CeIS Roma

Commenti

Transcript

CeIS Roma
CeIS Roma
PARLAMO UN PO’ DE ROMA
COSI’, SENZA ALLONTANASSE
SE LIMITAMO A CERTA GENTE
CHE ASPETTA DA MORI’ PE FASSE
BIONDI, CASTANI E MORI
PE LA DROGA NUN C’E’ DIFFERENZA
MANCO T’AVVISA QUANNO MORI
SOLO N’AMICO TUO CHE TE DIRA’ PAZIENZA
MA C’E’ QUALCUNO CHE SE RISCIACQUA ER VISO
E DICE CAZZO, C’HO VOJA DE N’SORISO
E ALLORA TENTA, PROVA E POI RITENTA
PERCIO’ SE FA’ OGNI TANTO, E S’ACCONTENTA
PER CHI STA A STO LIVELLO
DE STRAFORO, JE SPETTA DE DIRITTO
MA PROPRIO SUR PIU’ BELLO
RIMANE A CAZZO DRITTO
STO STRONZO ERA PULITO
E QUANNO HA SPINTO ER DITO
LA DROGA L’HA TRADITO
MO’ E’ MORTO E VO’ ER VESTITO
LA DROGA E’ MICIDIALE
DIVENTI N’ANIMALE
RAGIONI COME N’PAZZO
NUN CE CAPISCI N’ CAZZO
O SEMPRE O QUARCHE VORTA
LA VITA TE VA STORTA
E QUANNO TE NE ACCORGI
INVECE DE DOMANI, SPERIAMO CHE SIA OGGI
CE STA N’GIARDINO APPRESSO A GARBATELLA
LA GENTE CHE NUN SA’ SUSSURRA: “QUANT’E’ BELLA,
SEMBRA NA VILLA, CHISSA’ CHI L’HA COMPRATA
QUARCHE RICCONE, OPPURE N’AMBASCIATA?”
INVECE DENTRO CE STA LA SOFFERENZA
CE STANNO MASCHI E FEMMINE SENZA DIFFERENZA
E’ GENTE CHE SE ACCORTA
QUANTO LA VITA E’ CORTA
TU PENSA CHE TRISTEZZA
SE META’ GIA’ L’HAI BUTTATA
MO’ SE RIPII LA PEZZA
HAI FATTO LA FRITTATA
C’E’ GENTE SFORTUNATA
CH’E’ PIENA DE STORIACCE
CHE GIA’ DA QUANNO E’ NATA
SENTIVA PAROLACCE
CE SO’ PASSATI QUANTI?
CO PISTE LUNGHE E CORTE
FELICI MO SO TANTI
E L’ALTRE CHE SO MORTE
MA QUANNO STAI QUI DENTRO
TE SENTI UN OMO VERO
SE PENSI CHE DE FORI
ERI COEFFICIENTE ZERO
PRIMA, SECONDA, TERZA E QUARTA FASE
PROGRAMMA VERO, NON ESISTE ER FORI FASE
PE CHI LAVORA A TURNO
JE FANNO FA ER DIURNO
QUI SEMO TUTTI UNITI
NELLA GIOIA E NEL DOLORE
BASTA STA PULITI
CHE CE SE GONFIA ER CORE
L’OPERATORI? PE LORO E’ NA MISSIONE
E SENZA CONFUSIONE CE METTONO PASSIONE
SO TUTTI BRAVI E ATTENTI
E QUANNO STAMO BENE SO PURE SORRIDENTI
DURANTE L’ACCOGLIENZA
CE DEVI AVE’ PAZIENZA
CE STANNO DELLE REGOLE
SO PEGGIO DELLE TEGOLE
SE FANNO TANTI GRUPPI
PE NOI NON SO MAI TROPPI
SE SCAMBIANO OPINIONI
SENZA ROMPE I COJONI
PER CHI VO’ ARZA’ LA TESTA
C’E’ PURE NA PALESTRA
PE CHI SOGNA UN QUARTINO
GIOCASSE A BIJARDINO
E POI PE CHI S’ANNOIA
RISCHIA D’AVE VOJA
PE CHI FA’ PARI E PATTA
NA SCARPA E NA CIAVATTA
RIGUARDO A LE PAROLE
CE FAMO ‘E CAPRIOLE
CHI PARLA DE NA PERA, CHI PARLA DE NA BOTTA
SEMO NA BANDA DE FII DE NA MIGNOTTA
E QUANNO A LA MATINA
CE STANNO LI LAVORI
CHI DICE CHE E’ FINITA
E CHI SE CHIAMA FORI
E QUANNO DA GUARITI
SE LEVAMO TANTA SFIGA
SAREMO PIU AGGUERRITI
CHE DIO CE BENEDICA
PERCIO’ REGA’ STRIGNETE BENE I DENTI
PER ACCORCIA’ LI TEMPI
NON FATE I RAGAZZINI
VENITE A VIA AMBROSINI
QUESTA E’ NA COMUNITA’
PIENA DE DIGNITA’
E SE CE VOI ENTRA’
CENTRO ITALIANO DE SOLIDARIETA’
MARCO MASI

Documenti analoghi