Antoni Gaudì - Liceo Statale Regina Margherita

Commenti

Transcript

Antoni Gaudì - Liceo Statale Regina Margherita
Antoni Gaudì
L'architetto e designer Antoni Gaudí y Cornet, figura chiave del Modernismo
in Spagna, nasce a Riudoms nel 1852, nella provincia di Tarragona, in Catalogna.
Proveniente da un umile famiglia di artigiani, è un bambino riservato, con un
carattere difficile, ma eccelle nel disegno e questo gli rende possibile lavorare
al giornale scolastico.
Gaudí nasce quando la Catalogna sta affrontando un periodo di rinascita economica e vivacità culturale: prende piede la borghesia, si costruiscono università e musei, vengono modernizzate le strutture pubbliche. Questo periodo,
detto Reinaixença, porta ad un innovazione dal punto di vista anche degli stili
architettonici e spinge Gaudí a recarsi a Barcellona, capitale della regione in
profonda crescita, per iniziare gli studi alla Scuola Superiore di Architettura,
dove si diploma nel 1878. Non eccellendo come studente, a metà della sua carriera scolastica decide di lavorare con differenti capomastri, anche per aiutare
la delicata economia familiare.
Il lavoro gli fornisce un assaggio del lato pratico della sua professione e gli
permette inoltre di incontrare diversi architetti che lo raccomanderanno poi a
futuri clienti. Ancora studente collabora come assistente alla rimodernizzazione del Parc de la Ciutadella, parco pubblico del quale, l'opera più significativa,
fu il ridisegno del sistema idrico naturale.
Conseguito il titolo di Architetto, il suo primo incarico riguarda la progettazione e la realizzazione dei lampioni in Plaza Real, dopo aver vinto il concorso
indetto dal Comune per l'arredo urbano della piazza. Combinando ghisa e pietra, con uno stile moderno e innovativo, dà vita a lampioni a cinque bracci dei
quali i committenti rimangono molto soddisfatti.
Il grande sogno di Gaudí era quello di far rinascere l'architettura catalana con
un nuovo stile, attraverso la ricerca di forme espressive completamente nuove.
La sua ricerca, però, rimane confinata alla sua persona e la sua spinta al cambiamento non si trasforma in un movimento artistico, né coinvolge altri architetti catalani.
In seguito l'architetto Joan Martorell, per il quale aveva lavorato come assistente, lo presenta a Eusebi Güell, con il quale Gaudí stringe una stretta e fruttuosa amicizia.
Oltre a commissionargli molti progetti, Güell è anche uno dei pochi contemporanei dell'artista che ne ammira e comprende il lavoro.
Il primo vero incarico che rende noto Gaudí risale al 1878, quando progetta
Casa Vicens (che termina di costruire nel 1888) a Barcellona, costruzione nella
quale già si nota il suo amore per le architetture gotiche e moresche affiancate
ad un esuberante gusto per la decorazione.
La sua carriera di architetto è caratterizzata dall'elaborazione di forme straordinarie e imprevedibili, realizzate utilizzando i più svariati materiali dai quali
riesce a trarre le massime potenzialità espressive. La sua è un'arte irrazionale,
in opposizione profonda con quanto professato dalla civiltà industriale, che a
suo avviso ha un'idea utopica della città moderna.
Nel 1883 inizia i lavori della Sagrada Familia, a Barcellona, geniale espressione
del gusto neogotico e floreale, perfettamente rappresentativa dell'estro di
Gaudí e oggi uno dei simboli più famosi di Barcellona.
Sagrada Familia
L'artista catalano dedica alla costruzione della Chiesa, che doveva incarnare la
sintesi del suo pensiero architettonico, tutta l'ultima parte della sua vita, profondendovi il suo spiccato sentimento religioso. La cifra necessaria alla costruzione però, pervenendo solo dalle offerte dei fedeli, non risulta sufficiente e a
questo si aggiungono le difficoltà derivanti dai progetti neogotici di chi aveva,
prima di lui, iniziato il progetto. Dagli schizzi iniziali, i cambiamenti sono poi
continui e incessanti per tutta la realizzazione della Chiesa, causando ancora
più ritardo alla già lenta lavorazione. Permeata in tutte le sue parti da simbolismi profondi riguardanti la cristianità, Gaudí realizza la Sagrada Familia non
solo come luogo di culto, ma pensando a un vero e proprio “catechismo di pietra”, un “libro” dove il fedele possa leggere. Questo simbolismo, riconoscibile
ad esempio nelle 12 torri che rappresentano i 12 apostoli, è presente anche nella pianta dell'edificio, rappresentante il corpo mistico di Cristo. Ogni facciata è
dedicata ad un aspetto dell'operato di Gesù e la facciata a est, dedicata alla Na-
tività, è la prima ad essere iniziata. Purtroppo nel 1926 quando è appena stata
terminata la realizzazione della facciata est l'artista muore in seguito ad un incidente, mentre si reca alla Sagrada. I lavori procedono dopo la sua morte, ma
vengono interrotti a causa della Guerra Civile Spagnola e, nel '36, durante un
bombardamento, tutti gli appunti e gli schizzi originali di Gaudí, utilizzati per
proseguire la costruzione, vanno perduti. La costruzione dell'opera riprende
nel 1952, tra infiniti dibattiti. Oggi il cantiere della Sagrada Familia è un sito di
grande attrazione turistica, arricchito da un piccolo Museo dove vengono illustrate le varie fasi della costruzione della cattedrale.
Contemporaneamente all'ambizioso progetto della Sagrada, Gaudí disegna la
Villa El Capricho a Comillas (1883-1885), costruisce il Palazzo Güell (1886-1889),
il Collegio delle Teresine a Barcellona, Casa Calvet, la Casa de los Botines (18921894), la cappella Güell a Santa Coloma, notevole per l'uso delle vetrate e delle
maioliche colorate, che hanno poi vasto impiego nel Parc Güell a Barcellona.
Quest'ultimo è una magnifica combinazione di forme naturali ritmate da una
plastica che fa dei colori uno dei suoi punti di forza (1885-1889), dimostrazione
di come le varie tecniche artistiche possano convivere. Il giardino alle porte di
Barcellona è l'apoteosi della fantasia portata all'estremo della libertà, sempre
supportata da una tecnica sapiente che permette di tenere in piedi strutture
che sembrano dover crollare da un momento all'altro.
Le ultime sue opere sono i lavori di restauro per la cattedrale di Maiorca, la costruzione di Villa di Bellesguard (1900-1902) e delle case Batlló (1904-1907) e Milá
(1906-1910) a Barcellona, interpretazioni straordinariamente anticonvenzionali
del tema della casa ad appartamenti, dove prevalgono i ritmi ondulati.
Nel 1914 l'architetto decide di dedicarsi esclusivamente al lavoro sulla Sagrada
Familia. Apparentemente è in questo periodo che il suo stile di vita cambia lentamente, divenendo progressivamente più austero. Nell'ultimo periodo della
sua vita sposta la sua abitazione ai piedi della Chiesa per dedicare tutto il
tempo al lavoro che diviene l'unica cosa a cui dà importanza.
Nel giorno dell'incidente che ne causa la morte Gaudí è vestito poveramente e
quando il tram lo colpisce nessuno lo riconosce. Due giorni più tardi, il 9 giugno 1926, muore nell'ospedale della Santa Croce dopo aver dedicato gli ultimi
dodici anni della sua vita esclusivamente a quella che era conosciuta come
“La Cattedrale del povero”.
Le sue spoglie sono conservate, per concessione papale, nella cripta della Sagrada Familia.
L'insegnamento di Gaudí sta nella sua aspirazione ad esprimersi oltre il convenzionale, anticipando soluzioni architettoniche e figurative.
Egli affronta il dibattito architettonico tra natura ed artificio attraverso l'uso di
materiali innovativi in architettura, l'impiego di motivi zoomorfici, fiabeschi. Il
suo spirito creativo anticiperà molte tendenze dell'arte moderna e del design.
Non sentì mai l'esigenza di rendere pubbliche le sue teorie ed i suoi metodi di
lavoro. Quanto sappiamo della sua opera, oltre all'analisi delle architetture da
lui realizzate in vita, proviene dalle testimonianze dei suoi collaboratori.
Tale carenza di documentazione non è probabilmente del tutto casuale e deriva anche dal suo modo di porsi rispetto alla creazione architettonica che non
segue schemi prefissati e si sviluppa liberamente in corso d'epoca.
Un genio visionario e sognatore, complesso ed introverso, che rende Gaudí
uno dei maggiori architetti-artisti che il Novecento ricordi.
Articolo di Laura Moretuzzo
Leggi tutto: http://www.spagna.cc/antoni_gaudi.html#ixzz2Lq5Ju8wx

Documenti analoghi

“Gaudí e la Sagrada Familia di Barcellona: arte, scienza e spiritualità”

“Gaudí e la Sagrada Familia di Barcellona: arte, scienza e spiritualità” Alighieri dell’architettura”. Dopo la morte dell’artista, l’architetto Doménec Sugrañes i Gras, collaboratore di Gaudí, portò a termine parte dell’opera, prima di una lunga interruzione dei lavori,...

Dettagli

Creazione Creatura Creatore L`opera di Antoni Gaudí

Creazione Creatura Creatore L`opera di Antoni Gaudí Da questo punto di vista risulta chiarificatrice la riflessione di Etsuro Sotoo, che ha potuto proseguire l’opera di Gaudí pur non avendo un progetto, non tanto osservando la sua arte, ma piuttosto...

Dettagli

antoni gaudí - Compagnia di Carla

antoni gaudí - Compagnia di Carla Edificazione della Casa de Los Botines a Léon. 1892 Con il marchese di Comillas si reca a Malaga e a Tangeri, per esaminare l’area sulla quale il marchese vorrebbe far erigere un grande complesso ...

Dettagli

Pere Joan Campins i Barceló Antoni Gaudí i Cornet

Pere Joan Campins i Barceló Antoni Gaudí i Cornet • Gaudí interviene tra il 1903 e il 1915 nella Cattedrale di Maiorca, consiglia e progetta diversi restauri in parrocchie e santuari di Maiorca, tra cui il più famoso il restauro del santuario di L...

Dettagli

La leggenda del santo costruttore

La leggenda del santo costruttore letture nella biblioteca della Scuola gli fecero scoprire il Dictionnaire di architettura medievale di Viollet-le-Duc e lo portarono a indagare la struttura delle grandi cattedrali del medioevo. L’...

Dettagli