Pink Positive, La Notte Rosa 2016 è firmata Andrea

Commenti

Transcript

Pink Positive, La Notte Rosa 2016 è firmata Andrea
Pink Positive, La Notte Rosa
2016 è firmata Andrea Cavallotti
ROMAGNA – Un grande sorriso su fondo rosa, accompagnato da due occhietti
dolci e un claim-invito che gioca sulle assonanze con il celebre motto
del pensare positivo: da “Think Positive” a…“Pink Positive”.
E’ un invito alla leggerezza quello che accompagna l’immagine ufficiale
della 11a Notte Rosa, l’evento principe dell’estate romagnola, che
venerdì 1 luglio 2016 invaderà con la sua contagiosa e inimitabile
atmosfera di festa i lungomari, le spiagge, le piazze, i centri storici
e i monumenti simbolo della Riviera romagnola, e non solo
(http://www.lanotterosa.it/).
Un’immagine dall’impatto immediato, che cita lo “Smiley” degli emoticons
(le faccine di uso quotidiano nella messaggistica degli smartphone e sui
social) e diffonde con il suo claim un messaggio di serenità, gioia,
dolcezza, complicità, ironia e voglia di vivere. Le stesse qualità che
da sempre contraddistinguono la Romagna e la sua gente e che hanno nella
Notte Rosa la loro perfetta sintesi.
Diverse e tutte simboleggianti i tratti salienti della riviera
romagnola, sono le “declinazioni” del faccino, ideato dal designer
riminese Andrea Cavallotti, che compare su 3.500 manifesti dell’evento
(ma anche 8.000 locandine e 33.000 cartoline) che dal 24 marzo
invaderanno la riviera: si va dallo Smiley con gli occhi a cuore (a
indicare l’amore e l’amicizia) a quello con gli occhiali da sole (a
simboleggiare la spiaggia), passando per la versione più “hipster” con i
baffi e quella con un occhio solo, sorta di Ciclope contemporaneo, a
sottolineare che la Notte Rosa – e la Romagna – sono per tutti, senza
distinzioni di età, sesso e nazionalità. Confermata anche per l’edizione
2016 la collaborazione con la riviera nord delle Marche, con la “magia
rosa” che si diffonderà, dal tramonto di venerdì 1 luglio, dalla Riviera
di Comacchio (passando per Ravenna, Cervia-Milano Marittima, Cesenatico,
Gatteo Mare, Savignano e San Mauro Mare, Bellaria Igea Marina, Rimini,
Riccione, Misano Adriatico e Cattolica) fino a Senigallia, passando per
Gabicce Mare, Gradara, Fano, Pesaro, Mondolfo e Marotta. Gli
organizzatori sono già all’opera per definire il programma, sui cui
protagonisti c’è il più stretto riserbo, con un coinvolgimento che parte
dai comitati di quartiere, associazioni e categorie, imprenditori
turistici (con le loro offerte di soggiorno ad hoc) e passa per i Comuni
costieri, fino all’Unione di Prodotto Costa e alla Regione, in un
virtuoso gioco di squadra che dal 2006 concorre nel portare sulla
Riviera, nel primo weekend di luglio, 2,5 milioni di persone, con un
giro d’affari di oltre 200 milioni di euro.