ODE AL BLUES Il palcoscenico è blu. Fasci di

Commenti

Transcript

ODE AL BLUES Il palcoscenico è blu. Fasci di
ODE AL BLUES
Il palcoscenico è blu.
Fasci di luce a illuminare
le corde della chitarra
l’uomo nero vibrante di musica,
l’ottone del sassofono
luccicante e il jazz man
che suda gocciole di fantasia,
e la donna, la vocalist,
che ci conduce magicamente
nei maestosi meandri del Mississippi.
Tutta la bellezza del mondo
è concentrata in questo angolo
di musica estasiante.
Non chiedetemi di essere altrove.
Ora il mio posto è qui
mentre sorseggio un doppio malto
l’ambrosia degli dei.
Sono rapito dal blues,
oh come è lungo il blues,
dolore che mi entra nella pelle,
gioia che mi scardina il cuore.
E’ storia che mi inonda,
preghiera sussurrata ai pascoli del cielo,
richiesta stemperata di pace,
il male non ha più cittadinanza,
è un topo alla ricerca disperata
di nascondigli segreti,
stordito dal ritmo suadente del blues.