in cui qualcun o
deve dimostrare di essere il più forte o il più furbo ,
siamo tutte persone che condividono degli spazi e
dei luoghi comuni dove, naturalmente, ci sono regol e
da osservare e da far osservare, ma dove non posso no mancare le regole più importanti : tolleranza e i l
vecchio buon senso . Grazie per il tempo che vorrà
dedicare a questa riflessione .
SILVIA MARANI — CARPI
Pagina 18