IO CONFESSO

Commenti

Transcript

IO CONFESSO
IO CONFESSO
Da piccolo quando facevo i bisogni mia mamma mi disse che quando avevo finito dovevo gridare:
“Ho finito!”. Un giorno però non dissi “ho finito” e quindi stetti tutta la notte con il sedere sporco.
Poi volevo sempre tutto, infatti un giorno all' Ipercoop di Ferrara mi arrabbiai con mia mamma
perché non voleva comprarmi una macchina, allora io buttai a terra tutte le macchine che
fortunatamente rimasero intatte. Però stetti diversi giorni in punizione.
Da piccolo non volevo fare vedere mai i miei denti perché erano piccoli.
Da piccolo avevo paura del buio, dei tuoni e dei lampi.
Devo ammettere che ho più paura di mio papà che di mia mamma.
Mi piace giocare con GRAN THEFT AUTO.
Quando ero piccolo facevo la raccolta delle figurine dei “Calciatori Panini”, ma non trovavo mai lo
scudetto della Juventus.
Un giorno giocai con le macchinine sopra lo sportello del forno. All'improvviso però tirai giù il
forno e allora mi cadde addosso.. Meno male mi feci male solo a un occhio.