Terapia antiomotossica del tratto gastrointestinale

Commenti

Transcript

Terapia antiomotossica del tratto gastrointestinale
RIVISTAITALIANA
DI OMOTOSSICOLOGIA
Dotl
K. Kiistermann, Nastdtten
Terapia
antiomotossica
deltrattogastrointestinale
nelleallergiealimentari
Sommario
el 1984uno studio rilevò che
il numero di personeche soffrivano di allergia nella ex
Germania occidentale era pari a 25 milioni su una popolazione totale di 60
milioni.
Nel 1988/89 tu effetruaro un monitoraggio sulla frequenza delle malattie
allergiche in Baviera nei bambini in
età scolare. Furono riscontrate ailereie
in forma di sensibilizzazione di ti-po
immediato in più di un terzo dei bambini (36Ea).
Di regola si verificano reazioni immunitarie nelle superfici a contatto con
I'ambiente estemo. Esse sono la pelle
e le mucose, il sistema respiratorio e il
tratto gastro-intestinale. La società
superindustrializzata è caratterizzata
ne di questi sovvracarichÍ tossinici.
La terapia antiomotossica (o omotossicologica) rappresenta,in questo senso, una componente molto impofante.
La terapia antiomotossicaha due scopi:
l. Frenare I'apporto di omotossine
2. Favorire l'escrezione delle
omotossine.
Al concetto di terapia allergica olistica appartengono:
- Diagnostica
- Regime alimentare
Controllo della simbiosi
in più di un terzo dei bambini (36%)
Diagnostica funzionale bioelet(Tat. 1).
tronica (BFD)
.- Elettroagopuntura secondo Voll
llL..htrr's .rr ,ití ^. ^, -rr r [.r,v É if:':
'tì LlS l,r Jl
Terapia con antiossidanti (p. es.
-t 1. .',
frutl il. \ ' l : , r r a , r - .- l i : , r r r l . .rn. r , l r r r r r r
vitamina E, C, Selenio)
:
l':
'\ hritr'
r; l'.
, ilr'tjt".J.ì
Attivazìone del metabolismo
Terapia autoematica graduale
| ,r h. | : ||r ùlil(Eir. nltr ?!h.ll.. nr| ltlilt ht nl
secondo Reckeweg
Altre raccomandazioni terapeutiche ' Tn seguito ad anamnesi si rilevò
che
un quarto dei bambini (23o/o) soffriva
di una classica malattìa atoDica. Alimenti e medicinali (7%) furono indi:
Morbosità delle malattie allergiche
cati dai genitori come principali agenti
casualidelle reazionìallergicle (Tab.2).
Negli ultimi 30 anni I'importanza
della medicinaambientale
neeli USA
I rir rlullu tt:rlrt:tr ..:r.l:rll.r
e in Inghilterra è aumenfatainorme. , i . :. ' :
l ' g e . ;r p . r t , , 1 i r ; : r
monte.
I i 'r..
l l r r r + r r ' . . l n r l t l t : : . . r ll ; r t r . . r
,In Geqnania però non ha ricevuto
| ; -::
'lrati: rn'.ìl:-tt,lt
1.,\..
gra4de d1.fenzione,sebbene il numero
allergiche
aumenridi anno l . r l r . l : I t i q r l l ; r r n d r t h , i n h ' r + i r l f i n
$l pqlattle
Í(,trtlt,rl
rn almo.
Uno studio del 1984 rilevò che il
Di regola le reazioni immunitarie si
numero di persone che soffrivano di verificano su quelle superfici corporee
allergienellaex Germaniaoccidentale che sono a contatto con I'ambiente
era pari a 25 milioni su una popolazione esterno.
totale di 60 milioni.
Esse sono la pelle e le mucose. Le
Purtroppo mancano ricerche epi- maggiori superfici di scambio tra la
demiologichedegli anni precedentiper persona e l'Írmbiente sono:
la valutazione dello sviluppo delle
malattieallergiche.
lr,.ll,.
-t ru .
. l F : r t ' i r l ' * t ar l r t ' , t | , , . t + ,
Ít,
Anche la situazioneaftualeè scarsal:;{. ||:
('., tr,r .tlrrrrr.rrl.l.
lll | -l lì t.
mente documentata.
Nel 1988/89 tu effettuaroun monitoraggio sulla frequenza di malattie
l.;r rt'.:,.lrir utlit i, i:nritLlr:rtrlitli:
rl:!lallergichein Baviera nei bambini in l ' u r t rt l i L i r r : s| 5 l J . : i t l ,i tl r r t ; r J t / r . r _ h i r ì r i etàscolare.
r h t d i u ' r r r l .i c u i + l i t r r 'r u l l . ìr x l u r c , i
Ricerche sulle allergie di tipo im- r : r r t l t r $ u u n u l r r h t r r r l l l l n t ; r
ftilt,r-.
mediato e di tipo ritardato furono efrl ciil ri t+ÈirrlÈÈufl ririrìrli::.rtrurr
fettuatesu più di 1000bambinidell'età c i t r i i r r d i l : r g g ' r : r i l i + r l t r i rc, i d i i n .
di 6 anni.
IIttrtt rrlr'llrrrnllp.nfIt{:I
Furono riscontrate allergie in forma
ll ltc*r:CrtfCr-iirfi.r-tr
l+*-init.r i. .rrr;r
di sensibilizzazionedi tipo immediato rr.in;rci rl i,rxìFrc nìiF qiùrc fifr (fltrfÍflrt-
Tratto per gentile concessioneda BiclogircheMedizin,2/93
Numero 4/1993
13
R]VISTAITAI-IANA
DI OMOTOSSICOLOGIA
ti delle capacità di autoregolazione e
di compensazione del nostro organismo.
Poiché nessuno si può mettere in
una campana di vetro per sfuggire agli
inllussi dell'ambiente, è necessario
sviluppare un concetto di medicina
olistica orientata verso la diminuzione
di questì danni. La terapia antiomotosslca rappresentauna componentemolto
impotante in questa direzione.
HetlcÈlÉÉ|ldotÈrlú
4 .+lr
...+..
tr'l-..{.1r
r
ji
,... r
..,i
rt
llÈEcÈnlÉmo gdÈrrÈlÉÉliEi-rtrrtirtrth0núlÈ
.l
,:rr-y..
:r..r . rr- _l.l r.r ii r r: . .!)1. '
r.r!
; . r , . + , . . + r - . . . . , r. .
' r
t r l . ' : r r ' r , . : . . . ,. : 1 . . -.1
f Ul. r'r tr rr :a.ri
t
.-,
Il sistema della Grande Difesa
La dottrina omotossica di Reckeweg ci ha indicato già da molto tempo
la giusta via.
Il sistcma della Grande Difesa ci
spiega, infatti, quali sono gli organi di
difesa pìù importanti (fig. 1).
Tl rimedio omeopatico, pertanto
viene somministrato allo scopo dì stimolare i meccanismidi difesa specifici.
La terapia antiomotossica ha sem- l i 1 . l ; l t * i < l + ' n ; rr k l t i r
Iratttlr rlitc..t
pre due scopi:
l - ì
Itr
l. Frenare I'apporto di omotossine
2. Favorire I'escrezione delle
ttlEE-.
rr1ll{ di
rrtur:,
omotosstne
-.rfi€ttlYO
Gli elementi riportati nella (figura 2)
,s.È$iiiHre
sono da considerare come fattori di
h'+l.l{lttEHE
canco tossrnlco.
Fun.aíonrdlllnto=rrclnÈc dct Fe.
grlo
.r .t il r..
r.ù r h
_\I.-. . _ _rjr .rr
*r c,:Til:F.Í!
.tr.,
:rr ira.r
:.1
rù'ri,
ff*rr.
..,','-.1.'tllr-'l. . .
l u l
lrEElclHALt r\rrHEHTt,
\
l
I medicinali come fattore di carico
tossinico
I
ll r 'r'nit rlrll;r;:r,r'
-*nI5I-
CAEICOT+TALE DEL CùHFO
f.- DF+fiHE
JlÉus
La medicina biologica non fa uso di
medicinali che bloccano i naturali
processi di autoregolazionee di compensazione. Spiegherò questo principio
con un esemplo:
il vomito o la diawea sono per noi
processi di escrezione utili, nei quali
il corpo cerca di eliminare le omotossine.
Perciò una terapia antiemeticao anti
-diarrea non è biologicamente opportuna. Per lo stesso motivo giungiamo
alla convinzione che la febbre non sia
da combattere con gli antipiretici.
Ciò significherebbe togliere al cor.
po un importante mecc anismo di difesa
(il più impotante per lattanti e bambini).
In medicina non bisogna confondere la maÌattia con il sintomo. Solo se il
srntomo persiste fino ad una complicazione della malattia (disidratazione,
carenza di elettroliti) occorre intervenire terapeuticamente.
14
t
lr
FtnDt,
F U H G H IT, O + E I H E
lÍi-
STHESS
J : l ' i t r t t t r i r l , 1 , rJ r 5 , r
tuHÈr*To
'l
\
P0LL|HE. ACÉ.Ftl,
FOLVEHE
r|/HEilo
*:Tll
Ff TJùTE
i,i4
LATTUG4
tr'i+
cA,rÙlt ÈtF.H+hît A.ry
giii
FÉrÉuul:
t+4tI I
rrl'. I;
7j3
FESTIGIEI
4il.LEtÀtl
FEETICIEIiAUUEtfTt '
THovÉTt irHoEHHt
rifhl
EE4
frl||tEHTT
{rTfit
I LtFrl
:ì
.13
E5i
5'
lfl:
t4;
îS
43fr
?A7
;tl
rf5
ÉÍ
?5ù
54
3el
ES
d.
l t i < u r r : r r r r r 1 r r . r it l i r l i
Numero 4/1993
RIVISTAITALIANADI OMOTOSSICOLOGIA
Limitando medicinali chimici non
necessarie applicando la terapia omeopatica, il carico tossinico totale del
corpo può essere ridotto.
Gli alimenti
tossinico
come fattore
di carico
Per quanto riguarda gli alimenti abbiamo grande difficolta a definime il
carico tossinico. Anche i prodotti
"biologici" e senza conservanti non ne
sono pnvr.
Per maggior chiatezza cito da una
relazione di Weigert e coll.,<<
[ pesticidi
negli alimenti vegetali nella fase di
avviamento del progetto di ricerca
"Bundesweites (Lebensmittel-)Monitoring" (Monitoraggio degli alimenti
nella Germania Federale)>. Patate e
cavoli bianchi sono solo in minima
parte danneggiati dai pesticidi. Invece
per quanto riguarda la lattuga, le fragole e le mele, la realtà e più preoccupante. Su 596 campioni di lattuga, 43
volte si è superato il limite di pesticidi
con il picco più alto nei campioni
prelevati nei trimestri invemali (Tab.3).
In totale sono stati malizzati 6000
campioni nell'ambito della ricerca
suddetta dal punto di vista statistico.
Sono stati trovati anche pesticidi che
non vengono úllizzatí per gli alimenti. Particolarmente grave è l'inquinamento delle fragole: Su 763 campioni
si sono rìscontrati all'analisi 1555
picchi di positività per i pesticidi
analizzati, di cui 1138 nel socondo
trimestre 1989. In 459 campioni sono
stati trovati contemporaneamente tra 2
e 7 pestìcidi, cioè quasi la metà di tutti
i campioni analizzati. Queste cifte ci
mostrano che non possinmo sfuggire
all'avvelenamento;.
, Cosa ci iosta ? Rassegnazione ?
E evidente purtróFpo che le possibilità
terapeutiche nell'ambito dell'inquinamento ambientale sono piuttosto limitate.
Terapia olistica antiallergica
Come si definisce il concetto di terapia olistica antiallergica? Ciò che
riguarda il momento diagnostico è descritto nella tabella 4.
Per I'alimentazione:
- Alimentazione a valore totale. meno
Numero4/1993
prodotti animali e più prodotti vegetali.
miglioramento della situazione generale del paziente confermano sempre
la validità di questo merodo.
Evilare gli alimenti incompatibili
Un esempio tratto dalla mia esperiscontrati dal test organometrico
rienza prof'essionale:
(EAV).
Un bambino di 4 anni soffriva di
Stabilizzazione ottimale del valore
infezioni recidivanti delle vie respiradel pH
torie superiori (angine, sinusiti), e presentava bronchiti spastiche ed eczemi
.ilr:ilr.-,.\i
.rr111;.1 *<ir.1
atopici.
Jl\rlrBrtlr.r :hrrilr :.[.
Nel test sugli alimenti trovai - come
,.lr:rFrr'\r 1,u1p|1.r.1 f ilXt: tir +k llr lCr r
- anche una incompatibilità
previsto
.rrl.rl,rr rlrl I* ':rir.r*rrrql:,trl,' :rlrrrr rl;;1i
con proteine animali.
i l r ' r l r t f t t . r t r i l | | n j . d . r l l . J É r ' , : lt i r r r l r f i , r .
Stran-amente non la rilevai nella
t'ltrl. .[[ ill'f, *hl
carne di maiale ohe di gglito provoca
1'1,ttur'rt,rll.i lr\:,[
:rlrl,rr,'.F
firf'1.'
subito reazioni e ne rimasi sorpreso.
: t t r t r t . . : r r l . ni . t
"lllllE'r.'Èh,till'
La rnadre comunque diede subito uha
ì; sp-il | r.r I | ;;li, 11,1.;
ÈraliIr/.' tr,r'ar{r'.:It.;trlltjlfl
t hEllr.,
spiegaziong possÍbile: suo figlio non
cfhlrlÉr I
aveva mai mansiato came di maiale in
l...l.r:h l\.:rtrt| |utr.N[-(,
ft'r.I
I
vlta sua'l llÉll: lr t
ltt: *h I ttrt/ tt i + tlt't ;r 'ltut.ri
Un altro caso che ricordo molto bene
I ll'r1ali4:llll(1"
J
è il seguente:
Ir*i rfi ll'.llcr t,r.r I l.i;rirrrt.rrrl'lllhlu.. l:'.\l ìd''.:l
Una liceale di l7 anni, con genitori
rrl';r :r1i111.111.1
ú , 16t h , f i ! : n n f i t
r. I' separati, venne nel mio studio con una
:h.r1.1'*1,1
.'t't,',",,.
-;,..,i;ii'luLtrt'híilr,;
pesante nevrodermite. Tutta la pelle,
.IllllL'i.'úlr.tul':li
.rl*.r
in particolare il viso ne era colpita.
Durante il test elenco alcuni alimenti
che vennero trovati incompatibili anche per mezzo del test di EAV. L'apPer I'equilibrio della simbiosi inte- parecchio mostrò anche una serie di
stinale:
altre incompatibilità.
Inoltre el'l'ettuaiil test dei/medicinali
I I Valore orrimaledel ptl.
che
indicò alcunì preparati omeopatici
2! 6 - 8 piccoli pasti con caloriee
complessi.
sostanzealinrentaribilanciate.
Dopo 4 settimane, quando la giova.11 Suffici€nre apporro di liquidi
ne paziente mi fece visita nel mio
(donna 2 litri, uomo 3 litri).
studio, non la riconobbi.
La pelle era completamente guarita.
4t Terapia farmacologicaaggiuntiva
Da allora so con certezza che le allergie
(Symbioflor, Mutaflor, Metifex,
da alimenti hanno grande importanza
Rephalysin,Hepeel ecc.)
nella fbrmazione della nevrodermite.
lll'lrltl\t
II'Î,;l;"Ì,flT,,TJfffi-,ryr1
l;nrit#,g+,
5l Auività fisica.
Fltl lrorgtpuntu re
La diagnostica funzionale bioelettrica (BFD) o il test di elettro- agopuntura secondo Voll (EAV) sono molto
utili.
Con la misurazione, per mezzo di
appositi elettrodi, della resistenza
elettrica cutanea in precisi punti terminali dei meridiani di agopuntura, è
possibile stabilire I'influenza degli alimenti e dei medicinali sull'organismo.
Nel test sugli alimenti si utilizza il
punto "linfa 3". Inserendo i vari alimenti nel circuito di misurazione, attraverso un portafarmaci, spessoè possibile raggiungere risultati sorprendenti. Indicazioni riferite all'anamnesi o
Antiossidanti
Nella terapia delle malattie ambientali gli antiossidanti rivestono una
grande importanza.
Essi infatti intercettano'i cosiddetti
radicali liberi, molecole molte reattive
ed instabili che si accoppiano alle molecole del corpo e ne impediscono le
funzioni.
I radicali liberi inoltre, per mezzo
di reazioni a catena ed in seguito alla
formazione di altri radicali liberi, mettono in moto un processo di distruzione.
I bersagli sono per esempio:enzimi.
ormoni, proteine strutturali, RNA e
DNA. I radicali liberi giocano quindi
un ruolo moho importante nell'aherazione dell'organismo.
l5
RIVISTAITALIANA
DI OMOTOSSI
COLOGIA
fi li -ttttior<i ct rtti llrn.rtrrtrr f u rtÍ:t I ri
t ttntr(ìt i i rirtlirali l'heri c ticnlrr: i I
nel timo e per la sintesi degli anticorpi.
La vitamina Br: e I'acido folico sono
cocnzimi essonziali per tutte le biosinl l r l r'fra
Lt:î\t' rlt rtrtrt'<'tttalttl'trlrr.
gI.i illttiulrr.r.l;rrìti
rrulrrrli;trrt'.r
Iu
tesi delle proteine e anche per le
rfl!,uL'nU f rf.r.+r[.dr-'
immunogmobine.
f td{11tlrllr H.l}.
ll trrrrr
+': r\ llr:r1:rrrr'.4rrt+rr'rI lrhrilì l1.rr
A causa dell'inquinamento ambien\ . r r u r l r E i l l u r r r h .. l L J l r r r l . ,l , ' ! t l i .
tale, è sempre più importante f integral'irrltrtiiir f-',
zione al mentare con antiossidanti,
- J..1rjra,irr4l'lrrrlrlltrr..r.
minerali, oligoelementi, e vitamine.
['if.rnrrrr.rJlJ,
L'irrt.rtrl;ir
EJ.
l'ff;rrrrrjrti lln.
Terapia autoematica graduale
l'íf+nrrrr.r('
( l r I r f 1 1 , ' 1, i, - i . r , ' rt ,
-,{i,rt'ir.'O1t+t jtjc- fjltrfuiírrrt'
Lltrr'lrfri{,trrlrtrr
.r11r1i|yf
s.r1gf1r il; r u È ,iar.
- , l t , l < , n i r , r y r 1; i , 1 1 r , ; , . r r
f il'.rf n,'rr rfl nrru.q.rl.rrrr,
f].r.r r rlo rlr grlrr.'nrr,,i.,
JTJ'rt,'.l{{'flr'.
Terapia generale contro le allergie
Per una terapia generale contro le
allergie si consiglia la cosiddetta formula HUP:
Le terapie con il proprio sangue
giocano un ruolo centrale nell'immunostìmolazione; tra queste, ricordando
in paficolare la terapia autoematica
graduale secondo Reckeweg, posso
consigliare il seguente procedimento:
grado 1
Amica
grado 2
Lymphomyosot
grado 3
Engystol o Echinacea
compositum-Heel
grado 4
Hepeel, Lycopodium
compositum, Mucosa
compositum-Heel
grado 5
Preparati di organo suino
o nosodi
Selenio
Il selenio è in grado di dìfendere
I'organismo da veleni ambientali come
cadmio, cobalto, stagno, piombo, arsenico e mercuno.
La carenza di selenio in grandi aree
della Germania è sempre più grave.
A causa della crescente acidificazione e della concimazione artificiale del terreno, diminuisce I'assorbimento di selenio dai vegetali e quindi
anche gli animali e gli uomini che ne
sono dipendenti non ne riescono ad
a s s i m i l a r eq u a n t i t as u f T i c i e n t i .
La combinazione di questa terapia
autoematica, con ozono-ossigeno,si è
dimostrata straordinariamente el-lìcace.
l . Histamin - Injeel
/
7
Urtica - Injeel
3.
Psorino-Heel c anche Lymphomyosot (c analizzazione del tessuto
connettivo) 2
Arnica compositum - Heel (modula
I'infiammazione) Vedi tab. 5
compositum-Heel
Dopo la terapia iniettiva, 2 voltc
alla settimana peî 4-6 settimane, la
terapia antiomotossica deve proseguire con la somministrazione orale
di:
- Podophyllum compositum,
- Arnica compositum Heel,
- Lymphomyosot,
'
L
- Hepeel,
- Nux vomica-Homaccord,
- Chelidonium-Homaccord.
- Psorinoheel
Attivazione del metabolismo
Di grandeimportanzaè I'attivazione
del metabolismo con Coenzyme compositurn, Ubichìnon compositum e con
la serie dei catalizzatori del ciclo dell'acido citrico.
Vitamine
La vitamina E, analogamente agli
anti ossidanti,intercettai radicali liberi
nella membrana lipidica.
Secondo uno studio americano
dell'Allergy Research Group, San
Leandro, la somministrazione di
germanio organico in dosi di 100 - 300
mg. al giorno, può migliorare notevolmente i sintomi di un'allergia alimenIare.
La vitamina C è un impofante intercettatore di radicali e, in dosi suffìcientemente alte (g 3 - 4 volte al dì),
diventa un antistaminico naturale.
La vitamina E; è un importante cofattore per la riduttasi deì glutatione.
La vitamina Bo o importante, insieme allo zinco, per la sintesi orrnonale
l6
rUlirl.rl J iu lì1. l{t.rlìl.irrr-trrrl
{.'r.itfuì[lltt{ | lrrntlriplrl
r r : t + [ r ( E t l ú r l r r r t i l ur r i rl c
{ I n r l r i ì t ' t L .L ' F i g . ì r r - r . t .
I ltui.r - JIu; I
{ i:tli rtrrr- | lrr-.1
rlttirrlur:ll-'
lrt\
V,!tilrr'ir ll,'rl
{ r r r l r u r ì : - 'r ' . r r r r ; I } t i l r - rr :
.ìl I ir.il I tr':lL' i:: I l'-. 'l ili"i
::r-rrtr:
f ;rli
, : , r , i tr i l {
r l - r r r : r r; r I r : r l [ ' t l i t : h * l r I l ' t ; r
{ i l r rr r r l r ' u l t l x } \ t l r u r l
[-r: pt;rnJ tir urrrlllrrìr itr.lrlì
s{ r:t rrI l.r:ritrr.,r, ,1.-;la, flr fr,tr'
r iiì.[r rrrrru {lìrl'urlt iL il
IlÌ'::'lllìll\
r l : t t t : tt r l i r - r r r . l ; r lI r
ll. ''l 5
],1; rllrr.rlrrt - r:ritF.r\i I Lrrftr
lrrr.lrr;r111
| lirrrI 1;r11'
;r'r' q11-11r - r t
fith. i'
I
f J . r t orl r r i r F r n L r È . r ri r l r L '
lllri
lrrrruqli
l r r '\ i t - t l t t . r i l l : t l U i t i l t . t I
; r l ; r - l; r r t ì t ' + h : l . ' I i . . u : . I I r t t ( 1 - t I l t { ' t - t . !
t
r;.r.l,r'l,ili
11,1-;;r1,111r1r.
Numero 4/1993