autorizzazione per l`accensione dei falo` in occasione dei

Commenti

Transcript

autorizzazione per l`accensione dei falo` in occasione dei
COMUNE DI AIDOMAGGIORE
Provincia di Oristano
AUTORIZZAZIONE PER L’ACCENSIONE DEI FALO’ IN OCCASIONE DEI FESTEGGIAMENTI IN
ONORE DI SANT’ANTONIO ABATE
(Art. 57 – T.U.L.P.S. 18.06.1931, n. 773)
N° 1 DEL 14/ 01 / 2011
IL SINDACO
VISTA l’ istanza acquisita al protocollo dell’Ente al n. 90, in data 13.01.2011 a firma del
Sig.Pala Giovanni, Rappresentante del ‘’Gruppo Giovani’’, l’ istanza acquisita al protocollo
dell’Ente al n.92, in data 14.01.2011 a firma del Sig.Barranca Fedele, Priore della confraternita del
Rosario e l’ istanza acquisita al protocollo dell’Ente al n.76, in data 13.01.2011 a firma del
Sig.Pinna Salvatore, rappresentante del gruppo di cacciatori della compagnia ‘’ Mira Trotta’’
tendente ad ottenere la prescritta autorizzazione per l’accensione dei tradizionali “falò”, in
occasione dei festeggiamenti in onore di Sant’Antonio Abate, per il giorno 16/1/2011;
VISTA la nota dell’Ufficio Territoriale del Governo di Oristano, prot. n. 974/03/A2 del
17/12/2003, nella quale si specificano criteri e modalità per lo svolgimento delle manifestazioni
relative all’accensione dei tradizionali falò e si richiamano le norme e i requisiti tecnici da tenere
presenti nella scelta del sito e nella predisposizione dei falò ai fini del rispetto della sicurezza ed
incolumità pubbliche;
VISTO il Verbale n. 1 in data 29/12/2009, nel quale la Commissione Comunale di Vigilanza
sui Locali di Pubblico Spettacolo nell’esprimere parere favorevole relativamente all’idoneità del sito
prescelto, individuato nella piazza antistante la Chiesa di San Gavino per l’anno 2011, dava atto
che il predetto parere avrebbe mantenuto validità per due anni finché permanessero le
condizioni riscontrate nell’apposito sopralluogo.
RICHIAMATA l’attenzione al rispetto delle generali misure preventive di sicurezza;
VISTO l’art. 57 del T.U.L.P.S. n. 773/1931;
AUTORIZZA
IL ‘’GRUPPO GIOVANI’’ DI AIDOMAGGIORE, RAPPRESENTATO DAL SIG.PALA
GIOVANNI, LA CONFRATERNITA DEL ROSARIO RAPPRESENTATA DAL
PRIORE SIGNORBARRANCA FEDELE, LA COMPAGNIA DI CACCIA ‘’ MIRA
TROTTA’’
RAPPRESENTATA
DAL
SIGNOR
PINNA
SALVATORE
ALL’ACCENSIONE DEI TRADIZIONALI FALO’
IL GIORNO 16.01.2011, IN
OCCASIONE DEI FESTEGGIAMENTI IN ONORE DI SANT’ANTONIO ABATE,
PRESSO LA VIA SAN GAVINO – INCROCIO VIA CORTEJOSSO alle seguenti
condizioni :
1.
2.
3.
Realizzazione d’ idonea buca per fissare il tronco da ardere ;
delimitazione, con idonee transenne, della via San Gavino all’altezza dei numeri civici dal 30 al 34;
chiusura con transenne della parte antistante la Chiesa di San Gavino onde evitare l’accesso al
pubblico ;
4. delimitazione della zona spettatori che dovrà essere realizzata mediante apposizione di idonee
transenne metalliche, posizionate in modo tale da non poter essere scavalcate da eventuali curiosi,
alla distanza minima del doppio dell’altezza del cono da ardere e comunque non inferiore ai 5
(cinque) metri, come stabilito al punto 4. della nota Prefettizia prot. n. 974/03/A2 del 17/12/2003;
5. antecedentemente al rilascio dell’autorizzazione, il Comune di Aidomaggiore dovrà acquisire
apposita attestazione che i tronchi da ardere non appartengano alle specie protette e non siano
vitali come stabilito al punto 1. della stessa nota Prefettizia prot. n. 974/03/A2 del 17/12/2003 ;
6. dovrà essere garantita, a cura della organizzazione promotrice, durante lo svolgimento della
manifestazione, la presenza di un idoneo servizio d vigilanza, nonché di una squadra antincendi
di almeno 3 (tre) unità con relativo apposito automezzo e riserva idrica antincendio; inoltre siano
collocati almeno n°3 (tre) estintori di tipo approvato a polvere di Kg. 6, idonei per lo spegnimento
di incendi di classe A;
7. non dovrà essere utilizzato liquido infiammabile per l’accensione del falò e non dovrà essere
consentito lo sviluppo di fiamme alte in modo da assicurare la congruità della distanza di
sicurezza prevista in progetto ;
8. la manifestazione potrà essere sospesa in caso di imprevedibili situazioni incompatibili e/o
avverse condizioni metereologiche (forte vento);
9. viene individuato il Signor Barranca Fedele quale responsabile della sicurezza;
10. per quanto non specificato nella documentazione prodotta dovrà essere rispettato quanto
prescritto nella nota Prefettizia prot. n. 974/03/A2 del 17/12/2003 ;
11. il responsabile della sicurezza, sopra richiamato, dovrà assicurare, a manifestazione conclusa, il
completo spegnimento dei focolari e la successiva bonifica del sito, al fine di rendere sicura e
nuovamente transitabile l’area interessata dalla manifestazione, dandone opportuna
comunicazione scritta, anche mediante fax, al Comando provinciale dei Vigili del Fuoco di
Oristano.
Aidomaggiore, 14/01/2011
IL SINDACO
Adele Virdis