x-press OK - Société de la Flore Valdôtaine

Commenti

Transcript

x-press OK - Société de la Flore Valdôtaine
REV. VALDÔTAINE HIST. NAT. - 59: 79-101 (2005)
La comunità a Coleotteri Attelabidae, Apionidae e
Curculionidae del Parco Naturale del Mont Avic
e zone limitrofe (Valle d’Aosta, Italia)
(Insecta, Coleoptera)
GUIDO PEDRONI
Parco Regionale del Corno alle Scale (Emilia Romagna)
Via Giuseppe Mazza, 2
I - 40128 Bologna
FRANCO FRANCIA
Via IV Novembre, 24/b
I - 22038 Tavernerio (CO)
G. Pedroni, F. Francia. The Coleoptera Attelabidae, Apionidae and Curculionidae community of the Natural
Parc of Mont Avic and surrounding areas (Valle d’Aosta, Italy) (Insecta Coleoptera). Rev. Valdôtaine Hist.
Nat. 59: 79-101, 2005.
In this work are reported 107 species of Curculionoidea belonging to Attelabidae family (7 species), Apionidae family (16 species) and Curculionidae family (84 species) collected in the Natural Parc of Mont Avic and
adjacent surrounding areas in Valle d’Aosta (Italy).
A biogeographic and geonemic analysis is performed regards the composition of such a fauna. In particular
we underline the importance of the presence of some genus such as Dichotrachelus Stierlin, 1853, Pelenomus
Thomson, 1859, Magdalis Germar, 1817, and Polydrusus Germar, 1817 on the ecological and zoological standpoint.
We display the faunistic importance of high altitude populations compared with those detect in analogue
researches in other occidental Alpine regions.
Among the 107 species here listed, 21 result reported for the first time in this region.
Key words: Coleoptera, Curculionoidea, biogeography, high altitude insects, Mont Avic Natural Park, Aosta
Valley.
INTRODUZIONE
Il Parco Naturale del Mont Avic è il primo parco naturale della Valle d’Aosta ed è stato
istituito nel 1989 con l’obiettivo di salvaguardare le notevoli emergenze naturalistiche presenti nella media e alta valle del torrente Chalamy nel comune di Champdepraz. Dal 2003
l’area del parco si è arricchita dell’alto vallone di Dondena, nella Valle di Champorcher, portando a complessivi 5747 ettari la superficie del parco. I nuovi confini seguono la linea di
spartiacque dal Mont Glacier al Col Fenètre de Champorcher, proseguendo fino alla Rosa
dei Banchi lungo i limiti del Parco Nazionale del Gran Paradiso, passando poi, verso sud,
sul Monte Rascias fino a raggiungere Dondena e risalendo fino alla Cima Piana (Fig. 1).
La morfologia della Val Chalamy e dell’alta Valle di Champorcher è caratterizzata da
rilievi elevati e profondi valloni dove è stata particolarmente attiva la copertura glaciale
würmiana con un’intensa azione di modellamento del paesaggio e dove in seguito i corsi
d’acqua hanno operato in modo efficace contribuendo a delineare la morfologia attuale
80
G. PEDRONI, F. FRANCIA
Fig. 1 – Carta topografica del Parco Naturale del Mont Avic
delle due valli. L’unico piccolo ghiacciaio tuttora presente è localizzato sul versante settentrionale del Mont Glacier. L’azione dei ghiacciai quaternari è ancor oggi evidente nella zona meridionale della Val Chalamy, dove sono presenti rocce levigate, striate e montonate nonché numerosi circhi glaciali occupati da un certo numero di laghi; depositi fluvioglaciali si trovano a valle della località Chevrière.
Oltre un terzo della superficie del parco è interessato dalla presenza di pino uncinato
(Pinus uncinata Miller ex Mirbel), pino silvestre (Pinus sylvestris L.), larice (Larix decidua
Mill.) e faggio (Fagus sylvatica L.). Trattandosi della più vasta copertura forestale di pino
uncinato dell’intera Valle d’Aosta (Fig. 2), la presenza di questa conifera nel territorio è
particolarmente pregiata; essa è perfettamente adattata a vivere su suoli poveri originati
dalla presenza di serpentiniti riuscendo a prosperare anche ai margini delle torbiere (Morra di Cella & Fassi, 1999). La flora dei litotipi serpentinitici non è particolarmente ricca di
specie perché, pur se ben adattata a suoli superficiali e poco fertili, risente della presenza
di elementi chimici tossici come il nichel, il cromo e il cobalto, che sono contenuti proprio
nelle serpentiniti. In particolare sono presenti con una certa frequenza le crucifere.
La posizione geografica del parco, posto al confine del settore sostanzialmente arido
della media Valle d’Aosta permette che il clima venga in parte condizionato da quello più
COLEOTTERI ATTELABIDAE, APIONIDAE E CURCULIONIDAE DEL PARCO NATURALE DEL MONT AVIC
81
Fig. 2 – La presenza di Pinus uncinata è una emergenza botanica di grande pregio nel Parco Naturale del Mont Avic, dove si localizza la più vasta copertura forestale di questa essenza arborea in Valle d’Aosta (G. Pedroni, agosto 2002).
Fig. 3 – Salendo dalla Val Chalamy verso il Col du Lac si incontrano diverse zone con la presenza
di specchi d’acqua dall’estensione limitata e zone di torbiera (G. Pedroni, agosto 2002).
82
G. PEDRONI, F. FRANCIA
fresco-umido della bassa valle; questo effetto, maggiore sul versante settentrionale, diminuisce spostandosi verso il versante meridionale del parco. L’aspetto di contrasto è evidenziato dalla graduale sostituzione del faggio da parte del pino silvestre, che meglio si
adatta a condizioni di xericità.
La ricchezza di emergenze naturalistiche (Fig. 3) ben configurano la presenza di una
Curculionidofauna particolarmente significativa negli ambiti geonemici, ecologici e biogeografici.
METODI E STAZIONI DI RACCOLTA
Il Parco Naturale del Mont Avic è stato oggetto in un recente passato di indagini entomologiche che hanno considerato macrolepidotteri, microlepidotteri e alcune famiglie di
Coleotteri (Brockmann, Hellmann, Kristal, 1993; Baldizzone, 1996; Novelli et al., 1997;
Barbero e Menetto, 1998; Curletti, 1998). Il presente e ulteriore contributo presenta la
comunità a Coleotteri Curculionoidea del parco e zone immediatamente contigue.
Nella Tabella 1 sono riportate le stazioni di raccolta di tutte le specie di Curculionoidea presentate nel lavoro.
Tabella 1 – Riepilogo delle stazioni (34) del Parco Naturale del Mont Avic e zone limitrofe con le
relative specie rinvenute (107).
ATTELABIDAE
Lasiorhynchites praeustus (Boheman, 1845)
Lasiorhynchites coeruleocephalus (Schaller, 1783)
Tatianaerhynchites aequatus (Linneo, 1767)
Rhynchites auratus (Scopoli, 1763)
Involvolus aethiops (Bach, 1854)
Deporaus betulae (Linneo, 1758)
Attelabus nitens (Scopoli, 1763)
21
2, 24
21
21
21
19, 25, 31
7
APIONIDAE
Aspidapion radiolus (Marsham, 1802)
Aspidapion aeneum (Fabricius, 1775)
Pseudapion rufirostre (Fabricius, 1775)
Malvapion malvae (Fabricius, 1775)
Rhopalapion longirostre (Olivier, 1807)
Exapion formaneki (Wagner, 1929)
Protapion apricans (Herbst, 1797)
Protapion burgodionum (Schubert, 1957)
Protapion fulvipes (Fourcroy, 1785)
Protapion trifolii (Linneo, 1768)
Perapion marchicum (Herbst, 1797)
Perapion violaceum (Kirby, 1808)
Apion frumentarium (Linneo, 1758)
Apion haematodes Kirby, 1808
Ischnopterapion cognatum (Hochhut, 1851)
Holotrichapion pisi (Fabricius, 1801)
2, 24
24
2, 24
24
2
12
26
26
24
7, 24, 26, 27
24
24
24
24
24
12
COLEOTTERI ATTELABIDAE, APIONIDAE E CURCULIONIDAE DEL PARCO NATURALE DEL MONT AVIC
CURCULIONIDAE
Otiorhynchus amplipennis Fairmaire, 1859 s.str.
Otiorhynchus apenninus s.sp. salicicola Heyden, 1908
Otiorhynchus griseopunctatus Boheman, 1843 s.str.
Otiorhynchus densatus Boheman, 1843
Otiorhynchus scaber (Linneo, 1758)
Otiorhynchus pupillatus Gyllenhal, 1834
Otiorhynchus singularis (Linneo, 1767)
Otiorhynchus varius Boheman, 1843
Otiorhynchus nubilus Boheman, 1843
Otiorhynchus ovatus (Linneo, 1758)
Simo hirticornis (Herbst, 1795)
Simo variegatus (Boheman, 1843)
Trachyphloeus spinimanus Germar, 1824
Phyllobius viridicollis (Fabricius, 1792)
Phyllobius subdentatus s.sp. roboretanus Gredler, 1882
Phyllobius arborator (Herbs, 1797)
Phyllobius pyri (Linneo, 1758) s.str.
Phyllobius viridaearis ssp. padanus Pesarini, 1974
Phyllobius glaucus (Scopoli, 1763)
Phyllobius argentatus (Linneo, 1758)
Polydrusus impar Gozis, 1882
Polydrusus marginatus Stephens, 1831
Polydrusus pallidus (Gyllenhal, 1834)
Polydrusus cervinus (Linneo, 1758)
Polydrusus prasinus (Olivier, 1790)
Polydrusus mollis (Strom, 1768)
Polydrusus sericeus (Schaller, 1783)
Polydrusus paradoxus Stierlin, 1859
Polydrusus pedemontanus Chevrolat, 1869
Liophloeus tessulatus (Müller, 1776)
Brachyderes incanus (Linneo, 1758)
Strophosoma melanogrammum (Forster, 1771)
Barynotus conjux K. & J. Daniel, 1898
Barynotus margaritaceus Germar, 1824
Sitona cylindricollis (Fȧhreus, 1840)
Sitona nigriclavis (Marsham, 1802)
Sitona longulus Gyllenhal, 1834
Sitona sulcifrons s.sp. argutulus Gyllenhal, 1834
Lixus fasciculatus Boheman, 1836
Larinus brevis (Herbst, 1795)
Larinus sturnus (Schaller, 1783)
Larinus turbinatus Gyllenhal, 1836
Larinus obtusus Gyllenhal, 1836
Dichotrachelus bischoffi Stierlin, 1878
Dichotrachelus manueli Merseul, 1871
Dichotrachelus rudeni Stierlin, 1853
Dichotrachelus stierlini s.sp. knechti Stierlin, 1875
Dichotrachelus walteri Barajon, 1947
Hypera diversipunctata (Schrank, 1798)
1, 3, 12, 15, 16, 19, 22
24
1, 3, 16, 19, 22
15
19
12, 19
19
15, 19, 22
1, 3, 8, 11, 13, 15, 16
24
2, 7
24
24
12, 18
23
7
7
24
20
20
2, 7
19
7, 12
2
14
2
2, 12
28
9, 16
10
5
7
9
9
24
24
24
7, 26
24
20
4, 8, 24
14, 24
22
17
17,32, 34
3, 8, 13, 22, 33
32, 33
6, 32
24
83
84
G. PEDRONI, F. FRANCIA
Hypera postica (Gyllenhal, 1813)
Hylobius abietis (linneo, 1758)
Lepyrus capucinus (Schaller, 1783)
Pissodes pini (Linneo, 1758)
Magdalis armigera (Fourcroy, 1785)
Magdalis frontalis (Gyllenhal, 1827)
Magdalis linearis (Gyllenhal, 1827)
Magdalis memnonia Gyllenhal, 1837
Magdalis phlegmatica (Herbst, 1797)
Zacladus exiguus (Olivier, 1807)
Zacladus geranii (Paykull, 1800)
Nedyus quadrimaculatus (Linneo, 1758)
Mogulones geographicus (Goeze, 1777)
Rhinoncus pericarpius (Linneo, 1758)
Pelenomus hygrophilus (Hustache, 1923)
Curculio nucum Linneo, 1758
Anthonomus rubi (Herbst, 1795)
Anthonomus rufus Gyllenhal, 1836
Dorytomus ictor (Herbst, 1795)
Dorytomus nebulosus (Gyllenhal, 1836)
Sibinia viscariae (Linneo, 1758)
Tychius meliloti Stephens, 1831
Tychius stephensi Schönherr, 1836
Mecinus circulatus (Marsham, 1802)
Mecinus pascuorum (Gyllenhal, 1813)
Mecinus pyraster (Herbst, 1795)
Rhinusa tetra (Fabricius, 1792)
Cleopomiarus distinctus (Boheman, 1845)
Claopomiarus graminis (Gyllenhal, 1813)
Miarus campanulae (Linneo, 1767)
Cionus hortulanus (Fourcroy, 1785)
Cionus olens (Fabricius, 1792)
Cionus scrophulariae (Linneo, 1758)
Anoplus roboris Suffrian, 1840
Orchestes fagi (Linneo, 1758)
24
19, 22
4
19, 20
12
29
5
30
30
19
24
20
24
7
17
29
2, 26
14
24
24
7, 24
24
24, 26
24
24
24
7, 24, 29
7
7, 26, 29
7, 12, 16, 29
24
24
24
31
7
Stazioni di raccolta: 1 = Alpe Pésonet; 2 = Capoluogo (Champdepraz); 3 = Col du Lac Blanc; 4
= Covarey; 5 = Crestaz; 6 = Dondena; 7 = Gettaz; 8 = Gran Lac; 9 = Lac Blanc; 10 = Lac de Serva; 11 = Gran Betassa; 12 = località Magazzino; 13 = Prà Pelà; 14 = Losson; 15 = Mont Avic; 16
= Monte Barbeston; 17 = Monte Rosa dei Banchi; 18 = Pana; 19 = Quicord; 20 = Servaz dèsot;
21 = Tendeur; 22 = Vallone del Lac Gélé (o del Rio Gélé); 23 = Veulla; 24 = Viéring; 25 = Crest;
26 = località Barbustel; 27 = torrente Chalamy; 28 = Lac Cornu; 29 = Ville; 30 = Pra Oursie; 31
= Laser Damon; 32 = Finestra di Champorcher; 33 = Lago Miserin; 34 = Val Laris c/o Dondena.
Le ricerche sono state effettuate lungo il corso di alcuni anni e da diversi entomologi;
le indagini si sono svolte utilizzando i metodi tradizionali dell’entomologia: a vista sulla
vegetazione e sotto frammenti di roccia di varie dimensioni; con un vassoio per le piante
adattate alla vita in quota; con il retino da sfalcio nei luoghi ove è presente una vegetazione erbacea sufficientemente sviluppata. Sono stati inoltre consultati i dati dalla letteratu-
COLEOTTERI ATTELABIDAE, APIONIDAE E CURCULIONIDAE DEL PARCO NATURALE DEL MONT AVIC
85
ra entomologica sulla zona presa in esame; nella voce “stazioni” vengono inserite tutte le
località di rinvenimento di cui si ha notizia; nella voce “riferimenti” si riportano le collezioni dove risultano presenti esemplari delle diverse specie, i dati della letteratura (in
entrambi i casi in relazione all’area indagata) e la corologia.
La nomenclatura utilizzata si rifà a Alonso-Zarazaga & Lyal (1999), Magnano (2001),
Colonnelli (2003).
Diverse sono le collezioni considerate, e di cui si riportano i dati, e sono individuate
dagli acronimi qui sotto indicati.
COLLEZIONI
Coll. Parco Naturale Mont Avic (AO)
Coll. Museo Regionale St. Pierre (AO)
PNMA
MRSP
Coll. Franco Francia, Tavernerio (CO)
Coll. Guido Pedroni, Bologna
Coll. Gianfranco Curletti, Carmagnola (TO)
Coll. Riccardo Monguzzi, Milano
Coll. Daniele Piccolino, Vigevano (PV)
Coll. Giuseppe Osella, L’Aquila
FRA
PED
CUR
MON
PIC
OSE
CATEGORIE COROLOGICHE UTILIZZATE
Paleartico
W-Paleartico
Sibirico-Europeo
Centroasiatico-Europeo-Mediterraneo
Centroasiatico-Europeo
Turanico-Europeo-Mediterraneo
Turanico-Europeo
Turanico-Mediterraneo
PAL
WPA
SIE
CEM
CAE
TEM
TUE
TUM
Europeo-Mediterraneo
Europeo
N-Europeo
Centroeuropeo
S-Europeo
Alpino
Alpino-Appenninico
Alpino-Carpatico
ATTELABIDAE, APIONIDAE, CURCULIONIDAE
ELENCO FAUNISTICO
ATTELABIDAE (6 generi e 7 specie )
Lasiorhynchites praeustus (Boheman, 1845)
STAZIONI: Tendeur.
RIFERIMENTI: (CUR); (Curletti, 1998). Corologia: SEU
Lasiorhynchites coeruleocephalus (Schaller, 1783)
STAZIONI: Champdepraz; Viéring
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: SEU Prima segnalazione per la Valle d’Aosta.
Tatianaerhynchites aequatus (Linneo, 1767)
STAZIONI: Tendeur,
RIFERIMENTI: (CUR); (Curletti, 1998 sub Neocoenorhinus aequatus). Corologia: WPA
EUM
EUR
NEU
CEU
SEU
C.01
C.02
ALC
86
G. PEDRONI, F. FRANCIA
Rhynchites auratus (Scopoli, 1763)
STAZIONI: Tendeur.
RIFERIMENTI: (CUR); (Curletti, 1998). Corologia: SIE
Involvolus aethiops (Bach, 1854)
STAZIONI: Tendeur.
RIFERIMENTI: (CUR); (Curletti, 1998). Corologia: CEU
Deporaus betulae (Linneo, 1758)
STAZIONI: Crest; Quicord; Leser Damon.
RIFERIMENTI: (FRA; CUR); (Curletti, 1998). Corologia: SIE
Attelabus nitens (Scopoli, 1763)
STAZIONI: Gettaz e diverse altre località con presenza di latifoglie.
RIFERIMENTI: (FRA; CUR); (Curletti, 1998). Corologia: SIE
Fig. 4 – Il Col du Lac Blanc (2309 m) è una stazione particolarmente significativa per la presenza di
Dichotrachelus rudeni e Otiorhynchus nubilus, tipiche specie alpine di alta quota (G. Pedroni, agosto 2002).
APIONIDAE (10 generi e 16 specie)
Aspidapion radiolus (Marsham, 1802)
STAZIONI: Champdepraz; Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: PAL
Aspidapion aeneum (Fabricius, 1775)
STAZIONI: Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: PAL
COLEOTTERI ATTELABIDAE, APIONIDAE E CURCULIONIDAE DEL PARCO NATURALE DEL MONT AVIC
87
Pseudapion rufirostre (Fabricius, 1775)
STAZIONI: Viéring; Champdepraz.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: PAL
Malvapion malvae (Fabricius, 1775)
STAZIONI: Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: PAL
Rhopalapion longirostre (Olivier, 1807)
STAZIONI: Champdepraz.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: TEM
Exapion formaneki (Wagner, 1929)
STAZIONI: loc. Magazzino.
RIFERIMENTI: (CUR) Corologia: CEU/SEU Prima segnalazione per la Valle d’Aosta.
Protapion apricans (Herbst, 1797)
STAZIONI: loc. Barbustel (1220 m).
RIFERIMENTI: (PED). Corologia:PAL
Protapion burgodionum (Schubert, 1957)
STAZIONI: loc. Barbustel (1220 m).
RIFERIMENTI: (PED). Corologia: C.01 La specie può spingersi fino a quote molto elevate, come
tra i ghiacciai de l’Arpont e di Chasseforet a 2960 m nel Parco Nazionale della Vanoise (Francia)
(Focarile, 1989). E’ quanto meno particolare il ritrovamento a questa quota relativamente modesta
rispetto alle abitudini della specie.
Protapion fulvipes (Fourcroy, 1785)
STAZIONI: Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: PAL
Protapion trifolii (Linneo, 1768) (= aestivum)
STAZIONI: Viéring; Gettaz; torrente Chalamy (1300 m); loc Barbustel (1220 m).
RIFERIMENTI: (FRA; PED). Corologia: PAL
Perapion marchicum (Herbst, 1797)
STAZIONI: Viéring
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: PAL Prima segnalazione per la Valle d’Aosta.
Perapion violaceum (Kirby, 1808)
STAZIONI: Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: PAL
Apion frumentarium (Linneo, 1758)
STAZIONI: Viéring
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: EUM
Apion haematodes Kirby, 1808
STAZIONI: Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA).Corologia: EUM
Ischnopterapion cognatum (Hochhut, 1851)
STAZIONI: Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: TUM Prima segnalazione per la Valle d’Aosta.
88
G. PEDRONI, F. FRANCIA
Holotrichapion pisi (Fabricius, 1801)
STAZIONI: loc. Magazzino.
RIFERIMENTI: (CUR). Corologia: PAL
CURCULIONIDAE (35 generi e 84 specie)
Otiorhynchus amplipennis Fairmaire, 1859 s.str.
STAZIONI: Quicord (1650 m); sentiero sopra l’Alpe Pésonet (2450 m); lungo il sentiero del Vallone del Rio Gélé (2400 m); loc. Magazzino; Mont Avic; Monte Barbeston (2000-2450 m); Col du Lac
Blanc (2309 m) (Fig. 4).
RIFERIMENTI: (PNMA); (Barbero & Menetto, 1998; Curletti, 1998); (MRSP; PED). Corologia:
C.01 (Alpi occidentali)
Otiorhynchus apenninus s.sp. salicicola Heyden, 1908
STAZIONI: Viéring (400 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: C.02
Otiorhynchus griseopunctatus Boheman, 1843 s.str.
STAZIONI: Quicord (1650 m); Vallone Lac Gelé (2400 m); sentiero sopra l’Alpe Pésonet (2450 m);
Monte Barbeston (2200 m); Col du Lac Blanc (2309 m).
RIFERIMENTI: (PNMA; MRSP; PED): (Focarile, 1976; Barbero & Menetto, 1998). Corologia:
C.01 (Alpi occidentali).
Otiorhynchus densatus Boheman, 1843
STAZIONI : Pendici SW Mont Avic (2700 m); solo le elitre presso la vetta del Mont Avic.
RIFERIMENTI : (PNMA). Corologia: C. 01 (Alpi occidentali).
Otiorhynchus scaber (Linneo, 1758)
STAZIONI: Quicord (1650 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: EUR
Otiorhynchus pupillatus Gyllenhal, 1834
STAZIONI: Quicord (1650 m); loc. Magazzino.
RIFERIMENTI: (PNMA); (Curletti, 1998). Corologia. CEU (sistemi montani).
Otiorhynchus singularis (Linneo, 1767)
STAZIONI Quicord (1650 m)
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: CEU/NEU
Otiorhynchus varius Boheman, 1843
STAZIONI: Quicord 1650 m; lungo il Vallone del Rio Gelé (2200 m); Mont Avic; Lac Blanc (2153 m).
RIFERIMENTI: (PNMA); (Barbero & Menetto, 1998). Corologia: C.01 (Alpi occidentali).
Otiorhynchus nubilus Boheman, 1843
STAZIONI: Col du Lac Blanc (2300m); Prà Pelà (2700 m); Gran Lac (2500 m); Alpe Pesonet (2350
m); Pendici SW Mont Avic (2700 m); Gran Betassa; Monte Barbeston (2000-2450 m).
RIFERIMENTI: (PNMA; MRSP; PED); (Focarile, 1976; Barbero & Menetto, 1998). Corologia:
C.01 (Alpi occidentali). Notizie preliminari sull’ecologia della specie sono presenti in un lavoro sui
Curculionidae di alta quota della Val Formazza in Piemonte (Pedroni, 2006).
Otiorhynchus ovatus (Linneo, 1758)
STAZIONI: Viéring (400 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: SIE
COLEOTTERI ATTELABIDAE, APIONIDAE E CURCULIONIDAE DEL PARCO NATURALE DEL MONT AVIC
89
Fig. 5 – Salendo verso lo spartiacque tra la Val Chalamy e la Valle di Champorcher si incontrano
zone caratterizzate dalla presenza di Larix decidua (G. Pedroni, agosto 2002).
Simo hirticornis (Herbst, 1795)
STAZIONI: capoluogo (600 m); Gettaz (1000 m); altre diverse località del parco in zone dove si può
riconoscere una certa concentrazione di umidità (Fig. 5).
RIFERIMENTI: (PNMA); (Curletti, 1998). Corologia: EUR
Simo variegatus (Boheman, 1843)
STAZIONI: Viéring (400 m).
RIFERIMENTI: (Curletti, 1998) (FRA; PNMA). Corologia: EUR Quattro esemplari della specie
sono stati raccolti (Francia leg.) su Lygustrum sinensis ai margini di un campo non coltivato nella
bassa valle dove il clima è abbastanza secco e scarso di precipitazioni.
Trachyphloeus spinimanus Germar, 1824
STAZIONI: Viéring (400 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: CEU/SEU Prima segnalazione puntuale e definita per la Valle d’Aosta.
Phyllobius viridicollis (Fabricius, 1792)
STAZIONI: Pana (1800 m); loc. Magazzino.
RIFERIMENTI: (PNMA; PIC). Corologia: EUR
Phyllobius subdentatus s.sp. roboretanus Gredler, 1882
STAZIONI: Veulla (1300 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: C.02 (Sud Alpi - Nord Appennino).
Phyllobius arborator (Herbs, 1797)
STAZIONI: Gettaz (1000 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: EUR
90
G. PEDRONI, F. FRANCIA
Phyllobius pyri (Linneo, 1758) s.str.
STAZIONI: Gettaz (1000 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: SIE Prima segnalazione per la Valle d’Aosta.
Phyllobius viridaearis ssp. padanus Pesarini, 1974
STAZIONI: Viéring (400 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: C.02 (Sud Alpi - Nord Appennino).
Phyllobius glaucus (Scopoli, 1763) ( = calcaratus)
STAZIONI: Servaz desot (1550 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia : SIE
Phyllobius argentatus (Linneo, 1758)
STAZIONI: Servaz desot (1550 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: SIE
Polydrusus impar Gozis, 1882
STAZIONI: Gettaz (1000 m); capoluogo (600 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia. CEU Prima segnalazione per la Valle d’Aosta.
Polydrusus marginatus Stephens, 1831
STAZIONI: Quicord (1650 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: CEU
Polydrusus pallidus (Gyllenhal, 1834) (= atomarius)
STAZIONI: Gettaz (1000 m); loc. Magazzino.
RIFERIMENTI: (PNMA; PIC). Corologia: CEU
Polydrusus cervinus (Linneo, 1758)
STAZIONI: Capoluogo (600 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: SIE
Polydrusus prasinus (Olivier, 1790)
STAZIONI: Losson (1300 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: EUR
Polydrusus mollis (Strom, 1768)
STAZIONI: capoluogo (600 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: SIE Prima segnalazione per la Valle d’Aosta.
Polydrusus sericeus (Schaller, 1783)
STAZIONI: Capoluogo (600 m); loc. Magazzino.
RIFERIMENTI: (PNMA; CUR). Corologia: CEU
Polydrusus paradoxus Stierlin, 1859
STAZIONI: Lac Cornu (2167 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: ALCA
Polydrusus pedemontanus Chevrolat, 1869
STAZIONI: Lac Blanc (2200 m); Monte Barbeston versante est (2000-2450 m).
RIFERIMENTI: (PNMA; MRSP); (Focarile, 1976). Corologia: C.01 (Alpi occidentali).
Liophloeus tessulatus (Müller, 1776)
STAZIONI: sentiero verso Lac de Serva.
RIFERIMENTI: (PIC).Corologia: EUR
COLEOTTERI ATTELABIDAE, APIONIDAE E CURCULIONIDAE DEL PARCO NATURALE DEL MONT AVIC
91
Brachyderes incanus (Linneo, 1758)
STAZIONI: Crestaz (1250 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: EUR Prima segnalazione per la Valle d’Aosta.
Strophosoma melanogrammum (Forster, 1771)
STAZIONI: Gettaz (1000 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: EUR
Barynotus conjux K. & J. Daniel, 1898
STAZIONI: Lac Blanc (2155m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: C.01 (Alpi occidentali). Prima segnalazione per la Valle
d’Aosta.
Barynotus margaritaceus Germar, 1824
STAZIONI: Lac Blanc (2155m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: C.02 (fino all’Appennino settentrionale).
Sitona cylindricollis (Fȧhreus, 1840)
STAZIONI: Viéring (400m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: CEU
Sitona nigriclavis (Marsham, 1802)
STAZIONI: Viéring (400 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: EUR
Sitona longulus Gyllenhal, 1834
STAZIONI: Viéring (400 m).
RIFERIMENTI: (PNMA). Corologia: SIE Prima segnalazione per la Valle d’Aosta.
Sitona sulcifrons s.sp. argutulus Gyllenhal, 1834
STAZIONI: Gettaz (1000 m); loc. Barbustel (1220 m).
RIFERIMENTI: (PNMA; PED). Corologia: SEU
Lixus fasciculatus Boheman, 1836
STAZIONI: Viéring (400 m).
RIFERIMENTI: (PNMA; FRA).. Corologia: SEU Prima segnalazione per la Valle d’Aosta.
Larinus brevis (Herbst, 1795)
STAZIONI: Servaz desot (1550 m).
RIFERIMENTI: (PNMA; FRA). Corologia: SIE
Larinus sturnus (Schaller, 1783)
STAZIONI: Covarey (1280 m); Gran Lac (2500 m); Viéring.
RIFERIMENTI: (PNMA; FRA); (Barbero & Menetto, 1998). Corologia: CEM
Larinus turbinatus Gyllenhal, 1836
STAZIONI: Viéring (400 m); Losson.
RIFERIMENTI: (PNMA; FRA). Corologia: CEM
Larinus obtusus Gyllenhal, 1836
STAZIONI: Vallone Lac Gelé (2000 m).
RIFERIMENTI: (PNMA; FRA). Corologia: TUE
92
G. PEDRONI, F. FRANCIA
Dichotrachelus bischoffi Stierlin, 1878
STAZIONI: Monte Rosa dei Banchi (Valle di Champorcher), 2500 m, 24/VIII/1998, Monguzzi R. leg.
RIFERIMENTI: (MON; PED) Corologia: C.01 (Alpi occidentali).
Dichotrachelus manueli Merseul, 1871
STAZIONI: Monte Rosa dei Banchi (Valle di Champorcher), 2500 m, 24/VIII/1998, Monguzzi R.
leg.; Finestra di Champorcher, 2800 m (Osella, 1970) ; Val Laris c/o Dondena (alta Valle di Champorcher), 2500 m (Osella, 1970).
RIFERIMENTI: (MON; PED) Corologia: C.01 (Alpi occidentali).
Dichotrachelus rudeni Stierlin, 1853
STAZIONI: Col du Lac Blanc (2300 m); Gran Lac (2500 m); loc. Prà Pelà (2760 m); sopra Lac Gélé
(2800 m); Lago Miserin, 2400 m (alta Valle di Champorcher).
RIFERIMENTI: (PNMA; FRA; OSE); (Barbero & Menetto, 1998). Corologia: C.01 (Alpi occidentali).
Dichotrachelus stierlini s.sp. knechti Stierlin, 1875
STAZIONI: Finestra di Champorcher, 2800 m (Osella, 1970); Lago Miserin, 2400 m (alta Valle di
Champorcher) (Osella, 1967).
RIFERIMENTI: Corologia: C.01 (Alpi occidentali).
Dichotrachelus walteri Barajon, 1947
STAZIONI: Dondena (alta Valle di Champorcher), 2400 m, 7/VII/2003, Monguzzi R. leg.; Finestra
di Champorcher, 2800 m (Osella, 1970).
RIFERIMENTI: (MON; PED). Corologia: C.01 (Alpi occidentali).
Hypera diversipunctata (Schrank, 1798) (= elongata)
STAZIONI: Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: EUR Prima segnalazione per la Valle d’Aosta..
Hypera postica (Gyllenhal, 1813)
STAZIONI: Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: PAL
Hylobius abietis (linneo, 1758)
STAZIONI: verso Lac Gélé; Quicord.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia : SIE
Lepyrus capucinus (Schaller, 1783)
STAZIONI: Covarey.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia. EUR Prima segnalazione per la Valle d’Aosta.
Pissodes pini (Linneo, 1758)
STAZIONI: Quicord; Servaz desot.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia : SIE
Magdalis armigera (Fourcroy, 1785)
STAZIONI: loc. Magazzino.
RIFERIMENTI: (CUR). Corologia : SIE
Magdalis frontalis (Gyllenhal, 1827)
STAZIONI: Ville.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia. EUR
COLEOTTERI ATTELABIDAE, APIONIDAE E CURCULIONIDAE DEL PARCO NATURALE DEL MONT AVIC
93
Magdalis linearis (Gyllenhal, 1827)
STAZIONI: Crestaz.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: CEU/NEU Prima segnalazione per la Valle d’Aosta.
Magdalis memnonia Gyllenhal, 1837
STAZIONI: Pra Oursie.
RIFERIMENTI: (CUR). Corologia. EUR Prima segnalazione per la Valle d’Aosta.
Magdalis phlegmatica (Herbst, 1797)
STAZIONI: Pra Oursie.
RIFERIMENTI: (CUR). Corologia. EUR Prima segnalazione per la Valle d’Aosta.
Zacladus exiguus (Olivier, 1807)
STAZIONI: Quicord.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia. EUR
Zacladus geranii (Paykull, 1800)
STAZIONI: Viéring
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: SIE
Nedyus quadrimaculatus (Linneo, 1758)
STAZIONI: Servaz desot.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: SIE
Mogulones geographicus (Goeze, 1777)
STAZIONI: Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: EUM
Rhinoncus pericarpius (Linneo, 1758)
STAZIONI: Gettaz.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: PAL
Pelenomus hygrophilus (Hustache, 1923)
STAZIONI: Monte Rosa di Banchi (Valle di Champorcher), 2400- 2500 m, 21/VIII/1998, nella piana acquitrinosa sopra Dondena nella Saxifraga aizoides; Monguzzi R. leg.
RIFERIMENTI: (MON; PED). Corologia: CEU
Curculio nucum Linneo, 1758
STAZIONI: Ville.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: EUM
Anthonomus rubi (Herbst, 1795)
STAZIONI: Champdepraz; loc. Barbustel (1220 m).
RIFERIMENTI: (FRA; PED). Corologia: PAL
Anthonomus rufus Gyllenhal, 1836
STAZIONI: Losson.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: CEU/NEU
Dorytomus ictor (Herbst, 1795)
STAZIONI: Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: SIE
94
G. PEDRONI, F. FRANCIA
Dorytomus nebulosus (Gyllenhal, 1836)
STAZIONI: Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: SIE Prima segnalazione per la Valle d’Aosta.
Sibinia viscariae (Linneo, 1758)
STAZIONI: Gettaz; Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: WPA
Tychius meliloti Stephens, 1831
STAZIONI: Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: PAL
Tychius stephensi Schönherr, 1836
STAZIONI: Viéring; loc. Barbustel (1220 m).
RIFERIMENTI: (FRA; PED). Corologia: TUE
Mecinus circulatus (Marsham, 1802)
STAZIONI: Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: EUM
Mecinus pascuorum (Gyllenhal, 1813)
STAZIONI: Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: EUM
Mecinus pyraster (Herbst, 1795)
STAZIONI: Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: TEM
Rhinusa tetra (Fabricius, 1792)
STAZIONI: Viéring; Gettaz; Ville.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: PAL
Cleopomiarus distinctus (Boheman, 1845)
STAZIONI: Gettaz
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: SEU Prima segnalazione per la Valle d’Aosta.
Claopomiarus graminis (Gyllenhal, 1813)
STAZIONI: Gettaz; torrente Chalamy preso Ville; loc. Barbustel (1220 m).
RIFERIMENTI: (FRA; PED). Corologia: WPA
Miarus campanulae (Linneo, 1767)
STAZIONI: loc. Magazzino; Gettaz; Ville; Monte Barbeston (2000-2450 m).
RIFERIMENTI: (PIC; FRA; MRSP). Corologia: PAL
Cionus hortulanus (Fourcroy, 1785)
STAZIONI: Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia. PAL
Cionus olens (Fabricius, 1792)
STAZIONI: Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia. EUR Prima segnalazione per la Valle d’Aosta.
Cionus scrophulariae (Linneo, 1758)
STAZIONI: Viéring.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia: CAE
COLEOTTERI ATTELABIDAE, APIONIDAE E CURCULIONIDAE DEL PARCO NATURALE DEL MONT AVIC
95
Anoplus roboris Suffrian, 1840
STAZIONI: Laser Damon.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia. EUR Prima segnalazione per la Valle d’Aosta.
Orchestes fagi (Linneo, 1758)
STAZIONI: Gettaz.
RIFERIMENTI: (FRA). Corologia. EUR
Riepilogo Corologia: PAL (17); WPA (3); SIE (18); CEM (2); CAE (1); TEM (2); TUE (2); TUM
(1); EUM (6); EUR (18 specie); CEU/NEU (3); CEU (8); SEU (5); CEU/SEU (2); C.01 (13); C.02
(4); ALCA (1).
ASPETTI BIOGEOGRAFICI ED ECOLOGICI DEL POPOLAMENTO
Nel presente lavoro sono considerate complessivamente 107 specie di Curculionoidea
(31% del popolamento valdostano), rispettivamente ripartite in 6 generi (7 specie) di
Attelabidae, 10 generi (16 specie) di Apionidae e 35 generi (84 specie) di Curculionidae.
Per poter dare una valutazione sul popolamento di questi Coleotteri nel Parco Naturale
del Mont Avic e zone limitrofe abbiamo raggruppato le specie nei corotipi ormai classici
secondo il lavoro di Vigna
Taglianti et al. (1993), come
sviluppo di quanto già indicato da La Greca (1964; 1975),
perfezionato da Vigna Taglianti et al. (1999) con alcune
nostre specificazioni. Rimane
fuori dubbio che ulteriori
indagini nel parco porteranno
ad incrementare il numero di
specie finora censite.
Abbiamo riunito le specie
considerate, quindi, per categorie corologiche, riunite nei
raggruppamenti che seguono.
Un primo gruppo (gruppo
A nell’istogramma di Fig. 6)
annovera specie con una distribuzione molto ampia; in esso
vengono riunite le specie
Fig. 6 – Ripartizione delle 107 specie di Curculionoidea nei tre gruppi
paleartiche, sibirico-europee,
corologici considerati nel testo.
europee, europeo-mediterragruppo A: PAL; WPA; EUR; SIE; EUM; CAE; TUE; CEM; TEM; TUM.
nee, centro-asiatico-europee,
gruppo B: NEU; CEU; SEU.
turanico-europee, centroeurogruppo C: C.01; C.02; Alpino-Carpatica
pee-mediterranee, turanicospecie alpino-nivali rinvenute dalla quota di 2100 m (Tab. 2) (14 specie)
europee-mediterranee, turanispecie a gravitazione centro-europea e/o nord-europea (11 specie)
co-mediterranee, w-paleartispecie a gravitazione sud-europea (7 specie)
96
G. PEDRONI, F. FRANCIA
che, per un totale di 71 specie pari al 66,36%, trattasi sostanzialmente di entità polifaghe
e ad ampia valenza ecologica.
Un secondo gruppo (gruppo B in Fig. 6) annovera specie a distribuzione più limitata
delineandosi in una fascia centrale e ristretta che va a interessare, grosso modo, l’Europa
settentrionale, centrale e meridionale, per un totale di 18 specie pari al 16,82%.
Un terzo gruppo molto significativo (gruppo C in Fig. 6) è caratterizzato da elementi
endemici alpini o al più alpino-appennnici (gruppi corologici C.01 e C.02) con una specie
alpino-carpatica per un totale di 18 specie pari ancora al 16,82%.
Nel secondo e terzo gruppo sono presenti diversi elementi a “tendenza criofila” in
quanto si tratta di specie che si sono adattate, nel corso dei processi evolutivi alle caratteristiche degli ambienti di alta quota come le specie del genere Dichotrachelus Stierlin, 1853.
Il grafico di Fig. 6, che riassume le categorie corologiche, richiama l’attenzione su un
buon numero di entità (11 specie pari al 10,37%) che è a gravitazione centro e nord-europea; tra queste per una certa localizzazione ricordiamo Otiorhynchus singularis, Magdalis
linearis, Pelenomus hygrophilus, Polydrusus pallidus e Anthonomus rufus. Questo stock di
11 specie indica una certa tendenza centroeuropea del popolamento studiato.
Analizzando in modo dettagliato l’elenco dei taxa, risulta che 11 specie hanno una diffusione ampia all’interno del Parco e in località vicine, in quanto sono state rinvenute in
diverse stazioni (Tab. 1), in particolare ci riferiamo a Deporaus betulae, Protapion trifolii,
Otiorhynchus amplipennis, Otiorhynchus griseopunctatus, Otiorhynchus varius, Otiorhynchus nubilus, Larinus sturnus, Dichotrachelus rudeni, Rhinusa tetra, Cleopomiarus graminis,
Miarus campanulae; alcune altre specie sono state rinvenute a quote diverse, come
Otiorhynchus amplipennis (da 1450 fino a 2450 m), Otiorhynchus griseopunctatus (da 1650
fino a 2450 m), Otiorhynchus varius (da 1650 fino a 2150 m), Otiorhynchus nubilus (da
2500 fino a 2700 m), Larinus sturnus (da 400 fino a 2500 m) e Miarus campanulae (da 1450
fino a 2450 m).
Possiamo anche rilevare che 18 specie di Curculionidae popolano le quote della fascia
alpino-nivale (Tab. 2; Fig. 4) delineando un popolamento di alta quota molto significativo, non tanto per il numero di specie, quanto per la presenza di alcune di esse tipicamente eualpine, endemiche e rare, fortemente adattate all’alta quota, in particolare Pelenomus
hygrophilus e le specie appartenenti al genere Dichotrachelus Stierlin, 1853.
I Dichotrachelus Stierlin, 1853 sono entità sostanzialmente orofile che hanno ricolonizzato piccole aree ai margini di zone glacializzate. Sulle Alpi abitano, salvo eccezioni,
zone da 2000 a 3000 m, mentre sugli Appennini le quote si abbassano e si possono rinvenire già da 1400 m. Sono caratterizzati da movimenti lentissimi, una certa rarità ed una
notevole specializzazione per quanto riguarda le piante ospiti, che normalmente sono saxifraghe e muschi.
Le cinque specie rinvenute del genere Dichotrachelus Stierlin, 1853, hanno un significato ecologico e biogeografico molto rilevante nel quadro d’insieme delle catena alpina occidentale connotando, in particolare, la zona indagata come una delle più emergenti della Valle d’Aosta per la Curculionidofuna della fascia alpino-nivale., al pari, ad esempio del Colle
dell’Arietta nel Parco Nazionale del Gran Paradiso (Osella, 1967; 1977), della Conca del
Breuil (Valtournanche) (Focarile, 1976) o del Colle del Gran San Bernardo (Pedroni, 1999).
Il popolamento alticolo risulta comunque di un effettivo interesse anche alla luce di
un confronto con quelli di altre zone della Valle d’Aosta, come il Colle del Piccolo San
Bernardo che annovera 21 specie (Pedroni, 1999) oppure quello del piano alpino-nivale
COLEOTTERI ATTELABIDAE, APIONIDAE E CURCULIONIDAE DEL PARCO NATURALE DEL MONT AVIC
Otiorhynchus amplipennis Fairmaire, 1859 s.str.
Otiorhynchus griseopunctatus Boheman, 1843 s.str.
Otiorhynchus densatus Boheman, 1843
Otiorhynchus varius Boheman, 1843
Otiorhynchus nubilus Boheman, 1843
Polydrusus paradoxus Stierlin, 1859
Polydrusus pedemontanus Chevrolat, 1869
Barynotus conjux K. & J. Daniel, 1898
Barynotus margaritaceus Germar, 1824
Larinus sturnus (Schaller, 1783)
Larinus obtusus Gyllenhal, 1836
Dichotrachelus bischoffi Stierlin, 1878
Dichotrachelus manueli Merseul, 1871
Dichotrachelus rudeni Stierlin, 1853
Dichotrachelus stierlini s.sp. knechti Stierlin, 1875
Dichotrachelus walteri Barajon, 1947
Pelenomus hygrophilus (Hustache, 1923)
Miarus campanulae (Linneo, 1767)
97
(C.01)
(C.01)
(C.01)
(C.01)
(C.01)
ALCA
(C.01)
(C.01)
(C.02)
(CEM)
(TUE)
(C.01)
(C.01)
(C.01)
(C.01)
(C.01)
(CEU)
(PAL)
Tabella 2 – Curculionidae effettivamente raccolti nella fascia alpino-nivale del Parco Naturale del
Mont Avic dalla quota di 2100 m circa (18 specie).
della non lontana Val Formazza ancora con 21 specie (Pedroni, 2006). Si rileva, inoltre,
che alcune entità risultano presenti in determinate stazioni culminali, esposte in particolare sui versanti meridionali e dalle caratteristiche xeriche, come il Col du Lac Blanc (Fig.
4) e il Monte Barbeston; le condizioni di xericità sono imputabili ad una debole azione
meccanica del vento, ma a un altrettanto intenso contributo del vento stesso nelle fasi di
evaporazione; a un’azione antropica di pascolamento altrettanto debole; a condizioni generalizzate di aridità oltre i 2000 m. Queste specie sono Otiorhynchus nubilus, Otiorhynchus
griseopunctatus s.str. e Polydrusus pedemontanus (Focarile, 1976; Pedroni, 2006). In particolare, poi, sottolineiamo la presenza di Polydrusus paradoxus segnalato per la prima volta in destra idrografica della Dora Baltea ed elemento alpino-carpatico di una certa rarità,
vicariante dell’affine Polydrusus pedemontanus anch’esso presente nel Parco.
Abbiamo potuto osservare quanto gli alberi vecchi e/o deperienti, o morti, ancora in
sito o deposti a terra, hanno un ruolo ecologico molto ricco di significato per l’ambiente
forestale, in particolare poichè permettono la presenza di un’entomofauna molto varia,
nella quale anche la Curculionidofauna ha un ruolo di pregio; considerando, quindi, le
specie della fauna studiata, che gravitano nelle essenze arboree della fascia montana, troviamo Hylobius abietis, Pissodes pini e le specie del genere Magdalis Germar, 1817, presente con ben 5 taxa, di cui tre nuovi per la regione. Questo genere è tipico di foreste sufficientemente integre e la diversità con cui esso si presenta contribuisce a confermare la
ricchezza in biodiversità entomologica delle foreste presenti nel Parco Naturale del Mont
Avic (Fig. 2 e 5), caratterizzate dalla rara conifera Pinus uncinata Miller ex Mirbel. Il genere Magdalis Germar, 1817 annovera diverse specie di Coleotteri di modeste dimensioni
occasionalmente dannosi alle conifere. Il loro ciclo biologico è annuale con svernamento
degli adulti e/o delle larve. La loro dieta interessa i germogli o i rametti più giovani, in
particolare del pino nero e del pino silvestre, sui quali vengono praticate incisioni pun-
98
G. PEDRONI, F. FRANCIA
tiformi. La larva è subcorticicola e scava gallerie lungo l’asse dei giovani rami; una volta
giunta a maturazione prepara cellette di forma ellittica e si impupa. I segni della presenza di questi Curculionidi sono disseccamenti dei rami e dei rametti, sotto la corteccia dei
quali si possono osservare gallerie di nutrizione tortuose e ben incise nel legno (Stergulc
& Frigimelica, 1999). E’ stata notata la presenza di alcuni esemplari adulti di Magdalis
frontalis sui germogli di Pinus uncinata; a ulteriore conferma della frequentazione di questa essenza arborea da parte del genere Magdalis Germar, 1817, Magdalis armigera, Magdalis frontalis, Magdalis memnonia e Magdalis phlegmatica sono state rinvenute su cataste
di Pinus uncinata in località Pra Oursie (1750 m), le ultime tre raccolte con trappola
Malaise (Curletti, 1998).
Negli ambienti naturali si riscontrano numerosissime situazioni in cui specie simili convivono all’interno di comunità naturali; così è per diverse specie di Curculionidae, come
ad esempio Otiorhynchus Germar, 1824 per l’alta quota e Magdalis Germar, 1817 per l’ecosistema forestale. Abbiamo potuto osservare in questi casi che le popolazioni, seppure
con caratteristiche molto simili, ben raramente entrano in competizione tra loro. Gli
ambienti naturali variano nello spazio e nel tempo e come conseguenza i taxa in competizione escludono specie simili da alcune zone di un ambiente, ma non da altre. Gli ambienti naturali forniscono spesso un’alta diversità di risorse trofiche in modo tale che le specie
in competizione non si sovrappongano completamente relativamente all’utilizzo di queste
risorse. Infine la presenza di predatori, malattie, parassiti e variazioni climatiche hanno la
capacità di mantenere una popolazione numericamente al di sotto delle reali possibilità di
un ambiente ad accoglierla.
Segnaliamo, infine, che la presente ricerca contribuisce ad arricchire la check list regionale con 21 nuove prime segnalazioni per la Valle d’Aosta (Tabella 3).
Lasiorhynchites coeruleocephalus (Schaller, 1783)
Exapion formaneki (Wagner, 1929)
Perapion marchicum (Herbst, 1797)
Ischnopterapion cognatum (Hochhut, 1851)
Trachyphloeus spinimanus Germar, 1824
Phyllobius pyri (Linneo, 1758) s.str.
Polydrusus impar Gozis, 1882
Polydrusus mollis (Strom, 1768)
Brachyderes incanus (Linneo, 1758)
Barynotus conjux K. & J. Daniel, 1898
Sitona longulus Gyllenhal, 1834
Lixus fasciculatus Boheman, 1836
Hypera diversipunctata (Schrank, 1798)
Lepyrus capucinus (Schaller, 1783)
Magdalis linearis (Gyllenhal, 1827)
Magdalis memnonia Gyllenhal, 1837
Magdalis phlegmatica (Herbst, 1797)
Dorytomus nebulosus (Gyllenhal, 1836)
Cleopomiarus distinctus (Boheman, 1845)
Cionus olens (Fabricius, 1792)
Anoplus roboris Suffrian, 1840
Champdepraz; Viéring
località Magazzino
Viéring
Viéring
Viéring
Gettaz
Champdepraz; Gettaz
Champdepraz
Crestaz
Lac Blanc
Viéring
Viéring
Viéring
Covarey
Crestaz
Pra Oursie
Pra Oursie
Viéring
Gettaz
Viéring
Leser Damon
Tabella 3 – Prime segnalazioni per la Valle d’Aosta (21 specie) con le relative stazioni di raccolta.
COLEOTTERI ATTELABIDAE, APIONIDAE E CURCULIONIDAE DEL PARCO NATURALE DEL MONT AVIC
99
CONCLUSIONI
Nell’osservare i dati esposti la prima considerazione che possiamo fare riguarda il contingente delle 18 specie alpino-appenniniche (C.01 e C.02), che rappresenta uno stock biogeografico molto significativo se confrontato con il popolamento totale costituito dalle 107
entità dell’Avic.
La seconda considerazione evidenzia, le 18 specie di alta quota (12 appartenenti al
gruppo precedente), di cui sei appartenenti ai generi Dichotrachelus Stierlin, 1853 e Pelenomus Thomson, 1859, molto significative per l’ecologia altamente specializzata e per la
rarità (Tab. 2).
La terza considerazione evidenzia il consistente numero di prime segnalazioni regionali, costituito da 21 specie.
La quarta considerazione sottolinea la presenza di ben cinque specie del genere Magdalis Germar, 1817, di cui quattro rinvenute su Pinus uncinata.
L’ultima considerazione riguarda alcuni taxa che per caratteristiche geonemiche, ecologiche e/o biogeografiche si segnalano come effettivamente interessanti, in particolare ci
riferiamo a Larinus sturnus per la quota massima raggiunta (2490 m), veramente fuori dal
comune; Polydrusus paradoxus, che viene segnalato per la prima volta in destra idrografica della Dora Baltea; Protapion burgodionum tipico elemento alto-montano, localizzato e
di una certa rarità.
In conclusione la fauna a Curculionoidea del Parco Naturale del Mont Avic rappresenta un effettivo patrimonio della biodiversità per la catena alpina occidentale e per la
Valle d’Aosta più in particolare, regione che attualmente conta un popolamento complessivo di questi Coleotteri pari a 341 entità (Abbazzi & Osella, 1992; Pedroni, 1998; 1999;
2000; Colonnelli, 2003). Una biodiversità che non risulta evidente unicamente grazie al
numero di specie, ma è avvalorata in modo particolare dalla rarità di alcune di esse, peculiari anche dal punto di vista ecologico, in quanto presentano elementi di forte specializzazione in relazione al tipo di ambiente popolato ed alla dieta utilizzata. Si tratta soprattutto, come abbiamo sottolineato, dei generi Dichotrachelus Stierlin, 1853, Pelenomus
Thomson, 1859 , Magdalis Germar, 1817, Polydrusus Germar, 1817.
RINGRAZIAMENTI
Ringraziamo per i diversi contributi, i consigli e i suggerimenti in fase di elaborazione
del lavoro il dott. Carlo Pesarini del Museo Civico di Storia Naturale di Milano, il Dott.
Gianfranco Curletti del Museo Civico di Storia Naturale di Carmagnola (Torino); la
dott.ssa Ivana Grimod direttrice nel Museo Regionale di Storia Naturale di St. Pierre
(Aosta) e dello stesso museo la signora Chiara Virano; il dott. Massimo Meregalli dell’Università di Torino, il dott. Massimo Bocca direttore del Parco Naturale del Mont Avic, il
sig, Riccardo Monguzzi di Milano, il dott.. Helio Pierotti di Treviso per le determinazioni
del genere Simo.
Ringraziamo, inoltre, l’amico sig. Maurizio Sanza di Omega Graphics (Bologna) per il
contributo grafico alla ricerca.
100
G. PEDRONI, F. FRANCIA
BIBLIOGRAFIA
Abbazzi P., Colonnelli E., Masutti L., Osella G., 1994. Coleoptera Polyphaga XVI (Curculionoidea). In: Minelli A., Ruffo S. & La Porta S. (eds.) Checklist delle specie della fauna italiana, 61. Calderini, Bologna, 68 p.
Abbazzi P., Osella G., 1992. Elenco sistematico-faunistico degli Anthribidae, Rhinomaceridae, Attelabidae,
Apionidae, Brentidae, Curculionidae italiani (Insecta, Coleoptera, Curculionoidea). Redia, LXXV, 2: 267-414.
Alonso Zarazaga M.A., Lyal C.H.C., 1999. A world catalogue of families and genera of Curculionoidea (Insecta Coleoptera). Entomopraxis, S.C.P. Edition, Barcelona, 315 p.
Baldizzone G., 1996. I microlepidotteri del Parco Naturale del Mont Avic e zone limitrofe (Valle d’Aosta. Val
Chalamy-Alpi Graie Orientali). Rev. Valdôtaine. Hist. Nat., 50: 55-142.
Barbero E., Menetto G., 1998. Contributo alla conoscenza della Coleotterofauna degli ambienti ofiolitici del Parco Naturale del Mon Avic (Valle d’Aosta, Italia). Rev. Valdôtaine. Hist. Nat., 52: 79-104.
Brochmann E., Hellmann F., Kristal F.M., 1993. I macrolepidotteri del Parco Naturale del Mont Avic e zone limitrofe (Valle d’Aosta, Val Chalamy, Alpi Graie Orientali). Rev. Valdôtaine. Hist. Nat., 47: 83-140.
Colonnelli E., 2003. A revised checklis of Italian Curculionoidea (Coleoptera). Zootaxa, 337: 1-142.
Curletti G., 1998. Insetti fitofagi del Parco Naturale del Mont Avic. Rev. Valdôtaine Hist. Nat., 52: 105-131.
Focarile A., 1976. Sulla coleotterofauna alticola del Monte Barbeston m 2482 (Val Chalamy) e del Monte Nery
m 3076 (Val d’Ayas). Rev. Valdôtaine. Hist. Nat., 30: 86-125.
Focarile A., 1989. Contributions à l’inventaire et à l’étude écologique des coléoptères du Parc National de la
Vanoise (France). Boll. Mus. Reg. Sci. Nat. Torino, VII, (2) : 215-258.
La Greca M., 1964. Le catagorie corologiche degli elementi faunistici italiani. Atti Acc. Naz. Ital. Entomol., Rendiconti, 11: 231-253.
La Greca M., 1975. La caratterizzazione degli elementi faunistici e le categorie corologiche nella ricerca zoogeografica. Animalia, 2: 101-129.
Magnano L., 2001. Designation of lectotypes for species of Cirrorhynchus Apfelbeck, 1898, Dodecastichus Stierlin, 1861, Limatogaster Apfelbeck, 1898, Otiorhynchus Germar, 1822 and Tylotus Schoenherr, 1823, in the
Germar, 1822 and Herbst collections (Coleoptera Curculionidae). Mem. Soc. entomol. Ital., 80: 139-158.
Morra di Cella U., Fassi B., 1999. Contributo alla conoscenza dei popolamenti di Pino uncinato del Parco naturale del Mont Avic: generalità e metodo di indagine. Rev. Valdôtaine. Hist. Nat., 53: 51-62.
Novelli M., Meregalli M., Della Beffa G., 1997. Dytiscidae ed Helophoridae (Insecta, Coleoptera) del Parco
Naturale del Mont Avic (Valle d’Aosta, Italia). Rev. Valdôtaine. Hist. Nat., 51: 39-58.
Osella G., 1967. Revisione delle specie italiane del genere Dichotrachelus Stierlin (Coleoptera Curculionidae).
Mem. Mus. civ. St. nat. Verona, 15: 349-445.
Osella G., 1970. Revisione del genere Dichotrachelus Stierlin (Coleoptera Curculionidae). Mem. Mus. civ. St. nat.
Verona, 18: 449-563.
Osella G., 1977. La Curculionidofauna dei pascoli d’alta quota d’Alpi ed Appennino. Animalia, 4 (3): 223-276.
Pedroni G., 1998. La Curculionidofauna della Valle di la Thuile (Valle d’Aosta, Italia settentrionale) (Insecta,
Coleoptera, Apionidae, Curculionidae). Il Naturalista Valtellinese - Atti Mus. civ. St. Nat. Morbegno, 9: 15-27.
Pedroni G., 1999. Osservazioni faunistico-ecologiche sulla Curculionidofauna del Gran San Bernardo, Piccolo San Bernardo e Col de l’Iseran (Coleoptera, Apionidae, Curculionidae). Rev. Valdôtaine. Hist. Nat., 53:
137-147.
Pedroni G., 2000. Secondo contributo alla conoscenza della Curculionidofauna della Valle di La Thuile (Valle
d’Aosta, Italia settentrionale) (Insecta, Coleoptera, Apionidae, Curculionidae). Il Naturalista Valtellinese - Atti
Mus. civ. St. Nat. Morbegno, 11: 27-38.
Pedroni G., 2006. Coleotteri Cuculionidae del piano alpino-nivale in Val Formazza (Coleoptera Curculionidae).
Riv. Piem. St. Nat., XXVII: in stampa.
Stergulc F., Frigimelica G., 1999. Insetti e Funghi dannosi ai boschi in Friuli-Venezia Giulia. Regione Autonoma
Friuli- Venezia Giulia. Direzione Generale Foreste e Parchi. Servizio Selvicoltura, 364 p.
Vigna Taglianti A., Audisio P.A., Belfiore C., Biondi M., Bologna M.A., Carpaneto G.M., De Biase A., De Felici S., Piattella E., Racheli T., Zapparoli M., Zoia S., 1993. Riflessioni di gruppo sui corotipi fondamentali della fauna W-paleartica ed in particolare italiana. Biogeographia. Lavori della Società italiana di biogeografia, 16
(1992): 159-179.
Vigna Taglianti A., Audisio P.A., Biondi M., Bologna M.A., Carpaneto G.M., De Biase A., Fattorini S., Piattella
E., Sindaco R., Venchi A., Zapparoli M., 1999. A proposal for a chorotype classification of the Near Est fauna, in the framework of the Western Paleartic region. Biogeographia. Lavori della Società italiana di Biogeografia, 20: 31-59.
COLEOTTERI ATTELABIDAE, APIONIDAE E CURCULIONIDAE DEL PARCO NATURALE DEL MONT AVIC
101
RIASSUNTO
Vengono elencate 107 specie di Curculionoidea appartenenti agli Attelabidae (7 specie), Apionidae (16 specie) e Curculionidae (84 specie) del Parco Naturale del Mont Avic e zone limitrofe in Valle d’Aosta. Viene analizzata la composizione di questa fauna dal punto di vista biogeografico e geonemico; In particolare viene sottolineata l’importanza di alcuni generi dal punto di vista ecologico e zoogeografico, come Dichotrachelus Stierlin,
1853, Pelenomus Thomson, 1859, Magdalis Germar, 1817, Polydrusus Germar, 1817.
Si evidenzia la consistenza faunistica del popolamento di alta quota, confrontandola con quelle rilevate mediante ricerche analoghe compiute in altre zone alpine occidentali. Risultano 21 le prime segnalazioni regionali.
RÉSUMÉ
La communauté de Coléoptères Attelabidés, Apionidés et Curculionidés du Parc naturel du Mont-Avic et des zones
limitrophes (Vallée d’Aoste, Italie) (Insecta, Coleoptera).
Cette étude recense 107 espèces de Curculionidés appartenant aux Attelabidés (7 espèces), aux Apionidés
(16 espèces) et aux Curculionidés (84 espèces) du Parc naturel du Mont-Avic et des zones limitrophes en Vallée
d’Aoste. On a analysé la composition de cette faune du point de vue biogéographique et géonémique. En particulier on a souligné l’importance de quelques genres du point de vue écologique et zoogéographique, comme
Dichotrachelus Stierlin, 1853, Pelenomus Thomson, 1859, Magdalis Germar, 1817, Polydrusus Germar,1817.
La consistance faunistique du peuplement de haute altitude a été mise en évidence, en la comparant avec
celles relevées lors de recherches analogues effectuées en d’autres zones des Alpes occidentales. Les premières
communications régionales sont au nombre de 21.

Documenti analoghi