La classificazione a faccette nel dominio medico - riabilitativo - e-Lite

Commenti

Transcript

La classificazione a faccette nel dominio medico - riabilitativo - e-Lite
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI
DELLA CALABRIA
Facoltà di Lettere e Filosofia
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le
Discipline Umanistiche
TESI DI LAUREA
LA CLASSIFICAZIONE A FACCETTE
NEL DOMINIO
MEDICO - RIABILITATIVO
RELATORE
Prof. Roberto Guarasci
CANDIDATA
Maria Grimaldi
Matr. 105182
CORRELATORE
Prof. Fulvio Corno
ANNO ACCADEMICO 2007-2008
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
1
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
INDICE
La classificazione a faccette nel dominio
medico - riabilitativo
Introduzione………………………………………………………………………5
Capitolo primo
Ranganathan e la classificazione a faccette
1.1 Introduzione…………………………………………………………………..6
1.2 Origine della Colon Classification…………………………………………..6
1.2.1 Prima applicazione della classificazione a faccetta…………………………7
1.3 Cosa è la Colon Classication. ………………………………………………10
1.3.1 Esempio di classificazione di un soggetto secondo la CC…………………12
1.4 Radici della classificazione Colon………………………………………….13
1.4.1 Categorie Vaisesika………………………………………………………...14
1.4.2 Cultura Vedic………………………………………………………………16
1.4.3 The Schedule of basic subjects…………………………………………….27
1.5 Evoluzioni della Colon Classification……………………………………...28
1.5.1 Classificazione Bliss e classificazione a faccette…………………………..32
1.5.2 Classificazione decimale Dewey…………………………………………...34
1.5.3 Schemi speciali……………………………………………………………..34
1.6 Conclusioni…………………………………………………………………..35
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
2
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Capitolo secondo
La Knowledge Organisation
2.1 Introduzione…………………………………………………………………37
2.2 Cosa è il Knowledge Management (KM)………………………………….38
2.2.1 Ciclo della conoscenza……………………………………………………..39
2.2.2 Tipi di conoscenza………………………………………………………….41
2.3 Traduzioni epistemologiche della conoscenza…………………………….41
2.3.1 Origini della conoscenza…………………………………………………...43
2.3.2
ISKO:
International
Society
for
knowledge
Organization………………….44
2.3.3 Dimensioni della Gestione della conoscenza……………………………..44
2.4 KOS: Knowledge Organization System…………………………………...45
2.4.1 Strumenti per Knowledge Organization System…………………………...46
2.4.2 Indicizzazione semantica…………………………………………………..49
2.4.2.1 Dublin Core………………………………………………………………51
2.4.3 Tesauri……………………………………………………………………...52
2.4.4 Tassonomie………………………………………………………………...53
2.4.5 Ontologie…………………………………………………………………...55
2.4.6 Topic Maps…………………………………………………………………56
2.4.7 Mappe cognitive e concettuali……………………………………………..57
2.5 SKOS: Simple Knowledge Organisation System…………………………58
2.6 Conclusioni…………………………………………………………………..60
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
3
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Capitolo terzo
La classificazione a faccette nel web
3.1 Introduzione…………………………………………………………………62
3.2 Nozione di faccette nel web…………………………………………………63
3.3 Strutture di classificazioni………………………………………………….64
3.3.1 La struttura gerarchica……………………………………………………...65
3.3.2 Struttura multidimensionale………………………………………………..68
3.4 vantaggi delle faccette nel web……………………………………………..71
3.5 vantaggi per l’utente………………………………………………………..74
3.6 Esempio di classificazione a faccetta………………………………………77
Capitolo quarto
Caso di studio: Progetto Freeable
4.1 Introduzione…………………………………………………………………78
4.2 Chi sono ……………………………………………………………………..80
4.3 Idea di implementazione del sito per la disabilità………………………...80
4.3.1 Internet e disabilità………………………………………………………....83
4.4 Attività del progetto………………………………………………………...85
4.5 Passi seguiti …………………………………………………………………85
4.6 Analisi dell’esistente………………………………………………………..86
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
4
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
4.6.1 Descrizione dell’analisi del campione……………………………………..89
4.7 Risultato dell’analisi del campione………………………………………...94
4.7.1 Tabella riassuntiva dei siti analizzati………………………………………95
Capitolo quinto
Progetto Freeable: Applicazione della metodologia e funzionalità
del sito.
5.1 Introduzione………………………………………………………………...96
5.2 Stato dell’arte della classificazione utlizzata nel sito……………………..99
5.3 Metodo di lavoro per la realizzazione della prima fase .............………..100
5.3.1 Fasi della mappa concettuale…………………………………………......104
5.3.2 Descrizione delle singole categorie………………………………………107
5.3.3 Utilizzo di standard……………………………………………………….109
5.3.4 raccolta termini…………………………………………………………...109
5.3.5 normalizzazione…………………………………………………………..110
5.4 Creazione di un foglio di lavoro…………………………………………..110
5.5.1 Esempio di scheda………………………………………………………...114
5.5 Risultati raggiunti…………………………………………………………120
5.6 Conclusioni………………………………………………………………...122
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
5
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Capitolo sesto
Considerazioni finali
6.1 Considerazioni finali………………………………………………………123
6.2 Sviluppo futuro…………………………………………………………….125
Appendice 1. Descrizione della mappa concettuale…………………………126
Appendice 2. Glossario terminologico del sito Freeable……………………132
Bibliografia…………………………………………………………………….151
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
6
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Introduzione
La necessità di una comunicazione e collaborazione specifica sul tema
degli ausili software è un tema condiviso da tutti gli operatori del settore medico,
tuttavia non si sono riscontrate soluzioni soddisfacenti sul panorama italiano.
Purtroppo le informazioni sono esclusivamente in lingua inglese, il che costituisce
ancora un ostacolo per gli operatori italiani, ed il motore di ricerca interno si
rivela decisamente carente e poco funzionale per le esigenze proprie degli
operatori. Le difficoltà che quotidianamente i nostri operatori incontrano sono le
seguenti:

Reperire informazioni neutre (che non derivino solo da rivenditori e/o
case costruttrici che hanno interesse a scopo di lucro);

Veicolare il messaggio sull’efficacia in terapia della tecnologia (come
ad esempio l’utilizzo di un computer con accesso ad internet per poter
far navigare il disabile in piena autonomia nei siti ad alta accessibilità e
protezione rendendolo abile a reperire informazioni senza la presenza
obbligatoria di un mediatore);

Rinvenire informazioni e software open source, freeware e shareware
sulla rete risulta alquanto difficile. Vi sono diversi siti disponibili
sull’argomento riabilitativo, educativo e informativo, ma tutti risultano
contenere informazioni frammentarie e presentano carenze sostanziali
di software. Utilizzare la tecnologia informatica oggi è diventata
un’esigenza. Internet offre l’opportunità di avvicinare diversi mondi,
specialmente quello della disabilità dove ogni barriera viene eliminata.
Chiunque deve avere pari opportunità di utilizzo.
La collaborazione di diversi enti quali: la Fondazione CRT, il centro
Cooperativo RiAbilità e il Politecnico di Torino il dipartimento di Automatica e
Informatica, hanno dato vita all’opportunità di creare un sito incentrato sul
problema della disabilità. Il progetto prevede un lavoro complessivo di diciotto
mesi. Dalle prime riunioni con gli specialisti del settore medico, si è giunti a dare
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
7
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
un nome al sito in costruzione “Freeable” (dato da una combinazione di due
parole inglesi: free e able. Free in italiano significa libero e able significa abile. Il
senso che vogliamo assegnare a questa combinazione di parole è il sentirsi liberi
abilmente.
Questo progetto nasce dalla volontà di creare un sito che medi tra il mondo
informatico e quello medico. Obiettivo principale è quello di supportare il lavoro
degli operatori nel campo educativo, riabilitativo motorio e/o cognitivo. I
proponenti del progetto hanno già preso contatto con un’analoga iniziativa
promossa da un team internazionale (Britannico e Svedese), che ha realizzato il
sito http://www.oatsoft.org. Il progetto OATS ha già analizzato e catalogato
centinaia di ausili, dividendoli in alcune categorie molto ampie e generiche.
Non di minore importanza è l’aspetto della modalità di utilizzo dei vari
software, le modifiche che possono essere apportate, i sistemi di comando,
l’implementazione di tali software nell’attività lavorativa e gli effetti sulla qualità
di vita dei disabili che li utilizzano. L’aspetto decisamente importante è
rappresentato dall’occasione di poter creare una rete libera di scambio tra
operatori sia del settore della riabilitazione sia dell’ingegneria e anche dai disabili
stessi al fine di poter giungere ad una conoscenza univoca della realtà nel mondo
degli ausili. Inoltre i commenti tratti dall’esperienza “reale” di uso di un
determinato software sono molto più importanti delle recensioni tecniche dal
punto di vista di chi ricerca soluzioni adatte ad uno specifico quadro clinico ed
assistenziale. Nella Cooperativa RiAbilità la scelta degli ausili ricade sulle figure
professionali che hanno in carico il disabile. Queste figure sono quelle delle
logopediste e fisioterapiste.
La redazione di questa tesi proporrà innanzitutto un confronto tra la
classificazione a faccetta classica di Ranganathan con quella spuria utilizzata oggi
nel web al fine di capirne l’importanza e stabilire la metodologia più adeguata da
seguire nel mondo informatico. La classificazione a faccetta si presta facilmente
per molte operazioni come: la costruzione di un thesaurus a faccetta, la
classificazione multidimensionale fino ad arrivare ad un’interfaccia di ricerca a
faccetta. Oggi il significato che viene attribuito alla faccetta varia dal significato
classico che veniva proposto da Ranganathan.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
8
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Questo lavoro è diviso in 6 capitoli, nei quali verranno trattati i seguenti
argomenti:

Nel primo capitolo, discuteremo la vita e l’impianto filosofico di “Shiyali
Ramamrita Ranganathan e l’evoluzione della sua classificazione a
faccette”. Le origini antiche del suo sapere si sono succedute in tutto il
mondo per oltre 20 anni. La fama di questa classificazione, ha fatto in
modo che, la vita di questo bibliotecario che organizzò il sapere indiano
secondo la classificazione a faccetta venisse ricordata non solo in India ma
anche nel resto del mondo. Nata quasi per caso, in un centro commerciale
di Londra, ha rappresentato un punto di riferimento per le classificazioni
che si sono successivamente evolute. In questo capitolo, nostro compito
sarà ricordare i punti salienti della vita di Ranganathan, le origini della
colon, ed arrivare fino ai giorni nostri con le classificazioni (come la Bliss
Classification 2) che fungono da riferimento internazionale, nel mondo
bibliotecario e non solo.

Nel secondo capitolo, ci occuperemo della “Knowledge Organisation”.
L’organizzazione della conoscenza ha sempre rappresentato un aspetto
rilevante dell’esistenza dell’uomo. Oggi la conoscenza viene interpretata
come “fonte di ricchezza” in diversi ambiti, che vanno dalla piccola
azienda al settore della ricerca. Dopo aver dato diverse definizioni di
Knowledge Organisation ci occuperemo di analizzare in dettaglio gli
strumenti KOS (knowledge organisation system), utilizzati nell’ambito del
web e dell’information architecture per introdurre successivamente, la
classificazione a faccetta nel web.

Nel terzo capitolo continueremo a parlare di classificazione a faccetta. In
questo caso non basata su un’applicazione classica, bensì applicata al web.
La classificazione di tipo analitico-sintetico ha subito un esordio nella sua
applicazione nei siti web, in quanto i vantaggi offerti dalla costruzione
all’utilizzo sembrano accordare i diversi “guru” dell’informazione.
Ovviamente questa classificazione riprende i principi di Ranganathan, ma
con delle variazioni sostanziali adattate all’esigenza del mondo attuale.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
9
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo

Il quarto capitolo si divide in due parti fondamentali. Nella prima parte si
presenta la nascita del progetto Freeable, gli enti coinvolti e il rapporto che
intercorre tra disabilità e internet. Nella seconda parte, vengono introdotte
le basi teoriche sulle quali si è basato il progetto Freeable, i processi
seguiti per raggiungere l’obiettivo prefissato.

Il quinto capitolo si incentra sull’utilizzo della metodologia UCD (User
Centered Design) applicata alla stesura della prima fase del progetto, per
raggiungere una validazione dei contenuti del sito che verrà implementato
successivamente. Seguendo la norma ISO 13407, abbiamo analizzato siti
esistenti, creato dei worksheet e raggiunto dei risultati.

Il sesto capitolo, conclude il lavoro svolto nella prima fase del progetto.
Dopo aver ottenuto dei risultati attendibili, il progetto è pronto per
sostenere la fase successiva, elencata negli sviluppi futuri.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
10
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
1 Ranganathan e la classificazione a faccette.
"Amava starsene seduto per la maggior parte del tempo all'estremità di
una fila degli scaffali della biblioteca. Aveva un tavolino e una banale sedia. Gli
studenti si fermavano spesso lì, a parlare con lui dei loro problemi"1.
1.1 Introduzione
Una figura mistica, nata a Shiyali il 9 agosto del 1892 e morta a Bangalore
il 27 settembre del 1972, Shiyali Ramamrita Ranganathan viene ricordato come
uno dei più grandi bibliotecari del ventesimo secolo. La conduzione di una vita
semplice e la consapevolezza di un pensiero puro e ricco, resero questo uomo
memorabile.
Formatosi originariamente come un matematico, Ranganathan venne a
contatto con le biblioteche del suo Paese, l’India, in modo casuale. Nel 1924
Ranganathan, con un viaggio in Europa, visitò oltre 100 biblioteche negli United
Kingdom. Osservò l’uso di diverse tecniche di classificazione e catalogazione
(specialmente la DDC, Classificazione Decimale Dewey).
Ranganathan fu fortemente colpito dalle biblioteche occidentali e, tornato
al suo Paese, decise di dedicarsi devotamente alla biblioteconomia.
Scrisse circa sessanta libri e duemila articoli ma il suo lavoro più
importante è senza dubbio il libro”Prolegomena to Library Classification”, scritto
nel 1935 e pubblicato nel 1937, maturo lavoro in cui definisce:
1) le cinque leggi della biblioteconomia;
2) introduce la colon classification2.
Le prime sono cinque regole, in apparenza banali, ma che, in realtà,
racchiudono la formulazione dei principi basilari sui quali deve essere organizzata
la biblioteconomia. Cinque – come dicevamo – i principi di base:
1
J.S. SHARMA, Dr. S. R. Ranganathan: a great teacher and a humanist, in Ranganathan's
philosophy. Assessment, impact and relevance, edited by T.S. Rajagopalan. New Delhi, Vikas,
1987, p. 689.
2
Tradotta e resa in italiano come “classificazione a faccette”.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
11
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
1: I libri sono fatti per essere usati.
2: Ad ogni lettore il suo libro.
3: Ad ogni libro il suo lettore.
4: Non far perdere tempo al lettore.
5: La biblioteca è un organismo crescente.
Il compito del bibliotecario non è solo quello di catalogare e classificare
ma deve altrettanto far sì che l’utente riesca a soddisfare la sua ricerca. Compito
primo del bibliotecario è il reference. Con il termine reference che, letteralmente,
significa relazione, riferimento o consultazione, si vuole intendere il gravoso
compito di intermediazione che spetta al bibliotecario che funge da punto di
riferimento tra il libro e l’utente.
1.2 Origine della Colon Classification.
"Trovai lo schema numerale della DDC carente soprattutto per le classi
coestensive. Questo era poi ancora peggiore nella materia "storia". Non riuscivo a
capire cosa non funzionasse e non ero ancora in grado di capire che la soluzione
era in una classificazione a faccette. Ma qualcosa mi ossessionava. Poi, ad un
tratto, vidi da Selfridges a Londra un meccano. Mi fornì la soluzione, mi fece
capire che le classi numerali di un soggetto avrebbero dovuto essere assemblate in
numeri di faccetta, ognuno con la sua scheda distintiva, come un giocattolo in cui
possono essere assemblate in maniera diversa un gran numero di parti. Scelsi i due
punti come elemento di connessione delle singole faccette. Questo poi mi fece
comprendere che ogni materia deve essere analizzata nelle sue parti prima di
costruire il numero della classe."3
L’aneddoto corrente sulla nascita del nuovo sistema di classificazione
narra che durante il suo viaggio a Londra e passeggiando nel centro commerciale
Silfridges, Ranganathan osservando il Meccano ebbe l’idea di scomporre una
stringa in singoli pezzi dello stesso rilievo. All'interno della stringa ogni singolo
descrittore viene posto sullo stesso piano in modo tale che la prima voce della
stringa rappresenti uno solo dei modi possibili di analisi.
3
S. R. Ranganathan , Prolegomena to library classification., 3. ed., Bangalore,. 1967, p. 106.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
12
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
1.2.1 Prima applicazione della classificazione a faccetta
Ranganathan utilizzò per la prima volta la classificazione di tipo analitico sintetico per classificare la biblioteca universitaria di Madras. La sua scelta fu
quasi condizionata dato che la biblioteca ancora non era stata classificata.
Il lavoro fu svolto nelle seguenti fasi:
1: Analisi del soggetto di ogni libro presente nella biblioteca.
2: Normalizzazione delle descrizioni e identificazione dei termini di
indicizzazione.
3: Ordinamento gerarchico dei termini normalizzati secondo l’ordine definito
dalla colon.
La prima bozza del catalogo redatto con la Colon Classification venne
completato nella metà del 1925.
Successivamente aggiunse alla sua prima bozza del catalogo librario i
numeri di classificazione per classificare circa 30.000 libri tra il 1925 – 1932.
Durante la sua attività si rese conto che non esisteva una guida teorica che
aiutasse alla costruzione di una classificazione. Nel 1933 viene pubblicata la1ª
edizione del lavoro Colon Classification, il contenuto comprende le sei regole
generali per pensare e le cinque leggi della biblioteconomia. Inizialmente non fu
un grande successo, poiché il metodo risultava errato, soprattutto quando il lettore
riscontrava nell’utilizzo pratico errori di equivalenza, ossia una parola poteva
ritrovarsi in diverse liste o cataloghi e generare confusione. Nel 1939 viene
pubblicata la 2ª edizione con delle modifiche. Le edizioni di questo lavoro furono
nel complesso sette.
1.3 Cosa è la Colon Classication.
L'analisi a faccette (o metodo analitico - sintetico) consiste nella
scomposizione dei concetti composti (analisi), nella traduzione di ogni concetto in
notazione e ricomposizione delle notazioni secondo un ordine di citazione
prestabilito (sintesi). Secondo Ranganathan, essa consiste nel disporre le entità in
una successione conveniente. Uno schema di classificazione deve essere utilizzato
in biblioteca in modo integrato non soltanto per realizzare un catalogo da
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
13
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
consultare, ma anche per disporre i volumi negli scaffali secondo un ordine
conveniente, che permetta agli utenti di localizzare direttamente i libri con gli
argomenti di loro interesse.
Una faccetta (in inglese "facet") viene definita come un termine generico
utilizzato per denotare qualsiasi componente sia essa un isolato o un soggetto
semplice, un soggetto composto, ed anche forme ordinate, termini e numeri. Il
termine faccetta viene tradotto per la prima volta da B. C. Vickery 4.
In italiano “faccetta” significa: lato, aspetto, sfaccettatura, termine che
alcune volte può essere utilizzato in senso generico quando invece nasconde un
forte senso tecnico. L’analisi a faccette consiste nella scomposizione di un
soggetto in diverse coordinate, ciascuna delle quali esprime un aspetto specifico.
Tra il 1925 – 1950, Ranganathan si trasferisce a Banaras, dove organizza
un circolo di ricerca nella sua dimora. Ogni domenica pomeriggio, si riunivano
tutti gli associati per tentare di risolvere i problemi che si erano presentati nella
classificazione per soggetto.
La Colon Classification presenta tre piani separati, fondamentali per creare
uno schema di classificazione attraverso i quali il soggetto viene analizzato, scisso
e sintetizzato, i piani sono: concettuale, verbale e notazionale.
Il piano concettuale: indica l’idea, che è il prodotto di una persona che
osserva, pensa, immagina, valuta e con un pò di intuizione riesce a creare
associazioni di parole in diversi contesti.
Tutto ciò accade se la persona è
competente in materia.
““Gold” denotes an isolate idea. It is not, by itself, fit to be a subject. But it is fit
to be a component of many subject – such as Chemistry of Gold; Gold mining,
and Gold Metallurgy. When expounded fully and thoroughly, all these subjects
cannot fall within the competence of a single normal person. Each will be a
subject for a specialst of its own.”5
Il piano verbale, permette un' analisi del soggetto attraverso la sua
scomposizione in categorie. Nella Colon Classification i termini utilizzati sono
termini standardizzati, approvati secondo un glossario terminologico.
4
M. L. Lucernoni. La Classificazione a Faccette, guida per la costruzione e l’utilizzazione di
schemi speciali. Roma, 1972.
5
S. R. Ranganathan. Colon Classification. Bangalore, 1989. p. 29.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
14
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Il piano notazionale, indica un sistema di numeri usati da uno schema di
classificazione adoperati per tradurre i termini del piano verbale attraverso:
simboli, numeri cardinali, ordinali e misti.
Ranganathan a volte si imbatteva nella rigidità della classificazione, così
avvertì l’esigenza di sviluppare cinque categorie fondamentali, nelle quali ogni
faccetta di una qualsiasi classe presente in un soggetto composto doveva essere
considerata come una manifestazione di una e soltanto una delle cinque categorie.
Le categorie fondamentali, convenzionalmente sintetizzate seguono
l’ordine PMEST e sono:

personalità

materia

energia

spazio

tempo
La definizione delle categorie fondamentali è vaga; in particolare quella della
personalità è la più complessa in quanto fortemente astratta; lo stesso
Ranganathan aveva trovato difficoltà a definirla poiché il contenuto di questa
categoria poteva essere qualsiasi soggetto e non soltanto persone. Il Classification
Research Group (CRG) che ancora oggi continua ad approfondire la ricerca
inaugurata da Ranganathan ha preferito usare il termine entità al posto di
personalità.
La materia rappresenta le manifestazioni dell'oggetto nel reale; il CRG ha
preferito usare il termine proprietà ovvero le caratteristiche contingenti che quel
fenomeno possiede.
L'energia, rappresenta l'azione che compie un soggetto con determinate
caratteristiche. Il CRG usa il termine attività.
Spazio rappresenta i suoi elementi geografici e spaziali.
Tempo rappresenta le sue fasi cronologiche.
Le categorie spazio e tempo secondo Ranganathan sono le meno difficili da
definire.
La classificazione a faccette è nota come Colon Classification, per la
caratteristica frequenza con cui ricorre nella sua notazione il simbolo di due punti
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
15
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
(in inglese "colon"). Una volta individuate le categorie si susseguono secondo
l’ordine PMEST e vengono messe in relazione tra di loro attraverso dei segni
d’interpunzione che rimangono anche nella sequenza numerica:






P = , (virgola)
M = ; (punto e virgola)
E = : (due punti)
S = . (punto)
T = . (punto)*
In seguito nel 1959, l’indicatore Time venne sostituito dall'apostrofo (')
incrementando la versatilità del sistema notazionale.
1.3.1 Esempio di classificazione di un soggetto secondo la CC.
Alla base della classificazione Ranganathan stabilisce passi ben precisi da
seguire, e colui che classifica deve necessariamente essere un esperto del dominio.
Il principiante, al contrario, dovrà esercitarsi nella classificazione, scrivendo ogni
volta i passi in modo da memorizzarli. Inizialmente si occuperà di classificare
libri con soggetto semplice. Il classificatore esperto dovrà monitorare
l’apprendista affinché svolga il lavoro a regola d’arte.
Le faccette sono dunque le molteplici espressioni della realtà, dei modi di
essere individuati dalle categorie che a loro volta possono essere espresse da
concetti elementari, gli isolati, contenuti in quella certa area concettuale
individuata dalla faccetta. Per effettuare una buona classificazione, il
classificatore dovrà seguire dei passi prestabiliti.
Si supponga di classificare il soggetto:
Es. a passo 0: “Eradiction of virus in rice plants in Japan (1971”).6

Passo 0: il titolo è inadeguato, bisogna apportare delle modifiche.
Nell’esempio riportato non è menzionato il soggetto base, il termine virus
è poco chiaro e il periodo indicato non è certo bisogna ricercarlo. Una
volta identificati si inseriscono nel soggetto.
Es. a passo 1:“In agricolture, eradiction of virus desease of rice plants in Japan
brought up to 1970s.”
6
S. R. Ranganathan, Colon Classification,. Bangalore, 1989. p. 14.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
16
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo

Passo 1: il titolo è espressivo. Le operazioni da svolgere sono:
preparazione del titolo in termini singoli (parole chiave), stoplist,
determinazione delle parole rilevanti, riduzione dei termini in caso
nominativo singolare, riportare in maiuscolo la prima lettera della parola e
inserire tra una parola e l’altra un punto (.).
Es. a passo 2: “Agricolture. Eradiction. Virus disease. Rice plant. Japan. 1971.”

Passo 2: il titolo è organizzato in parole chiavi. In questo caso ad ogni
parola chiave viene associata una categoria .
Es. a passo 3: “Agricolture (BF). Erandiction (E). Virus disease (MP). Rice
Plants (P). Japan (S). 1970 (T).”

Passo 3: le parole chiave vengono ordinate seguendo l’ordine PMEST. Il
termine aggiunto a passo 0 (in questo caso Agricolture) viene riconosciuto
come soggetto non menzionato ossia non viene riconosciuto come una
categoria fondamentale ma come una classe principale.
Es. a passo 4: “Agricolture [BF]. Rice Plants [1P1]. Virus disease [1MP1].
Eradiction [1E]. Japan [S]. 1970s [T].

Passo 4: il titolo viene preparato in termini standard stabiliti dal catalogo
della classificazione colon.
Es. a passo 5: “ Agricolture (BF). Rice [1P1]. Virus disease [1MP1]. Prevention
[1E]. Japan [S]. 1970s [T].

Passo 5: una volta individuate le faccette e gli isolati il soggetto analizzato
viene sintetizzato numericamente.
Es. a passo 6: “J (BF). 381 [1P1]. 421 [1MP1]. 5 [1E]. 42 [S]. N7 [T].”

Passo 6: inserimento dei segni di interpunzione secondo l’ordine PMEST .
Es. a passo 7: “ J, 381; 421: 5.42’ N7.”

Passo 7: Completamento e verifica del titolo classificato.
La scomposizione in faccette e le loro relazioni permettono nella Colon un
tipo di indicizzazione molto specifica, con la possibilità di mettere più termini in
relazione biunivoca7:
7
Maria Cristina Lavazza, La Colon classification Struttura, radici filosofiche e diffusione. 19951996
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
17
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Classificazione dei libri di medicina (2;51)
Classificazione dei libri di medicina secondo la Colon (2;51 N3)
Vocali chiuse nella lingua inglese (P,111,11)
Storia dell'India fino al 1894 (V,2;1'M94)
Storia dell'India dal 1894 al 1894 (V,2;1'M92<-94)
Religione e filosofia antica (Q & R*Z)
Con una classificazione a faccette, il contenuto di un documento può
essere descritto analiticamente nei suoi diversi aspetti. Il piano notazionale della
Colon prevede numerose tavole indicate da lettere maiuscole e minuscole e da
numeri.
1.4 Radici della classificazione Colon
“Chiesi al dottor Ranganathan come fosse possibile ottenere la moksha (salvezza)
essendo semplicemente un bibliotecario, piuttosto che un santo o un rishi come
vuole la tradizione indiana. Egli fu molto divertito da questa domanda. In modo
molto semplice e schietto, mi disse che il servizio di biblioteca è forse il servizio
più impersonale, e che se qualcuno compie tale servizio con devozione e cuore
puro, senza riguardo per la casta, il credo o il colore e senza considerare se un
uomo sia ricco o povero, costui rende un vero servizio all’umanità. A questo
servizio infatti non è legata alcuna corda, così come è avvenuto per i grandi
uomini del passato, che hanno sempre servito l’umanità inculcando idee nobili
nelle persone, e continuando così a vivere nei loro cuori pur non esistendo più
nella loro forma fisica. Dopo tutto, questo corpo (sharirah) un giorno o l’altro
sarà inevitabilmente distrutto; ma il servizio di una persona all’umanità non sarà
mai distrutto dal tempo, né dalla guerra né da qualsiasi altro avvenimento
catastrofico. Un bibliotecario che abbia servito i suoi lettori con tale spirito
otterrà la moksha.”8
8
Claudio Gnoli. Il tavolino di Ranganathan. Bibliotime. Novembre 2000.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
18
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
La filosofia indiana ha testimoniato fin dalle origini una forte inclinazione
all’attività classificatoria un po’ in tutti i settori della conoscenza, sviluppando
scuole di speculazione logica, dialettica e matematica di altissimo livello. La
Colon, prima di essere una classificazione è un vero e proprio impianto filosofico,
complesso e strutturato di sistemazione dell’essere e del divenire che molto deve
alla tradizione sistematica tradizionale.
La Classificazione Colon ha delle radici molto antiche alcuni sostengono che
abbia radici janiste mentre altri confrontano le categorie del Vaisesika, che
riconducono a quelle janiste, con la classificazione di Ranganathan.
1.4.1 Categorie Vaisesika
Per ampliare la possibilità di interpretare il pensiero di Ranganathan, facendo
riferimento al suo paese, verranno illustrate diverse tabelle con la possibilità di
confrontare culture diverse ma che in un certo modo presentano una similitudine.
Secondo la tradizione dell’India il testo di questa scuola
“Vaisesika Sutra”
attribuito a Kanada risale al IV secolo a.C..
Nel Vaisesika le categorie si chiamano artha che può significare: cosa,
oggetto, scopo, significato di una parola. Il termine categoria è stato inserito
successivamente con padharta.
Vi sono sei prospettive fondamentali attraverso cui tale realtà può essere
descritta:
Ranganathan
Vaisesika
Personalità
Samanya (generalità) e Visheha (particolarità)
Materia - materiale
Dravya (sostanza) e Abhava (non – esistenza)
Materia – proprietà
Guna (qualità)
Materia – metodo
Samavaya (inerenza)
Energia
Karma (azione)
Spazio
Dika (spazio)
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
19
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Tempo
Kala (tempo)
Tabella 1.1: Sistema del Vaisesika adattato alla classificazione colon.
Le prime tre categorie coincidono con le categorie fondamentali presenti in
altri sistemi filosofici e dottrinali indiani che poi sono quelle che corrispondono
maggiormente alle categorie PMEST.
1. Dravya definito come sostanza se si intende come radice della
manifestazione sensibile. Dravya non è la causa pertinente e non è
manifesta in sé, lo diviene attraverso i suoi attributi statici (guna) e
dinamici (karma).
2. Guna che corrisponde agli attributi di dravya che lo rendono manifesto nel
mondo sensibile.
3. Karma corrisponde agli aspetti dinamici della sostanza, all’azione, al
movimento.
Gli artha successivi rappresentano soprattutto categorie di relazioni.
4. Samanya indica la generalità ossia la condivisione di qualità da cui
scaturisce la sovrapposizione dei generi.
5. Visheha la differenza o peculiarità, che indica ciò che appartiene ad una
sostanza, contraddistinguendola dalle altre.
6. Samavaya indica un “riferimento” in quanto si riferisce alla relazione di
inerenza che connette il dravya con i suoi attributi.
7. Abhava, questo artha è stato inserito successivamente e va concepito in
termini privativi come non – esistenza.
La colon secondo Ranganathan ha due profonde radici culturali9:
1. La cultura Vedic Indiana.
2. La corrente di opinioni generali provenienti da studenti e professori
accademici.
9
S. R. Ranganathan, Colon Classification,. Bangalore, 1989. p. 51.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
20
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
1.4.2 Cultura Vedic.
La cultura “Vedic indiana” riprende quattro gruppi di soggetto che
successivamente vengono ripresi da Ranganathan dividendo i soggetti in classi
principali:
VEDIC INDIANA
COLON CLASSIFICATION
SN
VEDIC GROUP OF
SUBJECT
CORRESPONDING TO MODERN SUBJECT
1
Dharma
2
Artha
3
4
Kama
Moksha
Law, Theology, Ethics and Sociology
Applied Natural Sciences, Political Sciences,
Economics and Social applied Sciences.
Pure Sciences, Fine arts and Literature.
Philosophy, Mystic experience.
Tabella 1.2: Vedic system of classification
Dharma viene definito soggetto essenziale poiché rappresentava la
preservazione della società e della cultura di tipo coerente e organizzata.
Artha successivamente si aggiunse per identificare tutti i soggetti
(materie) di tipo economico e politico appartenenti al paese.
Kama questo soggetto comprende tutta l’arte e la letteratura del mondo
indiano nata per diletto per manifestare la bellezza filosofica indiana.
Moksha questo soggetto rappresenta l’individualismo per eccellenza e
coinvolge la minoranza di una comunità. L’esperienza mistica non viene sempre
vissuta e questo soggetto serve a rappresentare quella parte della società che ha
bisogno di sentirsi sicura.
Natural Science
B
Mathematics
Humanities
∆
Mysticism and Spiritual
Social Sciences
T
Education
experience
C
Physics
N
Fine Arts
U
Geography
D
Engeneering
O
Literature
V
History
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
21
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
E
Chemistry
P
Linguistics
W
Political science
F
Technology
Q
Religion
X
Economics
G
Biology
R
Philosophy
Y
Sociology
H
Geology
S
Psychology
Z
Law
I
Botany
J
Agricolture
K
Zoology
L
Medicine
M
Useful Arts
Tabella 3: Traditional main subjects
La lista è composta da 26 materie principali, la restrizione è stata imposta
dal piano notazionale visto che nel 1924 agli albori della Colon Classification
veniva utilizzato solamente l'alfabeto romano.
Ranganathan raggruppa le materie in tre macroaree:
1) Natural science che va dalla lettera B a M. procede seguendo un'ordine che va
dall'astratto al concreto.
2) Humanities che va dal simbolo ∆ a S.
3) Social Science che va dal simbolo T a Z.
Il simbolo Mysticism rappresenta un dibattito tra la scienza e la filosofia la
teoria e la pratica mentre tutto ciò che segue viene inteso come una sequenza che
va dal decrescente naturale all'aumento dell’artificialità.
In realtà questa lista non è definitiva, successivamente con il susseguirsi
degli eventi e con l'ammodernamento della società si aggiunsero altre materie in
cui la ripartizione differiva dalla precedente soprattutto aggiungendo all’alfabeto
romano numeri e punteggiatura; come si può ben osservare la lingua veicolare
utilizzata da Ranganathan è l’inglese:
1.4.3 THE SCHEDULE OF BASIC SUBJECTS
01
0U
0W
0X
Generalia
Note – Agglomerate 01 begins
Area Study
Generalia person study
Entity – Phenomen Study from
Angles with input from natural
9p
9t
9q
9S
A*X
Conference Technique
Commission Technique
Symbolism
Computer science
Science (Natural and social Note
– agglomerate A begins
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
22
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
and social science field NoteDivision by (SD)
(Illustrative)
0X (C1, 6)
Study of time
0X (E1, 118) Gold (all aspects)
OX (W; 18=L) Peace research
OY
Universe of knowledge:
Structure and development
1
Communication science
(Generation, recording, Trans
Mission utilization, feed
Back, of information).
1P
Communication theory
2
Library & Information science
2T
Bibliometries Information
2X
Library Service
3
Book science
31
Authorial work
32
Translator’s work
35
Illustrator’s work
36
Compilation work
38
Editorial work
3V
Reading method
3X
Notes taking
4
Mass communication
44
Journalism
5
Exhibition technique
6
Museology/Mus. Technique
7
System Research, Systemol.
7X
Organisation: Science
Technique
8
Management Science
8V
Policy sciences
9b
Career
9f
Research methodology
9B
Metrology
9D
Standardisation
9e
Specification methodology
9f1
Survey methodology
9f2
Observation Methodology
9f3
Experiment methodology
9f4
Data collection and analysis
9f5
Discussion and Methodology
9f6
Population
9f7
Abstract mode formulation
9f8
9g
B8
B83
B85
BT
BT
A
A
AT
AX
Natural sciences
Laboratory service
Study of Entity Phenomenon
from several angles from natural
sciences
AXB Environmental sciences
AXC Surface sciences
AXD Soil sciences
AXE Material sciences
AXF Hydrosciences
AXG Ocean sciences
AXJ Atmosphere sciences
AXK Space sciences
AXM Defence sciences
B*Z Mathematical & physical science
Note – agglomerate B*Z begins.
B*ZZ Mathematical sciences
Note – agglomerate B*ZZ begins
B
Mathematics
B1
Arithmetic
B2
Algebra
B2-A System of Algebra
(illustrative)
B2-C Classical algebra
B2-N Boolean algebra
B2-N1 Set theory
B3
Analysis
B4
Group theory
B5
Trignometry
B6
Geometry
B6-A System of geometry
Note-Division by (CD)
(Illustrative)
B6-C Euclidean geometry
B6-M Non Euclidean geometry
B6-M3 Ellipte geometry
B6-M8 Hyperbolic geometry
B6-N line complex geometry
B6T Topology
B6V Mathematical logic
B7
mechanics
B7-A System of mechanism
note-division by (CD)
(Illustrative)
B7-C classical mechanism
Planning Method
B7-N
Evaluation method
B7-N2
Physic - mathematics
C-K
potential function and attractionC-M
Wave function
C-M6
Statistical calculus
C-M65
System of statistical calculus C-M9
Relativity mechanism
Quantum mechanism
Gravitation theory
Kinetic theory
Ether theory
Electromagnetic theory
Electron theory
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
23
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
BT
BT1
BT2
BT3
BT4
BT5
BT6
BT7
BT8
BTC
BTE
BTF
BTH
BTK
BTM
BTN
BTT
BTT1
BTT2
BTT3
BTT4
BTT5
BTT6
BTT7
BTT8
BTTB
BTTC
BTV
BV
BX*Z
BX
BYC
BYE
BYG
BYT
C*Z
C
C-A
N
Note – division by (CD)
(Illustrative)
Non parametric statistics
Probability
Distribution
Sampling
Test of significance and
Confidence interval
Design of experimentation
Analysis of variance and
Covariance
Theory of attribute
Correlation and regression
Forecasting
Multivariate analysis
Statistical quality control
Sequential analysis
Index number
Time series analysis
Actuarial analysis
Operations research
Linear programming
Non linear programming
Dynamic programming
Theory of games
Queuing theory
Sequencing theory
Replacement theory
Inventory control
Programme evaluation and
Review technique (PERT)
Critical path method (CPM)
Information theory
Cybernetics
Astronomy and astrophysics
Note – Agglomerate
BX*Z begins
Astronomy
Astrophysics
Note – agglomerate
BX*Z ends
Astrochemistry
Astrobiology
Astrometry
Note – agglomerate
B*ZZ ends
Physical sciences
Note – agglomerate
C*Z begins
Physics
System of Physics
Note: division by (CD)
(Illustrative)
C-N Quantum theory
C-NO Special theory of relativity
C-N1 Wave mechanism (statistical
mechanism)
C-N21 Unified field theory
C1
Fundamentals, physics
C2
Properties of matter
C3
Sound
C4
Heat
C4T Thermodynamics
C5
Radiation
C5T Electronics
C6*Z Electricity and magnetism
Note – agglomerate
C6*Z begins
C6
C7
Electricity
Magnetism
Note - agglomerate
C6*Z ends
C92
Transport phenomenon
C9B*Z Microphysics
Note - agglomerate
C9B*Z begins
C9B Molecule
C9C Atom
C9D Nucleus
C9E Elementary particle
C9F Cosmic ray
Note - agglomerate
C9B*Z ends
C9-H Pressure
C9-H1 Vacuum
C9-H2 Low pressure
C9-H4 High pressure
C9-J Temperature
C9-J1 Absolute Zero
C9-J2 Low temperature
C9-J4 High temperature
C9-L Potential
C9-L2 Low potential
C9-L4 High potential
CV
Space physics
D*Z Engineering and technology
Note – agglomerate
D*Z begins
D
Engineering
D-9L engineering in extranormal
environment
Note – division by (END)
(Illustrative)
D-9M64 High potential engineering
D-9Um7 Mountain engineering
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
24
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
DA
D1
D12
D13
D18
D2
D2T
D3
D4
D5
D51
D53
D55
D56
D57
D58
D5T
D6
D7
D71
D73
D74
D75
D76*Z
D76
D761
D762
D77
D78
D7A
D7C
D7H
D7H1
D7H7
D7H8
D8
D8-9A
D8-9C
DT
DYT
DYV
E*Z
E
E-A
System in engineering
E2
Civil engineering
E3
Foundation engineering
E4
Building materials
EX
Structural engineering
EX-9A
Building engineering
EX-9G
Hydraulic engineering
F
Irrigation engineering
FV
Track engineering
FX
Environmental engineering
Safety engineering
Public health engineering
Water supply engineering
Sewage engineering
G*Z
Municipal refuse disposal
Pollution engineering
Production engineering
G
Power engineering
G-9A
Service engineering
G-9L
Workshop
Communication engineering
Transport engineering
Illumination engineering
G-9Up
Ventilation and air conditioningG-9U3
Note – agglomerate
G-9U8
D76*Z begins
GT
Ventilation engineering
GTX
Airconditioning engineering
GV
Refrigeration engineering
GWA
Note – agglomerate
GWB
D76*Z ends
GWC
Acoustic engineering
GX
Control system engineering
GX1
Instrumentation engineering
GX2
Automation engineering
GX3
Industrial engineering
GYT
Materials handling
GYV
Packaging engineering
H*Z
Maintenance engineering
Commodity production
Engineering
H
Specials in commodity proHO*Z
Duction engineering
Automated commodity proDraughtmanship
H1
Engineering statistics
H2
Engineering cybernetics
H3
Chemical sciences
H4
Note – agglomerate
H5
E*Z begins
Chemistry
System in chemistry
H6
Note – division by (CD)
H61
physical chemistry
Analytical chemistry
Synthetic chemistry
Chemical engineering
Special in chemical engineering
Biochemical engineering
Chemical technology
Foundry
Welding
Note – agglomerate E*Z ends
agglomerate D*Z ends
agglomerate C*Z ends
agglomerate B*Z ends
Biological sciences
Note - agglomerate
G*Z ends
Biology
Specials in biology
Biology in extranormal
environment
note–division by (END)
(Illustrative)
Marine biology
Tropical biology
Polar biology
Cytology
Histology
Microbiology
Molecular biology
Biomechanics
Biophysics
Biochemistry
General Biochemistry
Physical biochemistry
Analytical biochemistry
Biometry
Biocybernetics
Earth sciences
Note – agglomerate
H*Z begins
Geology
Physical geology
note – agglomerate
HO*Z begins
Mineralogy
Petrology
Structural geology
Geomorphology
Stratigraphy
Note – agglomerate
HO*Z ends
Palaeontology
Palaeobotany
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
25
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
E-D
E1
HV
HV2
HV3
HV4
HV5
HV8
HV81
HV83
HV86
HVX
HWT
HX
I*Z
I
I-9A
I-9H
I-9J
I-9K
I-9L
9-A
I-9UK2
I-9Up
I-9U3
J*Z
(Illustrative)
Alchemy
General chemistry
Geophysics
Internal geodynamics
Volcanology
Seismology
Ocean logy
Atmospherology
Metereology
Aeronomy
Ionosphere studies
Exploration geophysics
Geochemistry
Note – agglomerate
H*Z ends
Mining
Plant science
Note – agglomerate
I*Z begins
Botany
Specials in botany
Creeper
Climber
Insectivorous plants
Botany in extra-normal
Note – division by (END)
(Illustrative)
H62
H7
HUB
JX-A
JYT
Paleozoology
Economic geology
Geodesy
System of forestry
Agrometry
note- agglomerate
I*Z ends
K*Z Animal science
note – agglomerate
K*Z begins
K
Zoology
K-9A Specials in Zoology
K-9B Embryology
K-9C Young animal
K-9C1 new born animal
K-9F Old animal
K-9J Zoo zoology
K-9K Sanctuary zoology
K-9L Zoology in extranormal
environmeny
note – division by (end)
(Illustrative)
K-9Um8 Forest zoology
K-9U2 Equatorial zoology
K-9U8 Arctic zoology
KX
Animal husbandry
KX-9A Specials in animal husbandry
note – division as for L-
Desert botany
Marine botany
Tropical botany
Agriculture and forestry
Note – agglomerate
(illustrative)
KX-9C1 New born animal, Animal
husbandry
KX-9F Old animal, Animal husbandry
KX-9H Female
animal,
animal
J*Z begins
KX-9L Animal husbandry in extra-
Agriculture
Specials in agriculture
Dry farming
Soiless farming
Shrub farming
Dwarf tree farming
Turf farming (ground coverIng plant farming)
Orchard (House farming)
Agriculture in extra-normal
Environment
Note – agglomerate
(Illustrative)
Desert farming
Monsoon farming
Tropical agriculture
environment
note – division by (END)
(Illustrative)
KX-9Uj2 Greenland animal husbandry
KX-9Um7 Mountain animal husbandry
KX-9U8 Polar animal husbandry
Note – agglomerate
K*Z ends
L*
Medical sciences
note – agglomerate
L*Z begins
L
Medicine
L-9A Specials in medicine
L-9B* by age
L-9B Embryology Human
L-9C Child medicine (Paediatrics)
husbandry
normal
J
J-9A
J-9B
J-9C
J-9D
J-9E
J-9F
J-9H
J-9L
J-9Uk2
J- 9Uk8
J-9U3
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
26
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
J-A
JX
JX-9A
JX-9L
JX-9Uk3
JX-9U3
L-9L
L-9Un4
L-9Ux
L-9U3
L-9U8
L-9UD
L-9UD7
L-9V
L-9X
L-9A
L-B*Z
L-B
L-C
L-D
L-K
L-L
L-M
LT
LT-9A
LT-9C
LT-9F
LT-9H
LT-9J
LTa
LTb
LTc
LTd
LTe
LTg
LTj
LTm
LTp
LTq
LTs
LTt
Lty
LT01
Systems of agriculture
L-9C1 New born child, Medicine
Forestry
L-9C5 Pre-adolescence medicine
Special in forestry
L-9D Adolescence medicine
Forestry in extra-normal
L-9E Adult medicine
Environment
L-9F Old age medicine (Geriatrics)
Note – division by (END)
L-9G* by sex
(Illustrative)
L-9G Male medicine
Temperate forest
L-9H Female medicine
Tropical forest
L-9J Eunuch medicine
Medicine in extranormal
LTK Boxing
Environment
LTM Ice and snow games
Note – division by (END)
LTN Water sports
(Illustrative)
LT-(..) System and style in game etc.
High altitude medicine
Note -- division by (GD)
Space medicine
to LT and its array divisions
Tropical medicine
(Illustrative)
Polar medicine
LT(..) System and style in games
Travel medicine
note – division by (GD)
Aviation medicine
applicable to LT and its array
War medicine
divisions (Illustrative)
Industrial medicine
LT(42) Japanese system of exercise
Systems of medicine
LTJ(42) Japanese style wrestling
Note – division by (CD)
LTK(42) Japanese style boxing
(Illustrative)
LTT Ergonomics
Indian system of medicine
LU1 Social medicine
Ayurveda
LU5 Public health
Siddha medicine
LU6*Z Hospital and Sanatorium
Unani
note – agglomerate
Allopathy
LU6*Z begins
Homeopathy
Naturopathy
LU6 Hospital
Physical exercise and sport
LU7 Sanatorium
Specials in physical exercise
note – agglomerate
Children’s games
LU6*Z ends
Games of old age
LUD Medical technology
Games for women
LX
Pharmacognosy
Games for physically handicap. LX A Systems of Pharmacognosy
Physical exercise
Note – division as for LX – A
Walking
(Illustrative)
Gymnastic
LX B Ayurvedic pharmacognosy
Yoga exercise
LX C Siddha pharmacognosy
Acrobatics
LX D Unani pharmacognosy
Trapeze work
LX 3 Pharmacology
Rope and wire walking
LX3 A Systems in pharmacology
Athletics
note – division as for LX-A
Field Sports
LX3 B A Ayurvedic pharmacognosy
Jumping
Running
Cycling
Games
Indoor games (collective
Treatment)
LX3 C
LX3 D
LX34
LX5
LX6
LY1
Siddha pharmacology
Unani pharmacology
Toxicology
Pharmacopoeia
Pharmacy
Nursing
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
27
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
LT05
LT1*Z
LT1
LT2
LT3
LT5
LT8
LTB
LTC
LTE
LTF
LTJ
Mf
Mg
Mj
Mk
Mm
Mn
Mp
and
Mr
Ms
Mt
Mu
M01
M05
M06
M08
M0A
M0F
M0M
M0R
M1
M13
M13T
M14
M15
M16
M17
M18
M1D
century
M1F
M1V
M2
M21
M22
M23
M27
M3
Outdoor games (collective
Treatment)
Ball games
Football type
Ball throwing games
Racket using games
Bat, stick using games
Board, table games
Tug of war
Throwing games
Aiming games (target aiming)
Chasing games
Wrestling
Glass work
Plastic work
Cordage, Fibre
Leather craft
Apparel making
Kitchenware and table ware
Cabinet and upholstery
LY7
LYT
LYV
LYX
Carpeting
Toilet articles making
Class room and teaching aids
Travel and camping equipment
Fancy and decorative articles
Making
Handicrafts
Toy making
Stationery articles making
Sports goods making
Lens grinding
Sound recording (Phonograph
Tape recording )
Musical instruments making
Book production/distribution
Typography
Book illustration
Block making
Composition, printing
Printing
Reprography
Binding
Publishing
CD Illustrative
MA-(41) Chinese style
MA-(44, N) Indian style, Modern
MA-(56,M) British style, Victorian
MA
Food craft
ME
Hostel and guesthouse
MG
Hotel and catering service
MG-9y Specials in hotel service
MG-91* By Grade
MG-92 Two star hotel
MG-93 Three star hotel
MG-94 Four star hotel
MG-95 Five star hotel
MG-9ABy Organisation
MG-9B External service facility
MG-9C Chain Hotel
MG-9D International hotel
MG-(...)
Styles in hotel
note – division by GD and
CD (Illustrative)
MG-(41) Chinese style
MG-(44,N) Indian style, Modern
MG-(52,M) Italian style, Nineteenth
Book selling
Historical bibliography
Wood working trade
Carpentry
Joinery
Cart writing
Cooperage
Masonry
MH
MH1
MH3
MH7
MK
MM
MMb
MMc
M
Mb
Mc
Md
Me
Anaesthesiology
Medicometry
Medical cybernetic
Medical jurisprudence
note – agglomerate
L*Z ends
agglomerate A ends
Useful arts
Refractory material making
Brick making
Tile making
Ceramic articles makink
environment
note – division by (END)
(Illustrative)
MA-9X2 Developing country
MA-9X4 Developed country
MA-(--) Styles in home science
note – division by GD
Beauty culture (Cosmetology)
Hair dressing
Manicuring
Make-up
Hostlery
Entertainments and hobby
Mental game
Games of skill
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
28
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
M4
M55
M56
M6
M61
M62
M7
M8
M92
M95
M97
M9C
M9N
M9P
MA
MA
9A
MA
9L
MN
MNb
MNc
MNe
MNh
MNj
MN2
MN3
MN4
MN5
MN7
MNC
MV
MV1
MV5
MV8
MX
MX1
MX3
MX6
MXN*Z
MXN
MXP
MXP-A
MXP-K
MXP-L
MXP-M3
MZ*Z
Materials protection trade
(Painting, varnishing,
whitewashing)
Plumbing
Electrician’s service
Metal working trade
Smithy
Ironmongery
Textile weaving
Dress making
Tailoring
Footwear making
Laundry service
Optician’s service
Audiovisual equipment
Auditorium services
Home science
Special in home science
Home science in particular
Entertainment
Carnival
Fairs and shows
Jugglery, Conjuring
Ventriloquism, Mimicry
Magic
Vaudeville
Circus
Night club
Concert
Theatricals
Cinema (as entertainment)
Military science
Land, Military science (Army)
Naval military science
Air, Military science
Secretarial practice
Business letter writing
Notes and minute taking
File maintenance
Shorthand and typewriting
Note – agglomerate
MXN*Z begins
Typewriting
Shorthand
System of shorthand
Note – division by (CD)
(Illustrative)
Willis shorthand
Lyle shorthand
Pitman shorthand
Note – agglomerate
MXN*Z ends
Humanities and social science
MMd
MMe
MMj
MM1
MM4
MMB
MMC
MMD
MME
MMF
MME
MMF
MMF5
MMF8
MMJ
MMM
MMN
MMP
MMR
N93
N95
N97
NA
NAT
NAX
NB
NC
ND
NF
NH
NJ
NL
NR
NRV
NS
NT
NU
NV
NW
NX
N.. (..)
Riddles, Puzzles etc
Cards play
Kite flying
Racing
animal fighting
Hobby
Book collection
Stamp collecting (Philately)
Animal fighting
Vehicle riding
Animal riding
Vehicle riding
Pleasure sailing
Flying (Aviation)
Gardening
Bird watching
Outdoor camping
Touring, Hiking
Mountaineering
Embroidery
Lace work
Tapestry
Architecture
Interior decoration
Furniture design
Town planning
Plastic art
Sculpture
Artistic glass
Ceramic art
Inlay art
Mosaic art
Music
Musical instruments
Dance
Theatre
Puppet play
Shadow play
Photography
Cinematography
Style in fine arts
note – for N and its
subdivision, division by (GD)
and (CD) (Illustrative)
N6-(44,J) Moghul painting
NA-(41) Chinese architecture
NT-(58-N) Russian theatre, Modern
O*Z Language and Literature
note – agglomerate
O*Z begins
O
Literature
P
Linguistics
PUG Bio linguistics
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
29
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
MZ*ZZ
MZ
MZX
N*Z
N
Nn
Ns
Nt
Nv
N1
N3
N5
N6
N7
N8
N91
R1
R2
R3
R4
R5
R6*Z
R6
R61
R62
R621
R625
R63
R634
R635
R64
R641
R645
R65
R66
R663
R6634
R67
R672
R673
R68
R6891
R6892
Note – agglomerate
PUS Psycholinguistics
MZ*Z begins
PUV Sociolinguistics
Humanities
PX
Applied linguistic
Note – agglomerate
PYT Mathematical linguistics
MZ*ZZ begins
PYV Linguistic cybernetics
Mysticism / spiritual experience
note – agglomerate
Astrology
O*Z ends
Fine arts and literature
Q*Z Religion and philosophy
Note – agglomerate
note – agglomerate
N*Z begins
Q*Z begins
Fine arts
Q*ZZ Religion and Ethics
Ornament
note – agglomerate
Lapidary art
Q*ZZ begins
Bead work
Q
Religion
Numismatic art
R*Z Philosophy and psychology
Graphic art
note – agglomerate
Calligraphy art
R*Z begins
Drawing
R
Philosophy
Painting
R-A Other systems of philosophy
Engraving (Glyptic art)
note – division by (CD)
Etching
(Illustrative)
Needle work
R-N Existentialism
Logic
R734 Epicureans
Epistemology
R74
Sceptics
Metaphysics
R741 Pyrrhonism
Ethics
R75
Eclectism
Note – agglomerate
R77
Alexandrian philosophy
Q*ZZ ends
R8..(..) Other schools of philosophy
Aesthetics
note – division by (GD) and
Schools of philosophy
(CD)
Note – agglomerate
note – agglomerate
R6*Z begins
Q*Z ends
Indian philosophy
Agglomerate
Hindu philosophy
R6*Z ends
Vaisesika and Nyaya
S*Z
Behavioural sciences
Vaisesika
Note – agglomerate
Nyaya
S*Z begins
Sankya and Yoga
S*ZZ Psychology and Education
Sankya
note – agglomerate
Yoga philosophy
S*ZZ begins
Purva mimamsa
S
Psychology
Bhatta mimamsa
S-9A Specials in psychology
Prabhakara mimamsa
S-9L Psychology in extra-normal
Vedanta
environment
Advaita
note – division by (END)
Pratyabhijna (Kashmirism)
(Illustrative)
Virasaiva
S-9Ux Space psychology
Visistadvaita
S-9V War psychology
Vaisnava philosophy
S-9XX Industrial psychology
Saivasiddhanta
S-9Y35 Psychology in urban environment
Dvaita
S-A
System of psychology
Bhedabheda
note – division by (CD)
Dvaitadvaita
(Illustrative)
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
30
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
R6893
R691
R693
R694
R6941
R6942
R6943
R6944
R6946
R6947
R7
R71
R711
R712
R713
R714
R715
R72
R721
R722
R723
R725
R73
R731
R732
T-L5
T-L6
T-L7
T-L8
T-L9
T-M
T-N
T-N1
T-N3
TUS
TUV
TYT
TYV
U*Z
U
U1
U2
U3
U5
U6
U7
U8
UYT
Suddhadvaita
S-M Experimental psychology
Carvaca
S-M9 Psychoanalytic School
Jaina philosophy
S-N
Gestalt psychology
Buddhistic philosophy
S-N1 Behaviouristic School
Hinayana philosophy
S-N14 Individualistic psychology
Vibbasika philosophy
S-N2 Typological philosophy
Santrantika philosophy
(Eidetict philosophy)
Mahayana philosophy
S-N3 Field psychology
Yogacara philosophy
S-N36 We psychology
Madhyamika philosophy
SUG Psychobiology
Greek philosophy
SX
Applied psychology
Pre-Socratic philosophy
SPYT Psychometry
Milesian philosophy
SYV Psychocybernetics
Pythagorean philosophy
note – agglomerate
Eleatic philosophy
R*Z ends
Sophist philosophy
T*Z Social science
Megarian philosophy
note - agglomerate T*Z ends
Socratic and Platonic philosophy T
Education
Socratic philosophy
T-9A Specials in education
Cynics
T-A
System of education
Platonic philosophy
note – division by (END)
Aristotelian philosophy
(Illustrative)
Post – Aristotelian philosophy T-J
Commenius. Object teaching
Peripatetics
T-L
Rousseau system
Stoics
T-L2 Kant system
Pestalozzi system
(Illustrative)
Fichte system
X-J
Capitalism
Herbart system
X-M Cooperative economics
Froebel’s Kindergarten
X-M2 Socialism, Economics
Mann system
X-N Syndacalism
Manual training system
X-N1 Communism
Plantoon system
X-N19 Technocracy
Montessori system
XV
Economics-in-action (Micro
Basic or Wardha system
economics)
Educational psychology
XV-9L Economics-in-action in
Educational sociology
extra normal environment
Educametry
note – division by (END)
Educational cybernetics
(Illustrative)
Note – agglomerate
XV-9V Economics-in.-action in war
S*ZZ ends
conditions
Geography and history
XV-9W64
Economics in action in
Note – agglomerate
dictatorship state
V*Z begins
XV-A System of economics-in action
Geography
note – division as for X – A
Mathematical geography
(Illustrative)
Physical Geography
XV-M Cooperative economics-in action
Biogeography
XX
Economics-in-theory of business
Anthropogeography
enterprise
Political geography
XX-9L Economics-in-theory of business
(Historical geography)
enterprise in extra normal
Economic geography
environment
Travel
Note – division by (END)
Statistical geography
(Illustrative)
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
31
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
V*Z
History and political science
Note – agglomerate
V*Z begins
History and economics
Note – agglomerate
V*ZZ begins
History
Historical source (theory)
Note – agglomerate
U*Z ends
Political science
Public administration
Political sociology
Geopolitic
V*ZZ
V
VX
W
WT
WV
WX
war
WYA
WYB
WYT
X
X
9L
action
XX-9V Economics-in theory of business
enterprise in war conditions
XX-A System of economics in theory of
business enterprise
note – division as for X – A
(Illustrative)
XX-N1 Communist system of economics
in theory of business enterprise
XYA International economics(Theory)
XYA-9L International economics in
extra normal environment
note – division by (END)
(Illustrative)
XYA-9V Internazionale economics in
International politics
conditions
(International relations)
XYA-A System of international
International Law
economics (Theory)
Politimetrics
note – division as for X – A
Note – agglomerate
(Illustrative)
V*Z ends
XYA-J Capitalist system of international
Economics (Macro-economics)
economics
Economics in extra-normal
XYA-V International economics in
Environment
XYAV-9L International economics in
action
X-9V
X-9Wb4
X-A
YT
YUA
YUG
YX
YYT
YYV
Z
Za
Za-1
Note – division by (END)
(Illustrative)
XYT
Economics in war conditions XYV
Economics in a dictatorship state
System of economics
Note – division by (CD)
Y
Demography
Cyberculture
Bio-sociology
Za-721
Social work
Sociometry
Za-732
Socio-cybernetics
Z1
Note – agglomerate
Z5
S*Z ends
Law
Jurisprudence
Schools of philosphy of
Jurisprudence
in war conditions
Econometrics
Economic – cybernetic
note – agglomerate
V*ZZ ends
Sociology
Note – division as for R6,R7
and R8 (Illustrative)
Socratic School
Stoic School
Public law
Private law
note – agglomerate
T*Z ends
agglomerate
A*Z ends
agglomerate a ends
Si tratta di un sistema alquanto raffinato e complesso che, anche per questo, è
stato utilizzato in un numero molto limitato di biblioteche. Tuttavia, i principi
individuati e definiti esplicitamente da Ranganathan a proposito della formazione
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
32
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
delle classi, delle faccette, del loro ordine di citazione, della notazione adottata per
esprimerli hanno una grandissima importanza teorica e hanno influenzato i sistemi
di classificazione in ambiti non previsti e non prevedibili. La CC avrebbe potuto
sostituire nelle biblioteche la CCD come sistema classificatorio. In India la causa
di disapplicazione della Colon fu un'altra: la CC aveva iniziato ad essere diffusa a
Madras, poi a Delhi e ad essere applicata alla bibliografia nazionale, ma
improvvisamente subì un arresto per essere lentamente sostituita dalla Dewey
poichè l'India era fortemente influenzata dalla cultura britannica. Il suo contributo
è ancora oggi vivo nel suo paese di origine attraverso un’associazione denominata
“MALA” (acronimo di Madras Library Association), nata nel 1928 è tutt’ora
attiva affinchè il messaggio di Ranganathan possa essere divulgato costantemente.
S. R. Ranganathan rappresentò l’India in tutto il mondo per oltre 20 anni, il suo
intervento nel mondo bibliotecario fu decisivo per l’apertura di biblioteche
pubbliche nel suo paese e verrà per sempre ricordato come il genio della
classificazione a faccette.
1.5 Evoluzione della Colon Classification
Il Classification Research Group (CRG), nato a Londra all'inizio degli anni
Cinquanta si è dedicato ad un'analisi approfondita delle categorie fondamentali,
ampliando e modificando le originarie cinque di Ranganathan. La realizzazione
pratica dell'analisi a faccette giunge, invece, qualche anno più tardi con
l'applicazione della stessa a schemi di classificazione speciali, alla seconda
edizione della classificazione bibliografica Bliss alla classificazione decimale
Dewey che hanno fornito le basi per lo sviluppo di avanzati sistemi di
indicizzazione: thesauri, gruppi di lavoro PRECIS, i cui principi tra l'altro hanno
informato i lavori dell'italiano GRIS (Gruppo di ricerca sull'indicizzazione).
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
33
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
La tecnica per la costruzione di classificazione speciale a faccette non
segue una procedura fissa, automatica, codificata. Il campo della conoscenza è
troppo complesso per essere analizzato ed organizzato secondo metodi empirici.
B.C. Vickery membro del CRG è colui che si dedicò nella stesura di una
guida che offre ai suoi lettori procedimenti ed esempi di classificazione speciale
già sperimentati esponendo eventuali difficoltà che si riscontrano nell’utilizzo.
Esistono numerose classificazioni generali che formano l’oggetto di varie
pubblicazioni ma di frequente capita di constatare come gli schemi generali
esistenti siano poco soddisfacenti. La maggior parte di essi non consente di
trattare dettagliatamente e di specificare con esattezza i soggetti di tipo complesso
e nonostante la loro ampiezza non concordano con i criteri di ciascuna biblioteca
o di ciascun centro d’informazione. Operazione iniziale dell’analisi a faccette è la
ripartizione di termini relativi ad un determinato campo della conoscenza in
faccette omogenee che si escludono reciprocamente. L’analisi a faccette segue, in
parte, le regole tradizionali di divisione logica sulle quali ogni classificazione è
basata, tuttavia i risultati ottenuti differiscono dalla classificazione tradizionale
poichè ogni categoria logica deve essere isolata così le faccette sono distinte e non
sono racchiuse in schemi rigidi ed enumerativi, ma hanno la possibilità di
combinarsi tra loro con la massima libertà. Dal punto di vista teorico la
classificazione a faccette, spezza la restrizione che vincolava la classificazione
tradizionale al rapporto gerarchico, essa introduce nuove relazioni logiche tra i
termini stessi, rispecchiando così fedelmente la complessità del campo della
conoscenza. Delimitare il campo di una classificazione speciale, significa definire
cosa si intende per campo omogeneo e verificare il soddisfacimento delle esigenze
degli utilizzatori.
1.5.1 Classificazione Bliss e classificazione a faccette.
Il sistema di Classificazione bibliografica Bliss 2a edizione (BC2) porta lo
stesso nome della classificazione bibliografica pubblicata da Henry Evelyn Bliss
tra il 1940–1963. Bliss fu uno dei primi teorici della classificazione bibliografica;
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
34
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
egli scrisse nel periodo immediatamente precedente a Ranganathan, e definì
moltissimi principî dell'organizzazione delle conoscenze. Mentre la notazione
della CC adotta simboli diversi per ogni differente funzione individuata (una
lettera identifica la classe, i valori delle diverse faccette sono rappresentate da
numeri e introdotti da una punteggiatura specifica), quella della BC2 utilizza le
sole lettere maiuscole.
Le caratteristiche della classificazione originaria, ossia l'ordine delle sue
classi principali, la presenza di ausiliari sistematici e speciali, l'uso di una
mnemonica sistematica e in lettere, le possibilità di sintesi, la flessibilità dei suoi
ordinamenti alternativi, e la sua implicita ospitalità a soggetti nuovi, sono qualità
altamente auspicabili in una classificazione e tuttora considerate tali. Di
conseguenza, la seconda edizione della Classificazione bibliografica di Bliss
venne largamente identificata con il "nuovo schema di classificazione generale", a
lungo prefigurato dal CRG, e destinato a incorporare principi teorici e struttura in
un modo mai realizzato prima da alcun sistema universale di classificazione
(eccetto la Classificazione Colon di Ranganathan).
La BC2 viene concepita come uno schema generale adatto a grandi
collezioni di documenti. A familiarizzare con questa classificazione sono state
soprattutto biblioteche speciali. Il nuovo schema offre un livello di dettaglio nella
terminologia e una possibilità di sintesi tali da essere adatti a collezioni di
documenti altamente specializzati, e per alcune discipline non esistono altri
linguaggi di indicizzazione paragonabili. L'ordine delle classi principali segue
quello dello schema originale di Bliss; è stato considerato da molti l'ordine più
conveniente fra tutti i sistemi di classificazione generali. L'ordine segue una
successione evolutiva logica.
A-AL
Filosofia
AM-AX Matematica
AY
Scienza in generale
B/D
Scienze fisiche
B
Fisica
C
Chimica
D
Astronomia e scienze della Terra
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
35
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
E/G
Scienze biologiche
E
Biologia generale e microbiologia
F
Botanica
G
Zoologia
H/I
Scienze dell’uomo
HA
Antropologia
HB/HZ
Medicina
I
Psicologia e psichiatria
J
Istruzione
K
Sociologia
L/O
Storia e discipline ausiliarie della storia
P
Religione
Q
Assistenza sociale
R
Politica e pubblica amministrazione
S
Diritto
T
Economia, finanza, gestione delle imprese
U
Tecnologia, industria, fabbricazione
V
Belle arti: arte, architettura, musica
W/Y
Lingue e letteratura
Z
Bibliografia
L'ordine all'interno delle classi principali è determinato dall'applicazione di
rigorose tecniche di analisi a faccette. Il vocabolario del soggetto, per come viene
determinato raccogliendo termini tratti da documentazione corrente, è analizzato
in una serie di faccette corrispondenti alle categorie dell'ordine di citazione
standard. L'ordine di citazione standard, così come le categorie che vi sono
impiegate, può essere considerato uno sviluppo delle categorie di Ranganathan
(Personalità, Materia, Energia, Spazio e Tempo). Negli anni Sessanta vennero
compiuti svariati tentativi di raffinare questa analisi di base.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
36
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Le categorie standard utilizzate per l'analisi dei termini nel lavoro di
revisione della BC2 sono le seguenti:

Oggetto [inglese thing], altrimenti detto entità o sistema. Equivalente
all'uso più semplice della categoria Personalità di Ranganathan, riguarda
l'interesse principale o l'oggetto di qualsiasi disciplina. Questa categoria
contiene perlopiù oggetti fisici, oppure aggregazioni di oggetti in sistemi.

Tipo: questa categoria, indicante in generale una relazione genere - specie
con Oggetto, contiene raggruppamenti generali ampi di concetti (es.
strumenti a fiato, come Tipo dell'oggetto strumenti musicali). Nelle
gerarchie tassonomiche in cui le relazioni genere - specie sono in gran
parte permanenti e predefinite (botanica, zoologia), questa categoria può
risultare ridondante.

Parte: componenti e sottosistemi di Oggetto (es. l'Oggetto bicicletta ha per
Parti: ruote, pedali, freni, gomme).

Proprietà: proprietà e caratteristiche dell'Oggetto. Talvolta difficile da
distinguere da Tipo, ma generalmente hanno natura astratta piuttosto che
concreta (es. l'Oggetto bicicletta ha per Tipi: da montagna, da corsa, da
turismo, mentre per Proprietà: peso, efficienza).

Materiale: equivalente alla categoria M (Matter) della Classificazione
Colon. Rappresentato da materiali grezzi, componenti ed elementi, è più
fondamentale di Parte (es. l'Oggetto casa ha per Parti: tetto, muri, finestre,
fondamenta, i quali consistono dei Materiali: legno, mattoni, tegole, vetro).

Processo: prima fra le due categorie di energia o attività. Processo è
rappresentato da azioni intrinseche e spontanee all'interno di entità o
sistemi - azioni che "avvengono da sole". Esempi sono solitamente i verbi
intransitivi.

Operazione: azioni determinate da un agente esterno - azioni che vengono
"fatte a" un'entità o sistema dall'esterno. Esempi sono solitamente i verbi
transitivi.

Prodotto: esiti o risultati di processi in, o di operazioni su, entità;
solitamente consistono in prodotti fisici, come farmaci. Questa categoria è
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
37
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
in gran parte limitata all'area della tecnologia, ed è generalmente assente
nelle arti e nelle discipline umanistiche e sociali.

Sottoprodotto: autoesplicativo; analogamente alla precedente, è un'altra
categoria tecnologica.

Paziente: il destinatario di operazioni, quando è diverso dalla categoria
Oggetto o entità, come normalmente è. Di nuovo, i casi sono in gran parte
tecnologici; per esempio, in ingegneria.

Agente: i mezzi attraverso i quali delle Operazioni vengono effettuate. Gli
Agenti possono essere in genere distinti in persone e strumenti o
attrezzature, e a un livello complesso possono essere rappresentati da
istituzioni. Le due categorie di agenti possono presentarsi insieme; es. in
medicina un chirurgo (Agente persona) può asportare del tessuto
utilizzando un laser (Agente strumento).

Spazio: qualsiasi tipo di dimensione politica, fisiografica o spaziale
(es.:gli USA,montuoso).

Tempo: qualsiasi tipo di caratteristica storica, cronologica o temporale (es:
medievale, permanente).
All'interno
di
una
particolare
faccetta
può
avvenire
un
ulteriore
raggruppamento dei termini, a seconda di diversi attributi o caratteristiche.
1.5.2 Classificazione decimale Dewey
La classificazione decimale Dewey (DDC) sviluppata da Melwil Dewey nasce
originariamente come classificazione tradizionale e viene contrapposta alla
classificazione a faccette in quanto il loro impianto è principalmente enumerativo.
Punto di forza del sistema è la scelta di un impiego intelligente delle cifre
decimali per le sue categorie. Ciò permette di mantenere puramente numerica la
classificazione, facilitando la possibilità di ordinare e gerarchizzare in più modi le
informazioni. Vi è anche la possibilità di realizzare una classificazione su più
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
38
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
fronti diversi (faceted classification), combinando elementi da parti diverse della
struttura e costruendo un numero che rappresenta nell'insieme un contenuto
oggettivo (spesso a sua volta ottenuto combinando due argomenti collegando i
numeri degli elementi geografici e temporali) e gli elementi formali di un oggetto.
Questo tipo di classificazione è più efficiente rispetto all'uso di liste contenenti
ogni singola classificazione e il relativo significato.
La tavola è così strutturata:
780.1-9
suddivisioni standard e studi su
partiture , registrazioni, testi
781
principi generali e forme musicali
.01-09
suddivisioni standard
.1
principi fondamentali della musica
.2
elementi della musica
.3
composizione
.4
tecniche musicali
.5
tipi di musica
.6
tradizioni musicali
.62
musica popolare
.7
musica sacra
.8
forme musicali
782
musica vocale
La classificazione decimale Dewey è molto utilizzata nel sistema bibliotecario
pubblico ed anche nelle librerie scolastiche in tutto il mondo, specialmente negli
Stati Uniti, ma anche in Italia, dove è stata adottata dall'Istituto Centrale per il
Catalogo Unico delle Biblioteche Italiane e per le Informazioni Bibliografiche per
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
39
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
la classificazione centralizzata SBN. I numeri utilizzati per il sistema di
classificazione decimale Dewey hanno costituito la base per il sistema di
classificazione decimale universale, sviluppato da Paul Otlet e Henri La Fontaine,
senz'altro più completo ma anche molto più difficile da utilizzare e che prevede,
tra l'altro, la combinazione del sistema di base Dewey con della punteggiatura
predefinita (virgole, punti, parentesi).
1.5.3 Schemi speciali
Un altro aspetto della popolarità delle classificazioni riguarda la diffusione
degli schemi speciali dedicati a singole discipline: alcuni di questi schemi sono di
fatto utilizzati nelle rispettive aree (MSC per la matematica, PACS per la fisica e
l'astronomia, CCS per l'informatica, JEL per l'economia, MeSH Medical subject
headings,
ACM
computing
classification
system),
non
soltanto
per
l'indicizzazione e la collocazione nelle biblioteche in esse specializzate, ma anche
per l'organizzazione e gli indici di servizi bibliografici internazionali (oggi
disponibili anche sotto forma di basi dati digitali consultabili via Internet),
prodotti o riconosciuti dalle principali associazioni del settore, al punto di essere
spesso indicate dagli editori direttamente sulle pubblicazioni stesse. Accade così
che i ricercatori di quelle discipline abbiano autononomamente acquisito, prima
ancora di utilizzare gli strumenti della biblioteca, una familiarità considerevole
con questi schemi e con le loro notazioni corrispondenti agli argomenti di proprio
interesse.
1.6 Conclusioni
La teoria dell’analisi a faccette è stata applicata con successo anche a
strumenti di indicizzazione semantica diversi da classificazioni quali thesauri e
soggettari. Ciascun elemento è coordinato con gli altri e svolge nella stringa di
soggetto un determinato ruolo. Fra gli anni sessanta e ottanta i sistemi di
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
40
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
indicizzazione che hanno applicato questo approccio sono: il Thesaurofacet di
Jean Aitchison, il DHSS-DATA thesaurus, il BSI root thesaurus.
La classificazione a faccette si può definire come uno strumento di difficile
utilizzo per come ideato da Ranganathan ma di facile interpretazione nel momento
della fruizione. Oggi molto attuale soprattutto nel campo informatico dove
l’utilizzo del termine “faccetta” viene usato spesso in modo inproprio ma che in
qualche modo riprende la sua importanza e le diverse sfaccettature della
classificazione.
“Dovunque vi è struttura, emerge una successione. Quando la successione è
conveniente allo scopo presente, essa è Classificazione. L’acutezza nel pensiero,
la chiarezza nell’espressione, l’esattezza nella comunicazione, la prontezza nella
risposta e la precisione nel servizio dipendono in ultima analisi dalla successione
conveniente, ovvero dalla Classificazione”10.
10
Claudio Gnoli. Classificazione a faccette, AIB Roma 2004. p. 35 (citato da: Ranganathan 1967,
sez. CP2).
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
41
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
2. La Knowledge Organisation
"KM is the systematic, explicit, and deliberate building, renewal, and application
of knowledge to maximize an enterprise's knowledge-related effectiveness and
returns from its knowledge assets." 11
2.1 Introduzione
La conoscenza e l'apprendimento sono temi che hanno sempre interessato
l'uomo. Nel mondo occidentale le prime testimonianze le possiamo trovare nelle
opere dei più importanti filosofi greci per poi continuare fino ai giorni nostri.
Analogamente i filosofi orientali come Lao, Tzu, Confucio e quelli indiani hanno
posto la conoscenza come percorso essenziale per una vita spirituale e terrena
realmente compiuta.
La rivoluzione informatica ha indotto a credere che si potesse risolvere con la sola
tecnologia il problema dell’organizzazione e della gestione dell’informazione per
favorirne la reperibilità. Oggi si è capito che essa è sicuramente un supporto per la
gestione della conoscenza ma la sua utilizzazione non elimina il problema
dell’organizzazione dei suoi contenuti.
L’organizzazione della conoscenza è fondata su principi in gran parte
indipendenti del supporto fisico su cui sono memorizzate. Nonostante l'utilizzo
delle tecnologie informatiche sia essenziale per l'implementazione dei processi di
11
Karl Wiig, Liebowitz. (1999).
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
42
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
knowledge management, il fattore umano, rappresenta il punto focale attorno a cui
si devono muovere tutte le attività. Sono loro; gli attori o gestori della conoscenza
a possedere le informazioni e le conoscenze la cui esplicitazione e condivisione
sono l'obiettivo del KM.
Indubbiamente uno dei modi più diretti ed efficaci di generare conoscenza
è l’acquisizione (ad esempio mediante l’assunzione delle persone che la
posseggono o della stessa organizzazione in cui queste sono impiegate). Il valore
del sapere non sta sempre nel fatto che esso sia “nuovo” in assoluto, ma che lo sia
per l’organizzazione che ne entrerà in possesso. La conoscenza si sviluppa nel
tempo mediante l’esperienza che viene assorbita dai rapporti interpersonali, dalla
lettura e da altre fonti.
L’obiettivo fondamentale del Knowledge Management è di trasferire la
capacità intellettiva il know how dei lavoratori, per far si che si possa sviluppare
un processo decisionale che responsabilizzi e coinvolga il dipendente. Inoltre, è
anche una fase fondamentale per la ricerca di conoscenze nuove.
2.2 Cosa è il Knowledge Management (KM)
Nel 1986 Karl Wiig, autore nel 1933 del libro Knowledge management
foundations, enuncia i principi del knowledge management, termine da lui
coniato.
Nonostante il KM goda ormai di una fama internazionale, una vera e propria
definizione è ben lontana dall’essere data. È la natura stessa del KM a renderne
difficile una formalizzazione efficace; a solo fine enunciativo verranno
fornite – di seguito - delle definizioni di Knowledge Management:

Per Knowledge Management, si intende "la funzione di sviluppo e
gestione delle risorse relative alle conoscenze tangibili (attività di ricerca e
sviluppo, brevetti, database dei clienti, dei fornitori e dei concorrenti) e
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
43
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
intangibili
(skill,
esperienze,
competenze
delle
persone
inserite
12
nell'organizzazione)"

"Il Knowledge Management promuove un approccio integrato per
identificare, catturare, recuperare, condividere e valutare tutto il
patrimonio informativo presente in un'azienda. Questo patrimonio
informativo include i database, i documenti, le procedure ma anche le
competenze e l'esperienza presente nella testa dei singoli che vi
lavorano"13.

“Per Knowledge Management (gestione della conoscenza), s’intende
l’insieme degli strumenti e delle metodologie gestionali, che facilitano
un’efficiente creazione e scambio di conoscenza a tutti i livelli
dell’organizzazione al fine di creare valore per l’impresa, esso rappresenta
una strategia che permette di portare l’informazione giusta alle persone
giuste e nel momento giusto, aiutandole a condividere e trasformare
informazioni
in
azioni
che
migliorino
le
performances
dell’organizzazione”14.
2.2.1 Ciclo della conoscenza.
Il ciclo della conoscenza non può fermarsi alla trasmissione di dati e
informazioni. Il loro rapporto è gerarchico, ed è associato a differenti competenze
e ruoli che contraddistinguono il modo di operare delle persone coinvolte nei
diversi processi della conoscenza. Attraverso la forma di una piramide si possono
descrivere i processi con un’approccio che parte dal basso verso l’alto che
coinvolge anche i semplici dipendenti e li rende consapevoli del valore (in termine
di conoscenza) che possono esprimere. Solo partendo da una formazione del
12
Sito www.tecnoteca.it. Definizione data dalla Società di consulenza informatica .
13
sito www.tecnoteca.it. Definizione data dalla Società di consulenza informatica Gartner Group
14
Cos’è la gestione della conoscenza? It Consult, 2003. Capitolo 1 p. 4.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
44
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
personale ossia dal livello più basso della piramide, si potrà giungere ad una
gestione ottimale del sapere.
Tabella 2.1. Piramide della conoscenza.
Alla base vi sono i dati o materiale “grezzo” ossia un simbolo con il quale
rappresentiamo la realtà ed elemento di base della conoscenza suscettibile di
elaborazione e abbondante dell’informazione .
Su un gradino più alto c’è l’informazione, cioè dati selezionati e organizzati
per essere comunicati riducendo lo stato di incertezza.
La conoscenza, si potrebbe definire come: “una combinazione fluida di
esperienze, valori, informazioni contestuali e competenza specialistica che fornisce
un quadro di riferimento per la valutazione e l’assimilazione di una nuova esperienza
e nuove informazioni. Essa origina e viene implicata attraverso i conoscitori. Nelle
organizzazioni la conoscenza risulta legata non solo ai documenti, ma anche alle
procedure e ai processi organizzativi, alle pratiche e alle norme15. ” La conoscenza
è intesa come informazione o risorsa che può essere sfruttata al fine di rendere più
produttive altre risorse o per consentire un miglior processo decisionale.
Il rapporto che intercorre tra informazione – conoscenza, fa si che riducendo
lo stato di incertezza si opera un cambiamento nel contesto. I dati divengono
15
Thomas H. Davemport, “Il sapere al lavoro”, ETAS, 2000
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
45
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
informazioni quando si aggiunge un descrittore/valore che, unito alla conoscenza,
raggiunge competenze specialistiche elevate. Al vertice troviamo la saggezza,
conoscenza distillata dall’intuizione e dall’esperienza.
2.2.2 Tipi di conoscenza.
L’obiettivo del Knowledge Management è pragmatico: migliorare l’efficienza
dei gruppi collaborativi esplicitando e mettendo in comune la conoscenza che
ogni membro ha maturato durante il suo percorso professionale. I primi
investimenti si concentrano soprattutto sullo sviluppo dei mezzi per rendere
veloce e semplice l’archiviazione, la descrizione e la comunicazione di dati e
informazioni. Tra i primi studiosi della conoscenza ci sono stati i giapponesi
Nonaka e Takeuchi16, i quali hanno introdotto una distinzione importante tra
conoscenza esplicita e conoscenza implicita (o tacita)17:

Conoscenza esplicita: è la conoscenza codificata ed elaborata e
facilmente reperibile nei documenti o in formato elettronico. Si
caratterizza per essere strutturata e interpretabile, oltre ad avere spesso
un volume ingestibile. Infatti, un esubero di informazione “esplicita”
rischia di essere un ostacolo per l’attività di impresa. Si esige a questo
proposito un sistema intelligente che fornisca informazioni utili e
strutturate.

Conoscenza implicita: è la conoscenza soggettiva e personale delle
singole persone ed è difficilmente catalogabile. E’ destrutturata e
difficilmente trasferibile, ma spesso contiene un elevato valore
strategico per l’impresa. Il problema principale è esplicitarla in forma
comunicabile e reperibile.
L’obiettivo in questo caso non è formalizzare il contenuto della
conoscenza, approccio seguito per la gestione della conoscenza esplicita. La
16
Secondo Nonaka e Takeuchi la conoscenza è un concetto complesso, legato alle persone, al
loro punto di vista e alle loro credenze. Descrivono come le aziende giapponesi innovano
sfruttando la condivisione della conoscenza in entrambe le forme "esplicita" e "tacita".
17
Nonaka I., Takeuchi J.. The Knowledge-Creating Company, Milano Guerrini e associati. (1995)
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
46
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
conoscenza implicita può diventare esplicita, ossia quello che si trova nella mente
dell'individuo può essere trasformato, convertito, in parole, in forma di
conoscenza esplicita. E’ necessario identificare strumenti semantici per
l’elaborazione della conoscenza tacita. Nel caso della conoscenza tacita l’obiettivo
è quello, invece, di elaborare le informazioni a corredo della conoscenza tacita
perché questa possa essere disseminata in modo tempestivo, efficace ed efficiente.
Lo studioso Michael Polanyi18, sostiene che: “ non tutto quello che è nella mente
dell'uomo può essere convertito in conoscenza esplicita e allora, Polanyi scrive
che “conosciamo più di quanto possiamo effettivamente dire” “ we know more
than we can tell19”.
2.3 Traduzioni epistemologiche della conoscenza.
L'espressione organizzazione della conoscenza ha una connotazione di
ampliamento rispetto ai tradizionali ambiti bibliotecari e documentalisti. Si
intende, infatti, riferirsi alle strutturazioni concettuali che sono alla base, talvolta
inconsapevolmente, dei modi in cui la conoscenza viene ripartita e fruita nella
società.
2.3.1 Origini della conoscenza.
L'organizzazione della conoscenza affonda le sue radici in molte delle
elaborazioni filosofiche moderne; importanti filosofi di ogni epoca si sono
18
Michael Polanyi (Budapest, 11 Marzo 1981 – Northampton, 22 Febbraio 1976) è stato un
filosofo, economista e chimico ungherese. Michael Polanyi ebbe inizialmente successo come
valente chimico. La sua filosofia fu sempre accompagnata da riflessioni di tipo politico ed
economico. Politicamente è stato spesso associato al pensiero liberale. La sua opera più nota è La
conoscenza personale. Le sue idee sulla conoscenza tacita o inespressa hanno influenzato molti
studi sulle organizzazioni aziendali. Nel suo pensiero la vera conoscenza non può essere
formalizzata in regole o algoritmi, essa è soprattutto conoscenza tacita.
19
The tacit dimension (1966), traduz. Italiana La conoscenza inespressa, Armando Editore, Roma
1979.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
47
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
interessati alla segmentazione del sapere in discipline e ai rapporti reciproci fra
queste: basti pensare ad Aristotele, a cui dobbiamo le ripartizioni moderne delle
scienze o alle visioni di Francis Bacon sull'organizzazione delle nascenti scienze,
o al raffinato schema concettuale sottostante l'Encyclopédie degli illuministi.
Traduzioni epistemologiche classiche rappresentano in modo differente lo
sviluppo della conoscenza:
Razionalismo
Empirismo
Origine della conoscenza
Ragionamento logico
Esperienze sensoriali
Metodo per arrivare alla
Deduzione
Induzione
Primo Contributo
Platone
Aristotele
Contributi principali
Cartesio
Locke
conoscenza
Tabella 2.2 Adattato da Nonaka 1997
Come si può vedere nella tabella 2.2 vengono identificate due grandi
correnti filosofiche: il razionalismo e l’empirismo. Il razionalismo (dal termine
latino ratio, "ragione"), è una corrente filosofica e si diffuse nel corso del XVII e
XVIII secolo in Europa, basata sulla tesi che, la ragione umana può in principio
essere la fonte di ogni conoscenza, ovvero attingere ad essa attraverso la pura
speculazione. Il razionalismo in particolare considera la ragione umana innata e
indipendente dall'esperienza, immutabile ed identica in ogni essere umano, ma
tanto da essere così alla portata dell'individuo capace di riconoscere in sé le
proprie facoltà. In genere i filosofi razionalisti come Platone, Spinoza e Leibniz
sostenevano che, partendo da principi fondamentali, individuabili intuitivamente,
dalle verità della matematica e le basi epistemologiche e altre scienze, si possa
arrivare tramite un processo deduttivo, ossia dalla ragione a tutto il resto della
conoscenza. Al razionalismo si contrappone l’empirismo.
L’empirismo (dal greco - esperienza) è la corrente filosofica, nata nel Seicento in
Inghilterra, secondo cui la conoscenza umana deriva esclusivamente dai sensi o
dall'esperienza. I maggiori esponenti di questa corrente furono Aristotele, Francis
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
48
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Bacon e Thomas Hobbes. Per empirismo si intende anche un approccio
sperimentale alla conoscenza, basata sulla ricerca e il procedimento induttivo a
posteriori.
La conoscenza quindi ha bisogno di essere periodicamente organizzata in
modo sistematico: non basta accumulare idee a casaccio, occorre esprimerle in
schemi sensati, logici e comprensibili.
2.3.2 ISKO: International Society for knowledge Organization.
Un gruppo di studiosi era attivo in Germania già dal 1977 sotto il nome di
Gesellschaft für Klassifikation (Società per la Classificazione): tra loro si
distingueva Ingetraut Dahlberg, studiosa che aveva fondato la rivista
"International classification" e pubblicato un altro testo importante sui
fondamenti teorici e concettuali degli schemi universali del sapere, i Grundlagen
universaler Wissensordnung.
La sigla ISKO è acronimo di International Society for Knowledge
Organization questa associazione internazionale, nata nel 1989, ha lo scopo di
diffondere la conoscenza e nello stesso tempo studiare gli aspetti teorici e
metodologici e sperimentali della sua organizzazione.
Nato in un ambiente prevalentemente cartaceo, l’ acronimo e le
conseguenti attività si vanno oggi diffondendo anche nelle attività digitali. In
questo ambiente ha già due "figli", battezzati NKOS e SKOS.
L'iniziativa
NKOS,
Networked
Knowledge
Organization
Systems/Services, si propone come una rete di informazione e discussione sulle
strategie per mettere in grado i sistemi per l'organizzazione della conoscenza di
fungere da servizi informativi in rete interattivi a supporto della descrizione e del
recupero di risorse informative svariate attraverso Internet. Su questi temi
vengono promossi workshop nell'ambito di congressi internazionali (JCDL - Joint
Conference on Digital Libraries, ECDL - European Conference on Digital
Libraries, Dublin Core), e pubblicati numeri monografici della "New review of
hypermedia and multimedia "diretta da Douglas Tudhope.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
49
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Un primo frutto di questo tipo di lavoro è SKOS, Simple Knowledge
Organization Systems. Si tratta di uno standard, messo a punto dal World Wide
Web Consortium attraverso un Gruppo di lavoro telematico aperto a qualsiasi
contributo e coordinato da Alistair Miles, che si propone di codificare le strutture
semantiche dei KOS in una sintassi RDF, quindi potenzialmente sfruttabile per gli
scopi del Web semantico.
La seconda bozza è stata pubblicata il 2 novembre 2005, e contiene
sostanzialmente la sintassi per registrare le relazioni “tesaurali” sotto forma di
proprietà RDF, quali broader, narrower, related o scopenote. Tra i primissimi in
Italia, la Biblioteca Rostoni dell'Università Carlo Cattaneo LIUC ha cominciato a
sperimentare
l'applicazione
di
SKOS
al
proprio
tesauro.
2.3.3 Dimensioni della Gestione della conoscenza.
Nel processo di gestione della conoscenza si possono individuare due
dimensioni rilevanti:

Una dimensione riguarda la necessità di estrarre e strutturare il proprio
patrimonio di conoscenze. Questa dimensione comprende tutte le
iniziative relative al sistema informatico nonché al recupero e alla
formalizzazione della conoscenza.

L’altra dimensione riguarda la necessità di sviluppare e utilizzare il
proprio patrimonio di conoscenze. Questa dimensione, riguarda tutte le
iniziative che toccano l’organizzazione aziendale e le risorse umane
volte a favorire la condivisione e l’acquisizione di conoscenza.
Sviluppare e utilizzare la conoscenza significa favorirne il processo di
sfruttamento, condivisione e creazione. Stabilire la metodologia, vale a dire la
comprensione del processo di sviluppo e di condivisione della conoscenza
all’interno dell’organizzazione, e l’incontro tra chi possiede la conoscenza e colui
che la cerca è uno dei punti fondamentali di cui si deve tener conto.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
50
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Altrettanto importanti sono l’individuazione delle fonti della conoscenza e
dei modelli di interscambio della stessa nonché la creazione di un linguaggio
aziendale comune.
2.4 KOS: Knowledge Organization System
Con il termine “knowledge organization system” si indicano tutti i tipi di
approcci
semantici
all’informazione
e
alla
loro
applicazione
nella
documentazione, nella ricerca e nella società in genere.
La prospettiva di un web semantico ha aumentato la necessità di questi
strumenti. Con il termine web semantico si intende la trasformazione del World
Wide Web in un ambiente dove i documenti pubblicati (pagine HTML, file,
immagini, e così via) siano associati ad informazioni e dati (metadati) che ne
specifichino il contesto semantico in un formato adatto all'interrogazione,
all'interpretazione e, più in generale, all'elaborazione automatica.
2.4.1 Strumenti per Knowledge Organization System
Con l'espressione knowledge organization system (KOS), vengono oggi
raggruppati gli svariati strumenti e tecniche utilizzati nei diversi ambienti. Un
ambiente di importanza rilevante oggi è quella del web dove aspetti che
interessano l’architettura dell’informazione è l’organizzazione ottimale dei
contenuti nei documenti e nel web sono di estrema rilevanza. A questo scopo
vengono utilizzate, più o meno consapevolmente, varie forme di sistemi per
l'organizzazione della conoscenza. Non esistendo un unico modo per modellare un
dominio della conoscenza, oltre alla tecnologia è necessario definire e applicare
una metodologia. Di seguito verranno elencati e successivamente espletati i
diversi strumenti e le diverse metodologie che vengono maggiormente utilizzate
nel mondo della classificazione dell’informazione e del web:
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
51
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo

Indicizzazione del contenuto di documenti con parole-chiave,

Tesauri,

Ontologie,

Tassonomie,

Mappe tematiche (topic maps),

Mappe concettuali.
2.4.2 Indicizzazione semantica
L’informazione in quanto elemento che riduce lo stato di incertezza in tutti i
casi viene reperita per mezzo di indici intesi come una lista alfabetica o
sistematica di soggetti che localizzino ciascun soggetto all'interno di un
documento o di una raccolta di documenti. Nel caso di risorse digitali essi sono
intesi come metadati che descrivono:

Le entità (caso db).

I documenti (caso information retrieval)

Le pagine Web (caso ricerca in rete)
Per migliorare la navigazione e il recupero dei dati da parte dell’utente, gli
autori di pagine web hanno, quindi, la possibilità di aggiungere parole o frasi che
ne descrivono il contenuto attraverso i cosiddetti metadati ossia dati sui dati. Una
delle inefficienze maggiori della "navigazione" in Internet è costituita dalla
difficoltà:

Di trovare quel che si cerca,

Trovare solo quel che si cerca,

Trovarlo in tempi ragionevolmente brevi.
Esistono perciò degli appositi motori di ricerca che s'incaricano di trovare
l'informazione desiderata. Un motore di ricerca è un sistema automatico che
analizza un insieme di dati, spesso da lui stesso raccolti e restituisce un indice dei
contenuti disponibili classificandoli in base a formule matematiche che ne
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
52
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
indichino il grado di rilevanza data una determinata chiave di ricerca. Il lavoro dei
motori di ricerca si divide principalmente in tre fasi:

Analisi del campo d'azione. Per analizzare il web i motori di ricerca
utlizzano dei crawler o spider. I crawler sono dei programmi che
vengono comunemente utilizzati nel web. Il crawler si basa su una lista
di URL (Uniform Resource Locator) da visitare fornita dal motore di
ricerca. Durante l’analisi di un URL, il crawler identifica gli hyperlink
(collegamenti ipertestuali) presenti nel documento e li aggiunge alla
lista di URL da visitare all’interno di un database contenente tutte le
informazioni “sensibili” della pagina come il contenuto testuale,
metadati, e altro.

Catalogazione del materiale ottenuto. Dopo aver analizzato le pagine,
alcune di esse vengono inserite nel database e nell’indice del motore di
ricerca.

Risposta alle richieste dell'utente. Per stabilire la rilevanza di un sito,
vengono cercati nel database tutti i documenti che contengono la
parola chiave inserita dall’utente.
I "motori di ricerca" indicizzano (cioè catalogano dal punto di vista
semantico) più o meno automaticamente i documenti presenti sulla Rete:

di solito estraendo occasionalmente (cioè al momento della ricerca) le
parole cercate dall'intero corpo del documento.

Oppure limitandosi a riconoscere l'indicizzazione già presente in essi.
I motori possono essere classificati come generali e specializzati. I motori di
ricerca generali sono indispensabili per trovare le informazioni che si stanno
cercando. I siti vengono classificati secondo parole chiave contenute nelle
pagine HTML, oppure raggruppando i siti secondo categorie e sottocategorie
(es. dallo shopping alla cultura), mentre altri motori tendono ad individuare di
volta in volta i siti di maggiore importanza. Le diverse caratteristiche presenti
nei motori generali possono guidare nelle ricerche sui siti sparsi nel mondo
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
53
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
specialmente quando si abbia solo un’idea generica su quel che si sta cercando
(esempi di siti generali sono: Yahoo, Altavista, Open Directory (DMOZ),
Arianna, Excite e tanti altri). I motori di ricerca specializzati, invece offrono
risposte più precise e mirate rispetto ai motori generali. Si può partire da un
sito specializzato come Beaucoup, il risultato sarà quello di trovare un elenco
di tutti i motori delle diverse nazioni o quelli dedicati ai vari settori e in base
all’esigenza si consulterà il motore predefinito (esempi di siti specializzati
sono: in campo scientifico Filemazio (www.filemanzio.net), che raccoglie le
pubblicazioni in tema di ricerca diffuse sulla stampa nazionale e contiene link
per i maggiori quotidiani e settimanali. Per le ricerche bibliografiche, si può
partire dall’AIB (Associazione italiana biblioteche) o dal catalogo generale
(OPAC) delle biblioteche italiane per trovare testi di autori o su argomenti
specifici, e tanti altri.) L'efficacia del recupero dell'informazione è
direttamente proporzionale alla precisione della parola chiave impiegata. I
documenti possono essere paragonati ad una sorgente di conoscenza
concettuale, questa può essere astratta e organizzata per una più efficace
divulgazione. Nota è la non gestibilità in cui si presenta il documento, poichè
l’informazione nella sua forma originale non rappresenta bene la conoscenza
dal momento che questa è nascosta nel testo contenuta nelle diverse risorse.
L’indicizzazione è diventato lo strumento più utilizzato per diminuire il
rumore informativo che si crea nel web. L'indicizzazione dei documenti
consiste nell’estrazione di concetti mediante un procedimento di analisi
intellettuale e traduzione nelle voci indicizzate. Per ottenere una elevata
attendibilità e non cadere nella decontestualizzazione vi sono da seguire degli
standard:

ISO 5127/5 (Vocabolario, 1981)
L'indicizzazione è l'azione mirante a rappresentare i risultati dell'analisi di un
documento con gli elementi di un linguaggio naturale o di un linguaggio
documentario, generalmente per facilitarne il reperimento.

ISO 5963 (Metodi per l'analisi dei documenti..., 1985)
L'indicizzazione è l'azione di descrivere o identificare un documento nei
termini del suo contenuto concettuale.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
54
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Questa norma è suddivisa in 8 sezioni e un’appendice dove vengono
descritti i metodi per l’analisi del documento, determinazione del soggetto e la
selezione dei termini di indicizzazione.
Aggiungere soggetti o parole-chiave che descrivono il contenuto di
documenti e un uso comune dei metamarcatori, <link> e<meta>, consiste nel
definire una serie di informazioni che permettono la registrazione dei documenti
HTML nei motori di ricerca e migliorano l'efficacia delle ricerche quando
vengono interrogati.
2.4.2.1 Dublin Core
Il Dublin Core (prende il nome della città americana nell'Ohio) è fondato
sullo sviluppo di un nucleo (basic core) di informazioni contenute all’interno del
documento digitale. Il progetto del Dublin Core con il nome completo Dublin
Core Metadata Initiative si è sviluppato in ambito OCLC ( On line Computer
Library Center), la grande rete di servizi americana per le biblioteche. Nel 1995 in
occasione del primo Metadata Workshop furono presentati i 13 elementi
descrittivi che potevano essere forniti dall’autore o dall’editore dell’oggetto
digitale. Si tratta di dare delle informazioni aggiuntive al documento, che ne
descrivono determinate caratteristiche. L’emissione della norma (ANSI/NISO
z39.85) costituisce un riconoscimento ufficiale per l’uso del set Dublin Core che è
stato tradotto in oltre 20 lingue ed utilizzato in tutto il mondo per integrare diverse
tipologie di informazioni. Dublin Core è composto attualmente di 15 elementi
descrittivi (metatag) ripartibili in 3 gruppi:

Sul contenuto del documento (titolo, soggetti o parole-chiave,
descrizione, fonte da cui deriva, lingua, relazione con altri documenti,
copertura spaziale o temporale).

Sulla proprietà intellettuale del documento (nome del creatore,
dell'editore, del contributore, fonte giuridica).
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
55
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo

Sull’esemplarità, o caratteri intrinseci, del documento (data, tipo,
formato, identificatore).
Visti in tabella originale:
Content
Intellectual
Property
Instantiation
Title
Creator
Date
Subject
Publisher
Type
Description Contributor Format
Source
Rights
Identifier
Language
Relation
Coverage
I motivi che fanno preferire Dublin Core ad altre simili proposte normative
sono:


Semplicità: è usabile da chiunque senza particolare apprendistato.
Comprensibilità: i descrittori utilizzati sono molto vicini al linguaggio
naturale.

Interoperabilità semantica: può descrivere documenti appartenenti a
qualsiasi disciplina.

Flessibilità: non ci sono limiti formali al suo sviluppo per ulteriori,
diverse, applicazioni.

Consenso: è norma in molti siti nel mondo.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
56
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Si può intuire che , il Dublin Core viene preferito come formato, in
quanto si rivolge sia a non catalogatori che a specialisti. Le sue
caratteristiche possono proporsi anche nella prospettiva della biblioteca
digitale, visto che questo formato è applicabile alla descrizione di oggetti
in defferenti tipologie di supporti compreso quello elettronico. Oggi, anche
lo standard ISO 15489 costituisce insieme al Dublin Core un fondamentale
riferimento nel contesto internazionale per lo sviluppo e la realizzazione di
sistemi documentali fondati su strategie e principi condivisi.
2.4.3 Tesauri.
La definizione di Thesaurus è fornita dalla Guidlines for the establishment
and
development
of
monolingual
Thesauri,
dell'International
Standard
Organization ISO 2788 /1986 con la definizione di:
“ Thesaurus, vocabolario di un linguaggio di indicizzazione controllato,
organizzato formalmente in modo da rendere esplicite le relazioni a priori tra
concetti”.
Precisamente:

Relazioni di equivalenza fra i termini;

Relazioni gerarchiche fra i termini preferiti;

Relazioni associative fra i termini.
Il Thesaurus è un vocabolario strutturato, all’interno del quale il controllo
semantico si esercita non solo con il controllo dei sinonimi, omonimi, quasi
sinonimi e note che definiscono l’ambito semantico del termine, ma attraverso:

L’inserimento del termine in un reticolo sistematico di sovra e
sottoordinati semantici.

L’inserimento del termine in un reticolo di rapporti associativi su
base semantica.
Le relazioni semantiche a priori di tipo gerarchico costituenti thesauri non
possono definirsi tali esclusivamente in rapporto ad un campo concettuale di
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
57
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
riferimento. Nella sua forma più semplice un vocabolario controllato è un
sottoinsieme di un linguaggio che rappresenta un sapere specialistico, per esempio
un elenco dei termini specifici di una disciplina (arte, medicina, economia, ecc. ).
Un vocabolario controllato di questo tipo può essere deciso da uno o più esperti, o
costruito automaticamente scartando dai testi del settore parole molto comuni
(stopwords) come:
-articoli: the, a, die, der, le, la, il, ...
-preposizioni: of, to, von, de, di, della, ...
-congiunzioni: and, e, ...
-suffissi: 's, .com, ... ...
Sono elencate in un'apposita lista (stop list) e vengono escluse dalla lista invertita,
e ignorate in fase di ricerca.
Un primo arricchimento del vocabolario controllato è costituito
dall’introduzione dei sinonimi, o meglio di termini considerati equivalenti
secondo certi criteri, nella stessa lingua o in lingue diverse, comprendendo anche
errori ortografici comuni.
Poiché nessuno dei termini equivalenti è considerato preferito, si parla di
anelli di sinonimi. Lo scopo di un tesauro è quello di formalizzare la terminologia
per evitare la ridondanza del linguaggio naturale, che è quanto può accadere con
le parole-chiave, così da aumentare il richiamo (recall) dei documenti rilevanti tra
i risultati della ricerca. La rilevanza dipende dal giudizio dell'utente, quindi dalla
sua motivazione, dai suoi scopi, ecc.; riferendosi a una specifica ricerca di uno
specifico utente, si parla anche di risultato pertinente o utile.

Richiamo = documenti rilevanti trovati / documenti rilevanti esistenti

Precisione = documenti rilevanti trovati / documenti trovati
Un
thesaurus
macchina,
inteso
come
l’elenco
alfabetico
costruito
automaticamente delle parole significative, non è un thesaurus nonostante il nome.
I thesauri sono vocabolari controllati per l’indicizzazione, non sistemi di
indicizzazione. Un rapporto è presente tra thesauri e database automatizzati, in cui
la scelta diventa praticamente obbligata nel caso di un’indicizzazione analitica,
che comporta una moltiplicazione di descrittori di soggetto non facilmente
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
58
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
gestibili. La struttura di un tesauro si presta al navigare in fase di ricerca e
indicizzazione.
2.4.4 Tassonomie.
Con il termine tassonomia ( dalle parole greche taxis = ordine e nomos =
regole) ci si può riferire ad un vocabolario controllato che diventa uno schema di
classificazione, quindi tassonomia, quando i termini vengono organizzati in una
gerarchia. Praticamente tutti i concetti, gli oggetti animati e non, i luoghi e gli
eventi possono essere classificati seguendo uno schema tassonomico. Le
tassonomie non sono molto diverse dai tesauri, tranne per la rappresentazione ad
albero e il minor rigore con cui vengono specificate le relazioni.
Uno schema di classificazione svolge un triplice ruolo:

Per l’architetto dell’informazione, come strumento di organizzazione e
etichettatura dei documenti.

Per l’utente, come ausilio alla navigazione (se, come in Yahoo, è resa
visibile come parte integrante dell’interfaccia).

Per l’utente, nella ricerca, quando gli vengono mostrate le categorie in cui
è stato trovato il termine dell’interrogazione familiarizzandolo con lo
schema di classificazione del sistema.
2.4.5 Ontologie.
Le ontologie sono l’insieme dei termini che, in un particolare ambito o
dominio applicativo, denotano in modo univoco una particolare conoscenza e fra i
quali non esiste ambiguità in quanto gli stessi sono condivisi e accettati dall’intera
comunità di utenti dell’ambito e/o dominio.
Una definizione di ontologia può essere:
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
59
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo

Un’ontologia è una descrizione formale esplicita di un dominio di
interesse.

Descrizione: una forma di rappresentazione della conoscenza

Formale: simbolica e meccanizzabile

Esplicita: elenchi estensionali di frammenti di conoscenza

Dominio: ristretta ad un determinato sottoinsieme dello scibile, affrontato
da un certo punto di vista.
Le ontologie hanno una struttura concettuale simile a quella dei tesauri ma
le relazioni tra i termini è nella forma gatto IS-A felino. Oltre alle relazioni
generiche, partitive e associative, possono essere utilizzate molte altre relazioni, in
base alle definizioni della singola ontologia per fornire un’ulteriore conoscenza
concettale. In questo modo, più che un albero gerarchico, si forma una vera e
propria rete complessa di relazioni tra i concetti che può essere visualizzata, anche
graficamente, in modi efficaci.
Nell’informatica un’ontologia è il tentativo di formulare uno schema
concettuale esaustivo e rigoroso nell’ambito di un dato dominio prevalentemente
con una struttura gerarchica.
Quello che rende le ontologie particolarmente utili è il fatto che in esse le
relazioni sono generalmente registrate in modo formale e trattabile in automatico,
utilizzando un apposito linguaggio di rappresentazione della conoscenza.
Quindi un’ontologia è costituita da:

Classi (concetti generali del dominio di interesse.)

Relazioni tra queste classi

Proprietà (attributi, slot, ruoli) assegnate a ciascun concetto, che ne
descrivono vari tipi di attributi o proprieta’.

Restrizioni sulle proprietà (facet, role restrictions). Impongono il tipo di
dato sul valore che la proprietà può assumere.
Istanze

A partire dalle classi dell’ontologia, è possibile definire delle istanze, che
rappresentano specifici oggetti del mondo reale.

Le istanze ereditano attributi e relazioni dalle classi.

Knowledge base = Ontologia + insieme delle istanze delle classi
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
60
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Un “agente intelligente” software potrà così elaborarle secondo personali
regole, quindi essere in grado di inserire nuove relazioni. La possibilità di mettere
online diverse ontologie porta all’idea di farle dialogare fra loro, affinché venga
moltiplicata la conoscenza complessiva trattabile in automatico, realizzando
l’atteso web semantico. Il termine “Semantic Web” è stato proposto per la prima
volta nel 2001 da Tim Berners Lee20.
Con questo termine si esplicita l’intento di costruire un sistema capace di
operare trattando contenuti documentali che siano comprensibili sia agli esseri
umani che a dei software. L’idea del web semantico nasce estendendo l’idea di
utilizzare schemi, intesi come un insieme di regole che stabiliscano come debbano
essere organizzati i dati per descrivere domini di informazione. Un dominio deve
essere descritto da un particolare schema (es. XML). A tale scopo occorre
scegliere dei linguaggi di rappresentazione standard condivisi dai diversi sistemi,
come DAML o il più recente OWL (Web Ontology Language) sviluppato dal
World Wide Web Consortium (W3C).
Le analogie fra ontologie e thesaurus sono evidenti: in margine al loro
ruolo
nell’indicizzazione
e
nell’individuazione
dell’informazione.
La
strutturazione dei concetti in reti e la normalizzazione della loro espressione
costituiscono dei punti comuni importanti. Esse non devono dissimulare le
specificità di ciascuno di questi strumenti, che derivano da vocazioni dissimili: i
thesaurus sono adatti al loro ruolo di strumenti di mediazione documentaria, le
ontologie devono servire alla rappresentazione di molteplici aspetti delle risorse
digitali. Nella misura in cui esistono dei thesaurus nei campi più disparati, che
comportano migliaia di termini pertinenti, è giudizioso integrarli nelle ontologie.
Bisogna, tuttavia, osservare che i thesaurus devono essere rimaneggiati e
rimpolpati per consentirne uno sfruttamento automatizzato.
Il web semantico è solo una delle possibili applicazioni delle ontologie.
Esistono numerosi altri campi di utilizzo tra cui: il knowledge management, data
20
Tim Berners – Lee (Londra, 8 Giugno 1955) informatico inglese è il co-inventore del World
Wide Web (WWW) insieme a Robert Cailliau. Scrisse il primo server per World Wide Web, httpd
e il primo programma client (un browser e un editor), nell’ottobre del 1990. Ha scritto inoltre la
prima versione del linguaggio di formattazione di documenti con capacità di collegamenti
ipertestuali conosciuto come HTML.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
61
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
integration, content management, e-commerce, information filtering e problem
solving. Ogni volta che occorre condividere informazioni è possibile ricorrere alle
ontologie. Infatti, oggi molte aziende utilizzano soluzioni ontology-based, che
diventa senza dubbio il loro core aziendale.
2.4.6 Topic Maps
Topic Maps: elaborate per descrivere strutture di conoscenza e associarle
con risorse informative pertinenti, di recente diventate uno standard ISO
(ISO13250 del 2000), utilizza XML Topic Maps (XTM), una sintassi
d'interscambio basata su XML e Linear Topic Map Notation (LTM), un formato
abbreviato per editor di testo. Una topic map è un indice analitico elettronico di
più risorse informative collocato a un livello distinto da quello delle risorse stesse.
Questa distinzione tra il livello dell'indice e quello dei documenti fa sì che vi sia
integrazione di conoscenza tramite i link tra i soggetti stessi prima ancora che
tramite i tradizionali link di cross reference tra i documenti .
Una topic map consiste in una serie di nodi chiamati topic collegati tra di
loro. Ogni topic costituisce un surrogato elettronico di un subject. Un subject è
tutto ciò che può essere oggetto di un discorso: un concetto astratto, un oggetto
concreto, una persona, un’opera, un luogo. La relazione tra un topic e il suo
subject viene detta reification.
I topic corrispondono alle voci di un indice analitico, le association ai
rinvii ad altre voci nella forma “vedi anche” e le occurrence ai numeri delle
pagine. Se un indice analitico non categorizza le relazioni associative tra le voci e
un tesauro si limita a distinguere le relazioni associative tra i termini da quelle
gerarchiche e preferenziali ricorrendo all'etichetta RT (Related term) una topic
map categorizza le relazioni associative tra i topic permettendo all’utente di capire
non solo che due topic sono associati ma anche il perché e il come.
Le Topic Maps nascono con l'obiettivo di creare un meccanismo di
indicizzazione che si adatti ad ogni supporto e ad ogni oggetto o insieme di
oggetti informativi (l'oggetto di riferimento non è più il singolo documento come
nell'ambiente cartaceo, ma un insieme di oggetti i cui confini reciproci possono
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
62
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
anche essere indefiniti). Esse riprendono una serie di concetti, di formalizzazioni e
di funzionalitàderivanti dagli strumenti "classici" di mappatura delle conoscenze,
cioè indici analitici, glossari e thesauri, e li rielaborano e combinano con quelli
derivanti dalle reti semantiche.
2.4.7 Mappe cognitive o concettuali
“Le mappe cognitive permettono di rappresentare in maniera grafica la
parte del sistema di credenze dei decision makers che viene attivato in risposta ad
uno stimolo/problema dell’ambiente competitivo”
(Steinbruner, 1974)
Le mappe concettuali sono uno strumento grafico per rappresentare
informazione e conoscenza, teorizzato da Joseph Novak, negli anni '70. Le mappe
concettuali servono per rappresentare in un grafico le proprie conoscenze intorno
ad un argomento secondo un principio cognitivo di tipo costruttivista, per cui
ciascuno è autore del proprio percorso conoscitivo all'interno di un contesto, e
mirano a contribuire alla realizzazione di apprendimento significativo, in grado
cioè di modificare davvero le strutture cognitive del soggetto e contrapposto
all'apprendimento meccanico, che si fonda sull'acquisizione mnemonica.
Dagli anni settanta ad oggi questo insieme di requisiti è stato
sostanzialmente indebolito e reso più flessibile. La perdita di rigore nella
definizione dello strumento si è accompagnata ad una crescente flessibilità
operativa. Anche il significato dell’espressione "mappa concettuale" si è
parallelamente evoluto nel tempo. Strettamente parlando, la nozione di mappa
concettuale riguarda uno strumento grafico, e va distinta dalle nozioni di mappa
mentale e di mappa cognitiva (cognitive map), con la quale si fa riferimento alle
strutture mentali elaborate dai soggetti per immagazzinare la conoscenza. Però
anche l'uso di questi termini non è del tutto definito e codificato; in particolare, il
termine "mappa mentale" si è esteso ad indicare strumenti grafici di
rappresentazione della conoscenza. In breve, le mappe concettuali vengono oggi
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
63
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
comunemente considerate, al pari delle mappe mentali, un mezzo per la
rappresentazione delle strutture cognitive.
Esistono diversi applicativi software capaci di elaborare mappe cognitive
del contenuto di testi a servizio del Knowledge Management.
2.5 SKOS: Simple Knowledge Organisation System
SKOS è l'acronimo di Simple Knowledge Organisation System ed è una
famiglia di linguaggi formali creata per rappresentare glossari, classificazioni,
tassonomie e qualsiasi tipo di vocabolario strutturato. SKOS si basa su RDF e
RDFS e il suo obiettivo principale è di consentire una facile pubblicazione di
vocabolari strutturati per il Semantic Web. SKOS è un'area di lavoro che sviluppa
specifiche e standard per supportare l'uso dei sistemi d'organizzazione della
conoscenza (KOS) è progettato come una famiglia di linguaggi modulari ed
estensibili. Il suo uso e la sua implementazione dovrebbe essere il più semplice
possibile nel quadro del web semantico. La standardizzazione di tutte le forme di
comunicazione aziendale è l’obiettivo principale da raggiungere attraverso un
processo di gestione della conoscenza: il sapere va prodotto, verificato, validato,
reso comprensibile ed indirizzato agli attori adeguati.
I principali vantaggi sono:

Riduzione degli errori e dei tempi di sviluppo dei prodotti;

Possibilità di realizzazione di prodotti innovativi;

Miglioramento della qualità intrinseca e percepita dal cliente;

Maggior disponibilità di informazioni e di conoscenza in tempo reale;

Maggiori capacità cognitive dei lavoratori e maggior coinvolgimento
nelle decisioni operative;

Miglior conoscenza dei punti deboli e dei fattori critici di successo;
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
64
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
2.6 Conclusioni
Oggi i nuovi modelli di KOS sono orientati verso un potenziamento delle
operazioni di information retrieval e la sfida più grande in questo campo è
l’identificazione concettuale all’interno di uno specifico dominio di interesse.
Infatti, un sistema di information retrieval semanticamente guidato ha la capacità
di riconoscere, ovvero “capire”, attraverso chiarificazioni e precisazioni imposte
all’utente, i possibili e vari significati di una determinata parola nella stringa di
ricerca. Soltanto quando l’utente abbia disambiguato completamente il termine, il
sistema potrà essere in grado di eseguire la ricerca senza troppo “rumore” nel
risultato.
In questo scenario un KOS ha due funzioni:

Assistere l’utente;

Supportare l’indicizzazione automatica attraverso l’analisi sintatticosemantica del testo.
Queste due funzioni richiedono un KOS con una ricca struttura semantica. Per
realizzare questi e altri obiettivi, i nuovi KOS devono sposare la struttura
concettuale delle ontologie, ovvero, gerarchie ben strutturate di concetti connesse
attraverso un network di relazioni dettagliate su base concettuale – con la
ricchezza terminologica dei migliori tesauri.
Gestire ed implementare la conoscenza in un’organizzazione significa,
rendere disponibile ai diversi membri (con differenti livelli di accesso) le
informazioni e le esperienze relative ad un certo argomento, in modo tale che le
persone che lavorano sulle stesse problematiche in tempi e luoghi diversi possono
confrontarsi e condividere idee e strategie. Questo consente una crescente
competitività, grazie ad una continua innovazione dei prodotti/servizi da un lato e
dei processi organizzativi e decisionali dall’altro.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
65
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Fino ad ora sono stati consolidati strumenti e processi per la gestione della
conoscenza esplicita, ovvero di quella conoscenza che può essere formalizzata
sotto diverse forme, quali: regole, procedure, leggi, formule matematiche,
descrizioni strutturate. Il successivo obiettivo è la gestione della conoscenza
tacita, quella, cioè, più intrinsecamente legata alle capacità individuali, agli
approcci utilizzati per risolvere i problemi, all’esperienza. Progetti di Knowledge
Management richiedono, una trasformazione della cultura e dell’organizzazione
aziendale, per motivare e stimolare tutti i membri ad una leale condivisione delle
conoscenze tacite e delle esperienze, sia un’innovazione tecnologica che permetta,
tramite apposite implementazioni informatiche di rappresentare, classificare,
trasmettere ed incrementare le conoscenze e il capitale “intellettuale”.
Obiettivo ultimo deve essere quello di rendere disponibile il patrimonio
informativo e conoscitivo dell’impresa in modo tale che tutti coloro che ne hanno
bisogno per svolgere la propria attività ne possano beneficiare, nella forma e nel
modo più consono alle loro necessità cognitive, di apprendimento, di lavoro e di
contingenza.
Per poter trasformare l’informazione in conoscenza è necessario assicurare
un accesso flessibile e multi-dimensionale all’informazione stessa.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
66
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
3 La classificazione a faccette nel web
“Il potere di uno schema organizzativo puro deriva dalla sua capacità di
suggerire un semplice modello mentale che l'utente può facilmente comprendere.
Gli utenti riconoscono facilmente un'organizzazione specifica per audience o per
argomento e schemi organizzativi puri abbastanza piccoli possono essere
applicati a grandi quantità di contenuto senza sacrificarne l'integrità o sminuirne
l'usabilità. Tuttavia, quando si inizia a miscelare elementi di molteplici schemi, ne
consegue spesso confusione e le soluzioni sono raramente scalabili. Poiché le
parti sono mischiate tra loro, non possiamo formarci un modello mentale”.
(Rosenfeld e Morville-2002).
3.1 Introduzione
Nel primo capitolo si è affrontato l’argomento della classificazione a
faccetta e la sua evoluzione di come veniva originariamente interpretata da
Ranganathan. Successivamente, come abbiamo constatato, la colon si è sviluppata
in altri schemi di classificazione ed è stata utilizzata ampliamente nel mondo della
biblioteconomia.
Proprio in questi anni, si sono intessute fitte relazioni fra discipline come
l’architettura
dell’informazione
(che
si
interessa
dell’organizzazione
dell’informazione all’interno di sistemi digitali), il Knowledge Management e la
biblioteconomia (la stessa architettura dell’informazione nasce da un’applicazione
al web della biblioteconomia classica).
Una nuova disciplina è entrata a far parte del mondo informatico, ossia
l’architettura dell’informazione per il web, che si occupa di progettare la struttura
semantica di un sito decidendo dove e come posizionare contenuti e servizi. In
maniera meno diretta si occupa anche di alcuni aspetti grafici interagendo con la
figura del grafico nella distribuzione di immagini e contenuto all’interno della
pagina.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
67
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
A rilanciare questa nozione, intuendone i grandi vantaggi derivanti dalla
sua applicazione in ambiente digitale, sono stati proprio gli ingegneri e gli
architetti dell’informazione del web, che hanno ricondotto alle nozioni di
“faccette”
e
di
“classificazione
a
faccette”
(o
“classificazione
multidimensionale”), in ambito informatico. Nella progettazione e nella gestione
di un sito web, così come di un qualsiasi sistema informativo digitale (come
un'intranet aziendale o un sistema di knowledge management), i principi della
classificazione vengono impiegati in continuazione. Ci si trova, infatti, spesso
nella situazione di dover organizzare una gran mole di contenuti (informazioni
testuali, immagini, materiali sonori, filmati) con lo scopo principale di
information retrieval.
3.2 Nozione di faccette nel web
“Per faccetta si intende l'insieme di tutte le categorie (i foci) che, generate
applicando uno specifico principio di divisione, descrivono una delle tante
"sfaccettature"/proprietà/caratteristiche dell'ambito che si vuole classificare”21 .
La classificazione mediante faccette sfrutta un sistema di attributi (metadati)
mutuamente esclusivi rappresentanti ciascuno un aspetto o proprietà persistente
dell’oggetto e capaci nel loro insieme di descrivere esaustivamente l’oggetto
stesso. Tali attributi sono detti faccette (termine introdotto da Ranganathan), e
sono contraddistinti da queste peculiarità:

Sono invariabili dal punto di vista semantico e costituiscono un insieme
aperto, per cui è sempre possibile aggiungere nuove faccette a quelle già
esistenti.

Sono utilizzabili come attributi di ricerca sia singolarmente sia in
combinazione.
21
Giovanni Varano. Architettura dell’informazione e organizzazione della conoscenza dell’e government. Milano, 24 Giugno 2005.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
68
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Tali caratteristiche rendono efficace l’adozione di questo sistema in ambienti
digitali, per un veloce ed efficiente ritrovamento dell’informazione. Nei paesi di
lingua anglosassone, in ambiente web, il termine “faceted” è piuttosto diffuso e
viene impiegato per designare qualunque sistema che preveda un accesso alle
risorse mediante più percorsi e/o categorie differenti. In realtà, come abbiamo
visto, l’aspetto della multidimensionalità in ambiente informatico non è l’unico
tratto distintivo della faceted classification (seppure sia forse quello più
innovativo): ad esso si aggiungono l’ordine di citazione delle faccette, la
notazione specifica e, come anche per ogni altra classificazione, il riferimento a
proprietà semantiche di un documento.
Nel 2006 sono state individuate tre tipologie di faccette all’interno del web di
seguito riportiamo le definizioni22:

Classificazioni a faccette pure: modelli che si rifanno in modo completo
alla teoria classificatoria di Ranganathan. In altri termini, oltre a garantire
un accesso multidimensionale all’informazione, esse rispettano anche
l’ordine conveniente delle faccette e il sistema di notazione utile a
garantire tale ordine.

Classificazioni a faccette spurie: modelli di classificazione che si rifanno
alle teorie delle faccette soltanto per ciò che riguarda la logica
multidimensionale di accesso all’informazione. Sono questi i casi più
numerosi e, in genere, più citati.

Classificazioni apparenti: modelli di organizzazione di tipo relazionale
che offrono un accesso all’informazione mediante più parametri solo o
prevalentemente di tipo descrittivo e non di tipo semantico.
La classificazione spuria è oggi quella più diffusa nel web, perché risulta la
più elastica e duttile, applicabile a qualsiasi tipo di informazione: dal prodotto
commerciale al documento della pubblica amministrazione.
22
Claudio Gnoli, Luca Rosati, Vittorio Marino. Organizzare la conoscenza. Dalle biblioteche
all’architettura del web. Milano, 2006.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
69
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
3.3 Strutture di classificazioni
L’organizzazione dei contenuti è alla base dei sistemi di navigazione, i
siti/portali si navigano in base al sistema organizzativo scelto inizialmente. I
sistemi organizzativi dei contenuti possono essere molteplici: possiamo decidere
di organizzare i contenuti in base alla struttura aziendale interna, al target di
riferimento, all’autore. Alcuni, come la ricerca, le mappe, le mappe tematiche o
semantiche, gli indici, hanno un ruolo di supporto alla navigazione e dunque
nell’organizzazione dei contenuti argomenti da noi già discussi ampliamente nel
secondo capitolo.
3.3.1 La struttura gerarchica
La struttura gerarchica o gerarchica enumerativa o ad albero (non a caso il
termine “alberatura” di un sito) è la struttura più diffusa nel web si basa su uno
schema ad albero tradizionale dove sono presenti forti relazioni per ogni ramo: le
classi inferiori dipendono da quelle superiori.
La differenza fondamentale tra una struttura ad albero e un’altra consiste
nella profondità che si può raggiungere, ogni elemento è classificato sotto una e
una sola categoria. Esso possiede una corretta e univoca collocazione all’interno
di un unico schema, ampio e gerarchicamente molto profondo, e può essere
ritrovato attraverso un percorso a gradini categoria padre > categoria figlio.
La profondità è inversalmente proporzionale all’ampiezza delle macroaree.
Un sistema di questo tipo è quindi monodimensionale (il criterio di catalogazione
è unico), e molto esteso in verticale.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
70
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Figura 3.1. Struttura gerarchico - enumerativa
I principali vantaggi sono:

Sicurezza nell’utente

Facilità di gestione

Applicazione consolidata
È un sistema relativamente semplice da gestire e sicuramente lineare da
ideare. Il problema, consiste nel fatto che come nelle più classiche delle
classificazioni bibliotecarie (es. Dewey a CDU), ogni argomento viene inserito in
un’unica e determinata sezione e il rischio è che non venga recuperato
immediatamente da parte dell’utente. Se poi il sito è molto ampio e caratterizzato
da tanti argomenti, il pericolo di seppellire una pagina è molto alto. Ci vengono
allora in aiuto i link incrociati o contestualizzati, anche se spesso si rende
inevitabile la duplicazione della stessa pagina in aree diverse con i relativi
problemi di aggiornamento.
Tra i vantaggi, a parte la sicurezza infusa da un tipo di navigazione più
tradizionale, c’è la semplicità di gestione.
Gli svantaggi di questa logica sono:

Rigidità

Difficoltà gestione nuove sezioni

Difficoltà nel recupero dell’informazione

Dispendio maggiore di tempo.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
71
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
3.3.2 Struttura multidimensionale
Alla verticalità dei sistemi di catalogazione e alla loro rigidità, la
classificazione a faccette contrappone un sistema di classi (faccette) orizzontale e
aperto (laddove ciascuna faccetta è descrittiva di una proprietà o faccia
dell’oggetto).
La struttura multidimensionale, o analitica sintetica, nasce dalla Colon
Classification, un tipo di classificazione bibliotecaria ideata nella prima metà del
secolo dal bibliotecario indiano S.S.R. Ranganathan. La Colon si basa sull’idea
che ogni libro (ma in realtà ogni fenomeno) possa essere scomposto e descritto in
base alle proprietà intrinseche all’oggetto (faccette) stesso, che Ranganathan
sintetizzò e che vengono ripresi dal primo capitolo per una maggiore
comprensione. I cinque elementi secondo l’ordine PMEST sono:

Proprietà

Materia

Entità

Spazio

Tempo.
Le
classificazioni
analitiche-sintetiche
abbandonano
l'idea
di
un'enumerazione a priori di tutte le classi favorendo piuttosto una metodologia
che consente di creare categorie sul momento partendo solo da alcuni elementi
preventivamente stabiliti: le faccette e i foci. In un sistema di classificazione
multidimensionale, i singoli elementi non vengono organizzati in una struttura
gerarchica, ma a ciascuno di essi viene associata una serie di caratteristiche che lo
identificano da vari punti di vista. Sarà poi la selezione di alcune di queste
caratteristiche a restituire all’utente l’elemento o il gruppo di elementi (classe)
ricercato. In questo modo non è tramite un percorso definito che si arriva al
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
72
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
singolo oggetto ma grazie a diverse possibili interrogazioni, che rispecchiano
diversi possibili punti di vista.
Figura 3.2. Struttura multidimensionale
La classificazione a faccette è un sistema multidimensionale e aperto, i
principali tratti distintivi di un sistema a faccette sono:

La pluridimensionalità: permette una pluralità di accessi e una
molteplicità di navigazione rispetto alle scelte dell’utenza.

La persistenza: gli attributi sono oggettivamente quelli poichè
costituiscono proprietà essenziali e non cambiano nel tempo.

La scalarità: permette l’inserimento di nuove faccette che descrivono un
nuovo aspetto degli oggetti.

La flessibilità: permette di riorganizzare sezioni e contenuti singoli senza
stravolgere la struttura. Ogni oggetto può essere reperito utilizzando un
singolo attributo di ricerca (o faccetta) alla volta, oppure più attributi
insieme in combinazione.
I principali vantaggi sono:

Libertà nell’utente

Raffinamento della ricerca

Diminuzione del “rumore” e del tempo di ricerca

Espandibilità
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
73
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo

Fusione browsing e searching
Gli svantaggi sono:

Difficoltà nel back office.

Necessità di forte controllo terminologico.

Rischio di livellamento dell’informazione (perdita del
tema centrale).
La logica multidimensionale finora ha trovato larga diffusione nei siti di ecommerce perché ideale nella trattazione del prodotto mediante più punti di vista
o esigenze. In questo caso è possibile un’applicazione pura del sistema, mentre in
portali di informazione, come quelli della pubblica amministrazione, la logica
analitico-sintetica si trova spesso combinata con quella gerarchico-enumerativa.
3.4 I vantaggi degli schemi a faccette per il web
Oggi la classificazione a faccette è diffusa nel www (World Wide Web).
Molti la utilizzano inconsapevolmente perchè le faccette sono intuitive, facili da
organizzare e consultare mentre il mondo della biblioteconomia consapevole della
classificazione,
al
contrario
la
trova
adatta
nell’utilizzo
ma
insicura
nell’impostazione.
La competitività che si è venuta a sviluppare oggi nei siti web sia di tipo
informativo che di e-commerce è di un’importanza estrema, ciò dimostra
l’interesse dell’utenza di affidarsi al mondo di internet per cercare soluzioni
attendibili in base alle esigenze. Oggi più che mai, al cliente/utente, basta un click
per abbandonare un sito e passare ad un altro. Questo discorso non è esclusiva dei
siti commerciali ma vale anche per i portali della pubblica amministrazione che
debbono oggi necessariamente offrire un servizio concorrenziale, efficiente ed
efficace.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
74
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
L'uso più evidente sul Web dei principi della classificazione si può
riscontrare negli indici sistematici, cioè in quei siti che fungono da cataloghi
organizzati delle risorse presenti online (Yahoo!, Virgilio, Open Directory,…).
Ma classificare non è un compito semplice: un'attività di classificazione non
supportata da strategie, metodologie e competenze adeguate rischia di produrre
organizzazioni degli item illogici e incoerenti, quindi poco scalabili e, soprattutto,
difficilmente usabili dagli utenti.
L’incoerenza, quando è accompagnata da un design non adeguato, risulta
ostica ed è la causa delle difficoltà di utilizzo del sistema da parte degli utenti che
non riescono a costruirsi un modello mentale dell’organizzazione del sito, fase
determinante per una navigazione proficua. Siti in cui possiamo riscontrare queste
caratteristiche sono molti, per rendere efficiente un sito non è sufficiente curare
l’informazione ma altrettanto l’interfaccia che avrà l’impatto reale con l’utente
che deve risultare comprensibile, di facile utilizzo e di comoda lettura.
Un sistema coerente è anche maggiormente prevedibile: all'utente potrebbe
bastare la lettura di solo alcune classi per dedurre tutte le altre, rendendo così più
semplice e più rapida l'attività di comprensione e di apprendimento. I modelli
mentali sono necessari, la rapidità della loro creazione e la prevedibilità del
sistema sono aspetti molto importanti.
Date tali premesse, l'utilizzo anche sul Web delle classificazioni
bibliografiche potrebbe sembrare una soluzione ragionevole in quanto mostrano
un livello di coerenza maggiore rispetto agli schemi home-grown.
Ovviamente, nel proporre per il Web le classificazioni bibliografiche, la
biblioteconomia è consapevole del fatto che accorgimenti e modifiche all'impianto
tradizionale debbano essere apportati, non fosse altro che per la sostanziale
diversità tra la fisicità del libro e la virtualità del Web. Ma le classificazioni
bibliografiche classiche, in quanto enumerative e condivise soffrono soprattutto di
un problema: sono di fatto conservative perché strutturalmente chiuse,
istituzionalizzate e centralizzate. Infatti, non consentono in fase di indicizzazione,
quando diviene necessario, l'inserimento da parte del classificatore di una nuova
categoria; solo il compilatore può modificare la classificazione.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
75
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Diverso è il caso delle classificazioni a faccette, le quali consentono
un'effettiva apertura grazie a innovazioni sostanziali nel procedimento stesso di
classificazione. Tali sistemi, chiaramente alternativi agli schemi gerarchicoenumerativi tradizionali, sono, infatti, frutto di un ripensamento radicale delle
tecniche di classificazione: abbandonano l'idea di un'enumerazione a priori di tutte
le classi a favore di una metodologia che consente di crearle "on the fly" partendo
da alcuni elementi preventivamente decisi (le faccette e i fuochi o foci).
Durante la fase di indicizzazione, è previsto che l’indicizzatore descriva
l’oggetto rispetto alle faccette previste, attribuendo per ogni faccetta i fuochi più
adatti. Sarà poi l’unione dei fuochi selezionati per ogni faccetta che genererà
automaticamente la classe per l’oggetto in questione.
Un sistema on-line basato su una classificazione a faccette, è quindi una
soluzione interessante per andare incontro alla necessità, così urgente sul Web, di
poter fare affidamento su schemi di classificazione flessibili, aperti e velocemente
adattabili.
L'errore è quello di considerare eventualmente tale apertura assoluta.
Chiaro è che il numero di categorie potenziali previste ha un limite che, sebbene
molto elevato, rappresenta in ogni caso un vincolo nelle capacità rappresentative
del sistema. Gli schemi a faccette rimediano a questo problema attraverso un alto
livello di scalabilità, rispetto alle classificazioni gerarchiche enumerative
classiche, in quanto queste ultime si presentano difficilmente scalabili. L'aggiunta
di una nuova categoria rende spesso necessaria la modifica delle classi dello
stesso livello (per assicurarne la mutua esclusività) e/o di una grossa parte della
struttura ad albero dello schema.
Il difetto maggiore delle classificazioni gerarchico-enumerative è da
imputare anche alla loro struttura gerarchica. In uno schema ad albero tradizionale
ci sono, infatti, forti relazioni per ogni ramo: le classi inferiori dipendono da
quelle superiori.
Se in un sistema di tipo gerarchico-enumerativo l'aggiunta di una nuova
categoria comporta la modifica delle classi dello stesso livello e, di conseguenza,
la riclassificazione del materiale già archiviato, in un sistema analitico-sintetico
ogni faccetta è autonoma rispetto alle altre. Si può sempre aggiungere una nuova
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
76
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
faccetta descrittiva di un nuovo aspetto dell'oggetto e non si avranno ripercussioni
di alcun tipo sulle altre faccette, a condizione che il criterio di mutua esclusività
venga sempre garantito. In una classificazione analitico-sintetica ogni faccetta è
autonoma dalle altre: determina una proprietà ("sfaccettatura") dell'oggetto da
classificare indipendentemente dalle proprietà descritte dalle altre faccette. Il
sistema è sempre pronto ad accogliere nuove faccette senza doversi "adeguare"
globalmente, ed è quindi intrinsecamente scalabile, e si ripropone tuttavia anche
in questo caso a questione della riclassificazione.
L'aggiunta di una faccetta rende, infatti, necessaria la riclassificazione di tutte le
entità secondo la nuova faccetta e, quando migliaia sono gli oggetti già
classificati, il lavoro non è certo di poco conto.
È però evidente come l'aggiunta di una faccetta abbia vantaggi di gran lunga
superiori rispetto all'inserimento o alla modifica di una o più categorie in uno
schema gerarchico. Una faccetta in più determina, infatti, un aumento
esponenziale del numero delle combinazioni potenziali e, quindi, un livello di
specificazione maggiore del carattere descrittivo delle classi.
I problemi si avranno se l'aggiunta di un nuovo focus rende non mutuamente
esclusive le classi: essendo queste, parte di una precisa tassonomia costruita sulla
base del principio di divisione della faccetta, si ripropongono, infatti, gli stessi
problemi di inserimento e di riclassificazione tipici delle classificazioni gerarchico
- enumerative: la riclassificazione del materiale non riguarderà tutti gli item, ma è
tuttavia probabile per una parte di questi.
È consigliabile allora prestare sempre molta attenzione e tempo alla preliminare
analisi a faccette: tale fase è, infatti, di strategica importanza nello sviluppo di un
sistema di classificazione analitico-sintetico e, se compiuta con cura, evita poi
problemi di riclassificazione.
3.5 I vantaggi per l'utente
Adottare sul Web uno schema a faccette può comportare per il lavoro dei
web designer e degli architetti dell'informazione di un sito sostanziali vantaggi. I
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
77
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
vantaggi rilevati consentono loro di fare affidamento su un sistema aperto,
facilmente scalabile e flessibile in fase di indicizzazione.
Gli schemi a faccette sul Web si propongono in una prospettiva di esperienzautente, tutto ciò non è sufficiente ed è quindi necessario parlare della "questione
dell'incoerenza", e chiederci perché i siti web facciano così ampio uso di
classificazioni altamente ibride e incoerenti nonostante le difficoltà che possono
apportare all'utente.
Il motivo principale di tale utilizzo può essere la necessità di inserire nel top-level
della gerarchia (ossia in homepage) il numero più alto possibile di "categorie
popolari", attuando così una strategia di "popularity-based classification" o
“categorie popolari” fondamentale per catturare l’interesse dell’utente.
Lo scopo, infatti, è quello di consentire all'utente un accesso più veloce a tali
"categorie popolari", intendendo con questa espressione gli argomenti, i servizi, le
azioni, i prodotti, e in generale tutti gli item classificati, che sono considerati più
rilevanti per le tipologie di utente a cui il sito si rivolge. Se l'obiettivo è realizzare
una "popularity-based classification", allora è necessario rinunciare alla coerenza
dello schema. In una struttura gerarchico-enumerativa, la progettazione di una
"popularity-based classification" può, infatti, implicare che le categorie del toplevelsiano fra loro sovrapponibili e siano generate con principi di divisione
differenti.
Di fatto, attraverso una "popularity-based classification", i siti web cercano
di soddisfare già in homepage molti dei bisogni informativi e delle esigenze dei
loro potenziali utenti. Sanno benissimo, che al navigatore del Web non piace fare
molti click per arrivare a ciò che cerca, infatti, secondo il futility point l’utente è
disposto ad effettuare la sua ricerca per soddisfare le sue esigenze informative nel
web ad un massimo di 20-30 documenti. Sanno anche che uno schema di
classificazione è sempre soggettivo e arbitrario: orientarsi nelle tassonomie
compilate da altri non è spesso semplice, ma può essere utile. Riassumendo, le
classificazioni gerarchico-enumerative pienamente coerenti determinano un
doppio vincolo poichè possono spingere in basso le categorie popolari e non
permettono ad uno stesso livello (e in particolare in homepage) strategie di
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
78
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
navigazione e di ricerca differenti, cioè secondo diversi principi di
divisione/raggruppamento.
L'usabilità e l'utilità in un sistema di questo tipo risultano compromesse,
soprattutto se la strategia è quella di una classificazione che soddisfi il prima
possibile, magari già in homepage, le esigenze più popolari. Sembrano esserci
allora motivi sufficienti per sposare la causa dell'incoerenza, come d'altronde
fanno molti degli indici sistematici e dei portali della rete.
Le classificazioni a faccette, in quanto multidimensionali, permettono di
aumentare notevolmente il numero di esigenze di ricerca e di interrogazione
soddisfatte, senza rinunciare alla coerenza.
Gli utenti possono iniziare la ricerca dalla faccetta che più interessa loro: ognuno
potrà trovare tutti gli item che rispondono a quella che considera essere la
caratteristica più importante, senza l'obbligo di un unico percorso che parta da una
faccetta specifica e senza dover controllare diverse sottocategorie. Il sistema
garantisce, infatti, una pluralità di accessi, cioè una molteplicità di modalità di
navigazione e di ricerca secondo principi di divisione differenti e, quindi, secondo
bisogni informativi diversi. Si realizza così un ottimo sistema di accessi multipli.
Ogni faccetta corrisponde a un tipo di esigenza degli utenti: eliminando un
principio di divisione che potrebbe essere utile, non si permette più agli utenti di
navigare lo schema secondo la corrispondente modalità di ricerca/esigenza.
Un'interfaccia analitico-sintetica può inoltre risolvere la questione delle categorie
popolari: sotto l'etichetta della faccetta corrispondente non saranno elencati tutti i
fuochi, soprattutto se troppi, ma solo quelli che si prevede verranno cliccati più
frequentemente dagli utenti, magari ordinandoli proprio per popolarità e non sulla
base di un criterio alfabetico. Se l'utente preferirà vederli tutti, potrà farlo in un
secondo tempo.
Inoltre, se i criteri di divisione vengono pure chiaramente mostrati la
classificazione diventa anche autoesplicativa e trasparente, risolvendo il problema,
tipico di uno schema gerarchico-enumerativo classico, di non avere "una struttura
esplicita tale da appalesare o da adombrare la teoria che esso incarna" (Serrai,
1977). La familiarizzazione con lo schema diventa, quindi, non più necessaria.
Riassumendo, si realizza quindi un sistema che prevede:
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
79
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
accessi multipli sulla base di diversi bisogni informativi;
la soddisfazione, senza troppi click, delle esigenze più popolari;
una classificazione coerente, intuitiva e autoesplicativa.
Aggiungendo a questa lista tutte le proprietà, già evidenziate, di apertura,
scalabilità, flessibilità e possibilità, si possono altrettanto aggiungere, la relazione
semantica fra concetti e il sistema di navigazione secondo il filtraggio. La
classificazione a faccette rappresenta una vera rivoluzione per il Web, le faccette
spurie sono quelle più utilizzate in quanto si adattano maggiormente alla fitta rete
del mondo di Internet.
3.6 Esempio di classificazione a faccetta
Ad oggi i siti che utilizzano la classificazione a faccette sono molteplici.
Siti
come
epinions.com,
wine.com,
epicourious.com,
utilizzano
una
classificazione di tipo analitico-sintetica con faccette spurie. Il sito che verrà preso
da noi in considerazione sarà quello di yoox.com. Questo sito si occupa di acqusti
on-line di “brand product” dei migliori designer del mondo con lo sconto anche
del 40 per cento a prodotto.
Prima di entrare nel dettaglio della classificazione, possiamo osservare la
homepage del sito yoox. Si può notare che le categorie principali (evidenziate
nella figura sottostante), per cui si concentra la ricerca ad un primo passo sono:

Donna

Uomo

Collezione Primavera-Estate (P/E)

Anteprima Autunno-Inverno (A/I)

Top Designer

Top Categorie
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
80
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Da evidenziare è il fatto che ogni categoria verrà successivamente
rappresentata da faccette di secondo livello o topics. Il sito utlizza la gerarchia
top-down.
Figura 3.3 Homepage del sito www.yoox.com
Le faccette come ben si nota si prestano perfettamente alla navigazione.
Da un primo filtraggio e quindi da una scelta effettuata dall’utente in base alla
ricerca, possiamo arrivare alla schermata successiva dove alle faccette già
individuate si aggiungono altre due categorie:

Per taglia

Per colore
Nella figura 3.4 vengono rappresentati tutte le faccette con i loro foci. Da
questo momento in poi la navigazione che l'utente può effettuare sarà
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
81
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
esclusivamente per faccette: può partire da uno dei foci della faccetta che
maggiormente gli interessa, andando poi, se lo considera necessario, a ridurre
(raffinare) il numero degli item che gli appariranno aggiungendo man mano
nuovi foci. I prodotti visibili con prezzo, colore e taglia rappresentano le
possibili scelte (tipo di item selezionato).
Figura 3.4 Esempio di ricerca avanzata di capi in jeans
L'utente può facilmente prevedere se gli conviene, e come, proseguire nel
filtraggio. A fine pagina viene sempre indicato il numero di item che verranno
recuperati per quel dato focus. Inoltre è possibile effettuare due tipi di ricerca
all’interno del sito:
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
82
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo

Ricerca libera (searching)

Navigazione a faccetta (browsing), per designer e categoria
Il sistema di classificazione di Yoox.com prevede quindi nel complesso
l'integrazione tra una classificazione gerarchico-enumerativa classica e una a
faccette.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
83
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
4 Caso di studio: Progetto Freeable
4.1 Introduzione
In questa prima parte del capitolo discuteremo dell’ambizioso progetto
Freeable e di tutti coloro che sono coinvolti per creare un sito collaborativo
incentrato specialmente sul problema della disabilità. Il progetto Freeable nasce
nel Gennaio 2008, con l’intento di creare un sito web basato sulla ricerca di
software di tipo open source, shareware e freeware, adatti a disabili affetti da
diverse problematiche di tipo motorio e/o cognitivo. L’obiettivo è quello di
rendere il sito accessibile e comprensibile a specialisti del settore come
logopedisti, insegnanti, ma anche alle famiglie dei disabili e a tutti coloro che
hanno bisogno di una consulenza gratuita poichè sono interessati a questo mondo.
L’opportunità di trovare software senza dover pagare, è un obiettivo concreto,
infatti, logopedisti e fisioterapisti spesso utilizzano software commerciali vista la
scarsità informativa per il reperimento di software collaborativi. Oggi più che mai
l’uso del computer è diventata una risorsa indispensabile per la nostra società. Gli
sviluppi tecnologici hanno contribuito grazie alle potenzialità espresse e costi
sempre più bassi, a inserire come supporto educativo e riabilitativo l’uso di ausili
software. Chiunque deve avere pari opportunità di utilizzo.
4.2 Chi sono
I soggetti coinvolti in questo progetto sono molteplici. Cominciamo a
menzionare la Fondazione CRT che co-finanzia il progetto, la Società
Cooperativa Sociale a.r.l. RiAbilità e il Politecnico (dipartimento di Automatica e
Informatica) di Torino. Di seguito forniremo una breve descrizione degli enti che
partecipano al progetto:

La fondazione CRT nasce nel 1991. Dopo quindici anni di
impegno costante nel sociale e nei settori di sviluppo e ricerca, è
protagonista della crescita economica, sociale e culturale della
regione Piemonte e Valle d’Aosta. Una presenza costante,
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
84
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
interessata ai problemi della società, sempre in contatto con le
istituzioni per contribuire allo sviluppo economico in modo da
restare al passo europeo.

La Cooperativa Sociale a.r.l. RiAbilità nasce nel maggio del 2001.
Lo scopo della Cooperativa è di perseguire l’interesse generale
della comunità promuovendo l’integrazione sociale dei cittadini
(disabili e non), attraverso la gestione dei servizi socio-sanitari. I
servizi offerti all’interno della cooperativa non sono rivolti
solamente agli ospiti che vivono nella comunità ma anche a
persone esterne. Persone che hanno bisogni diversi, come
consulenza nell’utilizzo di ausili, attività in acqua e in palestra in
base ai problemi individuati. All’interno della Cooperativa operano
Fisioterapisti,
Logopedisti,
Massoterapisti,
Insegnanti
di
Educazione Fisica, Chinesiologi e Istruttori di Nuoto. Ma gli
specialisti maggiormente coinvolti nel progetto Freeable sono:
o Logopedisti, che si occupano di persone che presentano
disturbi
foniatrici,
neuropsicologici
e
neurocomportamentali.
o Fisioterapisti, che svolgono in via autonoma, o in
collaborazione con altre figure sanitarie, gli interventi di
prevenzione, cura e riabilitazione nelle aree della motricità,
delle funzioni corticali superiori, e di quelle viscerali
conseguenti ad eventi patologici, a varia eziologia,
congenita o acquisita.
Sono loro i veri utilizzatori del sito, che servirà da supporto
nelle attività riabilitative/educative dei disabili con problemi
sia di natura motoria che di natura cognitiva. Il
Dipartimento di Automatica e Informatica (DAUIN) svolge
attività di ricerca e didattica. Per quanto riguarda l'
Automatica, il Dipartimento si occupa dello sviluppo di
metodologie, algoritmi e software per la modellistica, la
simulazione, il controllo e l'automazione di apparati e
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
85
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
sistemi complessi e della loro applicazione a svariati settori.
Nel
campo
progettazione
dell'
e
Informatica
la
segue
sperimentazione
lo
di
studio,
la
componenti,
dispositivi e sistemi informatici, sotto il profilo sia hardware
che software, oltre che le loro applicazioni in vari campi e la
loro integrazione in sistemi complessi. La sua ricerca ha un
impatto significativo sui sistemi industriali e sociali a livello
regionale, nazionale e internazionale.
I Progetti attuali
presenti nel laboratorio del Professor Fulvio Corno, oltre al
progetto Freeable sono:

Cable - Case-Based E-Learning for Educators (20032005)

Praise-Peer review network applying intelligence to
social work education (2004-2005)

Cogain – Communication by gaze interaction (20042009).
4.3 Idea di implementazione del sito per la disabilità
L’idea di implementazione del sito nasce dal fatto che, l’esigenza di una
comunicazione e collaborazione specifica sul tema degli ausili software, è un tema
che viene condiviso da tutti gli operatori del settore. Tuttavia, non si sono
riscontrate soluzioni soddisfacenti sul panorama italiano, ciò è dovuto all’utilizzo
massiccio della lingua inglese, in quanto rappresenta la lingua veicolare e
commerciale per eccellenza. La maggior parte dei siti come anche dei software
presenti sul web sono quindi in lingua inglese.
Facciamo un esempio: per una logopedista italiana non è necessario
conoscere la lingua inglese per svolgere il suo lavoro, deve aiutare un paziente è
l’uso di un software funge da ausilio al suo lavoro che può essere benissimo
espresso nella lingua italiana. Uno svantaggio presente nel panorama italiano è
proprio l’investizione spesso errata dei fondi disponibili. Questi fondi, sono
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
86
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
destinati a prototipi di software che non vengono mai realizzati completamente
oppure se completati disponibili commercialmente. I costi sono elevati e la
possibilità di acquisto e di utilizzo nel campo riabilitativo ed educativo diventa
limitata. Tutto ciò deve servire a migliorare la qualità di vita dei disabili e non
creare un ulteriore business basato sulla speculazione.
4.3.1 Internet e disabilità
La società odierna utilizza diversi mezzi di comunicazione. Tra i mezzi di
comunicazione disponibili, Internet spicca proprio per la sua completezza, in
quanto i messaggi possono essere immessi o emessi sotto ogni forma: scritta,
vocale, visuale, filmica. Sul web la disabilità, come condizione penalizzante, non
esiste, al contrario contribuisce al miglioramento esistenziale dei disabili e li
integra facilmente nella società. L’impatto di questa tecnologia supera il concetto
di “limite”, in questo caso inteso come limite spaziale e temporale. Le possibilità
sono illimitate. Una persona priva dell’uso delle mani può scrivere un testo
semplicemente parlando al computer. Una persona affetta da grave difficoltà di
udito può usare liberamente il telefono. Una persona cieca può istruire un
computer per leggere ad alta voce il contenuto sullo schermo di un PC. Una
persona affetta da disabilità fisica può liberarsi dall’isolamento e dalla solitudine.
Una persona con una grave forma di afasia può comunicare attraverso un
computer parlante.
In Italia, in base alle stime ottenute dall’indagione sulle condizioni di salute e il
ricorso ai servizi sanitari del 2004 – 2005, emerge che, le persone con disabilità
sono 2 milioni 600 mila, pari al 4,8% circa della popolazione superiore all’età di 6
anni e vive in famiglia. Mentre altre 190.134 persone sono residenti presso
strutture sanitarie. Nel complesso si giunge ad una stima complessiva di ca. 2
milioni 800 mila persone con disabilità. Da specificare che le tipologie di
disabilità sono diverse:
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
87
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo

Confinamento individuale intende tutte le costrizioni di
tipo permanenti (sedia con totale impedimento fisico,
letto, impedimento fisico o psichico).

Disabilità nelle funzioni, sono difficoltà nel vestirsi,
lavarsi, mangiare.

Disabilità nel movimento, difficoltà nel camminare,
sdraiare, sedere.

Disabilità sensoriali, comprende tutte le difficoltà di tipo
comunicativo, uditivo e visivo.
Persone con disabilità di 6 anni e più che vivono in famiglia. Valori
assoluti e tassi per 100 persone. Anno 2004-2005.
614
1524
2534
3544
4554
5564
6569
7074
7579
80 e
più
Totale
Valori assoluti (dati in migliaia)
Maschi
41
19
28
46
51
76
64
99
131
328
882
Femmine
39
17
23
41
50
98
111 180
289
879
1.727
Maschi e
Femmine
80
36
52
86
101
174
174 279
420
1.207
2.609
Tassi per 100 persone
Maschi
1,6
0,6
0,7
1,0
1,4
2,2
4,3
Femmine
1,6
0,6
0,6
0,9
1,3
2,7 6,5
7,7
11,4
13,4
20,8
35,8
48,9
3,3
6,1
Maschi e
1,6
0,6
0,6
0,9
1,3
2,5 5,5
9,7
17,8 44,5
4,8
Femmine
Tabella 4.1: Fonte ISTAT, Indagine sulle condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari, 20042005.
Sul panorama italiano, l’utilizzo di Internet da circa dieci anni ha subito un
forte incremento. Il sondaggio più recente risale all’anno 2002 in cui si mostra
l’interesse di utilizzo del mezzo informatico, anche se i problemi riscontrati sono
di diversa natura. Dalla mancanza di un livello d’istruzione alla mancanza di
competenze.
Internet e Accessibilità: utilizzatori di internet per fascia di età e sesso.
(Val. %)
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
88
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Fino a 10 anni
11-14 anni
14-17 anni
18-24 anni
25-34 anni
35-44 anni
45-54 anni
55-64 anni
Oltre i 64 anni
Media
Uomini
2,2
17,4
35,5
35,4
39,0
35,1
20,7
12,1
3,7
22,5
Donne
1,6
15,2
32,8
31,1
25,7
17,5
8,1
4,2
1,1
13,8
Totale
1,9
16,4
34,1
33,4
32,0
26,1
14,4
8,3
2,4
18,1
Tabella 4.2.: L'Italia dell'e-Family 2002; Rapporto annuale, a cura della Federcomin-Anic in
collaborazione con Niche Consumino
Il problema vero nell’utilizzo di Internet, consiste nell’accessibilità, inteso
come problema nell’accedervi e di poterlo fare con semplicità, concretezza e
finalizzazione. Quando affrontiamo il tema dell'accessibilità ai mezzi informatici e
telematici, dobbiamo tenere in conto lo scopo dell'agire; vale a dire se informare o
comunicare, se usare la multimedialità o il linguaggio testuale, se adottare tempi
di risposta immediati o postumi. Stabilire, infine, se l'accesso debba essere a senso
unico, face-to-face o multidirezionale. Per ogni caso specifico dovremo essere in
grado di rendere universalmente utilizzabili input e output, il lato client e quello
server. Un sito è accessibile quando risponde all’esigenza di chi ha una disabilità
fisica che rende necessario l’uso di tecnologie assistive, sia da coloro che hanno
difficoltà ad accedere al web a causa di limitazioni tecniche (un computer meno
recente, l’uso di strumenti diversi dal PC, una connessione lenta) o di scarsa
dimestichezza con internet.
Tramite la posta elettronica o attraverso una chat, persone con difficoltà di
tipo fisico, psichico o comunicativo, possono instaurare più facilmente un
rapporto diretto con la realtà esterna alla propria famiglia. Sono diversi i siti che
sono stati creati per disabili attuando le procedure standard del web accessibility.
Siti che uniscono diverse persone tramite i newsgroup o le mailing list possono
entrare in comunità virtuali che si occupano di problemi specifici del mondo
dell’handicap o di qualunque altro argomento. Nei newsgroup e nelle mailing list
che si occupano di tematiche legate all’handicap, si possono trovare messaggi di
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
89
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
richieste di aiuto o di compagnia, ma anche annunci commerciali come nel caso di
aziende produttrici di ausili. Un altro aspetto positivo è sicuramente promettente è
il telelavoro che avvicina i disabili al mondo del lavoro eliminando qualsiasi tipo
di barriera. Internet rappresenta a tutti gli effetti uno stile di vita.
4.4 Attività del progetto
Il progetto prevede dai 12 ai 18 mesi completi per la costruzione del sito.
La mia collaborazione si è incentrata sulla prima fase del progetto che ha investito
circa 4 mesi di estrema importanza per la stesura di un sistema di classificazione
valido per poter costruire il sito. Alla base della costruzione di un buon sito c’è
una buona progettazione e alla base di una buona progettazione c’è sicuramente
l’organizzazione dei contenuti.
La sua costruzione mediante l’utilizzo di mappe concettuali o reti
semantiche sono il metodo più adeguato per rappresentare la conoscenza. In altri
termini, la struttura iniziale influirà radicalmente sugli sviluppi futuri del sito, che
potrà subire correzioni e aggiustamenti, ma non variazioni sostanziali.
Di seguito riportiamo le attività che verranno effettuate nei 18 mesi di lavoro:
1. Definizione sistema di classificazione (facets e ontologie).
2. Sviluppo sito, versione iniziale.
3. Integrazione con oatsoft.org.
4. Motore di ricerca evoluto.
5. Traduzione recensioni inglesi
6. Classificazione dei software rispetto al sistema di classificazione.
7. Lancio pubblico dell’iniziativa.
8. Animazione della comunità e supporto agli utenti.
9. Presentazione dei risultati
4.5 Passi seguiti
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
90
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
In questa parte del capitolo della tesi, ci occuperemo di introdurre l’analisi
dell’esistente, ossia le ricerche svolte per testare ciò che è disponibile sul mercato
e se eventualmente sono risorse attendibili e adattabili al catalogo del sito che
verrà costruito successivamente.
L'attività, che è stata svolta nella prima fase del progetto ha richiesto:
1. L’analisi del campione, rappresentato dai siti che offrono software di tipo
open source e ausili per disabili.
2. Incontri, periodici con esperti del settore medico.
3. L’individuazione delle faccette e dei fuochi, e l'eliminazione degli
elementi non significativi rispetto al nostro caso di studi.
4. La creazione dello schema di classificazione.
5. Indagine, attraverso il completamento di schede tecniche.
6. Realizzazione di un glossario terminologico.
L’analisi dell’esistente viene indicata con il punto numero uno. In questo
capitolo ci occuperemo maggiormente dell’analisi del campione e nel capitolo
successivo verranno approfonditi gli ulteriori punti.
4.6 Analisi dell’esistente
L’analisi del campione è rappresentata dai siti presi in considerazione. Questi,
rappresentano ciò che attualmente è disponibili sul mercato dal punto di vista
software ma altrettanto di ausili e informazioni sulla disabilità.
I siti sono:
Url
www.oatsoft.org
www.sourceforge.net
Descrizione
Open Source Assistive Technology
Software
Open Source Software Development
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
Lingua
Inglese
Inglese
91
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
in web site
www.areato.org
www.indire.it/software
www.lannaronca.it
http://sd2.itd.cnr.it
www.softwaredidattico.it
Area Associazione Regionale Amici
degli Handicappati
Progetto per la qualità educativa di
Software
Lannaronca
Servizio Documentazione Software
Didattico
Applidea Software didattico
Italiano
Italiano
Italiano
Italiano
Italiano
Ogni sito è stato inizialmente analizzato da me per trarre maggior vantaggio al
fine di poter organizzare il contenuto della mappa concettuale. La ricerca si è
concentrata su:
 software open source, shareware, freeware SI/NO
 Tipo di ricerca
 Presenza di un glossario terminologico
 Link utili
 Software suddivisi per categorie
4.6.1. Descrizione dell’analisi del campione
Per comprendere meglio il significato è l’utilità dell’analisi del campione,
è utile dare una definizione dettagliata dei punti sopra elencati.
 Software open source, shareware, freeware.
Esistono decine di distributori di software, ognuno presenta i prodotti con
canoni propri di scelta. Si crea una situazione in cui molti propongono titoli,
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
92
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
ognuno con sistemi di categorizzazione diversi e senza uno standard informativo
comune.
La mancanza di un riferimento univoco per sviluppatori e utenti provoca una
frammentazione delle risorse a disposizione, causa e conseguenza della
disomogeneità del mondo della distribuzione e dello sviluppo del sw educativo e
riabilitativo. Secondo Richard Stallman e la “Free sw Foundation” nata negli anni
ottanta, un software per poter essere definito libero deve garantire 4 libertà
fondamentali:
0) libertà di eseguire il programma per qualsiasi scopo
1) libertà di studiare il programma e modificarlo
2) libertà di copiare il programma in modi da aiutare il prossimo
3) Libertà di migliorare il programma e di distibuirne pubblicamente i
miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio.
I software presi in considerazione sono di tre tipi diversi. Da specificare è
la differenza che intercorre tra open source e freeware al di là della disponibilità
della sorgente, per l'open source la sorgente è garantita mentre per il freeware no,
è il freeware normalmente non è modificabile dall'utente vista la mancanza di un
codice sorgente o di una fonte. Per ciascun tipo di software diamo una definizione
dettagliata:

Open source, (termine inglese che significa sorgente
aperta), indichiamo un software rilasciato con un tipo di
licenza per la quale il codice sorgente è lasciato alla
disponibilità di eventuali sviluppatori, in modo che con la
collaborazione (in genere libera e spontanea) il prodotto
finale possa raggiungere una complessità maggiore di
quanto
potrebbe
ottenere
un
singolo
gruppo
di
programmazione. L'open source ha tratto grande beneficio
da Internet.

Shareware è una tipologia di licenza software molto
popolare sin dai primi anni Novanta. Vengono distribuiti
sotto tale licenza in genere programmi facilmente
scaricabili via Internet o contenuti in CD e DVD quasi
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
93
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
sempre allegati alle riviste di Informatica in vendita in
edicola.Il software sotto tale licenza può essere liberamente
ridistribuito, e può essere utilizzato per un periodo di tempo
di prova variabile (generalmente 30 giorni). Scaduti questi
termini, per continuare ad utilizzare il software è necessario
registrarlo presso la casa produttrice, pagandone l'importo.

Freeware, indichiamo un software che viene distribuito in
modo gratuito. Il freeware è distribuito indifferentemente
con o senza codice sorgente, a totale discrezione dell'autore
e
senza
alcun
obbligo
al
riguardo.
È
sottoposto
esplicitamente ad una licenza che ne permette la
redistribuzione
gratuita.
Il
software
freeware
viene
concesso in uso senza alcun corrispettivo, ed è liberamente
duplicabile e distribuibile, con pochissime eccezioni.
 Tipo di ricerca
I tipi di ricerca riscontrati nei diversi siti sono:

Ricerca per parola chiave, viene effettuata inserendo le parole che
definiscono la ricerca che vogliamo effettuare all'interno del campo
apposito nella pagina. La ricerca per parole chiave utilizza una sintassi
che ci permette ad esempio di cercare documenti che contengono frasi
specifiche, effettuare la ricerca all'interno di un particolare sito,
escludere i risultati che contengono determinate parole, visualizzare
solo i risultati nelle lingue desiderate, ecc.

Ricerca con operatori booleani, con l’aiuto degli Operatori
Booleani, vari termini possono essere combinati per specificare
meglio cosa si sta cercando, limitando le pagine trovate ad un numero
accettabile.Gli operatori AND, OR, NOT specificano relazioni tra
concetti AND (e) indica che due o più termini devono essere presenti
contemporaneamente nel documento cercato OR (o) indica che la
presenza di qualunque dei termini è sufficiente per selezionare una
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
94
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
pagina NOT (non) indica termini che NON devono essere presenti
nella pagina cercata.

Ricerca strutturata, ci riferiamo a un tipo di ricerca che permetta di
individuare un software da un elenco completo di titoli sulla base di
caratteristiche e paremetri da noi scelti. Il risultato della ricerca sarà il
titolo che corrispondono per le loro caratteristiche tecniche,
argomenti, contenuti, funzioni, ecc. alle richieste di chi effettua la
ricerca.
 Presenza di un glossario terminologico

Glossario, con questo termine indichiamo una raccolta di termini
di un ambito specifico e circoscritto. Il termine è utilizzato per
indicare la raccolta e relativa spiegazione dei termini desueti o
specialistici utilizzati nel sito di riferimento.
 Link utili
I link utili rappresentano tutti quei siti che sono ritenuti rilevanti al fine di
una maggiore e ulteriore informazione facendo riferimento a siti esterni.
 Categorie presenti
Le categorie presenti nei diversi siti, sono servite per organizzare
successivamente la mappa concettuale del sito Freeable.
4.7 Risultato dell’analisi del campione
I siti presi in considerazione si differenziano tra di loro per funzionalità e
obiettivi differenti.
I siti oatsoft e sourceforge.net si caratterizzano per il loro contenuto di programmi.
Oatsoft
è
l’unico
sito
esclusivamente
open
source
che
si
dedica
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
95
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
all’implementazione di tecnologia assistita e dell’accessibilità tecnologica basata
sul potere dello sviluppo open source. Mentre sourceforge.net è definito come il
sito più popolare, dove vengono messi a disposizione da molti siti web
programmi. Oggi ospita più di 100.000 progetti Open Source. Entrambi hanno un
forum dove i diversi utenti mediano e commentano i software. Sourceforge.net
presenta in più una suddivisione dei programmi per categorie.
Il sito di areato è un sito prettamente informativo, ricco di contenuti ma senza
interazione. Areato prevede la ricerca di ausili e di software di tipo riabilitativo
tramite una banca dati. Una volta raggiunta la ricerca invia l’utente con un link
alla casa produttrice. Come detto è un sito ricco di contenuti contiene un database
delle schede software.
Il sito areato è altrettanto utile per “la raccolta dei collegamenti ipertestuali” di siti
che si occupano della disabilità specificandone la lingua del dominio, l’URL e
sono disponibili:
1) in ordine alfabetico.
2)per categorie.
3) per ricerca nel sito.
I siti indire, lannaronca, sd2 e softwaredidattico, si presentano come siti di
tipo scolastico/educativo. Nel caso di softwaredidattico.org, il software
disponibile online sono solo in animazione flash, oppure disponibili è suddivisi
per materia o fascia di età un elenco disponibile solo con acquisto. Mentre il sito
lannaronca è un sito amatoriale ma abbastanza completo, i software disponibili
sono pochi e scaricabili. Altri invece scaricabili ma superati di sistema operativo
ovviamente non sono open source e per questo datati. Il sito sd2 è un sito
prettamente informativo. Dispone di un database dove si possono effettuare
diverse ricerche di articoli, monografie.
Tutto ciò è importante per il sito che si verrà a costruire, capire cosa offre
il mercato proprio perchè la maggior parte dell’utenza a cui è rivolto senza
dubbio appartiene ad una fascia di età scolare. I programmi per l'educazione sono
rilasciati, a titolo gratuito o meno, da diversi sviluppatori. Gli sviluppatori sono
coloro che creano il codice sorgente del proprio software, ne studiano ed
implementano le funzionalità e gli obiettivi.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
96
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Interessante è stata la scoperta di alcuni siti che hanno creato un protocollo
“interno” per standardizzare i software didattici disponibili all’utenza in rete. Il
gruppo QualiSOFT, costituitosi in seguito al seminario di studio denominato "Un
protocollo per i realizzatori di software didattico di libero utilizzo", è formato da
alcuni programmatori con esperienze nella realizzazione di software didattico
gratuito, per lo più docenti della scuola elementare e da alcuni esperti del settore
degli ausili informatici per le persone disabili, i quali apportano competenze di
tipo riabilitativo, formativo, psicopedagogico, tecnologico. Nasce dall'esigenza di
confrontarsi sulle modalità di progettazione, sviluppo ed uso del software
nell'educazione scolastica.
In particolare l'attenzione è rivolta alla qualità didattica e alla
personalizzazione del software didattico, con l'obiettivo di rispondere alle
esigenze di tutti gli alunni: dalle situazioni di eccellenza a quelle di difficoltà
nell'apprendimento, soprattutto se correlate alla presenza di disabilità.
I partecipanti al seminario sono impegnati ad applicare alle proprie attività le
indicazioni di questo documento, a diffonderle ed arricchirle anche attraverso la
discussione con persone coinvolte nel settore educativo/didattico e nel settore
specialistico e della ricerca.
Il cerchio di QualiSOFT
Significato dei 4 simboli:

TASTIERA, il sw è predisposto per poter sostituire l'utilizzo del mouse,
riproducendo le sue funzioni direttamente da tastiera .

AA, il software è predisposto per la personalizzazione dei principali
parametri di visualizzazione (dimensioni, colori di fonte, elementi grafici).
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
97
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo

AUDIO-NUVOLETTA, il software prevede l'utilizzo di sintesi vocale
che può riprodurre in audio i testi presentati a monitor.

SENSORE, il software ha un sistema di scansione interno mono e/o
bitasto pilotabile sia da tastiera che da sensore esterno.
I firmatari del documento che utilizzano lo stesso protocollo sono
molteplici ma secondo me quelli maggiormente attendibili sono quelli indicati
nella sezione software realizzati ossia:
www.ivana.it/ Software didattico free in collaborazione con Qualisoft
(Brescia).
I software di ivana.it sono datati, ma per quanto riguarda il sistema operativo
sono forniti di una documentazione tecnica spiega come effettuare il download e
decomprimere il programma (controllare che il programma di decompressione
utilizzato sia settato per mantenere le sottocartelle) e una documentazione
didattica (es. a chi è rivolto) abbastanza esauriente.

http://www.didattica.org/index.htm (ROMA).
I programmi funzionano con i sistemi Windows 95/98/XP/Vista e non
richiedono files aggiuntivi o particolari configurazioni. Non sono previste
procedure di installazione: basta scompattare (completamente) ogni.zip in una
directory vuota e avviare il file.exe.
Purtroppo anche in questo caso il cerchio di Qualisoft comprende software
liberi, quindi sono facilmente superabili.
Abbiamo stabilito dunque, che nessuno di questi siti si occupa in modo
dettagliato di software per disabili. Tutti utilizzano software di diversa fonte e
natura. I software disponibili sono spesso superati di sistema operativo. Una
caratteristica che accomuna quasi tutti i siti è la presenza di una banca dati,
mentre nessuno utilizza un glossario terminologico. Si può notare che più o
meno tutti i siti utilizzano o cercano di conformarsi ad alcuni standard
attualmente vigenti:
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
98
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo

W3C WAI. Spiega come rendere contenuti web accessibili a persone
disabili. L'obiettivo principale di queste linee guida consiste nel
promuovere l'accessibilità. Seguendole, si otterrà il risultato di rendere i
contenuti Web più facilmente fruibili da tutti gli utenti, a prescindere dal
browser in uso (ad es., browser normali, browser basati su dispositivi di
sintesi vocale, telefoni cellulari, personal computer per automobili, ecc.) o
da eventuali limitazioni a cui essi possono essere costretti (ad es., ambienti
rumorosi, stanze sotto illuminate o sovra illuminate, ambienti in cui
occorra avere in qualunque momento le mani libere, ecc.). Il conformarsi a
queste linee guida consentirà agli utenti di reperire sul Web informazioni
in maniera più veloce.

W3C XHTML. L’XHTML (eXtensible HyperText Markup Language) è
un linguaggio di marcatura che associa alcune proprietà dell'XML con le
caratteristiche dell'HTML. Vi è un uso dei tag HTML, ma in maniera più
restrittiva, e solo la struttura della pagina è scritta in XHTML, mentre il
layout è imposto dai fogli di stile a cascata (CSS, Cascading Style Sheets).

W3C CSS. Queste specifiche definiscono i Fogli di stile a cascata, livello
2. CSS2 è un linguaggio per fogli stile che consente ad autori ed utenti di
collegare degli stili (p.es. tipi di caratteri, spaziatura e caratteristiche
acustiche) a documenti strutturati (p.es. documenti HTML ed applicazioni
XML). Separando lo stile di presentazione dei documenti dal contenuto
dei documenti, i CSS2 semplificano lo sviluppo per il Web e la gestione
dei siti.

RSS, (acronimo di RDF Site Summary ed anche di Really Simple
Syndication) è uno dei più popolari formati per la distribuzione di
contenuti Web; è basato su XML, da cui ha ereditato la semplicità,
l'estensibilità e la flessibilità. RSS definisce una struttura adatta a
contenere un insieme di notizie, ciascuna delle quali sarà composta da vari
campi (nome autore, titolo, testo, riassunto...). Quando si pubblicano delle
notizie in formato RSS, la struttura viene aggiornata con i nuovi dati; visto
che il formato è predefinito, un qualunque lettore RSS potrà presentare in
una maniera omogenea notizie provenienti dalle fonti più diverse.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
99
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Questi standard hanno il compito di rendere accessibile e usufruibile il sito a
chiunque abbia voglia di consultarlo. Per accessibilità web si indica la capacità di
un sito web, di poter essere acceduto efficacemente (alla sua interfaccia e al suo
contenuto) da utenti diversi in differenti contesti. Rendere un sito web accessibile
significa permettere l'accesso all'informazione contenuta nel sito anche a persone
con disabilità fisiche di diverso tipo e a chi dispone di strumenti hardware e
software limitati.
L'adozione di uno standard comporta omogeneità degli aspetti tecnici
nell'ambiente di sviluppo, rendendo più semplice l'elaborazione di nuove idee da
parte di chi produce. Lo standard W3C WAI, nonostante la sua importanza viene
facilmente ignorato.
Nel panorama dei software non vi sono standard specifici. Non esiste una
regolamentazione comune, quindi ogni produttore decide secondo logiche proprie
come strutturare le guide e quali contenuti inserirvi.
4.7.1 Tabella riassuntiva dei siti analizzati
Nella tabella si potrà vedere in sintesi il risultato finale, di ciò che è stato
analizzato. Le X indicano la presenza dell’elemento all’interno del sito. Sul piano
delle ascisse troviamo la descrizione dei singoli elementi. Sul piano delle ordinate
troviamo i siti visitati.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
100
www.oatsoft.org
www.sourceforge.net
www.areato.org
www.indire.it/software
www.lannaronca.it
www.sd2.itd.cnr.it
www.softwaredidattico.it
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
Forum
Standard
accessibilità
Sw per categoria
Link utili
Glossario
Ricerca
Siti
Software open
source/shareware/fre
eware
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
X
X
X
X
X
X
X
X
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
101
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
5
5
Progetto
Freeable:Applicazione
della
metodologia e funzionalità del sito.
5.1 Introduzione
Dopo aver approfondito nel capitolo precedente l’analisi del campione, il
progetto procede prendendo in considerazione i seguenti punti:

Incontri, periodici con esperti del settore medico.

L’individuazione delle faccette e dei fuochi, e l'eliminazione degli
elementi non significativi rispetto al nostro caso di studi.

La creazione dello schema di classificazione.

Indagine, attraverso il completamento di schede tecniche.

Realizzazione di un glossario terminologico.
Prima di entrare nel contesto specifico del metodo di lavoro, è utile definire lo
stato dell’arte.
5.2 Stato dell’arte della classificazione utilizzata nel sito
Durante la prima fase della progettazione del sito, la domanda che ci siamo
posti è stata: quali esigenze hanno gli utenti?
Una possibile risposta alla nostra domanda può essere data dalla
classificazione a faccetta, adeguata per la condivisione della conoscenza, in
quanto, come già definito e ampliamente trattato nel capitolo tre può essere intesa,
sia dal punto di vista browser che dal punto di vista classificatorio, le faccette
tendono ad essere aperte, scalabili e di facile utilizzo.
La metodologia usata da noi, si identifica nel metodo User Centered
Design (UCD). Questo è uno dei modi per progettare e costruire siti o
applicazioni tenendo conto del punto di vista e delle esigenze dell’utente. L’UCD
è un processo composto di più attività. Si basa sull’iterazione di diversi strumenti
di analisi od osservazione, progettazione e verifica. In italiano questo processo è
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
102
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
noto anche come “Progettazione Centrata sull’Utente”. Questo metodo è stato
descritto da diverse norme ISO specialmente dalla 13407, denominata “Human centered design process”.
La norma ISO 13407 stabilisce quattro attività da svolgere per il processo
UCD di seguito verranno descritti i vari processi con gli strumenti utilizzati:
1. Specificare il contesto d’uso. Il contesto d’uso è necessario per
identificare quali persone useranno il prodotto, cosa ci faranno e in quali
condizioni lo useranno.
2. Specificare i requisiti. I requisiti si concentrano sia sui compiti che gli
utenti dovranno portare a termine.
3. Creare delle soluzioni progettuali. Nel momento in cui si è definito il
contesto d’uso e i requisiti, il prodotto può iniziare a essere pensato e
progettato, in forma di prospetto, schema, prototipo, fino ad un modello
completo.
4. Valutare il design. Il passo davvero fondamentale è l’ultimo, ovvero la
verifica del prodotto, in particolare con utenti reali attraverso i test di
usabilità, come interviste e questionari.
Solo quando le soluzioni progettuali rispecchiano i requisiti, allora il prodotto
può essere rilasciato e pienamente realizzato.
Nelle diverse fasi del ciclo di progetto vengono portate avanti diverse attività con
diversi strumenti. La fase di analisi viene interpretata nei punti 1 e 2 tipicamente
si compiono le seguenti attività:

Incontri con gli stakeholder (portatori di interessi nel nostro caso esperti
del settore medico) per capire vincoli e aspettative.

Analizzare i prodotti esistenti.

Conduzione di osservazioni sul campo.

Conduzione di interviste con potenziali utenti.

Conduzione di workshop con potenziali utenti.

Questionari.

Creazione di profili di utente.

Creazione di elenchi di compiti.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
103
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo

Creazione di scenari.

Definizione di team multidisciplinari.
La comunicazione tra i componenti dello staff è importante al fine di
raggiungere l’obiettivo prefissato. In un lavoro di UCD non dovrebbero esistere
membri del gruppo di lavoro che decidono indipendentemente dalle opinioni
altrui. Nella fase in cui si lavora alla creazione di soluzioni progettuali si usano i
seguenti strumenti:

Brainstorming, riunioni e discussioni libere.

Creazione di modelli e schemi di navigazione.

Creazione di bozzetti e schermate anche carta e matita.

Conduzione di analisi e simulazioni cognitive sui bozzetti.

Creazione di prototipi a bassa o alta fedeltà.
Si può notare che accanto ad attività più propriamente progettuali (che
comprendono il disegno dell’interfaccia con vari strumenti) si inizia già a
condurre delle valutazioni e delle analisi sulla base dei documenti predisposti
nella prima fase (scenari, compiti). La valutazione avviene prima e durante
l’implementazione vera e propria del sistema, attraverso:

Test con utenti.

Questionari.

Analisi euristiche e ispettive.

Simulazioni cognitive.
Alla fine il prodotto viene corretto e implementato con la modifica del
sistema e la realizzazione definitiva di grafica e programmazione. Nella più
generale strategia di User-centered Design, nell'analisi e la progettazione del sito
abbiamo seguito un approccio misto, combinando metodi “empirici” o
bottom-up (che prevedono di lavorare direttamente a contatto con gli utenti) a
metodi “euristici” o top-down (per cui vengono elaborate proposte e ipotesi
sulla base di standard e linee guida). Di seguito identifichiamo i metodi top-down
e bottom-up:

Top – down, è una struttura e sistematizza la riflessione, motiva ogni
passaggio in modo logico e ripulisce il metodo di lavoro da tentativi
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
104
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
casuali, intreccia strettamente analisi ed elaborazione, dà alla strategia
complessiva un carattere di eleganza sostanziale e formale che si
estrinseca come trasparenza e sistematicità.

Bottom – up. Nella risoluzione di un problema il metodo consiste nello
studiare attentamente i dati a disposizione, per capire se da questi si
possano ricavare le informazioni utili per giungere alla soluzione: dai dati
ai risultati.
Ricordiamo che ogni qualvolta si realizzi qualche cosa, tutto viene
conseguito seguendo un processo. Ciò può avvenire in modo causale o in modo
molto formalizzato. Di fatto, il metodo UCD si presta perfettamente a diverse
esigenze.
5.3 Metodo di lavoro svolto per la realizzazione della
prima fase.
La prima fase della realizzazione del sito, ha visto coinvolto un gruppo di
lavoro proveniente da settori diversi:

Settore medico. Composto da un gruppo rappresentativo della categoria
medica, esercitante nell’ambito riabilitativo/educativo per persone con
problemi di apprendimento cognitivo, e disabili di tipo cognitivo e/o
motorio. Le figure professionali che hanno partecipato al progetto sono:
o Simonetta Massola, fisioterapista nonché coordinatrice finanziaria
del progetto.
o Valentina Pasian, logopedista.
o Elisa Romano, logopedista e fisioterapista.
o Barbara Depolli, fisioterapista.
o Daniela Gavinelli, logopedista.
Come si può ben notare la maggior parte delle persone coinvolte sono
soprattutto
logopediste,
maggiormente
software
poiché
sono
proprio
come
supporto
loro
ad
utilizzare
all’apprendimento
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
e
al
105
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
miglioramento esistenziale del disabile. Le fisioterapiste hanno un compito
marginale ma di estrema rilevanza. Il dialogo tra logopediste e
fisioterapiste è indispensabile soprattutto quando il paziente in questione
ha un deficit sia motorio che cognitivo. L’interazione tra le due discipline
risulta fondamentale per migliorarne il benessere dei pazienti.

Settore informatico. Per il settore informatico è stato coinvolto il
laboratorio di “intelligence of the web”. Un gruppo di esperti web che si
occupa di stabilire e implementare il sito attraverso: la programmazione e
il design.

Settore linguistico, organizzativo. Il mio compito è stato mediare tra due
mondi
diversi,
quello
medico
e
informatico
identificandoli
nell’organizzazione dei contenuti con un obiettivo comune, la creazione di
un sito web.
Durante queste riunioni si sono venute a considerare diversi punti.
Innanzitutto, ci siamo chiesti a chi è rivolto il sito, qual è l’obiettivo principale
e dopo aver analizzato i siti esistenti, abbiamo cominciato a creare uno schema
concettuale adeguato alle esigenze venutesi a creare durante le riunioni.
5.3.1 Fasi della mappa concettuale
La fase di costruzione della mappa concettuale, viene ripreso dall’UCD
nella creazione di soluzioni progettuali. Le riunioni si sono svolte presso il
dipartimento di informatica a partire dal mese di Aprile con ricorrenza
quindicinale. Nelle riunioni, dopo aver analizzato il contesto e i requisiti, abbiamo
creato una mappa concettuale che rappresentasse il contenuto del sito.
Ovviamente questa mappa si è evoluta nel tempo. Di seguito descriveremo i passi
effettuati per raggiungere la stesura della mappa definitiva del sito Freeable.

Vedi Figura 1 Appendice 1.
Come possiamo vedere la nostra mappa concettuale ha una suddivisione
per categorie. Le categorie presenti sono:
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
106
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo

Bisogni/Utilizzo/Obiettivi

Accessibilità software

Livello di sofisticazione

Età

Lingua

Sistema operativo

Patologia/ Disabilità

Strumenti/Modalità

Funzioni

Gradimento

Livello scolare.
Queste sono le categorie principali che si sono presentate nella stesura di
una prima mappa concettuale. Sostanzialmente le categorie identificate
saranno presenti anche nelle successive mappe concettuali. Alcune subiranno
una normalizzazione dei termini, altre invece verranno adeguate al linguaggio
di siti già esistenti.
Come si può vedere nella mappa le categorie sono suddivise
gerarchicamente, si suddividono su più livelli (da uno a tre).

Vedi figura 2 Appendice 1.
Nella seconda riunione abbiamo constatato che, le categorie individuate
sono adeguate alle esigenze, ma cominciano a subire un cambiamento
linguistico, vista l’inadeguatezza o la non facile comprensione immediata del
termine utilizzato per indicare la categoria.

Bisogni/Utilizzo/Obiettivi = Obiettivi (Bisogni/Utilizzo/Funzioni)

Accessibilità software

Livello di sofisticazione = Livello di sofisticazione del software

Età = Età anagrafica

Lingua = Lingua del software

Sistema operativo
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
107
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo

Patologia/ Disabilità = Deficit (Diagnosi/Patologia/Disabilità)

Gradimento

Livello scolare = Livello istruzione ISCED 1997

Livello di destrezza informatica

Attività (Strumenti/Modalità).
Nella mappa1 è presente la categoria funzioni, nella mappa due possiamo
vedere che la categoria funzioni è stata accorpata alla categoria Obiettivi, in
quanto le funzioni sono dei processi volti a raggiungere una finalità intesa
come obiettivo. Una nuova categoria è data dal livello di destrezza
informatica.
A partire dalla seconda riunione si è stabilito di utilizzare degli standard
vigenti, nella categoria:

Livello istruzione ISCED 1997

L’età anagrafica (vedi PEGI).
Nei paragrafi successivi daremo un’esauriente definizione degli standard
utilizzati.
Da notare in questa mappa è la presenza in alcune categorie di un simbolo
1. Ciò indica che le categorie vengono intese dal settore informatico come
categorie a mutua esclusione, quindi all’interno di una categoria può essere
selezionato in fase di ricerca solo un’opzione tra quelle esistenti. Il livello
massimo ancora della gerarchia è tre.

Vedi Figura 3 Appendice 1.
In base a quanto stabilito giorno 17/04/08 nella mappa concettuale due e
dopo aver analizzato una serie di siti si sono potute apportare alla mappa
medesima delle modifiche. Abbiamo constatato dei punti di forza/debolezza e con
ciò posso dire che: il sito “Freeable” è molto tecnico fortemente finalizzato
all’utilizzo di esperti del settore viste le categorie “Deficit, bisogno e attività” che
non ho riscontrato in nessun altro sito.
I siti sono organizzati strutturalmente in modo differente ma con un unico
scopo, dare informazioni. La maggior parte dei siti sono di tipo educativo e
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
108
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
accennano appena al problema della disabilità. Nella terza figura si può vedere un
aumento dei livelli per alcune categorie i livelli vanno da uno a quattro.
Una variazione linguistica è stata effettuata per la categoria:

Attività
(Strumenti/Modalità)
=
Tipo
di
Software
(attività/strumenti/modalità).
La categoria “attività” del progetto in realtà negli altri siti si presenta nella
scheda tecnica del software selezionato descrivendone il tipo.
La categoria “accessibilità software” riprende in parte l’angolo degli ausili
utilizzati da www.areato.org , questo da un punto di vista organizzativo e tecnico
linguistico. Ho inserito comunque la categoria sensoriale uditiva utilizzata da
areato per dare un’idea dei dispositivi presenti sul mercato. Successivamente si
stabilirà se la categoria sensoriale abbia una sua effettiva importanza. Potete
notare che la mappa comincia ad
avere
un’evoluzione.
Si espande
gerarchicamente e diventa sempre più complessa è dettagliata.

Vedi Figura 4 Appendice 1.
Come si può vedere nella mappa concettuale quattro, le categorie presenti
sono essenzialmente quelle sopraindicate. I livelli gerarchici vanno da uno a tre,
ciò significa che è stato ritenuto necessario effettuare un taglio (appiattimento) per
non dilungarsi con sottocategorie che nessun utente adopererà mai. Alcune
categorie, sono state sviluppate maggiormente rispetto ad altre.
Una categoria importante è:

Tipo di software. Categoria che rappresenterà un contenitore di software
open source, shareware e freeware, disponibili in base all’utilizzo e alle
esigenze
espresse
dall’utilizzatore.
Sarà
importante
definire
le
sottocategorie per suddividere ulteriormente i software disponibili sul
mercato.

Vedi figura 5 Appendice 1.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
109
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
A partire da questa mappa concettuale possiamo dire di aver raggiunto
quasi la stesura finale. Potete notare che le categorie risultano complete e
omogenee. La mappa si è evoluta ampliamente. I termini utilizzati
rispecchiano i siti già presenti nel web. In modo da conformarsi per una facile
lettura e comprensione da parte dell’utente.

Vedi figura 6 Appendice 1.
Abbiamo raggiunto il modello definitivo della nostra mappa concettuale. Da
questo momento in poi bisognerà verificare l’attendibilità di questa mappa.
Prossimo compito sarà quello di analizzare dei software di tipo Open Source,
Freeware e Shareware per verificare se le categorie e sottocategorie presenti sono
sufficienti per raggiungere un risultato di ricerca soddisfacente dell’utente.
5.3.2 Descrizione delle singole categorie
Le categorie presenti nel sito sono state scelte in base all’esigenza.
Essendo un sito di un dominio specifico nell’ambito medico, insieme a specialisti
del settore sono state ideate delle possibili categorie che rappresentano le esigenze
dell’utente finale vero fruitore del sito.
Le categorie o faccette principali presenti nel sito Freeable vengono espresse
secondo una griglia:
1) Nome della categoria
a) definizioni fornite dal gruppo di specialisti.
i) Eventuali commenti.
ii) Riferimenti (eventuali standard seguiti).
1. Deficit (Diagnosi/Patologia/Disabilità)
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
110
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
a. Il quadro patologico di partenza della persona a cui è rivolto il
software.
i. Alle categorie specialistiche del settore medico si può
notare che i nomi presenti sono più di uno. Secondo gli
esperti sono termini importanti e non sono da escludere
l’uno dall’altro perché si potrebbe avere una perdita di
informazione. I tipi di deficit presenti in questa categoria
sono stati assegnati dagli esperti.
2. Accessibilità del Software
a. Capacità del software di adattarsi a vie d'accesso alternative.
i. I termini utilizzati sono prettamente tecnici.
ii. La maggior parte di questi termini sono stati selezionati dal
sito: www.areato.org.
3. Obiettivi (Bisogni/Utilizzo/Funzioni)
a. Abilità residue da consolidare, potenziare. Le abilità del soggetto
che vengono potenziate dall'uso del software.
i. Categoria e termini forniti esclusivamente e interamente
dagli esperti del settore in base alle esigenze che si sono
riscontrate con i pazienti.
4. Tipo di Software
a. Tipo di attività proposta/supportata dal software.
i. In questa categoria vengono descritte tutte le tipologie di
software presenti sul mercato. Il sito sarà versatile con
software che vanno dal gioco/all’educativo scolare. I
termini utilizzati sono quelli presenti nei siti già esistenti.
Le sotto categorie sono state scelte in base all’utilizzo degli
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
111
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
esperti. Non vi sono standard specifici sui tipi di software
ogni sito analizzato si distingue per delle caratteristiche
diverse.
5. Livello di sofisticazione del Software
a. Grado di complessità dell'attività supportata dal software.
i. In questo caso si è suddiviso il software in base al suo
grado di difficoltà.
6. Età anagrafica
a. Età del soggetto.
i. Per descrivere l’età anagrafica ci siamo avvalsi dello
standard PEGI che si identifica nella sottocategoria
evolutiva e adulta. La sottocategoria Geriatrica è stata
volutamente inserita, anche se può inizialmente risultare
anomala poiché il mondo senile si sta avvicinando all’era di
internet. Molti anziani e anziani con deficit motorio sono
perfettamente in grado di utilizzare internet per acquistare,
comunicare on – line. Per questo è stato espresso il
desiderio da parte delle logopediste e fisioterapiste di
inserire una sottocategoria che rappresentasse quella parte
della popolazione che spesso viene dimenticata.
ii. Standard PEGI.
7. Livello Istruzione ISCED 1997
a. Livello scolastico ottenuto.
i. Questa categoria con la rispettiva suddivisione è rilevante
soprattutto
per
l’utilizzo
di
software
di
tipo
educativo/scolare.
ii. Standard ISCED (International Standard Classification of
Education).
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
112
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
8. Livello di destrezza informatica
a. Livello di competenza dell'uso del computer in generale da parte
dell'utente.
i. Abbiamo ritenuto opportuno individuare la competenza
posseduta dall’utente.
9. Lingua del Software
a. Categoria che divide i software in base alla lingua.
i. Nel nostro
caso i
software inizialmente presi in
considerazione sono quelli di lingua inglese e italiana.
10. Sistema Operativo
a. E’ il programma responsabile del controllo e della gestione dei
componenti hardware che costituiscono un computer e dei
programmi che su di esso girano.
i. I sistemi operativi presi in considerazione rappresentano il
mercato, anche se Windows risulta essere il più diffuso in
Italia.
11. Gradimento
a. Il gradimento di un software verrà specificato tramite la votazione
con stellette che vanno da uno a cinque.
12. Licenza d’uso
a. In ambito informatico è il contratto che può accompagnare un
prodotto software.
i. La licenza d’uso da noi proposta come già detto è Open
Source, Freeware, Shareware.
5.3.3 Utilizzo di standard
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
113
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
La conformità agli standard deve essere valutabile in modo preciso.
L’utilizzo degli standard si rivela maggiormente proficuo se il sito deve essere
tradotto in diverse lingue. Nel nostro caso obiettivo primario iniziale è quello
di creare un sito soprattutto in italiano, con software possibilmente di lingua
italiana e inglese. La vasta presenza di siti inglesi ha maturato un desiderio di
italianizzare una piccola parte del mondo del web, per cercare di agevolare il
lavoro del settore riabilitativo ed educativo che comunque non possiede una
conoscenza della lingua straniera in quanto in passato non era oggetto d’esame
nel periodo in cui si sono conseguiti gli studi.
Utilizzare degli standard significa conformarsi alla realtà esistente.
Sicuramente il sito “Freeable” utilizzerà gli standard W3C ma non WAI
poiché il sito non è pensato per essere usufruibile da persone con disabilità,
ma per consultazione e utilizzo da parte di: esperti, insegnanti e famiglie con
persone disabili di tipo motorio e/o cognitivo, ma anche per persone che
manifestano difficoltà di apprendimento.
Altri standard presenti nel sito sono:

Livello istruzione ISCED 1997. L'ISCED (International Standard
Classification of Education, classificazione internazionale standard
dell'educazione) è uno standard creato dall'UNESCO come sistema
internazionale di classificazione standard per l'istruzione. Nel novembre
1997 si giunge all'adozione di un nuovo standard denominato ISCED 97
che copre due variabili classificatorie: il livello e il campo di istruzione. I
livelli vanno da 0 a 6. (vedi mappa concettuale n°6).

Età anagrafica secondo PEGI. Il PEGI (Pan European Games
Information), è il primo sistema europeo di classificazione in base all’età
per i videogiochi. È un Codice di Condotta volontario, quindi un sistema
di autoregolamentazione dei contenuti adottato dagli editori di videogiochi
a livello europeo, creato nel 2003 dall’Associazione europea degli stessi,
Interactive Software Federation of Europe (ISFE), con il supporto della
Commissione europea e gestito da due enti amministratori indipendenti: il
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
114
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
NICAM, Istituto olandese per la classificazione dei mezzi audiovisivi ed il
VSC, Video Standard Council. Il sistema di classificazione PEGI nasce
dall’esigenza di tutelare i minori e di garantire a genitori, acquirenti e
consumatori online un’ulteriore fiducia rispetto al contenuto del gioco
indicandone l’idoneità per uno specifico gruppo d’età o per contenuto. Di
seguito riportiamo la classificazione per età scelta per il nostro sito:
o 3 anni e oltre
o 7 anni e oltre
o 12 anni e oltre
o 16 anni e oltre
o 18 anni e oltre
5.3.4 Raccolta termini
Per la realizzazione del sito sono stati adottati termini specialistici e
termini generici, poiché il target che si servirà del sito sarà secondo il nostro
obiettivo misto, composto da esperti e inesperti. Quindi i termini scelti sono stati
adeguati alla comprensione di tutti gli utenti. Per ogni categoria sono state
effettuate delle scelte a seconda dell’esigenza. In ambito medico i termini delle
categorie obiettivi e deficit sono stati assegnati dagli esperti del settore, per quanto
riguarda le altre categorie la maggior parte dei termini presenti nel sito sono stati
adeguati agli altri siti analizzati.
5.3.5 Normalizzazione
La
normalizzazione
è
un
procedimento
che
effettuiamo
volto
all’eliminazione della ridondanza e del rischio di inconsistenza dal database.
Esistono vari livelli di normalizzazione (forme normali) che certificano la qualità
dello schema del database. Questo processo si fonda su un semplice criterio: se
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
115
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
una relazione presenta più concetti tra loro indipendenti, la si decompone in
relazioni più piccole, una per ogni concetto. Questo tipo di processo non è
purtroppo sempre applicabile in tutte le tabelle, dato che in taluni casi potrebbe
comportare una perdita di informazioni.
5.4 Creazione di un foglio di lavoro
Giunti ad un esauriente livello della nostra mappa, si è potuto creare un
worksheet in excel, che rappresenta le categorie e le sotto categorie in modo
gerarchico. Tutto ciò è servito per poter verificare l’attendibilità della mappa
concettuale costruita. Abbiamo preso in considerazione un campione minimo di
persone, ovviamente rappresentativi per la categoria dei fruitori del sito in
costruzione, logopedisti e fisioterapisti.
Il compito che è stato dato a quattro persone aveva l’obiettivo di:

Prendere in considerazione 10 programmi utilizzati.

Specificare l’eventuale fonte di reperimento.

Indicare con delle X a quale eventuale categoria appartiene ogni singolo
software.

Commenti o eventuali suggerimenti.
5.4.1 Esempio di scheda
Di seguito verrà riportato un esempio di compilazione di una scheda.
Inoltre come si può notare vi sono delle categorie evidenziate e si riferiscono a
categorie a mutua esclusione, identificate dal gruppo di lavoro, ciò significa che
può essere immessa solo una X per tutta la categoria.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
116
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Note
Inserire i dati sul software considerato
Inserire una 'x' nella colonna categorie dove appropriato per il software
considerato.
Le aree azzurre si riferiscono a categorie a mutua
esclusione
Segnalare eventuali commenti nella rispettiva colonna.
Informazioni sul software
Nome
Eventuale URL
Commenti
Categorie
X
X
Sauerbraten
http://en.wikipedia.org/wiki/Sauerbraten_%
28game%29
gioco open source
Commenti
Deficit (Diagnosi/Patologia/Disabilità)
Psico motorie
Goffaggine
Iperattività
Maldestrezza
Sfera emotiva
Neuro Motorie
arto superiore
capo
mano (controllo segmentario)
oculomotorie
Sensoriali
uditiva
visiva
Apprendimento
Discalculia
Disgrafia
Dislessia
Disortografia
Disprassia di programmazione
Cognitivo
Lieve
Medio
Grave
Accessibilità del software
Tastiere alternative
Tastiere espanse
Tastiere a membrana
Tastiere ridotte
Tastiera a video
Dispositivi a puntamento
Mouse
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
117
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
X
X
Mouse tradizionali
Mouse ergonomici
Mouse da tenere in mano
Mouse da usare con i piedi
Emulatori di Mouse
Emulatori su tastiera
Emulatori a tastoni
Emulatori a scansione
Emulatori controllati dal puntamento
della testa.
Tavolette grafiche
Dispositivi di puntamento alternativi al mouse
Joystick
Trackball
Touchpad
Touchscreen
Eye tracker
Sistemi di scansione (o interfaccia a scansione)
Riconoscimento vocale
Visiva parziale
Dimensioni carattere ( ingrandimento dello
schermo)
Personalizzazione colore
Visiva totale
Codice Braille
Screen reader e sintesi vocale
Riproduzione musica
Uditiva
Dizionario mimico gestuale
Dispositivi telefonici per sordi
Sistemi di videocomunicazione
Obiettivi (Bisogni/Utilizzo/Funzioni)
Comunicativo
Non verbale
Linguistico
Alfabetico
Alfabetico complesso
Simbolico
Educativo
Autonomia
Cognitivo
Attenzione
visiva
uditiva
memoria
uditiva
visiva
visuo-spaziale
spazialità
temporalità
rappresentazione grafica
schema corporeo
Emotivo
Sensoriale
Uditivo
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
118
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Visivo
Percezione visiva
Esplorazione visiva/ oculomotricità
Prassie visuo-costruttive
Motorio
scrittura
Coordinazione oculo-manuale
grafomotricità
Gioco
X
X
Gioco causa-effetto
Gioco simbolico
Gioco strategico
Tipo di Software
Gioco
Logici/Abilità
Colorare
Libro parlante
Memoria
Puzzle
Azione
Avventura
Musicale
Role play
Simulazione
Costruzioni
cucina
Vestizione
Strategia
Sport
Tradizionale
Gioco da tavola
Gioco di carte
Internet
comunicazione
chat
e-mail
voice
Browser
Educativo/Scolare
Disegno
Geografia e storia
Lingua straniera
Lingua madre
Vedere anche Lingua
del Software
Vedere anche Lingua
del Software
Matematica
Musica
Scienze
Ausili software
Comunicatori simbolici
Emulatori mouse
Espansione delle abbreviazioni
Ingrandimento dello schermo
Predizione statistica delle parole
Riconoscimento vocale
Riproduzione musica
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
119
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Tastiera a video
Lavoro
Videoscrittura
Calcolo
Grafica
Entertainment
Video player
Audio player
Livello di sofisticazione del software
X
Semplice
Intermedio
Evoluto
Età anagrafica
Evolutiva
X
X
X
X
X
X
Software con
modalità per esperti
==> Non esclusivi?
Anagrafica o
biologica?!!
Vedere PEGI su
Wikipedia
3+
7+
12+
Adulta (18+)
Geriatrica
Livello istruzione ISCED1997
0 (istruzione pre-elementare)
1 (Istruzione elementare o primo stadio di istruzione base)
2 (Istruzione secondaria inferiore o secondo stadio di
istruzione base)
3 (Istruzione secondaria superiore)
4 (Istruzione post-secondiaria non terziaria)
5 (Primo stadio dell'educazione terziaria)
6 (Secondo stadio dell'istruzione terziaria)
Livello di destrezza informatica
Iniziale
Base
Esperto
Lingua del Software
Da estendere a
tutte le altre
lingue?
Inglese
Italiano
Sistema operativo
Windows
Windows 95-98
Windows 2000-XP
Windows Vista
Linux
Macintosh
Gradimento
Voto degli utenti
(stellette)
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
120
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
5.5 Risultati raggiunti
Attraverso le 40/40 schede, abbiamo constatato che le categorie presenti
definite nella prima e fondamentale fase del progetto sono più che sufficienti per
poter andare alla fase successiva del progetto. Le X presenti nei diversi software
sono distribuite omogeneamente. Mentre la sottocategoria cognitivo intesa da noi
come mutua esclusione a livello informatico risulta essere per gli esperti del
settore medico a scelta multipla in quanto alcuni software possono trovarsi tra un
livello e l’altro (es. grave – medio). Le richieste presentate dagli specialisti sono
differente rispetto ad un sito generico. Il sito si presenterà completo, sia da un
punto di vista terminologico che informativo. Di seguito riportiamo i risultati
raggiunti dall’analisi delle schede. Le schede sono state analizzate manualmente.
Nella prima tabella verranno indicati i nomi dei software analizzati dalle
logopediste e fisioterapiste, mentre nella seconda tabella vi sarà un risultato
complessivo delle X presenti nelle categorie di interesse.
N°
Nome del Software
Eventuale Url/altro
Tipo di Licenza
1
9999
www.areato.org
Open Source
2
20 Punti
www.vbscuola.it
Open Source
3
Adibù
Non specificato
Non specificato
4
Alveare
www.vbscuola.it
Open Source
Erickson
Freeware
5
Analisi visiva e strategie
cognitive
6
Ape e fiori
Non specificato
Open Source
7
Aprendiendo
www.areato .org
Freeware
8
Attenzione e concentrazione
Santo di nuovo
Erickson
Freeware
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
121
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
9
Barbie la principessa e la
povera
Vivendi Universal
games
Vivendi Universal
Non specificato
10
Barbie la sfilata di moda
11
Barbie lago dei cigni
12
Blob 1 e 2
Anastasis
Non specificato
13
Circuslinux
Non specificato
Open Source
14
Creative wraiter
Microsoft
Non specificato
15
Easy game
Laramera Auxilia
Non specificato
16
Er finestra
www.mistergratis.it
Freeware
17
Fiammiferi
Non specificato
Open Source
18
Gaze Talk
www.oatsoft.org
Freeware
19
Gioca spazio – tempo
www.vbscuola.it
Open Source
20
Giochi di pensiero 1-2-3
Thiwkin Things
Non specificato
21
Gioco carte
www.areato.org
Open Source
22
Giocolola
www.mistergratis.it
Freeware
23
Il corpo umano
De Agostini
Non specificato
24
Isola lego
www.lego.com
Non specificato
www.disney/interactive
Non specificato
Erickson
Freeware
25
La casa dei fantasmi
dispettosi
games
Vivendo Universal
games
Non specificato
Non specificato
26
Memoria visiva
27
Monster
Non specificato
Open Source
28
Power reader
www.oatsoft.org
Freeware
29
Prova 6
Vuota
Vuota
30
Puzzle
www.areato.org
Open Source
31
Quadratini
www.sd2.itd.cnr.it
Open Source
32
Raccontami una storia
www.sd2.itd.cnr.it
Open Source
33
Regine in cucina
www.gioco.it
Freeware
34
Single switch game 2
Marbelsoft Auxilia
Non specificato
35
Star wars la sfida di Yoda
Non specificato
Non specificato
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
122
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
36
Strike a pose
37
Stunt rally lego
38
Sunny ABC
39
Tangram
www.gioco.it
Freeware
www.lego.com
Non specificato
www.gioco.it
Freeware
Non specificato
Open Source
http://old.irrelombardia
40
Turbolettore
.it/cdp/lapsus/turbo.htm
Freeware
Risultato complessivo dei SW analizzati.
Categorie
Risultati
in X
Deficit (Diagnosi/Patologia/Disabilità)
Psico motorie
Goffaggine
Iperattività
Maldestrezza
Sfera emotiva
Neuro Motorie
arto superiore
capo
Mano (controllo segmentario)
oculomotorie
Sensoriali
uditiva
visiva
Apprendimento
Discalculia
Disgrafia
Dislessia
Disortografia
Disprassia di programmazione
Cognitivo
Lieve
Medio
Grave
Accessibilità del software
Tastiere alternative
Tastiere espanse
Tastiere a membrana
Tastiere ridotte
Tastiera a video
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
0
0
8
8
14
2
0
14
18
12
20
8
15
24
1
7
7
4
4
8
17
33
29
13
0
0
4
3
3
3
123
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Dispositivi a puntamento
Mouse
Mouse tradizionali
Mouse ergonomici
Mouse da tenere in mano
Mouse da usare con i piedi
Emulatori di Mouse
Emulatori su tastiera
Emulatori a tastoni
Emulatori a scansione
Emulatori controllati dal puntamento
della testa.
Tavolette grafiche
Dispositivi di puntamento alternativi al mouse
Joystick
Trackball
Touchpad
Touchscreen
Eye tracker
Sistemi di scansione (o interfaccia a scansione)
Riconoscimento vocale
Visiva parziale
Dimensioni carattere ( ingrandimento dello
schermo)
Personalizzazione colore
Visiva totale
Codice Braille
Screen reader e sintesi vocale
Riproduzione musica
Uditiva
Dizionario mimico gestuale
Dispositivi telefonici per sordi
Sistemi di videocomunicazione
Obiettivi (Bisogni/Utilizzo/Funzioni)
Comunicativo
Non verbale
Linguistico
Alfabetico
Alfabetico complesso
Simbolico
Educativo
Autonomia
Cognitivo
Attenzione
visiva
uditiva
memoria
uditiva
visiva
visuo-spaziale
spazialità
temporalità
rappresentazione grafica
schema corporeo
Emotivo
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
1
19
20
6
4
3
2
2
6
3
3
0
0
4
4
10
3
1
4
0
0
2
1
0
0
2
0
0
0
0
1
0
0
5
4
4
3
6
16
8
23
21
33
21
19
19
21
19
23
18
10
5
0
124
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Sensoriale
Uditivo
Visivo
Percezione visiva
Esplorazione visiva/ oculomotricità
Prassie visuo-costruttive
Motorio
scrittura
Coordinazione oculo-manuale
grafomotricità
Gioco
Gioco causa-effetto
Gioco simbolico
Gioco strategico
Tipo di Software
Gioco
Logici/Abilità
Colorare
Libro parlante
Memoria
Puzzle
Azione
Avventura
Musicale
Role play
Simulazione
Costruzioni
cucina
Vestizione
Strategia
Sport
Tradizionale
Gioco da tavola
Gioco di carte
Internet
comunicazione
chat
e-mail
voice
Browser
Educativo/Scolare
Disegno
Geografia e storia
Lingua straniera
Lingua madre
Matematica
Musica
Scienze
Ausili software
Comunicatori simbolici
Emulatori mouse
Espansione delle abbreviazioni
Ingrandimento dello schermo
Predizione statistica delle parole
Riconoscimento vocale
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
17
18
23
29
27
15
3
4
13
3
6
16
10
7
0
10
19
5
5
8
3
4
2
2
2
7
3
2
2
4
1
2
1
1
1
0
0
1
1
0
4
3
0
0
5
5
1
0
0
0
0
0
0
0
0
125
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Riproduzione musica
Tastiera a video
Lavoro
Videoscrittura
Calcolo
Grafica
Entertainment
Video player
Audio player
Livello di sofisticazione del software
Semplice
Intermedio
Evoluto
Età anagrafica
Evolutiva
3+
7+
12+
Adulta (18+)
Geriatrica
Livello istruzione ISCED1997
0 (istruzione pre – elementare)
1 (Istruzione elementare o primo stadio di istruzione base)
2 (Istruzione secondaria inferiore o secondo stadio di
istruzione base)
3 (Istruzione secondaria superiore)
4 (Istruzione post-secondiaria non terziaria)
5 (Primo stadio dell'educazione terziaria)
6 (Secondo stadio dell'istruzione terziaria)
Livello di destrezza informatica
Iniziale
Base
Esperto
Lingua del Software
Inglese
Italiano
Sistema operativo
Windows
Windows 95-98
Windows 2000-XP
Windows Vista
Linux
Macintosh
Gradimento
1
2
3
4
5
Licenza d’uso
Open
Source
Freeware
Shareware
Demo/Trial
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
0
1
0
3
0
1
0
0
0
0
18
7
0
0
19
27
28
16
8
6
0
22
21
2
0
0
0
0
0
22
20
0
0
4
35
0
13
33
25
14
1
3
0
0
3
3
4
2
0
12
10
0
126
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
5.6 Conclusioni
Questo capitolo rappresenta il cuore del progetto “Freeable”. Dopo aver
definito una metodologia, si è potuto creare una mappa concettuale del contenuto
del sito. Una prima verifica dell’attendibilità è stata effettuata attraverso un
worksheet dove abbiamo ottenuto dei buoni risultati. anche se osservando il
risultato X si può notare che alcune categorie sono più complete rispetto ad altre,
soprattutto nelle categorie informatiche troviamo una sorta di titubanza dovuta
all’inesperienza dell’utente del settore medico/riabilitativo. Per concludere
confrontiamo in una tabella il rapporto tra le categorie indicate dal CRG (vedi
capitolo 1.5.1) e le categorie prese in considerazione per il nostro sito.
CRG
Oggetto
Tipo
Parte
Proprietà
Materiale
Processo
Operazione
Prodotto
Sottoprodotto
Paziente
Agente
Spazio
Tempo
FACCETTA CORRISPONDENTE AL SITO
FREEABLE
Tipi di software
Obiettivi
Accessibilità software
Livello di sofisticazione del software
Lingua del software
Età anagrafica
Livello di destrezza informatica
Gradimento
Sistema operativo
Deficit
Livello istruzione ISCED 1997
Licenza d’uso
-
Il progetto è stato già promosso al convegno GISD (acronimo di Gruppo
Italiano di Studio sulla Disfagia).
Dal 19 al 21 Giugno si è tenuto il IV congresso della GISD dove tra una
serie di interventi è stato approvato l’intervento del gruppo RiAbilità e del
Politecnico di presentare l’inestimabile importanza che può avere il mondo
informatico nel campo medico. Nel mese di Novembre è previsto un ulteriore
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
127
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
intervento a Bologna al Workshop HANDImatica dove verrà presentata
ulteriormente la nascita del sito e il suo obiettivo. HANDImatica 2008 si incentra
sull'idea dell'incontro tra il mondo della disabilità e la tecnologia che possono
contribuire a cambiare la vita, migliorandone la qualità, soprattutto a persone
disabili e anziane.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
128
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
6 Considerazioni Finali
6.1 Conclusioni finali
L'incontro con la tecnologia può contribuire a cambiare la vita,
migliorandone la qualità, soprattutto a persone disabili e anziane. Internet oggi è
determinante per il benessere dei cittadini. L’ambizioso progetto e l’esperienza
del team di tecnici riabilitatori della Cooperativa RiAbilità conferma l’importanza
di trovare una metodologia efficace per poter far fluire informazioni
indirettamente ma soprattutto direttamente ai disabili stessi.
Dopo aver terminato la prima fase del progetto abbiamo raggiunto i
seguenti risultati:

Applicazione della metodologia UDC.

Organizzazione della mappa concettuale.

Prima verifica di attendibilità dei contenuti dei software.

Esempio di interfaccia di ricerca a faccetta.
La Navigazione “a
faccette”
(multidimensionale) è un’innovativa
metodologia di costruzione delle interfacce utente, in particolare delle funzionalità
di “ricerca avanzata”, di forte impatto visuale, e che sfrutta la multidimensionalità
e la complessità del sistema di classificazione.
Di seguito riportiamo una prima bozza dell’interfaccia di ricerca a faccetta per
dare un’idea di come sarà intuitivo e di facile utilizzo il sito Freeable:
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
129
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Sito Freeable
Deficit
Psicomotorie
Goffaggine
Iperattività
Maldestrezza
Sfera emotiva
Neuro motorie
arto superiore
capo
mano
oculomotorie
20 Punti
Unisci i punti e vedrai
comparire. Numerazione
crescente e decrescente
entro il 100.
Url: www.vbscuola.it
Accessibilità
software
Obiettivi
Tipo di Software
Livello di
sofisticazione del sw
Età anagrafica
Livello istruzione
ISCED 1997
Sensoriali
uditiva
visiva
Apprendimento
Discalculia
Disgrafia
Livello di destrezza
informatica
Lingua del software
Sistema operativo
Dislessia
Disortografia
Disprassia
Gradimento
Licenza d’uso
Cognitivo
Lieve
Medio
Grave
In questo sistema i risultati della ricerca (al centro) sono attorniati dalle
varie dimensioni delle categorie di classificazione (ai lati) e ciascuna di queste
dimensioni (facets) può fungere da “filtro” per i risultati. In questo modo l’utente
ha sempre sotto controllo l’intero insieme dei risultati e può progressivamente
avvicinarsi, raffinando iterativamente i filtri, al risultato desiderato.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
130
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
6.2 Sviluppi futuri
Il progetto in futuro mirerà innanzitutto a facilitare lo scambio di
informazioni tra gli operatori, fornendo una serie di strumenti aperti a tutti e
dotati delle seguenti funzionalità:

Un catalogo di strumenti software per l’accessibilità, con particolare
riferimento ai software gratuiti ed open source;

Recensioni dei prodotti, redatte in lingua italiana da parte di esperti
indipendenti;

Un’interfaccia dinamica ed accessibile, che faciliti il più possibile le
operazioni di navigazione e nello stesso tempo risulti.

La possibilità di fornire dei commenti esperienziali da parte di disabili od
operatori che abbiano utilizzato il software, al fine di condividere le
esperienze in prima persona, fornire valutazioni nel merito, fornire
indicazioni agli sviluppatori, suggerire tipologie o campi di applicazione.
Questo aspetto farà del sito web effettivamente una comunità sociale di
mutuo scambio.
Diffondere informazione e cultura, favorire momenti di conoscenza e
scambio di esperienze nell'applicazione delle Tecnologie Assistive è
importante per valorizzare il ruolo che le Tecnologie per l'Informazione e la
Comunicazione svolgono a favore dell'integrazione delle persone disabili nella
scuola, nel lavoro, nella vita sociale.
Una
volta
terminato,
il
sito
sarà
consultabile
all’indirizzo
www.freeable.eu.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
131
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Appendice 1
In questa sezione verranno illustrate in sequenza le figure descritte nel
capitolo quinto della tesi presentando un’evoluzione della mappa concettuale del
sito Freeable.
Figura 1 pagina 100.
Figura 2 pagina 101.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
132
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Figura 3 pagina 103.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
133
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Figura 4 pagina 103.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
134
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Figura 5 pagina 103.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
135
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
136
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Figura 6 pagina 104.
Vedi ultima tassonomia
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
137
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Appendice 2
Glossario terminologico del sito Freeable
Il Glossario terminologico creato per il sito Freeable funge da
informazione aggiuntiva per l’utente finale nell’eventuale mancanza di una
conoscenza non approfondita di un particolare termine. Le parole sotto elencate
sono disposte in ordine alfabetico con il relativo significato e la fonte di
provenienza.
A
Abilità
Si intende un’attitudine, una destrezza o una capacità innata o acquisita nel tempo
con l'esperienza o per mezzo di altre forme di apprendimento. ( fonte:
http://it.wikipedia.org/wiki/Abilit%C3%A0)
Accessibilità
Capacità del software di adattarsi a vie d'accesso alternative. (fonte: definizione
fornita dalle logopediste del gruppo RiAbilità).
Adulta
Chi ha raggiunto il
www.demauroparavia.it)
completo
sviluppo
fisico
e
psichico.
(fonte:
Alfabetico
Che utilizza le lettere dell’alfabeto. (fonte: definizione fornita dalle logopediste
del gruppo RiAbilità).
Apprendimento
Processo di acquisizione di conoscenze, di informazioni o di comportamenti.
(fonte: www.demauroparavia.it)
Arto superiore
È l’appendice che si articola con il tronco nella sua parte superiore (detto
comunemente braccio.) (fonte: www.demauroparavia.it)
Attenzione
L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli
ambientali, ignorandone altri. (fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Attenzione)
Audio player
Software per l’esecuzione di file multimediali, di tipo audio. (fonte:
http://it.wikipedia.org/wiki/Media_player)
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
138
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Ausili software
Per ausili software, secondo lo Standard Internazionale ISO 9999, si intende
qualsiasi prodotto, strumento, attrezzatura o sistema tecnologico utilizzato da una
persona disabile per prevenire, compensare, alleviare o eliminare una
menomazione,
disabilità
o
handicap.
(fonte:
http://www.handylex.org/stato/ntp/elenco1.pdf)
Autonomia
Il pensare o l’agire senza condizionamenti esterni o l’essere in grado di
provvedere da soli alle proprie necessità. (fonte: www.demauroparavia.it)
Avventura
Sono giochi in cui predomina l’intelligenza del giocatore, guidata dal computer,
che per l'occasione viene chiamato master e a cui più giocatori, a cui spesso
vengono assegnati poteri particolari, partecipano in gruppo. Anche il caso fa parte
delle possibilità sotto forma di lancio di dadi (quasi sempre virtuale, cioè fatto a
video), il cui risultato numerico indica il fallimento o la riuscita di un’azione.
(fonte:http://www.pianetascuola.it/anni_precedenti/archivio/archivio_2001/proged
u/Videogio_3.pdf)
Azione
Sono giochi in cui si deve esplorare un ambiente, eliminando tutti i potenziali
nemici che appaiono sullo schermo. Il nome collettivo di questi giochi è arcade e
sono definiti con un brutto neologismo "immersivi": ciò vuol dire che il giocatore
"si immerge" totalmente nel gioco e ne diventa parte come protagonista. (fonte:
http://www.pianetascuola.it/anni_precedenti/archivio/archivio_2001/progedu/Vid
eogio_3.pdf)
B
Base
Preparazione culturale o professionale base richiesta per l’utilizzo del computer e
di determinati software. (fonte: definizione fornita dal gruppo di lavoro).
Browser
Programma di navigazione e consultazione dati all’interno dei siti web di Internet.
(fonte: www.demauroparavia.it)
C
Categoria
Raggruppamento di cose
www.demauroparavia.it)
in
base
al
livello
qualitativo.
(fonte:
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
139
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Calcolo
In informatica, un foglio elettronico (chiamato anche foglio di calcolo) è un
software di produttività personale che permette l'immissione di dati in una griglia
bidimensionale di celle. (fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Foglio_elettronico)
Chat
Conversazione in tempo
www.demauroparavia.it)
reale
attuata
tramite
calcolatore.
(fonte:
Codice Braille
Sistema di punti e righe variamente combinate, ognuno delle quali rappresenta
una lettera, per cui può essere letto con le dita da parte dei cechi. (fonte:
www.areato.org)
Cognitivo
Effetto della conoscenza. I gradi di difficoltà della conoscenza possono essere:
 Cognitivo lieve
 Cognitivo medio
 Cognitivo grave
(fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Processo_cognitivo e adattato dal gruppo di
lavoro).
Colorare
Software per giocare, dare colore a qualcosa. (fonte: www.demauroparavia.it)
Comunicativo
La capacità di interagire con altri in situazioni quotidiane ordinarie. (fonte:
http://it.wikipedia.org/wiki/Comunicazione)
Comunicatori simbolici
Ausili pensati per consentire la comunicazione a coloro che non possono
utilizzare la voce per parlare e possono essere utilizzati anche come sitemi di
valutazione e recupero cognitivo. (fonte: www.areato.org).
Coordinazione oculo – manuale
È la capacità di mettere in relazione il movimento della mano con le informazioni
provenienti dall’organo visivo e organizzare allo stesso tempo le due funzioni. La
coordinazione oculo-manuale è il frutto di un lavoro di elaborazione ed
organizzazione delle informazioni spazio-temporali. (fonte: http://www.mypersonaltrainer.it/coordinazione-oculo-manuale.htm)
Costruzioni
Software utilizzati per simulare comportamenti reali nella costruzione di edifici e
simile. (fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Videogioco_di_simulazione)
Cucina
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
140
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Software utilizzati per simulare comportamenti reali (preparare un dolce, lavare.)
(fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Videogioco_di_simulazione)
D
Deficit
Il quadro patologico di partenza della persona a cui è rivolto il software. (fonte:
definizione fornita dalle logopediste del gruppo RiAbilità).
Demo
versione dimostrativa di un programma da sottoporre ai potenziali acquirenti.
(fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Demo)
Diagnosi
Determinazione della natura e dell'entità di una malattia in base ai sintomi ed ai
reperti clinici e di laboratorio. (fonte: http://www.dica33.it/glossario/default.asp)
Dimensioni carattere
Per le persone ipovedenti possono essere utili dei sistemi hardware di
ingrandimento. (fonte: www.areato.org).
Disabilità
La disabilità è la condizione personale di chi, in seguito ad una menomazione o
più, ha una ridotta capacità d'interazione con l'ambiente rispetto a ciò che è
considerata la norma, pertanto è meno autonomo nello svolgere le attività
quotidiane e spesso in condizioni di svantaggio nel partecipare alla vita sociale
(handicap). (fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Disabilit%C3%A0)
Discalculia
La discalculia è una difficoltà nell’apprendimento del calcolo che si manifesta nel
riconoscimento e nella denominazione dei simboli numerici, nella scrittura dei
numeri, nell’associazione del simbolo numerico alla quantità corrispondente, nella
numerazione in ordine crescente e decrescente, nella risoluzione di problematiche.
(fonte:http://www.ladislessia.org/index.php?option=com_content&task=view&id
=20&Itemid=34)
Disegno
Software utilizzato per l’apprendimento di tecnica e arte del disegnare. (fonte:
www.demauroparavia.it)
Disgrafia
Difficoltà ad imparare a scrivere. (fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Disgrafia)
Dislessia
Ridotta capacità a leggere, spesso da lesione a livello del lobo parietale
dominante. (fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Dislessia)
Disortografia
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
141
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Difficoltà
ad
apprendere
o
http://it.wikipedia.org/wiki/Disortografia)
usare
l’ortografia.
(fonte:
Dispositivi a puntamento
I dispositivi standard di immissione dati, la tastiera e il mouse, possono essere
sostituiti o affiancati, per le persone con difficoltà motorie, da dispositivi
alternativi. (fonte: www.areato.org)
Dispositivi a puntamento alternativi al mouse
I dispositivi di puntamento alternativi al mouse non sono in genere specificamente
progettati come ausili, ma sono periferiche standard che possono essere utilizzate
da alcuni utenti disabili. (fonte: www.areato.org)
Dispositivi telefonici per sordi
I dispositivi text-telephone, in Italia noti come DTS, sono strumenti progettati per
le persone sordomute. I text-telephone sono composti da una tastiera e da uno
schermo o da un display. Due utilizzatori possono collegarsi tramite una linea
telefonica e colloquiare scrivendo messaggi sulla tastiera che vengono visualizzati
in tempo reale sul display dell'altro apparato. (fonte: www.areato.org)
Disprassia di programmazione
La disprassia è l’incapacità di compiere movimenti volontari, coordinati sequenzialmente tra loro, in funzione di uno scopo.
(fonte: http://www-1.unipv.it/webpsyco/bacheca/materiale/lezioninps.ppt)
Dizionario mimico gestuale
Il Dizionario Mimico Gestuale è un dizionario multimediale essenziale (1500
lemmi con relativi filmati) della Lingua Italiana dei Segni (LIS), lingua
ampiamente utilizzata nella popolazione delle persone sorde come strumento di
comunicazione alternativa al linguaggio verbale. (fonte: www.areato.org)
E
Educativo
Categoria che implica software relativi all’educazione. (fonte: definizione data
dal gruppo di lavoro).
E-mail
Messaggio inviato tramite posta elettronica. (fonte: www.demauroparavia.it)
Emotivo
Relativo all’emozione: capacità emotiva. (fonte: www.demauroparavia.it)
Emulatori controllati dal puntamento della testa.
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
142
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Si tratta di sistemi di puntamento pilotati dal capo progettati per emulare il mouse
e diretti a persone che non possono usare le mani, ma che hanno un buon controllo
dei movimenti del capo. (fonte: www.areato.org)
Emulatori mouse
Gli emulatori di mouse sono dispositivi di input che possono svolgere le funzioni
del mouse, pur presentando fogge e principi di funzionamento diversi. (fonte:
www.areato.org)
Emulatori a scansione
Per chi può utilizzare un solo sensore, esistono dei dispositivi hardware o degli
emulatori software che consentono di manovrare il mouse a scansione. (fonte:
www.areato.org)
Emulatori a tastoni
Gli emulatori di mouse a tastoni consentono di manovrare il mouse tramite sensori
multipli o tramite una schiera di sensori, che possono emulare sia gli spostamenti
del cursore sia il clic del mouse con il tasto destro e il tasto sinistro. E' possibile
regolare sia la velocità che l'accelerazione del cursore. (fonte: www.areato.org)
Emulatori su tastiera
I migliori emulatori di mouse su tastiera sono compresi nei software di assistenza
alla tastiera presente nei sistemi operativi Windows XP, Windows ME, Windows
98, Windows 95. La funzionalità MouseKeys (Controllo Puntatore) permette di
utilizzare il tastierino numerico al posto del mouse con funzionalità complete
(click, doppio click, trascinamento ...) Nei computer APPLE la funzionalità
MouseKeys è presente nei sistemi operativi del Macintosh’s System 7.x, 8.x, e
9.x. (fonte: www.areato.org)
Entertainment
Ingl. intrattenimento, divertimento. Software pensati per l’intrattenimento
dell’utente. (fonte: www.demauroparavia.it e adattata dal gruppo di lavoro).
Espansione delle abbreviazioni
I programmi di espansione delle abbreviazioni permettono di utilizzare brevi
sequenze di caratteri per generare in maniera automatica messaggi più lunghi. Per
esempio, inserendo solo due o tre caratteri si può far scrivere al sistema l’intero
indirizzo della persona. (fonte: www.areato.org)
Esperto
È colui che ha grande esperienza nel campo informatico. (fonte: definizione
fornita dal gruppo di lavoro).
Esplorazione visiva
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
143
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
L’esplorazione visiva o scanning è la successione di movimenti saccadici sui vari
oggetti o dettagli di un oggetto.
(fonte: www.1.unipv.it/webpsyco/bacheca/materiale/lezioninps.ppt)
Età anagrafica
Per quanto riguarda l’utilizzo dei software (videogiochi) esiste lo standard PEGI
(Pan European Game Information) che può essere seguito per determinare in base
all’età anagrafica il gioco disponibile. Questo standard è stato utilizzato nel sito
per determinare l’età evolutiva e adulta. (fonte: http://www.pegi.info/it/index/)
Evoluto
Si intende il livello di complessità del software. (fonte: definizione fornita dal
gruppo di lavoro).
Eye tracker
Permette di tracciare con precisione millimetrica la user-experince dell'utente
registrando i punti e le aree che vengono maggiormente viste. (fonte:
http://www.contactlab.com/cms/dir/56/eye-tracking.html)
F
Freeware
Indica un software che viene distribuito in modo gratuito. E’ distribuito
indifferentemente con o senza codice sorgente, a totale discrezione dell'autore e
senza alcun obbligo al riguardo. (fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Freeware)
G
Geografia
materia di insegnamento e scienza che ha per oggetto lo studio della Terra, la
descrizione e la rappresentazione della sua superficie e della distribuzione spaziale
dei fenomeni relativi alla vita umana, animale e vegetale. (fonte:
www.demauroparavia.it)
Geriatrica
Età senile. (fonte: www.demauroparavia.it)
Gioco
Attività svolta da una o più persone per divertimento, apprendimento, svago,
passatempo basata su:
 Un obiettivo che i/il giocatore/i devono cercare di raggiungere (che può
anche essere diverso per ciascun giocatore) nell'ambito dell'attività del
giuoco.
 Un insieme di regole, che determinano ciò che i giocatori possono e non
possono fare durante l'attività ludica; intraprendere un'azione al di fuori
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
144
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
delle stesse costituisce generalmente un errore o fallo (e se quest'ultimo è
intenzionale significa barare). (fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Gioco)
Gioco causa – effetto
Gioco
svolto
per
stimolare
la
persona.
http://www.provincia.ap.it/polsoc/la%20medica1/fsm1E.asp)
(fonte:
Gioco di carte
Sono la versione computerizzata dei comuni giochi con le carte. (fonte:
http://www.pianetascuola.it/anni_precedenti/archivio/archivio_2001/progedu/Vid
eogio_3.pdf)
Gioco da tavola
Questo genere di giochi ha una notevole importanza come intrattenimento per la
famiglia, specialmente per quei giochi che si prestano a essere giocati a tutte le
età; ma non mancano giochi da tavolo le cui regole possono risultare troppo
complicate persino per molti adulti, o che richiedono un ragionamento attento e
approfondito (come molti classici giochi astratti quali gli scacchi e la dama).
(fonte:http://www.pianetascuola.it/anni_precedenti/archivio/archivio_2001/proged
u/Videogio_3.pdf)
Gioco simbolico
Il gioco simbolico è quel gioco in cui una persona è in grado di rappresentare
mentalmente cose, oggetti e situazioni, persone indipendentemente dalla loro
presenza. (fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Gioco_simbolico)
Gioco strategico
Un gioco di strategia è tipicamente un gioco da tavolo o un videogioco nel quale
le capacità di prendere decisioni di un giocatore hanno un grande impatto nel
determinare il risultato. Molti giochi includono questo elemento in grado minore o
maggiore, rendendo difficile stabilire una demarcazione, è pertanto più adeguato
parlare del grado di strategia di un gioco, piuttosto che del fatto che sia o meno un
gioco di strategia. (fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Gioco_di_strategia)
Gradimento
Il gradimento di un software verrà specificato tramite la votazione con stellette.
(fonte: definizione fornita dal gruppo di lavoro).
Grafica
Software di arte e tecnica per la realizzazione e produzione di opere grafiche.
(fonte: www.demauroparavia.it)
Grafomotricità
La disgrafia è un disturbo specifico dell’apprendimento, in assenza di deficit
intellettivi e neurologici, che incide sulle funzioni fondamentali della scrittura.
(fonte: http://www.angris.it/disgrafia.htm)
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
145
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
H
I
Internet
Sistema integrato di interconnessione tra computer che permette la trasmissione di
informazioni a livello mondiale. (fonte: www.demauroparavia.it)
Intermedio
Si intende il livello di complessità del software. (fonte: definizione fornita dal
gruppo di lavoro).
Inglese
Lingua del software disponibile.
Ingrandimento dello schermo
Per le persone ipovedenti, accanto a sistemi hardware di ingrandimento dello
schermo, esistono programmi analoghi completamente software, che forniscono
un ingrandimento di fattore variabile per le schermate in modalità testo o in
modalità grafica. (fonte: www.areato.org)
Iperattività
Il deficit dell’attenzione può presentarsi in associazione all’iperattività e in questo
caso si parla di deficit dell’attenzione con iperattività. Le caratteristiche distintive
sono rappresentate da difficoltà di attenzione, impulsività e iperattività, questi tre
elementi possono essere presenti in proporzione variabile.
(fonte:
http://www.educazione-emotiva.it/iperattivita.htm)
Italiano
Lingua del software.
J
Joystick
Esistono degli Joystick che consentono di sostituire completamente il mouse
standard e non necessitano di software speciale per il funzionamento. (fonte:
www.areato.org)
K
L
Lavoro
Categoria utilizzata per descrivere i software che possono essere utilizzati
nell’ambiente di applicazione lavorativo. (fonte: definizione fornita dal gruppo di
lavoro)
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
146
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Libro parlante
Il software presenta al bambino una serie di giochi finalizzati all'esercizio delle
abilità di lettura, scrittura a comprensione di parole e brevi frasi. (fonte:
http://www.dienneti.it/software/softwaredidattico/libro_parla.htm)
Licenza d’uso
In ambito informatico è il contratto che può accompagnare un prodotto software.
(fonte: definizione fornita dal gruppo di lavoro).
Lingua del software
Categoria che divide i software in base alla lingua. Nel sito: inglese e italiano.
(fonte: definizione fornita dal gruppo di logopediste e informatici).
Lingua madre
Prima lingua o L1 o lingua nativa o lingua materna o lingua madre o madrelingua
d'un che vengono apprese dall'individuo stesso in età infantile per mezzo del
processo naturale e spontaneo detto acquisizione linguistica, indipendentemente
quindi dall'eventuale istruzione. (fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Madrelingua)
Lingua straniera
L’insegnamento/apprendimento delle lingue straniere ha lo scopo di far acquisire
agli alunni gli strumenti fondamentali per estendere le proprie competenze
comunicative e porre le basi di un’educazione interculturale. (fonte:
http://it.wikipedia.org)
Linguistico
La linguistica è la disciplina scientifica che studia:
La lingua intesa come potenziale innato dell'uomo di produrre il linguaggio e Il
linguaggio, in quanto prodotto di questa facoltà. (fonte:
http://it.wikipedia.org/wiki/Linguistica)
Linux
È un sistema operativo libero di tipo Unix (o unix-lie) costituito dall'integrazione
del kernel Linux con elementi del sistema GNU e di altro software sviluppato e
distribuito con licenza GNU GPL o con altre licenze libere. (fonte:
http://it.wikipedia.org/wiki/Linux)
Livello destrezza informatica
Livello di competenza dell'uso del computer in generale da parte dell'utente. Nel
sito: livello iniziale, base ed esperto. (fonte: definizione fornita dal gruppo di
lavoro delle logopediste e informatici).
Livello istruzione ISCED 1997
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
147
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
L'ISCED (International Standard Classification of Education, classificazione
internazionale standard dell'educazione) è uno standard creato dall'UNESCO
come sistema internazionale di classificazione standard per l'istruzione. Nel
novembre 1997 si giunge all'adozione di un nuovo standard denominato ISCED
97 che copre due variabili classificatorie: il livello e il campo di istruzione. I
livelli vanno da 0 a 6. (fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/ISCED)
Livello di sofisticazione del software
Categoria che indica 3 livelli di complessità diversa che possono essere presenti
nei software. (fonte: definizione fornita dal gruppo di lavoro).
Logici
Detti anche rompicapo è il termine utilizzato per identificare quella particolare
categoria di videogiochi dedicata alle soluzioni di enigmi sotto forma di puzzle
logici, strategici o in cui, ad esempio, si deve completare una sequenza (numeri,
parole, forme geometriche). (fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Gioco_di_logica)
M
Macintosh
Abbreviato come Mac, è una popolare famiglia di personal computer costruiti a
partire dal 1984 dalla Apple Computer Inc. che sfruttano il sistema operativo
MacOS (oggi Mac OS X). (fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Apple_Macintosh)
Mano
Estremità dell’arto superiore formata dal palmo, dal dorso e dalle cinque dita, con
funzioni prensili e tattili. (fonte: www.demauroparavia.it)
Maldestrezza
Comportamento e simile, che deriva da incapacità e goffaggine; che rivela
disagio, imbarazzo. (fonte: www.demauroparavia.it)
Matematica
Scienza razionale deduttiva che studia gli enti numerici e geometrici le loro
proprietà e le loro relazioni. (fonte: www.demauroparavia.it)
Memoria
I giochi di memoria favoriscono l'autocontrollo e lo spirito di osservazione del
bambino. Passo dopo passo mentre il gioco avanza la concentrazione e la
memoria diventeranno determinanti in questa raccolta di giochi. Memorizzare gli
oggetti, giocare a memory, e tante altre attività.
(fonte:
http://www.giochiperbambini.org/memoria/)
Motorio
Si tratta di un cambiamento relativamente permanente nella prestazione o nelle
potenzialità di comportamento conseguibile attraverso l’esperienza diretta o
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
148
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
l’osservazione
di
altri.
http://www.nonsolofitness.it/argomenti/ted.asp?ted=27)
(fonte:
Mouse
dispositivo di puntamento più diffuso su schermo. (fonte: www.areato.org)
Mouse da tenere in mano
I mouse da tenere in mano consentono di spostare il puntatore sul monitor
utilizzando un minimo movimento delle dita. (fonte: www.areato.org)
Mouse da usare con i piedi
Il mouse si compone di due pedali interscambiabili, uno dedicato al puntamento e
l'altro alla selezione. (fonte: www.areato.org)
Mouse ergonomici
Esistono in commercio dei mouse ergonomici ideati per le persone che non hanno
un facile uso del classico mouse. (fonte: www.areato.org)
Mouse tradizionali
I Mouse tradizionali hanno normalmente due pulsanti configurabili ed un tasto
scroller centrale per lo scorrimento rapido. Disponibili anche in versione wireless.
(www.areato.org)
Musica
Software che interpreta l’arte di combinare insieme i suoni, prodotti da strumenti
musicali o dalla voce umana, secondo determinate leggi e convenzioni.(fonte:
www.demauroparavia.it e adattata dal gruppo di lavoro).
Musicale
Gioco che ha un suono o andamento armonioso, simile a quello della musica:
versi musicali. (fonte: www.demauroparavia.it e adattata al sito).
N
Non verbale
La comunicazione non verbale è quella parte della comunicazione che comprende
tutti gli aspetti di uno scambio comunicativo non concernenti il livello puramente
semantico del messaggio, ossia il significato letterale delle parole che
compongono
il
messaggio
stesso.
(fonte:
http://it.wikipedia.org/wiki/Comunicazione_non_verbale)
O
Obiettivo
Abilità residue da consolidare, potenziare. Le abilità del soggetto che vengono
potenziate dall'uso del software. (fonte: definizione fornita dal gruppo delle
logopediste di RiAbilità).
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
149
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Oculomotorie/oculomotricità
Il nervo oculomotore è un nervo effettore, composto da fibre motrici somatiche,
deputate all’innervazione dei muscoli estrinseci dell'occhio. (fonte:
http://it.wikipedia.org/wiki/Nervo_oculomotore)
Open Source
Indica un software rilasciato con un tipo di licenza per la quale il codice sorgente
è lasciato alla disponibilità di eventuali sviluppatori, in modo che con la
collaborazione (in genere libera e spontanea) il prodotto finale possa raggiungere
una complessità maggiore di quanto potrebbe ottenere un singolo gruppo di
programmazione. (fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Open_source)
P
Patologia
Branca della medicina che tratta i problemi relativi allo studio delle malattie e
delle alterazioni funzionali e morfologiche dell'organismo. (fonte:
http://it.wikipedia.org/wiki/Patologia_clinica)
Percezione visiva
È il risultato di una serie di complessi processi di elaborazione che si realizzano in
maniera del tutto automatica ed implicita. I primi processi di elaborazione sono a carico
dei sistemi sensoriali che sono impegnati sia nella recezione dal mondo fisico delle varie
forme di energia (luminosa, sonora, tattile, ecc…) sia nella trasduzione ossia nella
conversione
dell’energia
fisica
in
segnale
nervoso.
(fonte:
http://www.psicolab.net/index.asp?pid=idart&cat=8&scat=236&arid=1977)
Personalizzazione colore
Per visualizzare il sito utilizzando il contrasto testo-sfondo delle finestre del tuo
Sistema Operativo (la scelta resta attivo durante la corrente sessione di
navigazione). Il sistema di personalizzazione non necessità l'attivazione dei
cookies. L'aspetto grafico del sito resta sostanzialmente inalterato fino ad un
ingrandimento del testo pari 150%, da impostare attraverso le normali funzioni di
zoom messe a disposizione dai principali browser: Internet Explorer, Firefox e
Opera (per ulteriori informazioni consulta Dimensione del testo nei browser più
comuni). (fonte: http://www.subvedenti.it/Skin.asp#Scegli)
Predizione statistica delle parole
Allo scopo di ridurre il numero di tasti da premere e di conseguenza il tempo
necessario per l'input, i programmi di predizione statistica consentono attraverso
un calcolo statistico di inserire parole complete con la digitazione di poche lettere.
(fonte: www.areato.org)
Q
R
Riconoscimento vocale
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
150
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
È il processo mediante il quale il linguaggio orale umano viene riconosciuto e
successivamente elaborato attraverso un computer o più specificatamente
attraverso un apposito sistema di riconoscimento vocale. (fonte: www.areato.org)
Riproduzione musica
I calcolatori possono riprodurre musica attraverso il campionamento del suono o
sintetizzarla tramite codifica MIDI. (fonte: www.areato.org)
Role play
I giochi di ruolo sommano le caratteristiche di quelli di avventura e di strategia.
Un giocatore assume il ruolo di un personaggio in un ambiente storico o
preistorico o di fantasia (romano, medievale, ottocentesco e così via) e partecipa
alla
vita
del
tempo
seguendone
regole
e
costumi.
(fonte:
http://it.wikipedia.org/wiki/Gioco_di_ruolo)
S
Scienze
Nella scuola media superiore, l’insegnamento di biologia, chimica, geografia e
altre scienze naturali utlizzando degli appositi software. (fonte:
www.demauroparavia.it)
Schema corporeo
Lo schema corporeo è una costruzione dinamica che si basa su acquisizioni di
ordine
senso
motorio,
spaziale
e
temporale.
(fonte:
http://www.ucm.it/Educazione%20motoria%201/evoluzione_schema_corporeo.ht
m)
Screen reader e sintesi vocale
I software di lettura schermo, screen reader, consentono l'esplorazione del
contenuto dello schermo sia in voce che in braille. Tali programmi consentono di
interagire con i più diffusi applicativi software (come Word, Excel, Explorer,
Access, PowerPoint, Outlook, Outlook Express, Acrobat, Netmeeting, FrontPage,
Visual Basic....) e di accedere a internet effettuando la navigazione anche su
pagine complesse. Tutto ciò che compare sullo schermo del computer viene
convertito in voce ed inviato a un display braille se presente.La sintesi vocale è
generalmente multilingue, anche italiano, ed utilizza una normale scheda audio
compatibile Sound Blaster. (fonte: www.areato.org)
Scrittura
Software utili per la creazione di documenti. (fonte: definizione fornita dal gruppo
di lavoro).
Simulazione
Sono giochi ma anche strumenti di lavoro e di addestramento: basti pensare ai
simulatori di volo,di navigazione, di guida. Questi giochi propongono situazioni
reali, a cui è necessario dare una risposta con gli strumenti tecnici di cui si dispone
e
che
vengono
anch’essi
simulati
dal
computer.
(fonte:
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
151
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
http://www.pianetascuola.it/anni_precedenti/archivio/archivio_2001/progedu/Vid
eogio_3.pdf)
Scolare
Per scolare si intendo tutti quei giochi scolastici che vengono praticati nelle scuole
materne e nelle scuole elementari dagli alunni, con il comando di un insegnante. I
vari giochi spesso possono sembrare banali ma bisogna considerare che siano
adatti ai bambini e quindi di loro gradimento. Questi giochi, infatti, hanno spesso
uno
scopo
istruttivo.
(fonte:
http://www.pianetascuola.it/anni_precedenti/archivio/archivio_2001/progedu/Vid
eogio_3.pdf)
Semplice
Si intende il livello di complessità del software. (fonte: definizione fornita dal
gruppo di lavoro).
Sensoriale
I disturbi sensoriali (visivi ed uditivi) rappresentano uno dei maggiori capitoli
dell'epidemiologia geriatrica, per la loro elevata frequenza e per la conseguente
perdita di autosufficienza negli anziani che ne sono affetti. L'età avanzata è il
principale fattore di rischio per cecità e ipovisione. (fonte:
http://www.aging.cnr.it/fattibil.htm)
Sfera emotiva
Esiste una sfera emotiva ed affettiva perché esistono i sentimenti e le emozioni.
(fonte: http://www.psiconline.it/print.php?sid=1983)
Shareware
È una tipologia di licenza software. Vengono distribuiti sotto tale licenza in
genere programmi facilmente scaricabili via Internet o contenuti in CD e DVD. Il
software sotto tale licenza può essere liberamente ridistribuito, e può essere
utilizzato per un periodo di tempo di prova variabile. (Fonte:
http://it.wikipedia.org/wiki/Shareware)
Simbolico
Il linguaggio simbolico è un linguaggio universale. Il linguaggio simbolico
potrebbe essere inteso come qualcosa che dietro un senso oggettivo, visibile, ne
nasconde uno più profondo e invisibile; nel linguaggio simbolico le esperienze
interiori, i sentimenti, i pensieri vengono espressi come se fossero esperienze
sensoriali,
avvenimenti
del
mondo
esterno.
(fonte:
http://www.geocities.com/HotSprings/Spa/7190/rrs/s_main.htm)
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
152
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
Simulazione
Il gioco cerca di simulare un aspetto della realtà e in genere richede un misto di
abilità, fortuna e strategia. Si cerca per quanto possibile di riprodurre l'esperienza
reale come se il giocatore fosse veramente nella situazione rappresentata. (fonte:
http://www.pianetascuola.it/anni_precedenti/archivio/archivio_2001/progedu/Vid
eogio_3.pdf)
Sistemi di scansione
I sistemi a scansione sono i più lenti e faticosi, ma anche i più flessibili e
consentono quindi di sfruttare meglio le capacità motorie residue. I sistemi a
scansione non riguardano soltanto l’accessibilità del PC, ma più in generale gli
ausili. (fonte: www.areato.org)
Sistema operativo
È il programma responsabile del controllo e della gestione dei componenti
hardware che costituiscono un computer e dei programmi che su di esso girano.
(fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Sistema_operativo)
Sistemi di videocomunicazione
Sono costituiti da una telecamera ed un video associati ad un apparato telefonico,
possono essere utilizzati per consentire la comunicazione tramite la Lingua dei
Segni. (fonte: www.areato.org)
Spazialità
Sport
Un software sportivo simula il gioco degli sport fisici tradizionali. (fonte:
http://www.pianetascuola.it/anni_precedenti/archivio/archivio_2001/progedu/Vid
eogio_3.pdf)
Strategia
Sono giochi in cui alla base delle strategie da impiegarvi, vi sono l’utilizzo
creativo di regole e lo studio di una sequenza ragionata di azioni per superare
ostacoli
e
raggiungere
uno
scopo.
(fonte:
http://www.pianetascuola.it/anni_precedenti/archivio/archivio_2001/progedu/Vid
eogio_3.pdf)
T
Tastiere alternative
Si tratta di tastiere speciali che possono essere collegate tramite lo stesso
connettore della tastiera standard. La differenza principale rispetto ai modelli
standard consiste nelle dimensioni e sequenza dei tasti. Inoltre la maggior parte di
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
153
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
esse possono essere utilizzate contemporaneamente alla tastiera standard senza
conflitto. (fonte: www.areato.org)
Tastiere a membrana
Le tastiere a membrana sono dispositivi di input programmabili sui quali si
dispone un foglio (layout), scelto di volta in volta tra un insieme di fogli
alternativi, con simboli di varia natura, premendo in corrispondenza dei quali si
avviano le funzioni e i programmi associati. (fonte: www.areato.org)
Tastiere a video
Le tastiere a video possono consentire alle persone con difficoltà motorie di
interagire con qualsiasi applicazione Windows. Si possono crare delle tastiere
personalizzate per ogni necessità. (fonte: www.areato.org)
Tastiere espanse
Tastiere di dimensioni decisamente superiori alla norma, con tasti ingranditi e
distanziati per facilitarne la selezione e la pressione. (fonte: www.areato.org)
Tastiere ridotte
Tastiere di piccole dimensioni, con tasti minuscoli e ravvicinati, molto sensibili
alla pressione. Questo tipo di tastiera è particolarmente adatto ai soggetti affetti da
distrofia muscolare, o comunque a quei disabili motori che hanno conservato un
buon controllo di una mano a livello di motricità fine. (fonte: www.areato.org)
Tavolette grafiche
Le tavolette grafiche possono sostituire il mouse in quanto spostando la punta
della penna sulla superficie della tavoletta, si provoca lo spostamento del cursore
sullo schermo. (fonte: www.areato.org)
Temporalità
Tutte le dimensioni e le caratteristiche dell'esperienza temporale di un individuo.
(fonte: http://www.centrostudiscienzeantichena.it/tempo.php)
Tipo di software
Tipo di attività proposta/supportata dal software. Categoria che include tutti i
software disponibili ordinati secondo una sottocategoria. (fonte: definizione
fornita dal gruppo delle logopediste di RiAbilità).
Touchscreen
Sistema a puntamento in cui le operazioni normalmente svolte col mouse
(selezione, attivazione, trascinamento) possono essere fatte toccando lo schermo
direttamente con le dita o con un punteruolo. (fonte: www.areato.org)
Touchpad
Il touchpad è una tavoletta di forma rettangolare e di dimensioni ridotte, dotata di
una superficie sensibile al tatto e di tre bottoni. L'uso è immediato: ad ogni
movimento del dito sulla superficie corrisponderà un analogo movimento del
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
154
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
cursore sullo schermo del computer, per cliccare è sufficiente battere il dito sulla
tavola o usare uno dei bottoni. (fonte: www.areato.org)
Trackball
Le trackball sono una specie di mouse rovesciato: la pallina, che nei mouse
normali si trova a contatto con la scrivania, nelle trackball è posta in alto e va
ruotata con le dita per spostare sullo schermo il puntatore. (fonte:
www.areato.org)
Tradizionale
Categoria che comprende quei software che permettono attività di gioco di tipo
tradizionale.
(fonte:http://www.pianetascuola.it/anni_precedenti/archivio/archivio_2001/proged
u/Videogio_3.pdf)
U
Uditiva, Uditivo
L'udito è un sistema estremamente complesso, il primo dei cinque sensi a
svilupparsi. (fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Udito)
V
Vestizione
Gioco che ha la capacità di stimolare l’immaginazione aiutando soprattutto i
bambini.
(fonte:
http://it.wikipedia.org/wiki/Videogioco_di_simulazione#Simulatori_di_vita)
Video player
Software per l’esecuzione di file multimediali, di tipo video. (fonte: definizione
fornita dal gruppo di lavoro).
Visiva
Indica una disabilità sensoriale. (fonte: www.areato.org)
Visiva parziale
Indica una disabilità
www.areato.org).
sensoriale
visiva
parziale
(ipovedente).
(fonte:
Visiva totale
Indica una disabilità sensoriale visiva totale (cecità). (fonte: www.areato.org).
Voice
Voice over IP (Voce tramite protocollo Internet), acronimo VoIP, è una
tecnologia che rende possibile effettuare una conversazione telefonica sfruttando
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
155
La classificazione a faccette nel dominio medico – riabilitativo
una connessione Internet o un'altra rete dedicata che utilizza il protocollo IP.
(fonte: www.areato.org)
W
Windows
È una famiglia di sistemi operativi prodotta da Microsoft a partire dal 1985 per
l'utilizzo
su
personal
computer.
(fonte:
http://it.wikipedia.org/wiki/Windows_Vista)
X
Y
Z
Corso di Laurea Magistrale in Informatica per le Discipline Umanistiche
Maria Grimaldi Matr. 105182
A.A. 2007-2008
156