Produzione di mele limoncelle

Commenti

Transcript

Produzione di mele limoncelle
Produzione di mele limoncelle
IDEA D’IMPRESA
Produzione di mele limoncelle.
GENESI DELL’IDEA
L’idea nasce dall’esigenza di valorizzare la produzione agricola del territorio in
sintonia con la tradizionale vocazione del territorio della Comunità Montana dei
Monti Dauni Meridionali (Panni in particolare) a produrre con successo questa
particolare tipologia di mele. I contenuti di questo frutto sono equilibrati e, dal
punto di vista nutrizionale, completi.
POTENZIALITA’ DEL MERCATO
Le prospettive di mercato sono decisamente incoraggianti poiché la mela limoncella
é particolarmente ricercata per le sue peculiarità (lunga conservazione e caratteristico
sapore) e per la sua naturalezza e genuinità. Tali proprietà contribuiscono ad
accrescere l’interesse per il prodotto grazie anche alla sua capacità di procurare
un generale benessere fisico; infatti la mela genera rapidamente energia ma mantiene
bassa la glicemia (e quindi è particolarmente indicata anche nelle diete). È l'unico
frutto, secondo i nutrizionisti, che può essere mangiato a ogni ora, anche dopo i
pasti. A differenza di altri frutti, infatti, persino nei soggetti predisposti, non provoca
problemi digestivi o fenomeni di gonfiore. Una ricerca dell'Istituto di Sanità Pubblica
di Helsinki, in Finlandia, pubblicata sull'European Journal of Clinical Nutrition, dice che
chi mangia almeno una mela al giorno corre minori rischi di ictus rispetto a chi
non consuma mai questo frutto. Secondo i ricercatori, basterebbero anche 50
millilitri al giorno di succo di mela per preservare la salute delle arterie. Notoriamente
la mela ha proprietà benefiche per l’organismo; essa contiene sostanze come lo
zinco, il magnesio, il potassio, le fibre e la vitamina C e pertanto é efficace nella
prevenzione dell'osteoporosi, facilita la digestione ed é un buon disintossicante.
I clienti sono rappresentati dai grossisti, negozianti al dettaglio, supermercati e
Grande Distribuzione Organizzata.
Ambito geografico
Il mercato di riferimento non è solo locale ma riguarda l’intero territorio nazionale.
ASPETTI TECNICO-ORGANIZZATIVI
Le mele limoncelle sono caratterizzate dalla ridotta dimensione e dalla buccia di
colore giallo/verde (da cui il nome “limoncelle”).
Il ciclo produttivo comincia con la preparazione dell’appezzamento di terreno che
viene ripulito ed arato; una buona produzione, in termini di redditività, richiede
l’utilizzo di almeno un ettaro di terreno; si procede quindi alla messa a dimora dei
piantoni (si può trattare di peri, mele varietà golden o cotogne) e su esse si applica
l’innesto. I piantoni devono avere tra loro una distanza di almeno 3 metri. La raccolta
avviene manualmente e necessita di cassette dalla capienza di circa 15 kg per la
conservazione.
Il processo di coltivazione delle mele limoncelle comincia in Primavera e termina
9
Bio e dintorni
Produzione di mele limoncelle
ad Ottobre; tale tipologia di mele si conserva per un lungo periodo (più di 30/40
giorni) anche all’aria aperta ed invece di deteriorarsi essa acquisisce maggiore
gusto: la buccia si disidrata e la polpa interna diventa più saporita e succosa.
Investimenti
L’investimento si aggira intorno a ¤ 40.000,00 e richiede l’acquisto di attrezzi da
agricoltura, motozappa, potatore e automezzo per il trasporto delle cassette (dalla
stima resta escluso l’acquisto del terreno).
Competenze
L’attività richiede il coinvolgimento di un esperto in agraria e di un certo numero
di braccianti agricoli per le operazioni di potatura, aratura e raccolta. Naturalmente
il numero di addetti varia a seconda delle dimensioni del terreno destinato alla
produzione.
ADEMPIMENTI
Costituzione di società, apertura di partita IVA, iscrizione alla C.C.I.A.A. sezione
Agricoltura.
RIFERIMENTI LEGISLATIVI E FONTI DI INFORMAZIONI
ü Regolamento CE n.2200/96 del Consiglio del 28 Ottobre 1996 relativo
all'organizzazione comune dei mercati nel settore degli ortofrutticoli;
ü Regolamento CE n.449 del 2 Marzo 2001 relativo agli aiuti ai produttori di
ortofrutticoli;
ü Regolamento CE n.2699 del 4 Dicembre 2000 che modifica il Regolamento CE
n.2200/96 relativo all'organizzazione comune dei mercati nel settore degli
ortofrutticoli, il Regolamento CE n.2201/96 relativo all'organizzazione comune dei
mercati nel settore dei prodotti trasformati a base di ortofrutticoli e il Regolamento
CE n.2202/96 che istituisce un regime di aiuti ai produttori di taluni agrumi.
Per saperne di più
www.biomela.com
www.politiche.agricole.it
www.assomela.it
Per le agevolazioni fare riferimento a: L.95/95; L.215/92; L.488/92; L.135/97;
P.O.R. Puglia 2000-2006 Asse IV Misura 4.3 “Investimenti nelle aziende agricole”.